File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Ricerca PDF Assistenza Contattaci



ANABOLIC FOOD .pdf



Nome del file originale: ANABOLIC FOOD.pdf
Titolo: Microsoft Word - Cozza Pasquale.doc
Autore: andrea

Questo documento in formato PDF 1.3 è stato generato da Pscript.dll Version 5.0 / GNU Ghostscript 7.06, ed è stato inviato su file-pdf.it il 03/07/2013 alle 15:23, dall'indirizzo IP 2.37.x.x. La pagina di download del file è stata vista 1384 volte.
Dimensione del file: 228 KB (21 pagine).
Privacy: file pubblico




Scarica il file PDF









Anteprima del documento


D. M. S. A.

La Doctors in Movement Science Association

II° CONVEGNO NAZIONALE
Corte Molon, Verona 2 OTTOBRE 2005

Presenta

LA DIETA METABOLICA
ddeell D
Dootttt.. M
Maauurroo D
Dii PPaassqquuaallee
Relazione del Prof. Pasquale Cozza,

Docente Educazione Fisica
Docente Federale Nazionale F.I.P.C.F.
Membro Centro Studi e Ricerche FIPCF/CONI sede centrale ROMA
Tecnico Nazionale, Istruttore e Allenatore F.I.P.C.F./C.O.N.I.
Relatore per il Veneto dei Corsi Formazione Istruttori F.I.P.C.F./C.O.N.I.
Relatore unico FIPCF per il Veneto della Teoria dell’Allenamento Naturale
Relatore DMSA
Socio Fondatore Accademia del Movimento
Relatore DEFAV dal ’90 al 92 (Docenti Educazione Fisica Associati di Verona)

FONTI E RINGRAZIAMENTI
La presente trattazione è un particolare, e unico, mix creato grazie a queste fonti principali:
-Il libro originale de “La Dieta Metabolica” del Dott. Mauro di Pasquale.
-Il libro “La Soluzione Anabolica” dello stesso autore, considerato l’evoluzione specialistica della
dieta verso il particolare settore della Cultura Fisica.
-Domande fatte: personalmente da me all’autore (in circa due anni).
-in un suo seminario, da altri colleghi e persone interessate.
-sul suo sito e tramite una rivista di settore in oltre cinque anni.
-Articoli dell’autore su varie riviste di settore.
-La mia esperienza diretta e personale di circa cinque anni di uso della Dieta (su me e molte
altre persone da me monitorate in tale periodo).
Il tutto aggiornato fino a Giugno 2005.
L’intero lavoro, inoltre, è stato letto, pazientemente, da un illustre personaggio della classe medica,
il Prof. Giuseppe Maschio, Nefrologo di chiara fama internazionale da poco in pensione, già
Primario di Nefrologia dell’Ospedale Maggiore di Verona -Borgo Trento e Direttore della cattedra
di Nefrologia dell’Università di Verona, già Presidente dell’Ordine dei Nefrologi Italiani, che colgo
qui l’occasione per ringraziare, anche per la grande disponibilità e la sua grande e sincera amicizia.

PREMESSA
Prima di iniziare qualsiasi regime alimentare, o attività sportiva, sono consigliabili alcuni esami
generali e del sangue. Se volete affrontare seriamente e con successo, in termini di salute e
prestazione, questa dieta, parlatene col vostro Medico, meglio se Sportivo, di fiducia.
Il Dott. Di Pasquale, l’autore di questa dieta, é un famosissimo Medico Sportivo, ricercatore,
autore di numerosi studi, articoli e pubblicazioni, responsabile medico e promulgatore
dell’antidoping di alcune federazioni sportive, tipo WBF, autore di numerosi libri scientifici sugli
Integratori e sull’alimentazione, possessore egli stesso di una linea di Integratori Alimentari e tre
volte campione del mondo di POWER LIFTING (sport dove è stato atleta detentore di Record
mondiali per 15 anni). Lui, per meglio affrontare il suo regime dietetico, consiglia, da buon dottore,
almeno i seguenti esami del sangue e delle urine, ulteriormente completati dal Prof. Maschio:
-Conteggio completo cellule ematiche
-Livelli di colesterolo (Totale, LDL, HDL)
-TSH
-Il BUN (Azotemia)
-La creatininemia
-Glicemia a digiuno
-L’acido urico ematico
-Il Potassio ematico
-Funzionalità epatica
-L’esame delle urine
Premetto, comunque, che questa trattazione ha solo uno scopo informativo.
Non posso io consigliare, o far seguire, nessuna dieta.
Il mio ruolo di relatore è solo quello di relazionarVi e aggiornarVi sulle ultime nozioni e teorie
alimentari ritenute più interessanti. Questa dieta pur essendo “nuova”(risale a circa 5 anni fa), è
stata studiata, testata e provata dall’autore per circa trent’anni (su di lui e moltissimi suoi clienti,
che vanno da atleti di alto livello fino alle persone comuni).
Inoltre, la seguente trattazione, non può comprendere la complessità dell’intera dieta in tutti i
suoi aspetti (raccolta in un volume di oltre 200 pg. e ripresa in un successivo e recentissimo libro
“The Anabolic Solution”), e non è interessata alle patologie o alle persone non sportive, ma
indirizzata, come approccio informativo, ai colleghi, o agli atleti del settore.
Parlare degli effetti della Dieta prima della dieta stessa potrebbe risultare strano, ma lo farò perché
mi sembra giusto e per assicurarmi la Vostra attenzione.
Nel mio personalissimo caso (la seguo senza soste dall’Aprile del 2001), e di quello di moltissime
persone che l’hanno seguita, i risultati sono stati davvero sconvolgenti per molti e diversi punti.
Riassumibili, sinteticamente in:
-Notevole velocità, nel perdere grasso (senza più riprenderlo) e non muscolo, mantenendo la
forza fisica e la Massa Magra. Addirittura, in alcuni casi, cosa mai vista prima sotto dieta,
aumentandole entrambe (anche con clima molto caldo che, notoriamente, incide sugli incrementi
della Forza e sull’acquisizione di nuova massa muscolare).
-Aumento della salute in generale. Nello specifico: in molti hanno guarito allergie vecchie di anni
(io stesso ne avevo una da 20 anni, alle Parietarie e ai Pollini), per aumento delle difese del
sistema immunitario. Per la regolarizzazione pressoria (anch’io ho sempre sofferto di pressione
eccessivamente bassa, ereditaria; tale da darmi svenimenti quasi improvvisi ai cambi stagione. Mi si
è normalizzata in un solo mese e non ho più preso farmaci per curarla da 5 anni!).
-Miglioramento del carattere. Chi soffre per sbalzi d’umore, solo in parte caratteriali (infatti
legati, e accentuati, al “rollercoaster” glicemico) e stati d’ansia, nervosismo e ipereccitabilità,
troverà notevoli benefici. Perché vengono tutti ad essere regolarizzati o eliminati, trovando un
nuovo equilibrio, maggior calma e, quindi, un nuovo modo d’essere. La frase più ricorrente, a

questo proposito, dei “soggetti metabolici” è che questa dieta “ti cambia la vita”…e non si
riferiscono solo al punto vita, passatemi la battuta!
-Energia inesauribile, visto che i GRASSI sono sempre presenti nel nostro corpo e danno più del
doppio d’energia dei CARBOIDRATI, capirete meglio fra un po’.
-Livelli di forma fisica mai raggiunti in precedenza in ogni tipo di prestazione atletica (Resistenza,
Forza e crescita di Massa con massima definizione).
Quindi vi auguro buona comprensione e buona “prova” se deciderete di fare la “Dieta Metabolica”.
Mi preme anticipare che, pur non essendo “apparentemente” difficile, è una dieta di ricerca.
Da monitorare e adattare in modo assolutamente personale.
Per terminare l’introduzione: La Dieta metabolica è famosa, e osteggiata soprattutto in Italia, per
essere una dieta senza Carboidrati e con moltissimi Grassi…Bè non è proprio così.
Questa è una visione troppo semplicistica.
ANTICIPAZIONE SINTETICA DELLE BASI DELLA DIETA
Allora cos’è la METABOLICA?
E’ una dieta che altera il metabolismo, mediante un cambio del carburante energetico
principale del corpo:cioè si cambiano i CARBOIDRATI con i GRASSI per darci più energia!
Si mantengono inalterate, o accentuate, le funzioni plastiche e ormonali con le PROTEINE.
Per permettere tutto questo si riducono i CARBOIDRATI.
Da qui la fama di dieta senza Carboidrati con molti Grassi.
Diciamo, tuttavia, e ripetiamo che: parte senza i primi, per permettere l’uso migliore dei secondi
per il nostro metabolismo, ed è la personale conoscenza dello sviluppo individuale, alla
capacità, del sistema uomo (adattatosi nei millenni di evoluzione), di vivere meglio con un basso
“set point” di Carboidrati.
Ognuno di noi, quindi, farà la Dieta in maniera diversa per quanto riguarda l’uso e la quantità dei
Carboidrati, non ostante le linee guida che ho stilato di seguito per Voi.
Sia chiaro questo punto fin d’ora.
Se questa dieta è priva di Carboidrati lo è, davvero, solo nella fase iniziale (che, comunque, può
variare anch’essa dall’approccio radicale, da me qui proposto perché più rapido e valido per
l’atleta). DiPasquale, invece, propone per iniziare, tre approcci appositamente diversi e progressivi
(fino al lento e graduale abbassamento degli stessi, sicuramente più valido per adattare l’uomo
comune). Poi verranno riammessi con i dovuti criteri.
…Entriamo nel vivo.

CONCETTI CHIAVE: LA TEORIA.
Il tipo atavico di alimentazione, seguito per milioni di anni dai nostri antenati, vedremo fino a
oltre diecimila anni fa (epoca in cui arriva, appunto, l’Agricoltura), era basato soprattutto sulla
frutta, alcune radici, bacche, molta selvaggina, cacciagione e, in alcuni casi, anche molto pesce.
Si consumavano così molti Grassi, soprattutto animali, e molte Proteine.
Questo tipo di Alimentazione è attualmente osteggiato dai moderni Dietologi.
Io li chiamo ironicamente: i Commercialisti delle Calorie (perché parlano solo del valore calorico
dei cibi e fanno così la maggior parte delle loro diete, seguendo, quasi esclusivamente, questo unico
corretto, ma non completo, principio).

