File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Ricerca PDF Assistenza Contattaci



FISICA PAG 465 471.pdf


Anteprima del file PDF fisica-pag-465-471.pdf

Pagina 1 2 3 4 5 6 7

Anteprima testo


Risposte agli
esercizi di £ine
capitolo

Domande di autoverifica
l. (d).
2. (b).
3. (a) La natura sia attrattiva sia repulsiva della
forza elettrica può essere spiegata solo ammettendo l'esistenza di due tipi di cariche, che si combinano diversamente a seconda dei casi. (b)
Nessuna conseguenza.
4. No. Ogni processo di carica consiste in un trasferimento di tale carica da un corpo a un altro, in
modo che la carica dell'uno compensi quella dell'altro.
5. (b).
6. (d).
7. Avvicinando all'elettroscopio un corpo carico
positivamente, questo si caricherà negativamente
per induzione, come si potrà verificare staccando
la terra dali'elettroscopio e riawicinando il corpo
carico positivamente: le foglioline si riavvicineranno.
8. Ciò è possibile polanzzandole per induzione.
Se, ad esempio, si awicina a una delle sfere un
corpo carico positivamente, gli elettroni si sposteranno verso il corpo, caricando positivamente la
sfera pih vicina e lasciando l'altra con un'uguale
carica positiva.
9. (C).
io. (d).
11. (a) L'intensità della forza aumenta di un fattore 4. (b) L'intensità della forza diminuisce di un
fattore 9.
12. (a) Non varia. (b) L'intensità della forza aumenta di un fattore 4. (C)L'intensità della forza aumenta di un fattore 2.
13. Gli oggetti con i quali abbiamo a che fare abitualmente sono neutri, in quanto contengono un
numero uguale di protoni ed elettroni.
14. (b).
15. (b).
16. (a).
17. Dalla lunghezza relativa dei vettori di campo.
18. Dalla densità relativa delle linee di campo: pih
tali linee sono vicine, maggiore è l'intensità del
campo.
19. Poiché, per definizione, il vettore di campo deve essere tangente aUe linee di campo, se queste si
intersecassero, tale vettore dovrebbe avere nel loro punto d'intersezione al tempo stesso due diverse direzioni, cosa evidentemente impossibile.
20. AU'interno e all'esterno della sfera si ha il campo elettrico generato dalla carica positiva puntiforme collocata al centro della sfera (radiale e
uscente dalla carica), mentre tra le due superfici
del metallo il campo è nullo. Per induzione, infatti, sulla superficie interna della sfera si distribuisce uniformemente una carica negativa pari a
quella al suo interno e in grado, quindi, di neutralizzarla (una distribuzione di cariche sferica e
uniforme genera lo stesso campo di un'uguale carica puntiforme). Per il principio di conservazione
della carica, sulla superficie esterna della sfera si
deve trovare una distribuzione uniforme di carica
positiva dello stesso valore, che ripristina all'e-

sterno della sfera lo stesso campo della carica puntiforme, interrotto dalla superficie metallica. Se la
carica al centro della sfera fosse negativa, cambierebbe la direzione del campo (entrante nella canca) e il segno delle cariche indotte sulle due superfici della sfera cava.
21. Una regione dove non si trovino cariche può
essere schermata da campi elettrici se è possibile
circondarla con una superficie metallica. Poiché
ciò avviene grazie al fenomeno dell'induzione,
niente di simile è possibile con il campo gravitazionale.
22. La carica non si distribuisce uniformemente
sull'oggetto appuntito, ma si accumula verso la
punta; pertanto il campo elettrico è più intenso in
prossimità della punta.

23. Zero, poiché il numero di linee entranti eguaglia quello di linee uscenti.
/
24. (b).
25. Le cariche totali dei due gruppi di corpi sono
uguali, ma opposte.
26. No, si può solo affermare che la carica totale
ali'interno della superficie di Gauss è positiva, ossia la carica positiva contenuta supera quella negativa.
27. (b).
28. Negativo.
29. (a).
30. (a) O; (b) Q; (C)-Q; (d) Q.
31. (a) Nessuna, poiché il campo è nullo. (b)
Uscente. (C) Nessuna, poiché il campo generato
dalla sfera annulla quello generato dalla superficie interna del guscio. (d) Uscente.

Problemi
i. 1.60. 10-1, C.
2. (a) -8.0 . 10-'O C: (b) 5.0 . lo9 elettroni.
3.3.1 . 1013elettroni.
4.3.20 . 10-l9C.
5.1.9 . 105 C.
G. 1.3 . io-' N.
7. (a) 2.3 .
N; (b) 0.
8.9.5 cm.
9.1.2 N.
10. (a) Nel punto medio tra le due cariche, ossia in
corrispondenza della tacca di 50 cm. Solo in questo punto, infatti, le forze repulsive delle due cariche hanno la stessa intensità e direzione, ma verso contrario.

-1 .O rnC

elettrone

-1 .O rnC

(b) Nel punto medio tra le due cariche, ossia in
corrispondenza della tacca di 50~cm.Solo in questo punto, infatti, le forze attrattive delle due cariche hanno la stessa intensità e direzione, ma verso contrario.

-1 .O

rnC

protone

-1 .O rnC

11. (a) Nel punto di ascissa x = 0.25 m, indipendentemente dal segno e dal valore di q,. (b) In
nessun punto, poiché in questo caso non esiste un
punto in cui una qualsiasi carica risenta di due forze uguali per intensità e direzione, ma di verso opposto. (C)Nel punto di ascissa x = - 0.95 m, indipendentemente dal segno e dal valore di q,.
12. (a) 8.2 .
N; (b) 2.2 . IO6m/s; (C)9.2 . loz1
g,
13.3.6
essendo
N. g = 9.80 m/s2.

14. (a) 96 N in direzione O= 39" sotto l'orizzonta.
le e verso destra.

(b) 61 N in direzione O= 84" sopra l'orizzontale e
verso sinistra.

15.3.3 . lo-' C.
16.4.0 . io5 N/C.
17. 5.8 . lo9 N/C.
18. E = 9.0 . lo5 N/C, diretto verso la carica negativa da -5.0 pC.
19. E = (2.2 . lo5 N/C) i - (4.1 . lo5 N/C) j ovvero