File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Assistenza Contattaci



Calendario del cambiamento 2013 .pdf



Nome del file originale: Calendario del cambiamento 2013.pdf
Titolo: Calendario del cambiamento 2013
Autore: compaq

Questo documento in formato PDF 1.4 è stato generato da PDFCreator Version 1.6.0 / GPL Ghostscript 9.06, ed è stato inviato su file-pdf.it il 19/12/2012 alle 12:39, dall'indirizzo IP 2.33.x.x. La pagina di download del file è stata vista 1807 volte.
Dimensione del file: 2 MB (26 pagine).
Privacy: file pubblico




Scarica il file PDF









Anteprima del documento


e
n
o
i
z
i
transizione
trans

decrescita
decrescita

monete
m
onete aalternative
lternative
condivisione
condivisione
baratto
baratto

rinnovabili
rinnovabili
autoproduzione
autoproduzione
cohousing
cohousing

IL MONDO
HA
DEI
PROBLEMI…
MA
PER
TUTmondo
TI I PROBLEMI CI SONO DELLEsoluzioni
SOLUZIONI
DECRESCITA

TRANSIZIONE

La Decrescita (DEL PIL): passare da una politica che ha
come obiettivo il far aumentare il PIL diminuendo il benessere
dei cittadini ad una politica che mira ad aumentare il benessere
dei cittadini non del PIL.
Cosa hanno in comune l’alluvione del Veneto, il terremoto
d’Abruzzo del 2009, la marea nera nei mari della Louisiana del Giugno 2010, l’uragano Katrina del 2005, le alluvioni del Brasile del
marzo 2010?Queste catastrofi comportano un significativo incremento delle merci scambiate con denaro e quindi, inevitabilmente
nel tempo, un incremento del Prodotto Interno Lordo (PIL). Sembra
assurdo, ma disastri simili migliorano l’indice che la Politica utilizza per convincere i popoli di quelle stesse nazioni che in esse si vive
meglio. In realtà il PIL è un indicatore ormai sterile che non tiene
conto di molteplici elementi che sono poi il vero cardine dello “star
bene” di un popolo. Nel PIL non si conteggiano, per esempio, le cure che le
famiglie prestano ai propri anziani o
quelle della mamma rivolte al proprio
figlio. Non include il lavoro casalingo e
il volontariato. Non considera quei beni
donati, barattati, riciclati e aggiustati.
Non tiene conto della qualità dei rapporti tra le persone. Non misura la
“felicità” dell’uomo.

La Transizione propone una via per evitare la crisi energetica che
sta per travolgerci! Il petrolio è sempre di meno e costa sempre di più,
non possiamo più permetterci di contare sul petrolio per i nostri bisogni.

Robert Kennedy, nel 68 diceva: Non
possiamo misurare i successi del paese
sulla base del Prodotto Interno Lordo.
Il PIL comprende anche l’inquinamento
dell’aria e la pubblicità delle sigarette,
e le ambulanze per sgombrare le nostre
autostrade dalle carneficine dei fine-settimana. Il PIL mette nel
conto le serrature speciali per le nostre porte di casa, e le prigioni
per coloro che cercano di forzarle. Comprende programmi televisivi
che valorizzano la violenza per vendere prodotti violenti ai nostri
bambini. Cresce con la produzione di napalm, missili e testate nucleari. Il PIL non tiene conto della salute, della qualità dell'educazione o della gioia dei momenti di svago. Non comprende la bellezza della poesia o la solidità dei valori familiari, o l’onestà dei nostri
pubblici dipendenti, o la giustizia nei nostri tribunali. Il PIL non
misura né la nostra arguzia né il nostro coraggio, né la nostra saggezza né la nostra conoscenza, né la nostra compassione né la devozione al nostro paese. Misura tutto, in breve, eccetto ciò che rende la vita veramente degna di essere vissuta.
Alla luce della presa di coscienza che il PIL non è più un indicatore sufficiente a misurare le performance di una nazione evoluta,
come potrebbe essere un qualsiasi Paese d’Europa, alcuni tecnici
stanno cercando di definire un nuovo parametro: il BIL, Benessere
Interno Lordo.
Il BIL è un indicatore che cerca di misurare la qualità della vita
dell’uomo e della comunità in cui vive. Nella sua definizione si
considerano le condizioni di vita materiali, l'aspettativa di vita, il
tasso di iscrizione universitaria, la partecipazione alla vita politica,
l’ambiente, il tasso di criminalità e i rapporti sociali.
Un incremento del PIL spesso si traduce in una diminuzione del
BIL. Ad esempio, si può avere un alto prodotto interno lordo in una
zona con alto tasso di criminalità, fattore che deprime il BIL. Il BIL
locale è una sfida per quei sindaci che si vogliono distinguere dal
qualunquismo politico degli ultimi decenni. Una sfida che certamente permetterebbe di pianificare una più sana politica comunale basata sulla sobrietà, sulla creatività, sul buon senso e sul buon gusto.
Dimenticavo, anche star fermi in coda un paio d’ore con la propria
auto o fare un incidente incrementa il PIL, facendo sì felice qualche
politico romano, ma non voi e quindi: De-PIL-iamoci!

www.simonezuin.it

La Transizione è un movimento culturale impegnato nel traghettare
la nostra società industrializzata dall’attuale modello economico
profondamente basato su una vasta disponibilità di petrolio a basso
costo e sulla logica di consumo delle risorse a un nuovo modello
sostenibile non dipendente dal petrolio e caratterizzato da un alto
livello di resilienza e benessere sociale, ma i metodi e i percorsi che
la Transizione propone vanno ben oltre questa prima definizione
permettendo una ricostruzione del sistema di rapporti tra gli uomini
e gli uomini e tra gli uomini e il pianeta che abitano, riorganizzando
la propria esistenza in un mondo in cui il petrolio non fosse stato più economico e largamente
disponibile.
COM’È IL NOSTRO MONDO? L’economia
del mondo sulla base di una grande disponibilità
di energia a basso prezzo ottenuta da petrolio,
carbone, gas. Il nostro sistema di consumo si
fonda sull’assunto paradossale che le risorse a
disposizione siano infinite. Questo ci porta verso
il riscaldamento globale e la fine delle risorse,
prime tra tutte il petrolio, una combinazione di
eventi dalle ricadute di portata epocale sulla vita
di tutti noi, con altri effetti come inquinamento,
distruzione della biodiversità, iniquità sociale,
mancata ridistribuzione della ricchezza, ecc. La
crisi petrolifera appare però la minaccia più immediata.

RESILIENZA
La Resilienza è la capacità di un sistema, di una specie, o di
una organizzazione di adattarsi ai cambiamenti, anche traumatici,
che provengono dall’esterno senza degenerare, una sorta di flessibilità rispetto alle sollecitazioni. La società industrializzata è caratterizzata da un bassissimo livello di resilienza. Viviamo tutti un costante stato di dipendenza da sistemi e organizzazioni dei quali non
abbiamo alcun controllo. Nelle nostre città consumiamo gas, cibo,
prodotti che percorrono migliaia di chilometri per raggiungerci, con
catene di produzione e distribuzione estremamente lunghe, complesse e delicate. Il tutto è reso possibile dall’abbondanza di petrolio a
basso prezzo che rende semplice avere energia ovunque e spostare
enormi quantità di merci da una parte all’altra del pianeta.
È facile scorgere l’estrema fragilità di questo assetto, basta chiudere
il rubinetto del carburante e la nostra intera civiltà si paralizza. Questa non è resilienza.
I progetti di Transizione mirano invece a creare comunità libere
dalla dipendenza dal petrolio e fortemente resilienti attraverso la
ripianificazione energetica e la rilocalizzazione delle risorse di base
della comunità (produzione del cibo, dei beni e dei servizi fondamentali). Lo fanno con proposte e progetti incredibilmente pratici,
fattivi e basati sul buon senso. Prevedono processi governati dal
basso e la costruzione di una rete sociale e solidale tra gli abitanti
delle comunità.
Nascono così le TRANSITION TOWNS (oramai centinaia), città decidono di prendere la via della transizione, che è un
metodo facile da imparare, riprodurre e rielaborare, e quindi contagioso.
Possediamo tutte le tecnologie e le competenze necessarie per costruire in pochi anni un mondo profondamente diverso da quello
attuale, più bello e più giusto. Le crisi profonde che stiamo attraversando sono in realtà una grande opportunità che va colta e valorizzata. Il movimento di Transizione è uno strumento per farlo.
www.transitionitalia.it

NOTE ED EVENTI

mar 1
mer 2
gio 3
ven 4
sab 5

“

Tutti sanno che una cosa è impossibile da realizzare...
finché arriva uno sprovveduto che non lo sa e la inventa”.

dom 6
lun 7
mar 8
mer 9
gio 10
ven 11

IL LIBERO CONTADINO NATURALE rispetta le preferenze delle piante che pianti, trapianti o semini, e loro ti
ringrazieranno: tutte le piante hanno una loro spiccata personalità, che devi conoscere e rispettare, prima di coltivare
qualcosa, ed inoltre devi conoscere anche il luogo in cui
coltivi.
C. Torricella

sab 12
dom 13
lun 14
mar 15
mer 16
gio 17
ven 18
sab 19
dom 20
lun 21
mar 22

AUTOPRODUZIONE:Detersivo lavatrice. Per ottenere
un ottimo detersivo in scaglie da utilizzare in lavatrice o a
mano non c’è nulla di più semplice che grattugiare del sapone vegetale neutro. Mezzo bicchiere di aceto bianco sarà
invece il vostro ammorbidente e non lascerà alcun cattivo
odore sui vostri abiti. Bianco che più bianco non si può?
Addizionate del bicarbonato al lavaggio o all’ammollo dei
capi bianchi. Marta Albè http://martaalbe.com/
SCUOLA e PRIVILEGI Come buttare soldi dei cittadini
per un servizio scadente. In poco più di dieci anni, tra l'istituzione del Buono Scuola (2001-02) prima e Dote Scuola
poi, la Regione Lombardia ha elargito mezzo miliardo di
euro alle scuole private sotto forma di finanziamenti indiretti. Tutto questo senza contare le centinaia di milioni di euro
destinati per l'edilizia scolastica e usati a favore di strutture
scolastiche di proprietà privata.

CAMBIA LE LAMPADINE Sostituisci le lampadine classiche con le lampadine ad alta efficienza energetica!
PERCHE’ STIRARE? I vantaggi:
Se proviamo a riflettere senza preconcetti sulla stiratura vediamo che non
porta vantaggi reali. Un vestito stirato
non scalda e non dura più di uno non
stirato. L'aspetto estetico è puramente
un'opinione.

Cosa possiamo fare collettivamente :
Riscopri e sviluppare le risorse
relazionali e comunitarie.
Motivi per non usare l’auto in città:
L’auto inquina l’aria che respiriamo
tutti i giorni.
Consuma consapevolmente, scegliendo prodotti locali e senza eccessivi
imballaggi

mer 23

Cosa possiamo fare individualmente: Acquista prodotti locali, controllandone sempre la provenienza.

gio 24

L Madiai

SOBRIETÀ: La sobrietà è uno stile di vita e un modo di
pensare che nasce da due tipi di consapevolezze: il senso del
ven 25
limite e il senso della possibilità. La sobrietà è basata sulla
riduzione del proprio impatto ambientale, unitamente alla
sab 26
presa di coscienza che gli eccessi e gli sprechi sono dannosi
non soltanto economicamente ma anche dal punto di vista
dom 27
ecologico, della sicurezza, della salute e della stabilità socialun 28
le. Sobrietà quindi significa ridurre al minimo gli eccessi e
gli sprechi modificando il proprio stile di vita, le proprie
mar 29
abitudine e le proprie credenze. Significa riparare, riusare,
recuperare, riciclare. Significa dare importanza alle relazioni
mer 30
(spirituali, umane e con l’ambiente e gli oggetti) tramite la
meditazione, il dialogo con gli altri e la contemplazione del
gio 31
paesaggio. Significa sradicare l’attaccamento verso gli ogdella nostra vita (auto, cellulare, TV, computer, proI GIOCA-CONSIGLI getti
prietà in generale) e ricostruire una nuova relazione con essi.
DEL MESE: Sfida amici e parenti a Sobrietà è anche rallentare i ritmi di vita in modo da trovare
fare meglio di te , segna un punto per ogni obiettii giusti tempi e modalità di curare i vari aspetti della vita.
vo raggiunto .
Sobrietà significa valutare le cose non solo in quantità ma
GOOGLE cerca: decrescita felice anche in qualità. Luca Madiai
YOUTUBE cerca : autoproduzione
SAI CHI E’?: NOAM CHOMPSKY
SAI COS’E’?: il pacific trash vortex

IL LIBRO: “La pecora nera” Davis Bonanni

Per aderire al movimento della Decrescita è sufficiente:
- autoprodurre lo yogurt o qualsiasi
altro bene primario: la passata di pomodoro, la marmellata, il pane, il succo di frutta, le torte, l'energia termica e
l'energia elettrica, oggetti e utensili, le
manutenzioni ordinarie;
- fornire i servizi alla persona che in
genere vengono delegati a pagamento:
assistenza dei figli nei primi anni d'età, degli anziani e dei disabili, dei malati e dei morenti.
L'autoproduzione sistematica di un
bene o lo svolgimento di un servizio
costituisce il primo grado del primo
livello di adesione. I livelli successivi
del primo grado sono commisurati al
numero dei beni autoprodotti e dei
servizi alla persona erogati. L'autoproduzione energetica vale il doppio.
GIOCO: fai 3 esempi con altri prodotti e immagina le conseguenze del
gesto.

lapubblicità
pubblicitàcome e perché
La
la pubblicità
La pubblicità
La pubblicità ha il chiaro compito di farci desiderare ciò che non
possediamo e di non apprezzare ciò che abbiamo. Crea falsi bisogni,
insoddisfazione e desideri, spingendoci spesso ad acquistare prodotti completamente inutili o con caratteristiche non rispondenti alle
nostre reali necessità.
Siamo quotidianamente invasi dagli annunci economici: televisione,
posta, internet, e-mail, cartelloni. Tutto o quasi quello che ci circonda ha lo scopo di reclamizzare qualcosa.
Ogni aspetto viene
studiato nei minimi dettagli per
attirare la nostra
attenzione, per
catturare il nostro
interesse, trasformando beni e servizi, anche i più
futili, in indispensabili, irrinunciabili, impedendoci
di valutarne oggettivamente la valenza.
La pubblicità è in
effetti uno dei
PILastri, assieme
al credito e all'obsolescenza, del
consumismo sfrenato e senza regole
che caratterizza la
società contemporanea. E' il motore
della società dei consumi che ora, in questo periodo di “crisi”, acuisce in noi quel malessere causato dal non poter acquistare tutto ciò
che ci viene proposto.
Per gli annunci economici si stima una spesa annua, a livello mondiale, di poco inferiore ai 700 miliardi di euro. Compresi nel prezzo
d'acquisto delle merci, sono soldi che vengono utilizzati per
“educarci” al consumo.
La pubblicità ci spinge a consumare in continuazione, alimentando
il nostro stile di vita che sperpera sempre più risorse e produce sempre maggior rifiuti. E' quindi tra i responsabili del declino ambientale che ormai sta interessando il nostro Pianeta.
La pubblicità inoltre è il mezzo più comune per controllare l'informazione. Sempre di più i media sono assoggettati agli inserzionisti,
i quali vengono sistematicamente sottratti alla critica in quanto i veri
finanziatori delle testate giornalistiche. D'altro canto queste ultime
sono sempre più interessate a vendere spazi pubblicitari piuttosto
che intrattenimento ed informazione. Emblematiche le parole di
Patrick Le Lay, ex direttore della catena privata televisiva francese
TF1, che ha affermato "Quello che noi vendiamo a Coca-Cola, è
parte del tempo del cervello umano disponibile".

E’ chiaro che se intendiamo disintossicarci dal consumismo, dobbiamo in qualche modo osteggiare la pubblicità, sia a livello personale
che a livello politico. Si può contrastare nella nostra vita quotidiana,
ad esempio riducendo l’uso della televisione, impedendo di riempire
la cassetta della posta con volantini inutili o cancellando tutte le email che non provengono da fonti note. Infine cercando di evitare
l’acquisto di beni e prodotti dalle aziende che eccedono nella spesa
in reclame.
Serve poi un intervento
politico che porti alla disincentivazione della pubblicità. Ad esempio c’è chi
propone, tra cui lo studioso
Latouche, una forte tassazione sulla pubblicità.
La pubblicità però ha una
fiera alleata: l'obsolescenza
percepita.
L’obsolescenza percepita,
con l’ausilio della pubblicità infatti, agisce in modo
diretto sul nostro stato
d’animo con l’obiettivo di
renderci infelici per ciò che
abbiamo e, soprattutto, per
ciò che siamo.
Questo è il risultato voluto
dai fautori del sistema capitalistico e consumistico
in cui viviamo. Ricordiamo
le parole dell'economista
americano Victor Lebow,
membro dello staff di analisti economici del Presidente Eisenhower,
che nel 1955 disse “La nostra economia incredibilmente produttiva
ci richiede di elevare il consumismo a nostro stile di vita, a trasformare l’acquisto e l’uso di merci in rituali, di far sì che la nostra realizzazione personale e spirituale venga ricercata nel consumismo.
Abbiamo bisogno che sempre più beni vengano consumati, distrutti
e rimpiazzati ad un ritmo sempre maggiore”
Per capire cosa sia l'obsolescenza percepita basti pensare alla moda
che ne è l’esempio lampante. Nuove collezioni ogni anno, un cambio di colore, un tacco più o meno alto, rendono rapidamente obsoleti i nostri armadi. La moda ci fa sentire inadatti, ci “impone” per
essere accettati dagli altri di partecipare al rituale dello shopping,
per rimetterci “al passo con i tempi”.
Ma anche l’elettronica, la telefonia e l’informatica sono settori dove
l’obsolescenza percepita la fa da padrone. Apparecchi, accessori e
software diventano vecchi dopo pochi mesi dal lancio: la pubblicità
è martellante per convincere il consumatore che quello che ha comprato ora è superato; che quello nuovo ha qualcosa in più e non puoi
rinunciarci, anche se in realtà gli strumenti che hai vanno già bene e
non ti serve nulla di più.
Enrica Carminati e Simone Zuin

ven 1

NOTE ED EVENTI

sab 2
dom 3
lun 4
mar 5
mer 6
gio 7
ven 8
sab 9
dom 10
lun 11
mar 12
mer 13

“

La gente cambierà solo quando sentirà la necessità di cambiare! Io non ho cambiato per
un ideale, ma solo perché non ce la facevo più ad andare avanti così!” Devis Bonanni

IL LIBERO CONTADINO NATURALE cerca tutto ciò
che ti manca su Internet e studia approfonditamente le schede
botaniche delle singole piante che pianterai. Ecco di seguito
alcuni links che potrebbero esserti utili: www.agraria.org
www.giardinaggio.it . Usa anche il motore di ricerca Google,
potentissimo strumento di conoscenza, ad esempio scrivendo
in esso queste seguenti parole "permacoltura wiki", consultando così la libera enciclopedia Wikipedia. C. Torricella

gio 14
ven 15
sab 16
dom 17
lun 18
mar 19
mer 20
gio 21
ven 22
sab 23
dom 24
lun 25
mar 26
mer 27
gio 28

I GIOCA-CONSIGLI DEL
MESE: Sfida amici e parenti a fare meglio
di te , segna un punto per ogni obiettivo raggiunto .

