File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Ricerca PDF Assistenza Contattaci



TERNIDEALE appunti per commissione venerdì 17 .pdf


Nome del file originale: TERNIDEALE - appunti per commissione venerdì 17.pdf
Autore: Andrea

Questo documento in formato PDF 1.5 è stato generato da Microsoft® Word 2010, ed è stato inviato su file-pdf.it il 18/01/2014 alle 19:11, dall'indirizzo IP 79.35.x.x. La pagina di download del file è stata vista 637 volte.
Dimensione del file: 286 KB (2 pagine).
Privacy: file pubblico




Scarica il file PDF









Anteprima del documento


IL TEATRO DELLA CITTA’:
ALL’ITALIANA E TECNOLOGICAMENTE ALL’AVANGUARDIA
Audizione con la Prima Commissione Consiliare del Comune di Terni
Venerdì, 17 gennaio 2014
Intervento dell’Associazione culturale TernIdeale

Prima di tutto ci piace chiarire che le nostre ripetute richieste di incontro non sono dettate da uno spirito di
contrapposizione sciocco e improduttivo, ma dalla ricerca di un dialogo cordiale e propositivo, il solo in
grado di sviscerare i problemi e risolverli.
TernIdeale ribadendo la convinzione che la cultura è la sola unica vera opportunità di crescita e di sviluppo,
economico, turistico, sociale e industriale, e vedendo nel nuovo teatro Verdi lo stimolo e il simbolo per la
rinascita della città,

CHIEDE:
I.

di re-indirizzare gli sforzi a oggi prodotti per il restauro del teatro Verdi verso una soluzione di
progetto generale diversa da quella attualmente in discussione. Una soluzione che sia la migliore
possibile affinché il restauro possa essere attrattivo di quei capitali necessari per il pieno
raggiungimento dell’obiettivo.

II.

di pianificare una corretta gestione dei soldi pubblici affinché la migliore soluzione possibile venga
consapevolmente scelta avendo ben chiaro: a) cosa si vuole fare con il teatro; b) cosa occorre fare
per realizzare quell’idea; c) quanto costa la sua realizzazione; e infine, ma non meno importante d)
quale è il modello gestionale economico individuato dall’amministrazione riguardo il progetto
predisposto.

III.

un chiarimento riguardo alle azioni intraprese dall’Amministrazione Comunale sui seguenti punti: a)
se esiste un progetto definitivo e/o esecutivo generale dal quale “estrarre” il primo stralcio
strutturale; b) a quale funzione è destinato il progetto generale di restauro del teatro; c) quanto
costa il progetto generale complessivo di restauro del teatro Verdi; d) se tale progetto
generale/complessivo sia stato elaborato o meno su un modello di gestione e funzionalità post
lavori; e) che tipo di oneri o redditività ci si aspetta dall’intervento di restauro attualmente
predisposto dall’Amministrazione; f) ove risiede la funzionalità dei due lotti in cui è ulteriormente
suddiviso il progetto definitivo che il Consiglio comunale è chiamato ad approvare.

Inoltre, non sussistendo vincoli di urgenza come emerso in data 10/01/2014 in sede di prima Commissione
Consiliare permanente in quanto in quell’occasione non è stato evidenziato un imminente rischio per
l’incolumità pubblica (non esistono, infatti, ordinanze di chiusura strade e opere provvisionali) e i fondi
regionali resterebbero disponibili per sette anni a decorrere dal 2011 e comunque nel caso di effettivo
pericolo si dovrebbero eseguire tutte le opere di demolizione dei muri pericolanti e per gli altri eseguire gli
opportuni interventi provvisionali di puntellamento che non ostacolassero eventuali modifiche progettuali
CHIEDE ALTRESI’:
a) Di aprire uno spazio di dialogo: 1) con TernIdeale che ripropone l’idea progettuale in grado di
rispondere ai presupposti di cui al precedente punto II. lettere a), b), d) esposta e già presentata il
14/12/2013 in un pubblico convegno; 2) con tutti quei soggetti, magari attraverso ulteriori

audizioni, che hanno pubblicamente espresso massima apertura nei confronti del Comune per un
progetto condiviso.
Infine

