File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Ricerca PDF Assistenza Contattaci



Il più GRANDE CRIMINE .pdf



Nome del file originale: Il più GRANDE CRIMINE.pdf
Titolo: Microsoft Word - Il Più Grande Crimine 2011.doc
Autore: Paolo

Questo documento in formato PDF 1.3 è stato generato da Microsoft Word / Mac OS X 10.6.8 Quartz PDFContext, ed è stato inviato su file-pdf.it il 17/10/2013 alle 12:41, dall'indirizzo IP 31.194.x.x. La pagina di download del file è stata vista 2482 volte.
Dimensione del file: 890 KB (86 pagine).
Privacy: file pubblico




Scarica il file PDF









Anteprima del documento


 
 
IL  PIU’  GRANDE  CRIMINE  
 
Di  Paolo  Barnard  
Ottobre  2011  
dpbarnard@libero.it  
 
(Ecco  cos’è  accaduto  veramente  alla  democrazia  e  alla  ricchezza  comune.  E  a  vantaggio  di  chi)  

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

1  

 
 
AVVERTENZA  
Questa  è  una  inchiesta  di  rigore  scientifico  che  si  è  avvalsa  della  consulenza  di  dodici  
economisti   universitari   internazionali.   I   loro   nomi,   le   note   e   la   bibliografia   che  
attestano   della   serietà   di   questo   saggio   sono   elencati   in   calce.   Ma   l’ho   scritto   in   stile  
narrativo  affinché  chiunque  la  possa  leggerlo  e  divulgarlo.  

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

2  

Sommario  
 
Ecco  Il  Più  Grande  Crimine……………  pagina  6  
(Il  Piano  Neoclassico,  Neomercantile,  Neoliberista  –  Il  danno  inflitto  –  Modern  Money  Theory  tenuta  nascosta    -­‐  
La  minaccia  alla  democrazia  –  Nota:  come  leggere  questo  saggio)  
 

Parte  Tecnica……………  pagina  9  
(Cos’è  la  moneta  –  Cos’è  il  contante  –  Come  spendono  gli  Stati  a  moneta  sovrana  –  Come  spende  un  governo  a  
moneta  non  sovrana:  la  UE  oggi  –  Le  Banche  Centrali  –  Come  funziona  il  denaro  nelle  banche  commerciali  –  Un  
debito   che   non   è   un   problema,   anzi   –   Un   debito   che   è   un   problema,   eccome  –   Cosa   sono   le   tasse?   Chi   lo   sa   alzi   la  
mano  –  La  piena  occupazione  era  possibile  )  
 

Il  Più  Grande  Crimine,  la  storia  nei  dettagli……………  pagina  30  
(Presentazione  umana)  
 

Il  Tridente  che  aveva  cambiato  a  Storia……………  pagina  31  
(Perché  il  Vero  Potere  s  nasconde  –  Il  Tridente)  
 

La  Gallina  dalle  Uova  D’Oro……………  pagina  32  
(A  chi  toccava  il  controllo  della  nostra  ricchezza?  –  Il  ritorno  della  Moneta  Moderna  offre  un’opportunità  storica  
alle  società  occidentali  –  Un  accenno  a  cosa  sia  la  Modern  Money  Theory    -­‐  Capire  la  differenza  fra  Spesa  a  Deficit  
Positiva  e  Negativa  -­‐  Le  elite  pianificano  il  loro  ritorno  al  potere:  il  piano  in  4  stadi)    
 

Le  idee……………  pagina  35  
(L’impianto   teorico   fondamentale   per   ritorno   delle   elite   e   come   fu   applicato   –   Le   sue   radici   nella   storia  
dell’economia  –  Il  comune  denominatore  di  tutte  quelle  idee)    
 

I  primi  attori……………  pagina  38  
(Le   fondamenta   del   ritorno   delle   elite   poste   dai   primi   attori   negli   anni   ‘30   –   Disattivare   le   democrazie   è   la  
priorità  –  Disattivare  i  cittadini:  l’Esistenza  Commerciale  e  la  Cultura  della  Visibilità  come  armi  –  I  primi  cervelli  
in  azione  negli  USA  e  in  Europa  in  maggiori  dettagli  –  La  speranza  di  Keynes:  prima  agli  apici  e  poi  la  sconfitta  -­‐  Il  
Neoliberismo  compare  sulla  scena)  
 

Il  piano  accelera  esponenzialmente.  Nasce  il  Piano  di  Contiguità  ……………  pagina  43  
(Il  secondo  dopoguerra  e  l’inizio  dell’indottrinamento  dei  colletti  bianchi  –  Il  Piano  di  Contiguità:  colonizzare  le  
università   -­‐   Le   Fondazioni   e   le   Think   Tanks   come   armi   principali   –   Le   lobby   partono   a   tutto   gas   –   I   club   dei  
“Globocrati”)  

 

3  

Il  grande  balzo  in  avanti……………  pagina  46  
(Lewis   Powell   e   il   suo   Memorandum   –   La   Commissione   Trilaterale   e   The   Crisis   of   Democracy   –   In   che   modo  
queste  due  Bibbie  Neoliberiste  plasmarono  il  futuro  e  contribuirono  alla  distruzione  della  democrazia)  
 

L’incredibile  potere  dei  fantasmi……………  pagina  50  
(Il  Poker  Neoliberista  conquista  la  politica  mondiale  –  L’inizio  della  fine  per  la  sinistra:  fu  Mitterrand  a  dare  il  via  
–  Come  fu  cementata  la  presa  delle  elite  su  cittadini  e  governi:  il  potere  dei  fantasmi  –  Fantasma  1:  L’  Inflazione  &  
Fantasma  2:  L’Isteria  da  Deficit)  

 
Un  bonus  inaspettato……………  pagina  53  
(La  caduta  dell’impero  sovietico  –  La  Shock  Therapy  a  tutto  spiano:  il  caso  della  ex  Yugoslavia  come  esempio  per  
tutti  –  Il  Neomercantilismo  europeo  trionfa)    
 

La  Signora  si  faccia  la  messa  in  piega……………  pagina  54  
(Il     caso   dell’Italia   come   modello   per   il   resto   d’Europa:   dai   partiti   statalisti   a   un   centrosinistra   ferocemente  
Neoliberista   in   pochi   attimi   –   Tangentopoli   cosa   fu?   –   Le   tappe   della   svendita   dell’Italia   alla   finanza  
internazionale:  i  governi  tecnici  e  il  centrosinistra  senza  pudore)  
   

Alcuni  brillanti  ritocchi  finali……………  pagina  57  
(Ingannare   la   sinistra:   come   l’hanno   cooptata   nell’Isteria   da     Deficit   –   Un   miraggio   per   intrappolarci   e  
paralizzarci:   la   nascita   del   Money   Manager   Capitalism   e   del   Capitalismo   dei   Fondi   Pensione   –   Bolle   improvvise   e  
risparmiatori  turlupinati)  
 

Ecco  chi  incassa……………  pagina  60  
(Il  boom  del  debito  privato  voluto  dalle  elite  –  Una  bolla  finanziaria  visibile  dallo  Spazio,  gli  inganni  e  l’esplosione  
finale:   chi   ha   vinto   e   chi   ha   perso   –   La   Spirale   della   Deflazione   Economica   Imposta,   gli   inganni   e   il   trionfo   dei  
Neomercantilisti   –   Scommesse   private,   rovina   pubblica:   come   gli   speculatori   tengono   in   pugno   le   nazioni   –   La  
vergogna  delle  privatizzazioni:  vincitori  e  vinti  nel  saccheggio  dei  beni  pubblici  -­‐  GATS:  un  futuro  da  spavento)  
 

Oltre  ogni  immaginazione……………  pagina  68  
(Il  piano  portato  agli  estremi  in  Europa,  le  differenze  cruciali  fra  USA  e  UE  –  Titoli  astrusi  e  spostamenti  colossali  
dalla   democrazia   al   Vero   Potere:   ecco   il   colpo   di   Stato   finanziario,   politico   e   Neoliberista   nella   UE   –   Rendere  
illegale  la  Spesa  a  Deficit  Positiva  -­‐  I  diktat  di  due  colossi  Neoliberisti  plasmano  il  futuro  dell’Europa)    

 
…  e  tutti  i  pezzi  del  mosaico  cadranno  nel  posto  giusto……………  pagina  72  
(Due   visioni   per   interpretare   gli   eventi   sociali   ed   economici   contemporanei   –   Scenari   orwelliani   per   il   terzo  
millennio  –  Rendere  plausibile  l’inimmaginabile  –  Come  siamo  ridotti?)  

 
 

4  

E’  fra  noi,  cari  italiani……………  pagina  74  
(Chi   sei   tu   che   leggi?   –   Ecco   come   il   piano   sta   aggredendo   l’Italia   delle   famiglie   –   Insegnare   ai   bambini   la   materia  
più  importante:  saper  avere  coraggio)  
 

Reagire……………  pagina  76  
(Una   lezione   dalla   savana   –   Perché   le   persone   comuni   e   la   sinistra   non   sanno   capire,   e   tantomeno   fermare,   il  
piano  Neoclassico,  Neomercantile  e  Neoliberista  –  Ecco  cosa  fare:  la  Modern  Money  Theory  è  la  risposta)  
 

Note……………  pagina  79  
 
Gli  economisti  consulenti  di  questo  saggio……………  pagina  83  
 
Bibliografia  e  fonti……………  pagina  83  
 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

5  

“Le elite sapevano che gli Stati a moneta sovrana avrebbero potuto creare la piena occupazione senza problemi, in tutto il
mondo, ma ciò gli avrebbe sottratto il potere. Dovevamo soffrire.”

 
Ecco  Il  Più  Grande  Crimine.  
E’  semplice  da  capire.  Ci  fu  un  giorno  di  non  molti  anni  fa  in  cui  finalmente,  e  dopo  secoli  di  
sangue   versato   e   di   immane   impegno   intellettuale,   gli   Stati   abbracciarono   due   cose:   la  
democrazia  e  la  propria  moneta  sovrana  moderna.  Un  connubio  unico  nella  Storia,  veramente  
mai   prima   esistito.   Significava   questo:   che   per   la   prima   volta   da   sempre   noi,   tutti   noi,  
avremmo   potuto   acquisire   il   controllo   della   ricchezza   comune   e   stare   bene,   in   economie  
socialmente   benefiche   e   prospere.   Ma   questo   non   piacque   a   qualcuno,   e   fu   la   fine   di   quel  
sogno  prima  ancora  che  si  avverasse.  
Questo   saggio   vi   parla   del   più   grande   crimine   in   Occidente   dal   secondo   dopoguerra   a   oggi.  
Milioni   di   esseri   umani   e   per   generazioni   furono   fatti   soffrire   e   ancora   soffriranno   per   nulla.   I  
dettagli  e  l’ampiezza  della  loro  sofferenza  sono  impossibili  da  rendere  in  parole.  Soffrirono  e  
soffriranno  per  una  decisione  che  fu  presa  a  tavolino  da  pochi  spregiudicati  criminali,  assistiti  
dai   loro   sicari   intellettuali   e   politici.   Essi   sono   all’opera   ora,   mentre   leggete,   e   la   spoliazione  
delle  nostre  vite  va  intensificandosi  giorno  dopo  giorno,  anno  dopo  anno.  
La   loro   operazione   su   scala   globale   è   definita,   per   gli   scopi   di   questo   saggio,   come   Il   Piano  
Neoclassico,   Neomercantile   e   Neoliberista.   Sulla   loro   identità   mi   dilungherò   fra   poco,   ma  
per   ora   posso   dire   che   sto   parlando   dei   leader   dei   maggiori   istituti   finanziari   del   mondo   e  
delle   corporations   di   stazza   multinazionale,   accompagnati   da   uno   stuolo   di   fedeli   pensatori  
economici  e  di  tecnocrati.  I  politici,  obbedienti,  spesso  li  seguono  a  ruota.  A  volte  li  sentirete  
chiamare   “gli   investitori   internazionali”   che   si   riuniscono   in   alcuni   club   esclusivi   come   la  
Commissione   Trilaterale,   il   Bilderberg,   il   World   Economic   Forum   di   Davos,   l’Aspen   Institute   e  
altri.  Sono  coloro  che  il  settimanale  The  Economist  ha  di  recente  chiamato  “I  Globocrati”  (1).  
Ma   prima   di   vederli   nel   dettaglio,   assieme   alle   loro   organizzazioni,   ai   loro   sponsor   e   ai  
particolari   del   loro   piano   decennale,   vorrei   offrire   al   lettore   un’idea   più   precisa   del   danno   che  
essi   hanno   inflitto   (e   che   stanno   infliggendo)   a   milioni   di   esseri   umani   qui,   nel   mondo  
occidentale.   Lasciatemi   dire   semplicemente   che   almeno   negli   ultimi   40   anni   il   loro   piano   è  
stato  la  causa  dei  seguenti  fenomeni  (per  nominarne  solo  alcuni):  

 

-

una   gran   parte   della   disoccupazione   e   sottoccupazione   che   abbiamo   conosciuto   –  
mantenute  in  vita  senza  che  vi  fosse  un  reale  motivo,  con  le  devastazioni  sociali  che  ci  
hanno  portato;  

-

la   perenne   mancanza   di   fondi   per   lo   Stato   Sociale,   cioè   dall’assistenza   sanitaria   alle  
pensioni   minime   e   molto   altro   –   con   l’enorme   espansione   delle   sacche   di   povertà  
urbana  e  le  migliaia  di  morti  anzitempo  che  abbiamo  sofferto;  

-

la   discriminazione   nell’accesso   all’istruzione   migliore,   dove   solo   i   privilegiati   hanno  
goduto   di   reali   opportunità   –   con   milioni   di   nostri   giovani   consegnati   a   un   futuro  
minore  e  a  una  vita  di  frustrazioni;  

-

l’erosione  dei  diritti  dei  lavoratori  e  della  forza  contrattuale  sindacale  fino  a  livelli  che  
sono  pochi  anni  fa  sarebbero  apparsi  inimmaginabili  –  che  ci  ha  portato  all’attuale  gara  
al   ribasso   degli   stipendi   a   fronte   di   uno   sfruttamento   sempre   maggiore   sul   posto   di  
lavoro,  il  tutto  peggiorato  dalla  delocalizzazione  dell’occupazione  verso  Paesi  esteri;  
6  

-

i   drammi   delle   generazioni   anziane,   che   sono   state   dipinte   come   i   capri   espiatori   per  
l’Isteria   da   Deficit   che   ha   travolto   le   nostre   nazioni   –   facendo   sì   che   milioni   di   nostri  
pensionati   si   sentano   oggi   responsabili   per   la   carenza   di   mezzi   finanziari   disponibili  
per  i  giovani;  

-

l’impotenza   in   cui   sono   stati   trascinati   gli   Stati,   ai   quali   è   stata   sottratta   la   sovranità  
monetaria  e  legislativa,  cui  si  aggiunge  la  messa  al  margine  della  cittadinanza.  Il  tutto  
mirato   ad   impedire   alla   maggioranza   dei   cittadini   di   beneficiare   dei   legittimi   poteri  
degli  Stati  di  creare  per  loro  ricchezza  –  le  tragiche  conseguenze  di  ciò  e  l’incredibile  
successo   di   questa   parte   del   piano   Neoclassico,   Neomercantile   e   Neoliberista   vi  
saranno  più  chiari  in  seguito;  

-

le   privatizzazioni   selvagge,   divenute   una   religione   economica   inattaccabile,   che   ha  
consegnato   agli   investitori   internazionali   enormi   fette   di   beni   pubblici   a   prezzi  
stracciati   –   e   che   ha   consegnato   anche   interi   popoli   nelle   mani   di   fornitori   di   servizi  
essenziali  a  caccia  di  profitti,  con  conseguenze  spesso  disastrose  per  il  tessuto  sociale;  

-

l’enorme   espansione   di   un   settore   finanziario   pericolosamente   sotto   regolamentato  
che   oggi   ha   il   potere   di   creare   devastazioni   in   qualsiasi   Stato,   frodando   milioni   di  
persone  e  speculando  su  crisi  economiche  create  a  tavolino;  

-

l’attuale   crisi   finanziaria   ed   economica   mondiale,   che   sta   infliggendo   immensi   danni  
alle  piccole  e  medie  imprese,  e  di  conseguenza  a  intere  economie  nazionali  con  masse  
di  lavoratori  a  rischio,  quando  non  già  rovinati  del  tutto.  

 
Quanto  sopra  descritto  si  è  materializzato  in  un  progetto  di  proporzioni  storiche  come  pochi  
prima,   architettato   con   un   dispiegamento   di   mezzi   impressionante,   quasi   impossibile   da  
concepire  per  una  mente  comune,  e  con  una  finalità  che  toglie  il  respiro  solo  a  considerarla:    
La   distruzione   degli   Stati   a   spesa   sovrana,   delle   leggi,   delle   classi   lavoratrici,   e   di   ogni  
virgulto  rimasto  di  democrazia  partecipativa  in  tutto  l’Occidente,  per  profitto.    
Fu   letteralmente   deciso   a   tavolino,   e   ci   sono   riusciti.   I   sindacati   non   hanno   mai   saputo   né  
capito  nulla,  poveracci  loro,  ancor  più  miseri  i  lavoratori.  
A  un  livello  personale,  stiamo  parlando  di  milioni  di  vite,  sogni  e  speranze  castrati  o  del  tutto  
distrutti  per  sempre,  qui,  nel  mondo  occidentale.  Ma  vorremmo  mettere  subito  in  chiaro  coi  
lettori  che  questa  non  è  una  teoria  del  complotto.  Al  contrario,  i  tratti  più  generici  di  questo  
crimine   sono   stati   oggetto   per   decenni   di   libri,   dibattiti   e   saggi,   da   parte   di   intellettuali,  
attivisti  e  movimenti  assortiti.  Ciò  che  invece  non  è  mai  stato  reso  noto,  è  questo:  
A) CHE  L’ATTUALE,  APPARENTEMENTE  INCONTRASTABILE  POTERE  DEI  “GLOBOCRATI”,  
E  L’IMMENSA  SOFFERENZA  CHE  HA  CAUSATO,  SONO  IL  FRUTTO  DI  UNA  STRATEGIA  
LUNGA   75   ANNI,   COORDINATA,   STRUTTURALE,   E   SOSTENUTA   DA   UN’IDEOLOGIA  
ECONOMICA   PRECISA.   E   CHE   NON   SONO,   COME   SPESSO   DICHIARATO,   UNA  
ABERRAZONE  DEL  CAPITALISMO.  
B) CHE   ESISTE   UNA   DOTTRINA   E   FILOSOFIA   ECONOMICA   CHE   AVREBBERO   POTUTO  
EVITARE,   E   ANCORA   OGGI   POTREBBERO   EVITARE,   TUTTA   QUELLA   SOFFERENZA,  
CHE  VIENE  INVECE  RAPPRESENTATA  DALLA  PROPAGANDA  COME  IL  RISULTATO  DI  
UNA   SFORTUNATA   NECESSITA’   DERIVANTE   DALLE   CRISI   GLOBALI.   NON   LO   E’   MAI  
 

7  

STATA,   ALMENO   NEGLI   SCORSI   40   ANNI.   LA   VERSIONE   ODIERNA   DI   QUELLA  
DOTTRINA   E   FILOSOFIA   ECONOMICA   SI   CHIAMA   MODERN   MONEY   THEORY   (dettagli  
in  seguito).  
C) CHE   FU   PRECISAMENTE   PER   DISATTIVARE   QUELLA   DOTTRINA   E   FILOSOFIA  
ECONOMICA   CHE   LE   ELITE   NEOCLASSICHE,   NEOMERCANTILI   E   NEOLIBERISTE  
HANNO   LOTTATO   PER   DECENNI,   INFILTRANDO   LA   POLITICA,   LE   UNIVERSITA’   E   I  
MEDIA.  
D)  CHE  QUELLO  CHE  E’  STATO  AGGREDITO,  E  FORSE  COLPITO  A  MORTE,  E’  L’ESSENZA  
STESSA  DELLA  DEMOCRAZIA,  DEFINITA  COME  L’ESISTENZA  DI  STATI  SOVRANI  CHE  
USANO  IL  LORO  POTERE  DI  CREARE  RICCHEZZA  PER  IL  BENEFICIO  DEI  CITTADINI  
E) CHE  LE  MENTI  DI  QUESTO  PIANO  CRIMINOSO  STANNO  PROPRIO  ORA  SPINGENDO  LE  
NOSTRE   SOCIETA’   ED   ECONOMIE   SULL’ORLO   DEL   BARATRO   PER   SOLI   MOTIVI   DI  
PROFITTO,   CON   CONSEGUENZE   DRAMMATICHE.   DEVONO   ESSERE   FERMATI   CON  
UNO   SFORZO   PER   AVVERTIRE   IL   PUBBLICO,   CHE   DOVRA’   CHIEDERNE   CONTO   AI  
POLITICI.  
 
Ciò   che   segue   è   un   saggio   su   un   piano   che   ha   fermato   più   di   duecento   anni   di   progressi  
democratici   e   sociali   in   occidente   e   che   ha   aperto   la   strada   al   ritorno   a   un   potere   quasi  
assoluto   delle   elite   finanziarie   e   grandi   industriali.   Ignorare   il   piano   Neoclassico,  
Neomercantile  e  Neoliberista  significa  in  primo  luogo  non  capire  la  realtà  occidentale  odierna.  
Significa  non  capire  nulla  di  ciò  che  guida  la  mano  di  governi,  l’italiano  incluso,  totalmente  in  
ostaggio   delle   elite.   Significa   infine   non   poter   far   nulla   per   combattere   le   scandalose  
ingiustizie   odierne,   ma   soprattutto   auto   destinarci   a   decenni   di   ulteriori,   inutili   sofferenze  
nella  vita  reale  di  milioni  di  famiglie  comuni.    
***  
 
Nota:  come  leggere  questo  saggio.  
Troverete  appena  qui  di  seguito  una  Parte  Tecnica.  Essa  sarebbe  necessaria  per  comprendere  
a   fondo   quali   erano   le   esatte   potenzialità   dello   Stato   a   moneta   sovrana   nel   tutelare   i   suoi  
cittadini   a   scapito   delle   elite,   le   quali   proprio   per   distruggere   quelle   potenzialità   hanno  
pianificato  per  75  anni  quanto  descriverò  di  seguito.  Ma  chi  è  solo  interessato  al  Più  Grande  
Crimine   che   questo   saggio   rivela,   può   saltare   la   parte   tecnica   fino   alle   righe   in   merito   ad   esso.  
Ma  sappiate  che  troverete  difficile  capire  come  fu  perpetrato.  

 
 
 
 
 
 

8  

PARTE  TECNICA  (consulenza  scientifica  a  cura  degli  economisti  listati  al  termine  del  saggio)  
 
COS’E’  LA  MONETA.  
Oggi   la   moneta   che   circola   è   un   IO   VI   DEVO   emesso   dallo   Stato   per   i   cittadini.   Letteralmente,   ogni  
monetina,   ogni   banconota,   ogni   titolo   di   Stato   e   ogni   saldo   di   conto   corrente   che   teniamo   in   mano   è  
una  promessa  dello  Stato  fatta  al  cittadino  (IO  VI  DEVO)  di  corrispondergli  un  qualcosa  in  cambio  di  
quel  metallo  o  di  quei  pezzi  di  carta  e  titoli  o  della  cifra  scritta  in  quel  conto  corrente.  Che  cosa  lo  Stato  
si  impegni  a  dovere  al  cittadino  è  materia  di  cui  tratto  fra  qualche  riga.  
Poi:   la   moneta   sovrana   è   sempre   di   proprietà   dello   Stato   che   la   emette,   perché   lo   Stato   crea   la   moneta  
sovrana   circolante   spendendo   PER   PRIMO,   cioè   è   l’unico   soggetto   esistente   che   ‘monetizza’   PER  
PRIMO  i  beni/servizi  circolanti  acquistandoli,  dopo  possono  farlo  anche  i  cittadini,  ma  solo  una  volta  
che  lo  Stato  ha  speso  per  primo  originando  la  moneta.  Nel  processo  di  monetizzazione  dei  beni/servizi,  
lo  Stato  è  assistito  dalle  Banche  Centrali  (BC),  che  appunto  monetizzano  l’atto  originario  di  spesa  dello  
Stato  (dettagli  nel  capitolo  COME  SPENDONO  GLI  STATI  A  MONETA  SOVRANA).  
Conosciamo   tutti   la   storiella   (falsa)   degli   antichi   che   per   smettere   di   scambiarsi   pecore   con   legna   o  
arance   con   stoffa   o   mattoni   con   ferro,   e   quindi   vivere   scariolando   masse   di   beni   in   giro,   decisero   di  
inventarsi  la  moneta  di  metallo,  che  rappresentava  il  valore  dei  beni  ed  era  molto  più  agile  da  usare.  
Poi  sappiamo  che  a  un  certo  punto  furono  inventate  le  banconote,  ancora  più  efficienti,  e  che  si  decise  
che  il  denaro  in  circolazione  doveva  essere  sempre  ‘convertibile’  in  qualcosa  di  prezioso  e  concreto  che  
gli  desse  un  valore:  oro,  o  altre  monete  importanti.    Fino  al  1944  e  poi  fino  al  1971  il  cittadino  poteva  
teoricamente  portare  le  sue  banconote  in  banca,  o  alla  BC,  e  pretendere  che  in  cambio  gli  dessero  un  
pezzetto   d’oro   di   valore   equivalente.   Questo   era   un   solido   sistema   per   mantenere   sia   la   quantità   di  
moneta  circolante  che  l’attività  delle  banche  sotto  controllo.  Infatti  tutte  le  banche  dovevano  in  teoria  
garantire   di   emettere   tanto   denaro   quanto   oro   possedevano   nei   forzieri,   e   non   di   più.   Ma   questo  
sistema   aveva   degli   svantaggi   enormi.   C’era   il   perenne   rischio   del   famoso   colpo   in   banca   e   di   veder  
sparire  l’oro.  Ma  soprattutto  in  caso  di  crisi  economica,  se  i  cittadini  si  fossero  precipitati  in  massa  in  
banca  per  esigere  oro  al  posto  delle  banconote  divenute  di  poco  valore  (es.  inflazione  galoppante),  le  
banche  non  avrebbero  in  realtà  mai  potuto  onorare  quelle  richieste,  perché  l’oro  non  era  di  fatto  mai  
pari  alla  moneta  emessa.  Ciò  procurava  automaticamente  il  fallimento  delle  banche  e  anche  degli  Stati,  
cioè  quello  che  oggi  si  chiama  Default.  Una  catastrofe.  Fu  così  che  nel  1944  prima  (accordi  di  Bretton  
Woods)  e  definitivamente  nel  1971  (decisione  di  Nixon)  la  convertibilità  della  moneta  in  oro  (il  Gold  
Standard)  fu  cancellata.    
Oggi   le   monete   più   in   uso,   dollari,   sterline,   euro,   yen   ecc.   non   sono   più   ‘convertibli’   in   alcunché.  
Attenzione,   si   badi   bene   che   ‘convertibili’   non   significa   che   non   si   possano   cambiare   in   altre   monete  
per  andare  in  vacanza  (es.  cambio  euro  in  dollari  per  andare  a  New  York);  significa  che  il  cittadino  non  
può  più  ottenere  da  banche  e  BC  né  oro  né  alcun  altro  bene  concreto  in  cambio  delle  sue  banconote.    
Come  già  accennato  in  precedenza,  le  monete  degli  Stati  oggi  si  distinguono  in  sovrane  e  non  sovrane.  
Le   sovrane   devono   essere   1)   di   proprietà   dello   Stato   che   le   emette;   2)   non   convertibili,   come   spiegato  
sopra;   3)   floating,   che   significa   che   le   autorità   non   promettono   più   di   cambiarle   a   un   tasso   fisso   con  
altre  monete  forti  (es.  anni  fa  il  pesos  argentino  era  convertibile  col  dollaro  in  un  rapporto  fisso  di  1  
pesos   contro   1   dollaro),   e   lasciano   quelle   monete   ‘fluttuare’   (floating)   sui   mercati   che   ne   decidono   i  
tassi   di   cambio   di   volta   in   volta.   Il   dollaro,   lo   yen   o   la   sterlina   ad   esempio   sono   sovrane   perché  
rispettano  i  tre  criteri  di  cui  sopra  
La  moneta  sovrana  come  dollaro  o  sterlina  è  sempre  emessa,  quindi  inventata  dal  nulla,  dallo  Stato  
che  la  possiede:  quello  Stato  origina  la  moneta,  e  i  suoi  cittadini  possono  solo  usarla,  guadagnandola  
o  prendendola  in  prestito.  L’euro  invece  non  è  moneta  sovrana  perché  nessuno  Stato  europeo  ne  è  il  
proprietario,  ed  è  invece  emesso  da  un  sistema  di  banche  centrali,  sempre  inventandolo  dal  nulla.  Esso  
non  è  originato  da  nessuno  degli  Stati  dell’Unione  Europea,  quindi  l’euro  non  è  né  degli  Stati  né  dei  

 

9  

cittadini,  e  sia  gli  Stati  che  i  cittadini  possono  solo  usarlo  prendendolo  in  prestito  o  guadagnandoselo.  
Questa   cruciale   differenza   è   anche   all’origine   della   catastrofe   finanziaria   europea,   un   crimine  
architettato  a  tavolino  anch’esso.  Capirete  poi.  
Tuttavia,  in  entrambi  i  casi,  la  moneta  non  è  mai  dei  cittadini  privati;  ribadisco  che  i  privati  possono  
solo   usarla,   prendendola   in   prestito   o   guadagnandola.   Va   compresa   questa   cosa   perché   il   pensiero  
contrario,   e   cioè   che   i   cittadini   o   le   banche   posseggano   il   denaro,   è   fonte   di   innumerevoli  
incomprensioni  ed  errori.  
Annotate   anche   quanto   segue,   che   spiegherò   meglio   dopo:   poiché   la   moneta   sovrana   è   sempre  
originata   dallo   Stato,   che   se   la   inventa   di   sana   pianta,   quello   Stato   può   darla   o   sottrarla   a   piacimento   e  
non   ne   rimarrà   mai   senza.   Non   può   esaurire   la   propria   moneta,   dunque   il   suo   debito   è   un   falso  
problema  (approfondimento  più  avanti).    
Oggi   le   maggiori   monete   non   sono   convertibili   in   oro.   Ok,   ma   allora   che   valore   hanno   in   realtà?  
Nessuno,  è  la  risposta.  E  questo  anche  per  altri  motivi.  La  moneta  moderna  è  emessa  in  varie  forme,  
chiamate   dai   tecnici   M1…M2…3…4   ecc.,   ma   tutte   queste   forme   sono   o   pezzi   di   carta   stampata   che  
valgono  solo  il  prezzo  della  carta,  o  monetine  che  valgono  il  misero  metallo  con  cui  sono  fatte,  oppure  
altri   pezzi   di   carta   da   nulla   (es.   titoli   di   Stato)   o   ancora   impulsi   elettronici   emessi   da   banche   e   BC,   cioè  
aria   fritta.   Sappiate   che   oggi   oltre   l’80%-­‐90%   in   media   di   tutto   il   denaro   circolante   al   mondo   è   solo  
impulsi  elettronici  che  compaiono  sui  computer,  basta,  è  nulla  di  concreto.    
Dobbiamo  fare  un  salto  di  coscienza  contro  natura  per  capire  cosa  sia  veramente  il  denaro,  perché  non  
esiste   idea   al   mondo   più   cementata   nella   mente   delle   persone   del   fatto   che   i   soldi   siano   un   valore*.  
Non  lo  sono  mai  in  sé.  I  soldi,  la  moneta,  sono  solo  un  mezzo,  che,  in  rigoroso  ordine  di  tempo,  lo  Stato  
s’inventa  per  primo,  poi  se  lo  inventano  le  banche  e  infine  tutti  lo  usano.  Il  denaro  è  come  un  codice  di  
apertura   di   serrature,   che   permette   di   avere   accesso   a   cose   e   sevizi,   proprio   come   il   codice   del  
telecomando   del   vostro   cancello   automatico.   Il   denaro,   come   quel   codice,   non   esiste   nella   realtà  
materiale,   esso   è   impulsi   elettronici   che   viaggiano   per   banche   e   computer,   oppure   è   scritto   come  
codice   su   dei   pezzi   di   carta   (banconote   e   titoli   di   Stato),   e   ha   valore   solo   se   ad   esso   si   associa  
qualcos’altro,  come  chiarisco  fra  un  attimo.  Ma  si  badi  bene  che  quanto  ho  appena  affermato  non  è  un  
giochetto  filosofico  sui  termini,  è  immensamente  rilevante  per  capire  poi  come  lo  Stato  spende,  cosa  
sono  veramente  le  banche,  come  gira  l’economia.    
Vi   faccio   un   paio   di   esempi   per   rendere   evidente   ciò   che   avete   appena   letto,   e   cioè   che   il   denaro   di   per  
sé  è  solo  un  codice  astratto.  Voi  andate  in  banca,  e  chiedete  un  prestito  di  10.000  euro.  La  banca  vi  dice  
ok,  e  vi  apre  un  conto  corrente  (di  seguito  c/c)  con  10.000  euro.  Cosa  ha  fatto  la  banca?  Ha  premuto  un  
tasto   e   ha   creato   un   numero   elettronico,   10.000,   cioè   nulla   di   valore,   solo   un   numero   –   la   banca   si  
inventa   letteralmente   quel   prestito.   Voi   a   quel   punto   decidete   di   prendere   quei   10.000   euro   e   di  
restituirli  il  giorno  stesso  alla  banca.  La  banca  cancellerà  con  un  altro  tasto  il  vostro  debito.  Nulla  ha  
guadagnato,   nulla   avete   perso,   nulla   è   mai   esistito,   anche   se   c’erano   ben   10.000   euro   in   un   c/c   a   un  
certo  punto,  che  a  chiunque  sembrano  una  notevole  ricchezza.  Era  aria  fritta,  in  sé,  nulla  di  materiale  e  
nulla   di   proprietà   della   banca,   né   del   cittadino,   come   invece   potrebbe   essere   una   casa   o   un   gioiello   che  
non  si  annullano  scambiandoseli.      
Secondo  esempio:  immaginate  le  banche  come  un  sistema  unico,  che  in  effetti  è  ciò  che  le  banche  sono.  
Il   Sig.   A   va   in   banca   e   ottiene   un   prestito   di   10.000   euro.   La   banca   si   inventa   dal   nulla   quella   cifra,   e  
apre   un   c/c   per   il   Sig.   A.   Il   c/c   rappresenta   il   debito   della   banca   verso   A   (gli   dovrà   mettere   a  
disposizione  quei  soldi).  La  banca  riceve  da  A  una  carta  con  su  scritto  “devo  restituirvi  questi  soldi”,  che  
rappresenta   il   bene   che   la   banca   ha   in   mano   in   cambio   del   c/c   di   A.   Situazione:   la   banca   ha   dato   al   Sig.  
A  dei  numeri  elettronici  creati  dal  nulla  =  zero  valore,  e  lui  le  ha  dato  un  pezzo  di  carta  =  zero  valore.  
Poi   A   spende   quel   denaro   per   comprare   un’auto,   che   invece   è   un   valore   concreto,   che   lui   possiede   non  
la   banca.   Il   concessionario   verserà   i   10.000   euro   del   Sig.   A   creati   dal   nulla,   cioè   aria   fritta,   nella   sua  
banca,   ed   essa   è   costretta   ad   accettare   come   validi   quei   soldi   aria   fritta   inventati   da   un’altra   banca.  
Situazione   a   livello   di   banche   come   sistema   unico:   c’è   una   banca,   quella   del   Sig.   A   che   è   a   credito   di  
10.000   euro   (A   glieli   deve   ridare),   e   ce   n’è   un’altra   che   è   a   debito   di   10.000   euro   (li   deve   al  