Come se una caloria equivalesse ad un'altra, senza mai considerare da dove essa derivi e,
quindi, cosa questa combini (a livello biochimico e ormonale) all’interno del corpo umano.
Il quale è una struttura molto diversa, e complessa, rispetto ad una “semplice” bomba calorimetrica.
La razza umana, dunque all’origine, seguendo ciò che la NATURA aveva predisposto per lei, ed
essendo nomade e cacciatrice, si alimentava prevalentemente con i prodotti della caccia e della
pesca (quindi Grassi e Proteine animali), ma senza alcun tipo di CARBOIDRATI elaborati, ma solo
con ciò che la terra offriva (radici, bacche, molta frutta…).
Cioè assolutamente nessuna modifica, se escludiamo la cottura, a ciò che l’ambiente offriva.
Col passare degli anni però, parlo di milioni di anni come già accennato, con l’introduzione
dell’Agricoltura (ripeto avvenuta circa 10/15.000 anni fa), vennero introdotti cibi “nuovi” che
divennero più facili da reperire, coltivare, difendere, tutto nei pressi della propria dimora.
Cibi comodi anche da conservare il più a lungo possibile.
Questi nuovi alimenti, frutto della terra, permettevano anche i primi scambi e la diffusione del
baratto.
Era l’inizio della nostra cultura, anche sociale, con il senso dell’appartenenza ad un luogo fisso, il
concetto dei terreni, della proprietà e di tutto ciò che ci va dietro.
Inizia, insomma, la storia come noi la conosciamo, prima era il buio animale e l’uomo andava
avanti seguendo soltanto l’istinto e la legge di natura della sopravvivenza del più forte!
Tolta la paura della fame e non avendo più bisogno di un cibo che saziasse, e desse forza ed
energia a lungo (tanto era sempre là nell’orto ad aspettarci o conservato da qualche altra parte), la
nuova alimentazione divenne sempre più ricca di cibi elaborati, per soddisfare il palato (che, nei
millenni a seguire, diventa, giustamente, sempre più esigente).
Ecco, quindi, che se il cibo parte dalla notte dei tempi per farci vivere e sopravvivere meglio,
passando milioni di anni, cambia completamente la sua principale, e indispensabile, funzione.
Vero promotore dell’introduzione del cibo che, abbiamo visto, perde sempre più il valore di
nutrimento ed acquista, invece, quello di godimento e benessere, diventa allora il gusto (e il
piacere, per niente atavico, di dividerlo con gli altri), si sviluppa così la socialità da tavola.
Ai nostri giorni, infatti, non si mangia quasi più per fame, ma per soddisfazione, istinto sociale e
piacere (e per lavoro, la compagnia a volte o per festeggiare, niente di male, ma…).
Oppure ciò che si può mangiare in fretta e portare via con comodità (senza problemi di
conservazione).
Certo noi, amanti della salute e sportivoni impenitenti siamo forse esclusi dal discorso, ma,
diciamolo, anche a noi farebbe piacere uno strappetto una volta a settimana o due (e non una volta
ogni due mesi o più). Anche a noi piacerebbe uscire con la ragazza e gli amici al Sabato sera, senza
che loro si sentano in colpa o ci guardino male o ci insultino per la nostra eccessiva rigidità
salutistica alimentare.
Non esiste, allora, una dieta che sia sana e possibilmente sociale al tempo stesso?
Che mi faccia avere il meglio dei miei antenati lontani senza essere considerato un folle eremita
asociale? Un fissato della forma fisica ad oltranza.
Forse quella che state per leggere è il santo Graal delle diete.
Forse è l’anello di congiunzione mancante fra l’uomo (sociale) e la bestia (possente) da cui
deriva. Forse è la soluzione.
Torniamo ai concetti base.
Ovvio che solo poche centinaia di anni fa non esisteva niente di cui, oggi, si fa largo uso e cioè:

PASTA, PANE, PIZZA, BISCOTTI, DOLCI e qualsiasi farinaceo o amidaceo (riso) derivato e
trattato (macinato, cotto, lievitato, scorporato, separato, setacciato…), con zucchero aggiunto
(N.B. ricordo che lo zucchero, non molto tempo fa era venduto solo in farmacia!).
Questo permetteva, e permette a tutt’oggi in tutte le attuali società “primitive”, la possibilità di
utilizzare la maggior fonte d’energia che madre natura ci ha messo a disposizione: I GRASSI.
Questi, infatti, con 9 calorie per grammo, contro le 4 che fanno i CARBOIDRATI, sono per anni
stati temuti come il “nemico N°1 dell’uomo” (che portano a vari rischi tumorali e cardiopatie, ma
non è tutta la verità), che si accumula e non se ne va più.
Questo solo perché usiamo troppi CARBOIDRATI (CA), i quali impediscono l’uso corretto dei
GRASSI (GR), che vengono così “stoccati” in riserva provocando danni, per cattivo
funzionamento, e accumulandosi in punti specifici detti ”zone recettoriali di riserva” (legate a
caratteristiche sessuali e genetiche). Il secondo motivo è che usiamo, spesso, troppi GRASSI non
sani, i famosi SATURI, che i nostri antenati, e contemporanei, primitivi riducono per motivi
naturali (i loro animali, selvatici, sono meno grassi dei nostri, d’allevamento. Si stima il 4% di
grassi dei loro animali, liberi e muscolosi, contro il 25% dei nostri, ingabbiati e deboli).
La dieta è “innovativa” in quanto propone un modello antropologicamente e fisiologicamente
corretto, ma atavico appunto.
Un modello alimentare seguito dalla nostra razza per quasi 50 milioni di anni d’evoluzione
(che portarono all’uomo circa 3.5 milioni di anni fa), che continua ad essere responsabile della
salute delle attuali popolazioni primitive della terra.
Un modello seguito, a tutt’oggi, da tutti noi, per molti mesi, i più importanti della nostra vita.
Quando mai? Vi sento esclamare: non ho mai seguito la Metabolica!
E invece si. TeneteVi forte:dalla nascita allo svezzamento!
Certo, il neonato è in metabolica rigida, il latte materno è soprattutto grassi e proteine, senza
troppi CARBOIDRATI e nessuno di tipo farinaceo… e il piccolo uomo, naturalmente, ha tutto e
cresce parecchio, più che in qualsiasi altro periodo della sua vita… Insomma i CARBOIDRATI,
tanto commercialmente lodati, non sono affatto così indispensabili, quanto hanno voluto farci
credere.
Biochimicamente possono essere ricavati da tutte le altre sostanze del corpo, GRASSI e
PROTEINE comprese (es. la famosa Gluconeogenesi dalle Proteine).
La controprova scientifica e fisiologica è, infatti, che non esistono CARBOIDRATI
ESSENZIALI (cioè sostanze che non sono in grado di essere prodotte dall’organismo, e che
necessitano di essere prelevate dagli alimenti per la nostra ottimale, e necessaria, condizione di
vita).
Viceversa esistono sia gli AMINOACIDI ESSENZIALI che i GRASSI ESSENZIALI,
indispensabili per la vita, prova del fatto che devono essere presi dal cibo per incapacità del
nostro corpo a produrne.
Questo a detta delle conclusioni di moltissimi ricercatori chimici, medici, scienziati, antropologi.
Il modello alimentare “in voga” attualmente (cioè CA come fonte principale d’energia), consigliato e studiato dalla
maggior parte dei nutrizionisti, è invece “giovane” perché risale a circa 10.000 anni fa, appunto con l’avvento
dell’Agricoltura (la nostra medicina ufficiale, “vecchia” di 2000 anni, non ha fatto altro che studiarlo e codificarlo,
accettandolo come dato di fatto, senza verificare se fosse sempre stato così per noi, a livello fisiologico e naturale dalla
notte dei tempi o in altre parti, meno evolute del pianeta…).

Attenzione adesso: affinché un’intera razza, o specie, si adatti e cambi, evolvendosi
completamente ad un cambio di abitudini (siano esse alimentari o climatiche), per accettarle al
meglio, servono circa 100.000 anni.
Noi, quindi, non ci siamo ancora interamente adattati al nuovo modello alimentare!

Ecco il perché, lo stato attuale della nostra alimentazione che propone, un modello “recente”, con
sempre più CA e sempre meno GR, con poche PROTEINE ha causato:
-uno scorretto e pericoloso stoccaggio dei GR (con relativi problemi estetici e salutistici
tristemente noti e difficilmente risolvibili), se non con diete da fame!
Le quali fanno perdere peso, ma non dimagrire!
Questo perché toccano spesso le Calorie, ripeto considerate, appunto, dai Dietologi tutte “uguali”
fra cibi diversi, togliendole soprattutto da Grassi e Proteine.
Abbassando drammaticamente il Metabolismo Basale, al muscolo fortemente legato (1Kg di
muscolo consuma 100 cal./die a riposo, quindi più Massa Magra abbiamo più alziamo il MB).
Tutto ciò crea un aumento conseguente, mostruoso e dilagante, dell’obesità (a fronte del fatto che
sono aumentati i prodotti a bassissima percentuale di GR, i dietetici dimagranti e moltissima gente
va in Palestra…assurdo, no?), in Europa siamo obesi al 51%, in America al 61%… Come
avrebbero dovuto essere i nostri antenati che mangiavano moltissimi GR e non facevano Palestra?
Che siano tutti questi CARBOIDRATI, in continuo aumento (l’attuale trend è il 65-70% del tot
calorico), a farci ingrassare? Noi, Italiani, abbiamo i bambini più grassi d’Europa (sarà certo
colpa delle merendine, ma davvero ce la sentiamo di escludere anche la “nostra”pizza e la pasta o il
mitico pane da questo dramma nostrano?!).
-un aumento dei casi di DIABETE. La resistenza all’insulina è provocata dall’aumento degli
zuccheri legata, al loro indice glicemico, che sbalza la glicemia, provocando un rapido aumento
dell’insulina che, oltre ad esaurirsi, provoca lo stoccaggio degli zuccheri in Trigliceridi (il riso
bianco, consigliato dai dietologi, ha un I.G. più alto del Croissant, che è sconsigliato!!!).
-un aumento delle allergie generiche varie e da cibo in particolare (una indicativa è quella al
Glutine nei neonati, in aumento, uno ogni 150! La nostra fisiologia si difende dall’eccesso di CA,
fin dalla nascita), sintomo di abbassamento delle difese del sistema immunitario e di reazione
all’ambiente, che non viene più riconosciuto come naturale, da cui il corpo tende a difendersi.
Confrontate, per un attimo, tutte le popolazioni primitive delle terra che non usano i nostri
Carboidrati elaborati, che si nutrono prevalentemente di Pesce e Carne con Frutta e Verdura.
Come li vedete? Grassi e astenici o forti e instancabili? E noi come siamo in confronto a “loro”?
Con tutte le nostre avanzate conoscenze in campo nutrizionale, medico e sportivo? Con tutti i nostri
confort (a partire dal letto con le doghe)? Se pensate che “loro” sono diversi da noi per il loro stile
di vita e il loro codice genetico, adesso rispondete a queste altre domande:
“Loro” come diventano quando si “civilizzano” e mangiano come noi (avete presenti gli obesi
neri americani nutriti a pizza, coca-cola e hotdog)? Pensateci un attimo.
Visualizzate i popoli della terra “primitivi” e quelli “civilizzati”.In costume adamitico.
Togliete i denutriti dai primi e i super atleti dai secondi (come eccezione alla regola).
Guardate così tutto il resto della media. Cosa vedete? Vi basta?
.
Fra gli antropologi e i medici nutrizionisti, più accreditati e coraggiosi, che sanno opporsi alle
grandi lobbi, c’è una vera riscoperta dell’atavica alimentazione a basso o zero tenore di
Carboidrati. Oppure SOLO CON CERTI TIPI DI CARBOIDRATI.
Cito, fra tutte, una ricerca fatta recentemente dalla PURDUE UNIVERSITY, negli USA, che ha scoperto che la
selvaggina contiene Grassi “buoni”(paragonabili a quelli del pesce), oltre ad essere, ovviamente, molto più magra della
carne d’allevamento.

