File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Assistenza Contattaci



prova matematica esistenza di dio .pdf



Nome del file originale: prova matematica esistenza di dio.pdf
Titolo: La prova matematica dell'esistenza di Dio
Autore: Vincenzo Gagliardi

Questo documento in formato PDF 1.4 è stato generato da Nitro PDF Professional (6, 0, 0, 29), ed è stato inviato su file-pdf.it il 01/10/2013 alle 17:43, dall'indirizzo IP 87.4.x.x. La pagina di download del file è stata vista 2049 volte.
Dimensione del file: 886 KB (76 pagine).
Privacy: file pubblico




Scarica il file PDF









Anteprima del documento


LA PROVA MATEMATICA
DELL’ESISTENZA DI DIO
VINCENZO GAGLIARDI

PIU’ SI OSSERVA,
MEGLIO SI CONOSCE…

SAGGIO
Ed. White Cloud Studio - Roma

La prova matematica dell’esistenza di Dio

2

Vincenzo Gagliardi

VINCENZO GAGLIARDI

LA PROVA MATEMATICA
DELL’ESISTENZA DI DIO
PIU’ SI OSSERVA, MEGLIO SI CONOSCE…

SAGGIO

Proprietà letteraria riservata

Depositato alla SIAE di Roma il 20 - 03 -2007

3

La prova matematica dell’esistenza di Dio

Ai miei figli
Anna, Pietro e Ferdinando;
Questo saggio è dedicato alla memoria
di Mafalda di Savoia e di tutti gli altri martiri
del Lager di Buchenwald.

4

Vincenzo Gagliardi

PREFAZIONE

L’idea di scrivere questo saggio mi è venuta dalla lettura del libro “Tra fede
e scienza” di A. Zichichi .
A seguito di questa lettura ho capito una cosa importante, cioè poter
stabilire una convergenza tra fede e scienza su basi valide e
incontrovertibili, nel rispetto più assoluto dell’autore del libro citato.
L’ausilio della matematica in concomitanza con la filosofia, mi hanno
fornito gli elementi necessari per la stesura del saggio di che trattasi.
E’ opportuno far presente che per la realizzazione di qualsiasi opera,
occorre un progetto ed un terreno sul quale poter costruire l’opera; pertanto
è stato necessario eseguire preliminarmente determinati saggi in sito.
A tale scopo, il progetto mi è stato ispirato da uno dei più autorevoli
scienziati viventi: il Prof. Zichichi, che forse, e senza forse, non sono
nemmeno degno di nominare.
Il terreno su cui realizzare l’opera è quello di due grandi filosofi che mi
hanno appassionato fin da quando frequentavo il Liceo: B. Spinoza e G.B.
Vico.
Facendo il mestiere che conosco, ho eseguito saggi sul terreno della
filosofia nell’Etica di Spinoza : Dio è l’Essere assoluto che si rivela come
mondo, e il mondo è la manifestazione dell’esistenza divina.
Per questo motivo Dio e Natura si identificano: “ Deus sive Natura “.
Mentre G.B. Vico dice di aver ricavato il criterio del “ vero “ che consiste
nella formula : “ scienza et scire per causas “ in cui causa significa la natura
che opera dal di dentro delle cose. Da questa premessa il Vico deduce il
5

La prova matematica dell’esistenza di Dio

principio “ verum ipsum factum “: significa che il vero conoscere si
identifica col fare. In tal modo, questi due filosofi affermano la conversione
esistente tra immanenza e trascendenza.
La matematica, inoltre, mi ha consentito di impostare e risolvere
l’equazione infinitesimale: Dio-Natura e Vero-Fatto, onde poter stabilire in
termini matematici l’identificazione del Creatore con la creazione, in un
Tutto-Uno.
Cito ancora testualmente il Prof. Zichichi dal suo libro “ Perché io credo in
colui che ha fatto il mondo “, con sottile ironia dice: “ Alle porte del Terzo
Millennio non è più possibile essere credenti. E’ tempo che tu apra gli occhi
e impari qualcosa di Scienza, di Logica Matematica! Praticamente tutto. Se
non viene fuori il teorema di Dio, né la scoperta scientifica che Dio esiste, il
motivo è semplice: i credenti sono semplicemente dei testardi creduloni”.
Infine, questo saggio è dedicato alla memoria di Mafalda di Savoia e di tutti
gli altri martiri del lager di Buchenwald; affinché si sappia che esiste un
Dio al quale si dovrà rendere conto per l’eternità.

L’autore

6

Vincenzo Gagliardi

Capitolo 1: Cenni di Matematica

Equazione infinitesimale simbolica della conoscenza totale. In matematica
la voce equazione ha il significato di uguaglianza tra due espressioni che
contengono una o più variabili. Risolvere un’equazione significa trovare
valori che sostituiti a variabili soddisfano l’eguaglianza tra le due
espressioni.
Accanto a questo tipo di equazioni, dette risolvibili, vi sono le equazioni
approssimative, la cui soluzione teorica e matematica è molto difficile o
impossibile nonostante la soluzione teorica del loro enunciato; infine vi
sono le equazioni trascendenti che consentono infinite soluzioni.
L’eguaglianza dei valori presuppone, nella logica, che esiste una relazione
di equivalenza, in base alla quale, dati due enunciati,

l’uno implica

necessariamente l’altro, cioè avere uguale valore pur non essendo ugali
nella forma e nella sostanza: come è in Fisica il principio di equivalenza
della massa e dell’energia.
L’equazione della conoscenza totale ( comunione dell’anima umana con
Dio ) implica:
a ) tutto ciò che esiste ha un valore assoluto ed uno relativo;
b ) il valore relativo delle cose è insito nell’esistenza umana;
c ) il valore assoluto delle cose è in Dio;
d ) il raggiungimento della conoscenza totale, di tutto ciò che esiste, è
possibile solo avvicinandosi all’Ente Supremo: Dio;
7

La prova matematica dell’esistenza di Dio

e ) la possibilità di detto raggiungimento, non è il raggiungimento in sé, ma
diventare uno con Dio.

Pertanto il principio di equivalenze di B. Spinoza può essere espresso sotto
forma simbolica matematica con la seguente equazione differenziale:

lim . CΔC = 1
C→∞

Il limite del differenziale della conoscenza totale, per C tendente
all’infinito, è uguale a Dio.
N. B. Δ ( delta ) è il simbolo differenziale;
Ct è la conoscenza totale ;
1 è il simbolo di Dio.
L’integrale indefinito : lim . CΔC = Ct + K
C→∞

Sostituendo questo valore all’equazione della conoscenza totale, si ha:
Ct + K = 1 che è la soluzione di detta equazione. K è la costante di
integrazione, detta: costante teurgia. Questa costante può essere ricavata
mediante la teurgia (doveri dell’uomo verso Dio ), intesa in senso fideistico
ed in senso laico. Il senso fideistico è di natura trascendentale ed è
indicativo nei credenti osservanti, basato sulla credenza in Dio. Il senso
laico è quello espresso da Spinoza nell’Etica di carattere del tutto generale.
Per un approccio più comprensibile dell’equazione di che trattasi, vengono
illustrati di seguito gli elementi matematici, sopra riportati, relativi al
calcolo infinitesimale: limite, integrale e differenziale.

8

Vincenzo Gagliardi

Il concetto di limite ( lim. ) è intuitivo: dire che una successione tende
all’infinito, entità numerica da zero ad infinito, significa che detta entità
numerica si avvicina asintoticamente a zero oppure ad infinito. In generale
si tratta di un valore per graduale approssimazione, tendente al limite del
suo valore o della sua utilità.
Il concetto di differenziale “ delta “ esprime l’incremento di una funzione
continua e della sua variabile, prodotto dalla derivata della funzione per
l’incremento della variabile indipendente. In altre parole, il simbolo “ delta
“ è assimilabile alla monade ( secondo Leibniz: ultimo elemento
indivisibile costitutivo della realtà ); ovvero ciascuna delle coscienze
individuali, che rappresenta nel proprio interno l’intero universo, senza
entrare in contatto effettivo con la realtà o con le altre coscienze, solo in
contatto con le proprie rappresentazioni, e perciò ciascuna delle coscienze è
sola. Pertanto il Δ che compare nell’equazione della conoscenza totale,
esprime esattamente il concetto intuitivo del termine matematico.
L’ integrale indefinito di una funzione o di un differenziale, nell’intervallo
tra zero ed infinito, è il valore nell’intervallo d’integrazione cui si riferisce,
afferente il differenziale di che trattasi, aumentato del valore della costante
di integrazione.
Inoltre, è importante segnalare che la matematica e la logica furono legate,
fin dalle loro origini, da strettissimi rapporti sicché risulta ancora oggi
pressoché impossibile tentare di definire la posizione di una delle due, entro
il complesso quadro del sapere scientifico, senza dibattere nel contempo
anche la posizione dell’altra.

