File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Assistenza Contattaci



DISAFA Ailanto relfeb13[1] .pdf



Nome del file originale: DISAFA_Ailanto_relfeb13[1].pdf
Titolo: Microsoft Word - DISAFA_Ailanto_relfeb13.docx
Autore: vidotto

Questo documento in formato PDF 1.3 è stato generato da Microsoft Word / Mac OS X 10.6.8 Quartz PDFContext, ed è stato inviato su file-pdf.it il 01/03/2013 alle 02:54, dall'indirizzo IP 151.33.x.x. La pagina di download del file è stata vista 1578 volte.
Dimensione del file: 9.3 MB (19 pagine).
Privacy: file pubblico




Scarica il file PDF









Anteprima del documento


 

DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRARIE, FORESTALI E ALIMENTARI
Via Leonardo da Vinci, 44 – 10095 Grugliasco (TO)

 

Presenza  di  Ailanthus  altissima  nella  
Cittadella  di  Alessandria:  
stato  attuale  delle  infestazioni  e  possibili  
interventi  di  lotta  
Aldo  Ferrero,  Francesco  Vidotto,  Silvia  Fogliatto  
Dipartimento  di  Scienze  Agrarie,  Forestali  e  Alimentari  

Caratteristiche  dell’ailanto  
Botanica  
L’ailanto   (Ailanthus   altissima   (Mill.)   Swingle)   è   una   specie   legnosa   nota   anche   come   albero   del  
paradiso   o   sommacco,   appartenente   alla   famiglia   delle   simaroubacee.   Originaria   della   Cina,   è   stata  
introdotta  in  Italia  verso  la  fine  del  XVIII  secolo  e  si  è  rapidamente  naturalizzata  in  tutte  le  regioni.  
Caratterizzata  da  un  fusto  eretto  e  slanciato  e  da  una  corteccia  di  colore  grigio-­‐bruno,  può  raggiungere  
un’altezza  di  25  metri.  
Ha   foglie   composte   con   10-­‐30   foglioline   di   forma   ovata-­‐lanceolata,   maleodoranti,   di   colore   verde  
intenso   nella   pagina   superiore   e   verde   chiaro   in   quella   inferiore.   Le   foglie   dei   giovani   germogli  
presentano  sfumature  rossastre.  
E’  una  pianta  solitamente  dioica,  con  fiori  maschili  e  femminili  su  piante  diverse  (talvolta  monoica,  con  
fiori  maschili  e  femminili  sulla  stessa  pianta).  Fiorisce  tra  maggio  e  luglio  e  produce  semi  (fino  a  oltre  
300.000   per   pianta)   contenuti   in   frutti   rossastri   (samare)   trasportati   facilmente   dal   vento.   Parte   dei  
frutti  rimane  in  chioma  durante  l’inverno  e  vengono  rilasciati  nella  primavera  successiva.  

Ecologia  e  biologia    
A.   altissima  è  una  specie  pioniera,  con  limitate  esigenze  ambientali,  facilmente  adattabile  ad  ogni  tipo  
di   suolo   e   ad   ogni   condizione   di   disponibilità   idrica.   Per   queste   sue   caratteristiche   è   in   grado   di  
colonizzare   rapidamente   incolti,   terreni   disturbati,   boschi,   massicciate   ferroviarie,   aree   urbane   e  
superfici  pavimentate.    
La   diffusione   dell’ailanto   è   favorita   da   una   elevata   germinazione   dei   suoi   semi   e   da   una   rapida   crescita  
vegetativa  già  nelle  fasi  iniziali  di  sviluppo,  oltreché  dalla  capacità  di  liberare  nell’ambiente  circostante  
sostanze   allelopatiche,   in   grado   di   contrastare   la   crescita   di   altre   piante.   L’invasività   di   questa   specie   è  
inoltre   dovuta   alla   sua   elevata   potenzialità   pollonifera,   derivante   dalla   capacità   di   formare   stoloni  
sotterranei   lunghi   anche   oltre   20   metri,   dai   cui   nodi   possono   rapidamente   emergere   nuove   piante.  
Primordi   di   gemme   dalle   quali   possono   svilupparsi   polloni   sono   presenti   lungo   l’apparato   radicale   a  
profondità  sino  a  circa  100  cm.  Particolare  cura  deve  essere  quindi  posta  nell’evitare  la  diffusione  della  
specie  attraverso  la  frammentazione  degli  apparati  radicali.  Inoltre,  il  semplice  taglio  o  abbattimento  
della   parte   aerea   stimola   fortemente   la   produzione   di   polloni,   rendendo   problematico   il   contenimento  

della  specie  attraverso  l’impiego  esclusivo  di  questa  tecnica.   La  specie  si  moltiplica  anche  attraverso  la  
produzione  di  polloni  dalla  base  della  pianta,  il  cui  sviluppo  viene  stimolato  dal  taglio  della  pianta.  
 

