File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Ricerca PDF Assistenza Contattaci



La panchina.pdf


Anteprima del file PDF la-panchina.pdf

Pagina 12318

Anteprima testo


"La  panchina”  
di  Pippo  Mariani  
 
I  
 
Questa  è  bella.  Me  ne  sto  a  passeggio  in  villa  insieme  a  Zoe,  quando  noto  un  ragazzo  seduto  a  capo  chino  
nel   bel   mezzo   di   una   panchina.   Avrà   avuto   sì   e   no   trent’anni,   forse   qualcosa   di   meno,   ma   una   cosa   era  
evidente:  piangeva.  Che  faccio,  mi  avvicino  e  gli  chiedo  se  va  tutto  bene?  Be’,  piange,  sicuro  che  ha  qualche  
problema.   Sai   che   c’è?   Lascio   perdere,   magari   ha   voglia   di   starsene   per   conto   suo,   e   uno   sconosciuto  
chiede   se   ha   bisogno   di   aiuto   è   solo   una   gran   rottura   di   scatole.   Riprendo   a   camminare   ma,   dopo   pochi  
passi,  mi  blocco:  e  se  invece  non  aspettasse  altro?  Quante  volte  avrei  voluto  piangere  il  mio  dolore  sulla  
spalla  di  qualcuno,  anche  fosse  uno  sconosciuto.  Quest’ultima  considerazione  mi  convince  e  devio  verso  di  
lui  seguito  a  ruota  da  Zoe.  Speriamo  di  usare  il  tono  giusto  e  di  non  impappinarmi,  penso  dentro  di  me,  e  
pazienza   se   mi   manda   a   quel   paese.   Mi   avvicino   fino   ad   arrivare   a   un   metro   da   lui   e   mi   fermo.   Prendo  
coraggio,  faccio  per  cominciare  il  mio  discorso,  quando  lui  alza  lo  sguardo  e,  con  uno  scatto  improvviso,  si  
sposta   di   lato   per   farmi   posto.   «Mi   scusi»,   mi   fa,   e   cerca   assoluzione   con   un   sorriso.   E   adesso?   Devo  
sedermi   per   forza.   Eccoci   qua:   io   rigido   come   un   palo,   Zoe   che   mi   fissa   dal   basso   e   lui   che   si   asciuga   le  
lacrime.   Qualche   istante   e   il   ragazzo   si   volta   verso   di   me:  «Non  mi  ero  accorto,  scusi  ancora».  Io  rispondo  
con   un   sorriso   e   torno   a   fare   la   statua.   Ma   lui   ha   ancora   qualcosa   da   dire:   «È   che   oggi…»   e   scoppia  
nuovamente  a  piangere.  Io  non  faccio  in  tempo  a  dire  nulla  che  mi  si  butta  addosso.  Bene:  io  lì  con  uno  
sconosciuto  che  piange  a  dirotto  tra  le  mie  braccia  e  Zoe  che  abbaia  come  un  ossesso.  Che  faccio?  Nulla,  
quello  che  stai  facendo:  abbraccia  quel  poveretto  e  aspetta.  Finalmente,  l’impeto  dei  singhiozzi  si  placa  e  il  
ragazzo  si  stacca  da  me.  Zoe  si  zittisce  e  io  capisco  che  quello  è  il  momento  giusto  per  parlare.  Programmo  
la  voce  per  i  discorsi  solenni  e  do  fiato  alle  trombe:  «Ascolta,  qualsiasi  cosa  ti  sia  successo,  sono  sicuro  che  
c’è  una  soluzione».  Lui,  sfoderando  un  sorriso  che  non  dimenticherò  mai,  mi  tranquillizza.  «È  che  mi  sono  
innamorato».  
 