9

La prova matematica dell’esistenza di Dio

Il motivo di questo accostamento va ricercato nel fatto che la matematica
fornì per millenni il più notevole esempio di scienza rigorosamente
sistemata, ossia rappresentò, in certo modo, la realizzazione di quel tipo di
ragionamento deduttivo che era il principale argomento di studio nella
logica. Oggi si è soliti intendere per matematica la scienza delle strutture
ipotetiche-deduttive.
Cerchiamo adesso di capire che cosa significano queste parole: il termine
matematica deriva dal greco màtema, che all’origine serviva ad indicare
tutto quanto ci viene insegnato dall’esperienza. Col trascorrere del tempo,
quando i pensatori del VI sec. a. C. considerarono e distinsero due sorti di
attività, una prevalentemente contemplativa ( episteme – scienza ) e l’altra
prevalentemente pratica ( técne – tecnica ); il termine màtema perse, a poco
a poco, il generico significato primitivo per designare una specifica attività.
A seguito di questa trasformazione di significato, l’unico compito
attribuibile dai suoi cultori fu quello di determinare con esattezza le
anzidette proprietà, senza più preoccuparsi in alcun modo se trovassero
conferma nei fatti specifici. I successi ottenuti su tale impostazione furono
così notevoli, che la matematica finì per venire considerata il prototipo di
tutte le conoscenze scientifiche. In effetti, però, la sua storia risulterà
notevolmente diversa da quelle delle altre scienze perché, mentre in queste
ultime si è, non di rado, assistito al parziale abbandono di teorie che erano
già definitivamente accettate, la matematica si è invece sviluppata sulla
base di acquisizioni non contraddette dalle acquisizioni successive, ma
eventualmente perfezionata da queste.

10

Vincenzo Gagliardi

Senza soffermarsi sui dettagli attraverso cui si formarono le diverse
discipline matematiche, corre d’obbligo accennare soltanto all’analisi
infinitesimale. Quest’ultima sorse nel secolo XVII per opera di Newton e
di Leibniz, la sua comparsa segna il momento culminante nella storia del
pensiero matematico.

Ricordiamo che già i greci avevano affrontato sotto forma geometrica
importanti questioni di carattere infinitesimale. Anche Bonaventura
Cavalieri, allievo di Galileo, ebbe parte assai importante nell’introduzione
dei concetti e di idee alla base delle matematica infinitesimale.
E’ fuor di dubbio che l’introduzione dei concetti basilari dell’analisi, con le
regole di calcolo relative, ha consentito alla matematica di conseguire
risultati tra i più significativi della civiltà moderna.
Inoltre, tutte le fasi della creazione, sia quelle relative alla fisica classica,
sia quelle della fisica moderna, in particolar modo della teoria della
relatività e della meccanica quantistica, hanno influito notevolmente sul
modo stesso di affrontare lo studio dei fenomeni fisici della natura. E
siccome questi fenomeni avvengono nello spazio e nel tempo, è necessario
avere anche cognizione della nozione spazio-temporale.
Poiché la vita evolve nello spazio e nel tempo, occorre innanzitutto
conoscere la vita: “ La vita mistero prezioso “ , secondo Daisaku Ikeda,
autore del libro omonimo, è: “ la domanda più difficile, nella vita di ogni
essere umano, è quella che riguarda proprio il significato della sua
esistenza. Lo sguardo scientifico dell’uomo ha indagato sulla materia e ha
scoperto il mondo degli atomi e degli elettroni, nella sua ricerca
11

La prova matematica dell’esistenza di Dio

dell’infinito, e continua a spostare sempre più in là i confini del cosmo.
Tuttavia, la vita in sé, la cosa più vicina di tutte, che dovrebbe essere facile
afferrare, rimane un mistero nonostante i rapidi progressi compiuti negli
ultimi decenni da quelle che noi chiamiamo le scienze della vita “.
Ciò nonostante, la vita rimane un mistero, il più grande della creazione;
essa può essere intuita come il respiro di Dio nel creato. Questo mistero
per essere conosciuto occorre l’ambito in cui avviene: lo spazio ed il tempo.
Si pensi all’universo come ad un ordinato progredire del singolo essere
umano, a un gruppo di persone, poi alla Terra, al Sole, al sistema solare ed
infine alle galassie; cioè come dire: c’è un solo cosmo che è il nostro
ambito naturale.
Noi consideriamo il tempo e lo spazio come entità separate, che esistono
indipendentemente l’una dall’altra, ma tutto ciò che consideriamo come
esistente, si muove e muta con il passar del tempo. Il tempo e lo spazio
insieme formano la struttura di tutti i movimenti e di tutti i cambiamenti, sia
che si tratti dei movimenti del cosmo della trasformazione della materia o
del fluire della vita umana.
In altre parole, il flusso della vita nel corpo umano si adatta al ritmo della
natura. E’ come se la vita umana fosse immersa in un grande movimento
naturale che vibra in sincronia con i movimenti dell’universo: il “ panta rei
“ di Eraclito. Di conseguenza, dobbiamo pensare al tempo e allo spazio
come se fossero fusi in un tutto unico, e quindi possiamo ritenere che i
pilastri portanti fondamentali, su cui si basa la conoscenza totale, sono la
vita e i movimenti nello spazio-temporale intesi, come per Bergson: “
durata “ degli eventi.
12

Vincenzo Gagliardi

L’esistenza di Dio può essere dimostrata matematicamente attraverso la
conoscenza totale, i cui valori intuitivi, delle rispettive grandezze
simboliche, orientano il nostro pensiero nella direzione giusta.
La verifica matematica può essere rappresentata anche mediante la curva di
Peano, che ha la proprietà di passare per tutti i punti interni ad un quadrato.
Detta curva può essere costruita per successive approssimazioni,
suddividendo il quadrato, preso in esame, in piccoli quadrativi ugali e
tracciando per ogni suddivisione una spezzata che passa per tutti i
quadratini adiacenti interni al quadrato considerato. Questa curva si ottiene
come limite di questa spezzata, che passa per tutti i quadratini, tendente
all’infinito. La curva stabilisce una corrispondente biunivoca e continua tra
i punti di un segmento e i punti interni ad un quadrato, e dimostra che
l’intuizione può indurre a delle concezioni errate quando si cerca di
precisare la nozione di curva. Comunque, intuitivamente, la curva dovrebbe
rappresentare un’iperbole. La funzione di questa curva è:
x = f (y) , essendo x = Dio e y = Conoscenza assoluta.
Questa funzione può essere rappresentata su un sistema di assi cartesiani,
ascisse-ordinate che, per essere entrambe grandezze infinite, i rami di
queste iperbole risultano asintotici agli assi di riferimento rappresentativi
senza mai congiungersi.
La verifica sperimentale degli accadimenti che avvengono in natura deve
sempre essere legata al rapporto causa-effetto: solo se vi è fenomeno causa,
vi è anche il fenomeno effetto; in tal modo scompare per sempre ogni
concezione finalistica degli eventi.

13

La prova matematica dell’esistenza di Dio

Il procedimento scientifico è valido e conduce ad un risultato solo se è
possibile la verifica con esito positivo o negativo, in stretto collegamento
tra l’esperienza e la matematica. Il fatto straordinario della scienza
Galileiana è quello di aver riportato tutti i fenomeni, che avvengono in
natura, sotto il rigore della verifica sperimentale e della riproducibilità dei
fenomeni osservati.

I limiti della conoscenza umana consistono nel fatto che noi non sappiamo
immaginare alcunché di veramente originale che non abbia origini nella
realtà che ci circonda, riconducibili a spazio, tempo, massa, energia e
cariche elettriche.
Qualunque cosa è riconducibile solo ed esclusivamente a queste
componenti essenziali della realtà; ma sono esistite anche entità fisiche
immaginarie, per pochi attimi dopo il Big Bang che sono comunque esistite
nella miscela esplosiva di spazio-tempo, sia pure per pochi attimi dopo il
Big Bang, senza le quali l’universo non potrebbe essere quello che è, in
virtù del fatto che “ in natura nulla si crea e nulla si distrugge “.
Inoltre, nello studio dell’immanente, il pensiero filosofico è stato battuto
dalla logica del creato, giacché oltre i limiti della conoscenza sa andare solo
il Creatore attraverso l’impulso vitale, che non è altro se non la vita insita in
tutte le cose dal leptone all’universo intero.
Il pensiero filosofico ha avuto tra gli obiettivi principali quello di
rispondere alle tre domande:
1. Cosa siamo?
2. Dove andiamo?
14

Vincenzo Gagliardi

3. Da dove veniamo?
Le risposte a queste domande si articolano su due sfere: una trascendentale
e l’altra immanente.
Comunque per poter contribuire a dare risposte alle tre domande è
necessario un atto di profonda umiltà intellettuale, cioè riconoscere che la
capacità intellettuale del nostro cervello non basta, perciò è necessario
porre domande precise al Creatore sul creato. Le domande sono le seguenti:
a) l’universo è finito o infinito?
b) Le nostre leggi fisiche possono valere sempre?
c) L’universo ebbe veramente origine da un evento improvviso?
d) Oppure prima era il caos e ad un certo punto ha iniziato a palesarsi
seguendo un disegno cosmico?
Sono queste le domande che prima o poi si porranno all’attenzione dei
nostri scienziati.

