File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Ricerca PDF Assistenza Contattaci



MINISTERO SALUTE CAVALLO .pdf



Nome del file originale: MINISTERO SALUTE CAVALLO.pdf

Questo documento in formato PDF 1.4 è stato generato da Adobe InDesign CS4 (6.0.5) / Adobe PDF Library 9.0, ed è stato inviato su file-pdf.it il 01/11/2013 alle 20:26, dall'indirizzo IP 94.165.x.x. La pagina di download del file è stata vista 2339 volte.
Dimensione del file: 1.2 MB (24 pagine).
Privacy: file pubblico




Scarica il file PDF









Anteprima del documento


IL MINISTERO DELLA SALUTE
PER IL CAVALLO
Normative, regole e progetti di tutela.

NORME E REGOLE
PER LA TUTELA DEL CAVALLO
ADOTTATE DAL MINISTERO
DELLA SALUTE
Il Ministero della Salute ha promosso la tutela e la salute degli equidi
attraverso l’adozione di misure che hanno impresso una vera e propria
svolta alle politiche di benessere animale.
Recentemente, infatti, ha posto in essere una serie di iniziative volte, da
un lato, a fissare dei riferimenti normativi – di cui il nostro Paese era privo
– al fine di garantire degli standard essenziali di benessere nell’ambito
delle molteplici attività in cui il cavallo è coinvolto e, dall’altro, a promuovere, attraverso diversi progetti, una corretta educazione al rapporto con
gli animali. Adottati e promossi dal Sottosegretario on. Francesca Martini,
i provvedimenti, riportati integralmente in questa pubblicazione, rappresentano un passaggio fondamentale.
Il Codice per la tutela e la gestione degli equidi è il primo corpo normativo nel nostro Paese che fissa i parametri essenziali per la corretta gestione degli animali nell’ambito di tutte le attività in cui vengono coinvolti – scuderizzazione, allevamento, addestramento, attività sportiva – nel
rispetto delle esigenze etologiche e di benessere degli stessi. Il Codice,
che attualmente è un insieme di linee guida, sarà affiancato ad un decreto
legislativo in materia.
Anche la Carta etica per la tutela del cavallo rappresenta un impegno “a
vita” per il benessere dei cavalli. I principali rappresentanti del comparto
ippico ed equestre che la sottoscrivono si impegnano infatti a praticare
tutte le attività che coinvolgono gli equidi nel rispetto delle loro esigenze
etologiche tutelandone salute e benessere anche al termine della carriera
agonistica e garantendo all’animale una destinazione dignitosa diversa
da quella alimentare.
Sul fronte del rapporto uomo-animale nell’assistenza sanitaria è stato
istituito con Decreto ministeriale 18 giugno 2009 il primo Centro di referenza nazionale per gli interventi assistiti dagli animali a Montecchio Precalcino (VI).
Le principali attività riguardano in via prioritaria la promozione della ricerca sperimentale per la standardizzazione di protocolli operativi, la definizione dei percorsi formativi degli operatori, i criteri di accreditamento

delle équipes multidisciplinari e delle strutture. Parimenti importante è la
definizione dei criteri sanitari, di benessere e comportamentali degli animali impiegati nelle terapie assitite. Il Centro si relaziona con le strutture
italiane ed internazionali più qualificate al fine di creare progetti sperimentali condivisi e di evidenziare la valenza terapeutica degli interventi.
Coniugare le antiche tradizioni del nostro Paese con la tutela degli animali e la sicurezza dei cavalieri, dei fantini e del pubblico è l’obiettivo
dell’Ordinanza contingibile ed urgente concernente la disciplina di
manifestazioni popolari pubbliche o private nelle quali vengono impiegati equidi, al di fuori degli impianti e dei percorsi ufficialmente
autorizzati, in vigore dal 7 settembre 2009. Si tratta del primo provvedimento che va finalmente a sanare una materia prima d’ora regolamentata
in maniera insufficiente.
L’ordinanza introduce diverse misure per la prevenzione ed in particolare
l’idoneità dei cavalli nonché dei fondi, dei tracciati e delle paratie dove si
svolge la manifestazione. Il provvedimento vieta inoltre la partecipazione
alle manifestazioni dei fantini e dei cavalieri che abbiano riportato condanne per maltrattamento o uccisione di animali, scommesse clandestine, spettacoli o manifestazioni vietati, competizioni non autorizzate e,
infine, prevede controlli antidoping.
Connesse a tale ordinanza sono le Linee guida volte alla prevenzione e
al controllo dell’utilizzo improprio del farmaco veterinario e del doping negli equidi che sono in via di definizione.
Inoltre, con l’obiettivo di salvaguardare le esigenze sanitarie di controllo
epidemiologico coniugandole anche con il rispetto dei bisogni etologici
degli animali, è di recente emanazione il Piano di sorveglianza nazionale per l’anemia infettiva degli equidi, obbligatorio su tutto il territorio
nazionale. In vigore per due anni a decorrere dal 19 settembre 2010,
prevede l’esecuzione di controlli sierologici sugli equidi almeno una volta
ogni 24 mesi.
Infine, per la diffusione e la crescita di una corretta cultura equestre nel
nostro Paese, oltre che di un’etica che va posta alla base di tutte le molteplici attività in cui gli equidi sono impiegati, è indispensabile l’educazione a partire dai più giovani. In questo contesto nasce il progetto “Io amo
i Cavalli” - presentato per la prima volta in occasione di Fieracavalli 2009
e riproposto nel 2010 presso il Padiglione del Bambino - rivolto proprio
alle classi primarie e secondarie di primo grado e finalizzato alla promozione, attraverso uno specifico percorso ludico-didattico, della salute
psicofisica del bambino attraverso corretti stili di vita ed un approccio
positivo con il cavallo che parta dal rispetto e dalla conoscenza di questo
splendido animale che ha affiancato l’uomo nella storia.

Codice per la tutela
e la gestione degli equidi.
Principi generali
Il codice fornisce i criteri essenziali per la corretta gestione degli equidi,
secondo la buona prassi e comportamenti etici, a tutela della salute e del
benessere degli stessi.
Il codice si applica alle seguenti specie: cavalli, pony, asini, muli e bardotti.
Il codice promuove la corretta relazione uomo-animale, nel rispetto della
dignità dell’equide come essere senziente.
È rivolto a tutti coloro che si occupano, a qualsiasi titolo, di equidi e si
propone di diffondere una corretta cultura equestre.
Agli equidi vanno riconosciute importanti funzioni sociali, formative,
sportive, agonistiche, ludiche e terapeutiche e chi, a qualsiasi titolo, li
detiene ne accetta i doveri di cura e custodia assumendone la piena responsabilità.
Il proprietario e colui che detiene l’equide a qualsiasi titolo (detentore) sono responsabili del benessere, del controllo e della conduzione
dell’animale e rispondono, sia civilmente che penalmente dei danni o lesioni a persone, animali e cose provocati dall’animale stesso.
L’operato di tutti coloro che si occupano di equidi a qualsiasi titolo deve
essere orientato allo sviluppo dell’eccellenza delle attività e delle professionalità coinvolte, anche attraverso il parametro essenziale della tutela
del benessere degli animali.
Il codice fissa parametri di qualità che costituiscono i “livelli essenziali di
benessere per l’animale” che devono essere garantiti in termini di civiltà
e rispetto delle norme di legge contro il maltrattamento.

1. Detenzione degli equidi
Il proprietario e il detentore devono considerare le esigenze etologiche e
fisiologiche dell’equide provvedendo al suo benessere, alla sua idonea sistemazione, fornendo alimentazione e cure.
Gli equidi devono essere accuditi da persone in possesso di adeguate capacità e competenze in qualsiasi cotesto; nell’ambito di attività economiche,
nell’allevamento e nelle scuderie deve essere previsto personale in numero
sufficiente. Deve essere altresì assicurata l’ispezione e la cura degli animali
a intervalli adeguati e non meno di una volta al giorno al fine di provvedere
ai loro bisogni essenziali.
Devono essere evitate pratiche di allevamento, addestramento e utilizzo
che causino agli animali sofferenze o lesioni, che li pongano stato d’ansietà
o ne ledano la dignità.
L’alimentazione e la cura sono adeguati se, alla luce delle conoscenze
scientifiche di medicina veterinaria, rispondono alle esigenze degli equidi.

1.1 Alimentazione e stato di nutrizione
La corretta alimentazione è fondamentale per mantenere l’equide nelle
condizioni ottimali, deve essere di qualità adeguata e in quantità sufficiente
e va predisposta in considerazione alle caratteristiche di specie, di razza e
in relazione al fabbisogno metabolico.
Gli equidi sono erbivori che vanno alimentati con moderate quantità di cibo
somministrato più volte al giorno e riforniti in modo permanente di acqua.
Nella razione alimentare vanno assicurate le giuste proporzioni tra gli alimenti (erba, fieno, fieno insilato, mangimi, etc.) in base alle esigenze della
specie, a quelle fisiologiche e all’attività svolta, anche al fine di evitare l’insorgere di eventuali patologie.
I foraggi e i mangimi devono essere di buona qualità e correttamente conservati.
Un buon pascolo può assicurare un importante apporto di fibre e di minerali, ma in caso di scarsità di erba è necessario integrare la dieta dell’equide
con ulteriori alimenti.
Mangime e foraggio ammuffito o stantio non possono essere somministrati.
Gli equidi non possono essere sottoposti a lavori intensi subito dopo la
somministrazione di cibo.
Le attrezzature per la somministrazione di alimenti e di acqua vanno progettate, costruite e installate in modo da ridurre al minimo le possibilità di
contaminazione e non devono potenzialmente rappresentare per gli animali
motivo di difficoltà gestionale o causa di lesioni.
Nel caso di equidi nutriti in gruppo le mangiatoie devono essere tali da
garantire la possibilità di alimentazione per ciascun animale e ridurre al

minimo i rischi di conflitto o competizione.
Il peso e lo stato di nutrizione di ogni equide vanno regolarmente monitorati al fine di individuare tempestivamente cali ponderali quali indicatori di
malessere o patologia. Qualunque variazione nella dieta, sia per qualità o
quantità, deve avvenire in modo graduale, anche al fine di evitare eventuali
patologie correlate.
Sono allegate al presente codice le tabelle indicative per la valutazione dello
stato nutrizionale degli equidi.

