File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Ricerca PDF Assistenza Contattaci



La voce di Mantova.pdf


Anteprima del file PDF la-voce-di-mantova.pdf

Pagina 1 23428

Anteprima testo


2

LIBERTÀ DI PAROLA

la Voce di Mantova

DOMENICA 12
AGOSTO

Il decreto sviluppo riservato al dopo sisma è l’ennesimo pasticcio politico da incompetenti

Le buone intenzioni non sono sufficienti
vembre 2012 concernerebbe solo i contributi assistenziali e previdenziali disciplinati dall’art. 8 del Dl. N° 74 e non anche
quelli fiscali che sono disposti unicamente
dal DM 1 giugno 2012 per i quali la
sospensione rimane solo fino al 30 settembre 2012.
La confusione che si sta ingenerando è
massima e nell’incertezza generale si corre
il rischio di commettere anche errori che
potrebbero venire sanzionati: è proprio il
caso di dire oltre al danno, la beffa!!
Come sistema Confartigianato a livello
nazionale si stanno in queste ore avendo
costanti contatti con i rappresentanti del
Governo per avere chiarimenti.
Tuttavia pare indispensabile, oltre che
direi doveroso, rimettere mano al testo

Signor Direttore,
sono convinto che le intenzioni del nostro
Parlamento, nell’approvare il decreto sviluppo, fossero quelle di sostenere ed aiutare le popolazioni e le imprese colpite dal
sisma del 20 e 29 maggio, ma purtroppo,
come spesso accade nel nostro paese, le
buone intenzioni non sono sufficienti se
manca la competenza su determinate materie, e quello a cui ci troviamo di fronte
oggi è l’ennesimo pasticcio.
In sostanza l’emendamento approvato dal
Parlamento, confluito nell’art. 67 septies
del Dl Sviluppo, non ha copertura per
estendere la proroga dei versamenti tributari a tutto il comune di Mantova e di
Ferrara.
In aggiunta a ciò, la proroga al 30 no-

normativo.
Per questo mi corre l’obbligo di sollecitare
i Parlamentari mantovani a farsi promotori di un’iniziativa parlamentare volta
a sanare le criticità rilevate, in particolare
la proroga al 30 novembre anche degli
adempimenti tributari.
Faccio appello al senso di responsabilità
dei nostri parlamentari e auspico che al
rientro dalle ferie venga immediatamente
affrontata la questione ed in quella sede
magari ci venga anche chiarito con quali
modalità ed in che termini si prevede la
restituzione di quanto ad oggi sospeso.
Lorenzo Capelli
(Presidente Confartigianato
Imprese Mantova)

L’on. Casini non intendeva offendere nessuno, si è solo lasciato andare ad una affermazione, da molti considerata inopportuna

In risposta al signor Arcangelo Campagna
sulle unioni gay, ma solo per
dirle che chi ha una Fede Cristiana radicata la pensa diversamente da Lei sig. Campagna
ed ha il diritto di dire la sua
come tutti la propria. Quando
si parla di coppie gay sappiamo
tutti di che cosa stiamo parlando, non è più un tabù come
tanti anni fa, essendoci oggi più
libertà di pensiero, di espressione e maggior cultura si è
portati verso nuove filosofie,
che per taluni sembrano giuste
ma che a lungo andare non
sappiamo come andranno a finire e che cosa comporteranno
nella società futura. Oggi le
coppie gay pretendono che lo
Stato riconosca giuridicamente

lasci condizionare dal Vaticano
come Lei sostiene sig. Campagna, abbiamo un Presidente
della Repubblica che è un laico
convinto a difesa della nostra
Costituzione, ci possono essere
casomai persone sensibili alle
Leggi di Dio come dicono gli
Atti degli Apostoli: meglio ubbidire a Dio anziché agli uomini. Lo Stato è una cosa la
Chiesa un'altra, le leggi dello
stato possono essere modificate o cancellate secondo il
volere del Parlamento, quelle
di Dio nessuno le può toccare,
il che sta a significare che l'uomo può sbagliare, Dio no!
Non è mia intenzione di convincerla a cambiare opinione

