File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Ricerca PDF Assistenza Contattaci



STAMPA CAMPANIA DOMENICA 26 G .pdf



Nome del file originale: STAMPA CAMPANIA DOMENICA 26 G.pdf
Titolo: STAMPA CAMPANIA DOMENICA 26 G...
Autore: Segr.Legale Gadola

Questo documento in formato PDF 1.4 è stato generato da PDF24 Creator / GPL Ghostscript 9.10, ed è stato inviato su file-pdf.it il 24/01/2014 alle 18:40, dall'indirizzo IP 151.75.x.x. La pagina di download del file è stata vista 1102 volte.
Dimensione del file: 20.6 MB (12 pagine).
Privacy: file pubblico




Scarica il file PDF









Anteprima del documento


2 Anno 21- N. 4 - Domenica 26 Gennaio 2014

Stampa Campania Settimanale di Informazione

Politica - Attualità - Cronaca - Sport

NAZIONALE E REGIONALE
Dalla crisi sociale italiana emergono gli atteggiamenti del Movimento Cinque Stelle

Gril o reincarnala stessaideadel primoBossi
Il berlusconismoèstatal’ultimasintesi di unavocazionenonesiguadella popolazioneitaliana
In Italia esiste una lunga, lunghissima
tradizione antidemocratica che trae origine
dallo stesso modo in cui si è formato lo Stato
unitario e che ne ha condizionato tutta
l’esistenza. Antidemocratici si dimostrarono
quasi subito molti ex-garibaldini a partire da
Francesco Crispi. Essi, dopo aver dato vita alla
c.d. “Sinistra parlamentare”, conquistata la
maggioranza, inaugurarono una stagione di
feroce reazione contro le prime
organizzazioni dei lavoratori, di affarismo e di
corruttela diffusa nella vita pubblica, di
imperialismo straccione all’estero. Già in
questa fase erano evidenti i motivi
“plebeistici” di questa tradizione al cui
sviluppo si dedicarono, con grande solerzia,
gli intellettuali che ne abbracciarono la causa.
Da Crisi e dal “crispismo” discendono, più o
meno direttamente, i nazionalisti dell’inizio
del XX secolo e, naturalmente, il movimento
fascista che, con la dittatura, attuò,
perfezionandole, molte delle istanze
antidemocratiche dei suoi predecessori.
Dopo la lotta di liberazione e la fine del
fascismo, la bandiera antidemocratica fu
abbondantemente rappresentata, oltre che
dai partiti di estrema destra, da una buona
parte della Democrazia Cristiana che in
opposizione all’opinione o alla speranza di
Alcide De Gasperi, fu un “partito di centro
che guardava a destra”. Sino a ieri il
berlusconismo è stata l’ultima, coerente
sintesi di una profonda vocazione

caratteristica, purtroppo, di una parte non
esigua della popolazione italiana. Ma ecco
che dalla crisi sociale italiana emergono,
oggi, forme ancora più imprevedibili e, forse,
pericolose: gli atteggiamenti del Movimento
Cinque Stelle, con un leader che reincarna la
“stessa idea” del primo Bossi e che, dopo
aver minacciato e cacciato i timidi dissidenti
del suo partito, attacca e mette all’indice i
giornalisti, invoca lo ius soli e possibili colpi di
stato. Da qualche giorno poi il c.d.
Movimento dei forconi, miscuglio di
ribellismo e di odio sociale ma con
un’identità inequivocabilmente fascista, che
aggredisce i commercianti che non vogliono
aderire alle serrate; assalta le librerie
(minacciando di dare fuoco ai libri), le sedi
dei sindacati e dei partiti di sinistra; esibisce
odio razziale ed antisemitismo; farfuglia di
un fantomatico “governo del popolo”. Non
vogliamo svolgere un’analisi sociologica dei
“forconi” ma ci interessa, piuttosto,
sottolineare come la tradizione
antidemocratica italiana l’abbia subito
adottato. Soprattutto, vecchia storia, ad
opera di chi è stato di Sinistra. Basta leggere
quello che scrive Lanfranco Pace su “Il
Fo g l i o ” d i Fe r ra ra i n u n a r t i c o l o
significativamente intitolato “W la
plebe”:”...Sono molto più numerosi di
esodati, cassaintegrati, pensionati a rischio
di povertà. Sono milioni ma invisibili a
sindacati e partiti. Il Cav. aveva deciso di

L’incontro tra le Rsu (Cgil, Cisl e Uil)
per aprire una vertenza generale

Un segnale sulla legge Fornero

ricevere una loro delegazione ma poi si è
tirato indietro quando gli hanno detto che i
ceti produttivi tradizionalmente vicini al
centrodestra non avrebbero gradito. Sono
milioni: plebei, per lo meno ruspanti,
esprimono rivendicazioni di difficile
decifrazione, parlano in modo confuso, non
sembrano riconducibili a precise caselle
ideologiche, sono stati un pò di tutto nella
loro vita civile. Decisamente non piacciono”.
A quelli come Lanfranco Pace rispondiamo
che solo la trasformazione da “Plebe” in
“Popolo” ha segnato, attraverso le grandi
rivoluzioni ed i grandi movimenti
democratici e socialisti, il progresso
dell’umanità. Ma, soprattutto, vorremmo
usare le parole di un pensatore come Karl
Marx perché non conosciamo alcuna
descrizione più efficace di quella del
“sottoproletariato” che richiami, mutatis
mutandis, la fisionomia di movimenti quali
quello dei Forconi: “...in tutte le grandi città
(formano) una massa nettamente distinta
dal proletariato industriale, nella quale si
reclutano ladri e delinquenti di ogni genere,
che vivono dei rifiuti della società, gente
senza un mestiere definito, vagabondi, gens,
sans feu et sans aveu, diversi secondo il grado
di civiltà della nazione cui appartengono, ma
che non perdono mai il carattere di
lazzaroni”. (K. Marx, Le lotte di classe in
F ra n c i a d a l 1 8 4 8 a l 1 8 5 0 , 1 8 5 0 ) .
Ferruccio Diozzi