 

10  

concessionario  che  li  ha  versati).  Esiste  quindi  a  livello  di  sistema  bancario  un  credito  che  è  annullato  
da  un  debito.  Pari,  nessun  profitto  per  le  banche  finora,  infatti  quei  10.000  euro  per  le  banche  non  sono  
nulla,   solo   impulsi   elettronici   inventati   da   una   banca   e   accettati   come   buoni   da   un’altra   banca.   A   dovrà  
lavorare  per  restituire  quei  soldi,  ma  non  lavorerà  per  pagare  la  banca,  bensì  per  pagare  la  sua  auto.  
Alla   banca,   attraverso   le   rate   pagate   da   A,   ritorneranno   indietro   gli   impulsi   elettronici   aria   fritta   che   si  
è   inventata.   Ovviamente,   col   meccanismo   degli   interessi   si   generano   altri   codici   sia   per   la   banca   che  
per   i   c/c   di   A   e   del   concessionario,   ma   questo   di   nuovo   non   è   una   ricchezza   reale,   sono   solo   codici  
astratti  che  possono  o  non  possono  essere  un  bene  al  netto  (se  la  banca  è  in  passivo  anche  gli  interessi  
scompaiono).    
Ma   allora   cosa   diavolo   dà   alla   moneta   di   Stato   il   suo   valore?   Cosa   la   rende   così   necessaria   al   punto   che  
(quasi)  tutti  lavoriamo  come  muli  per  ottenerla?  Due  sono  le  risposte:    
1)  Il  fatto  che  lo  Stato  accetta  solamente  la  sua  stessa  moneta  come  pagamento  valido  delle  tasse  e  
delle  obbligazioni  che  i  cittadini  gli  devono  corrispondere.    
2)   Il   fatto   che   le   BC   e   le   banche   commerciali   che   hanno   emesso   la   moneta   di   Stato   creata   dal   nulla,  
sempre  la  riconoscono  come  valida  quando  gli  torna  indietro  sotto  forma  di  pagamenti  dei  cittadini.    
Ecco   cosa   oggi   dà   valore   al   denaro   degli   Stati,   che   altrimenti   sarebbe   solo   cartaccia   o   impulsi  
elettronici  da  nulla,  facilmente  sostituibile  con  altro.    
Spiego   il   primo   punto:   chiedetevi   perché   mai   così   tanti   cittadini   lavorano   sodo   per   guadagnare   la  
moneta   di   Stato,   piuttosto   che   altre   monete   che   si   potrebbero   inventare.   Chiunque   potrebbe   creare  
denaro,   ad   esempio   immaginiamo   gli   ‘Itali’.   Basterebbe   stamparli   e   decidere   che   da   oggi   in   poi   ce   li  
riconosciamo  validi  a  vicenda  nelle  vendite  e  acquisti  di  beni  e  servizi.  Ma  potremmo  poi  con  gli  Itali  
pagare   le   tasse,   le   imposte   e   tutti   gli   altri   balzelli   pubblici   e   di   Stato?   No,   lo   Stato   non   ce   li  
riconoscerebbe.   E   allora   ci   toccherebbe   lavorare   metà   giornata   per   guadagnarci   gli   Itali   e   metà   per  
intascare  gli  Euro  che  lo  Stato  riconosce.  Un  caos.  Ecco  che  allora  tutti  noi  siamo  costretti  a  riconoscere  
la   moneta   di   Stato   come   valido   metodo   di   pagamento   del   nostro   lavoro,   e   poi   anche   come   valido  
metodo   di   pagamento   delle   cose   che   compriamo,   poiché   chi   le   vende   dovrà   anch’egli   pagare   le   sue  
tasse/imposte   con   quella   moneta,   per   cui   la   necessita.   Insomma,   la   moneta   di   Stato   la   necessitiamo  
tutti    quella  dovremo  guadagnarci.  
Il   secondo   punto   è   altrettanto   chiaro:   siete   a   cena   e   pagate   con   la   carta   Visa.   La   Visa   riceverà   un  
assegno   dalla   vostra   banca.   Ma   quell’assegno   è   nulla,   carta   straccia,   proprio   perché   come   detto   il  
denaro  in  sé  non  ha  valore.  Visa  lo  depositerà  in  un’altra  banca,  e  ancora  quella  somma  sarà  nulla  di  
valore,   solo   un   numero   teorico   apparso   su   un   computer.   Poi   accade   che   la   BC   verrà   informata  
dell’esistenza   di   quell’assegno   versato   da   Visa   nella   sua   banca,   e   provvederà   ad   accreditare   a   quella  
banca   l’importo   dovuto   coi   soldi   di   Stato   prelevati   dalle   riserve   della   vostra   banca.   Solo   a   quel   punto   il  
vostro  pagamento  sarà  ritenuto  da  Visa  valido:  è  accaduto  infatti  che  il  vostro  denaro  che  fu  emesso  da  
Stato   e   poi   anche   da   banche   come   aria   fritta,   è   stato   però   riconosciuto   come   valido   sia   dalle   medesime  
banche  ma  soprattutto  dalla  stessa  BC,  e  questo  e  solo  questo  gli  ha  conferito  il  valore  finale,  perché  
anche   in   questo   caso   la   BC   non   avrebbe   riconosciuto   come   valida   alcuna   altra   moneta.   Visa   è  
soddisfatta.    
Ecco  quali  sono  quegli  ingredienti  che  se  aggiunti  all’inerte  e  nullo  denaro  gli  danno  finalmente  valore.  
E   qui   rispondo   alla   domanda   posta   all’inizio   di   questa   parte:   se   è   vero   che   la   moneta   (banconote,  
impulsi  elettronici,  monetine,  titoli  di  Stato  ecc.)  altro  non  è  che  una  serie  di  IO  VI  DEVO  emessi  dallo  
Stato   ai   cittadini,   cosa   è   esattamente   che   lo   Stato   deve   ai   cittadini   in   cambio   di   quella   moneta   (cioè  
quando   i   cittadini   gliela   restituiscono)?   La   risposta   è   conseguente   a   quanto   detto   sopra   nel   punto   1:  lo  
Stato,   in   cambio   della   sua   moneta,   ci   deve   il   nostro   diritto   di   saldare   tutto   ciò   che   gli   dobbiamo  
usando  quella  stessa  moneta.  Solo  questo.  Si  potrebbe  obiettare  che  in  ciò  lo  Stato  è  tiranno,  perché  
in  effetti  si  inventa  una  sua  moneta,  obbliga  i  cittadini  a  lavorare  per  ottenerla  col  solo  scopo  di  potersi  
poi  liberare  delle  imposte  che  lo  stesso  Stato  gli  impone.  Cioè  lo  Stato  appioppa  a  ogni  singolo  cittadino  

 

11  

un   ‘peccato   originale’   (le   tasse   da   pagare)   e   lo   costringe   a   usare   la   sua   moneta   per   liberarsi   da   quel  
‘peccato’.   Ma   non   è   solo   arbitrarietà.   Pensateci   bene:   se   non   ci   fosse   questo   sistema,   chi   mai  
lavorerebbe   per   il   settore   pubblico,   cioè   statale?   Pochissimi.   Perché   i   privati   potrebbero   inventarsi  
altre   monete   in   concorrenza   con   quelle   dello   Stato,   e   in   virtù   dei   maggiori   profitti   promettere   poi  
maggiori   vantaggi   ai   cittadini,   per   cui   quasi   nessuno   finirebbe   a   lavorare   per   il   settore   pubblico   e   lo  
Stato   medesimo   cesserebbe   di   esistere.   Sarebbe   il   trionfo   dei   signorotti   locali   in   stile   feudale,   cioè  
nascerebbero  veri  e  propri  Stati  privati  con  monete  private  entro  lo  Stato.  Un  caos.  Ma  si  badi  bene  che  
in  virtù  degli  stessi  principi  enunciati,  anche  le  eventuali  monete  private  perderebbero  ogni  valore  se  
non   fossero   riconosciute   come   valide   per   pagare   le   inevitabili   tasse   all’interno   di   quei   mini   Stati  
privati.  
*  Cresciamo  con  un’idea  conficcata  in  testa:  il  denaro  ha  valore  in  sé  (sappiamo  ora  che  non  è  vero),  
dunque  le  banche  sono  ricchissime.  Sbagliato,  le  banche  non  sono  affatto  ricchissime,  anzi,  nel  mondo  
degli  affari  non  svettano  per  profittabilità.  So  che  in  questo  preciso  istante  state  pensando  “follia  pura”,  
ma   non   lo   è.   Il   problema   è   invece   l’habitus   mentale   che   abbiamo   cementato   nella   mente   secondo   cui   il  
denaro   ha   valore   in   sé,   ergo   chi   lo   maneggia   si   arricchisce   tanto,   e   che   deriva   da   una   profonda  
incomprensione   di   cosa   esso   sia.   Vi   offro   una   prova   al   volo:   il   motivo   per   cui   siamo   arrivati   alla  
terribile   crisi   finanziaria   del   2008-­‐2010   è   che   tante   banche   commerciali   hanno   cercato   di   trasformarsi  
in   banche   d’investimento   e   hanno   preteso   poi   di   fare   giochi   speculativi   azzardatissimi.   Ma   perché  
l’hanno  fatto?  Precisamente  perché  i  banchieri  si  resero  conto  che  il  business  della  gestione  dei  conti  
correnti,   prestiti/mutui   e   piccolo   risparmio,   cioè   essere   banche   normali,   era   roba   di   poco   conto  
rispetto  ai  profitti  di  chi  giocava  in  serie  A,  ovvero  gli  istituti  d’investimento  speculativi.  Essere  banche  
commerciali  significa  infatti  gestire  il  denaro  per  la  vita  ordinaria  di  cittadini  e  aziende,  e  siccome  quel  
denaro  non  è  una  ricchezza  in  sé,  pochi  sono  i  grandi  guadagni.  
 
COS’E’  IL  CONTANTE  (CASH).  
Nulla   è   più   frainteso   nella   questione   della   moneta   del   contante.   Ripeto   innanzi   tutto   che   esso  
rappresenta  solo  una  piccola  parte  di  tutto  il  denaro  che  circola;  poi  va  detto  che  oggi  il  contante  viene  
stampato  dalle  BC  e  non  più  dallo  Stato,  che  stampa  solo  le  monetine.  Poi  ancora  dovete  sapere  che  le  
banche   moderne   non   sono   più   quelle   dei   film   Western,   che   avevano   il   caveau   stipato   di   bigliettoni.  
Infatti  le  banche  moderne  praticamente  non  hanno  contante  nelle  loro  casseforti,  se  non  il  minimo  per  
il  funzionamento  quotidiano.    
Il   contante   nasce   solo   quando   i   cittadini   si   recano   in   banca   e   chiedono   di   ritirare   banconote   allo  
sportello   o   al   bancomat.   Le   banconote   che   le   banche   gli   daranno   provengono   dalle   loro   riserve   che  
sono   depositate   presso   la   BC   (le   riserve   sono   una   specie   di   c/c   che   molte   banche   hanno   alla   BC).   Cioè:  
la  BC  letteralmente  spedisce  alle  banche  la  quantità  di  contante  richiesto  dai  clienti  allo  sportello  o  al  
bancomat,   e   addebiterà   le   riserve   delle   banche   per   quelle   cifre.   Le   banche   addebiteranno   a   loro   volta   i  
c/c   dei   cittadini   richiedenti   quel   cash.   Questo   significa   che   la   BC   sta   proprio   a   garantire   che   vi   sia  
sempre   sufficiente   contante   disponibile   per   le   richieste   dei   cittadini.   Quando   le   banche   accettano   i  
versamenti   in   contanti   (es.   l’incasso   del   salumiere),   esse   spediranno   quel   contante   alla   BC   che   lo  
distruggerà   e   al   contempo   accrediterà   per   una   cifra   uguale   le   riserve   di   quelle   banche.   Perché   lo  
distrugge?   Semplice:   perché   visto   che   la   BC   può   stampare   denaro   di   carta   a   costo   irrisorio,   gli   costa  
meno   stamparlo   al   bisogno   che   tenerne   tonnellate   ammassate   in   caveau   costosi   e   rischiosi.   Ma   ciò   che  
conta  è  capire  che  il  contante  è  sempre  gestito  alla  fine  dalle  BC,  che  lo  emettono  e  se  lo  riprendono  
indietro   di   continuo,   nel   primo   caso   addebitando   i   conti   delle   banche   e   nel   secondo   caso  
accreditandoli.  
 
 
 

 

12  

 
COME  SPENDONO  GLI  STATI  A  MONETA  SOVRANA.  
Gli  Stati  a  moneta  sovrana  spendono  inventandosi  la  moneta  e  accreditando  con  essa  i  conti  correnti  di  
coloro   che   gli   vendono   beni   o   servizi.   Questo   procedimento   è   complesso,   poiché   le   leggi   in   vigore  
l’hanno  artificialmente  allungato  per  evitare  scorciatoie  (percepite,  ma  che  non  erano  reali)  da  parte  di  
governi   truffaldini.   Prendo   come   esempio   gli   Stati   Uniti,   e   illustro   come   spende   il   governo   di  
Washington  a  esemplificazione  generale  di  come  viene  usata  una  moneta  sovrana,  anche  se  da  nazione  
a  nazione  le  cose  possono  variare  nei  dettagli.    
Il   governo   USA   vuole   acquistare   una   nave   da   guerra;   la   prima   cosa   che   fa   è   controllare   sul   proprio   c/c  
presso  la  FED  (banca  centrale  USA)  se  vi  sono  sufficienti  fondi.  Se  ci  sono,  il  governo  stacca  un  assegno  
e   compra   la   nave.   Se   non   ci   sono   allora   esso   emette   dei   titoli   di   Stato   per   il   valore   della   nave   e   li   vende  
a   banche   private   chiamate   Special   Depositories   (parte   del   sistema   bancario   privato   americano),   le  
quali   mettono   a   disposizione   del   governo   un   c/c   con   la   somma   voluta.   Attenzione:   i   titoli   di   Stato  
vanno  alle  Special  Depositories  ,  e  non  alla  FED  come  erroneamente  detto  da  alcuni.  
Normalmente  quando  una  banca  privata  acquista  titoli  di  Stato,  deve  pagarli  con  denaro  tenuto  nelle  
sue   riserve   che   stanno   alla   FED,   ma   in   questo   caso   particolare   la   legge   USA   permette   alle   Special  
Depositories   di   prendersi   i   titoli   di   Stato   senza   addebitargli   le   riserve.   Cioè,   le   Special   Depositories  
acquistano   i   titoli   di   Stato   e   accreditano   il   c/c   del   governo   presso   di   loro   con   denaro   inventato   dal  
nulla.   Le   Special   Depositories   hanno   a   questo   punto   un   passivo   che   è   il   c/c   del   governo   e   un   attivo   che  
sono   i   titoli   di   Stato.   (1   PASSIVO   &   1   ATTIVO).   Il   governo   però   non   può   staccare   un   assegno   per  
comprare   la   nave   nel   nome   delle   Special   Depositories,   e   deve   prima   far   trasferire   il   suo   c/c   delle  
Special   Depositories   alla   FED.   Le   Special   Depositories   lo   fanno,   e   in   questo   modo   perdono   la   loro  
passività   col   governo   (il   suo   c/c),   ma   mantengono   l’attivo   che   sono   i   titoli   di   Stato.   (0   PASSIVO   &   1  
ATTIVO).  Nel  trasferire  la  cifra  di  quel  c/c  alla  FED,  esse  subiscono  però  un  addebitamento  nelle  loro  
riserve   da   parte   della   FED.     Quindi   le   Special   Depositories   recuperano   di   nuovo   un   passivo,   che   è  
l’addebitamento  delle  loro  riserve,  e  rimangono  con  un  attivo  che  sono  i  titoli  di  Stato.    (1  PASSIVO  &  1  
ATTIVO).    
Il  governo  ora  può  staccare  l’assegno  dal  proprio  c/c  alla  FED  e  comprare  la  nave.  Il  venditore  deposita  
la  cifra  presso  la  sua  banca,  e  siccome  quella  cifra  è  denaro  dello  Stato,  la  FED  accrediterà  le  riserve  
della   banca   del   venditore   (che   è   parte   del   sistema   bancario   come   le   Special   Depositories).   In   questo  
modo,  la  passività  del  sistema  bancario  con  la  FED  scompare  (quella  contratta  quando  trasferirono  il  
c/c   del   governo   alla   FED),   per   cui   rimangono   solo   con   l’attivo   dei   titoli   di   Stato.   (0   PASSIVO   &   1  
ATTIVO)  
Cosa   è   successo?   Lo   Stato   ha   speso   e   alla   fine   del   processo   ci   troviamo   con   un   bene   nelle   mani   del  
governo  (la  nave)  e  un  bene  (i  titoli  di  Stato)  nelle  mani  delle  banche.  Il  bene  nelle  mani  delle  banche  
non  è  bilanciato  da  alcuna  passività  nel  sistema  bancario  (vedi  ultimo  punto  sopra),  per  cui  la  spesa  
dello   Stato   ha   creato   nella   società   un   cosiddetto   ‘bene   finanziario   al   netto’   (si   legga   ulteriore  
spiegazione   più   sotto).   Infatti   se   il   sistema   bancario   privato   ha   bisogno   di   rimpolpare   le   sue   riserve,  
può  vendere  i  titoli  di  Stato  ai  cittadini  o  alla  FED.  Se  li  vende  ai  cittadini,  essi  si  arricchiranno,  poiché  il  
loro  denaro  si  sposterà  da  un  c/c  bancario  dove  guadagna  quasi  zero  interessi  a  una  sorta  di  ‘libretto  
di  risparmio’  (i  titoli  di  Stato)  dove  guadagna  molto  di  più.  Se  li  vende  alla  FED,  essa  ne  ricaverà  solo  gli  
interessi,  poiché  la  FED  per  ciascun  titolo  di  Stato  che  acquista  dalle  banche  deve  accreditargli  la  cifra  
corrispondente  nelle  loro  riserve,  che  è  una  sua  passività.  Infine  non  accade  affatto  che  la  FED  possa  
profittare   dalla   maturazione   dei   titoli   di   Stato   o   dalla   loro   vendita   ai   privati.   Perché   nel   primo   caso,  
anche  se  lo  Stato  a  moneta  sovrana  deve  pagare  i  titoli  di  Stato  a  maturazione  (o  gli  interesssi),  esso  
comunque   non   spende   nulla   (spiegazione   nel   capitolo   UN   DEBITO   CHE   NON   E’   UN   PROBLEMA,   ANZI),  
e  poi  si  noti  che  il  denaro  che  la  FED  riceverà  sarà  lo  stesso  denaro-­‐aria  fritta  che  la  FED  ha  emesso  
monetizzando   la   spesa   dello   Stato,   e   che   ora   si   riprende   indietro.*   Nel   secondo   caso,   idem.   L’unico  
reale  profitto  della  FED  sui  titoli  di  Stato  sono  gli  interessi.  

 

13  

*  Quando  la  BC  compra  un  titolo  di  Stato,  essa  sposta   il   denaro-­‐aria  fritta  che  si  inventa  dai  suoi  c/c  al  
‘libretto   di   risparmio’   che   è   il   titolo   di   Stato,   ma   quando   lo   vende   essa   si   riprende   indietro   lo   stesso  
deanro-­‐aria  fritta  del  ‘libretto  di  risparmio’-­‐  titolo  di  Stato,  che  ritorna  così  sui  suoi  c/c.  Nulla  di  più.  
Unico  profitto  sono  gli  interessi.  
Detto  ciò,  va  sottolineato  che  un  governo  con  moneta  sovrana  potrebbe  spendere  anche  direttamente  
accreditando   i   c/c   di   coloro   che   gli   vendono   beni   o   servizi,   e   non   necessita   assolutamente   di   tasse   o   di  
emissione  di  titoli  di  Stato  per  poter  spendere.  Può  sembrare  assurdo  dirlo,  ma  il  procedimento  di  cui  
sopra  è  solo  una  gimcana  –  un  dettaglio  istituzionale  -­‐  che  il  governo  si  auto  impone,  ma  che  di  fatto  
equivale   a   che   il   governo   si   fosse   semplicemente   inventato   i   soldi   che   gli   servivano   e   avesse   così  
comprato   la   nave.   Va   compreso   che   i   governi   a   moneta   sovrana   non   spendono   come   i   cittadini,   cioè  
non  devono  mai,  come  invece  i  cittadini,  trovare  il  denaro  PRIMA  di  spenderlo  (i  cittadini  lo  trovano  
lavorando  o  facendo  prestiti).  Essi,  ribadisco,  se  lo  inventano  di  sana  pianta  e  spendono  PER  PRIMI  con  
denaro  proprio.  La  cittadinanza,  le  aziende  ecc.  non  possono  in  nessun  modo  ottenere  quel  denaro  di  
Stato   se   prima   il   governo   non   l’ha   emesso   spendendo.   Anche   nel   caso   della   vendita   da   parte   del  
governo   a   moneta   sovrana   di   titoli   di   Stato   a   banche   o   privati   le   cose   non   cambiano;   chiedetevi:   da  
dove  proviene  il  denaro  con  cui  banche  o  privati  acquistano  quei  titoli?  Risposta:  sempre  dal  governo  
che  spese  per  primo,  sono  cioè  soldi  del  governo  che  tornano  al  governo,  nessuno  glieli  presta.  
Quanto   appena   detto   sarà   cruciale   più   avanti   per   capire   il   perché   della   crisi   dell’Euro   e   molto   altro  
ancora.  
E  un  chiarimento:  avete  appena  letto  che  la  BC  (in  USA  la  FED),  è  coinvolta  nel  processo  di  spesa  del  
governo  con  moneta  sovrana,  e  che  si  “inventa  denaro-­aria  fritta”  lungo  la  via.  E’  bene  chiarire  un  po’  di  
più   il   ruolo   della   BC   nella   spesa   dello   Stato   a   moneta   sovrana.   Prima   di   tutto   ribadisco   che   i   titoli   di  
Stato  che  finiscono  nelle  mani  della  BC  sono  solo  quelli  che  le  banche  private  vogliono  vendergli  per  
aumentare   le   proprie   riserve,   ma   questo   non   accade   a   man   bassa,   poiché   le   banche   preferiscono  
sempre   tenersi   i   titoli   di   Stato   che   gli   fruttano   interessi   piuttosto  che   venderli   alla   BC   e   perdere   quegli  
interessi.   Inoltre,   ciò   che   è   accaduto   nel   mondo   della   finanza   negli   ultimi   10   anni   dimostra   che   va  
sfatata  la  leggenda  secondo  cui  tutti  questi  titoli  di  Stato  finirebbero  nella  mani  di  banche  e  BC,  infatti  
le  banche  avevano  preferito  di  gran  lunga  ‘giocare’  con  strumenti  finanziari  assai  più  esotici  e  rischiosi  
(si   sono   visti   i   risultati),   e   avevano   accantonato   spesso   i   titoli   di   Stato,   per   cui   a   loro   volta   le   BC   ne  
ricevevano  molti  di  meno.    
Ma   torniamo   alla   spesa   dello   Stato:   la   BC   ha   il   compito   di   accreditare   le   riserve   delle   banche   private  
quando   vi   è   depositato   il   denaro   speso   dal   governo   (ad   es.   il   denaro   che   il   venditore   della   nave   ha  
ricevuto  e  ha  versato  sul  suo  c/c).  La  BC,  proprio  in  virtù  del  fatto  che  in  questo  caso  può  inventarsi  il  
denaro,   ha   facoltà   di   accreditare   tutte   le   riserve   bancarie   che   vuole,   e   questo   di   conseguenza   permette  
al   governo   di   spendere   quanto   vuole,   creando   ricchezza   fra   i   cittadini   e   aziende.   Cosa   significa  
“creando  ricchezza  fra  i  cittadini”?  Ricordate  che  in  precedenza  avevo  sostenuto  che  la  spesa  a  debito  
dello  Stato  a  moneta  sovrana  NON  è  il  debito  dei  cittadini,  bensì  la  loro  ricchezza?  Eccovi  i  dettagli.  
Il  governo  a  moneta  sovrana  è  l’unica  entità  esistente  che  può  creare  ricchezza  al  netto  nella  società  o  
sottrarla.  La  crea  quando  spende  appunto,  e  la  sottrae  quando  tassa.  Consideriamo  la  prima  opzione.  
Va  compreso  che  nelle  relazioni  economiche  private  –  cioè  dove  non  c’entra  il  governo  -­‐  non  viene  mai  
creata  ricchezza  al  netto,  perché  per  ogni  bene  finanziario  (cioè  non  case  o  bistecche,  ma  denaro)  che  
appare  da  qualche  parte  vi  sarà  sempre  un  corrispondente  debito:  un  c/c  bancario  nuovo  sarà  infatti  il  
bene  del  titolare  ma  contemporaneamente  il  debito  della  banca  che  lo  detiene  (che  deve  quei  soldi  al  
titolare),  e  sarà  denaro  che  qualcuno  ha  ricevuto  da  un  altro  che  se  ne  è  privato;  l’eredità  della  zia  è  un  
bene  per  chi  la  riceve  ma  è  un  debito  della  zia  che  gliela  trasmette;  i  profitti  di  qualsiasi  azienda  sono  il  
bene   dell’azienda   ma   sono   l’esborso   di   chi   ha   comprato   quei   prodotti/servizi.   Persino   il   denaro   aria  
fritta   che   le   banche   s’inventano   quando   fanno   prestiti   non   è   al   netto,   poiché   vi   corrisponde   sempre  
l’indebitamento  di  chi  ha  contratto  quel  prestito,  ecc.  Al  contrario,  un  bene  finanziario  al  netto,  che  cioè  
non  trovi  nessun  corrispondente  indebitamento  in  alcuna  parte  nella  società,  viene  creato  SOLO  dalla  
spesa  del  governo  a  moneta  sovrana.  Perché?  Perché  solo  il  governo  a  moneta  sovrana  può  inventarsi  
il  denaro  con  la  collaborazione  della  BC  (che  come  detto  sopra  accredita  le  riserve  della  banche  –  e  si  

 

14  

badi:  anche  le  banche  inventano  il  denaro,  ma  non  al  netto).  Ricordate  il  governo  che  compra  la  nave?  
Se  usa  i  titoli  di  Stato,  essi  finiranno  nelle  banche  o  nelle  BC  e  poi  nella  mani  dei  cittadini  come  bene  
finanziario  al  netto  (i  soldi  degli  acquirenti  passano  da  un  c/c,  a  un  ‘libretto  di  risparmio’  che  frutta  di  
più);   se   il   governo   direttamente   accredita   il   c/c   del   venditore   della   nave   senza   uso   di   titoli   di   Stato,  
quel  denaro  sarà  un  bene  finanziario  al  netto  nelle  mani  di  quel  venditore.  Ripeto:  sono  beni  cui  non  
corrisponde   alcun   indebitamento   in   alcuno.   E   di   conseguenza   se   il   governo   in   questione   spende  
acquistando   più   di   quanto   incassa,   cioè   se   versa   più   denaro   al   netto   fra   i   cittadini   di   quanto  
gliene   tolga   con   le   tasse   (se   spende   a   deficit),   questo   arricchisce   la   società.   Cosa   avete   appena  
letto?   Avete   letto   proprio   che   il   governo   a   moneta   sovrana   che   spende   a   deficit,   cioè   che   spende  
a   debito,   crea   ricchezza   nella   comunità   (più   avanti   chiameremo   questo   tipo   di   spesa   statale   Spesa   a  
Deficit  Positiva).  Ecco  dimostrato  che  il  debito  cosiddetto  pubblico  non  è  affatto  il  debito  dei  cittadini,  
anzi,  il  contrario.  Si  può  infatti  affermare  che  esso  è  ciò  che  noi  cittadini  intaschiamo,  non  ciò  che  noi  
cittadini  dobbiamo  a  qualcuno.Tenete  questo  a  mente,  più  avanti  vi  spiegherà  moltissime  cose.  
Inoltre,  la  conseguenza  logica  della  sopraccitata  equazione  secondo  cui  PIU’  IL  GOVERNO  A  MONETA  
SOVRANA   SPENDE   A   DEFICIT,   PIU’   ARRICCHISCE   I   CITTADINI   sarà   che   se   il   governo   decide   di  
eliminare   o   pareggiare   il   deficit   (o   il   debito),   esso   cesserà   automaticamente   l’arricchimento   dei  
cittadini.  Questo  concetto  è  di  importanza  centrale  per  comprendere  l’economia  moderna.  
E’  importantissimo  capire  che  il  governo  di  cui  sopra  NON  ha  limiti  in  questo  tipo  di  spesa  a  deficit  con  
cui  arricchisce  la  società.  Si  vedrà  meglio  più  avanti,  ma  lo  ripeto  qui,  che  innanzi  tutto  il  debito  dello  
Stato   a   moneta   sovrana   non   deve   mai   essere   ripagato   se   non   in   minima   parte,   e   anche   in   quella  
minima   parte   lo   Stato   non   spenderà   nulla   per   farlo;   poi,   ancora   più   importante,  che   la   spesa   a   deficit  
dello   Stato   conterrà   l’inflazione   perché   stimolando   la   ricchezza   nazionale   stimola   anche   la  
produttività  (inflazione  è  troppo  denaro  in  giro  e  pochi  prodotti,  nda).  L’inflazione  è  in  effetti  l’unico  
limite   possibile   alla   spesa   a   deficit   del   governo   a   moneta   sovrana,   e   vi   aggiungo   due   parole   ancora   per  
tranquillizzare.  Essa  va  tenuta  d’occhio  di  sicuro,  ma  i  limiti  odierni  imposti  agli  Stati  sono  assurdi,  e  
causa  di  sofferenze  enormi  per  la  popolazione.  Codesti  limiti  furono  imposti  con  la  precisa  intenzione  
di   bloccare   la   libera   mano   dei   governi   nella   gestione   della   ricchezza   pubblica,   e   questo   coi   fini  
criminosi  che  spiegherò  nel  capitolo  IL    PIU’  GRANDE  CRIMINE.  Di  fatto,  lo  Stato  a  moneta  sovrana  che  
desidera   spendere   dovrà   solo   badare   che   la   spesa   complessiva   nell’economia   di   casa   non   superi   ciò  
che   essa   può   produrre   quando   è   a   pieno   regime.   Se   però   lo   supera,   lo   Stato   dovrà   o   abbassare   la   spesa  
o   tassare   i   cittadini.   In   parole   povere,   siccome   l’inflazione   nasce   dalla   presenza   di   troppo   denaro   a  
fronte  di  troppi  pochi  prodotti,  se  chi  li  sforna  è  al  massimo  della  produzione  e  di  più  non  può,  allora  è  
meglio  che  lo  Stato  smetta  di  sfornare  soldi,  oppure  che  ne  tolga  dalla  circolazione  tassandoci,  così  da  
mantenere  un  giusto  equilibrio  fra  la  masse  del  denaro  in  giro  e  i  prodotti  che  circolano.  
Ma  tranquillizzerà  ancora  di  più  sapere  che  la  spesa  del  governo  di  cui  si  è  trattato  aumentando  il  PIL  
del  Paese,  finisce  per  aumentare  anche  le  entrate  fiscali  senza  aumentare  le  tasse  (perché  un’aliquota  
del  30%  su  un  PIL  di  2  trilioni  di  euro  è  una  cifra,  mentre  la  stessa  aliquota  su  un  PIL  di  2,5  trilioni  è  
ben  altra,  nda),  che  a  loro  volta  diminuiscono  il  debito,  in  un  circolo  virtuoso.  
 
