File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Ricerca PDF Assistenza Contattaci



La panchina.pdf


Anteprima del file PDF la-panchina.pdf

Pagina 1 2 3 45618

Anteprima testo


La   donna   saluta   quasi   infastidita   e   Paolo   ricomincia   la   sua   lotta   per   la   sopravvivenza:   piroetta,   pulsante   e  
numero.  
«Sessantasette?»  
Paolo  si  volta  e  si  fa  improvvisamente  serio.  Alle  spalle  del  vecchietto  che  agita  il  numero  fortunato,  c’è  
Monica,  più  bella  che  mai  quando  è  imbarazzata.  
«Allora,  me  dai  tre  panini  all’olio»,  fa  il  veccchietto,  «morbidi,  però,  che  si  no  nun  li  digerisco».  Ma  Paolo  
non  può  sentirlo,  è  troppo  impegnato  a  contemplare  quell’apparizione.  
«Ahò,  ma  che  te  so'  finite  'e  pile?»,  sbraita  il  vecchietto.  
Paolo  lascia  il  bancone  e  raggiunge  Monica  sotto  lo  sguardo  sbigottito  di  tutti  i  clienti.  
«Tra  dieci  minuti  faccio  pausa».  
«Ok».  
 
VII  
 
Che   bella   chiacchierata   che   è   stata   quella   con   Monica.   Anche   Zoe   sembrava   interessato   a   quello   che   ci  
dicevamo.   La   prima   cosa   che   mi   ha   raccontato   è   stata   la   faccenda   del   marito.   Un   uomo   che   dopo  
venticinque   anni   di   matrimonio   scappa   di   casa   con   una   russa,   be’,   non   deve   essere   stata   una   cosa  
piacevole.  Di  primo  acchito,  mi  è  sembrata  una  faccenda  del  tipo  si  vive  una  volta  sola  e  lei  mi  fa  sentire  di  
nuovo   giovane.   A   quanto   pare,   proprio   di   questo   si   tratta   visto   quello   che   le   ha   detto   quando   è   andato   via  
di  casa:  «Perdonami,  ma  con  lei  mi  sembra  di  rinascere  ogni  giorno».  Quello  che  più  m’incuriosiva,  però,  
non  erano  le  sorti  di  un  uomo  soggiogato  al  potere  delle  grandi  labbra,  quanto  l’estrema  lucidità  con  cui  
Monica  osservava  tutta  la  faccenda,  come  se  neppure  la  riguardasse.  Pur  rifiutando  l’idea  medievale  che  la  
moglie   deve   accudire   il   marito,   lei   era   consapevole   che,   se   avesse   voluto   tenerselo,   avrebbe   dovuto  
comportarsi  diversamente.  E,  siccome  non  lo  aveva  fatto,  allora  lui  si  era  trovato  un'altra  donna.  Punto.  
Mentre  ascoltavo  le  sue  parole,  mi  domandavo:  ma  perché  iniziare  proprio  con  un  tradimento?  Di  solito,  
quando  si  comincia  a  conoscere  qualcuno,  le  prime  cose  che  ti  dici  sono  quelle  meno  importanti,  quelle  
che,  dopo,  scopri  esistere  proprio  per  nascondere  la  verità.  Che  stesse  bollendo  altro  in  pentola?  Quella  
scelta,   cioè   togliersi   subito   di   mezzo   il   motivo   di   sofferenza   socialmente   accettato,   più   che   una   confidenza  
cominciava  a  sembrarmi  una  dichiarazione  d’intenti.  Come  a  dire:  leviamoci  di  torno  quello  per  cui  tutti  
vorrebbero  vedermi  soffrire  perché  la  ciccia  è  un’altra.  Archiviato  il  capitolo  corna,  mi  ha  raccontato  dei  
figli  e  di  tutti  i  sacrifici  che  ha  fatto  per  conciliare  famiglia  e  lavoro,  il  tutto  con  un  marito  che  se  ne  fregava  
altamente.   Io   non   ho   nulla   contro   il   matrimonio,   ma   contro   certi   matrimoni   sì.   Ne   conosco   un   paio   di  
