File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Ricerca PDF Assistenza Contattaci



Guida Raid 2013 .pdf



Nome del file originale: Guida Raid 2013.pdf
Autore: Franco

Questo documento in formato PDF 1.5 è stato generato da Microsoft® Office Word 2007, ed è stato inviato su file-pdf.it il 26/07/2013 alle 19:22, dall'indirizzo IP 79.15.x.x. La pagina di download del file è stata vista 1343 volte.
Dimensione del file: 1.6 MB (8 pagine).
Privacy: file pubblico




Scarica il file PDF









Anteprima del documento


MotoRaid 2013

DAL 7 AL 15 SETTEMBRE

Alpi – Cotè d’Azur – 5 Terre

Le alpi rappresentano lo scenario ideale per tutti i motociclisti sensibili ai valori
fondamentali della comunità dei centauri: libertà e condivisione.
In nessun altro luogo di Europa si è pervasi dalla sensazione di libertà che si
sprigiona dalle immense vette solitarie e innevate, e lungo le strade strette e
serpeggianti strade fra cui la moto s’insinua meglio di ogni altro veicolo, o su
quei sentieri poco battuti che solo le “due ruote” possono affrontare.
Abbiamo pensato a percorsi accessibili a tutti, indipendentemente dal tipo di
moto che guidate e dal tempo che avete a disposizione per viaggiare insieme a
noi tra queste meravigliose montagne.
Vi proponiamo un viaggio entusiasmante a cifre ragionevoli, visitando gran
parte dell’arco alpino. Il nostro tour si muoverà dalla città di Biella e
terminerà a Porto Venere, attraversando la Svizzera e parte della Francia,
senza ovviamente tralasciare un angolo di paradiso come la costa Azzurra,
cavalcare in sella alla propria moto l’asfalto dove sfrecciano le auto di
Formula 1… Montecarlo!

GIORNO 1 – PARTENZA – CIRO’ MARINA  FIRENZE
7 SETTEMBRE 2013 – ORE 06.30
Ritrovo, come tutte le domeniche, davanti al Bar D’Agostino, Piazzale Stazione, Cirò Marina.
Dopo una ricca colazione a base di cornetti, caffè e latte possiamo avventurarci per affrontare il più lungo
degli itinerari. Infatti percorreremo quasi tutta l’Italia fino a conquistare le porte di Firenze. Se l’arrivo avverrà
in un orario congruo effettueremo una breve visita alla città, altrimenti, sosteremo in albergo e dopo una
bella cena, pasciuti e stanchi, andremo a riposare.
DETTAGLIO DEL VIAGGIO
Percorrenza: Km 816
Tempo di Percorrenza: 7 ore e 42 minuti
Soste Previste: 3
Carburante: € 85,00 (calcolato sulla base di 16 km/l)
Hotel + Pranzo + Cena: € 70,00

GIORNO 2 – FIRENZE  BIELLA
8 SETTEMBRE 2013 – ORE 08.30
Il mattino seguente è la volta di conquistare il Piemonte, una
delle regioni più belle d’Italia, andremo a Biella, centro
nevralgico del mercato internazionale della lana. Il tutto in
armonia con la bella natura che la circonda. La troviamo ai
piedi delle Alpi, ai confini con la Valle d'Aosta, nella catena
montuosa del massiccio del Bo, una zona caratterizzata da
sorgenti di montagna e laghi. Oltre la città, troviamo alcuni
imponenti testimonianze della Biella industriale di un tempo
(molti risalgono all'Ottocento), che rendono questo luogo un
importante sito archeologico industriale tutto da scoprire.
SACRO MONTE OROPA
Il Santuario di Oropa è probabilmente uno dei luoghi più visitati di tutta la regione,
terzo più grande d'Europa. Lo troviamo situato a 1800 metri d'altezza e sin dal
1500 è meta di grande pellegrinaggio: si menziona in particolare quello che ogni
cinque anni ha luogo da Fontainemore, nella Valle di Gressoney, al santuario. L'arte
sacra si ammira per la scultura lignea dellaMadonna Nera, riccamente rivestita in
oro e gemme e oggetto di venerazione. La visita diventa anche una pausa culinaria obbligatoria per godere
della celebre cioccolata calda del Santuario, o anche di un piatto di polenta concia (polenta con fonduta di
formaggio), in uno dei numerosi ristoranti nelle vicinanze.
RICETTO DI CANDELO
A cinque chilometri da Biella sorge il borgo medievale di Ricetto di Candelo, uno dei
cento borghi più belli d’Italia. Le case dei contadini si sono conservate perfettamente
dal Medioevo ad oggi ed entrare a Ricetto dà la sensazione di iniziare un viaggio
indietro nel tempo fino al 1300. Il Ricetto di Candelo è una struttura fortificata tardomedievale (XIII-XIV sec.) realizzata dalla comunità contadina locale, senza alcun
intervento feudale, su un fondo in origine proprietà dei nobili Vialardi di Villanova e
poi riscattato dai Candelesi.
DETTAGLIO DEL VIAGGIO
Percorrenza: Km 445
Tempo di Percorrenza: 4 ore e 59 minuti
Soste Previste: 1
Carburante: € 45,00 (calcolato sulla base di 16 km/l)
Hotel + Pranzo + Cena: € 70,00