Stampa Campania
Settimanale Indipendente di Informazione

Per un profondo cambiamento sulle pensioni

Autorizzazione Testata N.452 del 20 Maggio 1994Registrato c/o il Tribunale di S.Maria C.V. - CE

A quasi due anni dalla
cosiddetta “Riforma Fornero”
un segnale inequivocabile di
cambiamento sta partendo dal
mondo del lavoro e dalle
rappresentanze sindacali
unitarie. Un consistente
numero di delegati
appartenenti a Rappresentanze
Sindacali Unitarie dell’area

Editore e Direttore Responsabile
Arnaldo Gadola

centro-settentrionale del
Paese, ha sottoscritto un
appello alle Confederazioni per
aprire una vertenza generale
finalizzata ad un profondo
cambiamento della legge
Fornero sulle pensioni. Da un
appello di delegati è nata una
fo r te i n i z i at i va p o l i t i ca . Il presidente nazionale del Partito del Lavoro
Luigi Barca Avv. Cesare Salvi e Luigi Barca, segretario prov. Caserta

Direttore Pubblicità: Luigi Barca
Collaboratori: Tommaso Barca, Caterina Capasso, Vito Capasso,
Mario Conforto, Ferruccio Diozzi, Fabio Napolitano, Gaetano Madonna
Direzione e Redazione: Via Gadola Vico Bellini, 3 - Recale (Ce)
I singoli autori sono responsabili di quanto riportato negli articoli da essi
firmati e non impegnano in nessun caso l’Amministrazione del giornale.

Grafica, impaginazione e stampa: Direzione di “Stampa Campania”

Stampa Campania Settimanale di Informazione

Politica - Attualità - Cronaca - Sport

ANNO 21 - N. 4 - Domenica 26 Gennaio 2014

11

ALTRI SPORT
Campionato di Pallanuoto, Serie A1
seconda giornata di ritorno

Il Posil ipobattel’Acquachiara
Eriscattala sconfittadell’andata

NAPOLI - Inizio d’anno molto
positivo per il Dooa Posillipo che,
nonostante la pesante assenza del
c a p i t a n o Va l e n t i n o G a l l o
(comunque presente in panchina a
sostenere i compagni), dispone a
proprio piacimento degli ospiti
comandando il gioco dall’inizio alla
fine, senza mai concedere ai
toscani di tentare di mettere in
discussione il risultato finale. La
storia della partita è praticamente
un monologo della formazione
rossoverde che dopo le
schermaglie iniziali passa per prima
meritatamente in vantaggio con
una bella rete di Rossi al quale
risponde Bini sul ribaltamento di
fronte e questa è l’unica occasione
nella quale i gigliati raggiungono la
parità e poi è solo Posillipo; due
rasolate di Paride Saccoia ed una
palomba imprendibile messa a
segno da Radovic consente ai
padroni di casa di chiudere il primo
periodo sul triplo vantaggio. A
cavallo tra le due frazioni
intermedie la squadra ospite prova
ad accorciare lo svantaggio, ma non
riesce ad impensierire i rossoverdi

che con le reti, tutte di bellissima
fattura, realizzate da Klikovac,
Bertoli, Radovic, Dolce e Foglio, alla
fine del terzo tempo si ritrovano in
vantaggio di ben cinque reti.
Nell’ultimo quarto, Negri è
sostituito in porta da Cappuccio il
quale, nonostante il ridotto
minutaggio a disposizione riesce
comunque a mettersi in mostra con
alcuni interventi determinanti. In
questa frazione, grazie al secondo
gol di Rossi, alla “beduina” di
Mandolini e alla doppietta di
Klikovac (splendida la beduina di
sinistro allo scadere), il vantaggio
dei padroni di casa si incrementa
fino al +8 finale. Unica nota
purtroppo negativa della partita
l’infortunio alla mano subito da
Giuliano Mattiello in un contrasto
di gioco. Alla fine del match
mister Cufino è apparso sorridente
e molto soddisfatto per l’ottima
prestazione dei suoi
giocatori:”Partita ben controllata e
vinta con pieno merito. Siamo in
ottima condizione fisica e mentale
e la meritata sconfitta con il Como
non ha lasciato scorie e forse ci ha

Vela.Il teamPredasi trasferiscein Sardegna

America’s cup 2017
ROMA - Luna Rossa si
trasferisce a Cagliari, dove
installerà la sua nuova
b a s e i n v i s t a
dell’importantissima sfida
alla 35/a Coppa America di
vela, prevista per l’estate
2017. I lavori di
allestimento della base

cominceranno nelle
prossime settimane e la
base potrà essere
operativa già dal marzo
prossimo. Dal mese di
maggio, invece,
inizieranno gli allenamenti
in mare del sailing team.
M . C .