GOOGLE cerca:
obsolescenza programmata
YOUTUBE cerca:
la storia delle cose

SAI CHI E’?: Rob Hopkins

LE PERLE DI FAMLONSKY - Osservatore-Osservato
Percepiamo la Realtà come separata da noi: c’è un soggetto
che osserva e un oggetto che è osservato. Questa è la modalità percettiva del sistema nervoso umano, che crea degli oggetti tramite una serie di astrazioni da qualcosa di indifferenziato. La nostra consapevolezza ci consente in modo naturale
una modalità di conoscenza diversa: diretta, non-duale, non
separata in osservatore-osservato. In questo stato conoscere
la Realtà significa essere la Realtà.
PERCHE’ STIRARE? Gli SVANTAGGI: consuma energia 1 kW e siamo in una crisi energetica, inoltre dobbiamo
pagare questa energia e siamo in una crisi economica, inquiniamo per produrre energia e siamo in una crisi ambientale,
dobbiamo occupare il nostro tempo per pagare questa energia
e i ferri da stiro progettati per rompersi e finire nelle discariche. Inoltre la stiratura toglie molto tempo che invece potrebbe essere dedicato a noi stesse per fare ciò che ci piace (1 ora
in media la settimana/persona, in una famiglia di 3 persone
sono 3 ore la settimana, 150 ore l'anno). Il tempo purtroppo è
l'unica risorsa veramente non rinnovabile.
Forse anche noi dovremmo iniziare a chiederci se facciamo
veramente bene a sacrificare il nostro tempo a spendere i
nostri soldi, a inquinare il nostro pianeta per il mito della
stiratura? Forse faremmo bene ad unirci al movimento che
boicotta la stiratura?
PROBLEMI E SOLUZIONI: Divide et impera. La polarizzazione degli interessi, a partire dal calcio, ma in genere
l’ottica occidentale della competizione, è stata trasferita con
successo alla politica che riesce in questa maniera a tenere
sotto controllo maggiormente i sudditti, una volta con la
rivoluzione francese, oggi con la sinistra e destra. uscire
dall’ottica ideologica impostaci e confrontandoci cooperando rivoluzionerebbe il nostro modo di vivere. http://
retedeicittadini.it/, http://www.democraticidiretti.it/

IL LIBRO: Decrescita felice
IL FILM: “CIBO SPA”

PRENDI MENO LA TUA AUTO
Cammina, usa la bicicletta, prendi il
treno o i mezzi pubblici urbani, condividi la macchina con amici e colleghi!
Cosa possiamo fare individualmente: Aumenta la conoscenza de territorio: storia, tradizioni, sapere, costumi,
geografia, risorse naturali, cultura,
arte, artigianato. L Madiai
Cosa possiamo fare collettivamente:
Specializza ogni territorio a determinate produzioni che usufruiscano di
condizioni favorevoli per tale scopo.
Non usare mezzi privati motorizzati in
città e comunque evitarli quanto possibile specie se per brevi tratte, preferire
la bicicletta e i mezzi pubblici.
L Madiai
A chi conviene l’astensione dal voto?“Si suppone che schede bianche,
annullate, elettori assenti al voto siano
persone che “volontariamente” chiedono che di loro non si tenga conto”.
Il cosiddetto Partito del non voto, non
arrivando ad avere alcuna incidenza
sul numero degli eletti, non intacca né
le sfere di potere, né i rapporti di forza
tra i partiti. Senz’altro una sacca critica della democrazia, dunque, ma tutto
sommato innocua e per certi versi comoda: non meritevole, quindi, di vera
attenzione. (Se il 40% degli aventi
diritto al voto non esprime preferenze,
nel caso ci siano soltanto due coalizioni in competizione, la maggioranza si
afferma superando il 30% del consenso. Nel caso siano presenti più coalizioni è sufficiente un consenso inferiore. Grazie agli astensionisti, una piccola minoranza decide per tutti.) Tommaso Orazi
I GAS: Cosa sono i Gruppi di Acquisto Solidale (G.A.S.)?
Un gruppo d’acquisto e' formato da un
insieme di persone che decidono di
incontrarsi per acquistare all’ingrosso
(con ovvi vantaggi economici) prodotti alimentari o di uso comune, da ridistribuire tra loro.

Come nascono i soldisoldi
?
In questo meccanismo descritto sopra ci sono 2 TRUFFE a danno
Credete di vivere in un sistema economico perfetto, il migliore
che ci si potesse attendere dall'evoluzione socio-economica?
dei cittadini:
1) La prima truffa sta nel fatto che i 100 di emissione monetaria
Vi dimostrerò il contrario!
Il vero potere non è nelle mani dei governi eletti dal consenso dei
della banca centrale sono emessi a costo irrisorio: produrre una bancittadini chiamati alle urne a votare. Attualmente il voto è solo una
conota cartacea costa circa 0,30€ (costi tipografici di carta, inchioparvenza, serve a lasciar credere al cittadino che conti ancora qualstro, filigrana), mentre la banca centrale presta (addebita) allo Stato il
cosa e concedergli l’illusione di vivere in un sistema democratico.
valore nominale iscritto sulla banconota stessa. E' come se un amico
Il potere reale è, invece, nelle mani del sistema bancario
mi chiedesse di stampargli un fac-simile di banconota da 100€, a me
(Permettetemi di emettere e gestire la moneta di una nazione, e mi
costa 0,30€ (costo tipografico di carta e colori) ma chiedo di farmela
infischierò di chi ne fa le leggi. [Mayer Anselm Rothschild, banpagare 100€, ossia al valore nominale, cioè l'importo riportato sulla
chiere tedesco]). Perché vi chiederete? Avete presente l'art.1 della
banconota stessa.
nostra Costituzione?
Questa truffa prende il nome di siArt. 1: "L'Italia è una
gnoraggio (primario).
Repubblica democrati" E' assurdo dire che il nostro paese
ca, fondata sul lavoro.
può emettere titoli ma non può emetLa sovranità appartiene
tere moneta. Entrambe sono promesal popolo, che la esercita
se di pagamento; ma una promessa
nelle forme e nei limiti
ingrassa l'usuraio, l'altra invece aiuta
della Costituzione”.
la collettività." (Thomas Edison Quando si parla di soNew York Times, 1921) .
vranità popolare in essa
Il denaro incassato dalle banche cenè racchiuso anche il
trali attraverso l'artificio (truffa) del
concetto di sovranità
signoraggio in teoria verrebbe dimonetaria, ossia il potestrutto dalle banche stesse al termine
re di uno Stato di emetdel "prestito" (titoli di stato-moneta),
tere la propria moneta
in realtà questo viene invece dirottanecessaria a far fronte
to, attraverso la complicità delle
alla spesa pubblica del
Stanze di Compensazione, i cosidpaese nell'interesse dei
detti notai della Banche Centrali
cittadini. La sovranità
(vedi scandali Euroclear, Clearstremonetaria, in un conteam), verso paradisi fiscali ed occulsto in cui tutta la nostra
tando i tracciamenti bancari.
vita è basata sugli scam2) la seconda truffa sta nel fatto che
bi di beni e servizi attrase lo Stato chiede 100 in prestito, ma
verso la moneta, resta
dovrà restituire 104, ci saranno semquindi uno dei principali
pre 4 (interessi) che non esistono
poteri che dovrebbe
nella massa monetaria e che comundetenere lo Stato.
que sarà costretto a restituire per
Oggigiorno, invece, gli
coprire il prestito.
Stati sono privati del
Come farà quindi lo Stato a ripagare
potere relativo alla soil debito?
vranità monetaria, poiHa due opzioni: o riduce la spesa
ché quest'ultima è stata interamente
pubblica (quindi meno beni\servizi alla colletaffidata alle Banche Centrali, che
Notate qualche differenza tra le due ban- tività) ed aumenta la pressione fiscale ai cittasono delle società private nei fatti,
dini, oppure chiede alla banca centrale un
conote? Esatto… le 500 lire erano anco- nuovo prestito in grado di estinguere il vecma si spacciano da enti pubblici (la
ra emesse dallo Stato (infatti si legge la chio debito e far fronte ad una nuova spesa
Banca d'Italia è per il 95% in mano
di banche commerciali e assicurazio- dicitura “Biglietto di Stato a corso lega- pubblica.
ni, solo per il 5% è in mano allo StaAdesso intuite perché gli Stati hanno un debile” e riporta in alto la scritta
to, detenuta da INPS e INAIL). Lo
to pubblico grande come una casa? Perché
Stato ha demandato a privati l'organon riescono mai ad estinguere il prestito ri“Repubblica italiana”); mentre sulla
chiesto, cosa che invece non accadrebbe se lo
nizzazione della sua politica monetaria, trasformandoci di fatto in schiavi banconota da 100 euro troviamo soltan- Stato avesse il potere di emettere la propria
del sistema bancario.
to i logo della B.C.E. (ovvero la privatis- moneta necessaria a soddisfare le esigenze di
vita dei cittadini e quindi evitando di indebiCosa succede quando lo Stato nesima Banca Centrale Europea).
tarsi.
cessita di moneta per la spesa pubInoltre se la moneta di emissione statale venisse utilizzata per problica, ossia produrre scuole, ospedali, strade, pagare lo stipendio ai
dipendenti pubblici, finanziare le forze dell'ordine? Stampa i soldi e durre beni e servizi utili alla collettività non si genererebbe inflazione, cosa che invece avviene con la moneta emessa dalle banche ed
produce quel che occorre? NO!
immessa nel sistema senza una relativa produzione di beni reali, con
Non può far altro che chiedere alla banca centrale, detentrice del
potere monetario, di emettere moneta. Se quindi lo Stato ha bisogno conseguente perdita del potere d’acquisto.
In questa sede non mi soffermo su una terza truffa (ben peggiore
di 100 per la spesa pubblica, concede l'equivalente della somma in
Titoli di Stato (bot, cct, a scadenza pagati con i nostri soldi reali)
delle prime due) compiuta dalle banche (questa volta trattasi di banalla banca centrale, la quale a sua volta emette e presta i 100 richie- che commerciali) nel creare denaro dal nulla, connessa alla "riserva
frazionaria". Vi accenno solo che se tutti i correntisti di una banca
sti dallo Stato. Cosa succede a questo punto? I Titolo di Stato altro
non sono che delle "promesse di pagamento" future, e sono gravate Alfa si recassero nello stesso momento agli sportelli della banca,
di interesse; ciò significa che se, ad esempio, oggi lo Stato emettesse quest'ultima non avrebbe i contanti necessari a ripagare i suoi corren100 in Titoli tra due anni (le scadenze variano a seconda del titolo)
tisti!
si impegnerà a restituire alla banca centrale 100 (cifra originaria
http://salvatoretamburro.blogspot.it/
richiesta in prestito) + 4 (interessi sui titoli).

ven 1

NOTE ED EVENTI

sab 2
dom 3
lun 4
mar 5

“

mer 6
gio 7
ven 8
sab 9
dom 10

VOTAZIONE

lun 11
mar 12
mer 13
gio 14
ven 15
sab 16
dom 17
lun 18
mar 19
mer 20
gio 21
ven 22
sab 23
dom 24

La "rivoluzione" si fa nelle piazze con il popolo, ma il cambiamento si fa dentro la cabina
elettorale con la matita in mano. Quella matita è più forte di qualsiasi arma, più pericolosa di
una lupara , più affilata di un coltello .
Paolo Borsellino

IL LIBERO CONTADINO NATURALE inizia con coltivazioni semplici e procedi per la tua strada, passo dopo passo
imparerai dalla natura. C. Torricella
LE PERLE DI FAMLONSKY Soggettività
Rivolgendo l’attenzione interiormente, ci possiamo rendere
conto che in ogni momento c’è la presenza di una soggettività, un Testimone che osserva. Nel momento in cui lo osservo,
questo Sé diventa un oggetto che risiede nella mia consapevolezza. Passa da soggetto che vede ad oggetto osservato. Ma
allora esiste un sé? Spingendosi al limite in questa ricerca si
arriva a conoscere la Soggettività Assoluta, che si trova dentro di noi, che non s’identifica né col soggetto né con
l’oggetto, ma che paradossalmente li include entrambi.
COME SMETTERE DI STIRARE? Smettere di stirare di
colpo è difficile, bisogna adottare una tecnica progressiva. C'è
sempre più gente che non stira. Innanzitutto quando stendiamo dobbiamo stendere in modo da non lasciare pieghe, ci si
mette un attimo in più ma poi è più semplice e rapido stirare e
molti capi non necessitano più di essere stirati. Dopo quando
abbiamo davanti a noi la cesta dobbiamo eliminare i capi che
non necessitano stiratura: lenzuola, fazzoletti, l'intimo, tutto
ciò che non si vede. Poi dobbiamo fare uno sforzo per non
stirare almeno un capo, inizieremo dalle felpe e i pantaloni.
Ma ci sono vestiti che non è possibile non stirare! È vero.
Vanno aboliti. O si sostituiscono con quelli non stiro, o si
cambia progressivamente il modo di vestire, anche negli uffici. La società siamo noi!

lun 25
mar 26
mer 27
gio 28
ven 29
sab 30
dom 31
I GIOCA-CONSIGLI DEL
MESE: Sfida amici e parenti a fare meglio
di te , segna un punto per ogni obiettivo raggiunto .

GOOGLE cerca:
riserva frazionaria

“Il capitale deve proteggersi in ogni modo possibile con alleanze e legislazione. I debiti devono essere riscossi, le obbligazioni e i contratti ipotecari devono esser conclusi in anticipo e
il più rapidamente possibile. Quando, mediante processi giuridici, le persone comuni perderanno le proprie case, diventeranno sempre più docili e saranno tenute a freno con più facilità attraverso il braccio forte del governo al potere, azionato
da una forza centrale di ricchezza sotto il controllo di finanzieri di primo piano. Questa verità è ben conosciuta tra i nostri uomini di spicco, adesso impegnati nel costituire un imperialismo del Capitale che governi il mondo. Dividendo gli
elettori attraverso il sistema dei partiti politici, possiamo fare
spendere le loro energie per lottare su questioni insignificanti.
Di conseguenza, con un’azione prudente abbiamo la possibilità di assicurarci quello che è stato pianificato così bene e portato a termine con tanto successo.” USA Banker’s Magazine
(Rivista dei banchieri americani), 25 Agosto 1924. T.Orazi

YOUTUBE cerca:
SAI CHI E’?: Jaques Fresco

IL LIBRO: Euroschiavi

SAI COS’E’?: signoraggio

IL FILM: Zeitgeist addendum

Motivi per non usare l’auto in città:
L’auto è una minaccia costante per la
vita dei pedoni, dei passeggeri e degli
automobilisti L.Madiai
RICICLA E RIUSA: Allunga la vita
degli oggetti quotidiana riutilizzandoli più volte o destinandoli ad un uso
alternativo prima di decidere di buttarli!
LA SOLUZIONE ALLA CRISI c'è
sempre e la storia ce lo insegna. Dobbiamo tirar fuori quella creatività che
ognuno di noi ha dentro e far vedere
che non siamo marionette, ma cittadini del mondo impegnati ed informati...e la libertà di pensiero porta all'azione e l'azione porta il nuovo.
QUALCUNO non vuole questo, fa
paura, ma le rivoluzioni partono dal
basso , da noi , mai dall'alto . Partono
da chi si ribella ad un sistema repressivo e reclama a costo della vita legittimando le nuove idee . La Rivoluzione Francese con l'attuazione di un
cambiamento epocale nella storia del
mondo , ce lo fa capire la Primavera
Araba che ha prodotto un ribaltamento delle politiche di regime destabilizzando l'economia del capitalismo.
Daniela VANNELLI
Cosa possiamo fare individualmente: Instaura rapporti con i vicini, nel
proprio villaggio o nel proprio quartiere. L Madiai
Cosa possiamo fare collettivamente : Specializza ogni territorio a determinate produzioni che usufruiscano di condizioni favorevoli per tale
scopo. L Madiai
Evita il superfluo !
Se vuoi partecipare al calendario del
cambiamento 2014 inviaci i tuoi testi, le
tue poesie le tue idee citazioni suggerimen ti: calen d ario d elcamb iamen to@gmail.com grazie Kelios Bonetti

Il sistema bancario
bancario
bancario

Nel meccanismo attuale il sistema bancario è agevolato dalla
complicità di 3 fattispecie ad esso colluse:
a) Agenzie di Rating: società private (Fitch, Standard&Poor's,
Moody's) che giudicano, dietro pagamento, se una società per
azioni o uno Stato sia finanziariamente stabile o se sia in grado
di sanare i suoi debiti. Queste società altro non sono che delle
"prostitute" del sistema bancario. Vien da sé che se un'agenzia
di rating esprime giudizio negativo sull'economia di un Paese,
obbliga questo ultimo ad offrire titoli di Stato con un tasso di
interesse maggiore per renderne più appetibile la compravendita dei titoli (evitare aste deserte) ma nel contempo generare un
debito pubblico più elevato dovuto alle difficoltà di rastrellare
denaro dalla collettività
b) Politica: tutti i partiti politici sono collusi con i banchieri
privati; dietro ogni grande partito politico c'è una banca che lo
appoggia già durante la campagna elettorale. Per cui nessun
politico finora parlerà mai pubblicamente dell'esistenza della
truffa del signoraggio o dell'espropriazione della sovranità monetaria. I politici, dal presidente americano Lincoln, il presidente americano J.F.Kennedy (vedi ordine esecutivo 11110), il
presidente del Burkina Faso Thomas Sankara, giusto per citarne
alcuni, sono tutti morti assassinati
per aver osato sfidare il sistema
bancario, aver provato ad emettere
moneta di Stato o per aver lottato
per annullare il debito pubblico.
c) Mass-media: la maggior parte
dei mezzi di informazione non sono altro che ramificazioni delle
stesse banche e partiti politici, mistificatori di informazione e, pertanto, censuratori di verità scomode che la collettività non deve conoscere. E' preferibile tenere occupata la collettività divertendola con serie TV, grande fratello,
isola dei famosi, partite di calcio, in modo che non vada ad approfondire le informazioni, appurare la veridicità delle notizie e
avere il tempo di pensare e farsi una propria opinione.
L'uomo moderno è imbrigliato, come un criceto che corre
all'interno di una ruota nella sua gabbia, dentro questo ciclo
ripetitivo: lavora, guadagna, compra e consuma.
In virtù di questo meccanismo lo Stato è costretto a tassare la
ricchezza dei cittadini per coprire, in parte, quanto deve ai banchieri privati. Divenuta entità paragonabile a una scatola vuota,
depredata del suo potere più importante (quello di emettere
moneta) e resa schiava del sistema bancario, lo Stato a sua volta incatena i suoi cittadini obbligandoli a contribuire al pagamento del debito sovrano, servendosi in molti casi di "strozzini
legalizzati" quali Equitalia Polis S.p.A., incaricate della riscossione nazionale dei tributi e contributi. Inviandoti una cartella
esattoriale maggiorata di sanzioni ed interessi o un'ipoteca
arraffando la tua casa, lo stabilimento e
i macchinari della
società dove lavori
costringendola al
fallimento e a licenziare i suoi dipendenti, depredandoti
di quanto altro sia di
tua proprietà.

