File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Assistenza Contattaci



La grande bellezza Presskit .pdf



Nome del file originale: La grande bellezza_Presskit.pdf

Questo documento in formato PDF 1.6 è stato generato da Microsoft® Word 2010, ed è stato inviato su file-pdf.it il 22/06/2013 alle 14:03, dall'indirizzo IP 84.220.x.x. La pagina di download del file è stata vista 1460 volte.
Dimensione del file: 640 KB (22 pagine).
Privacy: file pubblico




Scarica il file PDF









Anteprima del documento


NICOLA GIULIANO FRANCESCA CIMA e MEDUSA FILM
presentano

UN FILM DI

PAOLO SORRENTINO
USCITA 21 MAGGIO 2013
PROIEZIONI
PROIEZIONE STAMPA: lunedì 20 maggio ore 19.00 sala Debussy
PROIEZIONE STAMPA: lunedì 20 maggio ore 22.00 sala Bazin
PROIEZIONE UFFICIALE: martedì 21 maggio ore 11.30 sala Lumière
PROIEZIONE UFFICIALE GALA: martedì 21 maggio ore 22.00 sala Lumière
PROIEZIONE REPLICA: mercoledì 22 maggio ore 14.00 sala del 60°

UFFICIO STAMPA FILM
Studio PUNTOeVIRGOLA
Olivia Alighiero +39.335.6303795
Flavia Schiavi +39.335.6793144
www.studiopuntoevirgola.com
info@studiopuntoevirgola.com
UFFICIO STAMPA WEB
Inter Nos Web Communication
info@internosweb.it

UFFICIO STAMPA MEDUSA FILM
Claudio Trionfera
+39.06.66390640
claudio.trionfera@medusa.it
www.medusa.it

CAST TECNICO
regia
soggetto
sceneggiatura
fotografia
montaggio
musiche
scenografia
costumi
fonico di presa diretta
montaggio del suono
trucco
acconciature
aiuto regista
casting

PAOLO SORRENTINO
PAOLO SORRENTINO
PAOLO SORRENTINO
UMBERTO CONTARELLO
LUCA BIGAZZI
CRISTIANO TRAVAGLIOLI
LELE MARCHITELLI edizioni musicali INDIGO FILM
STEFANIA CELLA
DANIELA CIANCIO
EMANUELE CECERE
SILVIA MORAES
MAURIZIO SILVI
ALDO SIGNORETTI
DAVIDE BERTONI
ANNAMARIA SAMBUCCO

produttore esecutivo
produttori associati
produttori associati

VIOLA PRESTIERI
CARLOTTA CALORI GUENDALINA PONTI
ROMAIN LE GRAND VIVIEN ASLANIAN
MURIEL SAUZAY

prodotto da
coprodotto da
coprodotto da

NICOLA GIULIANO FRANCESCA CIMA
FABIO CONVERSI
JÉRÔME SEYDOUX

una coproduzione
una produzione
in collaborazione con
in coproduzione con

ITALIA-FRANCIA
INDIGO FILM
MEDUSA FILM
BABE FILMS
PATHÉ
FRANCE 2 CINÉMA
BANCA POPOLARE DI VICENZA

in associazione con

ai sensi delle norme sul Tax Credit

in associazione con

BISCOTTIFICIO VERONA S.r.l.
ai sensi delle norme sul Tax Credit

con il sostegno del

con il supporto di
in collaborazione con
con la partecipazione di
con la partecipazione di

PROGRAMMA MEDIA
DELLA COMUNITÀ EUROPEA
EURIMAGES
M.I.B.A.C .
DIREZIONE GENERALE PER IL CINEMA
REGIONE LAZIO. FONDO REGIONALE PER IL
CINEMA E L’AUDIOVISIVO
ROMA LAZIO FILM COMMISSION
MEDIASET PREMIUM
CANAL+ e CINE+
FRANCE TELEVISIONS

distribuzione
vendite internazionali

MEDUSA FILM
PATHÉ DISTRIBUTION

con il supporto di
con il contributo del
con il sostegno della

nazionalità
anno
durata
formato

ITALIANA
2013
142 min.
35mm/DCP
crediti non contrattuali

3

CAST ARTISTICO

TONI SERVILLO

Jep Gambardella

CARLO VERDONE

Romano

SABRINA FERILLI

Ramona

CARLO BUCCIROSSO

Lello Cava

IAIA FORTE

Trumeau

PAMELA VILLORESI

Viola

GALATEA RANZI

Stefania

FRANCO GRAZIOSI

Conte Colonna

GIORGIO PASOTTI

Stefano

MASSIMO POPOLIZIO

Alfio Bracco

SONIA GESSNER

Contessa Colonna

ANNA DELLA ROSA

Ragazza esangue

LUCA MARINELLI

Andrea

SERENA GRANDI

Lorena

GIUSI MERLI

Santa

GIOVANNA VIGNOLA

Dadina

IVAN FRANEK

Ron Sweet

VERNON DOBTCHEFF

Arturo

DARIO CANTARELLI

Assistente Santa

LILLO PETROLO

Lillo De Gregorio

LUCIANO VIRGILIO

Alfredo

ANITA KRAVOS

Talia Concept

e con
MASSIMO DE FRANCOVICH

Egidio

ROBERTO HERLITZKA

Cardinale Bellucci

ISABELLA FERRARI

Orietta

crediti non contrattuali

4

SINOSSI

Dame dell’alta società, parvenu, politici, criminali d’alto bordo, giornalisti, attori,
nobili decaduti, alti prelati, artisti e intellettuali veri o presunti tessono trame di
rapporti inconsistenti, fagocitati in una babilonia disperata che si agita nei palazzi
antichi, le ville sterminate, le terrazze più belle della città.
Ci sono dentro tutti. E non ci fanno una bella figura.
Jep Gambardella, 65 anni, scrittore e giornalista, dolente e disincantato,
gli occhi perennemente annacquati di gin tonic, assiste a questa sfilata di un’umanità
vacua e disfatta, potente e deprimente.
Tutta la fatica della vita, travestita da capzioso, distratto divertimento. Un’atonia
morale da far venire le vertigini.
E lì dietro, Roma, in estate. Bellissima e indifferente. Come una diva morta.

