File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Ricerca PDF Assistenza Contattaci



Concorso Un Ospe .pdf



Nome del file originale: Concorso Un Ospe.pdf
Titolo: (Microsoft Word - Concorso Un Ospedale con pi\371 Sollievo 2014.doc)
Autore: Administrator

Questo documento in formato PDF 1.3 è stato generato da PScript5.dll Version 5.2 / GNU Ghostscript 7.05, ed è stato inviato su file-pdf.it il 21/01/2014 alle 18:52, dall'indirizzo IP 2.232.x.x. La pagina di download del file è stata vista 1791 volte.
Dimensione del file: 420 KB (43 pagine).
Privacy: file pubblico




Scarica il file PDF









Anteprima del documento


Concorso Nazionale
“Un ospedale con più Sollievo”
VIII edizione

!

"

# $

!

"

#

#

'

% &
'

&
"

(

)

Concorso Nazionale

Un ospedale con più Sollievo

Presentazione
È opinione diffusa che la Sanità nel nostro Paese, mentre risulta in continua crescita
nei suoi aspetti tecnologici, sembra al contrario ridurre la sua dimensione umana nel
difficile rapporto fra operatori sanitari e pazienti.
Mentre la moderna Medicina, sempre più basata su metodi scientifici rigorosi
(medicina delle evidenze) sta registrando risultati molto positivi in tutte le sue
specializzazioni, più che mai si avverte una insoddisfazione diffusa e crescente da
parte di coloro che sono destinati a beneficiare di tali risultati: i pazienti ed i loro
familiari. I vari episodi di malasanità, puntualmente oggetto di ampia diffusione da
parte dei media, sono almeno in parte espressione di questi sentimenti. La
superspecializzazione e soprattutto la crescita tumultuosa delle applicazioni
tecnologiche se, da un lato, interessano quasi morbosamente i pazienti ed i loro
familiari sempre più "informati" ed esigenti, dall'altro facilitano questa sensazione di
abbandono ad opera degli operatori sanitari.
Per esaltare e far crescere nella coscienza collettiva, nell’ambito di questa relazione di
aiuto, il valore insostituibile del “sollievo” inteso non come negazione definitiva del
dolore fisico ma piuttosto come sostegno sollecito ed amorevole, psicologico e
spirituale al malato, specie se cronico in evoluzione di malattia, da anni si celebra, sia
pure in maniera alquanto disomogenea, una lodevole iniziativa nel nostro Paese. Si
tratta della GIORNATA NAZIONALE DEL SOLLIEVO, promossa dalla
Fondazione Nazionale Gigi Ghirotti insieme al Ministero della Sanità ed alla
Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome, istituita con decreto del
presidente del Consiglio nel 2001, celebrata l’ultima domenica di Maggio.
Vista la tendenza ad applicare anche nel nostro Paese modelli di assistenza che
privilegiano competenza, appropriatezza ed economicità delle cure sui sentimenti di
condivisione del disagio altrui, è urgente trasferire tale consapevolezza al mondo dei
"provvisoriamente sani", cominciando dalla scuola, fin dal livello primario, affinché
siano sensibilizzati a tale tema: gli alunni, le loro famiglie e gli stessi insegnanti.
Di seguito ci piace riportare il testo della "Lettera al Malato" che Nicasia Teresi,
Direttore generale della Fondazione Nazionale Gigi Ghirotti, ha composto in
occasione della 1 a Giornata:
Caro paziente, eroe sconosciuto dai mille volti che si sovrappongono nella memoria,
vorrei sentire la tua voce in questa Giornata dedicata a te. Caro amico, grazie per la
pazienza che mi hai insegnato quando ascoltavi le ruote di quel carrello spinto lungo
un corridoio infinito, quando si fermava nelle stanze vicine, contando quanto avrebbe
impiegato a raggiungere la tua stanza con la soluzione a quel dolore. A volte hai
aspettato con silenziosa dignità il tuo turno, altre volte hai urlato il tuo bisogno
impellente suonando insistentemente quel gracchiante campanello che disturbava
l’udito, ma non scuoteva le coscienze. “Non si agiti, stia calmo, un po’ di pazienza,
di educazione....” Parole facili, scontate, a volte taglienti... é un “sano” che parla.
Quante notti insonni trascorri in cui la luce dell’alba sembra non arrivare mai,
lunghe notti in cui ricordi, angosce, paure si intrecciano in ragnatele inestricabili!
Grazie per il grato sorriso che mi hai regalato, in una calda giornata estiva, per un
1

Concorso Nazionale

Un ospedale con più Sollievo

po’ di acqua fresca. Grazie per avermi onorato dalla tua amicizia e confidenza
raccontandomi frammenti della tua vita. Ho pianto con te, abbiamo riso insieme su
storie buffe a volte inventate solo per evadere da quell’angoscia; ho stretto la tua
mano, tu hai stretto la mia. Grazie per avere arrestato le mie stressate e insensate
corse del quotidiano ed avermi insegnato a fermarmi per assaporare la gioia di ogni
attimo del tempo che scorre. Nonostante il tempo trascorso insieme, io sono “sana” e
scopro di non poter capire fino in fondo i tuoi bisogni, le tue angosce, il tuo dolore.
La tua intimità e il tuo corpo violato da tante mani sconosciute. In palazzi, in stanze
colme di sapienza si parla di te, del tuo dolore, dei tuoi bisogni. Si decide, si giudica
e a volte... ci si “commuove”. Si scrive la tua storia a volte solo per potere o per
interessi personali. Caro amico, forse non posso comprenderti fino in fondo, ma se
vuoi ecco la mia mano, stringila, ti aiuterò a salire sul palco, chiederò ai dotti di
tacere. Oggi vogliamo ascoltare solo la tua voce. Tu hai diritto di essere ascoltato.
Perché solo tu sai e puoi dirci di che cosa hai bisogno.
Per sensibilizzare allo spirito originario della Giornata del Sollievo, una delle
iniziative a livello nazionale coinvolge il settore dell’istruzione primaria, secondaria e
universitaria attraverso un concorso che sollecita la creatività di bambini, adolescenti
e giovani.
Il concorso è rivolto anche a bambini e ragazzi che, vivendo una situazione di
ospedalizzazione, frequentano le scuole di ogni ordine e grado operanti presso
strutture ospedaliere. Ciò nella consapevolezza che, se è urgente sensibilizzare il
mondo dei “provvisoriamente sani”, ancora più pregnante è dar voce a chi, bambino o
ragazzo, vive in prima persona la situazione di disagio e può, a maggior ragione,
indicare con la creatività, strategie per il sollievo da tale disagio.

2

Concorso Nazionale

Un ospedale con più Sollievo

Regolamento
Art.1
Lo scopo del concorso è quello di sensibilizzare gli alunni di tutte le età, i docenti e le famiglie sul
tema del Sollievo, inteso non come la negazione definitiva del dolore fisico, ma piuttosto come
sostegno sollecito ed amorevole nel dolore fisico, psicologico e spirituale al malato specie se
cronico in evoluzione di malattia.
La partecipazione al concorso, come momento importante di crescita nella coscienza collettiva del
valore insostituibile del sollievo, si propone come strumento per favorire un percorso formativo alla
scoperta del mondo della sofferenza e quindi del sollievo, insieme ai propri insegnanti e alle proprie
famiglie. In particolare, per i concorrenti più piccoli, l’obiettivo primario è sensibilizzare i bambini
alla scoperta e quindi all'accettazione del malato, dell'anziano e in genere delle persone in difficoltà.
È noto che l’assistenza agli infermi nasce da iniziative di carità e volontariato rivolte a pellegrini e/o
a persone che, dato il loro basso ceto sociale, non potevano permettersi le spese per le cure. Infatti i
primi ospedali, nascono come assistenza ai pellegrini in viaggio verso luoghi particolarmente
significativi per i credenti (Roma, Loreto, Terra Santa…). Da qui la proposta rivolta agli studenti
universitari di riflettere, attraverso un percorso di ricerca autonomo, sul significato dell’assistenza
sanitaria come iniziativa gratuita di solidarietà allo scopo di donare sollievo.
Art.2
Il concorso è riservato esclusivamente agli alunni/studenti di:
• Ultimo anno delle sezioni della scuola dell’infanzia
• V classe della scuola primaria.
• III classe della scuola secondaria di primo grado.
• Classi della scuola secondaria di secondo grado.
• Classi delle sezioni ospedaliere di ogni ordine e grado.
• Corsi di laurea triennale e specialistica.
Art.3
Gli elaborati devono riguardare la tematica del sollievo e consistono in:
• Ultimo anno delle sezioni della scuola dell’infanzia: un plastico o un poster.
• V classe della scuola primaria: prodotto iconografico o testo.
• III classe della scuola secondaria di primo grado: un prodotto iconografico con
didascalie esplicative oppure un fumetto.
• Tutte le classi della scuola secondaria di secondo grado: videoclip.
• Scuola ospedaliera: prodotto iconografico o testo o videoclip.
• Sezione università, elaborato in forma di testo consistente in una ricerca o in una narrazione:
ricerca sui luoghi storici di assistenza sanitaria di una città e/o di una regione italiana,
finalizzata a promuovere la conoscenza del luogo del sollievo e del contesto
urbano/regionale in cui esso si inserisce;
testo narrativo, incentrato su esperienze relazionali che valorizzano il significato della
solidarietà all’interno di luoghi assistenziali o riferite a situazioni personali, reali o
immaginate (anche sotto forma di favola). In entrambi i casi il testo prodotto può essere
arricchito da immagini e testimonianze.
3

Concorso Nazionale

Un ospedale con più Sollievo

Art.4
Caratteristiche degli elaborati che possono essere individuali o di gruppo:
• Il plastico o il poster: può essere utilizzato qualsiasi tipo di materiale e/o
tecnica artistica. opportuno far pervenire il prodotto accompagnato da una
breve descrizione. Il lavoro deve essere realizzato da tutti gli alunni della
sezione e dovrà avere uno dei seguenti titoli:
Un abbraccio, una carezza o un sorriso per esserti vicino ed alleviare il
tuo dolore.
Ti aiutiamo con la nostra gioia ad essere coraggioso per superare le tue
difficoltà.
Il linguaggio del cuore, la bontà e la comprensione saranno capite in
ogni situazione di disagio.
• Il prodotto iconografico può essere un disegno o una composizione arricchita
da ritagli di giornali, illustrazioni, fotografie, fumetti. Può essere
accompagnato da una breve descrizione dell’elaborato.
• Il testo (poesia, prosa, filastrocca, altro) non deve superare i 600 caratteri
(spazi esclusi).
• Il videoclip: deve essere in formato video-DVD (16/9 o 4/3) della durata
massima di 1,5 minuti (compresi l’introduzione e i titoli di coda). Il videoclip
deve essere un video sceneggiato o con animazioni digitali. Non verranno presi
in considerazione quei videoclip che contengono sequenze di fotografie o
immagini fisse accompagnate da testi scritti.
• Le scuole ospedaliere dovranno inviare, insieme all’elaborato, un elenco di
materiale o attrezzature finalizzate al miglioramento dell’attività didattica.
• La ricerca/testo narrativo non deve superare le 10 pagine A4 scritte con
carattere Times New Roman 10.
Art.5
È obbligatorio partecipare al concorso con un solo elaborato per sezione, classe
scolastica o per studente universitario.
Art.6
Gli elaborati dovranno pervenire, entro e non oltre il 18 aprile 2014, a:
Fondazione Nazionale “Gigi Ghirotti”
Via Fratelli Ruspoli, 2
00198 Roma
Art.7
Il videoclip dovrà essere spedito per posta ordinaria, masterizzato su supporti ottici
DVD o CD.

4

Concorso Nazionale

Un ospedale con più Sollievo

Art.8
Il plico degli elaborati non deve essere firmato, né deve evidenziare il nome dei concorrenti o della
Scuola di provenienza. Esso dovrà contenere in una busta chiusa non intestata una scheda
indicante i riferimenti della Scuola che partecipa al concorso (Denominazione, Via, Città, C.A.P.,
Telefono), del dirigente scolastico e dell’insegnante che ha guidato gli alunni nell’elaborazione dei
lavori (Cognome e nome, Via, Città, C.A.P., telefono) e l’elenco degli alunni che hanno partecipato
al lavoro (come scheda allegata in ultima pagina); la scheda relativa all’università dovrà contenere
oltre al cognome, nome, recapito, anno e corso di laurea dello studente che partecipa al Concorso, la
denominazione dell’università d’appartenenza e il recapito telefonico.
Art. 9
Il giudizio della giuria, che è composta da rappresentanti delle organizzazioni
promotrici, è insindacabile.
Art.10
Sono posti in palio sei premi, cinque offerti dalla Fondazione Nazionale Gigi
Ghirotti, uno dalla Fondazione Alessandra Bisceglia, da assegnare come segue:
• 1 premio di 500,00 al miglior elaborato prodotto dagli alunni della scuola
dell’infanzia;
• 1 premio di 500,00 al miglior elaborato prodotto dagli alunni della V classe
della scuola primaria;
• 1 premio di 500,00 al miglior elaborato prodotto dagli alunni della III classe
della scuola secondaria di primo grado;
• 1 premio di 500,00, intitolato a “Anna Maria Verna”, al miglior elaborato
prodotto dagli alunni delle classi della scuola secondaria di secondo grado.
• 1 premio di
500,00 massimo, destinato esclusivamente all’acquisto del
materiale o delle attrezzature indicate nell’elenco di cui all’art.4, per il miglior
elaborato iconografico o testuale o video prodotto dagli alunni della scuola
ospedaliera.
• 1 premio di
500,00, intitolato ad “Alessandra Bisceglia”, destinato alla
migliore ricerca sui luoghi storici o testo narrativo su esperienze relazionali
solidali, prodotta da uno o più studenti universitari.
Ad eccezione del premio che sarà assegnato allo studente vincitore nella sezione
universitaria, i premi destinati alle altre sezioni di concorso sono attribuiti all’intera
classe e non ai singoli studenti esecutori dell’elaborato.
Targhe e medaglie sono offerte dall’UCIIM.
- Una targa personalizzata verrà assegnata a ciascuna scuola di
appartenenza degli alunni vincitori e allo studente universitario vincitore.
- Una medaglia verrà consegnata al dirigente scolastico e a ciascun docente
che ha curato gli elaborati premiati.
I premi, le targhe e le medaglie si ritirano personalmente durante la
celebrazione della XIII Giornata Nazionale del Sollievo a Roma, presso il
“Policlinico Agostino Gemelli” – domenica 25 maggio 2014.
5

Concorso Nazionale

Un ospedale con più Sollievo

Art.11
Le classi della scuola secondaria di secondo grado e gli studenti universitari, già
vincitori di una precedente edizione del concorso, possono partecipare alle due
successive, ma non concorrere all’assegnazione dei premi.
Art.12
Le buste contenenti le schede di partecipazione verranno aperte a premio assegnato e
verrà data notizia dell’esito agli organi di informazione ed agli interessati con lettera
personale.
Art.13
Gli elaborati pervenuti resteranno di proprietà della Fondazione Gigi Ghirotti,
dell’U.C.I.I.M. e dell’Associazione Attilio Romanini - Onlus, che si riservano la
possibilità di pubblicarli successivamente.
Art.14
La cerimonia di premiazione avrà luogo al Policlinico “Agostino Gemelli” durante la
celebrazione della XIII Giornata Nazionale del Sollievo (domenica 25 maggio 2014).
Art.15
La partecipazione al concorso comporta l’incondizionata accettazione di tutti gli
articoli del presente regolamento.