Esulta per la vittoria il team del Posillipo
saputo dare una spinta in più per il
futuro. Nella 2° giornata di ritorno il
Dooa Posillipo batte l’Acquachiara
e riscatta la sconfitta dell’andata.
Tifo alle stelle, con numerosi tifosi,
ma composto per una partita
vibrante e ricca di colpi di scena
giocata davanti al folto pubblico
(circa tremila persone) sulle
tribune della piscina napoletana
“E.Scandone”. Alla fine è stato il
Dooa Posillipo a tagliare il
traguardo finale aggiudicandosi la
vittoria con ben tre reti di scarto
senza che, peraltro, l’Acquachiara,
organizzato bene abbia in alcun
modo demeritato. L’inizio è tutto
bianco-azzurro con i padroni di casa
che nei primi quattro minuti si
portano sul doppio vantaggio
sfruttando due suiperiorità con
Draskovic e Scotti Galletta, ma i
rossoverdi recuperano la parità con
due belle reti di Saccoia e Gallo.
Dopo ben due traverse colpite ad
inizio tempo da Klikovac e Bertoli,
la seconda frazione è caratterizzata
da un sostanziale equilibrio con gol
di Pektovic (rigore) e Draskovic da
una parte e Radovic (rigore) e

Foglio dall’altra, fino al vantaggio
conquistato dagli ospiti con un
“missile” imprendibile di Klikovac
dal perimetro che consente ai
rossoverdi di andare al giro di boa
sul + 1. E’ il terzo tempo che segna
l’incontro; infatti, è in questo
quarto che i ragazzi di Cufino
costruiscono la meritata vittoria
grazie ad una bomba di Radovic ed
una straordinaria beduina di
Renzuto che poi si concede anche il
bis al sesto minuto.
Prova la squadra di De Crescenzo
a restare in partita ancora
Con Petkovic e Di Costanzo,
ma è un gol di capitan Gallo a due
scondi dallo scadere della frazione
a mettere l’ipoteca sull’incontro e
sul terzo posto in classifica
generale. Nell’ultimo quarto
I l D o o a P o s i l l i p o
Gestisce ed amministra alla il triplo
va nta g g i o i n c re m e nta n d o l o
ulteriormente con una bella
finalizzazione di Giuliano Mattiello;
la seconda rete di Di Costanzo a 19”
dalla fine serve solo a fissare il
punteggio finale su 7a10.
Mario Conforto

12

ANNO 21 - N. 4 - Domenica 26 Gennaio 2014

Stampa Campania Settimanale di Informazione Politica - Attualità - Cronaca - Sport

Consulenze ed abbonamenti in sede

STAMPA CAMPANIA
Testata Campana dal 1994 fondata e diretta da Arnaldo Gadola
Settimanale indipendente di cultura, politica, attualità, spettacolo e sport
Autorizzazione Testata N. 452 del 20 Maggio 1994 Registrato c/o il Tribunale di S.Maria C.V. (Ce)
Direzione e Redazione: Recale (Ce) Via Gadola Vico Bellini 1 - Tel. E Fax 0823466434 - E-Mail:stampacampania@virgilio.i t - Anno 21 - N. 4 - Domenica 26 Gennaio 2014
L’Editoriale di Arnaldo Gadola

Il segretario del Pd ha fretta e cerca degli accordi con
Berlusconi e di capire quali sono le sue vere intenzioni

Il votodecisionemenodannosa

E la crisi non è tanto lontana...
All’interno tra le varie
notizie, la Rubrica di
Dirittocongli Avvocati
Gaetano Madonna e
Arnaldo Gadola

ROMA - I toni usati nella
Direzione del Pd da Matteo
Renzi sono perentori, verso
gli avversari interni e verso il
gove r n o . N o n c i s o n o
concessioni a chi ha criticato
il dialogo sulla riforma
elettorale con Silvio
Berlusconi. Viene bocciato
qualunque cambio nei
ministeri. Il progetto rimane
quello di archiviare le intese
larghe o forzate e di avere un
sistema che preveda il
premio di maggioranza. E chi
pensa di tramare contro di
lui col voto segreto in
Parlamento deve sapere che
la coalizione salterebbe. Il
senso è chiaro: il dominus
del partito e dunque anche
del governo è il segretario
votato alle primarie di
dicembre. Forse la
nomenklatura del Pd non
l’aveva previsto, ma l’effetto
dell’investitura è quello di
dettare una strategia senza
condizionamenti. Enrico
Letta può andare avanti se fa
bene, non ci sono scadenze
per il suo governo. Renzi
assicura di criticarlo, non per
fargli le scarpe, ma per

aiutarlo. E infatti lo pungola
ruvidamente, imputandogli
errori e inadeguatezze; e
chiedendogli una visione,
non un rimpastino: frecciate
indirizzate a Palazzo Chigi,
ma destinate a colpire lo
stesso Quirinale. Eppure,
dietro tanta perentorietà si
percepisce un filo di
preoccupazione. E’ come se
Renzi si rendesse conto di
guidare dirigenti e
parlamentari perplessi dai
suoi metodi: al punto da
attaccarlo in modo
strumentale quando
conferma un incontro con
Berlusconi per provare a
chiudere. La durezza con la
quale risponde ai critici è
giustificata: è difficile dargli
torto quando ricorda che col
Cavaliere è stato formato un
governo. Il sospetto,
tuttavia, è che il tabù
berlusconiano veli resistenze
e riserve più di fondo. A
spaventare è un
decisionismo sbrigativo che
non tiene conto gli equilibri
fragili e in bilico; e che può
preludere non alla
palingenesi del sistema