Anche fra tecnici e esperti di settore sono state proposte tante alternative alla classica dieta
ricchissima in Carboidrati e scarsa in Grassi e Proteine.(Dieta Paleolitica, Protein Power, Hunting e
Pig Out Cycle, Body Opus, Warrior Diet, La Zona…).
Vediamola così allora: forse non è la Metabolica senza Carboidrati è l’Alimentazione classica
popolare che ne ha troppi!
Inoltre più gli animali sono selvatici più si nutrono in modo corretto e naturale, e non corrono
rischi di assumere “invenzioni” umane (vedi effetto “mucca pazza”) o addittivi e sostanze più o
meno pericolose (anabolizzanti negli allevamenti, mercurio nel pesce…).

Ma torniamo ai Grassi speciali. Questi, come quelli del Pesce appunto, fra le altre cose abbassano
il Colesterolo e, in generale, il rischio di malattie cardiovascolari per la pulizia delle arterie.
.
Per avere conferma di ciò sono andati a studiare alcune moderne popolazioni tribali (tipo i
Nanamiut dell’Alaska, i primitivi delle Isole di tutto il mondo e gli Aborigeni australiani), che
hanno abitudini alimentari identiche a quelle dei nostri antenati!
E, indovinate cosa hanno riscontrato?
Lo so, lo ripeterò più volte: fra loro l’incidenza di malattie cardiache, diabete e obesità è
praticamente nulla!
Ecco, sento il Vostro pensiero terrorizzato: non mangerò più pasta e pane?
Tuttavia, vedrete che non dovrete dare addio a nessun alimento! Davvero! Anche pasta, pane e altri
carboidrati compresi. Bisognerà solo limitarli molto e/o usarli in giorni precisi… Vediamo come.

IN COSA CONSISTE LA DIETA
Per riportare il corpo al suo stato originale d’uso corretto del cibo, cioè energia dai GR, scorte e
riserve dai Carboidrati, stabilito per milioni di anni da madre natura, e rielaborato, e stravolto, dalla
“genialità” della sola razza umana civilizzata, si deve seguire il seguente modello:
FASE I o di Valutazione o Metabolica
Serve a capire come, e in quanto tempo, il nostro organismo, liberandosi dei Carboidrati, passa
all’uso corretto dei Grassi. Preferisco l’approccio diretto, dei tre consigliati da Di Pasquale.
Prevede le seguenti percentuali di suddivisione degli alimenti, a livello calorico, giornaliero:
CARBOIDRATI: SOLO 30gr AL GIORNO (considerato come il limite massimo assumibile per
non uscire dall’adattamento metabolico che auspichiamo) o IL 4-10% DELLE CALORIE totali
GIORNALIERE (è possibile assumere, comunque, frutta e verdura, moderatamente all’inizio poi a
volontà, in quanto non c’è interferenza eccessiva con la glicemia).
GRASSI: prevalentemente insaturi (cioè dal PESCE e dagli olii vegetali) SONO IL 40-60%
DELLE CALORIE GIORNALIERE. E’ possibile tenerli alti perché verranno metabolizzati e
usati, stavolta non più stoccati, per dare energia a tutte le funzioni vitali (si accumuleranno solo se
in eccesso, e faranno i loro danni se saranno SATURI oltre il 75% del totale).
PROTEINE: AL 40-50% DELLE CALORIE (per mantenere la massa muscolare che è il tessuto
più attivo metabolicamente del corpo, consuma, per Kg., 100 cal. al giorno, a riposo).
Questa fase dura, solo all’inizio, 12 giorni, tempo indispensabile a far si che il corpo ricordi come
funzionava milioni di anni fa e ricominci ad esser bravo ad utilizzare i GR come fonte principale e
assoluta d’energia.
Poi durerà solo 5-6 giorni ogni settimana.
Per motivi sociali è consigliato iniziare la FASE I di LUNEDI’ (capirete il perché vedendo la FASE
II).
Il Dott. Di Pasquale, ripeto, consiglia vari moduli progressivi di adattamento a questa fase, in cui vengono ridotti i CA.
(in modo, appunto, graduale o progressivo o ad onda).
Tutto per evitare che il corpo subisca un forte stress da mancanza di CA e metabolizzi i GR, con una lenta progressione.
Ritengo, per motivi di brevità della trattazione e per esperienza personale con centinaia di persone ascoltate, che sia un
approccio utile solo con alcuni soggetti particolarmente ”intossicati” dai CA. e non sportivi.

FASE II o Ricarica dei Carboidrati
Prevede le seguenti percentuali di suddivisione degli alimenti a livello calorico giornaliero:

CARBOIDRATI: AL GIORNO IL 35-60% DELLE CALORIE. Questa fase viene chiamata di
RICARICA ed è simile all’alimentazione consigliata da tutti i vari nutrizionisti. Serve per
utilizzare l’ormone INSULINA al meglio, senza che accumuli GR, ma solo energia, dai CA, che
non verranno più stoccati in TRIGLICERIDI, ma verranno messi nei muscoli, nel fegato e nel
cervello (come GLICOGENO) e lì saranno ben utilizzati, e conservati, quasi fino al nuovo carico.
GRASSI: prevalentemente insaturi (cioè dal PESCE e dagli olii vegetali) SONO RIDOTTI AL 2040% DELLE CALORIE GIORNALIERE (per evitare che possano riaccumularsi in questa fase).
L’ulteriore scopo è quello di stimolare l’aumento dell’Insulina, o meglio gli sbalzi della stessa.
PROTEINE: AL 15-30% DELLE CALORIE (per mantenere la sensibilità recettoriale alle stesse e
permettere che, dopo, i muscoli ne siano “affamati” e le trattengano meglio).
Questa FASE II, comincia (se partite di LUNEDI’ come consigliato) esattamente il SABATO dopo
il 12° giorno della FASE I, e va avanti massimo fino a DOMENICA (pomeriggio o, se avete molti
muscoli da ricaricare di glicogeno, sera), la prima volta. Poi si intercala, ogni 5-6 giorni dopo la
FASE I, consiglierei PER UN GIORNO SOLTANTO (o ripeto se avete molti muscoli, e vi allenate
seriamente con i pesi, anche DUE).
N.B.
Ricordate che è molto importante che i GRASSI devono essere soprattutto presi dagli INSATURI (cioè, ripeto, olii vari
vegetali e pesci).
I nostri antenati, e le popolazioni primitive attuali, ripeto, non mangiano assolutamente animali d’allevamento
(necessariamente mi ripeto: grassi al 25%, perché non si muovono e conducono una vita innaturale), ma selvaggina (con
grassi al 4% circa molto simili alla categoria successiva) e pesce (i cui grassi non fanno male, ma appartengono alla
categoria E.F.A.). Ecco, fra l’altro, perché stanno meglio di noi (non hanno diabete, allergie, artrosi, glaucoma e molte
altre malattie legate ai nostri amici CA).

ESEMPIO PRATICO: dieta tipo (con esempio delle due fasi).
In pratica se siete in FASE I potete mangiare solo cibi proteici e grassi, i migliori sono:
COLAZIONE/SPUNTINI
Da fare a metà mattina o pomeriggio, se necessario (in ogni caso solo quando si ha fame, è
questo l’altra innovazione fisiologica e naturale della dieta).
Ecco le alternative PROTEICHE a scelta, da effettuare (SINGOLARMENTE) a rotazione (il
quantitativo in grammi, è solo consigliato per un atleta, maschio, medio, di una settantina di kg di
muscoli, che vuole mantenersi muscoloso e/ o “tirarsi”. Per le donne, le porzioni vanno
ulteriormente ridotte di un buon 20-15% o più, a seconda del peso e dell’attività).
-2-3 UOVA (1-2 volte a settimana).
-85-115 gr di TONNO/SALMONE/SARDINE/SGOMBRO/ SURIMI (attenzione allo zucchero
che spesso vi si nasconde dentro o alla fecola di patate) o altro pesce a piacere (anche più volte al
giorno tutti i giorni).
-85-115 gr di CARNE (occhio alla CARNE SALA’ perché zuccherata), anche IN SCATOLA, ma
solo per praticità (1-2 volte a settimana).
-85-115 gr di MORTADELLA/PROSCIUTTO/ BRESAOLA o altro affettato a scelta (1-3
volte a settimana, se la scelta ricade sui meno grassi e non zuccherati).
-50-80gr di FORMAGGIO GRANA o PARMIGIANO o altri formaggi (1-2 volte a settimana).
Alternative, poco ricche di CARBOIDRATI, qualora ce ne fosse la necessità, a scelta, da effettuare
solo a COLAZIONE, una sola volta al giorno (MAI NEGLI SPUNTINI), e, rigorosamente, a
rotazione:
-30-45 gr di (scegliere una sola voce e, preferibilmente, evitarla dopo il 4° giorno dei primi 12
giorni di FASE I, poi si potrà ri-immetterla nei successivi 5-6 giorni della stessa FASE):