 
Figura  1.  Modalità  di  moltiplicazione  vegetativa  in  Ailanthus  altissima.  a):  a  partire  dall’apparato  radicale;  b)  e  
c):  da  gemme  pre-­‐esistenti  o  avventizie;  d):  da  gemme  ascellari  presenti  in  nuovi  getti;  e):  da  frammenti  di  rami  
(da  Kowarik  and  Säumel,  2007).  

Per  la  sua  elevata  capacità  di  alterare  gli  equilibri  degli  ecosistemi  naturali,  l’ailanto    è  stato  inserito  
nella   lista   delle   100   specie   più   pericolose   in   Europa,   per   le   quali   sono   da   attuarsi   interventi   di  
monitoraggio,  lotta  ed  eradicazione.  
Si   segnala   che   A.   altissima   è   attualmente   inserita   nella   “Black   list-­‐   management   list”   definita   dal  
Gruppo   di   Lavoro   sulle   specie   vegetali   esotiche   coordinato   dalla   Direzione   Ambiente   della   Regione  
Piemonte   (http://www.regione.piemonte.it/ambiente/tutela_amb/esoticheInvasive.htm).   Tale   lista  
“comprende  le  specie  esotiche  che  sono  presenti  in  maniera  diffusa  sul  territorio  e  per  le  quali  non  sono  
più   applicabili   misure   di   eradicazione   da   tutto   il   territorio   regionale   ma   delle   quali   bisogna   comunque  
evitare   l’utilizzo   e   per   le   quali   possono   essere   applicate   misure   di   contenimento   e   interventi   di  
eradicazione  da  aree  circoscritte”.  
 

Impatti  e  dannosità  
In   ambienti   naturali,   la   specie   deprime   fortemente   la   biodiversità   naturale,   in   quanto   in   grado   di  
formare   popolamenti   puri,   anche   grazie   alla   produzione   di   sostanze   allelopatiche.   Le   foglie   sono  
considerate  tossiche  per  gli  animali  domestici,  sebbene  normalmente  sgradite  per  il  loro  gusto  amaro.  
Nell’uomo,  la  corteccia  e  le  foglie  possono  provocare  irritazioni  cutanee  per  la  presenza  dell’alcaloide  
ailantina.   Il   forte   odore   del   fogliame   viene   anche   indicato   come   responsabile   di   emicranie,   nausea,  
riniti  e  congiuntiviti.  
Le  radici  presentano  una  grande  capacità  di  penetrazione  e,  attraverso  la  loro  azione  meccanica,  sono  
in   grado   di   danneggiare   manufatti   di   vario   tipo,   tra   cui   marciapiedi,   strade,   aree   archeologiche,   edifici.  
Tale   comportamento   è   anche   reso   possibile   dalla   capacità   dell’apparato   radicale   di   svilupparsi   in  
modo  asimmetrico  dimostrando  capacità  di  esplorazione  superiore  a  quelle  di  altre  specie  arboree.  
 
Pagina  2  di  19  
DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRARIE, FORESTALI E ALIMENTARI
Via Leonardo da Vinci, 44 – 10095 Grugliasco (TO)

 

Presenza  dell’ailanto  nella  Cittadella  
La   presenza   di   A.   altissima   nella   Cittadella   è   stata   valutata   attraverso   tre   sopralluoghi,   svolti   il   23  
novembre   2012,   il   25   gennaio   2013   e   il   4   febbraio   2013.   Nel   periodo   in   cui   sono   stati   condotti   i  
sopralluoghi,   la   specie   era   per   lo   più   in   riposo   vegetativo.   Sebbene   non   fossero   pertanto   visibili   le  
foglie,   il   riconoscimento   delle   aree   infestate   è   risultato   nel   complesso   agevole   ed   è   da   ritenersi  
attendibile.   I   fusti   di   A.  altissima  sono   infatti   piuttosto   facilmente   distinguibili   anche  durante  il  periodo  
invernale   per   il   suo   particolare   portamento   e   per   il   fatto   che   la   maggior   parte   degli   individui  
presentavano   un’altezza   compresa   fra   1   m   e   3   m   circa,   con   ridotta   o   nulla   ramificazione.   Gli   esemplari  
presenti,  inoltre,  erano  per  lo  più  distribuiti  su  aree  densamente  infestate  di  dimensioni  significative.  
Solo  raramente  sono  stati  osservati  individui  singoli  isolati.  

 
Figura  2.  Aspetto  caratteristico  di  un’area  infestata  da  A.  altissima  tra  i  bastioni  S.  Antonio  e  S.  Barbara.  

 

 
Figura  3.  Particolare  del  fusto  di  un  esemplare  di  A.  altissima  di  circa  un  anno.  È  visibile  la  cicatrice  a  forma  di  
scudetto  in  corrispondenza  della  foglia  caduta  in  autunno,  sormontata  da  una  gemma  (di  fronte  al  bastione  S.  
Carlo).  