crediti non contrattuali

5

INTERVISTA A PAOLO SORRENTINO
“Come è nata l’idea di questo film?”
“L’idea si è sedimentata in un tempo molto lungo, che inizia con le mie prime, timide incursioni
romane, fatte da ragazzo, nella speranza di intraprendere da qualche parte l’avventura
cinematografica. Raccoglievo appunti, note, piccoli aneddoti su persone, eventi che gravitavano
intorno a Roma, ma erano materiali informi, sfilacciati, esili e insufficienti per poter diventare una
storia. Il pensiero insistente di questo film si è rafforzato quando sono venuto a vivere a Roma. Poi,
un giorno, è apparsa l’idea che mi consentiva di tenere tutto insieme: Jep Gambardella, un
giornalista e scrittore dallo sguardo disincantato e sentimentale sulla sgangherata fauna del presente.
Un’umanità variegata, contradditoria e anchilosata, elegante e volgare, squallida o proterva, della
quale Gambardella riesce a cogliere una recondita bellezza. Scova, o prova a sorprendere, essendo
parte in causa, la tenerezza che si cela dietro l’amorale. I vari personaggi sono stati ispirati molto
spesso dalla realtà della Roma di oggi, ma sono stati poi ricreati nel gioco della fantasia. In questo
senso, la citazione iniziale di Celine intende avvisare gli spettatori che assisteranno a un film dove il
coefficiente di invenzione è alto e che attraverso l’invenzione, germogliata dalla realtà, si spera di
riuscire a restituire una realtà altrettanto efficace ma cinematografica, coerente nella sua apparente
disarmonia”.
“Ha voluto rappresentare una realtà tipica di questa epoca o si tratta secondo lei di temi e
situazioni eterne?”
“Naturalmente, penso che il presente non sia solo il parto del contingente, ma anche il frutto della
persistenza indefinita dei sentimenti, delle difficoltà e delle gioie dell’eterna commedia umana.
Senza dubbio, la volgarità e una percezione di decadimento dilagano nel presente, il senso di vuoto
attanaglia l’esistenza di una grande capitale, non esclusivamente Roma, ma le vite che vi si
muovono dentro sono animate da dinamiche che tendono a ripetersi nel tempo. Gli smottamenti e
gli slittamenti dell’animo umano sono impercettibili nei brevi periodi. Inoltre, mi sembrava
allettante provare a raccontare come la volgarità, la decadenza, la sensazione del vuoto implica
negli individui un atteggiamento duale: da un lato fa aleggiare la condanna morale, dall’altro
esercita un’innegabile, ingestibile forza attrattiva. È un vecchio gioco che non smette mai di essere
attuale e concreto”.
“Che lavoro è stato fatto sul copione con il suo co-sceneggiatore Umberto Contarello?”
“Ho iniziato a scrivere da ragazzo con Umberto, fin da quando lui era uno scrittore di cinema già
affermato e io soltanto un aspirante sceneggiatore con capacità ancora molto grezze. Umberto era
più grande e più esperto di me e attraverso infinite chiacchierate mi ha aiutato a mettere a fuoco un
mio mondo, propiziandone e stimolandone l'evoluzione. Inoltre, sotto la patina di queste
conversazioni, si delineava il piacere della scoperta della complicità. In questo caso, il nostro è stato
un rapporto semplice e felice anche grazie al metodo che avevamo già messo a punto in occasione
della sceneggiatura del mio film precedente “This Must Be The Place”. Il metodo consiste in una
prima fase di chiacchiere, dove ci si concentra sulle suggestioni generali, sugli interessi, sui toni e
poi io scrivo una prima stesura e Umberto la seconda e via di seguito, in un lungo lavoro di ping
pong che dura fino all’ultimo momento utile, vale a dire fino al giorno prima dell’inizio delle
riprese”.
“Che tipo di sguardo su Roma c’è nel film?”
“Nei confronti dell’architettura e dei luoghi che ho filmato, c’è lo sguardo di un turista incantato.
Vivo stabilmente in questa città da sei anni, ma rispetto alla sua bellezza mi sento sempre come un
crediti non contrattuali

6

visitatore sopraffatto dalla meraviglia. Eppure Roma è una città che lascia presagire impalpabili e
indecifrabili pericoli, una sensazione di irrisolvibile, antico mistero, che ti può far sentire fuori
luogo. Ennio Flaiano diceva che vivere a Roma è un modo di perdere la vita. È una sensazione
reale, che sta sempre in agguato, ancor più subdola perché può affiorare come una dolce sensazione.
Il grande tourbillon carnevalesco che si agita nelle notti di Jep si placa quando al termine della notte
arriva l’alba a Roma, e con essa il silenzio, solo allora il nostro protagonista subodora il sublime e
allora tutto ricomincia con rinnovato vigore, perché è sfiorato dall’idea immortale di riuscire a far
sposare il sublime con la sua necessità di scrivere. Questo è il suo tentativo. Riuscirci, è un altro
mistero”.
“Con quale partecipazione emotiva ha affrontato i suoi personaggi e con quale criterio ha scelto i
suoi interpreti?”
“Non c'è mai un giudizio severo, nessun atteggiamento compassionevole, men che meno un impeto
censorio o giudicante. Piuttosto, mi auguro, uno sguardo gentile e comprensivo, ma anche sincero,
su un’umanità che sembra naufragare. Però, dietro gli uomini alla deriva si annidano le note dolenti,
le passioni strazianti, gli anfratti improvvisi di malinconia. Vale la pena, per me, raccontare tutto
questo. Una delle impagabili meraviglie che offre il racconto cinematografico è quella di provare a
frequentare un sentimento e a trovare forme di bellezza dappertutto, anche nei luoghi scarnificati
dai più elementari principi estetici e morali. È un’impresa che può rivelarsi spiazzante e faticosa,
ma anche profondamente libera.
Ho pensato a Toni dal primo istante. La nostra amicizia, la complicità, la sua dedizione totale che,
tuttavia, non compromette mai la voglia di divertirsi e di incamminarsi insieme, appassionatamente,
in un’avventura, fa di Toni il mio interlocutore ideale per affrontare la scalata impervia di un film.
Oltre, naturalmente, alle sue inesauribili capacità di attore, sempre imprevedibili e inedite ai miei
occhi”.
“Carlo Verdone e Sabrina Ferilli sono due attori-simbolo per Roma mostrati per una volta in
una chiave per loro inedita e spiazzante."
“Sono due grandi attori (così come tanti altri interpreti di cinema e di teatro che ho scelto per il
film). Hanno una fisicità considerevole, prorompente ed entrambi, al di là dell’immagine pubblica,
possiedono delle nascoste note dolenti e malinconiche che erano perfette per i personaggi di
Romano e Ramona. Difatti, hanno abbracciato i personaggi con una naturalezza e un’essenzialità
che raramente ho visto. Sembrava come se attori e personaggi, si stessero aspettando
reciprocamente da molto tempo. Un appuntamento, forse, preso nella giovinezza”.
“Qual è stato il criterio che l’ha guidata nella scelta degli altri attori?”
“Cerco molto semplicemente di scegliere attori bravi, adatti al ruolo, che siano intelligenti e
disponibili ad affidarsi. Non sempre è fruttuoso, per un regista, spiegare tutto a un attore. Alle volte
manca addirittura il tempo. Questo deficit d’informazioni può rivelarsi frastornante o frustrante per
un attore, qualora non decida di fidarsi del quadro generale che è nella mente del regista. In un film
corale, dove il numero di attori è molto alto, è necessario per me che gli attori si lascino portare
silenziosamente anche in territori del personaggio che sono ignoti per loro”.