Signor Direttore,
da quando ho letto sulla Voce
di Mantova in data 23 luglio
circa l’articolo del sig. Arcangelo Campagna, dal titolo “Casini non bestemmi, l'omosessualità non può divenire una
discriminazione sociale”, mi
sento in dovere di puntualizzare alcune cose. Prima di tutto
vorrei rammentare al sig. Campagna che l'Onorevole Casini
non intendeva offendere nessuno personalmente, solo che
non condividendo le unioni
gay si è lasciato andare ad una
affermazione, da molti considerata inopportuna, per dar
sfogo al suo stato d'animo. Credo che lo Stato Italiano non si

COMUNE DI SUZZARA
Ai sensi dell'art. 6 della legge 25 febbraio 1987, n. 67, si pubblicano i seguenti dati relativi al bilancio preventivo 2012 e al conto consuntivo 2011 (1):

1 - LE NOTIZIE RELATIVE ALLE ENTRATE ED ALLE SPESE SONO LE SEGUENTI: (in euro)
ENTRATE
DENOMINAZIONE

- Avanzo di amministrazione
- Tributarie
- Contributi e trasferimenti
(di cui dallo Stato)
(di cui dalla Regione)
- ENTRATE extratributarie
(di cui per proventi servizi
pubblici)
Totale entrate di parte corrente
- Alienazione di beni e
trasferimenti
(di cui dallo Stato)
(di cui dalla Regione)
- Assunzione prestiti
(di cui per anticipazione di
tesoreria)
Totale entrate in conto capitale
- Partite di giro
Totale
Disavanzo di gestione di competenza
TOTALE GENERALE

SPESE

PREVISIONI DI
COMPETENZA DA
BILANCIO ANNO
2012
1.483.500,00
7.686.061,00
1.560.956,00
(98.681,00)
(290.629,00 )
2.615.097,00
(711.011,00)

ACCERTAMENTI
DAL CONTO
CONSUNTIVO
ANNO 2011
7.439.009,51
1.966.281,53
(475.058,10)
(162.978,54)
2.397.031,07
(705.106,57)

- Disavanzo di amministrazione

11.862.114,00
2.681.770,00

11.802.322,11
1.322.149,24

- Spese di investimento

2.929.770,00

918.584,91

Totale spese in conto capitale

2.929.770,00

918.584,91

500.000,00

0,00

(0,00)
(280.770,00)
500.000,00
(500.000,00)

(0,00)
( 7.000,00)
0,00
( 0,00)

3.181.770,00
2.653.000,00
19.180.384,00
19.180.384,00

1.322.149,24
1.237.038,32
14.361.509,67
60,00
14.361.509,67

DENOMINAZIONE

PREVISIONI DI
COMPETENZA DA
BILANCIO ANNO
2012

IMPEGNI DAL
CONTO
CONSUNTIVO
ANNO 2011

0,00

-

- Correnti

11.089.629,00

10.957.421,99

- Rimborso quote di capitale per
mutui in ammortamento

2.007.985,00

1.032.852,38

Totale spese di parte corrente

13.097.614,00

11.990.274,37

- Rimborso anticipazione di
tesoreria ed altri
- Partite di giro
Totale

2.653.000,00

1.237.038,32

19.180.384,00

14.145.897,60

-

215.612,07

19.180.384,00

14.361.509,67

Avanzo di gestione di
competenza
TOTALE GENERALE

2 - LA CLASSIFICAZIONE DELLE PRINCIPALI SPESE CORRENTI E IN CONTO CAPITALE, DESUNTE DAL CONSUNTIVO, SECONDO
L'ANALISI ECONOMICO - FUNZIONALE E' LA SEGUENTE: (in euro)
Amministrazione
generale

