File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Assistenza Contattaci



Service Manual Domitech .pdf



Nome del file originale: Service Manual Domitech.pdf
Titolo: 354M061001.pdf
Autore: STAFM

Questo documento in formato PDF 1.4 è stato generato da PScript5.dll Version 5.2 / Acrobat Distiller 7.0 (Windows), ed è stato inviato su file-pdf.it il 03/07/2013 alle 19:55, dall'indirizzo IP 151.18.x.x. La pagina di download del file è stata vista 9149 volte.
Dimensione del file: 2.2 MB (24 pagine).
Privacy: file pubblico




Scarica il file PDF









Anteprima del documento


DOMItech C24 / C32
DOMItech F24 / F32
EASYtech C24 / C32
EASYtech F24 / F32
Generatore termico per riscaldamento e produzione di acqua calda sanitaria ad alto rendimento
funzionante a gas naturale o GPL, dotato di bruciatore atmosferico ad accensione elettronica, camera aperta e camera stagna a ventilazione forzata, sistema di controllo a microprocessore, destinata
all’installazione in interno o esterno in luogo parzialmente protetto (secondo EN 297/A6) per temperature fino a -5°C (-15°C con kit antigelo opzionale).

M19

training.center ¬ codice 354M0610 ¬ rev.01 ¬ edizione 06/2008

MANUALE TECNICO

DOMItech C24 ¬ DOMItech C32 ¬ DOMItech F24 ¬ DOMItech F32 ¬ EASYtech C24 ¬ EASYtech C32 ¬ EASYtech F24 ¬ EASYtech F32

manuale.tecnico

Sommario
SEZIONE 1 ¬ CARATTERISTICHE E DATI TECNICI GENERALI __________________________________________ 3
1.1 Interfaccia utente ______________________________________________________________________________ 3
1.2 Vista generale (rev.00)___________________________________________________________________________ 4
1.3 Vista generale (rev.01 - solo per DOMItech) __________________________________________________________ 5
1.4 Tabella dati tecnici _____________________________________________________________________________ 6
SEZIONE 2 ¬ CIRCUITO IDRAULICO _______________________________________________________________ 7
2.1 Circuito idraulico ______________________________________________________________________________ 7
2.2 Perdite di carico / prevalenza circolatori_____________________________________________________________ 8
SEZIONE 3 – CIRCUITO GAS ______________________________________________________________________ 9
3.1 Regolazione pressione al bruciatore _______________________________________________________________ 9
3.2 Trasformazione gas di alimentazione ______________________________________________________________ 10
3.4 Elettrodo di accensione e rivelazione______________________________________________________________ 11
SEZIONE 4 - CIRCUITO ARIA/FUMI _______________________________________________________________12
4.1 Pressostato aria (modelli F24-F32) ________________________________________________________________ 12
4.2 Ventilatore e presa di pressione (modelli F24-F32) ____________________________________________________ 12
4.3 Diaframmi __________________________________________________________________________________ 13
4.4 Sostituzione del diaframma _____________________________________________________________________ 13
SEZIONE 5 - CIRCUITO ELETTRICO _______________________________________________________________14
5.1 Scheda elettronica ____________________________________________________________________________ 14
5.2 Sensori di temperatura_________________________________________________________________________ 14
5.3 Scheda opzionale LC31 ________________________________________________________________________ 14
5.4 Schemi elettrici ______________________________________________________________________________ 15
SEZIONE 6 - MODALITÀ DI FUNZIONAMENTO _____________________________________________________17
6.1 Modalità OFF ________________________________________________________________________________ 17
6.2 Modalità STAND-BY ___________________________________________________________________________ 17
6.3 Modalità SANITARIO __________________________________________________________________________ 17
6.4 Modalità RISCALDAMENTO _____________________________________________________________________ 17
6.5 Modalità COMFORT ___________________________________________________________________________ 17
6.6 Modalità TEST________________________________________________________________________________ 18
6.7 Modalità ANTIGELO ___________________________________________________________________________ 18
6.8 Cronocomando Remoto (OpenTherm) ____________________________________________________________ 18
6.9 Selezione funzionamento scheda opzionale LC31____________________________________________________ 18
6.10 Anomalie __________________________________________________________________________________ 19
6.11 Menù Parametri Service _______________________________________________________________________ 21
6.12 Funzionalità aggiuntive _______________________________________________________________________ 22

2

manuale tecnico ¬ codice: 354M0610 ¬ nome file: 354M061001.pdf ¬ edizione: 06/2008 ¬ tipo: M19

DOMItech C24 ¬ DOMItech C32 ¬ DOMItech F24 ¬ DOMItech F32 ¬ EASYtech C24 ¬ EASYtech C32 ¬ EASYtech F24 ¬ EASYtech F32

SEZIONE 1 ¬ CARATTERISTICHE E DATI TECNICI GENERALI

manuale.tecnico

1.1 Interfaccia utente
FERROLI
1

2
7

10

8

11

14

3

9

13

16

15

12

5

6

4

FER
7
16
14

10

12

5

9

4

2

3

1
13

11

15

8

6
Legenda
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16

Tasto decremento impostazione temperatura acqua calda sanitaria
Tasto incremento impostazione temperatura acqua calda sanitaria
Tasto decremento impostazione temperatura impianto riscaldamento
Tasto incremento impostazione temperatura impianto riscaldamento
Display
Tasto Ripristino - selezione modalità Estate/Inverno
Tasto selezione modalità Economy/Comfort - Accensione/Spegnimento apparecchio
Simbolo acqua calda sanitaria
Indicazione funzionamento sanitario
Indicazione modalità Estate
Indicazione multi-funzione
Indicazione modalità Eco (Economy)
Indicazione funzione riscaldamento
Simbolo riscaldamento
Indicazione bruciatore acceso e potenza attuale
Idrometro

manuale tecnico ¬ codice: 354M0610 ¬ nome file: 354M061001.pdf ¬ edizione: 06/2008 ¬ tipo: M19

3

DOMItech C24 ¬ DOMItech C32 ¬ DOMItech F24 ¬ DOMItech F32 ¬ EASYtech C24 ¬ EASYtech C32 ¬ EASYtech F24 ¬ EASYtech F32

manuale.tecnico

1.2 Vista generale (rev.00)
modello a camera aperta [ C ]

modello a camera stagna [ F ]

10

43 187 29

5

56
78

56

16
28
278

278
27

19

27

19
26

26
81
20
21
22

81
20
21
22

14
36
114

44

14
36
114
44

42

32

10

8

7

38

9

74

42

11

32

10

8

7

38

9

74

11

290

Legenda
5
7
8
9
10
11
14
16
19
20
21
22
26
27
28
29
32
36
38
42
43
44
56
74

4

Camera stagna
Entrata gas
Uscita acqua sanitario
Entrata acqua sanitario
Mandata impianto
Ritorno impianto
Valvola di sicurezza
Ventilatore
Camera combustione
Gruppo bruciatori
Ugello principale
Bruciatore
Isolante camera di combustione
Scambiatore in rame per riscaldamento e sanitario
Camera fumo
Collettore uscita fumi
Circolatore riscaldamento
Sfiato aria automatico
Flussostato
Sonda temperatura sanitario
Pressostato aria
Valvola gas (SIEMENS)
Vaso di espansione
Rubinetto di riempimento impianto

78
81
114
187
278
290

Antirefouleur
Elettrodo d’accensione e rilevazione
Pressostato acqua
Diaframma fumi
Sensore doppio (Sicurezza + Riscaldamento)
Griglia antivento (opzionale)

manuale tecnico ¬ codice: 354M0610 ¬ nome file: 354M061001.pdf ¬ edizione: 06/2008 ¬ tipo: M19

DOMItech C24 ¬ DOMItech C32 ¬ DOMItech F24 ¬ DOMItech F32 ¬ EASYtech C24 ¬ EASYtech C32 ¬ EASYtech F24 ¬ EASYtech F32

modello a camera aperta [ C ]

modello a camera stagna [ F ]

10

43 187 29

5

56
78

56

16
28
278

278
27

19

27

manuale.tecnico

1.3 Vista generale (rev.01 - solo per DOMItech)

19
26

26
81
20
21
22

81
20
21
22

14
36
114

44

14
36
114
44

42

32

10

8

7

38

9

74

42

11

32

10

8

7

38

9

74

11

Legenda
5
7
8
9
10
11
14
16
19
20
21
22
26
27
28
29
32
36
38
42
43
44
56
74

Camera stagna
Entrata gas
Uscita acqua sanitario
Entrata acqua sanitario
Mandata impianto
Ritorno impianto
Valvola di sicurezza
Ventilatore
Camera combustione
Gruppo bruciatori
Ugello principale
Bruciatore
Isolante camera di combustione
Scambiatore in rame per riscaldamento e sanitario
Camera fumo
Collettore uscita fumi
Circolatore riscaldamento
Sfiato aria automatico
Flussostato
Sonda temperatura sanitario
Pressostato aria
Valvola gas (HONEYWELL)
Vaso di espansione
Rubinetto di riempimento impianto

78
81
114
187
278
290

Antirefouleur
Elettrodo d’accensione e rilevazione
Pressostato acqua
Diaframma fumi
Sensore doppio (Sicurezza + Riscaldamento)
Griglia antivento (opzionale)

manuale tecnico ¬ codice: 354M0610 ¬ nome file: 354M061001.pdf ¬ edizione: 06/2008 ¬ tipo: M19

