File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Ricerca PDF Assistenza Contattaci



tamagnani2 .pdf



Nome del file originale: tamagnani2.pdf

Questo documento in formato PDF 1.3 è stato generato da Microsoft® Office Word 2007 / Mac OS X 10.8.4 Quartz PDFContext, ed è stato inviato su file-pdf.it il 04/08/2013 alle 11:23, dall'indirizzo IP 151.55.x.x. La pagina di download del file è stata vista 1388 volte.
Dimensione del file: 403 KB (10 pagine).
Privacy: file pubblico




Scarica il file PDF









Anteprima del documento


PG N° 28458

Titolazione:

del 23/12/2009

Comune di Reggio Emilia
R.U.D.

AREA PIANIFICAZIONE STRATEGICA
PIANIFICAZIONE E QUALITA URBANA

Dirigente: SERGIO Maria

ESTENSORE DETERMINAZIONE : Claudia Bortolani

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

OGGETTO:
DETERMINA
DI
PROROGARE
L'INCARICO DI
COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA AL DOTT. PAOLO
TAMAGNINI,
NELL'AMBITO DELLA PREDISPOSIZIONE DELL'ELABORATO
CONCLUSIVO DEL PIANO DEI SERVIZI E DELLE ATTIVITA' AD ESSO CONNESSE.

OGGETTO:

DETERMINA      DI      PROROGARE          L’INCARICO    DI COLLABORAZIONE
COORDINATA E CONTINUATIVA AL DOTT. PAOLO TAMAGNINI,
NELL’AMBITO  
DELLA  
PREDISPOSIZIONE  
DELL’ELABORATO  
CONCLUSIVO DEL PIANO DEI SERVIZI E   DELLE   ATTIVITA’   AD   ESSO  
CONNESSE.
IL DIRIGENTE DI SERVIZIO

Premesso:
-

che con deliberazione di Consiglio Comunale del 04/02/2009, n. 1361/27, legalmente
esecutiva, sono stati approvati il Bilancio di Previsione 2009, il Bilancio Pluriennale
2009-2011 e i relativi allegati;

-

che con deliberazione di Giunta Comunale del 18/12/2009, n. 27713/364, sono stati
approvati   gli   schemi   del   bilancio   dell’esercizio   2010,   del   Bilancio   Pluriennale   20102012 e della Relazione Previsionale e Programmatica;

-

che con deliberazione di Consiglio Comunale si   provvederà   all’approvazione   del  
Bilancio di Previsione 2010, del Bilancio Pluriennale 2010-2012 e dei relativi allegati;

-

che con successiva deliberazione di Giunta Comunale si provvederà ad approvare il
Piano  Esecutivo  di  Gestione  dell’esercizio  2010,  nel quale saranno fissati i requisiti di
cui  all’art.  192  del  D.  Lgs.  267/00;;

-

che in sede di predisposizione di Bilancio è stata data attuazione a quanto stabilito
dall’art.   170   del   D.   Lgs.   n.   267/00   e   dall’art.   7   del   regolamento   di   Contabilità,  
operando una classificazione delle risorse finanziarie in relazione alle aree funzionali,
che  ha  consentito  l’aggregazione  di  dati  per  programmi  e  per  centri  di  responsabilità,  
delle cui funzioni si è data illustrazione nella relazione previsionale e programmatica;

-

che   ai   sensi   dell’art.   50   del   D.   Lgs.   n.   267/2000,   il   Sindaco   del   Comune   di   Reggio  
Emilia, con atto P.G. n. 22270/05, ha attribuito e definito gli incarichi dirigenziali,
conferendo   all’ing.   Maria   Sergio,   l’incarico   di   Dirigente   del   Servizio   Pianificazione e
Qualità Urbana, con decorrenza 01.01.06 fino alla fine del mandato del Sindaco;

-

che con provvedimento n. 20304 del 04.09.09 il Sindaco ha confermato e prorogato
l’incarico  dirigenziale  all’ing.  Maria  Sergio  fino  al  31.12.09;;

Tenuto conto:
-

che il Servizio Pianificazione e Qualità Urbana aveva, fra gli obiettivi strategici della
passata  legislatura,    l’elaborazione  degli  strumenti  urbanistici  per  la  programmazione  
e   la   pianificazione   dell’assetto   del   territorio,   con   la   previsione,   in   particolare,  
dell’adeguamento  degli  strumenti  di  programmazione  e  pianificazione  territoriale  alla  
legge della Regione Emilia Romagna n. 20/00 e s.m.