II  
 
«Si  chiama  Zoe»,  faccio  io  alla  signora,  e  lei:  «che  carina  che  sei!»  Carina?  Non  è  carina,  è  carino,  dio  santo!  
Zoe   è   un   maschio,   e   si   vede   pure   bene.   «È   vero!»,   fa   lei,   e   si   mette   a   ridere.   Ma   che   c’è   da   ridere?   Poi,  
inevitabile,   arriva   la   richiesta   di   spiegazioni:   «E   perché   un   nome   da   donna?»   Da   femmina,   semmai,   e   io  
attacco  la  solita  storia:  si  chiamava  così  quando  l’ho  ereditato  e  allora  ho  continuato  a  chiamarlo  Zoe,  bla  
bla  bla.  Lei  mi  sente,  ma  non  mi  ascolta,  aspetta  solo  che  io  finisca  per  farmi  l'altra  immancabile  domanda:  
«Che   razza   è?»   Zoe   non   è   un   cane   di   marca,   si   vede   lontano   un   miglio,   ma   bensì   una   bastardata   tra   un  
Barboncino  e  un  Jack  Russel.  E  allora  io  ho  due  risposte  da  dare:  un  Barbon  Russel,  che  fa  molto  Londra,  
oppure   un   Jack   Rancino,   che   fa   molto   Little   Italy.   Opto   per   la   prima   e   lei:   «Ah,   sì,   li   conosco,   sono  
dolcissimi».  Conosci  i  Barbon  Russel?  Ma  fammi  il  piacere!  Un’ultima  carezza  e  finalmente  la  signora  mi  
lascia   andare.   Io   riprendo   a   camminare   a   passo   spedito   in   direzione   della   panchina.   Dai   Zoe,   non   ti  
fermare   ad   annusare   tutta   la   villa,   ho   fretta!   Ecco,   il   sentiero   sta   per   svoltare   e   tra   poco   saprò   com'è  
andata   a   finire.   Accelero   il   passo   e   Zoe   s'impunta   su   una   foglia   umidiccia.   Che   noia!   Dai,   su,   faccio   io,   e  
divoro   quegli   ultimi   metri,   supero   quell'enorme   cespuglio   e...   seduto   sulla   panchina   non   c'è   nessuno.  
Delusione   infinita.   Affranto,   mi   siedo   con   Zoe   che   comincia   a   fissarmi   in   attesa   di   un   premietto.   Io   lo  
accontento  e  cerco  conforto  nella  carezza  della  sua  testolina.  Me  ne  sto  lì,  mogio  mogio,  quando,  alle  mie  
spalle,  sento  una  voce:  «Gliel'ho  detto!»  Mi  volto  di  scatto  e  Luca  è  dietro  di  me,  orgoglioso  del  suo  sorriso,  
che  freme  per  raccontarmi  cosa  è  successo.  
«Ho  fatto  come  ha  detto  lei  e  ci  sono  riuscito».  
Io  gli  faccio  cenno  di  sedersi  e  lui  ubbidisce.  
 
III  
 
Da   quando   c’è   la   crisi,   la   villa   brulica   di   gente   nuova,   tipo   i   joggers   dell’ultima   ora,   quelli   che   i   chili   da  
smaltire   ce   l’hanno   ancora   tutti   addosso   e   li   nascondono   sotto   grossi   k-­‐way   effetto   sauna.   Poi   ci   sono   i  
ciclisti  dilettanti,  quelli  con  la  bici  nuova  di  pacca  comprata  da  Decathlon,  le  tutine  in  fibra  e  le  scarpette  
tecniche.   I   miei   preferiti   sono   quelli   che   fanno   tai-­‐chi.   Sì,   quelli   che   combattono   da   soli   muovendosi   al  
rallentatore.   Ogni   volta   vorrei   avvicinarmi   e   salutarli   seguendo   il   loro   ritmo:   saaaaalve,  
cooooomeeeeevaaaaa?  Nei  giorni  festivi  è  un  delirio  perché  arrivano  le  famiglie,  soprattutto  quelle  dove  
non   si   usano   profilattici   e   il   picnic   consiste   nell’erigere   un   piccolo   ristorantino   con   almeno   una   ventina   di  
coperti.   Dulcis   in   fundo,   i   boy   scout,   con   la   loro   geniale   divisa   fatta   apposta   per   sbucciarsi   le   ginocchia.