5

DOMItech C24 ¬ DOMItech C32 ¬ DOMItech F24 ¬ DOMItech F32 ¬ EASYtech C24 ¬ EASYtech C32 ¬ EASYtech F24 ¬ EASYtech F32

manuale.tecnico

1.4 Tabella dati tecnici

6

POTENZE, RENDIMENTI
Portata Termica
Potenza Termica Riscaldamento
Potenza Termica Sanitario
Classe efficienza direttiva 92/42 EEC
Classe di emissione NOx
ALIMENTAZIONE GAS
Ugelli bruciatore G20
Pressione gas di alimentazione G20
Pressione a valle della valvola gas G20
Portata gas G20
Ugelli bruciatore G31
Pressione gas di alimentazione G31
Pressione a valle della valvola gas G31
Portata gas G31
RISCALDAMENTO
Pressione esercizio
Temperatura massima
Contenuto acqua
Capacità vaso di espansione
Pressione di precarica vaso
SANITARIO
Pressione esercizio
Contenuto acqua
Portata Δt 25°C
Portata Δt 30°C
DIMENSIONI, PESI & ATTACCHI
Altezza
Larghezza
Profondità
Peso a vuoto
Mandata / Ritorno impianto
Ingresso / Uscita acqua sanitario
Ingresso gas
ALIMENTAZIONE ELETTRICA
Tensione di alimentazione
Potenza elettrica assorbita
Potenza elettrica assorbita in sanitario
Grado fo protezione

kW
kW
kW
nr x Ø
mbar
mbar
m3/h
nr x Ø
mbar
mbar
kg/h
bar
°C
litri
litri
bar
bar
litri
l/min
l/min

C24
C32
F24
F32
Pmax Pmin Pmax Pmin Pmax Pmin Pmax Pmin
25,8
8,3
34,4
11,5
25,8
8,3
34,4
11,5
23,3
7,0
31,1
9,7
24,0
7,2
32,0
9,9
23,3
7,0
31,1
9,7
24,0
7,2
32,0
9,9




3(<150 mg/kWh) 3(<150 mg/kWh) 3(<150 mg/kWh) 3(<150 mg/kWh)
Pmax Pmin Pmax Pmin Pmax Pmin Pmax Pmin
11 x 1,25
15 x 1,25
11 x 1,35
15 x 1,35
20
20
20
20
14,5
1,7
14,5
1,7
12,0
1,5
12,0
1,5
2,73
0,88
3,64
1,22
2,73
0,88
3,64
1,22
11 x 0,79
15 x 0,79
11 x 0,79
15 x 0,79
37
37
37
37
35,0
5,0
35,0
5,0
35,0
5,0
35,0
5,0
2,00
0,65
2,69
0,90
2,00
0,65
2,69
0,90
Pmax Pmin Pmax Pmin Pmax Pmin Pmax Pmin
3
0,8
3
0,8
3
0,8
3
0,8
90
90
90
90
1,0
1,2
1,0
1,2
7
10
7
10
1
1
1
1
Pmax Pmin Pmax Pmin Pmax Pmin Pmax Pmin
9
0,25
9
0,25
9
0,25
9
0,25
0,3
0,5
0,3
0,5
13,3
17,8
13,7
18,3
11,1
14,8
11,4
15,2

mm
mm
mm
kg
Ø mm
Ø mm
Ø mm

700
400
260
27
3/4”
1/2”
1/2”

700
400
360
33
3/4”
1/2”
1/2”

700
400
260
32
3/4”
1/2”
1/2”

700
400
360
38
3/4”
1/2”
1/2”

V / Hz
W
W
IP

230V / 50Hz
80
15
X5D

230V / 50Hz
90
15
X5D

230V / 50Hz
110
40
X5D

230V / 50Hz
135
55
X5D

manuale tecnico ¬ codice: 354M0610 ¬ nome file: 354M061001.pdf ¬ edizione: 06/2008 ¬ tipo: M19

DOMItech C24 ¬ DOMItech C32 ¬ DOMItech F24 ¬ DOMItech F32 ¬ EASYtech C24 ¬ EASYtech C32 ¬ EASYtech F24 ¬ EASYtech F32

2.1 Circuito idraulico

278
27

56

manuale.tecnico

SEZIONE 2 ¬ CIRCUITO IDRAULICO

42
114

36

38
14
32

74

10

8

9

11

Legenda
8
9
10
11
14
27
32
36
38
42
56
74
114
278

Uscita acqua sanitario
Entrata acqua sanitario
Mandata impianto
Ritorno impianto
Valvola di sicurezza
Scambiatore in rame per riscaldamento e sanitario
Circolatore riscaldamento
Sfiato aria automatico
Flussostato
Sonda temperatura sanitario
Vaso di espansione
Rubinetto di riempimento impianto
Pressostato acqua
Sensore doppio (Sicurezza + Riscaldamento)

manuale tecnico ¬ codice: 354M0610 ¬ nome file: 354M061001.pdf ¬ edizione: 06/2008 ¬ tipo: M19

7

DOMItech C24 ¬ DOMItech C32 ¬ DOMItech F24 ¬ DOMItech F32 ¬ EASYtech C24 ¬ EASYtech C32 ¬ EASYtech F24 ¬ EASYtech F32

H (m H2O)

manuale.tecnico

2.2 Perdite di carico / prevalenza circolatori
7

modello a

24

6
5
4

kW

3
2

A

3
1
2
1

H (m H2O)

0 0

500

1000

1500

7
6
5

2000
Q (l/h)

modello a

32

3

kW

2
A

4
3

1

2
1
0 0

500

1000

1500

Legenda
A Perdite di carico caldaia
1/2/3 Velocità circolatore

8

manuale tecnico ¬ codice: 354M0610 ¬ nome file: 354M061001.pdf ¬ edizione: 06/2008 ¬ tipo: M19

2000

DOMItech C24 ¬ DOMItech C32 ¬ DOMItech F24 ¬ DOMItech F32 ¬ EASYtech C24 ¬ EASYtech C32 ¬ EASYtech F24 ¬ EASYtech F32

3.1 Regolazione pressione al bruciatore
Questo apparecchio, essendo del tipo a modulazione di fiamma, ha due valori di pressione fissi: quello di minima e quello
di massima, che devono essere quelli indicati in tabella dati tecnici in base al tipo di gas.
VALVOLA GAS SIEMENS

•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•

Verificare a quale valore è impostata la “potenza massima riscaldamento” entrando nel menù parametri dalla scheda o da comando remoto.
Aprire ed abbassare il pannello.
Comandi della caldaia.
Aprire la presa di pressione “B” (OUT) e collegare il manometro.
Attivare la caldaia in modalità TEST (premere contemporaneamente i tasti +/- riscaldamento per 5 sec)
Aprire 1 o 2 rubinetti dell’acqua calda sanitaria.
Scollegare il tubetto “H” (per caldaie a camera stagna).
Portare il riscaldamento al “massimo”.
Regolare la pressione massima con la vite “G” (sotto il tappo di protezione “D”) in senso orario per aumentarla ed antiorario per diminuirla.
Scollegare un faston “C” dal modureg.
Regolare la pressione minima con la vite “E” (sotto il tappo di protezione “D”) in senso orario per aumentarla ed antiorario per diminuirla.
Ricollegare il faston “C” al modureg e verificare che la pressione massima non sia cambiata. Scollegare il faston e verificare che anche la pressione
minima non sia cambiata.
Ripetere il procedimento almeno 2-3 volte.
•
•
•
•
•
•

Ricollegare il faston al modureg
Ricollegare il tubetto “H” (per caldaie a camera stagna).
Chiudere la presa di pressione “B”.
Disattivare la modalità TEST (premere contemporaneamente i tasti +/- riscaldamento per 5 sec)
Chiudere il pannello comandi della caldaia.
Reimpostare il parametro “potenza massima riscaldamento” al valore di origine inizialmente verificato.
H
B

C

Legenda

D

B
C
D
E
G
H

E
G

D

manuale.tecnico

SEZIONE 3 – CIRCUITO GAS

C

presa di pressione a valle (OUT)
cavo alimentazione Modureg
cappuccio di protezione
regolazione pressione minima
regolazione pressione massima
tubetto di compensazione
(modello F)

C

VALVOLA GAS HONEYWELL (solo per rev. 01 - DOMItech)

•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•

Collegare un idoneo manometro alla presa di pressione “B” posta a valle della valvola gas.
Scollegare il tubetto di compensazione pressione “H”.
Togliere il cappuccio di protezione “D”.
Far funzionare la caldaia in modo TEST (premere i tasti “Sanitario +” o “Sanitario -” per 5 secondi).
Preregolare la pressione massima al valore di taratura, girando la vite “G” in senso orario per aumentare la pressione e in senso antiorario per
diminuirla.
Scollegare uno dei due faston “C” dal modureg “F” sulla valvola gas.
Regolare la pressione minima al valore di taratura attraverso la vite “E”, in senso orario per aumentarla ed in senso antiorario per diminuirla.
Spegnere e accendere il bruciatore controllando che il valore della pressione minima rimanga stabile.
Ricollegare il faston “C” staccato da modureg “F” sulla valvola gas.
Verificare che la pressione massima non sia cambiata.
Ricollegare il tubetto di compensazione pressione “H”.
Rimettere il cappuccio di protezione “D”.
Per terminare il modo TEST ripetere la sequenza d’attivazione oppure aspettare 15 min.
Legenda
A
B
C
D
E

Presa di pressione a monte
Presa di pressione a valle
Collegamento Modureg
Cappuccio di protezione
Dado/Vite regolazione pressione minima
F Modureg
G Dado regolazione pressione
massima
H Attacco tubetto di compensazione
I Bobina operatori

D
I

E
G

H
F

C

B

A

F

manuale tecnico ¬ codice: 354M0610 ¬ nome file: 354M061001.pdf ¬ edizione: 06/2008 ¬ tipo: M19

