File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Ricerca PDF Assistenza Contattaci



costituz .pdf



Nome del file originale: costituz.pdf

Questo documento in formato PDF 1.6 è stato generato da Adobe InDesign CS5.5 (7.5) / Adobe PDF Library 9.9, ed è stato inviato su file-pdf.it il 09/04/2013 alle 16:28, dall'indirizzo IP 130.25.x.x. La pagina di download del file è stata vista 4636 volte.
Dimensione del file: 3.8 MB (258 pagine).
Privacy: file pubblico




Scarica il file PDF









Anteprima del documento


Ministero dell’Interno
Dipartimento per le Libertà Civili
e l’Immigrazione

Progetto co-finanziato
dall’Unione Europea

Fondo Europeo per l’Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi

Costituzione
della Repubblica
Italiana
Testo completo tradotto in:
ENGLISH – ESPAÑOL – FRANÇAIS
GJUHA SHQIPE – РУССКИЙ 

‫اﻟْﻌَﺮَﺑﻴّﺔ‬  – 中文 – TAGALOG

Costituzione
della
Repubblica Italiana
Tradotta in:
ENGLISH – ESPAÑOL
FRANÇAIS – GJUHA SHQIPE
РУССКИЙ – ‫اﻟْﻌَﺮَﺑﻴّﺔ‬

中文 – TAGALOG
Inglese - Spagnolo - Francese - Albanese - Russo - Arabo - Cinese - Filippino (Tagalog)

Pubblicazione realizzata nell’ambito del Programma di Formazione Integrata per
l’innovazione dei processi organizzativi di accoglienza e integrazione
dei cittadini stranieri - II Edizione
Progetto co-finanziato dall’Unione Europea con il
Fondo Europeo per l’Integrazione di cittadini di Paesi terzi.

1

ITALIANO

3

ENGLISH (INGLESE)

31

ESPAÑOL (SPAGNOLO)

59

FRANÇAIS (FRANCESE)

89

GJUHA SHQIPE (ALBANESE)

119

РУССКИЙ  (RUSSO)

147

‫( اﻟْﻌَﺮَﺑﻴّﺔ‬ARABO)

177

中文  (CINESE)

201

TAGALOG (FILIPPINO)

225

Italiano

Costituzione
della
Repubblica Italiana

3

I nd ice

Cosituzione della Repubblica Italiana
Principi Fondamentali
Parte I - Diritti e doveri dei cittadini
TITOLO I - Rapporti civili
TITOLO II - Rapporti etico-sociali
TITOLO III - Rapporti economici
TITOLO IV- Rapporti politici
Parte II - Ordinamento della Repubblica
TITOLO I - Il Parlamento
Sezione I - Le Camere
Sezione Il - La formazione delle leggi
TITOLO Il - Il Presidente della Repubblica
TITOLO III - Il Governo
Sezione I - Il Consiglio dei Ministri
Sezione Il - La Pubblica Amministrazione
Sezione III - Gli organi ausiliari
TITOLO IV - La Magistratura
Sezione I - Ordinamento giurisdizionale
Sezione Il - Norme sulla giurisdizione
TITOLO V - Le Regioni, le Province, i Comuni
TITOLO VI - Garanzie costituzionali
Sezione I - La Corte Costituzionale
Sezione Il - Revisione della Costituzione, Leggi costituzionali
Disposizioni transitorie e finali

4

Italiano
Italiano

COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA
Il Capo provvisorio dello Stato,
Vista la deliberazione dell’Assemblea Costituente, che nella seduta del 22 dicembre 1947 ha approvato la Costituzione
della Repubblica Italiana;
Vista la XVIII disposizione finale della Costituzione;
promulga;
la Costituzione della Repubblica Italiana nel seguente testo:

PRINCIPI FONDAMENTALI
Art. 1.

L’Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro.
La sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle
forme e nei limiti della Costituzione.

ordine, indipendenti e sovrani.
I loro rapporti sono regolati dai Patti Lateranensi. Le modificazioni dei Patti accettate dalle due parti, non richiedono procedimento di revisione costituzionale.[1]

Art. 2.

Art. 8.

La Repubblica riconosce e garantisce i diritti inviolabili
dell’uomo, sia come singolo sia nelle formazioni sociali ove si
svolge la sua personalità, e richiede l’adempimento dei doveri inderogabili di solidarietà politica, economica e sociale.

Art. 3.

Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali
davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di
lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni
personali e sociali.
È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione
di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica
e sociale del Paese.

Art. 4.

La Repubblica riconosce a tutti i cittadini il diritto al lavoro e promuove le condizioni che rendano effettivo
questo diritto.
Ogni cittadino ha il dovere di svolgere, secondo le proprie
possibilità e la propria scelta, un’attività o una funzione che
concorra al progresso materiale o spirituale della società.

Art. 5.

La Repubblica, una e indivisibile, riconosce e promuove le autonomie locali; attua nei servizi che dipendono
dallo Stato il più ampio decentramento amministrativo;
adegua i principi ed i metodi della sua legislazione alle
esigenze dell’autonomia e del decentramento.

Art. 6.

La Repubblica tutela con apposite norme le minoranze
linguistiche.

Tutte le confessioni religiose sono egualmente libere davanti alla legge.
Le confessioni religiose diverse dalla cattolica hanno diritto di organizzarsi secondo i propri statuti, in quanto
non contrastino con l’ordinamento giuridico italiano.
I loro rapporti con lo Stato sono regolati per legge sulla
base di intese con le relative rappresentanze. [2]

Art. 9.

La Repubblica promuove lo sviluppo della cultura e la
ricerca scientifica e tecnica.
Tutela il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della Nazione.

Art. 10.

L’ordinamento giuridico italiano si conforma alle norme del
diritto internazionale generalmente riconosciute.
La condizione giuridica dello straniero è regolata dalla legge in conformità delle norme e dei trattati internazionali.
Lo straniero, al quale sia impedito nel suo paese l’effettivo
esercizio delle libertà democratiche garantite dalla Costituzione italiana, ha diritto d’asilo nel territorio della Repubblica secondo le condizioni stabilite dalla legge.
Non è ammessa l’estradizione dello straniero per reati politici. [3]

Art. 11.

L’Italia ripudia la guerra come strumento di offesa alla
libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione
delle controversie internazionali; consente, in condizioni di parità con gli altri Stati, alle limitazioni di sovranità
necessarie ad un ordinamento che assicuri la pace e la
giustizia fra le Nazioni; promuove e favorisce le organizzazioni internazionali rivolte a tale scopo.

Art. 12.
Art.7.

Lo Stato e la Chiesa cattolica sono, ciascuno nel proprio

La bandiera della Repubblica è il tricolore italiano: verde,
bianco e rosso, a tre bande verticali di eguali dimensioni.

5

Costituzione della Repubblica Italiana

Parte I

DIRITTI E DOVERI DEI CITTADINI
TITOLO I

RAPPORTI CIVILI
Art. 13.

La libertà personale è inviolabile.
Non è ammessa forma alcuna di detenzione, di ispezione o perquisizione personale, né qualsiasi altra restrizione della libertà personale, se non per atto motivato
dell’Autorità giudiziaria e nei soli casi e modi previsti
dalla legge.
In casi eccezionali di necessità ed urgenza, indicati tassativamente dalla legge, l’autorità di Pubblica sicurezza
può adottare provvedimenti provvisori, che devono
essere comunicati entro quarantotto ore all’Autorità
giudiziaria e, se questa non li convalida nelle successive
quarantotto ore, si intendono revocati e restano privi di
ogni effetto.
È punita ogni violenza fisica e morale sulle persone comunque sottoposte a restrizioni di libertà.
La legge stabilisce i limiti massimi della carcerazione
preventiva.

Art. 14.

Il domicilio è inviolabile.
Non vi si possono eseguire ispezioni o perquisizioni o
sequestri, se non nei casi e modi stabiliti dalla legge secondo le garanzie prescritte per la tutela della libertà
personale.
Gli accertamenti e le ispezioni per motivi di sanità e di
incolumità pubblica o a fini economici e fiscali sono regolati da leggi speciali.

Art. 15.

La libertà e la segretezza della corrispondenza e di ogni
altra forma di comunicazione sono inviolabili.
La loro limitazione può avvenire soltanto per atto motivato dell’Autorità giudiziaria con le garanzie stabilite
dalla legge.

Art. 16.

Ogni cittadino può circolare e soggiornare liberamente
in qualsiasi parte del territorio nazionale, salvo le limitazioni che la legge stabilisce in via generale per motivi di
sanità o di sicurezza.
Nessuna restrizione può essere determinata da ragioni
politiche.
Ogni cittadino è libero di uscire dal territorio della Repubblica e di rientrarvi, salvo gli obblighi di legge.

Art. 17.

I cittadini hanno diritto di riunirsi pacificamente e
senz’armi.
Per le riunioni, anche in luogo aperto al pubblico, non è

6

richiesto preavviso.
Delle riunioni in luogo pubblico deve essere dato preavviso alle autorità, che possono vietarle soltanto per
comprovati motivi di sicurezza o di incolumità pubblica.

Art. 18.

I cittadini hanno diritto di associarsi liberamente, senza
autorizzazione, per fini che non sono vietati ai singoli
dalla legge penale.
Sono proibite le associazioni segrete e quelle che perseguono, anche indirettamente, scopi politici mediante
organizzazioni di carattere militare.

Art. 19.

Tutti hanno diritto di professare liberamente la propria
fede religiosa in qualsiasi forma, individuale o associata,
di farne propaganda e di esercitarne in privato o in pubblico il culto, purché non si tratti di riti contrari al buon
costume.

Art. 20.

Il carattere ecclesiastico e il fine di religione o di culto
d’una associazione od istituzione non possono essere
causa di speciali limitazioni legislative, né di speciali gravami fiscali per la sua costituzione, capacità giuridica e
ogni forma di attività.

Art. 21.

Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio
pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di
diffusione.
La stampa non può essere soggetta ad autorizzazioni o
censure.
Si può procedere a sequestro soltanto per atto motivato dell’autorità giudiziaria nel caso di delitti, per i quali
la legge sulla stampa espressamente lo autorizzi, o nel
caso di violazione delle norme che la legge stessa prescriva per l’indicazione dei responsabili.
In tali casi, quando vi sia assoluta urgenza e non sia possibile il tempestivo intervento dell’Autorità giudiziaria, il
sequestro della stampa periodica può essere eseguito
da ufficiali di polizia giudiziaria, che devono immediatamente, e non mai oltre ventiquattro ore, fare denunzia
all’Autorità giudiziaria.
Se questa non lo convalida nelle ventiquattro ore successive, il sequestro s’intende revocato e privo di ogni
effetto.
La legge può stabilire, con norme di carattere generale,
che siano resi noti i mezzi di finanziamento della stampa
periodica.
Sono vietate le pubblicazioni a stampa, gli spettacoli e

Italiano
Italiano
tutte le altre manifestazioni contrarie al buon costume.
La legge stabilisce provvedimenti adeguati a prevenire
e a reprimere le violazioni.

Art. 22.

Nessuno può essere privato, per motivi politici, della capacità giuridica, della cittadinanza, del nome.

Art. 23.

Nessuna prestazione personale o patrimoniale può essere imposta se non in base alla legge.

Art. 24.

Tutti possono agire in giudizio per la tutela dei propri
diritti e interessi legittimi.
La difesa è diritto inviolabile in ogni stato e grado del
procedimento.
Sono assicurati ai non abbienti, con appositi istituti, i
mezzi per agire e difendersi davanti ad ogni giurisdizione.
La legge determina le condizioni e i modi per la riparazione degli errori giudiziari.

Art. 25.

Nessuno può essere distolto dal giudice naturale precostituito per legge.
Nessuno può essere punito se non in forza di una legge
che sia entrata in vigore prima del fatto commesso.
Nessuno può essere sottoposto a misure di sicurezza se
non nei casi previsti dalla legge.

Art. 26.

L’estradizione del cittadino può essere consentita soltanto ove sia espressamente prevista dalle convenzioni
internazionali.
Non può in alcun caso essere ammessa per reati politici.
[4]

Art. 27.

La responsabilità penale è personale.
L’imputato non è considerato colpevole sino alla condanna definitiva.
Le pene non possono consistere in trattamenti contrari
al senso di umanità e devono tendere alla rieducazione
del condannato.
Non è ammessa la pena di morte. [5]

Art. 28.

I funzionari e i dipendenti dello Stato e degli enti pubblici sono direttamente responsabili, secondo le leggi penali, civili e amministrative, degli atti compiuti in
violazione di diritti. In tali casi la responsabilità civile si
estende allo Stato e agli enti pubblici.

TITOLO II

RAPPORTI ETICO-SOCIALI
Art. 29.

La Repubblica riconosce i diritti della famiglia come società naturale fondata sul matrimonio.
Il matrimonio è ordinato sull’eguaglianza morale e giuridica dei coniugi, con i limiti stabiliti dalla legge a garanzia dell’unità familiare.

Art. 30.

È dovere e diritto dei genitori mantenere, istruire ed
educare i figli, anche se nati fuori del matrimonio.
Nei casi di incapacità dei genitori, la legge provvede a
che siano assolti i loro compiti.
La legge assicura ai figli nati fuori del matrimonio ogni
tutela giuridica e sociale, compatibile con i diritti dei
membri della famiglia legittima.
La legge detta le norme e i limiti per la ricerca della paternità.

Art. 31.

La Repubblica agevola con misure economiche e altre
provvidenze la formazione della famiglia e l’adempimento dei compiti relativi, con particolare riguardo alle
famiglie numerose.
Protegge la maternità, l’infanzia e la gioventù, favorendo gli istituti necessari a tale scopo.

Art. 32.

La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività, e garantisce cure gratuite agli indigenti.
Nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario se non per disposizione di legge. La
legge non può in nessun caso violare i limiti imposti dal
rispetto della persona umana.

Art. 33.

L’arte e la scienza sono libere e libero ne è l’insegnamento.
La Repubblica detta le norme generali sull’istruzione ed
istituisce scuole statali per tutti gli ordini e gradi.
Enti e privati hanno il diritto di istituire scuole ed istituti
di educazione, senza oneri per lo Stato.
La legge, nel fissare i diritti e gli obblighi delle scuole
non statali che chiedono la parità, deve assicurare ad
esse piena libertà e ai loro alunni un trattamento scolastico equipollente a quello degli alunni di scuole statali.
È prescritto un esame di Stato per l’ammissione ai vari
ordini e gradi di scuole o per la conclusione di essi e per
l’abilitazione all’esercizio professionale.
Le istituzioni di alta cultura, università ed accademie,
hanno il diritto di darsi ordinamenti autonomi nei limiti
stabiliti dalle leggi dello Stato.

7

Costituzione della Repubblica Italiana

Art. 34.

La scuola è aperta a tutti.
L’istruzione inferiore, impartita per almeno otto anni, è
obbligatoria e gratuita.
I capaci e meritevoli, anche se privi di mezzi, hanno diritto di raggiungere i gradi più alti degli studi.
La Repubblica rende effettivo questo diritto con borse
di studio, assegni alle famiglie ed altre provvidenze, che
devono essere attribuite per concorso.

TITOLO III

RAPPORTI ECONOMICI
Art. 35.

La Repubblica tutela il lavoro in tutte le sue forme ed
applicazioni.
Cura la formazione e l’elevazione professionale dei lavoratori.
Promuove e favorisce gli accordi e le organizzazioni internazionali intesi ad affermare e regolare i diritti del lavoro.
Riconosce la libertà di emigrazione, salvo gli obblighi
stabiliti dalla legge nell’interesse generale, e tutela il lavoro italiano all’estero.

Art. 36.

Il lavoratore ha diritto ad una retribuzione proporzionata alla quantità e qualità del suo lavoro e in ogni caso
sufficiente ad assicurare a sé e alla famiglia un’esistenza
libera e dignitosa.
La durata massima della giornata lavorativa è stabilita
dalla legge.
Il lavoratore ha diritto al riposo settimanale e a ferie annuali retribuite, e non può rinunziarvi.

Art. 37.

La donna lavoratrice ha gli stessi diritti e, a parità di lavoro, le stesse retribuzioni che spettano al lavoratore.
Le condizioni di lavoro devono consentire l’adempimento della sua essenziale funzione familiare e assicurare
alla madre e al bambino una speciale adeguata protezione.
La legge stabilisce il limite minimo di età per il lavoro
salariato.
La Repubblica tutela il lavoro dei minori con speciali norme e garantisce ad essi, a parità di lavoro, il diritto alla
parità di retribuzione.

Art. 38.

Ogni cittadino inabile al lavoro e sprovvisto dei mezzi
necessari per vivere ha diritto al mantenimento e all’assistenza sociale.
I lavoratori hanno diritto che siano preveduti ed assicurati mezzi adeguati alle loro esigenze di vita in caso di

8

infortunio, malattia, invalidità e vecchiaia, disoccupazione involontaria.
Gli inabili ed i minorati hanno diritto all’educazione e
all’avviamento professionale.
Ai compiti previsti in questo articolo provvedono organi
ed istituti predisposti o integrati dallo Stato.
L’assistenza privata è libera.

Art. 39.

L’organizzazione sindacale è libera.
Ai sindacati non può essere imposto altro obbligo se
non la loro registrazione presso uffici locali o centrali,
secondo le norme di legge.
È condizione per la registrazione che gli statuti dei sindacati sanciscano un ordinamento interno a base democratica.
I sindacati registrati hanno personalità giuridica. Possono, rappresentati unitariamente in proporzione dei loro
iscritti, stipulare contratti collettivi di lavoro con efficacia
obbligatoria per tutti gli appartenenti alle categorie alle
quali il contratto si riferisce.

Art. 40.

Il diritto di sciopero si esercita nell’ambito delle leggi
che lo regolano. [6]

Art. 41.

L’iniziativa economica privata è libera.
Non può svolgersi in contrasto con l’utilità sociale o in
modo da recare danno alla sicurezza, alla libertà, alla dignità umana.
La legge determina i programmi e i controlli opportuni
perché l’attività economica pubblica e privata possa essere indirizzata e coordinata a fini sociali.

Art. 42.

La proprietà è pubblica o privata. I beni economici appartengono allo Stato, ad enti o a privati.
La proprietà privata è riconosciuta e garantita dalla legge, che ne determina i modi di acquisto, di godimento e
i limiti allo scopo di assicurarne la funzione sociale e di
renderla accessibile a tutti.
La proprietà privata può essere, nei casi preveduti dalla
legge, e salvo indennizzo, espropriata per motivi d’interesse generale.
La legge stabilisce le norme ed i limiti della successione legittima e testamentaria e i diritti dello Stato sulle
eredità.

Art. 43.

A fini di utilità generale la legge può riservare originariamente o trasferire, mediante espropriazione e salvo
indennizzo, allo Stato, ad enti pubblici o a comunità di
lavoratori o di utenti determinate imprese o categorie di
imprese, che si riferiscano a servizi pubblici essenziali o
a fonti di energia o a situazioni di monopolio ed abbiano
carattere di preminente interesse generale.

Italiano
Italiano

Art. 44.

Al fine di conseguire il razionale sfruttamento del suolo
e di stabilire equi rapporti sociali, la legge impone obblighi e vincoli alla proprietà terriera privata, fissa limiti
alla sua estensione secondo le regioni e le zone agrarie,
promuove ed impone la bonifica delle terre, la trasformazione del latifondo e la ricostituzione delle unità produttive; aiuta la piccola e la media proprietà. La legge
dispone provvedimenti a favore delle zone montane.

Art. 45.

La Repubblica riconosce la funzione sociale della cooperazione a carattere di mutualità e senza fini di speculazione privata.
La legge ne promuove e favorisce l’incremento con i
mezzi più idonei e ne assicura, con gli opportuni controlli, il carattere e le finalità.
La legge provvede alla tutela e allo sviluppo dell’artigianato.

Art. 46.

Ai fini della elevazione economica e sociale del lavoro
in armonia con le esigenze della produzione, la Repubblica riconosce il diritto dei lavoratori a collaborare, nei
modi e nei limiti stabiliti dalle leggi, alla gestione delle
aziende.

Art. 47.

La Repubblica incoraggia e tutela il risparmio in tutte le
sue forme; disciplina, coordina e controlla l’esercizio del
credito.
Favorisce l’accesso del risparmio popolare alla proprietà
dell’abitazione, alla proprietà diretta coltivatrice e al diretto e indiretto investimento azionario nei grandi complessi produttivi del Paese.

TITOLO IV

RAPPORTI POLITICI
Art. 48.

Sono elettori tutti i cittadini, uomini e donne, che hanno
raggiunto la maggiore età.
Il voto è personale ed eguale, libero e segreto. Il suo
esercizio è dovere civico.
La legge stabilisce requisiti e modalità per l’esercizio del
diritto di voto dei cittadini residenti all’estero e ne assicura l’effettività. A tale fine è istituita una circoscrizione
Estero per l’elezione delle Camere, alla quale sono assegnati seggi nel numero stabilito da norma costituzionale e secondo criteri determinati dalla legge.[7]
Il diritto di voto non può essere limitato se non per incapacità civile o per effetto di sentenza penale irrevocabile
o nei casi di indegnità morale indicati dalla legge.