COME  SPENDE  UN  GOVERNO  A  MONETA  NON  SOVRANA:  LA  UE  OGGI.  
Prendo   ad   esempio   gli   Stati   dell’Eurozona   come   tipico   esempio   di   nazioni   prive   di   monete   sovrane.   Ho  
già  più  volte  accennato  al  fatto  che  l’euro  non  è  una  moneta  sovrana  e  vi  ricordo  che  infatti  esso  non  fa  
capo   ad   alcuno   Stato   che   lo   possiede.   I   17   Paesi   dell’Eurozona   lo   possono   solo   usare,   non   creare.  
Dunque,  tutto  quanto  detto  sopra,  e  soprattutto  la  parte  che  riguarda  la  creazione  da  parte  del  governo  
che  spende  a  deficit  di  ricchezza  fra  i  cittadini,  non  si  applica  più  a  noi  membri  dell’Unione  Monetarie  
Europea   (di   seguito   EMU).   Aggiungo   che   vanno   considerati   come   privi   di   sovranità   monetaria   anche  
quegli  Stati  che  hanno  agganciato  la  propria  moneta  a  un’altra  a  un  tasso  di  cambio  fisso  (es.  una  loro  
moneta   viene   sempre   cambiata   per   un   dollaro   USA).   Perché?   Semplice:   quei   governi   potranno  
emettere  la  propria  moneta  solo  nella  misura  in  cui  hanno  nelle  proprie  riserve  altrettanti  dollari.  Se  
ne   emettono   di   più,   sono   soggetti   ad   attacchi   speculativi   che   li   possono   costringere   ad   abbandonare  

 

15  

quel  tasso  di  cambio  fisso,  e  così  falliscono  (default).  Questo  ovviamente  limita  tantissimo  la  capacità  
di  quei  governi  di  spendere  liberamente,  come  invece  possono  fare  (anche  a  deficit)  i  Paesi  a  moneta  
sovrana.  L’Argentina  e  la  Russia  delle  drammatiche  crisi  finanziarie  passate  erano  due  casi  tipici.  
Torno   alla   UE.   Oggi   per   spendere,   Francia,   Italia,   Grecia,   Germania   ecc.   devono   letteralmente   andarsi   a  
trovare  i  denari  come  deve  fare  il  comune  cittadino.  Ricordate  che  avevo  scritto  poco  fa  che  “i  governi  a  
moneta   sovrana   non   spendono   come   i   cittadini,   cioè   non   devono   mai,   come   invece   i   cittadini,   trovare   il  
denaro   PRIMA   di   spenderlo   (i   cittadini   lo   trovano   lavorando   o   facendo   prestiti).   Essi,   ribadisco,   se   lo  
inventano  di  sana  pianta.”  ?  Bene,  i  17  Paesi  dell’Eurozona  sono  incredibilmente  costretti  a  cercarsi  i  
denari   per   la   spesa   pubblica   in   due   modi:   o   tassando   i   cittadini,   oppure   chiedendo   finanziamenti   ai  
mercati  privati  dei  capitali  che  detteranno  i  tassi  d’interesse  mettendoci  in  gara  gli  uni  con  gli  altri,  e  
ciò   PRIMA   di   spendere.   A   questo   punto   purtroppo   i   nostri   debiti   come   nazioni   sono   divenuti  
veramente   un   problema,   perché   li   dobbiamo   ripagare   ai   privati   da   cui   abbiamo   preso   in   prestito   gli  
euro,  mentre  uno  Stato  a  moneta  sovrana  è  indebitato  unicamente  con  se  stesso  (  e  NON  deve  tassare  i  
cittadini  per  poter  spendere).  E  soprattutto  è  evidente  che  non  potendo  più  noi  emettere  moneta  a  
piacimento  con  cui  tranquillamente  onorare  quei  debiti  (si  legga  il  capitolo  UN  DEBITO  CHE  E’  UN  
PROBLEMA,  ECCOME),  veniamo  considerati  a  rischio  di  insolvenza  dai  grandi  mercati  di  capitali,  che  
perdono   la   fiducia   in   noi,   ci   declassano   e   ci   spediscono   dritti   in   un   tunnel   soffocante   da   cui   noi   nazioni  
dell’euro   non   usciremo   più.   Ecco   le   reali   ragioni   della   corrente   crisi   europea,   che   non   riguarda   solo  
Grecia  e  Italia  o  Portogallo  e  Spagna,  ma  assolutamente  tutti,  Francia  e  Germania  inclusi.  Anche  questa  
infelice   condizione,   che   porta   dritta   alla   distruzione   del   bene   pubblico   pur   di   racimolare   denari   per  
pagare   i   nostri   debiti,   fu   pianificata   a   tavolino   con   l’intenzione   di   distruggerci   come   Stati   e   come  
democrazie.  Ma  questo  più  avanti  ne  IL  PIU’  GRANDE  CRIMINE.  
 
LE  BANCHE  CENTRALI.  
La  BC  sono  uno  strumento  molto  strano  nel  funzionamento  economico  degli  Stati.  Esse  devono  essere  
sempre  in  parte  ‘controllori’  e  in  parte  ‘collaboratrici’  nella  gestione  monetaria  degli  Stati.  Le  funzioni  
ufficiali  della  Banca  D’Italia,  che  ci  riguarda  da  vicino,  sono  elencate  nel  suo  sito,  sono  anche  specificate  
dalla   Costituzione   e   non   è   necessario   che   le   ricopi.   Poi   è   vero   che   vi   sono   apparentemente   delle  
anomalie   statutarie   nell’esistenza   delle   BC   di   alcuni   Paesi,   Italia   inclusa,   ma   esse   non   rivestono  
l’importanza  che  i  alcuni  gli  attribuiscono  e  lo  spiego  in  breve  più  avanti.  Le  vere  storture  delle  BC  non  
riguardano   ciò   che   tecnicamente   fanno,   ma   come   lo   fanno   e   a   favore   di   chi,   ovvero   l’assenza   di   un  
effettivo   potere   di   controllo   democratico   da   parte   dei   cittadini   attraverso   i   governi.   L’esempio   della  
FED  americana  è  plateale.  Ancora  oggi,  dopo  lo  scandaloso  salvataggio  a  suon  di  trilioni  di  dollari  delle  
banche   truffatrici,   la   FED   si   rifiuta   di   rivelare   persino   al   Congresso   USA   a   chi   ha   dato   che   cosa.   Ma  
questo  non  ci  riguarda  ora.    
Come  si  è  visto  nel  capitolo  precedente,  nei  sistemi  moderni  lo  Stato  a  moneta  sovrana  (come  USA,  GB,  
Svezia,  ecc.)  spende  usando  sempre  in  qualche  modo  la  BC,  che  è  deputata  alla  produzione  fisica  del  
denaro   sia   cartaceo   che   elettronico;   cioè   essa   ‘monetizza’   la   spesa   dello   Stato.   Ma   attenzione:   le   BC  
maneggiano   il   denaro   solo   DOPO   che   lo   Stato   lo   ha   emesso/inventato   attraverso   la   sua   spesa  
(emissione   di   titoli   di   Stato   o   accreditando   dei   c/c   dei   cittadini).   Cioè,   le   BC   è   come   se   vestissero   il  
denaro  emesso  dallo  Stato  con  un  abito  formale  che  può  essere  di  carta,  o  elettronico.  Tutto  qui.  
Dunque   le   BC   non   sono   le   proprietarie   delle   monete   sovrane.   Né   lo   sono   dell’euro,   che   come   si   è   detto  
è   letteralmente   di   nessuno,   anche   se   tecnicamente   emesso   su   ordine   della   Banca   Centrale   Europea   (di  
seguito  BCE).*  
*   La   BCE   è   parte   di   un   sistema   europeo   di   BC   assai   decentralizzato.   Infatti   la   BCE   non   può   emettere  
l’euro,   né   può   comprare   il   debito   degli   Stati   favorendone   la   spesa.   Il   potere   reale   è   detenuto   dal  
Consiglio  Direttivo,  cioè  i  17  governatori  delle  Banche  centrali  nazionali  dell’Eurozona  più  i  sei  membri  
del   Comitato   esecutivo.   Sono   loro   che   decidono   quanti   euro   creare   e   a   con   che   costo   del   denaro.   La  
decisione  di  non  comprare  debito  pubblico  è  demandata  alle  singole  BC.  

 

16  

Abbiamo   detto   che   la   BC   è   deputata   alla   produzione   fisica   del   denaro   sia   cartaceo   che   elettronico.   Il  
motivo  per  cui  le  viene  affidato  tale  compito  invece  che  allo  Stato  (che  può  solo  stampare  le  monetine)  
sta   nel   fatto   che   si   voleva   impedire   agli   Stati   di   farsi   finanziare   la   spesa   andando   a   bussare   a  
piacimento  presso  le  BC  facendosi  produrre  denaro  cartaceo  o  elettronico  a  casaccio.  Per  cui  si  decise  
che   dovevano   esistere   dei   percorsi   di   spesa   da   parte   degli   Stati   piuttosto   complessi   e   che  
necessitavano  della  presenza  della  BC.  Ma  questa,  si  badi  bene,  fu  una  scelta  politica,  non  una  necessità  
di  bilancio,  infatti  abbiamo  già  detto  (e  spiegherò  più  avanti)  che  lo  Stato  a  moneta  sovrana  potrebbe  
tranquillamente  spendere  semplicemente  inventandosi  il  denaro  e  accreditando  c/c  dei  cittadini  senza  
quasi  limiti.  
Sempre   nel   capitolo   precedente   è   stato   spiegato   come   la   BC   interviene   nella   gestione   delle   riserve  
bancarie  prima  di  tutto  quando  lo  Stato  spende,  ma  anche  in  altre  istanze.  Ora  approfondiamo  un  poco  
cosa  siano  esattamente  queste  riserve.    
La  maggioranza  delle  grandi  banche  ha  riserve  tenute  in  c/c  presso  la  BC  del  Paese  di  appartenenza.  
Queste   riserve   hanno   alcune   funzioni:   primo,   ogni   Stato   obbliga   per   legge   le   banche   a   tenere   delle  
riserve   di   denaro   come   contropartita   di   tutto   ciò   che   prestano   (dal   2%   al   6%   in   media);   secondo  
quando   le   banche   devono   pareggiare   i   conti   fra   di   loro,   lo   fanno   attingendo   alle   proprie   riserve   presso  
la   BC   (se   banca   A   stacca   un   assegno   a   banca   B,   pagherà   con   le   sue   riserve);   terzo,   servono   come  
salvadanai  dove  le  banche  attingono  per  farsi  dare  dalla  BC  il  contante  richiesto  dai  cittadini  (si  veda  
sopra   COS’E’   IL   CONTANTE   );   quarto,   permettono   alle   banche   di   far   business   con   gli   Stati.   Infatti   le  
riserve   bancarie   aumentano   solo   se:   il   governo   spende   e   accredita   i   c/c   dei   privati   (più   di   quanto   li  
tassi);  se  le  banche  vendono  i  titoli  di  Stato  alla  BC  in  cambio  di  moneta;  se  i  clienti  portano  contanti  
alle   banche;   se   la   BC   presta   riserve   alle   banche   (quando   quelle   riserve   sono   calate   troppo).   E  
diminuiscono   solo   se:   le   banche   devono   pareggiare   i   conti   fra   di   loro;   se   comprano   i   titoli   di   Stato;   se   i  
correntisti   pagano   tasse   allo   Stato;   e   se   essi   ritirano   contante.   Da   ciò   si   capisce   che   gli   ordinari  
pagamenti   che   avvengono   fra   i   cittadini   non   scalfiscono   le   riserve,   ma   sono   solo   denaro   elettronico-­‐
aria  fritta  che  gira  fra  banche  su  se  stesso.    
Le   BC,   quando   stampano   moneta   di   carta   a   costo   irrisorio   o   se   emettono   moneta   elettronica   che  
viaggia  per  c/c  bancari  (cioè  moneta-­‐aria  fritta),  sostengono  una  vera  passività.  Lo  ribadisco  qui:  la  BC  
accetta  indietro  come  validi  i  contanti/moneta  elettronica  che  ha  emesso,  e  accredita  il  c/c  della  banca  
che   glieli   ha   mandati,   cioè   è   tenuta   validare   quel   denaro   ogni   volta,   ed   è   questo   che   essa   deve   ai  
cittadini,   è   questa   la   sua   passività.   Non   ci   guadagna   alcunché   in   questo   processo,   oltre   tutto,   poiché  
emette   aria   fritta   e   si   riprende   indietro   la   stessa   aria   fritta.   Il   guadagno   della   BC   sta   solo   nella   sua  
abilità  di  comprare  col  suo  denaro  dei  beni  che  fruttino  interessi  (titoli  di  Stato),  non  in  quel  denaro  in  
sé.  
Ho   altresì   già   scritto   che   le   BC   terranno   in   mano   solo   i   titoli   di   Stato   che   le   banche   commerciali   gli  
vogliono  vendere  per  rimpolpare  le  loro  riserve;  e  sottolineo  anche  che  la  BC  non  possono  acquistare  i  
titoli  di  Stato  direttamente  dai  governi  (salvo  in  situazioni  di  estrema  emergenza),  ma  solo  sul  mercato  
secondario,   cioè   comprano   titoli   già   emessi   in   precedenza.   Certe   BC   possono   acquistare   i   titoli   di   Stato  
direttamente  dai  cittadini,  e  in  questo  modo  forniscono  di  liquidità  le  banche  dove  quei  cittadini  hanno  
il   loro   c/c.   Ricordo   infine   che   le   BC   non   promettono   più   di   convertire   il   denaro   posseduto   dai   cittadini  
in  oro  o  altre  monete  forti.  
Ma  è  utile  dire  che  i  proventi  principali  delle  BC  sono  in  genere  gli  interessi  che  guadagnano  sui  titoli  
di  Stato  che  acquisiscono  in  modo  indiretto  (cioè  titoli  già  in  circolazione  e  non  acquistati  direttamente  
dal   governo)   e   gli   interessi   che   gli   derivano   dai   prestiti   che   fanno   alle   riserve   delle   banche  
commerciali.  
 
 
 

 

17  

COME  FUNZIONA  IL  DENARO  NELLE  BANCHE  COMMERCIALI.  
Toglietevi   dalla   testa   che   le   banche   commerciali   siano   ricche.   Non   è   vero.   Come   già   accennato   in  
precedenza,   se   essere   banche   che   prestano,   erogano   mutui,   gestiscono   prodotti   finanziari   di   risparmio  
e   tengono   c/c   fosse   così   remunerativo,   non   avremmo   avuto   la   corsa   folle   di   tutte   le   grandi   banche   a  
scommettere   con   la   finanza   speculativa   internazionale   (da   cui   la   crisi   attuale).   Il   motivo   per   cui   lo  
hanno   fatto   era   proprio   che   nel   business   locale   non   c’erano   profitti   miliardari,   anzi.   E   poi,   come   si   è  
visto,  quelli  che  alcuni  chiamano  “i  grassi  banchieri  padroni  del  mondo”  sono  oggi  fra  gli  imprenditori  
più  fallimentari  del  mondo,  e  sopravvivono  solo  grazie  ai  salvataggi  dei  governi.  I  dati  non  mentono:  in  
Italia   i   debiti   delle   banche   hanno   raggiunto   nel   2009   i   718   miliardi   di   euro,   contro   i   277   miliardi   che   è  
il   loro   valore   complessivo,   e   si   consideri   che   il   nostro   sistema   bancario   è   fra   i   meno   indebitati   del  
mondo.  L’economista  americano  Nouriel  Roubini  ha  dichiarato  l’anno  scorso  che  “praticamente  tutto  il  
sistema  bancario  USA  è  già  fallito”.  Nella  lista  degli  uomini  più  ricchi  d’America  stilata  da  Forbes,  non  
compaiono  banchieri  nelle  posizioni  top,  e  il  sempre  menzionato  David  Rockefeller  Sr.  si  trova  laggiù  al  
147esimo   posto   e   solo   grazie   all’attività   petrolifera,   non   certo   quella   bancaria.   Coloro   che   si   sono  
arricchiti   oltre   ogni   limite   non   sono   i   banchieri,   sono   i   loro   managers,   ma   spesso   i   due   gruppi   vengono  
confusi.   Insomma,   le   banche   commerciali   manovrano   denaro   senza   navigare   nell’oro   di   altri   settori  
(petrolio   o   finanza   speculativa   o   IT),   ed   è   bene   capire   meglio   come   gestiscono   il   denaro.   Per  
comprenderlo  bisogna  ritornare  con  la  mente  a  quel  concetto  quasi  impossibile  per  noi  da  recepire,  e  
che   ci   dice   che   il   denaro   commerciale   è   solo   un   codice,   non   un   valore   in   sé.   Come   tale,   esso   viene  
inventato   dal   nulla   per   permettere   all’economia   di   funzionare.   Il   lavoro   di   una   banca   è   in   essenza  
questo:   crea   degli   attivi   sempre   bilanciati   da   passivi   -­‐   il   denaro   che   la   banca   presta   è   l’attivo   della  
banca  ma  è  il  passivo  del  cliente,  e  i  c/c  dei  clienti  sono  l’attivo  di  questi  ultimi  ma  sono  i  passivi  della  
banca  che  glieli  deve.  Si  pareggiano  sempre  e  infatti  gli  unici  profitti  per  la  banca  sono  le  differenze  nei  
tassi   d’interesse   che   vengono   applicati:   cioè,   i   tassi   che   la   banca   offre   al   tuo   c/c   saranno   sempre  
inferiori   ai   tassi   che   la   banca   richiede   sul   denaro   che   ti   presta.   Ma   il   denaro   che   la   banca   maneggia  
sono   solo   impulsi   elettronici   senza   valore   che   come   detto   sempre   si   pareggiano.   Vediamo   come  
funziona  in  pratica,  e  replico  qui  i  due  esempi  citati  nel  capitolo  COS’E’  LA  MONETA:  
Voi   andate   in   banca,   e   chiedete   un   prestito   di   10.000   euro.   La   banca   vi   dice   ok,   e   vi   apre   un   c/c   con  
10.000  euro.  Cosa  ha  fatto  la  banca?  Ha  premuto  un  tasto  e  ha  creato  un  numero  elettronico,  10.000,  
cioè  nulla  di  valore,  solo  un  numero  –  la  banca  si  inventa  letteralmente  quel  prestito.  Voi  a  quel   punto  
decidete  di  prendere  quei  10.000  euro  e  di  restituirli  il  giorno  stesso  alla  banca.  La  banca  cancellerà  
con  un  altro  tasto  il  vostro  debito.  Nulla  ha  guadagnato,  nulla  avete  perso,  nulla  è  mai  esistito,  anche  se  
c’erano  ben  10.000  euro  in  un  c/c  a  un  certo  punto,  che  a  chiunque  sembrano  una  notevole  ricchezza.  
Era  aria  fritta,  in  sé,  nulla  di  materiale  e  nulla  di  proprietà  della  banca,  né  del  cittadino,  come  invece  
potrebbe  essere  una  casa  o  un  gioiello  che  non  si  annullano  scambiandoseli.    
Secondo  esempio:  immaginate  le  banche  come  un  sistema  unico,  che  in  effetti  è  ciò  che  le  banche  sono.  
Il   Sig.   A   va   in   banca   e   ottiene   un   prestito   di   10.000   euro.   La   banca   si   inventa   dal   nulla   quella   cifra,   e  
apre   un   c/c   per   il   Sig.   A.   Il   c/c   rappresenta   il   passivo   della   banca   verso   A   (gli   dovrà   mettere   a  
disposizione  quei  soldi).  La  banca  riceve  da  A  una  carta  con  su  scritto  “devo  restituirvi  questi  soldi”,  che  
rappresenta   l’attivo   che   la   banca   ha   in   mano   in   cambio   del   c/c   di   A.   Situazione:   la   banca   ha   dato   al   Sig.  
A  dei  numeri  elettronici  creati  dal  nulla  =  zero  valore,  e  lui  le  ha  dato  un  pezzo  di  carta  =  zero  valore.  
Poi   A   spende   quel   denaro   per   comprare   un’auto,   che   invece   è   un   valore   concreto,   che   lui   possiede   non  
la   banca.   Il   concessionario   verserà   i   10.000   euro   del   Sig.   A   creati   dal   nulla,   cioè   aria   fritta,   nella   sua  
banca,   ed   essa   è   costretta   ad   accettare   come   validi   quei   soldi   aria   fritta   inventati   da   un’altra   banca.  
Situazione   a   livello   di   banche   come   sistema   unico:   c’è   una   banca,   quella   del   Sig.   A   che   è   a   credito   di  
10.000   euro   (A   glieli   deve   ridare),   e   ce   n’è   un’altra   che   è   debito   di   10.000   euro   (li   deve   al  
concessionario  che  li  ha  versati).  Esiste  quindi  a  livello  di  sistema  bancario  un  credito  che  è  annullato  
da  un  debito.  Pari,  nessun  profitto  per  le  banche  finora,  infatti  quei  10.000  euro  per  le  banche  non  sono  
nulla,   solo   impulsi   elettronici   inventati   da   una   banca   e   accettati   come   buoni   da   un’altra   banca.   A   dovrà  
lavorare  per  restituire  quei  soldi,  ma  non  lavorerà  per  pagare  la  banca,  bensì  per  pagare  la  sua  auto.  
Alla   banca,   attraverso   le   rate   pagate   da   A,   ritorneranno   indietro   gli   impulsi   elettronici   aria   fritta   che   si  
è   inventata.   Ovviamente,   col   meccanismo   degli   interessi   si   generano   altri   codici   sia   per   la   banca   che  

 

18  

per   i   c/c   di   A   e   del   concessionario,   ma   questo   di   nuovo   non   è   sempre   una   ricchezza   reale,   sono   solo  
codici  astratti  che  possono  o  non  possono  essere  un  bene  al  netto  (se  la  banca  è  in  passivo  anche  gli  
interessi  scompaiono).    
Possiamo   di   certo   aprire   un   dibattito   sugli   interessi   richiesti   dalle   banche,   di   certo   in   talune   istanze  
essi  sono  scandalosi,  e  nulla  ci  impedisce  di  auspicare  legislazioni  che  ne  riducano  gli  eccessi.  Ma  da  
qui  a  immaginare  un  mondo  retto  da  grassi  emuli  di  Goldfinger  che  posseggono  la  Terra  ce  ne  passa.  
Nel  meccanismo  sopra  descritto  vi  è  un  ulteriore  passaggio  che  ostacola  l’arricchimento  delle  banche  
che  s’inventano  denaro  dal  nulla,  ed  è  il  pareggiamento/clearing.  Spiego:  si  era  visto  che  la  banca  del  
Sig.   A   gli   aveva   dato   10.000   euro   di   denaro   aria   fritta,   che   però   A   spese   dandolo   a   un   concessionario,   e  
questi   l’aveva   versato   nella   sua   banca.   Ora,   le   banche   sono   tutte   collegate   e   lavorano   come   sistema  
unico,   sono   cioè   come   banchetti   di   un   mercato   circolare   tutti   collegati   gli   uni   agli   altri.   Cosa   era  
accaduto?   Un   assegno   della   banca   del   Sig.   A,   o   un   suo   bonifico,   erano   finiti   nella   banca   del  
concessionario.   Quest’ultima   allora   essa   busserà   alle   porte   della   banca   del   Sig.   A   e   dirà:   dammi   il  
denaro,  pareggiamo.  La  banca  di  A  dovrà  quindi  attingere  dalle  sue  riserve  presso  la  BC  e  dare  moneta  
di   Stato   alla   collega,   poiché   le   riserve   sono   sempre   obbligatoriamente   moneta   di   Stato   e   il  
pareggiamento/clearing   fra   banche   deve   sempre   avvenire   tramite   essa.     Ma   per   una   banca   questo  
attingere  alle  sue  riserve  è  un  passivo.  Per  cui  alla  fine  le  banche  devono  realmente  onorare  il  denaro  
aria  fritta  che  s’inventano,  sia  riconoscendolo  come  buono  quando  lo  ricevono  da  una  consorella,  sia  
facendo  poi  il  clearing  quando  necessario.  
Un   altro   mito   assai   comune   riguardo   al   funzionamento   delle   banche   è   che   esse   usino   il   denaro   dei  
cittadini  per  lucrare  con  altri  cittadini,  quelli  che  vanno  a  prestito  o  che  chiedono  mutui.  Non  accade,  
non   può   accadere.   Va   compreso   che   la   maggioranza   dei   depositi   bancari   da   parte   dei   cittadini  
comportano   spostamenti   di   quote   delle   riserve   delle   banche   da   una   banca   all’altra,   come   appena  
spiegato   sopra;   ma   le   riserve   delle   banche,   detenute   presso   le   BC,   non   possono   mai   essere   usate   come  
prestiti   a   ordinari   cittadini,   e   possono   solo   essere   prestate   ad   altre   banche.   Quindi   non   è   col   denaro  
depositato   da   noi   che   le   banche   ‘lucrano’,   ma   come   già   detto   con   denaro   inventato   dal   nulla   su  
richiesta  dei  clienti.  Infine,  togliamoci  dalla  testa  che  noi  cittadini  portiamo  in  banca  il  nostro  denaro,  
come  fosse  qualcosa  di  nuovo  che  ci  è  cresciuto  nell’orto  e  che  noi  depositiamo  nelle  banche.  In  realtà  
quasi   tutto   il   denaro   che   normalmente   movimentiamo   (stipendi,   rendite,   vendite…)   non   è   altro   che  
denaro   già   esistente   all’interno   del   sistema   bancario   e   che   semplicemente   si   sposta   da   un   conto  
all’altro;   quindi   a   livello   bancario   aggregato   le   banche   non   ricevono   nulla   di   nuovo,   non   si  
arricchiscono  con  i  nostri  depositi;  e  poi  quel  denaro  non  è  ‘nostro’,  sono  codici  creati  dalle  banche  che  
ci  passano  per  le  mani  e  che  ci  servono  a  svolgere  le  funzioni  economiche  ordinarie.    
Sempre  nella  mitologia  del  lucro  bancario,  vi  è  la  convinzione  che  le  banche  prima  ci  strangolino  coi  
mutui,   e   poi   se   questi   non   vengono   onorati   arrivino   ad   impossessarsi   di   beni   immobili   a   costi  
bassissimi.  Cioè,  vien  detto,  le  banche  da  una  parte  lucrano  sugli  interessi  del  mutuo,  e  nel  caso  in  cui  il  
poveretto   non   ce   la   faccia   più   a   ripagarlo,   si   impossessano   della   casa   a   fronte   di   denaro   prestato   che   si  
inventarono  dal  nulla.  I  complottisti  sostengono  che  in  questo  modo  le  banche  stanno  acquisendo  beni  
immobili   a   man   bassa.   Non   è   così,   anzi.   Prima   di   tutto   abbiamo   visto   che   il   denaro   inventato   dalle  
banche   finisce   poi   per   essere   una   reale   passività   per   esse,   inoltre   possiamo   discutere   del   regime   dei  
tassi   d’interesse,   forse   sono   troppo   alti,   non   sempre   (come   nel   periodo   attuale),   ma   che   vi   sia   un  
ulteriore   lucro   delle   banche   nel   caso   in   cui   si   impossessino   delle   nostre   case   è   del   tutto   falso.   Prima   di  
tutto  esse  per  riscattare  una  casa  di  un  proprietario   moroso  dovranno  sostenere  spese  legali  notevoli,  
poi   spese   amministrative,   poi   pagare   le   tasse,   poi   pagare   la   manutenzione   o   la   ristrutturazione   se   è  
stata   danneggiata,   poi   perder   tempo   e   denaro   a   gestire   il   condominio,   poi   sostenere   i   costi   per  
rivenderla…   infine   il   valore   ne   soffre   molto;   insomma,   per   le   banche   avere   a   mano   immobili   così  
ottenuti  sono  solo  spese  e  rogne.  Dovete  comprendere  che  le  banche  fanno  denaro,  se  lo  fanno,  con  la  
finanza   speculativa,   non   gestendo   mattoni   e   condomini,   non   gli   interessa.   Fra   l’altro   ogni   cifra   in  
perdita  che  una  banca  deve  soffrire  nell’impossessarsi  di  un  immobile  moroso,  va  a  incidere  sul  valore  
al   netto   di   quella   banca,   col   rischio   di   grossi   guai.   Non   per   nulla,   pensateci,   le   banche   prima   di   dare  
mutui  ci  passano  alla  graticola  per  essere  certe  che  potremo  ripagarli.  Se  ci  fosse  questo  facile  lucro  a  
impossessarsi  degli  immobili  morosi,  le  banche  darebbero  mutui  a  cani  e  gatti  tutto  il  giorno.  *  

 

19  

*   Questo   è   accaduto   negli   USA   con   la   storia   dei   mutui   sub-­‐prime,   ma   in   quel   caso   il   piano   delle   banche  
non   era   di   ingozzarsi   di   case,   ma   di   speculare   sulla   bolla   immobiliare   e   sul   re-­‐impacchettamento   di  
quei  mutui  da  vendere  come  prodotti  finanziari  a  milioni  di  gonzi  in  tutto  il  mondo.  
Ultimo   appunto   per   chiarezza,   cui   ho   già     accennato   in   precedenza.   Le   banche   commerciali   acquistano  
titoli  di  Stato  solo  se  devono  investire  le  loro  riserve  in  qualcosa  che  gli  renda  un  interesse  discreto,  
altrimenti   le   riserve   se   ne   starebbero   lì   a   render   nulla.   Ma   in   tempi   recenti   ne   hanno   acquistati  
veramente   pochi,   poiché   preferivano   investire   in   quei   famigerati   prodotti   finanziari   fantasiosi   che  
hanno  poi  causato  la  crisi  2008-­‐2010.    
Ovviamente   questi   chiarimenti   su   come   funziona   il   denaro   nelle   banche   commerciali   non   le   assolve   da  
critiche   sui   loro   mille   comportamenti   truffaldini.   Ci   serve   solo   a   capire   che   cosa   sia   il   denaro  
veramente  e  come  viene  usato,  senza  fantasticare  di  mondi  inesistenti.  
 
UN  DEBITO  CHE  NON  E’  UN  PROBLEMA,  ANZI.  
La   cosa   migliore   che   uno   Stato   a   moneta   sovrana   può   fare   per   i   propri   cittadini   è   di   spendere   a   deficit,  
cioè   creare   debito   pubblico.   Abbiamo   già   visto,   e   qui   ne   riparliamo,   come   la   spesa   a   deficit   produca  
ricchezza  fra  i  cittadini,  e  come  non  sia  affatto  vero  che  il  debito  dello  Stato  a  moneta  sovrana  sia  anche  
il  debito  dei  cittadini:  questa  è  una  menzogna.  Nel  capitolo  IL  PIU’  GRANDE  CRIMINE  dimostrerò  che  la  
sopraccitata   menzogna   fu   creata   ad   arte   dalle   elites   finanziarie   per   distruggere   gli   Stati,   con   essi   noi  
persone  e  le  democrazie  partecipative.  Ma  ora  parliamo  di  questo  debito.  
Innanzi   tutto   cosa   significa.   Uno   Stato   può   avere   diversi   debiti,   a   seconda   del   settore   economico   che   si  
prende   in   analisi.   Ma   i   principali   sono   il   Debito   Pubblico,   il   Deficit   di   bilancio   e   il   Debito   Estero.   Il  
Deficit   è   la   differenza   fra   la   spesa   dello   Stato   e   i   suoi   incassi:   se   alla   fine   dell’anno   esso   ha   incassato  
meno   di   quanto   abbia   speso,   allora   si   dice   che   c’è   un   deficit.   Il   cumulo   dei   deficit   dei   trascorsi   70   o100  
anni   (o   più   a   seconda   dei   Paesi)   forma   il   Debito   Pubblico.   Il   Debito   Estero   è   la   parte   del   Debito  
Pubblico   che   uno   Stato   deve   a   Paesi   stranieri   per   svariati   motivi,   cioè   scambi   commerciali,   prestiti   ecc.  
Non  si  confondano  questi  debiti  statali  con  l’indebitamento  privato  di  aziende  e  cittadini  all’interno  del  
Paese  o  con  l’estero.  
Il   debito   di   uno   Stato   a   moneta   sovrana   –   com’era   l’Italia   fino   al   2002   -­‐   non   è   mai   un   vero   debito,  
ovvero  non  lo  è  come  invece  lo  sarebbe  per  chiunque  di  noi  nel  caso  dovessimo  restituire  denaro  ad  
altri.   Questo   per   alcuni   motivi,   di   cui   affronto   subito   il   più   tecnico.   Cosa   accade   quando   uno   Stato   a  
moneta   sovrana   spende   a   debito?   Esso   può   accreditare   direttamente   i   c/c   di   coloro   che   gli   vendono  
beni   o   servizi,   e   questo   fa   sì   che   le   riserve   delle   banche   che   detengono   quei   c/c   aumentino   di   pari  
valore.  Le  banche  cosa  faranno  con  quei  nuovi  soldi?  Non  li  lasciano  lì  a  far  nulla,  compreranno  anche  
titoli  di  Stato  che  fruttano  interessi.  Ma  se  comprano  titoli  di  Stato  che  accade?  Accade  che  i  soldi  dello  
Stato   rientrano   dritti   nelle   casse   dello   Stato.   E   cosa   accade   se   lo   Stato   deve   poi   onorare   quei   titoli?  
Accade   che   gli   stessi   soldi   ritornano   alle   banche   e   lo   Stato   si   riprende   indietro   i   suoi   Titoli.   Rimangono  
fuori  gli  interessi  pagati  nel  frattempo,  ma  anche  questi  sono  solamente  soldi  che  escono  dallo  Stato  a  
costo  zero,  per  poi  rientrare  in  altro  modo  se  necessario,  ad  es.  con  le  tasse.    
Se  invece  lo  Stato  spende  emettendo  da  subito  titoli  di  Stato,  nulla  cambia:  il  denaro  originariamente  
emesso  dallo  Stato  torna  dalle  banche  allo  Stato  e  le  banche  si  prendono  i  titoli;  quando  lo  Stato  onora  i  
titoli,  il  denaro  torna  alle  banche  e  i  titoli  tornano  allo  Stato.  Ricordatevi  che  lo  Stato  a  moneta  sovrana  
spende  e  onora  titoli  semplicemente  inventandosi  il  denaro  dal  nulla,  preme  pulsanti  su  computer,  e  
NON   ha   bisogno   di   cercare   denaro   da   chicchessia.   Infatti   il   motivo   per   cui   esso   emette   titoli   di   Stato  
NON  E’  MAI  per  poter  spendere,  bensì  per  arricchire  i  cittadini  e  aumentare  la  produttività,  come  già  
spiegato  in  precedenza.  
Sappiamo  infatti  cosa  accade  quando  un  cittadino  o  una  banca  acquistano  un  titolo  di  Stato  a  moneta  
sovrana:   semplicemente   che   il   loro   denaro   passa   da   un   c/c   (del   cittadino)   o   da   una   riserva   (della  
banca)   che   fruttano   praticamente   zero,   a   una   sorta   di   ‘libretto   di   risparmio’   (il   titolo)   che   gli   frutta  

 