Pagina  3  di  19  
DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRARIE, FORESTALI E ALIMENTARI
Via Leonardo da Vinci, 44 – 10095 Grugliasco (TO)

 

 

Metodologia  di  rilievo  
La   presenza   di   A.  altissima   è   stata   determinata   suddividendo   la   Cittadella   in   aree   funzionalmente   ed  
ecologicamente  distinte.  Le  aree  considerate  sono  le  seguenti:  




fortificazioni  esterne  
cortili,  marciapiedi  e  altre  aree  al  piano  
coperture  degli  edifici.  

Per  ciascuna  area  sono  state  adottate  metodologie  di  rilievo  e  di  restituzione  dei  dati  differenziate.  
fortificazioni  esterne  
Il  fossato  è  stato  esaminato  percorrendo  circa  il  50%  del  suo  sviluppo,  nell’area  compresa  fra  la  Porta  
Reale   e   la   Porta   del   Soccorso.   Per   la   parte   restante   del   fossato   è   stata   effettuata   una   osservazione  
parziale  tramite  binocolo,  considerando  numerosi  punti  di  osservazione  distribuiti  lungo  il  perimetro  
dei  bastioni  e  lungo  le  cortine.  
I   bastioni   e   le   cortine   sono   state   interamente   perlustrate   a   piedi,   determinando   la   posizione   e  
l’estensione  delle  aree  infestate  e  la  posizione  di  eventuali  individui  isolati.    
Per   le   altre   opere   di   fortificazione   (rivellini,   controguardie,   mezzelune,   tenaglie,   ecc.)   è   stata   effettuata  
una   osservazione   tramite   binocolo,   considerando   numerosi   punti   di   osservazione   distribuiti   lungo   il  
perimetro   dei   bastioni   e   lungo   le   cortine.   Il   metodo   adottato   ha   permesso   di   rilevare   la   vegetazione  
presente  sulla  parte  sommitale  delle  fortificazioni.  
 
cortili,  marciapiedi  e  altre  aree  al  piano  
La  presenza  di  ailanto  in  tali  aree  è  dovuta  sia  a  piantumazioni  intenzionali,  sia  a  sviluppo  spontaneo.  
In   questo   caso   si   è   pertanto   proceduto   alla   individuazione   di   particolari   criticità,   quali   individui  
abbattuti  dai  quali  si  sviluppano  polloni  e  presenza  di  esemplari  in  zone  a  ridosso  degli  edifici.  
coperture  degli  edifici  
Per  ogni  edificio  indicato  in  Figura  4  si  è  provveduto  al  conteggio  degli  esemplari  visibili  dal  livello  del  
cortile   e   dal   perimetro   dei   bastioni   e   dalle   cortine.   Per   una   maggiore   accuratezza,   l’osservazione   è  
stata  effettuata  anche  mediante  binocolo.  

Pagina  4  di  19  
DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRARIE, FORESTALI E ALIMENTARI
Via Leonardo da Vinci, 44 – 10095 Grugliasco (TO)

 

 
Figura  4.  Pianta  degli  edifici  principali  della  cittadella  e  numerazione  assegnata  ai  fini  del  rilievo  della  presenza  
di  A.  altissima  sui  tetti.  

 
 

Risultati  
Presenza  di  A.  altissima  sulle  fortificazioni  esterne  
Individui   di   A.   altissima   sono   stati   osservati   in   diverse   zone   delle   fortificazioni   esterne,   ed   in  
particolare   in   corrispondenza   dei   bastioni   e   delle   cortine.   In   funzione   dell’estensione   e   della   forma  
delle  singole  aree  infestate,  sono  state  distinte  le  seguenti  tipologie  di  infestazione  (Figura  5):  





Piante   isolate   o   gruppi   di   piccole   dimensioni.   Sono   compresi   singoli   individui   isolati   o   aree  
infestate  di  estensione  sino  a  circa  5  m2.  
Infestazioni   lineari.   Presenti   soprattutto   al   piede   o   lungo   il   ciglio   delle   murature   delle  
fortificazioni   o   lungo   il   ciglio   delle   cortine.   Tali   aree   presentano   una   estensione   secondo   una  
dimensione   prevalente   ed   hanno   in   genere   una   larghezza   compresa   fra   meno   di   un   metro   e  
circa  5  m.  
Aree  estese.  Comprendono  aree  infestate  da  A.  altissima  con  estensione  superiore  a  circa  5  m2.  

Pagina  5  di  19  
DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRARIE, FORESTALI E ALIMENTARI
Via Leonardo da Vinci, 44 – 10095 Grugliasco (TO)

 

 
Figura  5.  Presenza  di  A.  altissima  nel  complesso  delle  fortificazioni  esterne.  

