File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Ricerca PDF Assistenza Contattaci



città a 5 stelle n 2 .pdf


Nome del file originale: città a 5 stelle n 2_.pdf
Titolo: Layout 1

Questo documento in formato PDF 1.4 è stato generato da QuarkXPress(R) 8.02, ed è stato inviato su file-pdf.it il 07/12/2013 alle 09:15, dall'indirizzo IP 188.217.x.x. La pagina di download del file è stata vista 1116 volte.
Dimensione del file: 136 KB (2 pagine).
Privacy: file pubblico




Scarica il file PDF









Anteprima del documento


Amici di Beppe Grillo
Carlentini

ici-dip.com/Am i
tu
e
e
.m
w
ntin
ww
rillo-Carle
Beppe-G

a 5 stelle

n°2 - 6 Dicembre 2013

Edito da B.A.&L. snc e La Notizia - supplemento La Notizia - dirttore responsabile: Tosca Bonaldo

Alluvioni e smottamenti
“i colpevoli sono sempre ignoti”
Carlentini e Lentini sono tra i comuni italiani che oltre a paventare un rischio sismico alto, temono maggiormente il
pericolo di dissesto idrogeologico ovvero
l’insieme dei processi morfologici che
hanno un’azione fortemente distruttiva in
termini di degradazione del suolo e pure
indirettamente nei confronti dei manufatti
e delle costruzioni. Parliamo quindi di fenomeni quali l’erosione superficiale e sottosuperficiale fino a eventi più catastrofici
quali frane e alluvioni. I due centri purtroppo sono carenti di una pianificazione
urbanistica adatta. Tante sono le situazioni
a rischio, e soprattutto a Carlentini è facile
pensare al versante occidentale di Metapiccola, verso la Contrada Ruccia o più
comunemente chiamata Contrada di Via
Dante, dove i vari progetti ristrutturanti di
fatto non si sono concretizzati, colpa di
una cattiva politica amministrativa che ha
pensato solo al cemento. Stessa situazione
riguarda la zona dove sono situate le abitazioni quasi a ridosso delle mura urbiche,
e non è certo facile non pensare alle recenti emergenze in Sardegna dove ci sono
stati 18 morti, agli eventi franosi e alluvionali dell’Ottobre 2009 della vicina
Giampilieri, o al terremoto di Santa Lucia
del 1990. Ma la politica locale si preoccupa degli elettori solo all’avvicinarsi
delle Elezioni e mai pensa a possibilissimi
stati di calamità, così dobbiamo tenerci la
contrada Ruccia potenzialmente sempre
in pericolo senza eventuali vie di fuga, e
un Comune come quello di Lentini senza
un Piano Comunale di Protezione Civile
atteso ormai dal lontano 2006. In realtà
Più del 50 per cento dei comuni siciliani
senza un piano di emergenza post calamità. Il sito nazionale del Dipartimento
della Protezione civile, in questi giorni ha
caricato quelli attinenti a 190 dei 390 comuni dell’isola. “Non sappiamo – spiega
il deputato 5 stelle Stefano Zito, alla
stampa locale – se la
Regione non li abbia ancora trasmessi per
semplici ritardi o perché non ne sia ancora
in possesso in quanto i Comuni non se ne
sono ancora dotati. Fatto sta che oggi un
disastro naturale potrebbe vedere arrancare la macchina dei soccorsi con le im-

Terzo V-Day:
Una giornata davvero a 5 stelle
Una giornata di festa, aggregazione, e la
conferma di un progetto sempre più in crescita: tutto questo è stato per i sostenitori
del 5 stelle il terzo V-Day tenutosi a Genova. Oltre 200 000 persone da ogni parte
d’Italia hanno preso parte a uno degli eventi
pentastellati dell’anno dove il protagonista
è stato manco a dirlo, un Beppe Grillo in
gran spolvero. Beppe come al solito non le
manda a dire, e prende d’assalto la vecchia
politica “vigliacchi ai quali daremo
l’estrema unzione”, ha il dente avvelenato
contro il Presidente della Repubblica “è
pronto l’impeachment a Napolitano”, pizzica pure “Capitan Findus-Letta” che sta
portando la nave contro gli scogli e “intanto
ha fatto un tweet dicendo che ha risolto il
problema dei rimborsi . Una chiosa alle
prossime elezioni in vista “in Europa vinceremo e saremo il primo movimento”, per
poi annunciare un referendum sull’euro
perché “i Paesi che sono fuori vanno abbastanza bene e non sono a rischio default”,
ne indica anche contro le Regioni. Il comico-politico genovese sul palco non è

