File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Ricerca PDF Assistenza Contattaci



Il diario di Gigetto .pdf



Nome del file originale: Il diario di Gigetto.pdf
Titolo: Microsoft Word - Il diario di Gigetto super criceto pasticcione.doc
Autore: Lucia

Questo documento in formato PDF 1.3 è stato generato da PScript5.dll Version 5.2.2 / Acrobat Distiller 5.0.5 (Windows), ed è stato inviato su file-pdf.it il 01/01/2014 alle 14:31, dall'indirizzo IP 82.58.x.x. La pagina di download del file è stata vista 1505 volte.
Dimensione del file: 873 KB (32 pagine).
Privacy: file pubblico




Scarica il file PDF









Anteprima del documento


(La mamma umana di Gigetto)

Il diario di Gigetto
Super-Cricio Pasticcione

Anno 2009

Il diario di Gigetto

10 marzo
L'ho preso il 10 marzo, dopo che era morta di vecchiaia la precedente criceta e dopo
essermi consultata con un'esperta per capire se potevo far felice un criceto a casa mia o se
gli avrei invece reso peggiore la vita rispetto a un'altra famiglia.
Ho chiesto di darmi il criceto che pensavano fosse più difficile accasare, quello che era da
più tempo in negozio. Di quelli dorati, i più grossi, ce n'erano tre: uno nero, uno
marroncino striato e uno dal corpo grigiastro tendente al marroncino. L'addetto ha cercato
di catturare proprio quest'ultimo, rimediandosi pure un morso.
Dopo l'esperienza con le precedenti due cricete ho messo la scatolina di cartone chiusa
dentro il trasportino.
La mitica Tòpola Truppy, topa moderna, spigliata e sicura di sè era uscita dalla scatola al
primo semaforo, mi aveva guardata e si era ricacciata in scatola per protesta non volendo
poi uscirne nemmeno a casa! Chrissy invece era più tontolina, aveva vissuto quattro mesi
in una teca di vetro del negozio, da sola con segatura, semi di girasole e pane secco e
basta e non conosceva niente all'infuori di questo: Chrissy è uscita dalla scatola e s'è
messa a girare per il trasportino in più tempo, solo alla prima rotonda.

Tòpola Truppy
Gigetto, chiamato così d'istinto perchè ha un adorabile faccino tontolino da Topo Gigio,
ha iniziato a rosicchiare attorno a un buchino, poi è passato all'altro, poi è tornato al
primo... insomma lui ci ha messo tanto di quel tempo che è riuscito a cacciar fuori la testa
solo mentre stavo parcheggiando davanti a casa...
2

Il diario di Gigetto

Chrissy
Arrivato a casa non capiva a cosa
News gastronomiche: insalata
servissero la carta igienica a listarelle, il
gentile, radicchio, pellet e semi per
contenitore con la sabbietta, la pappa che
criceti,
tonno, uovo di quaglia sodo,
non fosse semi di girasole, il fieno, la
mirtillo
ruota, il tubo di collegamento al piano
superiore, della cui esistenza era
totalmente ignaro.
Il giorno successivo aveva già capito l'uso della carta della ruota e della pappa.
Per il resto dovremo attendere...

16 marzo
Gigetto sta imparando gusti nuovi... la carota... la banana...la pera... la mela... il
mandarino... è entusiasta di tutto! una cosa ridicola è che mangia tutte queste cose come
facciamo noi con l'anguria, lasciando ben intatta la buccia... piuttosto spessa... Smette di
mangiare a un centimetro esatto di distanza dalla buccia!!! e lo fa anche se la buccia
gliel'ho già tolta io, col risultato ridicolo che finisce per mangiare solo qualche
morsichino centrale e getta in pattumiera il
grosso della fornitura!
News gastronomiche: carota,
Di solito dorme tutto il giorno ma ha già
banana, pera, mela golden,
imparato che la mattina gli conviene
mandarino, provolone
3

Il diario di Gigetto
svegliarsi per la colazione. Così lo vedi con gli occhietti stretti come la Balì e le orecchie
mollemente arricciate all'indietro come le pantofole delle fiabe di alì babà... si mette in
piedi ma ciondola perchè ha sonnissimo... però acchiappa la pietanza nuova e cerca di
capire qual è il centro e quale la crosta da scartare rigirandoselo un attimo fra le mani...

Balì, morbidissima micia Balinese con gli occhi a mandorla
Questa mattina gli ho proposto un pezzettino di provolone. Dopo aver esaminato bene la
forma a cubetto ha deciso che fa parte delle cose che considera senza-crosta-ma-contorsolo e che cioè si mangiano facendo ruotare il cibo con le mani e avanzando il centro e
i due punti laterali dove appoggia le manine... esattamente come si mangia il mirtillo o
l'uovo di quaglia sodo o la faldina di tonno rosa... esattamente come a volte noi
mangiamo "da super-spreconi" la mela gettando, di solito a terra in un angolo per strada,
il torsolo con attaccati tre quarti di mela edibile...
E' una settimana che a casa sono TUTTI euforici! Il reparto piccoli & vecchietti alla sera
diventa una sarabanda con tutti che rincorrono tutti, in prima fila la Lapina che si diverte
anche a fare le finte partenze e far correre i piccoli per un paio di metri prima che si
accorgano che lei non si è spostata dalla scatola e che non è "troppo avanti per
raggiungerla" ma dietro che se la ride di gusto. Duffy divertito va a mangiare, Pichi e
Balì si ritirano nei loro appartamenti in bagno più o meno infastidite, la coniglia Pipina
rincorre a turno chi le capita e Gigetto... si dà da fare contribuendo alla corsa come può:
sulla ruotina...

4

Il diario di Gigetto

Gigetto ha capito a cosa serve la carta igienica.
Peccato si sia fatto la tanina in un posto così scomodo, quasi sotto la ruota…

Lapina, micia quindicenne rimasta orfana dei genitori umani

5

Il diario di Gigetto

Miciotto Duffy con il coniglino disabile (nato paralizzato) Fiocco Di Neve

Pichi, a sinistra, con il micino disabile (sordo per maltrattamenti) Nerone

6

Il diario di Gigetto

Coniglia Pipina tende un agguato a micia Susy (detta Susanna Tutta Panna)

17 marzo
Questa mattina gigetto era seduto dentro un pentolino con le zampe davanti dentro
all'altro pentolino e gli occhietti stretti stile sono-le-tre-di-notte-e-mi-squilla-il-telefono...
La tattica è di accorgersi se i pentolini
vengono riempiti pur quasi dormendo: o lo
News gastronomiche: rucola,
sposto o gli verso in testa la pappa e quindi
insalata romana, scarola
lui se ne accorge subitissimo!
Questa mattina tra le varie leccornie c'era
l'uovo di quaglia sodo profumato al tonno: preso, portato a letto, smangiucchiato con
trasporto, leccate di baffi esagerate e sguardo adorante nei miei confronti...
Sai cosa ho notato? fa come Patì... nel senso che più gli piace una cosa più mastica ogni
singolo boccone. Con Patì avevo contato un record di 140 masticate per un bocconcino di
banana e un centinaio per uno di pera... con Gigetto siamo attorno alla decina per la
carota, 15 per il tonno e... 25 per l'uovo sodo!!! adesso che ho scoperto il trucco mi
divertirò a conteggiare le masticate...

7

Il diario di Gigetto

Patì (sullo sfondo coniglia Tippy detta anche Titti)
Anche la Pipina ha delle masticate significative: in genere un boccone lo mastica 5 o 6
volte da un lato e poi 5 o 6 dall'altro. Quando invece li mastica SOLO da uno dei due
lati... è incavolata nera!!! se lo fa con diversi bocconi consecutivi... meglio scappare!!!