Istruzione e
cultura

Abitazioni

Attività sociali

Trasporti

Attività economica

TOTALE

- Personale

1.494.103,29

332.252,35

0,00

406.562,26

0,00

0,00

2.232.917,90

- Acquisto beni e servizi

1.024.279,53

1.006.109,57

74.178,86

1.717.319,57

0,00

1.859,24

3.823.746,77

- Interessi passivi

49.645,71

122.213,86

3.401,66

14.475,01

1.202,63

0,00

190.938,87

- Investimenti effettuati
direttamente
dall'Amministrazione

64.694,09

317.265,23

58.563,00

2.000,00

0,00

0,00

442.522,32

- Investimenti indiretti

9.100,19

0,00

0,00

0,00

250.000,00

0,00

0,00
259.100,19

2.641.822,81

1.777.841,01

136.143,52

2.390.356,84

1.202,63

1.859,24

6.949.226,05

3 - LA RISULTANZA FINALE A TUTTO IL 31 DICEMBRE 2011
DESUNTA DAL CONSUNTIVO: (in euro)

- Avanzo di amministrazione dal conto consuntivo
1.846.086,17
dell'anno 2011
euro+
- Residui passivi perenti esistenti alla data
di chiusura del conto consuntivo dell'anno 2011

0,00
euro-

- Avanzo di amministrazione disponibile al 31 dicembre 1.846.086,17
2011
euro+
- Ammontare dei debiti fuori bilancio comunque
esistenti e risultanti dalla elencazione allegata al conto
consuntivo dell'anno 2011
euro

0,00

4 - LE PRINCIPALI ENTRATE E SPESE PER ABITANTE DESUNTE
DAL CONSUNTIVO SONO LE SEGUENTI: (in euro)

Entrate correnti
euro
di cui:
- Tributarie
euro
- Contributi e trasferimenti
euro
- Altre entrate correnti
euro
Spese correnti
euro
di cui:
- Personale
euro
- Acquisto beni e servizi
euro
- Altre spese correnti
euro
abitanti al 31.12.2011 20.836

IL SINDACO
Wainer Melli

566,44
357,03
94,37
115,04
525,89
147,53
246,41
131,95

le loro unioni, poi in seguito
magari anche l'adozione dei figli. I figli se gli verranno concessi, come verranno cresciuti,
con quale educazione sessuale,
secondo quella dei gay o le loro
naturali? I bambini delle coppie gay, sempre se concessi,
quando vedranno i genitori degli altri bambini che sono maschi o femmine quali domande
faranno? Ed i genitori gay che
risposte daranno? Chi è favorevole ai matrimoni gay pur
non essendolo non si sono mai
poste queste ed altre domande?
Ci sarebbe ancora molto da
dire e la cosa non finirebbe più.
Lei sig. Campagna sostiene
che i matrimoni delle coppie
gay cancellerebbero l'intolleranza ed il pregiudizio della
gente, ho seri dubbi, non so se
tutti. Gay e lesbiche che ci sono
sempre stati, che conducano la
loro vita come gli pare e piace,
facciano pure sesso a loro mo-

do fra le proprie mura domestiche, nessuno li andrà mai a
disturbare, ma è giusto che sappiano per chi ha una coscienza
Cristiana che Dio non tollera
certe cose, e che i loro rapporti
amorosi vengo definiti dalle
Sacre Scritture , col termine
“perversione” Lettera S. Paolo
ai Romani -1:26-27
Edgardo Buoli
(Segretario UDC
Porto Mantovano)

ECONOMICI

29

LAVORO
OFFERTE

CERCASI dipendente per conduzione
impianti frigo e manutenzione impianti
si offre disponibilità di abitazione in
San Giovanni del Dosso (MN) contattare il numero 0386/757323 o indirizzo mail coop.corma@tin.it