20  

assai   di   più.   Dovete   capire   che   l’emissione   di   titoli   di   debito   dello   Stato   a   moneta   sovrana   –   com’era  
l’Italia  fino  al  2002  –  è  un’operazione  volontaria  del  Tesoro,  NON  una  manovra  imposta  da  necessità.    
Ma   l’apporto   di   ricchezza   che   lo   Stato   a   moneta   sovrana   contribuisce   alla   comunità   va   oltre   a   tutto  
questo,   ed   è   necessario   che   qui   mi   ripeta   per   chiarezza.   Infatti   se   la   spesa   a   deficit   dello   Stato   è   ben  
diretta,   essa   produrrà   una   crescita   economica   nella   collettività   (diventerà   più   ricca   e   spenderà   di   più);  
questa   crescita   alzerà   il   Prodotto   Interno   Lordo   (PIL),   che   a   sua   volta   aumenterà   le   entrate   fiscali  
senza  aumentare  le  tasse,  poiché  è  ovvio  che  un’aliquota  dell’x%  su  un  PIL  di  2  trilioni  di  euro  è  una  
cifra,  mentre  su  un  PIL  di  2,5  trilioni  è  ben  altra  cifra.  Questo  fin  da  subito  arginerà  automaticamente  il  
deficit   in   un   circolo   virtuoso.   Ancora   più   importante,   l’indebitamento   a   deficit   dello   Stato   conterrà  
anche  l’inflazione  perché  stimolando  la  ricchezza  nazionale  stimola  anche  la  produttività  (inflazione  è  
troppo   denaro   in   giro   e   pochi   prodotti,   nda   –   altri   dettagli   sul   pericolo   inflazione   nel   capitolo   COME  
SPENDONO  GLI  STATI  A  MONETA  SOVRANA).  
Il  secondo  motivo  per  cui  il  debito  dello  Stato  a  moneta  sovrana  –  com’era  l’Italia  fino  al  2002  -­‐  non  è  
mai  un  vero  debito,  sta  nel  fatto  che  esso  non  è  mai  ripagato  in  realtà.  Nessun  governo  che  sia  sano  di  
mente   lo   fa,   perché   quando   è   stato   fatto   ci   si   è   accorti   che   i   danni   erano   di   gran   lunga   superiori   ai  
vantaggi.   Chiederete:   ma   com’è   possibile   ciò?   Come   fa   lo   Stato   che   ha   i   titoli   in   scadenza   (qualcuno  
reclama   i   soldi)   e   non   pagare   mai?   Semplice.   Chiediamoci   cosa   significa   onorare   un   titolo   di   Stato.  
Significa  che  il  possessore  si  prende  gli  interessi  e  alla  scadenza  anche  i  soldi  che  ha  investito  in  quel  
titolo.   Oppure   significa   che   decide   di   rinnovare   il   titolo   per   altri   10   anni.   In   quest’ultimo   caso,   il  
governo   semplicemente   scriverà   su   un   pezzo   di   carta   da   nulla   ‘Titolo   di   Stato   per   10   anni’,   e   lo   darà   al  
cittadino.   Nulla   ha   speso,   il   debito   rimane.   A   livello   cosiddetto   aggregato,   il   debito   dello   Stato   viene  
sempre   rinnovato   in   questo   modo,   infatti   il   debito   statale   non   si   riduce   mai,   lo   Stato   non   lo   ripaga   mai.  
Ma   supponiamo   che   il   cittadino   invece   voglia   proprio   incassare   i   suoi   soldi.   Lo   Stato   allora  
semplicemente  scriverà  su  un  altro  pezzo  di  carta  da  nulla  ‘Titolo  di  Stato  per  10  anni’,  troverà  un  altro  
acquirente,  da  esso  prenderà  il  denaro  e  pagherà  l’altro  cittadino  all’incasso.  E  così  via  ogni  volta  che  
qualcuno  vuole  incassare.  Come  si  vede  il  debito  non  si  ripaga  veramente  mai.  Riassumendo,  lo  Stato  in  
un  caso  lo  rinnova  scrivendo  pezzi  di  carta  da  nulla,  nell’altro  caso  semplicemente  passa  il  denaro  di  
un  tizio/ente  a  un  altro  tizio.  Nessuno  deve  pagare  alcunché,  meno  che  meno  il  cittadino  per  il  quale  si  
tratta,  ripeto,  di  vedere  i  propri  soldi  transitare  da  un  c/c  a  un  ‘libretto  di  risparmio’  (il  titolo  di  St.)  che  
frutta,  oppure  ritornare  nel  proprio  c/c  dopo  aver  incassato  degli  interessi.  E  gli  interessi  non  pesano  
alle   casse   dello   Stato?   No,   neppure   quelli.   Lo   Stato   a   moneta   sovrana   li   onora   pigiando   i   soliti   tasti   che  
inventano   denaro   dal   nulla,   creando   un   po’   più   di   debito   che   tuttavia   crea   ricchezza   nei   cittadini,   la  
quale   ricchezza   aumenta   il   PIL,   che   aumenta   le   entrate,   che   riducono   il   deficit   ecc.   ecc.   in   un   circolo  
virtuoso.  Quando  poi  i  titoli  di  Stato  finiscono  alle  BC,  esse  certamente  ne  trarranno  un  certo  profitto,  
ma  sono  tenute  per  legge  a  restituirne  un’alta  percentuale  al  Tesoro  ogni  anno.  
Un   breve   accenno   a   cosa   accade   quando,   al   contrario,   uno   Stato   si   mette   in   testa   malauguratamente   di  
ridurre  il  debito  o  addirittura  di  eliminarlo.*  
*  Il  risanamento  del  debito  pubblico  è  un  mantra  ossessivamente  ripetuto  dai  media  che  deriva,  ripeto,  
da  un  piano  ordito  a  tavolino  per  distruggere  gli  Stati  e  i  cittadini  a  vantaggio  delle  elites  del  capitale  
internazionale,  come  proverò  con  fatti  e  nomi  nel  capitolo  IL  PIU’  GRANDE  CRIMINE.  
Accade   ciò   che   fu   visto   negli   USA   del   presidente   Clinton,   che   tentò   di   pareggiare   i   conti   pubblici.  
L’America  di  quegli  anni  riuscì  a  fermare  l’espansione  del  debito  pubblico,  ma  il  risparmio  dei  cittadini  
crollò   -­‐   secondo   la   sopraccitata   equazione   per   cui   più   c’è   debito   di   Stato   e   più   c’è   risparmio   dei  
cittadini,   dando   origine   a   una   crisi   di   indebitamento   privato   senza   precedenti   e   che   porterà   poi   al  
collasso   dei   mutui   e   delle   carte   di   credito   americani   pochi   anni   dopo.   Detta   semplicemente,   se   un  
governo   a   moneta   sovrana   vuole   bilanciare   i   conti   o   addirittura   azzerare   il   debito,   dovrà   tassare   i  
cittadini   più   di   quanto   li   arricchisce   spendendo;   cioè   dovrà   sottrarre   dai   c/c   dei   cittadini   più   di   quanto  
vi  immette  spendendo.  Mai  una  buona  idea.  
Veniamo   all’indebitamento   esterno   di   uno   Stato   a   moneta   sovrana.   Abbiamo   detto   che   il   Debito   Estero  
è   la   parte   del   Debito   Pubblico   che   uno   Stato   deve   a   Paesi   stranieri   per   svariati   motivi,   cioè   scambi  

 

21  

commerciali,  prestiti  ecc.  A  patto  che  il  debito  estero  sia  denominato  nella  moneta  sovrana  (in  dollari  
per  gli  USA,  in  lire  per  l’ex  Italia,  in  sterline  per  la  Gran  Bretagna  ecc.),  non  esiste  problema  neppure  
qui.  Lo  Stato  lo  ripagherà  come  al  solito  pigiando  un  bottone  e  creando  moneta.  E’  ciò  che  accade  fra  
Stati  Uniti  e  Cina,  per  esempio.  La  Cina  compra  molti  titoli  di  Stato  USA  perché  preferisce  investire  le  
sue   riserve   in   dollari   che   tiene   presso   la   FED   in   quei   famosi   ‘libretti   di   risparmio’   che   fruttano  
interessi,  piuttosto  che  averle  stagnanti  sempre  alla  FED.  Il  governo  di  Washington  onora  interessi  e  
titoli  di  quel  debito  estero  pigiando  bottoni  al  Tesoro.  Tutto  qui.    
Purtroppo   però   accade   che   per   molti   Paesi   il   debito   estero   sarà   denominato   non   nella   loro   moneta  
sovrana.  Ad  esempio  la  Tanzania  avrà  debiti  esterni  in  dollari,  di  sicuro.  Questo  è  un  grave  problema,  
poiché   assoggetta   quei   Paesi   al   ricatto   degli   istituti   finanziari   occidentali,   come   il   Fondo   Monetario  
Internazionale   (che   è   in   pratica   una   costola   del   Tesoro   USA),   portatore   di   devastazioni   indicibili   che  
meritano  approfondimenti  seri.  In  questi  casi,  una  nazione  indebitata  in  moneta  straniera  ha  sempre  
l’opzione  di  emergenza:  dichiararsi  insolvente  e  proporre  ai  creditori  di  riconvertire  il  proprio  debito  
da  dollari  alla  moneta  locale.  In  tal  modo  potrà  poi  pigiare  i  soliti  tasti  e  inventarsi  il  denaro  necessario  
a   ripagare   il   debito.   Vero   è   che   i   creditori   faranno   di   tutto   per   impedirglielo,   e   generalmente   ci  
riescono  con  l’arma  delle  minacce  diplomatiche  e  dello  spettro  della  svalutazione,  ma  si  tratta  di  bluff  
in  cui  i  governi  debitori  cascano.  Perché  è  solo  un  bluff?  Ve  lo  spiego  con  detto  molto  popolare  a  Wall  
Street:  “Se  tu  devi  100.000  dollari  a  qualcuno,  costui  ti  possiede.  Se  devi  un  miliardo  di  dollari  a  qualcuno,  
sei  tu  che  possiedi  lui”.  Capito?  
Gli   increduli   che   sono   arrivati   fin   qui   storcendo   il   naso   nonostante   le   spiegazioni,   osservino   cosa  
accadde   mezzo   secolo   fa   negli   USA   e   cosa   è   accaduto   più   di   recente   in   Giappone.   Durante   e   dopo   la  
seconda   guerra   mondiale,   i   presidenti   americani   Roosevelt   e   Truman   fecero   esattamente   quanto   ho  
descritto  qui  sopra,  cioè  usarono  il  debito  e  il  deficit  per  creare  una  ricchezza  senza  precedenti  fra  gli  
americani   (beni   finanziari   al   netto)   e   di   conseguenza   nel   resto   del   mondo.   L’America   ha   moneta  
sovrana.  Fu  il  periodo  più  prospero  che  le  economie  moderne  ricordino,  e  Washington  viaggiava  con  
un  deficit  di  bilancio  del…  25%  del  PIL  (sic).  Pensate  che  oggi  la  Grecia  è  svergognata  per  un  ‘misero’  
13%.   Il   Giappone   negli   anni   ’90   era   messo   male,   in   piena   deflazione   (pochi   soldi   in   giro   e   troppi  
prodotti   invenduti),   interessi   sul   debito   al   rialzo,   e   stagnazione.   Ha   il   Giappone   mai   mancato   un  
pagamento  dei  suoi  debiti?  No.  Neppure  quando  le  agenzie  di  rating  l’avevano  declassato.  Perché  non  
ha  fatto  bancarotta?  Perché  ha  moneta  sovrana  e  i  mercati  sanno  che  può  pagare  sempre  senza  limiti  
di  spesa  pigiando  i  fatidici  bottoni  al  Tesoro  che  inventano  Yen.  Oggi  il  Giappone  ha  un  debito  pubblico  
che   è   del…   200%   del   Pil,   non   sto   scherzando,   cioè   il   doppio   di   Grecia   e   Italia,   ma   nonostante   questo  
nessuno  sta  strillando  “oddio!”  e  nessuno  sta  strangolando  Tokyo  con  tassi  d’interesse  alti  sui  prestiti,  
come  invece  oggi  fanno  con  la  Grecia  che  se  vuole  denaro  deve  pagare  interessi  folli.  
 
UN  DEBITO  CHE  E’  UN  PROBLEMA,  ECCOME.  
Fin   qui,   ho   spiegato   cosa   sia   il   debito   pubblico   per   uno   Stato   a   moneta   sovrana.   Ma   noi   della   Zona  
Euro?   Noi   17   Paesi   dell’eurozona   non   abbiamo   moneta   sovrana,   come   ho   già   scritto,   e   allora?   Allora  
noi  siamo  nei  guai  fino  al  collo.  Preciso  che  questi  guai  sono  poi  drammi  finanziari  per  le  vite  di  milioni  
di  europei,  per  i  loro  figli,  e  di  conseguenza  per  i  relativi  governi.  Questi  drammi,  come  spiegherò  nel  
capitolo   IL   PIU’   GRANDE   CRIMINE,   furono   pianificati   a   tavolino   col   proposito   di   distruggerci   come  
Stati.  Ma  ora  torniamo  a  noi.    
I  17  Paesi  dell’eurozona  non  possono  più  inventarsi  la  moneta  come  usavano  fare  prima  con  la  lira,  il  
marco,   i   franchi   ecc.   Abbiamo   già   detto   che   oggi   per   ogni   centesimo   che   spendono   devono   andarselo   a  
cercare   dai   privati   (i   mercati   dei   capitali),   esattamente   come   il   signor   Bianchi   che   deve   comprarsi  
l’auto   nuova.   Chi   sono   questi   mercati   dei   capitali   privati?   Sono   istituti   finanziari,   fondi   pensione,  
assicurazioni,   banche,   fondi   sovrani   stranieri,   governi   stranieri,   persino   individui,   i   quali   però  
decideranno   i   tassi   d’interesse   a   loro   vantaggio   strangolandoci.   Questo   prima   di   tutto   distrugge  
totalmente   la   virtuosa   equazione   della   spesa   dello   Stato   come   ricchezza   dei   cittadini,   essendo   un  
deterrente   fortissimo   alla   capacità   dello   Stato   di   spendere   a   deficit.   Perché   ricordate   che   si   è   detto   che  

 

22  

solo   un   bene   finanziario   al   netto   emesso   dallo   Stato   che   spende   a   deficit,   cui   cioè   non   corrisponde  
alcuna   passività   in   alcun   luogo   della   società,   figura   come   arricchimento   dei   cittadini   (si   rilegga   la  
spiegazione   di   bene   finanziario   al   netto   nel   capitolo   COME   SPENDONO   GLI   STATI   A   MONETA  
SOVRANA).   E’   ovvio   che   se   oggi   noi   Stati   dell’eurozona   spendiamo   sempre   creando   un   corrispondente  
creditore  nella  società  (i  privati  che  ci  prestano  i  soldi),  nulla  di  netto  finisce  nelle  tasche  dei  cittadini.  
In  secondo  luogo,  se  il  Tesoro  o  la  BC  nazionale  non  possono  più  inventarsi  il  denaro,  e  se  appunto  lo  
devono   prendere   in   prestito   dai   privati,   allora   il   debito   nazionale   diventa   veramente   un   debito,   e   va  
ripagato  veramente  coi  soldi  dei  cittadini,  con  le  tasse,  coi  tagli  allo  Stato  sociale  ecc.  Capite  il  dramma?  
Se  volete  i  dettagli  tecnici,  eccoli:    
Primo,  diversamente  da  una  BC  di  uno  Stato  a  moneta  sovrana,  la  Banca  Centrale  Europea  (BCE)  non  
può   ‘monetizzare’   la   spesa   degli   Stati   dell’eurozona   (lo   proibiscono   i   Trattati   di   Maastricht   e   di  
Lisbona),  che  devono  appunto  rivolgersi  ai  mercati  di  capitali  privati.  Neppure  le  singole  BC  nazionali  
(come   la   Banca   d’Italia)   possono   ‘monetizzare’   adeguatamente   la   spesa   degli   Stati,   non   possono,   in  
parole   povere,   creare   denaro   mentre   gli   Stati   spendono   per   primi   tutte   le   volte   che   sarebbe  
auspicabile.   Infatti,   se   ricordate   gli   esempi   citati   nei   capitoli   precedenti,   quando   uno   Stato   a   moneta  
sovrana   spende,   accredita   c/c   di   cittadini   privati,   cioè   mette   denaro   nelle   riserve   delle   banche  
commerciali   che   detengono   quei   c/c.   Ed   è   la   BC   che   fornisce   il   denaro   in   quei   casi,   ogni   volta   che   lo  
Stato   desidera.   Ma,   ad   esempio,   la   Banca   d’Italia   oggi   non   può   più   versare   denaro   nelle   riserve   delle  
banche  italiane  ogni  volta  che  il  governo  lo  richiede,  cioè  non  può  farlo  illimitatamente  come  accade  
negli  USA  o  in  Giappone  o  in  GB.  Ha  dei  forti  limiti,  che  stanno  nel  fatto  che  essa  non  sta  in  cima  alla  
piramide   della   creazione   del   denaro   in   Italia;   sopra   di   lei   c’è   la   BCE,   alle   cui   porte   anche   la   Banca  
d’Italia  deve  bussare  per  avere  riserve  in  euro,  e  quelle  riserve  possono  esaurirsi.    
Secondo,  come  già  detto,  oggi  i  17  Stati  dell’eurozona  devono  pagare  gli  interessi  sul  loro  debito  a  dei  
privati,   e   non   potendo   più   pigiare   i   fatidici   bottoni   al   Tesoro   e   inventarsi   il   denaro   necessario,  
dovranno  anche  tassare  i  cittadini.  Questo  significa  che  i  creditori  di  fatto  influenzano  la  politica  fiscale  
di  tutti  i  17,  e  credo  che  vi  rendiate  conto  di  quale  drammatica  perdita  di  sovranità  questo  comporti.  
Inoltre,   è   notorio   quanto   volubili   siano   le   entrate   da   prelievo   fiscale,   che   non   offrono   garanzie   di  
costanza  e  affidabilità  tali  da  poter  onorare  debiti  importanti.    
I   mercati   finanziari   sanno   tutto   questo   e   infatti   hanno   perduto   ogni   fiducia   nel   fatto   che   i   17   Paesi  
dell’euro   possano   sempre   saldare   i   debiti   nei   tempi   stabiliti.   Di   nuovo:   hanno   compreso   che   noi  
dell’eurozona  non  saldiamo  il  nostro  dovuto  con  moneta  propria,  ma  con  moneta  presa  in  prestito  da  
altri,  e  se  uno  deve  sempre  contare  su  altri  per  pagare  diviene  inaffidabile.  Ecco  perché  le  agenzie  di  
rating   ci   stanno   declassando.   E   questo   cosa   significa?   Significa   che   dicono   ai   mercati   dei   capitali   che  
noi  siamo  debitori  a  rischio  di  bancarotta,  per  cui  di  conseguenza  quei  mercati  che  ci  prestano  i  soldi  ci  
chiederanno   tassi   d’interesse   altissimi,   o   addirittura   ci   porranno   come   condizione   il   cosiddetto  
risanamento  dei  conti.  Risanamento  dei  conti  =  la  corsa  degli  Stati  a  tagliare  tutto  ciò  che  è  assistenza  
pubblica,   settore   pubblico   e   previdenza   sociale,   con   conseguenze   catastrofiche   per   tutti   noi,   ma…  
anche  e  soprattutto  col  vantaggio  per  i  medesimi  capitalisti  di  poter  poi  comprare  a  prezzi  stracciati  
ogni   sorta   di   impresa   pubblica,   servizio   pubblico,   bene   pubblico.   Avete   compreso   bene:   la  
privatizzazione  selvaggia.    
L’attuale   crisi   dell’euro   è   tutta   qui,   sta   in   ciò   che   avete   appena   letto,   con   alcuni   addentellati   che   vale   la  
pena   conoscere   per   capire   il   cinismo   di   coloro   che   hanno   manovrato   per   farci   arrivare   a   codesto  
sfacelo,  fonte  di  lucro  immenso  per  i  grandi  capitali  e  di  cui  parlerò  diffusamente  nel  capitolo  IL  PIU’  
GRANDE   CRIMINE.   Prendiamo   la   povera   Grecia.   Cosa   ci   hanno   raccontato   di   essa?   Che   è   un   Paese  
spendaccione,   dove   la   mano   statale   dei   clientelismi   e   delle   prebende   pubbliche   è   fuori   controllo,   e   che  
ha   talmente   esagerato   nella   previdenza   da   trovarsi   in   bancarotta.   I   quotidiani   e   telegiornali   hanno  
martellato  questo  mantra  incessantemente,  siamo  tutti  convinti  che  quell’esempio  sia  vergognoso,  e  gli  
Stati  più  sciuponi  come  Italia,  Portogallo,  Irlanda  e  Spagna  (assieme  a  Grecia  soprannominati  PIIGS,  e  
in   inglese   PIG   è   maiale…)   sudano   oggi   ghiaccio   per   il   timore   di   finire   come   Atene.   Ma   Atene   era  
veramente   questa   pecora   nera?   No,   per   nulla.   Uno   studio   degli   economisti   americani   Dimitri   B.  
Papadimitriou,   L.   Randall   Wray   e   Yeva   Nersisyan,   pubblicato   dal   Levy   Economics   Institute   of   Bard  
College,   ha   dimostrato   che:   il   debito   greco   è   dovuto   in   maggioranza   alla   recessione   economica  

 

23  

mondiale,  cioè  calo  PIL,  calo  tasse,  e  aumento  conseguente  di  aiuti  statali  ai  lavoratori  in  difficoltà  di  
cui  la  Grecia  non  ha  colpa–  non  è  vero  che  il  reddito  pro  capite  greco  è  alto,  ed  è  invece  uno  dei  più  
bassi   d’Europa   –   lo   Stato   Sociale   greco   spende   pro   capite   in   media   3.530   euro   contro   i   6.251   della  
media  europea  –  i  costi  amministrativi  greci  sono  inferiori  a  quelli  tedeschi  o  francesi  –  la  spesa  dello  
Stato   fino   al   2005   era   sotto   la   media   OECD   –   la   spesa   pensionistica   era   in   linea   con   quella   tedesca   e  
francese,  nonostante  si  favoleggi  di  pensioni  baby  elargite  come  caramelle.  Dunque?  La  realtà  è  che  in  
Europa  esiste  una  potenza  economica,  la  Germania,  che  ha  tutto  l’interesse  a  scardinare  gli  altri  Stati  
per   crearvi   poi   sacche   di   povertà   e   di   conseguenza   manodopera   a   basso   costo   (i   dettagli   in   IL   PIU’  
GRANDE  CRIMINE).  Ecco  perché  Berlino  strilla  contro  la  Grecia  ‘spendacciona’  soffiando  sul  fuoco  del  
suo   debito/deficit.   Ma   in   ciò   la   Germania   è   anche   disgustosamente   ipocrita,   perché   il   motivo   per   cui  
essa  oggi  gode  di  un’eccedenza  di  conti  correnti  (è  in  attivo)  sta  proprio  nel  fatto  che  vi  sono  Paesi  in  
Europa  che  le  comprano  le  merci  a  tutto  spiano  spendendo  troppo,  fra  cui  la  Grecia.  
Questi   sono   solo   alcuni   accenni   al   disastro   (creato   di   proposito)   dell’invenzione   dell’euro   e  
conseguente  riduzione  in  sostanziale  schiavitù  da  debito  e  da  mercati  di  capitali  di  17  nazioni  europee.  
Lo   studio   di   Dimitri   B.   Papadimitriou,   L.   Randall   Wray   e   Yeva   Nersisyan   si   chiude   come   queste   parole:  
“Nonostante  gli  sforzi  disperati  del  governatore  della  BCE  Jean-­Claude  Trichet  per  mantenere  lo  show  a  
luci  accese,  la  disintegrazione  dell’euro  è  solo  una  questione  di  tempo.  Non  dobbiamo  consolarci  per  nulla  
con  il  salvataggio  della  Grecia,  poiché  la  tragedia  generata  dalla  crisi  attuale  è  solo  all’inizio,  e  segnerà  la  
morte  non  solo  di  una  moneta,  ma  di  una  visione  unitaria  dell’Europa”.  
In  chiusura  di  questa  parte,  una  precisazione  che  serve  a  chiarire  un  malinteso  comune.  Si  è  detto  che  
uno  Stato  a  moneta  sovrana  non  ha  limiti  di  spesa  e  non  sarà  mai  strangolato  dei  mercati  dei  capitali  
privati.   Alcuni   a   questo   punto   obiettano   che   “anche   l’Argentina   e   la   Russia   avevano   moneta   sovrana,  
eppure   sono   fallite   entrambe.   Perché?”,   e   pensano   così   di   aver   smontato   il   costrutto   enunciato   finora.  
No,   non   smontano   nulla   e   la   spiegazione   sta   in   un   passaggio   già   scritto   in   precedenza   che   ricopio:  
“Vanno   considerati   come   privi   di   sovranità   monetaria   anche   quegli   Stati   che   hanno   agganciato   la  
propria   moneta   a   un’altra   a   un   tasso   di   cambio   fisso   (es.   una   loro   moneta   viene   sempre   cambiata   per   un  
dollaro  USA).  Perché?  Semplice:  quei  governi  potranno  emettere  la  propria  moneta  solo  nella  misura  in  
cui   hanno   nelle   proprie   riserve   altrettanti   dollari.   Se   ne   emettono   di   più,   sono   soggetti   ad   attacchi  
speculativi   che   li   possono   costringere   ad   abbandonare   quel   tasso   di   cambio   fisso,   e   così   falliscono  
(default).   Questo   ovviamente   limita   tantissimo   la   capacità   di   quei   governi   di   spendere   liberamente,   come  
invece  possono  fare  (anche  a  deficit)  i  Paesi  a  moneta  sovrana.  L’Argentina  e  la  Russia  delle  drammatiche  
crisi  finanziarie  passate  erano  due  casi  tipici”.  
 
COSA  SONO  LE  TASSE?  CHI  LO  SA  ALZI  LA  MANO.  
Chiedete   a   chiunque   la   seguente   cosa:   “A   cosa   servono   le   tasse?”.   La   risposta   sarà   invariabilmente   “A  
dare  denaro  allo  Stato  per  il  suo  funzionamento”.  Non  è  forse  vero  che  è  dalle  tasse  che  lo  Stato  ricava  la  
spesa  per  la  sanità,  scuole,  infrastrutture  o  pensioni?  L’allungamento  dell’età  pensionabile  non  è  forse  
giustificato  dalla  necessità  di  raccogliere  maggior  fondi  per  la  previdenza  sociale?  
La   risposta   è   no,   un   secco   e   chiaro   no   se   lo   Stato   è   a   moneta   sovrana,   come   gli   USA,   la   Svezia   o   il  
Giappone   e   l’Italia   prima   del   2002.   Un   secco   sì   per   i   17   Paesi   dell’eurozona,   purtroppo,   ma   solo   da  
poco.  Milioni  di  adulti  italiani  non  hanno  mai  saputo  che  le  loro  tasse  non  sono  mai  servite  allo  Stato  
per  spendere.  E  così  non  lo  sanno  centinaia  di  milioni  di  altri  occidentali  e  non.  E’  impossibile  che  le  
tasse  possano  pagare  alcunché,  visto  che  sono  soldi  che  il  governo  a  moneta  sovrana  ha  immesso  nella  
collettività   e   che   poi   si   riprende   indietro   in   percentuale   minore.   Non   dimenticate   mai   che   le   tasse  
vanno  obbligatoriamente  pagate  nella  moneta  dello  Stato,  che  solo  lo  Stato  ha  creato,  per  cui  si  tratta  
proprio   di   soldi   da   lui   elargiti   e   che   poi   gli   tornano   indietro   in   parte.   Non   può   in   alcun   modo   poi  
rispenderli,  la  matematica  non  glielo  permette.  Cioè,  se  un  negoziante  investe  100  e  incassa  30,  come  
fa  ad  avere  alcunché  da  spendere?  Inoltre,  poiché  il  governo  a  moneta  sovrana  s’inventa  il  denaro  da  
spendere,   che   senso   ha   che   si   complichi   la   vita   per   riprenderselo   indietro   e   rispenderlo?   Fa   prima   a  
inventarsene   dell’altro.     Ciò   che   in   realtà   accade   è   questo:   lo   Stato   a   moneta   sovrana   inventa   denaro  

 

24  

spendendo,  che  poi  si  riprende  (in  parte)  con  le  tasse  distruggendolo,  perché  si  tratta  proprio  dei  soliti  
impulsi   elettronici   che   viaggiano   avanti   o   indietro.   Immaginate   la   spesa   dello   Stato   come   un   contatore  
elettronico:  quando  lo  Stato  spende,  i  numerini  corrono  aumentando,  es.  da  234.000  a  234.400  (i  c/c  
di   cittadini   si   gonfiano);   quando   lo   Stato   ci   tassa   gli   stessi   numerini   scendono   ad   es.   da   234.400   a  
234.100  (i  c/c  dei  cittadini  si  sgonfiano).  Semplicemente  300  cifre  elettroniche  sono  sparite  nel  nulla,  
non  possono  essere  spese.  Anche  nel  caso  remoto  in  cui  un  cittadino  pagasse  le  sue  tasse  in  contanti,  
accade  la  stessa  cosa:  i  contanti  finiscono  alla  BC  che  li  distrugge.  Ecco  cosa  sono  le  tasse  veramente,  
denaro   che   sparisce,   null’altro,   e   certamente   non   un   mezzo   per   racimolare   soldi   per   la   spesa   dello  
Stato  a  moneta  sovrana.    
Ma   allora,   perché   diavolo   uno   Stato   come   gli   USA   o   la   GB   tassano?   Perché   Roma   tassava   prima   del  
2002?  Le  ragioni  erano  e  rimangono  quattro,  di  cui  una  merita  un  approfondimento,  ma  vediamole.  Lo  
Stato   a   moneta   sovrana   tassa   per:   1)   tenere   a   freno   il   potere   economico   dei   ricchi   (non   quello   della  
gente   comune).   Infatti   uno   dei   pochi   mezzi   che   lo   Stato   ha   per   impedire   alle   oligarchie   private   di  
divenire  immensamente  ricche  e  quindi  di  spodestare  lo  Stato  stesso  è  di  tassarle.  Lo  fa  troppo  poco?  
Dipende  dalle  opinioni,  ma  questo  è.  2)  limitare  l’inflazione.  Si  è  detto  che:  inflazione  =  troppo  denaro  
in  giro  e  troppi  pochi  prodotti.  Se  ciò  accade,  lo  Stato  tassa,  si  riprende  i  suoi  soldi  elargiti  spendendo,  e  
drena   così   l’allagamento   di   denaro   per   contenere   l’inflazione.   3)   scoraggiare   o   incoraggiare   taluni  
comportamenti.   Si   tassa   l’alcool,   il   fumo,   o   l’inquinamento,   e   si   detassano   le   beneficienze   o   le  
ristrutturazioni,  ecc.  4)  imporre  ai  cittadini  l’uso  della  sua  moneta  sovrana.  E’  l’unico  modo.  
Quest’ultimo   va   spiegato   (in   parte   già   trattato   in   precedenza,   nda),   poiché   veramente   centrale   nella  
comprensione   della   moneta   moderna.   Per   fare   ciò,   sfodero   una   vecchia   storiella,   quella   del   Re   che  
emette  moneta:  
Il  Re  stampa  la  sua  moneta  (carta,  metallo  o  altro).  Con  essa  si  compra  ciò  che  gli  pare,  e  c’è  chi  dice  
che   questo   è   ingiusto,   poiché   il   monarca   guadagna   dalla   sua   moneta   senza   dare   nulla   in   cambio.   Se  
questo   Re   ha   un   esercito   che   terrorizza   i   cittadini   ridotti   a   schiavi,   allora   l’accusa   regge,   e   il   tiranno  
imporrà  la  sua  valuta  a  tutti  senza  nulla  concedere  in  contropartita,  lui  se  la  gode  gratis,  tutti  gli  altri  
devono  sgobbare  per  averla.  Ma  se  il  Re  governa  una  democrazia  dove  schiavizzare  con  le  armi  non  è  
più  possibile,  come  fa  a  imporre  la  sua  moneta  a  tutti?  Semplice,  lo  fa  con  le  leggi,  ed  esse  sanciscono  
che   quella   moneta   è   la   valuta   nazionale.   Ok,   ma   anche   questo   stratagemma   non   è   sufficiente   a  
garantire  che  tutti  in  quel  Paese  usino  sempre  la  moneta  del  Re;  infatti  chiunque  potrebbe  inventarsi  
altre  monete  locali  e  sopravvivere  senza  quasi  mai  usare  quella  del  monarca.  Ma  allora  perché  nei  fatti  
tutti  la  usano?  Perché  il  Re,  sempre  attraverso  le  leggi,  impone  a  tutti  i  cittadini  le  tasse  da  pagare,  ed  
esse  vanno  obbligatoriamente  pagate  con  la  moneta  emessa  dal  Re.  Il  gioco  è  fatto,  e  in  effetti  se  così  
non  fosse,  se  cioè  lo  Stato  non  avesse  il  potere  di  tassare  con  la  sua  valuta,  lo  Stato  stesso  cesserebbe  
praticamente  di  esistere.  Siccome  tutti  abbiamo  questo  obbligo  di  legge,  conviene  a  tutti  lavorare  per  
guadagnare  e  usare  la  valuta  del  Re  e  non  quella  di  altri  feudi  locali.  E  cosa  ci  dà  il  Re  in  cambio?  Ci  dà  il  
diritto   di   sbarazzarci   dei   nostri   obblighi   finanziari   verso   di   lui   con   la   stessa   carta   straccia   o   metallo  
povero  che  ha  emesso  per  primo.  Dunque  le  tasse  servono  a  imporre  alla  cittadinanza  nazionale  una  
valuta  unica.  
Sostituite   Re   con   governo/Stato,   e   capite   tutto.   Non   esiste   altro   motivo   per   cui   i   cittadini   debbano  
accettare  la  moneta  di  Stato,  se  non  le  tasse.    
Ricapitolando,   le   tasse   dello   Stato   a   moneta   sovrana   non   servono   mai   a   permettere   allo   Stato   di  
spendere.   Ma   come   al   solito,   e   di   nuovo,   la   musica   cambia   del   tutto   per   i   governi   che   non   hanno  
moneta  sovrana…  e  qui  torniamo  ai  soliti  poveri  17  dell’Eurozona.  Si  è  già  visto  che  i  17  non  possono  
spendere   emettendo   moneta   a   deficit   senza   limiti,   proprio   perché   non   posseggono   alcuna   moneta  
(l’euro   non   è   di   nessuno   letteralmente).   Non   possono   cioè   pigiare   tasti   al   Tesoro   o   alla   BC   ed   emettere  
denaro.  Per  spendere,  devono  prenderlo  in  prestito  dai  privati  (si  legga  il  capitolo  COME  SPENDE  UN  
GOVERNO  A  MONETA  NON  SOVRANA:  LA  UE  OGGI),  oppure  devono  tassarci.  Decade  perciò  nella  Zona  
Euro  il  principio  per  cui  non  ha  senso  che  uno  Stato  tassi  per  riprendersi  indietro  lo  stesso  suo  denaro  
da  spendere  e  che  può  molto  più  facilmente  inventarsi.  Oltre  tutto,  poiché  il  debito/deficit  dei  17  Paesi  
dell’euro   ora   è   veramente   un   debito   (si   legga   il   capitolo   UN   DEBITO   CHE   E’   UN   PROBLEMA:   ECCOME),  

 

25  

e   va   ripagato   sempre,   diventa   ancor   più   impellente   per   questi   Stati   trovare   il   denaro   per   farlo,   e   il  
prelievo  fiscale  serve  anche  a  questo,  purtroppo.  In  sintesi:  il  governo    a  moneta  sovrana  non  tassa  per  
poter  spendere,  perché    spende  inventandosi  il  suo  denaro;  chi  invece  non  ha  moneta  sovrana  non  può  
spendere   inventandosi   il   denaro   e   deve   trovarlo   con   le   tasse   o   indebitandosi,   ma   più   si   indebita   più  
deve  tassare  per  pagare  i  debiti.  
 