Complessivamente,   sono   state   individuate   32   infestazioni   formate   da   piante   isolate   o   da   gruppi   di  
piccole  dimensioni,  26  aree  di  infestazione  lineare  e  8  aree  estese.  Nel  caso  delle  infestazioni  lineari,  lo  
sviluppo   complessivo   delle   aree   interessate   ammonta   a   circa   730   m   lineari.   Le   aree   estese   interessano  
circa  7200  m2.  Gli  individui  maschili  sembrano  essere  prevalenti,  sebbene  via  sia  una  forte  presenza  di  
individui  portaseme  di  discrete  dimensioni  concentrata  nel  bastione  di  S.  Michele.  
Generalmente,   gli   esemplari   osservati   hanno   una   altezza   compresa   fra   1   e   3   m   circa.   Nel   caso   di  
infestazioni  lineari  e  su  aree  estese,   la  densità  di  A.  altissima,  determinata  attraverso  conteggi  eseguiti  
su   aree   rappresentative,   è   compresa   fra   10   e   13   piante/m2.   Nella   maggior   parte   dei   casi   si   tratta   di  
individui   relativamente   giovani   originati   da   polloni   formatisi   a   partire   dalle   radici.   E’   pertanto  
verosimile   prevedere   un   incremento   complessivo   delle   infestazioni   nelle   aree   fortificate,   sia   per  
accrescimento   delle   piante   già   presenti,   sia   per   produzione   di   nuovi   polloni.   Tale   dinamica   potrà  
essere   in   particolare   favorita   da   interventi   di   sfalcio   o   decespugliamento   attuati   una  tantum   e   senza  
l’integrazione   con   altri   mezzi   di   controllo   (in   particolare   erbicidi)   o   qualora   si   tentasse   la   rimozione  
delle  piante  attraverso  lo  sradicamento  manuale.  
In   buona   parte   del   fossato   non   è   presente   A.   altissima,   grazie   alla   esistenza   di   una   fitta   copertura  
erbacea   gestita   regolarmente   attraverso   sfalci.   Nelle   parti   più   interne,   ed   in   particolare   nelle   aree  
comprese   fra   le   quattro   tenaglie   e   le   rispettive   cortine   prospicenti,   la   scarsa   manutenzione   della  
copertura  erbacea  favorisce  l’insediamento  di  numerose  specie  annuali  erbacee,  arbustive  e  di  alcune  
arboree.   Pur   essendo   limitata   la   presenza   di   A.   altissima   in   queste   aree,   la   mancata   manutenzione  
potrebbe  favorirne  l’insediamento.  
 
Pagina  6  di  19  
DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRARIE, FORESTALI E ALIMENTARI
Via Leonardo da Vinci, 44 – 10095 Grugliasco (TO)

 

 
Figura  6.  Infestazione  lineare  fra  i  bastioni  S.  Michele  e  S.  Cristina.  
 

 
Figura  7.  Infestazione  lineare  lungo  il  bastione  S.  Tomaso.  
 

 
Figura  8.  Infestazione  lineare  (a  sinistra)  e  su  area  estesa  lungo  il  bastione  S.  Tomaso.  

Pagina  7  di  19  
DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRARIE, FORESTALI E ALIMENTARI
Via Leonardo da Vinci, 44 – 10095 Grugliasco (TO)

 

 

 
Figura  9.  Infestazione  lineare  lungo  il  bastione  S.  Michele.  
 

 

 

Figura  10.  Vigorosi  ricacci  di  A.  altissima  da  pianta  
precedentemente  abbattuta.  Lungo  il  bastione  S.  
Michele.  

Figura  11.  Particolare  dell’immagine  di  Figura  10:  
zona  di  origine  dei  ricacci.  

 

Pagina  8  di  19  
DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRARIE, FORESTALI E ALIMENTARI
Via Leonardo da Vinci, 44 – 10095 Grugliasco (TO)

 

 

 

Figura  12.  Giovani  piante  (primo  piano)  e  piante  
portaseme  (sullo  sfondo)  di  A.  altissima  sul  
bastione  S.  Michele  

Figura  13.  Pianta  portaseme  di  A.  altissima  sul  
bastione  S.  Michele.  

 