GIORNO 3 – BIELLA  GINEVRA
9 SETTEMBRE 2013 – ORE 08.30
Partendo da Biella la guida risulta facile, perché la strada segue quasi
ovunque il corso dei fiumi. L’emozione è altrove: nelle montagne, immense
e possenti,, ma anche nei castelli che raccontano la storia tormentata di
questa regione, dilaniata da conflitti di casato. Quando Annibale, il
cartaginese, decise di abbattere l’impero romano, si racconta che
attraversò le Alpi.
GINEVRA è una città poliedrica, la più piccola
delle metropoli in Europa e simbolo di grande internazionalità. La chiamano Città
della Pace, perché sin dall'antichità ha 'riappacificato' le sorti di un Europa e di un
mondo sempre in guerra; la chiamano anche Piccola Parigi per quella sua aria da
'Grande Dame', che molti ritengono forse un po' francese, ma che fa così tanto
atmosfera. Ma Ginevra è molto più di tutto questo: Città internazionale prima di
tutto, perché ospita più organizzazione internazionali lei che il mondo intero, Città
finanziaria perché segue i più importanti centri della finanza europea
dopo Londra e Zurigo, e soprattutto Città di cultura, di storia e di natura, di orologi,
di artigiani e gran lavoratori, di calvinisti, e tantissimi giovani ... le sarà bastato questo per diventare la terza città al
mondo per qualità della vita? Sembra di no, perché sono ancora tante le sorprese che ci aspettano.

Jet d'Eau di Ginevra
Inusuale per essere definita una fontana, vero? Arrivando in aereo vi siete
forse chiesti se questo altissimo zampillo d'acqua capace di sprigionare 500
litri d'acqua al secondo ad un'energia di 200 km orari possa quasi mai
raggiungervi?... tranquilli è alto solo 140 metri! Nasce nel 1886 come un
occasionale attrazione di stagione, ma poi è piaciuto così tanto che dal 1891
(benché l'attuale sia del 1951) è considerato il simbolo più esplicito di
Ginevra. Ogni tanto viene 'vestito a festa', colorato in occasione di qualche
evento internazionale e umanitario. Se vi capita di non vederlo, non siate delusi, per ragioni di risparmio
energetico il getto non può essere continuo. Aspettate un po' nel lungofiume e verrete ripagati.
Cattedrale di St Pierre
La Cattedrale di Ginevra si fa apprezzare in tutta la sua imponenza gotica,
sin dal dodicesimo secolo, nonostante sia stata più volte rimaneggiata nel
tempo. Recenti scavi hanno rivelato un precedente santuario cristiano del
IV secolo. Fu proprio nel chiostro di San Pierre che i ginevrini nel 1536
decisero di trasformare la loro chiesa madre da cattolica a protestante. Da
allora Ginevra divenne il centro del calvinismo europeo, una sorta di Roma
papale di fede protestante. Un itinerario guidato permette di esplorare il
vasto Sito archeologico di Saint-Pierre, nel quale si mostrano le fondamenta di altri diversi templi religiosi,
del palazzo vescovile e numerosi mosaici. La vicina Cappella dei Maccabei è del primo XV secolo. La
cattedrale è affiancata dal Tempio de dell'Auditoire, la chiesa gotica in cui predicava Giovanni Calvino.
Attraverso un passaggio sotterraneo si arriva al vicino Museo internazionale della Riforma (situato al piano
terra della Maison Mallet). Coloro che sono disposti a salire i 145 gradini della torre della Cattedrale saranno
premiati con una magnifica vista di Ginevra e del lago.
DETTAGLIO DEL VIAGGIO
Percorrenza: Km 294
Tempo di Percorrenza: 3 ore e 41 minuti
Soste Previste: 1
Carburante: € 35,00 (calcolato sulla base di 16 km/l)
Hotel + Pranzo + Cena: € 70,00