1.2 Acqua
Gli equidi necessitano quotidianamente di una elevata quantità di acqua
che varia a seconda del singolo soggetto, dell’attività e della temperatura
esterna; devono pertanto avere una costante disponibilità di acqua fresca,
pulita, priva di residui e sostanze estranee che ne alterino sapore ed odore.
Anche nel caso di equidi detenuti all’aperto l’accesso alle fonti di acqua
deve essere agevole e l’acqua deve essere in quantità e di qualità adeguata.
Gli abbeveratoi e i contenitori di acqua vanno puliti con regolarità. Nel caso
di equidi scuderizzati l’erogatore automatico di acqua va previsto in ogni
box.

1.3 Gestione e cura
Il proprietario e il detentore sono tenuti a verificare la salute e il benessere
dell’equide nonché lo stato e l’efficienza delle strutture, delle attrezzature
e degli impianti, sia automatici che meccanici e ad ispezionare gli stessi
almeno una volta al giorno.
Qualora si rilevino difetti di funzionamento si deve provvedere prontamente
alla loro riparazione e nel frattempo approntare adeguate misure per salvaguardare la salute e il benessere dell’animale. Le attrezzature e i diversi
accessori devono essere posizionati in modo da non provocare lesioni agli
equidi e, se accessibili, devono essere privi di asperità o spigoli appuntiti o
taglienti.
Il proprietario e il detentore devono assicurare adeguate cure agli animali
malati o feriti, ricorrendo all’intervento del medico veterinario quando necessario e sono responsabili dell’attuazione delle cure sanitarie e dei trattamenti prescritti.
L’utilizzo e la detenzione dei farmaci veterinari deve avvenire conformemente alle disposizioni previste dal decreto legislativo 6 aprile 2006, n. 193
recante codice comunitario dei medicinali veterinari e successive modificazioni e integrazioni (G.U. Serie Generale n. 121 del 26 maggio 2006).
Il proprietario e il detentore devono provvedere a:
a) assicurare la regolare igiene e pulizia degli spazi di dimora degli equidi;

b) assicurare un riparo idoneo, integro, pulito e proporzionato alle dimensioni dell’animale;
c) consentire all’equide un regolare esercizio fisico;
d) adottare le precauzioni necessarie per evitare la fuga.
Gli equidi sono animali che in natura vivono in branco e preferibilmente in
gruppi sociali. Dovrebbero poter socializzare con membri della loro stessa
specie ma, ove ciò non sia possibile, altri animali possono essere impiegati
per dar loro compagnia.
Nella formazione di nuovi gruppi occorre prestare attenzione alla compatibilità dei diversi componenti ed è indispensabile separare i soggetti incompatibili.
Va garantita la libertà di movimento propria dell’animale che non deve essere limitata in modo tale da causare all’equide inutili sofferenze o lesioni.
Qualora gli equidi siano custoditi all’interno di un box va prevista la fruizione quotidiana di un paddock compatibile con le caratteristiche morfologiche e della razza nonché la possibilità di regolare esercizio fisico.
La scuderizzazione permanente in posta risulta inadeguata ed è pertanto
consigliabile che gli equidi siano scuderizzati in box. Gli equidi, ad esclusione di quelli detenuti all’aperto, vanno puliti e strigliati regolarmente e si
deve inoltre provvedere alla regolare cura e pareggio dei piedi.

1.4 Impianti per la detenzione degli equidi
Gli impianti per la detenzione degli equidi devono coniugare le vigenti disposizioni di legge in materia di urbanistica, edilizia, igiene pubblica, prevenzione e sicurezza con le esigenze etologiche, fisiologiche e di tutela
della salute e del benessere degli equidi.
Tutti i materiali utilizzati per la costruzione dei locali di stabulazione o che
direttamente o indirettamente vengono a contatto con gli equidi, devono
essere tali da minimizzare i rischi fisici, chimici, biologici e tossicologici.

1.4.1 Requisiti essenziali per gli impianti di

scuderizzazione permanenti
Per strutture permanenti si intendono le strutture fisse ove sono ricoverati
equidi per qualsivoglia attività.
Le aree di scuderizzazione vanno realizzate ed attrezzate in modo da consentire la permanenza degli equidi e lo svolgimento delle attività con gli
equidi in condizione di
sicurezza ed igiene sia per gli animali che per gli utenti.

1.4.2 Spazi per la stabulazione dei cavalli
Le strutture vanno realizzate in materiali idonei tali da resistere e proteggere gli animali dagli eventi atmosferici nonché garantire un adeguato isolamento termico.
Le pareti devono avere caratteristiche di particolare resistenza agli urti e ai
calci degli animali, soprattutto nella parte inferiore e comunque almeno fino
ad un’altezza di mt. 1,20.
Nel caso in cui non sia prevista una parete piena al di sopra di mt 1,20, le
eventuali pareti grigliate o con sbarre, devono essere concepite in modo
tale da non consentire il passaggio dell’arto del cavallo.
Le pareti dovranno essere impermeabili, lisce e senza asperità, facilmente
lavabili e disinfettabili.

1.4.3 Pavimentazione
Tutte le pavimentazioni calpestabili destinate ai cavalli devono essere non
sdrucciolevoli, con una pendenza moderata e tale da consentire il drenaggio e una facile pulizia delle superfici.

1.4.4 Porte di accesso
Le porte di accesso dovrebbero essere di altezza non inferiore a mt 3, di
Le porte di accesso dovrebbero essere di altezza non inferiore a mt 3, di
dimensioni non inferiori a mt 1.20 di larghezza e provviste di una porta
inferiore e di una porta superiore, con spigolo stondati; la porta inferiore
dovrebbe avere un’altezza tale che il cavallo o il pony possa agevolmente
guardare all’esterno.
Le porte dovranno aprirsi o scorrere all’esterno ed essere provviste di meccanismi per assicurare la chiusura ma tali da garantire un’apertura veloce in
caso di evacuazione degli animali per emergenza.
Non è opportuno predisporre file parallele di box in numero superiore a
dieci. In caso di file di numero superiore sarà necessario interrompere la
successione e prevedere vie di fuga tra i blocchi di box.
È consigliabile che ogni box garantisca l’affaccio verso l’esterno del cavallo
con finestra dotata di sportello di chiusura.

1.4.5 Copertura
Il tetto deve garantire un’idonea protezione e coibentazione ed essere posto ad un’altezza tale da permettere adeguata ventilazione e comunque non
inferiore a mt 3.

1.4.6 Finestre

1.4.12 Dimensione dei box

Le finestre devono garantire adeguata luminosità e circolazione di aria. Nel
caso in cui le finestre siano accessibili agli equidi, si consiglia l’utilizzo di
materiali infrangibili oppure la predisposizione di griglie poste a protezione.

Il box deve avere spazio sufficiente per consentire all’equide di sdraiarsi,
rialzarsi agevolmente e girarsi comodamente.

Va prevista la ventilazione naturale o forzata nei locali di detenzione degli
equidi tale da non creare correnti d’aria dirette sugli equidi. Le aperture destinate all’aereazione devono essere proporzionali al volume della struttura. Un’adeguata pulizia e ventilazione delle scuderie dovrebbero consentire
la riduzione al minimo delle polveri.

La misure minime sono le seguenti:
- cavalli 3.00m x 3.00m (Misure maggiori andrebbero adottate per cavalli
di taglia grande)
- pony 2,80m x 2,80m (Misure inferiori potranno essere adottate per pony
di piccola taglia)
Per i box da parto e le fattrici con puledro andrebbero previsti spazi non
inferiori a 3.00 m x 4.00 m.
I corridoi che conducono ai box dovrebbero essere sufficientemente ampi
da consentire un accesso comodo e sicuro.

1.4.8 Temperatura

1.4.13 Lettiera

Nelle aree di scuderizzazione dovrebbe essere garantita una temperatura
compresa tra 0° e 35°C ed in situazioni metereologiche particolari vanno
assunte misure a tutela degli equidi anche attraverso una ventilazione forzata.

La lettiera deve essere costituita da materiale idoneo, atossico e possibilmente esente da polveri e muffe, mantenuta pulita ed in condizioni igieniche adeguate, asciutta ed in quantità sufficiente, tale da assicurare protezione contro lesioni e consentire al’equide di sdraiarsi comodamente.

1.4.9 Rumore

1.5 Requisiti essenziali per gli impianti
di scuderizzazione provvisori

1.4.7 Ventilazione

Gli equidi non vanno sottoposti a rumori eccessivi per un periodo prolungato.

1.4.10 Illuminazione e impianti elettrici
Gli animali custoditi nei box e nelle scuderie non possono essere tenuti né
costantemente al buio né costantemente esposti ad illuminazione artificiale.
Al fine di consentire l’ispezione completa degli animali va prevista un’adeguata illuminazione fissa o mobile e ogni box dovrebbe essere dotato di
impianto di illuminazione. Gli impianti elettrici vanno predisposti in maniera tale da non essere accessibili agli equidi e prevedere un numero adeguato di prese di corrente.