6

Concorso Nazionale

Un ospedale con più Sollievo

Approfondimenti
Lungo viaggio nel tunnel della malattia
Nel 1972 il famoso giornalista Gigi Ghirotti si ammalò di una grave malattia del
sangue, un tumore chiamato “linfoma di Hodgkin”, oggi di questa malattia si può
anche guarire, ma negli anni in cui si ammalò Gigi Ghirotti non c’erano ancora
farmaci e cure efficaci. Lui sapeva della gravità della malattia e anziché abbattersi e
chiudersi in se stesso rinunciando alla vita, decise di impegnarsi e lottare fino in
fondo. Era giornalista, e quindi il modo migliore di affrontare questo periodo
difficile della sua vita, ritenne fosse quello di continuare a fare il proprio lavoro.
Ghirotti in tanti anni di lavoro era stato inviato in varie città e regioni italiane per
raccogliere direttamente informazioni sulle più svariate questioni o eventi e scrivere
articoli e inchieste. Così gli italiani potevano essere informati e conoscere molte
realtà della nostra Italia senza che si spostassero da casa, ma grazie all’occhio
attento e la capacità narrativa di Gigi Ghirotti. Ebbene, ammalatosi, Ghirotti decise
di continuare a fare l’inviato speciale, ad informare gli italiani, questa volta dai
luoghi che, diceva Ghirotti, si incontrano attraversando “il lungo tunnel della
malattia”. Da bravo giornalista e cronista fece conoscere agli italiani, attraverso i
giornali e la televisione, ciò che accade a chi, suo malgrado, si ammala ed è
costretto a farsi curare negli ospedali.
Ghirotti ha aperto all’Italia di quegli anni una finestra sul mondo del malato e della
malattia e ha indicato tante questioni e problemi da conoscere, affrontare e risolvere.
Ha indicato tanti ostacoli al sollievo dalla sofferenza; un sollievo che per essere
vissuto, non ha solo bisogno della liberazione dal dolore fisico o da altri sintomi, ma
anche di rispetto della persona malata, della vicinanza di persone care, di medici e
infermieri che sanno relazionarsi con attenzione e cura, di speranza. Alcune frasi
raccolte qua e là da quello che ha scritto e detto Ghirotti possono aiutarci a capire
cosa vuole realmente la persona malata e come vive nella sua condizione di fragilità.
Quello che importa, sia durante la vita, sia di fronte alla morte, è non sentirsi
abbandonati e soli.
Mi trovo impegnato in una partita difficile, su terreno fangoso, con un avversario che
è furbo e anche sleale. Ma non sono solo. C’è mia moglie, Mariangela, che mi aiuta,
mi dà fiducia, mi dà il braccio se vacillo. […], finché dura l’incontro, ogni possibilità
è sospesa: non ho vinto io, ma nemmeno lui, siamo pari. E vero, il signor Hodgkin
deve tirare il suo terribile calcio di rigore. È pauroso pensarci, ma in fin dei conti
anche i più famosi campioni talvolta sbagliano il rigore. E in ogni caso è giusto che
quel pallone mi trovi sulla porta, quando arriverà.
Non abbiate paura di disturbare. Una volta si usava girare in punta di piedi attorno
all’ospedale. Ma è un’usanza sparita da un pezzo: adesso pare che gli indici più
drammatici della rumorosità urbana si vadano registrando appunto in coincidenza
7

Concorso Nazionale

Un ospedale con più Sollievo

con gli ospedali. Non fatevi scrupoli, dunque, per il “disturbo”; l’importante è che il
malato non sia lasciato solo.
Gli ospedali sono pieni di bambini infelici, la cui infelicità è accresciuta dalla
mancanza di amicizie e di collegamenti con i coetanei in buona salute. [...] Qualcosa
anche uno scolaro può già fare: andando per esempio negli ospedali alla ricerca dei
piccoli ricoverati. Per conoscerli, per sentire se, ad esempio, volessero praticare lo
scambio delle figurine.
Il messaggio di Gigi Ghirotti continua ancora oggi anche senza di lui, grazie alla
Fondazione Nazionale che porta il suo nome. La Fondazione Ghirotti è convinta che
il sollievo è raggiungibile anche nelle malattie più gravi e invalidanti; anche quando
non è possibile guarire. Lungo la strada che porta al sollievo si incontrano: terapie e
cure del dolore e della sofferenza, il generoso e gratuito aiuto di volontari, l’ascolto
di persone esperte come psicologi, il facile accesso ai servizi sociali e sanitari e
soprattutto l’affettuosa presenza di persone care accanto al malato.
Alcuni malati hanno raccontato alla Fondazione Gigi Ghirotti come si sentono
quando sperimentano il sollievo:
Sollievo è uno spiraglio di luce che si fa strada in mezzo a tanta sofferenza.
Dopo tanto buio, tanto dolore e paura ho incominciato a vedere il mondo in bianco e
nero, ho iniziato a respirare. Oggi c’è colore, ci sono i profumi nel mio mondo e… ci
sono io.
Il sollievo è la quiete dopo la tempesta.
Il sollievo è riprendere fiato.
Per me sollievo è essere compresa e coccolata e parlare con qualcuno che mi
capisca.
È la voglia di vivere dopo il dolore è come una grossa nube che va via dopo il dolore.
Il sollievo per me è sentirmi libero e leggero da ogni dolore fisico e morale.

8

Concorso Nazionale

Un ospedale con più Sollievo

Il calore di un sorriso
Alessandra Bisceglia, nasce a Venosa (Potenza) il 30 ottobre 1980, giornalista, autrice
televisiva. Affetta, fin dalla nascita, da una malformazione vascolare gravissima e rara,
che in fase adolescenziale l’ha costretta su una sedia a rotelle, comincia la sua battaglia
insieme alla sua famiglia con determinazione, dignità, coraggio e costanza superando
problemi quotidiani e ostacoli di ogni genere. Come diceva Alessandra “sono le
condizioni peggiori a rendere le situazioni straordinarie”. E lei era straordinaria per il
suo modo di reagire alle negatività della vita. È proprio in uno dei suoi racconti che
scrive: “Ho capito che c’è un tempo per tutto… per arrivare a queste conclusioni
nella mia vita ho dovuto combattere per tutto il tempo…”.
Il 3 settembre a soli 28 anni, “ha lasciato le rotelle per mettere le ali” e ricordarla è il
modo più bello che abbiamo oggi per ritrovarla accanto a noi, sentirla vicina e averla
come guida silenziosa. La sua è una storia comune a molti giovani che scelgono di
costruire la propria professionalità lontano dalla propria città di origine, scegliendo le
università più prestigiose, perseguendo i propri obiettivi con tanta determinazione.
Quella di Alessandra è anche la storia speciale di una ragazza che ha trascorso molti
momenti della sua vita in ospedale, che ha dovuto combattere ed abbattere barriere
architettoniche e culturali, che ha dovuto organizzare la propria quotidianità anche in
funzione della presenza di servizi e luoghi “accessibili”. Eppure è riuscita a frequentare
la facoltà universitaria che aveva scelto (e che oggi grazie alle sue battaglie ha un
servizio di trasporto per disabili), a trasferirsi a Roma, a realizzare il sogno di diventare
giornalista.
Determinata nelle scelte, forte nelle difficoltà, serena nel suo guscio familiare
Alessandra è un esempio di vitalità per tutti noi che spesso ci perdiamo dietro ad un
naso storto o un brufolo di troppo.
L’aggettivo che viene in mente pensando ad Alessandra è…….Straordinaria.
Straordinario era il suo sorriso, capace di sussistere nonostante tutto, tutte le sue
sofferenze erano annullate, inesistenti, invisibili anche a chi ne conosceva mole e
fattezze.
Chi ha avuto la fortuna di conoscerla e ancor di più essere “amica adorata” di
Alessandra dice di lei: “aveva una grande capacità di ascoltare, di cogliere occasioni,
di inserirsi in ogni circostanza con l’armonia e la consapevolezza del momento che
viveva. Entrava in modo tranquillo in ogni situazione dando forza a chi lavorava con lei,
aiutando a credere che di fronte ai problemi si può lottare e farcela. È il messaggio forte
che ha distribuito insieme all’amore, alla familiarità tra le persone, un messaggio che
non deve andare disperso” (Lorenza Lei).
Chi invece l’ha conosciuta attraverso i suoi scritti, i servizi, il progetto, le testimonianze
di amici, dice di lei: ”mi ha arricchito, mi ha suggerito pazienza nell’affrontare
situazioni e momenti delicati, mi ha insegnato a perseverare, a non lasciarmi abbattere,
a cercare strade diverse da quelle solite, che non portano da nessuna parte. Mi ha fatto
scoprire persone, tante, che hanno a cuore il bene di se stessi insieme a quello degli
altri, che vogliono diffondere ed ampliare un pensiero, fare del bene a chi è stato meno
fortunato, mettersi al servizio di chi chiede, a volte in silenzio, aiuto”(Lorena Fiorini).
9

Concorso Nazionale

Un ospedale con più Sollievo

È un esempio grande e semplice quello di Alessandra Bisceglia, giornalista, autrice
televisiva, giovane donna dotata di grandi capacità professionali ed umane, oltre che di
un talento e un coraggio fuori dal comune.
Alessandra ci ha fatto vivere un’esperienza meravigliosa e ci ha insegnato che ogni
difficoltà è superabile, ma soprattutto ci insegna a vivere e a soffrire, a lottare e a
riuscire, e che non bisogna essere grandi eroi per vincere le battaglie, ma basta
apprezzare la vita e non smettere mai di sognare.
Ha dimostrato che con l’impegno, la determinazione, la tenacia è possibile “farcela
nonostante tutto”.
Alessandra lascia un’eredità preziosa…. Continua a brillare e la sua luce trasmette
calore ed energia per altre storie, altre vite….
Ha sempre guardato alla vita con gioia ed entusiasmo, sfidando il modo tradizionale di
vivere la disabilità, combattendo i pregiudizi e superando tutti gli ostacoli,
raggiungendo mete che le sembravano negate.
Numerose sono le testimonianze che parlano di lei: amici, colleghi, parenti, persone che
hanno avuto la fortuna di essere accarezzati da quel sorriso che li aveva conquistati
tutti!
Come la ricorda Lorena Bianchetti “ la sua vita è stata una carezza di Dio agli altri”.
E il dono di quella carezza oggi può essere forza per tutti noi!
Grazie ad Alessandra, al suo sorriso, tutti noi ci carichiamo di energia per dare spazio
al dono. È lei che ci invita a fare qualcosa per gli altri, lei che non ha mai fatto le cose
solo per se stessa, e che qualsiasi cosa abbia fatto lo ha sempre fatto pensando che
poteva essere utile anche agli altri.
Una fondazione oggi ricorda Alessandra.
Fortemente voluta dai suoi amici più cari, la Fondazione Alessandra Bisceglia W ALE
Onlus si fa promotrice di attività di ricerca sulle anomalie vascolari in campo
pediatrico per approfondire la comprensione della patologia ed elevare le possibilità
terapeutiche, ma anche formando specialisti per conoscere e studiare malattie rare e più
semplicemente per aiutare chi vive nella difficoltà e non sa a chi rivolgersi.
Il destino non è una catena
Ma un volo…
E da giornalista ho iniziato a volare…
In radio a 28 minuti,
poi ho iniziato a muovermi nell’aria
del Corriere della Sera,
Mi manda Rai Tre.
E ancora nel “cielo stellato” del TG2.
Nuove emozioni poi nel pianeta
Di “Ragazzi c’è Voyager”e “Domenica In”
E ora eccomi qua…Il volo continua….

10

Concorso Nazionale

Un ospedale con più Sollievo

Una breve riflessione sulla sofferenza
Giovanni Villarossa
dirigente scolastico - presidente nazionale emerito UCIIM
La sofferenza è legata alle caratteristiche psicofisiche di ogni singola persona, le
reazioni al dolore dipendono della sua sensibilità, del suo carattere, della tipologia
di lavoro che esercita o ha esercitato, dallo stile di vita che conduce e dai principi
etico-religiosi a cui si ispira.
La reattività al dolore è rapportata alla tipologia del dolore stesso che può essere
fisico, psichico, della coscienza o dell’anima.
A seconda della persona si hanno risposte di diversa intensità sul piano etico,
esistenziale ed ontologico.
La presenza del dolore crea un turbamento nell’equilibrio della persona.
Quando il dolore è fisico si hanno reazioni psico-fisiche tipiche del mondo animale;
quando è psichico vengono coinvolti aspetti specifici dell’uomo e crea reazioni di
tipo umorale e comportamentale; quando è della coscienza siamo ancor più nella
specificità umana e le reazioni sono di tipo intellettuale ad una riflessione
problematica del proprio agire etico e dei propri orientamenti esistenziali; quando è
dell’anima coinvolge la spiritualità dell’uomo ed è frutto del peccato verso Dio e
verso il prossimo.
La sofferenza fa scoprire all’uomo i propri limiti e la capacità di rifiutarla,
sopportarla o accettarla.
Il rifiuto comporta abbattimento, isolamento o ribellione al proprio stato.
La sopportazione è frutto della presa d’atto di una condizione che va comunque
vissuta.
L’accettazione è consapevolezza, valorizzazione del dolore e affinamento della
propria sensibilità e spiritualità.
Le attuali terapie mediche del dolore si sono correlate alla psicologia medica, che
studia le reazioni del singolo paziente, per contenere il suo dolore entro limiti
sopportabili.
La conoscenza dei fattori che concorrono alla genesi del dolore consente alla
medicina di ottenere livelli di miglioramento della qualità della vita anche in pazienti
affetti da inguaribili malattie.
La persona consapevole della propria condizione sofferente riesce meglio a
pervenire alla presa di coscienza della sua intima essenza, infatti la frattura che
coglie tra ciò a cui ha aspirato e l’impossibilità della realizzazione creatagli dalla
sofferenza gli dà la misura del limite della propria corporeità e la percezione della
precarietà di una vita non necessariamente corrispondente alle attese in essa riposte.
Ma lo sperimentare direttamente la fragilità dell’esistenza, attraverso la sofferenza,
se si accompagna alla difficoltà di riuscire a darle un senso, può diventare un
dramma esistenziale, che aggiunge dolore a dolore.
Allora sorge il lamento sempre più intenso nei confronti di una Natura o di una
condizione umana, che viene accusata di mancanza di logica e di giustizia.
11

Concorso Nazionale

Un ospedale con più Sollievo

In alternativa la sofferenza è intesa come prova permessa da Dio per purificare e
verificare la fedeltà dell’uomo. E diventa occasione di salvezza e di liberazione.
Nasce così la resa, la donazione di tutto se stesso a Dio, mistero insondabile.
La sofferenza va, allora, collocata nel piano di Dio, il cui agire nella storia è sempre
imprevedibile ed inconoscibile.
L’esperienza della sofferenza può creare condizioni di apertura alla trascendenza,
dove, forse, dopo tanto dolore, si può incontrare quel Dio, che a lungo si è cercato e
dal quale ognuno è stato cercato.
Si attribuisce così una senso al vivere anche nelle situazioni più difficili, senza
abdicare alla propria dignità di persona umana.
Soffrire davanti a Dio non va confuso con forme di ascetismo, con sopportazione
stoica, con provvidenzialità del dolore, con rassegnazione.
Soffrire davanti a Dio è un chiedergli conto, è un consegnarli il proprio dolore o
meglio un consegnarsi con il proprio dolore.
La presenza Dio accanto all’uomo, la sua compassione, è stata rivelata dalla
passione di Cristo e dalla sua resurrezione che attestano la possibilità del
superamento della sofferenza e della morte.

