File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Ricerca PDF Assistenza Contattaci



La panchina.pdf


Anteprima del file PDF la-panchina.pdf

Pagina 1...3 4 56718

Anteprima testo


«Ciao  Monica,  come  va?»  
«Bene,  tu?»  
«Sei  splendida».  
«Grazie».  Monica  si  china  per  dare  una  carezza  a  Zoe  che  risponde  scodinzolando.  Poi  torna  su  di  me  e  mi  
guarda  con  aria  colpevole.  
«Ho  fatto  una  stupidaggine».  
«Cioè?»,  faccio  io  un  po’  allarmato.  
«Sono  andata  da  lui».  
«Da  tuo  marito?»  
«Ma  no»,  fa  lei  infastidita.  «Sono  andato  da  Paolo.  Ci  sediamo  che  sono  un  po'  stanca?»  
«Certo».  
Monica  si  accomoda  sulla  panchina.  Io  faccio  lo  stesso  e  Zoe  si  mette  a  fare  la  vedetta.    
«Sono  andata  da  lui  al  lavoro».  
«Ma  lì  al  supermercato?»  
«Si   sì,   c’era   pure   un   sacco   di   gente.   Insomma,   lui   mi   ha   riconosciuto   subito.   Poi   ha   mollato   tutto,   è   venuto  
da  me  e  mi  ha  detto  che  aveva  la  pausa  tra  dieci  minuti».  
«E  poi?»  
«E  poi  mi  sono  messa  ad  aspettare  fuori».  
Monica  si  mette  a  piangere.  
«Cos'è  successo?»,  faccio  io  preso  alla  sprovvista.  
«Nulla,  sono  fuggita»,  e  il  pianto  si  fa  più  intenso.  
Un   passante   lancia   verso   di   noi   un'occhiata   preoccupata,   ma   io   gli   faccio   cenno   che   è   tutto   a   posto.  
«È  sposato»,  dice  lei  singhiozzando.  Questo  non  me  lo  aveva  detto.    
«Ha   pure   un   figlio,   capisci?»   Perfetto.   Monica   si   asciuga   le   lacrime   e   si   volta   verso   di   me:   «Ho   da   fare.,  
scusami».  
Con   uno   scatto   fulmineo,   Monica   si   alza   e   se   ne   va.   Io   rimango   qualche   istante   a   guardarla   mentre   si  
allontana   e   poi   mi   rimetto   in   piedi   anch’io,   quando   si   avvicina   una   cagnetta   al   guinzaglio.   Zoe   si  
ringalluzzisce   e   comincia   ad   annusarla   in   lungo   e   in   largo   tutto   scodinzolante.    
«Che  carini  che  sono,  vero?»,  fa  la  padrona.  
Giusto  il  tempo  di  sorridere  alla  donna,  che  Zoe  prova  a  montarsi  la  sua  nuova  conquista.  Io,  prontamente,  
lo  tiro  via  e  lei  fa  lo  stesso  con  la  sua  bestiola.  
«Ah,  questi  maschi»,  fa  lei  gesticolando  verso  Zoe  che,  nel  frattempo,  sta  già  soffrendo  per  amore.  «Tutti  
uguali  siete!»  
 
VIII  
 
Guardatelo   come   trotterella   baldanzoso   in   cerca   di   fidanzate.   Secondo   me   Zoe   morirà   all’improvviso,  
perlomeno   lo   spero.   Non   ho   voglia   di   vederlo   soffrire.   Il   massimo   sarebbe   svegliarsi   una   mattina   e  
trovarlo  immobile  nella  sua  cuccia.   Che   poi   è   la   morte   che   vorrei   anche   per   me.   Magari   se   si   muore   così   si  
rimane   per   sempre   a   sognare,   hai   visto   mai?   Non   so   neppure   cosa   si   fa   in   questi   casi,   intendo   dire   cosa   si  
deve   fare   con   il   cadavere.   Lo   scoprirò   a   tempo   debito   e   userò   la   burocrazia   come   distrazione.   Quando  
penso   al   fatto   che   sono   riuscito   a   mantenere   in   vita   un   animale   per   così   tanto   tempo,   be’,   un   po’   mi   fa  
sentire   bravo.   Caro   Zoe,   beato   te   che   non   hai   pensieri.   Io,   invece,   ci   provo   a   togliermi   dalla   mente   le  
lacrime   di   Monica,   ma   non   ci   riesco   proprio.   Ma   cosa   mi   sono   messo   in   testa,   eh?   Davvero   mi   sono  
convinto  che,  per  risolvere  i  problemi  della  gente,  basta  sedersi  qui,  su  questa  panchina,  e  ascoltare  quello  
che   hanno   da   raccontare?   Cazzo,   neppure   Gesù   Cristo!   E   lui   ne   ha   di   conoscenze   in   alto.   Secondo   te,  
perché   questa   fottuta   presunzione   di   trovare   una   soluzione   non   mi   abbandona   mai?   Con   Luca   è   stato  
facile.   Lui   aveva   solo   bisogno   di   una   spintarella   e   io   non   ho   fatto   altro   che   dargliela.   Con   Monica,   invece,   è  
tutto  più  complicato,  lo  hai  visto  anche  tu.  Di  una  cosa  però  sono  abbastanza  sicuro:  il  problema  non  è  il  
marito  che  l’ha  tradita.  D’accordo,  non  fa  piacere,  ma,  secondo  me,  quando  lui  gli  ha  fatto  il  discorsetto,  
Monica   ha   tirato   un   bel   sospiro   di   sollievo.   Sì,   perché   non   credo   che   di   sua   iniziativa   ci   sarebbe   mai  
riuscita  a  troncare  con  lui.  Ma  perché  ci  affezioniamo  alle  cose  malsane,  eh?  Tu  lo  sai?  Mah.  Forse  perché  
sono  prevedibili.  In  ogni  caso,  mi  sembra  evidente  che  Monica  si  senta  sola  da  morire,  per  questo  piange  
in  continuazione.  Sì,  certo,  ci  sono  i  figli,  il  lavoro  e  tutto  il  resto,  ma  lei,  dico  Monica,  dov’è  andata  a  finire?  
Spero  di  sbagliarmi,  ma  a  me  sembra  che  l’unico  tradimento  di  cui  vale  la  pena  occuparsi  è  quello  che  lei  
ha   consumato   verso   sé   stessa.   Ora   ti   spiego.   Intanto   ha   tradito   la   sua   dignità   e,   quando   te   ne   accorgi,  
grazie  al  cavolo  che  poi  ti  viene  da  piangere  e  non  riesci  a  trattenerti.  Poi,  sicuro,  lei  aveva  un’altra  idea  
dell’amore,   non   tanto   perché   l’aveva   letta   sui   libri,   ma   perché   l’aveva   sperimentata.   E   ha   tradito   anche  
quella.   Non   a   caso,   è   andata   da   Paolo.   Perché?   Ma   perché   con   lui   riusciva   ad   essere   una   coppia   come