-

che, conseguentemente, con deliberazione di Consiglio Comunale n. 5835/87 del
06/04/2009 è stato adottato il piano Strutturale Comunale (P.S.C.) di Reggio Emilia e
con successiva deliberazione di Consiglio Comunale n. 5840/92 del 16/04/2009 è
stato approvato il Regolamento Urbanistico ed Edilizio (R.U.E.);

-

che   dell’adozione   del   P.S.C.   e  del   R.U.E.   è  stato  dato  avviso  sul   Bollettino Ufficiale
della Regione Emilia Romagna n. 84 del 06/05/2009, a decorrere dal quale è iniziato
il periodo di deposito dei suddetti strumenti;

-

che il 31 ottobre 2009 si è concluso il periodo di raccolta delle osservazioni al P.S.C.
e al R.U.E., che   dovranno   essere   esaminate   e   controdedotte   in   vista   dell’  
approvazione dei predetti strumenti urbanistici;

-

che, a seguito di tale istruttoria, sarà necessario modificare gli elaborati del P.S.C. e,
fra questi, anche il Piano dei Servizi, ossia lo strumento che individua una nuova ed
efficiente rete di servizi, tendendo alla qualità urbana diffusa, al benessere dei
cittadini ed al rafforzamento del senso di comunità, grazie al contributo delle
Circoscrizioni e degli stessi cittadini;

Rilevato:
-

che il Servizio   Pianificazione   e   Qualità   Urbana,   in   relazione   all’approvazione   del  
P.S.C., dovrà prossimamente sviluppare la seguente attività:



Aggiornamento e verifica delle esplorazioni progettuali e relative analisi inerenti gli
scenari urbanistici futuri delle   frazioni   e   dei   quartieri   urbani,   da   inserire   all’interno  
dell’elaborato   definitivo   del   Piano   dei   Servizi,   e   rapporto   con   gli   organi   del  
decentramento in funzione della ristrutturazione delle circoscrizioni amministrative;



Collaborazione con il Servizio Decentramento del Comune di Reggio Emilia per le
attività interconnesse del Piano dei Servizi con le esigenze e i bisogni espressi dagli
enti territoriali in funzione anche dei nuovi limiti delle circoscrizioni, al fine di integrare
reciprocamente la gestione comune dei database comunali e la congruenza delle
analisi settoriali specifiche su diverse tematiche;



Collaborazione al coordinamento generale della stesura definitiva del Piano dei
Servizi  riguardante  l’aggiornamento  dell’individuazione  delle  emergenze urbanistiche
e delle nuove centralità per ogni ambito del piano dei servizi e definizione delle
politiche strategiche di ambito relative al sistema dei servizi socio-educativi, sistema
ambientale, commerciale e alle politiche per la mobilità, in funzione delle osservazioni
pervenute in fase di adozione del Piano;

Considerato:
-

che il Servizio Pianificazione e Qualità Urbana attualmente ravvisa la necessità di
potenziare la dotazione organica disponibile, per affrontare, con profili di professionalità
adeguata, in ragione particolare dei tempi brevi che sono richiesti, le attività sopra citate;

-

che   nell’ambito   dell’Amministrazione   non   sono   disponibili   altre   risorse   umane   che  
possano rendere le indicate prestazioni professionali, trattandosi di attività ad alto
contenuto di complessità e professionalità;

-

che,   in   particolare   a   partire   dall’anno   2005   e   fino   a   tutto   il   31/12/2009,   giusta  
determinazione dirigenziale P.G. n. 27845/2007, il Servizio Pianificazione e Qualità
Urbana ha attivato una collaborazione con il dott. Paolo Tamagnini, laureato in
Pianificazione territoriale, che, per curriculum e per esperienza, ha maturato una buona
conoscenza delle tematiche attinenti alla pianificazione relativa alla L.R. 20/2000, e può
considerarsi una figura    idonea  a    garantire  la  collaborazione  nell’attuazione  delle  attività  
di cui sopra;

