File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Ricerca PDF Assistenza Contattaci



LetterItal n3 013 definitivo .pdf



Nome del file originale: LetterItal_n3_013-definitivo.pdf

Questo documento in formato PDF 1.5 è stato generato da Adobe InDesign CS5 (7.0) / Adobe PDF Library 9.9, ed è stato inviato su file-pdf.it il 09/12/2013 alle 10:13, dall'indirizzo IP 5.99.x.x. La pagina di download del file è stata vista 1314 volte.
Dimensione del file: 627 KB (6 pagine).
Privacy: file pubblico




Scarica il file PDF









Anteprima del documento


IL PATRONATO DEI CITTADINI
Via Po, 162 - 00198 Roma
Tel: 06. 85 23 31 | Fax: 06. 85 23 34 88
informazioni@pec.italuil.it | www.italuil.it
LETTERA ITAL - PERIODICO TELEMATICO
Iscrizione Tribunale Civile di Roma n. 301/2011
Direttore Responsabile: Antonio Passaro
Direzione e redazione: Via Po, 162 Roma

QUINDICINALE DELL’ISTITUTO DI TUTELA E ASSISTENZA LAVORATORI DELLA UIL

Anno II | Numero 3 | novembre 2013

Si cambia
Senza intenti pretenziosi, ma con l’obiettivo di razionalizzare e rendere più
fruibile il nostro sistema della comunicazione, inizia con questo numero
di Lettera Ital un percorso innovativo
nel rapporto con gli operatri, gli assistiti e i delegati. Sarà un progetto che
si perfezionerà nel tempo e che parte
dalla semplice idea di rendere immediatamente visibile la notizia e il suo
approfondimento. Dunque, si cambia.
Con un passo lento e costante e con
l’approccio riformista che connota
anche le più piccole esperienze quotidiane della nostra attività, ma si cambia registro.
Introdurremo un sommario, un colore e relative testatine per ogni macro
argomento, così da individuare subito

il tema che può interessare maggiormente al singolo lettore. Proveremo
a redigere testi più brevi e più snelli,
usando il meno possibile i tecnicismi
e ricorrendo a un linguaggio piano ed
essenziale. Cercheremo anche di rendere più omogeneo lo stile dei diversi
contributi scritti.
Per quel che riguarda il merito, lasceremo più spazio all’approfondimento
collocando la notizia “urgente” nel
sito e realizzeremo, per ogni numero
mensile, un breve articolo di fondo o
un’intervista che affrontino questioni
considerate meritevoli di una più specifica riflessione.
Ci sarà, poi, un’ulteriore interazione
con la Uilwebtv: alcuni degli argomenti trattati in Lettera Ital verranno

riproposti anche facendo ricorso a
questo nuovo, ma ormai consolidato
strumento comunicativo di cui si è dotata la nostra Uil. E infine, rilanceremo
l’essenza della notizia tramite twitter e
facebook.
Insomma, parte una nuova esperienza Ital che vuole essere a supporto di
un servizio moderno ed efficiente per
l’assistenza di lavoratori e pensionati.
Siamo certi che, anche questa volta, il
tempo e i risultati ci daranno ragione e
sapranno esaltare l’impegno del team
di attivisti e operatori a cui abbiamo
affidato questo compito.
Buon lavoro e in bocca al lupo

Gilberto De Santis

In questo numero
Lavoro e ammortizzatori sociali

• Licenziamento per motivi disciplinari: diritto all’ASPi
e obbligo del versamento contributivo
• Liquidazione anticipata ASpI e mini ASpI
• Indennità di disoccupazione “una tantum” Co.co.pro

Salute e Assistenza

• Corte Costituzionale: Disabilità e congedo retribuito biennale
anche a parenti o affini entro il terzo grado
• Corte di Cassazione: Sentenze su malattie del lavoratore
e licenziamento illegittimo.
• Circolare INAIL: Rivalutazione assegno di incollocabilità Inail per il 2013.
• INPS: casi di cumulabilità dell’assegno ordinario di invalidità
e dell’indennità per congedo straordinario.
• Inps: Invalidità civile, prestazioni sospese per assenza a visita

Previdenza

• Ex- ENPALS: domande di riscatto laurea.