TERNIDEALE CHIEDE AL CONSIGLIO COMUNALE DI TERNI:
per il tramite della Prima Commissione Consiliare permanente di re-inviare la D.G.C n. 423 del 6/12/2013
alla Giunta Municipale al fine di una sua sostanziale modifica così da salvare, magari con atto deliberativo
separato e distinto, la questione urbanistica(che stando alle risultanze della seduta del 10/1/2014 sarebbe
comunque necessaria) e allo stesso tempo stralciare la parte relativa all’approvazione del progetto
definitivo strutturale. Ciò permetterà di reindirizzare il generoso lavoro compiuto dagli Uffici e dai
consulenti tecnici verso una nuova soluzione progettuale generale, da individuare sulla base di un credibile
modello gestionale-economico post-restauro e al termine di un largo percorso di condivisione con la città.

L’IDEA PROGETTUALE DI TERNIDEALE
La nostra proposta, di cui, come detto più sopra, si dovrà verificare la fattibilità attraverso percorsi
condivisi, è per un teatro che torni a svolgere quel ruolo di motore culturale e forse anche di più che lo
stesso ha ricoperto dal 1849 in poi. Un “Nuovo Teatro Verdi” che non sia solo luogo di fruizione ma anche
di produzione dei diversi generi di spettacolo. Un teatro all’italiana, perché tale soluzione architettonica
non è solo forma, ma anche sostanza di uno spazio scenico complesso che mette in relazione stretta e
indissolubile il pubblico con ciò che viene in esso rappresentato anche dal punto di vista acustico e della
visibilità. Spazio scenico che esso stesso può diventare attore protagonista di nuovi processi produttivi.
Proponiamo un teatro all’italiana, tecnologicamente all’avanguardia attrezzato per le riprese video in alta
definizione e anche 3D degli eventi spettacolari, ritenendo tale ipotesi possa essere non soltanto quella su
cui fondare il modello gestionale del Nuovo Teatro Verdi in grado, dunque, di garantirne la sostenibilità
economica e una larga fruibilità, ma anche quella utile alla ri-valorizzazione funzionale di strutture oggi
dormienti e improduttive. Tale soluzione, peraltro, potrebbe costituire terreno fertile per l’attrazione di
nuovi fondi Europei. Non esiste oggi, infatti, in Italia e in Europa un teatro all’italiana strutturalmente
organizzato per offrire alle compagnie teatrali servizi e tecnologie integrate che consentano la realizzazione
a basso costo di prodotti culturali destinati poi anche a una commercializzazione video. Il Nuovo Teatro
Verdi potrebbe colmare questa lacuna cogliendo l’occasione del suo restauro.
Siamo di fronte ad una occasione unica e irripetibile, il nostro progetto se condiviso, pubblicizzerebbe Terni
a livello nazionale e internazionale, dando risalto e visibilità a tutto il nostro patrimonio storico, artistico e
paesaggistico, accrescendo l’interesse verso le bellezze della nostra regione.
Auspichiamo quindi che la vostra decisione sia dettata dall’amore per questa città, ma soprattutto dal
dovere che abbiamo verso le generazioni future.
Ogni maggiore informazione su www.ternideale.it
Il Presidente di TernIdeale
Ing. Giuseppe Belli


TERNIDEALE - appunti per commissione venerdì 17.pdf - pagina 1/2
TERNIDEALE - appunti per commissione venerdì 17.pdf - pagina 2/2

Documenti correlati


Documento PDF ternideale appunti per commissione venerd 17
Documento PDF appunti di fisica
Documento PDF 2017c
Documento PDF prova 1 palle nere
Documento PDF la crisi della democrazia
Documento PDF rg1938 10 14 236 p1


Parole chiave correlate