1.4.11 Impianti tecnici
Sono compresi tra gli impianti tecnici, gli impianti elettrici, gli impianti di
allarme e rilevazione antincendio, l’impianto idrico e l’impianto antincendio
e di videosorveglianza. Gli impianti tecnici dovranno essere realizzati in
conformità alla vigente normativa di legge.

Nel caso di manifestazioni sportive, fiere, mostre, rassegne, etc., possono
essere predisposte strutture provvisorie per la scuderizzazione degli equidi
che devono comunque essere idonee a garantire la tutela del loro benessere, salute e sicurezza.
Gli impianti dovrebbero avere caratteristiche di facile e veloce montaggio e
smontaggio utilizzando adeguati sistemi di aggancio che ne garantiscano
la solidità e l’incolumità per persone e animali.

1.5.1 Coperture dei box
Le coperture dei box vanno realizzate con materiali resistenti agli eventi
atmosferici, ancorati alle strutture portanti e di adeguate pendenze, sollevati rispetto ad almeno una delle pareti verticali, in modo da permettere il
naturale ricircolo dell’aria tra box e box.
Sono sconsigliabili coperture in teli di pvc, policarbonato, vetro e simili.
Le coperture vanno debitamente ancorate alla struttura portante e andrebbero

coibentate con materiale isolante atossico e privo di sostanze dannose per
l’ambiente. In caso di realizzazione di più box affacciati su corridoio interno
(il corridoio non potrà avere larghezza inferiore a mt. 3,00 ed altezza inferiore a mt. 2,80), detti corridoi dovrebbero essere protetti dalle intemperie
e dagli agenti atmosferici e comunque garantire una sufficiente aerazione. I
box affacciati all’esterno dovranno avere uno sporto di copertura non inferiore a mt. 1,20 ed altezza da terra non inferiore a mt. 2,80 (misura sotto il
livello inferiore della grondaia).
Non sono ammissibili file parallele di box accostati superiori a dieci. In caso
di file superiori va interrotta successione prevedendo vie di fuga tra i diversi
blocchi di box.

1.5.2 Pareti di tamponamento
Devono essere ancorate e/o incorporate con le strutture portanti e realizzate in materiale adeguatamente resistente alle intemperie e alle condizioni
atmosferiche.
Dovrebbero avere caratteristiche di particolare resistenza agli urti e ai calci
degli animali, soprattutto nella parte inferiore delle pareti e comunque per
un’altezza non inferiore a mlt 1,20.
Per la parte superiore a mt 1,20 si rimanda a quanto indicato per le strutture
permanenti.
Dovrebbero, inoltre, avere caratteristiche di impermeabilità, essere lisce e
senza asperità, facilmente lavabili e disinfettabili, di altezza non inferiore a
mt. 2,80.
All’interno dei box e comunque in ogni locale non dovrebbero essere presenti superfici sporgenti ad eccezione di mangiatoie e beverini.
Impianti quali rubinetti, prese elettriche, interruttori, etc, non dovrebbero
essere posizionati in luoghi accessibili dal cavallo.

1.5.3 Porte
Le porte di accesso dovrebbero avere dimensioni non inferiori a mt. 1,20 di
larghezza e a mt. 2,80 di altezza, aprirsi o scorrere sempre verso l’esterno.
E’ auspicabile garantire la possibilità di affaccio all’esterno all’animale scuderizzato.

1.5.4 Pavimentazioni
I box dovrebbero essere realizzati ed installati su superfici stabili.

Le pavimentazioni dovrebbero avere adeguate pendenze per permettere lo
scolo delle acque meteoriche e non presentare pozzetti o griglie di scarico
in aree potenzialmente pericolose per gli equidi.
Non è consigliabile l’allestimento di box, seppure in via provvisoria, sul
terreno vegetale naturale.

1.5.5 Ubicazione dei box
I box dovrebbero essere posizionati su superfici piane ed installati su fondi
asciutti e rilevati rispetto al terreno circostante in modo da evitare in caso
di pioggia l’allagamento, anche parziale, delle lettiere. Dovrebbero essere
posizionati preferibilmente in aree d’ombra in modo da garantire una maggiore protezione dall’irraggiamento solare.

1.5.6 Accessori
E’ auspicabile l’istallazione all’interno di ogni box di beverino automatico.
Dovrebbe essere garantita una illuminazione artificiale almeno ogni due
box.

1.5.7 requisiti
Gli impianti degli ambienti di scuderizzazione provvisoria dovrebbero essere in possesso di requisiti analoghi a quelli previsti per le strutture fisse.

1.6 Detenzione degli equidi in aree all’aperto
Gli equidi detenuti all’aperto dovrebbero disporre di un’adeguata protezione,
naturale o artificiale che offra riparo dalle intemperie.
Per il ricovero permanente all’aperto l’area a disposizione deve essere proporzionale al numero degli equidi e non inferiore a mq 800 per animale e
disporre di adeguate risorse alimentari naturali o approvvigionate.
Le aree dovrebbero essere dotate di fondo tale da consentire il drenaggio
delle acque piovane, di zone d’ombra e di tettoia tamponata almeno sui tre
lati esposti ai venti prevalenti.
Per il ricovero temporaneo, è sufficiente un’area più piccola, comunque non
inferiore a mq 200 per equide.
Una corretta gestione dell’area all’aperto dovrebbe prevedere la raccolta
delle fiande, la rotazione delle aree di pascolo, lo spostamento degli equidi
quando il terreno è troppo umido, la movimentazione del terreno per aiutare

il contenimento dei parassiti. le aree devono essere bonificate da oggetti
potenzialmente pericolosi.
Dovrebbe essere esclusa la presenza di piante velenose.
I cavalli tenuti costantemente in aree all’aperto dovrebbero essere controllati
periodicamente, almeno una volta al giorno.

1.7 Recinzioni
Le recinzioni dovrebbero essere sufficientemente solide e di una altezza
adeguata ad impedire la fuga dell’animale, realizzate con materiali idonei e
mantenute in modo tale da non provocare danni agli animali.
Fili spinati o reti per ovini non dovrebbero essere usati nelle aree che ospitano equidi e qualora sia utilizzato filo metallico devono essere prese misure
atte ad assicurare che sia sufficientemente visibile. Le staccionate dovrebbero essere realizzate con un’altezza minima di m. 1,20, tuttavia diversi
criteri possono essere utilizzati per pony e cavalli interi. La filagna inferiore
può essere posta a m. 0,5 dal suolo.
Per i cavalli interi dovrebbe essere prevista una doppia linea di staccionata
e, in alcuni casi, una delimitazione elettrificata lungo la parte superiore
della palizzata. La recinzione elettrica può essere utilizzata per divisioni
temporanee interne ma non come unico sistema di delimitazione perimetrale
dell’area dedicata.
Le uscite dovrebbero essere progettate in modo da permettere un facile e
sicuro passaggio dei cavalli.
I cancelli vanno chiusi e assicurati saldamente.

1.8 Equidi legati
La pratica di legare l’equide in aree all’aperto, assicurandolo ad un punto
in modo che sia confinato in determinato spazio, può essere adottata solo
per un breve periodo di tempo e sotto la costante supervisione da parte del
detentore. In ogni caso gli equidi vanno legati utilizzando metodi di sicurezza solo per il tempo strettamente necessario e sotto costante vigilanza
del detentore.

2. Allevamento, addestramento e lavoro
Nell’ambito delle diverse attività che coinvolgono gli equidi il detentore
deve indirizzare le sue scelte verso le metodiche più rispettose del benessere dell’animale.

E’ altresì compito del detentore:
a. verificare che gli equidi che lavorano abbiano adeguati periodi di riposo
anche attraverso turnazioni;
b. verificare che le attrezzature utilizzate per il lavoro e l’addestramento
degli equidi siano tali da non provocare danni agli animali.
La doma e l’addestramento dell’equide devono avvenire nel rispetto delle
esigenze fisiologiche ed etologiche dell’equino.
Gli equidi richiedono di essere gestiti da personale competente, capace di
instaurare una relazione di rispetto reciproco e sono particolarmente sensibili agli stimoli positivi.
Sono da evitare metodi, prassi o azioni, anche apparentemente neutri, che
possono mettere in una condizione di sofferenza l’equide.

2.1 Allevamento
I metodi di allevamento e di riproduzione devono garantire agli equidi e ai
loro prodotti del concepimento condizioni di benessere nel rispetto delle
caratteristiche fisiologiche ed etologiche degli animali.
Fatte salve esigenze sanitarie certificate da un medico veterinario è opportuno
attendere almeno il compimento del quinto mese di vita per separare il puledro dalla fattrice.

2.2 Aree di lavoro e di gara
2.2.1 Requisiti essenziali dei campi, delle piste

e delle aree dI lavoro
Le aree di lavoro devono essere di dimensioni idonee all’attività e al numero
degli equidi impegnati e delimitate con recinzioni idonee.
I fondi devono:
a. essere tali da assorbire le sollecitazioni indotte dall’equide e le possibili
cadute del cavaliere o del fantino
b. essere privi di asperità che potrebbero provocare traumi
c. avere un drenaggio efficace
d. essere tali da evitare il sollevamento di eccessive polveri
e. essere regolari nella composizione e privi di materiali estranei o di inerti.

2.2.2 Requisiti essenziali delle aree per il lavoro
del cavallo alla corda

Gli equidi andrebbero sempre dissellati quando non lavorano per più di
un’ora.

L’area utilizzata per lavorare il cavallo alla corda dovrebbe avere un diametro minimo di mt 15 ed un fondo regolare come descritto nel precedente
paragrafo.

