File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Ricerca PDF Assistenza Contattaci



DB BASKET numero 1 .pdf



Nome del file originale: DB BASKET numero 1.pdf
Autore: 1118

Questo documento in formato PDF 1.5 è stato generato da Microsoft® Office Publisher 2007, ed è stato inviato su file-pdf.it il 07/01/2013 alle 14:39, dall'indirizzo IP 93.62.x.x. La pagina di download del file è stata vista 1531 volte.
Dimensione del file: 1.6 MB (4 pagine).
Privacy: file pubblico




Scarica il file PDF









Anteprima del documento


Notiziario semiserio del LLOYD ITALICO DON BOSCO GENOVA
la prima squadra di basket in carrozzina in Liguria

Numero 1
GENNAIO 2013

Sabato 12 gennaio 2013
ore 18:00
Palazzetto dello sport
di Manesseno
DERBY ECCLESIALE!!!

Amichevole di Natale:
SFIORATA LA RISSA!!!!!
Zizzaniaman >> 3

ilVdM >> 2

Ci sono tanti modi per raccontare una storia. Noi vogliamo narrare quella della nostra squadra in chiave fantasy, genere nel
quale gli elementi dominanti sono il mito,
l’immaginazione, il surreale.
Fingeremo di avere trovato un antico manoscritto, redatto da un trovatore in un’epoca
remota, il cui nome non si rammenta. Saranno fonte d’ispirazione gli scritti di colui
che può ritenersi il maestro della fantasy:
J.R.R. Tolkien.
Proveremo a rapirvi in un mondo dove la
diversità è nulla e nulla è diverso.
Ti racconto una fiaba ….

LO HandicapOBBIT
Andata e ritorno
(storia in chiave fantasy del
Lloyd Italico Don Bosco Genova)
“il Trovatore”

BABBO NATALE
E LA SUA VISITA AL MINIBASKET
Siamo lieti di comunicare agli amici del minibasket che le fotografie, fatte con mezzi assai rudimentali ma con
tanta buona volontà,
saranno
disponibili
tramite CD che faremo
girare tra i genitori.
Potrete così scaricare
le foto che più vi interessano. Avremmo voluto pubblicarle sul
gruppo
face
book
“Basket in carrozzina
Genova—Lloyd Italico
Don Bosco” ma abbiamo ritenuto più opportuno preservare la privacy dei bimbi.
Ai nostri piccoli grandi amici nonché accaniti sostenitori, sempre più coinvolti nelle nostre iniziative, diciamo che avendo visto Babbo Natale
all’opera, siamo sulle sue tracce. Stiamo cercandolo per offrirgli un posto
in squadra. Tanto lavora una volta sola ed in un periodo ben preciso.

COACH’S CORNER
Lo sapevate che nel basket in carrozzina:

“Bimbo stava tranquillo seduto sulla sua
carrozzina. Beato fumava la sua erba pipa
sull’uscio di casa, quando arrivò Barbandalf, un famoso stregone bianco, che gli propose di prendere parte ad un’avventura.
Barbandalf aveva nel suo sacco una strana
sfera suddivisa a spicchi. Un oggetto di colore arancione che rimbalzando sul pavimento produceva uno strano e coinvolgente
rumore. Lo stregone disse “Bimbo, ti faccio
dono di questo oggetto, esso ti condurrà in
giro per il mondo con lui affronterai mille e
più mille avventure, io sarò insieme a te.
Così come era arrivato lo stregone sparì.
prosegue a pagina 4

Un giocatore può avanzare sul campo con la palla
viva in qualunque direzione entro i seguenti limiti:
il numero delle spinte mentre è in possesso di palla non deve essere superiore a due;
qualsiasi movimento di giro deve essere considerato una parte del palleggio e limitato a due spinte
consecutive senza far rimbalzare la palla.