-

che tale collaboratore risulta idoneo a svolgere le mansioni di cui sopra, avendo una
formazione universitaria (Politecnico di Milano) e professionale fondata su un approccio
multidisciplinare verso le problematiche urbanistiche, esaminate nella complessità delle
loro implicazioni storiche, culturali, sociali ed ambientali;

-

che il medesimo è già a conoscenza della materia, avendo collaborato alla stesura del
Piano dei Servizi del P.S.C. adottato, ed è quindi in grado di collaborare efficacemente
all’eventuale   modifica,   a   seguito   dell’istruttoria   delle   osservazioni   presentate,   degli  
elaborati riguardanti il Piano dei Servizi;

-

che si è rilevata dunque la necessità di avvalersi della suddetta professionalità ed
esperienza fino a tutto il 31/12/2010, per svolgere e collaborare alle attività sopra
descritte, garantendo in tal modo funzionalità e continuità gestionale nello svolgimento
delle mansioni che gli verranno richieste, nonché per economicità nei tempi di lavoro;

-

che il suddetto professionista al riguardo contattato ha dichiarato la propria disponibilità
a   rinnovare   l’incarico   in   questione,   alle   condizioni   previste   nel   sottoriportato   disciplinare  
d’incarico,  dietro  corresponsione di un compenso totale di €  23.000,00;

Ravvisata ora la necessità, così come previsto dal progetto e non  essendo  l’Amministrazione  
in grado di far fronte a tale esigenze con le risorse professionali presenti al momento al suo
interno, nel rispetto di quanto previsto dalla L. 4/8/2006 n. 248 (conversione del D.L.223
“Bersani”),  di  PROROGARE  l’incarico  di  collaborazione  coordinata  al  dott.  Paolo  Tamagnini,  
in possesso dei requisiti e della preparazione ed esperienza necessaria, per il periodo
01/01/2010-31/12/2010 ai   patti   e   condizioni   specificati   nel   disciplinare   d’incarico   dal  
medesimo sottoscritto, allegato e parte integrante del presente atto;
Ritenuto   conseguentemente   di   assumere   la   spesa   per   l’incarico   suddetto   in   complessivi  
annui €  27.311,72, così determinati:
Incaricata

Compenso
lordo

INPS a carico Ente
(2/3 26,72%)

INAIL
(2/3 14 x
1000)

Totale a
carico
dell’ente  

PAOLO TAMAGNINI
Anno 2010

€  23.000,00

€  4.097,06

€  214,66

€  27.311,72

Dato atto inoltre:
-

che in relazione al   conferimento   dell’incarico   è   stato   verificato   il   rispetto   di   quanto  
previsto   dall’art.   25   della   legge   724/1994   in   ordine   al   divieto   di   affidamenti   di  
consulenze  a  ex  dipendenti  dell’amministrazione  andati  in  pensione  con  anticipazione  
rispetto ai termini richiesti dalla legge;

-

che il presente incarico di collaborazione coordinata e continuativa rispetta i contenuti
di  cui  all’art.1  del  decreto  legge  168/2004,  convertito  in  legge  n.191  del  30/07/2004;;

-

che il suddetto incarico di collaborazione rientra in uno dei casi previsti dagli accordi
comunali ed è riferito a contratto già presente nella ricognizione effettuata dalla
Direzione Generale in data 4 aprile 2007 con possibilità di rinnovo a tutto il 31
dicembre 2009;

-

che il presente incarico è conforme a quanto   disposto   dall’art.   1   dell’Allegato   4   al  
Regolamento  comunale  sull’Ordinamento  Generale  degli  Uffici  e  dei  Servizi;;

-

che la collaborazione si svolgerà per un periodo determinato e avrà decorrenza dal
01/01/2010 al 31/12/2010;

Valutato infine:
-

che l’atto  è  da  trasmettere  alla  Corte  dei  Conti   - Sezione Regionale di Controllo per
l’Emilia   – Romagna,   ai   sensi   dell’art.   1,   comma   173,   della   Legge   n.   266/05,   come  
chiarito dalle circolari della citata Sezione Regionale della Corte dei Conti prot. n.