3. Documenti d’identità degli equidi

2.2.3 Requisiti dei campi, delle piste e delle aree
di gara
Le caratteristiche dei campi, delle piste e delle aree di gara sono indicate
nell’ambito dei regolamenti e normative degli enti tecnico-sportivi di riferimento, ossia l’Unione Nazionale Incremento Razze Equine (U.N.I.R.E.) per
le attività ippiche e la Federazione Italiana Sport Equestri (F.I.S.E.) per le
attività equestri.

2.3 Manifestazioni con equidi che si svolgono al
di fuori degli impianti e di percorsi
ufficialmente autorizzati
I requisiti di sicurezza e salute per fantini, cavalieri ed equidi nell’ambito di
manifestazioni pubbliche o private nelle quali vengono utilizzati equidi al di
fuori degli impianti e dei percorsi ufficialmente autorizzati dall’Unione Nazionale Incremento Razze Equine (UNIRE), dalla Federazione Italiana Sport
Equestri (FISE), dalla Federazione Equestre Internazionale (FEI) e dalle Associazioni da queste riconosciute nonché da Associazioni o enti riconosciuti
dal CONI, ad eccezione di mostre, sfilate e cortei sono indicati nell’ordinanza 21 luglio 2009 del Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche
Sociali, in vigore dal 7 settembre 2009.

2.4 Bardatura e finimenti
La bardatura e i finimenti dovrebbero essere adatti allo scopo, ovvero commisurati ai bisogni e al tipo di lavoro dell’equide nonché alla competenza
del cavaliere.
Devono essere adeguati nella misura, tenuti in ordine e regolarmente puliti
in modo da assicurare la comodità, la sicurezza e l’efficacia. E’ vietato l’uso
di bardature e finimenti tale da causare lesioni o sofferenze all’animale.
Fasce e stinchiere da lavoro, se utilizzate, devono essere adatte allo scopo,
messe correttamente per evitare disagi o lesioni e lasciate per il minimo
tempo necessario.

Il Regolamento (CE) n. 504/2008, in applicazione dal 1° luglio 2009, definisce le modalità di identificazione degli equidi e prevede che ogni animale
sia identificato con un numero univoco riportato sul documento d’identità.
Il documento d’identità deve accompagnare l’equide in tutti i suoi spostamenti.

4. Trasporto degli equidi
Il trasporto degli animali, ivi comprese le fasi di carico e scarico, deve svolgersi nel rispetto del Regolamento (CE) n. 1/2005 e successive integrazioni
ed essere adeguato alle esigenze fisiologiche, morfologiche ed etologiche
dell’equide, evitando ogni sofferenza e svolgersi con le debite cure e senza
inutili ritardi.

5. Eutanasia
L’eutanasia deve essere eseguita esclusivamente da un medico veterinario
in base al protocollo internazionale che prevede l’anestesia profonda prima
della somministrazione del farmaco eutanasico.

6. Formazione
Va promossa la formazione del personale che, a vario titolo, svolge attività
lavorativa con gli equidi.
Si ritiene opportuno un attestato di idoneità per i responsabili di strutture
che coinvolgono la gestione degli equidi. Tutti coloro che a vario titolo sono
coinvolti nelle diverse attività con gli equidi sono tenuti a porre in essere e
diffondere condotte etiche, responsabili e rispettose degli equidi.
Chiunque sia a conoscenza di maltrattamenti o comportamenti che ledano
la dignità degli equidi deve provvedere tempestivamente a darne tempestiva
segnalazione al personale preposto e alle autorità competenti.

Metodo per valutare la condizione corporea di un cavallo
(Body Condition Score)
0.
1.
2.
3.
4.
5.

sottopeso, cachettico
molto magro
magro
in forma
grasso
obeso

1. SOTTOPESO

(basato sul metodo Carroll & Huntington) – Copyright NEWC Aprile 2003
Per ottenere il punteggio, in primo luogo assegnare il punteggio alla zona
pelvica poi arrotondare di mezzo punto se differisce di un punto o più rispetto a schiena o collo.
PELVI

SCHIENA E COSTOLE

COLLO

1.
sottopeso,
cachettico

Spigoloso, pelle tesa.
Pelle tesa sulle costole.
Linea dorsale acuta e
Posteriore molto incavato.
Profonda cavità sotto la coda. molto prominente.

Collo da pecora pronunciato
Stretto e debole alla base.

2.
molto
magro

Pelvi e groppa prominenti.
Posteriore incavato ma la
pelle non è tesa. Profonda
cavità sotto la coda.

Costole facilmente visibili.
Linea dorsale prominente
con pelle infossata su
entrambi i lati.

Collo da pecora, base stretta
e debole.

3.
magro

Posteriore piatto su
entrambi i lati della linea
dorsale. Groppa
ben definita, qualche
carnosità. Piccola cavità
sotto la coda.

Costole appena visibili. La
linea dorsale è coperta
ma le singole vertebre
possono essere
apprezzate.

Sottile ma solido.

4.
in forma

Carnose e rotondeggianti.
Non c’è formazione di
pliche. Pelvi facilmente
apprezzabili.

Costole appena ricoperte e
facilmente apprezzabili.
Non c’è formazione di
pliche lungo la schiena. La
linea dorsale è ben
coperta ma le singole
vertebre possono essere
apprezzate

Non c’è accumulo adiposo
sotto la criniera (eccetto
che per gli stalloni) collo
solido

5.
grasso

Pliche alla radice della coda.
Pelvi coperte di grasso,
occorre premere
notevolmente per
apprezzarle.

Costole ben ricoperte occorre premere
per apprezzarle

Leggero accumulo adiposo
sotto la criniera.
Ampio e solido.

6.
obeso

Marcata pliche alla base della Costole nascoste, non
possono essere
coda.
apprezzate. Marcata
Pelle distesa.
formazione di pliche
Pelvi coperte, non
lungo la schiena.
possono essere
Schiena ampia e piatta.
apprezzate.

Marcato accumulo adiposo
sotto la criniera molto
ampio e solido.
Plica di adipe.

 

2. MOLTO MAGRO

3. MAGRO

4. IN FORMA

5. GRASSO

6. OBESO

Metodo per valutare la condizione corporea di un asino
(Body Condition Score)
1.
2.
3.
4.
5.

sottopeso, cachettico
moderatamente magro
ideale
grasso
obeso

I depositi di adipe possono essere distribuiti in modo difforme specialmente sul collo e nei posteriori. Alcuni depositi di adipe resistente possono
essere conservati nell’evenienza di perdita ponderale e/o possono calcificarsi (indurimento). Un’attenta valutazione di tutte le aree deve essere
effettuata,valutazioni che andranno combinate per avere il punteggio totale.
Mezzo punto può essere assegnato quando gli asini cadono a metà dei
punteggi. La valutazione può essere difficile nel caso di asini anziani in ragione della loro mancanza di massa muscolare e di tono che dà l’apparenza
di magrezza dorsale con area ventrale della regione addominale pendente
benché la condizione d’insieme può essere moderata.

1. SOTTOPESO

COLLO/SPALLE

5. OBESO

3. IDEALE

COSTOLE/
ADDOME
Linea dorsale del Le costole
garrese
possono essere
prominente
visibili a
e facilmente
distanza e
apprezzabil
facilmente
e
apprezzabili.
Addome
retratto.

SCHIENA/
LOMBI
Linea dorsale
prominente
e processi
trasversi
facilmente
apprezzabili

QUARTI POSTERIORI

1.
sottopeso,
cachettico

Collo sottile con
strutture ossee
facilmente
apprezzabili. Il
collo si inserisce
nella spalla in
modo brusco.
Strutture ossee
della spalla
facilmente
apprezzabili,
spigolose

2.
moderata
mente
magro

Lieve sviluppo
muscolare sulle
strutture ossee.
Piccolo gradino
nell’inserzione
del collo sulla
spalla

Linea del garrese
leggerment
e ricoperta.
I processi
spinosi sono
apprezzabili ma
non prominenti.

Costole non
visibili ma
facilmente
apprezzabi
li

Processi
spinosi in
area dorsale e
trasversi
apprezzabili
con lieve
pressione.
Lieve sviluppo
muscolare su
entrambi i lati
della linea
mediana

Scarsa trofia muscolare
nel treno posteriore,
ossa iliaco e ischio
apprezzabili facilmente

3.
ideale

Buon sviluppo
muscolare, le
ossa sono
apprezzabili
sotto un leggero
strato
muscolare/adip
oso.
Il collo si inserisce
in modo fluido
sulla spalla che
appare
rotondeggiante

Buona copertura
di
muscolo/adipe
sui processi
spinosi dorsali,
il garrese si
inserisce
uniformemente
nella schiena

Costole ricoperte
da un sottile
strato
adiposo/muscol
ar e, le costole
possono essere
apprezzate con
una leggera
pressione.
Addome solido
con un buon
tono muscolare
e profilo piatto.

Non sono
apprezzabili i
processi
spinosi in area
dorsale
e trasversi. È
buono lo
sviluppo
muscolare su
entrambi i
lati della
linea
mediana

Buona trofia muscolare
del treno posteriore,
ossa Iliaco e ischio
rotondeggianti in
apparenza, possono
essere apprezzabili
con una lieve
pressione.

4.
grasso

Collo spesso,
accumulo adiposo
sotto la criniera
duro, spalla coperta
da uno strato
adiposo uniforme

Ampio garrese,
le
ossa possono
essere
apprezzate
tramite una
pressione decisa.