@ 

Se vuoi ricevere Lettera Ital sul tuo indirizzo e-mail
compila la scheda di registrazione sul sito www.italuil.it

Anno II | Numero 3 | novembre 2013

pagina 2

Lavoro e ammortizzatori sociali
Ammortizzatori sociali

Licenziamento
per motivi disciplinari:
diritto all’ASPi
e obbligo del versamento
contributivo

Il Ministero del lavoro in risposta all’Interpello riguardante il diritto all’Aspi in caso
di licenziamento disciplinare per giustificato motivo soggettivo o per giusta causa
chiarisce che spetta l’indennità ASpi in favore del lavoratore e sussiste l’obbligo a
carico del datore di lavoro del versamento della relativa contribuzione.
Il Ministero ha chiarito che il licenziamento disciplinare non possa essere
qualificato come disoccupazione “volontaria”. Dalle disposizioni che regolano
l’ASPi si evince che le cause di esclusione dall’ASpi e del relativo contributo a
carico del datore di lavoro sono tassative e riguardano i casi di dimissioni (con
l’eccezione delle dimissioni per giusta causa ovvero delle dimissioni intervenute
durante il periodo di maternità tutelato dalla legge) e di risoluzione consensuale
del rapporto di lavoro.
Nel ragionamento seguito dal Ministero è stata richiamata anche la Corte
Costituzionale (Sentenza n. 405/2001) che nell’analoga situazione di licenziamento
disciplinare, ha statuito il diritto all’indennità di maternità.
Anche nel caso di specie affrontato nell’Interpello il licenziamento disciplinare può
essere considerato un’adeguata risposta dell’ordinamento al comportamento
del lavoratore e, pertanto, negare la corresponsione della ASpi costituirebbe
un’ulteriore reazione sanzionatoria nei suoi confronti.
In conclusione il Ministero non ravvede margini per negare il pagamento del
contributo a carico del datore di lavoro previsto dall’art. 2, comma 31 della legge
sul Mercato del lavoro 92/2012.

Ammortizzatori sociali

Liquidazione
anticipata ASpI
e mini ASpI

La Circolare Inps n. 145 del 9 ottobre 2013 fornisce le istruzioni operative per
l’applicazione, in via sperimentale e nel limite massimo di 20 milioni di euro per
ciascuno degli anni 2013, 2014 e 2015, delle disposizioni che prevedono che
il lavoratore avente diritto alla corresponsione dell’indennità di disoccupazione
ASpI o mini ASpI possa richiedere la liquidazione anticipata in un’unica
soluzione degli importi del relativo trattamento non ancora percepiti, al
fine di intraprendere un’attività di lavoro autonomo, ovvero per avviare
un’attività in forma di auto impresa o di micro impresa, o per associarsi in
cooperativa.
Destinatari di tale disposizione sono i lavoratori beneficiari dell’indennità mensile
di ASpI o mini-ASpI che intendono intraprendere un’attività di lavoro autonomo;
associarsi in cooperativa; avviare un’attività di auto impresa o di micro impresa;
intraprendere attività di collaborazione a progetto ovvero co.co.co.
I lavoratori che intendono avvalersi della liquidazione in unica soluzione
della prestazione ASpI o mini-ASpI devono inoltrare la domanda all’Inps
esclusivamente in via telematica allegando la documentazione richiesta a
seconda del tipo di attività autonoma che si intende intraprendere.
Gli Uffici di Patronato Ital Uil sono a disposizione gratuitamente per l’inoltro della
domanda telematica.