CENTRO ESTETICO
SPECIALIZZATO
MANI PIEDI VISO
Via Montebello 9
16033 Lavagna (Ge)
Tel.n. 0185392274
face book
glamourmanicure

Pagina 2

Notiziario semiserio del LLOYD ITALICO DON BOSCO GENOVA
la prima squadra di basket in carrozzina in Liguria

ASD

LLOYD ITALICO

DON ORIONE

DON BOSCO

ROMA

GENOVA

Sabato 12 gennaio

DERBY ECCLESIALE

Operate oggi in modo
che non abbiate
ad arrossire domani
Che siamo irreverenti ve ne sarete
già accorti. Nella presentazione ci
siamo definiti: “beffardi. cinici,
sprezzanti, umili e superbi, dannatamente belli”. Belli?
Diciamo che sappiamo ironizzare.
Senza offesa per nessuno abbiamo
definito questo incontro “derby
ecclesiale”. Non avendo rivali in
Liguria qualcuno dovevamo trovare per fare un derby e dunque eccolo qua: ASD Don Orione, poco importa se di Roma.
Con fare sarcastico abbiamo accostato le foto dei due santi per rappresentare la partita che si svolgerà sabato 12 gennaio 2013.
Ironicamente abbiamo cercato due
frasi che si rifacessero ai loro predicamenti ritagliandoli al nostro
caso. Don Bosco invita ad operare
per non arrossire e dunque incita
alla vittoria, Don Orione ad andare
avanti così per “camminare” bene.
Sì c’è molta ironia.
Molta buona ironia.
Due scuole cestistiche nate sotto
l’egida del cattolicesimo, dei suoi
insegnamenti, scuole cresciute negli oratori, impregnate di catechismo, valori che non sono andati
dispersi. Non saremo degli assidui
frequentatori di funzioni religiose
ma ognuno a modo suo osserva la
fede e, soprattutto, crede in quello
che fa.

Andate avanti così,
senza meticolosità,
che camminerete bene
Quella che andiamo ad affrontare
mente ad un bell’incontro sabato
non sarà una crociata ma lo scon12 gennaio, gara che accenderà di
tro Don Bosco vs Don Orione .è
passione il Palazzetto dello sport di
alquanto singolare. Non facile scriManesseno.
verne solo in termini cestistici, ci
Gli scontri non mancheranno di
proveremo, d’altro canto in panchisicuro siamo certi tuttavia che al
na vanno i Coach mica i padri fontermine della gara non vi sarà aldatori.
cun scisma, né sarà necessario inDue squadre a pari punti. Lloyd
dire alcun Concilio per riappacifiItalico Don Bosco Genova sempre a
care le due compagini.
segno in trasferta, ASD Don OrioSi ci troverà in qualche locale a
ne uguale in casa. Stessi gli avverbere e fare “casino” … magari al
sari sconfitti: Laumas GiocoParma
“Puledro Impennato”.
e Millennium Basket Padova.
ilVdM
I capitolini costituiCalendario 5^ giornata sabato 12 gennaio 2013
scono un team ben
ed i nostri pronostici
consolidato e realtà
nel campionato di A2 HB UICEP Torino—Laumas GiocoParma
2
già affermata. I ge- Millennium Basket Padova—PDM Treviso
2
1
novesi de “la banda SBS Siemens Bergamo—Pol.Nordest Castelvecchio
Carbone” freschi di Lloyd Italico Don Bosco Ge —ASD Don Orione Roma 1
promozione, entusia- Palazzetto dello sport di Manesseno ore 18:00
sti, grintosi, motiva- INGRESSO GRATUITO
ti, in cerca della pri- CLASSIFICA
ma vittoria tra le Polisportiva Nordest Castelvecchio
8
mura amiche.
LLOYD ITALICO DON BOSCO GENOVA* 4
Unico precedente tra ASD Don Orione Roma
4
4
le due compagini PDM Treviso
4
parecchi anni addie- HB UICEP Torino
SBS
Siemens
Bergamo*
4
tro, campionato di
Laumas GiocoParma
2
serie B. Vittorioso
Millennium Basket Padova
0
andata e ritorno
*una partita in meno
l’ASD Don Orione,
quelli erano altri PROSSIMO TURNO sabato 19/01/2013
tempi.
Pol.Nordest Castelvecchio—Millennium Basket Padova
Assisteremo sicura- Laumas GiocoParma - SBS Siemens Bergamo
ASD Don Orione Roma - HB UICEP Torino
Lloyd Italico Don Bosco Ge—PDM Treviso