3358 del 16.12.08 e prot. n. 1389 del 16.03.09, nonché dalla nota a firma del
Direttore Generale e del Segretario Generale del Comune di Reggio Emilia n. 23 del
08.04.09;
Tutto quanto sopra ed al fine di rendere operante, in tempi brevi, la collaborazione
sopraddetta per favorire la massima efficienza del Servizio Pianificazione, si propone di
conferire al dottore in Pianificazione Paolo Tamagnini la collaborazione coordinata e
continuativa per la prestazione di attività tecniche per la Pianificazione relative a progetti
specifici   di   aggiornamento   degli   strumenti   di   Pianificazione   alla   L.R.   n.   20/2000   nell’ambito  
della modifica ed aggiornamento del Piano dei Servizi, come sopra meglio descritto;

Visti:











la dichiarazione sottoscritta dal Dirigente attestante  la  carenza  d’organico;;
gli artt. 56 e 57 dello Statuto Comunale;
il   D.   Lgs.   30.03.2001,   n.   165   ed   in   particolare   l’art.   4,   2°   comma,   e   l’art.   7,   6°   comma  
come  novellato  dall’art.  13  del  DL  10/01/2006,  n.  4;;
il D.Lgs. 18.08.2000, n. 267 ed in particolare l’art.  107,  l’art.  151,  4°  comma,  e  l’art.  183;;
l’art.  46  del  D.L.  112/08,  convertito  nella  L.  133/08;;
la legge regionale n. 20/2000;
il  vigente  Regolamento  comunale  sull’Ordinamento  Generale  degli  Uffici  e  dei  Servizi;;
l’art.  32  del  vigente  Regolamento  di Contabilità del Comune;
il vigente Regolamento Comunale per la disciplina dei contratti;
l’art.  1,  comma  173,  della  Legge  266/2005  (Legge  Finanziaria  2006);;

DETERMINA
1) di prorogare al Dottore in Pianificazione Paolo Tamagnini
l’incarico   di  
collaborazione coordinata e continuativa per la prestazione di attività tecniche per la
Pianificazione relative a progetti specifici di aggiornamento degli strumenti di
Pianificazione di cui alla L.R. n. 20/2000, con riferimento in particolare alla
predisposizione dell’elaborato  conclusivo  del  Piano  dei  Servizi, secondo le modalità
specificate  nel  disciplinare  contenuto  nell’allegato  A  al  presente  atto;;
2) di impegnare la complessiva spesa di €  27.311,72   al codice bilancio 1.09.01.01 del
Bilancio Pluriennale 2009-2011, al capitolo che nel P.E.G. 2010 verrà iscritto in sede
corrispondente al capitolo 24800/08 del P.E.G. 2009, prodotto 2010_PD_6136
“Attività   di   supporto   al   Servizio   Pianificazione”,     centro   di   costo   0216,   codice   Coge  
GK, non rilevante ai fini della competenza ambientale;
3) di   richiedere   l’assunzione   della   suddetta   spesa,   pur   nelle   more   di   approvazione   del  
Bilancio  per  l’esercizio  2010,  al  fine  di  garantire  la  continuità  gestionale  e  l’operatività  
del Servizio proponente, nonché per evitare danni patrimoniali all’Ente,   tenuto  
presente che la spesa verrà gestita per dodicesimi e comunque nel pieno rispetto
delle  disposizioni  di  cui  all’art.  163  del  D.  Lgs.  267/00;;
4) di dare atto che ad eventuali spese di missioni e trasferte si farà fronte con apposito
impegno di spesa sul bilancio 2010;
5) di   dare   atto,   ai   sensi   dell’art.   46   del   D.L.   112/08,   convertito   nella   L.   133/08,   che   il  
presente   incarico   è   riferito   all’attività   istituzionale   di   attivazione   dei   programmi   di  
riqualificazione urbana, secondo la legge regionale n. 20/00 e, nel contempo, sarà
inserito nel Programma degli Incarichi da conferire a soggetti esterni nell'anno 2010;,
6) di dare atto che il presente incarico sarà trasmesso alla Corte dei Conti – Sezione
Regionale  di  Controllo  per  l’Emilia  – Romagna, ai sensi  dell’art.  1,  comma  173,  della  
Legge n. 266/05, come chiarito dalle Circolari della citata Sezione Regionale della
Corte dei Conti prot. n. 3358 del 16.12.08 e prot. n. 1389 del 16.03.09, nonché dalla
nota a firma del Direttore Generale e del Segretario Generale del Comune di Reggio
Emilia  n.  23  dell’08.04.09;;

