File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Ricerca PDF Assistenza Contattaci



La panchina.pdf


Anteprima del file PDF la-panchina.pdf

Pagina 1 23418

Anteprima testo


Quand’è  così,  Zoe  è  meglio  tenerlo  al  guinzaglio  perché  lui  non  ha  ancora  capito  che  tagliare  la  strada  a  
una   bicicletta   non   è   cosa   sana.   Luca,   così   mi   ha   detto   di   chiamarsi,   non   l’ho   più   visto,   e   un   po’   mi   dispiace:  
mi   ero   affezionato   a   quel   ragazzo   fuori   dal   tempo.   Ho   pure   conosciuto   la   sua   fidanzata.   Sì,   ha   la   fidanzata:  
bello,  vero?  Luca  è  convinto  che  se  io  quel  giorno  non  mi  fossi  fermato,  non  avrebbe  mai  avuto  il  coraggio  
di   dirle   ti   amo   e   adesso   non   sarebbe   felice.   Già,   Luca   è   felice,   e   lo   è   anche   la   sua   fidanzata,   almeno   così  
dicono.  Eppure  io  non  ho  fatto  proprio  nulla,  gli  ho  solo  detto  quello  che  pensavo.  Mah.  Sta  di  fatto  che  
adesso  io  un’occhiata  a  quella  panchina  gliela  do  sempre.  Oggi  c’è  seduta  una  donna  che  si  guarda  intorno,  
come   se   cercasse   qualcuno.   E   perché   adesso   mi   sta   fissando?   Oddio,   si  è   alzata   e   sta   venendo   verso   di   me.  
E  adesso  che  faccio?  
«Buongiorno»,   mi   fa   con   un   tono   cordiale,   e   si   china   ad   accarezzare   il   mio   cane   che   prontamente   si   mette  
a  scodinzolare.  Un  paio  di  coccole  e  la  donna  alza  di  nuovo  lo  sguardo  verso  di  me:  «Lui  è  Zoe,  vero?»  
Io   annuisco   ammutolito   e   lei   mi   porge   la   mano   con   un   sorriso   meraviglioso:   «Mi   chiamo   Monica   e   anch'io  
vorrei  essere  felice».  
 
IV  
 
Monica  domani  compie  cinquant’anni  e  oggi  ha  la  lezione  di  zumba.  Alessandro,  il  maestro  che  arriva  dai  
caraibi,   è   bellissimo,   ma   lui   ha   occhi   solo   per   Lucrezia   e   il   suo   fondo   schiena   immune   alla   forza   di   gravità.  
Gli  uomini.  Eppure  Monica  non  ha  davvero  di  che  lamentarsi.  La  sua  divisa  da  dottore  le  calza  a  pennello  
e,   quando   passa   in   corsia   per   fare   il   giro,   i   maschietti   sono   tutti   prodighi   di   complimenti.   «Fossi   suo  
marito,   non   dormirei   sonni   tranquilli!»,   fa   il   vecchietto   con   la   flebo.   Questi   non   può   certo   sapere   che  
Massimo  è  scappato  per  correre  dietro  a  una  piena  di  tette  e  con  il  permesso  di  soggiorno  in  scadenza.  Per  
fortuna  che  i  figli  sono  già  grandi  e  l’hanno  presa  bene.  Monica  no,  non  l’ha  presa  bene  per  niente.  Ma  lei  è  
la   donna   perfetta   per   cui   vietato   mostrarsi   debole.   Quando   le   viene   da   piangere,   e   le   capita   sempre   più  
spesso,   si   rinchiude   nel   bagno.   Che   sia   quello   dell’ospedale   o   di   casa,   non   importa.   Ciò   che   conta   è   non  
farsi  scoprire.  Lei  ci  prova  a  reagire:  sei  una  bella  donna,  hai  due  figli  magnifici,  una  bella  casa  e  un  lavoro  
che  ti  piace.  No,  a  Monica  non  manca  proprio  nulla.  Eppure  quella  sensazione  di  profonda  tristezza  non  
l'abbandona   mai.   Figuriamoci   la   sua   reazione   quando   Luca,   un   amico   del   figlio   più   grande,   le   ha  
raccontato   quello   che   gli   era   successo   al   parco.   E   cosa   mai   gli   avrà   detto   quel   tipo   di   tanto   speciale   da  
renderlo  l'uomo  più  felice  della  terra?  «Niente  di  preciso»,  spiega  Luca,  «ma  si  è  preso  cura  di  me  in  un  
modo  che...  è  difficile  spiegare:  bisogna  provare».  Monica  è  scettica:  ma  ti  pare  che  uno  si  fa  un  mazzo  così  
per  capire  come  funziona  questa  vita  schifosa,  poi  incontra  un  perfetto  sconosciuto  e,  bingo,  tutto  diventa  
semplice  e  chiaro?  Ma  fatemi  il  piacere!  Lo  so  io  che  ci  vuole:  un  bel  vaffanculo  a  tutti  e  a  tutto,  a  Massimo,  
alle  tette  di  quella  stronza,  al  tipo  con  il  cane  e  a  tutto  il  resto;  e  oggi,  che  è  il  mio  compleanno,  fanculo  
pure   alla   dieta:   colazione   al   bar   con   tanto   di   ciambella,   quella   fritta,   con   i   granelli   di   zucchero.   Ah,   che  
buona!   Ti   dirò   di   più:   a   casa   ci   torno   tra   un   po'.   Con   questo   sole   primaverile   mi   vado   a   fare   una   bella  
passeggiata  in  villa.  
 