9

DOMItech C24 ¬ DOMItech C32 ¬ DOMItech F24 ¬ DOMItech F32 ¬ EASYtech C24 ¬ EASYtech C32 ¬ EASYtech F24 ¬ EASYtech F32

manuale.tecnico

3.2 Trasformazione gas di alimentazione
L’apparecchio può funzionare con alimentazione a gas Metano o G.P.L. e viene predisposto in fabbrica per l’uso di uno dei
due gas, come chiaramente riportato sull’imballo e sulla targhetta dati tecnici dell’apparecchio stesso. Qualora si renda
necessario utilizzare l’apparecchio con gas diverso da quello preimpostato, è necessario dotarsi dell’apposito kit di trasformazione e operare come indicato di seguito:
•
•
•

•

Sostituire gli ugelli al bruciatore principale, inserendo gli ugelli indicati in tabella dati tecnici, a seconda del tipo di gas utilizzato
Regolare le pressioni minima e massima al bruciatore, impostando i valori indicati in tabella dati tecnici per il tipo di gas utilizzato.
Modificare il parametro relativo al tipo di gas:
1. portare la caldaia in modo stand-by;
2. premere il tasto reset per 10 sec: indicazione “ts” lampeggiante;
3. premere il tasto reset per 1 seco: indicazione “P01” lampeggiante;
4. premere i tasti +/- sanitario per impostare il parametro 00 (metano) oppure 01 (G.P.L.);
5. premere il tasto reset per 10 sec;
6. la caldaia torna in modo stand-by.
Applicare la targhetta adesiva contenuta nel kit di trasformazione vicino alla targhetta dei dati tecnici per comprovare l’avvenuta
trasformazione (targhetta gialla per metano, arancione per GPL).

3.3 Diagrammi portata termica / pressione gas al bruciatore
35

modello a

24

30

A

kW

25

mbar

20

15

B
10

5

0

8

9

10

11

12

13

14

15

16

17

18

19

20

21

22

23

24

25

26

27

28

kW

35

modello a

32

30

A

kW

25

mbar

20

15

B

10

5

0

8

9

10

11

12

13

14

15

16

17

18

19

20

21

22

23

24

25

26

27

28

29

30

kW

Legenda
A GPL
B METANO

10

manuale tecnico ¬ codice: 354M0610 ¬ nome file: 354M061001.pdf ¬ edizione: 06/2008 ¬ tipo: M19

31

32

33

34

35

DOMItech C24 ¬ DOMItech C32 ¬ DOMItech F24 ¬ DOMItech F32 ¬ EASYtech C24 ¬ EASYtech C32 ¬ EASYtech F24 ¬ EASYtech F32

L’elettrodo di accensione/rivelazione è composto da una lega metallica (Kanthal) che resiste ad alte temperature e all’ossidazione. La sua base è formata da un composito ceramico in allumina vetrinata che ha lo scopo di proteggerlo e isolarlo
elettricamente. Una volta che inizia la procedura di accensione, la scheda alimenta l’elettrodo con una tensione pulsante
di qualche kV tra l’elettrodo e la testina del bruciatore (posta a 3 ± 0,5 mm di distanza) si innescano una serie di scariche
elettriche. Ovviamente tali scintille sono l’innesco per la miscela aria-gas.
E’ importante che la distanza dell’elettrodo alla testina del bruciatore sia di 3 ± 0,5 mm e che la scarica avvenga al centro.
6
20°

3 ± 0,5

manuale.tecnico

3.4 Elettrodo di accensione e rivelazione

Verifiche generali
• Verificare la presenza di alimentazione elettrica in linea (230 Vac – 50 Hz).
• Verificare la presenza di tensione sul pannello comandi caldaia e/o eventualmente controllare i fusibili in scheda.
• Verificare che la caldaia sia predisposta per il gas di utilizzo verificando le specifiche indicate sulla targhetta dati tecnici ed infine
che la pressione dinamica a monte della valvola gas sia quella riportata in tabella dati tecnici.
Se la caldaia va in blocco in fase di accensione senza la presenza di fiamma al bruciatore:
• Verificare che ci sia la scarica dell’elettrodo di accensione/ionizzazione e che avvenga in modo continuo al centro della rampa
del bruciatore.
• La distanza tra elettrodo e rampa bruciatore deve essere di 3 ± 0,5 mm;
• Verificare che la valvola gas funzioni correttamente controllando se dalla presa di pressione “OUT” esce gas:
• Se esce gas, verificare la pulizia del cassetto bruciatori e degli ugelli e/o verificare il diametro degli ugelli e la taratura della valvola
gas secondo il gas di utilizzo.
• Se non esce gas, controllare il cablaggio alla scheda elettronica ed il suo funzionamento, e/o controllare la valvola gas (possibile
mal funzionamento/bloccaggio della stessa).
Se la caldaia va in blocco in fase di accensione con la presenza di fiamma al bruciatore:
• Verificare i contatti tra l’elettrodo di accensione/ionizzazione e la scheda elettronica.
• Controllare che l’elettrodo non sia ossidato, incrostato o abbia l’isolante rotto (mancanza di rivelazione)
• Controllare i collegamenti di terra del cablaggio e la corretta messa a terra dell’apparecchio (tramite il cavo di alimentazione) e
dell’impianto elettrico (impianto di messa a terra).
• Verificare nuovamente la pressione a monte della valvola gas.
• Controllare la scheda principale di accensione e rivelazione ed eventualmente sostituirla.

manuale tecnico ¬ codice: 354M0610 ¬ nome file: 354M061001.pdf ¬ edizione: 06/2008 ¬ tipo: M19

11

DOMItech C24 ¬ DOMItech C32 ¬ DOMItech F24 ¬ DOMItech F32 ¬ EASYtech C24 ¬ EASYtech C32 ¬ EASYtech F24 ¬ EASYtech F32

manuale.tecnico

SEZIONE 4 - CIRCUITO ARIA/FUMI
4.1 Pressostato aria (modelli F24-F32)
•

•
•
•

Si utilizza allo scopo di verificare che i fumi siano evacuati adeguatamente. Il pressostato riceve un segnale “dinamico”
di pressione negativa che gli perviene da una presa “Venturi” posta sul ventilatore. E’ collegato alla scheda (pin 4 e 5 del
connettore X4 in bassa tensione) ed è normalmente aperto (C-NO). Prima che la scheda vada ad eseguire la procedura
di accensione ci si deve assicurare che:
il ventilatore funzioni perfettamente,
che sia installato il corretto diaframma, se previsto (vedi le apposite tabelle di calcolo),
che la presa venturi ed il tubetto in silicone siano puliti ed integri, affinché il pressostato possa effettuare la commutazione (chiusura contatto C-NO).

Questo avviene se la differenza di pressione è di 110±13Pa. Per cui occorre che il segnale sia almeno di 125Pa (1,25 mbar
– 12,5 mm c.a.). Per riaprire nuovamente i contatti, la differenza di pressione deve scendere sotto i 95±10Pa.
Legenda
C Contatto Norma
NC Contatto Normalmente Chiuso
NO Contatto Normalmente Aperto
NO
C

NC

C
NC

NO

4.2 Ventilatore e presa di pressione (modelli F24-F32)
Alimentato a 230Vac 50Hz tramite la scheda, il ventilatore (rif. 1 figura sottostante) ha il compito di espellere i prodotti
della combustione dalla camera fumi. Allo scopo di assicurarsi che il ventilatore svolga propriamente la sua funzione, al
suo interno viene posta una presa “venturi” (rif. 2 figura sottostante). Da questa presa viene rilevato un segnale “dinamico”
di pressione negativa (rif. 3 figura sottostante) che permette la commutazione del pressostato aria (chiusura contatto)
all’attivazione del ventilatore. In questo modo si ha la conferma che i canali aria/fumi sono correttamente installati e liberi
da ostruzioni ed i fumi adeguatamente evacuati.

1

3

2

Verifiche generali
Accertarsi che:
• Le connessioni elettriche siano corrette.
• Il tubetto della presa venturi sia integro, pulito e privo di acqua dovuta a condensazione.
• Il contatto del pressostato aria sia aperto quando il ventilatore non è in funzione.
• La pressione sia almeno di 125Pa e che sopra questa pressione il pressostato abbia già chiuso i suoi contatti.
• Se il segnale è basso si deve verificare che il diaframma fumi sia corretto, che ci
sia una tensione di 230Vac al ventilatore. Infine verificare che i terminali dei canali
aria e fumi non siano ostruiti.
N.B. La misura della pressione differenziale deve essere eseguita a camera stagna
chiusa e con la caldaia funzionante alla massima potenza per circa 10 min. Con i
collegamenti del manometro differenziale si può uscire dal foro della presa aria che è
chiuso da un tappo di silicone situato sopra la camera stagna. La pressione differenziale deve essere almeno 125Pa.