crediti non contrattuali

7

INTERVISTA A TONI SERVILLO
"Come è stato coinvolto in questo nuovo progetto con Paolo Sorrentino?"
“Esattamente come le altre volte: quando Paolo sta pensando a un certo film in cui ha intenzione di
coinvolgermi non mi avvisa mai in anticipo. Improvvisamente mi chiama e mi chiede se voglio
leggere una sua nuova storia in cui vorrebbe che io interpretassi un certo personaggio. Il sodalizio
che ci lega è molto saldo ed è segnato da una stima reciproca e profonda ma pur essendo molto
amici e pur vedendoci con una discreta frequenza, io e Paolo preferiamo mantenere tra noi qualcosa
di inspiegabile e misterioso che alimenta il fatto che per quattro film ognuno dei due abbia sentito la
necessità dell’altro e che lui abbia voluto fortemente che i personaggi che di volta in volta inventava
fossero testimoniati in scena da me”.
"Che cosa vi accomuna?"
“Io e Paolo tendiamo entrambi ad evitare l’identificazione con un certo personaggio ma essendo io
l’attore che ha lavorato più spesso con lui penso che scelga la mia faccia per rispecchiare in me
anche alcune parti di se stesso: nel viso, nel corpo, negli atteggiamenti, nel modo di guardare il
mondo. Credo che se esiste tra noi un tratto comune possa rivelarsi nell'approccio ironico e
malinconico, nel saper sorridere delle cose che a volte hanno un risvolto amaro, lì dove per pudore
si stenta a commuoversi fino in fondo. E poi nutriamo una vera e propria passione comune per il
lavoro, per un tipo di mestiere artigianale che ci coinvolge "sul campo" in maniera indefessa e quasi
ossessiva e che si traduce in una dedizione costante e meticolosa.
"Come si è accostato al lavoro sul suo personaggio e sul film in generale?"
“La grande bellezza è l’opera più complessa di Sorrentino, un affresco molto ampio e articolato in
cui il protagonista, il disincantato intellettuale Jep Gambardella, mostra facce e atteggiamenti
diversi e presta orecchio ai tanti mondi e persone che incontra in un vero e proprio viaggio nei vari
luoghi della capitale oltre che a ritroso nel tempo, nella propria memoria. Jep è uno scrittore
imprigionato da tempo in un'impasse creativa. Diversi anni prima era stato l'autore di un romanzo di
successo ma da allora non è riuscito più a scrivere un libro: l’intero film rappresenta una ricerca, a
volte esplicita e a volte meno, delle ragioni che hanno portato a questo blocco della sua
ispirazione”.
"Che cosa le è piaciuto di Jep Gambardella?"
“Non mi piace mai parlare di identificazione. Quando si interpreta un certo ruolo c’è sempre
qualcosa di se stessi, ma a me interessa scoprirlo in maniera intima e segreta. Di Gambardella mi ha
incuriosito e turbato il cinismo sentimentale, la tendenza a dissipare il proprio talento di scrittore,
dove per dissipare si intende il separare le cose e fare in modo che poi separandole vadano
distruggendosi da sole. Il suo, in fondo, è un tentativo di autodifesa, il modo di stare a galla di chi
ne ha viste tante e che oppone alla "piena" del sentimento un cinismo che lo tiene a freno.
Tra i modelli di riferimento c'è anche il suo essere napoletano, il suo incarnare un uomo capace di
appassionarsi ma anche di ritrarsi da questa passione, come solo i napoletani, in maniera speciale,
sanno fare. Un personaggio simile permette di raccontare il presente, diventa una sorta di Virgilio
nella Roma di oggi: città eterna e simbolo emblematico di difficoltà e contraddizioni, una città che
lui attraversata con il passo felpato del "flaneur”.
“Quale tipo di Roma viene mostrata?"
“Se Paolo Sorrentino fosse stato un regista greco avrebbe pensato ad un film su Atene. Paolo ha
scelto di ambientare il suo film nella Roma di oggi, simbolo dell'attuale crisi dell'Occidente, una
città con una complessa storia millenaria. Si avverte la potenza affascinante ed inquietante delle
rovine e del passato, di un’intera civiltà raccontata sul precipizio di un burrone; Roma è descritta
crediti non contrattuali

8

spesso con tinte surreali, più barocca del barocco stesso che esprime, un luogo bellissimo, di una
bellezza che ferisce e può uccidere. "La grande bellezza" raccoglie interrogativi, angosce,
perplessità, paure e sgomento del presente, calando il mio e gli altri personaggi nell'atmosfera sopra
le righe di vari ambienti artistico-modaioli ma anche delle bellezze architettoniche romane.
La politica è stata volutamente evitata, forse perché ne avevamo parlato a sufficienza ne "Il divo".
E' una Roma molto “sorrentiniana”, con momenti di schietta e lucida osservazione della realtà penso ad esempio alla felicità del racconto di certe lunghe scene di conversazione sulle terrazze
d’estate - una Roma polimorfa raccontata attraverso toni ed ambienti diversi. Una città che può
essere surreale e barocca ma che viene descritta lucidamente così come è e come la cronaca la
restituisce attraverso l'occhio particolare del regista che la racconta”.
"Che tipo di persone e di personaggi vengono descritti in scena?"
“In un’atmosfera perennemente carnevalesca e inquietante, Jep Gambardella incontra un' umanità
molto varia, forse gli unici due personaggi che sente davvero vicini, schietti, diretti e senza
maschere, sono Ramona e Romano, rispettivamente interpretati da Sabrina Ferilli e Carlo Verdone,
scelti a mio parere da Paolo perché, per motivi diversi, sono due attori che esprimono
magnificamente un’anima profonda di Roma: entrambi hanno rappresentato per me due incontri
piacevoli, intensi e profondi che mi sono stati di grande aiuto per il mio lavoro per la profonda
umanità sia dei personaggi che degli interpreti. Ma oltre a questi due grandi attori Sorrentino si è
affidato a tanti straordinari interpreti di provatissima esperienza teatrale, tutti cavalli di razza su cui
ha scommesso organizzando la gara in cui poi è il cavallo che deve correre. Paolo fin dalla fase
della sceneggiatura ha sempre molto chiari i volti, gli atteggiamenti, le personalità dei personaggi
elaborati dalla sua fantasia e immagina che corrispondano a un certo attore perché possiede
determinate caratteristiche, è come se facesse a tutti i suoi interpreti un regalo costringendoli però
ad una forte assunzione di responsabilità. Ripensando ai momenti delle riprese che sono state molto
faticose e complesse conservo un ricordo molto piacevole dei momenti in cui ho avuto l'opportunità
di recitare con tanti eccellenti colleghi in un'atmosfera di entusiasmo specie durante le grandi scene
di massa che Paolo ha diretto come un esperto comandante, sapendo benissimo quali manovre
scegliere per portare in porto la sua nave”.