Indirettamente, invece, lo Stato visto come istituzione, o meglio, come ordinamento giuridico politico, è costretto a sottostare al ricatto delle grandi Corporations, le quali grazie
all’aiuto di istituzioni sovra-nazionali, non elette da alcun cittadino, quali F.M.I. (Fondo monetario internazionale) e
W.T.O. (Organizzazione mondiale del Commercio), introducono i dogmi del capitalismo e quindi del libero mercato: lo
Stato viene obbligato a cedere "una quota di sé", ossia permette a compagnie private di occuparsi della gestione relativa
all'erogazione di beni e servizi utili alla collettività. Parliamo
di <<privatizzazioni>>, ossia quel processo economico che
sposta la proprietà di un ente o di un'azienda dal controllo
statale a quello privato (il contrario della nazionalizzazione).
Ecco allora che a partire dagli anni novanta in Italia si assistette al processo delle privatizzazioni, a cominciare col settore bancario seguito dal settore energetico, dei trasporti, dal
settore dell’aeronautica e della difesa, dalle telecomunicazioni, etc. .
Quote pubbliche appartenenti allo Stato sono finite nella mani
di privati, ossia di S.p.A., ovvero società per azioni che hanno
come primo obiettivo quello di fare
profitto, privilegiando gli interessi dei
loro azionisti che spesso non coincidono con gli interessi dei cittadini.
Tutto ciò è in contrasto con l'articolo
41 della Costituzione italiana, che afferma:
" L'iniziativa economica privata è libera. Non può svolgersi in contrasto con
l'utilità sociale o in modo da recare
danno alla sicurezza, alla libertà, alla
dignità umana. La legge determina i
programmi e i controlli opportuni perché l'attività economica pubblica e privata possa essere indirizzata e coordinata a fini sociali."
Questo sistema economico, basato sulla cessione della sovranità monetaria e quindi sul fatto di trasformare i cittadini in
debitori di organismi privati che non si prefiggono un'utilità
sociale, bensì unicamente lucrativa, va a ledere la dignità umana ed è quindi in contrasto con l'art.41 della Costituzione.
Purtroppo la collettività è volutamente lobotizzata da distrazioni di massa. Dopo una giornata stancante di lavoro si preferisce restare comodamente seduti sul divano di casa propria
a godersi un film o una partita di calcio, invece di accorgersi
dell'irrazionalità del sistema socio-economico di cui se ne fa
parte. La maggioranza dei cittadini vive ignorando il reale
funzionamento del sistema economico; quei pochi invece che
lo conoscono si dividono in due schiere: quelli che cercano
insabbiare e censurare le informazioni su di esso e quelli che
cercano di diffonderle ed offrire spunti di ricerca o di confronto.
C'è una gran bella
differenza tra il Vivere e il Sopravvivere:
adesso stiamo sopravvivendo, soggiogati
dal potere oligarchico
banche-corporations.
http://
salvatoretamburro.blogspot.it/

lun 1

NOTE ED EVENTI

mar 2
mer 3
gio 4
ven 5
sab 6
dom 7
lun 8
mar 9
mer 10
gio 11
ven 12
sab 13
dom 14
lun 15
mar 16
mer 17
gio 18
ven 19
sab 20
dom 21
lun 22
mar 23
mer 24
gio 25
ven 26
sab 27
dom 28
lun 29
mar 30
I GIOCA-CONSIGLI DEL
MESE: Sfida amici e parenti a fare meglio
di te , segna un punto per ogni obiettivo raggiunto .

“

Non dovrebbero essere i popoli ad avere paura dei governi, ma i governi ad avere
paura dei popoli! V

Motivi per non usare l’auto in città: L’auto contribuisce
all’inquinamento acustico. L.Madiai
IL LIBERO CONTADINO NATURALE impara a seminare, a raccogliere ed a conservare i tuoi semi, ad autoprodurre dal solo i semi che ti servono, dà più soddisfazione e
costa meno; ciò che fai da solo magari all'inizio non funzionerà bene, ma ti permette di imparare empiricamente
dai tuoi errori e di propagare ancora una volta e di nuovo,
colture dimenticate, estinte e di altre zone. Semina ovunque puoi, sul davanzale, ma anche nell'aiula del tuo marciapiede. C. Torricella

AUTOPRODUZIONE: Detersivo piatti. Per ottenere
circa un litro di detersivo per i piatti, utilizzabile sia a mano che in lavastoviglie, vi basterà frullare molto bene tre
limoni tagliati a pezzettini e privati dei semi con 400 ml.
d’acqua, 200 gr. di sale fino e 100 ml. di aceto bianco. In
seguito portate il tutto ad ebollizione e lasciate sobbollire
per una decina di minuti. Se occorre, rendete il tutto più
omogeneo con l’aiuto di un frullatore ad immersione. Conservate il vostro detersivo in barattoli di vetro ben chiusi.
Marta Albè blog – ecosentiero.blogspot.com
LE PERLE DI FAMLONSKY Tempo
Il passato è memoria e il futuro è aspettativa, e sia una che
l’altra sono un fatto presente. Pensare al passato è
un’azione nel presente; anticipare il futuro è di nuovo
un’azione nel presente. Ogni prova del passato esiste nel
presente; ogni motivo per credere in un futuro esiste nel
presente. Quando il passato reale accadde, non era passato
ma presente, e quando il futuro reale accadrà, non sarà
futuro ma presente. L’unico tempo, quindi, di cui saremo
mai consapevoli è il momento presente, un momento che
include il passato dei ricordi e il futuro delle aspettative.
SMETTERE DI STIRARE “MA COSA PENSERANNO
GLI ALTRI?!” Gli altri siamo noi! Noi per primi non dobbiamo giudicare chi ha un vestito non stirato! Anzi dobbiamo lodarlo pubblicamente (senza mettere in imbarazzo),
per il suo impegno ambientale e sociale, dire che anche noi
ci stiamo impegnando per smettere! Proporre di fare una
passeggiata assieme invece che stirare.
La democrazia diretta tende a ridurre al minimo le restrizioni poste dalla democrazia rappresentativa alla parola
‘popolo’ e, ancor più, alla parola ‘governo’. La democrazia
‘diretta’, diversamente da quella ‘rappresentativa’, consiste
nella possibilità per il ‘popolo’ di autogovernarsi, appunto,
direttamente, senza intermediazioni che distorcano la sua
volontà. www.pinostrano.it

GOOGLE cerca: simec
SAI CHI E’?:Michael Moore

IL DOCUMENTARIO:
Capitalism: A Love Story

SAI COS’E’?: modern money theory

IL FILM: Corporations

CONTROLLA LE TUE GOMME:
Mantenendo le gomme della tua auto
alla giusta pressione interna puoi ridurre il consumo di carburante del 3%!
A Samsø una piccola isola della Danimarca, il ricorso ai combustibili fossili
è ora limitato a qualche mezzo di trasporto. I rumori sono solo quasi
“naturali”, gli scarti dell'agricoltura
diventano riscaldamento, la forza del
vento elettricità. Dal concorso del 1997
lanciato dal Ministero dell'Ambiente
danese sono passati 15 anni e ora questa sconosciuta isoletta indica la via per
superare i problemi di inquinamento,
riscaldamento globale e dipendenza dal
petrolio: il tutto grazie al lavoro di sensibilizzazione dell'ingegner Søren Hermansen e al surplus di energia elettrica
prodotta da una ventina di pale eoliche,
3 impianti a biomassa e uno di pannelli
solari fotovoltaici da 250 mq.
Cosa possiamo fare individualmente:
Favorisci economia di scala locale e
stili di vita basati sul territorio.
L Madiai
Cosa possiamo fare collettivamente:
Potenziare la ricerca e lo sviluppo negli
ambiti di interesse collettivo. L Madiai
Evita sprechi ed eccessi,
SII SOBRIO!
Elogio dell’ozio: L’uomo moderno ha
paura del tempo libero, ne è terrorizzato. Spesso addirittura gareggia con gli
altri a chi lavora di più: 10, 12, 14 ore
al giorno, sono “normali”, anzi sono
sintomo di benessere. Lavorare tanto fa
bene: prima di tutto fa bene
all’economia, che cresce con il PIL,
poi fa bene alla nostra pancia che aumenta all’aumentare della ricchezza
immagazzinata, la maggior parte della
quale non ha alcuna utilità pratica. Finché c’è lavoro dobbiamo lavorare. Che
fine abbia il nostro lavoro? Non importa. Che qualità abbia il nostro lavoro?
Tanto meno. Quante persone oggi vivono per lavorare, il lavoro è diventato
l’idolo principale, ancora prima del
denaro. Il lavoro non come espressione
di sé, di genialità, non come creazione
di valore, ma meramente come occupazione del tempo, come alternativa ideale per contrastare la minaccia
dell’aumento di tempo libero dovuta al
progresso tecnologico. Luca Madiai

Apriamo la mente alle
nuove soluzioni
nuove
soluzioni
per l’economia reale il web ne è pieno !
Molti imprenditori svizzeri, dal 1939, usano una moneta parallela:

il

Wir.

La Svizzera non è certo un paese socialista, è tra i paesi che meno
stanno risentendo della crisi economica. Gli imprenditori hanno scoperto che la cooperazione può far guadagnare più denaro.
Il che è assolutamente legale sia in Svizzera che in Italia. Se io e lei
decidiamo di usare fagioli al posto dei soldi nessuno ci può arrestare, è
un nostro diritto. In Italia ad esempio nella Libera Repubblica di Alcatraz battono moneta da oltre un anno senza problemi. Per semplificare
potremmo dire che tecnicamente è una contromarca, quindi non evita
la regolare fatturazione, non c’è evasione fiscale, ci sono state varie
sentenze in questo senso. Il Wir è emesso da una banca che funziona
come un istituto normale, si possono fare versamenti, bonifici, ottenere carte di credito e prestiti. Un Wir vale un franco svizzero. Questa
divisa parallela non è convertibile in franchi e non dà interessi sui
conti correnti, quindi non conviene accumulare Wir, conviene spenderli subito. Inoltre è particolarmente facile ottenere prestiti in questa
divisa, a tassi bassissimi, sulla base delle capacità produttive di
un’azienda. Viene utilizzata dalle aziende svizzere per comprare prodotti e servizi da altre aziende aderenti a questo circuito. In questo
modo si facilitano gli investimenti. Girano più soldi. Inoltre le aziende
pagano parte degli incentivi ai lavoratori in questa valuta. Esistono
grandi fiere dove le aziende offrono migliaia di prodotti pagabili in
tutto o in parte con questo denaro parallelo. In questo momento sono
circa 60.000 le imprese che utilizzano questa moneta, con una movimentazione di 2,1 miliardi di euro (più di 4.000 miliardi di lire).
Questo sistema ha svariati vantaggi. Innanzi tutto alle aziende conviene comprare da altre imprese del circuito proprio perché le possono
pagare in Wir. Le aziende a volte non riescono a ripagare i prestiti
delle banche perché non riescono a vendere sufficienti quantità dei
loro prodotti. Ma ripagare i debiti contratti in Wir è molto più facile
proprio perché il debito viene ripagato non fornendo denaro vero ma
immettendo prodotti in un circuito preferenziale. Le probabilità di
trovarsi quindi con merci invendute diminuiscono notevolmente. Lo
stesso vale con la possibilità di pagare parte dei salari in questa moneta. Molte aziende infine offrono ai consumatori che pagano in Wir uno
sconto rispetto ai prezzi in franchi.
Potremmo dire che le aziende hanno interesse a offrire condizioni di
favore a chi usa la valuta alternativa, proprio perché la quota degli
scambi in Wir rappresenta una possibilità di ottimizzazione del volume di vendite attraverso un sistema che si promuove da sé e
all’interno del quale la concorrenza è limitata alle sole aziende aderenti al circuito. Si instaura cioè un meccanismo simile a quello che osserviamo nei club che incoraggiano i soci a fare affari con altri soci.
La valuta stessa è quindi un veicolo commerciale che riduce i costi del
marketing e della pubblicità e quindi i prodotti veicolati in questo circuito hanno realmente, strutturalmente, costi più bassi. Alcuni economisti hanno osservato che proprio nei momenti di crisi l’uso del Wir si
espande notevolmente. Ci sarebbero vantaggi per le aziende e vantaggi per i consumatori che usano i Wir. Jacopo Fo
www.jacopofo.com

SCEC

Lo
è una valuta complementare italiana. Un buono per
ottenere una riduzione di prezzo che gli associati volontariamente decidono di farsi da cui ci si può svincolare in qualsiasi momento. La
percentuale di accettazione del buono di Solidarietà viene lasciata alla
libera scelta dell'associato che offre prodotti o servizi. L' obiettivo è
ancorare al territorio la ricchezza e farla reinvestire nel circuito, favorendo le produzioni locali. Dal luglio 2010 l'agenzia dell'entrate ha
risposto positivamente all'interpello promosso da Arcipelago ed ha
sancito la legittimità fiscale dello SCEC.

MercaDono:

lascia ciò che puoi,
prendi quel che vuoi!

Il MercaDono è un nuovo modello di economia alternativa ispirato
dall’economia del dono e dal mutuo soccorso che si esprime attraverso gruppi territoriali spontanei su internet e spazi fisici.
Il MercaDono favorisce le relazioni sociali, l’aiuto reciproco e la
resilienza limitando la schiavitù dal denaro e dal lavoro per offrire la
possibilità di ottenere beni e servizi utili a chi oggi non può permetterselo, incentivare la riparazione ed il riuso degli oggetti, la riduzione degli sprechi e dei rifiuti, premiare le produzioni locali ed il
lavoro artigianale.
Il MercaDono è un’idea che chiunque può adottare nel proprio territorio.
I partecipanti offrono al MercaDono, secondo le proprie possibilità
ed il piacere di condividere, beni in esubero o in disuso, spazi e servizi utili o denaro in qualsiasi forma (valuta locale, estera o alternativa), prendendo in cambio quello di cui hanno bisogno affinché
possa crearsi un circolo virtuoso. Il valore del bene/servizio è definito a discrezione del beneficiario. La partecipazione al MercaDono è
libera e gratuita. Tommaso Orazi
Per approfondimenti: http://it.wiser.org/resource/view/
2de75d014963a0f 1147268c326cd582a

LA BANCA DEL TEMPO:
La Banca del Tempo è un’iniziativa atta a
promuovere lo scambio di servizi e conoscenze tra gli iscritti, senza una remunerazione in
denaro. L'unità di quantificazione è il tempo.
Lo scopo è quello di privilegiare le relazioni
umane, in un rapporto di parità di valore, reciprocità e di mutuo aiuto. Ognuno é libero di
mettere a disposizione il numero di ore che desidera e che utilizzerà
quando vuole, come vuole, nell'arco dell'anno.
Il servizio della Banca del Tempo si struttura come un dare e avere
di tempo , regolato per mezzo di un " libretto degli assegni " (su cui
si segnano le ore prestate e quelle ricevute) e di un estratto conto
periodico gestito dalla Banca.
L'unità di misura è unicamente il tempo , misurato in ore di sessanta
minuti ed è uguale per tutti , indipendentemente dalla classe sociale
di appartenenza, dalla professione, dalle condizioni economiche,
dalla nazionalità delle singole persone: un'ora di cucito equivale a
un'ora di ripetizioni d'inglese, un'ora di giardinaggio è pari ad una
d'informatica ecc. (N.B: BANCA DEL TEMPO 2.0 secondo
alcuni questo è il limite che impedisce alla banca del tempo di diffondersi. Non tenendo conto delle competenze specifiche, vi si trovano molti lavori generici: baby sitter, stiratura, pulizie, ma poche
competenze di alto livello: idraulici, elettricisti, geometri etc. per
ovviare a questo limite, qualcuno sta proponendo una specie di borsa delle offerte e domande. Le prestazioni la cui domanda supera
l’offerta avrebbero un coefficiente orario superiore rispetto a quelle
molto offerte e poco richieste. In questo modo si invoglierebbe
l’offerta delle competenze più elevate.)

