File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Ricerca PDF Assistenza Contattaci



La panchina.pdf


Anteprima del file PDF la-panchina.pdf

Pagina 1...4 5 67818

Anteprima testo


voleva   lei.   Però   anche   questa   è   una   cosa   malsana   perché   Paolo   è   sposato.   Se   sapevo   che   aveva   una  
famiglia,  forse  non  le  avrei  mai  suggerito  di  andare  a  trovarlo.  Caro  Zoe,  non  so  davvero  più  cosa  pensare.  
È  come  se  Monica  volesse  finalmente  riprendersi  la  sua  vita  perché  quella,  la  sua  vita.  è  l’unica  possibile,  
ma   è   come   se   non   sapesse   dov’è   andata   a   finire   la   sua   maledettissima   vita.   Bel   casino,   vero?   E   non   ti  
mangiare  quello  schifo!  Da  quando  non  ha  più  i  denti,  Zoe  si  mangia  di  tutto  e  io  gli  devo  infilare  le  dita  in  
bocca  per  tirargli  fuori  pezzi  di  pigna,  sassi,  legnetti  e  fazzolettini  di  carta,  altrimenti  mi  vomita  tutto  in  
casa.   Strano:   ora   che   ha   solo   le   gengive   per   difendersi   dalle   insidie   del   mondo,   Zoe   mangia   come   un  
dannato,  è  diventato  più  curioso,  è  dimagrito,  corre  e  si  monta  le  femmine.  Insomma,  è  rinato.  A  quanto  
pare,   senza   denti   si   può   vivere   tranquillamente.   L’importante   è   non   provare   dolore.   Quello   sì   che   ti  
ammazza.   Ecco,   forse   questa   potrebbe   essere   un’idea:   togliere   i   denti   per   eliminare   il   dolore.   Andiamo  
Zoe,  che  devo  fare  una  cosa.  
 
IX  
 
«Mi  scusi»,  fa  Paolo  al  tipo  dietro  il  vetro.  «Endocrinologia?»  
«Percorso  marrone,  ottavo  piano».  
«Grazie  mille».  
Paolo  apre  le  porte  a  vetro  e  si  affaccia  nel  corridoio  del  reparto:  un  paio  di  infermieri  e  qualche  malato  
annoiato.  Alle  sue  spalle  arriva  un’altra  infermiera  con  tanto  di  carrello  medico:  «Permesso,  grazie».  
Paolo  si  scansa  e  le  tiene  la  porta.  L'infermiera  fa  passare  il  carello  e  lui  ne  approfitta:  «Mi  scusi,  forse  lei  
mi  può  aiutare».  
«Dica».  
«Cercavo  la  dottoressa  Mancini».  
«Lei  è  un  paziente?»  
«No,  sono  un  amico».  
«Si  accomodi  qui  fuori,  gliela  chiamo  io».  
«Grazie,  molto  gentile».  
«La  farei  entrare  ma  stanno  facendo  il  giro.  Lei  è  il  signor?»  
«Paolo».  
L’infermiera  si  congeda  con  un  sorriso  e  sparisce  richiudendosi  le  porte  alle  spalle.  A  Paolo  non  rimane  
che   scegliere   uno   dei   tanti   seggiolini   di   legno   della   sala   d’attesa,   quelli   pieni   di   gomme   da   masticare   sotto  
il  sedile.  Vent’anni  che  non  si  vedono,  l’ultima  volta  a  una  di  queste  cene  di  liceo  dove  si  torna  indietro  nel  
tempo   ricordando   sempre   le   stesse   cose.   Pensare   che   lui   era   uno   degli   alunni   più   brillanti   della   classe.  
Invece,  è  l’unico  che  non  si  è  laureato.  Non  è  che  non  gli  andava  di  studiare,  anzi.  Il  problema  era  che  lui  
studiava  per  sapere  e  non  per  dare  gli  esami.  Poi  mamma  e  papà  si  sono  stufati  di  buttare  i  soldi  e  allora  
Paolo   si   è   trovato   un   lavoro.   Per   fortuna,   poi,   che   i   genitori   si   sono   trasferiti   al   cimitero,   altrimenti   lui   una  
casa  non  se  la  sarebbe  mai  potuta  permettere,  tantomeno  sposarsi  con  Letizia  e  farci  addirittura  un  figlio.  
Tutt’altro   destino   per   Monica,   ancora   oggetto   di   studio   comparato   per   capire   come   abbia   fatto   a   tirare   su  
due   figli   con   un   marito   inesistente   e   diventare   un   luminare   nel   suo   campo.   Eccolo   lì   Paolo,   che   ripassa  
nella   mente   la   sua   vita   seduto   su   uno   scomodo   seggiolino   di   legno   di   un’anonima   saletta   d’attesa,   a  
sperare  che  la  donna  della  sua  vita  faccia  capolino.  Finalmente  le  porte  si  aprono.  Paolo  si  tira  su  di  scatto,  
ma  è  un  falso  allarme.  
«Gliel’ho  detto»,  gli  dice  l'infermiera,  stavolta  senza  carrello.  «Tra  poco  hanno  finito».  
«Grazie  mille».  
L’infermiera   si   allontana   e   Paolo   non   ce   la   fa   rimettersi   a   sedere.   Il   quadretto   con   Padre   Pio   non   è   un  
granché  e  allora  si  mette  a  guardare  fuori  dalla  finestra.  Chissà  cosa  sarebbe  successo  se  lui  si  fosse  dato  
da   fare   e   non   avesse   perso   tutto   quel   tempo.   Magari   a   quest’ora   l’infermiera   gli   avrebbe   detto   cose   del  
tipo:  «Avverto  subito  sua  moglie».  Invece  no,  lui  è  solo  un  amico  che  aspetta  in  sala  d’attesa.  
Le  porte  si  aprono  di  nuovo  e  uno  sciame  di  dottori  travasa  fuori  dal  reparto.  Saranno  almeno  una  decina,  
tutti   bianchi,   tutti   perfetti,   tutti   sorridenti.   Chissà   di   cosa   stanno   parlando,   magari   hanno   un   dubbio   su  
una   diagnosi   oppure,   più   probabile,   ed   è   giusto   che   sia   così,   su   dove   andare   in   vacanza.   Ma   la   cosa   che  
conta,  adesso,  è  che  Monica  ancora  non  si  vede.  Paolo  si  mette  a  gironzolare  nervosamente  per  la  saletta  e  
le  porte  iniziano  ad  aprirsi  per  l'ennesima  volta.  Stavolta  e  lei,  sicuro.  Paolo  si  aggiusta  la  giacca,  si  annusa  
le  ascelle,  poi  un  colpetto  di  tosse  per  schiarirsi  la  voce…  e  Monica,  come  si  suol  dire,  appare  in  tutto  il  suo  
splendore.   I   due   rimangono   a   fissarsi   senza   dire   una   parola,   quando   la   suoneria   del   cellulare   di   Paolo  
rompe   l'incantesimo:   è   Letizia.   Senza   distogliere   lo   sguardo   da   Monica,   Paolo   risponde:   «Ciao,   amore  
mio».  Monica  china  il  capo.  
«Tutto  bene»,  fa  lui  al  cellulare.  «Sì,  anch’io.  Ti  chiamo  dopo,  ok?  Quando  faccio  la  pausa…  sì,  bacio…  ciao».  
Paolo  chiude  la  telefonata  e  si  avvicina  a  Monica.