crediti non contrattuali

9

INTERVISTA A CARLO VERDONE
“Chi è il Romano che lei interpreta in scena?”
“Forse è il personaggio più malinconico e il più umano del film, quello che ha più dignità di tutti. E’
uno scrittore frustrato, caparbio sognatore e inguaribilmente romantico, grande amico del
protagonista Jep Gambardella, a sua volta sinceramente affezionato a lui. Vinto dalle continue
delusioni che riceve nel lavoro, nella vita e negli affetti a un certo punto Romano troverà il coraggio
di mollare tutto, scegliendo di ritornare al suo paese d’origine senza partecipare più al gioco al
massacro delle feste romane, trasformate in una sorta di tribunale dove ci si accusa l’un l’altro e
prendendo le distanze da quella ferocia continua e gratuita da cui è circondato. La sua voglia di
correttezza e la sua "pulizia" rappresentano forse una sorta di antidoto al cinismo e all’indifferenza
dilagante”.
“Che cosa l’ha convinta ad accettare la proposta di Paolo Sorrentino di recitare per lui in un
ruolo da non protagonista?”
“Non ho mai fatto mistero del fatto che Paolo è uno dei registi che stimo di più in assoluto per le
sue peculiarità molto marcate, ha uno stile assolutamente personale che mi affascina molto. Ho
accettato volentieri di recitare per lui per il forte desiderio di far parte del cast di un film di grande
qualità, di questo suo progetto importante e ambizioso in cui affronta e rappresenta alla sua maniera
Roma. Oggi Roma è una città grande ma non è una grande città, porta con sé troppe magagne: la
bellezza c’è sempre, per carità, ma la realtà di ogni giorno è disastrosa, vedi una Roma assurda,
muri imbrattati con uno spray dietro l'altro, i pullman di turisti che la stritolano... Sorrentino l’ha
molto amata, le ha voluto molto bene. Poteva inquadrarla e resuscitarla nella sua bellezza solo in
quel suo speciale modo metafisico facendotela amare ancora di più.
Io amo profondamente Roma, la scenografia unica di quella che forse è la più bella città del mondo,
in questo senso mi è piaciuta molto l’idea di Paolo di mostrare lo sbalestramento della realtà odierna
rappresentandola come una sorta di cimitero monumentale in un Paese alla deriva dove vagano
anime erranti senza meta e aleggiano noia, cinismo e malinconia dietro la voglia euforica e folle di
divertirsi a ogni costo fino all’ultima festa perché il domani si presenta minaccioso: l’esatto opposto
de “La dolce vita” di Fellini, insomma”.
“Quali similitudini crede di riscontare nei due film?”
“Ne “La dolce vita” veniva descritta con acume ed ironia l’euforia di un Paese in pieno boom
economico con la ricostruzione dalle macerie del dopoguerra che stava dando i suoi frutti brillanti
alimentando un diffuso ottimismo. Oggi il futuro è considerato una minaccia perché mancano i
valori, le ideologie sono in crisi, gli intellettuali girano a vuoto senza più autorevolezza. Ne “La
grande bellezza” invece il grottesco di Sorrentino è di altissimo livello, iperreale, ma porta con sé
un forte dolore. Il film mi è piaciuto molto perché rispecchia profondamente un certo umore del
nostro tempo che non è solo italiano ma di tutto il mondo. Da noi lo si avverte sentendo alle spalle
una grande bellezza come quella di Roma, quella del barocco, di monumenti eretti come se fossero
grandi preghiere, mentre il presente rivela un suo lato dolente dove si muove un’umanità sbandata:
il modo in cui Sorrentino ha saputo coniugare i due livelli è molto affascinante.
“Secondo lei “La grande bellezza” è un film sentimentale?”
“C’è la ricerca ostinata del sentimento in certe persone incancrenite dal cinismo, che cercano
disperatamente l’amore e l’affetto ma sono vittime di un tormento interiore che non consente di
essere liberi di esprimerlo. Jep Gambardella prova una profonda simpatia, si incuriosisce e si
affeziona ad una demotivata spogliarellista in declino di un infimo locale di via Veneto, si ripropone
crediti non contrattuali

10

di diventare il suo Virgilio per farle conoscere la vera bellezza della sua città che lei non ha mai
conosciuto. E’ gratificato nel constatare che lei prova curiosità e piacere grazie alle nuove scoperte,
coltiva e riscopre il piacere di interagire in maniera nuova e insolita col prossimo. C'è in lui una
ricerca del lato semplice e vero delle persone e allo stesso modo il protagonista intravede
sicuramente delle reali qualità umane in Romano, il mio personaggio, altrimenti non avrebbe avuto
nessuna voglia di frequentarlo".
“Può essere definito un film religioso?”
“Si, assolutamente, le musiche sacre che animano la colonna sonora rappresentano quasi una grande
preghiera collettiva di un’umanità in difficoltà. Tutto il film può essere forse letto anche come una
grande preghiera laica dove la nostalgia per un grande passato la fa da padrona e da questo punto di
vista la parte più interessante è quella finale, quando lentamente si va verso un lato mistico, con la
cinepresa che si muove alla ricerca del bello che sembrava perduto nel tempo attraverso una
Roma ferma, senza automobili, metafisica".
“Che tipo di rapporto si è creato sul set tra lei e Sorrentino?”
“Paolo è sempre molto attento alla composizione dell’inquadratura, ci sono certe scene in cui
l’attore diventa una parte della sua scenografia geometrica: è molto metafisico, mi ricorda De
Chirico, ma è anche a suo modo “psichedelico”. Ha nei confronti dei suoi attori un approccio,
un’impostazione di fondo da grande teatro, li considera interpreti da palcoscenico e li valuta da
grande regista teatrale, d’avanguardia però, non classico ma avendo a disposizione uno sfondo e una
scenografia particolare tutto diventa grande cinema. Tra noi è nato un rapporto curioso, quando lui
preparava, ad esempio, una scena e io mi aspettavo che venisse realizzata con modi, tempi e umori
particolari poi puntualmente arrivava e mi chiedeva di fare il contrario. Venivo portato sempre a
cambiare qualcosa, aggiungendo magari un sorriso ironico, un lato di mestizia, una pausa dove non
me l’aspettavo: ogni giorno mentre ero sul set non sapevo mai se avevo “azzeccato” o meno la mia
interpretazione e se avevo individuato il punto di vista giusto. Mi sono sentito spesso spiazzato ma
poi, vedendo il film finito, ho capito che quello era soltanto un modo particolare di Paolo di
interpretare in maniera diversa ma molto efficace la pagina scritta. Ho avuto la fortuna di vedere in
azione, da vicino, un regista speciale, molto talentuoso ed efficace. Sono rimasto ad esempio a
bocca aperta nell’assistere all’illuminazione di un grande spazio con poche luci, c’erano momenti in
cui giravamo una scena con cinque macchine da presa contemporaneamente, il che è molto inusuale
per il nostro cinema: coi tempi che corrono, sarà davvero difficile fare un film di questo tipo in
futuro, auguriamogli tutto il bene possibile. Il cinema italiano aveva bisogno di una svolta simile,
oggi si girano soprattutto commedie che ripetono i cliché di sempre, i tempi che viviamo non
aiutano a essere particolarmente comici e solo chi punta sulla farsa esplicita riesce in qualche modo
a restare a galla: è difficile trovare il tema giusto da portare in scena, siamo tutti un po’ “sbandati”
come nel film di Paolo”.
“Che rapporto si è creato invece con Toni Servillo?”
“Tra me e Toni esiste da sempre una forte stima reciproca, lo stimo immensamente da tutti i punti di
vista, in teatro e al cinema è sempre autorevole. Il primo giorno di lavoro eravamo molto felici di
poterci misurare in scena, eravamo molto emozionati l’uno per la presenza in scena dall’altro. Per
me è stato un privilegio poter scambiare delle battute in scena con lui, è stato poetico e bello vedere
le nostre storie personali e professionali, così diverse, che interagivano nel miglior modo possibile.
Ci sono attori capaci di fare una gran figura in scena, anche quando stanno zitti ed è quello il segno
della loro importanza e della loro maestria: Toni Servillo tu lo segui anche nei silenzi e impari
comunque, anche se lui sta fermo e non dice niente”.