2
3

1

Legenda:
1 Manometro differenziale

12

2 Presa aria

3 T di collegamento

manuale tecnico ¬ codice: 354M0610 ¬ nome file: 354M061001.pdf ¬ edizione: 06/2008 ¬ tipo: M19

DOMItech C24 ¬ DOMItech C32 ¬ DOMItech F24 ¬ DOMItech F32 ¬ EASYtech C24 ¬ EASYtech C32 ¬ EASYtech F24 ¬ EASYtech F32

Per il funzionamento della caldaia è necessario montare i diaframmi forniti con l’apparecchio, secondo le indicazioni riportate nelle tabelle sottostanti. Il diaframma ha il compito di calibrare l’aria comburente necessaria per una corretta combustione e buon funzionamento del bruciatore in base alla lunghezza dei condotti aria/fumi installati. Garantisce il rispetto
del rendimento dichiarato dell’apparecchio.
Diaframmi per condotti coassiali
Massima lunghezza consentita
Fattore di riduzionecurva 90°
Fattore di riduzionecurva 45°
Diaframma da utilizzare

Coassiale Ø 60/100 Coassiale Ø 80/125
5m
10 m
1m
0,5 m
0,5 m
0,25 m
0÷2m
Ø 43
0÷3m
Ø 43
2÷5m
*
3 ÷ 10 m
*
modello a 24kW

Coassiale Ø 60/100 Coassiale Ø 80/125
5m
10 m
1m
0,5 m
0,5 m
0,25 m
0÷2m
Ø 45
0÷3m
Ø 45
2÷5m
*
3 ÷ 10 m
*
modello a 32kW
*) = no diaframma

Diaframmi per condotti separati
Massima lunghezza consentita
Diaframma da utilizzare

Condotti separati
60 meq
Ø 43
0 ÷ 20 meq
Ø 47
20 ÷ 45 meq
*
45 ÷ 60 meq
modello a 24kW

Condotti separati
48 meq
Ø 45
0 ÷ 15 meq
Ø 50
15 ÷ 35 meq
*
35 ÷ 48 meq
modello a 32kW

manuale.tecnico

4.3 Diaframmi

*) = no diaframma

4.4 Sostituzione del diaframma
Nelle caldaie sono montato di serie il diaframma Ø 43 mm, per il modello a 24kW, ed il diaframma Ø 45 mm, per il modello
a 32kW .Prima di inserire il tubo di scarico fumi è quindi d’obbligo verificare che vi sia il corretto diaframma (quando questo
sia da utilizzare) e che esso sia correttamente posizionato (fig. 9 - A). Con caldaia installata, per sostituire il diaframma, è
necessario smontare il gruppo ventilatore seguendo lo schema numerico indicato in figura 9 - B.

fig. 9 - Sostituzione diaframma (A= Con condotti non installati / B= Con caldaia e condotti fumo già installati)

manuale tecnico ¬ codice: 354M0610 ¬ nome file: 354M061001.pdf ¬ edizione: 06/2008 ¬ tipo: M19

13

DOMItech C24 ¬ DOMItech C32 ¬ DOMItech F24 ¬ DOMItech F32 ¬ EASYtech C24 ¬ EASYtech C32 ¬ EASYtech F24 ¬ EASYtech F32

manuale.tecnico

SEZIONE 5 - CIRCUITO ELETTRICO
5.1 Scheda elettronica
E’ una scheda d’accensione e regolazione integrata in grado di governare: ventilatore, valvola gas (operatori a 230Vac e modureg a 24Vdc per rev.00 - operatori a 230Vrac e modureg a 24Vdc per rev.01), pompa impianto, elettrodo
d’accensione/rilevazione, pressostato fumi o termostato fumi, pressostato acqua, doppio sensore riscaldamento (regolazione + sicurezza), sensore sanitario,
flussostato sanitario e termostato ambiente o comando remoto (OpenTherm).
E’ previsto un connettore con uscita a 230Vac per l’orologio programmatore
sotto fusibile ed un connettore per la scheda relè opzionale LC31. La scheda é
in grado di funzionare con frequenza di tensione di rete di 50Hz o 60Hz.

5.2 Sensori di temperatura

Sensore temperatura sanitario

Sensore doppio riscaldamento
(sicurezza, regolazione)
Temperatura
(°C)

Resistenza
(K Ω)

100

0,68

90

0,92

80

1,25

70

1,7

60

2,5

50

3,6

40

5,3

30

8

25

10

15

15,6

5

25,3

A

C

B

D

B

A

D

C

Verifiche
Con il TESTER è possibile misurare il valore resistivo (KΩ) dei
due sensori AB e CD, come avviene con i sensori singoli.

5.3 Scheda opzionale LC31
Collegamento alla scheda caldaia
La scheda LC31 è una scheda relè ausiliaria interfacciabile con le schede DBM02.1 (DIMS20): deve essere inserita sul connettore X6 della precedente quando non è alimentata elettricamente. Una volta fornita la tensione di rete, verrà riconosciuta dal microprocessore della scheda caldaia.
ATTENZIONE
CON SOFTWARE PRECEDENTI ALLA VERSIONE 11, LA SCHEDA LC31 NON FUNZIONA; E NON PUÒ ESSERE COLLEGATA PERCHÉ IL
CIRCUITO STAMPATO NON PREVEDEVA IL CONNETTORE X6.

Funzioni
La scheda ha due funzioni, subordinate al valore dei parametri P11 e P17 della scheda caldaia: vedi descrizione nel paragrafo dove è descritta la modalità Sanitario.
Rimozione dalla scheda caldaia
Togliere alimentazione e rimuovere la scheda LC31. Una volta fornita la tensione di rete, la scheda caldaia tornerà a funzionare in maniera indipendente. Re-impostare il parametro P17 a 0.

14

manuale tecnico ¬ codice: 354M0610 ¬ nome file: 354M061001.pdf ¬ edizione: 06/2008 ¬ tipo: M19

DOMItech C24 ¬ DOMItech C32 ¬ DOMItech F24 ¬ DOMItech F32 ¬ EASYtech C24 ¬ EASYtech C32 ¬ EASYtech F24 ¬ EASYtech F32

5.4 Schemi elettrici

manuale.tecnico

VERSIONE A CAMERA APERTA [C]

Assemblaggio scheda aggiuntiva

X6

X5

X2

X7

X1

X4
X3

Legenda:
32
38
42
44
47
72
81
114
126
139
278

Circolatore riscaldamento
Flussostato
Sensore temperatura sanitario
Valvola gas
Modureg
Termostato ambiente
Elettrodo d’accensione/rivelazione
Pressostato acqua
Termostato fumi
Cronocomando remoto (OpenTherm)
Sensore doppio riscaldamento (sicurezza, regolazione)

ATTENZIONE:
PRIMA DI COLLEGARE IL TERMOSTATO AMBIENTE
O IL COMANDO REMOTO, TOGLIERE IL PONTICELLO
SULLA MORSETTIERA.

manuale tecnico ¬ codice: 354M0610 ¬ nome file: 354M061001.pdf ¬ edizione: 06/2008 ¬ tipo: M19

15

DOMItech C24 ¬ DOMItech C32 ¬ DOMItech F24 ¬ DOMItech F32 ¬ EASYtech C24 ¬ EASYtech C32 ¬ EASYtech F24 ¬ EASYtech F32

manuale.tecnico

VERSIONE A CAMERA STAGNA [F]

Assemblaggio scheda aggiuntiva

X6

X5

X2

X7

X1

X4
X3

Legenda
16
32
38
42
43
44
47
72
73
81
114
139
278
288

Ventilatore
Circolatore riscaldamento
Flussostato
Sensore temperatura sanitario
Pressostato aria
Valvola gas
Modureg
Termostato ambiente
Termostato antigelo (opzionale)
Elettrodo d’accensione/rivelazione
Pressostato acqua
Cronocomando remoto (OpenTherm)
Sensore doppio riscaldamento (sicurezza, regolazione)
Kit antigelo
ATTENZIONE:
PRIMA DI COLLEGARE IL TERMOSTATO AMBIENTE
O IL COMANDO REMOTO, TOGLIERE IL PONTICELLO
SULLA MORSETTIERA.

16

manuale tecnico ¬ codice: 354M0610 ¬ nome file: 354M061001.pdf ¬ edizione: 06/2008 ¬ tipo: M19

DOMItech C24 ¬ DOMItech C32 ¬ DOMItech F24 ¬ DOMItech F32 ¬ EASYtech C24 ¬ EASYtech C32 ¬ EASYtech F24 ¬ EASYtech F32

6.1 Modalità OFF
In assenza di anomalie, premendo per 5 sec il tasto OFF é sempre possibile portare la caldaia nella modalità OFF. Tutte le
richieste vengono terminate ed il display visualizza due trattini. Resteranno attive solo la protezione antigelo e l’antibloccaggio pompa. Per riportare il sistema ad una modalità operativa bisognerà premere nuovamente per 5 sec il tasto OFF.

6.2 Modalità STAND-BY
In assenza di anomalie e/o modalità a priorità maggiore, in modalità Inverno con i contatti del termostato ambiente e del
flussostato aperti, la caldaia é in stand-by. Il display visualizza la temperatura del sensore riscaldamento mentre il simbolo
eco, acceso indica il modo economy e spento, indica il modo comfort. In entrambi i casi restano attive la protezione antigelo e l’antibloccaggio pompa. In modalità STAND-BY é possibile impostare la modalità OFF, la modalità ESTATE/INVERNO, la funzione economy/comfort, portare la caldaia nella modalità TEST oppure accedere al menù service.