GIORNO 4 – GINEVRA  ANNECY  GRENOBLE
10 SETTEMBRE 2013 – ORE 08.30
I paesaggi grandiosi e la sfilza di curve di alta montagna fanno della Savoia una terra
d’elezione per il turismo in moto. Questo itinerario tutto nelle Prealpi e nelle Alpi
francesi vi condurrà alla scoperta dei grandi laghi della Savoia: il Lac d’Annecy ed il Lac
de Bourget.

ANNECY
Conosciuta come “La Venezia Savoiarda” tanto per il suo
centro storico che per i suoi dintorni. Lasciate le moto e andate
alla ricerca della vecchia Annecy (quartiere pedonale), poi
lungo le rive del lago nei giardini di Europa e sul romantico
Pont des Amours. Bagnata dal brevissimo corso del Thiou
emissario del lago e raccolta ai piedi del castello che fu dei
Savoia-Nemours, la vecchia Annecy costituisce un insieme
molto omogeneo. I secoli l’hanno conservata quasi intatta con
le porte fortificate, le strade sinuose fiancheggiate da portici
irregolari sostenuti da massicci pilastri, i lungofiume soleggiati e
colorati che le hanno fatto vincere premi su premi nelle gare nazionali per le città meglio addobbate di fiori.
Gli sconvolgimenti economici e politici della fine del XVIII secolo portarono le Vieil Annecy ad un
cambiamento totale, trasformando la città in un rumoroso centro manifatturiero che anticipava in qualche
modo lo sviluppo industriale del XX secolo: proprio in pieno centro certi brani di architettura contemporanea
raccontano modi intelligenti di riuso urbano delle fabbriche di un tempo.

GRENOBLE
Adagiata ai piedi delle Alpi tre la catena
della Belledonne ed i massicci della
Chartreuse e del Vercors, Grenoble è un
affascinante incontro tra innovazione e
tradizione; capitale della provincia storica
del Delfinato, la città si è sviluppata ai piedi
delle Alpi presso la confluenza dei fiumi
Drac e Isère, in una splendida posizione tra
pianura e montagna; nonostante infatti la
sua geografia evochi scenari montuosi, Grenoble è tra le città
più pianeggianti dell'intera Europa. In questa cittadina
effettueremo la cena ed il pernottamento, presso ovviamente i
caratteristici alberghi della zona. La principale attrazione di
Grenoble tuttavia – quella che di fatto richiama il maggior
afflusso di persone – pare essere la fortezza della Bastille,
ovvero il forte militare costruito a metà dell'Ottocento per
volere del Generale Haxo a scopo difensivo in caso di attacco
del vicino Ducato di Savoia.
DETTAGLIO DEL VIAGGIO
Percorrenza: Km 149
Tempo di Percorrenza: 1 ore e 48 minuti
Soste Previste: 1
Carburante: € 20,00 (calcolato sulla base di 16 km/l)
Hotel + Pranzo + Cena: € 70,00

GIORNO 5 – GRENOBLE  GRASSE
11 SETTEMBRE 2013 – ORE 08.30
Nel 1814 Napoleone Bonaparte, senza alcun dubbio il leader
più famoso nella storia della Francia, venne condannato agli
arresti domiciliari ed esiliato all’isola d’Elba, non lontano dalla
sua isola natale, la Corsica.Napoleone sbarca il 1 marzo 1815 a
Golfe-Juan alla testa di un piccolo esercito di 1200 uomini e si
avvia verso Grenoble, per poi rientrare a Parigi: è l’inizio del
periodo detto dei Cento Giorni. Il ritorno al potere
dell’Imperatore sarà tuttavia breve e culminerà con la famosa
sconfitta di Waterloo il 18 giugno 1815.La strada intrapresa da
Napoleone e dai suoi uomini per raggiungere Grenoble in quei 7 giorni viene chiamata Route Napoléon. Al
giorno d’oggi si tratta di una moderna strada statale lunga 325 km, la RN85, che attraversa gli splendidi
paesaggi della Provenza.
Il primo tratto della Route Napoleon scende da Grenoble a
Embrun, lungo un bel tracciato che permette di scoprire i
primi contrafforti delle Alpi Occidentali, e lascia meravigliati
sulla strada delle Alpi di Alta Provenza. Da Gap, dove inizia il
secondo tratto, potrete seguire il filo di Arianna che vi
condurrà nel sud-est della Francia.
Il secondo tratto della Route Napoleon, che da Embrun
scende fino a Grasse, dove pernotteremo, è il più selvaggio
del percorso, nonché uno degli itinerari più belli della Francia,
lunog un tracciato ideale per una vacanza in occasione di un
ponte.
L’itinerario scivola via verso la Cotè d’Azur (Costa Azzurra),
accumulando energie in vista della magnifica costa francese.