additata da Renzi, ma ad un
precipizio servito sul piatto
di Beppe Grillo. Il timore è
che il nuovo vertice dei
Democratici regali all’Italia
una scorciatoia insidiosa
solo per uscire dalle proprie
frustrazioni post elettorali.
In realtà, il segretario del Pd
ha fretta ma potrebbe essere
costretto a prendere tempo.
Di fatto Renzi aspetta di
capire le vere intenzioni di
Berlusconi. In più, indovina il
dubbio che il suo sistema di
voto riceva un’accoglienza
ostile in Parlamento: tanto
più nel momento in cui
propone lo svuotamento del
Senato. Fare un patto con
l’avversario è spesso una
carta vincente, poi si sa come
rompere gli schemi per farli
evolvere. Renzi avverte che
se a scrutinio segreto
dovessero venire bocciate le
sue proposte, salterà la
maggioranza. Dunque, ci
sarebbe la crisi e si andrebbe
sicuramente al voto. Infatti
perché non la chiudiamo qui
e si va di nuovo a votare? La
decisione meno dannosa.
Arnaldo Gadola

10

Anno 21 - N. 4 - Domenica 26 Gennaio 2014 Stampa Campania Settimanale di Informazione Politica - Attualità - Cronaca - Sport

SPORT, CALCIO SECONDA DIVISIONE E SERIE D
Contro il Martina la squadra rossoblù in
grande forma sarà seguita da numerosi tifosi

Casertanain terrapugliesepervincere
Il primo posto è vicino...
CASERTA - E’ stata una settimana molto
impegnativa negli allenamenti per la
Casertana. Mister Ugolotti ha voluto
preparare la squadra con continui schemi
provati e riprovati nelle partitelle. La
trasferta in Puglia nasconde qualche
insidia, infatti il Martina è relegato nelle
parti basse della classifica ed ha tutta
l’intenzione di risalire posizioni, per i
falchetti la trasferta sarà seguita da
numerosi tifosi che daranno il massimo
per incitare l’undici rossoblù. La squadra
rossoblù sulla carta è favorita, i giocatori
sono caricati, vogliono vincere il

campionato, quindi dovrebbe portare a
casa l’intera posta in palio, ma anche un
pareggio potrebbe andare bene visto
l’ostico avversario di turno. Mancherà
Cucciniello fermo per squalifica. Stesso
discorso anche per la capolista Teramo
impegnata nella difficile trasferta con il
Tuttocuio formazione un pò deludente in
questa prima parte del torneo che
cercherà la grande impresa contro la
squadra abruzzese. Il Cosenza con il Vigor
Lamezia incontrerà qualche difficoltà con
la squadra siciliana del Vigor Lamezia. Il
Foggia dovrebbe avere vita facile con il

Cucciniello, fermo per squalifica
Melfi. Nel girone B di Seconda Divisione
ecco le gare della Ventunesima giornata:
Chieti - Aprilia; Martina - Casertana;
Messina - Castel Rigone; Aversa -Ischia;
Foggia - Melfi; Poggibonsi - Sorrento;
Tuttocuoio - Teramo; Cosenza - Vigor
Lamezia. Classifica: Teramo 38; Cosenza
36; Foggia 35; Casertana 35; Castel
Rigone 29; Melfi 28; Aversa 28; Vigor
Lamezia 27; Ischia 26; Poggibonsi 25;
Chieti 25; Tuttocuoio 24; Sorrento 23;
Martina 22; Aprilia 22; Messina 22;
Arzanese 17; Gavorrano 14.
R e d a z i o n a l e

Campionato Serie D. Un match alla
portata per la squadra gialloverde

Marcianiseriscatto
Al Progrediturarrivail Manfredonia

MARCIANISE -

Dopo l’inaspettata
sconfitta al “Massaquano” di Vico
Equense contro il Real Hyria, il
Marcianise di mister Foglia
Manzillo si appresta ad affrontare il
Manfredonia. Un match alla
portata, i tifosi vogliono il riscatto
per continuare a capeggiare la
classifica, ci si aspettano i goal del
bomber Cirio che comanda la
classifica marcatori. Turno non
agevole per la seconda in classifica

La rosa della capolista Progreditur Marcianise

Taranto impegnato contro il
Bisceglie. Il match-clou della
giornata Matera - Brindisi, la terza
contro la quarta che le separano
appena di un punto. Sarà una
partita veramente interessante.
Le altre gare della giornata:
Gelbison Vallo Lucania - San
Severo; Ars et labor Grottaglie Francavilla; Real Metopontino Real Hyria; Matera - Città di
Brindisi; S.Felice Gladiator -

Puteolana Internapoli; Taranto Bisceglie. Classifica: Progreditur
Marcianise 34; Taranto 33; Matera
33; Brindisi 32; Turris Neapolis 32;
Francavilla 32; Monospolis 31;
Bisceglie 26; Manfredonia 26;
Mariano Keller 25; Gelbison Vallo
Lucania 25; Real Hyria 22; San
Severo 20; Puteolana Internapoli
18; Real Metapontino 15; Ars et
labor Grottaglie 15; Gladiator 15.
R e d a z i o n a l e