12

Concorso Nazionale

Un ospedale con più Sollievo

Il rapporto con la sofferenza in prospettiva educativa e didattica:
orientamenti per gli insegnanti
prof. Andrea Porcarelli
Consigliere Centrale UCIIM – Direttore Scientifico del Portale di Bioetica
(www.portaledibioetica.it)
Un concorso come quello che ha a tema il “sollievo della sofferenza”, in rapporto al
nostro modo di concepire anche il ruolo delle strutture ospedaliere e rapportarci con
esse, può essere considerato come una significativa “occasione educativa” per
mettere a tema alcune questioni di grandissima attualità, che – peraltro – sono state
anche al centro di recenti e accesi dibattiti culturali.
Prima ancora di addentrarsi nel cuore della progettualità didattica un insegnante ha
bisogno di mettere a fuoco alcune idee guida, la “posta in gioco” sul piano culturale,
cercando – contestualmente – di farne emergere le potenzialità in prospettiva
educativa. Scopo di queste brevi note è proprio quella di accompagnare quel
momento di focalizzazione mentale che sta a monte della progettazione didattica e, in
qualche misura, ne costituisce l’anima in senso profondo. Cercheremo dunque di
tratteggiare – in prima battuta – una sintetica “mappa problematica” che possa
offrire il senso della complessità delle questioni direttamente o indirettamente
coinvolte (anche per non confondere realtà diverse, mediante sovrapposizioni
indebite); ci soffermeremo poi sul tema della sofferenza, cercando di metterne in luce
alcuni risvolti culturali più significativi in prospettiva educativa.
Una “mappa problematica” con diverse questioni che si intrecciano
La sofferenza come dimensione dell’esperienza umana
Dal punto di vista biologico la sofferenza rappresenta un “campanello d’allarme”,
un indicatore mediante il quale gli organismi viventi e dotati di vita sensitiva
reagiscono a situazioni che potrebbero essere nocive per loro e, pertanto, possono
assumere comportamenti conseguenti per salvaguardare se stessi e la propria salute.
Ovviamente la sofferenza non è solo di natura fisica, ma spesso si radica in
problematiche di tipo psicologico e relazionale, che a loro volta retro-agiscono sulla
stessa fisicità (somatizzazione), così come è possibile concepire dei dinamismi per
cui alcune esperienze di privazione e di sofferenza sul piano fisico, si traducono in un
irrobustimento del carattere e della personalità, portando benefici sul piano
spirituale.
L’approccio medico, ma anche psicologico, alle diverse forme di sofferenza dipende
pertanto da un’attenta considerazione delle condizioni complessive in cui si trova la
persona con cui ci si rapporta e non può limitarsi a soluzioni affrettate e superficiali.
La terapia del dolore
L’approccio al problema del dolore, in medicina, ha avuto in tempi recenti una
evoluzione, nel senso che - soprattutto nel caso dei malati cronici acuti - è stata
sviluppata una vera e propria terapia del dolore, intesa non solo come una sorta di
13

Concorso Nazionale

Un ospedale con più Sollievo

elemento “a latere” della terapia mirante alla cura della malattia, ma intesa come
un complesso di interventi terapeutici che hanno la sintomatologia dolorosa come
oggetto diretto. In realtà si tratta di una ripresa (in termini più moderni e con
l’ausilio di conoscenze e tecniche più evolute) dell’antico detto della scuola
salernitana: “divinum sedare dolorem”, che precisa uno degli elementi essenziali
della medicina ippocratica.
Mettere a tema la morte senza banalizzarla
Dal punto di vista biologico la morte rappresenta la cessazione irreversibile delle
funzioni vitali di un soggetto vivente, quindi sembrerebbe una nozione relativamente
semplice. Ma nelle questioni complesse è bene non dare nulla per scontato, per cui
quando parliamo – ad esempio - di eutanasia richiamiamo l’idea della morte come se
fosse un concetto chiaro che ci aiuta a spiegarne uno più oscuro e pare che l’unico
problema sia quello di stabilire se e a quali condizioni essa possa venir chiamata
“buona”. In realtà parlare della morte non è così banale, essa non rappresenta un
“dato immediato” dell’esperienza, ma un’interpretazione di alcuni segni visibili di
una realtà che non si vede. Più ancora è complessa la questione dell’interpretazione
“esistenziale” di ciò che abbiamo designato con il termine “morte”. Oggi si tende a
banalizzare fortemente la morte, spesso “rimossa” dall’orizzonte delle nostre
considerazioni, talora “spettacolarizzata” (con funzione probabilmente catartica),
talaltra addirittura “ricercata” (si pensi ai “comportamenti a rischio” di alcuni
adolescenti), ma in tutti questi casi destituita del suo profondo significato
esistenziale, come “evento supremo”
In tema di accertamento di morte, al di là della problematicità stessa del termine, vi è
stata un’evoluzione notevolissima delle metodiche, soprattutto in questi ultimi anni.
Per secoli, per accertare l’avvenuta morte, si è utilizzato il criterio di constatare
l’arresto dei battiti cardiaci e della respirazione; il che lasciava comunque aperto un
certo margine di dubbio di cui gli stessi operatori erano consapevoli1. L’invenzione
dei respiratori artificiali e l’approfondimento - da parte del personale curante - di
pratiche come il massaggio cardiaco, hanno messo radicalmente in discussione tali
criteri: grazie alle tecniche di rianimazione è possibile assicurare per settimane (o
anche per mesi) la circolazione sanguigna, la respirazione, l’escrezione e il
nutrimento di un organismo, ma si tratta di un essere umano ancora vivo o di
tecniche che consentono il funzionamento di alcuni organi di un cadavere?
Negli anni 1955-1960 alcuni rianimatori si trovarono di fronte a casi
particolarmente impressionanti di corpi umani che presentavano i segni evidenti
della morte ma che, secondo i criteri allora ammessi, erano da considerare vivi:
sussistevano respirazione e circolazione sanguigna. Apparve presto evidente che tali
stati dipendevano da una distruzione irreversibile del cervello2, tanto che nel 1959,

1 Si pensi, ad esempio, al racconto evangelico circa le risurrezione di Lazzaro, in cui non solo si dice che l’amico era
morto, ma che era sepolto da tre giorni e già “mandava cattivo odore” … in tal modo ogni possibile dubbio viene
fugato.
2 Furono le autopsie effettuate su malati tenuti a lungo in vita artificialmente che consentirono di verificare che il
cervello aveva già cessato da tempo le proprie funzioni.

14

Concorso Nazionale

Un ospedale con più Sollievo

in occasione del XXIII Convegno neurologico internazionale3, fu resa la prima
descrizione del coma dépassé o “morte cerebrale” (espressione decisamente più
precisa e - per questo - preferibile). Infatti il termine “coma” indica una perdita
prolungata dello stato di coscienza (il che si rileva soprattutto a livello di vita di
relazione), ma non comporta l’abolizione della funzione di regolazione
dell’organismo.
L’accompagnamento del morente
Il dolore fisico non è sempre l’elemento peggiore della condizione esistenziale del
malato grave, spesso il problema è più profondo: parliamo di quel malessere
dell’anima che caratterizza chi si avvicina al momento supremo della vita,
soprattutto se ciò avviene sotto il segno della solitudine. La sofferenza e la morte
vengono sempre affrontate “in prima persona”, nel senso che nel momento supremo
ciascuno è fisiologicamente “solo”, ma questa esperienza (unica nella vita) diviene
opprimente se viene affrontata in modo “solitario”, sentendosi abbandonati.
Diversi testi4 hanno preso in esame la condizione psicologica e relazionale del
malato terminale, fino a tracciare una sorta di percorso in cui si collocano alcuni
degli atteggiamenti più ricorrenti:
• Il rifiuto. All’inizio la persona, pur essendo consapevole della gravità del suo
male, tende a rifiutarlo, accusa i medici di essersi sbagliati, consulta altri
sanitari, si impegna febbrilmente in nuove attività.
• La collera. Non potendo negare la realtà alcuni malati reagiscono in modo
aggressivo (“perché proprio a me?”), alcuni credenti sperimentano anche una
fase di ribellione contro Dio.
• La depressione. Può essere di due tipi: la depressione reattiva per cui non ci si
rassegna alle menomazioni o limitazioni imposte dalla malattia, la depressione
silenziosa, in cui il malato non vuole essere disturbato dagli amici o dai visitatori,
ma desidera stare con una sola persona che si sieda al suo fianco e lo conforti.
L’accanimento terapeutico (medico)
Con il termine “accanimento terapeutico” si designò inizialmente il ricorso a terapie
“sproporzionate” rispetto agli esiti possibili di guarigione o anche solo di recupero
di funzionalità, ma tale indicazione risulta piuttosto vaga ed è oggi necessario
precisare meglio. Anche lo stesso termine può essere messo in discussione: un’azione
autenticamente “terapeutica” (cioè tale da rappresentare una cura efficace e
proporzionata rispetto alle condizioni fisiche complessive di un determinato malato)
può essere legittimamente “tenace” (non usiamo il termine “accanita”), mentre
quando parliamo di “accanimento” è segno che l’azione che si sta compiendo – in
quelle determinate condizioni – non è più autenticamente “terapeutica”, quindi si
potrebbe addirittura preferire l’espressione accanimento medico, perché si allude ad
un’azione di tipo medico, che non ha il rango di autentica terapia. Il rifiuto
3 Cfr. Patrick VERSPIEREN, Eutanasia? Dall’accanimento terapeutico all’accompagnamento dei morenti, Paoline,
Cinisello Balsamo (MI), 1985, p. 75 e sgg.
4 Cfr. E. KÜBLER - ROSS, La morte e il morire, Cittadella, Assisi 1976, ripresa anche da Patrick VERSPIEREN,
Eutanasia? Dall’accanimento terapeutico all’accompagnamento dei morenti, Paoline, Cinisello Balsamo (MI), 1985,
p. 183 e sgg.

15

Concorso Nazionale

Un ospedale con più Sollievo

dell’accanimento medico trova concordi tanto coloro che si ispirano ad una
concezione etica di tipo personalista (ivi incluso il Magistero della Chiesa cattolica),
quanto coloro che fanno riferimento a concezioni materialiste o utilitariste: il vero
problema è quello di stabilire la linea di confine tra una terapia legittima e doverosa
(la cui mancata erogazione si configurerebbe come “abbandono terapeutico”) ed
una terapia sproporzionata (accanimento medico).
La stessa questione si pone anche per le terapie rianimative, per cui si potrebbe
parlare anche di “accanimento rianimativi”. Quando l’EEG è piatto si ammette la
sconfitta, e si desiste da azioni di rianimazione che non farebbero altro che
mantenere attiva la funzionalità di alcuni organi di un cadavere. Vi sono però dei
casi (coma respiratorio o iperazotemico) in cui l’EEG non è piatto ed allora è
necessario interrogarsi sulle possibilità reali di un recupero del paziente: se esiste
uno scompenso funzionale di determinati organi, tale da rendere impossibile il
recupero, allora le azioni terapeutiche ed anche le pratiche di rianimazione sono un
semplice prolungamento di un’agonia già in corso.
L’eutanasia
Il termine, letteralmente, significa “bella morte” (dal greco eu = bene e thanatos =
morte) o “buona morte” ed è stato utilizzato per secoli senza alcun riferimento alla
pratica che oggi viene indicata con tale nome che, peraltro, era esplicitamente
esclusa dal Giuramento di Ippocrate.
Solo alla fine del XIX secolo - in pieno clima culturale positivista - l’espressione
eutanasia assume il nuovo significato di procurare una morte dolce … mettendo fine
deliberatamente alla vita del malato. Il termine nel linguaggio bioetico
contemporaneo ha assunto progressivamente due significati:
1. (ormai in disuso) “l’intervento della medicina diretto ad attenuare i dolori della
malattia e dell’agonia, talora con il rischio di sopprimere prematuramente una
vita”,
2. (prevalente) “un’azione o un’omissione che di natura sua, o nelle intenzioni di
chi la compie, procura la morte, allo scopo di eliminare radicalmente le ultime
sofferenze o di evitare il prolungarsi di una vita infelice, segnata da gravi
handicap fisici o mentali”, sia che il soggetto risulti consenziente (se è capace di
intendere e di volere al momento della richiesta), sia che egli non possa
esprimere il proprio consenso (nel qual caso portatori della richiesta sono i
parenti più stretti).
Spesso capita oggi di notare – nel dibattito bioetico – una sovrapposizione tra
questioni di fatto diverse, come se la cosiddetta uccisione pietosa, potesse essere
considerata una forma di “terapia del dolore” o peggio ancora un modo di
“accompagnare” la persona gravemente ammalata verso la morte ormai imminente.
La stessa confusione si realizza – a maggior ragione – nella comunicazione
mediatica e più ancora nelle menti dei giovani che spesso trovano nei media la loro
principale fonte non solo di informazione, ma anche di “formazione” di una
mentalità e di un’opinione. In tale situazione si coglie con maggiore evidenza il ruolo
chiarificatrice che può avere la scuola.
16

Concorso Nazionale

Il tema della sofferenza in prospettiva educativa

Un ospedale con più Sollievo

Brevi cenni su alcune linee di tendenza nella nostra cultura
Questi brevi cenni, data l’esiguità dello spazio che ad essi possiamo dedicare, hanno
semplicemente la funzione di collocare le proposte di tipo didattico-formativo nel
contesto di un’analisi culturale da cui non possiamo prescindere se vogliamo
svolgere un’azione educativa efficace: i nostri ragazzi non sono dei marziani,
provenienti da un altro mondo, ma sono persone che respirano a pieni polmoni la
mentalità in cui sono immersi e la respirano proprio in quella stagione della vita in
cui non hanno ancora quegli strumenti di discernimento critico che spetterebbe
anche a noi aiutarli a formarsi.
L’incapacità di concepire la sofferenza
L’uomo d’oggi non è capace di concepire la sofferenza e cerca una sorta di raffinato
equilibrio tra piaceri fisici e relazionali, “calcola” quali preferire in vista della
propria utilità e fa di tutto per sfuggire la tristezza, la noia, il dolore: l’uomo ha
paura del dolore, della sofferenza, della morte, ma come si difende da tutte queste
cose che pure esistono? Per lo più si difende cercando di non pensarci, come
suggeriva Epicuro: la morte non è nulla, il dolore si può sopportare ...
Più ancora dobbiamo osservare come la nostra cultura dell’immagine ci presenti una
sorta di mito dell’eterna giovinezza e per di più i nostri ritmi di vita sono sempre più
assorbenti e fagocitano in modo impressionante le nostre energie e la nostra
attenzione, tanto che per una persona mediamente attiva il livello di efficienza
richiesto è notevolissimo: viviamo in una società in cui i ritmi di vita esigono un
grado tale di efficienza che la malattia non è “prevista”, per cui chi si ammala (e mi
riferisco soprattutto a chi si ammala in modo cronico e grave) si trova a dover
fronteggiare una duplice sofferenza: 1) da un lato sperimenta la sofferenza fisica
dovuta alla malattia (che, già di per sé, è qualcosa di fastidioso e seccante); 2)
dall’altro lato poi sperimenta il senso di emarginazione sociale che la malattia oggi
come oggi generalmente provoca e, visto che per lo più la nostra cultura tende a
favorire una sorta di identificazione tra “identità personale” e ruolo sociale. La
malattia porta anche a una progressiva perdita del senso del proprio ruolo sociale e,
conseguentemente, sperimenta una crescente solitudine esistenziale.
La radice profonda dell’incapacità di soffrire va ricercata nella perdita della virtù
della speranza: si vuole la ricetta sicura di un certo tipo di felicità; anche nell’età
ellenistica si diffondeva tale sensibilità: si era perduta la capacità di gettare
sull’universo uno sguardo meravigliato e attonito, perdeva terreno lo slancio
speculativo del pensiero umano per ripiegare su problemi pratici, lo scibile veniva
“incasellato” in sistemi rigidi e assoluti, l’agire affidato a poche semplici norme di
facile attuazione e di sicura efficacia. Anche oggi si pretende qualcosa del genere: si
esige che la scienza, la politica, la società creino presto un paradiso in terra e tale
esigenza è tanto più urgente quanto più si è smesso di guardare con speranza verso il
cielo.
Se poi ci spostiamo dalla percezione della sofferenza a quella della morte notiamo
ancora di più le difficoltà della nostra cultura; è stato giustamente osservato come
una visione secolarizzata della vita, prevalentemente orientata verso beni materiali
17

Concorso Nazionale

Un ospedale con più Sollievo

di natura edonistica, riveli la propria incapacità di dare senso al dolore e alla morte
e come tale incapacità si traduca in due atteggiamenti solo apparentemente opposti:
“da una parte la si ignora e la si bandisce dalla coscienza, dalla cultura, dalla vita e,
soprattutto, la si esclude come criterio veritativo e valutativo dell’esistenza
quotidiana; d’altro canto la si anticipa per sfuggire al suo urto frontale con la
coscienza”5. La morte si viene dunque a configurare come una sorta di tabù che
dev’essere esorcizzato in vario modo (al limite “giocando” con la propria vita o con
quella altrui).
Dall’incapacità all’intolleranza
Se è vero che l’uomo cerca di non pensare alla sofferenza è vero anche che, quando
la incontra, non ha un atteggiamento positivo verso di essa: la sofferenza, in realtà fa
più paura a chi la vede negli altri che a chi la sperimenta in se stesso. Chi vede
qualcuno soffrire, mentre sta bene, viene subito turbato, viene colto dalla paura che
qualcosa del genere potrebbe capitare anche a lui e questo “qualcosa” è
particolarmente stridente rispetto alla situazione di relativo benessere in cui magari
si trova. Chi invece sperimenta in se stesso il dolore e la sofferenza ha quanto meno
la certezza “esistenziale” che ormai non la può evitare e allora tutti i suoi sforzi, pur
con comprensibili momenti di sconforto, saranno volti a “reagire” contro le cause o
gli effetti della propria sofferenza. La radice profonda dell’intolleranza verso chi
soffre è proprio il fatto che vede in queste persone una sorta di attentato al proprio
benessere, alla propria tranquillità, al proprio quieto vivere.
A questo punto è tragicamente facile capire come si arrivi a “sacrificare” ogni cosa
sull’altare di questi idoli: un bambino sta per nascere segnato dal marchio della
sofferenza? Meglio ucciderlo, non tanto per lui (che non ci guadagna granché),
quanto per tutti gli altri, perché l’immagine della sua sofferenza non vada a
disturbare il quadro patinato del loro benessere. Un vecchio sta avviandosi alla
morte tra le sofferenze? Sarebbe meglio sopprimerlo, così il suo pianto di dolore non
turberà la vita di chi ha estromesso il dolore dall’orizzonte della propria esperienza.
Si noti che queste considerazioni hanno di mira solo il problema “culturale”, della
precomprensione che la nostra civiltà da rivista patinata offre di fronte al dolore o
alla sofferenza; non si vuole nemmeno prendere in considerazione il caso ancora più
tragico, ma purtroppo non infrequente, in cui il motivo della scelta di sopprimere o
emarginare chi soffre sia dovuto al puro e semplice egoismo di chi dovrebbe
prendersene cura e non lo vuole fare.
Il valore della sofferenza
Abbiamo visto come i problemi più seri della nostra cultura siano, in fondo, quello di
non sapere accettare la sofferenza e di aver perso la capacità di sperare; se dunque
vogliamo accorrere in aiuto di questa cultura e di coloro che in essa maturano e
crescono dovremo ridarle motivi di speranza ridarle motivo di capire il senso della
sofferenza.