maginabili nefaste conseguenze” . Sul sito del
Dipartimento fino a qualche giorno fa non
c’erano tracce di notizie siciliane nel modo
più assoluto. Solo tre regioni fino ad agosto
avevano fatto scena muta con Roma e tra
queste la nostra Sicilia. Mentre le altre avevano risposto anche in modo parziale agli obblighi provenienti da un decreto poi
convertito in legge nel luglio del 2012, che
disponeva l’invio entro 90 giorni del piano
comunale di emergenza approvato con delibera consiliare.
Per rompere questo silenzio il Movimento 5
Stelle ha presentato più di due mesi fa due interrogazioni all’Ars ed al Senato con Stefano
Zito e Ornella Bertorotta. Con i due atti si voleva fare luce sull’effettiva esistenza dei
Piani, o comunque sollecitarne il loro invio a
Roma.

1

l’unica ‘stella’ ma è affiancato dai suoi parlamentari capaci di “rompere la falsa sacralità del Parlamento”: “li ringrazio per tutto
quello che fanno, ormai mi hanno superato.
Io non ho più l’età. Abbiamo mandato in
Parlamento donne senza silicone o culi di
plastica, donne che sanno cosa vuol dire lavorare”. Grillo è riuscito così a toccare i
vari temi che m5s ha a cuore come il pronunciamento della Corte dei Conti sui rimborsi ai partiti, l’acqua pubblica, l’energia
pulita, il lavoro, il reddito di cittadinanza,
l’uscita dall’euro.
“I politici devono rendere 2,7 miliardi di finanziamenti pubblici presi - urla dal palco
di Piazza della Vittoria -. Curioso che la
Corte ci abbia messo venti anni a scoprire
che sono incostituzionali come dicevamo
noi. E’ una truffa fatta cambiando le parole,
da finanziamento pubblico a rimborso. Ora
devono rendere quei miliardi alle famiglie
e alle imprese.”
Beppe è anche un gran motivatore così il
momento più bello del suo show è stato
quando ha esortato i giovani a non scappare all’estero ma a “cospirare” per cambiare il paese: “Non è piu’ un sogno, siamo
oltre. Dobbiamo andare a scoprire un
mondo che c’è già, un mondo diverso fatto
di solidarietà. Abbiamo 8 milioni di poveri.
Dobbiamo fare pulizia, dobbiamo mandare
a casa i politici”. “.
Amici di Beppe Grillo Carlentini

Così a parte l’elenco di 190 Comuni pubblicato sul sito del Dipartimento della Protezione civile, rimane ancora il silenzio:
“L’assenza di una pianificazione organica afferma il presidente della commissione Ambiente, Giampiero Trizzino - è una enorme
piaga per la Sicilia. Paghiamo il prezzo di una
legge urbanistica di 35 anni, che, insieme ad
una burocrazia lenta e farraginosa, ingessa lo
sviluppo e la sicurezza del territorio. La soluzione è una riforma organica che consideri
una volta e per tutte i diversi aspetti coinvolti:
l’approccio globale è l’unico sistema per evitare situazioni di stallo come quelle segnalate
nelle nostre interrogazioni. Da mesi il gruppo
M5S lavora ad una nuova legge per il governo del territorio che a breve sarà presentata all’Ars”.
Amici di Beppe Grillo Carlentini