Art. 49.

Tutti i cittadini hanno diritto di associarsi liberamente in
partiti per concorrere con metodo democratico a determinare la politica nazionale.

Art. 50.

Tutti i cittadini possono rivolgere petizioni alle Camere
per chiedere provvedimenti legislativi o esporre comuni
necessità.

Art. 51.

Tutti i cittadini dell’uno o dell’altro sesso possono accedere agli uffici pubblici e alle cariche elettive in condizioni di eguaglianza, secondo i requisiti stabiliti dalla legge.
A tal fine la Repubblica promuove con appositi provvedimenti le pari opportunità tra donne e uomini. [8]
La legge può, per l’ammissione ai pubblici uffici e alle
cariche elettive, parificare ai cittadini gli italiani non appartenenti alla Repubblica.
Chi è chiamato a funzioni pubbliche elettive ha diritto di
disporre del tempo necessario al loro adempimento e di
conservare il suo posto di lavoro.

Art. 52.

La difesa della Patria è sacro dovere del cittadino.
Il servizio militare è obbligatorio nei limiti e modi stabiliti dalla legge. Il suo adempimento non pregiudica la
posizione di lavoro del cittadino, né l’esercizio dei diritti
politici.
L’ordinamento delle Forze armate si informa allo spirito
democratico della Repubblica.

Art. 53.

Tutti sono tenuti a concorrere alle spese pubbliche in ragione della loro capacità contributiva.
Il sistema tributario è informato a criteri di progressività.

Art. 54.

Tutti i cittadini hanno il dovere di essere fedeli alla Repubblica e di osservarne la Costituzione e le leggi.
I cittadini cui sono affidate funzioni pubbliche hanno il
dovere di adempierle con disciplina ed onore, prestando giuramento nei casi stabiliti dalla legge.

9

Costituzione della Repubblica Italiana

Parte II

ORDINAMENTO DELLA REPUBBLICA
TITOLO I

IL PARLAMENTO
Sezione I
Le Camere
Art. 55.

Il Parlamento si compone della Camera dei deputati e
del Senato della Repubblica.
Il Parlamento si riunisce in seduta comune dei membri
delle due Camere nei soli casi stabiliti dalla Costituzione.

Art. 56. [9]

La Camera dei deputati è eletta a suffragio universale e
diretto.
Il numero dei deputati è di seicentotrenta, dodici dei
quali eletti nella circoscrizione Estero.
Sono eleggibili a deputati tutti gli elettori che nel giorno
della elezione hanno compiuto i venticinque anni di età.
La ripartizione dei seggi tra le circoscrizioni, fatto salvo
il numero dei seggi assegnati alla circoscrizione Estero,
si effettua dividendo il numero degli abitanti della Repubblica, quale risulta dall’ultimo censimento generale
della popolazione, per seicentodiciotto e distribuendo i
seggi in proporzione alla popolazione di ogni circoscrizione, sulla base dei quozienti interi e dei più alti resti.

Art. 57.[10]

Il Senato della Repubblica è eletto a base regionale, salvi
i seggi assegnati alla circoscrizione Estero.
Il numero dei senatori elettivi è di trecentoquindici, sei
dei quali eletti nella circoscrizione Estero.
Nessuna Regione può avere un numero di senatori inferiore a sette; il Molise ne ha due, la Valle d’Aosta uno.
La ripartizione dei seggi fra le Regioni, fatto salvo il numero dei seggi assegnati alla circoscrizione Estero, previa applicazione delle disposizioni del precedente comma, si effettua in proporzione alla popolazione delle
Regioni, quale risulta dall’ultimo censimento generale,
sulla base dei quozienti interi e dei più alti resti.

Art. 58.

I senatori sono eletti a suffragio universale e diretto dagli elettori che hanno superato il venticinquesimo anno
di età.
Sono eleggibili a senatori gli elettori che hanno compiuto il quarantesimo anno.

Art. 59.

È senatore di diritto e a vita, salvo rinunzia, chi è stato
Presidente della Repubblica.
Il Presidente della Repubblica può nominare senatori

10

a vita cinque cittadini che hanno illustrato la Patria per
altissimi meriti nel campo sociale, scientifico, artistico e
letterario.

Art. 60.

La Camera dei deputati e il Senato della Repubblica
sono eletti per cinque anni. [11]
La durata di ciascuna Camera non può essere prorogata
se non per legge e soltanto in caso di guerra.

Art. 61.

Le elezioni delle nuove Camere hanno luogo entro settanta giorni dalla fine delle precedenti. La prima riunione ha luogo non oltre il ventesimo giorno dalle elezioni.
Finché non siano riunite le nuove Camere sono prorogati i poteri delle precedenti.

Art. 62.

Le Camere si riuniscono di diritto il primo giorno non festivo di febbraio e di ottobre.
Ciascuna Camera può essere convocata in via straordinaria per iniziativa del suo Presidente o del Presidente
della Repubblica o di un terzo dei suoi componenti.
Quando si riunisce in via straordinaria una Camera, è
convocata di diritto anche l’altra.

Art. 63.

Ciascuna Camera elegge fra i suoi componenti il Presidente e l’Ufficio di presidenza.
Quando il Parlamento si riunisce in seduta comune, il
Presidente e l’Ufficio di presidenza sono quelli della Camera dei deputati.

Art. 64.

Ciascuna Camera adotta il proprio regolamento a maggioranza assoluta dei suoi componenti.
Le sedute sono pubbliche: tuttavia ciascuna delle due
Camere e il Parlamento a Camere riunite possono deliberare di adunarsi in seduta segreta.
Le deliberazioni di ciascuna Camera e del Parlamento
non sono valide se non è presente la maggioranza dei
loro componenti, e se non sono adottate a maggioranza dei presenti, salvo che la Costituzione prescriva una
maggioranza speciale.
I membri del Governo, anche se non fanno parte delle
Camere, hanno diritto, e se richiesti obbligo, di assistere

Italiano
Italiano
alle sedute. Devono essere sentiti ogni volta che lo richiedono.

Art. 65.

La legge determina i casi di ineleggibilità e incompatibilità con l’ufficio di deputato o di senatore.
Nessuno può appartenere contemporaneamente alle
due Camere.

Art. 66.

Ciascuna Camera giudica dei titoli di ammissione dei
suoi componenti e delle cause sopraggiunte di ineleggibilità e di incompatibilità.

Art. 67.

Ogni membro del Parlamento rappresenta la Nazione
ed esercita le sue funzioni senza vincolo di mandato.

Art. 68. [12]

I membri del Parlamento non possono essere chiamati a
rispondere delle opinioni espresse e dei voti dati nell’esercizio delle loro funzioni.
Senza autorizzazione della Camera alla quale appartiene, nessun membro del Parlamento può essere sottoposto a perquisizione personale o domiciliare, né può
essere arrestato o altrimenti privato della libertà personale, o mantenuto in detenzione, salvo che in esecuzione di una sentenza irrevocabile di condanna, ovvero se
sia colto nell’atto di commettere un delitto per il quale è
previsto l’arresto obbligatorio in flagranza.
Analoga autorizzazione è richiesta per sottoporre i
membri del Parlamento ad intercettazione, in qualsiasi
forma, di conversazioni o comunicazioni e a sequestro
di corrispondenza.

Art. 69.

I membri del Parlamento ricevono un’indennità stabilita
dalla legge.

Sezione II
La formazione delle leggi
Art. 70.

La funzione legislativa è esercitata collettivamente dalle
due Camere.

Art. 71.

L’iniziativa delle leggi appartiene al Governo, a ciascun
membro delle Camere ed agli organi ed enti ai quali sia
conferita da legge costituzionale.
Il popolo esercita l’iniziativa delle leggi, mediante la proposta, da parte di almeno cinquantamila elettori, di un
progetto redatto in articoli.

Art. 72.

Ogni disegno di legge, presentato ad una Camera è, secondo le norme del suo regolamento, esaminato da una
commissione e poi dalla Camera stessa, che l’approva
articolo per articolo e con votazione finale.
Il regolamento stabilisce procedimenti abbreviati per i
disegni di legge dei quali è dichiarata l’urgenza.
Può altresì stabilire in quali casi e forme l’esame e l’approvazione dei disegni di legge sono deferiti a commissioni,
anche permanenti, composte in modo da rispecchiare
la proporzione dei gruppi parlamentari. Anche in tali
casi, fino al momento della sua approvazione definitiva,
il disegno di legge è rimesso alla Camera, se il Governo
o un decimo dei componenti della Camera o un quinto
della commissione richiedono che sia discusso o votato
dalla Camera stessa oppure che sia sottoposto alla sua
approvazione finale con sole dichiarazioni di voto. Il regolamento determina le forme di pubblicità dei lavori
delle commissioni.
La procedura normale di esame e di approvazione diretta
da parte della Camera è sempre adottata per i disegni di
legge in materia costituzionale ed elettorale e per quelli di
delegazione legislativa, di autorizzazione a ratificare trattati internazionali, di approvazione di bilanci e consuntivi.

Art. 73.

Le leggi sono promulgate dal Presidente della Repubblica entro un mese dall’approvazione.
Se le Camere, ciascuna a maggioranza assoluta dei propri componenti, ne dichiarano l’urgenza, la legge è promulgata nel termine da essa stabilito.
Le leggi sono pubblicate subito dopo la promulgazione
ed entrano in vigore il quindicesimo giorno successivo
alla loro pubblicazione, salvo che le leggi stesse stabiliscano un termine diverso.

Art. 74.

Il Presidente della Repubblica, prima di promulgare la
legge, può con messaggio motivato alle Camere chiedere una nuova deliberazione.
Se le Camere approvano nuovamente la legge, questa
deve essere promulgata.

Art. 75.

È indetto referendum popolare per deliberare l’abrogazione, totale o parziale, di una legge o di un atto avente
valore di legge, quando lo richiedono cinquecentomila
elettori o cinque Consigli regionali.
Non è ammesso il referendum per le leggi tributarie e
di bilancio, di amnistia e di indulto, di autorizzazione a
ratificare trattati internazionali.
Hanno diritto di partecipare al referendum tutti i cittadini chiamati ad eleggere la Camera dei deputati.
La proposta soggetta a referendum è approvata se ha partecipato alla votazione la maggioranza degli aventi diritto, e
se è raggiunta la maggioranza dei voti validamente espressi.
La legge determina le modalità di attuazione del referendum. [13]

11

Costituzione della Repubblica Italiana

Art. 76.

L’esercizio della funzione legislativa non può essere delegato al Governo se non con determinazione di principî
e criteri direttivi e soltanto per tempo limitato e per oggetti definiti.

missione formata in modo da rispecchiare la proporzione dei vari gruppi. La commissione di inchiesta procede
alle indagini e agli esami con gli stessi poteri e le stesse
limitazioni dell’Autorità giudiziaria.

Art. 77.

Il Governo non può, senza delegazione delle Camere,
emanare decreti che abbiano valore di legge ordinaria.
Quando, in casi straordinari di necessità e d’urgenza, il
Governo adotta, sotto la sua responsabilità, provvedimenti provvisori con forza di legge, deve il giorno stesso
presentarli per la conversione alle Camere che, anche se
sciolte, sono appositamente convocate e si riuniscono
entro cinque giorni.
I decreti perdono efficacia sin dall’inizio, se non sono
convertiti in legge entro sessanta giorni dalla loro pubblicazione.
Le Camere possono tuttavia regolare con legge i rapporti giuridici sorti sulla base dei decreti non convertiti.

Art. 78.

Le Camere deliberano lo stato di guerra e conferiscono
al Governo i poteri necessari.

Art. 79. [14]

L’amnistia e l’indulto sono concessi con legge deliberata
a maggioranza dei due terzi dei componenti di ciascuna
Camera, in ogni suo articolo e nella votazione finale.
La legge che concede l’amnistia o l’indulto stabilisce il
termine per la loro applicazione.
In ogni caso l’amnistia e l’indulto non possono applicarsi ai reati commessi successivamente alla presentazione
del disegno di legge.

Art. 80.

Le Camere autorizzano con legge la ratifica dei trattati
internazionali che sono di natura politica, o prevedono
arbitrati o regolamenti giudiziari, o importano variazioni del territorio od oneri alle finanze o modificazioni di
leggi.

Art. 81.

Le Camere approvano ogni anno i bilanci e il rendiconto
consuntivo presentati dal Governo.
L’esercizio provvisorio del bilancio non può essere concesso se non per legge e per periodi non superiori complessivamente a quattro mesi.
Con la legge di approvazione del bilancio non si possono stabilire nuovi tributi e nuove spese.
Ogni altra legge che importi nuove o maggiori spese
deve indicare i mezzi per farvi fronte.

Art. 82.

Ciascuna Camera può disporre inchieste su materie di
pubblico interesse.
A tale scopo nomina fra i propri componenti una com-

12

TITOLO II

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA
Art. 83.

Il Presidente della Repubblica è eletto dal Parlamento in
seduta comune dei suoi membri.
All’elezione partecipano tre delegati per ogni Regione
eletti dal Consiglio regionale in modo che sia assicurata
la rappresentanza delle minoranze. La Valle d’Aosta ha
un solo delegato.
L’elezione del Presidente della Repubblica ha luogo per
scrutinio segreto a maggioranza di due terzi dell’assemblea. Dopo il terzo scrutinio è sufficiente la maggioranza
assoluta.

Art. 84.

Può essere eletto Presidente della Repubblica ogni cittadino che abbia compiuto cinquanta anni d’età e goda
dei diritti civili e politici.
L’ufficio di Presidente della Repubblica è incompatibile
con qualsiasi altra carica.
L’assegno e la dotazione del Presidente sono determinati per legge.

Art. 85.

Il Presidente della Repubblica è eletto per sette anni.
Trenta giorni prima che scada il termine, il Presidente
della Camera dei deputati convoca in seduta comune il
Parlamento e i delegati regionali, per eleggere il nuovo
Presidente della Repubblica.
Se le Camere sono sciolte, o manca meno di tre mesi
alla loro cessazione, la elezione ha luogo entro quindici
giorni dalla riunione delle Camere nuove. Nel frattempo
sono prorogati i poteri del Presidente in carica.

Art. 86.

Le funzioni del Presidente della Repubblica, in ogni caso
che egli non possa adempierle, sono esercitate dal Presidente del Senato.
In caso di impedimento permanente o di morte o di dimissioni del Presidente della Repubblica, il Presidente
della Camera dei deputati indice la elezione del nuovo
Presidente della Repubblica entro quindici giorni, salvo
il maggior termine previsto se le Camere sono sciolte o
manca meno di tre mesi alla loro cessazione.

Art. 87.

Il Presidente della Repubblica è il Capo dello Stato e rappresenta l’unità nazionale.

Italiano
Italiano
Può inviare messaggi alle Camere.
Indice le elezioni delle nuove Camere e ne fissa la prima
riunione.
Autorizza la presentazione alle Camere dei disegni di
legge di iniziativa del Governo.
Promulga le leggi ed emana i decreti aventi valore di
legge e i regolamenti.
Indice il referendum popolare nei casi previsti dalla Costituzione.
Nomina, nei casi indicati dalla legge, i funzionari dello
Stato.
Accredita e riceve i rappresentanti diplomatici, ratifica i
trattati internazionali, previa, quando occorra, l’autorizzazione delle Camere.
Ha il comando delle Forze armate, presiede il Consiglio
supremo di difesa costituito secondo la legge, dichiara
lo stato di guerra deliberato dalle Camere.
Presiede il Consiglio superiore della magistratura.
Può concedere grazia e commutare le pene.
Conferisce le onorificenze della Repubblica.

Art. 88.

Il Presidente della Repubblica può, sentiti i loro Presidenti, sciogliere le Camere o anche una sola di esse.
Non può esercitare tale facoltà negli ultimi sei mesi del
suo mandato, salvo che essi coincidano in tutto o in parte con gli ultimi sei mesi della legislatura. [15]

Art. 89.

Nessun atto del Presidente della Repubblica è valido se
non è controfirmato dai ministri proponenti, che ne assumono la responsabilità.
Gli atti che hanno valore legislativo e gli altri indicati
dalla legge sono controfirmati anche dal Presidente del
Consiglio dei Ministri.

Art. 90.

Il Presidente della Repubblica non è responsabile degli
atti compiuti nell’esercizio delle sue funzioni, tranne che
per alto tradimento o per attentato alla Costituzione.
In tali casi è messo in stato di accusa dal Parlamento in
seduta comune, a maggioranza assoluta dei suoi membri.

Art. 91.

Il Presidente della Repubblica, prima di assumere le sue
funzioni, presta giuramento di fedeltà alla Repubblica e
di osservanza della Costituzione dinanzi al Parlamento
in seduta comune.

TITOLO III

IL GOVERNO

Sezione I
Il Consiglio dei Ministri
Art. 92.

Il Governo della Repubblica è composto del Presidente
del Consiglio e dei ministri, che costituiscono insieme il
Consiglio dei ministri.
Il Presidente della Repubblica nomina il Presidente del
Consiglio dei ministri e, su proposta di questo, i ministri.

Art. 93.

Il Presidente del Consiglio dei ministri e i ministri, prima
di assumere le funzioni, prestano giuramento nelle mani
del Presidente della Repubblica.

Art. 94.

Il Governo deve avere la fiducia delle due Camere.
Ciascuna Camera accorda o revoca la fiducia mediante
mozione motivata e votata per appello nominale.
Entro dieci giorni dalla sua formazione il Governo si presenta alle Camere per ottenerne la fiducia.
Il voto contrario di una o d’entrambe le Camere su una
proposta del Governo non importa obbligo di dimissioni.
La mozione di sfiducia deve essere firmata da almeno
un decimo dei componenti della Camera e non può essere messa in discussione prima di tre giorni dalla sua
presentazione.

Art. 95.

Il Presidente del Consiglio dei ministri dirige la politica
generale del Governo e ne è responsabile. Mantiene l’unità di indirizzo politico ed amministrativo, promuovendo e coordinando l’attività dei ministri.
I ministri sono responsabili collegialmente degli atti del
Consiglio dei ministri, e individualmente degli atti dei
loro dicasteri.
La legge provvede all’ordinamento della Presidenza del
Consiglio e determina il numero, le attribuzioni e l’organizzazione dei ministeri.

Art. 96. [16]

Il Presidente del Consiglio dei ministri ed i ministri, anche se cessati dalla carica, sono sottoposti, per i reati
commessi nell’esercizio delle loro funzioni, alla giurisdizione ordinaria, previa autorizzazione del Senato della
Repubblica o della Camera dei deputati, secondo le norme stabilite con legge costituzionale.

13

Costituzione della Repubblica Italiana

Sezione II
La Pubblica Amministrazione
Art. 97.

I pubblici uffici sono organizzati secondo disposizioni di
legge, in modo che siano assicurati il buon andamento e
l’imparzialità dell’amministrazione.
Nell’ordinamento degli uffici sono determinate le sfere
di competenza, le attribuzioni e le responsabilità proprie
dei funzionari.
Agli impieghi nelle pubbliche amministrazioni si accede
mediante concorso, salvo i casi stabiliti dalla legge.

Art. 98.

I pubblici impiegati sono al servizio esclusivo della Nazione.
Se sono membri del Parlamento, non possono conseguire promozioni se non per anzianità.
Si possono con legge stabilire limitazioni al diritto d’iscriversi ai partiti politici per i magistrati, i militari di carriera in servizio attivo, i funzionari ed agenti di polizia, i
rappresentanti diplomatici e consolari all’estero.

TITOLO IV

LA MAGISTRATURA

Sezione I
Ordinamento giurisdizionale
Art. 101.

La giustizia è amministrata in nome del popolo.
I giudici sono soggetti soltanto alla legge.

Art. 102.

La funzione giurisdizionale è esercitata da magistrati
ordinari istituiti e regolati dalle norme sull’ordinamento
giudiziario.
Non possono essere istituiti giudici straordinari o giudici speciali. Possono soltanto istituirsi presso gli organi
giudiziari ordinari sezioni specializzate per determinate
materie, anche con la partecipazione di cittadini idonei
estranei alla magistratura.
La legge regola i casi e le forme della partecipazione diretta del popolo all’amministrazione della giustizia.

Art. 103.

Sezione III
Gli organi ausiliari
Art. 99.

Il Consiglio nazionale dell’economia e del lavoro è composto, nei modi stabiliti dalla legge, di esperti e di rappresentanti delle categorie produttive, in misura che
tenga conto della loro importanza numerica e qualitativa.
È organo di consulenza delle Camere e del Governo per
le materie e secondo le funzioni che gli sono attribuite
dalla legge.
Ha l’iniziativa legislativa e può contribuire alla elaborazione della legislazione economica e sociale secondo i
principi ed entro i limiti stabiliti dalla legge.

Art. 100.

Il Consiglio di Stato è organo di consulenza giuridicoamministrativa e di tutela della giustizia nell’amministrazione.
La Corte dei conti esercita il controllo preventivo di legittimità sugli atti del Governo, e anche quello successivo sulla gestione del bilancio dello Stato. Partecipa, nei
casi e nelle forme stabiliti dalla legge, al controllo sulla
gestione finanziaria degli enti a cui lo Stato contribuisce
in via ordinaria. Riferisce direttamente alle Camere sul
risultato del riscontro eseguito.
La legge assicura l’indipendenza dei due Istituti e dei
loro componenti di fronte al Governo.