DETTAGLIO DEL VIAGGIO
Percorrenza: Km 300
Tempo di Percorrenza: 4 ore e 38 minuti
Soste Previste: 3
Carburante: € 30,00 (calcolato sulla base di 16 km/l)
Hotel + Pranzo + Cena: € 70,00

GIORNO 6 – GRASSE  SAN REMO
12 SETTEMBRE 2013 – ORE 08.30
Tanto vicina all’Italia quanto accogliente la Costa
Azzurra è ricca di tutti gli ingredienti giusti per una
vacanza ideale: mare cristallino, buona cucina, città
vivaci e piene di vita notturna, spiagge bianche,
borghi arroccati e tanti luoghi d’arte e di archeologia.
Tutto questo e molto altro ancora è la Costa Azzurra!

Nizza è una città vivace e frizzante che riesce a soddisfare tutte le esigenze. Vanta un
clima rilassato tipico delle località di mare grazie alle acque cristalline e alle stazioni
balneari, propone un’intensa vita sociale con tanti caffè, ristoranti e locali notturni, è
ricca di musei d’arte, di rovine archeologiche e di un bellissimo centro storico con
pittoreschi mercati, viuzze medievali, negozi di antiquariato e animata da festival e
manifestazioni culturali. Il tutto condito da un clima mite tutto l’anno, da un fascino
retrò e un’architettura belle èpoqueche sa incantare i visitatori in ogni mese dell’anno.

Principato di Monaco

- Fra grattacieli che disegnano

uno sky line davvero moderno, gli ascensori che portano in
cima alla rocca, i giardini lussureggianti e le linde strade
circondate da lussuosi palazzi, il Principato di Monaco è un
fazzoletto di perfezione e di eleganza, che raggiunge l’apice
della notorietà durante il Gran Premio di Formula 1 che si
svolge nelle vie della città.

San Remo

è la capitale della Riviera dei fiori. Apprezzata fin dal

1800 per il fattore climatico, non è altrettanto conosciuta per le
bellezze artistiche che possiede, perché ha in sé quello spirito ligure,
così schivo ai riflettori e timido al primo contatto. Eppure ha scorci
stupendi e nell’insieme architettonico, paesaggistico è un vero gioiello
dell’Italia, un lembo di terra con le radici protratte fino in Francia.

DETTAGLIO DEL VIAGGIO
Percorrenza: Km 105
Tempo di Percorrenza: 12 ore e 30 minuti
Soste Previste: 4
Carburante: € 20,00 (calcolato sulla base di 16 km/l)
Hotel + Pranzo + Cena: € 90,00

GIORNO 7 – SAN REMO  PORTO VENERE
13 SETTEMBRE 2013 – ORE 08.30
Le Cinque Terre sono un frastagliato tratto
di
costa
della riviera
ligure
di
levante situato
nel
territorio
della provincia della Speziatra Punta
Mesco e Punta di Montenero, nel quale si
trovano cinque borghi. Grazie alle
caratteristiche geografiche ed antropiche
del territorio dove sorgono, le Cinque
Terre costituiscono una delle principali attrattive turistiche della riviera spezzina, e in generale della Liguria,
per il loro contesto orografico collinare naturalmente aspro ed accidentato, addolcito dalla costruzione di
terrazzamenti o fasce per la coltura, che cala verso il mare con forti pendenze; nei punti in cui il mare si
insinua serpentinamente nella terra sorgono i borghi, snodati a seguire la naturale forma delle colline.

MONTEROSSO AL MARE è ubicato al centro di un piccolo golfo naturale,
protetto da una modesta scogliera artificiale, a levante di Punta Mesco
nella Riviera spezzina. A ovest del borgo originario, al di là del colle dei Cappuccini,
si trova l'abitato di Fegina, naturale espansione relativamente moderna e
caratterizzata da un impianto turistico-balneare rispetto al borgo antico.