15

La prova matematica dell’esistenza di Dio

Capitolo 2: Cenni di Cosmologia

L’astronomia è la scienza più vecchia del mondo, anche se prima veniva
usata non per ragioni scientifiche, ma piuttosto per predire gli eventi futuri
attraverso l’osservazione degli astri. Gli egiziani eressero le loro piramidi
tenendo conto della posizione degli astri.
L’astronomia è soprattutto una scienza moderna, poiché soltanto in questi
ultimi anni ha messo a disposizione degli studiosi, a partire dal
cannocchiale, mezzi che un tempo erano impensabili. Un contributo
notevole allo studio degli astri è venuto dalla matematica e dalla fisica
atomica, i cui successi hanno contribuito allo sviluppo del pensiero
filosofico. Lo stesso Tolomeo riteneva l’astronomia il miglior mezzo per
giungere alla conoscenza divina.
I più antichi tentativi teorici per spiegare l’universo, partivano dall’idea
che tutti gli eventi in natura fossero controllati da spiriti, più o meno divini,
che agivano spesso in modo capriccioso. Soltanto in seguito ci si avvide
che alcuni fenomeni si ripetevano con regolarità, come il Sole che sorge
sempre di mattina dallo stesso lato e tramonta dalla parte opposta, dopo
aver percorso con regolarità il cielo.
Solamente agli inizi dell’Ottocento Laplace postulò il determinismo, cioè
quella dottrina che afferma l’esistenza di una serie di leggi in grado di
portare nell’universo l’evoluzione. E così, dal sistema solare alla galassia,
16

Vincenzo Gagliardi

si é passato a milioni di galassie; da un universo eterno e statico si è passato
ad un universo esplosivo ed in espansione continua in una miscela spaziotemporale.

Con la fisica quantistica si rimettono in discussione dei concetti accettati da
tempo e vengono accentuati i limiti dell’intelletto umano: basti pensare al
futuro di una semplice particella infinitesimale della materia per proiettare
il problema del cosmo dall’ambito di parametri spazio-temporale a quello
ondulatorio,

cioè alla trasmissione di onde, insite in un sistema

ondulatorio, dall’apparente imprevedibilità per “quanti” e non più di spazio
e di tempo ( V. Fisica Quantistica ). Secondo Harrison ( 1989 ) esistono
molti universi, di cui uno di questi comprende anche il nostro.
Attualmente la cosmologia non viene più vista come all’epoca di Tolomeo
o di Copernico, mediante una semplice descrizione dell’universo, ma si
cerca di comprendere soprattutto perché è fatto così e quale sia stata la sua
origine. Persino alcune leggi della fisica moderna appaiono di difficile
applicazione per spiegare certi fenomeni recentemente scoperti, come i
nuclei galattici oppure i quasar.
Si hanno molti universi, secondo Harrison, che dipendono dal grado socio
culturale dei popoli, a partire dall’universo magico dei primi uomini della
preistoria, a cui fa seguito un universo mistico di alcuni popoli primitivi che
vede ogni cosa come opera di dèi, dotati di poteri eccezionali. Vi è poi
l’universo geometrico che ebbe iniziato circa quattromila anni fa con i
babilonesi, la cui struttura appare essenzialmente costituita da sfere
concentriche al cui centro si trova la Terra; segue poi l’universo medievale
17

La prova matematica dell’esistenza di Dio

in prevalenza geocentrico; inoltre l’universo infinito comincia con
Copernico e Galileo. Infine con Newton appare, nel XVIII sec., l’universo
meccanicistico. E allora qual è l’ambito universale, misterioso e sconfinato,
in cui viviamo?...
I concetti di spazio e tempo sono molto importanti in astronomia. Se
chiediamo a qualcuno, anche se sprovvisto di qualsiasi cultura, di spiegare
questi concetti, dirà: “Lo spazio e le distanze spaziali si misurano col metro
o con qualsiasi altra unità lineare, mentre il tempo si misura con un
cronometro”.
La risposta è semplice, ma nello stesso tempo essa si riferisce ad un sistema
fisso, per cui diventa logico pensare che spazio e tempo sono immutabili.
Vediamo, invece, da vicino il problema così come viene affrontato da
Einstein nella teoria generale della relatività.
Lo spazio sembra la cosa più facile da definire, poiché sta intorno a noi e lo
si può vedere ed osservare. Come postulato della teoria della relatività, un
corpo in movimento si contrae tanto più ,quanto maggiore è la sua velocità;
se viene raggiunta la velocità della luce, che è la massima possibile, esso
riduce a zero la sua lunghezza, talmente è grande la sua contrazione in
movimento. Pertanto le misure di distanze spaziali, non sono soltanto
relative alla posizione del corpo in movimento, rispetto al sistema di
riferimento, ma sono anche relative alla velocità del sistema. Definire il
tempo è, invece, molto più difficile, in quanto esso non si vede ed è dentro
di noi, lo si può solo percepire. In alter parole, mentre lo spazio è visibile
nei suoi movimenti, il tempo è invece solo percepibile per la durata.
Comunemente si parla di passato, presente e futuro; così il tempo può
18

Vincenzo Gagliardi

essere misurato da un orologio e segnato dai calendari, ma in effetti gli
intervalli che si misurano non sono altro che intervalli di spazio. Infatti,
ogni evento, come il battito di un occhio o l’accendersi di una luce, può
essere osservato nello stesso identico luogo in tempi successivi, mentre non
è possibile osservarlo contemporaneamente in due luoghi diversi distanti tra
loro.
In un diagramma spazio-tempo una successione di eventi, come la nascita,
la vita o la morte di un individuo, può essere tracciata con una linea, detta
“linea d’universo” che indica la posizione dell’evento nel corso del tempo:
tutto ciò che colpisce i nostri occhi, dall’oggetto più semplice alle stelle, ha
una linea d’universo. Se prendiamo due oggetti fermi nello stesso luogo
essi producono linee parallele, mentre quelli che sono in moto relativo
avranno più o meno linee inclinate.
Secondo la teoria della relatività un orologio rallenta il suo ritmo con la
velocità: alla velocità della luce l’orologio si ferma. Ne deriva che, come
per lo spazio, il tempo non è assoluto ma relativo. Con la teoria della
relatività, spazio e tempo sono fusi in un modo che viene chiamato
“cronotopo” , che vede tra due eventi la linea d’universo ad andamento
rettilineo come la più breve.
I nostri sensi si possono ingannare e la teoria della relatività di Einstein ci
ha insegnato che tutti i concetti, per quanto naturali possono apparire, sono
costruzioni mentali adattate alla costruzione di un certo insieme di
fenomeni, che come tali sono soggettivi.

19

La prova matematica dell’esistenza di Dio

L’approccio tradizionale dei fisici consisteva nell’esaminare i fenomeni ed
il modo con cui essi agiscono per poi trarre delle conclusioni sulla loro
natura o condizione.
Attualmente, tuttavia, non è insolito che una qualità o una caratteristica
venga

ipotizzata in via teorica e che la prova fisica venga trovata

successivamente: un esempio di questo procedere è la teoria dei campi, che
si è sviluppata nel corso della ricerca sul mezzo attraverso il quale si
trasmette la luce. La fisica classica postulò l’esistenza di un mezzo di
trasmissione per tutte le energie ondulatorie, come quella del suono e della
luce; il famoso esperimento di Michelson e Morley (1887) provò, invece,
che la luce poteva essere trasmessa nel vuoto.
Ben presto si provò che anche le onde elettriche e quelle magnetiche
potevano trasmettersi nel vuoto. Di qui derivò la teoria dei campi.
Si è parlato prima della luce come un fenomeno ondulatorio, ma oggigiorno
si è arrivati a sostenere che la luce manifesta non solo le caratteristiche
delle onde, ma anche delle particelle. In realtà la luce ha due caratteristiche
differenti; il suo effetto fotoelettrico può essere spiegato solo in base
all’assunto che la luce sia composta di particelle, ma l’effetto di
interferenza esige che la luce sia fatta di onde. La duplice caratteristica
della luce ha condotto allo sviluppo della teoria dei quanti, e suggerisce,
secondo alcuni scienziati, che tutta la materia potrebbe, come il fotone,
avere le proprietà sia delle particelle, sia delle onde. Se ciò è vero, si
potrebbe dire che anche lo spazio ha proprietà tali da offrirgli una infinita
capacità di produrre materia.