FAQ
--Ma se io non ho nulla da poter scambiare con te, come faccio?
La Banca del Tempo nasce come un circolo, una rete sociale, non si
tratta di una baratto di tempo “io do a te, tu dai a me”. Le ore date/
ricevute vengono conteggiate dalla banca: le mie ore in attivo mi
danno la possibilità di chiedere qualsiasi attività, che non deve essermi erogata dalla persona che ha ricevuto il mio servizio.
www.bancatemposondrio.it

mer 1

NOTE ED EVENTI

gio 2
ven 3
sab 4
dom 5
lun 6
mar 7

“

Il software è come il sesso..meglio se è gratuito e libero” (Linus Torvalds)

IL LIBERO CONTADINO NATURALE Tenta nuove coltivazioni, sperimenta cose mai fatte, osserva la natura e gli
orti dei vicini, migliorerai le tue conoscenze agrarie e capirai
cosa fare in modo molto più veloce, se segui le tue intuizioni
agrarie in pieno campo ed i consigli di chi ci ha già provato,
magari senza successo, prima di te. C. Torricella

Motivi per non usare l’auto in città:
L’auto ha bisogno di infrastrutture
costose e ingombranti L.Madiai

delle strutture verticistiche? (+ democrazia dal basso)
in una piramide classica la base è la struttura più massiccia,
quindi la possiamo immaginare come quella formata da più
persone, più persone che sostengono con il loro lavoro poche
persone che decidono anche della loro sorte. In una struttura
verticistica le decisioni sono in capo a pochi se non a uno il
quale per qualsiasi motivo può non fare o poter fare
l’interesse di tutti. in una struttura orizzontale invece anche se
qualche elemento impazzisce, se ne va, ecc non mette a rischio l’insieme perché come lui ce ne sono moltissimi altri; in
termini ingegneristici una struttura verticistica non è resiliente, adatta ai cambiamenti, invece una orizzontale lo è moltissimo. Laura

Perché costruiamo tutte le fabbriche e
i centri commerciali allineate sul
fianco alle strade? Forse perché ci
piace rovinare il paesaggio … o forse
perché ad ogni bivio sulla strada ci
piace quando chi guida davanti a noi
rallenta per entrare. Forse sarebbe
bene costruire gli agglomerati produttivi e commerciali in una zona industriale quadrata invece che disseminarli per kilometri lungo le strade.

IL CONSUMO DI SUOLO: la costruzione di magazzini,
strade, parcheggi, villette sta consumando il territorio. SemGOOGLE cerca :
monete alternative locali / comple- bra niente, ma il territorio è una grande ricchezza comune ed
è grazie ad esso che possiamo sfamarci, vivere in salute, essementari / demurrage

Se vuoi partecipare alla realizzaaizone calendario del cambiamento 2014
inviaci i tuoi testi, le tue idee, citazioni suggerimenti: calendariodelcambiamento@gmail.com
grazie
Kelios Bonetti

mer 8
gio 9
ven 10
sab 11
dom 12
lun 13
mar 14
mer 15
gio 16
ven 17
sab 18
dom 19
lun 20
mar 21
mer 22
gio 23
ven 24
sab 25
dom 26
lun 27
mar 28
mer 29
gio 30
ven 31

I GIOCA-CONSIGLI DEL
MESE: Sfida amici e parenti a fare meglio

USA MENO ACQUA CALDA
E’ necessaria molta energia per riscaldare l’acqua. Puoi usare meno acqua
calda ad esempio preferendo la doccia
al bagno, lavandoti “a pezzi” invece
LE PERLE DI FAMLONSKY Le dimensioni dell’essere
di fare la doccia tutti i giorni, sceIl nostro essere-nel-mondo è composto da quattro dimensioni, gliendo temperature più basse per i
che co-emergono. La prima è il nostro spazio interiore, in tuoi lavaggi in lavatrice e così via!
prima persona (Io); nasce da un essere senziente con un senso Cosa possiamo fare individualmendi sé (è l’interiore individuale, cioè i tuoi pensieri). La secon- te Evita viaggi troppo lunghi e freda è lo spazio del Noi, che esiste dove c’è riconoscimento quenti, specie se in automobile o aereciproco. Quando Io incontro Te, e tu ed io comunichiamo, roplano (viaggiano le idee non le cose
Noi incominciamo a capirci a vicenda: due Io diventano un o le persone)L Madiai
Noi (interiore collettivo). Riferendoci alla realtà esterna pos- Cosa possiamo fare individualmensiamo definirla come Ciò, Esso. E’ l’oggettivazione di cose e te Intraprendi imprese di piccola tapersone. Ovunque tu sia, sei in relazione con differenti siste- glia che usufruiscano delle risorse
mi nei quali sei immerso, una dimensione esteriore condivisa, locali. L Madiai
cioè il tuo ambiente e le strutture e sistemi sociali, compresa Cosa possiamo fare collettivamenla rete comunicativa. E’ la dimensione esteriore collettiva, te: Garantisci il soddisfacimento dei
identificabile con il pronome Essi. La nostra consapevolezza bisogni primari tramite l’utilizzo di
può muoversi liberamente in queste quattro dimensioni e sof- risorse locali. L Madiai
fermarsi su di esse individualmente, ma può anche abbracciarle contemporaneamente: pura consapevolezza che include Evita l’usa e getta
Tutto.
Perché continuiamo a vedere palazzi
SMETTERE DI STIRARE: IL GUARDAROBA NO-STIRO. in costruzione? Perché ci sono così
Ormai le camicie no stiro sono molto diffuse, ma bisogna tante case sfitte? Perché i prezzi degli
ripensare all'abbigliamento, vestirsi in modo diverso meno affitti o delle case non scendono?
Forse qualcuno sta speculando sul
formale con tessuti tecnici o con un taglio tale da non necessi- bisogno di case? Forse è vero che c’è
tare la stiratura.
la bolla immobiliare … forse esplodePROBLEMI E SOLUZIONI: Perché non ci si può fidare rà come in Spagna o in America?

Tu vuoi che l’acqua sia pubblica o
privata? E l’aria?

di te , segna un punto per ogni obiettivo raggiunto .

YOUTUBE cerca: scec

IL LIBRO: Il baratto

SAI CHI E’?:Marco Auriti

IL FILM: Fight club

La terza rivoluzione sociale / industriale / mondiale
è alle porte! J. Rifkin

Rifkin

Secondo l’economista americano Jeremy Rifkin, presidente della
Foundation on Economic Trends, i tanti studi sul picco del petrolio
sono attendibili e l’epoca dei combustibili fossili sta finendo. Gli
Stati si devono riorganizzare per affrontare un mutamento epocale
che ha sullo sfondo la salvezza del pianeta dalla minaccia del riscaldamento globale, e dalle guerre lontane ma anche civile che scaturiranno dalla prossima crisi energetica. I cambiamenti epocali le rivoluzioni industriali, che in verità sono rivoluzioni sociali, sono stati
generati dalla convergenza tra l’utilizzo di nuove fonti energetiche e
nuovi regimi di comunicazione. La prima rivoluzione industriale è
stata generata dall’incontro tra il motore e vapore e la stampa di
Gutemberg. Dalla fine ‘800 l’incontro tra carburanti e reti di comunicazione (elettricità, radio, tv) ha dato origine alla seconda. In entrambi casi energia e informazione venivano prodotti centralmente e
poi distribuiti, solo a pochi nella prima, e ad un numero maggiore di
persone nella seconda. Dipendere per energia e informazione da un
sistema centrale non è una fortuna: lo si è visto negli ultimi anni ma
anche ai tempi della propaganda; l'anno scorso lo si è visto anche in
Libia gli insorti sono avanzati senza l'aiuto di americani ed europei
finché Gheddafi non ha bloccato la fornitura del gas bloccando così
anche le centrali elettriche e quindi le telecomunicazioni
.
La terza rivoluzione industriale è alle porte e nasce dalla riconfigurazione delle reti elettriche e l’integrazione con le reti globali di
comunicazione (web). Così come si producono e scambiano i contenuti in una logica p2p, sarà possibile produrre in modo decentrato
l’energia da fonti rinnovabili e condividerla attraverso un sistema di
reti intelligenti. In pratica l'informazione viene prodotta dalla rete di
persone nel mondo grazie al web
non siamo più
solo
ricevitori
dell'informazione, ognuno di noi
contribuisce
a
crearla (anche tu
che hai inviato
questo calendario
via mail a un amico), quindi è
più difficilmente
manipolabile.
Non siamo più
solamente consumatori di energia,
ma siamo anche
produttori diffusi,
ognuno di noi
produrrà energia a casa propria: ciascuno di noi è un potenziale produttore di energia da fonti rinnovabili (case, uffici, aziende piccole e
grandi, persino veicoli). Questa energia elettrica trasferibile attraverso un sistema di reti intelligenti. Ed eventualmente persino stoccabile sotto forma di idrogeno, anche se con un rendimento ridotto. Lo
facciamo già con l’informazione, attraverso i nostri desktop, che
hanno generato una potenza di calcolo superiore a qualsiasi grande
mainframe; allo stesso modo milioni di produttori locali saranno in
grado di generare una quantità di energia superiore a quella di qualsiasi grande centrale esistente. Un sistema distribuito è più efficiente
di qualsiasi sistema centralizzato che usi carbone, petrolio, gas o
nucleare. La sfida è possibile, la minaccia è certa: entro il 2020
l’economia basata sui carburanti fossili è destinata a divenire economicamente insostenibile, le fonti a esaurirsi progressivamente, i
prezzi a salire senza sosta, l’impatto sull’ambiente ad aggravarsi

Chi coglierà per primo le opportunità
derivanti dalla terza rivoluzione avrà
un vantaggio straordinario, e secondo Rifkin l’Europa è ben posizionata: ha già individuato due dei tre pilastri alla base della nuova era:
-L’impulso alla produzione di energie rinnovabili: solare, eolico, geotermico, cinetica (maree e moto ondoso), biomasse.
-Uno stoccaggio trasformando tramite l’elettrolisi l'energia prodotta
in eccesso in idrogeno poi riconvertibile in energia, per trasformare
una produzione a carattere discreto in una risorsa stabile e disponibile, pur con un aumento degli investimenti e un rendimento ridotto.
Le energie rinnovabili hanno una produzione di tipo discreto, il sole
non splende sempre, il vento cade, l’acqua può scarseggiare. Per
questo per avere una produzione il più possibile stabile è importante
avere a disposizione nella rete diversi tipi di energie rinnovabili,
infatti di notte non c'è il sole, ma può esserci il vento, o si può sfruttare la geotermia o l'idroelettrico. La vecchia critica secondo cui
installare generatori eolici non sia conveniente perché "il vento non
c'è tutto l'anno", mostra tutta la propria ottusità, se solo si pensa che
quando invece il vento c’è l'impianto produce energia senza dover
pagare il prezzo economico e ambientale del combustibile fossile
che verrebbe usato per creare quell'energia. Per completare i componenti della strategia, il terzo pilastro, Rifkin segnala la necessità
di riconfigurare le reti di distribuzione
dell’energia europee in un’unica rete intelligente. Servono tre componenti:
-Minireti locali – case, condomini e imprese
possono produrre localmente energia e usarla in
proprio, o immetterla in rete.
-L’installazione di componenti e sensori intelligenti – in rete e negli apparati distribuiti (cucine,
scaldabagni, lavatrici, computer, illuminazione,
etc) sono i device che consentiranno di strutturare un sistema autoregolantesi, che cede energia
abbondante o ne richiede in caso di bisogno.
-Il terzo passaggio è la definizione di un unico
grande sistema interconnesso, che inglobi anche
segnali dall’ambiente esterno, consentendo di
regolare il flusso di elettricità in base alle condizioni del tempo. In caso di penuria (siccità, maltempo), può segnalarla agli utenti proponendo
una riduzione del servizio (lavaggi notturni, aumento di 1° della temperatura dei condizionatori), collegando la
riduzione al prezzo. Ciò consentirebbe la creazione di una “borsa
dell’energia” distribuita, ciascuno può decidere di comprare o vendere in base al prezzo. Lo stesso sistema (mercato) si trasferisce a
livello paese, nazionale e continentale.
Questa terza rivoluzione in cui l'informazione e l'energia da fonti
rinnovabili non sono più prodotte da pochi grandi produttori che la
distribuiscono alle persone rendendole dipendenti, ma vengono prodotte da ognuno di noi che le mette in rete. Questo ci rende più autosufficienti ovvero meno dipendenti e quindi più liberi. Le giovani
generazioni, abituate a un mondo non gerarchico e interconnesso,
potranno sfruttare appieno queste potenzialità. L’Europa, secondo
Rifkin, ha di fronte l’opportunità di guidare la terza rivoluzione industriale e dare un futuro degno alle prossime generazioni

sab 1

NOTE ED EVENTI

dom 2
lun 3
mar 4
mer 5
gio 6
ven 7
sab 8
dom 9
lun 10
mar 11
mer 12
gio 13
ven 14
sab 15
dom 16
lun 17
mar 18
mer 19
gio 20
ven 21
sab 22
dom 23
lun 24

“

La cosa peggiore non è la violenza degli uomini malvagi ma il silenzio degli uomini onesti” (Martin Luther King)

IL LIBERO CONTADINO NATURALE crea biodiversità
e pensa anche a far felici te stesso ed anche gli insetti, come le
api. Gli insetti ti aiuteranno a coltivare senza troppa fatica,
perché gli insetti ed il vento sono i tuoi amici e collaboratori
più importanti, non lo dimenticare mai: loro e non tu sono i
protagonisti delle tue colture. C. Torricella
IL PENSIERO: Non credo di essere in diritto di poter dire
alla gente come vivere la propria vita, anche perché mi ritengo molto fortunato rispetto alla stragrande maggioranza di
persone su questa terra. Penso che per far bene qualcosa ci
voglia passione, e il lavoro migliore che uno possa cercare di
trovare è un “non lavoro”, cioè riuscire a guadagnarsi da vivere, magari accontentandosi di poco, facendo ciò che ti piace e
ti appassiona. Qualcosa che si farebbe comunque anche al di
fuori dell’ ottica lavorativa. In questo modo non bisogna nemmeno fare la scelta fra vivere per lavorare e lavorare per vivere, e si riuscirà a produrre con il proprio lavoro qualcosa di
genuino e fatto con passione, che magari sia anche utile alla
società, ma sicuramente non danneggi gli altri. C’è anche chi
si rende piena la vita con il lavoro, cercando di fare carriera e
di eccellere in quello, è forse solo un modo di riempirsi la vita
di chi ha pochi interessi, ma alla fine penso che l’importante
sia guardarsi indietro ed essere contenti di avere prodotto con
il proprio lavoro qualcosa di utile non solo per se stessi ma
anche per gli altri, che abbia cioè reso un po’ migliore questa
società. Anche chi vive per lavorare in fondo se lo fa con vera
passione è come se lavorasse per vivere. Michele Caminati
uno dei più forti arrampicatori sportivi in circolazione

mar 25
mer 26
gio 27
ven 28
sab 29
dom 30

I GIOCA-CONSIGLI DEL
MESE: Sfida amici e parenti a fare meglio
di te , segna un punto per ogni obiettivo raggiunto .

LE PERLE DI FAMLONSKY Crescita del sé
Ognuno ha una storia evolutiva individuale: la sua soggettività si è strutturata in determinato modo, si è evoluta ed è arrivata ad una certa complessità. Si possono identificare in questo percorso degli stadi ben definiti. Ognuno spontaneamente
arriva ad un certo livello e poi questa crescita spontanea subisce un arresto. La possibilità di un’evoluzione è sempre presente, ma richiede una modalità attiva da parte dell’individuo.
Come avviene la crescita? Il soggetto di uno stadio diventa
l’oggetto del soggetto dello stadio seguente. Cosa significa?
Nel grado in cui riesco ad oggettivare (rendere consapevole) e
ad accettare qualcosa con cui ora sono identificato, faccio un
passo di crescita. Questo significa lavorare attivamente in
modalità introspettiva ed essere sinceri ed accoglienti con sé
stessi.

GOOGLE cerca: kitegen
YOUTUBE cerca: perendev
SAI CHI E’?: J Rifkin
SAI COS’E’?: e-cat

IL LIBRO: Post-carbon city
(in italiano gratuito)

IL DOCUMENTARIO:
Terra reloaded (al giorno d’oggi su

www.youtube.it si trovano tutti i documentari)

EVITA I PRODOTTI CON MOLTI INCARTI. Si possono scegliere i
prodotti sfusi, con poco incarto e a
km 0, ovvero prodotti il più vicino
possibile alla zona di consumo!
Cosa possiamo fare collettivamente Crea una moneta locale per scambiare beni di prima necessità, mantenendo al contempo la moneta comunitaria esclusivamente per transazioni a livello interregionale e internazionale basate su alta tecnologia e
prodotti specializzati. L Madiai
Evita oggetti non riparabili o di
breve durata
Motivi per non usare l’auto in città:
L’auto non favorisce (bensì peggiora) le relazioni sociali L.Madiai
BUONE NOTIZIE: Il buco dell'ozono si sta richiudendo!
L’emergenza clima è una sfida urgente. Spesso purtroppo i decisori
politici sostengono che è troppo
complesso agire, oppure la questione
ci appare così vasta da apparire senza
una soluzione: le stesse argomentazioni venivano utilizzate anche per il
buco dell'ozono. Poi, esattamente 25
anni, venne firmato il Protocollo di
Montreal per regolare le emissioni di
clorofluorocarburi, individuati come
la causa del buco dell’ozono. Siamo
oggi a festeggiare l’anniversario di
quel Protocollo, di cui osserviamo
con fiducia i risultati positivi: il buco
dello strato di ozono, infatti, si è drasticamente ridotto. Una dimostrazione che se gli sforzi sono condivisi
globalmente, siamo in grado di raggiungere gli obiettivi, anche i più
ambiziosi!