Notiziario semiserio del LLOYD ITALICO DON BOSCO GENOVA Pagina 3
la prima squadra di basket in carrozzina in Liguria

“AMICHEVOLE” DI NATALE: sfiorata la rissa!!!
Chi sia stato a proporre l’idea più non si
rammenta e se anche dovesse emergere il nome preferirà che cali l’oblio.
Tutto potevasi immaginare ma non che
i nostri arrivassero a litigare, con quali
sceneggiate poi, per un’amichevole
disputata a ranghi misti.
Appuntamento giovedì 20 dicembre ore
19:30 nel “covo”.
Tassativo portare entrambe le divise
ufficiali da gioco bisogna fare la foto
della squadra e, come se non bastasse,
ogni giocatore dovrà fare una singola
foto. I più convinti domandano se tale
adempimento possa ricondursi ad una
introduzione della squadra nel prossimo
album di figurine già pensando ad un
congruo ritocco dell’ingaggio, agli introiti pubblicitari che ne deriveranno ed
agli spot televisivi da girare.
Tutti presenti. Ciascuno con la tenuta
rossa, quella usata in trasferta che reca
sulla schiena la scritta della nostra città: GENOVA, ed anche con la tenuta
bianca usata nelle partite casalinghe
che riporta sul retro il cognome del
giocatore.
Solito casino nel disporsi per fare la
foto, i lunghi fremono alle spalle dei
piccoli, temono di non riuscire bene in
fotografia manco dovessero apparire su
una rivista di moda. Alla fine il fotografo ufficiale del Team manoferma Enrico
Nicolini riesce a scattare le fatidiche
foto. Finalmente si ci predispone per
giocare. In maglia bianca: Coach Marco
Carbone, il Purgatore Filippo Carossino,
Bimbo Claudio Puppo, il Gigante di Amatrice Roberto Scagnoli, la mente
Matteo Fiorino, a rubare l’ambito posto
in panchina Alessio Jesus Marchelli.
Con la maglia rossa: il Capitano Antonio Serio, il Veterano Manrico Gianelli,
Fenomeno Andrea Giaretti, Bulldozer
Nicolò Arena, il Foresto Mattia Sala.
Tristemente a bordo campo “promessa”
Marco Nicolini ancora convalescente da
un piccolo intervento. Avvistato in tribuna amnesy Andrea Stefan.
Al tavolo della giuria la coppia Fabrizio
Carossino e Walter Giaretti rispettivamente padri del Purgatore e del Fenomeno. Nell’inconsueto ruolo di arbitro il
Cecchino Daniele Pedemonte che, per
preservare quanto gli resta degli arti