6.3 Modalità SANITARIO
In assenza di anomalie e/o modalità a priorità maggiore, la modalità SANITARIO ha inizio quando c’é richiesta da parte del
flussostato. Il campo di regolazione della temperatura dell’acqua calda sanitaria é compreso tra i 40°C ed il massimo (parametro service, default= 55°C). La modalità SANITARIO prevede quattro tipi di regolazione (parametro service, default= 0).
Parametro P06=0, spegnimento bruciatore in sanitario fisso
Il circolatore viene disattivato (se stava funzionando) mentre il bruciatore viene acceso immediatamente e la potenza della caldaia
viene subito regolata in funzione del setpoint utente. Il display visualizza l’attuale temperatura del sensore sanitario, il simbolo acqua
calda lampeggia ad indicare la modalità Sanitario ed il simbolo fiamma indica la presenza di fiamma e la potenza del bruciatore. Se
la temperatura del sensore sanitario supera il punto di spegnimento (80°C), il bruciatore viene spento; non appena la temperatura
scende sotto il punto di accensione (75°C), il bruciatore riparte.
Parametro P06=1, spegnimento bruciatore in sanitario Legato al Setpoint
Il circolatore viene disattivato (se stava funzionando) mentre il bruciatore viene acceso immediatamente e la potenza della caldaia
viene subito regolata in funzione del setpoint utente. Il display visualizza l’attuale temperatura del sensore sanitario, il simbolo acqua
calda lampeggia ad indicare la modalità Sanitario ed il simbolo fiamma indica la presenza di fiamma e la potenza del bruciatore. Se
la temperatura del sensore sanitario supera il punto di spegnimento (setpoint utente +5°C), il bruciatore viene spento; non appena
la temperatura scende sotto il punto di accensione (setpoint utente), il bruciatore riparte.
Parametro P06=2, spegnimento bruciatore in sanitario per impianto solare 1
Il circolatore viene disattivato (se stava funzionando) e per 5 sec il funzionamento del bruciatore è inibito. Al termine di questo tempo,
non appena la temperatura scende sotto il punto di accensione (setpoint utente -10°C), il bruciatore viene acceso e la potenza della
caldaia viene subito regolata in funzione del setpoint utente. Il display visualizza l’attuale temperatura del sensore sanitario, il simbolo
acqua calda lampeggia ad indicare la modalità Sanitario ed il simbolo fiamma indica la presenza di fiamma e la potenza del bruciatore. Se la temperatura del sensore sanitario supera il punto di spegnimento (setpoint utente +10°C), il bruciatore viene spento; non
appena la temperatura scende sotto il punto di accensione (setpoint utente -10°C), il bruciatore riparte.
Parametro P06=3, spegnimento bruciatore in sanitario per impianto solare 2
Il circolatore viene disattivato (se stava funzionando) e per 10 sec il funzionamento del bruciatore è inibito. Al termine di questo tempo, non appena la temperatura scende sotto il punto di accensione (setpoint utente -10°C), il bruciatore viene acceso e la potenza
della caldaia viene subito regolata in funzione del setpoint utente. Il display visualizza l’attuale temperatura del sensore sanitario, il
simbolo acqua calda lampeggia ad indicare la modalità Sanitario ed il simbolo fiamma indica la presenza di fiamma e la potenza del
bruciatore. Se la temperatura del sensore sanitario supera il punto di spegnimento (setpoint utente +10°C), il bruciatore viene spento;
non appena la temperatura scende sotto il punto di accensione (setpoint utente -10°C), il bruciatore riparte.

manuale.tecnico

SEZIONE 6 - MODALITÀ DI FUNZIONAMENTO

Indipendentemente dal tipo di regolazione selezionata, oltre al sensore sanitario viene controllato anche quello riscaldamento: se la temperatura supera i 90°C inizierà una modulazione della fiamma, fino a 95°C quando ci sarà lo spegnimento del bruciatore (limite massimo). La modalità SANITARIO termina quando viene aperto il contatto del flussostato.
In entrambi i casi il ventilatore resta alimentato per 5 sec (camera stagna). In modalità SANITARIO é possibile impostare la
modalità OFF, la modalità ESTATE/INVERNO, la funzione economy/comfort, portare la caldaia nella modalità TEST oppure
accedere al menù service.

6.4 Modalità RISCALDAMENTO
In assenza di anomalie e/o modalità a priorità maggiore, la modalità RISCALDAMENTO ha inizio quando non c’è richiesta
di acqua calda sanitaria, nel caso sia selezionata la modalità Inverno e c’é richiesta da parte del termostato ambiente. Il
campo di regolazione della temperatura riscaldamento é compreso tra i 30°C ed il massimo (parametro service, default=
85°C). Immediatamente viene spento il bruciatore (se stava funzionando) ed attivata il circolatore; per 20 sec é inibita l’accensione del bruciatore. In questo tempo il microprocessore determina il punto di partenza della rampa riscaldamento
(parametro service, default= 5°C/min) quindi, una volta che il bruciatore é acceso, la corrente di modulazione viene fornita
in modo graduale. Il display visualizza l’attuale temperatura del sensore riscaldamento, il simbolo aria calda lampeggia ad
indicare la modalità riscaldamento ed il simbolo fiamma indica la presenza di fiamma e la potenza del bruciatore. Al raggiungimento della massima potenza (parametro service modificabile in modalità TEST, default= 100%) ci sarà modulazione solo per mantenere la temperatura di mandata al setpoint impostato. Lo spegnimento del bruciatore avviene quando
la temperatura del sensore supera di 5°C il setpoint utente: la successiva riaccensione avviene quando é trascorso il tempo
di attesa (parametro service, default= 2 min) e se la temperatura del sensore é inferiore al setpoint utente. La modalità
RISCALDAMENTO termina quando viene aperto il contatto termostato ambiente oppure impostando il funzionamento
estate. In entrambi i casi il ventilatore resta alimentato per 5 sec (camera stagna) mentre il circolatore continua a funzionare per un tempo pari al valore della post circolazione (parametro service, default= 6 min). In modalità RISCALDAMENTO é
possibile impostare la modalità OFF, la modalità ESTATE/INVERNO, la funzione economy/comfort, portare la caldaia nella
modalità TEST oppure accedere al menù service.

6.5 Modalità COMFORT
In assenza di anomalie, di modalità a priorità maggiore, la modalità Comfort inizia se é selezionata la funzione comfort,
manuale tecnico ¬ codice: 354M0610 ¬ nome file: 354M061001.pdf ¬ edizione: 06/2008 ¬ tipo: M19

17

manuale.tecnico

DOMItech C24 ¬ DOMItech C32 ¬ DOMItech F24 ¬ DOMItech F32 ¬ EASYtech C24 ¬ EASYtech C32 ¬ EASYtech F24 ¬ EASYtech F32

se sono trascorsi almeno 5 min dall’ultimo prelievo d’acqua calda sanitaria, se é terminata un’eventuale post circolazione
riscaldamento, se é trascorso il tempo di attesa comfort e se la temperatura del sensore riscaldamento é inferiore a 35°C.
Una volta che il bruciatore é acceso, la corrente di modulazione viene forzata al minimo mentre il circolatore è disattivato.
Il display visualizza l’attuale temperatura del sensore sanitario, il simbolo acqua calda lampeggia ad indicare la modalità
sanitario comfort ed il simbolo fiamma indica la presenza di fiamma e la potenza del bruciatore. Dopo 20 sec, il bruciatore
viene spento: a differenza delle altre modalità, il ventilatore viene spento istantaneamente per non contribuire al raffreddamento dello scambiatore (camera stagna). Nel caso in cui le condizioni iniziali siano ancora tali, al termine del tempo di
attesa comfort (5 min) il microprocessore dà il consenso per un secondo ciclo di comfort, identico al primo. Al fine di evitare accensioni frequenti della caldaia in comfort sono state imposte delle limitazioni: dopo il secondo ciclo perché la caldaia
possa ripartire in comfort devono essere trascorsi 40 min oppure deve essersi verificata la chiusura dei contatti del flussostato, oltre al fatto che devono ripresentarsi le condizioni iniziali. In modalità Comfort é possibile impostare la modalità OFF,
la modalità Estate/Inverno, la funzione economy/comfort, portare la caldaia in modalità Test o accedere al menù service.

6.6 Modalità TEST
In assenza di anomalie, la modalità TEST ha inizio premendo i tasti riscaldamento insieme per 5 sec. Per segnalare il test
i simboli radiatore e rubinetto inizieranno a lampeggiare insieme. Immediatamente vengono attivati il circolatore ed il
bruciatore; dopo lo step d’accensione, la corrente di modulazione viene forzata al valore del parametro potenza massima
riscaldamento (default= 100%). Il display visualizza l’attuale valore di potenza (da 0 a 100%). In queste condizioni premendo i tasti +/- riscaldamento, si ha una immediata variazione della potenza della caldaia da 0 a 100%: premendo il tasto reset
entro 5 sec dalla modifica, il microprocessore imposta questo valore come potenza massima riscaldamento aggiornando
automaticamente il parametro Installatore (default= 100%). Se il tasto reset non viene premuto oppure premuto 5 sec, il
microprocessore non andrà a modificare l’impostazione del parametro potenza massima riscaldamento. Premendo i tasti
+/- sanitario, si ha una immediata variazione della potenza della caldaia da 0 a 60%: premendo il tasto reset entro 5 sec
dalla modifica, il microprocessore imposta questo valore come potenza d’accensione aggiornando automaticamente il
parametro service (default= 50%). Se il tasto reset non viene premuto oppure premuto 5 sec, il microprocessore non andrà
a modificare l’impostazione del parametro potenza d’accensione. Terminato il test entrambi i parametri, se modificati, verranno mantenuti fino alla successiva modifica. Lo spegnimento del bruciatore avviene quando la temperatura del sensore
riscaldamento supera i 95°C: la successiva riaccensione, quando la temperatura del sensore scende al di sotto dei 90°C. Nel
caso in cui sia attiva la modalità TEST ed avvenga la chiusura del contatto del flussostato la caldaia resta in modalità TEST.
La modalità TEST termina automaticamente dopo 15 min oppure premendo i tasti riscaldamento insieme per 5 sec.

