File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Ricerca PDF Assistenza Contattaci



Il più GRANDE CRIMINE.pdf


Anteprima del file PDF il-piu-grande-crimine.pdf

Pagina 1...4 5 67886

Anteprima testo


“Le elite sapevano che gli Stati a moneta sovrana avrebbero potuto creare la piena occupazione senza problemi, in tutto il
mondo, ma ciò gli avrebbe sottratto il potere. Dovevamo soffrire.”

 
Ecco  Il  Più  Grande  Crimine.  
E’  semplice  da  capire.  Ci  fu  un  giorno  di  non  molti  anni  fa  in  cui  finalmente,  e  dopo  secoli  di  
sangue   versato   e   di   immane   impegno   intellettuale,   gli   Stati   abbracciarono   due   cose:   la  
democrazia  e  la  propria  moneta  sovrana  moderna.  Un  connubio  unico  nella  Storia,  veramente  
mai   prima   esistito.   Significava   questo:   che   per   la   prima   volta   da   sempre   noi,   tutti   noi,  
avremmo   potuto   acquisire   il   controllo   della   ricchezza   comune   e   stare   bene,   in   economie  
socialmente   benefiche   e   prospere.   Ma   questo   non   piacque   a   qualcuno,   e   fu   la   fine   di   quel  
sogno  prima  ancora  che  si  avverasse.  
Questo   saggio   vi   parla   del   più   grande   crimine   in   Occidente   dal   secondo   dopoguerra   a   oggi.  
Milioni   di   esseri   umani   e   per   generazioni   furono   fatti   soffrire   e   ancora   soffriranno   per   nulla.   I  
dettagli  e  l’ampiezza  della  loro  sofferenza  sono  impossibili  da  rendere  in  parole.  Soffrirono  e  
soffriranno  per  una  decisione  che  fu  presa  a  tavolino  da  pochi  spregiudicati  criminali,  assistiti  
dai   loro   sicari   intellettuali   e   politici.   Essi   sono   all’opera   ora,   mentre   leggete,   e   la   spoliazione  
delle  nostre  vite  va  intensificandosi  giorno  dopo  giorno,  anno  dopo  anno.  
La   loro   operazione   su   scala   globale   è   definita,   per   gli   scopi   di   questo   saggio,   come   Il   Piano  
Neoclassico,   Neomercantile   e   Neoliberista.   Sulla   loro   identità   mi   dilungherò   fra   poco,   ma  
per   ora   posso   dire   che   sto   parlando   dei   leader   dei   maggiori   istituti   finanziari   del   mondo   e  
delle   corporations   di   stazza   multinazionale,   accompagnati   da   uno   stuolo   di   fedeli   pensatori  
economici  e  di  tecnocrati.  I  politici,  obbedienti,  spesso  li  seguono  a  ruota.  A  volte  li  sentirete  
chiamare   “gli   investitori   internazionali”   che   si   riuniscono   in   alcuni   club   esclusivi   come   la  
Commissione   Trilaterale,   il   Bilderberg,   il   World   Economic   Forum   di   Davos,   l’Aspen   Institute   e  
altri.  Sono  coloro  che  il  settimanale  The  Economist  ha  di  recente  chiamato  “I  Globocrati”  (1).  
Ma   prima   di   vederli   nel   dettaglio,   assieme   alle   loro   organizzazioni,   ai   loro   sponsor   e   ai  
particolari   del   loro   piano   decennale,   vorrei   offrire   al   lettore   un’idea   più   precisa   del   danno   che  
essi   hanno   inflitto   (e   che   stanno   infliggendo)   a   milioni   di   esseri   umani   qui,   nel   mondo  
occidentale.   Lasciatemi   dire   semplicemente   che   almeno   negli   ultimi   40   anni   il   loro   piano   è  
stato  la  causa  dei  seguenti  fenomeni  (per  nominarne  solo  alcuni):  

 

-

una   gran   parte   della   disoccupazione   e   sottoccupazione   che   abbiamo   conosciuto   –  
mantenute  in  vita  senza  che  vi  fosse  un  reale  motivo,  con  le  devastazioni  sociali  che  ci  
hanno  portato;  

-

la   perenne   mancanza   di   fondi   per   lo   Stato   Sociale,   cioè   dall’assistenza   sanitaria   alle  
pensioni   minime   e   molto   altro   –   con   l’enorme   espansione   delle   sacche   di   povertà  
urbana  e  le  migliaia  di  morti  anzitempo  che  abbiamo  sofferto;  

-

la   discriminazione   nell’accesso   all’istruzione   migliore,   dove   solo   i   privilegiati   hanno  
goduto   di   reali   opportunità   –   con   milioni   di   nostri   giovani   consegnati   a   un   futuro  
minore  e  a  una  vita  di  frustrazioni;  

-

l’erosione  dei  diritti  dei  lavoratori  e  della  forza  contrattuale  sindacale  fino  a  livelli  che  
sono  pochi  anni  fa  sarebbero  apparsi  inimmaginabili  –  che  ci  ha  portato  all’attuale  gara  
al   ribasso   degli   stipendi   a   fronte   di   uno   sfruttamento   sempre   maggiore   sul   posto   di  
lavoro,  il  tutto  peggiorato  dalla  delocalizzazione  dell’occupazione  verso  Paesi  esteri;  
6