5

Elio Sgreccia, Manuale di Bioetica, Vita e Pensiero, Milano 1988, p. 466.

18

Concorso Nazionale

Un ospedale con più Sollievo

C’è un valore nella sofferenza dal punto di vista umano?
Non è facile, parlando in termini puramente umani, dar senso alla sofferenza, è
difficile dire che essa sia un “valore”, qualcosa di bello in se stessa, ma possiamo
tentare di intuire i motivi di una certa “ragionevolezza” in lei: durante un’alba in
montagna, ad esempio, il nostro sguardo è attirato dal sole, dalle nubi che si tingono
dei colori più svariati, ma non possiamo fare a meno di vedere i monti ancora
parzialmente avvolti nell’oscurità perché anch’essi fanno parte allo stesso titolo
dello stesso spettacolo; così di fronte al mistero della vita siamo attratti e affascinati
dalla bellezza e dalla serenità, ma non dobbiamo chiudere gli occhi di fronte alla
sofferenza, perché anche lei ci rivela qualcosa dell’esistenza umana. Per sommi capi
cerchiamo di individuare (in funzione educativa) alcuni spunti per una “pedagogia
della sofferenza”; ne elenco alcuni in modo schematico:
• la sofferenza è parte dell’esperienza di vita, aiuta a crescere, rende “saggi”:
chiunque ha affrontato delle difficoltà e delle prove si rende conto di esserne
uscito “cresciuto”, similmente a quanto capita agli atleti, i cui allenamenti
iniziano a diventare efficaci a partire dal momento in cui il loro fisico fa
effettivamente fatica; la sofferenza è un “allenarsi a vivere” in modo attivo e
reattivo, è un velato (anche se non sempre gradito) invito a trascendere se stessi
ed i propri limiti;
• la sofferenza è occasione d’amore, perché dà all’uomo la possibilità di “farsi
prossimo” in modo concreto e tangibile del proprio fratello che soffre;
• la morte pone di fronte al mistero della vita nella sua interezza: se non ci fosse
questo appuntamento molti sarebbero tentati di “vivere alla giornata” senza vere
motivi seri per mettere in dubbio quello che sia il modo migliore di vivere, senza
fare “bilanci” e senza chiedersi come si sta spendendo la propria vita; la
domanda è tanto più significativa quanto più prendiamo sul serio il fatto che di
vita ne abbiamo una soltanto ... e ad un certo punto finirà.
La sofferenza e la morte sono comunque sintomo che qualcosa non va, quasi un
tacito richiamo all’altra realtà misteriosa che è quella del peccato ed al profondo
bisogno di redenzione che bisognerebbe perlomeno riuscire a far intravvedere ai
nostri ragazzi, in una cultura che tende ad ostracizzare il problema.
La sofferenza come “luogo d’incontro” dell’uomo con l’amore di Dio
Il mistero della Redenzione è un mistero di unione, dell’unione intima, amorosa e
amichevole di Dio e degli uomini, che dopo il fatto del peccato deve avere una
“modalità” tutta particolare, cioè quella della Redenzione. Prescindendo da una
piena articolazione dei vari aspetti del mistero della Redenzione ci limitiamo a porre
l’accento sul fatto che la sofferenza costituisce per più di un motivo il luogo
d’incontro dell’uomo con l’amore di Dio:
1. il Verbo di Dio assume fino in fondo la natura umana che vuole redimere,
condivide “in tutto” fuorché nel peccato la condizione umana, e - per quanto
concerne il peccato - ne assume il fardello accettando le conseguenze del
peccato, cioè la sofferenza;
2. la sofferenza di Cristo è anche l’aspetto attivo del suo amore per gli uomini
(nessuno ha un amore più grande di questo, dare la vita per i nostri amici...);
19

Concorso Nazionale

Un ospedale con più Sollievo

Per sintetizzare tutto questo in un’immagine, possiamo paragonare la sofferenza al
“luogo d’incontro” con l’amore di Dio, come una panchina, un parco in cui due
innamorati si diedero appuntamento per la prima volta: il luogo in sé potrebbe non
avere particolari attrattive, ma i due saranno ugualmente molto affezionati a quel
luogo, perché è lì che è nato il loro amore ed in forza di questo amore ameranno
anche quella povera panchina sbrecciata. Per questo possiamo dire che Cristo dà un
nuovo significato al dolore e alla sofferenza: la via che porta al Padre passa
attraverso Cristo, passa attraverso il suo insegnamento, attraverso il suo esempio,
ma è una via che passa anche dalla cima del Calvario. Il mistero della sofferenza e
della morte risulta dunque unito in modo ineffabile al cuore stesso del mistero
d’amore che è Cristo: è dunque evidente quanto sia poco saggio disprezzare la
sofferenza, emarginare chi soffre, uccidere chi si suppone che potrebbe soffrire: nel
volto piangente di chi soffre sulla terra è impressa in modo indelebile l’impronta
luminosa dell’amore di Dio e della Passione di Cristo.
In tale prospettiva acquista tutto il suo splendore quel “vangelo della vita” da cui la
nostra cultura ha in qualche modo preso le distanze: riconoscendo il valore della vita
come tale si coglie, all’interno di una considerazione analogica della gerarchia di
perfezione delle diverse realtà viventi, il valore specifico della vita umana personale
(in cui il credente non stenta a riconoscere impressa l’immagine del suo Creatore),
tale valore però rischia di venire in parte offuscato dall’esperienza del dolore, della
morte, dell’infelicità, del peccato: di fronte a tali realtà l’enigma dell’umana
esistenza si fa più fitto, ma la nostra intelligenza si rifiuta di proclamarne
irrevocabilmente il non-senso e, in qualche modo, ne “postula” un significato ad un
livello superiore. Di fronte a questa aspirazione suprema dell’uomo la fede viene
incontro all’umana ragione con la rivelazione del significato salvifico del dolore di
Cristo che, liberando dal peccato, libera anche dalla sofferenza e dalla morte e
conferisce un senso al nostro stesso soffrire terreno in attesa della promessa felicità
futura.

20

Concorso Nazionale

Un ospedale con più Sollievo

Umanizzazione ed organizzazione della cura ambulatoriale e
domiciliare dell’ammalato oncologico
ATTI del Terzo Congresso Nazionale di Supportoterapia in Oncologia;
Roma 14 - 15 marzo 1984
Introduzione al congresso del Prof. Attilio Romanini (Ordinario di Radiologia e
primo Direttore Sanitario del Policlinico Universitario “Agostino Gemelli” di Roma)
Dieci anni fa, quando ci incontrammo nel primo corso convegno sulla
Umanizzazione della Medicina, organizzato prima in Europa, dalla nostra
Università, concentrammo la nostra attenzione sulle necessità di supporto, non
sanitario, dell'
ammalato ricoverato in ospedale. Quella riunione fu la scintilla da cui
scaturì il volontariato clinico che tanto ha fatto tra noi ed ha portato qui a poco a
poco al ricupero dei valori che sempre caratterizzavano il rapporto tra personale
sanitario e ammalato. Rapporti che negli ultimi anni erano stati gravemente
compromessi per l'
avvento nei nostri ospedali della lotta politica e sindacale da un
lato e della burocratizzazione dall'
altro.
Questo riferimento ha uno scopo preciso, ci troviamo in presenza di una nuova crisi
nella cura dell'
ammalato, crisi che colpisce soprattutto l'
ammalato inguaribile nella
fase terminale della sua malattia.
I nostri ospedali infatti, progettati per l'
assistenza all'
ammalato acuto, sono poco
adatti per la cura di questi ammalati che, in genere, non hanno bisogno tanto
di cure attive, quanto di una terapia di supporto e di tanto calore d'
affetto umano.
Si tratta di assistenza sanitaria assai meno costosa di quella dell'
ospedale per acuti e
assai più gradita anche perché, l'
esperienza ci insegna, che essa può esser data nella
maggior parte dei casi, al domicilio dell'
ammalato o in piccole strutture che per loro
natura devono avere più affinità colla casa che coll'
ospedale. si veda ad esempio
l'
esperienza degli "Hospice programs" in Gran Bretagna e negli Stati Uniti.
Questo tipo di assistenza è stato incluso dal legislatore nella Riforma Sanitaria del
1978. si tratta però, come sappiamo, nel nostro caso, di una Riforma progettata da
un architetto ardito ed antiveggente che peraltro, proprio per l'
arditezza sua, ha
messo non poco in difficoltà gli ingegneri che devono realizzarla. La difficoltà è
particolarmente sentita perché non esistono in Italia sperimentazioni su cui potersi
basare per l'
attuazione su vasta scala.
Abbiamo ritenuto opportuno proporre questo argomento come oggetto del convegno
di quest'
anno, non solo per la sua urgenza ma anche e soprattutto perché il nostro
gruppo raccoglie persone fortemente interessate ed impegnate nella realizzazione e
proprio soltanto da professionisti autoresponsabilizzantisi come noi può nascere
quella sperimentazione (atta a risolvere problemi magari parziali) che può fornire
una conoscenza oggettiva a chi ha, per legge, il dovere di attuare, su tutto il
territorio nazionale, quell'
assistenza domiciliare e ambulatoriale strettamente
integrata con quella ospedaliera, che forma uno dei concetti "fondamentali della
Riforma Sanitaria in attuazione.
21

Concorso Nazionale

Unità di Cura Continuativa (UCC)

Un ospedale con più Sollievo

Soluzione più umana ed economica per la cura dell'ammalato oncologico in fase
terminale
Attilio Romanini; Rivista bimestrale: Progressi Clinici, 1988
L'
indiscusso aumento di efficacia delle cure antiblastiche e di quelle di supporto
consente oggi di guarire molti pazienti che quindici anni fa non avrebbero potuto
esserlo ed inoltre di prolungare notevolmente la vita della maggior parte dei pazienti
inguaribili.
La cura di questi ultimi si effettua nello spazio di parecchi mesi, quasi sempre di anni
durante i quali si possono distinguere due fasi. La prima di relativo benessere
durante la quale il paziente svolge una vita quasi normale, detta «fase di stato» e la
seconda di più o meno rapido declino, durante la quale si assiste al più o meno
rapido venir meno della possibilità di vita indipendente dapprima, e poi delle varie
funzioni vitali dell'
organismo.
Tutto ciò rende necessaria una impostazione terapeutica completamente differente da
quella che deve essere tenuta nei pazienti in cui elevate sono le possibilità di ottenere
una guarigione clinica durevole.
Da un lato infatti, è necessario attuare la terapia antiblastica con modalità
tipicamente palliative, evitando cioè di determinare al paziente sofferenze, pur
ottenendo una regressione della neoplasia, od almeno un rallentamento della sua
evoluzione.
Dall'
altro lato è ancora più necessario, se non addirittura indispensabile, attuare nel
modo più completo le varie terapie di supporto così da assicurare al paziente una
qualità di vita quanto migliore possibile.
Tra queste è indispensabile evitare all'
ammalato un senso di solitudine; in
particolare che egli abbia l'
impressione di dover affrontare da solo la sua malattia,
curato cioè or da questo or da quel gruppo di medici nessuno dei quali si sente
responsabile di lui, di risolvere i suoi problemi.
Se questo è vero per ogni malattia ed anche nel campo oncologico per gli ammalati
destinati a guarire, lo è in modo tragico per gli ammalati inguaribili.
In questi ammalati la necessità di integrare interventi specialistici differenti aggrava
il problema che è reso ancor più attuale dall'
illogica separazione oggi esistente
anche da noi tra medicina domiciliare ed ospedaliera.
È estremamente opportuno che tutti gli ammalati inguaribili, ed in modo particolare
quelli oncologici, siano curati da un'
unica equipe sanitaria che sia in grado di
assisterli sino alla loro morte, e nel con tempo sia in grado:
1) di consentire loro, nella « fase di stato» della malattia, una vita rimanente
quanto più gradevole e, a questa condizione, lunga possibile. (Prolungare la
vita di un paziente senza essere in grado di alleviarne le sofferenze sarebbe
crudeltà). Da questo principio è possibile derogare solo su espressa richiesta
fatta dal paziente per motivi personali suoi, che il medico può sindacare solo
sino al punto da essere certo che quella è realmente la volontà del suo
paziente;
22

Concorso Nazionale

Un ospedale con più Sollievo

2) di assicurare loro, nella «fase terminale» della malattia, non solo la
soppressione dei dolori e la minimizzazione delle sofferenze non sopprimibili,
ma anche il determinante supporto psicologico di sapere che pur
nell'
aggravarsi del proprio stato l'
equipe terapeutica (che l'
ha curato per anni,
e è diventata perciò stesso gruppo di amici cui lui ha affidato la sua vita) non
lo abbandona ora che chiaramente è destinato a morire, ma anzi rimane
accanto a lui, responsabile della sua cura sino alla fine, amici attivamente
accanto all'
amico, che muore;
3) di essere disponibile ed attrezzata a curarlo anche a casa sua
Per la maggior parte degli ammalati (e dei loro familiari) morire in ospedale è
estremamente traumatizzante sia sul piano fisico che su quello psicologico.
Essi vi si rassegnano solo in quanto non esistono concrete possibilità di agevole cura
domiciliare.
Se ciò attualmente si verifica ancora su vasta scala, pur essendo più costoso
dell'
assistenza specialistica domiciliare, è solo per un residuo della separazione tra
cura domiciliare ed ospedaliera realizzata, per motivi organizzativo-finaziari,
durante gli ultimi lustri della gestione INAM.
L'
attuale legge sul Servizio Sanitario Nazionale stabilisce infatti l'
unicità strutturale
della cura dell'
ammalato (nell'
ambito dell'
Unità Sanitaria Locale) e pertanto, sul
piano concettuale, viene pienamente incontro al desiderio degli ammalati di essere
curati a casa loro nella « fase terminale » della loro vita, e non nell'
igienico e freddo
squallore di una stanza d'
ospedale.
Esistendo le premesse giuridiche è ora necessario realizzare praticamente questa
modalità terapeutica.
A questo scopo è possibile far tesoro dell'
ampia esperienza della cura domiciliare di
questi pazienti attuata oltre oceano dagli Hospice Programs (Kutscher 1985).
La loro esperienza però non è trasferibile come tale in Italia sia per la grande
differenza socio-psicologica esistente tra il nostro ed il loro modo di vivere che per
l'
ancor maggiore differenza tra le legislazioni sanitarie delle due nazioni.
Essa però può essere ampiamente utilizzata nell'
integrare funzionalmente le nostre
strutture sanitarie così da curare in modo unitario gli ammalati che lo desiderano;
integrazione realizzabile mediante l'
adattamento delle nostre strutture che va sotto il
nome Unità di Cura Continuativa (UCC) e ha le seguenti caratteristiche:
a) L'
UCC ha come oggetto delle sue cure l'
intero gruppo familiare e non il solo
ammalato. Malato + familiari sono considerati un tutt'
uno che va aiutato.
b) L'
UCC è la continuazione domiciliare delle cure che l'
ospedale normalmente
fornisce nelle degenze e nei day-hospital e che il medico di famiglia, da solo non è
in grado di attuare.Essa consente anzi di dimettere precocemente il paziente in
cura domiciliare e ricoverarlo nuovamente in modo altrettanto agevole quando
nuova sintomatologia faccia ritenere opportune cure che solo l'
ospedale può
consentire.
c) L'
UCC non è né un reparto né una nuova specializzazione terapeutica. Essa
infatti è essenzialmente una organizzazione di assistenza infermieristica e
volontariale generica, che utilizza le competenze specialistiche più varie,
integrandole al fine di ottimizzare la cura del paziente.
23