@  Lettera Ital è anche telematica

Anno II | Numero 3 | novembre 2013

Ammortizzatori sociali

Indennità di
disoccupazione
una tantum
Co.co.pro

pagina 3

La legge n. 92/2012 di riforma del mercato del lavoro ha riconosciuto, a decorrere
dal 1° gennaio 2013, un’ indennità ai collaboratori coordinati e continuativi
a progetto iscritti in via esclusiva alla Gestione separata presso l’Inps, che
soddisfino “in via congiunta” per il triennio 2013-2015 una serie di requisiti che di
seguito ricordiamo:
a) abbiano operato in regime di monocommittenza nel corso dell’anno
precedente;
b) abbiano conseguito, nell’anno precedente un reddito lordo complessivo
soggetto ad imposizione fiscale non superiore a 20.000 euro, annualmente
rivalutato sulla base della variazione dell’indice ISTAT dei prezzi al consumo
per le famiglie di operai ed impiegati intervenuta nell’anno precedente;
c) abbiano accreditato, nell’anno di riferimento presso la Gestione separata,
un numero di mensilità non inferiore ad uno;
d) abbiano avuto un periodo di disoccupazione ininterrotto di almeno due
mesi nell’anno precedente;
e) abbiano accreditate, nell’anno precedente presso la Gestione separata,
almeno tre mensilità.
Con il recente messaggio n. 16961/2013, l’Istituto previdenziale ha fornito alcuni
chiarimenti per la corretta applicazione delle disposizioni riguardanti il diritto
all’indennità di disoccupazione una tantum prevista per i lavoratori c.d. co.co.pro.
E’ stato chiarito che ai fini del raggiungimento del requisito reddituale utile
per accedere alla prestazione tantum vanno prese in considerazione anche le
prestazioni ottenute per  i periodi di maternità.
Inoltre, ai fini del requisito di un periodo ininterrotto di almeno due mesi di
disoccupazione nell’anno precedente, questo deve intendersi al netto di periodi
non coperti da indennità.

SALUTE E Assistenza
Disabilità

Corte Costituzionale:
Disabilità e congedo
retribuito biennale
anche a parenti o affini
entro il terzo grado

La Corte Costituzionale con la sentenza n. 203/2013 ha dichiarato l’illegittimità
costituzionale dell’art. 42, comma 5, del D.Lgs. n. 151/01 (Testo unico a tutela
della maternità e paternità) nella parte in cui non include tra i soggetti legittimati
a fruire del congedo, il parente o l’affine entro il terzo grado convivente, in caso
di mancanza, decesso o in presenza di patologie invalidanti degli altri soggetti
individuati dalla disposizione impugnata, idonei a prendersi cura della persona
in situazione di disabilità grave.
La Corte ha precisato che l’attuale normativa (D.Lgs. n. 119/11) ha ampliato
la platea dei soggetti a cui tale diritto è riconosciuto, recependo le sentenze
della stessa Corte, ma ha altresì individuato un rigido ordine gerarchico tra i
possibili beneficiari, che non può essere alterato in base ad una libera scelta
della persona disabile. La limitazione della sfera soggettiva prevista dalla norma,
sempre secondo la Corte, può infatti pregiudicare l’assistenza del disabile
grave in ambito familiare, allorché nessuno di tali soggetti sia disponibile o in
condizione di prendersi cura dello stesso.
Dopo questa importante sentenza anche il parente o l’affine entro il terzo grado
convivente di persona disabile grave può fruire del congedo, quando gli altri
familiari individuati dalla norma secondo l’ordine di priorità, ossia il coniuge
convivente, i genitori anche adottivi, i figli conviventi, i fratelli e le sorelle
conviventi, siano mancanti, deceduti o affetti da patologie invalidanti.

@  Lettera Ital è anche telematica

Anno II | Numero 3 | novembre 2013

pagina 4

In attesa delle indicazioni che l’Inps dovrà fornire, si ricorda che gli effetti di
una sentenza della Corte Costituzionale trovano applicazione per tutti quei casi
non esauriti per sentenze passate in giudicato o perché trascorso il periodo di
prescrizione.
I lavoratori interessati alla luce del nuovo principio sancito possono rivolgersi agli
uffici del Patronato Ital Uil, per informazioni, tutela e assistenza gratuite.

Prestazioni a sostegno del reddito

Corte di Cassazione:
Sentenze su malattie
del lavoratore
e licenziamento
illegittimo.

