File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Ricerca PDF Assistenza Contattaci



La panchina.pdf


Anteprima del file PDF la-panchina.pdf

Pagina 1...16 17 18

Anteprima testo


tipo   che   neppure   ci   vado   in   villa,   ma   tanto   lo   so   che   non   ci   riesco.   Se   ne   fossi   capace,   a   quest’ora   starei  
dormendo.   Invece   sto   qui   a   cercare   di   capire   come   aiutare   quel   povero   cristo   che   si   aspetta   da   me   la  
soluzione  a  tutti  i  suoi  problemi.  Mi  ha  detto  che  non  sentiva  più  nulla.  Già,  ma  perché  nel  momento  in  cui  
si  deve  sentire  di  più  uno  smette  di  sentire?  Se  uno  smette  di  sentire,  sparisce,  e  allora  è  come  se  non  ci  
fosse.  Brutto  non  esserci.  Però  se  non  ci  sei,  non  può  succederti  nulla.  Niente  male.  Forse  Filippo  crede  che  
se   farà   l’amore   con   Monica   gli   potrà   succedere   qualcosa?   Cavolo,   ma   guarda   come   mi   sono   ridotto.   Me   ne  
sto  qui  a  tentare  di  capire  perché  a  uno  stronzo  qualsiasi  non  gli  si  alza.  È  ridicolo.  Se  ne  andasse  da  uno  
psicologo.  Oppure  dal  suo  medico,  magari  ha  qualche  problema  fisico.  Ma  quando  mai.  Hanno  tutti  fretta  e  
vogliono   la   soluzione   in   poche   semplici   mosse.   Qua   si   tratta   di   capire   sé   stessi,   ed   è   un   lavoro   duro   capire  
sé   stessi.   Più   rimandi   e   peggio   è.   Caro   il  mio   Filippo,   domandati   come   ci   sei   arrivato   fino   a   questo   punto   e  
forse  riesci  a  cambiare  qualcosa.  Invece  no.  Lui  vuole  in  un  batter  d’occhio  che  io  gli  dica  come  riuscire  a  
fare   l’amore   con   Monica   senza   usare   il   Viagra.   Magari   neppure   è   innamorato   di   lei,   ma   siccome   è   tanto  
bella   quando   ride   e   lei   è   così   gentile   con   lui,   allora   si   è   convinto   che   Monica   è   la   sua   occasione.   Basta:  
andrò   lì   e   improvviserò,   che   è   la   cosa   che   mi   riesce   meglio.   Se   non   ci   riesco,   pazienza.   E   poi   mi   sono  
stufato  di  occuparmi  degli  altri.  Inizio  a  pensare  che  è  il  mio  modo  per  non  sentire  più  nulla  e  sono  stanco  
di  non  esserci  più.  
 
XXXIII  
 
Quando   Filippo   è   arrivato   in   villa,   era   un’altra   persona.   Mi   ha   salutato   con   un   abbraccio   lasciandomi  
impietrito.   Poi   ci   siamo   seduti   e   mi   ha   gelato:   «Ieri   io   e   Monica   abbiamo   fatto   l’amore».   Me   l’ha   detto   così,  
senza   preamboli,   senza   un   minimo   di   preparazione.   Mi   ha   raccontato   pure   i   particolari.   Sembrava   un  
ragazzino  che  lo  aveva  fatto  per  la  prima  volta.  E  alla  fine  mi  ha  detto  che  se  non  fosse  stato  per  me  non  ci  
sarebbe   riuscito.   Ma   io   non   avevo   proprio   fatto   un   bel   niente.   Però,   a   quanto   pare,   il   semplice   fatto   di  
essere   rimasto   lì   ad   ascoltarlo   senza   dire   una   parola,   ha   sbloccato   la   situazione.   Perfetto.   Ora   Filippo   e  
Monica  vivranno  felici  e  contenti.  Bravo.  Complimenti.  Missione  compiuta.  Ora  che  non  servo  più  a  niente,  
voglio   dimenticare   tutto   e   tutti   e   non   voglio   più   vedere   nessuno.   Tu   no,   Zoe,   non   ti   preoccupare,   non   ti  
abbandono.  Però  da  domani  si  va  a  spasso  da  un’altra  parte,  ok?  Basta  problemi.  Vado  a  ballare  il  tango.  
Niente  parole.  Lì  sì  che  mi  sento  a  casa.