Concorso Nazionale

Un ospedale con più Sollievo

d) A tale scopo l'
UCC ha una struttura semplice e ad un tempo particolarmente
funzionale. Diretta da un medico coadiuvato da un infermiere esperto dotato
anche di capacità organizzative, essa è costituita da due distinti gruppi di
persone:
• un gruppo operativo costituito da infermieri e volontari, che effettuano
l'
assistenza domiciliare.
• un gruppo di consulenza composto da medici delle diverse specialità e da
psicologi preparati nel campo, assistenti sociali e spirituali.
e) Operativamente infermieri e volontari, scelti tra persone motivate e
particolarmente equilibrate dal punto di vista psicologico, si recano due o più
volte la settimana a casa dei pazienti assistiti per svolgervi l'
assistenza e la
terapia prescritta dai medici dell'
UCC cui riferiscono le notizie cliniche dei
pazienti assistiti, per averne eventuali variazioni terapeutiche. Queste discussioni
avvengono, quando possibile, in incontri di gruppo in presenza dei componenti il
Gruppo di Consulenza più interessati (medici specialisti, psicologi, assistenti
sociali e spirituali). A questi gli infermieri espongono non solo l'
evolversi della
malattia del paziente ma anche i problemi familiari che colla sua assistenza si
interconnettono onde poterne avere i consigli opportuni. Compito loro è infatti
non solo il guidare i parenti nella cura del malato, ma anche l'
assistenza ai
parenti stessi, che in questa fase possono presentare scompensi sul piano psicoaffettivo anche gravi. I medici e gli altri componenti del gruppo di consulenza
intervengono raramente a domicilio del paziente, sebbene ciò sia tutt'
altro che
escluso. Tutt'
altro che raro è invece l'
intervento domiciliare dell'
assistente
spirituale.
f) L'
UCC, sul piano organizzativo, può assumere fisionomia differente. Può essere
parte del presidio ospedaliero così come gli ambulatori ed il Day Hospital, od
essere struttura differente da quella ospedaliera (Gruppo di Volontariato,
Cooperativa terapeutica, ecc.). Essenziale è la stretta collaborazione tra medici
curanti in ospedale e componenti dell'
UCC affinché il malato ed i suoi familiari si
sentano sempre rispettivamente curato e guidati dallo stesso gruppo di sanitari.
Questo fa in genere preferire le soluzioni direttamente parte dell'
ospedale o di cui
facciano parte integrante sanitari, infermieri e personale dei vari livelli di
competenza dell'
ospedale. Il carattere determinante della sua funzione sul piano
del supporto psicologico dell'
unità paziente-famiglia fa ritenere preferibile la
realizzazione della UCC come parte integrata nella divisione ospedaliera. Meglio
si realizza infatti così la continuità della cura dell'
ammalato, usque ad finem, da
parte della stessa equipe.
Oggi quando l'
ammalato non è più abbisognevole di cure ospedaliere, viene dimesso
e avverte un troncarsi del legame con i sanitari dell'
ospedale; legame che gli apporta
quel senso di sicurezza, di sostegno psicologico proprio del rapporto di fiducia.
Nel caso di malattia prolungata od a prognosi infausta questo legame è di solito
sostituito in modo altrettanto efficiente da quello con il medico di famiglia. Cio è
dovuto in parte al fatto che in genere quest'
ultimo ha difficoltà organizzative
concrete ad attuare stretta collaborazione con i metodi dell'
ospedale ove pure ha
24

Concorso Nazionale

Un ospedale con più Sollievo

indirizzato il paziente. Quasi sempre è privo di collaborazione infermieristica e,
pertanto, gli risulta piuttosto difficile proseguire a domicilio dell'
ammalato
l'
assistenza specialistica di cui questi ha bisogno. Pure difficile gli è spesso ottenerne
nuovamente, se necessario, il ricovero in ospedale.
Tutto ciò fa sì che la dimissione dall'
ospedale possa essere sentita da questi ammalati
come un abbandono da parte dei curanti e che i parenti si sentano improvvisamente
«responsabili» delle cure ulteriori di cui l'
ammalato ha bisogno; situazione
psicologica tutt'
altro trascurabile in presenza di una prognosi infausta a non lunga
scadenza.
L'
UCC sopprime tutto questo dando un valore permanente al legame terapeutico e al
rapporto di fiducia tra sanitari, ammalato e parenti.
L'
ammalato non si sente più «dimesso» ma sa che va a casa senza interrompere le
cure, sa che sarà seguito anche a casa, dal gruppo di sanitari dell'
ospedale, in
collaborazione (ove possibile) col medico di famiglia del paziente di cui l'
UCC
diviene ad un tempo consulente e, tramite la sua struttura infermieristica
collaboratore diretto.
Parenti ed ammalato sanno inoltre che qualora si verifichi la necessità di un nuovo
ricovero questo potrà avvenire senza difficoltà perché l'
ammalato è sempre in carico
terapeutico all'
ospedale.
I parenti, a loro volta, si sentono sempre supportati dall'
equipe dell'
UCC che
provvede a consigli ed aiuti non solo nel campo sanitario ma anche in quello sociale
e psicologico.
Particolarmente importanti questi due ultimi in caso di morte dell'
ammalato e perciò
stesso prolungati, quando necessari anche durante il periodo immediatamente
successivo all'
exitus.
Compito dell'
UCC è infatti la cura del malato e della sua famiglia come un
tutt'
unico.
L'
assistenza domiciliare, come è noto è assai meno costosa di quella ospedaliera.
Sull'
argomento esistono tutta una serie di ricerche specificamente impostate che
consentono di affermare non solo l'
esistenza di un risparmio netto ma anche che esso
oscilla attorno al 40% (Pontarollo 1985).
Nell'
attuale situazione sanitaria italiana la cosa non sembra trascurabile.
L'
UCC come mezzo di assistenza domiciliare trova un ovvio limite là ove il paziente
vive solo e non ha parenti che lo possano ospitare in casa propria (evenienza
relativamente rara in Italia) o quando la casa non sia idonea alla cura domiciliare
del paziente nella fase terminale della malattia.
In questi casi ovviamente il paziente dovrà continuare ad essere curato in ospedale
come ora avviene, o se opportuno in un ospedale più vicino al domicilio
dell'
ammalato così da favorire l'
accesso dei parenti.
Il caso però, in base alla nostra esperienza non è molto frequente.

25

Concorso Nazionale

Un ospedale con più Sollievo

Breve storia degli antichi ospedali romani
a cura del prof. Domenico Rotella
Non è possibile tracciare in poche righe una storia dell’ospedalità romana, al pari
peraltro di quella più generale: qualcuno ha detto, con vivida efficacia, che a Roma le
lancette degli orologi segnano direttamente i secoli e ignorano gli anni. Quello che
possiamo offrire qui è solo un modesto panorama circa alcune specifiche realtà, un
piccolo spaccato di quella che può definirsi una vera epopea sanitaria e che - forse per
la sorpresa di molti - ebbe stagioni di assoluta eccellenza nell’epoca di riferimento.
Se la carità cristiana vuole ai primi posti il soccorso al prossimo, nella città che ospita
la Sede di Pietro ciò aveva una valenza ancora più marcata. Una città, oltretutto, che
dal 1300 in poi divenne meta di un forte ed incessante afflusso di pellegrini
provenienti da qualunque terra in cui fosse arrivata la predicazione evangelica.
La sanità romana, comunque, parte da molto lontano. Una pia tradizione, dove la
leggenda forse prevale sulla realtà storica, vuole addirittura che già nel IV secolo sia
apparso il primo ospedale per i poveri: Flavio Gallicano, console nel 330 sotto
Costantino, si convertì al cristianesimo ed aprì ad Ostia un ricovero per i più deboli,
finendo poi per essere venerato come santo. Non dimentichiamo infatti che la parola
“ospedale” deriva dal latino “hospitalis” col significato di “luogo dove si accolgono
gli ospiti, i forestieri”: un tempo l’ospedale non aveva la funzione esclusiva che gli
attribuiamo oggi, bensì era un asilo dalla struttura complessa perché spesso riuniva le
funzioni primarie del ricovero, dell’ostello, con quello di presidio sanitario in una
larga accezione che comprendeva la degenza, il pronto soccorso e quello che oggi
chiameremmo day hospital. In ogni caso, la tradizione “costantiniana” ricevette un
suggello ufficiale allorché, nel Settecento, venne aperto un nuovo ospedale destinato
alle malattie dermatologiche e intitolato a “S. Maria e S. Gallicano”.
Sul finire del Quattrocento a Roma vi erano quattro ospedali che potremmo definire
“maggiori” in virtù delle loro tradizioni, della loro grande capacità ricettiva e delle
copiose risorse finanziarie a disposizione. Erano il Santo Spirito in Sassia ed il SS.
Salvatore (oggi “San Giovanni”) risalenti già al 1200, il S. Giacomo in Augusta o
“degli Incurabili” nato nel 1300 e il S. Maria della Consolazione nato nel 1400. Di
questi, solo i primi due sono ancora operanti e sono quelli di cui tratteremo fra poco;
invece il terzo ed il quarto hanno cessato definitivamente la loro attività: il S.
Giacomo è stato chiuso pochi anni fa mentre il S. Maria della Consolazione venne
chiuso nella prima metà del Novecento ed il suo edificio oggi ospita il Comando
centrale della Polizia di Roma Capitale.
Accanto a queste grandi istituzioni se ne affiancarono poi, fin dal XIV secolo, molte
altre minori, creando una rete tanto capillare da risultare quasi inconcepibile alla luce
degli odierni piani di ridimensionamento sanitario. Fra gli ospedali “minori” - ma non
per questo minuscoli - alcuni erano pubblici in senso stretto essendo diretta
emanazione dell’Amministrazione cittadina, altri invece erano tali di fatto perché anche se sorti per iniziativa privata - accoglievano bisognosi senza distinzione di
nazionalità, mestiere, censo, ecc. Infine vi era un universo parcellizzato fatto di
microstrutture ospedaliere (constavano in genere di un numero di letti non inferiore a
26

Concorso Nazionale

Un ospedale con più Sollievo

quattro e non superiore a dieci o dodici, ma con punte fino a cinquanta) fondate e
gestite dalle confraternite, sodalizi di laici con finalità religiose di carità e culto (vedi
più avanti).
In qualche caso l’opera caritatevole assumeva, per la concomitanza di vari fattori,
notevoli proporzioni: si pensi infatti che tutti e tre i suddetti ospedali maggiori furono
istituiti e/o governati per lunghissimo tempo da altrettante confraternite. Una rete
tanto fitta di ospedali d’ogni grandezza e vocazione non era però ingiustificata,
tutt’altro. Se la popolazione romana oscillò tra le 40.000 (prima metà del
Quattrocento) e le 150.000 unità (primi dell’Ottocento), il flusso dei pellegrini si
presentò fin dall’inizio come un fenomeno davvero sconvolgente per la città. Si pensi
che nell’ultimo Giubileo della già declinante Roma papale - quello del 1825, perché
nel 1850 non ebbe luogo per le vicende della Repubblica Romana - il solo ospedale
della SS. Trinità accolse e curò circa 250.000 pellegrini!
Un argomento di grande interesse sarebbe poi quello riguardante il tipo di cure
prestate, ma purtroppo la sua ampiezza non consente qui un’esauriente trattazione.
Volendo limitarci a qualche tratto di pennello, possiamo dire che a fronte di pochi
rimedi farmacologici specifici si registrava la prassi diffusa di dispensare diuretici,
lassativi, antipiretici, ricostituenti, espettoranti, “rinfrescanti”, ecc., senza contare poi
la categoria fatta di creme, pomate, unguenti, balsami. La blandizia dei rimedi era
però bilanciata e corroborata dalla possibilità di giacere in un letto caldo e in un
ambiente di certo molto più sano delle comuni abitazioni. Infatti una grandissima
attenzione veniva un po’ ovunque riservata proprio alla ricerca della migliore
salubrità degli ambienti. Più in generale, però, si può affermare che in epoche ancora
prive di efficaci cure mirate la somministrazione di terapie tanto generiche
rispondeva al desiderio di cercare in ogni modo di recare almeno un qualche sollievo
al paziente che non si poteva o non si sapeva curare.
Furono soprattutto gli ospedali confraternali, spinti a ciò dalla precisa vocazione
istituzionale, a prestare la maggiore attenzione verso il malato più che verso la
malattia, intuendo che la salute dello spirito avrebbe giovato anche a quel corpo
curato con tanto amore quanto, spesso, con scientifica approssimazione.
Non a caso il grande clinico Augusto Murri (1841-1923) volle lasciare in eredità
spirituale ai suoi discepoli una mirabile raccomandazione che fu poi scolpita a lettere
cubitali nell’atrio d’accesso all’ospedale San Giacomo: “Se potete guarire, guarite;
se non potete guarire, calmate; se non potete calmare, consolate”. Del resto, quando
lo stesso S. Pio da Pietrelcina volle realizzare una grande opera caritativa permanente
pensò subito ad un ospedale e quale nome scelse quello che, forse, più di tutti si
addice o dovrebbe addirsi ad un nosocomio: “Casa Sollievo della sofferenza”.
Tornando all’epoca storica, non mancarono le voci autorevoli che cercavano di
argomentare al meglio la necessità di prestare maggiore attenzione alla persona più
che alla patologia. Fra le varie testimonianze ci è parsa abbastanza esemplare questa
osservazione di carattere generale che mons. Carlo Luigi Morichini (vedi
bibliografia) volle premettere prima di trattare dell’ospedale Santo Spirito. Pur con il
linguaggio involuto di due secoli fa, e che intenzionalmente abbiamo cercato di
svecchiare il meno possibile, il Morichini parlava di argomenti che ancora oggi sono
sorprendentemente moderni. In queste brevi considerazioni, è comunque possibile
27