-CEREALI INTEGRALI (senza zucchero)
-MUESLI (senza zucchero)
-ALL BRAN(senza zucchero)
-BISCOTTI INTEGRALI (senza zucchero)
-FETTE BISCOTTATE INTEGRALI (senza zucchero)
Questi cibi, tutti, a questa grammatura, non dovrebbero superare il limite di percentuale (4-10%) dei
CA pro die (nessun cibo è il 100% di CA).
Oppure
FRUTTA (più o meno a volontà, visto che è difficile superare il limite dei 30gr giornalieri di
CARBOIDRATI con la sola frutta).
PRANZO/CENA
Da fare lontano dagli SPUNTINI (almeno 3 ore):
Qualsiasi cibo PROTEICO, sempre dopo un’insalata cruda o cotta molto abbondante, a piacere:
100-250 gr di PESCE (meglio Salmone, Sgombro, Sardine o altro Pesce Grasso) cucinato
come volete o in scatola (se non temete il sale)
o
100-250 gr di CARNE (libera la scelta Rossa o Bianca) cucinata come volete
o
100-250 gr di AFFETTATI (dalla Mortadella alla Bresaola) preparati come volete
o, se non ne usate durante il giorno:
4-5 UOVA (a frittata o come volete)
o
100-150 gr di FORMAGGI (meglio Grana, Parmigiano, Emmenthal, Pecorino)
o
un’INSALATA ALLA GRECA (cioè senza riso o mais, ma con tonno o wurstel, uova, cubetti di
prosciutto, funghetti, formaggio e quant’altro volete)
o
50-85 gr di SALSICCIA o INSACCATI (non troppo grassi) vari.
In pratica, se siete, invece, in FASE II potete mangiare pochi cibi proteici e grassi, e molti
CARBOIDRATI, come avete sempre fatto in pratica, tornate, quindi, alla vostra alimentazione di
sempre, per questo non vi faccio esempi (ma vi dico COLAZIONE con biscotti, cereali o brioches,
PRANZO o CENA con pasta, riso o pizza, in quantità moderata però).

CONCLUSIONI E ULTIMI CONSIGLI
Avete capito che d’ora in poi il vostro corpo consumerà GRASSI per fornirvi energia.
Quindi, se volete dimagrire più rapidamente, potreste anche ridurli dopo un certo periodo di
dieta.
Tenendo bassi i GRASSI per un po’ non si altererà il meccanismo dei consumi, né il corretto
assetto ormonale (cosa che succedeva con le vecchie diete culturistiche carne magra e acqua).
Si accelererà soltanto il consumo degli stessi.
Questi, meglio se prevalentemente INSATURI (ripeto da PESCE e OLII VEGETALI), si
accumuleranno molto di meno e verranno prelevati proprio dalle vostre zone di riserva, finora
ritenute intoccabili.
Nel tempo vedrete l’ultimo miracolo della Metabolica: diminuire proprio gli ultimi punti che
calavano e che vi riducevano dei cadaveri per riuscire ad eliminarli!

Sempre che riusciate a far passare veramente il vostro corpo in fase metabolica.

Allora, riassumendo, ecco tutti i vantaggi della Dieta che Vi permetterà di:
-Avere molta più ENERGIA, in quantità e qualità (ricordate ben 9 Cal per grammo contro le 4 dei
CA!).
-Stabilizzare la vostra GLICEMIA, riducendo in maniera sensibile l’appetito, senza crearvi “fame
nervosa” e oscillazioni d’energia e d’umore!
-Mantenere e, addirittura,aumentare la massa muscolare, pur dimagrendo!
-Aumentare la FORZA o mantenerla!
-Migliorare le risposte del vostro sistema IMMUNITARIO (collegato agli EFA).
-Togliere il grasso dai vostri punti critici e combattere la cellulite!
-Stare a dieta, senza fatica, e con il gusto dei cibi saporiti e ritenuti vietati!
-Praticità e velocità dei pasti, senza contare troppo la calorie, ma guardando lo specchio.
-Nessuna esclusione di cibi, ma solo rotazione degli stessi.
Questo, e addirittura altro, dipenderà da come sapete farla, ascoltando il vostro corpo.
Per molti fare due giorni, o più pasti di ricarica di CA, è troppo!
Il maggior dimagrimento, se oltre alla salute e al benessere, è questo il vostro scopo, dipenderà da:
-QUANTITA’ DI CALORIE TOTALI INGERITE.
-QUANTITA’ DI GRASSI TOTALI, E TIPO, INGERITI.
-QUANTITA’, E TIPO, DI CARBOIDRATI TOTALI INGERITI.
-NUMERO DI GIORNI IN FASE I E IN FASE II.
-ATTIVITA’ FISICA SVOLTA (tipo e quantità: per esempio aerobica o anaerobica, poco o
molto intensa).
Giocare sulla manipolazione di questi parametri dipenderà dalla vostra abilità, anche nel vedervi, e
dalle vostre conoscenze ed esperienze, ma sarà sempre più facile quanto più utilizzerete la dieta.
Intendo dire che la sua difficoltà, come più volte sottolineato nel trattato, sta nel trovare il vostro
modo di regolarla (“settarla” dice DiPasquale nel famoso “Set Point dei Carboidrati” cioè il livello
minimo di Carboidrati a cui riuscite a stare bene) per non ingrassare e non uscire dalla Metabolica
(che sostanzialmente è l’uso dei Grassi per quello che madre natura aveva stabilito essere, ossia
fonte principale di energia e non solo riserva inattaccabile, oggi protetta dai Carboidrati).
I critici delle diete Chetogeniche, a cui la Metabolica per molti versi appartiene (anche se per altri ne esce come
un’evoluzione delle stesse), si preoccupano appunto dell’eccessiva produzione di chetoni nel corpo. Costoro pensano
che causi una condizione dovuta al diabete di tipo I, mal gestito fra l’altro, chiamata chetoacidosi. I diabetici di tipo I, si
sa, non riescono a produrre Insulina, ciò fa si che la produzione di chetoni aumenti oltre il normale, abbassando di
conseguenza il PH del sangue.Ciò, tuttavia, non è stato riscontrato nelle persone non affette da diabete di tipo I,
appunto.
In ogni caso si evita un’alta acidità del sangue con piccole dosi di Bicarbonato di Sodio (o Potassio, se temete ritenzione
liquida data dal primo dei due).
PERSEVERATE, SPERIMENTATE INTELLIGENTEMENTE E RICORDATE CHE AVETE REAZIONI
METABOLICHE DIVERSE DA ALTRI INDIVIDUI, IMPARATE A CONOSCERVI PER MIGLIORARVI
COSTANTEMENTE. TUTTO DIPENDE DAL SET POINT PERSONALE SUI CARBOIDRATI, DAL TIPO
DI GRASSO CHE UTILIZZATE E DA QUANTE PROTEINE METABOLIZZATE.
BUONA MESSA IN PRATICA E BUON NUOVO CORPO.

LA DIETA METABOLICA
ddeell D
Dootttt.. M
Maauurroo D
Dii PPaassqquuaallee
Relazione del Prof. Pasquale Cozza,
Docente Educazione Fisica
Docente Federale Nazionale F.I.P.C.F.
Membro Centro Studi e Ricerche FIPCF/CONI sede centrale ROMA
Tecnico Nazionale, Istruttore e Allenatore F.I.P.C.F./C.O.N.I.
Relatore per il Veneto dei corsi formazione Istruttori F.I.P.C.F./C.O.N.I.
Relatore DMSA (Doctors Movement Science Association)
Socio Fondatore Accademia del Movimento
Consulente e Relatore DEFAV (Docenti Educazione Fisica Associati di Verona)

FONTI E RINGRAZIAMENTI
La presente trattazione è un particolare, e unico, mix creato grazie a queste fonti principali:
-Il libro originale de “La Dieta Metabolica” del Dott. Mauro di Pasquale
-Il libro “La Soluzione Anabolica” dello stesso autore, considerato l’evoluzione specialistica della
dieta verso il particolare settore del Body Building
-Domande e risposte fatte personalmente da me all’autore (in circa due anni)
- all’autore, in un suo seminario, da altri (colleghi e persone interessate)
- all’autore sul suo sito e tramite una rivista di settore
- articoli dell’autore
-La mia esperienza personale di circa quattro anni (su me e molte altre persone da me
monitorate in tale periodo)
Il tutto corredato da mie personali considerazioni, affermazioni e consigli.
L’intero lavoro, inoltre, è stato letto, pazientemente, da un illustre personaggio della classe medica,
il Prof. Giuseppe Maschio, Nefrologo di chiara fama internazionale, Primario di Nefrologia
dell’Ospedale Maggiore di Verona -Borgo Trento e Direttore della cattedra di Nefrologia
dell’Università di Verona, già Presidente dell’Ordine dei Nefrologi Italiani, che colgo qui
l’occasione per ringraziare, anche per la grande disponibilità e la sua grande e sincera amicizia.