Costole in area
dorsale
apprezzabili solo
tramite una
pressione decisa,
costole dell’area
ventrale possono
essere
apprezzate più
facilmente.
Accumulo
adiposo in area
addominale.

solo tramite
una pressione
decisa possono
essere
apprezzati i
processi
spinosi in area
dorsale
e trasversi.
Leggera piega
lungo la linea
mediana

Treno posteriore
rotondeggiante, le ossa
possono essere
apprezzate solo tramite
una pressione decisa.
Depositi adiposi
uniformemente
distribuiti

5.
obeso

Collo spesso,
Garrese ampio,
prominente
ossa non più
accumulo adiposo palpabili
sotto la criniera che
può ripiegarsi su
un lato. Spalla
rotondeggiante e
prominente di
grasso.

Ampi depositi di
grasso spesso
difformi coprono
le aree dorsale e
anche ventrale
delle costole.
Costole non
palpabili.
Addome
pendente in
larghezza e
verso il basso

Ampia schiena,
non è possibile
palpare i
processi
spinosi o
trasversi.
Profonda piega
lungo la linea
mediana con
depositi
adiposi
prominenti su
entrambi i lati.

Non sono palpabili le
ossa iliaco e ischio,
depositi adiposi
possono pendere su
ambedue i lati
dell’attaccatura della
coda, l’adipe è spesso
difforme e prominente.

4. GRASSO

2. MODERATAMENTE
MAGRO

GARRESE

Articolazione delle
anche
visibili e facilmente
apprezzabili (garretto
e ileo ed
ischio).marcata
atrofia muscolare.
Può esservi cavità sotto
la coda

 

Carta etica per la tutela
del cavallo

Premesso che
Il Ministero della Salute svolge un ruolo di riferimento a livello nazionale
ed internazionale per quanto concerne la tutela della salute e del benessere
animale ed in questo ambito degli equidi.
La tutela ed il rispetto del cavallo devono costituire i principi etici alla
base di tutte le attività sportive, agonistiche e di allevamento che coinvolgono il cavallo, sia in ambito equestre che ippico.
Le attività equestri ed ippiche si differenziano dalle altre discipline perché
prevedono l’interazione tra due atleti: il cavaliere o il fantino e il cavallo.
Tutti coloro che praticano tali attività sono dunque chiamati, secondo un
principio di responsabilità, a compiere scelte etiche profonde che incidono sulla vita e sul destino di un altro essere vivente;
Le attività che coinvolgono il cavallo nei diversi ambiti, oltre che all’eccellenza sportiva, devono essere finalizzate alla promozione di una cultura
equestre quale strumento educativo e formativo ed alla eliminazione di
ogni forma di doping e maltrattamento del cavallo, di slealtà sportiva,
promuovendo di stili di vita sani e responsabili.
io sottoscritto

Mi impegno a
praticare tutte le attività che coinvolgono il cavallo secondo i principi etici
e morali di tutela e di rispetto del benessere del cavallo stesso;
procedere all’addestramento e allenamento del cavallo nel rispetto delle
sue caratteristiche etologiche, evitando l’utilizzo di mezzi e strumenti
coercitivi e l’uso della forza;
provvedere alle cure e alle terapie quando necessarie e quando indicate,
sospendendo l’attività del cavallo per tutto il tempo indispensabile al fine
di garantirne il completo recupero;
evitare in ogni modo il ricorso al doping e segnalare eventuali casi di maltrattamento e/o doping;
contribuire con il mio esempio e con la mia testimonianza alla promozione culturale del rispetto e della tutela del cavallo nonché delle buone
prassi nella disciplina dell’Endurance, affinché l’Italia possa essere una
nazione di esempio a tutto il mondo;
provvedere a garantire ai miei cavalli la non macellazione e condizioni di
vita adeguate, nel rispetto del loro benessere anche dopo la fine dell’attività sportiva e agonistica;
Sono consapevole che la sottoscrizione di tale documento è volontaria e,
per tale motivo, la sua violazione rappresenterebbe un atto particolarmente grave dal punto di vista morale.
Il Cavaliere

on. Francesca Martini
Sottosegretario di Stato alla Salute

Decreto istitutivo centro
di “pet therapy” e ippoterapia

(Gazzetta Ufficiale n° 225 del 28.9.2009)
Istituzione del Centro di referenza nazionale per gli interventi assistiti
dagli animali - pet therapy

IL MINISTRO DEL LAVORO, DELLA SALUTE
E DELLE POLITICHE SOCIALI
DECRETA
Art. 1
Presso la sede territoriale di Verona e Vicenza dell’Istituto zooprofilattico
sperimentale delle Venezie è attivato il «Centro di Referenza Nazionale per
gli interventi assistiti dagli animali - Pet therapy.».
Art. 2
Le principali attività del Centro di referenza nazionale di cui al precedente
articolo riguardano in via prioritaria:
a) la promozione della Ricerca per la standardizzazione di protocolli operativi per il controllo sanitario e comportamentale degli
animali impiegati nei programmi di IAA (interventi assistiti con gli animali);
b) il potenziamento delle collaborazioni fra medicina umana e veterinaria
per individuare sinergie operative e di ricerca in grado
di garantire un miglioramento dei risultati delle attività svolte nel settore di
interesse;
c) il miglioramento delle conoscenze circa l’applicabilità di tali interventi
in determinate categorie di pazienti (anziani, bambini affetti da autismo,
disabili
psichici);
d) l’organizzazione e gestione di percorsi formativi;
e) la raccolta di dati e la diffusione di informazioni alla comunità scientifica
internazionale.
Art.3
Presso la sede territoriale di Grosseto dell’Istituto zooprofilattico sperimentale delle Regioni Lazio e Toscana è attivato il «Centro di referenza nazionale per la medicina Forense Veterinaria».
Art. 4
Le principali attività del Centro di referenza nazionale di cui al precedente
articolo riguardano in via prioritaria:
a) lo sviluppo e la standardizzazione di tecniche di laboratorio e di tossicologia forense per:
1.
Il rilevamento delle sostanze tossiche utilizzate a scopo doloso;
2.
la determinazione delle cause di morte per dolo a carico di specie
selvatiche o domestiche, oggetto, a qualsiasi titolo, di misure di salvaguardia e protezione;

3.
le analisi comparative di campioni di tessuti freschi o congelati, di
sangue, peli o altro materiale organico appartenente a specie selvatiche
protette o di interesse venatorio, mediante tecniche di biologia molecolare,
per la repressione del bracconaggio;
4.
l’identificazione individuale (DNA typing), l’attribuzione della paternità, l’identificazione del sesso, il riconoscimento degli ibridi intraspecifici
mediante tecniche di genetica forense per la lotta al commercio clandestino
di animali selvatici;
b) l’organizzazione di corsi di formazione per il personale del Servizio sanitario nazionale e degli organi di polizia a livello territoriale per la standardizzazione dei rilievi di campo relativi ad indagini medico legali riguardanti
l‘uccisione di animali domestici e selvatici.
Art. 5
La denominazione del «Centro di referenza nazionale per l’epidemiologia,
la programmazione e l’informazione», attivato presso l’Istituto zooprofilattico sperimentale dell’Abruzzo e del Molise con decreto del Ministro della
sanità del 2 novembre 1991, è sostituita dalla seguente denominazione:
«Centro di referenza
nazionale per l’epidemiologia veterinaria, la programmazione, l’informazione e l’analisi del rischio».
Art. 6
Le principali attività del Centro di referenza nazionale di cui al precedente
articolo riguardano in via prioritaria:
a) lo svolgimento di analisi del rischio con particolare riferimento alla sanità
animale e alla sicurezza alimentare;
b) l’elaborazione e l’attuazione di programmi operativi finalizzati alla formazione del personale.
Art. 7
Alle spese di funzionamento dei centri di referenza di cui al presente decreto, gli Istituti zoo profilattici sperimentali titolari, provvedono con le quote
del Fondo sanitario nazionale annualmente assegnate.
Il presente decreto, inviato alla Corte dei conti per la registrazione, entra in
vigore il giorno della pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica
italiana.
Roma, 18 giugno 2009

per IL MINISTRO
il Sottosegretario di Stato
on. Francesca Martini

Registrato alla Corte dei conti il 21 agosto 2009 Ufficio di controllo preventivo sui Ministeri dei servizi alla persona e dei beni culturali, registro n. 5,
foglio n. 314

ORDINANZA
MANIFESTAZIONI POPOLARI

Ordinanza contingibile ed urgente concernente la disciplina di manifestazioni popolari pubbliche o private nelle quali vengono impiegati equidi, al
di fuori degli impianti e dei percorsi ufficialmente autorizzati.


IL MINISTRO DEL LAVORO,
DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI

Visto il testo unico delle leggi sanitarie approvato con regio decreto del 27
luglio 1934, n. 1256 e successive modifiche;
Visto il regolamento di polizia veterinaria approvato con decreto del Presidente della Repubblica 8 febbraio 1954, n. 320;
Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 28 febbraio
2003 concernente «Recepimento dell’Accordo Stato-Regioni del 6 febbraio
2003, recante disposizioni in materia di benessere degli
animali da compagnia e pet therapy», pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n.
52 del 4 marzo 2003;
Visto, in particolare, l’art. 8 del predetto Accordo del 6 febbraio 2003, il
quale da’ disposizioni in merito alle manifestazioni popolari con l’impiego
di equidi;
Considerato che nonostante il predetto Accordo non tutte le Regioni hanno
attuato quanto previsto;
Considerato il ripetersi di tali manifestazioni, anche su improvvisati circuiti
urbani del territorio nazionale, e di incidenti che mettono a repentaglio la
salute e l’integrita’ fisica degli animali nonche’ l’incolumita’ dei fantini e
degli spettatori presenti;
Ritenuto necessario prevedere norme urgenti a tutela della salute e del benessere degli equidi in parola;
Visto il decreto ministeriale 23 maggio 2008 recante «Delega delle attribuzioni del Ministro del lavoro, della salute e delle politiche sociali, per taluni
atti di competenza dell’Amministrazione, al Sottosegretario di Stato on.le
Francesca Martini», registrato alla Corte dei conti il 10 giugno 2008, registro n. 4, foglio n. 27;

ORDINA

Art. 1 Manifestazioni autorizzate
1. Le manifestazioni pubbliche o private nelle quali vengono utilizzati equidi
al di fuori degli impianti e dei percorsi ufficialmente autorizzati dall’Unione Nazionale Incremento Razze Equine (UNIRE), dalla Federazione Italiana
Sport Equestri (FISE), dalla Federazione Equestre Internazionale (FEI) e dalle
Associazioni da queste riconosciute nonche’ da Associazioni o Enti riconosciuti dal CONI, ad eccezione di mostre, sfilate e cortei, devono garantire
requisiti di sicurezza e salute per i fantini e per i cavalli, in conformita’ alle

previsioni di cui all’allegato alla presente ordinanza.