20

Vincenzo Gagliardi

La fisica dei quanti, o meccanica quantistica, ha portato una vera
rivoluzione che ha investito l’universo intero.
Il tutto è nato da semplici concetti di onde e di corpuscoli: un tempo si
riteneva che le prime fossero un movimento entro la materia, mentre i
corpuscoli permettevano di idealizzare gli oggetti reali. L’esempio più
semplice può essere quello delle onde marine: alla vista queste onde
corrono verso la spiaggia, tuttavia le singole particelle di acqua salgono e
scendono descrivendo cerchi o ellissi, e comunicano il loro movimento alle
onde vicine; così, attraverso il contatto non si trasmette materia, ma
soltanto energia. Abbiamo, quindi, un duplice fenomeno: l’onda e il
corpuscolo, cioè la materia che compone l’acqua. Gli scambi di energia tra
materia e onde avviene per pacchetti, cioè per quanti, e ogni quanto è
fornito di energia in modo proporzionale alla frequenza d’onda.
Questa scoperta venne fatta da Planck e poi adottata da Einstein alla luce,
fatta di corpuscoli luminosi, cioè granelli di energia detti fotoni. Le
particelle della fisica quantistica non sarebbero altro che onde raggruppate
in quanti.
Questa fisica dei quanti appare molto astratta: però essa è coerente con i
risultati sperimentali; inoltre sta alla base di tutte le considerazioni sulla
conoscenza dell’ universo.
Attualmente gli studi sulla cosmologia sono diretti all’osservazione sempre
più ravvicinata per conoscere i molti aspetti dei mondi che popolano
l’universo, e ciò soprattutto grazie all’ausilio delle esplorazioni satellitari
dei nostri tempi. Questo naturalmente comporta una sempre più attenta
osservazione sull’orizzonte universale.
21

La prova matematica dell’esistenza di Dio

I suddetti cenni di cosmologia sono stati desunti dal libro “ L’origine del
cosmo “ di Bruno Martinis, professore ordinario presso l’Università La
Sapienza di Roma.

22

Vincenzo Gagliardi

Capitolo 3: Cenni di Occultismo

L’impulso maggiore al progresso della scienza e delle domande poste a
base del pensiero filosofico, è venuto e verrà ulteriormente dallo studio dei
fenomeni invisibili, tra cui vanno annoverati quei fenomeni comunemente
denominati occulti. L’occultismo è il lato nascosto della natura, o meglio è
lo studio di tutta la natura, invece che della sola parte investigata dalla
scienza, sottoposta al rigoroso rispetto della verifica sperimentale.
Lo studio della natura riguarda il bene, il male e il caos. Quest’ultimo non è
altro che la miscela esplosiva tra il bene ed il male.
Come sempre, l’ignoranza inganna l’uomo e lo acceca riguardante al suo
vero bene, che consiste nel servire l’umanità nel segno della fratellanza.
Nell’attuale stadio di sviluppo, la parte della natura non conosciuta dalla
maggior parte degli uomini, immensamente più grande di quella
conosciuta, poiché essi non hanno sviluppato che una piccola parte della
facoltà intellettiva che posseggono. L’uomo ordinario basa la propria
conoscenza su dati assolutamente insufficienti; le sue azioni si basano sulle
sole leggi della natura fin qui conosciute.
Fatto salve le straordinarie scoperte della fisica atomica e nucleare, nonché
le ricerche rivoluzionarie nel campo della medicina e nei trapianti di organi,
per il resto c’è ancora molto da fare.

23

La prova matematica dell’esistenza di Dio

Il termine occultismo è stato quasi sempre mal compreso. Nella sua
accezione più vasta, il termine occultismo, dal latino “occultus” vuol dire la
scienza di ciò che è nascosto, cioè l’invisibile. Epperò si parla sempre come
se ciò che è occulto fosse intenzionalmente nascosto dal capriccio o
dall’egoismo di alcuni individui. Invece, la verità è che nessuna cosa è o
può essere nascosta ai nostri sensi se non dalle nostre limitazioni (
deficienza di osservazione e quindi di conoscenza ), e che ogni uomo, a
misura che evolve, vede il mondo sempre più vasto, perché è capace di
scoprire sempre di più l’importanza degli eventi naturali.
Per far comprendere meglio queste nostre limitazioni di conoscenza,
facciamo un esempio molto grossolano: immaginiamo di possedere una
forma di conoscenza molto più limitata di quella attualmente posseduta,
cioè di possedere una conoscenza capace di percepire soltanto una
dimensione: soltanto lo stato solido della materia, mentre gli altri stati
quello liquido e quello gassoso siano per detta supposta coscienza limitata,
del tutto inesistenti. Questa coscienza troverebbe che la materia solida, la
sola che può percepire, subisce di continuo notevoli mutamenti; ad
esempio, ogni qual volta ha luogo un acquazzone la materia solida della
terra, l’unica di cui si ha cognizione, subisce un cambiamento, diventa più
umida e più pesante senza una ragione apparente. E così, il vento potrebbe
sollevare nuvoloni di polvere e trasportarli da un luogo ad un altro, sempre
senza ragione apparente in base alla predetta coscienza limitata. L’esempio
riportato è puramente esemplificativo di uno stato di coscienza limitata che,
comunque, induce a considerazioni ovvie sui limiti della conoscenza
umana.
24

Vincenzo Gagliardi

Infatti, la mancanza di percezione di un evento naturale è legato
indissolubilmente alla limitatezza dei mezzi di osservazione o della
riproducibilità nella direzione indicata dall’evento considerato. Da ciò
risulta che quando un individuo pensa a soggetti occulti crede che i suoi
cultori siano tutti dediti a pratiche occulte e a fenomeni di magia nera.
Anche tra le persone colte, che sono superiori a certe superstizioni, persiste
tuttavia un concetto errato dell’occulto. Invece, la verità è che nessuna cosa
è, o può essere, occulta se non dalle nostre limitazioni mentali. Quindi
l’occultismo è lo studio del lato nascosto della natura, al contrario della sola
parte di essa investigata dalla scienza moderna. All’attuale stadio di
sviluppo, la parte della natura ignota è di gran lunga più grande di quella
conosciuta.
Queste considerazioni, ad ogni buon fine, non debbono indurci a
considerare la scienza limitata o insufficientemente avanzata; tutt’altro,
essa procede con cautela e sicurezza sulla base rigorosa delle osservazioni,
dello studio e della verifica sperimentale, secondo il metodo Galileiano
universalmente accettato dal mondo scientifico.
Lo stesso rigore scientifico non può essere applicato ai fenomeni occulti per
la loro peculiare natura, ma è, comunque, possibile statisticamente stabilire
un certo grado di attendibilità in base alla frequenza degli accadimenti con
cui avvengono.
Nell’equazione differenziale della conoscenza totale, compare nella sua
risoluzione la costante di integrazione K, che può essere definita come
costante della non conoscenza di tutti gli eventi possibili che avvengono in
natura: visibili ed invisibili. La ricerca, quindi, è rivolta alla teurgia da un
25

La prova matematica dell’esistenza di Dio

lato, cioè di quegli eventi invisibili o inimmaginabili ma esistenti sotto il
profilo della conoscenza; oltre a tutti gli altri eventi concernenti la nostra
esistenza che non conosciamo ancora.
In generale, nei limiti del possibile, possiamo ricorrere ai test, consistenti in
una sorta di esame, rivolti a valutare e misurare alcune caratteristiche degli
eventi presi in esame.
Fermo restante il presupposto: “ con la fede ci si crede e con la scienza ci si
vede “, tuttavia l’indagine sulla conoscenza totale deve essere spinta in
entrambe le direzioni.
Così, ritornando alla teurgia, emanazione della tarda filosofia neoplatonica,
essa venne elaborata soprattutto da Porfirio, da Giambico e da Proclo, allo
scopo di trasformare l’anima umana in un evento immortale, in base
all’unione dell’uomo con la divinità.
Astraendo da qualsiasi forma di superstizione si può ricorrere all’ausilio dei
test attraverso i quali si può verificare l’attendibilità dei risultati in base al
tipo stimoli-evento, i cui risultati restano invariati.
Uno dei più noti test è quello adottato da Pearson; x2 ampiamente utilizzato
per verificare se la connessione rilevata da più fenomeni è causale o
significativa:
x2 = Σⁿ
( fi –Fi ) 2
i=1
Fi
( i ÷ da 1 a n )
Dove n è il numero delle osservazioni, fi sono le frequenze effettive e Fi le
frequenze teoriche.

26

Vincenzo Gagliardi

Le differenze tra le frequenze effettive fi e le frequenze teoriche Fi sono
dette contingenze.
Sono state calcolate tavole che, per dati gradi di libertà, forniscono i valori
x2 in corrispondenza dei diversi gradi di probabilità che tali valori hanno di
verificarsi per effetto del caso.
In genere si considerano significativi i valori x2 con P < 0,05 e causali con
P> 0,05.
Il test x2 permette di misurare il grado di dipendenza, in termini di
probabilità: la divergenza tra la frequenza effettiva della modalità di un
evento, in un insieme di osservazioni indipendenti, e la frequenza ricavata
da un’ipotesi teorica. Di conseguenza, anche gli eventi occulti, invisibili o
inimmaginabili, possono essere osservati e misurati con il grado di
dipendenza in termini di probabilità.