Stampa Campania Settimanale di Informazione

Politica - Attualità - Cronaca - Sport

ANNO 21 - N. 4 - Domenica 26 Gennaio 2014

3

CAMPANIA
Dopo solo tre anni dalla nuova gestione futuro incerto per i lavoratori

PianoIndustriale Gesac-Capodichino
Tagli in vistaeprotestachiudendoi 6punti di vendita
NAPOLI - Dopo solo tre anni
dalla nuova gestione Gesac F21
e dopo che la stessa diede
garanzie agli Enti pubblici di
mantenere i patti in essere e di
garantire i livelli occupazionali,
oggi sembra che tutto sia stato
cancellato. Nuovo Piano
Industriale Gesac Capodichino.
La prima fase è iniziata con la
comunicazione della
fuoriuscita di Autogrill dallo
scalo di Napoli e il subentro
della società Colle srl costituita

solo il 23 dicembre 2013 senza
sapere con quali garanzie. I
lavoratori Autogrill hanno
protestato chiudendo la
settimana scorsa tutti i 6 punti
vendita. La protesta ha
continuato ad oltranza fino
quando non saranno date
garanzie sicure. Gesac sembra
essere parte terza a questa
trattativa, ma cosa strana è che
il tutto avviene senza una
re g o l a m e n t a z i o n e c e r t a
secondo i criteri di legge. Alla

protesta si sono accodati
anche i lavoratori della
CNS/Gierre srl che purtroppo
saranno i prossimi a subire dei
tagli. Massima e dovuta
solidarietà anche da tutti i
lavoratori delle altre società
che chiedono a tutte le OO.SS.
di espletare la procedura per
uno sciopero generale dello
s ca l o d i N a p o l i .
Segreteria Regionale Ugl
Trasporto Aereo - Pasquale
Lione/Antonio Ronghi

PiPizze
zzeria AummaAumma
e Sfizi
Via Misericordia, 18 - Marcianise (Ce)

338 3012714

4 ANNO 21 - N. 4 - Domenica 26 Gennaio 2014

Stampa Campania Settimanale di Informazione Politica - Attualità - Cronaca - Sport

MARCIANISE
Sabato 25 Gennaio nella biblioteca comunale di Marcianise si terrà un
incontro tra il comitato presieduto da Farina, i cittadini e i politici locali

Dibattitotradisoccupati el’amministrazionecomunale
Qualcosa bolle in pentola...
MARCIANISE - Siamo al punto di partenza, là
dove i nostri politici dovevano dare man forte
e sostegno ad una classe cittadina con mille
problematiche, forti disagi alle spalle e un
degrado sociale che si trascina
nell’intorrerabile, invece con una brillante
idea dell’amministrazione comunale con il
suggerimento dell’assessore alle attività
produttive Biagino Tartaglione che propone ai
disoccupati di Marcianise di formarsi e
costituirsi in una cooperativa sociale
multiservizi. In un un incontro con il sindaco
De Angelis e lo stesso Tartaglione il comitato
disoccupati aveva preso anche in
considerazione questa opportunità ma nei

giorni scorsi si sono resi conto che questa
avventura richiedeva un lungo processo
burocratico, che in questo momento, visto la
situazione sociale di tanti non sembrava la
soluzione ideale da intraprendere dai militanti
di questo comitato, ma la più soddisfacente da
adottare. Nel frattempo il comitato
disoccupati di Marcianise guidati dal loro
portavoce Antonio Farina sta intraprendendo
una serie di iniziative, manifestando
costantemente il proprio malumore
attraverso la stampa e la televisione, ma anche
cercando di instaurare un tavolo permanente
con le istituzioni locali e per giungere nel più
breve tempo possibile ad una soluzione che

metta daccordo un poco tutti. Intanto il
comitato disoccupati in questi giorni ha fatto
richiesta di usufruire della sala congressi della
biblioteca comunale di Marcianise dove
Sabato 25 Gennaio p.v. si incontreranno
tantissimi cittadini per un dibattito aperto
sulle tematiche sociali, ambientali e
occupazionali. Inoltre saranno invitati il
sindaco Antonio De Angelis e
l’amministrazione per potersi confrontare
ancora una volta e cercare di placare gli animi
tra le parti e l’augurio di una collaborazione
reciproca nell’interesse di tutti i cittadini,
rendendo concreto qualsiasi iniziativa futura .
Antonio Farina

L’Associazione degli ex Allievi Trinitari fautore di numerose attività culturali e sociali

Scienza e conoscenza prerogative di benessere
Re Salomone con le sue grandi opere un grande esempio di vita
MARCIANISE - L’Adeat-onlus (Associazione
degli ex Allievi Trinitari) tra le sue molteplici
attività, ha volto il suo sguardo sulle situazioni di
degrado e sottosviluppo che si notano in tante
parti del mondo. Nel mese di maggio dell’anno
2000 (inizio del terzo millenni) nell’assemblea
generale tenutasi in Latina si è deciso di
costruire una scuola materna ed elementare in
una località sperduta del Madagascar che si
chiama Andriamena. Vi domanderete, cari
lettori, il perché di una tale scelta...Il perché è
spiegato dal fatto che la nostra associazione è di
natura prettamente culturale, vuole pertanto

elevare il livello di cultura dei popoli. Subito
iniziarono i lavori che terminarono nell’anno
2003; ebbe così inizio l’anno scolastico 20032004 con una grande festa dei bambini e
genitori con la partecipazione di Autorità
cittadine e Gendarmeria (così sono chiamate le
forze dell’Ordine). All’epoca essendo io
Presidente effettivo di tale associazione, mi fù
impossibile partecipare di persona. Rivolsi però
un mio saluto esortando i ragazzi al massimo
impegno nello studio per ottenere la pazienza e
la conoscenza. A tale uopo nella mia lettera
raccontai l’episodio di Re Salomone, il quale

