File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Ricerca PDF Assistenza Contattaci



Al Presidente della Regione Siciliana 02.01.2014 .pdf



Nome del file originale: Al Presidente della Regione Siciliana 02.01.2014.pdf
Titolo: LOGO FLAI SICILIA
Autore: Tonino Russo

Questo documento in formato PDF 1.5 è stato generato da Microsoft® Office Word 2007, ed è stato inviato su file-pdf.it il 02/01/2014 alle 22:26, dall'indirizzo IP 151.63.x.x. La pagina di download del file è stata vista 892 volte.
Dimensione del file: 198 KB (3 pagine).
Privacy: file pubblico




Scarica il file PDF









Anteprima del documento


SEGRETERIE REGIONALI SICILIA

Al

Presidente della Regione Sicilia
On.le Rosario Crocetta

All’ Assessore Regionale alle Risorse
Agricole e Alimentari
Dott. Dario Cartabellotta
All’ Assessore Regionale Territorio e
Ambiente
Dott.ssa Maria Lo Bello
Al

Presidente della II Commissione
Bilancio
On.le Antonino Dina
LL.SS.

Nel mondo la risorsa territorio, ambiente e sistema forestale, ossia la greeneconomy, vengono sempre più assunte a scelta prioritaria di grande valenza
economica, sociale, produttiva e protettiva, quale nuova opportunità di sviluppo,
occupazione e reddito.
Nella nostra Isola, tale processo evolutivo stenta a decollare perché
condizionato dalla funzione assistenziale attribuita al comparto agro-forestale, dalla
scarsezza e dispersione delle risorse, da una governance asfittica e carente di
progettualità.
Nella realtà siciliana è sempre più urgente e improcrastinabile la tutela, la
salvaguardia, la prevenzione ed il controllo agro-ambientale del territorio, sia nelle
zone di interesse rurale e boschivo, compresi parchi e riserve, sia negli spazi a verde
di interesse pubblico, demaniali e consortili, ivi compresi i siti archeologici e turistici.

Occorre ripensare una nuova centralità del territorio, che miri a migliorare la
sicurezza e la qualità della vita, con interventi strutturali e programmati, sotto
l’aspetto del riassetto idrogeologico e su quello di lotta al degrado, per una nuova
riqualificazione degli spazi urbani e suburbani.
Pertanto, la Fai-Cisl, la Flai-Cgil e la Uila-Uil rivendicano il riordino
dell’intera legislazione in materia forestale, da attuare attraverso l’adozione di un
testo unico, quale strumento funzionale a determinare un nuovo e sinergico sistema
agro-ambientale-forestale fondato sulla tutela della biodiversità, del territorio
boschivo e dell’ambiente; sulla lotta agli incendi; sull’ampliamento della superficie
boschiva e delle attività forestali; sulla diversificazione produttiva sull’uso plurimo
dei boschi (paesaggistica, ricreativa, produttiva), sulla lotta alla desertificazione ed al
dissesto idrogeologico.
Tale politica non può prescindere dal riassetto delle competenze di Azienda e
Corpo Forestale e dall’istituzione di una Cabina di Regia, quale nuovo strumento di
governo e programmazione del settore, ove canalizzare tutte le risorse economiche
funzionali al raggiungimento di tali obiettivi.
Tali scelte innovative daranno certezza dei flussi finanziari e saranno
determinanti per la costruzione di un mondo del lavoro caratterizzato da maggiore
stabilità e valorizzazione delle professionalità.
Su queste basi le scriventi pensavamo e credevamo di poter dare contenuto
all'accordo sottoscritto con il Governo in data 24 settembre 2013, mediate il quale
veniva istituito un tavolo tecnico tra gli Assessorati Risorse Agricole e Alimentari,
Territorio e Ambiente e Flai-Cgil, Fai-Cisl, Uila-Uil.
Tavolo tecnico, in buona sostanza reso inefficace dallo stesso Governo, per
ragioni di metodo e di merito costringendo, il Sindacato, a dichiararne la sospensione
reclamando contestualmente un incontro con le Autorità in indirizzo a tuttoggi non
convocato.
Il dato di fatto è che le vere proposte del Governo per il settore forestale sono
contenute nell'art. 12 del disegno di legge della Finanziaria 2014 che in alternativa al
riordino legislativo prevede una ulteriore penalizzazione per il settore e i lavoratori,
come vanno considerati:
- il blocco dell'applicazione del contratto di lavoro della categoria fino al 2015,
prorogando il precedente blocco 2012/2014;
- il blocco del turnover per il passaggio dal contingente inferiore a quello
superiore, eliminando la possibilità, a costi invariati, di dare speranza alla giusta
aspettativa dei lavoratori;
- la riduzione per legge della indennità chilometrica, non tenendo conto di norme,
regole e contratti di lavoro;

- l'insufficienza delle risorse finanziarie
programmazione annuale degli interventi.

previste

per

una

adeguata

La scommessa e la sfida di Flai-Cgil, Fai-Cisl, Uila-Uil lanciata al Governo
consistevano e consistono nel riordinare e ridisegnare una nuovo progetto di
forestazione in Sicilia, diversamente dalle attuali scelte di tagli, blocchi e
ridimensionamenti.
Per queste ragioni le scriventi Segreterie Regionali nel reiterare la richiesta
d'incontro annunciano che a partire dalla mattina di martedì 7 gennaio p.v.
saranno presenti in Piazza Parlamento dinanzi all'Ars con delegazioni
provenienti da tutte le provincie.
È doveroso evidenziare che in presenza di ulteriori remore e silenzi non
esistono alternative a sostegno della vertenza diverse dallo sciopero generale della
categoria.
Distinti saluti.

Fai Cisl, via Libertà, 163 - 90100 Palermo, tel. 091344570, fax 0917305785,e.mail: faicislsicilia@libero.it
Flai Cgil, via Ercole Bernabei, 22 - 90145 Palermo, tel 091225594, fax 0916811381 – e.mail: flai@sicilia.cgil.it
Uila Uil, via Imperatore Federico, 60 90143 Palermo, tel e fax 091300664– e.mail: uilapa@tin.it


Al Presidente della Regione Siciliana 02.01.2014.pdf - pagina 1/3
Al Presidente della Regione Siciliana 02.01.2014.pdf - pagina 2/3
Al Presidente della Regione Siciliana 02.01.2014.pdf - pagina 3/3

Documenti correlati


Documento PDF giuseppe lasco terna sviluppo sostenibile della rete elettrica della sicilia
Documento PDF 7 mesi a licata
Documento PDF giuseppe lasco accordo tra terna e la regione siciliana
Documento PDF la sicilia con ed locali 17 11 12 zdc
Documento PDF dd 3087 02 10 2015 revoca contributo associazione donne a sud
Documento PDF beneficiari 31agosto2016


Parole chiave correlate