File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Ricerca PDF Assistenza Contattaci



Sensore MAF.pdf


Anteprima del file PDF sensore-maf.pdf

Pagina 1 2 3 4 5

Anteprima testo


Capitolo 2

2.1

Descrizione tecnica del sensore MAF a filo
caldo

Come anticipato nel paragrafo 1.3.3, verrà ora analizzato in maniera più
approfondita il principio di funzionamento del sensore MAF, con particolare
riferimento alla versione a filo caldo. Nella Figura 2.1 viene a tal fine riportato lo schema del circuito elettrico di un sensore MAF al fine di descriverne
più in dettaglio il funzionamento. In questo schema il filo caldo (rappresentato da un resistore di resistenza RHW (T ) variabile con la temperatura), è
costruito con un materiale che presenta resistività crescente con la temperatura (di solito tungsteno o platino), posto in serie ad un resistore ordinario
indipendente dalla temperatura di resistenza R0 . Il secondo ramo del ponte
di Wheatstone, con funzione ausiliaria, è costituito dalla serie di un resistore
di resistenza pari a k R e di un altro resistore di resistenza k R0 . Solitamente
questo fattore k è molto maggiore di 1, al fine di ridurre la potenza dissipata
in questo ramo del ponte. La misura della quantità di aria aspirata è ottenuta essendo nota la quantità di corrente che circola nel filo caldo sfruttando
il principio fisico descritto dalla legge di Joule, secondo la quale la potenza
dissipata da un resistore è pari alla quantità:
V2
(2.1)
R
Dove PDISS è la potenza dissipata dal resistore di resistenza R, espressa in
Watt (W) mentre V è la tensione continua applicata ai suoi capi ed espressa
in Volt (V). Una volta esauriti i transitori termici la potenza dissipata dal
resistore viene trasmessa come calore all’ambiente esterno, provocando un
innalzamento della temperatura del resistore valutabile attraverso la seguente
equazione:
PDISS =

T = PDISS RT H
23

(2.2)