27

La prova matematica dell’esistenza di Dio

Capitolo 4: Cenni preliminari di Conoscenza

Nelle profondità più intime di ogni essere umano c’è la primitiva forza
vitale, quella che fa sì che possano vivere la propria vita. La stessa forza è
alla base della materia inorganica e penetra nelle armonie e nei ritmi della
grande esistenza cosmica.
Nella vita si trovano forze nascoste ed altre forze vitali per il sostentamento
del nostro corpo. Ad un livello più complesso troviamo l’intelligenza, la
brama di potere e il desiderio di possesso. Ci possono essere anche pulsioni
bizzarre che creano tempeste emotive delle quali siamo completamente
inconsapevoli. Sia che se ne abbia conoscenza o meno, ci sono tante forze
che formano un entità che a sua volta costituisce l’essenza della nostra vita
interiore, che è la natura del nostro spirito.
Di conseguenza, la vita spirituale di tutti gli esseri viventi si basa sulla
stessa forza vitale cosmica.
La vita umana, in apparenza semplice e diretta, è di difficile comprensione.
Anche un bambino può dire dove si trovi il suo cervello o il suo cuore, ma
se gli si chiede dove si trovi la sua vita, deve soffermarsi a riflettere,
esattamente come fanno le persone adulte. Questo, infatti, è una dei misteri
più importanti della vita ed anche quello più strettamente correlato al nostro
personale senso della realtà.

28

Vincenzo Gagliardi

In generale, noi cadiamo nell’illusione di conoscere noi stessi; pochi
comprendono il delicato equilibrio dei nostri corpi, per non parlare della
fonte delle emozioni e dei desideri che ci riguardano.
Capire dove si trovi l’essenza della propria vita è il punto di partenza per
una filosofia della vita, ma non è il punto, certamente di arrivo. Se ci
chiediamo qual è la differenza tra un corpo umano ed una macchina, viene
immediato rispondere che la differenza costituisce la vita. Prima di tutto,
una macchina deve essere progettata da una essere umano e per farla
funzionare, deve essere fornita di energia da una sorgente esterna; invece
un essere umano può attingere dalla propria forza vitale quanto è necessario
per compiere i propri movimenti; inoltre, mediante le sue minuscole cellule
è un’entità vivente con la forza e l’intelligenza necessarie a quella che
chiamiamo vita, che è nello stesso tempo creatrice e creata. Questa forza
vitale, attiva e positiva all’interno del nostro corpo è l’essenza
fondamentale della vita, ed è un tutto unico con la forza vitale dell’universo
in continua unione.
In altre parole, la legge fisica della vita, nella forma umana più appariscente
è il corpo; ma dobbiamo tener presente che questo corpo è anche il luogo
delle attività spirituali, come ad esempio: l’opera dell’intelligenza,
l’esercizio della coscienza e la scelta tra il bene ed il male.
Osservando

l’elemento

fisico,

possiamo

scorgervi

manifestazioni

dell’elemento spirituale. Tuttavia, non ne consegue necessariamente che si
possa arrivare alle origini della vita semplicemente analizzando il
funzionamento del cervello, non ci sarebbero fenomeni spirituali, ma le
cellule del cervello in sé stesse non sono la vita. Sono invece le
29

La prova matematica dell’esistenza di Dio

manifestazioni della forza vitale che è la fonte della attività spirituale. Per
capire la vera natura della legge costitutiva spirituale della vita, che è parte
integrante della vita stessa, dobbiamo indagare con maggiore profondità
sull’essenza della forza vitale. La legge spirituale si basa essenzialmente
sulla nascita, la vita e la morte; essa scaturisce dal mistero della vita nella
sua totalità.
Consideriamo la nascita della vita umana, in analogia alla nascita cosmica:
anche nella mamma che genera un figlio, avviene un big bang e dal quel
momento l’incominciamento della vita. Con la nascita fino alla morte si ha
la manifestazione dell’esistenza umana, attraverso il suo bagaglio
esistenziale che lo si porta per tutta la vita con le sue vicissitudini: tutto
questo caratterizza la persona umana.
In generale, noi cadiamo nell’illusione di conoscere noi stessi, ma non ci
conosciamo affatto. E con Pirandello possiamo affermare: “ :… io sono
colui che mi si crede”.
Ogni essere umano si crea un proprio mondo spirituale: alcuni sembrano
essere nati con potenti bisogni istintivi, altri soffrono continuamente di
turbe emotive, altri ancora sono pieni di amore e compassione, che sono
aspetti del desiderio spirituale: la vita di ogni essere umano è una sorta di
atto vitale cosmico che è in connessione con il tutt’uno.
La nostra idea di esistenza e di non esistenza si basa sul nostro concetto di
spazio e di tempo. A tale proposito, Kant ebbe a dire che l’uomo percepisce
il mondo esterno in un contesto spaziale e temporale; e per quanto riguarda
il suo pensiero, Kant aveva ragione, perché indubbio che di norma noi
utilizziamo il tempo e lo spazio per conoscere, per misurare e per calcolare
30

Vincenzo Gagliardi

gli oggetti che ci circondano e con cui prendiamo contatto continuamente
durante ogni nostra attività nel corso della nostra esistenza.
Se cerchiamo di capire il nostro spirito, non riusciamo a dargli né forma,
né sostanza; tuttavia l’idea che lo spirito esista è suffragata da innumerevoli
manifestazioni fisiche del suo operato: concezioni e realizzazioni nel corso
della sua attività quotidiana ne sono un’esplicita affermazione.
Il concetto di vita, come atto vitale cosmico, trova il suo fondamento
quando è messo in relazione al concetto di morte. La morte dopo la vita
oppure la vita dopo la morte: è come recitare l’alfabeto prima alla diritto e
poi alla rovescio. La morte intesa come annullamento finale, al di là della
quale non esiste più nulla, oppure come ingresso ad un nuovo tipo di
esistenza. In altre parole, come conclusione o come trasformazione?
Dobbiamo considerare la vita come una semplice fase di attività che alla
fine si interrompe, oppure continua per sempre in una forma o in un’altra
forma? …
Sono questi gli interrogativi fondamentali posti alla religione e alla filosofia
durante tutte le età dell’uomo!
Qualunque studio sulla vita che non tenga conto della morte non può
portare a risultati significativi. La verità è che la consapevolezza della
morte è un particolare privilegio dell’umanità: è come un natante munito di
timone.
Il timore della morte è, quindi, una delle qualità che distingue l’uomo dagli
animali e, pertanto, deve essere considerato un segno dell’intelligenza
superiore dell’uomo.

31

La prova matematica dell’esistenza di Dio

Epperò , a causa di questa consapevolezza è spesso ossessionato dalla paura
della morte, per la qualcosa è indotto a degli estremi assurdi e sconsiderati
per liberarsi da questa paura. Anche se la scienza e la medicina possono
proteggerci da numerose malattie e, fino ad un certo punto prolungare la
nostra esistenza, esse non ci forniscono una soluzione al problema della
morte. Gli uomini, fin dai tempi più antichi, osservavano il ritmo delle
stagioni e dei corpi celesti e intuivano che la vita umana è anche essa
soggetta al cambiamento continuo in

accordo con la pulsazione

dell’universo. Essi vedevano e vedono la vita che ritorna alla madre terra
con la morte e riappare con la nascita. La credenza in cicli ricorrenti di
nascita e di morte è comune fra tutti i popoli, facendo percepire una forza
sempiterna agente nell’ universo.
Generalmente , si ritiene che la vita sia lo stato in cui l’anima dimora in un
particolare corpo e, invece, la morte è lo stato in cui l’anima si libera dai
confini fisici: questa idea ci porta direttamente all’immortalità dell’anima.
Nelle religioni giudaico – cristiane, l’immortalità dell’anima è collegata al
concetto di creazione ad opera di una divinità onnipotente: l’anima è creata
da Dio nel momento del concepimento e continua ad esistere dopo la morte.
Per il materialismo la vita è il percorso dell’esistenza umana tra nascita e
morte e che finisce dopo la morte perché non c’è anima che continui ad
esistere dopo che il corpo è morto. Infatti i materialisti ritengono l’idea
della morte come estinzione totale, sostenuta da argomentazioni
scientifiche consistenti nell’affermare che la vita non può continuare dopo
che il corpo è stato ridotto in materia putrida e cioè a semplici composti
chimici, in tal modo sostengono che l’attività spirituale non può esistere
32

Vincenzo Gagliardi

senza l’attività fisica. Secondo questo punto di vista, lo spirito sarebbe
un’espressione delle cellule cerebrali che non può continuare ad esistere
dopo la loro morte.
Un interessante approccio all’argomento della vita dopo la morte ci viene
offerto dal principio della conservazione dell’energia. Questo fondamentale
principio della scienza moderna afferma che l’energia non si perde mai,
anche se può essere convertita in altre forme di energia. Per esempio
l’energia elettrica fornita da una lampada non viene dispersa: viene
trasformata in un ammontare equivalente di energia ottica o termica. Così,
l’energia dinamica può risultare soltanto dalla trasformazione di un
ammontare equivalente di energia potenziale e viceversa. Pertanto l’energia
non può essere creata né distrutta. E siccome la materia può essere espressa
in termini di energia, esiste anche una legge della conservazione della
materia.
Kinjiero Okabe, professore di fisica nell’Università di Osaka, afferma che
un principio simile si può applicare alla vita, che è una forma di esistenza
ed è logicamente soggetta alle leggi universali della fisica; egli afferma,
altresì, che gli esseri viventi vengono considerati dei complessi di energia;
questa energia deve essere composta da energia fisica e di energia
spirituale. Okabe conclude: “non c’è alcuna ragione, quindi, perché
entrambe non debbano essere soggette al medesimo principio di
conservazione.
Il ritmo dinamico della vita umana è correlato alla vita cosmica, chiamata
anche Legge Mistica; detto ritmo non è altro che la forza e la saggezza