Art. 4 Disposizioni finali

2. Le manifestazioni di cui al comma 1, a tutela delle tradizioni, usi e consuetudini locali, devono essere autorizzate previa presentazione di una relazione tecnica del comitato organizzatore e previo parere favorevole della Commissione comunale o provinciale per la vigilanza di cui agli articoli
141, 141-bis e 142 del regio decreto 6 maggio 1940, n. 625, integrata da
un veterinario dell’azienda sanitaria locale territorialmente competente e
dal tecnico di cui alla lettera d) dell’allegato alla presente ordinanza. Detta
Commissione verifica il rispetto dei requisiti tecnici e delle condizioni essenziali finalizzate alla tutela dell’incolumita’ pubblica e del benessere degli
animali di cui all’allegato alla presente ordinanza.

1. La presente ordinanza ha efficacia di 24 mesi a decorrere dal giorno della
pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana.
La presente ordinanza e’ trasmessa alla Corte dei conti per la registrazione.
Roma, 21 luglio 2009
per IL MINISTRO
Il Sottosegretario di Stato
On.le Francesca Martini

Art. 2 Disposizioni per i cavalli e i fantinI
1. E’ vietato utilizzare per le manifestazioni di cui all’art. 1, comma 1, cavalli
di eta’ inferiore ai quattro anni.
2. E’ vietata la partecipazione alle manifestazioni di cui all’art. 1, comma 1,
dei fantini e dei cavalieri che abbiano riportato condanne per maltrattamento o uccisione di animali, spettacoli o manifestazioni vietati, competizioni
non autorizzate e scommesse clandestine di cui agli articoli 544-bis, 544ter, 544-quater, 544-quinquies e 727 del codice penale, in cui si evidenzi
uso di sostanze stupefacenti o dopanti attraverso controlli a campione nonche’ risultino positivi ad alcol test a campione prima della gara in base alle
norme attualmente vigenti.
3. E’ vietato l’uso degli aiuti in modo improprio o eccessivo tale da provocare sofferenza all’animale.
4. Il comitato organizzatore e’ responsabile dell’applicazione del presente
articolo.

Art. 3 Sostanze ad azione dopante
1. E’ vietato il trattamento degli equidi con sostanze che esplicano azione
dopante.
2. Il Ministero del lavoro, della salute e delle politiche sociali, entro 180 giorni
dall’entrata in vigore della presente ordinanza, emana le linee guida volte
all’individuazione delle sostanze ad azione dopante, tenendo conto di quelle
considerate tali dagli organismi tecnico-sportivi di riferimento UNIRE, FISE e
FEI, nonché alla prevenzione e al controllo del doping con modalità a campione

Registrato alla Corte dei conti il 21 agosto 2009 - Ufficio di controllo preventivo sui Ministeri dei servizi alla persona e dei beni culturali, registro n.
5, foglio n. 315

Allegato A
Requisiti tecnici e condizioni essenziali per la tutela dell’incolumità
pubblica e del benessere degli animali
a) Il tracciato su cui si svolge la manifestazione deve garantire la sicurezza
e l’incolumità dei fantini, dei cavalieri e degli equidi nonché delle persone
che assistono alla manifestazione.
b) Il fondo delle piste o dei campi su cui si svolge la manifestazione deve
essere idoneo ad attutire l’impatto degli zoccoli degli equidi ed evitare scivolamenti.
c) Il percorso deve essere protetto con adeguate paratie tali da attutire
eventuali impatti o cadute.
d) Il tecnico di cui all’articolo 1, comma 2 è abilitato attraverso specifico
percorso formativo certificato dagli Enti tecnico-sportivi di riferimento e
inserito in apposito elenco tenuto dagli stessi.
e) La ASL competente per territorio garantisce la presenza di un veterinario
ufficiale durante lo svolgimento della manifestazione.
f) Il comitato organizzatore deve garantire le condizioni di sicurezza per la
salute degli equidi durante tutta la manifestazione attraverso la presenza
di: un medico veterinario ippiatra che attua altresì un’ispezione veterinaria
preventiva e certifica l’idoneità degli equidi, un’ambulanza veterinaria per
equini o di un mezzo di trasporto cavalli idoneo e la disponibilità di una
struttura sanitaria veterinaria di riferimento.
g) Per poter essere ammessi alla manifestazione gli equidi devono essere in
buono stato di salute e regolarmente identificati e registrati ai sensi della
normativa vigente. I requisiti di identificazione e certificazione degli equidi
sono verificati dal veterinario ufficiale.
(L’Ordinanza è in vigore dal 7.9.2009 al 6.9.2011)

Ordinanza anemia infettiva
Piano di sorveglianza nazionale per l’anemia infettiva
degli equidi
(Gazzetta Ufficiale n° 219 del 18.9.2010)

IL MINISTERO DELLA SALUTE
VISTO l’art. 32 della Costituzione;
VISTO il regolamento di polizia veterinaria, approvato con decreto del
Presidente della Repubblica 8 febbraio 1954, n. 320 e successive modifiche e integrazioni;
VISTO l’art. 32 della legge 23 gennaio 1978, n. 833, e successive modifiche integrazioni, concernente “Funzioni di igiene e sanità pubblica e di
polizia veterinaria”;
VISTO l’art. 117 del decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 112 e successive modifiche ed integrazioni, recante “interventi d’urgenza”;
VISTO il decreto legislativo 22 maggio 1999, n. 196 recante”Attuazione
della direttiva 97/12/CE che modifica e aggiorna la direttiva 64/432/CEE
relativa ai problemi di polizia sanitaria in materia di scambi intracomunitari di animali delle specie bovina e suina”;
VISTO l’articolo 650 del Codice Penale;
VISTO il decreto ministeriale 4 dicembre 1976, pubblicato nella Gazzetta
Ufficiale 31 dicembre 1976, n. 348, relativo alla “profilassi dell’anemia
infettiva degli equini”;
VISTO il decreto del Presidente della Repubblica 11 febbraio 1994, n. 243,
“regolamento recante attuazione della direttiva 90/426/CEE relativa alle
condizioni di polizia sanitaria che disciplinano i movimenti e le importazioni di equini di provenienza da Paesi terzi, con le modifiche apportate
dalla direttiva 92/36/CEE”;

VISTO il decreto del Ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali
29 dicembre 2009, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 65 del 19 marzo 2010 recante “Linee guida e principi per l’organizzazione e la gestione
dell’anagrafe degli equidi da parte dell’Unione nazionale incremento razze
equine (UNIRE) (articolo 8, comma 15, legge 1° agosto 2003, n. 200)”;
VISTA l’ordinanza del Ministro della salute 18 dicembre 2007, pubblicata
nella Gazzetta Ufficiale n. 14 del 17 gennaio 2008, recante:“Piano di sorveglianza nazionale per l’anemia infettiva degli equidi”;
VISTO il decreto del Ministero della salute del 7 marzo 2008 recante “Organizzazione e funzioni del Centro nazionale di lotta ed emergenza contro le
malattie animali e dell’Unita’ centrale di crisi”;
VISTA la nota del Ministro del lavoro, della salute e delle politiche sociali,
prot. n. DGSA – 13691 – P del 24 luglio 2009 con cui viene comunicata l’attivazione del Sistema informativo Malattie Animali Nazionale (SIMAN) per la
notifica informatizzata dei focolai di malattie animali soggette a denuncia ai
sensi dell’art. 1 del citato decreto del Presidente della Repubblica 8 febbraio
1954, n. 320;
VISTO il parere della Direzione strategica del Centro nazionale di lotta ed
emergenza contro le malattie animali e dell’Unità centrale di crisi espresso
nella seduta del 9 giugno 2010;
CONSIDERATO che dal 1° gennaio 2008 fino al 31 dicembre 2009 sono stati notificati alla Commissione Europea 447 focolai di anemia infettiva equina
distribuiti sull’intero territorio nazionale;
CONSIDERATO che tali focolai sono stati individuati tramite l’applicazione
del piano predisposto con la predetta ordinanza ministeriale 18 dicembre
2007;
CONSIDERATA la crescente importanza della malattia in ambito internazionale;
TENUTO CONTO delle valutazioni tecniche del Centro di referenza per l’anemia infettiva equina, istituito presso l’Istituto Zooprofilattico Sperimentale
della Regione Lazio e Toscana, secondo cui la malattia è ancora presente su
tutto il territorio nazionale ma con una maggiore concentrazione di focolai
nelle Regioni Abruzzo, Molise, Lazio e Umbria;
CONSIDERATO inoltre che il rischio maggiore di infezione riguarda attual-

mente determinate tipologie di allevamento, in particolare quelle dove vi sia
coesistenza con muli;
RITENUTO pertanto necessario, sulla base della differente situazione epidemiologica, rimodulare il Piano di sorveglianza nazionale per l’anemia infettiva degli equidi, confermando il controllo annuale nelle Regioni Abruzzo,
Molise, Lazio e Umbria e rendendolo biennale nelle rimanenti Regioni;
SENTITO il Ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali per i
profili di competenza