crediti non contrattuali

11

INTERVISTA A SABRINA FERILLI
“Come è stata coinvolta in questo progetto?”
“Quando Paolo Sorrentino è venuto a propormi il ruolo di Ramona e dopo aver letto la
sceneggiatura ho pensato che avesse bisogno di un personaggio piuttosto sospeso, con una sua cifra
enigmatica, costantemente in bilico tra quello che fa e che quello che realmente è. Una donna che si
muove in un certo modo riservato, portandosi dietro un segreto e un suo modo misterioso di essere
presente nel racconto: del resto tutti i personaggi descritti da Paolo non sono mai totalmente
espliciti, non hanno mai una sola dimensione e non camminano mai su un solo binario".
“Che cosa le è piaciuto di più in lei?"
“Non credo che Sorrentino abbia voluto dare a Ramona la possibilità di essere più schietta e
autentica rispetto agli altri personaggi, ognuno di loro porta con sé un modo particolare di essere e
un altro di apparire e Ramona è forse la persona in cui questa diversità si nota di più, considerando
il suo percorso e il suo epilogo. La donna che interpreto mi ha colpito perché porta con sé una
componente di sensibilità e di affettuosa morbidezza verso tutto quello che succede.
Tutti i personaggi di questa storia hanno una loro verità profonda e si ritrovano per motivi diversi in
bilico tra la purezza e il suo opposto, esattamente come nella vita, ma Ramona si caratterizza per la
profonda dolcezza e “maternità” del suo sguardo verso il mondo e in questo rivela la possibilità di
decifrare gli eventi in maniera più benevola, meno cinica, più “buona” insomma”. Il suo è un
personaggio a cui Sorrentino regala un occhio molto ottimista, credo ci sia stata la volontà di vedere
in lei un tipo di donna con qualcosa di decisamente positivo rispetto all’uomo”.
“Si tratta secondo lei di una storia e di personaggi tipicamente romani?”
“Non credo che ci sia stata l'esplicita volontà di raccontare qualcosa che fosse soltanto romano, si
tratta di personaggi universali, le persone mostrate in scena rappresentano il profilo di un’umanità
pulsante che a grandi linee è quella che trovi ovunque, viene esaminato uno spettro larghissimo di
tipologie che animano una sorta di grande circo che simboleggia l'alternarsi eterno di vita e morte
ad ogni latitudine".
“Quali sono a suo parere le principali qualità di Paolo Sorrentino?
“Per un interprete che si rispetti la sfida è quella di misurarsi con se stessi e di andare oltre: se ti
chiama un regista autorevole e importante come Sorrentino sai che lo ha fatto perché ti crede
adeguata per un certo ruolo e l’approccio più giusto per me è stato non presentarsi con il
personaggio già costruito ma essere pronta a farlo volare come un certo giorno si sente che sia
giusto, è un compito più arduo perché è la persona che deve rispondere e non l’attore. Ci sono stati
vari incontri preparatori per capire cosa si sarebbe voluto che il film diventasse ma una volta che ci
siamo ritrovati sul set io e Paolo abbiamo parlato poco, il rapporto non è stato mai amicale, lui ha
offerto a tutti gli attori la possibilità più o meno diretta di interpretare quello che sentiva ma non ha
mai voluto sovrapporsi consigliando o imponendo il modo in cui interpretare in ogni dettaglio una
certa scena. Ha lasciato a noi interpreti una grande libertà di sentire sulla propria pelle, filtrandolo
attraverso le nostre sensibilità, quello che aveva immaginato scrivendo il copione, teneva molto al
fatto che ognuno di noi portasse in scena anche un bagaglio di esperienze proprie. E' stato come se,
dopo aver ascoltato una sorta di comizio iniziale del regista, avessimo tutti poi portato con noi i
compiti da fare a casa per rendere più semplice e “pulito” l’approccio con i nostri personaggi
togliendo certe sovrastrutture e rispondendo pienamente a quel linguaggio solenne, essenziale e
potente che lui stava usando per raccontare questa Roma e la sua umanità”.

crediti non contrattuali

12

"Come si è trovata con Toni Servillo?”
“E’un attore molto colto che spiazza sempre tutti grazie alla sua profonda pulizia mentale, ha una
conoscenza molto elevata di ogni aspetto del suo mestiere, ma quando si accinge ad interpretare un
certo ruolo si trasforma con ammirevole umiltà in una scatola completamente vuota, da riempire
con tutto quello che avviene sul set e diventare poi esattamente il personaggio che gli è stato chiesto
di incarnare. Servillo possiede la virtù dei grandi attori di spogliarsi completamente in ogni film di
tutto quello che è naturalmente suo per nutrirsi subito dopo di quanto gli è necessario in scena. E’
qualcosa di portentoso, è come se ogni volta ci fosse in azione un interprete completamente nuovo,
chi ha assimilato tanto riesce a restituire sullo schermo con rara modestia soltanto quello che c’è di
nuovo e di utile, è una virtù che posseggono soltanto i grandi attori”.
"Da spettatrice cosa l’ha colpita della rappresentazione di Roma nel film?"
"Tutto. Sorrentino non ha voluto raccontarla imponendo un proprio punto di vista ma è riuscito a
rendere la solennità di una grande città inquadrandola e basta, lasciandosi guidare non dalla cronaca
immediata ma da quello che Roma è stata ed è, dalla Roma di marmo monumentale e imperiale
tramandata dalla Storia, filmata come se contenesse più strati, una specie di formicaio sottoterra e
nella parte soprastante, un via vai di umanità dove tutti sono così piccoli che vivono di notte come
certi particolari animali.
C’è uno sguardo completamente inedito, è come se Paolo avesse fatto due passi indietro per
inquadrare adeguatamente e con amore Roma trasformandola in un paesaggio onirico, in una città
priva di automobili, di mezzi e di gente di cui cogliere la grandezza attraverso l’architettura: il suo
racconto è una sorta di affresco lirico, un poema”.

crediti non contrattuali

13

MUSICHE ORIGINALI
La colonna sonora del film è firmata da Lele Marchitelli che per La grande bellezza ha composto:

TIME
RIVER FLOWS
BRAIN WAVES
COLOR MY WORLD
SURGE OF EXCITEMENT
SETTEMBRE NON COMINCIA
TRUMEAU
RAMONA

Le musiche originali di Lele Marchitelli sono eseguite da:

Tastiere, programmazione,
chitarra, basso
Violino primo
Violino secondo
Viola
Violoncello
Contrabbasso
Pianoforte
Batteria
Sax Tenore

Lele Marchitelli
Prisca Amori
Marcello Sirignano
Nico Ciricugno
Giuseppe Tortora
Enzo Pietropaoli
Roberto Tarenzi
Alessandro Paternesi
Max Ionata

crediti non contrattuali

14

MUSICHE DI REPERTORIO

I LIE
(D. A. Lang)
eseguito dalle voci femminili del
Torino Vocalensemble
dirette dal Maestro Carlo Boccadoro
Manuela Dimasi, Genziana Gentilini
Silvia Graziani, Nadia Kuprina,
Valeria Laino, Laura Marconi
Barbara Sartorio, Valeria Sottili
Alessandra Vaglienti

WORLD TO COME IV
(D.A. Lang)
eseguito da Maya Beiser
SINFONIA n.3 op.36 “OF SORROWFUL
SONG”: III. Lento – Cantabile semplice
(H. M. Gorecki)
eseguito da London Sinfonietta
diretta da David Zinman
soprano Dawn Upshaw

FAR L’AMORE
(F. Bracardi / C. Le Friant / D. Pace)
eseguito da Bob Sinclar & Raffaella Carrà

MOODY
(Scroggins)
eseguito da ESG

MORE THAN SCARLET
(Fitzgerald/Kelly/Schutzinger/Ely)
eseguito da Decoder Ring

TAKE MY BREATH AWAY
(G. Boratto)
eseguito da Gui Boratto

MUEVE LA COLITA
(F. Attanasio/R. Nanni/L. Confetta/
S. Attanasio/G. Attanasio)
eseguito da El Gato D.J.
MY HEART’S IN THE HIGHLANDS
(A. Pärt)
Else Torp & Christopher Bowers-Broadbent

QUE NO SE ACABE EL MAMBO
(J. Peña Suazo)
eseguito da La Banda Gorda

THE LAMB
(J.K. Tavener, W. Blake)
eseguito da The Choir of the Temple Church
diretto da Stephen Layton
PARADE
(Berthling/Hallonsten/Berthling)
eseguito da Tape

