File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Ricerca PDF Assistenza Contattaci



Relazione OTI AUTISMO.pdf


Anteprima del file PDF relazione-oti-autismo.pdf

Pagina 1 2 3 45630

Anteprima testo


componente genetica. Si comincia pertanto ad ammettere (Centers for Disease and
Prevention, organo federale epidemiologico americano) che nella genesi dell'autismo siano
coinvolti anche fattori ambientali (sostanze tossiche e/o vaccini). La Regione Toscana ha
percepito l'importanza sociale di tale patologia e ha dato inizio ad un progetto di screening
per l'autismo (a 12 e 18 mesi di età) che sarà condotto dai pediatri di base, in tutta la
regione. La stessa ASL 10 di Firenze, sotto la responsabilità della dott.ssa Marta Bigozzi,
specialista in Neuropsichiatria Infantile, ha dato inizio ad un proprio progetto di prevenzione
e intervento precoce riguardante seimila neonati, con il coinvolgimento di più di 100
specialisti.
L'autismo, allo stato attuale delle nostre conoscenze è una malattia ritenuta tuttora
praticamente incurabile. Tuttavia alcuni presidi terapeutici si sono rivelati utili, sebbene non
definitivi per migliorarne la sintomatologia comportamentale.
I principali tipi di trattamento si possono così sintetizzare:
1) Terapia Farmacologica Tradizionale (Risperdal, Haldol, Ritalin, Anafranil, Prozac,
Naltrexone e altri)
2) Logopedia
3) Psicomotricità
4) Terapia Integrativa Sensoriale
5) Terapia Psicoeducativa (Relationship Development Intervention, Applied Behavior
Analysis, Verbal Behavior)
6) Pet Therapy ( effettuata con cani, delfini, cavalli).
7) Terapia Biomedica
8) Comunicazione Facilitata
Ciascuna di queste terapie ha contribuito, in modo diverso, a migliorare la sintomatologia
dell'Autismo, ma nessuna di queste ha portato benefici tali da indurre alla guarigione
completa.
Attualmente il SSN si mostra in grado di sopperire alle esigenze terapeutiche di questa
patologia soltanto in minima parte, provvedendo a prendersi carico infatti delle spese
sanitarie per ciò che riguarda i farmaci e per ciò che concerne poche ore settimanali di
Logopedia, di Psicomotricità e di Terapia Integrativa Sensoriale, variando, in modo
significativo da Regione a Regione, gli eventuali rimborsi (Legge 118, Legge 104/92,
Delibera Regionale Toscana 493/2001).
Le esperienze internazionali dimostrano che, fra le molteplici terapie utilizzate per la cura
dell'autismo, l'Ossigeno-Terapia Iperbarica (OTI) possa ritenersi una delle più sicure ed
efficaci, potendo comportare miglioramenti fino allo 80% dei pazienti trattati rispetto al
38% dei gruppi di controllo [6], non solo dal punto di vista comportamentale, ma anche per
ciò che riguarda i sintomi fisici.
1.3 – Recenti Acquisizioni nella Diagnostica per Immagini e Rationale Terapeutico
Da alcuni anni, in Paesi come gli U.S.A., l'Inghilterra, la Turchia e la Thailandia, l'OTI è
stata inserita come trattamento aggiuntivo in corso di autismo [6, 7, 8, 9, 10, 11, 12, 13, 14].
Studi autoptici effettuati su soggetti autistici deceduti per motivi diversi e studi radiologici
indipendenti effettuati mediante SPECT (Spettrofotometria ad Emissione Singola di
Fotoni), mediante PET (Spettrofotometria ad Emissioni di Positroni), o fMRI (Risonanza
Pag. 4 di 30