Bar - Pasticceria - Rosticceria
Gelateria - Fabbrica di Torrone
Specialità: Torte Ricotta e Pera
Dolci vari - Buffet completi
Per Cerimonie e Ricevimenti

essendo all’apice della sua gloria dopo aver
eretto a Dio un Tempio che fù annoverato tra le
sette meraviglie dell’antichità, Dio stesso gli
chiese cosa volesse in cambio. Salomone chiese
soltanto la scienza e la conoscenza perché da
questo dono derivano tutte le altre prerogative
di benessere. Infatti, Dio avendo esaudito il suo
desiderio, arrivarono personaggi Re e Regine da
ogni parte del mondo e rimanevano estasiati
dalla sua sapienza e lo riempivano di ricchezze
contribuendo a formare il famoso tesoro
d e l Te m p i o d i R e S a l o m o n e .
Vito Capasso

Ed ogni Domenica Gran Buffet con aperitivo
Da noi gusterai un caffè alla vecchia maniera

Russo Gaetano Via Mattarella
Via Madonna della Libera, Marcianise (Ce)
T e l . 0 8 2 3 / 8 2 7 6 2 4

MARCIANISE

ANNO 21- N. 4 - Domenica 26 Gennaio 2014

Stampa Campania Settimanale di Informazione Politica - Attualità - Cronaca - Sport

9

SPORT, CALCIO SERIE A
Il Milan eliminato dalla Coppa Italia, fuori dai giochi
in campionato, resta solo la Champions League...

Seedorf, primo flop
Tassotti e Inzaghi sono già pronti...
MILANO - Prima amarezza per Seedorf
eliminato a sorpresa dall’Udinese di
Guidolin. Il Berlusca ha speso navi di
miliardi nel passato per farsi conoscere
come politico. Oggi non ci sono più soldi?
Probabilmente è vero, come è vero che
questa società tanto osannata,
plurivincente, ha dimostrato di non saper

Berlusconi e Seedorf eliminati dalla Coppa Italia

programmare. D’altra parte, il fatto che al
suo padrone ormai il Milan non serve più
per farsi conoscere, dimostra ancora una
volta il suo atteggiamento già dimostrato
ampiamente in politica. E che dire, lady
Barbara avrà in mente qualcos’altro?
Forse il nuovo coach sarà Pato? Lo
conosce fino in fondo. E così l’effetto

Seedorf è già finito, Milan sconfitto 2-1 in
casa dall’Udinese ed eliminato nei quarti
di finale della Coppa Italia tra i fischi dello
stadio di San Siro. E per il nuovo Milan di
Clarence Seedorf, c’è ancora tanto da
lavorare. Intanto Tassotti e Inzaghi sono
già pronti a sedersi sulla panchina.
R e d a z i o n a l e

La Lazio cerca di fermare la lunga marcia vincente della Juve che non conosce ostacoli.
Infatti sono 12 le vittorie consecutive della squadra bianconera. Per l’Inter turno facile con il Catania

Milan nella tana del Cagliari
Il Napoli con il Chievo ci si aspetta la grande goleada
Domenica 26 Gennaio si svolgerà la
seconda giornata del girone di ritorno del
campionato italiano di Serie A con
incontri molto interessanti. Livorno
Sassuolo: scontro salvezza. Padroni di
casa all’ultimo posto in classifica e con la
necessità di vincere questo incontro
incerto per cercare di portarsi in zone più
tranquille di classifica. Avversari al
penultimo posto della classifica e con
altrettanto bisogno di vincere. Parma Udinese: Parma nelle prime posizioni di
classifica. Sicuramente sta facendo un
ottimo campionato. Mister Donadoni ha
dato un gioco alla squadra e sicuramente
si toglierà grosse soddisfazioni dopo
l’esperienza con il Napoli e con la
Nazionale Italiana di calcio. Udinese,
invece, nelle zone basse della classifica,
galvanizzata dopo il successo con il Milan
e il pareggio in semifinale di Coppa Italia.

Sampdoria - Bologna: entrambe le
squadre sono nelle zone basse della
classifica. Torino - Atalanta: la squadra
granata nei primi posti della classifica,
Atalanta al centro della classifica.
Fiorentina - Genoa: squadra viola al
quarto posto in classifica e con un ottimo
rendimento in classifica. La squadra
gigliata sembra aver ritrovato in Matri un
grande goleador, dopo la delusione
nell’ambiente del Milan, l’ex attaccante
cagliaritano in prestito alla Fiorentina, è in
cerca di soddisfazioni e sicuramente farà
un grande girone di ritorno, magari
coronato da tantissime reti che
potrebbero proiettarlo nelle parti alte
della classifica marcatori. Genoa a centro
classifica ed in ripresa. Cagliari - Milan:
Cagliari in gran forma cercherà di battere
il Milan che dal canto suo è in una
situazione di classifica alquanto misera. Il