Coniglia Pipina
8

Il diario di Gigetto
Certo che a osservarli veramente gli animali sono talmente buffi che ci si diverte un
sacco! meglio del cinema!!!

18 marzo
Gigetto al piano di sopra!!!
Ce l'ha fatta! Ci ha messo 7 giorni invece dei 7 minuti di Chrissy e dei 7 secondi della
Topola Truppy ma finalmente Gigetto si è accorto che esiste un piano superiore e ha
capito come arrivarci. Non so se tramite tubo o scaletta: ieri l'ho trovato su che dormiva
profondissimamente (doveva essere
stanchissimo per l'emozione)
News gastronomiche: bastoncello
Questa mattina era già a dormire al piano di
dolce alla crusca, pera, catalogna
sotto, pronto per svegliarsi in tempo per la
colazione.
Un’amica sostiene malignamente che i 7 giorni invece dei 7 minuti sono da addebitarsi
alla solita questione… che dici..? anche nei criceti... ci sono... piccole "trascurabili"
differenze tra... uomini e donne...???

Gigetto al piano di sopra! Finalmente! (I piedini sono di Duffy)

9

Il diario di Gigetto

19 marzo
Ieri sera non trovavo più Gigetto...
Guardo al piano di sopra e non c'è. Guardo nella tanina di carta igienica quasi sotto la
ruota e non c'è. Non c'è attorno al piatto di pappa e non lo vedo nemmeno sotto la roccia
finta a forma di ponte. Guardo nuovamente al piano di sopra, nel cessetto di plastica e...
niente!
Ma non può essere sparito! tutte le uscite sono chiuse bene!
Guardo meglio in ogni angolo e mi avvicino di più alla gabbia per guardare anche
nell'unico posto dove non avevo cercato: sulla ruota. Bingo! Era proprio lì!
Immobile, nella posizione dei corridori che attendono lo sparo dello starter, con una
zampina avanti e una indietro, le ginocchia lievemente piegate... Per un attimo ho pensato
che potesse essersi incastrato una zampa, ma è impossibile! la ruota è di quelle chiuse!
non ci sono fessure in cui possa incastrarsi!
Lo chiamo e dopo un paio di minuti finalmente si muove e scende dalla ruota.
Di solito verso le 9 di sera a casa mia partono le corse pazze dei gatti, a cui Gigetto
partecipa attivamente sulla sua ruotina: erano le 8 e mezza... che fosse già pronto per la
corsa serale in compagnia???
Ma non è finita qui.
Avevo appena mangiato un pezzetto di provolone e nel chiamarlo da vicinissimo Gigetto
ha sentito il profumo. Annusa l'aria e mi guarda poi decide che non posso essere io e si
guarda attorno annusando. Allora soffio nelle sua direzione e Gigetto ripete la scenetta
guardandomi e annusando, poi si cerca attorno la fonte e alla quarta soffiata di alito al
formaggio si convince di averla trovata: è sicuramente il pezzettino di provolone che ha
portato in tana la mattina! certo, deve essere così! deve essercene per forza ancora un
pezzettino!
E si mette a frugare con foga tra le listarelle di carta igienica, finchè... evviva!... lo trova!
Prende tra le manine un paio di listarelle di carta e le strizza e appallottola con
entusiasmo e si mette a mangiarme un morsichino con altrettanto entusiasmo.
Avrei dovuto filmarlo....
Quattro o cinque masticate con gli occhi socchiusi... poi si blocca... spalanca gli occhi...
altre tre o quattro masticate... guarda la carta che tiene in mano... mi guarda... due o tre
masticate con la testa storta e gli occhi al cielo, come se stesse riflettendo sul problema...
guarda la carta che tiene tra le manine... la annusa... allarga le manine lasciandola cadere
sconsolato... era CARTA! soltanto carta!!!
Povero Gigetto...
Sono andata in cucina a prendere un pezzo di provolone, l'ho staccato dalla fetta
spezzandolo e ne è venuto fuori un pezzo grosso una decina di volte quello che aveva
preso la mattina. Ma sì... povero Gigetto... se lo merita...
Torno in camera e dato che il formaggio non ci passa assolutamente dalle sbarre glielo
propongo infilando la mano in gabbia.
Gigetto era nella tana di carta igienica, mezzo sotto la ruota, proprio nell'angolino della
gabbia.
10

Il diario di Gigetto
Quando ha visto quell'ufo di provolone sovrastarlo ha pensato bene di classificarlo tra le
cose che non-si-mangiano-ma-possono-mangiarti e si è buttato a terra, pancia all'aria e
zampe e denti pronti ad affrontare il nemico.
Ma il nemico era profumato... molto profumato...
Ha deciso per un assaggio di prova...
Prende il mostro e lo avvicina... lo annusa...
News gastronomiche: biscotto gran
ne prende un boccone e mastica... 5 o 6
cereale alla frutta, sedano (foglie e
masticate e si blocca... spalanca gli occhi....
gambo), finocchio (foglie e gambo)
mi guarda... si mette seduto e annusa il
mostro... 5 o 6 masticate... si blocca e storta
la testa... 3 o 4 masticate con gli occhi spalancati e rivolti al cielo e la testina storta...
riflette... riflette e decide! Mi guarda adorante, si lecca i baffi e assale il formaggio! ecco
cos'è: formaggioooooo!!!
Questa mattina stava dormendo quasi sotto la ruotina ma con il sonno leggero di chi
attende qualcuno, con le orecchie un po' più dritte rispetto a quando è rilassatissimo.
Appena lo chiamo si sveglia e mi guarda leccandosi i baffi, speranzoso.
Avevo diverse pappe e gliele ho messe nella ciotolina.
Ma Gigetto è rimasto fermo al suo posto, seduto, con le manine aggrappate alle sbarre e
lo sguardo adorante di chi ti chiede "ma è vero che adesso mi dai una cosa buonissima di
quelle che non ho mai assaggiato in vita mia???"
Tra le pappe una nuova c'era: il biscotto grancereale alla frutta.
Riapro la gabbietta e glielo propongo.
Come primo impatto Gigetto lo classifica anche questo tra le cose che non-si-mangianoma-possono-mangiarti e stava per buttarsi a terra, ma vista l'esperienza della sera
precedente si è bloccato a metà ribaltamento e ha toccato e annusato il disco volante non
identificato. In meno di due secondi era seduto, lo stava tenendo saldamente con le
manine e mangiando a piccoli voraci morsichini con la lingua che di tanto in tanto gli
ripuliva i baffi fin quasi sopra il nasino...