PREMESSA
Prima di iniziare qualsiasi regime alimentare, o attività sportiva, sono consigliabili alcuni esami
generali e del sangue.
Se volete affrontare seriamente e con successo, in termini di salute e prestazione, questa dieta (che
io ritengo la migliore mai apparsa finora), parlatene col vostro medico di fiducia.
Se fosse giovane, magro e magari un medico sportivo sarebbe ancora meglio.
Inutile negare che, non solo nel nostro settore, ma anche in campo medico, l’abito fa il monaco!
Il Dott. Di Pasquale, l’autore di questa dieta (nonché famosissimo medico sportivo, ricercatore,
autore di numerosi studi, articoli e pubblicazioni, responsabile medico e promulgatore
dell’antidoping di alcune federazioni sportive, tipo WBF, autore di numerosi libri scientifici sugli
Integratori e sull’alimentazione, possessore egli stesso di una linea di integratori e tre volte

campione del mondo di POWER LIFTING, sport dove è stato atleta per 15 anni), fra l’altro è il
monaco per eccellenza!
Lui, per meglio affrontare il suo regime dietetico, consiglia, da buon dottore, almeno i seguenti
esami del sangue e delle urine, ulteriormente completati dal prof. Maschio:
-Conteggio completo cellule ematiche
-Livelli di colesterolo (Totale, LDL, HDL)
-TSH
-Il BUN (Azotemia)
-La creatininemia
-Glicemia a digiuno
-L’acido urico ematico
-Il Potassio ematico
-Funzionalità epatica
-L’esame delle urine
Premetto, comunque, che questa trattazione ha solo uno scopo informativo.
Non posso io consigliare, o far seguire, nessuna dieta, perché il mio ruolo di relatore (responsabile
dei corsi di formazione Istruttori e Allenatori della Regione Veneto) per la FIPCF del CONI, è solo
questo, quello di relazionarVi e aggiornarVi sulle ultime nozioni e teorie alimentari e, quindi,
sull’Allenamento più produttivo e, assolutamente, naturale.
Inoltre, la seguente trattazione, non può comprendere la complessità dell’intera dieta in tutti i suoi
aspetti (raccolta in un volume di oltre 200 pg e ripresa in un successivo e recentissimo libro “The
Anabolic Solution”), e non è interessata alle patologie o alle persone non sportive, ma indirizzata,
come approccio informativo, ai colleghi, o agli atleti del settore, che, solo con il consiglio del
proprio medico sportivo, potranno decidere se intraprenderla o consigliarla per il dimagrimento (per
un breve periodo) o per la salute (per un periodo molto più lungo) e la vita (ad alcuni soggetti
potrebbe piacere tenerla per sempre, il dott. Di Pasquale non esclude anche questa possibilità).
Nel mio personalissimo caso (la seguo dall’Aprile del 2001 e non ho intenzione di uscirne), e di
quello di moltissime persone che l’hanno seguita, i risultati sono stati davvero sconvolgenti per
molti e diversi punti. Riassumibili, sinteticamente in:
-Velocità, nel perdere grasso (senza più riprenderlo) e non muscolo, mantenendo la forza fisica e
addirittura, cosa mai vista prima sotto dieta, aumentandola (anche con clima molto caldo).
-Salute, in molti hanno guarito allergie vecchie di anni (io stesso ne avevo una da 20 anni, alle
Parietarie e ai Pollini), per aumento delle difese del sistema immunitario. Per la regolarizzazione
pressoria (io stesso, ho sempre sofferto di pressione eccessivamente bassa ereditaria, da svenimenti
improvvisi ai cambi stagione, e mi si è normalizzata in un solo mese!). Per sbalzi d’umore
caratteriali (legati al “rollercoaster” glicemico), e stati d’ansia, nervosismo e ipereccitabilità, che
vengono tutti ad essere regolarizzati, trovando una nuova calma e un nuovo modo d’essere.
La frase più ricorrente dei “soggetti metabolici” è che questa dieta “ti cambia la vita”…e non si
riferiscono solo al punto vita, passatemi la battuta!
-Energia inesauribile, visto che i GRASSI sono sempre presenti nel nostro corpo e danno più del
doppio d’energia dei CARBOIDRATI, capirete fra un po’.
-Livelli di forma fisica mai raggiunti in precedenza in ogni tipo di prestazione atletica.
Quindi vi auguro buona lettura e buona “prova” se deciderete di fare la “Dieta Metabolica”.
Mi preme sottolineare che, pur non essendo “apparentemente” difficile, è una dieta di ricerca.
Intendo dire che la sua difficoltà, come più volte sottolineato nel trattato, sta nel trovare il vostro
modo di regolarla (“settarla” dice DiPasquale nel famoso “Set Point dei Carboidrati” cioè il livello
minimo di Carboidrati a cui riuscite a stare bene), per non ingrassare e non uscire dalla Metabolica
(cioè dall’uso dei Grassi per quello che madre natura aveva stabilito essere, ossia fonte principale di
energia e non solo riserva inattaccabile, protetta dai Carboidrati).
Un’ultima mia considerazione: se il vostro gruppo sanguigno appartiene allo “0” questa è, quasi
sicuramente, la vostra dieta!
Questa è una mia libertà di pensiero, Di Pasquale non è concorde, se non al 10/15%, su
quest’affermazione. E’ questo quello che lui crede sia il legame con i gruppi sanguigni ed il cibo ( il
Dott. Peter D’Adamo sostiene, invece, che il legame è il 100%). Ho avuto modo di “intervistarlo” ai

suoi seminari, e di parlare, più volte con Di Pasquale e posso dire che ormai conosco, abbastanza, il
suo pensiero. Io, invece, ritengo, dalla mia modesta esperienza, che esiste una percentuale più alta
di successo nel tenere il “set point” dei Carboidrati basso nei soggetti appartenenti al Gruppo “0” e
via via più alto quanto più la razza è recente (“A”, “B”, “AB”). Provate.
Un’altra mia idea (confermata però nell’Aprile 2005 da NELSON AYOTTE, braccio destro di
CHARLES POLIQUIN) è che ci sia, dopo un certo periodo come in tutte le diete, diverso da
persona a persona, un certo adattamento (anche in tempi molto lunghi, anni addirittura per soggetti
di gruppo O)…che non permetta più di mantenersi “tirato” come all’inizio.
Ma su quest’ultima considerazione devo aspettare ancora altre conferme.
Per terminare l’introduzione: La Dieta metabolica è famosa, e osteggiata soprattutto in Italia, per
essere una dieta senza Carboidrati e con moltissimi Grassi…Bè non è proprio così.
Diciamo, e ripetiamo, che: parte senza i primi, per permettere l’uso migliore dei secondi per il
nostro metabolismo, ed è la personale conoscenza dello sviluppo individuale, alla capacità, del
sistema uomo (adattatosi nei millenni di evoluzione), di vivere meglio con un basso “set point”
di Carboidrati. Ognuno di noi, farà la Dieta in maniera diversa per quanto riguarda l’uso e la
quantità dei Carboidrati, sia chiaro. Se questa dieta è priva di Carboidrati lo è, forse, solo
nella fase iniziale (che, comunque, può variare anch’essa dall’approccio radicale, da me
proposto perché più rapido e valido per l’atleta, fino al lento e graduale abbassamento degli
stessi).
Confrontate, per un attimo, tutte le popolazioni primitive delle terra che non usano i nostri
Carboidrati elaborati, che si nutrono prevalentemente di Pesce e Carne con Frutta e Verdura.
Come li vedete? Grassi e astenici o forti e instancabili? E noi come siamo in confronto a “loro”?
Con tutte le nostre avanzate conoscenze in campo nutrizionale, medico e sportivo? Con tutti i nostri
confort (a partire dal letto con le doghe)? Se pensate che “loro” sono diversi da noi per il loro stile
di vita e il loro codice genetico, adesso rispondete a queste altre domande.
“Loro” come diventano quando si “civilizzano” e mangiano come noi (avete presenti gli obesi neri
americani nutriti a pizza, coca-cola e hotdog)? Io ho conosciuto molti africani (Marocchini, Tunisini
e Nigeriani) modificati dopo pochi mesi di salubre dieta mediterranea (che, comunque,
storicamente non sarebbe a base di tanta pasta e pizza, ma di pesce, carne, alcuni cereali e olio di
oliva…) Pensateci un attimo. Visualizzate i popoli della terra “primitivi” e quelli “civilizzati”.
Togliete i denutriti dai primi e i super atleti dai secondi (come eccezione alla regola). Guardate così
tutto il resto della media. Cosa vedete? Vi basta?
…Entriamo nel vivo.

CONCETTI CHIAVE: la teoria.
Il tipo atavico di alimentazione, seguito per milioni di anni dai nostri antenati, vedremo fino a oltre
diecimila anni fa (epoca in cui arriva, appunto, l’Agricoltura), era basato soprattutto sulla frutta,
alcune radici, bacche, molta selvaggina e, in alcuni casi, anche pesce. Si consumavano così
moltissimi Grassi, soprattutto animali, e Proteine. Questo tipo di Alimentazione è attualmente molto
osteggiato dai moderni Dietologi, che io chiamo ironicamente: i Commercialisti delle Calorie
(perché parlano solo del valore calorico dei cibi e fanno così, seguendo quasi esclusivamente questo
unico principio, la maggior parte delle loro diete. Come se una calorie equivalesse ad un'
altra, senza
mai considerare da dove esse derivano e, quindi, cosa queste combinano all’interno del corpo
umano, che è una struttura molto diversa, e complessa, rispetto ad una bomba calorimetrica).
La razza umana, all’origine, seguendo ciò che la NATURA aveva predisposto per lei, ed essendo
nomade e cacciatrice, si alimentava così prevalentemente con i prodotti della caccia e della pesca
(quindi Grassi e Proteine animali), ma senza alcun tipo di CARBOIDRATI elaborati, ma solo con
ciò che la terra offriva (radici, bacche, molta frutta…).
Cioè assolutamente nessuna modifica, se escludiamo la cottura, a ciò che l’ambiente offriva.
Ma Vi pare che l’uomo, che deve complicare, cambiare, elaborare, modificare, stravolgere e
manomettere tutto, potesse accettare, supinamente, un’offerta così semplice fatta, per il suo bene,
dalla natura? E comunque, un problema c’era.