LA  PIENA  OCCUPAZIONE  ERA  POSSIBILE.  
Ci  stiamo  avvicinando  al  clou  di  questo  saggio,  ma  occorre  comprendere  ancora  una  realtà  economica  
di   importanza   capitale.   La   piena   occupazione   -­‐   cioè   quell’inimmaginabile   sogno   dove   non   sarebbero  
esistiti  uomini  o  donne  privati  della  dignità  del  lavoro  e  del  sostentamento  dei  proprio  figli,  dove  non  
sarebbe  esista  l’umiliazione  del  lavoro  sottopagato,  dove  i  precari/flessibili/a  chiamata  sarebbero  stati  
solo   un   incubo   su   cui   scherzare,   dove   violenza   domestica   e   alcolismo   o   droga   e   delinquenza   non  
avrebbero  mai  incancrenito  le  mura  domestiche  di  un  licenziato,  dove  non  sarebbero  esistiti  bambini  
col  futuro  spezzato  da  una  busta  paga  scomparsa  –  beh,  quel  sogno  era  possibile,  pienamente  possibile  
nelle   economie   di   tutti   i   Paesi,   ma   fu   stroncato   scientemente   proprio   per   schiavizzare   milioni   e  
controllarli   con   la   sofferenza,   col   fine   di   accumulare   potere   e   profitti   per   pochissimi.   Nel   prossimo  
capitolo   su   IL   PIU’   GRANDE   CRIMINE   darò   conto   di   cosa   ci   hanno   incredibilmente   fatto,   ora   la  
spiegazione  dell’assioma  di  cui  sopra.  
Il  lavoro  scientifico  in  materia  economica  che  offre  le  basi  alla  possibilità  della  piena  occupazione  è  il  
merito  soprattutto  del  Prof.  L.  Randall  Wray,  docente  di  economia  e  direttore  della  ricerca  del  CFEPS  
all’Università   del   Missouri   Kansas   City   (USA).   Con   lui   oggi   lavorano   decine   di   altri   colleghi   titolati   di  
almeno  quattro  nazioni.  Permettetemi  di  introdurre  il  tema  con  le  sue  parole:  
“Se   capiamo   come   funzionano   i   sistemi   monetari,   se   comprendiamo   che   il   denaro   è   solo   impulsi  
elettronici   o   carte   straccia   inventati   dal   Tesoro   e   dalla   BC,   allora   possiamo   dire:   il   governo   a   moneta  
sovrana   può   inventasi   tutti   gli   impulsi   elettronici   che   vuole,   con   essi   può   pagare   tutti   gli   stipendi   che  
vuole,   comprare   tutto   ciò   che   vuole.   Possiamo   avere   la   piena   occupazione,   il   business   può   vendergli   tutto  
ciò   che   deve   vendere   se   il   governo   vuole   comprarglielo.   Può   il   governo   permettersi   queste  spese?   Certo,  
perché   il   governo   non   esaurirà   mai   gli   impulsi   elettronici,   dunque   non   farà   mai   bancarotta;   preme   un  
bottone  e  gli  stipendi  appaiono  sui  computer  delle  banche.  L’unico  limite  è  l’inflazione,  ma  se  il  governo  
spende  per  aumentare  la  produttività  nel  settore  privato,  allora  l’inflazione  non  è  più  un  problema”.  
Queste   parole,   oltre   a   lasciare   increduli   tutti   voi,   suscitano   disapprovazione   negli   economisti   classici  
per  motivi  che  vi  saranno  chiari  nel  capitolo  IL  PIU’  GRANDE  CRIMINE  e  che  hanno  a  che  fare  con  le  
carriere  e  il  potere.  Ma  capita  che  fra  i  grandi  dell’economia  qualcuno  dotato  di  libero  pensiero  riesca  a  
primeggiare,  e  fu  questo  il  caso  del  Nobel  Paul  Samuelson,  che  appose  il  suo  marchio  di  approvazione  
alle   idee   di   Randall   Wray   quando   dichiarò   che   l’attuale   terrore   del   deficit   è   “una   superstizione   (…),   una  
religione  arcaica  per  spaventare  la  gente  con  dei  miti,  affinché  si  comportino  in  un  modo  accettabile  dal  
sistema  civile”.  
La   prima   domanda   che   chiunque   si   pone   dopo   aver   letto   queste   cose   è:   “Ma   se   fosse   vero   che   un  
governo  a  moneta  sovrana  (come  era  anche  l’Italia  fino  al  2002,  nda)  può  spendere  come  e  quanto  gli  
pare,  e  non  solo  non  creare  disastri  ma  addirittura  creare  piena  occupazione  e  ricchezza,  allora  perché  
non  l’hanno  mai  fatto?”.  La  risposta  è  d’obbligo,  e  di  nuovo  la  formulo  con  le  parole  di  Wray:  
“Non  è  successo  perché  innanzi  tutto  ci  sono  un  sacco  di  politici  ed  economisti  che  non  capiscono  nulla  dei  
sistemi   monetari,   cioè   non   sanno   capire   che   il   denaro   è   solo   impulsi   elettronici   e   carta   straccia.   Poi   ci  
sono   molti   individui   nelle   posizioni   chiave   del   potere   che   sono   opposti   ideologicamente   a   questa   idea,  
cioè:   vogliono   la   disoccupazione,   gli   piace,   gli   dà   schiere   di   lavoratori   a   stipendi   sempre   più   ridotti,   e  
possono   competere   sui   mercati   esteri   sempre   meglio.   Ma   soprattutto   questo,   si   faccia   attenzione:   se   i  
cittadini,  che  formano  gli  Stati  ed  eleggono  i  governi,  si  rendessero  conto  che  i  governi  possono  spendere  

 

26  

quanto   vogliono   senza   limiti   di   debito,   allora   il   settore   pubblico   acquisirebbe   una   percentuale   della  
ricchezza  nazionale  troppo  grossa”.  (grassetto  mio,  nda)  
Ed  è  appunto  successo  che  dagli  anni  ’20  dello  scorso  secolo  a  oggi  il  grande  capitale  abbia  ordito  un  
piano   di   dimensioni   eccezionali   proprio   per   stroncare   sul   nascere   all’interno   delle   classi   politiche,  
delle  università,  nei  sindacati  e  nella  popolazione  ogni  accenno  a  quella  consapevolezza.  I  fatti,  nomi,  
date,  e  prove  nel  prossimo  capitolo.  Stiamo  sulla  piena  occupazione  ora.  
I   lettori   dovranno   a   questo   punto   farsi   forza   delle   nozioni   apprese   finora,   in   particolare   quelle   dei  
capitoli   sulla   spesa   dello   Stato   a   moneta   sovrana,   su   cosa   sia   la   moneta   e   come   funzioni   il   debito  
pubblico/deficit  di  bilancio.  Ora  spiego  come  la  piena  occupazione  poteva  e  può  essere  una  realtà.  
Allora:  un  governo  può  acquistare  tutto  ciò  che  esiste  in  vendita  entro  le  proprie  frontiere,  ma  anche  
all’estero,  a  patto  che  sia  prezzato  nella  sua  moneta  sovrana.  L’unico  limite  alla  sua  capacità  d’acquisto  
è   ciò   che   esiste   in   vendita   prezzato   in   quella   moneta,   e   NON   un   limite   di   spesa.   Il   governo   svedese   può  
acquistare   tutto   ciò   che   esiste   in   vendita   in   Corone,   quello   angolano   tutto   ciò   che   è   in   vendita   in  
Kwanza,  quello  nicaraguense  tutto  ciò  che  è  in  vendita  Cordoba,  quello  cinese  tutto  ciò  che  è  in  vendita  
in   Yuan,   ecc.   Possono   emettere   la   loro   moneta   sovrana   senza   limiti   e   comprare   qualsiasi   cosa   vogliano  
se   qualcuno   gliela   vende   in   cambio   di   quella   moneta,   perché   come   si   è   già   visto   il   loro   debito   sovrano  
potrà  essere  sempre  ripagato  pigiando  bottoni  al  Tesoro  o  alla  BC,  e  in  secondo  luogo  perché  si  è  già  
detto   anche   che   i   governi   a   moneta   sovrana   possono   spendere   per   primi   senza   indebitarsi   con   alcuno.  
Possono  comprare  ciò  che  vogliono,  e  questo  include  anche  la  forza  lavoro.  Possono  cioè  permettersi  
di  impiegare  tutti,  ma  proprio  tutti,  i  disoccupati;  essi  infatti  saranno  più  che  felici  di  vendere  a  quei  
governi   il   proprio   lavoro   prezzato   nelle   relative   monete   nazionali.   Basta   che   i   governi   “premano   un  
tasto   e   gli   stipendi   appariranno   nei   computer   delle   banche”.   Ciò   significa   che   nazioni   che   variano   in  
ricchezza   come   gli   Stati   Uniti   e   il   Marocco   potevano   e   possono   entrambi   eliminare   del   tutto   la  
disoccupazione,   e   contemporaneamente   arricchire   il   Paese,   senza   sforare   in   eccesso   i   parametri  
economici   principali.   L’Italia   dal   1948   al   2002   poteva   farlo   tranquillamente…   pensate   solo   alle  
sofferenze  indicibili  che  stanno  scorrendo  fra  queste  parole,  vissute  da  milioni  di  esseri  umani,  dalle  
loro  famiglie,  dei  loro  bambini.    
Tecnicamente,  e  in  sintesi,  la  piena  occupazione  pagata  dallo  Stato  a  moneta  sovrana  funziona  così:  il  
governo   stabilisce   uno   stipendio   cosiddetto   di   sopravvivenza   –   esso   consente   alla   persona   di  
soddisfare   pienamente   le   esigenze   di   un   vivere   decoroso   in   quella   data   economia.   Saranno   creati   posti  
di   lavoro   e   percorsi   di   formazione   al   lavoro   pagati   con   quel   livello   salariale,   nei   settori   che  
realisticamente  necessitano  di  presenza  umana*,  dove  lo  Stato  non  risparmierà  il  meglio  del  training  e  
dove  vi  saranno  verifiche  severe  sulle  capacità  effettive  sviluppate  dal  lavoratore.    
(*Vi   sono   settori   dove   il   destino   della   presenza   umana   è   segnato,   inutile   dimenarsi.   Uno   di   questi   è   proprio   la  
produzione  di  auto,  e  so  di  toccare  un  tasto  dolente  in  Italia.  Ma  pensate  che  oggi  nella  Corea  del  Sud  tutti  i  nuovi  
impianti   di   assemblaggio   auto   lavorano   al   buio,   cioè   proprio   le   lampadine   sono   spente,   perché   non   esistono  
esseri   umani   al   lavoro   all’interno   di   quegli   stabilimenti,   solo   robot.   Il   futuro   della   metalmeccanica   è   questo,  
inarrestabile,  e  allora  i  governi  dovranno  ricavare  dei  nuovi  settori  d’impiego  ad  alta  utilità  umana  per  sopperire  
a   quelle   perdite,   come   per   esempio   i   lavori   di   utilità   sociale   sulla   popolazione   anziana   che   oggi   quasi   non  
esistono,  o  altri  simili,  per  esempio  sulla  tutela  dell’ambiente  ecc.)  

Il  settore  privato  sarà  stretto  in  una  morsa:  da  una  parte  gli  converrà  assumere  personale  proveniente  
dall’impiego/formazione   dello   Stato   perché   si   tratterà   di   lavoratori   già   esperti   in   quelle   mansioni   e  
‘certificati’,   invece   che,   come   oggi   accade   di   frequente,   gente   assunta   quasi   alla   cieca   con   curricula  
spesso   vaghi   o   deficitari.   Dall’altra   non   potrà   più   spingere   i   salari   a   livelli   indecenti   come   oggi   sta  
accadendo,   poiché   perderebbe   frotte   di   lavoratori   che   emigrerebbero   verso   l’impiego/formazione  
dello  Stato.  I  vantaggi  aggiuntivi  sono:  la  fine  della  disoccupazione  con  la  sua  mole  devastante  di  danni  
sociali  e  umani  che  non  dobbiamo  neppure  menzionare;  la  rete  di  sicurezza  dell’impiego/formazione  
statale   in   cui   i   licenziati   dal   settore   privato   potranno   ricadere   con   la   sopravvivenza   garantita,   e   non  
essere  considerati  quindi  ‘parassiti’  di  elemosine  salariali  senza  lavorare;  una  collaborazione  fra  Stato  
e   settore   privato   per   permettere   a   quest’ultimo   di   rimanere   competitivo   sui   mercati   senza   creare  

 

27  

disastri   sociali,   mentre   la   cittadinanza   gioverà   della   nascita   di   una   serie   d’impieghi   ad   alta   utilità  
sociale/ambientale   che   oggi   si   stanno   rendendo   sempre   più   urgenti.   Infine   un   elemento   cruciale   che  
necessita  di  una  spiegazione.    
Ogni   anno   il   World   Economic   Forum   stila   una   graduatoria   delle   nazioni   più   appetibili   per   gli  
investimenti  e  più  competitive  nel  business;  le  pagelle  sono  pubblicate  nei  suoi  Global  Competitiveness  
Reports.  La  sorpresa  per  il  lettore  è  quella  di  scoprire  che  per  anni,  e  cioè  fino  alla  catastrofe  del  crollo  
dell’euro,   la   nazione   considerata   come   il   paradiso   assoluto   degli   investitori   è   stata   la   Finlandia,   cioè  
forse   il   Paese   dove   le   reti   di   protezione   statali   sono   le   più   forti   del   mondo.   E   nelle   10   posizioni   di   testa  
troviamo   ancora   oggi   5   nazioni   scandinave,   sempre   quelle   dello   Stato   protettore   dei   cittadini.   Ciò  
sorprende,  poiché  al  contrario  siamo  abituati  a  sapere  che  il  business  corre  a  investire  là  dove  i  salari  
sono   selvaggiamente   bassi,   dove   lo   Stato   non   interviene   a   proteggere   i   lavoratori,   dove   le  
regolamentazioni   governative   sono   inesistenti.   Il   motivo   per   cui   un   covo   di   falchi   finanziari   privati  
come   il   World   Economic   Forum   ha   premiato   un   Paese   dove   la   mano   dello   Stato   è   onnipresente   è  
proprio   che   essa   fornisce   un   ambiente   di   sicurezza   sociale,   di   stabilità   della   forza   lavoro,   e   di  
benessere   generali   da   garantire   agli   investimenti   di   fruttare   al   massimo.   In   parole   povere:   hanno  
capito  che  se  chi  lavora  sta  bene  anche  chi  investe  ci  guadagna,  e  che  la  condizione  opposta  non  premia  
gli   investimenti.   Non   per   nulla   la   famigerata   Cina   del   lavoro   da   schiavi   figurava   l’anno   scorso   al  
ventinovesimo   posto.   Tutto   ciò   ci   serve   a   capire   che   fra   i   vantaggi   della   piena   occupazione   a   spese  
dello   Stato,   vi   sarà   anche   un   flusso   positivo   di   investimenti,   che   di   nuovo   apporteranno   ricchezza   al  
Paese.  
Le  obiezioni  che  gli  economisti  delle  destre  finanziarie  sollevano  a  questo  impianto  teorico  per  la  piena  
occupazione  sono  le  seguenti,  e  gli  diamo  un’occhiata  solo  per  dovere  di  completezza.  Primo,  dicono  
che   un   governo   non   può   permettersi   un   simile   esborso;   non   vero,   infatti   si   è   dimostrato   in  
precedenza   che   lo   Stato   a   moneta   sovrana   non   ha   praticamente   limiti   di   spesa.   Secondo,   gridano   al  
pericolo   inflazione,   poiché   le   migliori   condizioni   economiche   dei   lavoratori   li   porteranno   a  
spendere  di  più,  immettendo  molto  denaro  in  giro  (inflazione  =  molto  $  in  giro  e  pochi  prodotti);  
come   già   spiegato   più   volte   in   precedenza,   l’inflazione   è   l’unico   limite   vero   alla   spesa   a   deficit   ma   si  
controlla   agevolmente   con   l’aumentata   produzione   derivante   da   quella   spesa,   o   tassando.   Terzo,  
affermano   che   i   Paesi   meno   ricchi   dovranno   indebitarsi   in   dollari   poiché   i   lavoratori   meglio  
pagati   vorranno   acquistare   molti   più   prodotti   stranieri   (cellulari,   pc,   auto   ecc.);   può   accadere,  
ma   in   quel   caso   il   Paese   povero   avrà   l’opzione   di   vendere   sui   mercati   la   propria   moneta   sovrana   –   che  
emette   a   costo   zero   -­‐   in   cambio   di   dollari.   Troverà   così   i   dollari   necessari   a   finanziare   l’aumento   di  
spesa,   indebitandosi   solo   con   se   stesso.   Tenete   conto   che   non   di   rado   i   mercati   di   capitali   sono  
interessati  ad  acquistare  valute  di  nazioni  meno  ricche  pagandole  in  dollari,  al  fine  di  diversificare  gli  
investimenti   o   perché   sono   importatori   di   beni   da   quel   Paese,   oppure   perché   credono   in   un  
apprezzamento   di   quella   moneta   a   breve.   Il   rischio   della   vendita   della   propria   moneta   per   acquisire  
dollari   è   quello   della   svalutazione,   cioè   essa   crolla   di   valore,   ma   di   sicuro   quel   rischio   è   preferibile   alla  
classica   trappola   micidiale   del   prestito   di   dollari   da   parte   del   Fondo   Monetario   Internazionale,   che  
come   è   noto   finirà   per   divenire   di   fatto   il   creditore/padrone   di   quello   Stato,   infliggendo   sofferenza  
inaudite   (il   terribile   capitolo   del   Debito   del   Terzo   Mondo).   Infine,   non   si   comprende   comunque   la  
logica  anti-­‐umanitaria  di  chi  dice  che  è  meglio  per  uno  Stato  avere  una  massa  di  disperati  senza  lavoro  
piuttosto   che   rischiare   un   indebitamento   estero   o   una   svalutazione   della   moneta.   Quarto   argomento  
contro   la   piena   occupazione   è   che   i   tassi   di   cambio   della   moneta   andranno   al   ribasso,   cioè   la  
moneta   sarà   più   debole   contro   le   altre   sui   mercati   di   cambi.   Questo   accade   per   via   del   solito  
aumento   di   redditi   e   conseguente   aumento   di   importazioni.   Chi   importa   molto   ed   esporta   poco    
‘allaga’   i   mercati   con   la   propria   moneta   più   di   quanto   incassi   con   altre   monete,   e   così   questa  
perde  di  valore.  Risposta:  prima  di  tutto  domandiamoci  se  vale  la  pena  avere  la  disoccupazione  con  le  
sue   nefaste   conseguenza   sociali   ed   economiche   pur   di   mantenere   una   valuta   forte,   che   avvantaggia  
solo   i   ricchi   che   possono   così   acquistare   all’estero   a   prezzi   di   vantaggio,   mandare   i   propri   figli   a  
studiare  in  Svizzera  per  meno,  o  speculare  sui  mercati,  mentre  l’export  di  tutto  il  Paese  collassa.  Ma  si  
può  rispondere  che  con  la  piena  occupazione  aumenta  anche  la  produzione  domestica  che  diminuirà  
non   solo   l’inflazione   ma   anche   il   bisogno   di   importare   da   fuori   alcuni   beni,   per   cui   meno   ‘allagamento’  
di   propria   moneta   sia   all’interno   che   all’estero;   poi,   una   forza   lavoro   più   contenta   e   meglio   formata  

 

28  

attirerà   gli   investimenti   in   monete   forti,   che   di   nuovo   diminuiranno   il   bisogno   di   usare   la   valuta   di  
Stato   per   l’import.   Tutto   ciò   manterrà   una   buona   stibilità   dei   prezzi.   Quinta   e   ultima   obiezione:   il  
governo   centrale   non   riuscirà   mai   a   gestire   un   controllo   efficace   delle   risorse   su   tutto   il  
territorio   nazionale.   La   soluzione   in   questo   caso   è   di   de   localizzare   alle   regioni   la   gestione   dei  
programmi   di   piena   occupazione,   ma   solo   la   parte   per   così   dire   anagrafica,   non   quella   dei   soldi,   che  
rimarranno  elargiti  solo  dal  governo.  
E’   importante   capire   -­‐   anche   con   la   finalità   di   comprendere   meglio   uno   dei   criminosi   disegni   che  
descrivo  nel  prossimo  capitolo  -­‐  che  l’opposizione  a  questo  tipo  d’intervento  dello  Stato  a  favore  dei  
disoccupati   è,   e   fu,   soprattutto   ideologica   ed   elitaria,   e   non   giustificata   da   reali   danni   economici   che  
quell’intervento   abbia   mai   portato.   L’ideologo   sciagurato   del   principio   secondo   cui   meglio   avere  
lavoratori   pagati   da   fame   o   addirittura   disoccupati   piuttosto   che   avere   inflazione   (meno   stipendi   =  
meno  spesa  dei  cittadini;  meno  spesa  dei  cittadini  =  meno  denaro  che  ‘allaga’  i  mercati  e  più  prodotti  
invenduti,   quindi   meno   inflazione,   nda)   fu   l’economista   Milton   Freedman   negli   anni   ’60.   In   realtà   la  
disoccupazione   faceva   il   gioco   di   ben   altri   interessi,   che   volutamente   ignorarono   le   evidenze  
economiche  e  sociali  più  lampanti,  come  il  fatto  che  le  masse  dei  disoccupati  in  primo  luogo  abbassano  
il   PIL   del   Paese,   perché   tutta   quella   gente   se   stesse   lavorando   produrrebbe   ricchezza   in   più   che   così  
non   c’è,   e   in   secondo   luogo   portano   alle   piaghe   dell’alcolismo,   crimine,   violenze   di   ogni   tipo,   danni   alla  
salute,   che   poi   costano   alla   collettività   miliardi;   infine,   è   ormai   chiaro   da   decenni   che   le   crescite  
economiche  forti  secondo  i  modelli  privatistici  non  hanno  mai  ridotto  la  disoccupazione,  visto  che  la  
forza  lavoro  è  sempre  meno  impiegata  a  causa  dell’aumentata  produttività  dei  singoli  dipendenti  e  a  
causa  dell’automazione  del  lavoro.  In  parole  povere:  disoccupati  e  disperati  dovevano  esistere  perché  
faceva  comodo  a  pochi,  e  non  perché  non  se  ne  poteva  fare  a  meno  

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

29  

 “Da  una  parte  stiamo  riducendo  il  potere  dello  Stato  e  del  settore  pubblico  con  le  privatizzazioni  
e  la  deregulation  (…)  Dall’altra  stiamo  trasferendo  molti  dei  poteri  nazionali  degli  Stati  a  una  
struttura   più   moderna   a   livello   europeo   che   aiuta   i   business   internazionali   come   il   nostro”  
(dichiarazione  della  lobby  finanziaria  ERT  alla  Commissione  Trilaterale  nel  2000)  
 

Il  Più  Grande  Crimine,  la  storia  nei  dettagli.  
(Si   ricorda   ai   lettori   che   alcuni   punti   chiave   di   questo   racconto   saranno   incomprensibili   se   non   si   è  
prima  visto  quanto  spiegato  nei  capitoli  precedenti)  

Conobbi   Antonio   in   un   corridoio   del   Centro   di   Riferimento   Oncologico   di   Aviano   nel   2000.  
Abruzzese,   settantadue   anni,   assisteva   la   moglie   morente   che   aveva   accettato   un’ultima  
chemioterapia   azzardatissima.   Antonio   parlava   con   voce   afona   ma   non   monocorde,   anzi,   ti  
portava  con  lui  nel  racconto,  noi  stavamo  seduti  su  una  panca,  i  suoi  gomiti  appoggiati  sulle  
ginocchia,  la  testa  bassa  che  solo  di  rado  si  girava  per  guardarmi.  Era  stato  un  bell’uomo,  io  
non  vidi  mai  la  sua  sposa.  Ricordo  bene  tre  momenti  di  quello  scambio.  Lui  aveva  mille  volte  
pregato  la  moglie  di  non  andare  a  lavorare,  per  i  figli  soprattutto,  ma  a  pensarci  oggi,  diceva,  
era   una   premonizione   la   sua.   La   donna   infatti   accettò   un   posto   da   operaia   in   un   capannone  
che  assemblava,  tagliandoli,  dei  lastroni  pensanti.  Amianto.  Ma  era  il  1971,  chi  lo  sapeva?  Se  
solo  lei  l’avesse  ascoltato,  mi  disse  Antonio,  ma  lei  sognava  il  boom  economico,  non  avevano  la  
lavatrice  in  casa,  i  bambini  non  vestivano  come  gli  altri  a  scuola,  ci  voleva  quello  stipendio  in  
più,   era   quel   sogno,   capite?   La   seconda   cosa   che   mi   è   rimasta   fu   la   descrizione   di   come   lui,  
operaio  a  Torino,  affittava  un  posto  letto  assieme  ad  altri  due,  un  unico  posto  letto,  perché  uno  
ci   dormiva   la   mattina,   l’altro   il   pomeriggio,   e   l’ultimo   la   notte,   a   seconda   dei   turni.   Spesso   uno  
dei   tre   doveva   stare   sveglio   per   forza.   La   terza   cosa:   è   un   grido   sordo   ma   tremendo   che  
sentivo  dentro,  che  mi  scuoteva  la  testa,  perché  non  è  giusto,  perché  è  ignobile  che  un  sogno  
così   modesto   e   legittimo   si   debba   pagare   con   la   vita   e   con   così   tanta   sofferenza.   Non   solo  
quella  di  oggi,  ma  anche  quella  di  allora,  cioè  tutti  quei  giorni  unici  e  irripetibili  in  cui  quei  due  
innamorati   furono   costretti   a   sentirsi   da   una   cabina   telefonica   se   andava   bene,   e   dove  
ciascuno   la   notte   dormiva   solo,   mai   un   bacio,   mai   far   l’amore,   mai   quella   voce   lì   accanto  
pronta  a  sorreggerti  quando  c’era  bisogno.  E  quei  bambini  senza  padre,  che  dovevano  fare  i  
conti  persino  con  le  merende.  Quei  bimbi  che  futuro  hanno  avuto  in  quelle  condizioni?    
Sono  milioni,  furono  milioni.  In  Italia,  in  Francia,  in  Belgio,  in  Gran  Bretagna,  ovunque,  anche  
nel   mondo   ricco.   La   donna   di   Cockfosters,   a   Londra,   che   raccolsi   in   mezzo   alla   strada   lungo   la  
Mount   Pleasant   perché   stava   collassando   dal   pianto,   metà   volto   tumefatto   dai   pugni   di  
qualcuno.   L’accompagnai   in   banca,   e   dovetti   assistere   alla   scena   forse   più   straziante   che  
ricordi  in  tempo  di  pace.  Lei  che  supplicava  un  semplice  cassiere  di  estenderle  lo  scoperto  del  
conto.  Lui  in  imbarazzo  sotto  i  singhiozzi  di  lei  sempre  più  insopportabili  da  udire.  La  fecero  
scortare   fuori.   Il   marito   disoccupato   da   tre   anni   e   alcolizzato   la   picchiava.   Lei   ora   doveva  
tornare   da   lui.   Balbettai   di   rivolgersi   ai   servizi   sociali…   stolto,   erano   gli   anni   di   Margaret  
Thatcher,   i   servizi   languivano   dalla   fame   essi   stessi.   Immaginare   cosa   sarebbe   stato   per   lei  
rientrare   in   casa   mi   era   disgustoso;   offrii   di   accompagnarla,   mi   disse   che   era   inutile,   tanto  
poche  ore  dopo  sarebbe  comunque  accaduto.    “Abito  qui  al  119,  se  hai  bisogno  vieni  a  bussare”,  
aggiunsi   io   a   quel   punto,   il   suo   appartamento   nelle   Council   Houses   pubbliche   era   a   pochi  
passi,  ma  nell’anima  sperai  con  tutto  me  stesso  che  non  accadesse  mai.  Chi  attende  con  animo  
disinvolto  la  visione  dell’orrore?  Non  so  che  fine  abbia  fatto.  
Sono   milioni,   furono   milioni.   Vissero   così   e   vivono   oggi   così   non   per   destino   di   natura,   ma   per  
una  decisione  presa  a  tavolino  da  coloro  che  fra  poco  conoscerete.  Dovevano  soffrire,  devono  
 

30  

soffrire,   a   milioni,   perché   dovevano   vivere   nel   bisogno,   nella   carenza   istituzionalizzata,  
dovevano   lavorare   come   schiavi,   avvelenarsi   il   vivere   e   consumarsi   nell’invidia   dei  
privilegiati.  Poi  morire.  Così  li  avrebbero  neutralizzati.  Fosse  anche  per  le  poche  vite  citate  qui  
sopra,   i   mandanti   di   un   simile   crimine,   nella   realtà   esteso   a   tutto   il   mondo   occidentale,  
dovrebbero   essere   processati   in   una   nuova   Norimberga.   Ma   ciò   che   hanno   ordito   è   persino  
peggiore   di   quanto   vi   ho   appena   accennato.   E’   di   sicuro   il   Più   Grande   Crimine   dal   dopoguerra  
a  oggi  in  Occidente.  Eccolo.  
 

Il  Tridente  che  aveva  cambiato  la  Storia.  
Se  un  adolescente  mi  chiedesse  qual  è  la  differenza  più  marcata  fra  il  mondo  antico  e  quello  
moderno,   gli   risponderei   ben   lontano   dalle   ovvietà   come   la   tecnologia.   Gli   direi   che   la  
differenza  cruciale,  quella  che  ha  maggiori  conseguenze  oggi,  è  che  nel  mondo  antico  il  Vero  
Potere   non   doveva   nascondersi.   Oggi   invece   il   Vero   Potere   è   occulto,   quasi   nessuno   lo  
conosce,   deve   nascondersi.   Luigi   XIV,   Richelieu,   il   Metternich   o   la   Regina   Vittoria   erano   alla  
luce   del   sole,   i   loro   imperi   e   posizioni   erano   conosciuti,   le   loro   decisioni   venivano   enunciate   a  
gran  voce.  Ti  opponevi?  Bastavano  truppe  e  baionette,  camere  di  tortura  e  corde  saponate,  la  
Cayenna,   o   le   colonie   penali   negli   oceani,   e   via,   sparivi,   sparivano   in   cento,   mille   alla   volta.   Ma  
non   v’era   neppure   così   tanto   bisogno   di   usare   la   violenza,   semplicemente   perché   il   popolo  
manco  osava  immaginare  di  poter  scalfire  il  Vero  Potere.  Esso  era  alla  luce  del  sole.  
Nell’epoca   contemporanea,   invece,   il   Vero   Potere   sta   nascosto,   e   ciò   che   tutti   noi   abbiamo  
memorizzato   come   il   potere   -­‐   cioè   la   politica   nazionale,   gli   amministratori,   i   magistrati,   le  
caste   professionali   e   persino   le   mafie   –   sono   solo   il   ‘Cortiletto   del   potere’,   vale   a   dire   una  
rappresentazione  fittizia  del  potere  che  il  Vero  Potere  ci  mette  davanti  agli  occhi  affinché  tutti  
noi   guardiamo   ossessivamente   da   quella   parte   e   non   dalla   sua.   Lui,   il   Vero   Potere,   deve  
operare   indisturbato   nel   silenzio.   In   metafora,   ciò   che   siamo   abituati   a   riconoscere   come   il  
potere   non   sono   altro   che   i   fuochi   fatui,   la   massa   putrescente   sta   sotto   terra,   occulta.   Ma  
attenzione,  perché  quanto  appena  detto  ha  anche  implicazioni  cruciali  per  tutta  la  sfera  della  
lotta   civica,   in   particolare   per   l’annosa   domanda   che   tutti   ci   poniamo   dopo   essere   venuti   a  
conoscenza  di  uno  scandalo  o  di  un  misfatto:  “E  cosa  possiamo  farci?”.  Perché  risulta  lampante  
che  se  tutti  voi  nell’intento  di  combattere  il  Sistema  venite  da  decenni  dirottati  contro  un  falso  
potere,  contro  un  potere  da  quattro  soldi  che  nasconde  dietro  di  sé  il  Vero  Potere,  cosa  mai  
otterrete?  Vanno  conosciute  le  Vere  fonti  del  Potere  innanzi  tutto,  e  questo  scritto  serve  anche  
a  ciò.  
Ma  veniamo  al  motivo  per  cui  il  Vero  Potere  oggi  si  nasconde.  
Si  parlava  dei  potentati  assolutistici  dell’era  antica.  Sappiamo  tutti  che  a  un  certo  punto  della  
Storia   le   idee   di   un   nugolo   di   uomini   ‘illuminati’   scalfirono   quello   stato   di   fatto   millenario,  
lentamente,  ma  accadde.  Non  tante  idee,  solo  tre  fondamentali:  vi  sarebbe  dovuto  essere  uno  
Stato,   un   popolo   che   lo   legittimava   con   libera   scelta,   e   dalle   leggi   che   esso   promulgava   nel  
nome  del  medesimo  popolo.  Tutto  qui.  Tre  idee.  Stato,  leggi  e  popolo  coordinati.  Un  Tridente,  
proprio  un’arma  con  cui  ricacciare  nel  dimenticatoio  della  Storia  migliaia  di  anni  di  dominio  
assoluto   di   poche   elites   su   popoli   marginalizzati   senza   speranza.   E   quell’arma   era  
potentissima,  la  più  potente  arma  mai  ideata  dell’essere  umano,  perché  si  badi  bene  che  non  
v’è  nulla  al  mondo  che  uno  Stato  con  le  sue  regole  legittimate  da  una  maggioranza  non  possa  
cambiare,  distruggere,  fermare,  contenere.  Nulla  in  assoluto.  Sto  parlando  della  nascita  delle  
democrazie   partecipative,   quelle   in   cui   i   cittadini   partecipavano   in   numeri   variabili,   ma  
talvolta  consistenti,  alla  vita  pubblica.  
 