20 marzo
Due giorni di trasloco
Ieri sera il Gigetto stava seduto nella tanina al piano superiore e guardava dalla finestra,
cioè l'unico lato lasciato maniacalmente libero dalle striscioline di carta. Stava scrutando
speranzoso in direzione della porta della camera per vedere se arrivavo con qualche
nuova leccornia.
Aveva portato di sopra quasi tutte le striscioline di carta igienica dal piano di sotto e le
aveva sistemate accatastate nella tanina ostruendo pure le due porticine di entrata. Però la
finestra, anzi la porta-finestra, visto che arriva fino a terra, era liberissima.
Era sveglio, sveglissimo, con le orecchie ben tese, ma se ne stava fermo immobile a
guardare... senza la minima voglia di muovere un muscolo, e tantomeno di scendere al
piano di sotto per la cena o, peggio ancora, la palestra sulla ruotina!
11

Il diario di Gigetto
Era stanco, il Gigettino. Povero... che faticaccia doveva aver fatto a traslocare tutta quella
carta!
Gli avrei volentieri dato un qualche conforto edibile ma nella posizione in cui era potevo
solo farglielo passare dai buchini. Togliere infatti il coperchietto proprio sopra la tana non
mi sembrava il caso: lo avrei solo spaventato e magari indotto a ritraslocare tutto al piano
di sotto...
Avevo ancora in mano la siringa senz'ago con cui avevo dato la dose settimanale di olio
extravergine di oliva alla Susanna, la micia del gattile che si muove poco in quanto
ancora spaventata e ha quindi bisogno di quest'integrazione alla dieta in via preventiva,
per evitare blocchi intestinali.
Mi è venuto in mente d'aver letto da qualche parte che i topi sono golosi di olio d'oliva.
Ne avevo ancora una mezza goccia nella siringa. Ho pensato che male non gli avrebbe
fatto ed era un gusto nuovo da assaggiare.
Ho infilato la punta della siringa nel buchino proprio sopra la testa di Gigetto e... ho
scoperto perchè Gigetto non sapeva dell'esistenza del piano superiore..!
Il "sopra" per Gigetto NON ESISTE!!!
Il profumo di olio era molto invitante. Gigettino ha iniziato a leccarsi i baffi e far fremere
il nasino in direzione del profumo. Cioè... davanti! Il profumo era sopra, ma lo cercava
davanti! Disperatamente!
Mi ha fatto pena, povero. Così ho spostato la siringa nel buchino vicino, sempre sopra ma
più davanti...
Niente! non la trovava! Era così disperato che mi aspettavo da un momento all'altro che si
mettesse a frignare e gli spuntassero due lacrimone dagli occhi!
L'ho spostata nel buco più avanti possibile e finalmente... finalmente ha scoperto la fonte
di cotanto invitante profumo e s'è dato da fare a leccarsi per bene quel residuo di olio.
Era però proprio appena una mezza goccina.
Così ho cercato di passargli dai buchini qualcos'altro di mangiabile.
Nella ciotolina c'erano dei bastoncelli che parevano fatti apposta. Passavano benissimo
dal buco.
Ma non avevano profumo e quindi messi nel buchetto davanti, lontano dalla sua
postazione, non avevano alcun effetto attrattivo.
Ho riprovato a infilare il bastoncello nel buco sopra la testa di Gigetto, ma il "sopra" per
lui non esiste! Ho mosso il bastoncello per far rumore: niente. L'ho spostato su e giù per
evidenziarlo visivamente: niente. Mi sono messa a grattare la gabbia con un dito per far
più rumore sopra alla sua testa: unico risultato, mi è caduto il bastoncello. Sulla testa di
Gigetto. Secondo te ha capito da dove arrivava?
Riprovo con un altro bastoncello che era più corto e mi è sfuggito di mano in meno
tempo.
Stavolta Gigetto, con espressione tra il seccato e lo stupito, si è posto il problema di come
e perchè "piovesse" in casa. Secondo te, ha guardato verso l'alto?
Si è guardato bene intorno, davanti a sè: dalla finestra vedeva la mia faccia ma mi ha
escluso subito, come colpevole. Scostando la carta da davanti una porticina non si vedeva
nessuno all'orizzonte. Spostandola invece da davanti l'altra porta, in fondo in fondo, fuori
dalla gabbia, lo ha visto. Sicuramente doveva essere stato lui! Ma perchè poi? Non era un
amico? Per quale motivo gli aveva buttato in testa dei sassi... il miciotto Duffy..?
12

Il diario di Gigetto
Boh... Dopo averci pensato un attimo, guardando fisso il colpevole, seduto, con le
zampine davanti piegate come un canguretto, le manine chiuse quasi a pugno, gli occhi
spalancati e la bocca aperta... dopo averci riflettuto, ha deciso di considerare chiuso il
caso e archiviarlo nel dimenticatoio.
Era stanco, il Gigetto... troppo stanco anche per prendersela con qualcuno...

Duffy sulla gabbia di Gigetto, che sta salendo al piano di sopra attraverso il tubo
Gli ho messo un bel po' di listarelle di carta igienica al piano di sotto, vicino alla extanina, così che se avesse voluto scendere e coricarsi al piano di sotto avrebbe avuto la
copertina a disposizione. Poi ho archiviato anch'io il caso e me ne sono andata a nanna,
anch'io.
Mattina. Preparo le pappe e penso a cosa gli posso proporre di nuovo, mai assaggiato.
Oltre a radicchio, altra insalata, mandarino, banana, pera e provolone che già conosce
questa volta ho messo la mela rossa (per ora conosce solo la golden, gialla), una briciola
di pane e qualche grano di riso integrale che ho cotto ieri per il cagnolone Birillotto e
Gigetto non ha ancora mai mangiato in vita sua.
Questa volta al piano di sopra non c'è.
Al piano di sotto non c'è.
E'... al piano di mezzo... un piano che... non c'è...
Hai presente come un criceto “normale” trasloca la carta da un punto della gabbia
all'altro? Le mie due bimbe, la Tòpola Truppy e la Chrissy prendevano un foglio e lo

13

Il diario di Gigetto
infilavano nelle tasche guanciali. Poi magari prendevano il secondo e ne infilavano in
tasca almeno metà, poi si spostavano fino alla meta e toglievano di tasca il bottino.
Hai idea di quale tattica possa utilizzare un Gigetto come il nostro?
Allora... per prima cosa si prendono tutte le listarelle di carta al piano di sotto e si infilano
nel tubo di raccordo tra i due piani. La seconda fase prevede di spingere avanti e verso
l'alto nel tubo la carta agendo come un bulldozer: si entra nel tubo e si spinge, si spinge,
si spinge! Finchè non si riesce a far affiorare le listarelle dal buco superiore. A questo
punto le listarelle sono ben compattate e costituiscono un tappo di una decina di
centimetri di lunghezza.
La fase successiva consiste nello scavare la parte inferiore del tappo di carta buttandosi
alle spalle le listarelle facendole passare sotto la pancia, tra le zampe. E magari spingerle
all'indietro a sederate, per avere più agio per lo scavo.
La fase finale consiste nel... rimanere incastrato tra due tappi di listarelle di carta
compattati!
E attendere, più o meno pazientemente, che
qualche anima pia ti tolga il grosso delle
News gastronomiche: olio
listarelle dal tubo con un cacciavite (e rischi di
extravergine di oliva, mela rossa,
perdere il treno per andare al lavoro...).
pane, riso integrale cotto
Quattro! Quattro più per l'impegno!
Decisamente con i lavori domestici Gigetto non se la cava!
Mi toccherà mandarlo a ripetizione...
Se continua così quest'anno o si becca gli esami a settembre o è... bocciatooo!!!

23 marzo
Venerdi sera il mostricciattolo era ancora nel tubo di raccordo tra i due piani e il lavoro di
traslocare la carta dal piano terra al piano superiore continuava, ma con una tecnica
differente.
Venerdi mattina infatti, infilata la carta nell'imboccatura del tubo, ha infilato dentro la
testa e ha cominciato a spingere con le mani, avanti avanti e avanti come un bulldozer.
Ora di sera probabilmente si era stufato di questa tecnica e, messa la carta all'imboccatura
del tubo, messe dentro anche tutte le vettovaglie, compreso l'ingombrante spicchio di
mandarino e il pomodorino datterino, è entrato con la testa, s'è girato e ha cominciato a
scalciare come un mulo e a indietreggiare, spingendo con i piedi e il sederotto indietro
indietro e indietro come un bulldozer.
A questo punto mi sono stufata anch'io, ma di vederlo sempre nel tubo!
Ho preso un cacciavite e ho tolto dall'alto quello che sono riuscita di carta e pappa.
Non ci crederai, ma, fulmineo, ha assalito per ben due volte il cacciavite, uccidendolo a
morsi!
Ho tolto con le dita la carta dall'estremità inferiore e... Gigetto si è girato e s'è fatto 10 cm
di tubo a razzo per uccidere il secondo pericolosissimo nemico. Per un soffio non mi ha
fatto male!
14

Il diario di Gigetto
Faccio sparire la carta e le vettovaglie appassite e gli propongo una foglia di carota: esce
fulmineo dal tubo col naso e aggredisce e uccide a morsi la carota nemica, tirandosela
dentro il tubo e riducendola in poltiglia!
Meno male che è in gabbia! Se fosse libero... temerei per l'incolumità dei gatti!!!
Adesso capisco perchè è negato per i lavori domestici. Ha un'indole diversa. E' un criceto
da combattimento!!!