TRIBUNALE DI MANTOVA
ESECUZIONE IMMOBILIARE: N° 207/2011
1° vendita
AVVISO DI VENDITA IMMOBILIARE
Il giorno 16 OTTOBRE 2012 alle ore 15,30 e segg., nella sala delle pubbliche udienze
dell'intestato Tribunale, il Notaio Omero Araldi (v. atto del 1 Giugno 2012) procederà
alla vendita senza incanto del sotto-descritto immobile nello stato di fatto e diritto in cui
si trova:
Piena proprietà di casa di civile abitazione distribuita su due piani con area cortiva di
pertinenza ed autorimessa esclusiva; il tutto sito in Comune di Curtatone (MN), Loc.
Levata, Via Don Leoni n. 3 e censito al Catasto Fabbricati di detto Comune come
segue:
Fg. 28 - mapp. 476 sub. 1 - Via Levata n. cm - P. ST-T-1, cat. A2 - cl. 4 - vani 9,5 R.C.Euro 785,01;
Fg. 28 - mapp. 476 sub. 2 - Via Levata n. cm - P. T, cat. C6 - cl. 2 - mq. 21 - R.C.Euro
21,69.
Dall'A.C.E. è emerso che l'abitazione è in classe energetica “G” con n. 207,37
kWh/mqa.
Il tutto meglio descritto nella perizia di stima allegata alla procedura ed inserita su rete
internet agli indirizzi dei siti www.astegiudiziarie.it e www.asteimmobili.it. L'aggiudicatario, ricorrendone i presupposti, potrà avvalersi delle dispos. di cui all'art 17 c.5
e art.40 c.6 legge 28/02/1985 n.47.
1) La vendita senza incanto avverrà alle seguenti condizioni: Prezzo base di Euro
220.000,00.
Gli offerenti entro le ore 12,00 del giorno 15/10/2012, dovranno depositare presso l'Ass.
Autotransfert-Notares, in Mantova Via San Francesco da Paola n. 3, dichiarazione in
bollo in busta chiusa contenente l'indicazione del prezzo offerto non inferiore al prezzo
base, nonché, assegno circolare N.T. intestato al Professionista delegato per l'importo a
titolo di cauzione in misura non inferiore al 10% del prezzo offerto, e fotocopia del
documento d'identità con codice fiscale (se società visura camerale aggiornata con
relativi registri sociali che autorizzano i firmatari all'acquisto). In presenza di più
offerenti si inviteranno gli stessi a procedere alla gara partendo dall'offerta più alta con
rilancio minimo stabilito dal Professionista delegato sul momento.
2) Nel caso che la vendita senza incanto non abbia luogo, il giorno 20 NOVEMBRE
2012 alle ore 15,30 e segg., nella sala delle pubbliche udienze dell'intestato Tribunale,
sarà effettuata la vendita con incanto degli immobili sopra-descritti, nello stato di fatto
e diritto in cui si trovano al Prezzo base di Euro 220.000,00 ed offerte in aumento non
inferiori a Euro 5.000,00.
Gli offerenti per partecipare all'incanto dovranno depositare presso l'Ass. Autotransfert-Notares in Mantova, Via San Francesco da Paola n. 3 entro le ore 12,00 del
giorno 19/11/2012, domanda di partecipazione in bollo unitamente ad assegno circolare
N.T. intestato al Professionista delegato, per la somma di Euro 22.000,00 per cauzione
e fotocopia del documento d'identità con codice fiscale (se società visura camerale
aggiornata con relativi registri sociali che autorizzano i firmatari all'acquisto).
3) Versamento dell'intero prezzo, dedotta la cauzione, entro 60 giorni dall'aggiudicazione definitiva e nello stesso termine dovrà essere effettuato sempre mediante
assegno circolare N.T. intestato al Professionista delegato, un deposito pari al 15% del
prezzo di aggiudicazione per il pagamento delle spese inerenti al trasferimento del bene;
il deposito delle spese è provvisorio e sono fatte salve, a seguito di conteggio finale
eventuali successive richieste di integrazione o restituzione.
4) Possibilità di effettuare il pagamento anche mediante contratti di finanziamento
stipulati contestualmente all'emissione del Decreto di Trasferimento.
5) Le imposte per la cancellazione delle formalità pregiudizievoli sono a carico della
procedura, mentre i compensi relativi sono a carico dell'aggiudicatario.
Maggiori informazioni potranno essere acquisite presso:
- l'Associazione Notarile Autotransfert-Notares con sede in Mantova, Via San Francesco
da Paola n. 3, dal Lunedì al Venerdì, dalle ore 8,30 alle ore 12,30 - Tel.
0376/329948;
- il Custode nominato, l'Istituto Vendite Giudiziarie di Mantova - Tel. 0376/220694.
Per la visita dell'immobile si dovranno prendere accordi con il suddetto custode.
Mantova, 1 Giugno 2012
IL NOTAIO DELEGATO