14

Il Consiglio di Stato e gli altri organi di giustizia amministrativa hanno giurisdizione per la tutela nei confronti
della pubblica amministrazione degli interessi legittimi
e, in particolari materie indicate dalla legge, anche dei
diritti soggettivi.
La Corte dei conti ha giurisdizione nelle materie di contabilità pubblica e nelle altre specificate dalla legge.
I tribunali militari in tempo di guerra hanno la giurisdizione stabilita dalla legge. In tempo di pace hanno giurisdizione soltanto per i reati militari commessi da appartenenti alle Forze armate.

Art. 104.

La magistratura costituisce un ordine autonomo e indipendente da ogni altro potere.
Il Consiglio superiore della magistratura è presieduto
dal Presidente della Repubblica.
Ne fanno parte di diritto il primo presidente e il procuratore generale della Corte di cassazione.
Gli altri componenti sono eletti per due terzi da tutti i
magistrati ordinari tra gli appartenenti alle varie categorie, e per un terzo dal Parlamento in seduta comune tra
professori ordinari di università in materie giuridiche ed
avvocati dopo quindici anni di esercizio.
Il Consiglio elegge un vice presidente fra i componenti
designati dal Parlamento.
I membri elettivi del Consiglio durano in carica quattro
anni e non sono immediatamente rieleggibili.
Non possono, finché sono in carica, essere iscritti negli
albi professionali, né far parte del Parlamento o di un
Consiglio regionale.

Italiano
Italiano

Art. 105.

Spettano al Consiglio superiore della magistratura, secondo le norme dell’ordinamento giudiziario, le assunzioni, le assegnazioni ed i trasferimenti, le promozioni e
i provvedimenti disciplinari nei riguardi dei magistrati.

Art. 106.

Le nomine dei magistrati hanno luogo per concorso.
La legge sull’ordinamento giudiziario può ammettere la
nomina, anche elettiva, di magistrati onorari per tutte le
funzioni attribuite a giudici singoli.
Su designazione del Consiglio superiore della magistratura possono essere chiamati all’ufficio di consiglieri
di cassazione, per meriti insigni, professori ordinari di
università in materie giuridiche e avvocati che abbiano
quindici anni d’esercizio e siano iscritti negli albi speciali
per le giurisdizioni superiori.

Art. 107.

I magistrati sono inamovibili. Non possono essere dispensati o sospesi dal servizio né destinati ad altre sedi
o funzioni se non in seguito a decisione del Consiglio
superiore della magistratura, adottata o per i motivi e
con le garanzie di difesa stabilite dall’ordinamento giudiziario o con il loro consenso. [17]
Il Ministro della giustizia ha facoltà di promuovere l’azione disciplinare.
I magistrati si distinguono fra loro soltanto per diversità
di funzioni.
Il pubblico ministero gode delle garanzie stabilite nei
suoi riguardi dalle norme sull’ordinamento giudiziario.

Art. 108.

Le norme sull’ordinamento giudiziario e su ogni magistratura sono stabilite con legge.
La legge assicura l’indipendenza dei giudici delle giurisdizioni speciali, del pubblico ministero presso di esse, e
degli estranei che partecipano all’amministrazione della
giustizia.

Art. 109.

L’autorità giudiziaria dispone direttamente della polizia
giudiziaria.

Art. 110.

Ferme le competenze del Consiglio superiore della magistratura, spettano al Ministro della giustizia l’organizzazione e il funzionamento dei servizi relativi alla giustizia.

Sezione II
Norme sulla giurisdizione
Art. 111. [18]

La giurisdizione si attua mediante il giusto processo regolato dalla legge.
Ogni processo si svolge nel contraddittorio tra le parti,
in condizioni di parità, davanti a giudice terzo e imparziale. La legge ne assicura la ragionevole durata.
Nel processo penale, la legge assicura che la persona
accusata di un reato sia, nel più breve tempo possibile, informata riservatamente della natura e dei motivi
dell’accusa elevata a suo carico; disponga del tempo e
delle condizioni necessari per preparare la sua difesa;
abbia la facoltà, davanti al giudice, di interrogare o di far
interrogare le persone che rendono dichiarazioni a suo
carico, di ottenere la convocazione e l’interrogatorio di
persone a sua difesa nelle stesse condizioni dell’accusa e
l’acquisizione di ogni altro mezzo di prova a suo favore;
sia assistita da un interprete se non comprende o non
parla la lingua impiegata nel processo.
Il processo penale è regolato dal principio del contraddittorio nella formazione della prova. La colpevolezza dell’imputato non può essere provata sulla base di
dichiarazioni rese da chi, per libera scelta, si è sempre
volontariamente sottratto all’interrogatorio da parte
dell’imputato o del suo difensore.
La legge regola i casi in cui la formazione della prova
non ha luogo in contraddittorio per consenso dell’imputato o per accertata impossibilità di natura oggettiva o
per effetto di provata condotta illecita.
Tutti i provvedimenti giurisdizionali devono essere motivati.
Contro le sentenze e contro i provvedimenti sulla libertà
personale, pronunciati dagli organi giurisdizionali ordinari o speciali, è sempre ammesso ricorso in Cassazione
per violazione di legge.
Si può derogare a tale norma soltanto per le sentenze
dei tribunali militari in tempo di guerra.
Contro le decisioni del Consiglio di Stato e della Corte
dei conti il ricorso in Cassazione è ammesso per i soli
motivi inerenti alla giurisdizione.

Art. 112.

Il pubblico ministero ha l’obbligo di esercitare l’azione
penale.

Art. 113.

Contro gli atti della pubblica amministrazione è sempre
ammessa la tutela giurisdizionale dei diritti e degli interessi legittimi dinanzi agli organi di giurisdizione ordinaria o amministrativa.
Tale tutela giurisdizionale non può essere esclusa o limitata a particolari mezzi di impugnazione o per determinate categorie di atti.
La legge determina quali organi di giurisdizione possono annullare gli atti della pubblica amministrazione nei
casi e con gli effetti previsti dalla legge stessa.

15

Costituzione della Repubblica Italiana

TITOLO V [19]

LE REGIONI, LE PROVINCE, I COMUNI
Art. 114. [20]

La Repubblica è costituita dai Comuni, dalle Province,
dalle Città metropolitane, dalle Regioni e dallo Stato.
I Comuni, le Province, le Città metropolitane e le Regioni
sono enti autonomi con propri statuti, poteri e funzioni
secondo i principi fissati dalla Costituzione.
Roma è la capitale della Repubblica. La legge dello Stato
disciplina il suo ordinamento.

Art. 115.

(abrogato) [21]

Art. 116. [22]

Il Friuli Venezia Giulia, la Sardegna, la Sicilia, il TrentinoAlto Adige/Südtirol e la Valle d’Aosta/Vallee d’Aoste
dispongono di forme e condizioni particolari di autonomia, secondo i rispettivi statuti speciali adottati con
legge costituzionale.
La Regione Trentino-Alto Adige/Südtirol è costituita dalle Province autonome di Trento e di Bolzano.
Ulteriori forme e condizioni particolari di autonomia,
concernenti le materie di cui al terzo comma dell’articolo 117 e le materie indicate dal secondo comma del
medesimo articolo alle lettere l), limitatamente all’organizzazione della giustizia di pace, n) e s), possono essere
attribuite ad altre Regioni, con legge dello Stato, su iniziativa della Regione interessata, sentiti gli enti locali, nel
rispetto dei principi di cui all’articolo 119.
La legge è approvata dalle Camere a maggioranza assoluta dei componenti, sulla base di intesa fra lo Stato e la
Regione interessata.

Art. 117. [23]

La potestà legislativa è esercitata dallo Stato e dalle Regioni nel rispetto della Costituzione, nonché dei vincoli
derivanti dall’ordinamento comunitario e dagli obblighi
internazionali.
Lo Stato ha legislazione esclusiva nelle seguenti materie:
a. politica estera e rapporti internazionali dello Stato;
rapporti dello Stato con l’Unione europea; diritto di
asilo e condizione giuridica dei cittadini di Stati non
appartenenti all’Unione europea;
b. immigrazione;
c. rapporti tra la Repubblica e le confessioni religiose;
d. difesa e Forze armate; sicurezza dello Stato; armi, munizioni ed esplosivi;
e. moneta, tutela del risparmio e mercati finanziari; tutela della concorrenza; sistema valutario; sistema tributario e contabile dello Stato; perequazione delle
risorse finanziarie;
f. organi dello Stato e relative leggi elettorali; referendum statali; elezione del Parlamento europeo;

16

g. ordinamento e organizzazione amministrativa dello
Stato e degli enti pubblici nazionali;
h. ordine pubblico e sicurezza, ad esclusione della polizia amministrativa locale;
i. cittadinanza, stato civile e anagrafi;
j. giurisdizione e norme processuali; ordinamento civile
e penale; giustizia amministrativa;
k. determinazione dei livelli essenziali delle prestazioni
concernenti i diritti civili e sociali che devono essere
garantiti su tutto il territorio nazionale;
l. norme generali sull’istruzione;
m. previdenza sociale;
n. legislazione elettorale, organi di governo e funzioni
fondamentali di Comuni, Province e Città metropolitane;
o. dogane, protezione dei confini nazionali e profilassi
internazionale;
p. pesi, misure e determinazione del tempo; coordinamento informativo statistico e informatico dei dati
dell’amministrazione statale, regionale e locale; opere dell’ingegno;
q. tutela dell’ambiente, dell’ecosistema e dei beni culturali.
Sono materie di legislazione concorrente quelle relative
a: rapporti internazionali e con l’Unione europea delle
Regioni; commercio con l’estero; tutela e sicurezza del
lavoro; istruzione, salva l’autonomia delle istituzioni
scolastiche e con esclusione della istruzione e della formazione professionale; professioni; ricerca scientifica e
tecnologica e sostegno all’innovazione per i settori produttivi; tutela della salute; alimentazione; ordinamento
sportivo; protezione civile; governo del territorio; porti e
aeroporti civili; grandi reti di trasporto e di navigazione;
ordinamento della comunicazione; produzione, trasporto e distribuzione nazionale dell’energia; previdenza
complementare e integrativa; armonizzazione dei bilanci pubblici e coordinamento della finanza pubblica e del
sistema tributario; valorizzazione dei beni culturali e ambientali e promozione e organizzazione di attività culturali; casse di risparmio, casse rurali, aziende di credito a
carattere regionale; enti di credito fondiario e agrario a
carattere regionale. Nelle materie di legislazione concorrente spetta alle Regioni la potestà legislativa, salvo che
per la determinazione dei principi fondamentali, riservata alla legislazione dello Stato.
Spetta alle Regioni la potestà legislativa in riferimento
ad ogni materia non espressamente riservata alla legislazione dello Stato.
Le Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano, nelle materie di loro competenza, partecipano alle
decisioni dirette alla formazione degli atti normativi comunitari e provvedono all’attuazione e all’esecuzione
degli accordi internazionali e degli atti dell’Unione europea, nel rispetto delle norme di procedura stabilite da
legge dello Stato, che disciplina le modalità di esercizio

Italiano
Italiano
del potere sostitutivo in caso di inadempienza.
La potestà regolamentare spetta allo Stato nelle materie di legislazione esclusiva, salva delega alle Regioni. La
potestà regolamentare spetta alle Regioni in ogni altra
materia. I Comuni, le Province e le Città metropolitane
hanno potestà regolamentare in ordine alla disciplina
dell’organizzazione e dello svolgimento delle funzioni
loro attribuite.
Le leggi regionali rimuovono ogni ostacolo che impedisce la piena parità degli uomini e delle donne nella vita
sociale, culturale ed economica e promuovono la parità
di accesso tra donne e uomini alle cariche elettive.
La legge regionale ratifica le intese della Regione con
altre Regioni per il migliore esercizio delle proprie funzioni, anche con individuazione di organi comuni.
Nelle materie di sua competenza la Regione può concludere accordi con Stati e intese con enti territoriali interni
ad altro Stato, nei casi e con le forme disciplinati da leggi
dello Stato.

Art. 118. [24]

Le funzioni amministrative sono attribuite ai Comuni
salvo che, per assicurarne l’esercizio unitario, siano conferite a Province, Città metropolitane, Regioni e Stato,
sulla base dei principi di sussidiarietà, differenziazione
ed adeguatezza.
I Comuni, le Province e le Città metropolitane sono titolari di funzioni amministrative proprie e di quelle conferite con legge statale o regionale, secondo le rispettive
competenze.
La legge statale disciplina forme di coordinamento fra
Stato e Regioni nelle materie di cui alle lettere b) e h)
del secondo comma dell’articolo 117, e disciplina inoltre
forme di intesa e coordinamento nella materia della tutela dei beni culturali.
Stato, Regioni, Città metropolitane, Province e Comuni
favoriscono l’autonoma iniziativa dei cittadini, singoli e
associati, per lo svolgimento di attività di interesse generale, sulla base del principio di sussidiarietà.

Art. 119. [25]

I Comuni, le Province, le Città metropolitane e le Regioni
hanno autonomia finanziaria di entrata e di spesa.
I Comuni, le Province, le Città metropolitane e le Regioni hanno risorse autonome. Stabiliscono e applicano
tributi ed entrate propri, in armonia con la Costituzione e secondo i principi di coordinamento della finanza
pubblica e del sistema tributario. Dispongono di compartecipazioni al gettito di tributi erariali riferibile al loro
territorio.
La legge dello Stato istituisce un fondo perequativo,
senza vincoli di destinazione, per i territori con minore
capacità fiscale per abitante.
Le risorse derivanti dalle fonti di cui ai commi precedenti
consentono ai Comuni, alle Province, alle Città metropolitane e alle Regioni di finanziare integralmente le funzioni pubbliche loro attribuite.
Per promuovere lo sviluppo economico, la coesione e la

solidarietà sociale, per rimuovere gli squilibri economici
e sociali, per favorire l’effettivo esercizio dei diritti della
persona, o per provvedere a scopi diversi dal normale
esercizio delle loro funzioni, lo Stato destina risorse aggiuntive ed effettua interventi speciali in favore di determinati Comuni, Province, Città metropolitane e Regioni.
I Comuni, le Province, le Città metropolitane e le Regioni
hanno un proprio patrimonio, attribuito secondo i principi generali determinati dalla legge dello Stato.
Possono ricorrere all’indebitamento solo per finanziare
spese di investimento. E’ esclusa ogni garanzia dello Stato sui prestiti dagli stessi contratti.

Art. 120. [26]

La Regione non può istituire dazi di importazione o
esportazione o transito tra le Regioni, nè adottare provvedimenti che ostacolino in qualsiasi modo la libera circolazione delle persone e delle cose tra le Regioni, nè limitare l’esercizio del diritto al lavoro in qualunque parte
del territorio nazionale.
Il Governo può sostituirsi a organi delle Regioni, delle
Città metropolitane, delle Province e dei Comuni nel
caso di mancato rispetto di norme e trattati internazionali o della normativa comunitaria oppure di pericolo
grave per l’incolumità e la sicurezza pubblica, ovvero
quando lo richiedono la tutela dell’unità giuridica o
dell’unità economica e in particolare la tutela dei livelli essenziali delle prestazioni concernenti i diritti civili e
sociali, prescindendo dai confini territoriali dei governi
locali.
La legge definisce le procedure atte a garantire che i poteri sostitutivi siano esercitati nel rispetto del principio
di sussidiarietà e del principio di leale collaborazione.

Art. 121. [27]

Sono organi della Regione: il Consiglio regionale, la
Giunta e il suo presidente.
Il Consiglio regionale esercita le potestà legislative attribuite alla Regione e le altre funzioni conferitegli dalla
Costituzione e dalle leggi. Può fare proposte di legge
alle Camere.
La Giunta regionale è l’organo esecutivo delle Regioni.
Il Presidente della Giunta rappresenta la Regione; dirige
la politica della Giunta e ne è responsabile; promulga le
leggi ed emana i regolamenti regionali; dirige le funzioni amministrative delegate dallo Stato alla Regione, conformandosi alle istruzioni del Governo della Repubblica.

Art. 122. [28]

Il sistema di elezione e i casi di ineleggibilità e di incompatibilità del Presidente e degli altri componenti della
Giunta regionale nonché dei consiglieri regionali sono
disciplinati con legge della Regione nei limiti dei princìpi fondamentali stabiliti con legge della Repubblica, che
stabilisce anche la durata degli organi elettivi.
Nessuno può appartenere contemporaneamente a un
Consiglio o a una Giunta regionale e ad una delle Camere del Parlamento, ad un altro Consiglio o ad altra Giunta

17

Costituzione della Repubblica Italiana
regionale, ovvero al Parlamento europeo.
Il Consiglio elegge tra i suoi componenti un Presidente e
un ufficio di presidenza.
I consiglieri regionali non possono essere chiamati a rispondere delle opinioni espresse e dei voti dati nell’esercizio delle loro funzioni.
Il Presidente della Giunta regionale, salvo che lo statuto
regionale disponga diversamente, è eletto a suffragio
universale e diretto. Il Presidente eletto nomina e revoca
i componenti della Giunta.

Art. 123. [29]

Ciascuna Regione ha uno statuto che, in armonia con la
Costituzione, ne determina la forma di governo e i principi fondamentali di organizzazione e funzionamento.
Lo statuto regola l’esercizio del diritto di iniziativa e del
referendum su leggi e provvedimenti amministrativi
della Regione e la pubblicazione delle leggi e dei regolamenti regionali.
Lo statuto è approvato e modificato dal Consiglio regionale con legge approvata a maggioranza assoluta
dei suoi componenti, con due deliberazioni successive
adottate ad intervallo non minore di due mesi.
Per tale legge non è richiesta l’apposizione del visto da
parte del Commissario del Governo.
Il Governo della Repubblica può promuovere la questione di legittimità costituzionale sugli statuti regionali dinanzi alla Corte costituzionale entro trenta giorni dalla
loro pubblicazione.
Lo statuto è sottoposto a referendum popolare qualora
entro tre mesi dalla sua pubblicazione ne faccia richiesta un cinquantesimo degli elettori della Regione o un
quinto dei componenti il Consiglio regionale. Lo statuto
sottoposto a referendum non è promulgato se non è approvato dalla maggioranza dei voti validi.
In ogni Regione, lo statuto disciplina il Consiglio delle
autonomie locali, quale organo di consultazione fra la
Regione e gli enti locali.

tati e senatori costituita, per le questioni regionali, nei
modi stabiliti con legge della Repubblica.
Il Consiglio regionale può esprimere la sfiducia nei
confronti del Presidente della Giunta mediante mozione motivata, sottoscritta da almeno un quinto dei suoi
componenti e approvata per appello nominale a maggioranza assoluta dei componenti. La mozione non può
essere messa in discussione prima di tre giorni dalla presentazione.
L’approvazione della mozione di sfiducia nei confronti
del Presidente della Giunta eletto a suffragio universale
e diretto, nonché la rimozione, l’impedimento permanente, la morte o le dimissioni volontarie dello stesso
comportano le dimissioni della Giunta e lo scioglimento
del Consiglio.
In ogni caso i medesimi effetti conseguono alle dimissioni contestuali della maggioranza dei componenti il
Consiglio.

Art. 127. [33]

Il Governo, quando ritenga che una legge regionale ecceda la competenza della Regione, può promuovere la
questione di legittimità costituzionale dinanzi alla Corte
costituzionale entro sessanta giorni dalla sua pubblicazione.
La Regione, quando ritenga che una legge o un atto
avente valore di legge dello Stato o di un’altra Regione leda la sua sfera di competenza, può promuovere la
questione di legittimità costituzionale dinanzi alla Corte
costituzionale entro sessanta giorni dalla pubblicazione
della legge o dell’atto avente valore di legge.

Art. 128.

(abrogato) [34]

Art. 129.

(abrogato) [35]

Art. 124.

Art. 130.

(abrogato) [30]

(abrogato) [36]

Art. 125. [31]

Art. 131. [37]

Nella Regione sono istituiti organi di giustizia amministrativa di primo grado, secondo l’ordinamento stabilito
da legge della Repubblica. Possono istituirsi sezioni con
sede diversa dal capoluogo della Regione.

Art. 126. [32]

Con decreto motivato del Presidente della Repubblica
sono disposti lo scioglimento del Consiglio regionale
e la rimozione del Presidente della Giunta che abbiano
compiuto atti contrari alla Costituzione o gravi violazioni di legge.
Lo scioglimento e la rimozione possono altresì essere
disposti per ragioni di sicurezza nazionale.
Il decreto è adottato sentita una Commissione di depu-

18

Sono costituite le seguenti Regioni:
• Piemonte;
• Valle d’Aosta;
• Lombardia;
• Trentino-Alto Adige;
• Veneto;
• Friuli-Venezia Giulia;
• Liguria;
• Emilia-Romagna;
• Toscana;
• Umbria;
• Marche;
• Lazio;
• Abruzzi;
• Molise;

Italiano
Italiano







Campania;
Puglia;
Basilicata;
Calabria;
Sicilia;
Sardegna.

