File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Ricerca PDF Assistenza Contattaci



Il più GRANDE CRIMINE.pdf


Anteprima del file PDF il-piu-grande-crimine.pdf

Pagina 1...5 6 78986

Anteprima testo


-

i   drammi   delle   generazioni   anziane,   che   sono   state   dipinte   come   i   capri   espiatori   per  
l’Isteria   da   Deficit   che   ha   travolto   le   nostre   nazioni   –   facendo   sì   che   milioni   di   nostri  
pensionati   si   sentano   oggi   responsabili   per   la   carenza   di   mezzi   finanziari   disponibili  
per  i  giovani;  

-

l’impotenza   in   cui   sono   stati   trascinati   gli   Stati,   ai   quali   è   stata   sottratta   la   sovranità  
monetaria  e  legislativa,  cui  si  aggiunge  la  messa  al  margine  della  cittadinanza.  Il  tutto  
mirato   ad   impedire   alla   maggioranza   dei   cittadini   di   beneficiare   dei   legittimi   poteri  
degli  Stati  di  creare  per  loro  ricchezza  –  le  tragiche  conseguenze  di  ciò  e  l’incredibile  
successo   di   questa   parte   del   piano   Neoclassico,   Neomercantile   e   Neoliberista   vi  
saranno  più  chiari  in  seguito;  

-

le   privatizzazioni   selvagge,   divenute   una   religione   economica   inattaccabile,   che   ha  
consegnato   agli   investitori   internazionali   enormi   fette   di   beni   pubblici   a   prezzi  
stracciati   –   e   che   ha   consegnato   anche   interi   popoli   nelle   mani   di   fornitori   di   servizi  
essenziali  a  caccia  di  profitti,  con  conseguenze  spesso  disastrose  per  il  tessuto  sociale;  

-

l’enorme   espansione   di   un   settore   finanziario   pericolosamente   sotto   regolamentato  
che   oggi   ha   il   potere   di   creare   devastazioni   in   qualsiasi   Stato,   frodando   milioni   di  
persone  e  speculando  su  crisi  economiche  create  a  tavolino;  

-

l’attuale   crisi   finanziaria   ed   economica   mondiale,   che   sta   infliggendo   immensi   danni  
alle  piccole  e  medie  imprese,  e  di  conseguenza  a  intere  economie  nazionali  con  masse  
di  lavoratori  a  rischio,  quando  non  già  rovinati  del  tutto.  

 
Quanto  sopra  descritto  si  è  materializzato  in  un  progetto  di  proporzioni  storiche  come  pochi  
prima,   architettato   con   un   dispiegamento   di   mezzi   impressionante,   quasi   impossibile   da  
concepire  per  una  mente  comune,  e  con  una  finalità  che  toglie  il  respiro  solo  a  considerarla:    
La   distruzione   degli   Stati   a   spesa   sovrana,   delle   leggi,   delle   classi   lavoratrici,   e   di   ogni  
virgulto  rimasto  di  democrazia  partecipativa  in  tutto  l’Occidente,  per  profitto.    
Fu   letteralmente   deciso   a   tavolino,   e   ci   sono   riusciti.   I   sindacati   non   hanno   mai   saputo   né  
capito  nulla,  poveracci  loro,  ancor  più  miseri  i  lavoratori.  
A  un  livello  personale,  stiamo  parlando  di  milioni  di  vite,  sogni  e  speranze  castrati  o  del  tutto  
distrutti  per  sempre,  qui,  nel  mondo  occidentale.  Ma  vorremmo  mettere  subito  in  chiaro  coi  
lettori  che  questa  non  è  una  teoria  del  complotto.  Al  contrario,  i  tratti  più  generici  di  questo  
crimine   sono   stati   oggetto   per   decenni   di   libri,   dibattiti   e   saggi,   da   parte   di   intellettuali,  
attivisti  e  movimenti  assortiti.  Ciò  che  invece  non  è  mai  stato  reso  noto,  è  questo:  
A) CHE  L’ATTUALE,  APPARENTEMENTE  INCONTRASTABILE  POTERE  DEI  “GLOBOCRATI”,  
E  L’IMMENSA  SOFFERENZA  CHE  HA  CAUSATO,  SONO  IL  FRUTTO  DI  UNA  STRATEGIA  
LUNGA   75   ANNI,   COORDINATA,   STRUTTURALE,   E   SOSTENUTA   DA   UN’IDEOLOGIA  
ECONOMICA   PRECISA.   E   CHE   NON   SONO,   COME   SPESSO   DICHIARATO,   UNA  
ABERRAZONE  DEL  CAPITALISMO.  
B) CHE   ESISTE   UNA   DOTTRINA   E   FILOSOFIA   ECONOMICA   CHE   AVREBBERO   POTUTO  
EVITARE,   E   ANCORA   OGGI   POTREBBERO   EVITARE,   TUTTA   QUELLA   SOFFERENZA,  
CHE  VIENE  INVECE  RAPPRESENTATA  DALLA  PROPAGANDA  COME  IL  RISULTATO  DI  
UNA   SFORTUNATA   NECESSITA’   DERIVANTE   DALLE   CRISI   GLOBALI.   NON   LO   E’   MAI  
 

7