Presenza  di  A.  altissima  nei  cortili,  marciapiedi  e  altre  aree  al  piano    
La  presenza  di  ailanto  è  dovuta  sia  a  piantumazioni  intenzionali,  come  ad  esempio,  lungo  il  lato  nord  
degli  edifici  noti  come  “Quartiere  degli  artiglieri”  (o  “S.  Antonio”)  e  “Caserma  Beleno”  (o  “Palazzo  del  
Governatore”)   o   all’interno   della   “Piazza   d’Armi”,   sia   a   infestazioni   spontanee.   Nel   primo   caso,   al  
momento  la  presenza  di  A.   altissima  non  costituisce  motivo  di  particolare  preoccupazione,  con  la  sola  
eccezione  degli  individui  portaseme  (come  è  il  caso  di  un  esemplare  presente  in  “Piazza  d’Armi”).  
In   molte   parti   della   cittadella   sono   presenti   esemplari   giovani   di   ailanto   (presumibilmente   di   età  
inferiore   ai   due-­‐tre   anni)   alla   base   dei   muri   perimetrali   degli   edifici   o   nelle   immediate   vicinanze.   Le  
infestazioni   sono   particolarmente   abbondanti   nei   pressi   degli   edifici   che   attualmente   si   trovano   in  
cattive   condizioni   di   conservazione   o   comunque   poco   frequentati.   E’   il   caso,   ad   esempio,   del  
“Magazzino   del   Genio”   (o   “Palazzina   di   Cavalleria”),   della   “Polveriera   S.   Barbara”   e   dei   cortili   interni  
dell’”Ospedale   Militare”.   Lo   sviluppo   di   queste   infestazioni,   oltre   a   rappresentare   un   danno   di   tipo  
estetico,   contribuendo   alla   percezione   di   un   senso   di   degrado   generale,   può   determinare   un  
progressivo   danneggiamento   delle   murature   esterne   degli   edifici.   Nella   porzione   di   muratura   situata  
sotto   il   piano   di   campagna,   eventuali   parti   dei   giunti   in   malta   tra   i   mattoni   già   indebolite   per   altre  
cause   possono   essere   potenzialmente   interessate   dallo   sviluppo   delle   radici,   la   cui   azione   meccanica  
dovuta   alla   crescita   in   lunghezza   e   all’accrescimento   diametrale   possono   favorire   il   degrado   della  
struttura  in  modo  significativo.    

Pagina  9  di  19  
DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRARIE, FORESTALI E ALIMENTARI
Via Leonardo da Vinci, 44 – 10095 Grugliasco (TO)

 

 
Figura  14.  Ricacci  di  A.  altissima  dal  ceppo  di  un  esemplare  abbattuto  in  prossimità  dell’edificio  “Quartiere  degli  
artiglieri”.  

 

 
Figura  15.    Giovani  piante  di  A.  altissima  nell’area  compresa  fra  i  bastioni  di  Beato  Amedeo  e  di  San  Carlo.  Sono  
anche  visibili  esemplari  di  Robinia  pseudoacacia.  

 

Pagina  10  di  19  
DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRARIE, FORESTALI E ALIMENTARI
Via Leonardo da Vinci, 44 – 10095 Grugliasco (TO)

 

 
 

 
Figura  16.  Giovani  piante  di  A.  altissima  nei  pressi  del  “Magazzino  del  Genio”  
 

Pagina  11  di  19  
DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRARIE, FORESTALI E ALIMENTARI
Via Leonardo da Vinci, 44 – 10095 Grugliasco (TO)

 

 
Figura  17.  Giovane  pianta  di  A.  altissima  sviluppatasi  alla  base  di  un  edificio  (in  Figura  4  identificato  del  numero  
24)  recentemente  oggetto  di  intervento  di  recupero.  
 

 

 

Figura  18.  Pianta  portaseme  di  A.  altissima  nella  
“Piazza  d’Armi”.  Sono  visibili  i  numerosi  frutti,  che  
verranno  dispersi  nella  prossima  primavera.  

Figura  19.  A.  altissima  in  un  cortile  dell’”Ospedale  
Militare”.  

 

 

 

Pagina  12  di  19  
DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRARIE, FORESTALI E ALIMENTARI
Via Leonardo da Vinci, 44 – 10095 Grugliasco (TO)

 