33

La prova matematica dell’esistenza di Dio

inerenti all’intero universo, che è, a sua volta, la fonte di tutti i fenomeni
fisici e spirituali.
Ogni vita umana, insieme al suo ambiente, è partecipe della fondamentale
Forza vitale dell’intero cosmo. Ne consegue che ogni cambiamento nella
condizione di vita di un singolo essere umano può, nei profondi recessi
della vita stessa, esercitare un’influenza su tutte le altre vite umane. Dal
momento che la natura e il cosmo sono entità viventi, in base alla Legge
Mistica, le onde emanate da una sola vita umana possono non solo scuotere
dal di dentro gli altri esseri viventi, ma possono avere effetti anche su cose
che, di solito, si pensa siano senza vita. Fino a non molto tempo fa, quando
si parlava di telepatia, si rischiava di diventare oggetto di scherno; oggi è
ampiamente accettato il fatto che l’informazione, in certe condizioni, può
essere trasmessa da una mente all’altra senza l’uso dei metodi
convenzionali di comunicazione.
L’interazione fra la forza vitale di un essere umano e la forza vitale degli
altri avviene non solo nell’ambito fisico, ma anche nell’ambito spirituale.
Una volta scoperto come impiegare la nostra forza vitale per la creazione e
la protezione della vita, sia a livello uomo individuale sia a livello cosmico,
e una volta trovato il modo di vivere in vera armonia con l’universo, la
sincronia fra esistenza soggettiva e ambiente oggettivo dovrà diventare la
strategia pratica per la salvezza del genere umano.
L’ambiente oggettivo è chiaramente l’universo e quindi è necessario
conoscere la cosmologia, fin qui scientificamente studiata. La cosmologia
tolemaica poneva la Terra al centro dell’universo, circondata da sfere

34

Vincenzo Gagliardi

rotanti su cui erano sospesi i corpi celestiali; aldilà dell’ultima sfera
regnava l’inimmaginabile.
Copernico, astronomo polacco, venne interpellato dal Concilio lateranense
in merito alla riforma del calendario, questi rifiutò si esprimere qualsiasi
giudizio in quanto non era sicuro dell’esattezza delle posizioni del Sole e
degli altri pianeti, così come venivano considerate, in quell’epoca nel
sistema tolemaico.
A seguito delle scoperte astronomiche di Galileo che la Terra non era al
centro dell’universo: venne considerato non più la Terra al centro
dell’universo, bensì era la Terra a girare intorno al Sole e, quindi, dal
sistema tolemaico si passò al sistema eliocentrico di Copernico, in
opposizione al sistema tolemaico geocentrico. Successivamente, con la
teoria della relatività di Einstein e con la teoria dei quanti di Planck, sono
state rivoluzionate e aperte nuove frontiere della cosmologia.

35

La prova matematica dell’esistenza di Dio

Capitolo 5: Cenni sulle Religioni
Il secondo termine dell’equazione infinitesimale della conoscenza totale
riguarda l’impensabile e l’inimmaginabile, ed è rivolta sull’Ente Supremo:
Dio, riferimento centrale delle religioni.
La religione è, per definizione, il legame dell’uomo con la divinità.
L’esempio più fulgido di questo legame ci è stato offerto dal Santo di
Assisi.
La religione costituisce un insieme di credenze e degli atti di culto che
legano la vita di un singolo essere umano o di una o più comunità con ciò
che si ritiene un ordine superiore e divino. Così sono nate tutte le religioni.
La religione, infatti, altro non è che il tentativo di costruzione teorica, etica
e rituale del mondo con cui l’uomo immagina il rapporto con il suo destino.
Tale immagine porta con sé un certo modo di pensare, di vedere la realtà
che stimola, ad un certo atteggiamento verso quel destino immaginato;
pertanto spinge ad una certa moralità.
Tutti questi modi di pensare, di agire e ritualizzare è religione. Le principali
religioni del mondo sono il cristianesimo, l’ebraismo, l’islamismo, il
mazdeismo, il taoismo, l’induismo, il buddismo.
Ogni

popolo

della

razza

umana,

fin

dai

tempi

più

antichi,

indipendentemente dal loro sviluppo culturale, si sono interrogati
sull’esistenza e sulla creazione, dando origine ad una sorta di mitologia,
spesso fantasiosa, ma sempre significativa di simbolismo.
36

Vincenzo Gagliardi

Tutti gli esseri umani hanno il proprio rito sull’esistenza cosmica. Col
tempo questi miti, insieme a tutto il fantastico della tradizione, in generale,
hanno rappresentato un patrimonio di caste sacerdotali alla base dei miti
delle origini e dell’esistenza, pervenendo ad una concezione religiosa,
presente anche ai nostri giorni.
Osserviamo, per sommi capi, le principali religioni del mondo innanzi
elencate, ai soli fini della conoscenza sommaria e delle caratteristiche
relazionali tra conoscenza e Dio.

A) Cristianesimo
Il Cristianesimo si ispira a Gesù Cristo, il cui passaggio terreno è ritenuto il
più grande avvenimento della storia che si conforma nel suo insegnamento,
annunciando la venuta del regno di Dio; predicando la conversione dei
cuori all’amore per il prossimo, identificato con l’amore per il Signore.
Cristo Gesù, unico tra i fondatori di religione: il cristianesimo, è insieme un
essere umano soggetto alla storia ed un essere divino e trascendente, quale
figlio unigenito di Dio Padre.
Dopo il sacrificio sulla croce, patito per riscattare l’umanità dal peccato, il
suo messaggio per opera degli apostoli e soprattutto di S. Paolo, varcò i
confini del mondo giudaico e si fece universale.
La forza della nuova religione consisteva nel proporre l’idea di uno slancio
continuo verso il bene per il conseguimento della perfezione.
Nonostante l’ostilità del giudaismo di Gerusalemme e del paganesimo di
Roma imperiale, il cristianesimo ebbe rapida diffusione. La causa del suo

37

La prova matematica dell’esistenza di Dio

successo fu stabilità della sua dottrina basata sul senso della vita e della
morte, la felicità dei buoni e il castigo per i cattivi, il mistero della vita
divina, e l’amore infinito di Dio per l’uomo.

Il cristianesimo spezzando l’antico ordine sociale, mediante l’abolizione
della schiavitù, fece cadere le barriere tra le razze, tra le classi e tra i popoli,
davanti al Padre che è nei cieli, derivarono lentamente mutamenti radicali.
Gli esseri umani di allora disprezzati, i poveri, furono l’oggetto della
predilezione del cristianesimo: predicazione sul monte, detto, della
“beatitudine”.
Contemporaneamente, il cristianesimo trasformò la società politica con la
propria concezione di potere, affermando con le parole di Cristo Gesù: «Io
non sono venuto per essere servito ma per servire». Così lo stato non fu
concepito come l’unica fonte di diritto civile sul cittadino perché al disopra
delle leggi civili c’era la legge divina.
Benché il cristianesimo non sia stato portatore di una nuova filosofia, ha
pronunciato certe affermazioni che sono servite da guida al pensiero
filosofico, come quelle relative alla distinzione dell’anima dal corpo alla
realtà di Dio e alla libertà. Inoltre, giovandosi, il cristianesimo, dell’opera
di santo Agostino ampliò la conoscenza del mondo interiore attraverso il
dialogo tra due esseri, unici e supremi, l’io e il suo creatore mediante “Le
Confessioni”.
Anche Locke, con il suo “Cristianesimo razionale” (Londra 1695) si
propone di provare che l’essenza del cristianesimo è il culto razionale della
divinità, insegnato agli esseri umani dalla Rivelazione: «Cristo Gesù è
38

Vincenzo Gagliardi

venuto per far conoscere agli uomini il vero Dio, e a fare osservare la sua
legge morale. Questo contiene tutto il cristianesimo così come il suo
fondatore, lo ha insegnato e gli apostoli l’hanno predicato, rendendo
testimonianza alla resurrezione del loro Maestro».
Infine, attraverso il concetto di redenzione interiore, l’uomo interiore,
l’uomo giungerà a quello di redenzione nell’evoluzione storica, e così
progredendo con l’evento cristico, nella luce che può irradiare, secondo le
parole di Goethe: «Dal potere che vincola tutti gli esseri umani, si libera
l’uomo che vince sé stesso, e in questa vittoria veramente trova sé stesso;
così veramente l’umanità può veramente trovare sé stessa nel Cristo».