Art. 132. [38]

Si può, con legge costituzionale, sentiti i Consigli regionali, disporre la fusione di Regioni esistenti o la creazione di nuove Regioni con un minimo di un milione
di abitanti, quando ne facciano richiesta tanti Consigli
comunali che rappresentino almeno un terzo delle popolazioni interessate, e la proposta sia approvata con
referendum dalla maggioranza delle popolazioni stesse.
Si può, con l’approvazione della maggioranza delle popolazioni della Provincia o delle Province interessate e
del Comune o dei Comuni interessati espressa mediante
referendum e con legge della Repubblica, sentiti i Consigli regionali, consentire che Provincie e Comuni, che
ne facciano richiesta, siano staccati da una Regione e
aggregati ad un’altra.

Art. 133.

Il mutamento delle circoscrizioni provinciali e la istituzione di nuove Province nell’ambito di una Regione
sono stabiliti con leggi della Repubblica, su iniziative dei
Comuni, sentita la stessa Regione.
La Regione, sentite le popolazioni interessate, può con
sue leggi istituire nel proprio territorio nuovi comuni e
modificare le loro circoscrizioni e denominazioni.

amministrative, i professori ordinari di università in materie
giuridiche e gli avvocati dopo venti anni d’esercizio.
I giudici della Corte costituzionale sono nominati per nove
anni, decorrenti per ciascuno di essi dal giorno del giuramento, e non possono essere nuovamente nominati.
Alla scadenza del termine il giudice costituzionale cessa
dalla carica e dall’esercizio delle funzioni.
La Corte elegge tra i suoi componenti, secondo le norme stabilite dalla legge, il Presidente, che rimane in carica per un triennio, ed è rieleggibile, fermi in ogni caso i
termini di scadenza dall’ufficio di giudice. [41]
L’ufficio di giudice della Corte è incompatibile con quello di membro del Parlamento, di un Consiglio regionale,
con l’esercizio della professione di avvocato e con ogni
carica ed ufficio indicati dalla legge. [42]
Nei giudizi d’accusa contro il Presidente della Repubblica, intervengono, oltre i giudici ordinari della Corte, sedici membri tratti a sorte da un elenco di cittadini aventi
i requisiti per l’eleggibilità a senatore, che il Parlamento
compila ogni nove anni mediante elezione con le stesse
modalità stabilite per la nomina dei giudici ordinari. [43]

Art. 136.

Quando la Corte dichiara l’illegittimità costituzionale di
una norma di legge o di atto avente forza di legge, la
norma cessa di avere efficacia dal giorno successivo alla
pubblicazione della decisione.
La decisione della Corte è pubblicata e comunicata alle
Camere ed ai Consigli regionali interessati, affinché, ove
lo ritengano necessario, provvedano nelle forme costituzionali. [44]

Art. 137.

TITOLO VI

GARANZIE COSTITUZIONALI
Sezione I
La Corte Costituzionale

Art. 134.

La Corte costituzionale giudica: sulle controversie relative alla legittimità costituzionale delle leggi e degli atti,
aventi forza di legge, dello Stato e delle Regioni;
sui conflitti di attribuzione tra i poteri dello Stato e su
quelli tra lo Stato e le Regioni, e tra le Regioni;
sulle accuse promosse contro il Presidente della Repubblica, a norma della Costituzione.[39]

Art. 135. [40]

La Corte costituzionale è composta di quindici giudici
nominati per un terzo dal Presidente della Repubblica,
per un terzo dal Parlamento in seduta comune e per un
terzo dalle supreme magistrature ordinaria ed amministrative.
I giudici della Corte costituzionale sono scelti tra i magistrati anche a riposo delle giurisdizioni superiori ordinaria ed

Una legge costituzionale stabilisce le condizioni, le forme, i termini di proponibilità dei giudizi di legittimità
costituzionale, e le garanzie d’indipendenza dei giudici
della Corte.[45]
Con legge ordinaria sono stabilite le altre norme necessarie per la costituzione e il funzionamento della Corte.
[46]
Contro le decisioni della Corte costituzionale non è ammessa alcuna impugnazione.

Sezione II
Revisione della Costituzione
Leggi costituzionali
Art. 138.

Le leggi di revisione della Costituzione e le altre leggi costituzionali sono adottate da ciascuna Camera con due
successive deliberazioni ad intervallo non minore di tre
mesi, e sono approvate a maggioranza assoluta dei componenti di ciascuna Camera nella seconda votazione.
Le leggi stesse sono sottoposte a referendum popolare
quando, entro tre mesi dalla loro pubblicazione, ne fac-

19

Costituzione della Repubblica Italiana
ciano domanda un quinto dei membri di una Camera o
cinquecentomila elettori o cinque Consigli regionali.
La legge sottoposta a referendum non è promulgata, se
non è approvata dalla maggioranza dei voti validi.
Non si fa luogo a referendum se la legge è stata approvata nella seconda votazione da ciascuna delle Camere a
maggioranza di due terzi dei suoi componenti.[47]

Art. 139.

La forma repubblicana non può essere oggetto di revisione costituzionale.

DISPOSIZIONI TRANSITORIE
E FINALI
I

Con l’entrata in vigore della Costituzione il Capo provvisorio dello Stato esercita le attribuzioni di Presidente
della Repubblica e ne assume il titolo.

II

Se alla data della elezione del Presidente della Repubblica
non sono costituiti tutti i Consigli regionali, partecipano
alla elezione soltanto i componenti delle due Camere.

III

Per la prima composizione del Senato della Repubblica
sono nominati senatori, con decreto del Presidente della Repubblica, i deputati dell’Assemblea Costituente che
posseggono i requisiti di legge per essere senatori e che:
• sono stati presidenti del Consiglio dei Ministri o di Assemblee legislative;
• hanno fatto parte del disciolto Senato;
• hanno avuto almeno tre elezioni, compresa quella
all’Assemblea Costituente;
• sono stati dichiarati decaduti nella seduta della Camera dei deputati del 9 novembre 1926;
• hanno scontato la pena della reclusione non inferiore a cinque anni in seguito a condanna del tribunale
speciale fascista per la difesa dello Stato.
Sono nominati altresì senatori, con decreto del Presidente della Repubblica, i membri del disciolto Senato
che hanno fatto parte della Consulta Nazionale.
Al diritto di essere nominati senatori si può rinunciare
prima della firma del decreto di nomina. L’accettazione
della candidatura alle elezioni politiche implica rinuncia
al diritto di nomina a senatore.

IV [48]

Per la prima elezione del Senato il Molise è considerato come Regione a sé stante, con il numero dei senatori
che gli compete in base alla sua popolazione.

20

V

La disposizione dell’art. 80 della Costituzione, per quanto concerne i trattati internazionali che importano oneri alle finanze o modificazioni di legge, ha effetto dalla
data di convocazione delle Camere.

VI

Entro cinque anni dall’entrata in vigore della Costituzione si procede alla revisione degli organi speciali di giurisdizione attualmente esistenti, salvo le giurisdizioni del
Consiglio di Stato, della Corte dei conti e dei tribunali
militari.
Entro un anno dalla stessa data si provvede con legge al
riordinamento del Tribunale supremo militare in relazione all’articolo 111.

VII [49]

Fino a quando non sia emanata la nuova legge sull’ordinamento giudiziario in conformità con la Costituzione,
continuano ad osservarsi le norme dell’ordinamento vigente.
Fino a quando non entri in funzione la Corte costituzionale, la decisione delle controversie indicate nell’articolo 134 ha luogo nelle forme e nei limiti delle norme preesistenti all’entrata in vigore della Costituzione.

VIII

Le elezioni dei Consigli regionali e degli organi elettivi
delle amministrazioni provinciali sono indette entro un
anno dall’entrata in vigore della Costituzione.
Leggi della Repubblica regolano per ogni ramo della
pubblica amministrazione il passaggio delle funzioni statali attribuite alle Regioni. Fino a quando non sia
provveduto al riordinamento e alla distribuzione delle
funzioni amministrative fra gli enti locali restano alle
Provincie ed ai Comuni le funzioni che esercitano attualmente e le altre di cui le Regioni deleghino loro l’esercizio.
Leggi della Repubblica regolano il passaggio alle Regioni di funzionari e dipendenti dello Stato, anche delle amministrazioni centrali, che sia reso necessario dal nuovo
ordinamento. Per la formazione dei loro uffici le Regioni
devono, tranne che in casi di necessità, trarre il proprio
personale da quello dello Stato e degli enti locali.

IX

La Repubblica, entro tre anni dall’entrata in vigore della Costituzione, adegua le sue leggi alle esigenze delle
autonomie locali e alla competenza legislativa attribuita
alle Regioni.

X

Alla Regione del Friuli-Venezia Giulia, di cui all’art. 116, si
applicano provvisoriamente le norme generali del Titolo
V della parte seconda, ferma restando la tutela delle minoranze linguistiche in conformità con l’art. 6.

Italiano
Italiano

XI [50]

Fino a cinque anni dall’entrata in vigore della Costituzione si possono, con leggi costituzionali, formare altre
Regioni, a modificazione dell’elenco di cui all’art. 131,
anchesenza il concorso delle condizioni richieste dal primo comma dell’articolo 132, fermo rimanendo tuttavia
l’obbligo di sentire le popolazioni interessate.

XII

È vietata la riorganizzazione, sotto qualsiasi forma, del
disciolto partito fascista.
In deroga all’articolo 48, sono stabilite con legge, per
non oltre un quinquennio dall’entrata in vigore della Costituzione, limitazioni temporanee al diritto di voto e alla
eleggibilità per i capi responsabili del regime fascista.

XIII [51]

I beni, esistenti nel territorio nazionali, degli ex re Casa
Savoia, delle loro consorti e dei loro discendenti maschi,
sono avocati allo Stato. I trasferimenti e le costituzioni di
diritti reali sui beni stessi che si siano avvenuti dopo il 2
giugno 1946, sono nulli.

XIV

I titoli nobiliari non sono riconosciuti. I predicati di quelli
esistenti prima del 28 ottobre 1922 valgono come parte
del nome. l’Ordine mauriziano è conservato come ente
ospedaliero e funziona nei modi stabiliti dalla legge. La
legge regola la soppressione della Consulta araldica.

XV [52]

Con l’entrata in vigore della Costituzione si ha per convertito in legge il decreto legislativo luogotenenziale 25
giugno 1944, n. 151, sull’ordinamento provvisorio dello
Stato.

I deputati possono presentare al Governo interrogazioni
con richiesta di risposta scritta.
L’Assemblea Costituente, agli effetti di cui al secondo
comma del presente articolo, è convocata dal suo Presidente su richiesta motivata del Governo o di almeno
duecento deputati.

XVIII

La presente Costituzione è promulgata dal Capo provvisorio dello Stato entro cinque giorni dalla sua approvazione da parte dell’Assemblea Costituente, ed entra in
vigore il 1° gennaio 1948.
Il testo della Costituzione è depositato nella sala comunale di ciascun Comune della Repubblica per rimanervi
esposto, durante tutto l’anno 1948, affinché ogni cittadino possa prenderne cognizione.
La Costituzione, munita del sigillo dello Stato, sarà inserita nella Raccolta ufficiale delle leggi e dei decreti della
Repubblica.
La Costituzione dovrà essere fedelmente osservata
come Legge fondamentale della Repubblica da tutti i
cittadini e dagli organi dello Stato.
Data a Roma, addì 27 dicembre 1947
ENRICO DE NICOLA
Controfirmano:
Il Presidente dell’Assemblea Costituente
UMBERTO TERRACINI
Il Presidente del Consiglio dei Ministri
ALCIDE DE GASPERI
V:Il Guardasigilli GRASSI

XVI

Entro un anno dall’entrata in vigore della Costituzione si
procede alla revisione e al coordinamento con essa delle
precedenti leggi costituzionali che non siano state finora esplicitamente o implicitamente abrogate.

XVII [53]

L’Assemblea Costituente sarà convocata dal suo Presidente per deliberare, entro il 31 gennaio 1948, sulla
legge per la elezione del Senato della Repubblica, sugli
statuti regionali speciali e sulla legge per la stampa.
Fino al giorno delle elezioni delle nuove Camere, l’Assemblea Costituente può essere convocata, quando vi
sia necessità di deliberare nelle materie attribuite alla
sua competenza dagli articoli 2, primo e secondo comma, e 3, comma primo e secondo, del decreto legislativo
16 marzo 1946, n. 98.
In tale periodo le Commissioni permanenti restano in
funzione. Quelle legislative rinviano al Governo i disegni
di legge, ad esse trasmessi, con eventuali osservazioni e
proposte di emendamenti.

21

Costituzione della Repubblica Italiana

NOTE
[1] (Nota all’art. 7, secondo comma).
I Patti Lateranensi sono stati modificati dall’Accordo
concordatario del 18 febbraio 1984, reso esecutivo con
la legge 25 marzo 1985, n. 121 (G.U. 10 aprile 1985, n.
85, suppl.).
[2] (Nota all’art. 8, terzo comma).
A regolare tali rapporti sono intervenute le leggi 11 agosto 1984, n. 449, 22 novembre 1988, n. 516,
22 novembre 1988, n. 517 e 8 marzo 1989, n. 101 (G.U. 13
agosto 1984, n. 222; 2 dicembre 1988, n. 283; 23 marzo
1989, n. 69), emesse sulla base di previe «intese- intercorse, rispettivamente, con la Tavola valdese, le Chiese
cristiane avventiste, le Assemblee di Dio e le Comunità
ebraiche, e più di recente le leggi 5 ottobre 1993, n. 409
(G.U. 11 ottobre 1993, n. 239), 12 aprile 1995, n. 116 (G.U.
22 aprile 1995, n. 94), 29 novembre 1995, n. 520 (G.U. 7
dicembre 1995, n. 286), 20 dicembre 1996, nn. 637 e 638
(G.U. 21 dicembre 1996, n. 299), per la regolamentazione
dei rapporti con altre confessioni o per la modifica delle
precedenti intese.
[3] (Nota all’art. 10, quarto comma).
A norma dell’articolo unico della legge costituzionale 21
giugno 1967, n. 1 (G.U. 3 luglio 1967, n. 164), «l’ultimo
comma dell’art. 10 della Costituzione non si applica ai
delitti di genocidio.
[4] (Nota all’art. 26, secondo comma).
A norma dell’articolo unico della legge costituzionale
21 giugno 1967, n. 1 «L’ultimo comma dell’art. 26 della
Costituzione non si applica ai delitti di genocidio. (Cfr.
art. 10)
[5] (Nota all’art. 27, quarto comma).
Cfr. Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti
dell’uomo e delle libertà fondamentali - «Protocollo n. 6
sull’abolizione della pena di morte» (adottato a Strasburgo il 28 aprile 1983), reso esecutivo con legge 2 gennaio
1989, n. 8 (G.U. 16 gennaio 1989, n. 12, suppl. ord.), nonché legge 13 ottobre 1994, n. 589 sull’«Abolizione della
pena di morte nel codice penale militare di guerra» (G.U.
25 ottobre 1994, n. 250).
[6] (Nota all’art. 40).
V. legge 12 giugno 1990, n. 146, recante «Norme sull’esercizio del diritto di sciopero nei servizi pubblici essenziali» (G.U. 14 giugno 1990, n. 137).
[7] (Nota all’art. 48, terzo comma).
Comma inserito con l’art. 1 della legge costituzionale 17
gennaio 2000, n. 1 (G.U. 20 gennaio 2000, n. 15).
[8] (Nota all’art. 51, primo comma, secondo periodo).
Il periodo è stato aggiunto con l’art. 1 della legge costituzionale 30 maggio 2003, n. 1 (G.U. 12 giugno 2003, n. 134).

22

[9] (Nota all’art. 56).
Articolo così sostituito dapprima con l’art. 1 della legge
costituzionale 9 febbraio 1963, n. 2, recante «Modificazioni agli artt. 56, 57 e 60 della Costituzione» (G.U. 12
febbraio 1963, n. 40) e poi modificato, nei commi secondo e quarto, con l’art. 1 della legge costituzionale 23
gennaio 2001, n. 1, recante «Modifiche agli articoli 56 e
57 della Costituzione concernenti il numero dei deputati e senatori in rappresentanza degli italiani all’estero»
(G.U. 24 gennaio 2001, n. 19). Si vedano, inoltre, le disposizioni transitorie nell’art. 3 della legge n. 1 del 2001.
L’art. 56, nel testo originario e nella successiva revisione
del 1963 cosi dettava:
Art. 56
«La Camera dei deputati è eletta o suffragio universale
e diretto, in ragione di un deputato per ottantamila abitanti o per frazione superiore a quarantamila.
Sono eleggibili a deputati tutti gli elettori che nel giorno
delle elezioni hanno compiuto i venticinque anni di età».
[10] (Nota all’art. 57).
Articolo sostituito dapprima con l’art. 2 della legge costituzionale 9 febbraio 1963, n. 2, e, successivamente,
modificato nel terzo comma dalla legge costituzionale
27 dicembre 1963, n. 3, istitutiva della Regione Molise
(G.U. 4 gennaio 1964, n. 3) nonché nel primo, secondo e
quarto comma con l’art. 2 della legge costituzionale 23
gennaio 2001, n. 1 recante «Modifiche agli articoli 56 e
57 della Costituzione concernenti il numero dei deputati e senatori in rappresentanza degli italiani all’estero»
(G.U. 24 gennaio 2001, n. 19). V., altresì, legge costituzionale 9 marzo 1961, n. 1 per l’assegnazione in via transitoria di seggi alla Regione Friuli-Venezia Giulia (G.U. 1°
aprile 1961, n. 82).
Il testo dell’art. 57, nelle formulazioni originaria e anteriori alla legge costituzionale del 2001, disponeva:
«Art. 57
Il Senato della Repubblica è eletto a base regionale.
A ciascuna Regione è attribuito un senatore per duecentomila abitanti o per frazione superiore a centomila.
Nessuna Regione può avere un numero di senatori inferiore a sei. La Valle d’Aosta ha un solo senatore ».
«Art. 57
II Senato della Repubblica è eletto a base regionale.
Il numero dei senatori elettivi è di trecentoquindici.
Nessuna Regione può avere un numero di senatori inferiore a sette. La Valle d’Aosta ha un solo senatore.
La ripartizione dei seggi tra le Regioni, previa applicazione delle disposizioni del precedente comma, si effettua in proporzione alla popolazione delle Regioni, quale
risulta dall’ultimo censimento generale, sulla base dei
quozienti interi e dei più atti resti».
«Art. 57
II Senato della Repubblica è eletto a base regionale.
Il numero dei senatori elettivi è di trecentoquindici.
Nessuna Regione può avere un numero di senatori inferiore a sette; il Molise ne ha due, la Valle d’Aosta uno.
La ripartizione dei seggi tra le Regioni, previa applica-

Italiano
Italiano
zione delle disposizioni del precedente comma, si effettua in proporzione alla popolazione delle Regioni, quale
risulta dall’ultimo censimento generale, sulla base dei
quozienti interi e dei più alti resti».
[11] (Nota all’art. 60, primo comma).
Comma così sostituito con l’art. 3 della legge costituzionale 9 febbraio 1963, n. 2, recante «Modificazioni agli
articoli 56, 57 e 60 della Costituzione».
Il testo originario dell’art. 60 recitava:
«Art. 60
La Camera dei deputati è eletta per cinque anni, il Senato della Repubblica per sei.
La durata di ciascuna Camera non può essere prorogata
se non per legge e soltanto in caso di guerra».
[12] (Nota all’art. 68).
Articolo cosi sostituito con la legge costituzionale 29 ottobre 1993, n. 3 (G.U. 30 ottobre 1993T n. 256).
Il testo originario dell’art. 68 recitava:
«Art. 68
I membri del Parlamento non possono essere perseguiti
per le opinioni espresse e i voti dati nell’esercizio delle
loro funzioni.
Senza autorizzazione della Camera alla quale appartiene, nessun membro del Parlamento può essere sottoposto a procedimento penale; né può essere arrestato, o
altrimenti privato della libertà personale, o sottoposto a
perquisizione personale o domiciliare, salvo che sia colto nell’atto di commettere un delitto per il quale è obbligatorio il mandato o l’ordine di cattura.
Eguale autorizzazione è richiesta per trarre in arresto o
mantenere in detenzione un membro del Parlamento in
esecuzione di una sentenza anche irrevocabile».
Per l’immunità dei giudici della Corte costituzionale, cfr.
art. 3 della legge cost. 9 febbraio 1948, n. 1.
[13] (Nota all’art. 75, quinto comma).
V. art. 2 della legge costituzionale 11 marzo 1953, n. 1 e
Titolo II della legge 25 maggio 1970, n. 352.
[14] (Nota all’’art. 79).
Articolo così sostituito dall’art.1 della legge costituzionale 6 marzo 1992, n. 1 (G.U. 9 marzo 1992, n. 57). Il testo
originario disponeva:
«Art. 79
L’amnistia e l’indulto sono concessi dal Presidente della
Repubblica su legge di delegazione delle Camere.
Non possono applicarsi ai reati commessi successivamente alla proposta di delegazione».
[15] (Nota all’art. 88, secondo comma).
Comma così sostituito dall’art.1 della legge costituzionale 4 novembre 1991, n. 1 (G.U. 8 novembre 1991, n.
262).
Nella formulazione anteriore, il secondo comma dell’art.
88 recitava: «Non può esercitare tale facoltà negli ultimi
sei mesi del suo mandato».