Presenza  di  A.  altissima  sulle  coperture  degli  edifici  
Numerosi  esemplari  di  ailanto  sono  chiaramente  visibili  sulle  coperture  di  gran  parte  degli  edifici,  tra  
cui  “Quartiere  degli  artiglieri”,  “Palazzo  del  Governatore”,  “Quartiere  S.  Carlo”  e  “Quartiere  S.  Michele”  
(Tabella   1)   L’insediamento   e   lo   sviluppo   delle   infestazioni   sono   particolarmente   favoriti   dalla  
tipologia   costruttiva   delle   coperture   (a   padiglione   con   coppi   in   laterizio   italico),   con   presenza   di  
quantità   variabili   di   terriccio   al   di   sotto   dei   coppi,   unitamente   allo   stato   di   generale   degrado   della  
copertura   stessa.   Durante   i   sopralluoghi   è   stato   possibile   osservare   direttamente   in   loco   lo   stato   di  
infestazione  sulla  copertura  dell’edificio  “Caserma  Beleno”  (o  “Palazzo  del  Governatore”)  e  il  notevole  
sviluppo  dell’apparato  radicale  di  un  esemplare  ancora  relativamente  giovane  (verosimilmente  di  età  
non  superiore  ai  due  anni)  estirpato  dal  colmo  del  tetto.  Sono  visibili  segni  di  interventi  precedenti  di  
taglio  delle  piante,  che  non  sono  apparsi  risolutivi.  Al  contrario,  tali  interventi,  non  seguiti  da  adeguata  
devitalizzazione  delle  ceppaie,  hanno  di  fatto  stimolato  un  ulteriore  sviluppo  vegetativo  e  l’emissione  
di  polloni  radicali.  
I   diversi   edifici   sono   interessati   da   livelli   di   infestazione   estremamente   variabili,   in   funzione   della  
tipologia   costruttiva   e   del   grado   di   deperimento   della   copertura.   In   alcuni   casi,   sono   visibili   resti   di  
esemplari   recentemente   sottoposti   a   taglio.  Nelle   aree   limitrofe   alle   ceppaie   si   è   spesso   sviluppata   una  
densa  popolazione  di  individui,  con  ogni  probabilità  formata  da  polloni  originati  dall’apparato  radicale  
della  pianta  abbattuta.  In  generale,  le  infestazioni  più  abbondanti  sono  presenti  nelle  linee  di  impluvio,  
dove  la  maggiore  umidità  e  l’accumulo  di  substrato  trasportato  dalle  acque  di  sgrondo  hanno  favorito  
lo   sviluppo   delle   piante.   La   presenza   stessa   delle   piante   lungo   le   linee   di   impluvio   favorisce   a   sua   volta  
un   maggiore   deposito   di   substrato,   poiché   ostacola   parzialmente   il   movimento   dell’acqua.   Tale  
fenomeno  agevola  ulteriormente  lo  sviluppo  di  A.  altissima  e  può    permettere  l’insediamento  anche  di  
altre  specie  erbacee  ed  arboree  (in  particolare  di  Robinia  pseudoacacia).  
Va   rilevato   che   la   presenza   di   A.   altissima   non   può   essere   considerata   come   la   causa   iniziale   del  
deterioramento   delle   strutture   di   copertura,   in   quanto   la   specie   è   in   grado   di   insediarsi   solo   quando   si  
creano   condizioni   idonee   al   suo   sviluppo.   Nel   caso   degli   edifici   della   Cittadella,   tali   condizioni   sono  
principalmente  rappresentate  da  un  preesistente  deterioramento  del  manto  in  coppi,  con  esposizione  
anche   solo   parziale   del   materiale   di   riempimento   utilizzato   per   proteggere   dai   colpi   di   mortaio   le  
strutture  sottostanti.  Tuttavia,  dal  momento  del  suo  insediamento,  lo  sviluppo  dell’apparato  radicale  di  
A.  altissima   rappresenta   un   grave   elemento  di  ulteriore  ammaloramento  delle  strutture  interessate.  La  
crescita   dei   vari   organi   della   pianta,   ed   in   particolare   dell’apparato   radicale,   ha   determinato   in   vari  
punti  ulteriori  significativi  dissesti  nel  manto  dei  coppi,  accelerando  il  processo  di  degrado.  
Lo  stato  attuale  delle  infestazioni  è  da  ritenersi  preoccupante  per  una    buona  parte  degli  edifici,  ed  in  
particolare   per   quelli   dotati   di   tetti   maggiormente   rinforzati,   come   ad   esempio   il   “Palazzo   del  
Governatore”.   In   quest’ultimo,   in   particolare,   desta   grande   preoccupazione   la   presenza   di   numerose  
giovani  piante,  la  cui  crescita  potrebbe  in  poco  tempo  arrecare  un  danno  significativo  alla  struttura.  
 
 

 

Pagina  13  di  19  
DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRARIE, FORESTALI E ALIMENTARI
Via Leonardo da Vinci, 44 – 10095 Grugliasco (TO)

 

Tabella  1.  Numero  di  esemplari  di  A.  altissima  rilevati  nelle  coperture  degli  edifici  della  Cittadella.    
Numero  
edificio  
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
11  
12  
13  
14  
15  
16  
17  
18  
19  
20  
21  
22  
23  
24  
25  

Denominazione  

Numero  
esemplari  
0  
4  
228  
36  
15  
0  
3  
0  
28  
4  
0  
0  
0  
9  
11  
9  
8  
28  
1  
37  
0  
0  
8  
0  
6  

PORTA  REALE  
QUARTIERE  DEGLI  ARTIGLIERI  
PALAZZO  DEL  GOVERNATORE  
MAGAZZINO  DEL  GENIO  
POLVERIERA  BEATO  AMEDEO  
 
 
 
QUARTIERE  SAN  CARLO  
ARSENALE  
PORTA  DEL  SOCCORSO  
 
 
QUARTIERE  SAN  TOMMASO  
QUARTIERE  SAN  MICHELE    
QUARTIERE  SAN  MICHELE  
QUARTIERE  SAN  MICHELE  
QUARTIERE  SAN  MICHELE  
QUARTIERE  SAN  MICHELE  
QUARTIERE  SAN  MICHELE  
POLVERIERA  SAN  MICHELE  
 
MAGAZZINO  VIVERI  E  MUNIZIONI  
 
ARMERIA  

 
 

 
Figura  20.  Esemplare  di  A.  altissima  di  notevoli  dimensioni  sulla  copertura  dell’edificio  “Quartiere  degli  
artiglieri”.  