7) di   disporre   l’invio   al   ragioneria   per   le   procedure   di   cui   all’art.151   ,   IV   comma   del  
D.lgs.267/ del 18/082000.
8) di   trasmettere   la   presente   determinazione   dirigenziale   all’Ufficio   Legale   – Contratti
per  la  stipula  del  relativo  disciplinare  d’incarico;;

IL DIRIGENTE DEL SERVIZIO PIANIFICAZIONE
Ing. Maria Sergio

Allegato A
DISCIPLINARE  DI  PROROGA    DELL’INCARICO  DI  COLLABORAZIONE  COORDINATA  E  
CONTINUATIVA FRA IL COMUNE DI REGGIO EMILIA E IL DOTT. PAOLO TAMAGNINI
L’anno  2010   il  mese  di   gennaio,  il  giorno            nella  sede  municipale  del  Comune  di   Reggio  
Emilia,
tra
Il   Comune   di   Reggio   Emilia,   codice   fiscale   n.   00145920351,   rappresentato   dall’ing.   Maria  
Sergio, Dirigente del Servizio pianificazione e Qualità Urbana, che interviene in forza di
legale rappresentante del Comune predetto,
e
dott. Paolo Tamagnini, nato a Reggio Emilia il 12/10/1981 e residente a Reggio Emilia, Via
Guernica 7 (CF: TMGPLA81R12H223L), professionista incaricato, si conviene e si stipula
quanto segue:

ART.1 - CONFERMA DELLE PREMESSE
La determinazione dirigenziale di conferimento di incarico professionale PG. n. 28458 del
23/12/2009 forma parte integrante del presente disciplinare.

ART.2 - OGGETTO DELL'INCARICO
Il Comune di Reggio Emilia, in persona del suo legale rappresentante, affida al
professionista incaricato, dott. Paolo Tamagnini, nato a Reggio Emilia il 12/10/1981 e
residente   a   Reggio   Emilia   Via   Guernica,   7   (CF:   TMGPLA81R12H223L),   l’incarico di
collaborazione coordinata e continuativa per la prestazione di attività tecniche per la
Pianificazione, relativi a progetti specifici di aggiornamento del P.S.C. adottato, ai sensi della
L.R. 20/2000, con particolare riferimento a:


Aggiornamento e verifica delle esplorazioni progettuali e relative analisi inerenti gli
scenari   urbanistici   futuri   delle   frazioni   e   dei   quartieri   urbani   da   inserire   all’interno  
dell’elaborato   definitivo   del   Piano   dei   Servizi   e   rapporto   con   gli   organi   del  
decentramento in funzione della ristrutturazione delle circoscrizioni amministrative;



Collaborazione con il Servizio Decentramento del Comune di Reggio Emilia per la
attività interconnesse del Piano dei Servizi con le esigenze e bisogni espressi dagli
enti territoriali in funzione anche dei nuovi limiti delle circoscrizioni al fine di integrare
reciprocamente la gestione comune dei database comunali e la congruenza delle
analisi settoriali specifiche su diverse tematiche;



Collaborazione al coordinamento generale della stesura definitiva del Piano dei
Servizi  riguardante  l’aggiornamento  dell’individuazione  delle  emergenze  urbanistiche  
e delle nuove centralità per ogni ambito del piano dei servizi e definizione delle
politiche strategiche di ambito relative al sistema dei servizi socio-educativi, sistema
ambientale, commerciale e alle politiche per la mobilità; in funzione delle osservazioni
pervenute in fase di adozione del Piano.

A   conclusione   della   suddetta   prestazione,   e   in   ogni   modo   al   termine   dell’incarico,   il  
professionista si impegna a consegnare elaborati grafici e/o documenti scritti illustrativi
dell’ipotesi  progettuale  sviluppata,  unitamente  ad  una  comunicazione  di  avvenuta  consegna.