6.7 Modalità ANTIGELO
In assenza di anomalie e/o modalità a priorità maggiore, in modalità OFF oppure STAND-BY, la modalità ANTIGELO ha
inizio se la temperatura del sensore riscaldamento é inferiore a 5°C. Se la caldaia non è in blocco, vengono attivati il circolatore ed il bruciatore; una volta che questo é acceso, la corrente di modulazione viene forzata al minimo. In modalità OFF
il display visualizza i trattini; in STAND-BY il display si comporta come per la modalità riscaldamento. Lo spegnimento del
bruciatore avviene quando la temperatura del sensore riscaldamento supera i 15°C che corrisponde al termine della funzione antigelo; il ventilatore resta alimentato per 5 sec (camera stagna) mentre il circolatore continua a funzionare per un
tempo pari al valore della post circolazione (parametro service, default= 6 min). Se la caldaia si trova in blocco, verrà attivato il solo circolatore: questa verrà disattivata quando il sensore riscaldamento supererà i 7°C e dopo il tempo di post-circolazione riscaldamento (parametro service, default= 6 min). In modalità ANTIGELO é possibile impostare la modalità OFF, la
modalità ESTATE/INVERNO, la funzione economy/comfort, portare la caldaia in modalità TEST o accedere al menù service.

6.8 Cronocomando Remoto (OpenTherm)
Collegando l’OpenTherm i setpoints potranno essere impostati sia attraverso i tasti della scheda che attraverso il relativo
menù del cronocomando remoto. La selezione estate/inverno ha priorità su un’eventuale richiesta riscaldamento del
cronocomando remoto. La scheda non é dotata di un ingresso per sonda esterna, né di un’uscita per l’elettrovalvola del
sistema di caricamento automatico; di conseguenza, dal cronocomando remoto, non sarà possibile usufruire di queste
funzionalità. La scheda è in grado di salvare in memoria le ultime 10 anomalie che si sono verificate: queste risultano visibili
anche dal menù installatore del cronocomando remoto. La connessione avviene sullo stesso connettore del termostato
ambiente: per prima cosa, bisogna togliere il ponte e poi collegare i due cavi provenienti dall’OpenTherm.

6.9 Selezione funzionamento scheda opzionale LC31
Parametro P17=0, Nessuna funzione
La scheda LC31 non ha alcuna funzione.
Parametro P17=1, Elettrovalvola caricamento impianto
La scheda LC31 serve ad attivare l’elettrovalvola di caricamento acqua impianto: il comando può essere dato in modalità
manuale dal pannello comandi caldaia oppure in modalità manuale o automatica dal comando remoto.
Attivazione manuale dal pannello comandi (con o senza comando remoto collegato)
Quando il contatto del pressostato acqua viene aperto, la scheda genera la relativa anomalia. Con l’anomalia F37 attiva, una singola
pressione del tasto Reset azionerà l’elettrovalvola di caricamento acqua impianto per un tempo massimo di 4 min. Se prima dello scadere di questo timer il contatto del pressostato acqua viene chiuso, la scheda disattiverà l’anomalia e dopo due sec anche l’elettrovalvola: la caldaia potrà funzionare normalmente. Nel caso in cui al termine del quarto min il contatto del pressostato acqua sia ancora
aperto, la scheda disattiverà l’elettrovalvola generando l’anomalia di tipo blocco A23 (23 da remoto). L’utente dovrà quindi sbloccare
la caldaia prima di procedere con un nuovo ciclo di caricamento acqua impianto: dopo il reset, la scheda andrà a riverificare il contatto del pressostato acqua. In caso sia chiuso (esempio: caricamento attraverso un rubinetto sull’impianto), la caldaia potrà funzionare
normalmente. In caso sia aperto, diagnosticherà la relativa anomalia ed un nuovo ciclo di caricamento sarà disponibile. Attivando il
caricamento dal pannello comandi non ci sono limitazioni sul numero massimo di azionamenti giornalieri dell’elettrovalvola.
Attivazione manuale/automatica dal comando remoto (con Cronocomando Remoto collegato)
La logica di caricamento avviene come per la modalità sopra descritta. La scheda caldaia riesce a distinguere se la richiesta di attivazione

18

manuale tecnico ¬ codice: 354M0610 ¬ nome file: 354M061001.pdf ¬ edizione: 06/2008 ¬ tipo: M19

del caricamento arriva da remoto (cronocomando) o dal frontale caldaia (pannello comandi). Quindi, attivando il caricamento dal
comando remoto saranno possibili solo 3 azionamenti consecutivi dell’elettrovalvola in 24 ore. Questo sia in modalità di riempimento
manuale, sia in modalità di riempimento automatica. Praticamente, alla 4° richiesta in 24 ore, la caldaia attiverà l’anomalia di tipo blocco A24 (24 da remoto). L’utente dovrà quindi sbloccare la caldaia: dopo il reset, la scheda andrà a riverificare il contatto del pressostato
acqua. In caso sia chiuso (esempio: caricamento attraverso un rubinetto sull’impianto), la caldaia potrà funzionare normalmente. In
caso sia aperto, diagnosticherà la relativa anomalia ed un nuovo ciclo di caricamento sarà disponibile.
Attenzione
Con anomalia F37, A23 o A24 attive: il funzionamento della pompa e del bruciatore sono disattivati. L’anomalia F37 attiva la stringa
di testo “RIEMPIMENTO” sul display del comando remoto nel caso in cui il relativo parametro del comando remoto sia in manuale o
automatico. Le anomalie A23 e A24 attivano la stringa di testo “RESET caldaia” sul display del comando remoto.

Parametro P17=2, Pompa solare
La scheda LC31 serve ad attivare una pompa esterna (circuito solare). Ogni volta che c’è richiesta dal flussostato (contatto
chiuso), il relè alimenta la pompa. Al termine della richiesta (contatto aperto), il relè toglie tensione alla pompa.

6.10 Anomalie
Le possibili condizioni di errore di funzionamento, sono visualizzate sul display LCD della scheda e del comando remoto.
CODICE GUASTO
C.REMOTO
SCHEDA
01
A01
02
A02
03
A03
04
F04
05
F05
06
A06
08
F08
10
F10
11
F11
14
F14
23
A23
24
A24
34
F34
35
F35
37
F37
41
A41
42
F42
43
F43
50
F50

DESCRIZIONE ANOMALIA
Mancanza fiamma
Fiamma parassita
Protezione per sovra-temperatura mandata
Intervento termostato fumi
Anomalia pressostato fumi
Fiamma persa 5 volte in 4 minuti
Indicazione sovra-temperatura scambiatore
Sensore NTC riscaldamento guasto
Sensore NTC sanitario guasto
Sensore NTC sicurezza guasto
Mancato raggiungimento pressione nominale entro 4 minuti
3 riempimenti in 24 ore
Anomalia tensione di rete
Anomalia frequenza tensione di rete
Intervento pressostato H2O
Protezione per sensore scollegato
Protezione per differenza sensori mandata
Protezione scambiatore
Modureg scollegato

TIPO
BLOCCO
BLOCCO
BLOCCO

manuale.tecnico

DOMItech C24 ¬ DOMItech C32 ¬ DOMItech F24 ¬ DOMItech F32 ¬ EASYtech C24 ¬ EASYtech C32 ¬ EASYtech F24 ¬ EASYtech F32

BLOCCO

BLOCCO
BLOCCO

BLOCCO

Anomalia 1 - Mancanza fiamma (blocco)
Ad ogni richiesta d’accensione del bruciatore, viene attivato il ventilatore (camera stagna) e verificato il pressostato fumi (camera
stagna). Una volta che la commutazione di quest’ultimo é avvenuta, inizia il primo tentativo d’accensione: valvola gas e trasformatore d’accensione sono attivati per 5 secondi, mentre la corrente di modulazione é impostata alla potenza d’accensione (parametro
service, di default pari a 50%). Se la scheda rileva fiamma, la potenza viene poi gestita dal sistema di regolazione; in caso contrario il
controllo fiamma, dopo 10 secondi di attesa, inizia il secondo tentativo d’accensione. Se la scheda rileva fiamma, la potenza viene poi
gestita dal sistema di regolazione; in caso contrario il controllo fiamma, dopo 10 secondi di attesa, inizia il terzo ed ultimo tentativo
d’accensione. Se la scheda rileva fiamma, la potenza viene poi gestita dal sistema di regolazione; in caso contrario, il controllo fiamma
genera l’anomalia 1 e si porta in blocco (reset). Attenzione: selezionando come tipo di gas il GPL, il controllo fiamma esegue un solo
tentativo di accensione.
Anomalia 2 - Fiamma parassita (blocco)
L’anomalia viene generata se a bruciatore spento il sistema rileva una corrente di ionizzazione. Il controllo fiamma si porta in blocco.
Anomalia 3 - Protezione per sovra-temperatura mandata (blocco)
Caso 1: L’intervento della sovra-temperatura mandata (sensore di sicurezza oltre i 105°C) in assenza di richiesta di accensione non
genera alcuna anomalia.
Caso 2: Ogni volta che il bruciatore viene spento per superamento della temperatura limite di mandata (90°C in riscaldamento; 95°C
in sanitario e test), il sistema attiva un timer della durata di 10 secondi. La protezione per sovra-temperatura mandata, viene
attivata se il sensore di sicurezza supera i 105°C entro questi 10 secondi. L’intervento della sovra-temperatura mandata (in
sanitario, riscaldamento o antigelo), comporta il blocco del controllo fiamma. Il comando di accensione della pompa resta
attivo in funzione del tipo di richiesta in corso o per l’esecuzione di eventuali post-circolazioni previste.
Caso 3: Se al momento della richiesta d’accensione del bruciatore (in sanitario, riscaldamento o antigelo) il sensore di sicurezza si
trova ad un valore superiore ai 105°C, il sistema attiva un timer della durata massima di 60 secondi; se entro questo tempo
entrambi i sensori non scendono sotto i 100°C, viene generato il blocco del controllo fiamma.
Caso 4: L’intervento della sovra-temperatura mandata (sensore di sicurezza oltre i 105°C) durante la richiesta di accensione con fiamma presente genera il blocco del controllo fiamma.
Anomalia 4 - Intervento termostato fumi (blocco)
In caso d’apertura del contatto del termostato fumi durante il funzionamento della caldaia, viene immediatamente spento il bruciatore e generata l’anomalia. Dopo 20 minuti, il microprocessore controlla lo stato del termostato fumi: se il contatto é chiuso il
bruciatore può ripartire, altrimenti la caldaia resta in anomalia. In caso di assistenza: una volta verificata e risolta l’anomalia, è possibile
azzerare il ritardo di 20 minuti attivando e disattivando la modalità OFF.