V  
 
Questa  donna,  che  io  non  so  nemmeno  chi  sia,  si  presenta  da  me  e  mi  dice  che  vorrebbe  essere  felice.  Ma  
io  non  lo  so  come   si  fa  a  essere  felici!  Ora  che  ci  penso,  non  so  neppure  cosa  sia  la  felicità.  Però  una  cosa  è  
certa:  lei  è  venuta  fin  qui  per  incontrarmi  e  io  non  posso  rifiutarmi  di  ascoltarla.  
«Luca   è   un   amico   di   mio   figlio»,   mi   dice   con   una   gentilezza   che   avevo   dimenticato,   «ed   è   stato   lui   a  
raccontarmi  di  lei».  
Io  le  sorrido,  non  so  neppure  perché,  forse  per  ringraziarla,  e  lei  continua:  «E  allora  mi  sono  detta:  oggi  
compio  cinquant’anni  e  voglio  fare  una  pazzia».  
Allora:   una   bellissima   donna   di   cinquant’anni,   che   ne   dimostra   dieci   di   meno,   mi   cerca,   mi   trova,   mi  
sorride,  riempiendo  me  di  felicità,  e  mi  dice  che  io  sono  la  sua  pazzia  di  compleanno?  Io  adoro  il  genere  
umano.  
«Signora…  Monica,  giusto?»  
«Sì,   giusto.   Ma   dammi   del   tu,   preferisco.   Sono   stufa   di   essere   sempre   chiamata   dottoressa.   Non   lo  
sopporto  più.  Il  mio  nome  mi  piace.  Ti  piace  il  mio  nome?»  
Devo   provare:   «Monica».   Lei   sorride   di   nuovo   e   sì,   è   vero,   è   un   bel   nome,   e   le   sta   bene   addosso.   Com’è  
bello  il  sorriso  di  Monica.  
«Io  non  vorrei  deluderla...  scusa,  deluderti,  ma  ho  il  timore  di  non  essere  in  grado  di  aiutarti».  
«Non  ci  crederai,  ma  già  decidere  di  venire  qui  è  servito  a  farmi  tornare  il  buon  umore».  
«Sono  felice»,  dico  io  con  un  sorriso  imbarazzato.  «Ma  cosa  le…  ok,  ok.  Che  cosa  ti  ha  detto  Luca?»