Gigetto incastrato dentro il tubo
Sabato mattina lo trovo steso nel tubo, nel punto di raccordo che è quasi piatto, tra due
tappi di carta e vettovaglie pressate. Immobile. Completamente appiattito giù. Con la
bocca semiaperta.
Mi viene un infarto: "Nooo è soffocato! Ma come è possibile? ci sono i buchini per
respirare nel tubo!"
Mi metto a dare gran botte al tubo e finalmente il bell'addormentato tira uno sbadiglio
enorme, stira una zampa, poi l'altra, si sposta di due centimetri e... si rimette a dormire a
bocca aperta...
Non mi va che stia sempre nel tubo.
Mi rimetto a dar botte al tubo finchè non caccia fuori la testa a guardare cos'è tutto 'sto
terremoto. Poi rincula e torna in tana.
Ridò botte finchè non esce per metà, poi rientra.
Penso di attirarlo con la pappa e provo con una cosa nuova: una foglietta di rucola:
schizza quasi fuori fulmineo facendosi 10 centimetri di tubo a razzo, la prende e... la
porta dentro e la uccide! a morsicate!
No, non va!
Non posso mica stare tutto il giorno a creargli il terremoto per non farlo vivere nel piano
che non c'è!
15

Il diario di Gigetto
Eppoi ci sono i gatti che stanno guardando interessati cosa fa "mamma" e stanno
cominciando a pensare che sia lecito e anche divertente: non mi sembra proprio il caso di
dare ulteriore cattivo esempio...
Forse ha paura dei gatti, penso.
Gli metto sulla gabbia, provvisorio, uno straccio.
Vado al supermercato e gli prendo una casettina chiusa, con qualche buco che mi
permetta di vedere se è dentro (quella che ho di Tòpola Truppy è troppo chiusa).
Nel pomeriggio gli sostituisco lo straccio (ulteriore fonte di gioco per i gatti) con un
cartone.
Gli metto la casetta spostandola sopra e sotto in vari punti.
Lo attiro con un fiore di violetta.
Sta sempre nel tubo.
Domenica mattina è nel tubo. La pappa non
lo smuove, a parte il fiore di violetta.
News gastronomiche: pomodorino
Domenica sera invece di scuotere il tubo
datterino, foglia di carota, fiore di
provo a far ruotare un pezzo rispetto all'altro
violetta mammola, seme di zucca,
per vedere se riesco a rendere più scomodo
banana disidratata, cocco
il piano in cui vive Gigetto e questa volta,
disidratato a fettine, crema di yogurt
senza volerlo, lo spavento a morte! E' uscito
muller ai frutti di bosco
così velocemente che sembrava lo avessero
sparato fuori! è atterrato nella vaschetta con
la sabbia (che non ha ancora capito a cosa serva) ed è rimasto lì fermo, immobile.
Per rincuorarlo gli propongo cose nuove, mai mangiate: semi di zucca, altri fiori di
violetta, una fetta di banana essiccata. Per la banana si esalta. La lecca persino e ci sputa
pure su al centro per renderla più morbila e leccarla con più gusto e riuscire a rosicchiarla
da lì e non essere costretto a mangiare quello che lui considera "buccia" per poter
raggiungere la "polpa" al centro.... Per il seme di zucca si sbaglia: scarta tutta la buccia e
finisce per buttare anche il centro. Deluso, riacchiappa la banana e mentre la mangia ci
ripensa. Appoggia la banana e rovista con foga tra gli scarti: trovato! qualcosa di
mangiabile nel seme doveva pur esserci!!!
Alle 9 di sera Gigetto era sulla ruotina per il momento di corsa serale corale.
Evviva! era ora che tornasse a una vita normale!
Dobbiamo festeggiare!
Cos'è che può essere considerato da lui una ricompensa da gran festeggiamenti? Decido
per la banana disidratata. Frugo tra la frutta dei pellet di coniglia Pipina e... c'è tutto
tranne la banana! Prendo un seme di zucca, anche se non ne era stato entusiasta. E prendo
anche un ricciolo di cocco disidratato: questo è nuovo. Tòpola Truppy e Chrissy ne
andavano matte. Gli piacerà di sicuro...
Gli propongo per primo il cocco: lo prende per educazione e... lo lascia cadere perplesso.
Glielo ripropongo: stessa scena. Gli si legge chiaramente in faccia che non capisce per
quale motivo gli debba propinare una cosa immangiabile che è in tutto identica alla
montagna di carta igienica che si trova dappertutto nella sua casa!
Gli propongo allora il seme di zucca e intanto che se lo sguscia dentro la ruotina vado a
prendergli un biscotto grancereale alla frutta.
16

Il diario di Gigetto
Glielo appoggio dentro la ruotina.
E' stra-felicissimo!!!
Domenica notte ha dormito nella ruotina, mezzo sdraiato sul residuo di biscotto.
Lunedi mettina... è nel tubo... di nuovo...
Stavolta tra le varie pappe nuove c'è anche lo yogurt ai frutti di bosco. Spero che almeno
questo non cerchi di portarselo in tana, nell'ammezzato, al piano che non c'è...

24 marzo
ieri sera il Gigiotopo era ancora nel tubetto, ma è sceso per la corsa serale sulla ruotina e
se ne è stato un po' al piano terra a gironzolare. Gli ho girato il tubo in posizione scomoda
e ho provato a dargli una leccornia quando era sulla ruotina, per premiarlo della scelta.
Ho pensato al pollo, che ancora non conosce. Risultato: la leccornia per Truppy e Chrissy
a lui... fa schifo!
Ma è mai possibile che tre criceti abbiano gusti così contrastanti?
Truppy impazziva per il tonno, la sogliola e le cozze, che la mandavano in estasi. Chrissy
non ne sopportava nemmeno l'odore e cambiava piano finchè l'altro appartamento non
risultava sufficientemente arieggiato e deodorato. Idem per la menta, che Truppy usava
come alberello arbre-magic e Chrissy detestava.
Chrissy e Truppy stravedevano per cocco essiccato, pollo e crema di yogurt Muller ai
frutti di bosco: Gigetto non sa che farsene di queste tre cose. Sì, giusto un morsichino al
pollo... uno solo e... ooophs, che peccato che sia caduto fra la carta igienica... e continui a
cadere ogni volta che gli viene riproposto... come se fosse... carta igienica... Lo yogurt
invece proprio gli fa schifo anche come odore (ho persino pensato di spalmarglielo nel
tubo per renderglielo meno attraente).
News gastronomiche: pollo cotto,
uvetta del panettone, panettone,
erbette

Ho riposizionato l'arredamento al piano di
sotto, casettina nuova compresa. Durante
tutti questi traslochi il Gigetto si posiziona di
solito in un angolo, seduto come un canguro
e mi guarda con gli occhi spalancati e la
bocca aperta, stupito. Si chiederà perchè ho 'sta mania di rivoluzionargli casa ogni volta
che ci vediamo. E poi la SUA casa! che gli va benissimo così com'è!!! Certo che sono
strani, 'sti umani... penserà...
Questa mattina era nel tubo, ma mi stava aspettando.
Appena aperta la porticina mi è venuto incontro per vedere cosa c'era di buono per
colazione.
E io... da carogna... per farlo stare fuori dal tubo... gli ho infilato la cosa più buona... il
supermegaenorme biscottone grancereale alla frutta... dentro la casetta nuova!