quelli   che   vorrei   somigliassero   al   mio,   forse   uno   solo.   Comunque,   usando   un’espressione   che   non  
sopporto   e   in   voga   tra   i   maschilisti   di   entrambi   i   sessi,   Monica   è   la   classica   donna   con   le   palle.   Ripeto:  
detesto  questo  modo  di  dire,  non  perché  deturpi  l’armonia  del  corpo  femminile,  ma  perché  è  fuorviante.  
Io  preferisco  donna  di  spessore,  rende  di  più  l’idea.  Che  cos’è  una  donna  di  spessore?  Una  donna  che  cerca  
la  verità  senza  aver  paura  di  cosa  è  celato  dentro  sé  stessa,  appassionata  dalle  proprie  idee  e  incuriosita  
da  quelle  degli  altri,  che  usa  tutti  i  sensi  senza  timore,  compresi  quelli  del  cuore.  Una  persona,  in  poche  
parole,   e,   non   a   caso,   persona   è   un   nome   femminile   singolare,   nel   senso   di   raro.   Quando   incontro   una  
donna  così,  o  meglio,  una  persona  così,  io  mi  riconcilio  con  il  genere  umano.  Sì,   il  genere  umano,  proprio  
lui,   quello   animato   per   lo   più   da   un   unico   e   incondizionato   credo   religioso:   sti   cazzi.  
Monica  era  un  fiume  in  piena  e  io  ascoltavo  incuriosito  i  racconti  di  quella  bambina  impaurita  al  primo  
giorno   di   scuola   che   era   diventata   un   rinomato   endocrinologo.   Poi   i   primi   baci,   le   prime   carezze,   le   prime  
delusioni   e,   finalmente,   il   suo   primo   e   inimitabile   amore,   quello   che   avrebbe   usato   a   paragone   di   tutti  
quegli   altri.   Eccoli   lì:   due   diciassettenni   spensierati   e   innamorati   alla   follia   che   si   affacciano   alla   vita.  
Quand'è  così,  non  ce  n'è  per  nessuno.  E  poi,  diciamolo,  lui  era  quello  che  le  aveva  fatto  scoprire  le  gioie  del  
sesso,   intendo   dire   le   gioie   quelle   vere.   La   prima   volta   lei   lo   aveva   fatto   con   un   tipo   normoeducato,   ma  
niente  di  che:  due  minuti  di  sofferenza  finiti  con  un  rantolo  soffocato,  uno  squallido  «ti  è  piaciuto?»  e  un  
asciugamano   da   mettere   in   lavatrice.   E   invece   con   Paolo   tutto   era   poetico.   Nessuno   dei   due   voleva  
crederci,  nel  senso  che  anche  lui  non  aveva  mai  visto  e  sentito  una  donna  godere.  Le  disse:  «Ora  ho  capito  
perché   si   dice   fare   l’amore».   Già,   fare   l’amore,   come   se   si   costruisse   qualcosa.   Bello.   Il   marito,   invece,  
sapeva  solo  scoparla.  Per  carità,  va  bene  anche  quello,  ma  ogni  tanto  bisogna  farlo  l’amore,  altrimenti  ti  
stufi   di   scopare,   e   viceversa.   Negli   ultimi   tempi,   lui   la   costringeva   a   guardare   film   porno,   ma   lei   non   ne  
poteva   più   di   quelle   umiliazioni.   Poi   cominciato   a   proporle   lo   scambio   di   coppia.   No,   non   se   ne   parla  
proprio,   ed   è   arrivata   la   russa.   Per   fortuna.   Il   problema,   però,   è   che   adesso   Monica   ha   un   vuoto   da  
riempire  e  si  è  scordata  come  si  fa.  Per  quello,  secondo  me,  si  mette  a  piangere  sempre.  Ma  è  solo  una  mia  
ipotesi.  Ancora  mi  chiedo  perché  abbia  voluto  parlare  con  me,  io  non  so  davvero  cosa  posso  fare.  Posso  
ascoltarla,   quello   sì,   ma   io   non   sono   una   donna   e   certe   cose   non   posso   capirle.   Eccola   che   arriva.  
«Ciao».