B) Ebraismo
L’ebraismo è l’insieme della tradizioni religione e culturali degli ebrei
prima e dopo la diaspora: dispersione dell’intero popolo ebraico al di fuori
della sua terra d’origine.
L’iniziatore della religione ebraica è Abramo. La Bibbia insegna che Dio
elesse questo patriarca affinché comandasse ai suoi discendenti di obbedire
alla voce di Dio praticando la virtù. Per ebraismo s’intende quel
determinato aspetto della storia ebraica che, sorto e sviluppatosi nell’esilio,
ebbe la svolta definitiva nel 70 d.c. con la distruzione del tempio di
Gerusalemme da parte delle legioni romane.
La religione ebraica è la madre delle tre religioni monoteistiche bibliche:
cristianesimo, ebraismo ed islamismo. Queste tre religioni prepararono la
strada all’evento Messia.

39

La prova matematica dell’esistenza di Dio

L’ebraismo insegna, per prima cosa, che tutte le parole dei profeti di Israele
sono veritiere. Il più grande di tutti i profeti è stato Mosè che ha ricevuto la
Legge direttamente da Dio. L’ebraismo si presenta come un’alleanza o
patto tra Dio, i patriarchi e la loro discendenza, affinché diffondessero il
suo culto tra i popoli. D’altra parte, questa alleanza impegna i figli di
Israele a essere fedeli a Dio e alla sua Legge.

La religione ebraica è orientata verso l’azione e verso l’adempimento della
volontà di Dio.
I comandamenti di Dio, più importanti, sono stati promulgati nel decalogo:
doveri verso l’azione e verso l’adempimento della volontà di Dio; si
trovano in queste due sentenze della Legge:
1) “Tu amerai Jahvè, tuo Dio, con tutto il tuo cuore, con tutta la tua
anima e con tutte le tue forze”.
2) “Dovete essere santi perché santo sono io, il Signore vostro Dio”.
Di qui l’origine del culto e delle leggi.
La Legge non è una semplice raccolta di precetti religiosi e morali, ma
anche una legislazione destinata ad un popolo appena costituito e che,
liberato dalla schiavitù egiziana deve ancora crearsi tutte le istituzioni
politiche, giuridiche e sociali. Contiene perciò norme riguardanti
l’applicazione della giustizia, il trattamento degli schiavi, l’ordinamento
della guerra, ecc. A questo scopo appartiene la legge del taglione, “occhio
per occhio, dente per dente”, principio giuridico sul quale hanno da
regolarsi i giudici incaricati di amministrare la giustizia e non un semplice
precetto morale. Di conseguenza la Legge proibisce la vendetta. Il taglione
40

Vincenzo Gagliardi

deve intendersi non come fatto materiale, ma obbligo ai tribunale di
proporzionare la pena del delitto commesso.
Secondo la religione ebraica, spiritualmente l’uomo é stato creato a
immagine e somiglianza di Dio, è dotato di libero arbitrio; inoltre la Tora
insegna a fare del bene. La felicità eterna consiste nella visione beatifica
delle divine perfezioni. L’anima è immortale: la ricompensa delle azioni
umane o il castigo hanno luogo in questa vita terrena e nella vita spirituale
dopo la morte.
Per una migliore comprensione della religione ebraica è necessario
conoscere le due figure più importanti dell’ebraismo: Abramo e Mosè. Il
primo fu capostipite d’Israele, patriarca ed emigrò dalla sua patria nell’anno
1979 a.c. nella Siria settentrionale, insieme alla sua famiglia patriarcale,
con la moglie Sara e con il fratello Lot; passò nella terra di Canaan con
alcune centinaia di servi, per ordine di Dio che gli promise una numerosa
discendenza; abitò in varie località conducendo una vita seminomade;
emigrò in Egitto in seguito ad una carestia, ritornò poi in Palestina a Betel,
dove si separò dal fratello Lot che invece si stabilì nella Pentopoli.
L’esercito di Kedorlaomer, re dell’Elam, in seguito ad un combattimento,
fece prigioniero Lot e saccheggio la Pentopoli. Abramo liberò il fratello
Lot e inseguì gli invasori fino a Damasco, riportando un copioso bottino, la
cui decima parte offrì poi a Melchisedech, re di Shalem e sacerdote
dell’Altissimo, che gli si era mosso incontro in aiuto e fu da lui benedetto.
Dio confermò ad Abramo il patto di dare il paese di Canaan ai suoi
discendenti.

41

La prova matematica dell’esistenza di Dio

Sara , essendo vecchia e sterile, per assicurare ad Abramo la discendenza di
un figlio, cedette la sua schiava Agar al marito, da cui nacque Ismaele,
figlio di Abramo e di Agar.
Il patto con Dio fu sancito con la circoncisione di Abramo, di Ismaele e di
tutti i maschi del gruppo della tribù di Abramo. Ancora una volta, sotto le
spoglie di tre uomini, si presentò Dio, ad annunciare la distruzione delle
città di Sodomia e Gomorra; e, per intercessione di Abramo, si salvò solo
Lot dalla distruzione delle due città.
A seguito della nascita di Isacco, figlio di Abramo e di Sara, Agar, la
schiava con il figlio Ismaele furono cacciati, per volere di Sara, nel deserto
con grande dolore di Abramo; ma Dio promise una grande discendenza
anche ad Ismaele.
Cresciuto Isacco, Dio volle mettere nuovamente alla prova Abramo
comandandogli di sacrificare il figlio Isacco in suo onore. Abramo obbedì,
e Dio mandò un angelo in soccorso per fermare la mano patricida di
Abramo.
L’altra

figura,

altrettanto

rappresentativa,

dell’ebraismo

è

Mosè,

personaggio biblico, guida degli ebrei nell’esodo dall’Egitto, profeta
fondatore della religione javista, nonché mediatore dell’alleanza fra Dio e
Israele.
Dopo l’esilio babilonese il popolo ebraico si rifugiò in Egitto in schiavitù e
durante il periodo di oppressione sotto il dominio di Ramesse II ( 12351224 a.C. ) venne ordinato dal faraone di far morire tutti i figli maschi
ebrei. La madre di Mosè per sottrarlo alla morte lo pose in una cesta sul

42

Vincenzo Gagliardi

fiume Nilo; una figlia del faraone raccolse il bambino dalle acque e lo
condusse alla Corte dove venne cresciuto ed educato con i figli del faraone.
A seguito dell’uccisione di un egiziane che aveva colpito un ebreo, Mosè fu
costretto ad abbandonare l’Egitto e fuggi nel paese di Madian ove sposò
Sfora la figlia del sacerdote del luogo. Mentre pascolava il gregge nella
regione dell’Areb, Mosè ebbe la visione del roveto ardente: rivelazione del
nome divino ineffabile Javhè , e la missione per liberare il suo popolo
dall’oppressione dell’Egitto e di condurlo nella terra promessa di Canaan.
Per adempiere la missione divina, Mosè dovette convincere il faraone
Meneptah e costringerlo, anche con una serie di azioni prodigiose, a far
partire gli ebrei.
Mosè, per ordine divino, istituì il rito dell’agnello pasquale e, quindi, partì
con tutto il suo popolo che condusse ai piedi del monte Sinai; Chiamato da
Dio salì sul monte per ricevere le tavole della Legge.
A Mosè non fu concesso da Dio di condurre il suo popolo nella terra
promessa. Nelle steppe di Maab, Mosè ricevette da Dio l’ordine di
designare Giosuè come suo successore e poi di salire sul monte Nebo per
contemplare tutta la terra di Canaan prima di morire.
Dio , seguendo la sua provvidenziale metodologia d’azione, ha voluto che il
suo legame peculiare con Israele si incarnasse nella concezione e nella
forma di Alleanza.
Ben si comprende allora come Mosè, mediatore dell’Alleanza con Dio, sia
veramente all’origine della vita indipendente del popolo di Israele, della sua
religione, della sua legislazione, delle sue istituzioni, della stessa tradizione

43

La prova matematica dell’esistenza di Dio

storica, che permette e trasmette la memoria delle azioni straordinarie di
Dio per Israele.

