File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Ricerca PDF Assistenza Contattaci



Il valore della democrazia.pdf


Anteprima del file PDF il-valore-della-democrazia.pdf

Pagina 1 2 3 4 5 6 7

Anteprima testo


Il valore della
democrazia
di Andrea Papi
da Rivista Anarchica on line

La democrazia è sempre più ridotta ad uno slogan
propagandistico. Solo l’anarchia può rendere effettuale l’assunto
democratico della libertà.

Per l’occidente al potere, cioè per le forze governative che
dichiaratamente con grande supponenza si stanno autoponendo a
salvaguardia dei valori su cui si fonda l’attuale concetto occidentale di
benessere dei popoli, oggi la democrazia è diventata la cartina di
tornasole che dovrebbe misurare il tasso di libertà di ogni singolo stato in
tutto il mondo. Vissuta e proposta come la panacea che dovrebbe liberare
le forze migliori ed assicurare la garanzia del rispetto dei diritti individuali,
a tutti gli effetti è stata assunta quale metro di giudizio per decidere come
trattare chi non vi si vuole adeguare, ovviamente con le buone o con le
cattive. In altre parole la democrazia è ridotta ad uno slogan
propagandistico, capace di immettere sul mercato globale del consenso la
bandiera dei presunti supremi valori occidentali, contrabbandati come
superiori a qualsiasi altro di qualsiasi altra tradizione di civiltà. È ormai di
fatto diventata sempre di più un alibi considerato buono per svariati usi e
consumi, dai più redditizi ai più efferati.
In suo nome
In nome suo si dichiarano e si fanno guerre dagli effetti sempre più
devastanti nei confronti delle popolazioni inermi. In nome suo gli stati
superpotenti e le multinazionali sovrannazionali finanziarie e mercantili
fanno spensierate e segrete alleanze con regimi dittatoriali di piccolo
cabotaggio, capaci di distinguersi nell’arte redditizia di sorreggersi
esclusivamente sull’efferatezza e la corruzione. In nome suo si perpetuano
con gran disinvoltura situazioni di sfruttamento e di oppressione, alcune al
limite della sopportabilità, stati di povertà e di miseria sotto la soglia
dell’umano culturalmente accettata, situazioni di disuguaglianza sociale ed
economica capaci di abbruttire. Di fatto in nome suo da diversi decenni il
mondo sta consumando una quotidiana tragedia che vede quali indiscusse
protagoniste la sopraffazione, l’ingiustizia, l’oppressione, le guerre. È del
14 gennaio scorso il rapporto allarmante e pessimista sullo stato dei diritti