File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Ricerca PDF Assistenza Contattaci



OLTRE LA FISICA DI STAR TREK L’Ipotesi di Super Spin.pdf


Anteprima del file PDF oltre-la-fisica-di-star-trek-l-ipotesi-di-super-spin.pdf

Pagina 12364

Anteprima testo


OLTRE LA FISICA DI STAR TREK
[L’Ipotesi di Super Spin] {Maggio 1996}
(Corrado Malanga del Gruppo StarGate ed Alfredo Magenta del Comitato Scientifico del CIFAS)
Revised by Luciano Pederzoli

(Tredicesima Revisione – Aprile 2001)

ANTEFATTO
Al di là dello spazio non rimane che il tempo (S. Mannucci)
Il problema dell’esistenza del fenomeno degli Oggetti Volanti Non Identificati
(OVNI) è intimamente legato al fatto che molte testimonianze, raccolte in millenni di
storia dell’umanità , ed in maniera particolare dal 1947 in poi, riportano che gli oggetti
in questione sono capaci di prestazioni eccezionali, che sembrano non rispondere ai
canoni fissati dalla fisica attualmente accreditata. Dal seguente ragionamento:
“ammesso che non siano terrestri, che provengano da altri sistemi solari e che non
siano pure immaginazioni o illusioni ottiche umane, per poter superare in tempi brevi
grandi distanze tra i luoghi di provenienza e il pianeta Terra, questi oggetti volanti
non identificati devono in qualche modo, con qualche trucco, viaggiare a velocità
transluminali;” nasce spontanea la domanda: “com’è possibile superare la velocità
della luce?”
Noi, come quasi tutti coloro che si interessano di fisica, pensiamo che: <la velocità
della luce è un limite invalicabile per gli oggetti fisici che operano nell’universo da
noi definito>, ma siamo anche convinti che: <gli OVNI, siccome sono qui sul nostro
pianeta, in qualche modo ci debbano pur essere arrivati!>
Il filo conduttore di questo ragionamento parte da un presupposto innegabile, che
rappresenta la fondamentale condizione al contorno del suddetto problema fisico.
Al contrario di alcuni scientisti, (per scientisti intendiamo gli operatori del mondo
della scienza, che non vanno confusi con gli scienziati veri creatori della scienza nda.) i quali negano l’esistenza del fenomeno fisico OVNI e sostengono che: “il
fenomeno non esiste, perché la velocità della luce non si può superare e pertanto
nessun alieno potrebbe, per una durata utile, svolgere attività sul nostro pianeta,
essendo impossibilitato ad arrivarci in tempi ragionevoli”, noi crediamo, invece, che:
”siccome ci sono arrivati, in qualche modo avranno pur fatto!”
Sostenere, infatti, che: “gli alieni non sono qui perché non ci possono arrivare”, è
come dire che: “pur esistendo il fenomeno, siccome non riusciamo a spiegarlo,
allora diciamo che non esiste.”
Tale visione del fenomeno fisico risulta errata, perché non tiene conto delle più banali
condizioni al contorno del problema, costituite, invece, dall’evidenza stessa
dell’innegabile esistenza del fenomeno.
L’inaccettabile idea di trasformare la fisica in una religione fatta di dogmi ci trova in
contrapposizione netta con quelle persone che non vogliono far progredire il genere
umano, il quale, essendo intelligente, desidera sempre mettere in discussione le
certezze, sia per verificarne la veridicità sia per migliorare la visione dell’Universo in
cui vive. La fisica moderna non è forse figlia del dubbio? Diceva Albert Einstein:
“Smantellate un luogo comune ed avrete una teoria.”