C ) ISLAMISMO
L’islamismo è la religione relativa all’Islam, alla sua dottrina, alle sue
istituzioni anche giuridiche e politiche.
Religione fondata da Maometto in Arabia nel VI sec. d.C., venne
comunicata in successive e frammentarie rivelazioni per mezzo
dell’arcangelo Gabriele.
L’insieme di queste rivelazioni costituisce il Corano.
L’islam, sotto i primi quattro califfi, fu diffuso fuori dell’Arabia per opera
di arabi, i quali predicando fondarono un immenso impero che all’epoca dei
califfi risiedevano a Damasco (650 – 750 d.C.) e si estendeva dall’Indo
all’Atlantico, occupando tutta la costa meridionale del mar Mediterraneo.
Il fenomeno si manifestò dapprima in Spagna, quindi in Persia, e ben presto
il mondo islamico non fu più che un mosaico di Stati e di dinastie
indipendenti. Tuttavia, mantenne la propria unità morale, religiosa ed
economica. Il termine Islam si applica non soltanto alla grande
maggioranza dei musulmani ortodossi; i sunniti seguaci dei quattro califfi;
ma anche a quell’insieme di sette eretiche sciitiche e kharigite; queste due
ultime sette sono separate dai sunniti più che da differenze dottrinali o
culturali profonde, da divergenze di ordine teologico o politico, quale la
questione del Califfato o quella dell’Imamato .
I dogmi principali dell’slam esposti nel Corano, sono i seguenti: credeza in
un unico Dio, creatore dell’universo, che si è rivelato al mondo invitando
44

Vincenzo Gagliardi

gli uomini a professare il monoteismo per mezzo dei suoi profeti: Abramo
Mosè e Gesù tra i principali, Maometto è l’ultimo in ordine di tempo;
credenza in una vita futura dopo la morte, nella quale i buoni avranno una
ricompensa, i cattivi la punizione eterna.
Gli obblighi principali del culto sono cinque: 1) la shahada o professione di
fede: non vi è Dio se non Allah e Maometto è il suo inviato; 2) la salat, cioè
la prghiera cinque volte al giorno e quella del venerdì nella moschea;
3) la zakat o elemosina legale, imposta religiosa sui beni allo scopo di
beneficienza; 4) digiuno nel mese di ramadan; 5) pellegrinaggio alla
Mecca, almeno una volta nella vita.
Queste cinque prescrizioni sono i pilastri portanti dell’Islam, alle quali certe
sette aggiungono anche la guerra santa. La rigida e scrupolosa osservanza
della legge religiosa e sociale, l’essenza stessa dell’Islam si è via via fatta
strada una tendenza mistica che predica l’unione intima e diretta con Dio
per mezzo di pratiche ascetiche, attraverso la meditazione, recitazione di
testi coranici, dando origine alle fraternite, che si diversificano solo in
ragione dei diversi metodi di iniziazione e degli esercizi ascetici consigliati
dai loro rispettivi fondatori. Talvolta, essendo trascese a pratiche aberranti
per conseguire l’estasi, sono state osteggiate dall’Islam ortodosso. I capi di
queste fraternite sono ritenuti detentori di un potere straordinario, che
possono applicare a loro piacimento, sfruttando la pietà popolare.
Ostile alle confraternite è anche un movimento della religione, predicando
un ritorno all’Islam primitivo, secondo le parole rivelate dall’ arcangelo
Gabriele direttamente da Dio.

45

La prova matematica dell’esistenza di Dio

D) MAZDEISMO
Il mazdeismo è la religione dell’Iran preistorico, dottrina religiosa diffusa
da Zaratustra, di cui la vita è in gran parte avvolta nella leggenda.
Il mazdeismo ebbe origine tra i Medi e si diffuse tra i Parti e i Batriani, si
ritiene rivelato da Ahura Mazdah a Zaratustra, il quale diffuse tale religione
in Persia.
I suoi insegnamenti contenuti nell’Avesta, si ritrovano in forma originale in
alcuni Gatha, tramandati per tradizione orale fino all’epoca sassanide,
quando il libro sacro, fatto bruciare da Alessandro Magno, venne in parte
ricostruito a memoria.
Sembra che Zaratustra intendesse restituire la purezza ad una primitiva
religione caduta in dimenticanza. Ma l’Avesta nella sua forma attuale,
permette solo una ricostruzione assai imperfetta di questa religione.
Il mazdeismo era essenzialmente una religione dualistica tra il bene e il
male. I tratti fondamentali della sua dottrina sono i seguenti: due entità
superiori operano nel mondo, l’uno buono, Ahura Mazdah, l’altro cattivo
chiamato Ahriman.
L’uomo deve prendere posizione e lottare per il Bene contro il Male; perciò
deve essere avversario della menzogna e dell’errore, per dedicarsi al
servizio della verità. La lotta tra queste due entità superiori continuerà fino
al definitivo trionfo del bene.
Il giudizio dei morti e il concetto di resurrezione fanno parte delle aggiunte
di Zaratustra .
L’anima dei giusti giunge al “mondo migliore”, mentre le anime dei cattivi
sono destinate alla “casa del dolore”.
46

Vincenzo Gagliardi

Il mazdeismo ha esercitato una notevole influenza di origine iraniana, quali
il mitraismo e il manicheismo; in minor misura anche sul giudaismo e sull’
islamismo.
La vita di Zaratustra è in gran parte avvolta nella leggenda, non si sa con
certezza quando sia nato. Gli storici greci accennano ripetutamente che
Zaratustra va collocato indietro nel tempo, forse cinque o sei millenni
prima della guerra di Troia. Insomma , da quanto l’indagine storica ha
potuto raccogliere in vari campi di ricerca, si può concludere che i
documenti stessi dell’indagine inducono a riconoscere per vero ciò che la
scienza e la tradizione greca hanno tramandato sulla remota antichità
dell’epoca di Zaratustra.
Inoltre, Zaratustra praticò una vita contemplativa e durante uno stato
d’estasi ebbe la rivelazione di Ahura Mazdah e si diede, quindi, alla
predicazione della nuova religione basata sul Bene e sul Male.
Successivamente, su questo fondamentale dualismo si sviluppò il
mazdeismo come religione universale e si diffuse specialmente nella Persia,
nell’India, nel Tibet, nella Cina ed altri paesi africani e meridionali.

E) TAOISMO

Il taoismo detto “retto cammino”: principio vitale universale, in Cina ha
esercitato una profonda influenza sia sulla filosofia che sulla religione.
Il taoismo filosofico si è espresso principalmente sull’arte e sulla letteratura
cinese, tanto che si può affermare che ben pochi artisti cinesi del passato si
sono sottratti al fascino di questa dottrina. Tale influenza si può riassumere
47

La prova matematica dell’esistenza di Dio

nell’importanza che nell’estetica hanno assunto gli elementi del “vuoto” e
dell’”inespresso”, nella tendenza all’irona e all’uso di apologhi (racconti
allegorici con fini sentenziosi), e infine ad una tendenza all’individualismo
e alla contemplazione al di fuori dell’impegno pratico, quasi ad una sorta di
latenza per ogni e qualsiasi attività umana.

Il taoismo religioso non godette, invece, delle simpatie delle classi colte,
che vedevano in esso un insieme di grossolane superstizioni. Tuttavia,
anche il taoismo religioso ebbe una profonda influenza morale nel popolo
cinese.
Inoltre, esercitò un notevole influsso anche sullo sviluppo delle scienze in
Cina: in alchimia e in medicina. Così, a fianco dei ritualisti che elaborarono
la religione e la morale confuciana, alle corti feudali vivevano anche
specialisti di arti magiche: indovini, astronomi, medici, farmacisti, eredi di
vecchi procedimenti per metà proto-scientifici e per metà magici, tendenti
ad aumentare la potenza vitale e raggiungere l’immortalità anche fisica,
realizzando in parte credenze religiose antiche.
Alla base di tali pratiche stava la convinzione sottintesa della necessità di
accordare la salute del corpo umano al ritmo della vita universale, la quale
non conosce né morte ne vita, ma solo un’alternanza tra il giorno e la notte.
Si trattava, dunque, di ritrovare lo stato di natura del tempo in cui gli
uomini non erano ancora pervertiti; per questo motivo veniva condannata
ogni forma di scienza artificiale e di progresso tecnico e, soprattutto, ogni
intervento dei moralisti e dei politici nel ritmo naturale della vita.

48

Vincenzo Gagliardi

Il vero saggio, colui che i taoisti chiamavano “santo” testimoniava il
proprio amore per il popolo con il non “intervento”: dottrina di cui si parla
nel Tao-te-ching. Tale principio divenne oggetto di meditazione e speranza
di salute individuale, esso è immanente in tutte le cose, e domina
contemporaneamente le realtà apparenti. Queste ultime sono relative e
contraddittorie, ma le loro contraddizioni si risolvono nel Tao, realtà prima
nella quale in contrari si compongono in armonia. Pertanto, il Tao divenne
la realtà suprema, cui l’adepto aspira ad unirsi mediante la contemplazione
e l’estasi: principio vitale dell’universo.
Le tre religioni principali della Cina: confucianesimo, taoismo e buddismo,
condussero nel corso dei secoli ad una lotta continua, l’una contro l’altra,
ora aperta ora subdola, che finì per esaurirle a poco a poco. Ciò nonostante,
il “libro della pietà filiale”, restò sempre il principale fondamento
dell’educazione morale in tutte le classi della società cinese, divenendo il
catechismo della morale privata in Cina.
Infine, la religione popolare cinese ha assorbito le tre religioni,
appropriandosi di qualche elemento di ciascuna di esse.

F) INDUISMO

L’induismo è la religione più seguita in India, che ha le radici nell’antico
panteismo, sopravvissuta alla diffusione e alla crisi del buddismo.
L’induismo comprende elementi religiosi e filosofici diversi, dalla ciclicità
del tempo alla reincarnazione, della società in caste, e tra loro contrastanti,

49


Documenti correlati


Documento PDF prova matematica esistenza di dio
Documento PDF matematica 01
Documento PDF la matematica delle note
Documento PDF la matematica delle note
Documento PDF leopardi e le scienze matematiche
Documento PDF roselli


Parole chiave correlate