L’uomo primitivo era un terribile predatore, che distruggeva tutto ciò che trovava.
Non sarebbe sopravvissuto a lungo, e doveva, continuamente, cambiare luogo dopo averne esaurito
le risorse e le possibilità naturali.
Col passare degli anni però, parlo di milioni, come già accennato, con l’introduzione
dell’Agricoltura (ripeto circa 10.000 anni fa), vennero introdotti cibi “nuovi” che divennero più
facili da reperire, coltivare, difendere, tutto nei pressi della propria dimora e anche da conservare,
più comodamente, il più a lungo possibile. Questi nuovi alimenti, frutto della terra, permettevano
anche i primi scambi e la diffusione del baratto. Insomma l’inizio sociale della nostra cultura, con il
senso dell’appartenenza ad un luogo fisso, il concetto dei terreni, della proprietà e di tutto ciò che ci
va dietro. Inizia, insomma, la storia come noi la conosciamo, prima è il buio animale e l’uomo
andava avanti seguendo soltanto l’istinto e la legge di natura della sopravvivenza del più forte!
Tolta la paura della fame e non avendo più bisogno di un cibo che saziasse, e desse forza ed energia
a lungo (tanto era sempre là nell’orto ad aspettarci o conservato da qualche altra parte), la nuova
alimentazione divenne sempre più ricca di cibi elaborati, per soddisfare il palato (che, nei millenni a
seguire, diventa sempre più esigente). Ecco, quindi, che se il cibo parte dalla notte dei tempi per
farci vivere e sopravvivere meglio, passando i milioni di anni, cambia completamente la sua
principale, e indispensabile, funzione.
Vero promotore dell’introduzione del cibo che, abbiamo visto, perde sempre più il valore di
nutrimento ed acquista, invece, quello di godimento e benessere, diventa allora il gusto (e il
piacere, per niente atavico, di dividerlo con gli altri), si sviluppa così la socialità da tavola.
E, noi, da esseri brutali, semplici, asociali, forti, magri, muscolosi e sani, lentamente ci
trasformiamo in esseri educati, complicati, sociali, deboli, grassi, flaccidi e, persino, malati.
Ai nostri giorni, infatti, non si mangia quasi più per fame, ma per soddisfazione, istinto sociale e
piacere (e per lavoro, la compagnia a volte o per festeggiare, niente di male, ma…).
La frase più ricorrente è “Il cibo è uno dei piaceri della vita” e quando qualcuno mangia qualcosa
non gli si domanda, legittimamente, e salutisticamente, “Cos’è? Cosa contiene e di cosa è fatto?”,
ma il felicissimo, da un punto di vista godereccio, “Com’è? E’ buono? Come lo hai fatto?”.
Mangeremmo (e berremmo), ormai, qualsiasi cosa che soddisfi il nostro palato, anche se dovesse
trasformarci in esseri deformi, pigri, doloranti, inattivi, malati (alcolizzati,diabetici e cardiopatici),
per il piacere fino alla morte.
Ho esagerato? Vi ho dato un quadro troppo triste?
Ma è soltanto la pura verità per la maggior parte della popolazione socialmente ed economicamente
evoluta della terra (non sempre e non per tutti, ovvio)!
Ma è questo davvero il prezzo da pagare? Certo noi, amanti della Cultura Fisica, siamo esclusi dal
discorso, ma, diciamolo, anche a noi farebbe piacere uno strappetto una volta a settimana o due (e
non una volta ogni due mesi o più). Anche a noi piacerebbe uscire con la ragazza e gli amici al
sabato sera, senza che loro si sentano in colpa o ci guardino male o ci insultino per la nostra
eccessiva rigidità alimentare.
Non esiste, allora, una dieta che sia sana e sociale al tempo stesso?
Che mi faccia avere il meglio dei miei antenati lontani senza essere considerato un folle eremita
asociale? Forse quella che state per leggere è il santo Graal delle diete.
Forse è l’anello di congiunzione mancante fra l’uomo (sociale) e la bestia (possente) da cui deriva.
Forse è la soluzione.
Vi auguro che lo sia per voi come lo è stata per me.
E per questo che vi invito a leggere tutto approfondendo, a provare a lungo, e bene, ed a considerare
le sue varianti.
La ricerca potrebbe essere lunga ed apparentemente, all’inizio, infruttuosa, potrebbero volerci anche
anni a trovare la vostra personale soluzione, ma ne varrebbe assolutamente la pena.
Ripeto assolutamente. Fidatevi
Torniamo ai concetti base.
Ovvio che solo poche centinaia di anni fa non esisteva niente di cui, oggi, si fa largo uso e cioè:
PASTA, PANE, PIZZA, BISCOTTI, DOLCI e qualsiasi farinaceo o amidaceo (riso) derivato e
trattato (macinato, cotto, lievitato, scorporato, separato, setacciato…), con zucchero aggiunto
(N.B. ricordo che lo zucchero, non molto tempo fa era venduto solo in farmacia!).

Questo permetteva, e permette a tutt’oggi in tutte le attuali società “primitive”, la possibilità di
utilizzare la maggior fonte d’energia che madre natura ci ha messo a disposizione: I GRASSI.
Questi, infatti, con 9 calorie per grammo, contro le 4 che fanno i CARBOIDRATI, sono per anni
stati temuti come il “nemico dell’uomo”(colesterolo e trigliceridi alti, che portano a vari rischi
tumorali e cardiopatie, ma non è tutta la verità) che si accumula e non se ne va più. Questo solo
perché usiamo troppi CARBOIDRATI (CA), i quali impediscono l’uso corretto dei GRASSI (GR),
che vengono così “stoccati” in riserva provocando danni, per cattivo funzionamento, e
accumulandosi in punti specifici detti ”zone recettoriali di riserva” (legate a caratteristiche sessuali
e genetiche). Il secondo motivo è che usiamo, spesso, troppi GRASSI non sani, i famosi SATURI,
che i nostri antenati, e contemporanei, primitivi riducono per motivi naturali (i loro animali,
selvatici, sono meno grassi dei nostri, d’allevamento. Si stima il 4% di grassi dei loro animali, liberi
e muscolosi, contro il 25% dei nostri, ingabbiati e deboli).
La dieta è “innovativa” in quanto propone un modello antropologicamente e fisiologicamente
corretto, ma atavico appunto. Un modello alimentare seguito dalla nostra razza per oltre 50 milioni
di anni d’evoluzione (che portarono all’uomo circa 3.5 milioni di anni fa), che continua ad essere
responsabile della salute delle attuali popolazioni primitive della terra. Un modello seguito, a
tutt’oggi, da tutti noi, per molti mesi della nostra vita, dalla nascita, allo svezzamento!
Certo, il neonato è in metabolica rigida, il latte materno è soprattutto grassi e proteine, senza
CARBOIDRATI di tipo farinaceo… e il piccolo uomo, naturalmente, ha tutto e cresce parecchio,
più che in qualsiasi altro periodo della sua vita… Insomma i CARBOIDRATI, tanto
commercialmente lodati, non sono affatto così indispensabili, quanto hanno voluto farci credere.
Biochimicamente possono essere ricavati da tutte le altre sostanze del corpo, GRASSI e
PROTEINE comprese (es. la famosa Gluconeogenesi dalle Proteine).
La controprova scientifica e fisiologica è, infatti, che non esistono CARBOIDRATI ESSENZIALI,
cioè che non sono in grado di essere prodotti dall’organismo, e che necessitano di essere prelevati
dagli alimenti per la nostra ottimale, e necessaria, condizione di vita.
Viceversa esistono sia gli AMINOACIDI ESSENZIALI che i GRASSI ESSENZIALI, prova del
fatto che devono essere presi dal cibo per incapacità del nostro corpo a produrne.
Questo a detta delle conclusioni di moltissimi ricercatori chimici, medici, scienziati, antropologi.
Il modello alimentare “in voga” attualmente (cioè CA come fonte principale d’energia), consigliato
e studiato dalla maggior parte dei nutrizionisti, è invece “giovane” perché risale a circa 10.000 anni
fa con l’avvento dell’Agricoltura (la nostra medicina ufficiale, “vecchia” di 2000 anni, non ha fatto
altro che studiarlo e codificarlo, accettandolo come dato di fatto, senza verificare se fosse sempre
stato così per noi, a livello fisiologico e naturale dalla notte dei tempi o in altre parti, meno evolute
del pianeta…). Affinchè un’intera razza, o specie, si adatti e cambi, evolvendosi completamente ad
un cambio di abitudini (siano esse alimentari o climatiche), per accettarle al meglio, servono circa
100.000 anni. Ecco il perché, lo stato attuale della nostra alimentazione che propone, un modello
“recente”, con sempre più CA e sempre meno GR, con poche PROTEINE ha causato:
-uno scorretto e pericoloso stoccaggio dei GR (con relativi problemi estetici e salutistici tristemente
noti e difficilmente risolvibili), se non con diete da fame! Le quali fanno perdere peso, ma non
dimagrire! Questo perché toccano spesso le Calorie, considerate dai Dietologi tutte “uguali” fra cibi
diversi, togliendole da Grassi e Proteine. Cioè è più il muscolo che se ne va, rispetto al grasso
corporeo (si parla, in molti studi, del 65% di M.M:, cioè muscolo, perso contro il solo 25% di
grasso, il resto è acqua). Abbassando drammaticamente il Metabolismo Basale, al muscolo
fortemente legato (1Kg di muscolo consuma 100 cal. a riposo).
-un aumento, mostruoso e dilagante, dell’obesità (a fronte del fatto che sono aumentati i prodotti a
bassissima percentuale di GR, i dietetici dimagranti e moltissima gente va in Palestra…assurdo,
no?), in Europa siamo obesi al 51%, in America al 61%… Come avrebbero dovuto essere i nostri
antenati che mangiavano moltissimi GR e non facevano Palestra? Che siano tutti questi
CARBOIDRATI, in continuo aumento (l’attuale trend è il 65-70% del tot calorico), a farci
ingrassare? Noi, Italiani, abbiamo i bambini più grassi d’europa (sarà certo colpa delle merendine,
ma davvero ce la sentiamo di escludere anche la pizza e la pasta o il mitico pane da questo dramma
nostrano?!). In effetti la vecchia piramide alimentare sconsiglia in testa la stessa cosa che consiglia
alla fine, come base, cioè i cari CARBOIDRATI! L’unica differenza starebbe nell’Indice