THE BEATITUDES
(V. Martynov)
eseguito dai Kronos Quartet

FOREVER
(M. Fabrizio – A. Venditti)
eseguito da Antonello Venditti

PANCHO
(Steffaro/ Trombey)

THERE MUST BE AN ANGEL
(PLAYING WITH MY HEART)
(A. Lennox / D.A. Stewart)
eseguito da Lorraine Bowen
remix di Paolo Scotti

WATER FROM THE SAME SOURCE
(C. Frederickson, R. Grimes, J. Noble)
eseguito da Rachel's
crediti non contrattuali

15

SINFONIA n. 1 IN DO MAGGIORE
II. Adagio
(G. Bizet)
Leopold Stokowski e la sua
Symphony Orchestra

DIES IRAE
(Zbigniew Preisner)
eseguito da Elzbieta Towarnicka; Dariusz
Paradowski; Piotr Lykowski; Piotr
Kusiewicz; Grzegorz Zychowicz; Jan
Szypowski
da 'Requiem for my friend'

DISCOTECA
(C. Bouyjou / C. Fabre / R. Valli)
eseguito da Exchpoptrue

TROIS MOUVEMENTS PERPÉTUELS
(F. Poulenc)
eseguito da
Peter Beijersbergen van Henegouwen

EVERYTHING TRYING
(Damien Jurado)
eseguito da Damien Jurado

TI RUBERO’
(B.Lauzi)
eseguito da Monica Cetti

BEATA VISCERA
(Magister Perotinus)
eseguito da Vox Clamantis

WE NO SPEAK AMERICANO
(R. Carosone / N. Salerno / M. Handley /
D. MacLennan / A. Stanley)
eseguito da Studio Allstars

Colonna sonora originale distribuita da EMI – UNIVERSAL
Disponibile in anteprima esclusiva in streaming gratuito su Deezer www.deezer.com

crediti non contrattuali

16

I LUOGHI
Una selezione
Fontana dell’Acqua Paola

Tempietto di San Pietro in Montorio

Via Veneto

Musei Capitolini

Aventino

Palazzo Braschi

Piazza del Colosseo

Palazzo Brancaccio

Parco degli Acquedotti

Palazzo Sacchetti

Piazza Navona

Palazzo Spada

Cimitero del Verano

Villa Medici

Museo Nazionale Romano- Palazzo Altemps

Terme di Caracalla

Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia

Fontana di Trevi

Fori Imperiali

Circo Massimo

crediti non contrattuali

17

PAOLO SORRENTINO

Paolo Sorrentino, regista e sceneggiatore, è nato a Napoli nel 1970.
Nel 2001 realizza il suo primo lungometraggio, L’uomo in più, con Toni Servillo e Andrea Renzi.
Il film, selezionato alla Mostra del Cinema di Venezia, viene candidato a tre David di Donatello,
vince un Nastro d’Argento come miglior regista esordiente e due Grolle d’Oro.
Nel 2004 porta a termine il suo secondo film Le conseguenze dell’amore. Unico italiano in
concorso al Festival di Cannes, il film ottiene numerosi riconoscimenti tra cui cinque David di
Donatello, quattro Nastri d’Argento e cinque Ciak d’Oro.
Nel 2006 realizza il suo terzo film L’amico di famiglia, presentato in concorso al Festival di
Cannes, partecipa a numerosi festival internazionali.
Nel 2008 con Il divo, interpretato da Toni Servillo, Paolo Sorrentino torna in concorso per la terza
volta al Festival di Cannes e ottiene il Prix du Jury. Il film si aggiudica poi sette David di
Donatello, cinque Ciak d’Oro, cinque Nastri d’Argento ed una candidatura all’Oscar per il Make
Up.
Nel 2010 viene pubblicato da Feltrinelli il suo primo romanzo Hanno tutti ragione, favorevolmente
accolto da pubblico e critica, il libro è finalista al Premio Strega.
Nel 2011 This must be the place, segna l’esordio in lingua inglese di Sorrentino.
Interpretato da Sean Penn e Frances McDormand il film viene presentato in Concorso al
64. Festival di Cannes. Ottiene numerosi riconoscimenti tra cui sei David di Donatello, tre Nastri
d’Argento e quattro Ciak d’Oro.
Nel 2012 Feltrinelli pubblica il suo secondo libro Tony Pagoda e i suoi amici.
La grande bellezza, interpretato da Toni Servillo, Carlo Verdone e Sabrina Ferilli, porta, per la
quinta volta, Paolo Sorrentino in Concorso al Festival di Cannes.

crediti non contrattuali

18

TONI SERVILLO
Nel 1977 fonda il Teatro Studio di Caserta. Nel 1986 inizia a collaborare con il gruppo Falso Movimento e
nel 1987 è tra i fondatori di Teatri Uniti e partecipa, da attore e regista, alla creazione di spettacoli di matrice
napoletana come Partitura (1988) e Rasoi (1991) di Enzo Moscato, Ha da passà a nuttata (1989) dall’opera
di Eduardo De Filippo, Zingari (1993) di Raffaele Viviani, fino a Sabato, domenica e lunedì (2002),
pluripremiata rivisitazione del capolavoro eduardiano, in scena per quattro stagioni ed applaudito nei
maggiori teatri europei. Con Il Misantropo (1995) e Tartufo (2000) di Molière, e con Le false confidenze
(1998/2005) di Marivaux, tutti nelle mirabili traduzioni di Cesare Garboli, realizza un trittico sul grande
teatro francese fra Sei e Settecento.
Nel 2007 ha adattato, interpretato e diretto Trilogia della villeggiatura di Carlo Goldoni, in tournèe mondiale
fino al 2010. Ancora nel 2010 dirige ed interpreta Sconcerto, “teatro di musica” su testi di Franco Marcoaldi
e musiche di Giorgio Battistelli, per il quale si aggiudica il 51 Grand Prix come “miglior attore” al MESS
Festival 2011 di Sarajevo.
Al 1999 risale il suo debutto da regista nel teatro musicale con La cosa rara di Martin y Soler per la Fenice
di Venezia, cui fanno seguito Le nozze di Figaro di Mozart, Il marito disperato di Cimarosa, Boris Godunov
di Mussorgskij, Arianna a Naxos di Richard Strauss, Fidelio di Beethoven (con cui, nel dicembre del 2005
ha inaugurato la stagione del San Carlo di Napoli) e L’Italiana in Algeri di Rossini per il festival di Aix en
Provence.
È stato diretto da registi teatrali come Memè Perlini, Mario Martone, Elio De Capitani e ha interpretato film
di Mario Martone (Morte di matematico napoletano, Rasoi, Teatro di guerra, Noi credevamo), Antonio
Capuano (ep di I Vesuviani, Luna rossa), Paolo Sorrentino (L’uomo in più, le coseguenze dell’amore, Il
Divo), Elisabetta Sgarbi (Notte senza fine), Fabrizio Bentivoglio (Lascia perdere Johnny), Andrea Molaioli
(La ragazza del lago, Il gioiellino), Matteo Garrone (Gomorra), Stefano Incerti (Gorbaciòv), Claudio
Cupellini (Una vita tranquilla), Marco Bellocchio (Bella Addormentata), Daniele Ciprì (È stato il figlio),
Roberto Andò (Viva la libertà).
Ha ricevuto il “David di Donatello” e il “Nastro d’Argento” nel 2005 per Le conseguenze dell’amore di
Paolo Sorrentino, nel 2008 per La ragazza del lago di Andrea Molaioli, e nel 2009 per Il divo.
Nel 2008 ha vinto il premio come Best European Actor per Gomorra di Matteo Garrone e Il divo di Paolo
Sorrentino, entrambi premiati al festival di Cannes. Nel 2010 ha ricevuto il premio per la migliore
interpretazione maschile al Festival di Roma per Una vita tranquilla di Claudio Cupellini.
In qualità sia di interprete che di regista, è attualmente impegnato a teatro in Le voci di dentro di Edoardo De
Filippo.