31  

E  accadde  così  che  per  almeno  duecento  cinquant’anni  il  Vero  Potere  arretrò  di  fronte  a  quelle  
idee,   lento   ma   inesorabilmente,   con   pause   anche   devastanti   come   le   grandi   guerre,   ma   furono  
solo   pause.   Si   arrivò   in   tal   modo   all’alba   del   XX   secolo,   il   centennio   che   vedrà   il   potere   del  
Tridente  arrivare  al  suo  culmine  intorno  agli  anni  ’70.  A  quel  punto  il  trionfo  di  Stati,  leggi  e  
popoli   partecipativi   aveva   ormai   costretto   il   Vero   Potere   a   nascondersi   del   tutto.   Non   era  
infatti   immaginabile   che   nella   modernità   una   voce   oligarchica   con   fini   di   egemonia,   di  
distruzione   del   bene   comune   e   della   cittadinanza   potesse   ancora   solcare   la   vita   pubblica   e  
reclamare  arrogante  ricchezza  e  privilegi.  
Ma   già   all’inizio   di   quel   secolo,   qualcuno   aveva   iniziato   a   tramare   un   cambiamento   di  
proporzioni   epocali:   niente   meno   che   la   rivincita   delle   elites   di   potere   per   ricacciare   a   loro  
volta  Stati,  leggi  e  popoli  nel  dimenticatoio  della  Storia.  Cioè,  distruggere  La  Gallina  dalle  Uova  
D’Oro  che  eravamo  sul  punto  di  possedere  al  culmine  di  250  anni  di  lotte  sociali  che  trovarono  
il  loro  apice  negli  anni  ‘70.    

 
La  Gallina  dalle  Uova  D’Oro.  
C’è   qualcosa   al   mondo   che   può   opporsi   alle   leggi   degli   Stati   Sovrani   democraticamente  
legittimati   dai   loro   cittadini?   No,   nulla   può,   neppure   la   più   potente   elite   privata.   E   cosa  
sarebbe   accaduto   se   questi   Stati   avessero   acquisto   i   mezzi   economici   per   arricchire   la  
maggioranza  dei  propri  cittadini  con,  di  nuovo,  pochissime  limitazioni  di  spesa?  Semplice:  la  
fetta  maggiore  della  ricchezza  di  quegli  Stati  sarebbe  caduta  nelle  mani  dei  loro  elettori,  e  
non   sarebbe   mai   più   stata   posseduta   invece   dalle   elite   private   di   quelle   nazioni.   In   altre  
parole,  le  elite  avrebbero  perduto  il  controllo  di  una  colossale  ricchezza,  per  sempre.  
Chiediamoci:   c’è   mai   stata   un’epoca   in   cui   gli   Stati   e   i   popoli   possedettero   mezzi   economici  
così   straordinari?   Sì,   ci   fu.   Formalmente   tale   epoca   iniziò   nel   1971,   quando   una   decisione  
unilaterale   del   presidente   americano   Nixon   mutò   radicalmente   il   sistema   monetario  
internazionale   introducendo   la   Moneta   Moderna   nelle   nazioni   occidentali.   La   Moneta  
Moderna   si   chiama   FIAT   (dal   latino),   ed   è   definita   come   moneta   sovrana*,   floating   e   non  
convertibile  che  lo  Stato  semplicemente  emette  dal  nulla.  Come  ci  viene  spiegato  dalla  scuola  
di  economia  della  Modern  Money  Theory  (MMT)  guidata  dal  Prof.  L.  Randall  Wray   (2),  queste  
monete  davano  allo  Stato  un  potere  senza  precedenti  di  iniettare  ricchezza  finanziaria  al  netto  
nel   settore   non   governativo   (cittadini   +   aziende)   quasi   senza   limiti.   In   altre   parole:   il   governo  
poteva  spendere  a  Deficit  inventandosi  il  denaro,  e  nel  fare  ciò  avrebbe  reso  più  ricco  chi  lo  
riceveva  (accreditando  i  conti  correnti  dei  cittadini  e  delle  imprese  che  gli  vendevano  beni  e  
servizi).  Ma  veramente  più  ricchi,  cioè  più  ricchi  al  netto.  Infatti  si  trattava  di  denaro  nuovo  
che   veniva   creato   dal   governo   e   guadagnato   dai   sopraccitati.   Perché   si   deve   capire   che   il  
denaro  che  circola  nel  settore  non  governativo  (cittadini  e  aziende)  non  è  mai  denaro  nuovo,  
ma   solo   denaro   che   qualcuno   spende   e   che   altri   guadagnano;   denaro   che   cambia   di   mano,  
basta.   Oppure   è   denaro   creato   dalle   banche   ma   che   ha   sempre   un   corrispettivo   debito   di  
qualcuno  che  ne  annulla  il  valore  (la  banca  crea  10  e  me  li  presta,  ma  io  sono  in  debito  di  10,  
per   cui   al   netto   nella   società   non   c’è   nulla).   Dunque   i   governi   che   usavano   la   Moneta   Moderna  
potevano  spendere  a  Deficit  in  questo  modo  virtuoso,  che  appunto  aggiunge  denaro  nuovo  al  
netto  nella  società.  Questa  spesa  si  chiama  Spesa  a  Deficit  Positiva  (leggere  assolutamente  la  
nota   **   sotto).   Essa   poteva   finanziare   la   piena   occupazione,   il   pieno   Stato   sociale,   la   piena  
istruzione,  migliori  infrastrutture,  la  crescita  produttiva.  Il  tutto  a  favore  dei  cittadini  e  senza  
pericolo   di   inflazione,   per   via   dell’aumento   parallelo   di   beni   prodotti   a   causa   di   quei  
finanziamenti,   né   pericolo   di   eccessivo   indebitamento   dello   Stato   (la   spiegazione   di   scienza  
 

32  

economica   a   sostegno   di   queste   affermazioni   è   nella   Part   Tecnica).   Di   nuovo:   ciò   avrebbe  
creato   strutture   sociali   dove   lo   Stato   attribuiva   grandi   quantità   di   ricchezza   finanziaria   alla  
maggioranza  (a  scapito  delle  elite),  e  dove  i  lavoratori  e  i  cittadini  sarebbero  divenuti  entità  
forti   con   poteri   contrattuali   elevati,   poiché,   come   ha   scritto   l’economista   libanese   Joseph  
Halevi  “la  vera  piena  occupazione  dà  potere;  la  deflazione,  la  disoccupazione  e  i  lavoretti  precari  
rendono  impotenti”  (3).    
Tutto   ciò   sarebbe   stato   la   Gallina   dalle   Uova   d’Oro   per   noi   gente   comune,   perché,  
ripetiamolo,   nulla   può   fermare   le   regole   fatte   da   uno   Stato   sovrano   legittimato   dai   suoi  
elettori.  
Le  elite  non  potevano  permettere  che  ciò  accadesse,  ed  agirono  di  conseguenza.  
 
*  Ricordo  ai  lettori  una  distinzione  cruciale.  Quando  in  questo  saggio  troverete  la  definizione  
‘moneta  sovrana’,  sappiate  che  mi  riferisco  a  qualsiasi  moneta  moderna  che  
a)  è  di  proprietà  dello  Stato  che  la  emette,  quindi  è  SOVRANA.  
 b)  Stato  e  Banche  non  promettono  più  di  convertirla  in  oro  o  altri  beni  concreti  su  richiesta  
del  cittadino  (ma  rimane  cambiabile  in  altre  valute  per  andare  in  ferie  ad  es.),  quindi  è  NON  
CONVERTIBILE.    
c)  le  autorità  non  promettono  più  di  cambiarla  a  un  tasso  fisso  con  altre  monete  forti  (ad  es.  1  
pesos  argentino  era  cambiato  fisso  con  1  dollaro  USA),  quindi  è  FLOATING.  
Riassumendo,  la  moneta  moderna  (FIAT)  di  cui  si  parla  DEVE  essere  sovrana,  non  convertibile  
e  floating,  se  no  NON  può  essere  usata  per  gli  scopi  di  arricchimento  pubblici  sopra  descritti.  
Il   dollaro   è   moneta   sovrana,   così   la   sterlina,   così   lo   yen   giapponese,   e   altre.   Tutta   Europa,   fino  
al   gennaio   2002,   ancora   possedeva   monete   sovrane   (marco,   franco,   lira   ecc.),   che   sono   poi  
scomparse   con   l’avvento   (sciagurato)   dell’Euro,   che…   non   è   di   proprietà   di   nessuno   Stato.  
Questo  fatto  ha  cambiato  in  modo  radicale  tutte  le  regole  classiche  della  funzione  monetaria  
ed   economica   nell’Europa   dei   17   Paesi   aderenti   alla   moneta   unica.   Al   punto   che   purtroppo  
lungo  tutta  questa  trattazione  dovremo  sempre  pensare  con  due  menti,  una  che  considera  gli  
Stati  con  moneta  sovrana,  e  una  che  considera  quelli  dell’euro.  Capirete  meglio  dopo.  
**   Prima   di   continuare,   è   inoltre   essenziale   che   sia   compresa   la   differenza   fra  Spesa   a   Deficit  
Positiva   e   Spesa   a   Deficit   Negativa.   Infatti,   ciò   che   le   elite   di   cui   trattiamo   hanno   attaccato   è  
la  Spesa  a  Deficit  Positiva,  proprio  perché  essa  arricchisce  la  gente  comune  e  le  piccole/medie  
aziende.   Quando   si   parla   di   Spesa   a   Deficit   Negativa,   beh,   il   loro   atteggiamento   è   a   dir   poco  
ipocrita,  come  capirete  fra  un  attimo.  Ma  ora  chiariamo  la  differenza  fra  i  due  tipi  di  deficit.  La  
teoria  economica  MMT  definisce  come  deficit  positivo  la  spesa  dello  Stato  che  mira  a  creare  
piena   occupazione,   pieno   Stato   Sociale,   piena   istruzione,   buone   infrastrutture   e   aumento   di  
produttività.   Tutto   questo   causa   un   circolo   virtuoso   di   spesa   che   non   solo   arricchirà   il   settore  
non   governativo   (la   gente   +   aziende),   ma   che   finisce   per   ripagarsi   da   solo.   Certo,   perché  
causerebbe  una  diminuzione  della  spesa  per  i  costosissimi  ammortizzatori  sociali,  per  i  danni  
della   disoccupazione   e   sottoccupazione   nel   tessuto   sociale   (alcolismo,   criminalità…),   e   per   il  
salvataggio  di  banche  al  collasso  e  molto  altro;  tutto  ciò  appunto  andrebbe  a  ridurre  il  deficit  
dello   Stato.   Ma   c’è   di   più,   perché   la   Spesa   a   Deficit   Positiva   aumenta   allo   stesso   tempo   le  
entrate   dello   Stato,   poiché   la   maggior   ricchezza   che   circola   fra   i   cittadini   significa   maggiori  
redditi   e   dunque   maggiori   entrate   del   fisco   (anche   senza   aumentare   le   aliquote).   Ancora:  
 
33  

aumenta   la   produttività   di   beni   nazionali,   dunque   minor   necessità   di   importarli   pagandoli  
spesso  prezzi  alti,  e  questo  va  a  correggere  la  bilancia  dei  pagamenti  in  positivo;  poi  la  Spesa  a  
Deficit  Positiva  rende  il  Paese  più  competitivo,  e  quindi  attira  investimenti  stranieri,  e  con  loro  
l’entrata  di  valute  forti.  In  ultimo,  la  Spesa  a  Deficit  Positiva  controlla  anche  l’inflazione,  grazie  
all’aumento  di  produttività  che  mantiene  sotto  controllo  la  massa  di  moneta  circolante.  
Ma  al  contrario,  la  Spesa  a  Deficit  Negativa  è  un  disastro.  Essa  spesso  deriva  paradossalmente  
proprio  dall’accanimento  delle  elite  Neoclassiche,  Neomercantili  e  Neoliberiste  nel  pretendere  
che   gli   Stati   riducano   i   deficit.   Poiché   quando   uno   Stato   è   costretto   dal   quell’accanimento   a  
tagliare   la   Spesa   a   Deficit   Positiva,   immediatamente   tutto   il   settore   non   governativo   si  
impoverisce.   Questo   lo   costringe   a   cadere   in   un   circolo   vizioso   di   deflazione   economica,   che  
significa  meno  consumi,  che  significano  meno  vendite  per  le  aziende,  che  quindi  licenzieranno  
e   precarizzeranno.   Ciò   costringerà   lo   Stato   ad   aumentare   la   spesa   per   gli   ammortizzatori  
sociali  descritti  sopra,  mentre  contemporaneamente  diminuiscono  le  sue  entrate  attraverso  
un  calo  del  gettito  fiscale  e  degli  investimenti  stranieri.  Ma  vi  sarà  anche  una  perdita  di  fiducia  
in   quello   Stato   da   parte   dei   mercati,   con   altre   conseguenze   economiche   negative   o  
drammatiche.  
Si   badi   bene.   Anche   se,   sulla   carta,   le   elite   Neoclassiche,   Neomercantili   e   Neoliberiste  
condannano   ogni   forma   di   deficit,   in   realtà   esse   ipocritamente   ci   nascondono   che   l’unico  
deficit  negativo  è  proprio  quello  che  deriva  dalle  loro  rigide  prescrizioni  economiche,  che  oggi  
tutti  i  governi  seguono  alla  lettera.  
 
Come  si  diceva,  agli  inizia  degli  anni  ’70  le  immense  potenzialità  sociali  della  Spesa  a  Deficit  
Positiva   fecero   capolino   in   alcuni   Paesi   avanzati,   causando   il   panico   nelle   elite   del   potere  
finanziario  e  grande  industriale.  Era  questo  il  periodo  in  cui  le  idee  partorite  dagli  Illuministi  e  
sviluppate   molto   oltre   sembravano   dover   raggiungere   il   pieno   successo,   sostenute   da   un  
consenso   popolare   in   continua   crescita.   Alle   elite   apparve   chiaro   che   gli   Stati   democratici   si  
stavano   rapidamente   avvicinando   al   momento   in   cui   avrebbero   potuto   veramente   controllare  
la  maggior  parte  della  ricchezza  mondiale  (in  realtà,  e  come  vedremo,  questa  consapevolezza  
già   preoccupava   le   elite   negli   anni   ’30).   Un   simile   sviluppo   era   per   loro   inaccettabile,   e   per  
questo  motivo  i  “Globocrati”  decisero  di  agire.  Il  loro  piano  si  articolò  in  quattro  direzioni:  
1) Il   potere   di   spesa   sovrana   degli   Stati   doveva   essere   distrutto,   assieme   alla   loro  
facoltà   di   usare   tale   potere   per   fini   sociali   e   per   dar   forza   alla   cittadinanza.  
Parola  d’ordine:  distruggere  la  Spesa  a  Deficit  Positiva.  
2) Anche  la  sovranità  legislativa  degli  Stati  doveva  essere  limitata,  per  evitare  che  
essi  cementassero  in  leggi  inattaccabili  la  Spesa  a  Deficit  Positiva  per  il  beneficio  
dei  cittadini.  
3) Gli   stessi   cittadini   dovevano   essere   messi   da   parte,   resi   apatici   ed   incapaci   di  
opporsi   al   potere,   e   ancor   meno   di   capire   le   potenzialità   sociali   della   Spesa   a  
Deficit  Positiva  dei  loro  Stati  sovrani.  
4) In  ultimo,  dalle  ceneri  di  intere  nazioni  disabilitate  dal  successo  del  loro  piano,  le  
elite  avrebbero  ricavato  non  solo  il  controllo  della  fetta  maggiore  della  ricchezza  
mondiale,  ma  anche  super  profitti  in  finanza  ed  export.  
In  altre  parole:  la  nostra  Gallina  dalle  Uova  d’Oro  doveva  essere  del  tutto  distrutta.  E  lo  fecero.  
 

34  

Le  idee.  
Sono   le   idee   che   permettono   l’ottenimento   del   potere,   in   questo   caso   la   sua   riconquista.   Le  
elite  si  armarono  dunque  di  una  serie  di  idee  sofisticate.  Forse  non  vi  sarà  chiaro  da  subito,  ma  
i   concetti   che   seguono   stanno   alla   radice   di   ogni   singolo   male   sociale   ed   economico   che   ci  
affligge  da  almeno  quarant’anni.  Le  più  rilevanti  fra  queste  idee  furono:  
IL   DENARO   NON   DOVREBBE   FIGURARE   COME   STRUMENTO   CENTRALE   PER   IL  
FUNZIONAMENTO  DELLE  ECONOMIE.  
Presero   in   prestito   questo   dogma   dal   lavoro   degli   economisti   Neoclassici,   quelli   che  
sostenevano  che  il  Mercato  avrebbe  sempre  fornito  l’equilibrio  perfetto  di  domanda  e  offerta  
di   beni,   e   che   avrebbe   perciò   sempre   stabilito   il   prezzo   giusto   per   ogni   cosa.   Il   denaro   non  
figurava  nel  loro  modello.  Ma  notate  che  anche  qualcos’altro  non  figura  in  questo  modello:  lo  
Stato  e  il  suo  potere  di  gestire  una  politica  monetaria.  Non  per  nulla.  Era  il  sogno  delle  elite:  lo  
Stato   tolto   di   mezzo,   e   il   loro   Mercato   come   governo   supremo   di   tutta   la   vita   economica.  
Spinsero   questa   idea   al   punto   da   creare   uno   stereotipo   che   definì   gli   Stati,   o   più   precisamente  
i  governi,  come  qualcosa  di  ingombrante  piantato  nel  mezzo  di  una  macchina  perfettamente  
funzionante  che  avrebbe  beneficato  tutti:  il  Mercato.  E’  da  ciò  che  l’attuale  mantra  di  ridurre  le  
dimensioni   dei   governi   prese   origine,   per   essere   poi   raccolto   da   altri   lungo   la   via.   Gli  
accademici   che   prestarono   queste   idee   alle   elite   furono:   Dennis   H.   Robertson,   Gerard   Debreu,  
Kenneth  Arrow,  Frank  Hahn  e  i  pensatori  politici  Neoliberisti  in  generale.  
Un’altra  idea  che  le  elite  adottarono  con  vigore  fu  che  
I  RISPARMI  DEVONO  SEMPRE  VENIRE  PRIMA  DEGLI  INVESTIMENTI,  E  MAI  VICE  VERSA.  
Il   padre   di   questa   regola   fu   l’economista   inglese   David   Ricardo   (1772-­‐1823).   Tradotta   in  
pensiero   moderno,   essa   fornì   il   razionale   per   l’attacco   delle   elite   contro   la   spesa   dello   Stato  
per  il  beneficio  dei  cittadini.  Infatti  esse  argomentarono  che  
IL   BILANCIO   DEGLI   STATI   E’   PROPRIO   COME   QUELLO   DELLE   FAMIGLIE,   E,   PROPRIO   COME  
FANNO  LE  FAMIGLIE  SAGGE,  ANCHE  GLI  STATI  DEVONO  GUADAGNARE  DI  PIU’  DI  QUELLO  CHE  
SPENDONO.   DOVRANNO   SEMPRE   PRIMA   GUADAGNARE   (RISPARMIARE),   E   SOLO   DOPO  
SPENDERE  (INVESTIRE).  
Questo  semplice  teorema  economico  è  dotato  di  una  straordinaria  efficacia  perché  è  logico  e  
ha  convinto  tutti,  dal  pubblico  ai  politici.  Peccato  che  fosse  tutto  sbagliato,  specialmente  da  un  
punto  di  vista  contabile:  una  famiglia  deve  risparmiare  più  di  quanto  spende  semplicemente  
perché  non  può  creare  il  proprio  denaro;  lo  deve  guadagnare  o  prendere  in  prestito,  e  dunque  
sarà  meglio  che  la  famiglie  metta  da  parte  un  gruzzolo  prima  di  spendere  e  che  non  si  indebiti  
troppo.   Ma   uno   Stato   a   moneta   sovrana   non   ha   nessuno   di   questi   problemi,   esso   crea   il  
proprio   denaro   dal   nulla   e   in   realtà   deve   spendere   più   di   quanto   incassi   tassando   se   vuole  
arricchire  i  cittadini  e  le  aziende,  come  già  spiegato  prima.  Eppure  nonostante  questa  verità  
contabile,  il  mito  che  “lo  Stato  è  come  una  famiglia”  si  sparse  come  un  virus.  Ecco  come  nacque  
il  mantra  di  dover  sempre  pareggiare  i  bilanci,  di  mai  spendere  a  deficit,  di  tagliare  la  spesa  
dello   Stato.   Ecco   come   è   nata   l’odierna   Isteria   da   Deficit,   e   naturalmente   tutto   ciò   ha   giocato   a  
favore  delle  elite  poiché  paralizzò  intellettualmente  i  governi  e  gli  impedì  di  spendere  a  deficit  
tanto  quanto  necessario  per  arricchire  e  tutelare  il  pubblico.  
E   se   a   questi   paradigmi   aggiungiamo   l’odierna   falsificazione   su   cosa   siano   le   tasse,   le   cose  
peggiorano  ulteriormente.  Infatti  in  coppia  con  l’inganno  de  “Lo  Stato  deve  spendere  come  fa  
una   famiglia”,   giunse   l’altra   menzogna   secondo   cui   le   tasse   sono   denaro   che   lo   Stato   raccoglie  
 
35  

dai  cittadini  per  poterlo  poi  spendere  (sanità,  scuola,  pensioni…).  Questo,  con  moneta  sovrana,  
è  falso.  Le  ragioni  sono  complesse  (4)  e  le  abbiamo  viste  nella  Parte  Tecnica,  ma  vi  basti  sapere  
che   un   governo   con   moneta   sovrana   crea   il   denaro   apponendo   firme   a   pezzi   di   carta  
(banconote/titoli  di  Stato)  oppure  a  trasferimenti  di  denaro  elettronico.  Può  mai  esaurire  le  
proprie   firme?   Ha   per   caso   bisogno   di   tassare   la   gente   per   riprendersi   indietro   quelle   firme  
che  può  creare  a  piacimento?  Ovviamente  no.  Deve  solo  stare  attendo  a  non  emettere  troppo  
denaro   perché   potrebbe   causare   inflazione,   ma   di   certo   non   ha   bisogno   di   venire   a  
prenderselo   bussando   alla   nostra   porta   (le   tasse).   Ma   attenzione,   perché   una   cosa   le   tasse  
fanno  di  sicuro:  esse  fanno  calare  i  conti  correnti  dei  cittadini.  E  ora  mettiamo  insieme  le  due  
mistificazioni  di  cui  sopra,  cioè  “Lo  Stato  deve  guadagnare  più  di  quanto  spenda”  (dunque  deve  
tassare   i   nostri   conti   correnti   più   di   quanto   li   accrediti)   e   “le   tasse   sono   denaro   che   lo   Stato  
raccoglie   dai   cittadini   per   poter   poi   spendere”   (e   di   nuovo   deve   pescare   dai   nostri   conti  
correnti)…  Non  ci  vuole  un  genio  per  capire  che  questa  è  la  strada  più  breve  per  impoverire  
milioni   di   contribuenti/cittadini/aziende,   e   la   strada   certa   per   strangolare   la   Spesa   a   Deficit  
Positiva  che  si  basa  proprio  sullo  Stato  che  spenda  di  più  di  quanto  ci  tassi.  
Peccato  che  ciò  abbia  piagato  le  vite  di  milioni  di  persone  comuni  e  di  lavoratori,  di  piccole  e  
medie  aziende,  aggredendone  i  diritti  sociali  e  la  sopravvivenza  economica,  che  dipendevano  
proprio  dalla  Spesa  a  Deficit  Positiva  per  essere  tutelati.  Infatti  questa  ideologia  che  ha  reso  
peccato  mortale  qualsiasi  spesa  a  deficit  per  lo  Stato  sociale  e  per  la  piena  occupazione  è  lo  
strumento   fondamentale   del   piano   delle   elite   di   cui   tratta   questo   saggio.   La   deflazione   dei  
diritti   e   degli   stipendi   di   chi   lavora,   la   dilagante   disoccupazione   e   sottoccupazione   che  
abbiamo  oggi  sotto  gli  occhi,  sono  il  risultato  di  questa  serie  di  principi.  I  maggiori  predicatori  
moderni  di  “Lo  Stato  deve  spendere  come  fa  una  famiglia”  e  della  Isteria  da  Deficit  sono  stati  gli  
economisti   Robert   Lucas,   Tom   Sargent,   Neil   Wallace   (scuola   New   Classical),   Jude   Wanniski,  
George  Gilder  (Supply  Siders),  Greg  Mankiw  (New  Keynesian  conservatore),  Carmen  Reinhart  
and  Kenneth  Rogoff,  ma  naturalmente  vi  hanno  aderito  quasi  tutti  gli  economisti  e  i  politici.  
 
Di  seguito  venne  un’altra  idea  fondamentale:  
L’INFLAZIONE,   CHE   E’   L’INCUBO   DI   TUTTE   LE   ECONOMIE,   PUO’   ESSERE   LIMITATA  
CONTROLLANDO  L’EMISSIONE  DI  DENARO  ED  EVITANDO  LA  PIENA  OCCUPAZIONE.  
Il   primo   concetto   può   apparire   in   teoria   come   plausibile,   il   secondo   un   po’   meno.   Tuttavia  
Milton   Friedman,   assieme   alla   sue   nota   Scuola   di   economia   di   Chicago   e   ai   colleghi   Carl  
Brunner   e   Alan   Greenspan,   diffuse   queste   idea   con,   di   nuovo,   un   fine   preciso:   impedire   ai  
governi   di   usare   liberamente   la   loro   emissione   di   denaro   sovrano   per   una   Spesa   a   Deficit  
Positiva   che   creasse   la   piena   occupazione.   Questi   economisti   ignorarono,   convenientemente,   i  
benefici  comprovati  dei  deficit  positivi  e  della  piena  occupazione  e  il  fatto  che  anche  in  loro  
presenza  si  può  controllare  l’inflazione  in  diversi  modi   (5).  Perciò  ottenerono  che  i  lavoratori  
non   fossero   mai   posti   in   una   condizione   di   forte   potere   contrattuale   con   una   occupazione  
piena,  stabile  e  con  buoni  salari.  
Di   conseguenza,   e   poiché   uno   dei   target   da   colpire   nella   riscossa   delle   elite   erano   proprio   i  
lavoratori   moderni   e   i   loro   diritti   avanzati,   dovettero   ripescare   dal   passato   un   altro   dogma  
economico  sacro:  
ABBASSANDO  GLI  STIPENDI  SI  OTTIENE  LA  PIENA  OCCUPAZIONE.  
Questa  è  una  delle  teorie  economiche  più  devastanti  che  le  elite  riuscirono  a  imporre  ai  vari  
livelli  di  governo  in  tutto  il  mondo.  Fu  proposta  in  origine  dall’economista  A.  Cecil  Pigou  nei  
 

36  

primi   del   novecento,   ma   fu   poi   ripresa   in   era   moderna   da   altri   suoi   colleghi   come   Gerard  
Debreu,  Kenneth  Arrow,  Frank  Hahn  della  scuola  Neoclassica,  e  poi  dalla  scuola  Austriaca  di  
Ludwig   Von   Mises   e   Friedrich   Hayek,   dai   New   Keynesians   come   Greg   Mankiw,   e   dagli  
strateghi   Neoliberisti,   fra   cui   gli   italiani   Alesina,   Stagnaro,   Mingardi,   Savona   e   altri.   Tutti  
costoro   argomentarono   che   un’azienda   assumerà   più   facilmente   i   lavoratori   se   potrà  
abbassare   il   costo   dei   salari.   Ma   ciò   ignora   di   proposito   uno   dei   più   noti   paradigmi   economici,  
che   dimostra   che   se   si   abbassano   i   salari   si   abbasserà   anche   il   livello   dei   consumi   degli  
stipendiati   e   questo   ridurrà   le   vendite   delle   aziende   con   il   crollo   dei   loro   profitti,   che   di  
conseguenza   causerà   licenziamenti   e   cassa   integrazione.   Cioè   l’esatto   opposto   di   ciò   che  
questi   economisti   prevedevano   che   sarebbe   accaduto.   Ma   allora,   erano   così   stupidi   da   non  
capirlo?   Ovvio   che   no.   Non   dimentichiamoci   che   le   elite   di   cui   parliamo   in   questo   saggio  
appartengono  soprattutto  al  settore  mega-­‐industriale  e  ai  giganti  finanziari  internazionali.  A  
costoro  importa  nulla  del  destino  delle  piccole  e  medie  aziende,  e  al  contrario  sono  ben  felici  
di   pescare   in   una   massa   enorme   di   disoccupati   e   sottoccupati   alla   disperazione   e   dunque  
pronti  ad  accettare  qualsiasi  stipendio  pur  di  lavorare.  Questi  sfortunati  formano  una  nuova  
“armata   di   riserva   dei   disoccupati”   (Marx)   che   permette   alle   elite   di   produrre   a   costi   stracciati  
anche   qui   nelle   nazioni   ricche   e   quindi   di   poter   competere   sui   mercati   dell’export  
internazionale.  E’  proprio  questo  l’elemento  Neomercantile  del  piano,  è  questo  che  si  intende  
per  Neomercantilismo.  Infine,  e  ci  si  arriva  facilmente,  è  chiaro  che  il  dogma  di  abbassare  gli  
stipendi   costituisce   di   nuovo   un   altro   impedimento   per   i   governi   che   avrebbero   voluto  
applicare  la  Spesa  a  Deficit  Positiva  per  ottenere  la  piena  occupazione  e  stabilire  in  tal  modo  
standard  più  alti  per  i  salari  minimi.  
 
Come  già  accennato,  uno  dei  target  più  complessi  che  le  elite  dovevano  colpire  e  controllare  
era   il   potere   legislativo   degli   Stati   sovrani   (quelli   occidentali,   poiché   il   pieno   controllo   del  
Terzo  Mondo  non  era  un  problema).  In  ciò  le  differenze  fra  USA  ed  Europa  erano  cruciali.  Gli  
Stati   Uniti   presentava   un   singolo   governo   con   un’autorità   economica   centrale,   mentre   la   UE  
era  un  conglomerato  di  genti  e  culture  diverse,  e  di  governi  spesso  assai  litigiosi  fra  di  loro.  
Cioè   assai   più   complesso   da   controllare   e   sfruttare.   Il   processo   di   colonizzazione   dell’America  
politica   attraverso   le   idee   sopraccitate   poteva   avvenire   (ed   avvenne)   per   mezzo   di   uno   sforzo  
lobbistico   e   finanziario   coordinato   su   larga   scala.   Un   identico   tentativo   fu   ritenuto   troppo  
complicato  e  dispendioso  se  applicato  all’Europa.  Per  cui  questa  è  l’idea  con  cui  agirono:  
CI  SARA’  UN’EUROPA  UNITA  GOVERNATA  DA  FUNZIONARI  NON  ELETTI  E  CONTROLLATI  DA  
UNA   RETE   DI   LOBBY   FINANZIARIE   E   INDUSTRIALI.   QUESTI   FUNZIONARI   NON   ELETTI  
EMETTERANNO   LEGGI   CON   POTERE   SOVRANAZIONALE   IN   MODO   DA   SOTTRARRE   IL  
POTERE   REALE   AI   PARLAMENTI   NAZIONALI.   QUESTA   NUOVA   EUROPA   SARA’   DOTATA   DI  
UNA   UNIONE   MONETARIA   TOTALMENTE   FUORI   DAL   CONTROLLO   DEI   GOVERNI   SOVRANI   E  
PRIVA  DI  UN’AUTORITA’  ECONOMICA  CENTRALE.  
Questa  truffa  fu  ‘venduta’  agli  elettori  europei  come  un  passo  verso  un  futuro  economico  più  
brillante  e  un’Europa  più  civile.  Nella  UE  la  creazione  dei  trattati  di  Maastricht  e  di  Lisbona  –  
ratificati   in   legge   nazionale   da   tutti   gli   Stati   –   ne   ha   di   fatto   abolito   la   sovranità   legislativa.  
L’Europa  vive  oggi  l’assurdo  paradosso  di  avere  una  Commissione  Europea  potentissima  che  
governa   tutti   con   le   sue   direttive   sovranazionali   ma   che   nessun   europeo   elegge;   e   un  
parlamento   europeo   che   è   invece   eletto   dai   cittadini   ma   che   non   può   proporre   le   leggi   (sic).   I  
parlamenti   nazionali   sono   di   fatto   evirati   poiché   i   Trattati   stabiliscono   specificamente   la  
supremazia  delle  leggi  UE  sia  sulle  leggi  nazionali  che  sulle  Costituzioni   (6).  Un’analisi  di  quei  
Trattati   dimostra   senza   dubbio   che   l’intero   edificio   fu   creato   per   il   beneficio   delle   elite  
 

37  

finanziarie  e  grandi  industriali,  senza  alcun  capitolo  sociale  o  sistema  di  ridistribuzione  della  
ricchezza.   La   sovranità   monetaria   è   distrutta   dai   Trattati,   in   accordo   con   le   intenzioni  
originarie   delle   elite   di   impedire   agli   Stati   di   operare   la   Spesa   a   Deficit   Positiva   a   favore   dei  
cittadini.   Nella   UE   ciò   è   stato   ottenuto   con   l’introduzione   dell’Euro,   che   è   una   moneta   non  
sovrana  emessa  da  17  banche  centrali  e  che  deve  essere  presa  in  prestito  da  tutti  i  17  governi  
dell’Eurozona.  In  prestito  da  chi?  Dai  mercati  di  capitali  privati  che  direttamente  acquisiscono  
l’Euro   alla   sua   emissione.   Ciò   limita   le   prerogative   economiche   degli   Stati   quasi   totalmente,  
con   le   conseguenze   catastrofiche   che   oggi   stiamo   subendo   (maggiori   dettagli   nel   saggio).   E’  
qui   che   i   potentissimi   tecnocrati   del   Vecchio   Continente   giocarono   un   ruolo   fondamentale   nel  
tutelare   gli   interessi   delle   elite.   I   più   noti   fra   loro   sono   stati:   i   francesi   Jean   Monnet,   Robert  
Schuman,  Francois  Perroux,  Jaques  Attali,  Jaques  Delors,  Francois  Mitterrand,  Valery  Giscard  
D’Estaing,   Jean   Claude   Trichet;   gli   italiani   Giuliano   Amato,   Romano   Prodi,   Mario   Draghi,   Carlo  
A.   Ciampi,   Carlo   Scognamiglio,   Mario   Monti,   Tommaso   Padoa-­‐Schioppa,   Marco   Buti;   in  
Germania   Helmut   Schmidt,   Otmar   Issing,   Theo   Weigel,   Helmut   Kohl;   l’olandese   Wim  
Duisenberg;  and  in  Lussemburgo  Jean  Claude  Juncker.  
 