Concorso Nazionale

Un ospedale con più Sollievo

percepire tutto intero il desiderio dell’autore di veder offerto ai malati qualcosa di
“altro” e “di più” che le semplici cure mediche.
Evidentemente, una sollecitudine che attraversa i confini dei secoli: “Gli ospedali
incorsero da pressoché un secolo nella censura non solo degli acri oppositori di ogni
benefica istituzione, ma anche di alcuni [fra quelli]che professano sincera carità
verso il povero e l’afflitto. Nei pubblici ricetti delle umane infermità, essi dicono, il
malato rimane privo delle affettuose cure della famiglia, e abbandonato a gente
mercenaria, trascurata per mala voglia o insensibile per contratta abitudine. [Il
paziente] è oppresso dalla continua vista di tanti mali, dalle grida di chi soffre, dal
rantolo del moribondo, [….], dall’aspetto dei cadaveri. [Egli] respira un’aria infetta
da molteplici morbose esalazioni che le più attente precauzioni non giungono a
dissipare: tutto, in una parola, contribuisce a rendergli il soggiorno triste e
desolante, la guarigione tarda e difficile. “La certezza inoltre di un ricovero,
qualunque esso sia, in caso di malattia, rende il povero meno provvido [avveduto,
previdente – n.d.a.] e spegne le affezioni [gli affetti – n.d.a.] di famiglia, poiché molti
credono aver soddisfatto ai sacri doveri della natura verso il congiunto infermo
quando l’hanno accompagnato al pubblico ospedale. Pertanto sarebbe meglio che il
malato povero venisse sempre assistito nella propria casa. E non vi è dubbio che i
soccorsi a domicilio dovrebbero preferirsi quando l’infermo non giaccia nell’estrema
miseria e abbia intorno a sé una madre, una moglie, una sorella o una figlia per
assisterlo. Ma quando il povero è senza famiglia o i suoi parenti sono costretti a star
tutto il giorno lontani, al lavoro, per sfamarsi; quando la casa che egli abita è un
meschino tugurio [….]; quando il letto su cui riposa è un sudicio pagliericcio [….];
quando è grave o contagiosa la malattia da cui è preso; allora è certamente un
benefizio accoglierlo negli ospedali pubblici, poiché soccorrerlo nel privato sarebbe
inutile oltre che eccessivamente costoso per la pubblica beneficenza.
“E nella nostra Roma gli ospedali sono tanto più necessari perché, oltre alla
popolazione più miserabile, ivi trovano un rifugio gli stranieri poveri di ogni nazione
[….]. Non si vuole però negare che gli ospedali siano scevri da tutti i difetti che sono
ad essi imputati, ma molti sono esagerati, molti possono prevenirsi o rendersi
pressoché nulli, e questi antichi monumenti della carità cristiana meriteranno sempre
la venerazione [nel senso di “rispetto” – n.d.a.] dei buoni e la gratitudine dei poveri
[…]”
Le Confraternite
Sono delle forme di associazionismo laicale che, in spirito di fraternità fra i soci e
verso il prossimo, perseguono fini devozionali e/o caritatevoli nell’ambito della
Chiesa cattolica. La costituzione di tali sodalizi - muniti di propri statuti e gerarchie viene autorizzata dal vescovo locale. A Roma invece, almeno fino a tutto l’Ottocento,
le Confraternite sono state erette direttamente con bolla papale, in quanto il vescovo
di Roma è lo stesso pontefice. Gli iscritti, o “confratelli”, durante le funzioni religiose
o le processioni vestono un abito proprio, in genere un saio con cappuccio pendente e
cingolo ai fianchi, talvolta corredato anche di una mantellina o “mozzetta”. I colori
dell’abito e loro combinazioni sono molto diversi e di norma rispondono ad un
preciso codice comunicativo ispirato alla liturgia. Oggi le Confraternite sono
28

Concorso Nazionale

Un ospedale con più Sollievo

disciplinate dal Codice di Diritto canonico con la classificazione di “Associazione
pubblica di fedeli”.
I sodalizi in questione affondano le loro origini in tempi davvero antichissimi.
Sembra che i primi esempi documentati possano farsi risalire addirittura all’VIII – IX
secolo, anche se per poter parlare di Confraternite in modo più organico e simile
all’attuale occorre partire almeno dal 1200. Queste forme di aggregazione avevano in
comune una matrice spirituale che si prefiggeva di esercitare soprattutto la carità, la
preghiera in comune, il mutuo soccorso, il suffragio dei confratelli defunti, la
purificazione dai peccati. Questo fenomeno di spontaneismo religioso, oggi pressoché
ignoto al grande pubblico se non per talune forme spettacolari di pietà popolare, ha
rappresentato nei secoli un segno davvero grandioso e ampiamente diffuso in vari
strati sociali, oltre che infinitamente variegato nelle sue manifestazioni operative. Le
Confraternite si radunavano generalmente in chiese ed oratori eretti a proprie spese,
affidandone la cappellania a qualche ordine religioso o a sacerdoti appositamente
stipendiati. Esse sono state pure, nei secoli, una formidabile committenza di opere
d’arte presso i più celebrati artisti. I sodalizi che più si distinguevano nel
raggiungimento dei fini sociali potevano venire onorati col conferimento del rango di
Arciconfraternita, riconoscimento che – oltre a vari benefici spirituali – comportava
soprattutto la possibilità di aggregare a sé quale “caput et mater”, su richiesta degli
interessati, qualunque altra Confraternita ovunque eretta col medesimo titolo in Italia
o nel mondo.
Ospedale di S. Spirito in Sassia
L’ospedale di S. Spirito - o meglio, “arcispedale”, secondo l’antica denominazione
che ne sottolineava l’importanza rispetto ad altri - è un imponente complesso
monumentale incuneato fra il Vaticano ed il fiume Tevere, la cui trattazione anche
solo dal punto di vista artistico comporterebbe già un volume a se stante. Anche
limitandoci però alla sola storia sanitaria, non possiamo intanto ignorare che l’area su
cui sorge il complesso costituisce un sito archeologico di gran pregio: in alcuni
sotterranei sono ancora visibili resti significativi di quella che fu la villa di Agrippina
Maggiore (madre di Caligola e nonna materna di Nerone). Su tali vestigia sorse, a
metà del secolo VIII, la “Schola Saxonum” (“scuola dei Sassoni”), un’istituzione
voluta dal sassone Ina, re cattolico del Wessex che - dopo aver abdicato nel 726 o 727
- si era poi trasferito a Roma. La “schola” riuniva in sé le funzioni di luogo di
accoglienza riservato ai pellegrini provenienti dall’Inghilterra ma anche di centro
d’istruzione cattolica per il clero e i nobili di quelle terre.
Dotato d’una chiesa e d’un cimitero propri, attorno al 794 i responsabili del presidio
cominciarono ad edificare anche un ospedale (“casa dell’ospitalità”) modificando la
“schola” stessa. La struttura, divenuta assai florida, fu però poi danneggiata da
incendi e devastazioni, non ultimi quelli dell’847 allorché un’incursione di saraceni
sbarcata ad Ostia non giunse a saccheggiare addirittura la stessa basilica di san Pietro
e incendiare tutto il quartiere adiacente. Tutto questo giaceva ormai in desolante
rovina quando avvenne un episodio ormai divenuto leggendario. Innocenzo III venne
eletto papa giovanissimo (37 anni!) nel gennaio del 1198 e fra le sue prime
preoccupazioni vi fu quella di assicurare, proprio accanto alla basilica che ospitava la
tomba di Pietro, un degno ricovero alla moltitudine di poveri ammalati, in genere
29

Concorso Nazionale

Un ospedale con più Sollievo

pellegrini divenuti quasi stanziali. Ma in realtà il suo desiderio si era appuntato
soprattutto sull’accoglienza dei bambini “esposti” (abbandonati appena nati) una
piaga allora molto diffusa.
La tradizione vuole che il papa, ammalatosi, rivolgesse la sua preghiera a Dio. Sogno
o visione che fosse (secondo le varie fonti) subito gli apparve un angelo, che lo esortò
a mandare i pescatori del Tevere lungo la riva ed a farsi portare il frutto della pesca. I
pescatori gettarono le reti e le ritirarono traboccanti non di pesci ma di corpicini di
neonati morti affogati. Obbedienti al comando, portarono il pescato al pontefice che,
inorridito come non mai, chiamò ancora l’angelo: questi riapparve e lo esortò a
costruire l’ospedale. Quanto al luogo, papa Innocenzo riconobbe nello scenario il
tratto tra il Vaticano e Castel S. Angelo ove un tempo si trovava l’antica Scuola
Sassone e lì fissò la sede. Ovviamente le cause reali furono altre o comunque non
solo queste, ma sta di fatto che “il sogno di Innocenzo III” è rimasto a presidio
ufficiale delle origini dell’ospedale, tanto che in documento ufficiale del 1885 esse
ancora venivano attribuite alla “divina ispirazione” del pontefice.
L’ospedale di S. Spirito - definito efficacemente “precursore dell’attuale Servizio
Sanitario Nazionale” per le sue caratteristiche innovative che lo posero subito
all’avanguardia - fu il primo in Europa la cui costruzione fu progettata espressamente
per tale scopo, in quanto all’epoca - di norma - gli ospedali nascevano dalla
riconversione di edifici preesistenti: ad esempio case di abitazione private donate da
benefattori oppure ospizi per mendicanti. Con bolla del 25 novembre dello stesso
1198 - poi ribadita nel 1204 - papa Innocenzo III affidò la cura del nascente
nosocomio al cavaliere templare Guido dei conti di Montpellier ed al suo Ordine
degli Ospitalieri. E forse fu proprio il glorioso ospedale da questi fondato nella città
francese nel 1174, intitolato allo Spirito Santo, a suggerire al papa di attribuirne il
nome anche alla nuova struttura: almeno inizialmente era stata la denominazione
della chiesetta di S. Maria in Saxia, anche se ormai distrutta da tempo, a dare il
proprio nome all’ospedale. Molte furono poi le generose donazioni che gli
pervennero da ogni parte, a cominciare da quelle di Reginaldo vescovo di Chartres e
del re inglese Giovanni Senza Terra. Il fabbricato ospedaliero, nel XII secolo,
constava quindi di un’unica corsia rettangolare illuminata da piccole finestre e capace
di assistere giornalmente fino a 300 infermi e 600 poveri: un’impresa considerevole
se si pensa che all’epoca Roma contava appena 35.000 abitanti e che diversi altri
ospedali erano pure in attività.
Ebbe così inizio una vera epopea sanitaria che portò l’ormai “arcispedale” del S.
Spirito ad essere un centro di riferimento di portata europea, tanto da contare poi in
tutto il continente varie centinaia di istituzioni che si ispirarono alle sue regole.
Definito una vera “reggia di carità”, l’ospedale accoglieva ogni sorta di bisognoso,
sia delle cure sanitarie che di necessità più prosaiche come quelle di avere – in casi
emergenti – un riparo su cui contare. Ecco allora che Guido ebbe l’idea di fondare la
Confraternita dello Spirito Santo, sodalizio laicale di volontari desiderosi di
affiancare i religiosi Ospitalieri con l’esercizio fattivo della carità cristiana. Non
possiamo indugiare troppo a lungo sull’argomento, ma possiamo dire che la
Confraternita – dopo anni di attività spontaneistica – trovò la sua fondazione
canonica solo con una Bolla di Clemente IV del 30 gennaio 1268: il documento la
30

Concorso Nazionale

Un ospedale con più Sollievo

costituiva quindi seconda in assoluto a Roma e tra le primissime dell’intera
cristianità.
Durante il lunghissimo esilio del papato in Avignone (1309-77) conosciuto come
“cattività avignonese”, l’ospedale conobbe una grande rovina che ne minacciò quasi
l’estinzione, ma fu solo nel 1473 che papa Sisto IV volle interamente riedificarlo,
anche in previsione dell’ormai imminente Anno Santo del 1475. Incaricò quindi
alcuni insigni architetti di creare una sala dalle proporzioni imponenti, lunga circa
125 metri, larga 10 e alta 13, capace di oltre 320 letti, simili a troni. Quando le
epidemie richiedevano spazi maggiori, al centro della corsia venivano allestiti dei
letti di fortuna detti “cariòle”. Una bella cupola ottagona centrale divideva in due ali
la corsia, detta appunto “sistina”.
Un’altra sala più piccola, lunga m. 33, larga e alta circa 11x11, fu aggiunta verso la
metà del Seicento per volere di Alessandro VII. Nel 1742 l’architetto Fuga realizzò
per volere di Benedetto XIV una terza corsia, poco più piccola di quella sistina, che
però fu demolita alla fine dell’Ottocento e sostituita dall’imponente struttura che oggi
affaccia sul Lungotevere. Ma in realtà furono numerose nei secoli le migliorie, le
ricostruzioni e le modifiche, che qui non è possibile riassumere. Col tempo si capì
pure l’importanza di tenere fra loro separate e in ambienti più piccoli le varie
categorie di infermi al fine di agevolarne la guarigione evitando ogni forma dannosa
di involontario contagio o contaminazione.
Con l’impulso dato da Sisto IV l’ospedale divenne un vero pilastro della ricerca
scientifica. Vi lavorarono grandi maestri della medicina come il Lancisi ed il Baglivi.
Il suo prestigioso teatro anatomico attirò l’interesse di Michelangelo e di Leonardo,
mentre l’imponente facciata medievale fu riprodotta dal Botticelli in suo affresco
nella Cappella Sistina. L’assistenza religiosa e morale trovò il suo apice con Filippo
Neri e Camillo de Lellis, poi entrambi santi.
Nel libro di mons. Morichini viene dettagliata la situazione dei letti a quel tempo, che
tra corsie, bracci, sale, ecc. assommava a ben 1.616 unità. Nonostante la
considerevole disponibilità di posti, però, poteva accadere che le esigenze contingenti
richiedessero ancora più spazio ed allora si potè giungere in via eccezionale ad
ospitare perfino 2.000 persone. Come? Ricorrendo ad ogni angolo disponibile
comprese le stanze dei canonici e lo stesso appartamento privato del Commendatore
(ossia il Rettore dell’ospedale), senza contare......”i granai e ogni altro luogo
opportuno”. Ciò rispondeva ad un concetto quasi sacrale: chi entrava nel nosocomio
non poteva essere rifiutato e “doveva” a tutti i costi (compresi quelli economici)
ottenere assistenza lì stesso. Seppur a distanza di secoli, lo spirito di Guido di
Montpellier era dunque ancora vivo: il malato era soprattutto una persona e non un
numero su un registro, quindi bisognoso di attenzioni che comprendessero “anche” e non solo - le terapie puramente mediche: un concetto questo, assolutamente comune
anche agli altri ospedali romani del tempo.
Sempre dal Morichini apprendiamo poi altre notizie di grande interesse in tal senso e
che sfatano certi luoghi comuni circa i tempi antichi. Sotto Benedetto XIV il card.
Castelli fece apporre a capo dei letti, sulla parete, delle tavolette con elementi mobili
che mediante un codice convenzionale indicavano esattamente lo stato del malato, il
tempo della degenza, il tipo di vitto da somministrare, alcune informazioni religiose.
Il nome del degente, insieme ad altre notizie personali ritenute utili, era annotato su
31

Concorso Nazionale

Un ospedale con più Sollievo

un cartiglio appeso alla tavoletta. Quanto al regime alimentare, ancora ai primi
dell’Ottocento esso era comune agli altri grandi ospedali romani e quindi ci sembra
opportuno riproporlo. Come già detto, la sua modulazione era ricavabile da alcuni
segni convenzionali evidenziati sulla tavoletta individuale (le quantità erano espresse
in once e quindi le abbiamo rese in grammi) e forse sorprenderà molti il constatare
come fosse “personalizzato”. Il segno detto “di terza” significava che al malato
spettava - due o tre volte al giorno secondo i casi - un brodo caldo con dentro sciolto
un tuorlo d’uovo. Il segno di “senza pane” comportava due pasti a base di una zuppa,
un uovo, acqua e vino. Il segno di “dieta” prevedeva due pasti Orologio monumentale
sul Palazzo del Commendatore con zuppa, 110 gr. di pane, 55 gr. circa di carne,
acqua; ove permesso il vino si esponeva idoneo segnale. “A carne” significava
minestra, 80 gr. di carne, 160 gr. di pane, vino. “Dieta” e “Carne” consentivano
inoltre, a giudizio del medico, l’aggiunta di cicoria cotta. Il segno “di seconda”
prevedeva zuppa, 110 gr. di pane, un uovo e acqua, ma i relativi degenti dovevano
mangiare dopo gli altri. Le visite dei parenti erano permesse prima della
somministrazione dei pasti.
Il concetto odierno di “prima colazione” era del tutto sconosciuto: il pranzo si
distribuiva tra le sette e le nove del mattino (!) mentre la cena tra le 14,30 e le 17,30.
Affinché risultasse meno monotona o deprimente, l’ora della cena veniva “rallegrata
dal suono dell’organo tre volte la settimana”: nella sua semplicità, un’intuizione
davvero moderna e amorevole. L’ospedale forniva a tutti un idoneo indumento per la
degenza: veste di lana in inverno, di lino in estate, oltre ad un paio di sandali per
levarsi dal letto. Grandissima attenzione veniva poi prestata all’igiene del fabbricato
con lavaggi prestabiliti e periodici. Le acque reflue, sia bianche che nere, venivano
convogliate mediante una rete di condotte sotto i pavimenti ma finivano
indistintamente......nel fiume Tevere! Le biancherie erano cambiate al bisogno, senza
alcun limite. Un materasso sporcatosi per qualunque causa veniva gettato e sostituito.
L’ospedale aveva un cimitero proprio, collocato alle pendici del colle Gianicolo.
Quanto allo staff sanitario, sappiamo che quattro medici e due chirurghi - tutti detti
primarii - compivano ogni giorno due giri di visite, prima dei pasti. Ogni medico
aveva un assistente ed ogni chirurgo un sostituto. Tali subalterni risiedevano
nell’ospedale stesso, per essere sempre a totale disposizione . Foltissima era poi la
compagine di infermieri, portantini e ausiliari vari, in modo che l’ospedale
funzionasse come un orologio e tutto fosse sempre finalizzato a rendere migliore la
degenza degli ammalati.
E la Confraternita di S. Spirito? Nel frattempo divenuta Arciconfraternita, aveva
coadiuvato gli Ospitalieri per quasi cinque secoli nel governo non solo
amministrativo della struttura, ma ai primi dell’Ottocento papa Pio VII riformò
l’organizzazione degli ospedali romani e il sodalizio si ritirò nella vicina chiesetta
dell’Annunziata per scopi di pura preghiera, anche se non mancò di avere ancora tra
le sue opere caritatevoli quella di assistere i malati ovunque ricoverati.
Ospedale di San Giovanni (SS. Salvatore)
Se oggi qualcuno parlasse di “Archiospedale del Santissimo Salvatore ad Sancta
Sanctorum” nessuno potrebbe mai immaginare che si stia parlando del nosocomio
che oggi per abitudine chiamiamo correntemente “San Giovanni”. Ancora meno, poi,
32