CARLO VERDONE
Carlo Verdone nasce a Roma nel 1950. Già da bambino ha avuto modo di avvicinarsi molto al mondo del
cinema grazie al padre, Mario Verdone e alle di lui frequentazioni con i registi più affermati. Nel 1972 si
iscrive al Centro Sperimentale di Cinematografia e nel 1974 si diploma in regia.
Durante l'università inizia come attore con il “Gruppo Teatro Arte” diretto dal fratello Luca.
All'inizio degli anni Ottanta l'amico Sergio Leone produce il suo primo lungometraggio, Un sacco bello, che
gli vale il David di Donatello come miglior attore esordiente. Continua come regista e protagonista con
Bianco, rosso e Verdone, Borotalco, Compagni di scuola, Troppo forte, Io e mia sorella, Stasera a casa di
Alice, Al lupo al lupo, Maleddetto il giorno in cui ti ho incontrato, Perdiamoci di vista, Viaggio di nozze,
Sono pazzo di Iris Blond, Gallo Cedrone, C’era un cinese in coma, Ma che colpa abbiamo noi, Il mio
miglior nemico, Grande, grosso e… Verdone, Io, loro e Lara, Posti in piedi in Paradiso.
E’ stato diretto da Alberto Sordi, In viaggio con papà, dai Manetti Bros in Zora la vampira, da Giovanni
Veronesi in Italians, Manuale d’amore, 2 e 3
Vince molteplici premi e il Nastro d'Argento alla carriera nel 2003.
Nel 1992 esordisce come regista nel teatro lirico portando in scena a Roma Il barbiere di Siviglia.

crediti non contrattuali

19

SABRINA FERILLI
Dopo aver frequentato il Centro Sperimentale di Cinematografia a Roma, debutta sul piccolo schermo con
Portami la luna, film tv del 1986 e in svariate commedie. Nel 1991 recita nel film d’esordio di Alessandro
d’Altri Americano Rosso.
Nel 1993, con Marco Ferreri interpreta Diario di un vizio. Successivamente recita in Il giudice ragazzino di
Alessandro Di Robilant e nella commedia di Maurizio Ponzi Anche i commercialisti hanno un'anima. Con
La bella vita di Paolo Virzì vince sia il Nastro d'Argento che il Ciak d’oro come miglior attrice protagonista.
Nel 1994 è a teatro con Alleluja brava gente di Garinei e Giovannini, e poi con Un paio d'ali degli stessi
autori. Nel 1995 gira Vite strozzate di Ricky Tognazzi, seguito da Ferie d'agosto di Paolo Virzì e Ritorno a
casa Gori di Alessandro Benvenuti. Con i fratelli Taviani gira Tu ridi e con Francesco Nuti, nel 1998, Il
signor Quindicipalle.
Dopo l’esperienza al Festival di Sanremo insieme a Pippo Baudo, lavora in TV nella fiction Commesse e
ancora a teatro con Rugantino.
Nel 2004 è la volta di Christmas in Love di Neri Parenti e dei successivi Natale a New York (2006), Natale a
Beverly Hills (2009) e Vacanze di Natale a Cortina (2011).
Nel 2004 recita in Al di là delle frontiere di Maurizio Zaccaro.
Nel 2008 ritorna sul grande schermo con Tutta la vita davanti di Paolo Virzì, per cui ottiene un Ciak d’oro,
un Globo d’oro e un Nastro d’argento come miglior attrice non protagonista. È un anno prolifico anche sul
piccolo schermo: recita in Anna e i cinque (due serie) e Due imbroglioni... e mezzo.

CARLO BUCCIROSSO
Attore e comico noto anche come scrittore e sceneggiatore, debutta al cinema nel 1989 con L’ultima scena.
Dopo la pellicola Amami (1992), inizia la collaborazione con Vincenzo Salemme che lo dirigerà in: Premiata
Pasticceria Bellavista (1998), Amore a prima vista (1999) e A ruota libera (2000).
Dopo Il grande botto di Leone Pompucci (2000) diventa uno degli attori più tipici dei film di Carlo Vanzina,
recitando in pellicole come Febbre da cavallo - La mandrakata (2002), Le barzellette (2004), In questo
mondo di ladri (2004), Eccezzziunale... veramente: capitolo secondo... me (2006), Un'estate ai Caraibi
(2009). Sul piccolo schermo lo vediamo in Un ciclone in famiglia 2 e 3 (2006-2007) e Due imbroglioni e
mezzo (2007). Ritorna al cinema con Il divo di Paolo Sorrentino (2008), I mostri oggi di Enrico Oldoini
(2009) e Dalla vita in poi di Gianfrancesco Lazotti (2010). Recentemente ha messo in scena, con la propria
compagnia teatrale, due spettacoli: I compromessi con Carlo Croccolo e Graziella Marina e Vogliamoci tanto
bene. È attualmente in scena con la commedia Finché morte non vi separi.

IAIA FORTE
L’esordio al cinema è nel 1993 in Libera di Pappi Corsicato. Seguono, tra gli altri: Rasoi (1993) e Teatro di
guerra (1998) entrambi di Mario Martone; Piccoli orrori (1995) e Appassionate (1999) entrambi di Tonino
De Bernardi; I buchi neri (1995), I vesuviani (1997), Chimera (2001), Il seme della discordia (2008) tutti di
Pappi Corsicato; Hotel Paura di Renato De Maria (1996); Luna e l’altra di Maurizio Nichetti (2006); Nitrato
d’argento di Marco Ferreri (1996); Abbiamo solo fatto l’amore di Fulvio Ottaviano (1997); Tre mogli di
Marco Risi (2001); Paz! di Renato de Maria (2001); Notturno bus di Davide Marengo (2007); Peopling the
Palaces di Peter Greenaway (2007); No problem di Vincenzo Salemme (2008); La bella gente di Ivano De
Matteo (2009); Tris di donne & abiti nuziali di Vincenzo Terracciano (2009); Se sei così ti dico sì di Eugenio
Cappuccio (2011); Notizie degli scavi di Emidio Greco (2011); Il volto di un’altra di Pappi Corsicato (2013)
Dal 1990 lavora molto a teatro, tra gli spettacoli da lei interpretati ricordiamo: Add’a passa’ a nuttata per la
regia di Leo de Berardinis (1990-91); Rasoi Mario Martone e Toni Servillo (1993-94), I persiani per la regia
di Martone (1994); Il misantropo (1995-96), Partitura (1998) entrambi per la regia di Servillo; Amleto
(1997), Sogno di una notte d’estate (1998), Misura per misura (1999), Sik Sik (2000), Tartufo (2007) tutti
per la regia di Carlo Cecchi (1997); Corpo celeste (2005) e Il veleno, l’arte (2005) Erodiade (2007 – 2009)
tutti per la regia della stessa Iaia Forte; Lo specchio del diavolo (2006) e Troilo e Cressida (2006) entrambi
per la regia di Luca Ronconi; Eva Peron per la regia di Pappi Corsicato (2008 – 2009 - 2010); I giganti della
montagna regia di Tiezzi (2009); Molly B. per la regia di Guarino (2009); Interno Familiare recital da un
crediti non contrattuali

20

racconto di Anna Maria Ortese ‘Il mare non bagna Napoli”, con musiche di Danilo Rea (2010-2012); La
famiglia Gambardella di Claudio Norza (2011). Attualmente è impegnata in teatro come regista e interprete
nei pani di Tony Pagoda in Hanno tutti ragione dal libro di Paolo Sorrentino.In televisione: Medicina
generale 2 di L. Risuoli e F. Miccichè (2008). Tra i Premi: nomination David di Donatello e Nastro
D’Argento Miglior Attrice 1994 per Libera; Nastro D’argento, Globo D’oro e Ciak D’oro come Miglior
Attrice per Luna e l’altra; (1997); nomination David Donatello 2002 per Paz!.