ORDINA
Art.1.
1. E’ resa obbligatoria sul territorio nazionale l’esecuzione del piano di sorveglianza e controllo per l’anemia infettiva degli equidi, di seguito denominato piano, secondo i criteri e le modalità indicate nella presente ordinanza.
2. Le regioni e le province autonome, nell’ambito delle attività di programmazione e coordinamento, predispongono le modalità applicative per l’attuazione dei controlli e degli interventi previsti, verificandone l’applicazione.
Art. 2
1. E’ resa obbligatoria l’esecuzione di controlli sierologici almeno una volta
ogni 24 mesi per l’anemia infettiva degli equidi su tutti gli equidi stanziali
di età superiore a sei mesi, ad esclusione dei capi allevati unicamente per
essere destinati alla macellazione, ai fini del consumo alimentare, purché
non conviventi con equidi non allevati per fini alimentari.
2. Non si intendono compresi nella categoria degli equidi allevati unicamente per essere destinati alla macellazione i riproduttori e i soggetti allevati unicamente per fini alimentari interessati alla «transumanza», che,
pertanto, devono ugualmente essere sottoposti a controllo
sierologico.
3. Nelle regioni Abruzzo, Lazio, Molise e Umbria e negli allevamenti di tutto
il territorio nazionale in cui sono allevati anche muli la periodicità dei controlli è annuale.
4. In funzione della situazione epidemiologica e dell’analisi del rischio le
regioni e le province autonome, ad eccezione di quelle di cui al comma 3,
possono chiedere al Ministero della salute di essere autorizzate a eseguire
controlli con una periodicità diversa da quella prevista dal comma 1. Il Ministero provvede sentito il Centro di referenza per l’anemia infettiva degli
equidi, di seguito denominato “Centro di referenza”.

5. E’ fatto divieto di movimentare gli equidi non sottoposti ai controlli effettuati ai sensi del presente articolo.
Art. 3
1.Nell’ambito delle attività previste dal presente piano, i proprietari o i detentori degli equidi rendono disponibili ai servizi veterinari gli equidi da
sottoporre a controllo, provvedendo al loro contenimento anche nel caso in
cui gli stessi siano tenuti allo stato brado.
2. Nel caso di mancata messa a disposizione, l’autorità preposta ai controlli
diffida il proprietario o il detentore ad adottare, entro il termine di 15 giorni,
gli adempimenti necessari ai fini della corretta applicazione del piano. In
caso di perdurante inosservanza, si applica l’articolo 11. (leggasi: articolo
10)
3. In caso di riscontro di positività, i proprietari o i detentori degli equidi
applicano le misure disposte ai sensi dell’articolo 8, comma 1.
Art. 4
1. I prelievi per la diagnosi dell’anemia infettiva sono effettuati a cura dei
servizi veterinari delle aziende sanitarie locali territorialmente competenti o
da veterinari formalmente incaricati dell’esecuzione dei prelievi dai medesimi servizi, secondo le modalità indicate dalle regioni o province autonome.
2. I campioni sono inviati agli Istituti zooprofilattici sperimentali competenti
per territorio accompagnati dalla scheda di prelievo di cui all’allegato A, per
l’esecuzione degli esami diagnostici.
3. I costi del campionamento, comprese le prove diagnostiche di cui al comma precedente, sono a carico del proprietario o del detentore dell’equide.
4. In caso di riscontro di positività, il campione è inviato per la conferma
diagnostica al Centro di referenza accompagnato dalla scheda di cui all’allegato B. Detto Centro rilascia il referto analitico di conferma entro e non
oltre 8 giorni dal ricevimento del campione.
5. I campioni di sangue che pervengono agli Istituti zooprofilattici sperimentali e al Centro di referenza devono contenere, negli allegati sopraindicati, i dati di identificazione degli animali quali il numero di microchip o
il numero del passaporto conformemente alle norme vigenti in materia di
identificazione e registrazione degli equidi.
6. I servizi veterinari delle aziende sanitarie locali provvedono, direttamente o per il tramite delle regioni e province autonome, a inviare al Ministero
della salute, entro 24 ore dalla conferma di positività effettuata dal Centro
di referenza, le informazioni previste dalla direttiva 82/894/CE, come da
ultimo modificata dalla decisione 2008/650/CE, tramite registrazione delle
stesse nel Sistema Informativo Malattie Animali Nazionale (SIMAN).
7. Gli Istituti zooprofilattici sperimentali che eseguono le prove trasmettono
al Centro di referenza e alla regione o provincia autonoma competente per

territorio i dati e ogni informazione sugli esiti degli esami di laboratorio
eseguiti nei confronti dell’anemia infettiva, secondo le modalità indicate dal
Centro di referenza stesso.
Art. 5
1. I risultati negativi dei controlli sierologici di cui all’art. 4 hanno validità
per un periodo corrispondente ai termini per l’effettuazione dei controlli
stessi, come stabiliti ai sensi dell’articolo 2, commi 1, 3 e 4.
2. I servizi veterinari delle aziende sanitarie locali competenti per territorio
sono tenuti alla registrazione degli esiti e delle date delle singole prove
diagnostiche sul documento di identificazione, nella sezione “esami di laboratorio”, debitamente firmata e timbrata a cura del veterinario ufficiale
entro 10 giorni dall’invio del referto da parte degli Istituti zooprofilattici
sperimentali o del Centro di referenza
3. Qualora, in occasione delle operazioni di prelievo per l’esecuzione dei
controlli sierologici di cui all’articolo 2, siano rinvenuti equidi non ancora
identificati, il proprietario o il detentore delegato ne richiede, entro quindici, giorni la regolarizzazione ai sensi del decreto del Ministro delle politiche
agricole, alimentari e forestali del 29 dicembre 2009.
4. Ai fini dell’attività di sorveglianza epidemiologica e nelle more delle procedure di identificazione previste dal decreto del Ministro delle politiche
agricole, alimentari e forestali del 29 dicembre 2009, l‘Unione nazionale incremento razze equine (UNIRE), le Associazioni nazionali allevatori di
specie e di razza (ANA) e le Associazioni provinciali allevatori (APA), secondo le rispettive competenze e secondo le direttive fornite dal Ministero delle
politiche agricole, alimentari e forestali, sono tenute a garantire almeno
l’identificazione provvisoria degli animali non oltre 15 giorni dall’invio della
richiesta da parte del proprietario o detentore degli animali.
Art. 6
1. Al fine di verificare l’osservanza delle disposizioni della presente Ordinanza, i servizi veterinari delle aziende sanitarie locali competenti per territorio assicurano, in considerazione della situazione epidemiologica e
dell’analisi del rischio, la vigilanza veterinaria permanente presso le aziende di cui all’art. 2, comma 1, lettera b) del decreto del Ministro delle
politiche agricole, alimentari e forestali del 29 dicembre 2009.
Art.7
1. In attesa della conferma di cui all’articolo 4, comma 4 le autorità sanitarie competenti adottano le misure previste dall’art. 99 del regolamento di
polizia veterinaria, approvato con decreto del Presidente della Repubblica
dell’8 febbraio 1954, n. 320, dagli articoli 1 e 3 del decreto ministeriale
4 dicembre 1976 e dall’art. 4, comma 4, lettera a), punto 3 del decreto

del Presidente della Repubblica 11 febbraio 1994, n. 243.
2. Tali misure vengono revocate solo nel caso in cui il Centro di referenza
non confermi la positività.
3. Gli esiti delle analisi devono essere comunicati tempestivamente anche
al proprietario o al detentore dell’equide.
Art. 8
1 I servizi veterinari delle aziende sanitarie locali competenti per territorio
dispongono che gli animali sieropositivi siano sottoposti a isolamento e
sequestro in sedi e ricoveri compatibili con le esigenze etologiche degli
equidi, permettendo la presenza nella stessa area di più soggetti positivi,
anche di proprietà di terzi, purché situati a distanza dagli animali sani recettivi nonché sottoposti a vigilanza veterinaria, secondo le misure di cui
all’allegato C della presente ordinanza.
2. Al fine di permettere la convivenza di più equidi sieropositivi in uno stesso luogo nel rispetto delle esigenze etologiche della specie, le regioni e le
province autonome consentono a enti locali, ad associazioni riconosciute
per la protezione degli animali e a privati cittadini di individuare e gestire
idonee aree attrezzate per il mantenimento degli equidi sieropositivi secondo le condizioni di cui all’allegato C della presente Ordinanza.
3. La movimentazione degli animali sieropositivi è consentita esclusivamente per motivi legati alla tutela della loro salute e benessere, per il trasferimento nelle aree di cui al comma 2 del presente articolo o per essere
destinati alla produzione di alimenti; essa può avvenire solo dopo la comunicazione al servizio veterinario dell’azienda sanitaria locale competente sul
territorio di partenza e al servizio veterinario dell’azienda sanitaria locale
competente sul territorio di destinazione al fine di garantire la vigilanza sul
rispetto delle stesse misure minime di cui all’allegato C della presente
ordinanza.
4. Fermo restando che tutti gli equidi possono essere movimentati solo se
correttamente identificati e scortati dal modello 4, così come modificato
dal decreto ministeriale 16 maggio 2007, per gli equidi sieropositivi di cui al
comma precedente il suddetto modello 4 deve essere correttamente compilato, recando l’attestazione sanitaria e la firma del veterinario ufficiale.
5. Il Centro di referenza trasmette trimestralmente al Ministero della salute
una relazione sulla situazione epidemiologica a livello nazionale che sarà
resa disponibile tramite pubblicazione nel sito internet del Ministero.
Art. 9
1. Al fine di contribuire al sistema di sorveglianza epidemiologica, il veterinario, anche libero professionista, che abbia motivi clinici di sospettare
la presenza della malattia, effettua il campionamento secondo le modalità previste dall’art. 4, e contestualmente informa il servizio veterinario