[16] (Nota all’art. 96).
Articolo così sostituito dall’art. 1 della legge costituzionale 16 gennaio 1989, n. 1. V., altresì, legge 5 giugno
1989, n. 219.
Il testo originario dell’articolo disponeva:
«Art. 96
II Presidente del Consiglio dei ministri e i ministri sono
posti in stato d’accusa dal Parlamento in seduta comune
per reati commessi nell’esercizio delle loro funzioni».
[17] (Nota all’art. 107, primo comma).
Nel testo pubblicato nella edizione straordinaria della
G.U. 27 dicembre 1947, per errore tipografico, in luogo
di «funzioni» compariva la parola «funzionar]»: cfr. errata-corrige in G.U. 3 gennaio 1948, n. 2.
[18] (Nota all’art. 111).
I primi cinque commi sono stati introdotti con l’art. 1
della legge costituzionale 23 novembre 1999, n. 2 (G.U.
23 dicembre 1999, n. 300).
All’art. 2, la stessa legge costituzionale così dispone:
«1. La legge regola l’applicazione dei principi contenuti
nella presente legge costituzionale ai procedimenti penali in corso alla data della sua entrata in vigore».
[19] (Nota al Titolo V).
Questo titolo è stato modificato dalla legge costituzionale 18 ottobre 2001, n. 3 (Modifiche al titolo V della parte seconda della Costituzione), in G.U. 24 ottobre 2001,
n. 248. Di seguito, vengono riportate le disposizioni incise dalle modifiche e, in nota, i testi previgenti. Di tale
legge si riproducono qui anche le disposizioni finali contenute negli artt. 10 e 11.
«Art. 10.
1. Sino all’adeguamento dei rispettivi statuti, le disposizioni della presente legge costituzionale si applicano
anche alle Regioni a statuto speciale ed alle province
autonome di Trento e di Bolzano per le parti in cui prevedono forme di autonomia più ampie rispetto a quelle
già attribuite».
«Art. 11.
1. Sino alla revisione delle norme del titolo I delta parte
seconda della Costituzione, i regolamenti della Camera
dei deputati e del Senato della Repubblica possono prevedere la partecipazione di rappresentanti delle Regioni, delle Province autonome e degli enti locali alla Commissione parlamentare per le questioni regionali.
2. Quando un progetto di legge riguardante le materie
di cui al terzo comma dell’articolo 117 e all’articolo 119
della Costituzione contenga disposizioni sulle quali la
Commissione parlamentare per le questioni regionali,
integrata ai sensi del comma 1, abbia espresso parere
contrario o parere favorevole condizionato all’introduzione di modificazioni specificamente formulate, e
la Commissione che ha svolto l’esame in sede referente non vi si sia adeguata, sulle corrispondenti parti del
progetto di legge l’Assemblea delibera a maggioranza
assoluta dei suoi componenti».

23

Costituzione della Repubblica Italiana
[20] (Nota all’art. 114).
Articolo risultante dalla sostituzione del precedente testo operata con l’art. 1 della legge costituzionale 18 ottobre 2001, n. 3 (G.U. 24 ottobre 2001, n. 248).
Il testo originario era il seguente: Art. 114
«La Repubblica si riparte in Regioni, Province e Comuni».
[21] (Nota all’art. 115).
Con l’art. 9, comma 2, della legge costituzionale n. 3 del
2001, supra cit. Il testo abrogato così recitava: Art. 115
“Le Regioni sono costituite in enti autonomi con propri
poteri e funzioni secondo i principi fissati nella Costituzione».
[22] (Nota all’art. 116).
Articolo risultante dalla sostituzione del precedente testo operata con l’art. 2 della legge cost. n. 3 del 2001,
supra cit.
Il testo originario era il seguente: Art. 116
«Alla Sicilia, alla Sardegna, al Trentino-Alto Adige, al Friuli-Venezia Giulia e alla Valle d’Aosta sono attribuite forme
e condizioni particolari di autonomia, secondo statuti
speciali adottati con leggi costituzionali».
V. inoltre legge cost. 26 febbraio 1948, n. 2 (per lo Statuto siciliano), Legge cost. 26 febbraio 1948, n. 3 (per lo
Statuto della Sardegna), legge cost. 26 febbraio 1948,
n. 4 (per lo Statuto della Valle d’Aosta), legge cost. 26
febbraio 1948, n. 5 e d.P.R. 31 agosto 1972, n. 670 (per
lo Statuto del Trentino-Alto Adige), legge cost. 31 gennaio 1963, n. 1 (per lo Statuto del Friuli-Venezia Giulia).
V., anche, legge cost. 9 maggio 1986, n. 1, concernente
modifica dell’art. 16 dello Statuto della Sardegna (G.U.
15 maggio 1986, n. 111), legge cost. 12 aprile 1989, n.
3, recante modifiche ed integrazioni alla legge cost.
23 febbraio 1972, n. 1, concernente la durata in carica
dell’Assemblea regionale siciliana e dei consigli regionali
delle regioni a statuto speciale (G.U. 14 aprile 1989, n.
87), nonché legge cost. 23 settembre 1993, n. 2, recante
modifiche e integrazioni agli statuti speciali per la Valle
d’Aosta, per la Sardegna, per il Friuli-Venezia Giulia e per
il Trentino-Alto Adige (G.U. 25 settembre 1993, n. 226).
[23] (Nota all’art. 117).
Articolo risultante dalla sostituzione del precedente testo operata con l’art. 3 della legge cost. n. 3 del 2001,
supra cit.
Il testo originario era il seguente:
«Art. 117
La Regione emana per le seguenti materie norme legislative nei limiti dei principi fondamentali stabiliti dalle
leggi dello Stato, sempreché le norme stesse non siano
in contrasto con l’interesse nazionale e con quello di altre Regioni:
• ordinamento degli uffici e degli enti amministrativi
dipendenti dalla Regione;
• circoscrizioni comunali;
• polizia locale urbana e rurale;
• fiere e mercati;

24

• beneficenza pubblica ed assistenza sanitaria ed ospedaliere;
• istruzione artigiana e professionale e assistenza scolastica;
• musei e biblioteche di enti locali;
• urbanistica;
• turismo ed industria alberghiera;
• tranvie e linee automobilistiche di interesse regionale;
• viabilità, acquedotti e lavori pubblici di interesse regionale;
• navigazione e porti lacuali;
• acque minerali e termali;
• cave e torbiere;
• caccia;
• pesca nelle acque interne;
• agricoltura e foreste;
• artigianato;
• altre materie indicate da leggi costituzionali.
Le leggi della Repubblica possono demandare alla Regione il potere di emanare norme per la loro attuazione».
[24] (Nota all’art. 118).
Articolo risultante dalla sostituzione del precedente testo operata con l’art. 4 della legge cost. n. 3 del 2001,
supra cit.
Il testo originario era il seguente:
«Art. 118
Spettano alla Regione le funzioni amministrative per le
materie elencate nel precedente articolo, salvo quelle
di interesse esclusivamente locale, che possono essere
attribuite dalle leggi della Repubblica alle Provincie, ai
Comuni o ad altri enti locali.
Lo Stato può con legge delegare alla Regione l’esercizio
di altre funzioni amministrative.
La Regione esercita normalmente le sue funzioni amministrative delegandole alle Provincie, ai Comuni o ad
altri enti locali, o valendosi dei loro uffici».
[25] (Nota ali’art. 119).
Articolo risultante dalla sostituzione del precedente testo operata con l’art. 5 della legge cost. n. 3 del 2001,
supra cit.
Il testo originario era il seguente: Art. 119
«Le Regioni hanno autonomia finanziaria nelle forme e
nei limiti stabiliti da leggi della Repubblica, che la coordinano con la finanza dello Stato, delle Provincie e dei
Comuni.
Alle Regioni sono attribuiti tributi propri e quote di tributi erariali, in relazione ai bisogni delle Regioni per le
spese necessarie ad adempiere le loro funzioni normali.
Per provvedere a scopi determinati, e particolarmente
per valorizzare il Mezzogiorno e le Isole, lo Stato assegna
per legge a singole Regioni contributi speciali.
La Regione ha un proprio demanio e patrimonio, secondo le modalità stabilite con legge della Repubblica».

Italiano
Italiano
[26] (Nota alt’art. 120).
Articolo risultante dalla sostituzione del precedente testo operata con l’art. 6 della legge cost. n. 3 del 2001,
supra cìt.
Il testo originario era il seguente:
Art. 120
«La Regione non può istituire dazi d’importazione o
esportazione o transito fra le Regioni.
Non può adottare provvedimenti che ostacolino in qualsiasi modo la libera circolazione delle persone e delle
cose fra le Regioni.
Non può limitare il diritto dei cittadini di esercitare in
qualunque parte del territorio nazionale la loro professione, impiego o lavoro».
[27] (Nota ali’art. 121).
Articolo così modificato, nel secondo e quarto comma,
con la legge cost. 22 novembre 1999, n. 1 (C.U. 22 dicembre 1999, n. 299).
Il precedente testo recitava:
«Art. 121
“Sono organi della Regione: II Consiglio regionale, la
Giunta e il suo presidente.
Il Consiglio regionale esercita le potestà legislative e
regolamentari attribuite alla Regione e le altre funzioni
conferitegli dalla Costituzione e dalle leggi. Può fare proposte di legge alle Camere.
La Giunta regionale è l’organo esecutivo delle Regioni.
Il Presidente della Giunta rappresenta la Regione; promulga le leggi ed i regolamenti regionali; dirige le funzioni amministrative delegate dallo Stato alla Regione,
conformandosi alle istruzioni del Governo centrale».
[28] (Nota all’art. 122).
Articolo risultante dalla sostituzione operata con l’art. 2
della legge costituzionale 22 novembre 1999, n. 1 (C.U.
22 dicembre 1999, n. 299).
All’art. 5, recante “disposizioni transitorie», la stessa legge costituzionale ha così disposto:
«1. Fino alla data di entrata in vigore dei nuovi statuti
regionali e delle nuove leggi elettorali ai sensi del primo comma dell’articolo 122 della Costituzione, come
sostituito dall’articolo 2 della presente Legge costituzionale, l’elezione del Presidente della Giunta regionale è
contestuale al rinnovo dei rispettivi Consigli regionali e
si effettua con le modalità previste dalle disposizioni dì
legge ordinaria vigenti in materia di elezione dei Consigli regionali. Sono candidati alla Presidenza della Giunta
regionale i capilista delle liste regionali. È proclamato
eletto Presidente della Giunta regionale il candidato che
ha conseguito il maggior numero di voti validi in ambito
regionale. Il Presidente della Giunta regionale fa parte
del Consiglio regionale. È eletto alla carica di consigliere
il candidato alla carica di Presidente della Giunta regionale che ha conseguito un numero di voti validi immediatamente inferiore a quello del candidato proclamato
eletto Presidente. L’Ufficio centrale regionale riserva, a
tal fine, l’ultimo dei seggi eventualmente spettanti alle

liste circoscrizionali collegate con il capolista della lista
regionale proclamato alla carica di consigliere, nell’ipotesi prevista al numero 3) del tredicesimo comma
dell’articolo 15 della legge 17 febbraio 1968, n.108, introdotto dal comma 2 dell’articolo 3 della legge 23 febbraio 1995, n. 43; o, altrimenti, il seggio attribuito con
il resto o con la cifra elettorale minore, tra quelli delle
stesse liste, in sede di collegio unico regionale per la ripartizione dei seggi circoscrizionali residui. Qualora tutti
i seggi spettanti alle Uste collegate siano stati assegnati
con quoziente intero in sede circoscrizionale, l’Ufficio
centrale regionale procede all’attribuzione di un seggio
aggiuntivo, del quale si deve tenere conto per la determinazione della conseguente quota percentuale di seggi spettanti alle liste di maggioranza in seno al Consiglio
regionale.
2. Fino alla data di entrata in vigore dei nuovi statuti regionali si osservano le seguenti disposizioni:
a) entro dieci giorni dalla proclamazione, il Presidente
della Giunta regionale nomina i componenti della Giunta, fra i quali un Vicepresidente, e può successivamente
revocarli;
b) nel caso in cui il Consiglio regionale approvi a maggioranza assoluta una mozione motivata di sfiducia nei
confronti del Presidente della Giunta regionale, presentata da almeno un quinto dei suoi componenti e messa
in discussione non prima di tre giorni dalla presentazione, entro tre mesi si procede all’indizione di nuove
elezioni del Consiglio e del Presidente della Giunta. Si
procede parimenti a nuove elezioni del Consìglio e del
Presidente della Giunta in caso di dimissioni volontarie,
impedimento permanente o morte del Presidente».
Nella formulazione originaria, l’art. 122 così recitava:
Art. 122.
“Il sistema d’eiezione, il numero e i casi di ineleggibilità e
di incompatibilità dei consiglieri regionali sono stabiliti
con legge della Repubblica.
Nessuno può appartenere contemporaneamente a un
Consiglio regionale e ad una dette Camere del Parlamento o ad un altro Consìglio regionale.
Il Consiglio elegge nel suo seno un presidente e un ufficio di presidenza per i propri lavori.
I consiglieri regionali non possono essere chiamati a rispondere delie opinioni espresse e dei voti dati nell’esercizio delle loro funzioni.
II Presidente ed i membri della Giunta sono eletti dal
Consiglio regionale tra i suoi componenti».
[29] (Nota alt’art. 123).
Articolo risultante dalla sostituzione del precedente
testo operata dall’art. 3 della legge cost. 22 novembre
1999, n. 1 (G.U. 22 dicembre 1999, n. 299) e dall’aggiunta
dell’ultimo comma disposta con l’art. 7 della legge cost.
n. 3 del 2001, supra cit.
Nella precedente formulazione, l’articolo 123 recitava:
«Art. 123
Ogni Regione ha uno statuto il quale, in armonia con la
Costituzione e con le leggi della Repubblica, stabilisce

25

Costituzione della Repubblica Italiana
le norme relative all’organizzazione interna delta Regione. Lo statuto regola l’esercizio del diritto di iniziativa e
del referendum su leggi e provvedimenti amministrativi
della Regione e la pubblicazione delle leggi e dei regolamenti regionali.
Lo statuto è deliberato dal Consiglio regionale a maggioranza assoluta dei suoi componenti, ed è approvato
con legge delta Repubblica».
Ai sensi dello stesso articolo, secondo comma, gli statuti
regionali sono stati approvati con leggi della Repubblica del 22 maggio 1971 (nn. 338, 339, 340, 341, 342, 343,
344, 345, 346, 347, 348, 349, 350), del 22 luglio 1971 (n.
480) e del 28 luglio 1971 (n. 519) (pubblicate in G.U. 14
giugno 1971, n. 148, suppl.; 28 luglio 1971, n. 190, suppl.; 3 agosto 1971, n. 195) e, successivamente, modificati
con leggi 9 novembre 1990, n. 336 (G.U. 21 novembre
1990, n. 272, suppl. ord.), 31 maggio 1991, n. 180 (G.U.
18 giugno 1991, n. 141), 23 gennaio 1992, n. 44 (G.U. 1
febbraio 1992, n. 26, suppl. ord.).
[30] (Nota all’art. 124).
Con l’art. 9, comma 2, della Legge cost. n. 3 del 2001,
supra cit. Il testo abrogato così disponeva:
«Art. 124
Un commissario dei Governo, residente nei capotuogo
della Regione, sopraintende alle funzioni amministrative esercitate dallo Stato e le coordina con quelle esercitate dalla Regione».
[31] (Nota all’art. 125).
Il primo comma dell’art. 125 è stato abrogato con l’art. 9,
comma 2, della legge cost. n. 3 del 2001, supra cit.
Il comma abrogato era il seguente:
«Art. 125
II controllo di legittimità sugli atti amministrativi della
Regione è esercitato, in forma decentrata, da un organo
dello Stato, nei modi e nei limiti stabiliti da leggi della
Repubblica. La legge può in determinati casi ammettere
il controllo di merito, al solo effetto di promuovere, con
richiesta motivata, il riesame della deliberazione da parte del Consiglio regionale».
[32] (Nota all’art. 126).
Articolo risultante dalla sostituzione del testo originario
operata con l’art. 4 della legge costituzionale 22 novembre 1999, n. 1 (C.U. 22 dicembre 1999, n. 299).
Nella formulazione originaria, l’art. 126 così recitava: Art.
126
«II Consiglio regionale può essere sciolto, quando compia atti centrari alla Costituzione o gravi violazioni di legge, o non corrisponda all’invito del Governo di sostituire
la Giunta o il Presidente, che abbiano compiuto analoghi atti o violazioni.
Può essere sciolto quando, per dimissioni o per impossibilità di formare una maggioranza, non sia in grado di
funzionare.
Può essere altresì sciolto per ragioni di sicurezza nazionale.

26

Lo scioglimento è disposto con decreto motivato del
Presidente delta Repubblica, sentita una Commissione
di deputati e senatori costituita, per le questioni regionali, nei modi stabiliti con legge della Repubblica.
Col decreto di scioglimento è nominata una Commissione di tre cittadini eleggibili ai Consiglio regionale, che
indice le elezioni entro tre mesi e provvede all’ordinaria
amministrazione di competenza della Giunta e agli atti
improrogabili, da sottoporre alla ratifica del nuovo Consiglio».
[33] (Nota all’art, 127).
Articolo risultante dalla sostituzione operata con l’art. 8
della legge cost. n. 3 del 2001, supra cit. Il testo dell’articolo nella formulazione originaria era il seguente:
«Art. 127
Ogni legge approvata dal Consiglio regionale è comunicata al Commissario che, salvo il caso di opposizione
da parte del Governo, deve vistarla nel termine di trenta
giorni dalla comunicazione.
La legge è promulgata nei dieci giorni dalla apposizione
del visto ed entra in vigore non prima di quindici giorni
dalla sua pubblicazione. Se una legge è dichiarata urgente dal Consiglio regionale, e il Governo della Repubblica lo consente, la promulgazione e l’entrata in vigore
non sono subordinate ai termini indicati.
Il Governo della Repubblica, quando ritenga che una
legge approvata dal Consiglio regionale ecceda la competenza della Regione o contrasti con gli interessi nazionali o con quelli di altre Regioni, la rinvia al Consiglio
regionale nel termine fissato per l’apposizione del visto.
Ove il Consiglio regionale la approvi di nuovo a maggioranza assoluta dei suoi componenti, il Governo della
Repubblica può, nei quindici giorni dalla comunicazione, promuovere la questione di legittimità davanti alia
Corte costituzionale, o quella di merito per contrasto dì
interessi davanti alle Camere. In caso di dubbio, la Corte
decide di chi sia la competenza».
[34] (Nota all’art. 128).
Con l’art. 9, comma 2, della legge cost. n. 3 del 2001, supra cit. Il testo dell’articolo abrogato era il seguente:
«Art. 128
Le Provincie e i Comuni sono enti autonomi nell’ambito dei principi fissati da leggi generali della Repubblica,
che ne determinano le funzioni».
[35] (Nota all’art. 129).
Con l’art. 9, comma 2, della legge cost. n. 3 del 2001, supra cit. Il testo dell’articolo abrogato era il seguente:
«Art. 129
Le Provincie e i Comuni sono anche circoscrizioni di decentramento statale e regionale.
Le circoscrizioni provinciali possono essere suddivise in
circondari con funzioni esclusivamente amministrative
per un ulteriore decentramento».