 
 

Pagina  14  di  19  
DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRARIE, FORESTALI E ALIMENTARI
Via Leonardo da Vinci, 44 – 10095 Grugliasco (TO)

 

 
Figura  21.  Infestazioni  di  A.  altissima  sulla  copertura  e  alla  base  dell’edificio  “Ospedale  Militare”.  

 
 

 

 
Figura  22.  Esemplari  di  A.  altissima  presenti  sulla  copertura  dell’edificio  “Palazzo  del  Governatore”  (sopra)  ed  
estirpazione  di  una  giovane  pianta  (sotto).  Si  noti  il  substrato  presente  al  di  sotto  dei  coppi.  

Pagina  15  di  19  
DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRARIE, FORESTALI E ALIMENTARI
Via Leonardo da Vinci, 44 – 10095 Grugliasco (TO)

 

 

 

   

 

Figura  23.  Esemplari  di  A.  altissima  presenti  sulla  copertura  dell’edificio  “Palazzo  del  Governatore”.  

 
 

 

Pagina  16  di  19  
DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRARIE, FORESTALI E ALIMENTARI
Via Leonardo da Vinci, 44 – 10095 Grugliasco (TO)

 

 
Figura  24.  Piante  portaseme  di  A.  altissima  sulla  copertura  degli  edifici    del  “Quartiere  S.  Michele”.  
 

 
Figura  25.  Serie  di  piante  di  A.  altissima  insediate  lungo  un  impluvio  delle  coperture  del  “Quartiere  S.  Michele”.  
La  freccia  indica  un  esemplare  già  sottoposto  ad  un  precedente  intervento  di  abbattimento,  dal  quale  si  sono  
sviluppati  vigorosi  ricacci.  Sono  presenti  anche  esemplari  di  Robinia  pseudoacacia.  

 

Possibili  interventi  di  contenimento  
Aree  di  intervento:  priorità  
La   presenza   di   A.   altissima   nella   Cittadella   è   da   ritenersi   molto   preoccupante,   sia   per   l’attuale   stato  
delle   infestazioni,   sia   per   le   condizioni   generali   delle   fortificazioni   esterne   e   degli   edifici.   E’   infatti  
verosimile  prevedere  che  l’attuale  livello  di  infestazione  sia  destinato  a  peggiorare  significativamente  
nei   prossimi   anni   qualora   non   venissero   adottati   interventi   specifici   di   contenimento.   Il   degrado  
provocato  dalle  infestazioni  di  ailanto  si  manifesta  secondo  una  progressione  di  tipo  “esponenziale”  e  
pertanto   si   ipotizza   che   nel   volgere   di   un   breve   periodo   di   tempo   il   grado   di   ammaloramento   degli  
edifici  e  la  diffusione  della  specie  sull’intera  area  della  Cittadella  possano  determinare  condizioni  tali  
da  rendere  particolarmente  difficile  ed  oneroso  il  ripristino.  
Pagina  17  di  19  
DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRARIE, FORESTALI E ALIMENTARI
Via Leonardo da Vinci, 44 – 10095 Grugliasco (TO)

 

Si  ritiene  pertanto  indispensabile  prevedere  alcuni  interventi  urgenti,  di  seguito  riportati  in  ordine  di  
priorità  decrescente.  
eradicazione  delle  infestazioni  sulle  coperture  degli  edifici  
Si  ritiene  assolutamente  indispensabile  e  inderogabile  procedere  alla  devitalizzazione  completa  degli  
individui   presenti   sulle   coperture.   Si   ritiene   che   la   mancata   esecuzione   di   questo   intervento   porterà  
inevitabilmente  le  coperture  ad  uno  stato  di  degrado  irreversibile  nel  volgere  di  pochi  anni.  
eliminazione  delle  piante  nelle  zone  al  piano  a  ridosso  degli  edifici  
Seppur  con  un  grado  di  priorità  inferiore  al  precedente,  questo  intervento  si  ritiene  indispensabile  per  
evitare   che   lo   sviluppo   dell’apparato   radicale   delle   piante   di   ailanto   possa   determinare   un  
deterioramento  dei  muri  perimetrali  degli  edifici  e  compromettere,  nel  lungo  periodo,  la  stabilità  degli  
stessi.  
gestione  della  vegetazione  nei  cortili,  marciapiedi  e  altre  aree  al  piano  
In  queste  aree  la  presenza  dell’ailanto  va  gestita  secondo  i  criteri  normalmente  adottati  nei  programmi  
di   gestione   ordinaria   del   verde   urbano.   L’esecuzione   di   interventi   di   sfalcio   delle   aree   inerbite   e   di  
diserbo   localizzato   (es.   su   ricacci   da   ceppaie)   ripetuti   secondo   un   programma   di   manutenzione  
ordinaria   dovrebbe   essere   sufficiente   a   mantenere   l’infestazione   sotto   controllo,   impedendo  
l’insediamento  di  nuovi  individui.  
gestione  della  vegetazione  nelle  opere  di  fortificazione  esterna  
Si  deve  provvedere   a  garantire  una  copertura  erbacea  regolarmente  sfalciata,  come  già  in  atto  in  parte  
del   fossato.   Qualora   presenti,   le   piante   di   ailanto   di   grandi   dimensioni   devono   essere   previamente  
eliminate  tramite  abbattimento,  eventualmente  preceduto  da  cercinatura  (se  ritenuta  vantaggiosa).  Le  
ceppaie   dovranno   essere   trattate   con   erbicidi   sistemici   ad   ampio   spettro   in   modo   da   evitare   la  
formazione  di  ricacci  e  di  polloni  radicali.  
Per   esemplari   isolati   di   altezza   sino   a   circa   1,5   m   è   possibile   intervenire   nella   stagione   vegetativa  
applicando  direttamente  sul  fogliame  erbicidi  sistemici  ad  ampio  spettro.    
 

