File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Ricerca PDF Assistenza Contattaci



La panchina.pdf


Anteprima del file PDF la-panchina.pdf

Pagina 1 2 34518

Anteprima testo


Monica   si   riempie   i   polmoni   di   gioia:   «Testuali   parole:   è   difficile   spiegare,   bisogna   provare»1.  
Che  significa  bisogna  provare?  Ma  io  non  ho  fatto  un  bel  nulla  con  Luca!  Ho  visto  che  piangeva  e  allora  mi  
sono  avvicinato  per  vedere  cosa  succedeva.  Ma  lo  avrebbe  fatto  chiunque,  no?  D’accordo,  è  vero,  poi  mi  
sono  messo  lì  ad  ascoltarlo.  Cosa  mi  ha  detto?  Nulla,  che  si  era  innamorato  di  una  ragazza,  che  però  non  
aveva   il   coraggio   di   dirglielo,   e   via   discorrendo,   le   solite   cose   di   chi   non   è   abituato   ad   amare.   A   parte  
quella   volta   che   siamo   andati   insieme   a   fare   il   gioco   delle   strisce   pedonali,   niente   di   più   di   qualche  
chiacchierata.  Però  ci  siamo  divertiti  e  i  pedoni  sono  fantastici.  Ci  sono  quelli  che  neppure  se  ne  accorgono  
che  ti  sei  fermato,  che  poi  è  anche  giusto  che  lo  fai  visto  che  ci  sono  le  strisce;  e  ci  sono  quelli  che  se  la  
prendono  con  te  anche  se  sei  l’unico  che  li  fa  passare.  I  migliori  sono  quelli  che  ti  ringraziano,  quelli  che  ti  
sorridono   increduli,   quasi   ti   abbraccerebbero.   Ah,   dimenticavo   i   turisti!   In   fondo   basta   poco   per  
convincerli   che   Roma   è   una   città   gentile   ed   esportare   all'estero   un'immagine   falsata   del   nostro   paese.  
Ovviamente  è  un  gioco  che  si  deve  fare  in  motorino,  con  la  macchina  è  impensabile.  Non  so  perché,  Luca  
non  voleva  mai  smettere.  Una  volta  una  ragazza  a  capo  di  una  comitiva  di  stranieri  era  così  contenta  che  ci  
eravamo   fermati   che   ci   ha   fatto   l’inchino.   Allora   Luca   è   sceso   dal   motorino,   l'ha   ringraziata   con   un  
abbraccio   e   poi   si   è   messo   a   ballare   con   lei   in   mezzo   alle   strisce.   Io   non   credevo   ai   miei   occhi   perché   tutti  
gli   altri   hanno   cominciato   a   fare   la   stessa   cosa.   Ovviamente   avevano   bloccato   il   traffico   e   alle   mie   spalle   si  
è  scatenato  un  inferno  di  clacson  e  parolacce.  Quando  è  arrivato  il  vigile  a  mettere  ordine,  Luca  gli  ha  fatto  
l’inchino  e  poi  via,  più  veloci  della  luce.  Ancora  me  lo  ricordo  il  pizzardone  nello  specchietto  retrovisore  
che  ci  manda  a  quel  paese  con  il  braccio  alzato.  Ma  la  multa  non  ce  l’ha  fatta.  Chissà,  magari  anche  Monica  
ha   bisogno   di   qualcosa   del   genere.   O   forse   no.   Eccola   lì   che   continua   a   guardarmi   in   attesa   di   qualcosa.   Di  
certo  non  posso  rimanere  zitto.  
«Luca  mi  ha  raccontato  cosa  gli  stava  succedendo».  
«D’accordo».  
 
VI  
 
All’apertura  del  supermercato  mancano  pochi  minuti  e  davanti  all’ingresso  ci  sono  già  alcuni  clienti  pronti  
a   fare   razzia.   I   cassieri   si   preparano   al   quotidiano   saccheggio   distribuendo   gli   spiccioli   negli   appositi  
cassetti,   mentre   la   donna   delle   pulizie   spazza   via   le   ultime   foglie   d’insalata   dal   pavimento.   Al   bancone   dei  
salumi,  Marco,  quarant'anni  e  un  muso  lungo  fino  al  pavimento,  sta  preparando  l’affettatrice.  Accanto,  al  
bancone  del  pane,  Paolo  sistema  le  pagnotte  sugli  scaffali.  Lui  è  di  buon  umore,  come  tutte  le  mattine  del  
resto,  e  oggi  si  è  svegliato  canterino:  «Caro  amico  ti  scrivo,  così  mi  distraggo  un  po’».  
«A  Pa’,  e  daje,  su!»,  supplica  Marco,  «armeno  famme  sveja  in  santa  pace!»  
Con   un   balzo,   Paolo   raggiunge   il   collega,   sfila   un   salame   dallo   scaffale   e   se   lo   porta   alla   bocca   a   mo’   di  
microfono:  «E  siccome  sei  molto  lontano…».  Poi  porge  il  salame  a  Marco.  Lui  lo  afferra,  si  mette  in  posa  da  
rocker  e  finisce  la  strofa:  «Più  forte  ti  scriverò».  
«Yeah!»,  fa  Paolo  che,  tutto  contento,  se  ne  torna  al  suo  posto.  
«Cambia  dottore!»,  gli  dice  Marco  mentre  rimette  a  posto  il  salame.  
All’ora   di   pranzo,   Marco   è   di   nuovo   quello   della   mattina.   Paolo   no,   lui   sì   che   sa   come   conservare   l’allegria.  
Il  segreto  è  rendere  emozionante  ogni  cliente.  Come?  Bastano  quattro  piccole  mosse:  
 
1)voltare  le  spalle  al  bancone;  
2)  premere  il  pulsante  del  display;  
3)  invocare  il  numero  fortunato;  
4)  voltarsi  di  nuovo  e  gustarsi  la  sorpresa.  
 
«Sessantasei?»  
«Eccomi».  
«Oh,  signora  Maria,  che  piacere!  Cosa  le  do  oggi?»  
«Dammi  un  quarto  di  Genzano».  
«Questo  va  bene?»  
«No,  troppo  bruciato».  
«Questo  qui,  allora».  
«No,  quell’altro  era  meglio…  anzi,  no:  dammi  due  rosette  ben  cotte  e...  quel  filoncino  là  integrale».  
«Ma  certo,  signora  Maria,  agli  ordini».  
Paolo,  con  movimenti  sicuri  e  leggiadri,  imbusta  il  pane.  
«Desidera  altro?»  
La  signora  Maria  fa  cenno  di  no.  Paolo  attacca  l'adesivo  con  il  prezzo  e  consegna  il  pacco.  
«Arrivederci,  signora  Maria».