ART.3 - FORMA  E  TEMPI  DELL’INCARICO
Il presente contratto deve intendersi a tempo determinato ed avrà decorrenza dal
01/01/2010 a tutto il 31/12/2010. Le parti concordano che la durata indicata al periodo
precedente è ragionevolmente congrua per il completamento delle attività alla base del

progetto  di  cui  all’art.2  del  presente  contratto. Qualora, per impedimenti oggettivi nel periodo
previsto, esso non dovesse essere raggiunto, il Committente e il Collaboratore valuteranno
l’opportunità  di  prorogare  il  presente  accordo  con  modalità  da  stabilire  con  apposito  atto.

ART.4 – MODALITÀ
Il  collaboratore,  nello  svolgimento  dell’incarico,  che  avverrà  presso  il  Servizio  Pianificazione  
e Qualità Urbana, agirà in piena autonomia senza vincoli di orario predeterminati dal
committente, rapportandosi con il Dirigente responsabile del Servizio Pianificazione e Qualità
Urbana e collaborando con i tecnici del Servizio, senza alcun vincolo di subordinazione e
senza organizzazione di mezzi propri ma utilizzando gli strumenti e i mezzi di proprietà del
Comune di Reggio Emilia, con conseguente possibilità di accesso agli uffici e servizi
comunali.

ART.5 - SEGRETO PROFESSIONALE
1.

Il collaboratore è tenuto ad osservare il segreto professionale ed è libero di assumere
altri incarichi nonché di effettuare prestazioni per conto di altri committenti;

2.

Lo stesso non  intende,  pertanto,  in  alcun  modo  instaurare  con  l’Ente  committente  un  
rapporto implicante vincolo di subordinazione ma viceversa il rapporto è attuato
secondo  quanto  disposto  dall’art.  50,  comma  1,  lett.  C-bis del TUIR.

ART. 6- COMPENSI
A fronte delle prestazioni   di   cui   all’art.2,   verrà   corrisposto   un   compenso   di   €     23.000,00 al
lordo delle ritenute fiscali e delle quote di contributi INPS e INAIL a carico del collaboratore
(1/3), e al netto delle quote di contributi INPS e INAIL a carico del committente (2/3). Il
compenso  verrà  erogato  in  n.  12  rate  mensili  di  €  1.916,67 cadauna.
Le parti dichiarano che per la determinazione del compenso hanno tenuto conto di quanto
normalmente corrisposto, nel luogo di esecuzione del rapporto, per analoghe prestazioni di
lavoro autonomo, della specificità della prestazione e ritengono il compenso proporzionato
alla quantità e qualità della prestazione oggetto del contratto.
In caso di trasferte del collaboratore, autorizzate dal committente, al di fuori del territorio
comunale   di   normale   esercizio   dell’attività,   indicato   nel   contratto, le spese di viaggio, vitto,
alloggio saranno rimborsate, dietro presentazione di idonea documentazione, secondo il
sistema  del  “piè”  di  lista.

ART.7 - IMPEGNI  DELL’AMMINISTRAZIONE  COMUNALE
Sarà compito del committente quello di provvedere al pagamento delle ritenute previdenziali,
fiscali   ed   assicurative   sull’importo   erogato   al   collaboratore.   A   tal   fine   il   committente   si  
impegna   ad   assicurare   il   collaboratore   all’INAIL   lo   stesso   giorno   di   stipula   del   presente  
accordo. Il collaboratore si impegna ad iscriversi  all’apposita  gestione  separata  INPS  di  cui  
alla L. 335/95 entro sette giorni dalla stipula del presente accordo.

ART. 8 - TUTELE
Il collaboratore può sospendere la prestazione per un periodo massimo di 30 giorni annui
giorni , a titolo di recupero psico-fisico, senza decurtazione del compenso pattuito,
concordando preventivamente con il Dirigente o responsabile di riferimento i periodi in cui
non presterà la propria opera. Il limite dei trenta giorni viene riferito a rapporti di durata pari a
dodici mesi, diversamente si applica un meccanismo di proporzionalità.
In caso di malattia, il rapporto continua a produrre effetti: il Dirigente che ha conferito
l’incarico   di   collaborazione   potrà   segnalare   all’ufficio   stipendi   la   necessità   di   sospendere   il
pagamento   del   compenso   o   di   ridurne   l’importo,   nel   caso   risulti   pregiudicato   il  
raggiungimento del risultato oggetto della collaborazione.
Il committente potrà recedere dal contratto, qualora la assenza per malattia dovesse protrarsi
per un periodo superiore a 1/6 della durata della collaborazione desunta nel presente
contratto, nel caso risulti pregiudicata la corretta esecuzione della prestazione concordata.