inferiori, è costretto ad
arbitrare ben distante
dal campo da gioco
pure sprovvisto del
fischietto. Sugli spalti
parenti ed amici. Primo battibecco: a chi
spetta essere la squadra di casa? Belin la
maglia
bianca
l’abbiamo noi dunque
siamo la squadra di
casa—dice Coach Carbone—Dico proprio di
no guarda cosa c’è
scritto sulla schiena
della nostra: Genova!
—risponde
Capitan Ecco come i nostri atleti hanno lasciato il campo da gioco
Serio.
Primo match point a
Arena. 3 secondi, colpi da tutte le parti,
favore dei rossi!
Si va alla palla a due, Pedemonte, fine falli in ogni zona del campo, nessun
conoscitore di quanto passa nelle teste richiamo né tiro libero, la partita è uno
dei suoi compagni di squadra, lancia la spettacolo tragicomico.
palla e fugge verso le tribune. Meglio Al suonar della sirena il tabellone dice
un arbitro a distanza che un giocatore 38 a 38 ma quando la partita potrebbe
concludersi con un salomonico pareggio
accoppato.
La gara inizia con molta animosità, entra in campo lei “madama zizzania” e
nessuno vuole perdere, tutti si sentono si impadronisce della situazione.
campioni. Subito un paio di palloni per U n a v o c i n a m e l l i f l u a p r o p o n e
il veterano che come consuetudine non l’extratime, alla ripresa del gioco succecentra il canestro. Coach Carbone esor- de il finimondo.
ta i suoi a non presidiare la fascia dove Il veterano, oramai scoppiato più dalle
opera il Gianelli tanto da quella parte sue malefatte in campo che fisicamennon si passa, nel senso che il volente- te, all’ennesima cazziata si sfila la maroso veterano non ne mette dentro glia, va da Alessio Jesus Marchelli e lo
una. Il Capitano Antonio Serio rimbrot- invita a prendere il suo posto. Capitan
ta il giocatore che difende insieme a lui Serio si alza dalla sedia (lui può) e diche non azzecca nulla. Chi sara costui? ce: “basta io non gioco con i bambini”.
Sempre l’88, Manrico il veterano.
A questo punto “madama zizzania” è
Gran casino in campo, ogni decisione padrona della situazione, tutte le ruggidell’arbitro viene contestata, i volente- ni vengono a galla … tu mi hai detto, tu
rosi giudici al tavolo fanno confusione hai fatto, brutto, cattivo, accipicchiolicon il tabellone e pure il punteggio è na, perdindirindina, ti aspetto fuori,
sempre in discussione.
alzati se ci riesci, la colpa è dell’arbitro,
I giocatori non si risparmiano lazzi ed no la colpa è degli spettatori, il campo
insulti, arbitro e spettatori sgomenti.
era più piccolo, i canestri non erano al
Le squadre paiono adottare il famoso solito posto, il tabellone mi disturbava,
metodo a “bizona” di Oronzo Canà tua mamma mi guarda male … e madama zizzania rideva, rideva.
“ognuno come gli pare”.
Il gigante di Amatrice interpreta la re- Negli spogliatoi come si fosse persa la
gola della palla contesa a modo suo, finale scudetto, poi pace fatta in pizzedapprima strappa pallone e FantAndrea ria, meravigliosamente insieme, dannaGiaretti dalla sedia, poi ingaggia un tamente belli, come sempre.
Zizzaniaman
furioso corpo a corpo con Bulldozer

VIA NAZIONALE 290—16039 SESTRI LEVANTE (GE)
Tel. Fax 018543653 Cell 3393760331 email info@carbonemoto.net
www.carbonemoto.net

Pagina 4

Notiziario semiserio del LLOYD ITALICO DON BOSCO GENOVA
la prima squadra di basket in carrozzina in Liguria

Ti racconto una fiaba ….

LO HandicapOBBIT—Andata e ritorno
(storia in chiave fantasy del Lloyd Italico Don Bosco Genova )
Continua da pagina 1