In   conclusione   possiamo   vedere   chiaramente   che   c’è   un   singolo   elemento   comune   a   tutte  
queste   idee   e   dogmi   economici:   limitare   le   politiche   economiche   degli   Stati   al   fine   di  
impedirgli   di   operare   la   Spesa   a   Deficit   Positiva   a   favore   del   settore   non   governativo   dei  
lavoratori,  delle  piccole  e  medie  imprese  e  dei  cittadini  in  generale.  In  altre  parole:  uccidere  la  
Gallina  dalle  Uova  d’Oro  che  l’intera  società  civile  avrebbe  potuto  possedere.  
 

I  primi  attori.  
Il   ritorno   a   un   potere   quasi   assoluto   delle   elite,   si   è   già   detto,   fu   perfezionato   dagli   anni   ’70   in  
poi.  Il  loro  scopo  supremo  era  di  frapporre  un  muro  fra  le  funzioni  sovrane  delle  democrazie  
dei   cittadini   e   il   potenziale   di   creazione   di   ricchezza   della   Moneta   Moderna   che   queste  
democrazie   avrebbero   potuto   usare   nell’interesse   pubblico.   Tuttavia,   il   retroterra   del  
moderno   assalto   delle   elite   contro   il   bene   comune   fu   preparato   nelle   quattro   decadi  
precedenti  e  deve  essere  spiegato  se  uno  vuole  comprendere  tutti  gli  eventi  successivi.  
I  primi  attori  si  possono  già  trovare  nell’intervallo  fra  la  prima  e  la  seconda  guerra  mondiale.  
In   quegli   anni   le   preoccupazioni   più   stringenti   delle   elite   non   erano   di   natura   puramente  
economica,   almeno   non   del   tutto.   Invece,   il   fenomeno   che   esse   consideravano   come   più  
preoccupante   per   i   loro   piani   era…   la   gente,   noi,   seguito   naturalmente   dalla   nascita   delle  
democrazie   e   degli   Stati   sovrani,   come   già   detto.   Giustamente   le   elite   compresero   che   il  
singolo   elemento   meno   controllabile   nel   quadro   degli   storici   cambiamenti   di   quell’epoca  
erano   le   masse,   che   crescevano   enormemente   e   che   mostravano   desideri   democratici   sempre  
crescenti,   accompagnate   dal   progresso   del   socialismo.   Gli   Stati   erano   affrontabili:   dopotutto   a  
quei  tempi  i  politici  provenivano  quasi  esclusivamente  dalle  fila  della  classe  dirigente  elitista.  
Ma  la  gente  no,  doveva  essere  messa  sotto  controllo  con  fermezza  e  questo  non  era  semplice  
in   un’epoca   che   non   avrebbe   più   tollerato   i   massacri,   la   tortura   e   la   brutalità   medievale   senza  
limiti  come  metodi  per  controllare  i  popoli.  A  fornire  le  idee  per  l’ottenimento  di  questi  scopi  
furono  cinque  uomini,  eccoli.  
Si   chiamavano   Walter   Lippmann,   Edward   Berneys,   intellettuali   americani;   Robert   Schuman,  
Jean  Monnet,  Francois  Perroux,  politici  ed  economisti  francesi.  Negli  anni  compresi  fra  il  1920  
e  il  1945  essi,  indipendentemente  gli  uni  dagli  altri,  partorirono  le  idee  per  il  ribaltamento  di  
 

38  

250  anni  di  Storia.  Ripeto:  si  doveva  annientare  il  Tridente,  esso  era  il  pericolo  assoluto  per  le  
moderne   oligarchie   assolutiste,   cioè   annientare   Stati,   leggi   e   cittadini.   Questi   ultimi   erano   la  
massa   pachidermica   che   sedeva   nel   mezzo   del   loro   percorso   di   riscatto,   e   alla   sua  
neutralizzazione   pensarono   Lippmann   e   Berneys.   Considerati   al   loro   tempo   come   intellettuali  
‘progressisti’,   le   cui   idee   arrivarono   contigue   persino   all’amministrazione   Kennedy,   essi  
sapevano   bene   che   i   tempi   delle   baionette   e   della   Cayenna   erano   finiti,   ahimè,   e   altro  
bisognava  inventarsi  per  riportare  il  popolo  alla  sua  ‘giusta’  posizione  ai  margini.  Lippmann  si  
espresse  senza  mezzi  termini  nel  definire  chi  siamo  noi  cittadini:  dei  “meddlesome  outsiders”  
(7),  ovvero  degli  outsider  rompicoglioni.  Nulla  di  meno:  noi  persone  e  famiglie  eravamo  ai  suoi  
occhi   un’appendice   fastidiosa   fra   i   ‘cosiddetti’   del   Potere.   Già   nel   1914   questo   uomo   aveva  
lasciato   scritto   nelle   pagine   del   suo   Drift   and   Mastery   come   il   crescente   potere   del   popolo  
minacciasse   l’ordine   capitalistico.   Fra   l’altro,   sarà   proprio   in   occasione   di   una   conferenza  
europea   nel   1938   in   cui   Lippman   era   ospite   d’onore   che   il   termine   Neoliberismo   fu   coniato  
per  definire  il  gran  riscatto  dei  liberisti  economici  messi  in  ombra  dal  Tridente  fin  dagli  albori  
del  XX  secolo  (8).  
In  Europa,  Schuman  e  Monnet  ricalcavano  alla  perfezione  quei  concetti  quando  sostenevano  
che  il  sistema  futuro  avrebbe  dovuto  essere  una  gerarchia  di  ordini  con  supremazia  assoluta  
delle   elite   sulla   “massa   ignorante”.   Ma   furono   le   idee   dei   due   americani   a   fare   il   grosso   del  
lavoro.   Essi   s’inventarono   l’arma   letale,   quella   che   in   pochi   anni   avrebbe   realmente  
disabilitato   la   partecipazione   democratica   dei   cittadini,   intontendoli,   drogandoli,   eliminandoli  
dalla   scena.   Eccovi   sfornate   l’Esistenza   Commerciale   e   la   Cultura   della   Visibilità  
massmediatica,   che   erano   le   due   ammiraglie   dell’industria   della   fabbricazione   del   consenso  
per   cui   i   due   statunitensi   sono   passati   alla   Storia.   Come   si   vedrà   più   avanti,   questi   concetti  
furono   poi   ripresi   e   rilanciati   con   assoluto   vigore   da   altri   uomini,   per   approdare   a   ciò   che  
chiunque  di  noi  oggi  ha  davanti  a  sé:  masse  inerti  di  cittadini  che  a  milioni  e  milioni  agiscono  
come   robot   la   cui   unica   aspirazione   è   acquistare   oggetti   e   adorare   i   ricchi   e   i   famosi,   anche  
quando  le  loro  condizioni  di  vita  obiettive  sono  ormai  al  limite  della  schiavitù,  incapaci  di  un  
guizzo   di   attivismo   persino   quando   sono   minacciati   dalla   malattia   terminale   o   dalla  
distruzione   delle   sopravvivenza   della   specie.   Dell’Esistenza   Commerciale   e   della   Cultura  
della   Visibilità   massmediatica   sottolineo   solo   alcuni   cardini,   mettendo   però   in   rilievo   il  
micidiale  coordinamento  con  cui  agiscono:  la  prima  porta  gli  individui  a  impiegare  una  fetta  
sempre  crescente  del  loro  tempo  per  acquisire  mezzi  per  acquisire  beni  che  gli  acquisiscano  
autostima.   Il   motivo   per   cui   vi   è   questo   opprimente   bisogno   di   confermare   l’autostima   sta  
nella   seconda,   che   fin   dalla   più   tenera   età   insegna   ai   cittadini   che   per   Essere   si   deve   essere  
Visibili,   cioè   contare,   cioè   essere   ‘qualcuno’.   I   Visibili   possono,   ottengono,   sono   amati   da   molti  
e  rispettati,  hanno  personalità  riconosciute,  sono  vincenti,  gli  è  permesso  tanto.  I  non  visibili  
non   sono,   proprio   non   esistono,   non   contano,   non   hanno   potere,   di   amore   ne   vedono  
pochissimo,  sono  indistinguibili,  sono  la  ripugnante  massa,  essi  pagano  sempre  tutto,  non  gli  
sono   concesse   scappatoie.   E   chi   si   sente   la   massa   non   si   piace,   poiché   viene   perennemente  
sospinto   al   paragone   coi   Visibili   dal   martellamento   massmediatico.   Questo   gli   distrugge  
l’autostima.   Ma   senza   autostima   un   essere   umano   non   respira,   soffoca,   farà   di   tutto   per  
ottenerla,   si   sente   cioè   una   nullità.   Ed   ecco   che   di   nuovo   torna   in   gioco   l’Esistenza  
Commerciale,   che   sussurrerà   all’orecchio   degli   invisibili   che   se   si   vestiranno   in   un   certo  
modo,   che   con   quell’auto,   che   frequentando   quel   locale   o   acquisendo   oggetti   a   ripetizione,   ma  
ancor   più   se   riusciranno   a   far   parlare   di   sé,   essi   si   avvicineranno   ai   Vip,   ai   Visibili,   e   la   loro  
autostima   sarà   risollevata   dalla   polvere   della   massa.   Non   è   necessario   qui   elencare   i  
conseguenti  comportamenti  di  milioni  di  esseri  umani,  che  si  perderanno  nello  sfoggio  di  un  
certo   paio   di   occhiali   o   nella   corsa   al   denaro,   persino   nell’uso   della   violenza   demenziale  
(uomini)  e    nell’umiliazione  del  proprio  genere  (le  donne)  pur  di  apparire  o  di  esser  citati  una  
 

39  

volta  nella  vita  in  Tv.  Prede  cioè  senza  speranza  della  trappola  sopra  descritta.  Si  aggiunga  poi  
che,   nello   sforzo   economico   per   accedere   alle   simulazioni   di   visibilità,   gli   individui  
s’impegneranno  in  ogni  sorta  di  trappola  finanziaria  che  in  un  circolo  vizioso  li  incatenerà  al  
sistema  che  li  vuole  annientare.  
In   questo   processo   le   persone   smarriscono   ogni   indipendenza   di   pensiero   e   di  
comportamento   terrorizzate   di   perdere   quel   fittizio   treno   dell’autostima,   ma   soprattutto   la  
loro   energia   mentale   e   di   vita   sarà   quasi   o   spesso   interamente   assorbita,   cioè   annullata,   da  
quello   sforzo.   La   fine   dei   cittadini   partecipativi.   Oggi   infatti,   l’Italia   che   con   mezzi   di  
comunicazione   rudimentali   e   governata   da   un   monoblocco   di   potere   ecclesiastico  
metastatizzato  ovunque  riuscì  a  ribaltare  il  proprio  destino  con  divorzio  e  aborto,  cioè  l’Italia  
che   partecipava,   è   un   sogno   talmente   remoto   che   non   è   raro   trovare   giovani   nati   anni   dopo  
che   stentano   a   crederci.   Oggi,   nell’era   dell’apatia   istupidita   di   lavoratori   e   sindacati   a   fronte  
della   precarizzazione   del   lavoro   –   attenzione:   hanno   precarizzato   una   condizione   essenziale  
alla  sopravvivenza  dell’essere  umano,  esattamente  come  se  ci  avessero  precarizzato  i  globuli  
bianchi,  hanno  cioè  “reso  plausibile  l’inimmaginabile”  –  il  fermento  delle  classi  lavoratrici  che  
permisero  a  Giacomo  Brodolini  e  Gino  Giugni  di  emanare  in  Italia  il  più  avanzato  Statuto  dei  
Lavoratori  di  tutto  l’Occidente  (02/05/1970)  sembra  una  fantasia.  Oggi,  a  fronte  dell’erosione  
degli   stipendi   reali   in   tutte   le   nazioni   del   G8   (negli   USA   ristagnano   dal   1973  
ininterrottamente)  con  picchi  di  povertà  in  crescita  fino  a  oltre  l’11%  della  popolazione,  ben  
12.000   miliardi   di   dollari   sono   stati   regalati   a   una   cricca   di   criminali   bancari   che   ci   ha   appena  
rovinati   (sono   800   finanziarie   italiane   messe   assieme);   ciò   è   accaduto   senza   che   un   singolo  
scontro  fra  cittadini  e  polizia  avvenisse  a  Roma,  New  York  o  Berlino.  Questo  siamo  noi  ora,  noi  
“meddlesome   outsiders”.   In   altre   parole,   il   piano   Lippmann   e   Berneys   ha   trionfato:   siamo   ai  
margini,   inebetiti,   ci   hanno   eliminati.   Non   so   se   i   lettori   si   rendono   conto   della   gravità   di  
questo.    
 
Mancavano   le   altre   due   punte   del   Tridente,   gli   Stati   e   le   leggi.   Qui   fu   il   piano   di   Robert  
Schuman   e   Jean   Monnet   a   portare   un   tocco   assai   più   micidiale   al   progetto   delle   elite  
internazionali.   Specificamente,   i   due   economisti   francesi   curavano   gli   interessi   di   un  
conglomerato   industriale   franco-­‐germanico   (che   si   badi   bene   è   ancora   oggi   il   padrone   di   fatto  
dell’Europa,   colui   che   ne   guida   i   destini),   il   quale   mirava   a   dominare   le   industrie   europee  
imponendo  il  proprio  volere  in  Italia,  Portogallo,  Spagna,  nei  Paesi  scandinavi  e  nel  Benelux.  
Costoro   sognavano   negli   anni   precedenti   la   seconda   guerra   mondiale   una   struttura  
continentale  dove  grandi  masse  di  lavoratori  sottopagati,  fluttuanti  in  vari  Stati  i  cui  governi  
lasciavano   briglia   sciolta   al   business   senza   troppo   interferire,     garantissero   costi   di  
produzione  bassi  rendendo  quel  blocco  economico  una  potenza  mondiale  delle  esportazioni.  
Neomercantilismo  puro  e  semplice.  Naturalmente,  al  fine  di  rendere  in  stato  di  quasi  schiavitù  
quei  lavoratori  occorreva  mettere  in  pratica  una  serie  di  misure  economiche  atte  a  mantenere  
bassa   l’inflazione   (cioè   impedire   agli   Stati   sovrani   di   spendere   a   deficit   a   favore   del   popolo),   a  
soffocare  i  consumi  dei  cittadini  e  creare  quindi  deflazione  (cioè  pochi  spendono  e  i  prodotti  
rimangono  invenduti  sui  mercati),  e  a  tenere  tutti  in  un  perenne  stato  d’incertezza  economica  
attraverso  finzioni  e  falsi  allarmi.  Infine,  la  cosa  più  importante  era  di  arrivare  a  esautorare  i  
governi   stessi,   renderli   più   piccoli   e   ricattabili.   Ma   per   fare   cose   di   questa   posta,  
particolarmente   nel   pieno   dell’epoca   del   trionfo   delle   democrazie   partecipative,   si   rendeva  
necessario   un   piano   epocale   di   una   intelligenza   al   limite   del   diabolico.   Lo   ottennero.   Esso  
porterà  il  nome  di  Unione  Europea  e  Unione  Monetaria  Europea.  Non  per  nulla  fu  proprio  
dal   cosiddetto   ‘piano   Schuman’   che   nascerà   nel   1951   la   prima   forma   larvale   di   unione  
europea,  cioè  la  CECA  (Comunità  europea  del  carbone  e  dell’acciaio).  Ma  come  già  accennato,  
 

40  

l’elemento  cruciale  di  questa  strategia  era  di  privare  gli  Stati  della  loro  sovranità  monetaria,  
della  ‘Gallina  dalle  Uova  d’Oro’,  e  dunque  ecco  spuntare  il  quinto  uomo  nella  preparazione  del  
piano  Neoclassico,  Neomercantile  e  Neoliberista:  l’economista  francese  Francois  Perroux.  
Avete   un’idea   di   quando   furono   pensati   l’euro   e   la   Banca   Centrale   Europea   (BCE)?   Sapete   con  
quale  finalità  esatta?  Sappiamo  che  il  trattato  fondamentale  della  moderna  Unione  Europea  è  
quello  di  Maastricht  del  1993.  Esso  mise  le  basi  anche  per  la  futura  moneta  unica.  Possiamo  
allora  immaginare  che  furono  gli  anni  ’80  a  partorire  l’euro  e  la  BCE?  No.  Euro  e  BCE  furono  il  
parto  della  pianificazione  di  Francois  Perroux  nel  1943.  La  motivazione?  Quella  che  ci  hanno  
venduto  solo  pochi  anni  fa  politici  e  giornalisti  è  stata  l’ovvia  menzogna  della  creazione  di  una  
moneta   forte   come   sfida   all’egemonia   del   dollaro.   Nella   realtà   lo   scopo   era   diametralmente  
opposto:   Perroux,   e   altri   che   vedremo   fra   poco,   volevano   togliere   agli   Stati   il   potere   di   gestire  
la   propria   moneta   sovrana   come   condizione   essenziale   per   distruggerli,   perché   senza   la  
capacità   di   emettere   moneta   “lo   Stato   perde   interamente   la   sua   ragion   d’essere”   (9).   Vale   la  
pana   citare   qui   una   frase   detta   da   uno   dei   padri   dell’Euro,   il   francese   Jacques   Attali,  
all’economista  Alain  Parguez  durante  un  incontro  privato,  e  che  Parguez  mi  ha  personalmente  
riferito.  Attali  sbottò  “E  cosa  credeva  la  plebaglia  europea,  che  l’Euro  fosse  e  stato  fatto  per  la  
loro  felicità?”.  Se  poi  a  questa  frode  drammatica,  del  tutto  avveratasi  l’1  gennaio  2002  nei  17  
Stati   più   ricchi   d’Europa,   si   aggiunge   anche   l’idea   dei   pianificatori   di   creare   corpi  
sovranazionali   col   potere   di   imporre   leggi,   regole   e   ricatti   di   ogni   sorta   e   tipo   agli   Stati   e   ai  
loro   parlamenti   e/o   sistemi   giudiziari,   col   potere   persino   di   scavalcare   le   Costituzioni   degli  
Stati  –  divenuta  realtà  con  l’Unione  Europa,  il  Trattato  di  Lisbona,  l’Organizzazione  Mondiale  
del   Commercio   –   allora   diviene   chiaro   come   essi   furono   in   grado   di   portare   a   compimento   un  
disegno   egemonico   che   appariva   grottescamente   impossibile   anche   solo   40   anni   fa.   Appare  
chiaro   come   riuscirono   a   distruggere   le   rimanenti   due   punte   del   Tridente,   cioè   gli   Stati   e   le  
leggi.  
 
Va  ricordato  ai  lettori  che  in  quelle  decadi  fatidiche  che  vanno  dagli  anni  ’20  del  XX  secolo  agli  
anni   ’50,   mentre   i   sopraccitati   ordivano   ciò   che   sappiamo,   il   mondo   occidentale   viveva   al  
contrario   proprio   lo   sbocciare   d’idee   e   di   sistemi   economici   perfettamente   conseguenti   al  
progressivo  trionfo  del  Tridente  per  250  anni  consecutivi.  Furono  gli  anni  delle  nascite  degli  
Stati   sociali,   il   welfare,   dell’organizzazione   in   massa   del   sindacalismo,   dell’intervento   dello  
Stato  nelle  economie  per  creare  ricchezza,  ed  è  superfluo  citare  il  New  Deal  di  Roosevelt  negli  
USA   o   le   grandi   nazionalizzazioni   in   Europa.   Ma   si   ricordi   anche   il   tentativo   di   riscossa   dei  
Paesi   del   Terzo   Mondo   che   passò   dagli   esordi   della   conferenza   dei   Paesi   non   allineati   a  
Bandung  nel  1955,  alla  nascita  in  sede  ONU  del  New  International  Economic  Order  nel  1974,  
cioè   lo   scatto   di   dignità   del   Sud   del   mondo   per   difendere   i   diritti   fondamentali   dei   poveri   e  
riacquisire  le  loro  ricchezze  naturali  depredate  in  secoli  di  colonialismo.  A  fornire  un  impianto  
scientifico   economico   a   questo   fermento   eccezionale   erano   le   idee   in   particolare   di   un  
economista  inglese  di  nome  John  Maynard  Keynes.  Keynes  aveva  partorito  veramente  un  altro  
mondo   possibile,   aveva   pensato   a   tutto   con   una   competenza   e   con   un   rigore   accademico  
encomiabili,   ed   ebbe   giustamente   un   grande   successo   per   qualche   anno   in   buona   parte   del  
mondo,   influenzando   schiere   di   economisti   e   relativi   governi.   Per   esempio,   Keynes   aveva  
immaginato   la   creazione   di   un’organizzazione   mondiale   per   regolamentare   i   commerci  
chiamata   International   Trade   Organization   (ITO),   una   banca   centrale   mondiale   chiamata  
International   Clearing   Union   (ICU),   e   una   valuta   per   i   commerci   da   estendere   a   tutti   i   Paesi  
chiamata  Bancor.  In  breve:  l’ITO  metteva  al  centro  dei  suoi  principi  la  piena  occupazione  e  lo  
sviluppo   sociale,   non   solo   i   profitti,   riconoscendo   la   Carta   dell’ONU;   gli   standard   lavorativi  
migliori   erano   da   rispettare   ovunque;   gli   investimenti   esteri   venivano   disgiunti   dal   ricatto  
 

41  

politico;  le  nazioni  povere  potevano  usare  il  protezionismo  per  difendere  le  proprie  economie  
fragili,   mentre   i   ricchi   non   potevano   più   truccare   i   prezzi   dei   propri   prodotti   agricoli   con   i  
sussidi  di  Stato  che  tagliano  le  gambe  ai  produttori  del  Sud  che  non  li  possono  avere.  Ma  ancor  
più   geniale   era   il   funzionamento   dell’ICU   e   del   Bancor.   Come   sapete,   una   delle   più   gravi  
storture   delle   economie   viene   soprattutto   dal   fatto   che   ci   sono   Paesi   che   vendono   tanto   ma  
importano   poco,   e   quelli   che   vendono   poco   ma   devono   importare   tanto.   I   primi   incassano  
troppi   risparmi,   i   secondi   s’indebitano   fino   alla   rovina   in   certe   condizioni.   Keynes   aveva   la  
soluzione   per   questo   problema:   il   Bancor   diveniva   la   moneta   obbligata   per   gli   scambi  
commerciali,   e   tutte   le   nazioni   alla   fine   dell’anno   avrebbero   portato   i   propri   conti   alla   ICU;  
quelle  che  avevano  venduto  troppo  e  comprato  troppo  poco  erano  multate,  e  così  quelle  che  
avevano  fatto  il  contrario;  ma  la  novità  era  che  venissero  punite  anche  le  prime,  e  aveva  senso,  
perché   esse   non   comprando   finivano   per   impoverire   altri   Paesi   che   di   conseguenza   non  
vendevano.   La   soluzione   per   i   multati   era   virtuosa:   chi   comprava   troppo   poco   correva   a  
comprare   da   chi   vendeva   troppo   poco,   e   viceversa.   Pareggio.   Come   si   può   capire,   il   modello  
Keynesiano  era  basato  sul  principio  sacrosanto  che  l’interesse  della  collettività  viene  sempre  
per   primo,   conviene   a   tutti.   In   particolare   poi,   egli   sposava   appieno   la   teoria   della   spesa   a  
deficit  dello  Stato  a  moneta  sovrana  come  arricchimento  dei  cittadini.  
Ma  la  sconfitta  del  nuovo  mondo  possibile  di  Keynes  era  segnata.  Essa  trovò  il  suo  inizio  in  un  
evento   di   grande   rilevanza   economica   mondiale,   cioè   la   conferenza   per   gli   assetti   monetari  
internazionali  di  Bretton  Woods  del  1944.  Senza  dilungarsi  nei  dettagli,  basti  sapere  che  essa  
decreterà  la  fine  del  gold  standard  (sistema  aureo)  per  diverse  monete  nel  mondo  eccetto  che  
per  il  dollaro  che  rimase  convertibile  in  oro,  mentre  le  altre  monete  venivano  agganciate  ad  
esso  (il  gold  standard  è  in  vigore  quando  una  moneta  può  essere  convertita  in  oro  su  richiesta  
del   cittadino   in   qualsiasi   momento,   letteralmente   uno   può   recarsi   in   banca   ed   esigere   un  
pezzetto  di  oro  per  le  banconote  che  ha  in  tasca  –  essere  agganciati  al  dollaro  significa  che  una  
data   unità   della   propria   moneta   viene   cambiata   sempre   per   lo   stesso   valore   in   dollari).   Seduti  
al   tavolo   negoziale   uno   di   fronte   all’altro   vi   erano   John   Maynard   Keynes   e   l’economista  
americano   Harry   Dexter   White,   ovvero   due   mondi   inconciliabili,   due   visioni   dell’umanità  
all’opposto,  due  destini  per  tutti  noi  totalmente  diversi.  Keynes  ne  uscì  sconfitto,  con  l’innesco  
di   un   effetto   domino   che   ne   emarginerà   le   idee   progressivamente   nei   successivi   trent’anni  
fino   alla   loro   sparizione,   lasciando   la   strada   libera   al   devastante   progetto   di   Lippmann,  
Berneys,  Schuman,  Monnet  e  Perroux.  
Ma  questo  periodo  vide  anche  la  nascita  di  un  altro  gruppo  di  eminenti  prelati  della  riscossa  
delle   elite   e   che   non   possono   essere   tralasciati.   Si   devono   citare   Ludwig   von   Mises   e  Friedrich  
von   Hayek   (il   celebrato  autore  di  The  Road  to  Serfdom),  Jacques  Rueff,   Raymond  Aaron  fra  gli  
altri,  e  va  ricordata  la  loro  prima  ‘chiesa’  europea  che  si  chiamò  Mont  Pèlerin  Society  nel  1947.  
Ciò  che  avevano  in  comune  era  un’avversione  per  qualsiasi  cosa  assomigliasse  a  un  intervento  
statale   in   economia   e   per   qualsiasi   cosa   avesse   detto   e   scritto   John   Maynard   Keynes,   che  
odiavano.   Detto   ciò,   si   noti   che   già   allora   il   loro   approccio   alle   funzioni   dello   Stato   era  
impregnato  di  quello  che  oggi  conosciamo  come  “Lemon  Socialism”  (Krugman,  2009):  in  esso  i  
governi   devono   intervenire   solo   per   mantenere   un   ordine   sociale   a   vantaggio   del   Libero  
Mercato,  e  in  particolare  per  salvare  dalla  bancarotta  le  elite  quando  esagerano  nei  loro  giochi  
finanziari   criminosi,   attraverso   iniezioni   massicce   di   denaro   pubblico   (inteso   non   come  
denaro  da  tasse,  ma  denaro  che  i  ministeri  del  Tesoro  avrebbero  potuto  impiegare  per  spese  a  
favore  dei  cittadini).  
 
 
 

42  

Il  piano  accelera  esponenzialmente.  Nasce  il  Piano  di  Contiguità.  
E’  vero  che  le  idee  permettono  il  potere,  ma,  parafrasando  Oscar  Wilde,  “con  un  piccolo  aiuto  
da   altri”.   E   l’aiuto   arrivò   sotto   una   forma   scontata   per   idee   che   servivano   gli   interessi   dei  
super   ricchi:   denaro.   Ma   non   vagonate   di   soldi   brutalmente   versati   nelle   casse   di   quei  
pensatori,   bensì   qualcosa   di   estremamente   sofisticato   che   mirava   a   due   goal:   primo,  
ovviamente   raccogliere   fondi,   ma   soprattutto   diventare   influenti   coi   politici   e   infiltrare   il  
mondo  universitario  dove  la  ‘vera’  struttura  di  comando  dei  governi  veniva  istruita.  Si  faccia  
attenzione   che   quanto   segue   spiega   come   sia   accaduto   che   i   dogmi   economici   delle   elite   siano  
divenuti  di  fatto  una  religione  mondiale  oggi  incontrastata.    
Esse   compresero   che   gli   elementi   che   realmente   gestiscono   il   potere   nei   governi   non   sono   i  
politici  noti,  ma  piuttosto  la  retroguardia  composta  dai  tecnocrati  e  dai  consiglieri.  I  politici,  
pensarono,  dovevano  rendere  conto  agli  elettori,  e  almeno  in  teoria  erano  limitati  da  una  serie  
di   preoccupazioni   sociali;   non   potevano   rubare   sfacciatamente   al   pubblico   i   suoi   diritti   e   le  
sue  risorse.  Ma  la  retroguardia  non  aveva  nessuno  di  questi  problemi  e  poteva  sfornare  una  
serie   di   principi   economici   per   fare   il   lavoro   sporco,   camuffandoli   però   da   necessità  
economiche  ineludibili  o  addirittura  da  misure  virtuose.  I  politici  avrebbero  presentato  le  
scelte   impopolari   come   sacrifici   purtroppo   inevitabili   dettati   dalla   giusta   scienza   economica  
che  i  tecnocrati  e  i  consiglieri  certificavano  come  autorevoli  e  persino  vitali.  Per  tutto  questo,  
la  prima  cosa  da  fare  da  parte  delle  elite  era  di  infiltrare  le  università  dove  la  retroguardia  del  
potere  veniva  allevata.  Vedremo  più  avanti  come  questo  piano  fu  articolato  e  da  chi.  
Non   si   può   qui   omettere   la   deflagrazione   del   secondo   conflitto   mondiale,   che   mise   in   pausa   la  
pianificazione   Neoclassica,   Neomercantile   e   Neoliberista.   Interessante   notare   però   che   in  
questi  anni  tragici  sia  le  dittature  europee  che  i  Paesi  liberi  coinvolti  abbracciarono  politiche  
economiche  che  poco  avevano  a  che  fare  con  i  subdoli  dogmi  economici  che  le  elite  lottavano  
per  imporre.  
Ma  torniamo  a  noi.  Per  infiltrare  il  mondo  accademico  e  dunque  le  menti  delle  eminenze  grigie  
che   siedono   nei   ministeri   dei   nostri   governi,   le   elite   immaginarono   quello   che   potremmo  
chiamare   un   Piano   di   Contiguità.   Significa   che   misero   in   piedi   delle   strutture   contigue   alle  
università   che   finanziassero   l’istruzione   superiore,   la   formazione,   la   ricerca   e   le   borse   di  
studio  dei  migliori  rampolli  nelle  facoltà  di  scienze  politiche  ed  economia,  ma  che  erano  anche  
in  grado  di  lanciare  campagne  di  informazione  di  massa  per  influenzare  l’opinione  pubblica.  
Queste  strutture  si  composero  di  due  parti:  le  Fondazioni  e  le  Think  Tanks  (traduz.  Serbatoi  
di   Pensiero).   Le   prime   sono   un   misto   di   entità   per   la   raccolta   di   fondi   e   centri   culturali,   le  
seconde   sono   di   solito   puramente   gruppi   di   ricerca.   Alcuni   nomi   in   America   dalle   origini   in  
poi:   la   Rockefeller   Foundation,   il   William   Volker   Fund,   la   Olin   Foundation,   il   Freedom  
Network   and   l’Atlas   Research   Foundation,   l’American   Enterprise   Institute,   il   Cato   Institute;  
poi   le   fondazioni   Coors,   John   M.   Ohlin,   Sarah   Scaife,   Smith   Richardson,   Henry   Salvatori,  
Carthage,   Heritage   and   Earhart;   l’Acton   Institute,   il   Washington   Policy   Center,   il   Manhattan  
Institute   for   Policy   Research.   In   Europa:   nel   Regno   Unito,   l’Institute   of   Economic   Affairs,   il  
Centre   for   Policy   Studies,   l’Adam   Smith   Institute,   lo   Stockholm   Network,   il   Bruges   Group,  
l’International   Policy   Network.   La   potente   Mont   Pèlerin   Society   in   Svizzera;   il   CUOA,   Acer,  
CMSS,   Bruno   Leoni,   Prometeia   e   Nomisma   in   Italia;   in   Francia,   l’Association   pour   la   Liberté  
Economique,   Eurolibnetwork,   l’Institut   de   Formation   Politique;   in   Germania:   l’Institut   fuer  
Wirtschaftsforschung   Halle,   l’Institut   fuer   Weltwirtschaft,   e   l’Institut   der   Deutschen  
Wirtschaft  Köln  fra  i  maggiori.  