17

Il diario di Gigetto
L'ho lasciato che ancora lottava strenuamente col biscotto per tirarlo fuori dalla casetta
attraverso la porticina troppo piccola, tirandolo con strattoni con unghie e denti e
puntellando i piedi sullo stipite della porta per avere più forza...
Mentre i gatti divertitissimi lo stavano contemplando...
Che personaggio, anche questo!

25 marzo
Ieri sera alla fine ho sfrattato il
mostricciattolo cricetesco dal tubo. Gliel'ho
News gastronomiche: prugna rossa,
proprio smontato, tirando via uno dei due
uva rosata (senza semi)
pezzi e rendendoglielo quindi troppo corto e
ripido per essere utilizzabile. E gli ho anche
sequestrato tutto il pastrocchio di carta,
briciole di biscotto, mandarino spiaccicato,
mix triturato di insalate varie e foglie di carota, il tutto ben imbevuto di pipì (visto che
non usciva dal tubo nemmeno per quella)!
E' la seconda volta che lo vedo reagire così...
Hai presente il re leone Giovanni del cartone animato Robin Hood? quando era in
difficoltà cosa faceva? si cacciava il pollicione in bocca e si succhiava il dito.
Ieri Gigetto era costernato, triste e preoccupato per lo sfratto. Si è messo in un angolo, si
è appallottolato su se stesso e stando seduto in bilico su un piede s'è preso l'altro piede
colle manine e s'è messo a succhiarselo... per autoconfortarsi...
Da quando è arrivato a casa è già raddoppiato di dimensione, ora è un adolescente quasi
adulto e... si succhia ancora il pollicione..!
Povero Gigettino! Ho rimediato ripristinando la fornitura di carta igienica al piano terra e
dandogli qualcosa di più saporito da succhiare: un bel biscottone grancereale alla frutta,
ottimo per fargli tornare il buonumore.
S'è acchiappato subito un foglietto e ha aggredito con entusiasmo il biscotto, cercando
con difficoltà di partire a mangiare dal centro, sempre per il concetto che una cosa a
forma di fetta ha una polpa buona da mangiare e una crosta preferibilmente da scartare...
All'una di notte mi sono alzata per andare in bagno: aveva fatto la sua cuccia di carta
igienica nell'angolino e stava pedalando sulla ruotina.
Questa mattina dormiva in cuccia e mi è venuto subito incontro a prendere la fetta di
banana da portarsi a letto come colazione.
Forse abbiamo trovato l'arredamento giusto. Forse.

26 marzo
Il Gigetto nazionale pare si sia adattato bene al nuovo arredamento.
18

Il diario di Gigetto
Non sembra stressato e dorme in un angolo e
non nella casettina chiusa, nonostante i gatti
che gli circondano la gabbia.
Questa mattina è arrivato di corsa per la
colazione. Ha scelto il mandarino. Tre
morsichini al centro e poi l'ha portato a letto.
Ho provato a dargli una foglietta della rucola che ho ancora sul balcone: ci arrivavo male
e s'è dovuto alzare quasi in piedi sbilanciandosi all'indietro e capottandosi pancia all'aria
per acchiapparla. Voltarsi? no... troppo difficile da escogitare come strategia...
News gastronomiche: foglia di
rucola, muesli ai frutti di bosco,
mirtilli rossi secchi

27 marzo
E ci risiamo col trasloco!
News gastronomiche: cavolfiore
Io non c’entro ‘sta volta!
(solo grumolo, senza foglie, e
Ho solo messo un po’ di carta igienica a
pochissimo), fragola (frutto e foglie)
listarelle in più nella gabbia.
Ieri sera Gigetto l’ha aggiustata insieme
all’altra per un super-mega-comodo giaciglio. Questa notte ne ha traslocato metà dentro
la casetta nuova di plastica.
Questa mattina ha traslocato anche se stesso nella casetta.
Però al richiamo della pappa è arrivato di corsissima, stiracchiandosi e sbadigliando…
Ieri sera aveva scelto muesli ai frutti di bosco e bastoncello alla crusca. Questa mattina
cavolfiore e rucola. Beh, in effetti per lui ieri sera era la colazione, visto che di giorno
dormono, e questa mattina… la “spaghettata” di mezzanotte…Quindi i conti tornano!

30 marzo
Questa mattina Gigetto era al piano
superiore.
Finalmente ha capito che anche con metà
tubo, di sopra ci si arriva lo stesso.
Ma non ha capito solo quello: ha capito
anche che la scaletta ha la stessa funzione, di
collegare i due piani. E non solo di
intralciarlo mentre cammina al piano di sotto…
I gatti stamattina stavano giocando come pazzi, su e giù dal letto, rincorrendosi,
rotolando. Persino su e giù dalla gabbia di Gigetto.
Gigetto stava attendendo la colazione guardando tutto ‘sto traffico per nulla impaurito.
Questa mattina ha assaggiato lo yogurt alla pesca, poi tra le varie proposte ha scelto un
pezzetto di fico secco, la mozzarella e la banana.
News gastronomiche: crema di
yogurt muller alla pesca e albicocca,
fico secco, mozzarella, croccantino
per gatti exigent

19

Il diario di Gigetto
Terminata la colazione si è unito ai festeggiamenti: su dal tubo… corsetta per il secondo
piano… giù dalla scaletta… corsa attorno al sasso finto… salto a piè pari del pentolino
con lo yogurt… giro attorno alla casetta… passaggio sotto al ponte del sasso finto… altro
salto dello yogurt… spostamento di due brandelli di carta igienica… salto sul sasso
finto… arrampicata su per il tubo e…
E tentativo di acchiappare la coda di micino Silvestro che, su insegnamento del nonno
Duffy, se ne stava placidamente sdraiato sopra la gabbia e seguiva le corse dei fratelli
gatti tenendo il ritmo con la coda… e con un Gigetto che saltava a destra e a sinistra nel
vano tentativo di acchiappargliela.
Se dovessimo rifarci alla teoria della reincarnazione, Gigetto nella sua precedente vita
sarebbe sicuramente stato un caporalmaggiore: basta vedere la foga nel portare a termine
il complicatissimo percorso di guerra, con scontro finale corpo a corpo (o, meglio, a
coda) col nemico felino…

Gigetto

1° aprile
ieri sera ho dato l'olio extravergine di oliva settimanale alla gatta che si muove poco e
rischia altrimenti di intopparsi l'intestino. Poi ho lasciato in giro la siringa e mi sono
ricordata solo questa mattina dove l'avevo dimenticata.

20

Il diario di Gigetto
L'idea era di dare quel minimo di goccia che
News gastronomiche: fiori di rucola,
rimane dentro a Gigetto visto l'entusiasmo
insalata “condita” con olio
della scorsa volta.
extravergine di oliva, pecorino
Così questa mattina avevo tra le varie pappe
romano, prugna secca, albicocca
anche dell'insalata e mi è venuto in mente di
secca, arachide (non salata e non
provare a spruzzarci sopra la micro goccina
tostata)
di olio.
Risultato: s'è appallottolato la foglia e si è
sbilanciato tutto di lato stile torre di pisa
mangiandola con entusiasmo e rischiando
pure di capottarsi. Finita la parte condita ha mollato a terra lo scarto insapore ed è corso a
vedere se c'era ancora di quella meraviglia da mangiare.
Gli ho preparato una seconda foglietta e la sua reazione è stata la stessa.
Quindi... sono riuscita a viziare questo criceto ancora più delle precedenti due!
Non solo provolone auricchio se no non si mangia e crema di yogurt muller se no non si
mangia! Con Gigetto siamo passati addirittura all'insalata condita con olio extravergine di
oliva (se no non si mangia...)