riChieste sComode
Il cittadino a 5 stelle insediato all’Ars Stefano
Zito, come al solito si sta distinguendo per il suo
profondo impegno e determinazione mettendo
a dura prova gli uffici Asp, come mai nessuno
nella storia dell’Ars richiedendo importanti informazioni e accesso agli atti che di certo i dirigenti dell’azienda sanitaria provinciale di
Siracusa abituati all’oscuro, non han gradito accusandolo di “intralciare le attività istituzionali
ed il buon andamento della pubblica amministrazione con la sua incessante ricerca di documenti, sistematica e senza precedenti, ”. . Infatti
Zito aveva richiesto informazioni sulla dotazione dei vari ospedali (e nominativi dei dirigenti) sulle tabelle DRG del settore pubblico e
privato, sugli atti di nomina (specie dei primari
in carica), di assunzione e di spostamento di
personale da un reparto all’altro o da un reparto
agli uffici, sulle attrezzature non funzionanti e
inutilizzate (cose inevitabilmente collegate all’esistenza di lunghe liste di attesa) sulla frequenza di utilizzo di TAC o risonanze
magnetiche, e i codici 048 (neoplasie) attivi in
provincia di Siracusa dal 1990 al 2012.
L’azienda ha così pensato a un modo pratico per
tappare la bocca al signor Zito annunciando “un
necessario approfondimento giuridico intorno
alla corretta applicazione dell’istituto di accesso agli atti”, che in quattro pagine ha cercato

L’itALiA si fermA
9 dicembre, L’Italia si ferma: giusti i blocchi
stradali?
Sarà un dicembre combattuto per il popolo
siciliano, tra crisi, disoccupazione e blocchi
sulla rete stradale.
Il giorno 8 Dicembre avrà inizio la manifestazione di protesta “l’Italia si ferma”. Gruppi e
movimenti presenti tra le diverse zone del
suolo italico si sono riuniti sotto un unico coordinamento nazionale per dare vita a questa manifestazione di protesta di origine
popolare. L’obiettivo della manifestazione è
quello di riuscire a sgangherare la malpolitica. Secondo gli ideatori della protesta ciascun cittadino che non si identifica in questa
classe politica potrà dimostrare pacificamente e democraticamente aderendo a questa manifestazione che si svolgerà su tutto
il territorio nazionale e sarà caratterizzata
dall’organizzazione di presidi formati da liberi cittadini che lasceranno ciascuno le loro
attività per manifestarsi solidarietà l’uno l’altro fino al raggiungimento del loro obiettivo.
I commercianti chiuderanno i negozi, gli artigiani sospenderanno il lavoro, gli imprenditori chiuderanno le aziende per protestare
insieme ai loro dipendenti. A.I. TRAS. (Associazione Italiana Trasportatori), M.A.A.
(Movimento Autonomo Autotrasportatori),
LIFE (Liberi Imprenditori Federati Europei),
C.R.A. (Comitati Riuniti Agricoli), AZIONE
RURALE VENETO, CO.SP.A (Cobas Latte)
e i FORCONI. QuestI sono i maggiori movimenti e associazioni che porteranno in
strada migliaia di persone pronte a dare filo
da torcere alle istituzioni.

di arrestare le richieste di informazioni del deputato penta stellato ed eventuali altre future domande.
“Prendo la lettera – precisa Zito – come un elogio alla mia attività. Evidentemente stiamo cercando di fare luce laddove nessuno ha mai
messo il naso. Non vorremmo avere toccato
qualche nervo scoperto. Di certo le motivazioni
addotte dall’azienda non ci convincono e, anzi,
ci stimolano ad andare avanti per la nostra
strada con rinnovati vigore e determinazione”.
Così sulla vicenda è intervenuto l’assessore regionale alla Salute, Lucia Borsellino, che con
una nota inviata all’Azienda sanitaria provinciale, ha dato ragione al giovane deputato siracusano , dove invita questa “ad assumere le più
opportune iniziative affinché siano tenute in debito conto le insopprimibili esigenze ispettive
dei deputati regionali, che sono garantite a livello di legislazione costituzionale ordinaria”.
Inoltre Zito ha da poco presentato una mozione
che impegna il Governo e l’assessore Borsellino
ad avviare urgentemente tutte le procedure atte
a rendere operativo il reparto di rianimazione,
previsto presso l’Ospedale Civile di Lentini,
entro la fine del 2013.
Amici di Beppe Grillo Carlentini