Esiste il cambiamento del
clima ?
clima

“L’apocalisse dei cambiamenti climatici, il
riscaldamento globale,
le alluvioni, le frane, la
siccità e gli uragani!!!
Uffa, ma questi ambientalisti se ne inventano una al giorno e
per di più con la loro
ultima trovata sono
riusciti a convincere
anche alcuni politici e
giornalisti!
E questi ultimi mica si
capisce se ci credono o
no ai cambiamenti climatici, un giorno sì, e
uno no. Catastrofisti,
ecco cosa sono!”

Ma il clima sta cambiando o no?
Qualche anno fa si pensava che il riscaldamento globale comportasse solo lo scioglimento di ghiacciai e l’innalzamento del livello
dei mari sul lungo periodo. Ma oggi sappiamo che la questione è
molto più complessa e rischiosa: fenomeni sempre più frequenti
come alluvioni, siccità, ondate di calore (quelli che gli esperti chiamano eventi estremi) si stanno intensificando e mettono a repentaglio l’idea di stabilità cui siamo abituati: comunità distrutte, danni
economici a persone e interi sistemi produttivi. L’impatto è globale, il problema è a lungo termine, il danno è irreversibile (Lash,
J. & Wellington, F., Harvard
Business Review, 2007) e ci
tocca non solo da un punto di
vista ambientale, ma anche
economico, sociale, culturale
ed etico. Dalla Mongolia colpita dalla siccità alle Thailandia colpita dalle alluvioni,
dall’Australia devastata dal
fuoco alle comunità dell'Himalaya minacciate dallo scioglimento dei ghiacciai, ogni volta che prendiamo il giornale e
leggiamo di un nuovo record di
calamità naturale, diventa sempre più chiaro che il cambiamento climatico non è un problema futuro - sta accadendo proprio ora. Gli effetti dei
cambiamenti climatici cominciano a farsi vedere ovunque
ma poiché il mondo è così grande, è difficile per la maggior parte
delle persone vedere che è tutto collegato.
COSA STA SUCCEDENDO AL CLIMA?
Secondo gli studi dell’IPCC (Intergovernamental Panel on Climate
Change), stiamo andando verso un aumento della temperatura
media del globo compresa tra 1,8 e 4 gradi centigradi entro il prossimo secolo. Questo aumento della temperatura sembra essere dovuto alla continua crescita e concentrazione delle emissioni di gas a
effetto serra come l’anidride carbonica (o CO2) e il metano. Questo
cambiamento climatico sembra essere il più rapido degli ultimi diecimila anni.

Ogni volta che il clima è cambiato anche le forme
di vita presenti sulla Terra hanno dovuto cercare
di resistere ed adattarsi. Cosa succede di diverso
questa volta?

Due cose molto importanti: pare che sia proprio il genere
umano ad esserne responsabile questa volta! I cambiamenti climatici in corso sono talmente veloci che mettono
in dubbio la capacità di adattamento degli esseri viventi!
I principali responsabili : le attività umane
-L’uso di combustibili fossili quali carbone, petrolio e
metano come principale risorsa energetica!
-L’agricoltura e l’allevamento intensivi, e di conseguenza anche il consumo spropositato di carne, oltre che la
gestione dei rifiuti!
-La distruzione di foreste e boschi!
-L’urbanizzazione, l’uso intensivo di suolo per
l’agricoltura, l’inquinamento marino e altre trasformazioni della
superficie terrestre!
-L’aumento della popolazione mondiale!
Quali sono gli effetti del riscaldamento globale per la terra ?
-Aumento della temperatura media globale del pianeta
-Aumento del livello del mare, scioglimento dei ghiacciai soprattutto nell’emisfero Nord con modifiche della circolazione atmosferica
ed oceanica (blocco della Corrente del golfo)
-Precipitazioni e siccità
Aumento del rischio di desertificazione
-Eventi meteorologi sempre più estremi come alluvioni, tempeste,
periodi di caldo o freddo eccessivo, cicloni extratropicali.
Quali sono le conseguenze per l’uomo ?
La disponibilità di acqua. Se le attuali tendenze dovessero perdurare assisteremmo a una maggiore disponibilità di
acqua nelle zone dove le risorse idriche sono già abbondanti ad esempio nell’emisfero Nord, e ad una minore
disponibilità di acqua nelle aree già affette dalla scarsità di
risorse idriche ad esempio in Africa e Asia, con alluvioni e
desertificazioni.
Effetti che a loro volta si ripercuoteranno sull’agricoltura
con una ridotta disponibilità di cibo e un aumento dei
costi.
A causa dell’innalzamento del livello del mare molte zone
costiere sono soggette a erosione delle coste, inondazione
e salinizzazione delle falde acquifere. Tali fenomeni mettono a rischio settori economici quali la pesca,
l’agricoltura e il turismo.
Si teme che animali e habitat non riescano a reagire tanto
velocemente quanto i cambiamenti climatici. Si stima perciò che il 25% degli essere viventi si potrebbe estinguere entro il
2050.
Riduzione della capacità delle foreste di assorbire l’anidride carbonica, comportando un ulteriore aumento della temperatura.
Aumento della frequenza e dell’intensità dei fenomeni meteorologici estremi quali inondazioni, alluvioni, ondate di calore, uragani
con morti e danni economici ingenti. Gravi conseguenze per la salute umana, per la diffusione di malattie infettive. In alcune zone,
l’aumento dei decessi soprattutto tra la popolazione anziana a causa di ondate di calore o freddo estremo. Leggendo l’elenco, non hai
sentito il campanello d’allarme? Non ti sembra che gli effetti del
cambiamento climatico li stiamo già vivendo adesso? Qualcosa di
diverso nelle condizioni meteo italiane degli ultimi anni?

Ma cambiamenti climatici hanno sempre interessato la
Terra. Fino ad oggi essi erano dovuti a fenomeni naturali
quali ad esempio la posizione dell’asse terrestre, fenomeni
Scritto da: Italian Climate Network www.italiaclima.org
vulcanici ecc.

Fonti: An Inconvenient Truth http://www.climatecrisis.net/

lun 1

NOTE ED EVENTI

mar 2
mer 3
gio 4
ven 5
sab 6
dom 7
lun 8
mar 9
mer 10
gio 11
ven 12
sab 13
dom 14
lun 15
mar 16
mer 17
gio 18
ven 19
sab 20
dom 21
lun 22
mar 23
mer 24
gio 25
ven 26
sab 27
dom 28
lun 29
mar 30
mer 31
I GIOCA-CONSIGLI DEL
MESE
GOOGLE cerca :
aumento livelli CO2
YOUTUBE cerca:
Una scomoda verità
SAI CHI E’?: Al Gore
SAI COS’E’?: il blocco della corrente del golfo

“

Quando soffia il vento del cambiamento alcuni costruiscono muri, altri mulini”

RIPARARE, RIUSARE, RECUOERARE
IL LIBERO CONTADINO NATURALE in agricoltura
naturale, metà del lavoro in pieno campo lo fa sempre la
natura stessa e non tu: quindi il contadino tradizionale che
vuole fare il lavoro agricolo da solo e tutto lui, guidando il
suo trattore e spargendo prodotti, senza mai considerare la
natura parte sempre già sconfitto. In agricoltura naturale,
pertanto, occorre che egli cambi immediatamente la sua
mentalità, in questo caso, perdente ed assai costosa, dal
punto economico, eco-sostenibile ed eco-compatibile, perché, secondo me, "la natura poi vince sempre".
C. Torricella

AUTOPRODUZIONE: Spray multiuso. Per autoprodurre uno spray multiuso dall’azione anticalcare e disinfettante, adatto per la pulizia di sanitari, vetri e specchi, vi basterà unire in un contenitore dotato dell’apposito beccuccio
500 ml. d’acqua, mezzo bicchiere di aceto e poche gocce
di olio essenziale di limone o di tea-tree. Agitate il contenitore prima dell’uso. Spruzzate sulla superficie e lasciate
agire per qualche minuto, quindi strofinate con un panno in
cotone asciutto. Marta Albè blog – ecosentiero.blogspot.com
LE PERLE DI FAMLONSKY Ombra
Nella nostra storia evolutiva ogni evento non sostenuto e
quindi resistito è diventato inconscio (non consapevole).
Definiamo questi aspetti come Ombra: ci seguono e visto
che non vengono riconosciuti dall’individuo la coscienza li
proietta all’esterno. Ciò che prima avveniva in prima persona viene represso e passa in seconda persona (non sono
io ad essere arrabbiato, sei tu) e con un’ulteriore repressione passa addirittura in terza persona e trasformato in qualcosa di inautentico (es: il mondo ce l’ha con me).
"Immagina di stendere un cavo telefonico tra te ed il tuo
vicino, ed immagina che lui faccia altrettanto con un altro
vicino. Ecco, ora immagina che al posto dei cavi ci siano
delle antenne, e immagina che attraverso queste antenne
intere città riescano a parlare liberamente ed a scambiarsi
informazioni senza dover pagare canoni aggiuntivi e senza
subire nessun tipo di censura. Immagina anche che alcune
persone comincino a condividere la loro connessione ad
internet con chi non ce l'ha attraverso questa rete. Ora immagina che ci siano persone che in molte città del mondo
stiano creando queste reti per comunicare liberamente senza limiti, e immagina che riescano a collegarle tutte le une
alle altre creando una rete globale, ora immagina che questa nuova rete libera globale diventi l'internet del futuro,
ecco questo è ninux ed il movimento delle community networks"http://ninux.org www.retedeicittadini.net
IL LIBRO: Clima in Tasca.
IL FILM: V per vendetta

Motivi per non usare l’auto in città:
L’auto genera traffico quindi aumenta
l’inquinamento, il disagio e lo stress.
REGOLA IL TERMOSTATO
DELLA TEMPERATURA DOMESTICO Riducendo di 2°C la temperatura domestica invernale o aumentandola di 2°C nei mesi estivi (solo
per chi ha un condizionatore) si riduce di molto il consumo energetico e
di conseguenza la produzione di anidride carbonica! Ad esempio, in inverno la temperatura dovrebbe essere
regolata a 18°C, indossa un maglione
invernale e tieni le finestre chiuse!
Cosa possiamo fare individualmente: Preferisci se puoi lavori nei pressi
dell' abitazione. L Madiai
Mangia poca carne e solo da allevamenti locali
FORSE NON TUTTI SANNO CHE la
produzione di biocarburanti ovvero di
carburanti estratti dalle piante coltivate
(colza grano etc) vanno ad occupare il
s u o l o fe r t i l e t o g l i e n d o s p a z i
all’agricoltura che produce il cibo. Così
viene prodotto meno cibo e il prezzo del
cibo sale. In pratica usiamo la terra fertile
per nutrire le macchine invece che uomini bambini e animali

Biodizionario, (uno strumento indispensabile e completamente gratuito
per determinare la pericolosità/
biodegradabilità di una sostanza).
F a b r i z i o
Z a g o
http://www.biodizionario.it/
Investi in energie rinnovabili per
uso proprio
Se vuoi partecipare alla realizzaaizone
calendario del cambiamento 2014 inviaci
i tuoi testi, le tue idee, citazioni suggerimen ti: calen d ario d elca mb ia men to@gmail.com grazie Kelios Bonetti

Permacoltura
permacoltura

coltivare facilmente secondo natura
Permacoltura è una coltura permanente: una volta impostata rimane negli anni. Ad esempio per quanto riguarda piante di diverso tipo (da orto e da frutto, cereali, foraggere, officinali, da
fiore, forestali e da giardino) non necessita di vangature e semine ogni anno perché le piante non raccolte quando vanno in semenza seminano da sole il terreno. Dopo i primi anni le piante
che abbiamo impiantato sono talmente ben radicata che non lasciano più spazio all'erba, quindi necessitano di poco lavoro.
Una volta impiantate, trapiantate o seminate si raccoglie soltanto
e si osserva molto, giacché le varie piante si autoriproducono per
seme, per rizoma, per radice, per pollone basale o per bulbo,
come nel caso dei frutti di bosco, dei gigli, degli iris, delle siepi
di rosmarino, di alloro e di lavanda, delle canne da orto
(canneti), delle "belle di notte", del trifoglio, del tarassaco, della
calendula, del topinambur, delle zucchine spinose siciliane e di
tante altre piante. È’ una coltura che richiede poca energia, sia in
termini di lavoro che di elettricità e carburante. Permacultura è il
termine tecnico con cui si classificano quelle tecniche agricole di
"agricoltura pulita permanente", agricoltura eco-compatibile ed eco-sostenibile, a
basso impatto ambientale ed a bassa manutenzione agricola umana, con le quali
possiamo unire il verde paesaggistico,
decorativo ed ornamentale, ad esempio
dei parchi pubblici, alle pratiche agricole
biologiche produttive, di tipo ortofrutticolo, necessarie a rifornire le nostre
tavole imbandite ed i mercatini rionali
locali. Il tutto con il minor impegno di
lavoro e di energia elettrica o carburante.
La permacoltura e la permacultura non
sono la stessa cosa, perché, mentre la
permacoltura studia, progetta e realizza,
principalmente, l'aspetto agrario-agricolo
-forestale, la permacultura ne considera
ed amplia, a dismisura, anche l'aspetto
sociale e culturale, considerando non
solo il benessere della terra e delle piante
e quindi dell'ambiente ma anche, e soprattutto, il benessere della gente, dei
cittadini e dei coltivatori naturali che vivono e beneficiano di
quest'ambiente più sostenibile e più solidale. Tra i pionieri della
permacoltura, relativamente alla sola pratica agricolo-forestale,
bisogna necessariamente citare qui Masanobu Fukuoka, Bill
Mollison e Wes Jackson. Che aspettate dunque a coltivare, anche voi, il vostro giardino, campo, lembo di terra, in modo ecologico e permacolturale ed a scambiare, ovunque nel mondo, le
preziose informazioni agrarie, e le buone pratiche colturali
(nonchè i semi) che avrete così, faticosamente, appreso?
Autore: Cristiano Torricella libero contadino, fondatore, del libero gruppo ambientalista Facebook “amici dell’orto sinergico e
della permacultura ovunque nel mondo”
http://www.youtube.com/watch?v=sMUtmynMY5A

-Fare una mappa con un sentiero in cui passare circolare. In base alle caratteristiche del terreno disporre le essenze prescelte, in modo che a seconda che ci sia poco o troppo sole, poca o troppa acqua le varie piante
facciano o non facciano ombra alle altre. È importante immaginare di
coltivare su più livelli. Nello stesso metro quadro si può coltivare carote
sotto terra, insalata sulla terra, melanzane, rampicanti pianta da frutta e
verze che germogliano a metà estate.
-Una volta fatte queste cose si può iniziare a preparare il terreno, se si è
progettato bene sarà l'ultima volta che lo si fa. Strappiamo tutta l'erba con
le radici, lasciando solo il trifoglio , il tarassaco ed eventuali altre piante
officinali che hanno già la fortuna di essere lì. Mettiamo a dimora le piante da frutto se abbiamo già deciso di metterle (sono un grosso investimento, in una prima sperimentazione didattica non le metterei). Mettiamo
qualche secchio di sabbia se il terreno è troppo argilloso dove vogliamo
mettere la coltura principale di carote etc. Se il posto è troppo carente in
acqua e abbiamo a disposizione dell'acqua (in permacoltura non si deve
usare energia o lavoro, quindi non si dovrebbe irrigare, ma dato che vogliamo
mangiare...) prendiamo una canna magari
usata gli facciamo dei buchini e la posizioniamo sul terreno (non dovremo girare
un'ora con la canna dell'acqua o con l'innaffiatoio dovremo solo aprire il rubinetto:
la permacoltura è molta osservazione e
progettazione ma poco lavoro!)
-Prendiamo le nostre sementi comprate o
regalate dal vicino, le mischiamo con del
fango e ci facciamo delle piccole palline di
terra. Le spargiamo dove abbiamo progettato di farle crescere. Copriamo tutto con
foglie, paglia o l'erba ormai seccata che
abbiamo strappato, questa pacciamatura
proteggerà dal freddo renderà il terreno più
fertile. Quando la temperatura e l'umidità
saranno adatte i semi germoglieranno.
-Li guarderemo crescere, li coccoleremo e
poi li coglieremo. Però non raccoglieremo tutto, lasceremo che la parte
centrale e qualche altro ciuffo vada in semenza e lasceremo ricadere lì la
semenza, così l'anno seguente lì l'insalata ricrescerà! Nel giro di qualche
anno quella coltura si sarà impiantata tanto bene che non crescerà più
nessuna altra erba. Però per il primo e il secondo anno dovremo togliere
le erbe che troveranno ancora spazio per crescere.
-In autunno basta schiacciare le piante andate in semenza dove sono, tirare le somme e apportare qualche modifica per l'anno successivo, aggiungendo qualche altra qualità dove pensiamo che si possa fare. Il primo anno ci sarà probabilmente qualche cambiamento da fare, ma una cultura
permanente non si crea certo in un solo anno.
-Non vangheremo più la terra, la parte fertile è quella nera in superficie
Ecco come iniziare a sperimentare la permacoltura:
non quella minerale che c'è in profondità, la parte fertile l'humus viene
-Informarsi un po' su internet, senza farsi attirare da corsi etc,
l'importante è iniziare a vedere germogliare, andare in semenza e creato dalla vegetazione che muore marcisce e rinasce. La pianta prende
solo l'acqua e i sali minerali dal terreno, il resto lo prende dall'aria e dalla
ricrescere! Ognuno di questi passaggi è ben documentato su
luce. Per questo è importante usare piante che lavorano con radici ad alinternet specie su www.youtube.it
-Trovare un pezzetto di terra, capire la sua esposizione al sole, le tezze diverse e lasciare la parte non mangiabile sul terreno per lasciare lì i
temperature nei vari momenti dell'anno la disponibilità di acqua. minerali. Quando in un posto non ci sono più i minerali adatti le piante
-Pensare cosa ci vogliamo coltivare, scrivere una lista, suddivi- tendono l'anno dopo a crescere meglio più di lato lasciando spazio ai semi
dere in base alle altezze: sotto terra:carote cipolle rapanelli etc, delle altre piante che usano i minerali che sono rimasti lì.
appena sul terreno: insalate, zucche; arbusti: melanzane, pomo- -Ci sono tante cose da dire ma l'importante è osservare e pianificare, informarsi su internet , sperimentare e capire sono comunque il concime
dori; rampicanti: piselli, fagioli; piante da frutta.
fondamentale per la permacultura!

gio 1

NOTE ED EVENTI

ven 2
sab 3
dom 4
lun 5
mar 6
mer 7
gio 8
ven 9
sab 10
dom 11
lun 12
mar 13
mer 14
gio 15
ven 16
sab 17

“

Se vuoi fare qualcosa di buone devi farlo dove vivi tu! “ Davis Bonanni

23/8/12 EARTH OVERSHOOT DAY e quest’anno quando è stato
(cerca su google!)