 

43  

E  così  riversarono  i  dogmi  Neoliberali  e  Neoclassici  là  dove  contava.  Due  nomi  da  ricordare  in  
questo  contesto  sono  quelli  dei  monetaristi  neoliberali  Milton  Friedman,  statunitense,  e  Karl  
Brunner,   svizzero   naturalizzato   americano.   Che   fossero   monetaristi   è   importantissimo   da  
sottolineare,  perché  i  lettori  devono  capire  che  la  gestione  della  moneta  è  di  fatto  il  cervello  di  
tutta  l’economia,  e  chi  ne  decide  i  destini  decide  le  sorti  del  mondo.  Brunner,  che  apparteneva  
alla  Mont  Pèlerin  Society,  ebbe  un  ruolo  decisivo  nel  colonizzare  l’Europa  che  ancora  viveva  
sotto   l’influenza   di   Keynes   con   le   idee   diametralmente   opposte   per   il   nuovo   dominio   delle  
elites,   cioè   le   idee   del   neoliberismo.   Quando   vi   chiedete   “ma   come   hanno   fatto   a   convincere  
politici   e   ministri,   giornalisti,   docenti   e   studenti   a   obbedire?”,   una   delle   risposte   è   Brunner.  
L’evento  chiave  della  strategia  fu  la  sua  conferenza  di  Konstanz  sulla  teoria  monetaria  (1970),  
che   mirò   proprio   a   indottrinare   i   leader   europei   contro   Keynes,   e   a   “migliorare”   la   qualità  
dell’insegnamento   di   economia   nelle   università   europee,   specialmente   quelle   tedesche   e  
svizzere,  poiché  l’ideologo  denunciava  “un  gap  nella  qualità  della  ricerca  e  dell’insegnamento  
in   Europa   rispetto   agli   Stati   Uniti”   (10).   Milton   Friedman,   insignito   del   Nobel   per   l’economia,  
fondò   una   scuola   di   pensiero   Neoliberista   passata   alla   Storia   come   “The   Chicago   Boys”,  
dall’università  dove  la  sua  fucina  lavorava.  Era  un  uomo  particolare,  direi  diviso  in  due:  da  una  
parte   stava   quello   che   era   capace   di   abbracciare   idee   sociali   avanzate   come   la  
depenalizzazione  delle  droghe,  dall’altra  lavorò  come  nessun  altro  per  infliggere  al  mondo  gli  
orrori  del  Libero  Mercato,    e  cioè  le  deregolamentazioni  selvagge,  le  privatizzazioni  selvagge  e  
una   impietosità   selvaggia   per   le   sofferenze   di   milioni   di   esseri   umani.   Lo   troveremo  
consigliere  di  Augusto  Pinochet  in  Cile  mentre  le  camere  di  tortura  lavoravano  a  turni  di  24  
ore,   e   nome   di   punta   del   Progetto   Omega   dell’Adam   Smith   Institute   di   Londra,   che   teorizzò  
proprio  la  distruzione  dei  governi  (il  loro  “rimpicciolimento”).    
La   loro   opera,   e   quella   delle   Fondazioni   e   Think   Tanks,   ebbe   un   considerevole   successo,   quasi  
completo.   Cito   lo   storico   dell’economia   John   F.   Henry:   “Oltre   a   finanziare   lo   sviluppo   di  
programmi   specifici   e   di   curricula,   oltre   a   promuovere   la   ricerca   per   il   laissez   faire   in   economia,  
le  Fondazioni  per  il  Libero  Mercato  sponsorizzarono  master  e  borse  di  studio  in  legge,  economia,  
scienze   politiche   e   affari   sociali…   Promossero   cattedre   universitarie,   libri   e   progetti.   Una   volta  
formulate,  le  prescrizioni  di  politica  e  la  loro  anima  da  Libero  Mercato  vengono  comunicate  non  
solo  ai  funzionari  di  governo,  ma  anche  al  pubblico  attraverso  i  grandi  media  e  i  giornalisti  che  
quelle  Fondazioni  sponsorizzano”  (11).  
Una  di  queste  fondazioni  merita  un  breve  approfondimento:  è  la  Heritage,  americana.  Fu  un  
giovane   sconosciuto   attivista   di   destra   a   porre   la   prima   pietra,   Ed   Feulner   a   Washington.  
Feulner  è  uno  degli  uomini  chiave  che  sostituirà  le  eliche  del  progetto  di  distruzione  di  Stati,  
leggi   e   cittadini   per   dotarlo   di   turbine   a   jet.   Considerava   Friedrich   Hayek   e   la   sue   influente  
Mont  Pèlerin  due  lumache,  e  si  inventò  il  marketing  moderno  delle  idee  da  sparare  in  primo  
luogo   attraverso   i   mass   media   da   giornalisti   prescelti   (da   noi   i   vari   Furio   Colombo,   Piero  
Ostellino  o  Gianni  Riotta…),    e  poi  comprese  che  se  si  volevano  manipolare  i  politici  bisognava  
imboccarli.   Sì,   proprio   così,   cioè   preparargli   dei   bocconcini   ideologici   sulle   questioni   chiave  
dell’economia   facili   da   mandar   giù,   rapidi   da   assimilare,   quelli   che   lui   stesso   definì   “concetti  
politici   sintetici   per   legislatori   che   vanno   di   fretta”   (12).   Da   qui   al   diventare   forse   la   più  
influente   fondazione   del   mondo   passò   poco   e   la   Heritage   partorì   alla   fine   degli   anni   ’70   il  
percorso  stampato  per  le  politiche  economiche  di  Ronald  Reagan,  cioè  per  tutti  noi,  col  nome  
di  Mandate  for  Leadership.  E’  difficile  riuscire  a  rendere  per  i  lettori  l’idea  di  quanto  potenti  e  
infiltranti   furono   quelle   idee,   fin   sulle   soglie   delle   case   italiane   anche   delle   più   lontane  
province.  
Ma   tornando   ai   “concetti   politici   sintetici   per   legislatori   che   vanno   di   fretta”,   il   problema   era  
che   qualcuno   li   doveva   poi   recapitare   quei   concetti   ai   politici   prescelti.   Ed   ecco   nascere   le  
 

44  

versioni   moderne   delle   famose   lobby,   la   cui   importanza   nella   vita   pubblica   di   oggi   non   può  
essere   ignorata,   così   come   il   contributo   che   diedero   al   successo   del   piano   Neoclassico,  
Neomercantile   e   Neoliberale.   Per   sottolineare   quanto   appena   detto   bastano   alcuni   dati:  
Washington   è   infestata   dai   lobbisti,   dai   16   ai   40   mila   all’anno   a   seconda   delle   sedute   del  
Congresso,  con  un  budget  di  circa  3  o  4  miliardi  di  dollari  annui.  Nella  UE,  e  specificamente  nel  
suo   centro   di   potere   di   Bruxelles,   all’incirca   15-­‐20   mila   di   questi   uomini   e   donne   vagano   per   i  
corridoi   della   Commissione   Europea   con   1   miliardo   di   euro   da   spendere.   Negli   Stati   Uniti   la  
lobbistica  è  talmente  parte  delle  vita  pubblica  che  si  può  affermare  che  chiunque  sia  qualcuno  
laggiù   fa   lobbying,   dalla   American   Banking   Association,   alla   Housing   Finance   Alliance   o   la  
Private   Investor   Coalition   e   la   US   Chamber   of   Commerce.   Tutta   Wall   Street   da   cima   a   fondo   fa  
lobbying  furiosamente,  e  i  lobbisti  sono  impiegati  da  organizzazioni  diverse  come  la  National  
Rifle   Association,   la   Christian   Coalition,   l’American   Israel   Public   Affairs   Committee,   e   dai  
grandi   sindacati,   gruppi   di   genere,   tutte   le   industrie   ecc.   In   Europa   invece   le   lobby   si   sono  
organizzate  in  gruppi  registrati,  e  quelli  di  gran  lunga  più  potenti  sono  le  lobby  finanziarie  e  di  
business.   Nomi   come   il   Trans   Atlantic   Business   Dialogue,   la   European   Roundtable   of  
Industrialists,   il   Liberalization   of   Trade   in   Services   Group,   la   European   Banking   Federation,   la    
European  Employers  Association  oppure  Business  Europe  sono  ascoltatissimi  a  Brussell.  Per  
darvi  solo  un  esempio  significativo,  ogni  anno  il  Trans  Atlantic  Business  Dialogue  sottopone  ai  
tecnocrati   di   punta   della   UE   una   lista   di   suoi   desiderata   e   si   aspetta   che   un’obbediente  
Commissione  Europea  gli  riferisca  quali  progressi  sono  stati  fatti  per  soddisfarli  (13).  
Riassumendo,   fu   questo   Piano   di   Contiguità   che   attraverso   una   rete   di   istituti   per   la  
formazione  post  universitaria  e  per  il  finanziamento  delle  future  classi  dirigenti  permise  alle  
elite   di   colonizzare   con   le   loro   idee   i   cervelli   che   contavano.   Quelli   che   poi   noi   cittadini  
troviamo   in   posizione   chiave   di   potere   alle   spalle   dei   politici   di   facciata,   i   quali   altro   non  
possono  fare  se  non  seguire  i  loro  diktat.  
Il  risultato  di  ciò  fu,  ed  è  tuttora,  la  nascita  di  una  classe  dirigente  mondiale,  i  “Globocrati”,  che  
di   fatto   vive   sotto   l’egida   delle   elite   Neoclassiche,   Neomercantili   e   Neoliberiste   e   che   ormai  
pensa   con   la   medesima   mente.   E   agisce   per   i   medesimi   scopi.   Per   comprendere   meglio   questa  
potentissima   amalgama   indistinta   e   per   non   essere   tacciati   di   essere   teorici   del   complotto  
(una  delle  sfortunate  produzioni  del  mondo  Internet),  vi  propongo  di  esaminare  i  Club  in  cui  
questi   “Globocrati”   si   riuniscono   annualmente   per   discutere   le   tendenze   economiche   e  
politiche  del  periodo.  Non  sono  molti,  e  solo  quattro  di  essi  val  la  pena  citare:  il  segretissimo  
Bilderberg  fondato  nel  1954,  la  Commissione  Trilaterale  del  1973,  Il  World  Economic  Forum  
di  Davos  in  Svizzera  nato  nel  1971,  e  l’Aspen  Institute  del  1950.  Per  oltre  sessant’anni  tutti  i  
più   potenti   personaggi   del   mondo   (troppi   da   menzionare   tutti)   hanno   gravitato   attorno   a  
queste  organizzazioni,  e  in  esse  hanno  contribuito  in  modo  decisivo  al  ritorno  al  potere  delle  
elite  di  cui  questo  saggio  parla.  Eccovi  di  seguito  una  lista  di  costoro  con  relativa  appartenenza  
a  uno  o  più  di  questi  Club:  
Peter   Sutherland   (ex   WTO   chief,   dirigente   Goldman   Sachs,   ex   Commissione   UE,   Bilderberg),  
David  Rockefeller  (Trilateral  Commission,  Bilder.),  Paul  Volcker  (ex  FED  chief,  Aspen  Institute,  
Trilat.,   Bilder.),   Leon   Brittan   (ex   Commissione   UE,   Trilat.),   Henry   Kissinger   (ex   gov.   USA.,  
Aspen,  Trilat.,  Bilder.,  World  Economic  Forum),  John  Micklethwait  (Direttore  di  The  Economist,  
Bilder.),   Zbigniev  Brzezinski   (ex   gov.   USA,   ex   Trilat.),   Condoleezza   Rice   (ex   gov.   USA,   Aspen,  
Trilat.,   Bilder.),   Henry   Paulson   (ex   gov.   USA,   Bilder.),   Edmond   de   Rothschild   (Bilder.),   Ben  
Bernanke   (FED   chief,   Bilder.),   Bill   Clinton   (WEF),   Etienne   Davignon   (ex   Commissione   UE,  
Bilder.),  Larry  Summers  (ex  gov.  USA,  Bilder.),  John  Negroponte  (ex  diplomatico  USA,  Trilat.),  
Karel   de   Gucht   (Commissione   UE,   Bilder.),   Jean   Claude   Trichet   (ECB   chief,   Bilder.),   Timothy  
Geithner  (US  Treasury  Sec.,  ex  Trilat.,  Bilder.),  Carl  Bildt  (Min.  Esteri  svedese,  Trilat.,  Bilder.),  
 

45  

George  Soros  (WEF),  Joaquin  Almunia  (Commissione  UE,  Bilder.),  Carlos  Ghosn  (CEO  Renault,  
WEF),   George   Papaconstantinou   (ex   Min.   Finanze   Grecia,   Bilder.),   Peter   Brabeck   Letmathe  
(Nestlè   chairman,   WEF),   José   Zapatero   (Premier   Spagna,   Bilder.),   Cynthia   Carroll   (Anglo  
American   CEO,   WEF),   Josef   Ackermann   (Deutsche   Bank   CEO,   Bilder.),   Neelie   Kroes  
(Commission   UE,   Bilder.),   Christine   Lagarde   (IMF   Chief.,   Bilder.),   Bill   Gates   (Bilder.),   Donald  
Graham   (Editore   Washington   Post,   Bilder),   Robert   Zoellick   (Pres.   World   Bank,   Bilder.),   John  
Elkann   (chairman   Fiat,   Aspen,   Trilat.,   Bilder.),   Paolo   Scaroni   (ENI   CEO,   Bilder.),   Roberto   Poli  
(ENI,   Aspen),   Mario   Draghi   (Banca   d’Italia,   Bilder.),   Mario   Monti   (Univ.   Bocconi,   ex  
Commissione   UE,   Aspen,   Trilat.,   Bilder.),   Piero   Gnudi   (ENEL,   Aspen),   Fulvio   Conti   (ENEL,  
Bilder.),   Riccardo   Perissich   (IAI,   Aspen),   Gianfelice   Rocca   (Techint,   Aspen,   Trilat.,   Bilder.),  
Angelo  Maria  Petroni  (Sole  24  Ore,  Aspen),  Giacomo  Vaciago  (ex  Citibank,  Aspen),  Carlo  Secchi  
(Bocconi,   ex   UE,   Trilat.),   Giulio   Tremonti   (Min.   Tesoro,   Aspen),   Fedele   Confalonieri   e   Franco  
Frattini   (Aspen),   Domenico   Siniscalco   (vice   di   Morgan   Stanley,   Bilder.),   Ferdinando   Salleo  
(Mediocredito,   Trilat.),   Lucia   Annunziata   (Aspen),   Tommaso   Padoa-­‐Schioppa   (scomparso,   ex  
FMI,   ex   Fiat,   Bilder.),   Emma   Marcegaglia   (Aspen),   Pierfrancesco   Guarguaglini   (Finmeccanica,  
Trilat.),   Enrico   Letta   (ex   gov.   Prodi,   Aspen,   Trilat.),   Corrado   Passera   (Intesa,   Aspen),   Carlo  
Scognamiglio   (ex   gov   D’Alema,   Aspen),   Marco   Tronchetti   Provera   (Pirelli,   Trilat.),   Franco  
Bernabè  (Telecom,  Bilder.),  Franco  Venturini  (Corriere,  Trilat.),  Paolo  Mieli  (Aspen),  Romano  
Prodi   (Aspen,   Bilder.),   Giuliano   Amato   (oggi   Deutsche   Bank,   Aspen),   Paolo   Savona   (Banca   di  
Roma,  Aspen).  
Non   ufficialmente,   alcune   fonti   citano   Francesco   Giavazzi,   Ferruccio   De   Bortoli,   Rodolfo   De  
Benedetti  come  membri  del  Bilderberg  Group.    
 
Nessun  bisogno  di  commentare  oltre.  
 
Ora  torniamo  alla  nostra  narrazione,  perché  in  questi  anni,  e  siamo  ormai  alla  soglia  degli  anni  
’70,  quattro  intellettuali  seppero  offrire  contributi  al  piano  delle  elite  che  ne  accelereranno  il  
successo  come  nulla  prima.  
 

Il  grande  balzo  in  avanti.  
Una   mattina   dell’estate   del   1971   Eugene   Sydnor   Jr.   della   Camera   di   Commercio   degli   Stati  
Uniti  aveva  sollevato  la  cornetta  del  telefono  e  aveva  fatto  un  numero.  All’uomo  che  rispose  fu  
semplicemente   detto   di   stilare   il   Decalogo   della   riscossa   finale,   la   riscossa   di   chi   già   ben  
sappiamo.   L’impazienza   si   era   impadronita   di   loro,   bisognava   correre,   perché   sia   negli   USA  
che   in   Europa,   e   in   particolare   in   Francia   e   in   Italia,   le   sinistre   radicali   stavano   debordando  
fuori   controllo.   L’avvocato   Lewis   Powell   era   l’uomo   che   aveva   risposto   a   quella   chiamata.   Egli  
fu  un  altro  e  importantissimo  acceleratore  del  piano  per  annullarci  e  sottoporci  a  sofferenze  di  
vita   inutili   e   volute   a   tavolino,   mentre   Stati   sempre   più   intimiditi   stavano   a   guardare  
obbedienti.  Powell  scrisse  il  suo  Memorandum   (14),  dove  in  sole  11  pagine  egli  dettò  quanto  
segue:    
La   diagnosi:   “(Noi   delle   destre   economiche)   non   ci   troviamo   di   fronte   ad   attacchi   sporadici.  
Piuttosto,   l’attacco   al   Sistema   delle   corporations   è   sistematico   e   condiviso”.   C’è   una   “guerra  
ideologica   contro   il   sistema   delle   imprese   e   i   valori   della   società   occidentale”.   Le   regole   di  
guerra   sono:   primo,   tornare   a   controllare   i   governi   perché   “pochi   elementi   della   società  
 

46  

americana  di  oggi  hanno  così  poca  influenza  sul  governo  come  il  business,  le  corporazioni,  e  gli  
azionisti…  Non  è  esagerato  affermare  che…  siamo  i  dimenticati”.  Al  fine  di  validare  questa  sua  
affermazione,   Powell   cita   uno   degli   economisti   Neoliberisti   più   potenti   di   sempre,   Milton  
Friedman,  che  aveva  sentenziato:  “E’  chiarissimo  che  le  fondamenta  della  nostra  società  libera  
sono   sottoposte   a   un   attacco   su   larga   scala   e   potente   –   non   da   parte   dei   comunisti   o   da   altri  
complotti,   ma   da   sciocchi   che   si   imitano   come   pappagalli   e   che   nutrono   un   disegno   che   non  
avrebbero   mai   condiviso   intenzionalmente”.   Powell   concorda:   una   grande   parte   dell’attacco  
veniva   condotto   da   elementi   ordinari   della   società   americana,   non   tanto   dai   comunisti   o   da  
altri   estremisti   della   sinistra,   infatti   scrisse   che   “Le   voci   più   inquietanti   (…)   provengono   da  
elementi   assai   rispettabili   della   società,   come   i   campus   universitari,   le   chiese,   i   media,   gli  
intellettuali,  i  giornali  letterari,  ma  anche  dalle  arti  e  dalle  scienze,  e  dai  politici”.  
Le   destre   dovranno   capire   che   “la   forza   sta   nell’organizzazione,   in   una   pianificazione   attenta   e  
di   lungo   respiro,   nella   coerenza   dell’azione   per   un   periodo   indefinito   di   anni,   in   finanziamenti  
disponibili  solo  attraverso  uno  sforzo  unificato,  e  nel  potere  politico  ottenibile  solo  con  un  fronte  
unito  e  organizzazioni  nazionali  ”.  Ovvero,  trasformarsi  in  un  esercito  di  attivisti  di  micidiale  
efficacia.  Il  Piano  di  Contiguità  naturalmente  deve  essere  incluso,  poiché  “L’assalto  al  sistema  
delle  imprese  non  fu  condotto  in  pochi  mesi  (…)  e  c’è  ragione  di  credere  che  l’università  è  la  sua  
singola   fonte   più   dinamica”.   Le   soluzioni:   “Stabilire   uno   staff   di   docenti   qualificatissimi   nelle  
scienze  sociali  che  credano  fermamente  nel  sistema”.  E  di  più:  “Questi  docenti  dovranno  valutare  
i   testi   di   scienze   sociali,   specialmente   in   economia,   scienze   politiche,   e   sociologia”,   e   “Dovremo  
godere  di  un  rapporto  privilegiato  con  le  influenti    scuole  di  business”.    
Nel  1971,  all’epoca  degli  sforzi  di  Powell,  i  media  erano  già  centrali  ai  giochi  del  Vero  Potere,  
ma   non   come   esso   avrebbe   voluto.   E   l’avvocato   neppure   qui   si   perse   in   giri   di   parole:   “Le  
televisioni   dovranno   essere   monitorate   costantemente   nello   stesso   modo   indicato   per   i   libri   di  
testo   universitari.   Questo   va   applicato   agli   approfondimenti   Tv,   che   spesso   contengono   le  
critiche  più  insidiose  al  sistema  del  business”.  La  stampa  e  la  radio  non  sfuggono:  “Ogni  possibile  
mezzo  va  impiegato…  per  promuoverci  attraverso  questi  media”;  né  le  riviste  popolari,  dove  “vi  
dovrà   essere   un   costante   afflusso   di   nostri   articoli”;   né   le   edicole,   dove   “esiste   un’opportunità   di  
educare   il   pubblico   e   dove   però   oggi   non   si   trovano   pubblicazioni   attraenti   fatte   da   noi”.   Powell  
prescrisse   qui   il   boom,   realmente   poi   avvenuto,   dell’editoria   popolare   straripante   di  
rappresentazioni   positive   dell’Esistenza   Commerciale   e   della   Cultura   della   Visibilità.   E   poi,  
naturalmente,   gli   sponsor:   chi   lavorava   al   progetto   di   fermare   la   Storia   doveva   essere   “pagato  
allo  stesso  livello  dei  più  noti  businessmen  e  professori  universitari”,  perché    “le  nostre  presenze  
nei   media,   nei   convegni,   nell’editoria,   nella   pubblicità,   nelle   aule   dei   tribunali,   e   nelle  
commissioni   legislative,   dovranno   essere   superbamente   precise   e   di   eccezionale   livello”.     La  
conseguenza   di   questi   semplici   concetti   sarà   enorme:   nacque   così   il   mondo   delle   lobby  
moderne   del   potere   economico,   quelle   che   oggi   eleggono   i   deputati   pagandogli   le   campagne  
elettorali,  prima  che  li  eleggiamo  noi  cittadini,  perché  “il  business  deve  imparare  che  il  potere  
politico  è  indispensabile,  che  deve  essere  coltivato  con  assiduità,  e  usato  in  modo  aggressivo  se  
necessario,  senza  imbarazzo”.  E  poi:  “Chi  ci  rappresenta  deve  diventare  molto  più  aggressivo…  
deve   far   pressione   con   forza   su   tutta   la   politica   perché   ci   sostenga,   e   non   dovremo   esitare   a  
penalizzare  chi  a  noi  si  oppone”.    
Va  detto  che  non  ci  è  possibile  sapere  l’esatto  grado  di  complicità  che  Powell  personalmente  
fornì   ai   manovratori   del   piano   Neoclassico,   Neomercantile,   e   Neoliberista,   ma   due   cose  
sembrano   certe:   primo,   le   sue   parole   descrivono   con   incredibile   precisione   tutto   ciò   che  
accadde  dopo,  e  cioè  il  controllo  delle  elite  nelle  università,  nei  media  e  nella  politica.  Secondo,  
il   memorandum   termina   con   le   sue   considerazioni   che   rispecchiano   perfettamente   alcuni  
 

47  

dogmi  della  propaganda  Neoliberista  che  mirava  a  demonizzare  qualsiasi  ruolo  centralizzato  
dei  governi  nella  gestione  pubblica.  Ad  esempio:  “Non  c’è  consapevolezza  del  fatto  che  l’unica  
alternativa   alla   libera   impresa   sono   vari   gradi   di   regolamentazione   burocratica   della   libertà  
individuale   –   che   va   da   quella   imposta   dal   socialismo   moderato   al   pugno   di   ferro   delle   dittature  
di   sinistra   o   di   destra”.   Beh,   possiamo   oggi   affermare   con   chiarezza   che   la   presente   crisi  
finanziaria   ci   ha   ampiamente   dimostrato   che   cosa   la   mancanza   di   regolamentazione  
burocratica   della   libertà   individuale   e   la   libera   impresa   hanno   fatto   a   milioni   di   famiglie,  
lavoratori,  aziende  e  a  intere  nazioni.    
 
Quattro   anni   dopo,   altri   tre   uomini   scattarono   sulla   pista   della   gara   per   il   ritorno   delle   elite,   e  
presero   il   testimone   che   fu   di   Lippmann,   Berneys,   Schuman,   Monnet,   Perroux,   Hayek,  
Brunner,   Friedman   e   Powell,   per   consegnarlo   nella   mani   di   coloro   cui   fu   dato   l’incarico   di  
portare   il   Cavallo   di   Troia   del   Più   Grande   Crimine   dentro   i   parlamenti   delle   maggiori  
democrazie   del   mondo:   Margaret   Thatcher,   Ronald   Reagan,   Helmut   Kohl   e   Francois  
Mitterrand.   I   tre   di   cui   si   parla   rispondono   al   nome   di   Samuel   P.   Huntington,   Michel   J.   Crozier  
e   Joji   Watanuki,   un   americano,   un   francese   e   un   giapponese.   L’incarico   lo   ricevettero   dalla  
Commissione  Trilaterale:  nasce  nel  1973  quando  un  drappello  di  “Globocrati”  esce  dal  gruppo  
Bilderberg   che   si   opponeva   all’inclusione   dei   giapponesi   nelle   sue   fila   (il   Bilderberg   si  
occupava   di   affari   NATO   e   non   gli   andava   che   i   nipponici   ficcassero   il   naso   negli   affari   militari  
occidentali).   Fra   i   suoi   circa   400   membri   sono   passati   Henry   Kissinger,   Jimmy   Carter,   David  
Rockefeller,   Zbigniev  Brzezinski,   Edmond   de   Rothschild,   George   Bush   Sr.,   Dick   Cheney,   Bill  
Clinton,   Alan   Greenspan,   Peter   Sutherland,   Takeshi   Watanabe;   Paul   Volcker,   Leon   Brittan,  
John   Negroponte,   Condoleezza   Rice,   Timothy   Geithner,   Carl   Bildt,   e   molti   altri   fra   cui   gli  
italiani   citati   in   precedenza;   più   un   gruppo   vario   di   istituti     finanziari,   di   corporations   e   di  
Fondazioni,   fra   cui   Goldman   Sachs,   Banque   Industrielle   et   Mobilière   Privée,   Japan  
Development  Bank,  Mediocredito  Centrale,  Bank  of  Tokyo-­‐Mitsubishi,   Chase  Manhattan  Bank,  
Barclays,   Royal   Dutch   Shell,   Exxon,   Solvay,   Mitsubishi   Corporation,   The   Coca   Cola   co.,   Texas  
Instruments,  Hewlett-­‐Packard,  Caterpillar,  Fiat,  Dunlop,  the  Bill  &  Melinda  Gates  Foundation,  
the  Brookings  Institution,  the  Carnegie  Endowment,  ecc.    
Huntington,  Crozier  e  Watanuki  stilarono  un  rapporto  con  ancora  idee,  strategie  e  dettami,  ma  
questa  volta  la  sofisticatezza  delle  227  pagine  del  loro  The  Crisis  of  Democracy  dà  i  brividi.  Vi  si  
legge   letteralmente   tutto   ciò   che   ci   hanno   fatto   accadere   per   disabilitarci.   Il   titolo   stesso   è  
ingannevole,   poiché   non   si   tratta   di   riparare   le   democrazie   partecipative,   come   sembrerebbe  
suggerire,  ma  di  distruggerle.  Infatti  il  rapporto  dichiara  senza  mezzi  termini  che  “alcuni  dei  
problemi   di   governo   negli   Stati   Uniti   di   oggi   derivano   da   un   ‘eccesso   di   democrazia’   (…)   C’è  
bisogno   invece   di   un   grado   superiore   di   moderazione   nella   quantità   di   democrazia”.   E  
naturalmente   il   diritto   ‘divino’   delle   elite   di   governare   noi   gente   comune   trova   in   queste  
pagine   una   giustificazione   immediata   quando   Huntington   scrive:   “La   democrazia   è   solo   una  
delle  fonti  dell’autorità  e  non  è  neppure  sempre  applicabile.  In  diverse  istanze  chi  è  più  esperto,  o  
più  anziano  nella  gerarchia,  o  più  bravo,  può  mettere  da  parte  la  legittimazione  democratica  nel  
reclamare  per  sé  l’autorità”.  Parole  che  si  congiungono  in  modo  perfetto  al  piano  di  Schuman,  
Monnet   e   Perroux,   e   che   hanno   prestato   le   fondamenta   all’Europa   unita   dell’Euro   già   ora  
governata  da  una  elite  di  burocrati  super  specializzati  che  nessuno  di  noi  elegge.  
I   tre   autori   scrissero   le   loro   istruzioni   su   come   le   elite   avrebbero   dovuto   procedere   in   termini  
chiarissimi,   e   con   una   premonizione   straordinaria:   “Il   funzionamento   efficace   di   un   sistema  
democratico  necessita  di  un  livello  di  apatia  da  parte  di  individui  e  gruppi.  In  passato  (prima  
 

48  

degli  anni  ’60,  nda)  ogni  società  democratica  ha  avuto  una  popolazione  di  dimensioni  variabili  
che   stava   ai   margini,   che   non   partecipava   alla   politica.   Ciò   è   intrinsecamente   anti-­
democratico,   ma   è   stato   anche   uno   dei   fattori   che   ha   permesso   alla   democrazia   di   funzionare  
bene”.   Ed   è   stata   proprio   questa   apatia   che   fu   indotta   sulle   masse   dell’Occidente   per   mezzo   di  
una   operazione   massmediatica   enorme   e   dell’esplosione   del   consumismo,   deviandole  
dall’attivismo  democratico,  drogandole  così  che  non  vedessero  più  i  loro  reali  bisogni  e  i  loro  
diritti.   Come   ha   scritto   David   Bollier   “Potrà   una   società   che   si   è   così   gettata   su   una   eccessiva  
commercializzazione   funzionare   ancora   come   una   democrazia   deliberativa?   Potrà   il   pubblico  
ancora   trovare   e   sviluppare   la   sua   voce   sovrana?   O,   viceversa,   il   suo   carattere   è   stato   così  
profondamente   trasformato   dai   media   commerciali   da   stroncarne   per   sempre   l’abilità   di    
partecipare   alla   vita   pubblica?”(15)   Qui   The   Crisis   of   Democracy   mostra   la   medesima   mentalità  
che   portò   Lippmann   a   chiamare   i   cittadini   “gli   outsider   rompicoglioni”,   prova   ulteriore   del  
gemellaggio  ideologico  degli  attori  di  questo  piano.  
Essi  infatti  proclamarono  che  “la  storia  del  successo  della  democrazia…  sta  nell’assimilazione  di  
grosse   fette   della   popolazione   all’interno   dei   valori,   atteggiamenti   e   modelli   di   consumo   della  
classe   media”.   Cosa   vuol   dire?   Significa   che   se   si   vuole   uccidere   la   democrazia   partecipativa  
dei   cittadini   mantenendo   in   vita   l’involucro   della   democrazia   funzionale   alle   elites,   bisogna  
farci   diventare   tutti   consumatori,   spettatori,   piccoli   investitori.   L’involucro   della   democrazia  
fu  salvato,  il  suo  contenuto,  cioè  noi  cittadini  partecipativi,  fu  annientato.  
Ora   attenzione   a   quanto   segue:   ogni   idea   di   Stato   Sociale   che   “avrebbe   dato   ai   lavoratori  
garanzie   e   avrebbe   alleviato   la   disoccupazione”   veniva   tacciata   dai   tre   autori   di   essere   “una  
deriva   disastrosa…   poiché   avrebbe   dato   origine   a   un   periodo   di   caos   sociale”.   Che   il   lettore  
s’imprima   nella   memoria   queste   parole,   poiché   esse   detteranno   una   delle   più   criminose  
decisioni   politiche   della   Storia   occidentale   moderna   voluta   dalle   elite,   quella   di   creare  
artificiosamente   grandi   sacche   di   disoccupati,   sottoccupati,   e   precari   –   con   le   immense  
sofferenze  che  ne  conseguivano  –  solo  per  poterci  controllare  meglio,  e  sfruttare  meglio.  Non  
per  cause  di  forza  maggiore  economiche.  Sapevano  che  gli  Stati  a  moneta  sovrana  avrebbero  
potuto   creare   la   piena   occupazione   senza   problemi   in   tutto   il   mondo,   ma   ciò   gli   avrebbe  
sottratto  il  potere.  Dovevamo  soffrire.  
Il   rapporto   attacca   lo   Stato   Sociale   anche   perché,   sostengono   gli   autori,   la   spesa   sociale   può  
causare   un’inflazione   disastrosa:   “L’inflazione   (…)   potrebbe   essere   esacerbata   dalle   politiche  
democratiche,   e   risulta   molto   difficile   per   i   sistemi   democratici   tenerla   sotto   controllo.   La  
tendenza  naturale  delle  pretese  politiche  possibili  in  un  sistema  democratico  aiuta  i  governi  ad  
affrontare   i   problemi   delle   recessioni   economiche,   prima   di   tutto   la   disoccupazione,   ma   gli  
impedisce   di   controllare   l’inflazione   con   efficacia.   Di   fronte   alle   richieste   del   business,   dei  
sindacati  e  dei  beneficiari  della  generosità  governativa,  diventa  quasi  impossibile  per  i  governi  
democratici  ridurre  la  spesa,  aumentare  le  tasse,  e  controllare  i  prezzi  e  gli  stipendi.  In  questo  
senso   l’inflazione   è   la   malattia   economica   delle   democrazie”.   Niente   meno.   Notate   l’uso  
specifico   delle   parole   “generosità   governativa”   contrapposte   alle   virtù   del   “ridurre   la   spesa,  
aumentare   le   tasse,   e   controllare   i   prezzi   e   gli   stipendi”,   associate   alla   minaccia   finale   di  
inflazione.   Questi   principi   sono   precisamente   il   credo   fondamentale   e   gli   spauracchi   degli  
economisti  Neoclassici,  Neomercantili  e  Neoliberisti,  che  abbiamo  in  parte  già  visto.    
E   per   rimanere   nell’ambito   dei   pericoli   che   la   democrazia   pone   al   governo   delle   elite,   i   tre  
autori   individuano   nel   radicalismo   delle   idee   di   sinistra   lo   strumento   principe   che   anima   le  
lotte   dei   lavoratori.   Qui   è   Samuel   P.   Huntington   a   scrivere   righe   inquietanti   sull’ideologia  
radicale,  sostenendo  che  “quando  essa  perde  forza,  diminuisce  il  potere  dei  sindacati  di  ottenere  
 

49  


Documenti correlati


Documento PDF il pi grande crimine del mondo di paolo barnard
Documento PDF il piu grande crimine
Documento PDF juvetoro n 21 anno vi bassa ok
Documento PDF come investire nella piu grande bolla della storia
Documento PDF dalai lama
Documento PDF ragni 14


Parole chiave correlate