Glicemico, elevato quello in testa, perché zuccheri semplici, basso quello alla base, perché
complessi.
Ma la realtà non è proprio questa.
Intanto, perché qualsiasi cibo cambia Indice Glicemico se cucinato o abbinato ad altre sostanze
(grassi o proteine, o, semplicemente, il succo di limone), poi perché comunque verrà stoccato ogni
CARBOIDRATO in eccesso e trasformato in GRASSO, bloccando comunque il corretto uso di
quest’ultimo.
-un aumento dei casi di DIABETE. La resistenza all’insulina è provocata dall’aumento degli
zuccheri legata, come visto, al loro indice glicemico, che sbalza la glicemia, provocando un rapido
aumento dell’insulina che, oltre ad esaurirsi, provoca lo stoccaggio degli zuccheri in Trigliceridi (il
riso bianco, consigliato dai dietologi, ha un I.G. più alto del Croissant, che è sconsigliato!!!).
-un aumento delle allergie (una indicativa è quella al Glutine nei neonati, uno ogni 150! La nostra
fisiologia si difende dall’eccesso di CA, fin dalla nascita), sintomo di abbassamento delle difese del
sistema immunitario e di reazione all’ambiente, che non viene più riconosciuto come naturale, da
cui il corpo tende a difendersi.
Tuttavia, lasciatemi fare una piccola considerazione di carattere socio politico economico.
Provate a pensare cosa avverrebbe se tale dieta prendesse piede… Pensate alla nostra colazione,
cappuccino e brioche, oppure cereali o corn flakes, o fette biscottate o torta della nonna.
Pensate al pranzo con la pasta o alla nostra cena con la pizza o al dolce. E la merendina, tutta
dolcetti e biscotti, dove la mettiamo? Vedo l’economia italiana che andrebbe, rapidamente, a gambe
all’aria… Non credo che, questa dieta, potrà mai uscire da un certo ambiente, limitato e di nicchia,
per ovvi motivi d’interesse socioeconomicoculturale.
Ho iniziato dicendo che l’Alimentazione primitiva, troppo ricca di grassi animali, è osteggiata dai
dietisti. Ora sappiamo anche perché.
Eppure fra gli antropologi e i nutrizionisti, più accreditati e coraggiosi, che sanno opporsi alle
grandi lobbi, c’è una vera riscoperta dell’atavica alimentazione.
Cito, fra tutte, una ricerca fatta recentemente dalle due categorie della PURDUE UNIVERSITY,
negli USA, che ha scoperto che la selvaggina contiene Grassi “buoni”(paragonabili a quelli del
pesce), oltre ad essere, ovviamente, molto più magra della carne d’allevamento. Inoltre gli animali
si nutrono in modo corretto e naturale, e non corrono rischi di assumere “invenzioni” umane (vedi
effetto mucca pazza) o addittivi e sostanze più o meno pericolose.
Ma torniamo ai Grassi speciali. Questi, come quelli del Pesce appunto, abbassano il Colesterolo e,
in generale, il rischio di malattie cardiovascolari per la pulizia delle arterie.
Per avere conferma di ciò sono andati a studiare alcune moderne popolazioni tribali (tipo i
Nanamiut dell’Alaska e gli Aborigeni australiani), che hanno abitudini alimentari identiche a
quelle dei nostri antenati! E, indovinate cosa hanno riscontrato? Lo so, lo ripeterò più volte: fra loro
l’incidenza di malattie cardiache, diabete e obesità è praticamente nulla!
Ecco, sento il Vostro pensiero terrorizzato: non mangerò più pasta e pane?
Tuttavia, vedrete che non dovrete dare addio a nessun alimento! Davvero! Anche pasta, pane e altri
carboidrati compresi. Bisognerà solo limitarli molto e/o usarli in giorni precisi… Vediamo come.

IN COSA CONSISTE LA DIETA
Per riportare il corpo al suo stato originale d’uso corretto del cibo, cioè energia dai GR, scorte e
riserve dai Carboidrati, stabilito per milioni di anni da madre natura, e rielaborato, e stravolto, dalla
“genialità” della sola razza umana civilizzata, si deve seguire il seguente modello:
FASE I o di Valutazione o Metabolica
Serve a capire come, e in quanto tempo, il nostro organismo, liberandosi dei Carboidrati, passa
all’uso corretto dei Grassi.
Prevede le seguenti percentuali di suddivisione degli alimenti, a livello calorico, giornaliero:

CARBOIDRATI: SOLO 30gr AL GIORNO (considerato come il limite massimo assumibile per
non uscire dall’adattamento metabolico che auspichiamo) o IL 4-10% DELLE CALORIE totali
GIORNALIERE (è possibile assumere, comunque, frutta e verdura a volontà, in quanto non c’è
interferenza eccessiva con la glicemia).
GRASSI: prevalentemente insaturi (cioè dal PESCE e dagli olii vegetali) SONO IL 40-60%
DELLE CALORIE GIORNALIERE. E’ possibile tenerli alti perché verranno metabolizzati e
usati, stavolta non più stoccati, per dare energia a tutte le funzioni vitali (si accumuleranno solo se
in eccesso, e faranno i loro danni se saranno SATURI oltre il 75% del totale).
PROTEINE: AL 40-50% DELLE CALORIE (per mantenere la massa muscolare che è il tessuto
più attivo metabolicamente del corpo, consuma, per Kg., 100 cal. al giorno, a riposo).
Questa fase dura, solo all’inizio, 12 giorni, tempo indispensabile a far si che il corpo ricordi come
funzionava milioni di anni fa e ricominci ad esser bravo ad utilizzare i GR come fonte principale e
assoluta d’energia. Poi durerà solo 5-6 giorni ogni settimana. Per motivi sociali è consigliato
iniziare la FASE I di LUNEDI’ (capirete il perché).
Il Dott. Di Pasquale, consiglia vari moduli progressivi di adattamento a questa fase, in cui vengono
ridotti i CA. (in modo, appunto, graduale o progressivo o ad onda).
Tutto per evitare che il corpo subisca un forte stress da mancanza di CA e metabolizzi i GR, con
una lenta progressione.
Ritengo, per motivi di brevità della trattazione e per esperienza personale con centinaia di persone
ascoltate, che sia un approccio utile solo con alcuni soggetti particolarmente ”intossicati” dai CA. e
non sportivi. Questa trattazione, lo ricordo ancora una volta, non è specificatamente rivolta a tali
soggetti, che presentano appunto, magari, anche patologie o semplicemente gravi livelli d’obesità
(una malattia a tutti gli effetti).
FASE II o Ricarica dei Carboidrati
Prevede le seguenti percentuali di suddivisione degli alimenti a livello calorico giornaliero:
CARBOIDRATI: AL GIORNO IL 35-60% DELLE CALORIE. Questa fase viene chiamata di
ricarica ed è simile all’alimentazione consigliata da tutti i vari nutrizionisti. Serve per utilizzare
l’ormone INSULINA al meglio, senza che accumuli GR, ma solo energia, dai CA, che non
verranno più stoccati in TRIGLICERIDI, ma verranno messi nei muscoli, nel fegato e nel cervello
(come GLICOGENO) e lì saranno ben utilizzati, e conservati, quasi fino al nuovo carico.
GRASSI: prevalentemente insaturi (cioè dal PESCE e dagli olii vegetali) SONO RIDOTTI AL 2040% DELLE CALORIE GIORNALIERE (per evitare che possano riaccumularsi in questa fase).
L’ulteriore scopo è quello di stimolare l’aumento dell’Insulina, o meglio gli sbalzi della stessa.
PROTEINE: AL 15-30% DELLE CALORIE (per mantenere la sensibilità recettoriale alle stesse e
permettere che, dopo, i muscoli ne siano “affamati” e le trattengano meglio).
Questa FASE II, comincia (se partite di LUNEDI’ come consigliato) esattamente il SABATO dopo
il 12° giorno della FASE I, e va avanti massimo fino a DOMENICA (pomeriggio o, se avete molti
muscoli da ricaricare di glicogeno, sera), la prima volta. Poi si intercala, ogni 5-6 giorni dopo la
FASE I, consiglierei PER UN GIORNO SOLTANTO (o ripeto se avete molti muscoli, e vi allenate
seriamente con i pesi, anche DUE).
N.B.
Ricordate che è molto importante che i GRASSI devono essere soprattutto presi dagli INSATURI
(cioè, ripeto, olii vari vegetali e pesci) quindi almeno al 25% del totale, che sono più sani, e solo al
restante 75%, o meno, dai SATURI (cioè provenienti da carne, latte e derivati, uova), decisamente
meno salubri.
Personalmente ho invertito la percentuale dei rapporti fra i GRASSI e sono meno aggressivo, più
calmo, elastico muscolarmente e, mi sembra di stare ancora meglio, ma è una mia personale
variante.

I nostri antenati, e le popolazioni primitive attuali, ripeto, non mangiano animali d’allevamento
(necessariamente mi ripeto: grassi al 25%, perché non si muovono e conducono una vita innaturale),
ma selvaggina (con grassa al 4% circa molto simili alla categoria successiva) e pesce (i cui grassi
non fanno male, ma appartengono alla categoria E.F.A., vedere alla fine il GLOSSARIO per gli
effetti di questi sull’uomo). Ecco, fra l’altro, perché stanno meglio di noi (non hanno diabete,
allergie, artrosi, glaucoma e molte altre malattie legate ai nostri amici CA).

ESEMPIO PRATICO: dieta tipo (con esempio delle due fasi).
In pratica se siete in FASE I potete mangiare solo cibi proteici e grassi, i migliori sono:
COLAZIONE/SPUNTINI
Da fare a metà mattina o pomeriggio, se necessario (in ogni caso solo quando si ha fame, è
questo l’altra innovazione fisiologica e naturale della dieta):
Alternative PROTEICHE a scelta, da effettuare (SINGOLARMENTE) a rotazione (il quantitativo
in grammi, è solo consigliato per un atleta, maschio, medio, di una settantina di kg di muscoli, che
vuole mantenersi muscoloso e/ o “tirarsi”. Per le donne, le porzioni vanno ulteriormente ridotte di
un buon 20-15% o più, a seconda del peso e dell’attività).
-2-3 UOVA (1-2 volte a settimana).
-85-115 gr di TONNO/SALMONE/SARDINE/SGOMBRO/ SURIMI (attenzione allo zucchero
che spesso vi si nasconde dentro) o altro pesce a piacere (anche più volte al giorno tutti i giorni).
-85-115 gr di CARNE, anche IN SCATOLA, ma solo per praticità (1-2 volte a settimana).
-85-115 gr di MORTADELLA/PROSCIUTTO/ BRESAOLA o altro affettato a scelta (1-3
volte a settimana, se la scelta ricade sui meno grassi e non zuccherati).
-50-80gr di FORMAGGIO GRANA o PARMIGIANO o altri formaggi (1-2 volte a settimana).
Alternative, poco ricche di CARBOIDRATI, qualora ce ne fosse la necessità, a scelta, da effettuare
solo a COLAZIONE, una sola volta al giorno(MAI NEGLI SPUNTINI), e, rigorosamente, a
rotazione:
-30-45 gr di (scegliere una sola voce e, preferibilmente, evitarla dopo il 4° giorno dei primi 12
giorni di FASE I, poi si potrà ri-immetterla nei successivi 5-6 giorni della stessa FASE):
-CEREALI INTEGRALI (senza zucchero)
-MUESLI (senza zucchero)
-ALL BRAN(senza zucchero)
-BISCOTTI INTEGRALI (senza zucchero)
-FETTE BISCOTTATE INTEGRALI (senza zucchero)
Questi cibi, tutti, a questa grammatura, non dovrebbero superare il limite di percentuale (4-10%) dei
CA pro die (nessun cibo è il 100% di CA).
Oppure
FRUTTA (più o meno a volontà, visto che è difficile superare il limite dei 30gr giornalieri di
CARBOIDRATI con la sola frutta).
PRANZO/CENA
Da fare lontano dagli SPUNTINI (almeno 3 ore):
Qualsiasi cibo PROTEICO, sempre dopo un’insalata cruda o cotta molto abbondante, a piacere:
100-250 gr di PESCE (meglio Salmone, Sgombro, Sardine o altro Pesce Grasso) cucinato
come volete o in scatola (se non temete il sale)
o

100-250 gr di CARNE (libera la scelta Rossa o Bianca) cucinata come volete
o
100-250 gr di AFFETTATI (dalla Mortadella alla Bresaola) preparati come volete
o, se non ne usate durante il giorno:
4-5 UOVA (a frittata o come volete)
o
100-150 gr di FORMAGGI (meglio Grana, Parmigiano, Emmenthal, Pecorino)
o
un’INSALATA ALLA GRECA (cioè senza riso o mais, ma con tonno o wurstel, uova, cubetti di
prosciutto, funghetti, formaggio e quant’altro volete)
o
50-85 gr di SALSICCIA o INSACCATI (non troppo grassi) vari.
In pratica, se siete, invece, in FASE II potete mangiare pochi cibi proteici e grassi, e molti
CARBOIDRATI, come avete sempre fatto in pratica, tornate, quindi, alla vostra alimentazione di
sempre, per questo non vi faccio esempi (ma vi dico COLAZIONE con biscotti, cereali o brioches,
PRANZO o CENA con pasta, riso o pizza, in quantità moderata però).