Gigetto

6 aprile
S'è ribaltato ancora il sasso! Quello lungo e piatto. Messo sottosopra.

21

Il diario di Gigetto
News gastronomiche: piselli freschi
crudi, bacello di piselli, fagiolini,
mango disidratato

E a momenti ieri si ribalta la casetta stando
dentro e cercando di uscire assonnatissimo,
scavalcando la parete (ha divelto il tetto e
l’ha gettato in un angolo della gabbia).
Insomma, è un vero pasticcione!

Gli sto proponendo pappe nuove e ieri dovevo avergliene data una super visto che questa
mattina mi stava aspettando ciondolando lievemente in piedi come un canguro, con gli
occhi stretti e le orecchie semiripiegate indietro, seduto in un pentolino davanti alla
porticina e fissando da lì la porta di entrata in camera.
Questa mattina avevo cose ancora diverse. Un cubetto di mango disidratato che ha preso
con entusiasmo, assaggiato e accantonato. Un fagiolino che già ieri lo aveva
entusiasmato. Un bacello di pisello fresco, che non ha degnato di uno sguardo, e...
qualche pisello.
E' la prima volta che gli vedo finire un pezzetto di pappa. Le cose piccole e globose le
morde in un punto un paio di volte e poi scarta il rimanente 80%. Questa mattina invece
sperava che ci fosse, lo ha cercato con cura, ci si è avventato sopra: era un pisello. L'ha
preso con le manine e l'ha mangiato ingordamente leccandosi le labbra e ficcandosi
perfino una mano in bocca per cacciarsi dentro l'ultimo briciolino rimasto.
Poi è corso a frugare nella ciotolina, buttando tutto per aria e scavando verso il fondo.
Trovata! Una rondella di banana disidratata! Slurp!
Poi gli è venuto in mente che aveva ancora il provolone di ieri sera. E magari qualche
altro pisello. Fruga frenetico e lo trova: una morsicata al pisello e una al provolone, una al
pisello... (invece del nostro provolone piccante e fave... provolone dolce e piselli).
Soddisfatto è andato al piano di sopra a vedere se c'era qualcosa da fare ed è ridisceso
subito... incespicando e infilandosi nella casetta scavalcando la parete (invece di entrare
dalla porta)... finalmente a nanna.
Un paio di secondi dopo aveva già l'aria beata di chi è nel mondo dei sogni...

8 aprile
Hai presente il formaggio con le pere?
Gigetto questa mattina s'è inventato una
variante: provolone e mirtillo e a
seguire provolone e fragola...
Devo provarlo anch'io.

News gastronomiche: spinaci, foglie
di tarassaco, uva bianca apirena,
crema di yogurt muller alla fragola
in pezzi

9 aprile
Adesso ti faccio ridere con le avventure del mio toporazzo.

22

Il diario di Gigetto
Già... ieri sera gli ho proposto il soncino e il lampone come cose nuove ma era assonnato
e non connetteva granchè. Ci ha messo un po' a capire che si trattava di qualcosa di
commestibile. Poi ha provato ad addentare il soncino e l'ha trovato gradevole.
Il lampone non sapeva come aggredirlo. L'ha rigirato fra le manine e ha notato con un
certo sconcerto che... aveva un buco al centro! qualcuno gli doveva aver già mangiato
quello che secondo uno dei suoi concetti sulle cose globose medio-grosse doveva essere
la parte mangiabile, lasciandogli solo la crosta di scarto... Ha infilato bocca e naso nel
buco cercando di mangiare il residuo di polpa ed evitare accuratamente la crosta, ma ha
desistito quasi subito: troppo faticoso (senza un cucchiaino, poi!).
Se ne è andato a nanna, nella casettina che aveva ribaltato e che gli avevo rimesso in
piedi.
Ho dato la pappa alla micia del gattile a cui devo svuotare manualmente la vescica e che
è ancora spaventata e mangia di più se la imbocco, soprattutto con cose buone tipo carne
cruda, prosciutto cotto e bresaola.
Avevo ancora le mani profumate di questo mix di salumi quando sono andata a
ricontrollare Gigetto. Ho avvicinato il dito alla gabbia per fargli sentire il profumo, per
vedere la reazione, se sembrava interessato o meno. Poi non gliene avrei dato perchè la
carne non di pollo o tacchino è troppo pesante da digerire per un criceto, ma volevo
vedere la reazione per capire i suoi gusti su come proporgli la sua carne, che
semplicemente lessata non gli piace.
E la reazione c'è stata! E' saltato per aria, letteralmente, come se avesse avuto sotto un
razzo a reazione! Un salto esattamente verticale che non gli ha fatto sbattere la testa
contro il soffitto solo perchè in quel punto avevo tolto la botolina superiore per metterci
la scaletta e farlo salire al piano superiore anche senza tubo.
E' stato l'odore della gatta che avevo accarezzato? o del prosciutto&bresaola?
Atterrato appena fuori la casetta si è lanciato contro la parete opposta della gabbia,
spiaccicandosi in un angolo e guardandomi come fossi un mostro.
Uno dei gatti si è avvicinato annusandolo e Gigetto ha ricambiato il bacione attraverso le
sbarre.
Quindi non aveva paura dell'odore di gatta.
Era semplicemente terrorizzato dalla bresaola!!!
Questa mattina c'era il sasso a ponte ribaltato.
Ho visto come fa.
Mentre gli altri gatti giocano sul letto, si
fanno agguati e rotolano ribaltandosi a
vicenda, lui... aggredisce il sasso! Scava con
le mani alla base del sasso (così forse lo
destabilizza, nelle sue convinzioni), poi lo
afferra con la bocca e dà strattoni laterali stile incredibile ulk, stortando anche la testa di
lato per ribaltarlo. E ci riesce. Dopo un bel po' di strattoni ci riesce. Vittoria! Sassonemico ribaltato!!!
Ci credo che poi la mattina sia stanco, povero Gigetto.
Però, anche con gli occhi socchiusi mi aspetta sempre per la colazione.
Questa mattina di buonissimo gli ho preparato una foglia di insalata condita con una
goccia di olio extravergine di oliva.
News gastronomiche: crema di
yogurt muller all’albicocca frullata,
soncino, lampone (frutto), riso
carnaroli cotto

23

Il diario di Gigetto
L'ha acchiappata con foga, quasi ribaltandosi all'indietro, ne ha mangiato un morsichino
con trasporto e... se l'è portata a letto. Aveva già gli occhi chiusi e continuava a
mangiarsela, la sua colazione-super-lusso...
Insomma, riesco a viziare proprio tutti...

10 aprile
Secondo te... lo sto viziando troppo?
Ieri sera piattino di riso integrale con piselli
News gastronomiche: risi&bisi (riso
cotti (quelli di scatola) e formaggio
integrale con piselli cotti e
grattugiato e per secondo tacchino arrosto
formaggio grana grattugiato), kiwi
(quello che si vende a fette al banco salumi):
tutto apprezzatissimo, a parte la buccia dei
piselli che ha diligentemente sputato.
Questa mattina insalata condita con olio extravergine di oliva, varie altre pietanze e come
frutta mandarino e kiwi.
Non so... forse esagero... a viziare così anche... un criceto...?!