VERNAZZA è il secondo dei paesi che costituiscono le Cinque Terre,
incastonato in una baia tra i comuni di Monterosso al Mare e Riomaggiore, e
comprende anche il successivo borgo di Corniglia, sua frazione. Il territorio è
anch'esso caratterizzato dai tipici terrazzamenti per la coltivazione della vite, uno
stile morfologico realizzato nei secoli dall'uomo e che, secondo una stima, pare
sia sviluppato per oltre 7000 chilometri di muretti a secco.

CORNIGLIA si trova in posizione centrale rispetto agli altri centri delle Cinque Terre,
situata ad est della sede comunale, Vernazza (a cui la unisce una suggestiva
passeggiata posta a mezza costa fra la vetta e il mare) e di Monterosso, e ad ovest
di Manarola e Riomaggiore. Si differenzia dagli altri paesi delle Cinque Terre in quanto
è l'unico borgo che non si affaccia direttamente sul mare, ma si trova sulla cima di un
promontorio alto circa novanta metri, circondato da vigneti posti su caratteristici terrazzamenti a fasce,
tranne il lato che guarda verso il mare.

MANAROLA così come le altre Cinque Terre, è stretta tra il Mar Ligure e la
ripida catena montuosa che si distacca dall'Appenninopresso il Monte Zatta e
scende in direzione Sud-Est facendo da spartiacque tra la Val di Vara e la zona
costiera. Il borgo sorge nel tratto terminale della valle del torrente Groppo.

RIOMAGGIORE così come le altre Cinque Terre, è stretta tra il mar Ligure e la ripida
catena montuosa che si distacca dall'Appennino presso il monte Zatta e scende in
direzione sud-est facendo da spartiacque tra la val di Vara e la zona costiera. Il centro
storico, il cui nucleo originario risale al XIII secolo, è situato nella valle del torrente Rio
Maggiore, l'antico Rivus Major dal quale il borgo prende il nome.
DETTAGLIO DEL VIAGGIO
Percorrenza: Km 263
Tempo di Percorrenza: 14 ore e 30 minuti
Soste Previste: 5
Carburante: € 25,00 (calcolato sulla base di 16 km/l)
Hotel + Pranzo + Cena: € 70,00

GIORNO 8 – PORTO VENERE  ROMA
14 SETTEMBRE 2013 – ORE 08.30
La mattina seguente, a seguito di una ricca colazione sul bellissimo
promontorio della costa ligure, inizieremo lil viaggio di ritorno. Arriveremo
nel pomeriggio nella capitale, effettueremo il checkin in albergo e
dedicheremo gran parte della serata ad effettuare visite nei vari
monumenti che attestano la maestosità dell’Impero Romano, primo fra
tutti il Colosseo.
DETTAGLIO DEL VIAGGIO
Percorrenza: Km 436
Tempo di Percorrenza: 4 ore e 30 minuti
Soste Previste: 2
Carburante: € 45,00 (calcolato sulla base di 16 km/l)
Hotel + Pranzo + Cena: € 70,00

GIORNO 9 – ROMA  CIRO’ MARINA
15 SETTEMBRE 2013 – ORE 9.00
Purtroppo questo sarà l’ultimo giorno della nostra vacanza e, come un po’ tutte le cose belle, sembrerà che il
tempo sarà passato in fretta. Arriveremo a Cirò Marina in tarda serata, effettueremo varie soste lungo la
strada fino all’arrivo; dove ci saluteremo.
DETTAGLIO DEL VIAGGIO
Percorrenza: Km 565
Tempo di Percorrenza: 6 ore e 30 minuti
Soste Previste: 3
Carburante: € 50,00 (calcolato sulla base di 16 km/l)

RIEPILOGO COSTI
Percorrenza Totale: km3.373
Costi Carburante: € 355,00
Hotel + Pasti: € 580,00

SOLO PILOTA

PILOTA E PASSEGGERO

€ 935,00

1.515


Documenti correlati


Documento PDF cv dilecce davide 1
Documento PDF guida raid 2013
Documento PDF automobilismo d epoca agosto settembre 2016
Documento PDF aggiornamento sullo stato di attuazione della legge regionale sulla semplificazione
Documento PDF la stampa 19 05 2014
Documento PDF il fatto quotidiano 02 03 2016 pg


Parole chiave correlate