Italiano
Italiano
[36] (Nota all’art. 130).
Con l’art. 9, comma 2, della legge cost. n. 3 del 2001,
supra cit. Il testo dell’articolo abrogato era il seguente:
«Art. 130
Un organo della Regione, costituito nei modi stabiliti da
legge della Repubblica, esercita, anche in forma decentrata, il controllo di legittimità sugli atti delle Provincie,
dei Comuni e degli altri enti locali.
In casi determinati dalla legge può essere esercitato il
controllo di merito, nella forma di richiesta motivata agli
enti deliberanti di riesaminare la loro deliberazione».
[37] (Nota ali’art. 131).
Articolo così modificato con l’art. 1 della legge cost. 27
dicembre 1963, n. 3, che ha istituito la Regione Molise.
Cfr. art. 57 e XI delle disposizioni transitorie e finali.
Nella formulazione originaria, l’art. 131 sotto la dizione
«Abruzzi e Molise» individuava un’unica regione.
[38] (Nota all’art. 132).
Il secondo comma di questo articolo è stato così modificato dall’alt. 9, comma 1, della legge cost. n. 3 del 2001,
supra cit.
Nella formulazione originaria esso così recitava:
«Art. 132
Si può, con referendum e con legge della Repubblica,
sentiti i Consigli regionali, consentire che Provincie e
Comuni, che ne facciano richiesta, siano staccati da una
Regione ed aggregati ad un’altra».
Per la disciplina dei referendum previsti in questo articolo, v. Titolo III della legge 25 maggio 1970, n. 352.
[39] (Nota all’art. 134).
L’ultimo capoverso è stato così modificato con l’art. 2
della legge cost. 16 gennaio 1989, n. 1. Il testo originario
di tale capoverso recitava:
«sulle accuse promosse contro il Presidente della Repubblica ed i Ministri, a norma della Costituzione».
Cfr. ora art. 96, nella attuale formulazione, dopo la modifica apportata con L’art. 1 della legge cost. n. 1 del 1989.
[40] (Nota all’art. 135).
Articolo così sostituito con l’art. 1 della legge costituzionale 22 novembre 1967, n. 2, e successivamente modificato, nell’ultimo cpv., dalla legge costituzionale 16 gennaio 1989, n. 1.
V. l’art. 10 della legge costituzionale 11 marzo 1953, n. 1
{abrogato dalla legge n. 2 del 1967). Il precedente testo
dell’art. 135 recitava:
«Art. 135
La Corte costituzionale è composta di quindici giudici
nominati per un terzo dot Presidente della Repubblica,
per un terzo dal Parlamento in seduta comune e per un
terzo dalle supreme magistrature ordinaria ed amministrative.
I giudici della Corte costituzionale sono scelti tra i magistrati anche a riposo delle giurisdizioni superiori ordinaria ed amministrative, i professori ordinari di università

in materie giuridiche e gli avvocati dopo venti anni d’esercizio.
La Corte elegge il presidente fra i suoi componenti.
I giudici sono nominati per dodici anni, si rinnovano parzialmente secondo le norme stabilite dalla legge e non
sono immediatamente rieleggìbili.
L’ufficio di giudice della Corte è incompatibile con quello di membro del Parlamento o d’un Consiglio regionale,
con l’esercizio della professione d’avvocato, e con ogni
carica ed ufficio indicati dalla legge.
Nei giudizi d’accusa contro il Presidente della Repubblica e contro i Ministri intervengono, oltre i giudici ordinari detta Corte, sedici membri eletti, all’inizio di ogni legislatura, dal Parlamento in seduta comune tra i cittadini
aventi i requisiti per l’eleggibilità a senatore.
[41] (Nota all’art. 135, quinto comma).
V., altresì, art. 6 della legge 11 marzo 1953, n. 87, e art.
7 del regolamento generale della Corte costituzionale.
[42] (Nota all’art. 135, sesto comma).
Cfr. art. 7 della legge 11 marzo 1953, n. 87.
Per l’incompatibilità con la carica di consigliere regionale v. art. 4 della legge 23 aprile 1981, n. 154. L’articolo 11
della legge 11 aprile 1990, n. 74 stabilisce per i componenti del Consiglio superiore della magistratura l’incompatibilità con l’ufficio di Giudice costituzionale.
[43] (Nota alt’art. 135, settimo comma).
Cfr. regolamento parlamentare 7-28 giugno 1989 e, inoltre, leggi cost. 22 novembre 1967, n. 2, 11 marzo 1953,
n. 1, legge 11 marzo 1953, n. 87 e, in ispecie, legge 2
gennaio 1962, n. 20 e Norme integrative per i giudizi di
accusa 27 novembre 1962.
[44] (Nota all’art. 136, secondo comma).
Cfr. art. 30 della legge 11 marzo 1953, n. 87.
[45] (Nota all’art. 137, primo comma).
Cfr. legge cost. 9 febbraio 1948, n. 1 e legge cost. 11 marzo 1953, n. 1.
[46] (Nota all’art. 137, secondo comma).
Vedi legge 11 marzo 1953, n. 87.
[47] (Nota all’art. 138).
Per la disciplina relativa al referendum previsto in questo
articolo, v. Titolo I della legge 25 maggio 1970, n. 352.
[48] (Nota alla IV delle disposizioni transitorie e finali).
Cfr. artt. 57 e 131, come modificati dalla legge cost. 27
dicembre 1963, n. 3.
[49] (Nota alla VII delle disposizioni transitorie e finali).
Il terzo comma di questa disposizione è stato abrogato
con l’art. 7 della legge cost. 22 novembre 1967, n. 2. Esso
disponeva:
«I giudici della Corte costituzionale nominati nella prima

27

Costituzione della Repubblica Italiana
composizione delia Corte stessa non sono soggetti alla
parziale rinnovazione e durano in carica dodici anni.
[50] (Nota alla XI delle disposizioni transitorie e finali).
Il termine, previsto in questo articolo, è stato prorogato
al 31 dicembre 1963, con legge costituzionale 18 marzo
1958, n. 1 (G.U. 1 aprile 1958, n. 79), ed entro lo stesso
termine è stata istituita la Regione Molise (cfr. art. 131).
[51] (Nota alla XIII delle disposizioni transitorie e finali).
I termini della legge costituzionale 23 ottobre 2002, n. 1
(G.U. 26 ottobre 2002, n. 252), «i commi primo e secondo
della XIII disposizione transitoria e finale della Costituzione esauriscono i loro effetti a decorrere dalla data di
entrata in vigore della presente legge costituzionale».
Detti commi disponevano quanto segue:
«XIII disp. trans, e fin.
I membri e i discendenti di Casa Savoia non sono elettori
e non possono ricoprire uffici pubblici né cariche elettive.
Agli ex re di Casa Savoia, alle loro consorti e ai loro discendenti maschi sono vietati l’ingresso e il soggiorno
nel territorio nazionale».
[52] (Nota alla XV delle disposizioni transitorie e finali).
Il decreto, emanato come «decreto legge luogotenenziale», del 25 giugno 1944, n. 151 intitolato «Assemblea
per la nuova Costituzione dello Stato, giuramento dei
membri del Governo e facoltà del Governo di emanare
norme giuridiche» (G.U. 8 luglio 1944, n. 39, serie speciale), conteneva le seguenti disposizioni:
D.LGS.LGT. 25 GIUGNO 1944, N. 151
Art. 1 - «Dopo la liberazione del territorio nazionale, le
forme istituzionali saranno scelte dal popolo italiano
che a tal fine eleggerà, a suffragio universale diretto e
segreto, una Assemblea Costituente per deliberare la
nuova costituzione dello Stato.
I modi e le procedure saranno stabiliti con successivo
provvedimento».
Art. 2 - «E’ abrogata la disposizione concernente la elezione di una nuova Camera dei Deputati e la sua convocazione entro quattro mesi dalla cessazione dell’attuale
stato di guerra, contenuta nel comma terzo dell’articolo
unico del R. decreto-legge 2 agosto 1943, n. 175, con cui
venne dichiarata chiusa la sessione parlamentare e sciolta la Camera dei fasci e delle corporazioni».
Art. 3 - «I Ministri e Sottosegretari di Stato giurano sul
loro onore di esercitare la loro funzione nell’interesse supremo della Nazione e di non compiere, fino alla convocazione dell’Assemblea Costituente, atti che comunque
pregiudichino la soluzione della questione istituzionale».
Art. 4 - «Finché non sarà entrato in funzione il nuovo
Parlamento, i provvedimenti aventi forza di legge sono
deliberati dal Consiglio dei Ministri.
Tali decreti legislativi preveduti nel comma precedente
sono sanzionati e promulgati dal Luogotenente Generale del Regno con la formula:

28

“Vista la deliberazione del Consiglio dei Ministri;
“Sulla proposta di...
“Abbiamo sanzionato e promulghiamo quanto segue:
...».
Art. 5 - «Fino a quando resta in vigore la disposizione
dell’art. 2, comma primo, del R. decreto-legge 30 ottobre 1943, n. 2/6, i decreti relativi alle materie indicate nell’art. 1 della legge 31 gennaio 1926, n. 100, sono
emanati dal Luogotenente Generale del Regno con la
formula:
“Sentito il Consiglio dei Ministri;
“Sulla proposta di...
“Abbiamo decretato e decretiamo...».
Art. 6 - “Il presente decreto entra in vigore il giorno stesso delta sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale del
Regno - serie speciale - e sarà presentato alle Assemblee
legislative per la conversione in legge.
Il Presidente del Consiglio dei Ministri, proponente, è autorizzato a presentare il relativo disegno di legge.
Ordiniamo, a chiunque spetti, di osservare il presente
decreto e di farlo osservare come legge dello Stato».
[53] (Nota alla XVII delle disposizioni transitorie e finali).
Il testo del decreto legislativo luogotenenziale 16 marzo
1946, n. 98, recante «Integrazioni e modifiche al decreto
legislativo luogotenenziale 25 giugno 1944, n. 151, relativo all’Assemblea per la nuova costituzione dello Stato,
al giuramento dei membri del Governo ed alla facoltà
del Governo di emanare norme giuridiche» (G. U. 23
marzo 1946, n. 69), conteneva le seguenti disposizioni:
D.LGS.LGT. 16 MARZO 1946, N. 98
Art. 1 - “Contemporaneamente alte elezioni per l’Assemblea Costituente il popolo sarà chiamato a decidere mediante referendum sulla forma istituzionale dello Stato
(Repubblica o Monarchia)”.
Art. 2 - «Qualora la maggioranza degli elettori votanti si
pronunci in favore delta Repubblica, l’Assemblea, dopo
la sua costituzione, come suo primo atto, eleggerà il
Capo provvisorio dello Stato, che eserciterà ie sue funzioni, fino a quando sarà nominato il Capo dello Stato a
norma della Costituzione deliberata dall’Assemblea.
Per l’elezione del Capo provvisorio dello Stato è richiesta
la maggioranza dei tre quinti dei membri dell’Assemblea. Se al terzo scrutinio non sarà raggiunta tale maggioranza, basterà la maggioranza assoluta.
Avvenuta l’elezione del Capo provvisorio dello Stato il
Governo in carica gli presenterà le sue dimissioni e il
Capo provvisorio detto Stato darà l’incarico per la formazione del nuovo Governo.
Nella ipotesi prevista dal primo comma, dal giorno delta proclamazione dei risultati del referendum e fino alla
elezione del Capo provvisorio detto Stato, le relative
funzioni saranno esercitate dal Presidente del Consiglio
dei Ministri in carica nel giorno delle elezioni.
Qualora la maggioranza degli elettori votanti si pronunci in favore della Monarchia, continuerà l’attuale regime
Luogotenenziale fino alla entrata in vigore delle deti-

Italiano
Italiano
berazioni dell’Assemblea sulla nuova Costituzione e sul
Capo dello Stato».
Art. 3 - “Durante il periodo della Costituente e fino alta
convocazione del Parlamento a norma della nuova Costituzione il potere legislativo resta delegato, salva la
materia costituzionale, al Governo, ad eccezione delle
leggi elettorali e delle leggi di approvazione dei trattati
internazionali, le quali saranno deliberate dall’Assemblea.
Il Governo potrà sottoporre all’esame dell’Assemblea
qualunque altro argomento per it quale ritenga opportuna la deliberazione di essa.
Il Governo è responsabile verso l’Assemblea Costituente.
Il rigetto di una proposta governativa da parte dell’Assemblea non porta come conseguenza le dimissioni del
Governo. Queste sono obbligatorie soltanto in seguito
alla votazione di un’apposita mozione di sfiducia, intervenuta non prima di due giorni dalla sua presentazione
e adottata a maggioranza assoluta dei Membri dell’Assemblea».
Art. 4 - «L’Assemblea Costituente terrà la sua prima riunione in Roma, nel Palazzo di Montecitorio, il ventiduesimo giorno successivo a quello in cui si saranno svolte
le elezioni.
L’Assemblea è sciolta di diritto il giorno dell’entrata in
vigore della nuova Costituzione e comunque non oltre
l’ottavo mese dalla sua prima riunione. Essa può prorogare questo termine per non più di quattro mesi.
Finché non avrà deliberato il proprio regolamento interno l’Assemblea Costituente applicherà il regolamento
interno della Camera dei deputati in data 1 luglio 1900 e
successive modificazioni fino al 1922».
Art. 5 - “Fino a quando non sia entrata in funzione la nuova Costituzione le attribuzioni del Capo dello Stato sono
regolate dalle norme finora vigenti, in quanto applicabili.

Art. 6 - I provvedimenti legislativi che non siano di competenza dell’Assemblea Costituente ai sensi del primo
comma dell’art. 3, deliberati nel periodo ivi indicato, devono essere sottoposti a ratifica del nuovo Parlamento
entro un anno dalla sua entrata in funzione.
Art. 7 - «Entro il termine di trenta giorni dalla data del
decreto Luogotenenziale che indice le elezioni dell’Assemblea Costituente i dipendenti civili e militari dello
Stato devono impegnarsi, sul loro onore, a rispettare e
far rispettare nell’adempimento dei doveri del loro stato
il risultato del referendum istituzionale e le relative decisioni dell’Assemblea Costituente.
Nessuno degli impegni da essi precedentemente assunti, anche con giuramento, limita la libertà di opinione e
di voto dei dipendenti civili e militari dello Stato».
Art. 8 - «Con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, sentito il Consiglio dei Ministri, saranno emanate
le norme relative allo svolgimento del referendum, alla
proclamazione dei risultati di esso e al giudizio definitivo sulle contestazioni, le proteste ed i reclami relativi
alle operazioni del referendum, con facoltà di variare e
integrare, a tali fini, le disposizioni del decreto legislativo
Luogotenenziale 10 marzo 1946, n. 74, per l’elezione dei
deputati all’Assemblea Costituente e di disporre che alla
scheda di Stato, prevista dal decreto anzidetto, siano apportate le modificazioni eventualmente necessarie.
Per la risposta al referendum dovranno essere indicati
due distinti contrassegni».
Art. 9 - «II presente decreto entra in vigore il giorno della
sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale del Regno.
Ordiniamo che il presente decreto, munito del sigillo
dello Stato, sia inserito nella Raccolta ufficiale delle leggi
e dei decreti del Regno d’Italia, mandando a chiunque
spetti di osservarlo e di farlo osservare come legge dello
Stato».

29

English

Constitution
of the
Italian Republic

31

Constitution of the Italian Republic

Tab l e o f co nte nt s

Constitution of the Italian Republic
Fundamental Principles (Arts. 1-12)
PART I – Rights and Duties of the Citizens
TITLE I – Civil Rights and Duties (Arts. 13-28)
TITLE II – Ethical and Social Rights and Duties (Arts. 29-34)
TITLE III – Economic Rights and Duties (Arts. 35-47)
TITLE IV – Political Rights and Duties (Arts.48-54)
PART II–Organisation of the Republic
TITLE I- The Parliament
Section I – The Houses (Arts. 55-69)
Section II – Legislative process (Arts.70-82)
TITLE II – The President of the Republic (Arts. 83-91)
TITLE III- The Government
Section I – The Council of Ministers (Arts. 92-96)
Section II – Public Administration (Arts. 97-98)
Section III – Auxiliary Bodies (Arts. 99-100)
TITLE IV – The Judicial Branch
Section I – The Organisation of the Judiciary (Arts. 101-110)
Section II – Rules on Jurisdiction (Arts- 111-113)
TITLE V – Regions – Provinces – Municipalities (Arts- 114-133)
TITLE VI – Constitutional Guarantees
Section I – The Constitutional Court (Arts. 134-137)
Section II – Amendments to the Constitution. Constitutional Laws (Arts- 138-139)
Transitory and final provisions (I-XVIII)

32

English

CONSTITUTION OF THE ITALIAN REPUBLIC

The text of the Italian Constitution with the subsequent constitutional amendments, hereby reproduced, is all in
accordance with that published in the Official Gazette (of 1947 and of subsequent years).
English

This edition with the following notes was edited by the Research Services of the Constitutional Court.
THE PROVISIONAL HEAD OF STATE
Having regard to the resolution of the Constituent Assembly, in its session of 22 December 1947, approved the
Constitution of the Republic of Italy; Having regard to the XVIII final provision of the Constitution;
PROMULGATES
The Constitution of the Republic of Italy in the following text:

FUNDAMENTAL PRICIPLES
Art. 1

Italy is a Democratic Republic, founded on work.
Sovereignty belongs to the people and is exercised
by the people in the forms and within the limits of the
Constitution.

Art. 2

The Republic recognises and guarantees the inviolable
rights of the person, as an individual and in the social
groups where human personality is expressed.
The Republic expects that the fundamental duties of
political, economic and social solidarity be fulfilled.

Art. 3

not require the procedure for constitutional amendment.

Art. 8

All religious confessions are equally free before the law.
Religious confessions other than the Catholic one have
the right to organise themselves in accordance with their
own statutes, provided that these statutes are not in
conflict with Italian law.
Their relations with the State are regulated by law on the
basis of accords between the State and the respective
representatives.

Art. 9

All citizens have equal social dignity and are equal
before the law, without distinction of sex, race, language,
religion, political opinion, personal and social conditions.

The Republic promotes the development of culture and
of scientific and technical research.
It safeguards natural landscape and the historical and
artistic heritage of the Nation.

Art. 4

Art. 10

The Republic recognises the right of all citizens to work and
promotes those conditions which render this right effective.
Every citizen has the duty, according to personal potential
and individual choice, to perform an activity or a function that
contributes to the material or spiritual progress of society.

Art. 5

The Republic, one and indivisible, recognises and
promotes local autonomies, and implements the fullest
measure of administrative decentralisation in those
services which depend on the State.
The Republic accords the principles and methods of
its legislation to the requirements of autonomy and
decentralisation.

Art. 6

The Republic safeguards linguistic minorities by means
of appropriate measures.

Art. 7

The State and the Catholic Church are independent and
sovereign, each within its own sphere.
Their relations are governed by the Lateran Pacts.
Changes to the Pacts that are accepted by both parties do

The Italian legal system conforms to the generally
recognised rules of international law.
The legal status of foreigners is regulated by law in
conformity with international provisions and treaties.
A foreigner who is denied the effective exercise of the
democratic liberties guaranteed by the Italian Constitution in
his or her own country has the right of asylum in the territory
of the Italian Republic, in accordance with the conditions
established by law.
Extradition of a foreigner for political offences is not admitted.

Art. 11

Italy rejects war as an instrument of aggression against
the freedom of other peoples and as a means for the
settlement of international disputes.
Italy agrees, on conditions of equality with other States, to
the limitations of sovereignty that may be necessary to a
world order ensuring peace and justice among the Nations.
Italy promotes and encourages international
organisations having such ends.

Art. 12

The flag of the Republic is the Italian tricolour: green,
white and red, in three vertical bands of equal size.

33

Constitution of the Italian Republic

Part I

RIGHTS AND DUTIES OF CITIZENS
Title I

CIVIL RIGHTS AND DUTIES
Art. 13

Personal liberty is inviolable.
No form of detention, inspection or personal search nor
any other restriction on personal freedom is admitted,
except by a reasoned warrant issued by a judicial
authority, and only in the cases and the manner provided
for by law.
In exceptional cases of necessity and urgency, strictly
defined by the law, law-enforcement authorities may
adopt temporary measures that must be communicated
to the judicial authorities within forty-eight hours.
Should such measures not be confirmed by the judicial
authorities within the next forty-eight hours, they are
revoked and become null and void.
All acts of physical or moral violence against individuals
subject in any way to limitations of freedom shall be
punished.
The law establishes the maximum period of preventive
detention.

Art. 14

The home is inviolable.
Inspections, searches or seizures may not be carried out
except in the cases and in the manner set out by law and
in accordance with the guarantees prescribed for the
safeguard of personal freedom.
Controls and inspections for reasons of public health
and safety or for economic and taxation purposes are
regulated by special laws.

Art. 15

The freedom and confidentiality of correspondence and
of every other form of communication is inviolable.
Restrictions thereto may be imposed only by a reasoned
warrant issued by a judicial authority with the guarantees
established by law.

Art. 16

All citizens may travel or sojourn freely in any part of the
national territory, except for general limitations which
the law establishes for reasons of health and security.
No restrictions may be made for political reasons.
All citizens are free to leave and re-enter the territory of
the Republic, provided all legal obligations are fulfilled.

Art. 17

Citizens have the right to assemble peacefully and
unarmed.
No previous notice is required for meetings, even when
the meetings occur in places that are open to the public.

34

For meetings in public places, previous notice must be
given to the authorities, who may only forbid them for
proven reasons of security and public safety.

Art. 18

Citizens have the right to form associations freely,
without authorisation, for ends that are not forbidden to
individuals by criminal law.
Secret associations and those associations that, even
indirectly, pursue political ends by means of
organisations having a military character, are prohibited.

Art. 19

All persons have the right to profess freely their own
religious faith in any form, individually or in association,
to disseminate it and to worship in private or public,
provided that the religious rites are not contrary to public
morality.

Art. 20

The ecclesiastical nature and the religious or ritual
purposes of an association or institution may not
constitute a cause for special limitations under the law,
nor for special taxation with respect to its establishment,
legal status or any of its activities.

Art. 21

All persons have the right to express freely their ideas by
word, in writing and by all other means of communication.
The press may not be subjected to authorisation or
censorship.
Seizure is permitted only by a reasoned warrant, issued
by the judicial authority, in the case of offences for which
the law governing the press gives express authorisation,
or in the case of violation of its provisions concerning the
disclosure of the identity of those holding
responsibility.
In such cases, when there is absolute urgency and
when timely intervention of the judicial authority is
not possible, periodical publications may be seized by
officers of the judicial police, who must promptly, and in
any case within twenty-four hours, report the matter to
the judicial authority. If the latter does not confirm the
seizure order within the following twenty-four hours, the
seizure is understood to be withdrawn and null and void.
The law may establish, by means of provisions of a general
nature, that the financial sources of the periodical press
be disclosed.
Printed publications, public performances and events
contrary to public morality are forbidden. The law

English

Art. 22

No person may be deprived for political reasons of legal
capacity, citizenship or name.