Concorso Nazionale

Un ospedale con più Sollievo

verrebbe da pensare che quello che ancor oggi è uno dei colossi della spedalità
romana sia stato creato e diretto per circa cinque secoli per opera di una pia
confraternita! Ciò premesso ci occuperemo ora della nascita e dello sviluppo di
questo ospedale fino all’Ottocento, atteso che il resto può ben considerarsi storia
d’oggi.
Accanto alla basilica Lateranense esiste un luogo di alta suggestione, oggetto della
più grande devozione, tanto da meritarsi l’appellativo di “Sancta Sanctorum”, il santo
dei santi. Esso custodisce due insigni reperti: la Scala Santa – la stessa che la
tradizione vuole sia stata salita da Gesù per essere interrogato da Ponzio Pilato – e
l’immagine “acheropita” (ossia dipinta non da mano umana ma angelica) del
Salvatore. Questa immagine era custodita - dal 1216, secondo alcuni - da una
compagnia spontanea di devoti che - intitolata al SS. Salvatore - accoglieva e
assisteva il flusso di pellegrini ivi diretti. Una pia ma infondata leggenda, una delle
tante che affollano il passato di Roma che però ha goduto di credito per molto tempo,
affermava che tale sodalizio fosse stato creato addirittura dall’imperatore Costantino,
all’indomani del celebre Editto di Milano (anno 313)!
Il nobile romano Pietro Colonna, creato cardinale nel 1288, volle dare una
configurazione più canonica a quella devota associazione e la fece così approvare dal
pontefice Nicolò IV col nome di “Compagnia dei Raccomandati”, appellativo da non
intendersi certo nel senso odierno ma in quello originario di “affidati alla protezione,
posti sotto la custodia”. Il sodalizio – che più tardi divenne L’antico portale con
intitolazione dell'ospedale “Arciconfraternita del SS. Salvatore ad Sancta Sanctorum”
- nacque col preciso obbligo di esercitare innanzitutto le opere di pietà, come indicato
in un manoscritto del Trecento che le elenca: “costruire un ospedale, esercitare
l’elemosina, praticare l’ospitalità e compiere altre opere di pietà e misericordia in
favore dei vivi ed in suffragio dei defunti”. Abbiamo voluto riportarle tutte per
sottolineare come la prima in assoluto fosse reputata quella del sollievo agli infermi,
peraltro secondo la più schietta tradizione delle confraternite romane.
In attesa di erigerne uno proprio, la Confraternita si occupò di un piccolo ricovero già
esistente negli immediati dintorni, dedicato a sant’Antonio e sito nei pressi della
chiesa dei SS. Pietro e Marcellino: un presidio molto antico e conosciuto, tanto che vi
aveva soggiornato persino san Francesco nel 1209 allorché venne a Roma per
sottoporre la sua Regola a papa Innocenzo III e lì stesso fu raggiunto dai messi
papali. Non è noto per quanto tempo fu utilizzata quella struttura ma sta di fatto che il
diarista settecentesco Filippo Titi volle annotare che l’ospedale era sito “in località
memorabile per antichità, ma non molto felice e in luogo ristretto”, il che fa ritenere
che l’uso sia stato abbastanza di breve durata.
Nel 1333 il Capitolo Lateranense cedette alla Confraternita un edificio diroccato, sito
accanto ad un’antica chiesetta dedicata a S. Angelo, al fine di costruirvi un nuovo
ospedale (che subito prese il nome dal tempietto), il che avverrà nel 1338. Dieci anni
più tardi venne concesso un ulteriore rudere lì adiacente, conosciuto come “Palazzo
Regio” e anch’esso nei pressi d’una vestigia illustre, una cappella dedicata ai santi
Andrea e Bartolomeo risalente forse al VII secolo e che già aveva svolto funzioni di
ospizio. In tal modo veniva a crearsi un unico complesso, anche se posto sui due lati
della via di S. Giovanni in Laterano che va dalla basilica omonima al Colosseo e che i
romani chiamano da sempre semplicemente “lo stradone di San Giovanni”.
33

Concorso Nazionale

Un ospedale con più Sollievo

L’ospedale sorgeva quindi in un luogo altamente strategico, sia perché collocato
accanto alla patriarcale basilica lateranense e sia perché, a loro volta, chiesa e
ospedale erano posti entrambi nei pressi della via Appia, dal quale giungeva un flusso
notevole di pellegrini.
A partire dalla metà del Quattrocento si aggiunsero man mano altri bracci, padiglioni,
ecc. in un continuo crescendo che sarebbe troppo lungo esporre qui in dettaglio. Ci
limitiamo quindi a dire che nel 1655 fu realizzato un nuovo fabbricato per ospitarvi le
sole donne, poiché fino ad allora le degenze erano state promiscue. Nel trattato
ottocentesco di mons. Morichini troviamo però che a quel tempo l’ospedale era ormai
interamente vocato all’accoglienza delle donne, poiché gli uomini venivano ricoverati
al S. Spirito. I posti letto, sommando le varie dislocazioni, secondo il computo del
Morichini erano in totale ben 538, tra i quali 30 erano conteggiati come “sussidiari”
per i casi di afflusso straordinario. Nel conto non si annoveravano però ulteriori 41
letti detti “perpetui” ossia destinati alle malate croniche, soprattutto anziane o in fase
terminale, il che denota la particolare sollecitudine verso tanta sofferenza. Il numero
medio delle degenti era di circa 200, ma fra estate e autunno si poteva superare
spesso quota 500 mentre il minimo annuale si registrava in primavera. Nonostante la
vocazione al femminile del nosocomio, agli uomini era tuttavia riservato un piccolo
padiglione a parte intitolato a S. Filippo e dotato di 40 posti. Era però un luogo non
destinato all’ordinaria attività ospedaliera bensì a fronteggiare talune necessità
contingenti, difatti vi si veniva accolti solo perché “gravemente feriti o presi da
straordinario accidente in quei dintorni”: praticamente un pronto soccorso,
soprattutto a causa delle frequenti risse per le quali il rione Monti era noto. Peraltro
papa Pio VI, verso la fine del Settecento, aveva stabilito che al SS. Salvatore
venissero indirizzati anche gli ustionati, a causa della chiusura dell’apposito ospedale
dedicato a S. Antonio Abate che si trovava accanto a S. Maria Maggiore.
Le norme per l’ammissione e il vitto somministrato erano del tutto simili a quelle in
vigore nell’ospedale S. Spirito. Tutti i degenti risanati venivano dimessi ma inviati
all’ospedale della SS. Trinità per un opportuno periodo di convalescenza. I defunti
venivano inumati in un piccolo cimitero adiacente. Alcune annotazioni igieniche: gli
spazi fra i letti erano più ampi che altrove, alcuni sfogatoi al piede delle pareti
miglioravano la circolazione dell’aria, mentre alcuni chiusini nei pavimenti evitavano
il ristagno dell’umidità. Oltre ad una fornita biblioteca medica ed una sala anatomica,
l’ospedale aveva una propria spezieria (farmacia) ben provvista, che però era aperta
anche alle richieste del pubblico. Lo staff medico era costituito da due primari
medici, un primario chirurgo, due medici “assistenti”, due chirurghi “sostituti” (ai
quali incombevano anche le autopsie), oltre ad un certo numero di sanitari
“soprannumerari” per fronteggiare le emergenze. I primari effettuavano due visite
quotidiane; un “assistente” e un “sostituto” sostenevano guardie di 24 ore
alternandosi coi colleghi. Un presidio permanente di religiose provvedeva ai servizi
di cucina, dispensa e spezieria (ma i compiti più faticosi erano demandati a uomini)
oltre che alle Edicola murale su strada con il S. Salvatore operazioni di “bassa
chirurgia” (salassi, siringature, ecc.) ed alla minuta assistenza dei malati.
La cura spirituale era assicurata da numerosi cappellani e assistenti, tutti residenti nel
complesso ospedaliero per essere a disposizione dei malati sia di giorno che di notte.
Per lungo tempo vi furono pure sacerdoti di lingua francese e tedesca, in modo che
34

Concorso Nazionale

Un ospedale con più Sollievo

anche i pellegrini stranieri avessero il conforto di essere ascoltati e, soprattutto,
compresi: un’esigenza che oggi è tornata di grandissima attualità. Va tuttavia
ricordata anche l’attività incessante di dame e nobildonne che praticavano le virtù
caritatevoli del conforto e della più umile assistenza, senza contare le donazioni in
denaro. Fra quelle benefattrici si distinse moltissimo la celebre Vannozza Catanei,
madre di Cesare Borgia, tanto da meritarsi una lapide in ricordo. Gli stessi pontefici
non mancarono di visitare le corsie per recare personalmente il loro conforto ai
pazienti: tra essi Alessandro VII, Clemente IX, Pio VI. Nel Seicento vi profuse
grandissima attività personale san Camillo de Lellis, il quale tentò anche di ottenere
ufficialmente la cura spirituale dell’intero complesso, ma fu solo nel 1836 che i
religiosi dell’ordine camilliano poterono assumere tale servizio pastorale.
L’Arciconfraternita del SS. Salvatore ad Sancta Sanctorum amministrò con saggezza
e carità l’ospedale per ben cinque secoli. I confratelli durante la giornata vigilavano
con discrezione sull’andamento del servizio, la somministrazione dei farmaci,
prestando essi stessi assistenza ove fosse occorso. Durante l’occupazione napoleonica
del 1798-99, però, il sodalizio venne depredato di tutti i suoi beni al pari delle
istituzioni ecclesiastiche e si estinse miseramente all’alba dell’Ottocento. Con la
restaurazione del potere pontificio l’amministrazione dell’ospedale passò quindi ad
una “deputazione” collegiale nominata dal papa. Dopo varie vicende, infine, con
l’attuale denominazione di “San Giovanni” il nosocomio entrò a far parte nel 1950
del “Pio Istituto Santo Spirito – Ospedali riuniti di Roma” che a quel tempo
controllava tutti gli ospedali romani.
Ospedale di S. Giacomo degli Incurabili
All’alba del Trecento gli ospedali romani erano circa 25 ma tutti di modestissime
proporzioni e di limitata operatività, il che li rendeva quindi di ben scarsa possibilità
assistenziale. Gli unici veri ospedali di grandi dimensioni erano sostanzialmente due,
il S. Spirito in Sassia ed il SS. Salvatore ad Sancta Sanctorum, posti ai due estremi
della città accanto alle basiliche di San Pietro e di San Giovanni. Il centro di Roma
risultava dunque scoperto di assistenza, almeno sotto il punto di vista della quantità di
posti letto, ma a ciò si poté sopperire in buona parte grazie alla decisione del card.
Pietro Colonna, il quale morì nel 1326 destinando i suoi beni alla costruzione d’un
ospedale da intitolarsi all’apostolo san Giacomo. Occorrendo designare un’area
specifica per l’erigendo nosocomio, venne scelta con molta accortezza la contrada “in
Augusta”, così denominata in quanto circostante al mausoleo dell’imperatore
Augusto. La sua prossimità con la Porta Flaminia (oggi “del Popolo”) ne faceva un
presidio sanitario davvero strategico: proprio da quel varco entrava in Roma l’enorme
massa di pellegrini proveniente da centro e nord Italia, oltre che dai paesi
oltramontani, e che spesso giungevano alla meta ormai stremati dai mali contratti
durante il duro cammino.
In realtà poco o nulla sappiamo dei primi cento anni di vita dell’ospedale, tranne la
data d’inaugurazione scolpita su una targa ancora esistente (settembre 1339). In
principio l’ospedale fu soggetto a quello del S. Spirito ma taluni eventi indussero
papa Nicolò V nel 1451 a svincolare l’ospedale dalla supervisione del S. Spirito e ad
affidarla alla Confraternita di S. Maria del Popolo: questa aveva una propria chiesetta
(intitolata a S. Emblema del S. Giacomo su una buca delle elemosine Maria in
35

Concorso Nazionale

Un ospedale con più Sollievo

Augusta) proprio lì accanto e da tempo si dedicava con molto impegno all’assistenza
di quei poveri infelici. In tal modo l’ospedale cominciò ad essere chiamato anche con
lo stesso nome della Compagnia di devoti. La Confraternita - definita “antica” già
nella prima metà del Trecento - potrebbe risalire in realtà alla seconda metà del
Duecento.
Assai rare sono le notizie circa l’attività ospedaliera nei secoli XIV e XV, ma fu
proprio al finire del Quattrocento che, purtroppo, il nosocomio dovette intensificare al
massimo livello la propria attività. A partire dal 1495 si diffuse in Italia una
straordinaria epidemia di “morbo gallico” o “mal franzese”, ossia di sifilide, una vera
e propria pestilenza originaria delle terre americane appena scoperte ma giunta in
Italia, sembra, al seguito delle truppe francesi di Carlo VIII.
Il terribile male si abbatté con inaudita violenza, poiché le sue cause sconosciute
rendevano di fatto impotenti tutti i medici e le loro terapie. La rapida diffusione del
morbo e la devastazione delle membra crearono intorno ai malati l’assoluto
isolamento: ritenuti incurabili, essi non venivano accolti da nessun ospedale ed anzi se ammalatisi in casa - venivano scacciati e abbandonati dai parenti. I poveri infelici
giravano per le strade rannicchiati dentro carrettini, cercando un po’ di vitto in attesa
che la morte li liberasse da tanta sofferenza. Tutto questo diffuso dolore non sfuggì
all’attenzione di una pietosa Compagnia di devoti chiamata “del Divino Amore”, la
quale cercava di trovare ai poveri infelici un qualche luogo di cura e ricovero. I
motivi non sono noti, ma i Confratelli scelsero di indirizzare i loro sforzi sul San
Giacomo e così quasi tutti vollero confluire nella Confraternita di S. Maria del
Popolo. Questi sodalizi laicali furono fondamentali, nei secoli, nell’assistenza ai
malati: se il medico curava il corpo e il sacerdote badava all’anima, il confratello in
genere si poneva nel mezzo. Porgeva il cibo o un bicchiere d’acqua o un fazzoletto,
ma dava soprattutto al paziente il conforto di sentirsi amato e rispettato come
individuo. Anche più della malattia, infatti, ciò che ancor oggi ci spaventa
maggiormente trovandoci in ospedale è il timore di essere considerati solo un
numero, un oggetto, e questa felice intuizione costituì un fondamento per l’operato
caritativo di molte Confraternite.
Quella dei sodali di S. Maria del Popolo Fu un’opera così intensa e meritoria che
papa Leone X, con Bolla del 19 luglio 1515, volle elevare il nosocomio al rango di
Arcispedale, il che lo poneva a capo di tutte le strutture simili presenti e future. Il
complesso del S. Giacomo si stendeva, come tuttora si stende, tra la via del Corso e la
via di Ripetta, fra le chiese di S. Giacomo (costruita alla fine del ‘500 sul luogo
dell’antica chiesetta “in Augusta”) e quella di S. Maria “Porta Paradisi”, nella quale
la Confraternita trasferì le proprie attività di culto. L’ospedale era governato da
quattro amministratori (“Guardiani”) con mandato annuale, due romani e due
“forestieri” di non meglio identificabile estrazione, assistiti da dodici consiglieri e
vari altri officiali. Il pio luogo fu frequentato da S. Filippo Neri e dai suoi discepoli,
mentre S. Camillo de Lellis ne fu l’economo o “maestro di casa”: fu proprio qui che il
santo maturò l’idea di fondare l’Ordine dei Ministri degli infermi.
I malati che accorrevano all’ospedale, soprattutto nei mesi più caldi, erano
numerosissimi: in un documento conservato nell’archivio storico del S. Spirito,
risalente al 1525, si legge che in tale anno i degenti furono oltre duemila,
un’enormità, in rapporto alla popolazione. Le cure prestate consistevano soprattutto,
36