dell’azienda unità sanitaria locale competente per territorio.
2. I costi delle prove diagnostiche di cui al comma 1, effettuate presso gli
Istituti zooprofilattici sperimentali, sono a carico del proprietario o del
detentore.
Art. 10
1. Salvo che il fatto costituisca reato, i proprietari o i detentori di equidi che
non adempiono a quanto previsto dall’articolo 3 o che movimentano animali
in mancanza di controllo sierologico secondo quanto previsto dall’articolo 2
oppure movimentano animali sieropositivi in violazione di quanto stabilito
all’articolo 8, commi 3 e 4, sono soggetti alle sanzioni previste dall’art. 16,
comma1, del decreto legislativo 22 maggio 1999, n. 196.
Art. 11
1.La presente ordinanza entra in vigore il giorno successivo alla pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana e ha validità di 24
mesi.
La presente ordinanza è inviata alla Corte dei Conti per la registrazione e
alla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana per la pubblicazione.
Roma, 6.8.2010
per IL MINISTRO
Il Sottosegretario di Stato
On.le Francesca Martini
Registrato alla Corte dei conti il 20.8.2010 - Ufficio di controllo preventivo
sui Ministeri dei servizi alla persona e dei beni culturali, registro n. 14, foglio n. 282.
(L’Ordinanza è in vigore dal 18.9.2010 al 17.9.2012)

Allegato A

Allegato B

Allegato A

Allegato B

Anemia Infettiva Equina - Scheda di prelievo campioni di sangue da sottoporre a test sierologico
ASL_____________________________________Distretto___________________________________________________

SCHEDA INVIO CAMPIONI POSITIVI DA CONFERMARE
PER DIAGNOSI ANEMIA INFETTIVA EQUINA

Comune_______________________________________________________________________________Prov_________
Telefono___1)___________________________2) ___________________________Fax____________________________

- Istituto Zooprofilattico Sperimentale che ha eseguito le analisi:…………………………………………………………
- Data prelievo (gg/mm/aa):……/……/……
- Data accettazione (gg/mm/aa):……/……/……N° registrazione…………………………………………………………

Motivo del prelievo:
1. sorveglianza sierologica
2. movimentazione dei capi

Ente Prelevatore
• ASL………………………………….………….
Indirizzo…………………………….…….…………
Tel.………….Fax…………………………………..
Veterinario Prelevatore…………………..……….
• Libero professionista………………………….
Indirizzo……………………………………………..
• Tel…………...Fax……………………………..

3. sorveglianza sindromica
4. controllo dopo allontanamento capo/i positivo/i
Anagrafica Azienda (Art. 2, comma 1, lettera b – D.M. 29/12/2009)
Denominazione_________________________________ Codice Azienda

IT�_�_�_�_�_�_�_�_�

Proprietario______________________________________ C.F. Proprietario

|_�_�_�_�_�_�_�_�_�_�_�_�_�_�_�_�



M
otivo prelievo:

Indirizzo:Via/Località____________________________Comune_______________________________Provincia______
§

Tipologia allevamento

AL

CG

CR

IP

MA

$

SS Orientamento produttivo E

F

G

H

C

D

Progr.

Identificativo
soggetto*

Specie**

Razza

Sesso***

Anno di
nascita

sorveglianza sierologica
movimentazione dei capi

L

Elenco
Equidi
sottoposti
a prelievo
Coordinate geografiche (Sistema WGS84, gradi
decimali):
Lat.
Nord_______________Long.
Est_____________

Azienda
Tipo di azienda: AL Allevamento;
CG Centro Materiale Genetico; CR Centro Raccolta;
IP Ippodromo; MA Maneggio; SS Stalla di sosta;
Codice Azienda IT�_�_�_�_�_�_�_�_�
C.F. Proprietario
�_�_�_�_�_�_�_�_�_�_�_�_�_�_�_�
_�
Proprietario…………………………………………….
Indirizzo………………………………………………...
Comune……………………Provincia………………..



Proprietario



controllo dopo allontanamento capo/i positivo/i
sorveglianza sindromica

Esami effettuati:
Test ELISA1 …………………………..

Test di Coggins

POS.

POS.

NEG.

AGID metodo OIE

NEG.

POS.

NEG.

Dati equidi infetti:

Progr.

Microchip

Passaporto

Nome

Specie2

Razza

Sesso3

Data
di nascita

Sintomi4

Progr.

Microchip

Passaporto

Nome

Specie2

Razza

Sesso3

Data
di nascita

Sintomi4

Legenda:
§
barrare : AL Allevamento CG Centro Materiale Genetico CR Centro Raccolta IP Ippodromo MA Maneggio
SS Stalla di sosta
$

barrare: E Carne con fattrici; F Carne senza fattrici; G Equestre con fattrici; H Equestre senza fattrici;
C Ippico con fattrici; D Ippico senza fattrici; L Lavoro
* N° microchip oppure N° Passaporto
** C=cavallo; A=asino; M: mulo/bardotto;
***M=maschio; F=femmina; C: castrone.
Data del prelievo __________________

(Veterinario prelevatore in stampatello)____________________________firma_________________

Data ……/……/………
1
4

Indicare il kit impiegato per le analisi
P = presenti A = assenti

Firma del responsabile…………………………………..
2

C=cavallo M=mulo A=asino

3

M=maschio F= femmina C= castrone

Allegato C

MISURE DI BIOSICUREZZA DA GARANTIRE
PER IL MANTENIMENTO DI EQUIDI SIEROPOSITIVI PER AIE

Allegato D
Allegato D

Equide sieropositivo per AIE in isolamento
NOME

1) Il Servizio veterinario dell’Azienda sanitaria locale deve compilare in
duplice copia la scheda di cui all’allegato D: una copia destinata al proprietario e una da conservare da parte dell’Azienda unità sanitaria locale.
2) L’area destinata all’isolamento che può ospitare più soggetti sieropositivi, può essere un paddock esterno, purché sia garantita una distanza
minima di 200 metri da ogni altro luogo ove siano tenuti, anche temporaneamente, altri equidi. Qualora non sia possibile mantenere l’animale
in paddock esterno esso deve essere detenuto in un locale chiuso che, nel
rispetto delle esigenze etologiche e di benessere dell’animale, deve avere
almeno le seguenti caratteristiche:
- reti anti-insetto a porte e finestre;
- presenza di trappole luminose o in alternativa impiego di insetticidi;
- rimozione almeno quotidiana di feci e sostanze organiche;
- canalizzazione delle acque di scarico e dei liquami;
- pulizia, disinfezione e disinfestazione periodica dei ricoveri, secondo un
programma concordato con l’Azienda unità sanitaria locale;
- pulizia e disinfezione degli strumenti e degli attrezzi utilizzati.
3) La movimentazione di cui all’articolo 9 deve essere effettuata nelle ore
serali e/o notturne (dopo le ore 19.00 nel periodo primaverile/estivo dal
1°aprile al 30 settembre; dopo le ore 17.00 negli altri mesi) in considerazione del ciclo vitale diurno degli insetti vettori, previa disinfestazione
con idonei insetticidi dei mezzi di trasporto e degli animali stessi con
sostanze ad azione repellente ed insetticida.
Il mezzo utilizzato per il trasporto deve essere nuovamente pulito e disinfestato dopo lo spostamento.
4) Il Servizio veterinario dell’Azienda sanitaria locale nell’ambito della
quale l’equide è stabulato in isolamento deve provvedere a verificare almeno semestralmente il rispetto delle condizioni di cui ai punti precedenti. L’esito di tali controlli va comunicato mediante relazione scritta
al Servizio veterinario regionale o provinciale nonché al Ministero della
Salute, Direzione generale della sanità animale e del farmaco veterinario.

Cod. IDENTIFICATIVO (num. microchip o
passaporto)
SPECIE *
SESSO **
ANNO DI NASCITA
PROPRIETARIO
(Nome , cognome, codice fiscale)
CODICE AZIENDALE
DATA DI CONFERMA DEL CENTRO DI
REFERENZA AIE
* = indicare se trattasi di cavallo, asino, mulo, bardotto
** = indicare se maschio, femmina, castrone

Informazioni sul luogo / locale di isolamento
Localizzazione
Comune:___________________________Provincia:_______ Cod. aziendale

IT�_�_�_�_�_�_�_�_�
Indirizzo:_____________________________________________________________________
Coordinate geografiche (Sistema WGS84, gradi decimali):
Latitudine Nord:_____________________________Longitudine Est:______________________
ASL territorialmente competente
ASL:_____________________________Distretto:_____________________________________
Indirizzo:______________________________Tel:___________________Fax:_______________
EVENTUALI ANNOTAZIONI:
_______________________________________________________________________________
DATA:

IL VETERINARIO UFFICIALE


Documenti correlati


Documento PDF ministero salute cavallo
Documento PDF roselli
Documento PDF legislazione cinofila
Documento PDF ministero della giustizia
Documento PDF untitled pdf document 1
Documento PDF presentazione health technology pdf


Parole chiave correlate