Art. 23

No obligations of a personal or a financial nature may be
imposed on any person except by law.

Title II

ETHICAL AND SOCIAL RIGHTS
AND DUTIES

English

establishes appropriate means for the prevention and
repression of all violations.

Art. 29

The Republic recognises the rights of the family as a
natural society founded on matrimony.
Matrimony is based on the moral and legal equality of the
spouses within the limits laid down by law to guarantee
the unity of the family.

Art. 24

All persons are entitled to take judicial action to protect
their individual rights and legitimate interests.
The right of defence is inviolable at every stage and level
of the proceedings.
The indigent are assured, by appropriate measures,
the means for legal action and defence in all levels of
jurisdiction.
The law determines the conditions and the means for the
redress of judicial errors.

Art. 30

It is the duty and right of parents to support, raise and
educate their children, even if born out of wedlock.
In the case of incapacity of the parents, the law provides
for the fulfilment of their duties.
The law ensures to children born out of wedlock every
form of legal and social protection, that is compatible
with the rights of members of the legitimate family.
The law lays down the rules and limitations for the
determination of paternity.

Art. 25

No one may be withheld from the jurisdiction of the
judge previously ascertained by law.
No one may be punished except on the basis of a law in
force prior to the time when the offence was committed.
No one may be subjected to restrictive measures except
in those cases provided for by the law.

Art. 31

The Republic assists the formation of the family and the
fulfilment of its duties, with particular consideration for
large families, through economic measures and other
benefits.
The Republic protects mothers, children and the young
by adopting the necessary provisions.

Art. 26

Extradition of a citizen is permitted only in the cases
expressly provided for in international conventions.
In no case may extradition be permitted for political
offences.

Art. 27

Criminal responsibility is personal.
The defendant is not considered guilty until the final
judgement is passed.
Punishment cannot consist in inhuman treatment and
must aim at the rehabilitation of the convicted person.
The death penalty is not permitted, except in cases
provided for under wartime military law.

Art. 28

Officials and employees of the State and public entities
are directly answerable, under criminal, civil and
administrative law, for actions committed in violation of
rights.
In such cases, civil liability extends to the State and the
public entities.

Art. 32

The Republic safeguards health as a fundamental right of
the individual and as a collective interest, and guarantees
free medical care to the indigent.
No one may be obliged to undergo any given health
treatment except under the provisions of the law.
The law cannot under any circumstances violate the
limits imposed by respect for the human person.

Art. 33

The Republic guarantees the freedom of the arts and
sciences, which may be freely taught.
The Republic lays down general rules for education and
establishes state schools for all branches and grades.
Entities and private persons have the right to establish
schools and institutions of education, at no cost to the
State.
The law, when setting out the rights and obligations for
the non-state schools which request parity, shall ensure
that these schools enjoy full liberty and offer their pupils
an education and qualifications of the same standards as
those afforded to pupils in state schools.
State examinations are prescribed for admission to and
graduation from the various branches and grades of
schools and for qualification to exercise a profession.
Institutions of higher learning, universities and academies,

35

Constitution of the Italian Republic
have the right to establish their own regulations within
the limits laid down by the laws of the State.

Art. 34

Schools are open to everyone.
Primary education, which is imparted for at least eight
years, is compulsory and free.
Capable and deserving pupils, including those without
adequate finances, have the right to attain the highest
levels of education.
The Republic renders this right effective through
scholarships, allowances to families and other
benefits, which shall be assigned through competitive
examinations.

Title III

ECONOMIC RIGHTS AND DUTIES
Art. 35

The Republic protects work in all its forms and practices.
It provides for the training and professional advancement
of workers.
It promotes and encourages international agreements
and organisations which have the aim of establishing
and regulating labour rights.
It recognises the freedom to emigrate, subject to the
obligations set out by law in the general interest, and
protects Italian workers abroad.

Art. 36

Workers have the right to a remuneration commensurate
to the quantity and quality of their work and in all cases
to an adequate remuneration ensuring them and their
families a free and dignified existence.
Maximum daily working hours are established by law.
Workers have the right to a weekly rest day and paid
annual holidays.
They cannot waive this right.

Art. 37

Working women have the same rights and are entitled to
equal pay for equal work.
Working conditions must allow women to fulfil their
essential role in the family and ensure special appropriate
protection for the mother and child.
The law establishes the minimum age for paid work.
The Republic protects the work of minors by means of
special provisions and guarantees them the right to
equal pay for equal work.

Art. 38

Every citizen unable to work and without the necessary
means of subsistence has a right to welfare support.

36

Workers have the right to be assured adequate means
for their needs and necessities in the case of accidents,
illness, disability, old age and involuntary unemployment.
Disabled and handicapped persons have the right to
education and vocational training.
The duties laid down in this article are provided for by
entities and institutions established by or supported by
the State.
Private-sector assistance may be freely provided.

Art. 39

Trade unions have the right to organise themselves freely.
No obligations can be imposed on trade unions other
than registration at local or central offices, according to
the provisions of the law.
A condition for registration is that the statutes of the
trade unions establish their internal organisation on a
democratic basis.
Registered trade unions are legal persons.
They may, through a unified representation that is
proportional to their membership, enter into collective
labour agreements that have a mandatory effect for all
persons belonging to the categories referred to in the
agreement.

Art. 40

The right to industrial action shall be exercised in
compliance with the law.

Art. 41

Private-sector economic initiative is freely exercised.
It cannot be conducted in conflict with social usefulness
or in such a manner that could damage safety, liberty and
human dignity.
The law shall provide for appropriate programmes and
controls so that public and private-sector economic
activity may be oriented and co-ordinated for social
purposes.

Art. 42

Property is publicly or privately owned. Economic assets
belong to the State, to entities or to private persons.
Private property is recognised and guaranteed by the
law, which prescribes the ways it is acquired, enjoyed and
its limitations so as to ensure its social function and make
it accessible to all.
Private property may, in the cases provided for by the law
and with provisions for compensation, be expropriated
for reasons of general interest.
The law establishes the regulations and limits of
legitimate and testamentary inheritance and the rights
of the State in matters of inheritance.

Art. 43

For purposes of general interest, specific enterprises
or categories of enterprises related to essential public
services, energy sources or monopolistic situations

and which have a primary public interest, may be
reserved from the outset to the State, public entities or
communities of workers or users, or may be transferred
to them by means of expropriation and payment of
compensation.

Art. 44

For the purpose of ensuring the rational exploitation of
land and equitable social relationships, the law imposes
obligations and constraints on the private ownership of
land; it sets limitations to the size of holdings according
to the region and agricultural zone; encourages and
imposes land reclamation, the conversion of latifundia
and the reorganisation of farm units; and assists small
and medium-sized holdings.
The law makes provisions in favour of mountainous areas.

Art. 45

The Republic recognises the social function of
cooperation of a mutualistic, non-speculative nature.
The law promotes and encourages co-operation through
appropriate means and ensures its character and
purposes through adequate controls.
The law safeguards and promotes artisanal work.

Art. 46

For the economic and social betterment of workers and
in harmony with the needs of production, the Republic
recognises the rights of workers to collaborate in the
management of enterprises, in the ways and within the
limits established by law.

Art. 47

The Republic encourages and safeguards savings in
all forms. It regulates, coordinates and oversees the
operation of credit.
The Republic promotes the access through citizens’
mutual savings to the ownership of housing and of
directly cultivated land, as well as to direct and indirect
investment in the equity of the large production
complexes of the country.

and guarantees that this right is effective. A constituency
of Italians abroad shall be established for elections to
the Houses of Parliament; the number of seats of such
constituency is set forth in a constitutional provision
according to criteria established by law.
The right to vote cannot be restricted except for civil
incapacity or as a consequence of an irrevocable penal
sentence or in cases of moral unworthiness as laid down
by law.

Art. 49

All citizens have the right to freely associate in parties
to contribute to determining national policies through
democratic processes.

Art. 50

All citizens may present petitions to both Houses to
request legislative measures or to express collective
needs.

Art. 51

All citizens of either sex are eligible for public offices
and for elective positions on equal terms, according
to the conditions established by law. To this end, the
Republic shall adopt specific measures to promote equal
opportunities between women and men.
The law may grant Italians who are not resident in the
Republic the same rights as citizens for the purposes of
access to public offices and elected positions.
Whoever is elected to a public function is entitled to
the time needed to perform that function and to retain
previously held employment.

Art. 52

The defence of the Fatherland is a sacred duty for every
citizen.
Military service is obligatory within the limits and in the
manner set by law. Fulfilment thereof shall not prejudice
a citizen’s employment, nor the exercise of political rights.
The organisation of the armed forces shall be based on
the democratic spirit of the Republic.

Art. 53

Title IV

POLITICAL RIGHTS AND DUTIES
Art. 48

All citizens, male and female, who have attained their
majority, are voters.
The vote is personal and equal, free and secret.
The exercise thereof is a civic duty.
The law lays down the requirements and modalities for
citizens residing abroad to exercise their right to vote

Every person shall contribute to public expenditure in
accordance with his/her tax-payer capacity.
The taxation system shall be based on criteria of
progression.

Art. 54

All citizens have the duty to be loyal to the Republic and
to uphold its Constitution and laws.
Those citizens to whom public functions are entrusted
have the duty to fulfil such functions with discipline and
honour, taking an oath in those cases established by law.

37

English

English

Constitution of the Italian Republic

Part II

ORGANISATION OF THE REPUBLIC
Title I

THE PARLIAMENT
Section I
The Houses

Art. 55

Parliament consists of the Chamber of Deputies and the
Senate of the Republic.
Parliament meets in joint session of the members of
both Houses only in those cases established in the
Constitution.

Art. 56

The Chamber of Deputies is elected by direct and
universal suffrage.
The number of Deputies is six hundred and thirty, twelve
of which are elected in the Overseas
Constituency.
All voters who have attained the age of twenty-five on
the day of elections are eligible to be Deputies.
The division of seats among the electoral districts, with
the exception of the number of seats assigned to the
Overseas Constituency, is obtained by dividing the
number of inhabitants of the Republic, as shown by the
latest general census of the population, by six hundred
eighteen and distributing the seats in proportion to the
population in every electoral district, on the basis of
whole shares and the highest remainders.

Art. 57

The Senate of the Republic is elected on a regional basis,
with the exception of the seats assigned to the Overseas
Constituency.
The number of Senators to be elected is three hundred
and fifteen, six of which are elected in the Overseas
Constituency. No Region may have fewer than seven
Senators; Molise shall have two, Valle d’Aosta one.
The division of seats among the Regions, with the
exception of the number of seats assigned to the
Overseas Constituency, in accordance with the provisions
of the preceding Article, is made in proportion to the
population of the Regions as revealed in the most recent
general census, on the basis of whole shares and the
highest remainders.

Art. 58

Senators are elected by universal and direct suffrage by
voters who are twenty-five years of age.
Voters who have attained the age of forty are eligible to
be elected to the Senate.

38

Art. 59

Former Presidents of the Republic are Senators by right
and for life unless they renounce the office.
The President of the Republic may appoint five citizens
who have honoured the Nation through their outstanding
achievements in the social, scientific, artistic and literary
fields as life Senators.

Art. 60

The Chamber of Deputies and the Senate of the Republic
are elected for five years.
The term for each House cannot be extended, except by
law and only in the case of war.

Art. 61

Elections for the new Houses take place within seventy
days from the end of the term of the previous Houses.
The first meeting is convened no later than twenty days
after the elections.
Until such time as the new Houses meet, the powers of
the previous Houses are extended.

Art. 62

The Houses shall convene by right on the first working
day of February and October.
Each House may be convened in extraordinary session
on the initiative of its President or the President of the
Republic or a third of its members.
When one House is convened in extraordinary session,
the other House is convened by right.

Art. 63

Each House shall elect from among its members its
President and its Bureau.
When Parliament meets in joint session, the President
and the Bureau are those of the Chamber of Deputies.

Art. 64

Each House adopts its own Rules by an absolute majority
of its members.
The sittings are public; however, each of the Houses
and Parliament in joint session may decide to convene a
closed session.
The decisions of each House and of Parliament are not
valid if the majority of the members is not present, and if
they are not passed by a majority of those present, unless
the Constitution prescribes a special majority.

Members of the Government, even when not members
of the Houses, have the right, and, when requested, the
obligation to attend the sittings.
They shall be heard every time they so request.

The people may initiate legislation by proposing a
bill drawn up in sections and signed by at least fifty
thousand voters.

Art. 72

Art. 65

The law determines the cases of non-eligibility and
incompatibility with the office of Deputy or Senator.
No one may be a member of both Houses at the same
time.

Art. 66

Each House verifies the credentials of its members and
the causes of ineligibility and incompatibility that may
arise at a later stage.

Art. 67

Each Member of Parliament represents the Nation and
carries out his/her duties without a binding mandate.

Art. 68

Members of Parliament cannot be held accountable for
the opinions expressed or votes cast in the performance
of their function.
Without the authorisation of their respective House,
Members of Parliament may not be submitted to
personal or home search, nor may they be arrested
or otherwise deprived of their personal freedom, nor
held in detention, except when a final court sentence is
enforced, or when the Member is apprehended in the
act of committing an offence for which arrest flagrante
delicto is mandatory.
The same authorisation is required for Members of
Parliament to be submitted to the surveillance of their
conversations or communication, in any form, and to
the seizure of their correspondence.

Art. 69

Members of Parliament shall receive an allowance
established by law.

Every bill submitted to one of the Houses is, in
accordance with its Rules, considered by a Committee
and then by the House itself, which approves it section
by section and with a final vote.
The Rules establish shortened procedures for draft
legislation that has been declared urgent.
They may also establish in which cases and in what
manner the consideration and approval of bills
is deferred to Committees, including Standing
Committees, composed so as to reflect the proportion
of the Parliamentary Groups.
Even in such cases, until the moment of its final
approval, the bill may be referred back to the House,
if the Government or one tenth of the members of the
House or one-fifth of the Committee request that it be
debated and voted on by the House itself or that it be
submitted to the House for final approval, with only
explanations of vote.
The Rules establish the ways in which the proceedings
of Committees are made public.
The regular procedure for consideration and direct
approval by the House is always followed in the case of
bills on constitutional and electoral matters, enabling
legislation, the ratification of international treaties and
the approval of budgets and accounts.

Art. 73

Laws are promulgated by the President of the Republic
within one month of their approval.
If the Houses, each by an absolute majority of its
members, declare a law to be urgent, the law is
promulgated within the deadline established therein.
Laws are published immediately after promulgation
and come into force on the fifteenth day following
publication, unless the laws themselves establish a
different deadline.

Art. 74

Section II
Legislative process
Art. 70

The legislative function is exercised collectively by both
Houses.

Art. 71

Legislation is initiated by the Government, by each
Member of Parliament and by those entities and bodies
so empowered by constitutional law.

The President of the Republic, before promulgating a
law, may request the Houses, with a reasoned message,
to deliberate again.
If the Houses once more pass the bill once again, then
the law must be promulgated.

Art. 75

A popular referendum shall be held to abrogate, totally
or partially, a law or a measure having the force of law,
when requested by five hundred thousand voters or five
Regional Councils.
Referenda are not admissible in the case of tax, budget,
amnesty and pardon laws, or laws authorising the
ratification of international treaties.

39

English

English

Constitution of the Italian Republic
All citizens eligible to vote for the Chamber of Deputies
have the right to participate in referenda.
The proposal subjected to a referendum is approved if
the majority of those with voting rights have participated
in the vote and a majority of votes validly cast has been
reached.
The procedures for conducting a referendum shall be
established by law.

Art. 76

The exercise of the legislative function may not be
delegated to the Government unless principles and
criteria have been established and then only for a limited
time and for specified purposes.

expenditures in the law approving the budget.
Any other law involving new or increased expenditures
must specify the resources to meet these expenditures.

Art. 82

Each House may conduct inquiries on matters of public
interest.
For such purposes, it appoints a Committee so
composed as to reflect the proportional representation
of the Parliamentary Groups.
The Committee of inquiry conducts its investigations
and examinations with the same powers and the same
limitations as a judicial authority.

Art. 77

The Government may not, without an enabling act from
the Houses, issue decrees having the force of ordinary
law.
When in extraordinary cases of necessity and urgency
the Government adopts provisional measures having
the force of law, it must on the same day present said
measures for confirmation to the Houses which, even
if dissolved, shall be summoned especially for this
purpose and shall convene within five days.
The decrees lose effect from their inception if they are
not confirmed within sixty days from their publication.
The Houses may however regulate by law legal
relationships arising out of not confirmed decrees.

Art. 78

The Houses deliberate the state of war and confer the
necessary powers on the Government.

Art. 79

Amnesty and pardon are granted with a law approved
by a two-thirds majority in both Houses, for each section
and in the final vote.
The law granting an amnesty or pardon establishes the
deadline for its implementation.
Amnesty and pardon cannot in any case apply to
offences committed following the introduction of the
bill in Parliament.

Art. 80

The Houses authorise by law the ratification of
international treaties which are of a political nature, or
which call for arbitration or legal settlements, or which
entail changes to the national territory or financial
burdens or changes to legislation.

Art. 81

The Houses approve every year the budgets and
accounts submitted by the Government.
The provisional budget cannot be granted unless by law
and for periods not exceeding a total of four months.
It is not possible to introduce new taxes and new

40

Title II

THE PRESIDENT OF THE REPUBLIC
Art. 83

The President of the Republic is elected by Parliament in
joint session of its members.
Three delegates from every Region elected by the
Regional Council so as to ensure that minorities are
represented shall participate in the election. Valle
d’Aosta has one delegate only.
The election of the President of the Republic is by secret
ballot with a majority of two thirds of the assembly.
After the third ballot an absolute majority shall suffice.

Art. 84

Any citizen who has attained fifty years of age and
enjoys civil and political rights can be elected President
of the Republic.
The office of President of the Republic is incompatible
with any other office.
Compensation and endowments of the President are
established by law.

Art. 85

The President of the Republic is elected for seven years.
Thirty days before the expiration of the term, the
President of the Chamber of Deputies shall summon a
joint session of Parliament and the regional delegates to
elect the new President of the Republic.
If the Houses are dissolved, or there are less than three
months from their dissolution, the election shall take
place within fifteen days of the meeting of the new
Houses.
In the intervening time, the powers of the incumbent
President are extended.

Art. 86

The functions of the President of the Republic, in all

cases in which the President cannot perform them, shall
be exercised by the President of the Senate.
In the case of permanent incapacity or death or
resignation of the President of the Republic, the
President of the Chamber of Deputies shall call an
election of a new President of the Republic within
fifteen days, except in the case of the longer term which
is provided for when the Houses are dissolved and are
within less than three months to their dissolution.

Art. 87

The President of the Republic is the Head of the State
and represents national unity.
The President may send messages to the Houses.
The President shall:
• authorise the introduction to the Houses of bills
initiated by the Government.
• promulgate the laws and issue decrees having the
force of law as well as regulations.
• call popular referenda in the cases provided for by
the Constitution.
• appoint State officials in the cases provided for by
law.
• accredit and receive diplomatic representatives,
and ratify international treaties which have, where
required, been authorised by the Houses.
The President is the commander of the armed forces,
shall preside over the Supreme Council of Defence
established by law, and shall make declarations of war
which have been decided by the Chambers.
The President shall preside over the High Council of the
Judiciary.
The President may grant pardons and commute
punishments.
The President shall confer the honorary distinctions of
the Republic.

Art. 88

The President of the Republic, having heard the
Presidents of the Houses, may dissolve Parliament or
even only one House.
The President of the Republic cannot exercise said right
during the last six months of the presidential mandate,
unless said period coincides in full or in part with the last
six months of Parliament.

Art. 89

No act of the President of the Republic is valid if it is
not signed by the proposing Ministers, who assume
responsibility for it.
The acts which have legislative strength and those
laid down by law shall be countersigned also by the
President of the Council of Ministers.

Art. 90

The President of the Republic is not responsible for the
actions performed in the exercise of the presidential

duties, except in the case of high treason or attempt
against the Constitution.
In such cases, the President may be impeached by
Parliament in joint session, with an absolute majority of
its members.

Art. 91

The President of the Republic, before taking office, shall
take an oath of allegiance to the Republic and swear
to uphold the Constitution before Parliament in joint
session.

Title III

THE GOVERNMENT

Section I
The Council of Ministers
Art. 92

The Government of the Republic is made up of the
President of the Council and the Ministers who together
form the Council of Ministers.
The President of the Republic appoints the President of
the Council of Ministers and, on his/her proposal, the
Ministers.

Art. 93

The President of the Council of Ministers and the
Ministers, before taking office, shall be sworn in by the
President of the Republic.

Art. 94

The Government must have the confidence of both
Houses.
Each House grants or withdraws its confidence through
a reasoned motion and which is voted on by roll-call.
Within ten days of its formation the Government shall
come before the Houses to obtain their confidence.
An opposing vote by one or both the Houses against a
Government proposal does not entail the obligation to
resign.
A motion of no-confidence must be signed by at least
one-tenth of the members of the House and cannot be
debated earlier than three days from its presentation.