PAMELA VILLORESI
Inizia le sue prime esperienze con il gruppo Teatro Insieme (1972) e Teatro Studio (1975).
Notata da Giorgio Strehler, viene scelta per Il campiello, Arlecchino servitore di due padroni, Temporale;
Minna von Barnheim; Baruffe chiozzotte; L'isola degli schiavi e Le utopie di Marivaux 1994 ed altre pièce
teatrali come Didone Cherif, in cui recita in arabo.
Direttrice artistica del Festival delle Ville Tuscolane, dopo Crimini del cuore (1992), dirige Taibele e il suo
demone.
Debutta sul grande schermo in Il trafficone (1974) di Bruno Corbucci. A seguire, appare in diversi film tra i
quali Vizi privati, pubbliche virtù di Miklós Jancsó (1975), Il gabbiano di Marco Bellocchio (1977),
Splendor di Ettore Scola (1988) e Il sole anche di notte dei fratelli Taviani (1990). Nello stesso anno recita in
Evelina e i suoi figli di Livia Giampalmo (1990) per il quale viene candidata al David di Donatello.
In televisione, recita in molteplici fiction.

GALATEA RANZI
Dopo l'Accademia d'arte drammatica, appare in TV con L'ombra della spia di Alessandro Cane (1988) e a
teatro da Mirra di Alfieri (1988 - premio Ubu miglior attrice giovane e menzione d'onore per il premio
Eleonora Duse). Recita in Strano interludio di O'Neill e nella stagione 1990/91, con il regista Ronconi in
L'uomo difficile di Hoffmannstahl e Gli ultimi giorni dell'umanità di Kraus.
Esordisce al cinema con i fratelli Taviani in Fiorile (1993) e Piccoli orrori di Tonino De Bernardi (1993),
che la rivorrà nel 1999 in Appassionate. Nel 1996 è a teatro con Donna Rosita nubile di Federico Garcia
Lorca. Al cinema lavora in Va' dove ti porta il cuore (1996) di Cristina Comencini, Un viaggio chiamato
amore di Michele Placido (2002), Caterina va in città di Paolo Virzì (2003), Pranzo della domenica di Carlo
Vanzina (2003), La vita che vorrei di Giuseppe Piccioni (2004), Pontormo di Giovanni Fago (2004) e
L’educazione fisica delle fanciulle di John Irvin (2005)
Recita inoltre nelle fiction L'avvocato delle donne dei fratelli Frazzi, Madame di Salvatore Samperi e La
freccia nera.

crediti non contrattuali

21

INDIGO FILM

La Indigo Film, fondata nel 1999 da Nicola Giuliano, Francesca Cima e Carlotta Calori, si occupa di
produzione di documentari, cortometraggi, film.
Nel 2001 produce il film lungometraggio, L’uomo in più, opera prima di Paolo Sorrentino, presentato in
concorso alla Mostra del Cinema di Venezia. Tra il 2003 e il 2006 realizza Le conseguenze dell’amore e
L’amico di famiglia, secondo e terzo film di Paolo Sorrentino, entrambi presentati in concorso al Festival di
Cannes. Nel 2004 produce Apnea, opera prima di Roberto Dordit. Il film, distribuito dall’Istituto Luce, con il
sostegno della CGIL, esce in sala nel 2007.
Nel 2005 realizza La guerra di Mario di Antonio Capuano, in concorso al Festival di Locarno. Nel 2007 la
Indigo Film è presente alla Mostra del Cinema di Venezia con tre produzioni: i documentari Il passaggio
della linea di Pietro Marcello, Bianciardi! di Massimo Coppola e il film La ragazza del lago, opera prima di
Andrea Molaioli, selezionato dalla Settimana Internazionale della Critica. Il film ha conseguito numerosi
riconoscimenti tra cui 10 David di Donatello, 3 Nastri d’Argento e 4 Ciak d’oro.
Nel 2008 la Indigo Film ha prodotto con Lucky Red Il Divo di Paolo Sorrentino, presentato al 61° Festival
Internazionale di Cannes, dove ha ottenuto il Premio della Giuria e il Prix Vulcain. Il film si aggiudica, tra
gli altri premi, 7 David di Donatello, 5 Nastri d’Argento, 3 Ciak d’Oro. Nel 2009 viene presentato alla
Mostra del Cinema di Venezia La doppia ora, opera prima di Giuseppe Capotondi, dove Ksenia Rappoport
ottiene la Coppa Volpi per la miglior interpretazione femminile. Sempre nel 2009 viene prodotto La bocca
del lupo di Pietro Marcello, premiato al Torino Film Festival come Miglior Film e al Festival di Berlino nella
sezione Forum con il Premio Caligari ed il Teddy Award. Il documentario ha successivamente ottenuto il
David di Donatello ed il Nastro d’Argento. Nel 2010 la Indigo Film produce Hai paura del buio, opera prima
di Massimo Coppola, presentato alla Mostra del Cinema di Venezia, all’interno della Settimana
Internazionale della Critica. Nel 2011 realizza il film documentario Questa storia qua, sulla vita di Vasco
Rossi, evento speciale alla 68. Mostra del Cinema di Venezia; Ulidi piccola mia, opera prima di Mateo Zoni,
in concorso al Festival di Torino e Napoli 24, film collettivo che racconta la città di Napoli attraverso 24
cortometraggi firmati da altrettanti registi partenopei. Nello stesso anno produce Il Gioiellino, opera seconda
di Andrea Molaioli con Toni Servillo e Remo Girone, e, insieme a Lucky Red, This must be the place di
Paolo Sorrentino, con Sean Penn e Frances McDormand. In concorso al 64° Festival di Cannes, il film ha
ottenuto numerosi riconoscimenti tra cui 6 David di Donatello, 3 Nastri d’Argento e 4 Ciak d’oro.
Sempre nel 2011, la Indigo Film produce l’opera prima di Ivan Cotroneo La kryptonite nella borsa, in
concorso al Festival di Roma. Nel 2012 presenta alla Mostra del Cinema di Venezia il documentario di
Daniele Vicari, La nave dolce, che ottiene il Premio Pasinetti. Nel 2013 la Indigo Film ha prodotto il
documentario Slow Food Story presentato al Festival di Berlino ed il film di Riccardo Milani, Benvenuto
Presidente!.

crediti non contrattuali

22


Documenti correlati


Documento PDF la grande pera
Documento PDF la grande alaska
Documento PDF untitled pdf document
Documento PDF guida genitori 1
Documento PDF il piu grande crimine
Documento PDF con la fausto coppi e la massano group di giuseppe massano saranno sistemati alcuni tratti di strade della granda


Parole chiave correlate