Proprio i Forconi hanno annunciato a Caltanissetta il blocco totale ad oltranza della viabilità a partire da domenica 8, giorno
dell´Immacolata. Alla stampa locale il presidente del Movimento dei Forconi, Mariano
Ferro ha dichiarato: "Non saranno solo camionisti ed agricoltori a protestare ma tutte
le attività e non ci fermeremo fino a quando
non avremo risposte concrete e non le solite
promesse. Siamo consapevoli che potranno
derivare disagi alla gente per il mancato rifornimento dei carburanti e delle merci ma
non possiamo più stare a guardare. Stavolta
non ci fermeremo come nel 2012 grazie alle
promesse dei politici ". Tra il panico dei
grandi e piccoli commercianti e la curiosità
generale, mancano ancora pochi giorni per
vedere in che modo risponderanno Lentini e
Carlentini al momento della manifestazione.
Il fermo dei trasporti provocherebbe solo
problemi, con il risultato che la grande distribuzione finirebbe per rivolgersi ancora meglio in Spagna e nei Paesi del Maghreb, già
largamente favoriti dallo sciagurato accordo
euro-marocchino. La protesta deve coinvolgere le istituzioni, e soprattutto i sindaci, che
hanno il dovere di difendere le aziende agricole locali, i trasportatori, gli artigiani e i piccoli
imprenditori
che
lottano
quotidianamente per sopravvivere e che ancora resistono ai colpi della crisi. La manifestazione tanta concitata non farà che
aumentare la frustrazione di un popolo ferito
nel suo orgoglio che ha voglia di reagire e
dire basta, ma si troverà davanti a una fatidica lama a doppio taglio.

Nelly Ricco

2

i rimBorsi
eLettorALi sono
inCostituzionALi
"1993/2013: dopo vent'anni, la
Corte dei Conti si accorge che
non è stato rispettato il referendum del 1993 e i finanziamenti
finora percepiti dai partiti sono
incostituzionali. Il finanziamento pubblico è stato, dopo il
referendum, prontamente ripristinato più volte, ogni volta
cambiandogli il nome. L'informazione, complice, si adegua.
2,7 miliardi sono finiti incostituzionalmente nelle casse dei
partiti e nelle tasche dei politici.
La Margherita, un partito morto
da tempo ha continuato a prelevare quattrini del contribuente
fino allo scorso anno. Ai cittadini vengono richieste tasse retroattive con metodi e costi da
usurai: ora tocca ai partiti restituire tutto il maltolto. Ci auguriamo che Equitalia pratichi
equità, ed usi gli stessi metodi
ferrei che applica all'idraulico
che ha evaso 100 euro. Letta ha
annunciato l'abolizione del finanziamento pubblico, ha mentito e non ha fatto nulla. I partiti
hanno intascato 91 milioni di
euro lo scorso luglio. L'unica
forza politica a comportarsi secondo il volere espresso dei cittadini è stato il M5S che ha
rifiutato i 42 milioni di finanziamento che gli sarebbero
spettati. La voce della Corte dei
Conti arriva a poche ore dal
terzo VDay, un evento interamente pagato da piccolissime
donazioni volontarie di migliaia
di cittadini, e che non costa
nulla all'erario come sempre
quando si tratta del M5S. Andiamo OLTRE!" M5S Camera
dal Blog Beppeglillo,it


città a 5 stelle n 2_.pdf - pagina 1/2
città a 5 stelle n 2_.pdf - pagina 2/2

Documenti correlati


Documento PDF volantino per 05
Documento PDF cc 29 10 2015 odg 1
Documento PDF ver 572 1487958855 risposta 2843
Documento PDF articolo gq italia
Documento PDF programma movimento 5 stelle cerreto guidi
Documento PDF bando e scheda di partecipazione premio il santo presepe 2017


Parole chiave correlate