manuale tecnico ¬ codice: 354M0610 ¬ nome file: 354M061001.pdf ¬ edizione: 06/2008 ¬ tipo: M19

19

manuale.tecnico

DOMItech C24 ¬ DOMItech C32 ¬ DOMItech F24 ¬ DOMItech F32 ¬ EASYtech C24 ¬ EASYtech C32 ¬ EASYtech F24 ¬ EASYtech F32

20

Anomalia 5 - Anomalia pressostato fumi
Ad ogni richiesta di accensione del bruciatore, il ventilatore viene alimentato ed il pressostato fumi deve chiudere il proprio contatto;
dopo la commutazione del pressostato viene eseguito il ciclo d’accensione. Se la commutazione del pressostato non avviene entro
15 secondi da quando viene alimentato il ventilatore, viene generata l’anomalia. Se il contatto del pressostato resta chiuso quando
viene tolta alimentazione al ventilatore, non viene generata nessuna anomalia; alla successiva richiesta d’accensione, il ventilatore
resterà disattivato in attesa dell’apertura del contatto del pressostato e dopo 15 secondi verrà generata l’anomalia.
Anomalia 6 - Fiamma persa 5 volte in 4 minuti
La fiamma viene persa se il bruciatore è acceso da almeno 10 secondi e tutto d’un tratto sparisce il segnale di fiamma. Se questa
condizione si verifica 5 volte in un tempo di 4 minuti, il controllo fiamma genera l’anomalia 6 e si porta in blocco (reset).
Anomalia 8 - Indicazione sovra-temperatura scambiatore
Ogni volta che il doppio sensore di mandata supera i 99°C, viene attivata l’anomalia 8. Questa anomalia non verrà visualizzata sul display: verrà solo salvata nello storico delle anomalie. L’anomalia viene risolta quando il doppio sensore di mandata torna sotto i 90°C.
Anomalia 10 - Sensore NTC riscaldamento
Il doppio sensore di mandata racchiude due identici sensori al proprio interno: entrambi vengono utilizzati per la sicurezza (protezione sovra-temperatura) ed uno dei due per la regolazione. Il cablaggio avviene con 4 cavi, 2 per ciascun sensore, come per i comuni
sensori NTC. Il guasto, inteso come corto circuito o circuito aperto, di uno dei due sensori causa la disattivazione dei comandi di
accensione bruciatore. In questa condizione nessuna richiesta di funzionamento può essere soddisfatta. Risolvendo il guasto, la protezione viene immediatamente disattivata.
Anomalia 11 - Sensore NTC sanitario guasto
Il guasto, inteso come corto circuito o circuito aperto del sensore, causa la disattivazione dei comandi di accensione bruciatore durante il solo funzionamento sanitario. In questa condizione solo un’eventuale richiesta di funzionamento riscaldamento può essere
soddisfatta. Risolvendo il guasto, la protezione viene immediatamente disattivata.
Anomalia 14 - Sensore NTC Sicurezza
Il doppio sensore di mandata racchiude due identici sensori al proprio interno: entrambi vengono utilizzati per la sicurezza (protezione sovra-temperatura) ed uno dei due per la regolazione. Il cablaggio avviene con 4 cavi, 2 per ciascun sensore, come per i comuni
sensori NTC. Il guasto, inteso come corto circuito o circuito aperto, di uno dei due sensori causa la disattivazione dei comandi di
accensione bruciatore. In questa condizione nessuna richiesta di funzionamento può essere soddisfatta. Risolvendo il guasto, la
protezione viene immediatamente disattivata.
Anomalia 23 - Mancato raggiungimento pressione nominale entro 4 minuti (blocco)
- solo con Parametro P17=1, Elettrovalvola caricamento impianto
Dopo aver iniziato un ciclo di riempimento impianto in modalità manuale o automatica, nel caso in cui al termine del quarto minuto
il contatto del pressostato acqua sia ancora aperto, la scheda disattiverà l’elettrovalvola generando lo stato di tipo blocco.
Anomalia 24 - 3 riempimenti in 24 ore (blocco)
- solo con Parametro P17=1, Elettrovalvola caricamento impianto
Attivando il caricamento dal Cronocomando Remoto saranno possibili solo 3 azionamenti consecutivi dell’elettrovalvola in 24 ore.
Questo sia in modalità di riempimento manuale, sia in modalità di riempimento automatica. Praticamente, alla 4° richiesta in 24 ore,
la caldaia attiverà l’anomalia di tipo blocco.
Anomalia 34 - Anomalia tensione di rete
Ogni volta che la tensione di rete diventa inferiore a 180Vac, viene attivata l’anomalia 34. Questa anomalia non disattiva la richiesta:
la scheda continuerà a funzionare fino al limite minimo di tensione (circa 170Vac), oltre il quale si spegnerà. L’anomalia viene risolta
quando la tensione di rete diventa maggiore di 185Vac.
Anomalia 35 – Anomalia frequenza tensione di rete
La scheda è in grado di lavorare con frequenza di rete pari a 50Hz o 60Hz: tuttavia è necessario impostare il relativo Parametro service
(di default pari a 50Hz). Quando la scheda riconosce un’incongruenza tra il valore programmato e l’effettiva frequenza di rete, viene
attivata l’anomalia 35. L’anomalia viene risolta modificando il parametro.
Anomalia 37 - Intervento pressostato H2O
In caso d’apertura del contatto del pressostato H2O durante il funzionamento della caldaia, viene immediatamente spento il bruciatore ed arrestata la pompa (se attiva). Risolvendo il guasto, la protezione viene immediatamente disattivata.
Anomalia 41 - Protezione per sensore scollegato (blocco)
Ad ogni richiesta di accensione del bruciatore in riscaldamento o antigelo, il sistema attiva un timer della durata massima di 15
secondi dal momento in cui viene aperta la valvola gas. Se prima dello scadere della temporizzazione la temperatura letta dal sensore di mandata subisce una variazione di ±1°C, la sequenza di avviamento può proseguire; in caso contrario il sistema spegne il
bruciatore e dopo 10 secondi di attesa, inizia un secondo tentativo d’accensione. Se prima dello scadere della temporizzazione la
temperatura letta dal sensore di mandata subisce una variazione di ±1°C, la sequenza di avviamento può proseguire (azzerando il
numero dei tentativi disponibili); in caso contrario il sistema spegne il bruciatore e dopo 10 secondi di attesa, inizia un terzo tentativo
d’accensione. Se prima dello scadere della temporizzazione la temperatura letta dal sensore di mandata subisce una variazione di
±1°C, la sequenza di avviamento può proseguire (azzerando il numero dei tentativi disponibili); in caso contrario il sistema spegne il
bruciatore e generato il blocco del controllo fiamma. Il comando di accensione della pompa resta attivo per l’esecuzione del tempo
di post-circolazione previsto. Ad ogni richiesta di accensione del bruciatore in sanitario, il sistema lavora con lo stesso algoritmo ma
basato sul sensore sanitario anziché sul sensore riscaldamento. Inoltre, la variazione deve essere di ±2°C. Questa protezione non è
attiva in modalità Comfort.
Anomalia 42 - Protezione per differenza sensori mandata
La protezione viene attivata quando la temperatura rilevata dai due sensori di mandata differisce, in valore assoluto, di un valore
maggiore di 12°C. L’intervento della protezione, durante una richiesta (sanitario, riscaldamento o antigelo), comporta la disattivazione
dei comandi di accensione del bruciatore. Il comando di accensione della pompa resta attivo in funzione del tipo di richiesta in corso
o per l’esecuzione della post-circolazione prevista. La protezione viene disattivata quando la temperatura rilevata dai due sensori di
mandata differisce, in valore assoluto, di un valore minore di 10°C.
Anomalia 43 - Protezione scambiatore
Sia in riscaldamento che in sanitario, se l’aumento della temperatura rilevata dal sensore riscaldamento é maggiore di 6°C/secondo
viene generata questa anomalia. L’intervento della protezione comporta la disattivazione dei comandi di accensione del bruciatore.
Quando la temperatura del sensore riscaldamento scende sotto i 40°C l’anomalia si ripristina automaticamente.

manuale tecnico ¬ codice: 354M0610 ¬ nome file: 354M061001.pdf ¬ edizione: 06/2008 ¬ tipo: M19

Anomalia 50 – Modureg scollegato
In caso d’apertura del contatto del modureg durante il funzionamento della caldaia, viene immediatamente attivata l’anomalia 50.
Risolvendo il guasto, la protezione viene immediatamente disattivata.

6.11 Menù Parametri Service
L’acceso al menù service della scheda avviene premendo il tasto reset per 10 secondi. Premendo i tasti +/- riscaldamento
sarà possibile scegliere “tS”, “In”, “Hi” oppure “rE”. “tS” significa menù parametri trasparenti, “In” significa menù informazioni,
“Hi” significa menù History, “rE” significa reset del menù History. Una volta selezionato il menù, per accedervi, sarà
necessaria una pressione del tasto RESET.