Procedure  di  intervento  
Per   gli   interventi   di   eradicazione   sulle   coperture   degli   edifici,   si   suggerisce   un   intervento   nella  
prossima  primavera,  indicativamente  nei  mesi  di  aprile-­‐maggio  (da  valutare  con  precisione  nel  corso  
della   stagione),   con   piante   in   attivo   sviluppo.   Si   consiglia   il   taglio   della   pianta   alla   base,   seguito  
immediatamente   da   spennellatura   con   diserbanti   sistemici   ad   ampio   spettro.   La   scelta   del/dei  
prodotto/i   più   idonei   sarà   eseguita   poco   prima   del   trattamento,   anche   tenendo   conto   del   quadro  
normativo  in  materia  di  impiego  di  prodotti  fitosanitari  in  aree  extra-­‐agricole,  che  risulta  attualmente  
in   forte   mutamento   a   seguito   delle   disposizioni   comunitarie   più   recenti   (Direttiva   2009/128/CE).   Al  
trattamento  deve  seguire  un  monitoraggio  attento  e  continuo  per  tutta  la  stagione  vegetativa.  
Si   sconsiglia   vivamente   di   tentare   di   rimuovere   l’apparato   radicale   degli   individui   presenti   sulle  
coperture:   questa   azione,   oltre   a   risultare   difficilmente   risolutiva   (è   praticamente   impossibile  
rimuovere   tutte   le   radici),   può   stimolare   ulteriori   ricacci   e   danneggiare   oltremodo   la   copertura,  
creando  un  ambiente  ancora  più  favorevole  all’insediamento  di  nuove  piante  da  seme.  

Pagina  18  di  19  
DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRARIE, FORESTALI E ALIMENTARI
Via Leonardo da Vinci, 44 – 10095 Grugliasco (TO)

 

Negli  altri  ambienti  occorre  anzitutto  garantire  un  adeguato  livello  di  manutenzione  delle  aree  verdi  in  
tutte   le   aree   della   Cittadella.   Aree   abbandonate   o   occupate   da   materiale   vario   di   risulta   rappresentano  
un  ambiente  ideale  per  l’insediamento  e  lo  sviluppo  dell’ailanto.  
Piante   da   seme   isolate   e   di   piccole   dimensioni   possono   essere   estirpate   manualmente.   In   tal   caso,  
occorre   successivamente   monitorare   con   attenzione   l’area   circostante   per   verificare   l’eventuale  
comparsa  di  polloni.  
Piante  di  maggiori  dimensioni  devono  essere  abbattute  e  le  ceppaie  trattate  con  diserbanti  sistemici  ad  
ampio   spettro.   Dovrà   essere   data   la   priorità   all’abbattimento   delle   piante   portaseme.   In   un’ottica   di  
programmazione  della  gestione  estesa  a  periodi  di  durata  medio-­‐lunga,  dovrà  essere  inoltre  valutata  
l’eventuale   possibilità   di   impiego   di   tecniche   complementari   quali   la   cercinatura.   In   ogni   caso,   è  
indispensabile   un   attento   e   continuo   monitoraggio   per   verificare   l’eventuale   comparsa   di   polloni  
radicali  e  predisporre  adeguati  interventi  tempestivi.  
   
Grugliasco,  13  febbraio  2013  
 

Pagina  19  di  19  
DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRARIE, FORESTALI E ALIMENTARI
Via Leonardo da Vinci, 44 – 10095 Grugliasco (TO)

 


Documenti correlati


Documento PDF relazione rivista in pdf
Documento PDF elaborato n 01 relazione
Documento PDF giornalino definitivo
Documento PDF relazione sull amministrazione della giustizia anno 2015 del primo presidente giovanni canzio
Documento PDF indire relazione completa 1
Documento PDF 088 15 a 0215 01 es t01 a relazione generale


Parole chiave correlate