CONCLUSIONI E ULTIMI CONSIGLI
Avete capito che d’ora in poi il vostro corpo consumerà GRASSI per fornirvi energia.
Questi, per me meglio se prevalentemente INSATURI (ripeto da PESCE e OLII VEGETALI), si
accumuleranno molto di meno e verranno prelevati proprio dalle vostre zone di riserva, finora
ritenute intoccabili. Sempre che riusciate a far passare il vostro corpo in fase metabolica.
Inoltre vi permetteranno di:
-Avere molta più ENERGIA, in quantità e qualità (ricordate ben 9 Cal per grammo contro le 4 dei
CA!).
-Stabilizzare la vostra GLICEMIA, riducendo in maniera sensibile l’appetito, senza crearvi “fame
nervosa” e oscillazioni d’energia e d’umore!
-Mantenere e, addirittura,aumentare la massa muscolare, pur dimagrendo!
-Aumentare la FORZA o mantenerla!
-Migliorare le risposte del vostro sistema IMMUNITARIO (collegato agli EFA).
-Togliere il grasso dai vostri punti critici e combattere la cellulite!
-Stare a dieta, senza fatica, e con il gusto dei cibi saporiti e ritenuti vietati!
-Praticità e velocità dei pasti, senza contare troppo la calorie, ma guardando lo specchio.
Questo, e addirittura altro, dipenderà da come sapete farla, ascoltando il vostro corpo.
Per molti fare due giorni, o più pasti di ricarica di CA, è troppo!
Il maggior dimagrimento, se oltre alla salute e al benessere, è questo il vostro scopo, dipenderà da:
-QUANTITA’ DI CALORIE TOTALI INGERITE.
-QUANTITA’ DI GRASSI TOTALI, E TIPO, INGERITI.
-QUANTITA’, E TIPO, DI CARBOIDRATI TOTALI INGERITI.
-NUMERO DI GIORNI IN FASE I E IN FASE II.
-ATTIVITA’ FISICA SVOLTA ( tipo e quantità: per esempio aerobica o anaerobica, poco o
molto intensa).
Giocare sulla manipolazione di questi parametri dipenderà dalla vostra abilità, anche nel vedervi, e
dalle vostre conoscenze ed esperienze, ma sarà sempre più facile quanto più utilizzerete la dieta.
I critici delle diete Chetogeniche, a cui la Metabolica per molti versi appartiene (anche se per altri
ne esce come un’evoluzione delle stesse), si preoccupano appunto dell’eccessiva produzione di
chetoni nel corpo. Costoro pensano che causi una condizione dovuta al diabete di tipo I, mal gestito
fra l’altro, chiamata chetoacidosi. I diabetici di tipo I, si sa, non riescono a produrre Insulina, ciò fa

si che la produzione di chetoni aumenti oltre il normale, abbassando di conseguenza il PH del
sangue.Ciò, tuttavia, non è stato riscontrato nelle persone non affette da diabete di tipo I, appunto.
In ogni caso si evita un’alta acidità del sangue con piccole dosi di Bicarbonato di Sodio (o Potassio,
se temete ritenzione liquida data dal primo dei due).
Un’ultima serie di raccomandazioni frutto della mia personale esperienza:
- Bevete quanta più acqua vi è possibile. Vi aiuterà a purificarvi e a saziarvi.
- Se volete tirarvi al massimo, eliminate i grassi per gli ultimi 10-15 giorni prima di una data
importante (gara o servizio fotografico).
- Usate pochissimi affettati, possono mandarvi fuori dalla metabolica o dalla forma ottimale
perché troppo ricchi di zuccheri nascosti (e spesso incalcolabili), oltre che di sale e altre
sostanze tutt’altro che sane (nitriti, nitrati,glutammato, conservanti e quant’altro).
- Se fate fatica a stare lontano dai Carboidrati, non siete in metabolica, oppure ne avete un
maggior bisogno. Valutate le due cose e cambiate strategia. Se, però, fate fatica ad eliminare i
dolci (o cadete in tentazione) usate i limoni, mangiati interi o spremuti, anche quelli
confezionati, sono ottimi per resistere alle “dolci” tentazioni (dopo un bel succo di limone
sparato nel gargarozzo vi passa la voglia di dolce…garantito al limone!).
Fatevi, inoltre, le analisi ogni sei mesi circa e se volete saperne di più sulla vostra, e altrui, salute e
reale composizione corporea, e molto altro, usate un regolare controllo BIA con sistemi seri (i
migliori del mondo sono quelli della Akern). Buona dieta.
PERSEVERATE, SPERIMENTATE INTELLIGENTEMENTE E CON LA MIA SUPERVISIONE,
RICORDATE CHE AVETE REAZIONI METABOLICHE DIVERSE DA ALTRI INDIVIDUI, IMPARATE A
CONOSCERVI PER MIGLIORARVI COSTANTEMENTE. TUTTO DIPENDE DAL SET POINT
PERSONALE SUI CARBOIDRATI, DAL TIPO DI GRASSO CHE UTILIZZATE E DA QUANTE PROTEINE
METABOLIZZATE. BUONA MESSA IN PRATICA E BUON NUOVO CORPO.

APPENDICE

Attenzione. Ho appreso, da un noto programma televisivo (QUARK di Piero Angela), la seguente
notizia che Vi passo come è stata data:
“Tutti gli studi che riguardano le cardiopatie e le relazioni che queste hanno con i grassi
alimentari nocivi (Colesterolo, saturi ecc…), le scorrette abitudini di vita e quello che sono gli
effetti collaterali delle stesse (fumo, ipocinesia, alcool, ecc…), sono partite dal famoso studio di
FRAMINGHAM (U.S.A., Massachuttes). Uno studio ad ampio spettro su tutte le abitudini di vita
di questo paesino americano che ha sottoposto, finora, circa 15000 persone ad un indagine su
ogni loro abitudine di vita, e che dura (coinvolgendo varie generazioni) da 56 anni. Fino a che
questo studio non venne esaminato, la prima volta, i medici non mettevano in alcuna relazione le
cardiopatie e il consumo eccessivo di grassi o consideravano normale l’ipertensione ad una certa
età, senza relazionarla col cibo o altre cause.”
Si può dire, quindi, che le conclusioni a cui è arrivata la classe medica sul problema grassi è
estremamente circoscritta e limitata come visione?
Insomma, mi chiedo:
Sono più i mangiatori di Carboidrati elaborati (pasta, pane, pizza, dolci ecc.) sull’intero pianeta o
meno? Gli studi vanno fatti sull’uomo come è in natura o su come è diventato grazie al suo
snaturarla in ogni senso?
Forse la classe medica nutrizionistica, a livello generale, trae conclusioni del tipo:
“Stando così le cose la via meno peggio è questa…”
Ma non sarebbe il caso di dettare vecchie leggi di natura come la strada corretta da seguire?
Non sono mai stati ampiamente monitorati le conseguenze di un’alimentazione ricchissima in grassi
(omega 3 soprattutto, cioè del pesce) degli Inuit o dei moltissimi popoli pescatori o cacciatori di
ogni parte del globo. I pochi studiosi che l’hanno fatto non fanno quasi testo, ma dicono che costoro
sono molto corretti con i livelli di Colesterolo e altro, e non hanno alcuna conseguenza negativa,
anzi, dalla loro dieta “primitiva” e “sbilanciata”.
Come mai? E’ affrettato trarre conclusioni apparentemente logiche come:
“Tutti costoro non mangiando Carboidrati non subiscono molti effetti nocivi dal Grasso?”.
Forse, i nostri medici, non studiano modi molto diversi di alimentarci, perché sanno che abbiamo
perso l’uso del cibo per quello che realmente è la Fonte naturale di noi stessi.
Forse sanno che la battaglia della salute è una guerra persa contro il gusto e i piaceri della vita?
Forse non conoscono fonti alternative di alimentazione o forse hanno paura di scatenare un caos
economico? Forse tutto questo e ancora di più insieme? A Voi le fin troppo logiche conclusioni.
Grazie.

PROF.PASQUALE COZZA
Diplomato I.S.E.F. con lode nel 1987
Abilitato all’insegnamento alle scuole Medie e Superiori (con 78/80 nel 1991).
Prof. di Educazione Fisica, attualmente presso quattro scuole superiori.
Tecnico di Pesistica e Cultura Fisica FILPJK/CONI dal 1985.
Relatore unico del Veneto per la Teoria dell’Allenamento Natural per la FIPCF/CONI dal 1991
Istruttore e Allenatore di Cultura Fisica Natural con oltre 20 anni di esperienza.
Consulente Programmi d’allenamento personalizzati delle migliori palestre di Verona.
Docente Federale Nazionale FIPCF/CONI
Membro del Centro Studi e Ricerche della FIPCF
Membro e Socio Fondatore dell’Accademia del Movimento
Istruttore e Allenatore di Atletica Leggera dal 1985.


Documenti correlati


Documento PDF anabolic again 12 week advanced muscle building protocol
Documento PDF anabolic food
Documento PDF pua training the secret that doubles testosterone book


Parole chiave correlate