Art. 95

The President of the Council conducts and holds
responsibility for the general policy of the Government.
The President of the Council ensures the coherence of
political and administrative policies, by promoting and
coordinating the activity of the Ministers.
The Ministers are collectively responsible for the acts of

41

English

English

Constitution of the Italian Republic
the Council of Ministers; they are individually responsible
for the acts of their own
ministries.
The law establishes the organisation of the Presidency
of the Council, as well as the number, competence and
organisation of the ministries.

Art. 96

The President of the
Council of Ministers and the Ministers, even if they resign
from office, are subject to normal justice for crimes
committed in the exercise of their duties, provided
authorisation is given by the Senate of the Republic or
the Chamber of Deputies, in accordance with the norms
established by Constitutional Law.

Section III
Auxiliary Bodies
Art. 99

The National Council for Economics and Labour
is composed, as set out by law, of experts and
representatives of the economic categories, in such a
proportion as to take account of their numerical and
qualitative importance.
It serves as a consultative body for the Houses and the
Government for those matters and those functions
attributed to it by law.
It can initiate legislation and may contribute to drafting
economic and social legislation according to the
principles and within the limitations laid out by law.

Art. 100

Section II
Public Administration
Art. 97

Public offices are organised according to the provisions
of law, so as to ensure the efficiency and impartiality of
administration.
The regulations of the offices lay down the areas of
competence, the duties and the responsibilities of the
officials.
Employment in public administration is accessed
through competitive examinations, except in the cases
established by law.

The Council of State is a legal-administrative consultative
body and it oversees the administration of justice.
The Court of Auditors exercises preventive control over
the legitimacy of Government measures, and also expost auditing of the administration of the State Budget.
It participates, in the cases and ways established by law,
in auditing the financial management of the entities
receiving regular budgetary support from the State.
It reports directly to the Houses on the results of audits
performed.
The law ensures the independence from the Government
of the two bodies and of their members.

Title IV

Art. 98

Civil servants are exclusively at the service of the Nation.
If they are Members of Parliament, they may not be
promoted in their services, except through seniority.
The law may set limitations on the right to become
members of political parties in the case of magistrates,
career military staff in active service, law enforcement
officers, and overseas diplomatic and consular
representatives.

THE JUDICIAL BRANCH

Section I
The Organisation of the Judiciary
Art. 101

Justice is administered in the name of the people.
Judges are subject only to the law.

Art. 102

Judicial proceedings are exercised by ordinary
magistrates empowered and regulated by the provisions
concerning the Judiciary.
Extraordinary or special judges may not be established.
Only specialised sections for specific matters within the
ordinary judicial bodies may be established, and these
sections may include the participation of qualified
citizens who are not members of the Judiciary.
The law regulates the cases and forms of the direct
participation of the people in the administration of
justice.

42

Art. 103

The Council of State and the other organs of judicial
administration have jurisdiction over the protection of
legitimate rights before the public administration and, in
particular matters laid out by law, also of subjective rights.
The Court of Auditors has jurisdiction in matters of
public accounts and in other matters laid out by law.
Military tribunals in times of war have the jurisdiction
established by law.
In times of peace they have jurisdiction only for military
crimes committed by members of the armed forces.

Art. 104

The Judiciary is a branch that is autonomous and
independent of all other powers.
The High Council of the Judiciary is presided over by the
President of the Republic.
The first president and the general prosecutor of the
Court of Cassation are members by right.
Two thirds of the members are elected by all the
ordinary judges belonging to the various categories,
and one third are elected by Parliament in joint session
from among full university professors of law and lawyers
with fifteen years of practice.
The Council elects a vice-president from among those
members designated by Parliament.
Elected members of the Council remain in office for four
years and cannot be immediately re-elected.
They may not, while in office, be registered in professional
rolls, nor serve in Parliament or on a Regional Council.

The Minister of Justice has the power to originate
disciplinary action.
Judges are distinguished only by their different
functions.
The state prosecutor enjoys the guarantees established
in the prosecutor’s favour by the provisions concerning
the organisation of the Judiciary.

Art. 108

The provisions
concerning the organisation of the Judiciary and the
judges are laid out by law.
The law ensures the independence of judges of special
courts, of state prosecutors of those courts, and of other
persons participating in the administration of justice.

Art. 109

The legal authorities have direct use of the judicial
police.

Art. 110

Without prejudice to the authority of the High Council
of the Judiciary, the Minister of Justice has responsibility
for the organisation and functioning of those services
involved with justice.

Section II
Rules on Jurisdiction

Art. 105

The High Council of the Judiciary, in accordance with
the regulations of the Judiciary, has jurisdiction for
employment, assignments and transfers, promotions
and disciplinary measures of judges.

Art. 106

Judges are appointed by means of competitive
examinations.
The law on the regulations of the Judiciary allows the
appointment, even by election, of honorary judges for
all the functions performed by single judges.
Following a proposal by the High Council of the Judiciary,
full university professors of law and lawyers with fifteen
years of practice and registered in the special professional
rolls for the higher courts may be appointed for their
outstanding merits as Cassation councillors.

Art. 107

Judges may not be removed from office; they may not
be dismissed or suspended from office or assigned to
other courts or functions unless by a decision of the High
Council of the Judiciary, taken either for the reasons
and with the guarantees of defence established by the
provisions concerning the organisation of Judiciary or
with the consent of the judges themselves.

Art. 111

Jurisdiction is implemented through due process
regulated by law.
All court trials are conducted with adversary proceedings
and the parties are entitled to equal conditions before
an impartial judge in third party position.
The law provides for the reasonable duration of trials.
In criminal law trials, the law provides that the alleged
offender shall be promptly informed confidentially of
the nature and reasons for the charges that are brought
and shall have adequate time and conditions to prepare
a defence.
The defendant shall have the right to cross-examine
or to have cross-examined before a judge the persons
making accusations and to summon and examine
persons for the defence in the same conditions as the
prosecution, as well as the right to produce all other
evidence in favour of the defence.
The defendant is entitled to the assistance of an
interpreter in the case that he or she does not speak or
understand the language in which the court proceedings
are conducted.
In criminal law proceedings, the formation of evidence

43

English

English

Constitution of the Italian Republic
is based on the principle of adversary hearings.
The guilt of the defendant cannot be established on the
basis of statements by persons who, out of their own
free choice, have always voluntarily avoided undergoing
cross-examination by the defendant or the defence
counsel.
The law regulates the cases in which the formation of
evidence does not occur in an adversary proceeding
with the consent of the defendant or owing to reasons
of ascertained objective impossibility or proven illicit
conduct.
All judicial decisions shall include a statement of reasons.
Appeals to the Court of Cassation in cases of violations
of the law are always allowed against sentences
and against measures affecting personal freedom
pronounced by ordinary and special courts.
This rule can only be waived in cases of sentences by
military tribunals in time of war.
Appeals to the Court of Cassation against decisions
of the Council of State and the Court of Auditors are
permitted only for reasons of jurisdiction .

Art. 112

The public prosecutor has the obligation to institute
criminal proceedings.

Art. 113

The judicial safeguarding of rights and legitimate
interests before the organs of ordinary or administrative
justice is always permitted against acts of the public
administration.
Such judicial protection may not be excluded or limited
to particular kinds of appeal or for particular categories
of acts.
The law determines which judicial bodies are
empowered to annul acts of public administration in
the cases and with the consequences provided for by
the law itself.

Title V

REGIONS - PROVINCES MUNICIPALITIES
Art. 114

The Republic is composed of the Municipalities, the
Provinces, the Metropolitan Cities, the Regions and
the State. Municipalities, provinces, metropolitan cities
and regions are autonomous entities having their own
statutes, powers and functions in accordance with the
principles laid down in the Constitution.
Rome is the capital of the Republic. Its status is regulated
by State Law.

44

Art. 115

(Repealed)

Art. 116

Friuli-Venezia Giulia, Sardinia, Sicily, Trentino-Alto
Adige/Südtirol and Valle d’Aosta/Vallée d’Aoste have
special forms and conditions of autonomy pursuant to
the special statutes adopted by constitutional law.
The Trentino-Alto Adige/Südtirol Region is composed of
the autonomous provinces of Trent and Bolzano.
Additional special forms and conditions of autonomy,
related to the areas specified in art. 117, paragraph three
and paragraph two, letter l) - limited to the organisational
requirements of the Justice of the Peace - and letters
n) and s), may be attributed to other Regions by State
Law, upon the initiative of the Region concerned, after
consultation with the local authorities, in compliance
with the principles set forth in art. 119.
Said Law is approved by both Houses of Parliament with
the absolute majority of their members, on the basis
of an agreement between the State and the Region
concerned.

Art. 117

Legislative powers shall be vested in the State and
the Regions in compliance with the Constitution and
with the constraints deriving from EU legislation and
international
obligations.
The State has exclusive legislative powers in the
following subject matters:
a. foreign policy and international relations of the State;
relations between the State and the European Union;
right of asylum and legal status of non-EU citizens;
b. immigration;
c. relations between the Republic and religious
denominations;
d. defence and armed forces; State security; armaments,
ammunition and explosives;
e. the currency, savings protection and financial
markets; competition protection; foreign exchange
system; state taxation and accounting systems;
equalisation of financial resources;
f. state bodies and relevant electoral laws; state
referenda; elections to the European Parliament;
g. legal and administrative organisation of the State and
of national public agencies;
h. public order and security, with the exception of local
administrative police;
i. citizenship, civil status and register offices;
j. jurisdiction and procedural law; civil and criminal law;
administrative judicial system;
k. determination of the basic level of benefits relating
to civil and social entitlements to be guaranteed
throughout the national territory;
l. general provisions on education;
m. social security;
n. electoral legislation, governing bodies and

fundamental functions of the Municipalities,
Provinces and Metropolitan Cities;
o. customs, protection of national borders and
international prophylaxis;
p. weights and measures; standard time; statistical and
computerised coordination of data of state, regional
and local administrations; works of the intellect;
q. protection of the environment, the ecosystem and
cultural heritage.
Concurring legislation applies to the following subject
matters: international and EU relations of the Regions;
foreign trade; job protection and safety; education,
subject to the autonomy of educational institutions
and with the exception of vocational education and
training; professions; scientific and technological
research and innovation support for productive sectors;
health protection; nutrition; sports; disaster relief; landuse planning; civil ports and airports; large transport
and navigation networks; communications; national
production, transport and distribution of energy;
complementary and supplementary social security;
harmonisation of public accounts and coordination of
public finance and the taxation system; enhancement
of cultural and environmental assets, including the
promotion and organisation of cultural activities;
savings banks, rural banks, regional credit institutions;
regional land and agricultural credit institutions. In
the subject matters covered by concurring legislation
legislative powers are vested in the Regions, except for
the determination of the fundamental principles, which
are laid down in State legislation.
The Regions have legislative powers in all subject matters
that are not expressly covered by State legislation.
The Regions and the autonomous provinces of Trent
and Bolzano take part in preparatory decision making
process of EU legislative acts in the areas that fall within
their responsibilities.
They are also responsible for the implementation of
international agreements and EU measures, subject
to the rules set out in State law which regulate the
exercise of subsidiary powers by the State in the case
of non-performance by the Regions and autonomous
provinces.
Regulatory powers shall be vested in the State with
respect to the subject matters of exclusive legislation,
subject to any delegations of such powers to the Regions.
Regulatory powers shall be vested in the Regions in all
other subject matters.
Municipalities, provinces and metropolitan cities
have regulatory powers as to the organisation and
implementation of the functions attributed to them.
Regional laws shall remove any hindrances to the full
equality of men and women in social, cultural and
economic life and promote equal access to elected
offices for men and women.
Agreements between a Region and other Regions that
aim at improving the performance of regional functions
and that may also envisage the establishment of joint

bodies shall be ratified by regional law.
In the areas falling within their responsibilities, Regions
may enter into agreements with foreign States and
with local authorities of other States in the cases and
according to the forms laid down by State legislation.

Art. 118

Administrative functions are attributed to the
Municipalities, unless they are attributed to the
provinces, metropolitan cities and regions or to
the State, pursuant to the principles of subsidiarity,
differentiation and proportionality, to ensure their
uniform implementation.
Municipalities, provinces and metropolitan cities carry
out administrative functions of their own as well as
the functions assigned to them by State or by regional
legislation, according to their respective competences.
State legislation shall provide for co-ordinated action
between the State and the Regions in the subject
matters as per Article 117, paragraph two, letters b) and
h), and also provide for agreements and co-ordinated
action in the field of cultural heritage preservation.
The State, regions, metropolitan cities, provinces and
municipalities shall promote the autonomous initiatives
of citizens, both as individuals and as members of
associations, relating to activities of general interest, on
the basis of the principle of subsidiarity.

Art. 119

Municipalities, provinces, metropolitan cities and
regions shall have revenue and expenditure autonomy.
Municipalities, provinces, metropolitan cities and
regions shall have independent financial resources.
They set and levy taxes and collect revenues of their
own, in compliance with the Constitution and according
to the principles of coordination of State finances and
the tax system.
They share in the tax revenues related to their respective
territories.
State legislation shall provide for an equalisation fund with no allocation constraints - for the territories having
lower percapita taxable capacity.
Revenues raised from the above-mentioned sources
shall enable municipalities, provinces, metropolitan
cities and regions to fully finance the public functions
attributed to them.
The State shall allocate supplementary resources
and adopt special measures in favour of specific
municipalities, provinces, metropolitan cities and
regions to promote economic development along with
social cohesion and solidarity, to reduce economic and
social imbalances, to foster the exercise of the rights of
the person or to achieve goals other than those pursued
in the ordinary implementation of their functions.
Municipalities, provinces, metropolitan cities and
regions have their own assets, which are allocated to
them pursuant to general principles laid down in State
legislation.

45

English

English

Constitution of the Italian Republic
They may resort to indebtedness only as a means of
financing investment expenditure.
State guarantees on loans contracted for this purpose
are not admissible.

by universal and direct suffrage, unless the regional
statute provides otherwise.
The elected President shall appoint and dismiss the
members of the Executive.

Art. 120

Art. 123

The Regions may not levy import or export or transit
duties between Regions or adopt measures that in any
way obstruct the freedom of movement of persons or
goods between the Regions. Regions may not limit the
right of citizens to work in any part whatsoever of the
national territory.
The Government can act for bodies of the regions,
metropolitan cities, provinces and municipalities if
the latter fail to comply with international rules and
treaties or EU legislation, or in the case of grave danger
for public safety and security, or whenever such action
is necessary to preserve legal or economic unity and
in particular to guarantee the basic level of benefits
relating to civil and social entitlements, regardless of the
geographic borders of local authorities.
The law shall lay down the procedures to ensure that
subsidiary powers are exercised in compliance with the
principles of subsidiarity and of loyal co-operation.

Art. 121

The organs of the Region are: the Regional Council, the
Regional Executive and its President.
The Regional Council shall exercise the legislative
powers attributed to the Region as well as the other
functions conferred by the Constitution and the laws.
It may submit bills to Parliament.
The Regional Executive is the executive body of the
Region.
The President of the Executive represents the Region,
directs the policymaking of the Executive and is
responsible for it, promulgates laws and regional
statutes, directs the administrative functions delegated
to the Region by the State, in conformity with the
instructions of the Government of the Republic.

Art. 122

The electoral system and the cases of ineligibility and
incompatibility of the President, the other members
of the Regional Executive and the Regional councillors
shall be established by a regional law in accordance with
the fundamental principles established by a law of the
Republic, which also establishes the term of elective
offices.
No one may belong at the same time to a Regional
Council or to a Regional Executive and to one of the
Houses of Parliament, to another Regional Council, or to
the European Parliament.
The Council shall elect a President amongst its members
and a Bureau.
Regional councillors are not answerable for the opinions
expressed and votes cast in the exercise of their functions.
The President of the Regional Executive shall be elected

46

Each Region shall have a statute which, in harmony with
the Constitution, shall lay down the form of government
and basic principles for the organisation of the Region
and the conduct of its business.
The statute shall regulate the right to initiate legislation
and promote referenda on the laws and administrative
measures of the Region as well as the publication of
laws and of regional regulations.
Regional statutes are adopted and amended by the
Regional Council with a law approved by an absolute
majority of its members, with two subsequent
deliberations at an interval of not less than two months.
This law does not require the visé of the Government
commissioner.
The Government of the Republic may submit the
constitutional legitimacy of the regional statutes to
the Constitutional Court within thirty days from their
publication.
The statute is submitted to popular referendum if one
fiftieth of the electors of the Region or one-fifth of the
members of the Regional Council so request within
three months from its publication.
The statute that is submitted to referendum is not
promulgated if it is not approved by the majority of valid
votes.
In each Region, statutes regulate the activity of the
Council of local authorities as a consultative body on
relations between the Regions and local authorities.

Art. 124

(Repealed)

Art. 125

Administrative tribunals of the first instance shall be
established in the Region, in accordance with the rules
established by the law of the Republic. Sections may be
established in places other than the regional capital.

Art. 126

The Regional Council may be dissolved and the
President of the Executive may be removed with a
reasoned decree of the President of the Republic in the
case of acts in contrast with the Constitution or grave
violations of the law.
The dissolution or removal may also be decided for
reasons of national security.
The aforementioned decree is adopted after consultation
with a committee of Deputies and Senators for regional
affairs which is set up in the manner established by a law
of the Republic.
The Regional Council may adopt a reasoned motion of

English
having heard the Regional Councils.

Art. 133

Changes in provincial boundaries and the institution of
new Provinces within a Region are regulated by the laws
of the Republic, on the initiative of the Municipalities,
after consultation with the Region.
The Region, after consultation with the populations
involved, may establish through its laws new
Municipalities within its own territory and modify their
districts and names.

Art. 127

The Government may submit the constitutional
legitimacy of a regional law to the Constitutional Court
within sixty days from its publication, when it deems that
the regional law exceeds the competence of the Region.
A Region may submit the constitutional legitimacy of
a State or regional law or measure having the force of
law to the Constitutional Court within sixty days from
its publication, when it deems that said law or measure
infringes upon its competence.

Art. 128

(Repealed)

Art. 129

(Repealed)

Art. 130

(Repealed)

Art. 131

The following Regions shall be established: Piedmont;
Valle d’Aosta; Lombardy; Trentino-Alto Adige; Veneto;
Friuli-Venezia Giulia; Liguria; Emilia-Romagna; Tuscany;
Umbria; The Marches; Latium; Abruzzi; Molise; Campania;
Apulia; Basilicata; Calabria; Sicily; Sardinia.

Art. 132

By a constitutional law, after consultation with the
Regional Councils, a merger between existing Regions
or the creation of new Regions having a minimum of
one million inhabitants may be decided upon, when
the request has been made by a number of Municipal
Councils representing not less than one-third of the
populations involved, and the request has been approved
by referendum by a majority of said populations.
The Provinces and Municipalities which request to be
detached from one Region and incorporated in another
may be allowed to do so, following a referendum and
a law of the Republic, which obtains the majority of
the populations of the Province or Provinces and of
the Municipality or Municipalities concerned, and after

Title VI

CONSTITUTIONAL GUARANTEES
Section I
The Constitutional Court

Art. 134

The Constitutional Court shall pass judgement on:
controversies on the constitutional legitimacy of laws
and enactments having the force of law issued by the
State and the Regions; conflicts arising from allocation of
powers of the State and those powers allocated to State
and Regions, and between Regions; accusations made
against the President of the Republic and the Ministers,
according to the provisions of the Constitution.

Art. 135

The Constitutional Court shall be composed of fifteen
judges, a third nominated by the President of the
Republic, a third by Parliament in joint sitting and a third
by the ordinary and administrative supreme Courts.
The judges of the Constitutional Courts shall be chosen
from among judges, including those retired, of the
ordinary and administrative higher Courts, from full
university professors of law and lawyers with at least
twenty years practice.
Judges of the Constitutional Court shall be nominated
for nine years, beginning in each case from the day of
their swearing in, and they may not be re-appointed.
At the expiry of their term, the constitutional judges shall
leave office and the exercise of the functions thereof.
The Court shall elect from among its members, in
accordance with the rules established by law, a President,
who shall remain in office for three years and may be
re-elected, respecting in all cases the expiry term for
constitutional judges.
The office of constitutional judge shall be incompatible
with membership of Parliament, of a Regional Council,
the practice of the legal profession, and with every
appointment and office indicated by law.
In impeachment procedures against the President of

47

English

no confidence against the President of the Executive
that is undersigned by at least one-fifth of its members
and adopted by roll call vote with an absolute majority
of members.
The motion may not be debated before three days have
elapsed since its introduction.
The adoption of a no confidence motion against a
President of the Executive elected by universal and
direct suffrage, and the removal, permanent inability,
death or voluntary resignation of the President of the
Executive entail the resignation of the Executive and the
dissolution of the Council.
The same effects are produced by the contemporary
resignation of the majority of the Council members.


Documenti correlati


Documento PDF costituz
Documento PDF nuova e vecchia costituzione
Documento PDF congresso esmo 2018 daiichi sankyo presenta mycancertherapyeu
Documento PDF d lgs 147
Documento PDF stranieri girifalco
Documento PDF legge 18 dicembre 1984


Parole chiave correlate