File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Ricerca PDF Assistenza Contattaci



Mini Malpensa.pdf


Anteprima del file PDF mini-malpensa.pdf

Pagina 1 2 3 45614

Anteprima testo


CAMP. ITALIANO MINICROSS 2013 // ULTIMO ROUND // MALPENSA

“Facchettino” vola verso la vittoria del titolo tricolore.

guida benissimo e vuole
riscattare una stagione
sfortunata. Ci riuscirà,
garantendosi anche un
meritatissimo terzo posto
in campionato. Dopo
l’arrivo il delirio, l’urlo di
Gianluca e la sua corsa a
cercare le braccia del
padre dove finalmente
poter piangere di gioia, gli
avversari, ora solo amici,
che lasciano le moto per
correre ad abbracciarlo e i
ragazzi del suo team che
lo sollevano in alto e lo
fanno volare, perché avrà
anche grinta, coraggio e
determinazione da vendere ma “Facchettino” è
leggero come un fuscello,
e quello che sa fare ti
costringere a credere alla
leggenda di Davide e
Golia. A chiudere il cerchio
ancora il bacio di sua
madre, un bacio diverso,
di pura felicità questa
volta, nelle parole di Loredana per suo figlio c’è
l’essenza di tutto questo
“la tua passione è la mia
più grande paura ma
anche il mio più grande
orgoglio“. A fare da contraltare il viso tirato e
infangato di Filippo Grigoletto, pur avendo sempre
fatto grandi gare, oggi è
uscito sconfitto, la delusione e il dolore passeranno,
ma non ora, ora è il tempo
delle lacrime e della rab-

188

bia, ed è giusto sia così. Il
ragazzo veneto non è
l’unico a essere triste, c’è
un’atmosfera particolare in
questo dopo gara, i piloti si
cercano, si abbracciano,
parlano fitto fitto, oggi, per
molti, è la fine dell’esperienza nel minicross, ad
aspettarli il “mondo dei
grandi” e tante incognite,
qui al Ciglione non è finito
solo il campionato, in
qualche modo, è finita
anche la loro infanzia. I
piccoli con il 65 sono forse
più spensierati ma certamente non meno agguerriti. Li guardiamo mentre
sono schierati al cancelletto e ci pare che questa
gara abbia un significato
particolare per ognuno di
loro, le loro espressioni
raccontano di stati d’animo
diversi. Alessandro Facca
fissa la pista e nei grandi
occhi celesti sembra
passare un’ombra di
inquietudine, è in testa alla
classifica sin dal primo
round di Mantova ma non
è ancora matematicamente campione d’Italia. Kevin
Cristino è concentrato,
ancora più determinato del
solito, vuole davvero
provare a prendersi il titolo
che l’anno scorso gli era
sfuggito di un soffio. Il suo
faccino serio ci fa capire
che ci proverà alla morte,
nonostante il grande

189