Con tre sentenze la Corte di Cassazione si è pronunciata sulla illegittimità del
licenziamento in caso di malattia del lavoratore, in relazione a diverse situazioni.
La malattia “causata” dal datore di lavoro
non entra nel periodo di comporto.
Con la sentenza n. 22538 del 2 ottobre 2013 la Corte ha dichiarato che è
illegittimo il licenziamento del lavoratore che supera il periodo di comporto
quando venga accertato, come nel caso di specie, che le assenze per malattia
siano conseguenza dell’ambiente lavorativo e della condotta aziendale posta
in essere nei suoi confronti, in particolare con le numerose sanzioni disciplinari
spropositate poi accertate come illegittime, da ciò derivando la loro non
computabilità ai fini del calcolo del periodo di comporto.
La Suprema Corte ha respinto il ricorso con il quale la società, proprietaria di
un supermercato, chiedeva il licenziamento del dipendente, sostenendo che
le continue assenze giustificavano la perdita del posto. Viene così confermato
quanto stabilito dal Tribunale, sulla scorta dell’istruttoria espletata, e poi dalla
Corte d’appello, che le assenze per malattia erano imputabili alla responsabilità
del datore di lavoro e di conseguenza irrilevanti ai fini del calcolo del periodo di
comporto.
Illegittimo il licenziamento se la patologia non è particolarmente grave.
Con la seconda sentenza n. 23068 del 10 ottobre 2013 la Corte di Cassazione
ha dichiarato illegittimo il licenziamento del lavoratore se la patologia non è
particolarmente invalidante e compatibile con le mansioni assegnategli, una
volta adottate le cautele di legge in grado di ridurre i rischi per la salute, anche
quando il medico competente si sia espresso sulla inidoneità del dipendente.
La Corte ha respinto così il ricorso della società datrice di lavoro, ritenendo
che nella fattispecie la Corte d’appello ha adeguatamente motivato il proprio
convincimento in merito alla idoneità del lavoratore allo svolgimento delle
mansioni lavorative facendo leva proprio sul parere tecnico del consulente
d’ufficio e condividendone le conclusioni.
Viene ribadito nella sentenza che: “nel caso di contrasto tra il contenuto del
certificato del medico curante e gli accertamenti compiuti dal medico di controllo,
il giudice del merito deve procedere alla loro valutazione comparativa al fine di
stabilire (con giudizio che è insindacabile in sede di legittimità se adeguatamente
motivato) quale delle contrastanti motivazioni sia maggiormente attendibile,…”
Illegittimo il licenziamento del lavoratore
in malattia che lavori occasionalmente altrove.
Infine con la recente sentenza del 15 ottobre la n. 23365 la Cassazione ha
affermato la illegittimità del licenziamento di un lavoratore in malattia che
occasionalmente lavorava presso l’azienda di un parente, se l’attività non
pregiudica la guarigione.
Secondo la Corte le contestazioni del datore di lavoro sono generiche e non
offrono elementi precisi. Inoltre l’attività svolta dal lavoratore era occasionale e
sporadica, non assimilabile ad una prestazione lavorativa e, comunque, è risultata
compatibile con la patologia sofferta, non violando i canoni di correttezza e
buona fede. “Lo stato di malattia era indubitabile e le marginali attività espletate

@  Lettera Ital è anche telematica

Anno II | Numero 3 | novembre 2013

pagina 5

non avrebbero, in realtà, potuto rendere più difficile il processo di guarigione,
anzi poteva affermarsi che tali attività potevano avere un’incidenza funzionale e
positiva per la stessa guarigione.”

Circolare INAIL:
Rivalutazione assegno
di incollocabilità Inail
per il 2013

L’Inail con circolare n. 47 del 1° ottobre 2013, comunica che dal 1° luglio 2013,
l’importo mensile dell’assegno di incollocabilità, aumentato del 3,02%, è fissato
nella misura di Euro 253,04, precisando che l’Istituto provvederà direttamente
alle operazioni di conguaglio con il pagamento del rateo di novembre 2013.
Si ricorda che l’assegno di incollocabilità viene corrisposto dall’Inail agli invalidi
del lavoro in presenza dei seguenti requisiti:
impossibilità ad essere collocato in qualsiasi settore lavorativo;
grado di inabilità non inferiore al 34%, secondo le tabelle del T.U. 1124/65, per gli
eventi denunciati prima del gennaio 2007;
menomazione dell’integrità psicofisica di grado superiore al 20%, secondo
le tabelle del D.Lgs. n. 38/2000, a causa di infortunio verificatosi o malattia
professionale denunciata, dal 1° gennaio 2007 (legge finanziaria 2007).
L’assegno decorre dal mese successivo alla presentazione della richiesta e non
è soggetto a tassazione Irpef.