In caso di infortunio, il rapporto resta sospeso, senza erogazione del corrispettivo, fino a
guarigione clinica.
In caso di maternità, il rapporto resta sospeso, senza erogazione del corrispettivo, e si
proroga automaticamente per 210 giorni, a meno che la prestazione sia divenuta impossibile
o inutile.

ART. 9 – DIRITTI DEL COLLABORATORE
Al collaboratore sono assicurati tutti i diritti e le tutele scaturenti dalle vigenti disposizioni di
legge in tema di sicurezza e igiene del lavoro.
In particolare sono sottoposti alla formazione obbligatoria in materia di sicurezza sul lavoro,
in applicazione del Decreto Legislativo n. 626/1994 e successive modifiche ed integrazioni.
Su richiesta del Dirigente committente, e qualora risulti funzionale al buon esito del progetto,
possono essere inseriti in percorsi di formazione interna già strutturati per i dipendenti
dell’Ente,  senza  oneri  aggiuntivi  a  carico  dell’Ente  stesso.
Al termine del percorso formativo, su richiesta, il Comune rilascerà un attestato che certifichi
l’attività  formativa  svolta.  
Il collaboratore coordinato e continuativo è titolare degli stessi diritti di libertà, dignità e tutela
sindacale sanciti dalla Legge n. 300/1970.

ART. 10 - RISOLUZIONE DEL CONTRATTO
Il presente contratto si risolve alla scadenza prefissata. Le parti , in ogni caso, possono
recedere anticipatamente anche prima della scadenza per giusta causa, oppure, al di fuori
delle ipotesi di giusta causa, osservando un preavviso minimo pari a 60 giorni per il
committente e 30 giorni per il collaboratore, in caso di rapporti di durata pari a 12 mesi.
(altrimenti i termini vengono riproporzionati). Resta salvo il diritto del collaboratore alla
corresponsione dei compensi maturati fino alla data della risoluzione del contratto.
In   caso,   di   risoluzione   anticipata   da   parte   dell’Amministrazione   Comunale   per   sopravvenuti  
mutamenti organizzativi,   l’Ente   si   impegna   a   verificare   la   possibilità   di   utilizzare   il  
collaboratore per altri progetti o attività, fino alla scadenza naturale del contratto.
Oltre che per la cause sopraindicate e per la scadenza del termine concordato, il contratto
cesserà la sua efficacia anche nei casi di sopravvenuta impossibilità o inutilità della
prestazione oggetto del contratto di natura indipendente dalla volontà delle parti.

ART.11 - CONTROVERSIE
Qualsiasi controversia inerente il presente contratto sarà di competenza del Tribunale di
Reggio Emilia. Per quanto non espressamente stabilito dalla presente scrittura privata, si
applicano le disposizioni di legge in materia.
ING. MARIA SERGIO

Il collaboratore
Dott. Paolo Tamagnini

SERVIZIO FINANZIARIO
Ai  sensi  dell’art.    151,  co.  4  del  D.Lgs.  267/2000,  si  appone  il  visto  di  regolarità  contabile  attestante  la  
copertura finanziaria sulla determinazione dirigenziale PG/2009/28458 del 23/12/2009 avente per
oggetto:
DETERMINA DI PROROGARE L'INCARICO DI COLLABORAZIONE
COORDINATA E CONTINUATIVA AL DOTT. PAOLO TAMAGNINI, NELL'AMBITO
DELLA PREDISPOSIZIONE DELL'ELABORATO CONCLUSIVO DEL PIANO DEI
SERVIZI E DELLE ATTIVITA' AD ESSO CONNESSE
Li’.______________________

IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO
FINANZIARIO
_________________________________________________


Documenti correlati


Documento PDF tamagnani2
Documento PDF paolo giordano la solitudine dei numeri primi
Documento PDF rottamaitalia
Documento PDF determina pagamento consulenza
Documento PDF esercizi mendel legge 2
Documento PDF rapporto annuale sugli infortuni sul lavoro regione emiliaromagna 2012


Parole chiave correlate