LIBERO CONTADINO NATURALE se pianti una pianta
di salvia e la natura te la uccide, mentre il tuo rosmarino invece prospera felice, asseconda la selezione naturale in atto
nel tuo campo, senza intestardirti a coltivare ciò che è più
difficile coltivare in quel luogo: la natura sa ciò che fa, e se
elimina piante inadatte, da te irragionevolmente introdotte,
perché "essa ha le sue giuste ragioni climatiche". Dunque
asseconda ciò che essa fa, senza dare inutili veleni a ciò che
non deve esistere in quel luogo, perché inadatto a quello specifico luogo, terreno, nicchia ecologica; dai cenere di legna,
compost, migliora il tuo terreno, introduci natura e la natura
stessa, con il tempo, ti ringrazierà. C. Torricella
LA PROVA DEL RISCALDAMENTO GLOBALE?

dom 18
lun 19
mar 20
mer 21

sab 24
dom 25
lun 26
mar 27
mer 28
gio 29
ven 30
sab 31
I GIOCA-CONSIGLI DEL
MESE: Sfida amici e parenti a fare meglio
di te , segna un punto per ogni obiettivo raggiunto .

GOOGLE:Earth Overshoot Day 13

PIANTA UN ALBERO Puoi piantare
un albero, ma puoi ugualmente ridurre
il consumo di carta ad esempio riducendo il numero di stampe e fotocopie, stampando fronte/retro, comprare
mobili con legno riciclato o certificato, allungare la durata della vita dei
tuoi mobili non considerandoli usa e
getta e soggetti alla moda del momento! In alternativa potresti rinnovare la
tua casa con tessuti ed oggetti riciclati
e riconvertiti in maniera creativa!
Cosa possiamo fare collettivamente
Alimentare l’economia locale per
quanto possibile esclusivamente con
risorse rinnovabili (tali non sono da
considerare il recupero energetico
dalla combustione di rifiuti inorganici)
L Madiai

HEART OVERSHOOT DAY: Il Global

gio 22
ven 23

Motivi per non usare l’auto in città
L’auto genera disuguaglianze generazionali (adulti/anziani/bambini) e sociali (ricchi/poveri)

IL RISCALDAMENTO GLOBALE: è una prova lampante dell'insostenibilità delle nostre abitudini energetiche. Da
quando abbiamo iniziato a bruciare petrolio immettendo anidride carbonica (CO2) nell'atmosfera; tagliando le foreste e
inquinando il mare, che non riescono più a trasformare tutta
la CO2. Cosi la CO2 aumenta, essendo un gas serra ha aumentato l'effetto serra, con lo scioglimento dei ghiacciai e
delle calotte polari, il rallentamento della corrente del golfo,
l'aumento dei tornado, la sparizione delle mezze stagioni con
l'intercalarsi di periodi estremamente caldi con altri più brevi
estremamente freddi.
LE PERLE DI FAMLONSKY Reintegrare la propria
ombra: Il processo per uscire da queste proiezioni è quello
di ripercorrere il percorso di repressione al contrario: affrontare la propria ombra (3a persona), oggettivarla, parlarle e
comprenderla (2a persona) e infine identificarsi, diventarlo,
esserlo completamente in prima persona. In questo modo si
guadagna in libertà, consapevolezza e si scongela energia
psichica che resta poi disponibile in modo funzionale e non
patologico.
Calcola la tua impronta ambientale col gioco di
www.footprintnetwork.org.

YOUTUBEcerca : permacoltura
SAI CHI E’?: Bill Mollison, Jeoff
Lawton, Masanabu Fukuoka, Sepp
Holzer, Emilia Hazelip

IL LIBRO:
Introduzione alla permacoltura

SAI COS’E’?: semina alla fukuoka

IL FILM: Una fattoria per il futuro

Footprint Network, dal 2003 calcola,
l’impronta ecologica del pianeta: il 22
agosto è la data in cui, nel 2012, la
Terra ha esaurito le risorse annualmente disponibili. Da quel giorno fino
a fine anno si consuma a debito, intaccando, cioè, il “capitale” naturale non
rigenerabile. La notizia è particolarmente tragica se confrontata con la
serie delle date precedenti: nel 1970
(quando gli abitanti del Pianeta erano
3,5 miliardi) eravamo in pareggio il
1/11/2000, il 27/9/2011 e, ora, che
siamo 7 miliardi di abitanti dopo soli 8
mesi (234 giorni) abbiamo consumato
tutti i beni naturali che un Pianeta è in
grado di rigenerare nei 12 mesi!
E’evidente che urge cambiare modello
di sviluppo, a partire dall’economia e
dalla produzione agricola e industriale.“L’economia come se la gente e il
pianeta contassero qualcosa”. Il concetto stesso di earth global overshoot
(sovrasfruttamento), per quantificare
il rapporto tra la biocapacità della Terra di produrre risorse rinnovabili nel
corso dell’anno e l’impronta ecologica, ovvero la quantità di risorse e servizi richiesti dall’umanità in quello
stesso periodo di tempo. A Gandiglio

Incredibilmente commestibile !
TODMORDEN: La favola incredibile della cittadina che coltiva TUTTA la sua verdura.

incredibileedible
edible!
incredible

Dei ladri di verdure entrano indisturbati nelle aiuole fuori dalla stazione di polizia e raccolgono le verdure che vengono coltivate lì al
posto della triste erbetta e dei fiori similplasitca. Che oltraggio alla
polizia! Alla fine viene fuori che i “ladri di verdure” non sono per
niente ladri. Le carote della stazione di polizia – e le migliaia di
verdure nelle 70 grosse aiuole intorno alla città – sono lì per essere
raccolte. Le persone del posto sono stimolate ad aiutarsi a vicenda.
Un po’ di pomodori qui, una manciata di broccoli là. Se sono di
stagione, sono loro. Gratis! Dunque ci sono (o meglio c’erano): lamponi, albicocche e mele lungo il sentiero del canale; ribes nero, ribes
rosso e fragole dietro lo studio medico; fagioli e piselli all’esterno
del college; ciliegie nel parcheggio del supermercato, menta, rosmarino, timo e finocchio nei pressi dell’ospedale. Gli orti sono il segno
più visibile di un piano straordinario: rendere Todmorden la prima
città autosufficiente dal
punto di vista alimentare. “E’ un piano molto
ambizioso. Ma se non
miri a qualcosa in alto,
puoi anche stare a letto,
o no?” Qualunque italiano direbbe che qualcuno potrebbe prendersi
tutte le verdure o rovinare le coltivazioni:
semplicemente, questo
non accade. “Abbiamo
fiducia nelle persone.
Noi crediamo veramente – e siamo testimoni
di ciò – che le persone
sono oneste”.”Questa è
una rivoluzione, ma noi
siamo rivoluzionari
gentili. Tutto ciò che
facciamo è fondato
sulla gentilezza.” Quando “Incredible Edible”
fu avviato, una dei promotori fece una cosa
molto inusuale: abbassò
il muro che c’era di fronte, affinché stimolasse i passanti ad entrare
nel giardino e a servirsi di qualsiasi verdura di loro gradimento.
“C’erano dei cartelli che chiedevano alle persone di prendersi qualcosa dall’orto ma ci sono voluti sei mesi alla gente per capire che
ciò era davvero possibile” “Ora ci sono arrivati”. “Ovviamente, solo
qualche piccolo centro trasformato in orto – ma nemmeno migliaia
di essi – potranno mai sfamare da soli una comunità di 15.000 abitanti. Le patate alla stazione di polizia però funzionano come dei
sergenti di reclutamento, atti ad incoraggiare i residenti a coltivare il
proprio cibo a casa”. Oggi, centinaia di cittadini, che iniziarono ad
aiutarsi a vicenda per la verdura comunale, sono ormai sulla via per
raggiungere l’autosufficienza. Ma fuori sulla strada, che cosa viene
piantato? Dove? Chi lo pianta e coltiva? “C’è della gentilezza anche
in questo, in ogni pezzetto di aiuola pubblica, sulla massicciata della
ferrovia, nei terreni incolti, chi abita lì vicino adotta quella terra, gli
dedica un po' di tempo, gli da qualche seme, un po' d'acqua e di concime, magari ci mette un cartello col suo nome per prendersi il merito e la stima per aver fatto questo regalo ai suoi concittadini”.

Incredible Edible” è anche qualcosa di più: si tratta di educare le
persone sul cibo, e stimolare l’economia locale. Ci sono lezioni su
come raccogliere e conservare la frutta, corsi per fare il pane. L’idea
è che i giovani cresciuti lungo le strade di campagna possano fare
carriera in agricoltura. Fondamentalmente il programma è anche
quello di aiutare le imprese locali. “The Bear”, un negozio e una
meravigliosa caffetteria con una stupenda facciata in stile vittoriano,
prende tutti i suoi ingredienti dagli agricoltori entro un raggio di 50
chilometri. C’è un brillante mercato tutti i giorni. Qui la gente può
mangiare bene e con prodotti locali, e centinaia di persona lo stanno
già facendo. Nel frattempo, alla scuola locale è stato assegnato recentemente un assegno da 500.000 sterline, concessi per creare una
allevamento di pesci in grado
di fornire cibo per la gente del
posto e insegnare abilità utili ai
ragazzi. Jenny Coleman, 62
anni, che si è sistemato qui da
Londra, spiega: ”Abbiamo bisogno di fare qualcosa per i
giovani. Se hai 18 anni, ci deve
essere un’adeguata risposta alla
domanda: “per quale motivo
voglio restare a Todmorden?”
Il giorno che la visitai, la città
era scossa da una fredda tempesta. Eppure il posto irradiava
calore. Le persone parlavano
tra di loro per strada, i vicini ci
passavano accanto con la macchina, sorridendo. La frase
“siamo tutti sulla stessa barca”
ci balena subito in testa. Il progetto ha portato la comunità ad
avvicinarsi. Un esempio: “La
polizia ci ha detto che da quando il tutto è iniziato, c’è stata
una costante diminuzione di atti vandalici” “Non ci aspettavamo
questo”. Allora come mai è accaduto? “Se si prende uno spiazzo
d’erba di norma utilizzato come pattumiera e per far fare i bisogni ai
cani, e lo si trasforma in un luogo pieno di erbe e alberi da frutta, la
gente non lo danneggia. Penso che siamo programmati a non danneggiare il cibo”. Un progetto come Incredible Edible potrebbe prosperare in tanti altri luoghi. Iniziative analoghe sono in fase di sperimentazione in 21 altre città del Regno Unito. “Quello che abbiamo
fatto non è stato particolarmente intelligente. Semplicemente non è
stato fatto prima d’ora”. “C’è della nobiltà a far crescere del cibo e
permettere alle persone di condividerlo. C’è la sensazione che stiamo facendo qualcosa di significativo, oltre che lamentarci che lo
stato non può prendersi cura di noi. Forse abbiamo tutti bisogno di
imparare a prenderci cura di noi stessi”..
http://www.incredible-edible-todmorden.co.uk/

dom 1

NOTE ED EVENTI

lun 2
mar 3
mer 4
gio 5
ven 6
sab 7
dom 8
lun 9
mar 10
mer 11
gio 12
ven 13
sab 14
dom 15
lun 16
mar 17
mer 18
gio 19
ven 20
sab 21
dom 22
lun 23
mar 24
mer 25
gio 26
ven 27
sab 28
dom 29
lun 30

I GIOCA-CONSIGLI DEL
MESE: Sfida amici e parenti a fare meglio
di te , segna un punto per ogni obiettivo raggiunto .

GOOGLEcerca : incredibile edible

“

Quando Noè costruì l’arca non pioveva..”

LIBERO CONTADINO NATURALE impara a raccogliere le more selvatiche, a fermarti a guardare un tramonto sul mare, a "non fare" a osservare: a volte, il "non
fare", nell'agricoltura naturale, è spesso e, curiosamente,
molto più importante del fare. Perché, facendo, a volte, si
fanno più danni che benefici, se non si è pianificato prima. C. Torricella
LE PERLE DI FAMLONSKY Edonistico vs eudaimonico
L’uomo ricerca la felicità. Per qualcuno la felicità coincide con il piacere edonistico: l’appagamento dei sensi, il
relax e la mancanza di fonti di stress. Questo porta ad un
piacere altalenante, che varia in base alle condizioni esteriori. Un approccio diverso alla vita è quello di tipo eudaimonico: dall’esprimere sé stessi nel mondo, nel rafforzare le proprie capacità di affrontare i problemi, nella
crescita personale.
LOCALIZZARE... PERCHÈ? Perché l' economia localizzata in un area geografica ristretta, è favorita da una
regolamentazione fiscale e da una moneta locale per
l’acquisto dei beni di prima necessità. Sviluppo e salvaguardia delle risorse locali. Attività produttive di piccola
scala e di distribuzione corta. Anche le energie rinnovabili caratteristiche rientrano tra le risorse locali da potenziare nel rispetto dei limiti dettati dall’ambiente naturale.
Conseguente localizzazione delle attività lavorative, unitamente alla diminuzione delle ore di lavoro necessarie
alla sussistenza delle famiglie. Estrema cura delle relazioni umane in ambito lavorativo. Trasporti ridotti e circoscritti. Nelle città principalmente soddisfatti dalle biciclette per brevi tratte e dai mezzi pubblici elettrici e da
taxi e rishò con prezzi regolati per lunghe tratte. Sviluppo
del car sharing e del noleggio di automobili. Forte scoraggiamento a utilizzare l’auto privata in città. La localizzazione significa anche buoni e frequenti rapporti di vicinato che permettano una sussistenza reciproca, uno scambio
di idee oltre che di beni, servizi e di saper fare. Ciò contribuisce al miglioramento della socialità degli individui e
perciò alla loro stabilità emotiva, alla loro serenità interiore, nonché alla condivisione e al confronto di situazioni difficili e all’ampliamento della propria visione della
vita. Luca Madiai
Non tenere eccessivamente calde o fredde le stanze di
casa, limitando l’uso di caldaie a gas e climatizzatori
elettrici, preferire in ogni caso risorse energetiche rinnovabili e pulite

SAI CHI E’?: Sarge Latouche
SAI COS’E’?: la resilienza
IL FILM: Il pianeta verde

IL LIBRO:
“Svegliatevi” Larrouturou

Motivi per non usare l’auto in città:
L’auto ha una bassa efficienza energetica (funziona più da caldaia che da
motore di trazione)
SPEGNI I DISPOSITIVI ELETTRONICI Spegnendo completamente
gli elettrodomestici si risparmia molta
energia e quindi molta CO2. Infatti gli
standby continuano a consumare energia, quindi assicurati che tutte le spie
luminose degli elettrodomestici e delle
ciabatte siano spente! Spegni il modem
se non lo usi!
Cosa possiamo fare collettivamente:
Adozione di una “tecnologia intermedia” per la produzione di beni di prima
necessità con conseguente incremento
dei posti di lavoro. L Madiai
Preferisci l’usato al nuovo
Hai mai pensato di ricaricare da solo le
cartucce della tua stampante? Informati
riguardo ai prezzi su internet! Considera i
grandi benefici ambientali!