Concorso Nazionale

Un ospedale con più Sollievo

visto che il male era assolutamente sconosciuto e quindi non aggredibile con
specifiche terapie, nel solito protocollo dell’epoca a base di decotti, purghe, salassi,
sudoriferazioni. Di diverso c’era solo la ripetuta somministrazione di “legno santo”
(Guaiaco officinale), un infuso fatto con la corteccia di una pianta proveniente dalle
Antille e fatta conoscere in Europa da Colombo, usato ancor oggi dalle popolazioni
caraibiche. In realtà, quelle terapie empiriche avevano uno scopo puramente
simbolico, nel pietoso tentativo di recare un qualsivoglia sollievo a quei poveri
infelici, intuendo forse che la somministrazione di un qualunque rimedio - inducendo
nel malato la sensazione di essere curato con efficacia - avrebbe quanto meno evitato
la disperazione.
In un manoscritto del 1592 si legge che - ancora in quel tempo - “l’hospitale di S.
Jacomo riceve solamente malfranciosati [affetti dal “male francese” - N.d.A.],
piagati ed altri simili d’infermità incurabile [eccetto però peste e lebbra - N.d.A.]”.
All’epoca la corsia degli uomini misurava circa m. 140 x 21 con 72 letti, disposti su
due file da 36; la corsia femminile misurava invece m. 68 x 21 con 36 letti, disposti
su due file da 18. All’occorrenza venivano allestite nuove file di letti. Tra il 1575 ed
il 1584 si svolse qui l’esemplare vicenda di san Camillo de Lellis: entrato come
ammalato per una piaga inguaribile al piede destro, vi rimase poi come infermiere ed
infine come economo, ricavandone un compenso che regolarmente devolveva ai
malati più bisognosi. Circostanza curiosa, il buon Camillo venne infine licenziato
dalla direzione in quanto aveva… idee singolari: voleva riportare ordine e rigore
nell’organizzazione e pretendeva che i dipendenti operassero sempre con disciplina,
competenza e professionalità!!
Nel 1583 papa Gregorio XIII creò cardinale Antonio Maria Salviati, nato a Firenze da
famiglia principesca, il quale era destinato a divenire il più munifico mecenate
dell’ospedale. Seguace di Camillo de Lellis, allorché fu eletto “prelato guardiano”
(amministratore) cominciò a sovvenzionare generosamente il nosocomio. Egli fece
erigere nuovi locali ma in pratica ricostruì tutto l’edificio di modo che esso risultasse,
oltre che più ampio e funzionale, anche più rispondente ai moderni canoni igienicosanitari.
A cavallo fra Settecento e Ottocento la Confraternita - che tanto lodevolmente aveva
amministrato per secoli l’ospedale - ebbe a purtroppo a cessare la propria attività,
forse perché si era ormai esaurita la spinta propulsiva dei grandi santi o forse, più
semplicemente, seguendo in ciò le moltissime altre che non poterono riprendersi dalle
radicali spoliazioni perpetrate nel 1798 dalle truppe francesi d’occupazione. In
seguito a questo evento, la cura dell’ospedale fu affidata da papa Gregorio XVI nel
1842 all’Ordine Ospedaliero dei “Fatebenefratelli”. In ogni caso, altre confraternite e
pii sodalizi continuarono nell’opera caritatevole di dare assistenza, spirituale e
corporale, a quei malati fra i più reietti.
Intorno a quell’epoca, i letti erano ormai 200 per gli uomini e 156 per le donne. C’era
la scuola di clinica chirurgica, di anatomia pratica e di chirurgia vera e propria, con
sei letti per le donne e sette per gli uomini. V’erano poi le abitazioni per i circa
settanta addetti, ambosessi, del nosocomio, nonché la farmacia con laboratorio e
giardino, la biblioteca di chirurgia, teatro e museo anatomico e servizi vari. Il
cimitero, posto addirittura nel bel mezzo del complesso, fu abbandonato nel 1836 in
seguito all’apertura del nuovo sepolcreto al Campo Verano. Il celebre prof. Giuseppe
37

Concorso Nazionale

Un ospedale con più Sollievo

Sisco, morto nel 1830, fu primario del San Giacomo e vero luminare della scienza
medica: egli lasciò all’ospedale i suoi ferri chirurgici, la biblioteca personale e un
fondo per mantenere cinque giovani allievi chirurghi.
Sempre a metà Ottocento, la casistica dei pazienti ivi accolti non era molto diversa da
quella di tre secoli prima: “Non vi è limite o restrizione - dice il Moroni - ai
ricevimenti degl’infermi dei due sessi di piaghe, tumori, ulceri, ferite, aneurismi,
fistole, oftalmie, sifilidi e altri mali d’alta chirurgia”, ma erano ancora i portatori del
male venereo quelli che maggiormente ricorrevano alle cure del luogo. Il tutto,
sempre senza alcuna distinzione di “età, patria, condizione, religione”. Il personale
medico constava di “due medici e due chirurghi primarii, due medici assistenti e due
chirurghi sostituti, due chirurghi officiali, sedici giovani apprenditori, farmacista e
due giovani di farmacia”.
Nuovi lavori di ampliamento vennero effettuati tra il 1842 ed il 1844 ed altri ancora si
resero necessari dopo il 1850 al tempo di Pio IX, soprattutto per rimediare ai guasti
derivati dalla pur fugace vicenda della Repubblica Romana. Tutto il resto, compresa
la naturale evoluzione della casistica clinica, è ormai storia contemporanea.
Bibliografia essenziale delle fonti consultate
Opere generali:
Liliana BARROERO – MONTI (Fasc. I) – Collana “Guide rionali di
Roma” – Roma 1978;
Laura GIGLI – BORGO (Fasc. III) - Collana “Guide rionali di
Roma” – Roma 1994;
Paola HOFFMANN – CAMPO MARZIO (Fasc. III) - Collana “Guide
rionali di Roma” – Roma 1981;
Antonio MARTINI/Matizia MARONI LUMBROSO – Le
Confraternite romane nelle loro chiese – Roma 1963;
Silvia MATTONI/Massimo MONGARDINI/Marco SCARNO’ –
L’Arcispedale di S. Spirito in Saxia – Roma 2011
Carlo Luigi MORICHINI – Degl’istituti di pubblica carità ed
istruzione primaria e delle prigioni in Roma – Roma 1842;
Gaetano MORONI – Dizionario di erudizione storico-ecclesiastica
da S. Pietro sino ai nostri giorni – Venezia 1840;
Siti web:
Ospedale S. Giovanni: www.hsangiovanni.roma.it/aziendaospedaliera/
storia-e-arte/breve-viaggio-nella-confraternita-delsssalvatore.
aspx (testo di Cinzia Martini);
Ospedale S. Spirito: www.aslrme.
it/Percorso_Monumentale/TextPercorso.htm (testo di Maria
Lucia Amoroso);
Ospedale S. Giacomo:
www.castelletta.it/sangiacomo/l’ospedale.htm (sito web della
parrocchia di S. Giacomo in Augusta – testo redazionale).
Le fonti da siti web sono state ricontrollate alla data del 20 gennaio 2012.

38

Concorso Nazionale

Un ospedale con più Sollievo

L’ospedale Agostino Gemelli
Riflessioni conclusive a cura del dott. Domenico Lofrese
Il viaggio attraverso la storia di tre grandi e famosi ospedali romani è giunto a
conclusione. Sorge nell’animo una legittima domanda: il messaggio di solidarietà
umana, di carità cristiana, di speranza nelle capacità e nella virtù di portare sollievo e
cura alle sofferenze dei malati ha ancora senso al giorno d’oggi ? È sotto gli occhi di
tutti che il vorticoso sviluppo tecnologico , le inflessibili leggi della economia di
mercato e l’eccessiva attenzione alla produttività tendono spesso a sovrastare i valori
dello spirito e della dignità delle singole persone. Ma , per grazia di Dio , nel
panorama globalistico e massificante della società odierna continuano a spuntare
uomini di buona volontà ed enti benefici che tengono vive le esigenze etiche della
vita umana e promuovono iniziative e strutture a sostegno di esse.
Anche negli ultimi tempi sono sorte nel mondo della scienza e della sanità nuove
organizzazioni, che si sono affiancate a quelle già esistenti potenziando gli sforzi
collettivi per il bene comune.
È il caso, tra gli altri, del Policlinico universitario “Agostino Gemelli”. Esso porta il
nome del fondatore dell’Università Cattolica del S. Cuore. Questi, dopo aver curato
l’istituzione di varie Facoltà a Milano e a Piacenza , si accinse in età avanzata a
progettare a Roma il “sogno” della sua anima: la Facoltà di Medicina e Chirurgia.
Egli, da medico, (e poi psicologo), avvertiva intensamente dentro di sé il desiderio di
offrire a giovani futuri “colleghi” un attrezzato luogo di alta preparazione
universitaria unita alla possibilità Monumento a Papa Wojtila (piazzale universitario
dell’ospedale A. Gemelli) di una libera e personale maturazione cristiana del proprio
impegno professionale.
Padre Gemelli non vide realizzata l’opera che aveva ideata. Ma il suo spirito aleggia,
esortatore e paterno, in ogni angolo della Facoltà medica, e soprattutto del
Policlinico: a ricordare i principi ispiratori della istituzione, a stimolare gli operatori
nel compimento dei propri doveri; a incoraggiare gli animi nelle difficoltà; a coltivare
sentimenti e atteggiamenti di fattiva collaborazione e di fraterna condivisione di
risultati positivi ed anche di esperienze negative. Dal suo osservatorio “ultraterreno”
egli è ben conscio che tutte le realtà umane ( e quindi pure l’Università da lui fondata
) non sono esenti da debolezze ed errori e quindi necessitano sempre di ravvedimenti
e correzioni. Alla sua preghiera di intercessione si aggrega quella di tante altre
persone che hanno creduto e continuano a credere nella missione sociale ed ecclesiale
dell’Ateneo.
Tra queste persone emerge la figura di un grande Papa, il beato Giovanni Paolo II.
Egli in varie occasioni fu ospite del Policlinico Gemelli ed è ora ricordato con
l’imponente complesso scultoreo posto al centro del piazzale di ingresso
dell’ospedale: a testimonianza non solo di una dignitosa e sapiente accettazione della
sofferenza e del declino fisico della vecchiaia, ma anche della fiduciosa attesa degli
ammalati di trovare nella struttura sanitaria amorevole accoglienza e interventi
terapeutici tempestivi ed efficaci. Breve storia degli antichi ospedali romani Breve
storia degli antichi ospedali romani
39

Concorso Nazionale

Un ospedale con più Sollievo

Documenti on-line

www.laretedelsollievo.net
www.fondazioneghirotti.it
www.uciim.it
www.fondazionealessandrabisceglia.it
www.aiiro.it
www.unicatt.it
www.policlinicogemelli.it
www.portaledibioetica.it

Indichiamo di seguito una sobria lista di documenti, utili per approfondire il tema, tra quelli
attualmente presenti sul Portale di Bioetica.
1) Tema caldo Eutanasia [http://www.portaledibioetica.it/documenti/000632/000632.htm]: si
tratta di un'area del Portale che raccoglie articoli e contributi sul tema dell'Eutanasia ed
un'insieme di problematiche ad esso collegate, tra cui la questione - frutto di un
fraintendimento culturale - della "morte pietosa" come modalità per porre fine alle
sofferenze di una persona.
2) Documenti del Comitato Nazionale di Bioetica:








La terapia del dolore: orientamenti bioetici (30 Marzo 2001)
[http://www.portaledibioetica.it/documenti/001720/001720.htm]
Etica, sistema sanitario e risorse (17 Luglio 1998)
[http://www.portaledibioetica.it/documenti/001725/001725.pdf]
Parere del CNB sulla convenzione per la protezione dei diritti dell'uomo e la biomedicina (21 Febbraio
1997) [http://www.portaledibioetica.it/documenti/001732/001732.htm]
Questioni bioetiche relative alla fine della vita umana (14 Luglio 1995)
[http://www.portaledibioetica.it/documenti/001671/001671.htm]
Bioetica e formazione nel sistema sanitario (7 Settembre 1991)
[http://www.portaledibioetica.it/documenti/001748/001748.htm]
Parere sulla proposta di risoluzione sull'assistenza ai pazienti terminali (6 Settembre 1991)
[http://www.portaledibioetica.it/documenti/001670/001670.htm]
Medicina e morale - Rivista internazionale di Bioetica, 2013/1,“A tre anni dalla legge 15 marzo 2010 n. 38
sulle cure palliative e la terapia del dolore”, a cura di A.G. Spagnolo

3) Magistero Chiesa cattolica:






Il rispetto della dignità del morente. Considerazioni etiche sull'eutanasia. (Pontificia Accademia per la vita
- 9 Dicembre 2000) [http://www.portaledibioetica.it/documenti/000300/000300.htm]
“Salvifici doloris”, Lettera apostolica (Giovanni Paolo II – 11 febbraio 1984)
[http://www.vatican.va/holy_father/john_paul_ii/apost_letters/documents/hf_jpii_apl_11021984_salvifici-doloris_it.html]
"Evangelium vitae" Lettera enciclica (Giovanni Paolo II - 25 marzo 1995)
[http://www.portaledibioetica.it/documenti/000376/000376.htm]
"Donum vitae" (Congregazione per la dottrina della fede - 22 Febbraio 1987)
[http://www.portaledibioetica.it/documenti/000399/000399.htm]
Dichiarazione sull'eutanasia (Congregazione per la dottrina della fede - 5 Maggio 1980)
[http://www.portaledibioetica.it/documenti/000281/000281.htm]

4) Altre chiese e confessioni religiose:



Eutanasia e suicidio (Gruppo di lavoro Valdese)
[http://www.portaledibioetica.it/documenti/000380/000380.htm]
Quando la sofferenza ha un limite (programma radiofonico ebraico)
[http://www.portaledibioetica.it/documenti/000363/000363.htm]

40

Concorso Nazionale

Un ospedale con più Sollievo

SCHEDA IDENTIFICATIVA DELL’ELABORATO

Riferimenti della Scuola
• Denominazione:
___________________________________________
___________________________________________
___________________________________________
• Indirizzo:
___________________________________________
___________________________________________
___________________________________________
• Telefono:
___________________________________________
• Dirigente Scolastico
___________________________________________
Riferimenti della Classe
• Classe:
___________________________________________
___________________________________________
• Insegnati che hanno guidato gli alunni nell’elaborazione dei lavori
(Cognome e nome)
___________________________________________
___________________________________________
___________________________________________
___________________________________________
• elenco degli alunni che hanno partecipato al lavoro
(Cognome e nome)

41

Concorso Nazionale

Un ospedale con più Sollievo

SCHEDA IDENTIFICATIVA DELL’ELABORATO
STUDENTI UNIVERSITARI
• Nome:
• Cognome:
• Indirizzo:
• Città:
• Telefono:

___________________________________________
___________________________________________
___________________________________________
___________________________________________
___________________________________________

• Corso di Laurea:
___________________________________________
• Università:
___________________________________________
N.B. Qualora l’elaborato sia stato prodotto non da un singolo studente ma da un
gruppo, la scheda dovrà essere compilata dal rappresentante delegato a ritirare il
premio, che si assume la responsabilità di condividerlo con i suoi colleghi, i cui
nominativi devono essere riportati qui di seguito.
NOME

COGNOME

42


Documenti correlati


Documento PDF regolamento concorso centro web
Documento PDF concorso un ospe 1
Documento PDF regolamento modulo iscrizione liberatoria
Documento PDF il dalmata 104 19 lina del bianco canzia
Documento PDF regolamento concorso fotografico
Documento PDF catalogo concorso 156a mostra del tigullio


Parole chiave correlate