2012

La parola sfàntula
esiste? Si,
giornalmente!
Signor Direttore,
la mia nonna quando aveva
un dolore improvviso diceva:
che sfantula! Non penso esista nel vocabolario del dialetto italiano questa parola
però, giornalmente, la dico e
non solo una volta al giorno.
Ascoltare il telegiornale o
leggere giornali sta diventando un incubo che mi accompagna ogni momento.
Torniamo indietro negli anni
e vediamo che cosa è successo per esserci trovati con
la corda al collo: Legge Martelli, tanti extracomunitari
entrati nel nostro paese senza
leggi: loro protetti e noi buttati fuori! Governo Prodi, entrata nell'Euro senza basi,
chiesti prestiti per far quadrare i conti che non si sono
mai equilibrati: il tesoretto
dove è finito? esisteva? Silenzi che non hanno mai dato
sicurezza ai vari interventi
che si sono succeduti al governo. i furbi sono sempre
esistiti ma nessuno li ha mai
incastrati e i coglioni sono
qui, sofferenti, che aspettano
che qualcosa cambi in loro
favore: “solo sfantula”.
Ci dicono solo quello che
vogliono farci conoscere, ma
le cose importanti restano taciute. E' solo apparenza, sono
tutti a caccia di vita facile,
soldi, comodità, ma c'è anche
chi. soffre e non sa difendersi
dagli sbranatori di turno. Misere pensioni per chi ha lavorato una vita, pensioni “milionarie” (mí piace parlare
ancora in lire) per chi merito
non lo ha proprio.
Se cominciassimo anche noi
a diventare “ladri patentati”?
Purtroppo chi è nato coglione
resterà coglione per tutta la
vita, se i nostri, genitori e
nonni ci hanno dato un sano
insegnamento non possiamo
certo cambiare, andremmo
contro-natura. Chi ci sta accompagnando al capestro
non ha certo problemi, l'indifferenza c'è, si tocca, la
colpa è nostra che non sappiamo reagire a queste imposizioni. Il Sig. Berlusconi
ci toglie l’ICI e adesso ci
troviamo a pagare l'IMU, le
aziende che chiudono sono
senza soldi ma devono pagare
il TFR. A proposito di TFR: è
circa una mensilità all'anno,
perchè non viene pagato
mensilmente sulle buste-paga
in modo da non dover sborsare tutto in una volta un
importo così alto, se uno va in
pensione dopo aver passato
una vita nello stesso posto di
lavoro? Se tanti anni fa uno
prendeva circa 500 mila lire
al mese ed ai nostri giorni
2.000 euro, come si fa a
liquidare un importo che non
ha lasciato all'azienda un utile? Il TFR sulla busta mensile, le ferie pagate, la tredicesima e se uno vuol lasciare il lavoro o essere licenziato tutto finisce con un
saluto. Basta “sfantule”: vale
la pena morire per questi personaggi che non mollano
neppure un Euro per un bene
comune?
Perchè pagare per chi non
merita? Se tolgono a tutti la
voglia di andare avanti, ci
saranno solo funerali? La depressione è la peggior malattia, interverrà la sanità?
No, anche la sanità è al verde!
Peggio di così!
Carla S.