cambio panchina da Seedorf ad Allegri si
pensa che non poterà nessun effetto
positivo. Verona - Roma: match
interessante con la Roma che proverà ad
espugnare il Bentegoti. I giallorosi dopo
dieci vittorie consecutive hanno
purtroppo rallentato il ritmo, mister
Garcia stà trovando nuove soluzioni per
ripartire e cercare di riagguantare la Juve.
Inter - Catania: Turno facile per la squadra
neroazzurra. Napoli - Chievo Verona: la
squadra azzurra non dovrebbe avere
nessun tipo di problema, ci si attende una
goleada con i vari Higuain e Callejon. Lazio
- Juventus: la squadra biancoazzurra
vuole fermare la marcia vincente
bianconera e ci sono tutti gli ingredienti
che ciò avvenga. Insomma sarà una
giornata interessante e non mancherà
qualche colpo di scena...
R e d a z i o n a l e

6

ANNO 21- N. 4 - Domenica 26 Gennaio 2014

Stampa Campania Settimanale di Informazione Politica - Attualità - Cronaca - Sport

MARCIANISE-SANNICOLALASTRADA-EALTRICOMUNIDELCASERTANO
Il momento già critico del lavoro della donna è la maternità

Invecchiamento popolazione italiana
In Italia carenza di servizi
MARCIANISE - Collegandomi al discorso
della scorsa volta, vorrei analizzare un altro
atto di discriminazione della donna sul
luogo di lavoro. Il momento già critico
dell’attività lavorativa della donna è
rappresentato dalla maternità. La legge
1204/71, tutela le lavoratrici madri,
prevedendo che vadano in astensione
obbligatoria dal lavoro due mesi prima del
parto e ritornino a lavorare dopo 3 mesi
dalla nascita del bambino/a. In caso di

gravidanza difficile, il periodo di astensione
obbligatoria può essere anticipato fino a
coprire l’intera gravidanza. La lavoratrice
conserva il lavoro e ottiene l’80% della
retribuzione che viene corrisposta dall’Inps.
Ma nonostante tale legge, sono state,
secondo l’Istat, oltre l’11% le donne che
h a n n o a b b a n d o n a t o i l l av o ro i n
concomitanza con una gravidanza o una
maternità. Alcune di loro hanno dichiarato
di averlo fatto spontaneamente, perché in

Italia c’è una carenza di servizi che aiutino i
neo genitori ad affrontare il difficile periodo
della prima infanzia dei figli. Molte donne,
quindi ritardano p addirittura rinunciano ad
avere figli. La conseguenza è un progressivo
invecchiamento della popolazione italiana
che ostacola ogni tipo di sviluppo.
Per questo, il superamento vero
della crisi si avrà solo se
Aumenterà il lavoro per le donne.
C aterina C apasso

ANNO 21- N. 4 - Domenica 26 Gennaio 2014

Stampa Campania Settimanale di Informazione

Politica - Attualità - Cronaca - Sport

7

ATTUALITA’ - CULTURA E SPETTACOLO
Scudieri:”Valorizziamo tesoro più prezioso della nostra terra”

Napoli est, eccellenze Campane
Polo dei sapori doc
NAPOLI - Uno spazio dedicato
alle eccellenze della
gastronomia della Campania è
stato inaugurato la settimana
scorsa che parte con una
riflessione della politica su
quanto si può fare per sostenere
q u e s t e e c c e l l e n ze i n u n
momento delicato. E così, infatti,
che ha deciso di aprire i battenti
“Eccellenze Campane” il nuovo,
grande spazio attivo in via Brin,
nella zona orientale di Napoli.
Uno spazio aperto fino alle 24,00
di ogni diorno. Il nuovo polo

vuole essere un laboratorio del
gusto, delle tradizioni e dei
sapori campani, un luogo della
gastronomia innovativo,
destinato alla produzione, alla
commercializzazione e alla
somministrazione dei prodotti
a g ro - a l i m e nta r i p re l i b at i .
“Eccellenze Campane - spiega
Paolo Scudieri, Presidente di
Adler Group e ideatore di questo
progetto - rappresenta la
realizzazione di un piccolo
sogno: contribuire alla
valorizzazione del tesoro più

prezioso della nostra terra,
la filiera agroalimentare.
Una scommessa che porterà
risvolti positivi sia per
l ’o c c u p a z i o n e c h e p e r
l’immagine internazionale della
Campania e delle sue risorse.
Eccellenze Campane guarda
oltre la Terra dei Fuochi e porta
in primo piano le produzioni di
qualità, quelle che il mondo ci
invidia e che rappresentano
il pilastro per il rilancio
economico della regione”.
Mario Conforto

Tra le eccellenze campane

Nell’antisala dei Baroni del Maschio Angioino di Napoli
premiati dall’Accademia Giosuè Carducci tantissimi artisti