02
03
04
05
06

P02
P03
P04
P05
P06

07
08

P07 Massimo setpoint utente sanitario
P08 Frequenza tensione di rete

09
10
11

P09 Potenza massima riscaldamento
P10 Potenza accensione
P11 Selezione tipo caldaia

12
13
14
15

P12
P13
P14
P15

16

P16 Post circolazione dopo sanitario

Rampa riscaldamento
Tempo attesa riscaldamento
Post circ. pompa Riscaldamento
Max setpoint utente riscaldamento
Spegnimento bruciatore in sanitario

Temperatura mandata in sanitario
Potenza massima in sanitario
Potenza minima assoluta
Post ventilazione

(solo per camera stagna)

Range
0= Metano
1= G.P.L.
1 - 20 °C/min
0 - 10 minuti
0 - 20 minuti
31 - 85 °C
0= Fisso
1= Legato al setpoint
2= Impianto solare 1
3= Impianto solare 2
55 - 65 °C
0= 50 Hz
1= 60 Hz
0 - 100 %
0 - 60 %
1= Comb. istantanea
2= NON UTILIZZATO
3= NON UTILIZZATO
NON MODIFICARE
0 - 100 %
0 - 100 %
0= 5 secondi
1= 50 secondi
0 - 5 secondi

Range
0= Metano
1= G.P.L.
5 1 - 20 °C/min
2 0 - 10 minuti
6 0 - 20 minuti
85 31 - 85 °C
0 0= Fisso
1= Legato al setpoint
2= Impianto solare 1
3= Impianto solare 2
55 55 - 65 °C
0 0= 50 Hz
1= 60 Hz
100 0 - 100 %
50 0 - 60 %
1 1= Comb. istantanea
2= NON UTILIZZATO
0

80
100
0
0
0

NON MODIFICARE
0 - 100 %
0 - 100 %
0= 5 secondi
1= 50 secondi
0 - 5 secondi

DEFAULT

Descrizione Parametri
P01 Selezione tipo gas

DEFAULT

01

DEFAULT

SCHEDA

C.REMOTO

“tS” - Menù Parametri Trasparenti
La scheda é dotata di 17 parametri trasparenti modificabili anche da comando remoto (menù service):

0

0

Range
0= Metano
1= G.P.L.
5 1 - 20 °C/min
2 0 - 10 minuti
6 0 - 20 minuti
85 31 - 85 °C
0 0= Fisso
1= Legato al setpoint
2= Impianto solare 1
3= Impianto solare 2
55 55 - 65 °C
0 0= 50 Hz
1= 60 Hz
100 0 - 100 %
50 0 - 60 %
1 1= Comb. istantanea
2= NON UTILIZZATO
80
100
0
0
0

NON MODIFICARE
0 - 100 %
0 - 100 %
0= 5 secondi
1= 50 secondi
0 - 5 secondi

manuale.tecnico

DOMItech C24 ¬ DOMItech C32 ¬ DOMItech F24 ¬ DOMItech F32 ¬ EASYtech C24 ¬ EASYtech C32 ¬ EASYtech F24 ¬ EASYtech F32

5
2
6
85
0

55
0
100
50
1
80
100
0
0
0

(solo per caldaia combinata istantanea)

17

P17 Selezione funzionamento scheda relè 0= Nessuna funzione
0 0= Nessuna funzione
0
LC31
1= El.valv. caricamento
1= El.valv. caricamento
2= Pompa solare
2= Pompa solare
rev.00 e rev.01 - sw 12
sw 11
rev. 00= scheda DBM02.1 (FERROLI) / scheda DBM08 (FER)
rev.01 = scheda DBM02.1A (SOLO FERROLI)
Valori da impostare nei parametri

sw 10

Premendo i tasti +/- riscaldamento sarà possibile scorrere la lista dei parametri, rispettivamente in ordine crescente o decrescente. Per modificare il valore di un parametro basterà premere i tasti +/- sanitario: la modifica verrà salvata automaticamente. I parametri di potenza massima riscaldamento e di potenza d’accensione possono essere modificati in modalità
TEST (vedi relativo paragrafo). Per tornare al menù service è sufficiente una pressione del tasto reset. L’uscita dal menù
service della scheda avviene premendo il tasto reset per 10 secondi.
“In” - Menù Informazioni
La scheda è in grado di visualizzare le seguenti informazioni:
t01
t02
t03
L04

Sensore NTC riscaldamento (°C)
Sensore NTC sanitario (°C)
Sensore NTC sicurezza (°C)
Potenza bruciatore attuale (%)

F05 Corrente di ionizzazione attuale (μA)

tra 05 e 125 °C
tra 05 e 125 °C
tra 05 e 125 °C
000%= min;
100%= Max
00= bruciatore spento

Premendo i tasti +/- riscaldamento sarà possibile scorrere la lista delle informazioni. Per visualizzarne il valore basterà
premere i tasti +/- sanitario. In caso di sensore danneggiato, la scheda visualizzerà i trattini. Per tornare al menù service
è sufficiente una pressione del tasto reset. L’uscita dal menù service della scheda avviene premendo il tasto reset per 10
secondi.
manuale tecnico ¬ codice: 354M0610 ¬ nome file: 354M061001.pdf ¬ edizione: 06/2008 ¬ tipo: M19

21

manuale.tecnico

DOMItech C24 ¬ DOMItech C32 ¬ DOMItech F24 ¬ DOMItech F32 ¬ EASYtech C24 ¬ EASYtech C32 ¬ EASYtech F24 ¬ EASYtech F32

“Hi” - Menù History
La scheda è in grado di memorizzare le ultime 10 anomalie: il dato storico H1: rappresenta l’anomalia più recente che si
è verificata; il dato storico H10: rappresenta l’anomalia meno recente che si è verificata. I codici delle anomalie salvate
vengono visualizzati anche sul relativo menù del comando remoto OpenTherm. Premendo i tasti +/- Riscaldamento sarà
possibile scorrere la lista delle anomalie. Per visualizzarne il valore basterà premere i tasti +/- sanitario. Per tornare al menù
service è sufficiente una pressione del tasto reset. L’uscita dal menù service della scheda avviene premendo il tasto reset
per 10 secondi.
“rE” - Reset History
Premendo per 3 secondi il tasto eco/comfort sarà possibile cancellare tutte le anomalie memorizzate nel menù History:
automaticamente la scheda uscirà dal menù service, in modo da confermare l’operazione. Per tornare al menù service,
invece, è sufficiente una pressione del tasto reset.

6.12 Funzionalità aggiuntive
1. Antibloccaggio circolatore
Dopo 24 ore di inattività, il circolatore viene attivato per 5 secondi. La prima volta che la scheda viene alimentata elettricamente il
primo ciclo di antibloccaggio viene eseguito dopo 30 minuti.
2. Post-Circolazione
Durante la post-cirolazione riscaldamento, se la temperatura letta dal sensore di mandata scende sotto i 25°C, la pompa viene disattivata. Se la temperatura letta dal sensore di mandata risale sopra i 30°C, la pompa viene attivata. Questo algoritmo è attivo durante
tutto il tempo di post cirolazione riscaldamento.
3. Post-Ventilazione
Impostando questo parametro a 1 si aumenta il tempo di Post-Ventilazione: ogni volta che il bruciatore viene spento, il ventilatore
resta attivato per i seguenti 50 secondi.
4. Post Circolazione dopo sanitario
Questa funzione è disponibile con il Parametro P11=1, quindi per caldaia combinata istantanea. Impostando questo parametro da
1 a 5, se al termine della richiesta sanitario il sensore di mandata si trova ad una temperatura maggiore di 60°C, si attiva una Post
Circolazione della Pompa Impianto.
5. Potenza minima assoluta
Questo parametro serve per aumentare la potenza minima della caldaia durante tutti i tipi di richiesta: riscaldamento, sanitario, ecc....
Può essere utile in caso di bassa pressione del circuito di alimentazione della caldaia.
6. Modulatore
Per la selezione del tipo di gas, far riferimento al Menù Parametri.
Range Metano: 20÷120mA±7,5%
Range GPL: 30÷165mA±7,5%
La scheda é dotata di protezione in caso di cortocircuito dei fast-on.
7. Hardware
Tensione: 230Vac +10%, -15%
Frequenza: 50Hz ±5%
Protezione: 2 fusibili da 3.15A F 250Vac (protezione Linea e Neutro)
La scheda è in grado di lavorare con tensione di alimentazione pari a 180Vac.
Questo però non garantisce la massima corrente di modulazione e di conseguenza il corretto funzionamento della regolazione.
8. Indicazione software
Ogni volta che si fornisce alimentazione elettrica alla scheda, il display indicherà per 5 secondi la versione software della stessa.

22

manuale tecnico ¬ codice: 354M0610 ¬ nome file: 354M061001.pdf ¬ edizione: 06/2008 ¬ tipo: M19

manuale.tecnico

DOMItech C24 ¬ DOMItech C32 ¬ DOMItech F24 ¬ DOMItech F32 ¬ EASYtech C24 ¬ EASYtech C32 ¬ EASYtech F24 ¬ EASYtech F32

manuale tecnico ¬ codice: 354M0610 ¬ nome file: 354M061001.pdf ¬ edizione: 06/2008 ¬ tipo: M19

23

CUSTOMER SERVICE .it
SERVIZIO TECNICO ASSISTENZA CLIENTI
http://www.stacgruppoferroli.com

Ferroli SpA
Via Ritonda 78/A ¬ 37047 San Bonifacio (Verona) ¬ Italia


Documenti correlati


Documento PDF tornado workshop manual
Documento PDF statoreruotaliberax500 250 cap 12
Documento PDF trasmissione x500 250
Documento PDF vw service catalogo promozioni
Documento PDF mir
Documento PDF troubleshooting


Parole chiave correlate