15 aprile
Per Pasqua Gigetto si è trasferito al piano di sopra, iniziando i lavori di rimodernamento
del piano terra.
Per prima cosa tutta la carta igienica della casetta a piano terra è stata stipata nella tanina
superiore.
Poi il sasso piatto è stato messo perpendicolarmente alla sua posizione originaria. Il sasso
a ponte è stato ruotato anch’esso e spinto in avanti, in modo da spostare la scaletta in
avanti e renderla meno ripida con accesso comodo dal sasso.
Il pentolino con i semini è finito nell’angolo sotto la ruota. Molto più funzionale nel caso
a uno venga fame intanto che pedala.
Il pentolino vuoto dello yogurt è finito sotto il ponte. Si vede che era stufo di saltarlo via
durante le sue performance atletiche stile percorso di guerra.
Le vettovaglie sono state in parte trasferite in tana al piano di sopra e in parte
abbandonate a terra vicino alla porticina d’uscita.
La casetta è stata ribaltata su un fianco. Si vede che era stufo di scavalcare il muro visto
che da porta e finestra non gli piaceva passare. Ora è tutto da vedere se entra dal lato in
cui non ci sono ostacoli o se si arrampica sull’attuale tetto e si cala da porta o finestra
originarie… Da un Gigetto ci si può aspettare questo ed altro.
Ieri mattina stava aggrappato alle sbarre, ne mordeva una nel tentativo (vano) di segarla
in quel punto, mentre con le zampe posteriori saltava su e giù sul posto, per aumentare

24

Il diario di Gigetto
l’enfasi del gesto. Chissà come aveva in mente di sistemare quell’angolo di casina… nel
caso gli fosse riuscito..?!
In questi giorni sta assaggiando ancora nuovi sapori e ogni volta è in ansia finchè non
trova qualcosa di nuovo: ogni proposta, anche la più allettante, la considera “un’ottima
cosa, ma… ci sarà pure qualcosa che non ho
ancora mai assaggiato… qualcosa di
News gastronomiche: pane altamura
buonissimo… di sicuro buonissimo…”
fresco, noci, cime di rapa (fiori e
E così tra le novità più nuove, che nemmeno
foglie), nocciole, datteri, svizzera di
le precedenti cricete avevano mai assaggiato,
manzo cotta con funghi porcini (data
Gigetto si è trovato ad assaggiare la carne
senza funghi), ricotta, crema di
trita tipo svizzera cotta al microonde con
yogurt muller alla fragola frullata,
funghi porcini spezzettati. A lui non ho dato i
fesa di tacchino arrosto (da banco di
funghi perché non ho trovato da nessuna
salumeria) e arrostino di tacchino
parte se li può mangiare o meno e nel dubbio
(quelli già pronti)
ho evitato, ma il briciolino di carne lo ha
entusiasmato. E’ stato il secondo cibo che ha
mangiato integralmente, cacciandosi perfino
le mani in bocca per evitare che gli cadesse qualche briciola!!!
Certo che dopo i risi&bisi (riso integrale con piselli cotti e formaggio grattugiato), gli
accostamenti provolone & piselli crudi freschi o fragola o mirtillo, ora pure la svizzera ai
funghi..!!!
Mi merito come minimo una laurea honoris causa in gastronomia per criceti golosi!
Questa mattina, giusto per rimanere in tema, una nuova proposta: mirtilli freschi da
inzuppare in un pentolino con metà ricotta e metà crema di yogurt muller alla fragola
frullata. Gigetto ha approvato! Eccome!

Gigetto si gusta una foglia di insalata condita con olio extravergine di oliva
25

Il diario di Gigetto

17 aprile
Ieri sera Gigetto ha preso con entusiasmo la novità gastronomica e l’ha portata a letto.
Era ancora mezzo addormentato…
Questa mattina era sveglissimo e la novità
News gastronomiche: zucchina
gastronomica era stata riportata, intatta, al
(frutto), fiori di acacia, coscia di
suo posto, tra le cianfrusaglie commestibili
pollo lessato, colomba (il dolce,
ma non particolarmente buone. In attesa di
senza glassa e senza mandorle),
un fruttuoso scambio, effettuato questa
salmone (trancio bollito), uova di
mattina: io do una novità a te e tu dai una
gallina sode (tuorlo), emalpino,
novità a me… fetta biscottata ridata a
foglie di vite, foglie di lampone,
mamma in cambio di mirtillo rosso
pesca, kiwi, prugna nera, foglie di
disidratato. Slurp!
trifoglio bianco, pere William e
Questi sì che sono ottimi scambi
Abate, foglie di ravanello
commerciali!!!

14 maggio
Super-Cricio Gigetto ormai è grande.
Ha superato la fase ribelle adolescenziale. Si è calmato tantissimo. Mangia e dorme.
Dorme e mangia...
Ogni tanto cambia l’arredamento, nel senso che sposta il cumulo di carta igienica a
brandelli che costituisce la tanina, varia il punto in cui accumula la pipì, ribalta i sassi
finti al piano di sotto e sposta la ciotolina dei semini per tutto il piano.
Attualmente la camera da letto è stata
News gastronomiche: fiori di
adibita a cessetto. Ho dovuto cedere e
zucchina, fetta biscottata, mirtilli
mettergli la sabbietta per cincillà
rossi disidratati (cranberry)
direttamente nella ex-zona-nanna perché
tanto la pipì lì ce la faceva lo stesso, sabbia
o non sabbia...! Il cessetto ufficiale no, quello no, non lo usa… almeno non per lo scopo
per cui esiste… Il cessetto blu infatti per lui è un bagno-doccia: ci lava le mani o il
musino o ci si rotola. Ma pipì mai!
E la cacca si fa al piano di sotto, nella segatura, sparsa ovunque tranne davanti alla
ruotina, dove ha fatto uno spiazzo pulitissimo, spostandola via maniacalmente fino
all’ultimo truciolino, non so perché.
L’ingresso del piano superiore è stato adibito a camera da letto con dispensa annessa.
Così Gigetto è molto più comodo. Apro la botolina e gli propongo direttamente in bocca
le varie leccornie e novità. Spesso non si mette nemmeno in piedi, anzi se ne resta mezzo
sdraiato e acchiappa la delizia mangiandosela al modo degli antichi romani e con gli
occhietti socchiusi per il sonno.
E’ sempre goloso. Molto goloso.
26

Il diario di Gigetto
Soprattutto i fiori sono la sua passione. Violette, acacia, rucola… mangia con trasporto i
petali. E sputa con attenzione gli steli.
E adora sempre le sorprese gastronomiche.
Sera e mattina attende con ansia o qualcosa che già conosce, ma che deve essere
buonissimissimo, o una nuova pietanza da assaggiare.
E il problema è che… sto cominciando ad esaurire le novità criceto-commestibili da
proporgli…
Ho ancora in serbo foglie di vite e di nocciolo e di rovo, more di rovo e di gelso, fiori di
caprifoglio e di trifoglio bianco, ciliegie, albicocche, qualche varietà di uva o pere o mele
tipo le renette… ma poi? Varierò le carni e i formaggi… per il pesce ho già visto che
sardine, cozze, platessa che attiravano la Tòpola Truppy non gli piacciono e che resta
ancorato a tonno rosa e salmone… ma poi? Altri tipi di biscotti… ma poi?
Mah, vedremo.
Posso sempre ripiegare sui piatti elaborati, tipo ricotta con due diversi gusti di crema allo
yogurt, o riso e svizzera ai funghi (senza funghi), o il famoso risi&bisi che già apprezza.
E sulle cose buonissimissime.
E su quelle freschissimissime, direttamente dal produttore al consumatore, dai vasoni sul
balcone al cricetone in cameretta…
Ma ti sembro normale??? Sul balcone ho dei vasoni con zucchine di tre tipi comprese
quelle a trombetta rampicanti di Albenga (per i fiori e i frutti), fragole (foglie e frutti),
vite da vino rosso (foglie, della cultivar con maggiore quantità di resveratrolo, l'elisir di
lunga vita per topi e criceti), mirtilli (frutti), lamponi (frutti e foglie che servono in caso
di diarrea), piselli (frutti), rucola (foglie e fiori), spinaci ed erbette (foglie), tre tipi di
insalata, ravanelli (foglie), un finocchio (foglie), quattro o cinque carote (foglie), trifoglio
nano bianco (foglie, aspetto i fiori)... dici che esagero a viziare così anche un "topo"???
Però è un “topo” delizioso da viziare…
Ormai è grande, Gigetto, e si vede.
E’ meno scatenato. Corre meno sulla ruota e si diverte di più a vedere i fratelli gatti che
corrono.
Ha capito che si fa meno fatica a guardare che a fare…
E’ saggio
E' adulto. E' saggio.
E, come le precedenti cricete, sbaciucchia i gatti... da vero incosciente!