Il modo per capire se una pratica è
sostenibile è:
L’impronta ambientale
è un indicatore che
permette di calcolare la
quantità di superficie
terrestre necessaria per fornire a
ciascun essere umano le risorse di
cui ha bisogno e per assorbire i rifiuti che dalle sue attività derivano. Il
metodo è stato elaborato nella prima
metà degli anni '90 dalla British Columbia University.
In pratica consente di stabilire quanti
ettari della terra occorrono ad un individuo per produrre tutta l’energia e le
risorse materiali che consuma e per
assimilare i rifiuti che la stessa popolazione produce. Può essere calcolata
anche per ogni oggetto che usiamo o
per ogni attività che pratichiamo.
Se vuoi partecipare alla realizzazione calendario del cambiamento 2014 inviaci i
tuoi testi, le tue idee, citazioni suggerimenti: calendariodelcambiamento@gmail.com
grazie Kelios Bonetti

Cohousing
cohousing
e’ tempo di vivere vicini e solidali.
Un termine nuovo per un modo vecchio di abitare, “cohousing”
significa infatti vivere in una casa in cui a fianco al proprio appartamento vi sono alcune stanze pensate e progettate per essere utilizzate da più famiglie e spazi esterni comuni. Ci sono diverse formule
con più o meno spazi in comune, si va dall'avere solo una stanza da
letto e un bagno privati e tutto il resto in comune ad avere solo la
piscina e la biblioteca in comune. Questo riduce di molto i prezzi
perché le varie parti che possono essere messe in comune (cucina,
salotto, lavanderia stireria, sala tv, biblioteca, piscina, palestra area
relax, sauna, giardino, orto, garage, terrazze) non vengono pagate da
uno solo, il prezzo viene suddiviso tra tutti i partecipanti al progetto.
Pensate a quanto costa fare una cucina... Pensate di comprare un
appartamento pagando solo la camera da letto e il bagno più una
percentuale di tutti gli altri servizi a disposizione: invece che
200.000 euro ne paghereste solo 30.000
come hanno fatto in Olanda. Inoltre
potendo dividere i costi ci si possono
permettere finiture di qualità e le aree
comuni diventano soprattutto delle aree
di socialità. È più bello fare la lavatrice
tristemente da soli, o scambiare 4 chiacchiere in allegria con la vicina, che intanto stende i panni nella lavanderia
comune anziché in un triste stendino in
mezzo alla propria sala da pranzo? E’
meglio lasciare il bambino tutto il pomeriggio a guardare i cartoni o vederlo
giocare a nascondino con gli amici? Un
po’ il concetto del cortile e della vita di
buon vicinato così comune fino a qualche decennio fa. I cohousers non sono
estremisti no-global ma vicini di casa
disponibili, single, giovani e coppie
nauseati dall’etica consumistica, studenti che non vogliono pagare alti affitti
per anni, anziani ancora in gamba,
mamme sole che faticano a conciliare i
tempi della famiglia con quelli del lavoro, genitori che sognano per i loro bambini un’infanzia allegra e non stressante. Oggi l’insicurezza delle relazioni affettive e la rigida separazione
delle nostre abitazioni le une dalle altre hanno conseguenze sugli
anelli più deboli della catena: i bambini fanno fronte alla solitudine
rimanendo a casa per ore davanti ad un monitor, le giovani mamme
vengono colte da depressione e aggressività, gli anziani vengono
ritrovati dieci giorni dopo il decesso, soli. Nel cohousing , pur non
essendo tutto idilliaco, la dimensione è quella del “villaggio”, che
ha caratterizzato per millenni ogni società e permesso una vita
senz’altro più armoniosa ed equilibrata di quella che stiamo affrontando oggi.
Il cohousing italiano si basa su tre pilastri: la sostenibilità sociale,
ovvero la possibilità di ritrovare uno stile di rapporti basati sul rispetto e la buona comunicazione fra le persone ; la sostenibilità ambientale, cioè compiere sempre scelte ecologiche, dalla costruzione
o ristrutturazione della casa all’alimentazione; la sostenibilità economica, vale a dire il piacere di spendere meno riducendo gli sprechi, riparare e non gettare, autoprodurre cibo, beni e servizi dimostrando che il ben-essere non ha alcuna relazione col ben-avere.
Proverbio romagnolo: “avere buoni vicini di casa è come avere
una casa più grande”

Un esempio pratico: dal
2009 l’associazione “cohousing solidaria
“ di Ferrara ha tra le sue finalità quella di
promuovere esperienze innovative
dell’abitare basate sui principi del cohousing, ha infatti acquistato
un bel terreno in città per poter realizzare questo bisogno. Si è progettato insieme che gli spazi comuni saranno destinati ad una grande
cucina con camino, una stanza per lavatrici, biblioteca, laboratori,
wireless comune, un grande orto e frutteto, una tartufaia i cui proventi finanzieranno alcune spese comuni. Si faranno il più possibile
acquisti collettivi e si condivideranno i mezzi di trasporto, dimostrando che migliorare la qualità della propria vita è possibile, al
normale costo di una normale casa.
Le difficili traversie economiche
dell’Italia e la
nostra dipendenza
dai combustibili
fossili sempre di
più ci spingono a
considerare con
urgenza modi
alternativi di vivere, consumare e
riscaldarci; anche
il purtroppo recente terremoto
nell’ Emilia ha
rafforzato la nostra considerazione di quanto siano
importanti la vicinanza e l’aiuto
reciproco, di
quanto poter contare su una comunità solidale possa essere determinante in caso di emergenza e non
solo.
Il dubbio: “ bellissima idea ma si litigherà come in tutti condomini!”. L’esperienza di gruppo di questi tre anni ci permette di ribattere con sicurezza, perché ha fatto parte del percorso un grande lavoro sulla comunicazione, i conflitti inevitabili una volta al mese è
presente un “facilitatore” che incoraggia i più restii ad esprimersi,
frena i più loquaci e permette di gestire ogni riunione e progetto in
modo proficuo. La carta costituzionale del cohousing ferrarese precisa che “… scopo è creare un insieme di famiglie intenzionate a
favorire le relazioni e il mutuo aiuto tra vicini di casa, condividendo
valori, tempi e progetti all’insegna delle 5 r cioè ridurre, riciclare,
riutilizzare, rispettare, rallentare”. Ogni acquirente, al momento del
compromesso, firmerà questa carta costituzionale, impegnandosi a
condividere i valori che hanno ispirato i fondatori.
www.cohousingsolidaria.org

mar 1

NOTE ED EVENTI

mer 2
gio 3
ven 4
sab 5
dom 6
lun 7
mar 8
mer 9
gio 10
ven 11
sab 12
dom 13
lun 14
mar 15
mer 16
gio 17
ven 18
sab 19
dom 20
lun 21
mar 22
mer 23
gio 24
ven 25
sab 26
dom 27
lun 28
mar 29
mer 30
gio 31
I GIOCA-CONSIGLI DEL
MESE: Sfida amici e parenti a fare meglio
di te , segna un punto per ogni obiettivo raggiunto .

GOOGLE cerca : ecovillaggio
YOUTUBE cerca: casa fatta con
balle di paglia
SAI COS’E’?:bioedilizia
IL DOCUMENTARIO:
Timber frame house

“

Avvelenare i consumatori è male. Quando muoiono non ti comprano più niente”. Jacopo Fo

Nei mesi seguenti al cambio dell’ora c’è ogni anno un picco di
suicidi. È dimostrato che la ridotta esposizione alla luce solare
aumenta l’incidenza della depressione. Di sicuro siamo tutti più
tristi quando usciamo dal lavoro e viene subito buio, non abbiamo
neppure il tempo di fare una passeggiata, una corsa, portare fuori il
cane. Perché continuiamo a cambiare l’ora sottoponendoci a questo? Una volta si risparmiava perché la maggior parte dei lavori
non poteva essere fatta con il buio. Oggi la maggior parte dei lavori
sono indipendenti dalla luce esterna. Tu cosa ne pensi? Vorresti
avere un po' di luce in più il pomeriggio per goderti qualche ora
dopo il lavoro? Ti sei informato veramente se c’è un risparmio per
il cittadino?

LIBERO CONTADINO NATURALE Sii pietoso con le
tue piante e con i tuoi alberi da frutto e pota e cura ciò che
sta male e ciò che muore, per dare ad esso l'ultimo soccorso
ed una ulteriore possibilità di vita; se il susino malato resiste, crescerà bene e prospererà persino più delle altre piante,
poiché una pianta è un essere vivente e se tu gli hai dato
amore, non solo acqua, concime e, quando serve, potature,
essa, se può, sicuramente ti ringrazierà. C. Torricella
LE PERLE DI FAMLONSKY Etica
Un individuo cresce nel suo grado etico da un livello preconvenzionale (nell’infanzia) ad un livello convenzionale,
che possiamo definire come “socializzazione e rispetto delle
regole”. La capacità cambiare prospettiva (una persona ha la
capacità di uscire fuori dal proprio punto di vista – egocentrico - e di mettersi “nei panni dell’altro”) promuove un ulteriore sviluppo del livello etico individuale, lo definiremo
post-convenzionale: l’agire etico avviene ora per scelta. La
regola d’oro “tratta gli altri come vorresti essere trattato”, è
un buon punto di partenza, ma può evolvere in un più maturo: “tratta gli altri come loro vorrebbero essere trattati.”
Quando si fa un regalo, meglio regalare un biglietto per un
concerto, per un corso di autoproduzione o per uno spettacolo, piuttosto che riempirsi le case di cose inutili
Dal 2001 con il passare degli anni si sono sempre dati più
soldi pubblici alle scuole private per attirare sempre più
clienti. Mediamente i 2/3 delle famiglie che mandano i figli
alle private e che chiedono ed ottengono il buono scuola
hanno un reddito superiore a 30mila euro annui: il contributo regionale va quindi a beneficiare famiglie con redditi medio-alti. Il 10% degli studenti lombardi frequenta scuole
private e riceve l'80% dei finanziamenti che la Regione destina alla scuola. La scuola privata gode di enormi benefici:
è ora di dire basta in base al principio di giustizia sociale. Le
normative hanno istituzionalizzato e legittimato un privilegio incostituzionale per le scuole private. La libertà di scelta
offerta dal privato non deve essere sovvenzionata dal pubblico come recita l'art. 33 della nostra Costituzione .
IL LIBRO: Creare una vita insieme
Diana Christian ed. Fiori gialli

Motivi per non usare l’auto in città:
L’auto oggi non rappresenta il mezzo
urbano più conveniente (in termini di
tempo e di costo).
C O N S UM A M E NO C A R N E
L’allevamento degli animali comporta
la produzione di molti gas a effetto
serra quali ad esempio il metano. Puoi
ridurre il consumo di carne stabilendo
almeno due o tre giorni alla settimana
senza carne, ad es. il martedì e il venerdì!
Cosa possiamo fare collettivamente:
Basare l’economia regionale sulle
risorse agricole recuperando terreni
pubblici inusitati o da recuperare.
L Madiai
La democrazia elvetica. Nei secoli
passati le comunità elvetiche si promettono assistenza reciproca e incondizionata contro qualsiasi avversario,
rifiutano che la giustizia sia amministrata da funzionari stranieri, pretendono che i giudici siano scelti fra loro e
che in caso di conflitti fra le comunità
si ricorra ad un arbitro. Le comunità
delle vallate vogliono salvaguardare le
libertà ed amministrare esse stesse i
loro beni. E' DAL BASSO dunque che
si governa, a differenza delle regole in
vigore nelle altre nazioni. E' nella Costituzione del 1874 che viene iscritto il
diritto di referendum (deliberativo) e
nel 1981 viene pure iscritto il diritto
dell'iniziativa popolare, entrambi sempre con effetto esecutivo. La Svizzera
diventa ufficialmente una "democrazia
semidiretta" con due diritti di un'ampiezza ancora oggi introvabile e impensabile altrove. Tommaso Orazi
www.democraticidiretti.it
Elogio dell’abbraccio: In un abbraccio ritrovi te stesso, in un abbraccio ti
fondi con l’universo, in un abbraccio
trascendi ogni sofferenza, in un abbraccio cancelli ogni intolleranza, in
un abbraccio nasci nuovamente, in un
abbraccio sorride tutta la gente. Luca
Madiai

Marinaleda una città
in autocostruzione
“Un’ utopia verso la pace”
Marinaleda in Andalusia è un posto dove le cose funzionano in
modo completamente diverso dalle priorità del sistema dominante e dalla legge del massimo profitto. Comprare una casa
costa 15 euro al mese per 90 anni, chi vuole un edificio nuovo
deve partecipare attivamente alla costruzione lavorandoci per
almeno 450 giorni. La disoccupazione è a zero grazie a otto cooperative agricole che danno lavoro a tutti e tutti percepiscono lo
stesso stipendio: 1.128 euro al mese. Anche in Comune tutti hanno lo stesso salario, sindaco compreso. L'asilo costa 2 euro al
mese, tre per entrare nella piscina comunale o in palestra. Ogni
anno vengono fatte almeno 40 assemblee cittadine, per dar modo a tutti di parlare ed esprimersi.
MA COME HANNO FATTO? CON L'AUTOCOSTRUZIONE
E LA CONDIVISIONE...
Il programma dell'Amministrazione si realizzò con questo schema:
-il terreno, una volta passato in mano al Comune, viene ceduto gratuitamente dal comune all'autocostruttore
-grazie ad una convenzione con il governo regionale andaluso ed il
cosiddetto P.E.R. (Plan de Empleo Rural) si possono acquistare i
materiali da costruzione e consegnarli all'autocostruttore
-vengono messi a disposizione, sempre in maniera gratuita, alcuni
operai edili disposti a seguire i cantieri -progetto della casa, redatto
da architetti, è gratuito; gli autocostruttori possono inoltre partecipare attivamente allo sviluppo del progetto e richiedere modifiche migliorative

Le case, delle villette a
schiera su due piani, sono
dotate di tre camere da
letto, un bagno ed un patio (o giardino) di 100
mq, in grado di consentire
una futuro ampliamento
della casa già previsto nel
progetto iniziale. Le ore
impiegate nell'autocostruzione vengono scontate dal costo di costruzione totale della casa; in questo modo questa attività lavorativa viene
convertita in salario indotto. In un paese di 3000 abitanti circa, più di
350 case unifamiliari sono state costruite secondo questo metodo.

PARTECIPAZIONE COLLETTIVA. Il sindaco vuole tutti i cittadini presenti e partecipi a ogni decisione: "Per questo facciamo almeno 40 assemblee all’anno. Presentiamo il bilancio comunale e decidiamo insieme ogni progetto.
IN CITTA' NESSUNO SPRECO. A Marinaleda non c’è un corpo
di polizia (con un risparmio di almeno 260 mila euro l’anno), ma tutto il resto non manca: scuole moderne, un comprensorio sanitario
attrezzato, un centro culturale, uno per i pensionati, uno sportivo, una
piscina, e un parco giochi per i più piccoli. Inoltre niente auto di servizio né cellulare agli eletti. “Per questo abbiamo le tasse più basse di
Spagna: 5 euro l’anno per la spazzatura o per l’acqua”.
PIENA OCCUPAZIONE.
L'altro fattore importante che dimostra che “un altro mondo è
possibile”, almeno secondo i sostenitori di questo modello, è la
disoccupazione. Il tasso di disoccupazione in Spagna è il 25% in
Andalusia oltre il 30%, ma a Marinaleda non c'è disoccupazione
grazie alla cooperativa “El Humoso”, in cui 500 famiglie trovano
impiego e sono cooproprietarie, ricevendo 47 euro al giorno per
sei ore e mezza di lavoro, 1.125 euro al mese. Lo stesso salario
sindaco, consiglieri e spazzini. La cooperativa oltre ai muratori
che aiutano gli autocostruttori, da lavoro a coltivatori che coltivano carciofi, peperoni, fagioli e grano. I prodotti, marca Humar, si
commercializzano poi in tutta la Spagna. Colture diversificate:
olive, peperoni rossi, fave, carciofi, per avere raccolti tutto
l’anno. Ma la terra non dava lavoro a tutti e così hanno impiantato la prima industria agroalimentare di proprietà collettiva, che
impiega un centinaio di persone.
Altri segni distintivi di Marinaleda sono le “giornate comunali”,
durante
le quali la popolazione pulisce le strade, coltiva i giardini,
Il processo di “autocostruzione” inizia con l’assegnazione del
luogo ceduto gratuitamente dal comune all'autocostruttore e dei mu- insomma fa di tutto per rendere più accogliente il territorio.
ratori da parte del Comune. Successivamente, la Junta de Andalucia
Il sindaco di Marinaleda riflette:“Siamo al centro di un’enorme truffa
(il governo andaluso), presta i soldi per i materiali e l’acquirente
della casa se la costruisce lui stesso (altrimenti paga 45 euro al gior- economica, i mutui sono un pattume artificiale, anche quello immobino per muratori ed elettricisti). Attualmente, la rata mensile è di 15 liare un problema artificiale. Il business del mattone ha prodotto 600
euro, che restituisce il prestito di materiali per l’abitazione, che fini- mila case invendute, con 250 mila andalusi tuttora alloggiati in catapecchie. Da noi, invece, il diritto alla casa è reale e lo stesso vale per
rà per diventare proprietà dell’acquirente. Proprio così questo è il
prezzo delle abitazioni a Marinaleda (e senza ipoteche). In cambio, la terra coltivata."
gli assegnatari si impegnano a lavorare per 450 giorni alla costruzio- Marinaleda allora può essere un modello? “Io sostengo di sì senza
ne e a non cedere la casa, per evitare speculazioni.
rivoluzioni”, replica il sindaco. “Perché non tassare gli utili delle banLa realizzazione di questo tipo di casa si basa su un sistema di auto- che?”, rilancia. “ O perché non sottoporre a referendum le decisioni
gestione ed assemblee periodiche: gli autocostruttori si riuniscono
che pochi prendono per il resto d’Europa, quando Internet consente
una o due volte al mese per seguire il corso dei lavori o stabilire
una consultazione permanente?”. “La nostra” conclude è una piccola
modifiche ai progetti su carta.
isola in un deserto capitalista, alla quale ogni giorno ognuno di noi
CITTA' NON COLPITA DALLA CRISI. Se nel resto del mondo apporta un granello di sabbia. Perché crediamo che ognuno debba
dare il proprio contributo”. Secondo il sindaco "E' necessario avere
infatti la recessione piega l’economia, soprattutto in Spagna alle
degli istituti finanziari sotto il controllo dei cittadini e smetterla di
prese con la disoccupazione, a Marinaleda le difficoltà del Paese si seguire Angela Merkel con la linea bancario-capitalista". Siamo in
leggono solo sui giornali, qui, a detta del primo cittadino, non ci
una dittatura economica. "Perché non esportare Marinaleda in Europa?" si chiede il sindaco e forse dobbiamo iniziare a chiedercelo ansono indigenti, ipoteche, nullatenenti o politici corrotti.
che noi.

ven 1

NOTE ED EVENTI

sab 2
dom 3
lun 4
mar 5
mer 6
gio 7
ven 8
sab 9
dom 10
lun 11
mar 12
mer 13
gio 14
ven 15
sab 16
dom 17
lun 18
mar 19
mer 20
gio 21
ven 22
sab 23
dom 24
lun 25
mar 26
mer 27
gio 28
ven 29
sab 30

I GIOCA-CONSIGLI DEL
MESE: Sfida amici e parenti a fare meglio
di te , segna un punto per ogni obiettivo raggiunto .

YOUTUBE cerca:
impronta ambientale
SAI CHI E’?: Jacopo Fo

“

I troiani non mi hanno fatto niente! “ (Achille figlio di Peleo)

LIBERO CONTADINO NATURALE autoproduci da
solo i tuoi semi, le tue piantine, i tuoi concimi naturali,
persino la tua acqua di irrigazione: sii autonomo.
C. Torricella

Motivi per non usare l’auto in città:
L’auto divora risorse preziose e non
rinnovabili come gli idrocarburi.

LE PERLE DI FAMLONSKY Stati di coscienza
Tutti gli esseri umani, ad ogni stadio di crescita, hanno a
disposizione questi quattro stati di coscienza. Lo stato di
veglia, grossolano; lo stato di sogno, sottile; lo stato senza forma, causale (esperito nel sonno profondo senza
sogni, o come esperienza meditativa); lo stato di testimone, che è la capacità di testimoniare tutti gli altri stati.
Esiste poi la consapevolezza non-duale, che non è uno
stato vero e proprio ma è la base sempre presente di tutti
gli stati (e che può essere esperita come tale).