Bimbo rimase solo, assorto nei suoi pensieri: “sono un handicapobbit, tranquillo, non avvezzo alle avventure che sono brutte
fastidiose e scomode cose. Per quale motivo dovrei lasciare la
mia casa? Per quello strano oggetto che mi ha donato Barbandalf?”. Non ci dormì tutta la notte.
La palla era poggiata sul suo comodino, ferma, eppure il rumore
ritmico del suo palleggio era incessante, il suono si spandeva in
tutta la Contea abitata dagli handicapobbit.
La popolazione di questa terra è assai particolare, i suoi abitanti
si spostano su delle buffe sedie con le ruote, difficilmente li vedi
in piedi. Guidano dei mezzi muniti di speciali comandi che si
distinguono dagli altri per un tagliando di colore arancione del
quale sono gelosissimi. Pare sia l’elemento che li caratterizza
quali appartenenti a questa specie.
Un tempo gli handicapobbit erano uomini, facevano tutte le cose
come gli altri, camminavano, correvano, saltavano, giocavano al
pallone, guidavano ogni tipo di veicolo: moto, auto, camion.
L’oscuro signore Sfortunarion, l’aborrito, famelico di nuovi suoi
adepti, guardando alla vita degli uomini ne chiamò parecchi a
se per farne degli orchi a suo servizio. Molti cedettero ai suoi
inganni e di loro non si seppe più nulla, altri vennero salvati
dalle Fate che riuscirono a strapparli ad una fine orribile tramutandoli da orchi in handicapobbit, ad essi Sfortunarion dà
ancor oggi la caccia.
Nella sua malvagità, prima che le Fate riuscissero a levare del
tutto gli sventurati dalle empie spire di Sfortunarion, egli riuscì
a marchiarli ancora. Li guardava ad uno ad uno mentre gli
sfuggivano e decideva: “Tu sei bello? Avrai una carrozzetta tutta
per te che ti valorizzerà”, “Tu sei brutto dunque ti levo un pezzo e
ne dovrai indossare uno non tuo, tutti ti noteranno oltre che per
la tua bruttezza anche per il tuo incedere disgustoso” e mentre
faceva queste scelte le sue agghiaccianti risate echeggiavano ben
oltre le mura che circondano il suo triste territorio.
Riuscì ancora a seminare il germe della discordia tra questi
sventurati inviando tra essi due suoi emissari: INAzguIL e saruINPS. Questi si affiancarono agli handicapobbit riempiendoli
di lusinghe ed illusioni, in realtà seminavano di comune accordo
discordia per conto del loro padrone .
Molte altre razze abitano la Contea, tutte nonostante qualche
bisticcio vivono in armonia.
(continua)

SPAZIO
DISPONIBILE
contattare
E Mail
noibasketincarrozzina@gmail.com

Continua l’opera di prevenzione incidenti
in collaborazione con il Panathlon presso
gli istituti scolastici della Provincia di Genova

Roberto Scagnoli per il Lloyd Italico Don Bosco Genova e Giorgio Migone per il Panathlon Genova visitano incessantemente le scuole genovesi informando
gli studenti riguardo la prevenzione stradale e lo
sport per disabili. L’iniziativa, già in atto da tempo,
sta riscuotendo un grande successo, gli studenti partecipano con attenzione agli incontri. Nei prossimi
numeri tratteremo più diffusamente l’argomento
dando il giusto spazio agli istituti visitati.

CARTOLINE DA GENOVA

Ci trovi anche su face book:
Basket in carrozzina Genova—Lloyd Italico Don Bosco
www.capgenova.it
E Mail: noibasketincarrozzina@gmail.com

Vedrai una città regale,
addossata ad una collina alpestre,
superba per uomini e per mura,
il cui solo aspetto la indica Signora del Mare:
GENOVA
Francesco Petrarca—1358
Itinerarium breve de Ianua ad Ierusalem


DB BASKET numero 1.pdf - pagina 1/4
DB BASKET numero 1.pdf - pagina 2/4
DB BASKET numero 1.pdf - pagina 3/4
DB BASKET numero 1.pdf - pagina 4/4

Documenti correlati


Documento PDF db basket numero 1
Documento PDF db basket numero 1
Documento PDF rassegna stampa
Documento PDF campionato 2013 14
Documento PDF calendario tpc
Documento PDF ilfilorosso recensioni


Parole chiave correlate