27

Il diario di Gigetto

Criceta Chrissy e miciotta Pichi

Super Cricio Gigetto e micia Mina

28

Il diario di Gigetto

29

Il diario di Gigetto

ALIMENTI DA CRICETI
Tratto da
www.mondocriceto.it - web.tiscali.it/hamatrix/ www.hamsterific.com/HamsterUniversity/FoodList.html - www.hamsters-uk.org

Gli alimenti consigliati
Verdure

Asparagi (attenzione! in un elenco considerati letali!), basilico, Bietola da coste,
broccoli, carrube, cetrioli, cicoria, coriandolo, crescione, erba medica, fagiolini,
fave, fieno, finocchio, fiocchi di cereali vari, germogli di fagiolo, indivia, lattuga
romana, mais (cotto o crudo, sgranato o in pannocchia), malva, menta, patate
bollite o in purè (mai crude), peperone dolce (senza semi), piselli (cotti o crudi
freschi o scongelati, anche col bacello. Non secchi perché troppo duri), rabarbaro
(solo cotto: crudo è pericoloso), radicchio, rape, rucola, salvia, sedano, soia
(germogli), spinaci (crudi o cotti), tarassaco, trifoglio, zucca, zucchine

Frutta

Albicocche (senza nocciolo, fresche o secche), anacardi, arachidi (con guscio),
banane (fresche o secche), castagne, castagne dolci, ciliegie (senza nocciolo),
cocomero, datteri, fichi, fragole, ghiande, kiwi, lamponi (anche le foglie, utili
contro la diarrea), mandarini dolci, mango, mele (senza semi, fresche o secche),
melone, mirtilli, mirtilli rossi (cranberry), more, nocciole, noce di cocco, noci
(sgusciate), noci del Brasile, noci di Pecan, papaia, pere (senza semi), pesche
(senza nocciolo), pistacchi (non salati), prugne (senza nocciolo, fresche o
secche), susine (snocciolate), uva (senza semi), uva sultanina, uvetta

Semi vari

avena, girasole (anche germogli e anche fiore intero seccato), grano (crudo o
cotto e germogli), grano saraceno, lenticchie, lino, mais (crudo, lessato,
scoppiato a popcorn senza grassi o sale, pannocchia cruda o cotta. NON
cornflakes che possono ferire le tasche guanciali), mangime per pappagallini
(che per i dorati dovrebbe essere un terzo o un quarto del totale), miglio (anche
pannocchie), panico (spighe), orzo, sesamo, soia (arrostita), zucca
AVVERTENZA!!! Fate attenzione ai semi appuntiti, potrebbero danneggiare le sacche guanciali
dei nostri piccoli amici

Proteine

biscotti semplici per cani (buoni per i denti),carne (bollita e non di maiale),
crocchette per cani o gatti, fegato di vitello, formaggio grana, formaggio
stagionato o fresco ma non appiccicoso, pesce (bollito), pollo (bollito), ricotta,
tofu, tonno al naturale, tuorlo di uovo sodo, yogurt bianco magro
ATTENZIONE: un'utente del forum ha avuto problemi di perdita del pelo per le crocchette per
cani

30

Il diario di Gigetto
Carboidrati Cornflakes (senza zucchero e ammorbiditi per non ferire tasche guanciali), cracker

non salati, crusca, Farina d'avena (asciutta o impregnata di latte di soia o latte
scremato), fette biscottate, grissini, pane (meglio se integrale, fresco o vecchio),
pane tostato (utile contro diarrea), pasta cotta (anche agli spinaci, cruda può ferire le
tasche guanciali), polenta, popcorn (senza olio), riso (cotto o soffiato)

Sali
minerali

Osso di seppia, tarassaco (ricco di calcio)

Gli alimenti accettabili in piccole dosi
carote (poche, crude o cotte), cavoletti di Bruxelles (pochi, meglio cotti – ma alcuni li
considerano letali), cavolfiori (fiori, foglie e gambo – ma alcuni li considerano letali), lattuga
(poca occasionalmente), pomodoro (solo se non acido e non verde e senza il picciolo e i semi: è
comunque pesante e rischia di provocare mal di pancia), prezzemolo (solo in piccolissime dosi),

Biscotti (non troppo dolci), Burro di arachidi (meglio se spalmato sul pane), Cereali
da colazione (non troppo dolci), Cozze (molto occasionale), Fiocchi d'avena, muesli
Leccornie non zuccherato, yogurt alla frutta

Liquidi

Latte (o pane inzuppato nel latte – alcuni lo sconsigliano. Consigliato invece da tutti
per cricete incinte o in allattamento), succhi di frutta diluiti con acqua, succo di
pomodoro

Gli alimenti proibiti
Aglio (velenoso), agrumi (troppo acidi), alloro, Ananas (troppo acido),anguria (l’acqua contenuta
provoca diarrea), asparagi (da alcuni considerati letali), Avocado (Contiene Cardiac Glycosides),
barbabietole (secondo alcuni non tossiche ma colorano la pipì), bulbi, caramelle e mou (troppo
dolci e possono bloccarsi nelle tasche guanciali), Carne di maiale (difficile da digerire), carote in
quantità eccessiva, cavoli, cibo fritto, cioccolato (velenoso), cipolla (velenosa), convolvolo,
cornflakes secchi (possono ferire le tasche guanciali), croco, dolciumi, Erba cipollina, fagioli
(velenosi, soprattutto crudi), formaggi molli (possono bloccarsi nelle tasche guanciali), Mandorle
(velenose: contengono acido cianidrico), Melanzana, mix per conigli (contiene antibiotici),
lattuga iceberg (troppo ricca d’acqua), Pasta cruda (può ferire le tasche guanciali) , patate crude
(velenose), patate germogliate (velenose), piante sempreverdi, piselli secchi (troppo duri:
potrebbero rompere i denti), pomodoro (frutto troppo acido, foglie e piccioli velenosi), Porri,
quercia (foglie), rabarbaro crudo, rabarbaro (foglie), ranuncolo, Riso crudo (può gonfiarsi nello
stomaco), rovere (foglie), semi di frutti, sottaceti
ATTENZIONE: evitare zucchero e alimenti zuccherati perché i criceti sono predisposti all’obesità e al diabete. I cibi
troppo acidi vanno evitati perchè possono distruggere la loro flora batterica e creare problemi

31

Il diario di Gigetto

32


Documenti correlati


Documento PDF il diario di gigetto
Documento PDF il diario di dimitrov e la svolta di salerno e l uso politico della storia
Documento PDF ist prof armando diaz
Documento PDF polvere di thanahka online
Documento PDF primadipartire
Documento PDF diario bindi bianco


Parole chiave correlate