INPS: Assegno ordinario
di invalidità e l’indennità
per congedo straordinario.
Cumulabilità

L’assegno ordinario di invalidità è cumulabile con l’indennità per congedo
straordinario per l’assistenza a familiari disabili gravi di cui all’art. 42, comma
5, del D.Lgs n. 151/2001, in quanto detta indennità non è configurabile come
reddito da lavoro, avendo natura assistenziale come evidenziato dal Ministero
del lavoro.
Lo comunica l’Inps con messaggio un recente messaggio con il quale modifica
le precedenti indicazioni di incumulabilità.
L’Istituto sosteneva infatti che l’indennità per congedo straordinario avesse
natura sostitutiva della retribuzione e, pertanto, in caso di percezione di assegno
ordinario di invalidità questo fosse soggetto alle riduzioni di cui alla legge n.
335/95 e alle trattenute per incumulabilità con reddito da lavoro dipendente.
Questo orientamento è mutato a seguito della ridefinizione da parte del Ministero
del lavoro della natura assistenziale del congedo straordinario.
Gli uffici del Patronato Ital Uil sono a disposizione gratuitamente per chiarimenti
e assistenza

Prestazioni assistenziali: invalidita’ civile

INPS: Invalidità civile,
prestazioni sospese per
assenza a visita

L’Inps con messaggio n. 16879 del 21/10/2013 comunica che con decorrenza
novembre 2013 è stata disposta la sospensione d’ufficio di un gruppo di
prestazioni di invalidità civile, con visita programmata fino a luglio 2013, i cui
titolari sono risultati assenti alla visita di verifica straordinaria.
Sono stati esclusi dalla sospensione i nominativi per i quali è prevista una nuova
convocazione a visita ambulatoriale o domiciliare.
Gli interessati sono informati della sospensione con una lettera inviata dall’Istituto
Previdenziale che contiene anche l’invito a rivolgersi alle Unità Operative Inps
medico legali Complesse e Semplici operanti sul territorio (UOC/UOS) per fissare
una nuova visita, la cui convocazione dovrà essere stabilita con priorità assoluta.

@  Lettera Ital è anche telematica

Anno II | Numero 3 | novembre 2013

pagina 6

Le prestazioni resteranno sospese fino all’esito della visita, mentre verrà
ripristinato immediatamente il pagamento, esclusivamente nel caso in cui
venga accertato che la mancata presentazione a visita era stata determinata
da: degenza in strutture sanitarie protette; ricovero in strutture ospedaliere;
condizioni che comportano l’esonero dalla visita secondo le norme vigenti (DM 2
agosto 2007); condizioni di intrasportabilità.
Gli uffici del patronato ITAL UIL sono a disposizione per informazioni, tutela e
assistenza gratuite. 

PREVIDENZA
Ex- ENPALS:
domande di riscatto
laurea

A partire dal 4 novembre l’inoltro delle istanze di riscatto di laurea alla Gestione
ex Enpals dovrà avvenire esclusivamente in via telematica. Lo precisa l’Inps con
la circolare n. 147 del 14 ottobre u.s.
Le domande presentate in forma diversa non saranno procedibili fino a quando
non verranno trasmesse attraverso il canale telematico.
Gli Uffici del Patronato ITAL sono disposizione per fornire assistenza e consulenza
gratuite nella verifica delle posizioni assicurative dei lavoratori con iscrizione ex
Enpals e nella presentazione delle relative istanze in via telematica.

@  Lettera Ital è anche telematica

Per trovare l’ ufficio del patronato ITAL UIL più vicino a te

contatta il numero verde 800085303


Documenti correlati


Documento PDF letterital n3 013 definitivo
Documento PDF avvisoital
Documento PDF portfolio grafica leandro seva
Documento PDF gualberto compagnucci curriculum professionale pdf
Documento PDF matteo del fante terna sottoscrive accordo con guardia di finanza
Documento PDF mountain bike world 03 2016


Parole chiave correlate