GESTIONE RIFIUTI: San Francisco,
7 milioni di abitanti, ha raggiunto il
78% di raccolta differenziata dei rifiuti
(e senza inceneritori). Qualcuno ancora
pensa che nelle grandi città non si possa
fare?

Non acquistare o consumare bevande in bottiglie di
plastica, non usare piatti e bicchieri di plastica frequentemente
I NUMERI DELL’ENERGIA: LA VERITA’ SULLE
ENERGIE VERDI: La produzione di energia elettrica
in Italia, da sempre appannaggio indiscusso delle fonti
energetiche tradizionali non rinnovabili, derivanti dai
combustibili fossili, gas naturale, petrolio, carbone, appare negli ultimissimi anni coperta, in misura sempre più
rilevante, dalle energie derivanti da fonti rinnovabili, che
sono riuscite a coprire, nella prima parte del 2012, oltre
un quarto della produzione totale di energia elettrica del
Belpaese. Dal gennaio all’agosto 2012, infatti, secondo il
rapporto pubblicato da Terna, la domanda di energia elettrica nazionale è stata esaudita per il 26,1% dalle rinnovabili elettriche, con grande protagonista il fotovoltaico che,
con 13,7 TWh prodotti (dati aggiornati al 31 agosto di
quest’anno), ha coperto da solo il 6,3% della produzione
di energia elettrica italiana. Analizzando nel dettaglio il
rapporto mensile di Terna sul sistema elettrico, invece,
focalizzato sul mese di agosto 2012, si evince che la produzione di elettricità derivante dal fotovoltaico sia stata
pari a 2.240 GWh, con una crescita rispetto all’agosto del
2011 che supera il 49%, con un picco nel giorno di punta
di 49.472 MWh prodotti. L’ascesa del fotovoltaico emerge poi in misura ancora più ampia se si confrontano i dati
di quest’anno con quelli del periodo gennaio-agosto del
2011, dai quali emerge l’incremento del 106%
dell’incidenza del fotovoltaico sul fabbisogno energetico
elettrico rispetto ai dati relativi allo scorso anno .
IL LIBRO_ “io libero contadino” Cristiano torri
cella, il libro mostra l’agricoltura naturale nei suoi
aspetti pratici e filosofici
DOCUMENTARIO: Il diario del saccheggio

SAI COS’E’?: alcatraz
IL LIBRO:“Cohousing e condomini
solidali” Mathieu Lietaert
IL FILM: La fattoria verde

STACCA GLI ELETTRODOMESTICI
Stacca dalle prese i caricatori
dei telefoni e dei cellulari, i piccoli elettrodomestici o gli interruttori delle ciabatte se non in uso!
Cosa possiamo fare collettivamente:
Regolamentare pesantemente le grandi
attività finanziarie e ridimensionare il
ruolo e il potere delle multinazionali.
L Madiai
Il picco del petrolio ormai è superato, il
petrolio restante ormai diverrà sempre più
costoso da estrarre.
Non tutti sanno che la maggior parte delle
medicine sono prodotte usando il petrolio
come materia prima … Come faremo quando non ce ne sarà più?
Non tutti sanno che l’agricoltura si basa sul
petrolio. Non solo per i trattori, soprattutto
perché tutti i fertilizzanti sintetici sono derivati dal petrolio... Come faremo quando non
ce ne sarà più?

SOSTENIBILITA'
La comunità è un ingrediente chiave per
la felicità. Le ricerche confermano in
modo pressoché universale che li sentimento di connessione con gli altri è un
bisogno umano fondamentale. Le economie locali, basate sulla comunità,
sono cruciali anche per il benessere dei
nostri bambini, poiché forniscono loro
modelli di vita e un senso di identità
sano. Studi recenti sull'infanzia rivelano
l'importanza, nei primi anni di vita, di
imparare il proprio ruolo in relazione ai
parenti e alla comunità in generale.
Questi sono i veri modelli a cui rifarsi,
non gli stereotipi artificiali che si possono rintracciare nei media.

GAAS:
GAAS
Gruppi di Autoproduzione e Acquisto Solidale
ovvero GAS 2.0

GAAS

GAAS sta per Gruppo di Autoproduzione e Acquisto Solidale. Come dice il nome è un gruppo di persone che acquista
prodotti insieme in modo solidale (un gas normale in pratica),
ma che sull'onda dei movimenti della decrescita e della transizione ha deciso fare un passo in più: autoprodurre in modo
solidale una parte dei beni di cui abbisogna.
Perché farlo? Secondo molti è più comodo che tutta la famiglia passi la giornata a stressarsi in ufficio e poi per avere
qualche soddisfazione e paracadute morale comprare dei prodotti da un gas. Ovviamente tutti i punti di vista sono giusti a
seconda dei criteri con cui li si valutano. Dal punto di vista
della crescita del PIL è ottimo questo menage, che ci porta a
stressarci facendo per troppe ore al giorno un lavoro alienante
che non ci gratifica e ci rende totalmente dipendenti dal lavoro
salariato, dipendenti dal mercato, soddisfatti solo nel comprare
e nel consumare, senza più tempo per dedicarci a ciò che ci fa
stare bene e ai nostri affetti. Se però andiamo a valutare questo
stile di vita in base al benessere interiore, alla sostenibilità, alla
resilienza, alla quantità e qualità delle relazioni, vediamo che è
un metodo che può essere migliorato.
Come? Partecipando a un gruppo in
cui beni vengono in parte autoprodotti è secondo i criteri appena elencati un grande salto di qualità! Infatti
si ha la soddisfazione di creare qualcosa con le proprie mani, di avere i
complimenti degli altri, di donare e
scambiare i prodotti, questo porta a
dei rapporti sociali e quindi ad una
qualità di vita superiori, senza parlare dei vantaggi economici.
Non dimentichiamo che la parola
comunità deriva dal latino “cum
munus” “con doni”, secondo quel
meccanismo ben radicato nelle zone
rurali fino agli anni ottante per cui se
una persona ti donava un cesto di
insalata sovraprodotta poi si aveva il
piacere di ricambiare con un cesto di
uova o di formaggio un pò più abbondante, per “fare bella figura” per aumentare la stima. Questo rafforzava i rapporti delle comunità. Fermiamoci ora un
attimo a pensare come nel periodo delle feste la macchina del
consumo abbia snaturato questa naturale e sana tendenza, costringendo molti in una spirale di regali ove ci si sente obbligati a fare e ricambiare regali inutili.
Ora tutti staranno pensando che è impossibile autoprodursi
qualcosa al giorno d'oggi... e che non è conveniente dal punto
di vista economico. Non è affatto vero e ci sono già molte
realtà che lo dimostrano. Una volta ce la facevano e ce la possiamo fare anche oggi. Certo una volta avevano più tempo, ma
una volta non avevano i GAAS e non sfruttavano a pieno la
potenza della solidarietà e della rete dei rapporti.

Mi spiego meglio: oggi abbiamo poco tempo perché siamo completamente
dipendenti dal mercato per i nostri bisogni, e il mercato segue la teoria del
massimo profitto, quindi paga poco il lavoratore, ma fa pagare i prodotti il
più possibile. Il risultato è che lavoriamo tutto il giorno per comprarci ciò
che ci serve (e anche ciò che non ci serve) e dobbiamo comprare tutto perché non abbiamo tempo e forze per produrci qualcosa. Però se in un gruppo ognuno produce una cosa per se e per gli altri e poi la distribuisce e la
scambia, ci si trova ad avere un paniere di prodotti autoprodotti e non un
solo prodotto. Consideriamo che produrre yogurt o pane per 10 persone
invece che per una sola richiede solo una decina di minuti in più. Quando
poi una persona prende delle attrezzature specifiche e si specializza in una
produzione i tempi si riducono e la qualità aumenta. Quindi i partecipanti
del gaas scambiandosi a vicenda i prodotti con un paio d'ore di lavoro riescono ad avere i prodotti che da soli produrrebbero in una ventina di ore.
Infatti facendo i conti (vedi ad esempio il sito www.bilancidigiustizia.it )
queste persone in quelle 2 ore arrivano a risparmiare anche cinquanta euro
l'ora. Per la generazione 1000 euro al mese è un decimo dello stipendio in
un pomeriggio. Se col tempo il gaas prende piede e il numero di prodotti
aumenta qualcuno può persino passare ad un lavoro part-time avendo più
tempo da dedicare a sé (e magari a altre autoproduzioni). Attualmente i
GAAS stanno avendo 2 sviluppi interessanti: il primo è che molte persone che non
hanno ancora le capacità per autoprodurre
chiedono di partecipare al GAAS pagando
le materie prime necessarie per le autoproduzioni. Il secondo è che ci sono stati alcuni artigiani (elettricisti, falegnami muratori
etc), che per poter partecipare al gaas si
propongono di fare dei lavoretti presso gli
autoproduttori. In pratica un connubio tra le
banche del tempo e i gaas.
Quindi riassumendo ecco quali sono i
vantaggi dell'autoproduzione solidale in
gruppo di persone: soddisfazione personale nel realizzare qualcosa di qualità,
aumento della sostenibilità e della resilienza, maggior indipendenza dal mercato, minor dipendenza dal lavoro salariato, maggior tempo per se stessi, migliori
rapporti interpersonali e a quindi una
miglior qualità di vita.
COSA AUTOPRODURRE E COME? Per il
cosa basta vedere quello che compriamo e usare la fantasia per capire se
possiamo produrre. Come? Basta cercare su internet tramite
www.google.it www.wikipedia.it www.youtube.it
Qualche suggerimento:
PANE: w w w . y o u t u b e . c o m / w a t c h ?v=nAMBSgm2MKs
PASTA: www.youtube.com/watch?v=qtBuI9QO1SAPONE: http://autoproduzione.blogspot.com/search/label/sapone
CONFETTURE: e te lo devo spiegare io?Chiedi a una nonna vah!
BIRRA: www.cabut to.org/autoproduzione/?tag=birra
YOGURT: www.tuttogreen.it/come-fare-lo-yogurt-incasa-autoproduzione
FORMAGGIO: http://gasci t t a n o v a . b l o g s p o t . c om/ 2 0 0 9 / 0
5 /autoproduzione-formaggio.html
VERDURA E FRUTTA: come ben sai se non abiti in centro città, con un
piccolo orto si produce così tanta verdura che d'estate gli ortolani non sanno più a chi regalarla. Se però non hai terra ma hai solo un balcone o un
davanzale: http://www.florablog.it/2008/04/14/

dom 1

NOTE ED EVENTI

lun 2
mar 3
mer 4
gio 5
ven 6
sab 7
dom 8
lun 9
mar 10
mer 11
gio 12
ven 13
sab 14
dom 15
lun 16
mar 17
mer 18
gio 19
ven 20

“

Un uomo senza fiducia nel cambiamento è un uomo vinto”

METODO DEL CONSENSO

.

Il metodo del consenso è una forma per prendere decisioni di
modo che esse siano cooperative e non coercitive. In genere
richiede qualche sforzo per essere capito e praticato, e un po’
di esperienza per funzionare bene. In breve: un gruppo di
persone si riunisce, solleva una questione, la discute, ipotizza
varie soluzioni e sceglie quella che soddisfa l’intero gruppo.
Il metodo del consenso è lo spirito che informa il processo,
ovvero la volontà di venirsi incontro, più che la forma del
processo stesso. Tenere quindi presente, che quando lo si usa
non è necessario avere “vincitori e vinti” in una discussione:
potrà esserci un’idea totalmente nuova che terrà insieme le
prospettive ed i desideri di tutti e tutte. Tommaso Orazi
UN EURO RISPARMIATO E’ UN EURO GUADAGNATO

Quest'anno non fare regali ricorda il loro impatto ambientale, ricorda che per farli sei costretto a lavorare invece che
dedicarti a ciò che ti rende felice o a chi ti sta a cuore.
Chiacchiera di qualcosa di interessante con i tuoi amici e
parenti. Fagli questo come regalo: regalagli un'idea nuova o
qualcosa di autoprodotto spiegandogli perché e meglio, e
come regalo chiedigli di non regalarti nulla di comprato.
Chiedigli di atoprodurre e regalare qualcosa a tutti (sapone,
pane, yogurt, etc).Se proprio non ce la fai a far regali regala l'edizione 2014 di questo calendario ;) Kelios Bonetti

sab 21
dom 22
lun 23
mar 24
mer 25
gio 26
ven 27
sab 28
dom 29
lun 30
mar 31

I GIOCA-CONSIGLI
DEL MESE:Sfida amici e parenti a
fare meglio di te , segna un punto per ogni obiettivo raggiunto.

GOOGLE cerca : retegas
YOUTUBE cerca :
autoproduzione
IL DOCUMENTARIO: http://
www.theeconomicsofhappiness.org/

Un anno di prigione costa più di un anno a Princeton:
Un anno all'Università di Princeton: 37.000 dollari americani. Un anno nella prigione di stato del New Jersey: 44.000
dollari. Mentre l'università è un'esperienza positiva che
aumenta il potenziale di guadagno durante l'arco di vita, la
prigione è quasi un vicolo cieco. Nonostante queste carenze, questo grafico rende chiaro l'ampio divario presente
negli Stati Uniti: essi hanno il più alto tasso di incarcerati
rispetto alla popolazione, ma è solamente sesta nel mondo
quando si parla di tasso di laureati. La spesa del governo,
ovviamente, rispecchia questi risultati. Denis Gobbi
E' ORA DI CAMBIARE
Malgrado l'immensità della crisi che stiamo affrontando,
convertirsi a economie basate sulle comunità locali rappresenta una soluzione di grande potenza. Come ha affermato
Kali Wendorf, direttore della rivista Kindred: “La via d'uscita è in realtà abbastanza semplice: spendere più tempo
con gli altri, nella natura, in situazioni collettive, che ci
diano un senso di comunità, come i mercatini ad esempio, o
anche acquistare frutta e verdura nei negozi dietro l'angolo.
Non significa tornare all'età della pietra. Vuol dire tornare
alle fondamenta delle relazioni”.
In un eco villaggio conobbi un attore di cui persi la mail
che mi disse “Il mondo va così male perché le donne hanno
perso la capacità di sorridere” al momento non avevo capito cosa intendesse per “sorridere”
IL LIBRO:Scarica e diffondi:
“L’altra via” di Francesco Gesualdi

COMBATTI IL CAMBIAMENTO
CLIMATICO!!! Sarai un eroe!
Cosa possiamo fare collettivamente:
Crea e sviluppa una politica di localizzazione dei servizi e della produzione e
quindi del lavoro. L Madiai
MOBILITÀ SOSTENIBILE: IL
GIRO DEL MONDO IN AUTO ELETTRICA: A. Guy e X. Degon, due
giovani ingegneri francesi, hanno terminato il loro giro del mondo in auto
elettrica, una Citroën C-Zéro. 7 mesi di
viaggio, 17 paesi attraversati, 23.366
km percorsi. Il tutto al costo di 250
euro di elettricità. “Se con un veicolo
elettrico abbiamo potuto fare il giro del
mondo, passando dal deserto del Gobi
e dalle strade disastrate del Laos, questo prova davvero che si può utilizzarlo
per andare al lavoro, fare le proprie
attività o portare i bambini a scuola” ha
dichiarato Degon. L'importante è non
portare i bambini a scuola nel deserto
del Gobi.
All’ombra dell’ultimo sole si era assopito
un pescatore accanto alla propria barca, un
affarista lo vide:
Affarista-Perché non stai pescando?
Pescatore– Perché ho già pescato abbastanza pesce per tutto il giorno…
A-Perché non ne peschi ancora?
P– E cosa ne farei?
A-Guadagneresti più soldi. Allora potresti
avere n motore da attaccare alla barca per
andare al largo e pescare più pesci. Così
potresti aver più denaro per acquistare una
rete di nailon, e avendo più pesca avresti
tanto denaro da poterti comprare due barche o addirittura una flotta, allora potresti
essere ricco come me…
P– E a quel punto cosa farei?
A– potresti rilassarti e goderti la vita!
P– COSA PENSI CHE STIA FACENDO
ORA?
Stefano Salinetti citazione da zerogas
Se vuoi partecipare alla realizzaaizone
calendario del cambiamento 2014 inviaci i
tuoi testi, le tue idee, citazioni suggerimenti: calendariodelcambiamento@gmail.com
grazie Kelios Bonetti

IL FILM: Idiocrazia

Quest’anno hai intuito che ci sono 5 grandi crisi in atto
•
•

•

•
•

crisi finanziaria
crisi economica
crisi energetica
crisi ambientale
crisi sociale

Tabella calcolo punteggi giocamese(per non prender le crisi troppo sul serio)
mese gen feb

mar apr

mag giu

su

ago set

ott

nov dic

A
B
C
D

ma la crisi è una grande occasione per cambiare !
Quest’anno hai letto molti modi per fare un cambiamento …
Quindi facciamo un cambiamento verso un mondo di idee
nuove, un mondo migliore !

Il mondo che tutti vorremmo è iniziato nel
cambiamento dentro di te!
Non aver paura di sognare il mondo che vorresti!
Scrivi cosa non ti piace di questo mondo
Scrivi cosa si dovrebbe fare per migliorarlo
Scrivi cosa fai per migliorarlo

Grazie per aver passato quest'anno in compagnia di questo calendario.
Mi raccomando non buttarlo, riusalo, magari appendendo nelle bacheche i paginoni
e cerca con google il calendario del 2014!
Per partecipare alla stesura del calendario 2014 con critiche, idee, articoli, citazioni
Calendariodelcambiamento@gmail.com
IDEATORE PRODUTTORE E REDATTORE: KELIOS BONETTI
Un grandissimo grazie a tutti i collaboratori citati e non.
Un grazie particolare a: Ferrara Dolores per l’editing! Doriana Gianattasio per la grafica!
Potete e siete invitati a distribuire quante copie volete di questo calendario e ripubblicarlo su internet,
purché gratuitamente.

tot


Documenti correlati


Documento PDF calendario del cambiamento 2013
Documento PDF presentazione tesi di laurea 2017 06 26 10 50 46 147
Documento PDF il cantar bene numero 15
Documento PDF calendario 2013
Documento PDF c u n 7
Documento PDF contratto m5slega


Parole chiave correlate