GlPremii uomi
n
i
del
l
a
cul
t
ura
Nobel della nostra letteratura
NAPOLI - E’ uno dei luoghi più belli,
affascinanti, della nostra Napoli, dove i
numerosissimi turisti, visitano incantati
quella meravigliosa esposizione di opere,
dove arrivano artisti da tutto il mondo per
assistere agli eventi magistrali che li
svolgono. Il Maschio Angioino troneggia
nelle cartoline di Napoli, affascina chiunque
vasa ad ammirare Musei e Palazzi Reali,
indagando sulla storia incredibile della
famosa città partenopea. E qui, nell’antisala
dei Baroni, sono stati premiati
dall’Accademia Giosuè Carducci tantissimi
artisti. Al tavolo della Presidenza Elena
Mossutto, Luigi D’Alessio, Gerardo Altobelli,
Vincenzo Russo, il Pres. Accademia Int.
Vesuviana Gianni Ianuale, Maria Emilia
Carbone, Tina Piccolo Madrina della stessa
importante manifestazione. Sono stati
premiati Gracci Biasci Athe, Daniela Zinetti,
Rita Amelia, Anna Maria Maio, Francesco

Quartararo, Maria Adelaide la Salandra,
Enrico Del Gaudio, con diplomi d’onore e
classici medaglioni Lello Castiello, la
dolcissima Maria Rosaria Ciotola, Riccardo
Beraldo, Alberto Cerbone, Enrico De
Martino, Santo Consoli, Francesca Suppa,
Rita Angelina Di Pino, Gaetano Mazzilli. Tra
trofei, nomine accademiche, si sono alternati
scrittori e pittori di tutta Italia, citiamo ancora
Rosanna Aprile, Giudice Silvia Crisafi,
Salvatore Lucio Scarpello e a tantissimi autori
è stato assegnato il Diploma di
partecipazione con medaglia. Molte le
poesie declamate e calorosamente
applaudite. Tra gli ospiti d’onore il professore
Roberto Della Ragione, che ha declamato,
facendo omaggio a Tina Piccola, lòa Poesia
“Amami adesso” tratta dal libro “il Diario di
Alma” e ha messo in risalto l’importanza dwei
valori dell’esistenza e lo stesso Salotto che
tanto si adopera per la diffusione della

Lo splendido Maschio Angioino
cultura. Splendide pergamene d’onore a
Della Ragione stesso, a Vincenzo Perrone, alla
carismatica attrice Lucia Oreto. Il discorso di
Tina Piccolo, degnamente presentata dallo
stesso Gianni Ianuale, si è esteso
all’importanza del messaggio che ogni autore
vuole dire, ai principi della solidarietà e
dell’amore, toccando la figura stessa di
Giosuè Carducci, uno dei Premi Nobel della
nostra letteratura. Non è mancata la comicità
di Angelo Iannelli con
imitazioni
piacevolissime. Un successo già previsto e
l’appuntamento all’11 maggio a Villa Bruno,
con l’incontro del Salotto culturale Tina
Piccolo su Precariato e violenza con momenti
di canto, danza, cabaret, presentato da
Gabriele Blair e con tantissimi altri ospiti. Per
il giornalismo una bellissima pergamena di
lode è stata assegnata a Giuseppe Nappa per
il suo inimitabile “Occhio all’artista”.
Tina Piccolo

8

ANNO 21- N. 4 - Domenica 26 Gennaio 2014

Stampa Campania Settimanale di Informazione

Politica - Attualità - Cronaca - Sport

Rubrica di Diritto
GLI AVVOCATI GAETANO MADONNA
E ARNALDO GADOLA RISPONDONO
La Corte di Cassazione E’tenutoapagaremapuòfarsi risarcire dei danni subiti
Gent.mi Avvocati, il condomino può rifiutarsi di pagare le
spese di riscaldamento qualora l’impianto centralizzato
non eroghi sufficiente calore nel suo appartamento?
Andrea Ciaramella (San Nicola la Strada)
No, non può rifiutarsi di pagare le spese di riscaldamento, ma
può chiedere all’autorità giudiziaria il risarcimento degli
eventuali danni subiti. E’ quanto ha stabilito la Corte di
Cassazione con sentenza n. 12596 del 28 agosto 2006.
Precisamente, secondo la Cassazione “l’obbligo del
condomino di contribuire alle spese necessarie alla
conservazione ed al godimento del servizio centralizzato del
riscaldamento non viene meno per la semplice circostanza
che l’impianto non eroghi sufficiente calore; tuttavia, in caso di
insufficiente erogazione della giusta quantità di calore, il
condomino può far valere la lesione del suo diritto ad una
adeguata erogazione di calore, previo accertamento giudiziale
del danno subito e della sua liquidazione, riferibile, da un lato,
ai contributi pagati - a questo scopo - al condominio e, da un
altro lato, alle spese affrontate per supplire - con propri mezzi alla carente erogazione del servizio centralizzato”.

Superando il limite di tollerabilità si può
ordinare l’immediata cessazione di fumo
Gent.mi Avvocati, che cosa è possibile fare
contro le immissioni di fumo provenienti
d a l c a m i n e tt o d e l l a c a s a d e l v i c i n o ?
Antonio Santoro (Caserta)
In base all’art.. 844 del codice civile:”Il proprietario di un fondo non
può impedire le immissioni di fumo o di calore, le esalazioni, i rumori,
gli scuotimenti e simili propagazioni derivanti dal fondo del vicino, se
non superano la normale tollerabilità, avuto riguardo anche alla
condizione dei luoghi. Nell’applicare questa norma l’autorità
giudiziaria deve contemperare le esigenze della produzione con le
ragioni della proprietà. Può tener conto della priorità di un
determinato uso”. Dalla lettura dell’articolo sopra richiamato emerge
che le immissioni di fumo provenienti dal fondo del vicino non possono
essere impedite se non superano la normale tollerabilità. Spetterà,
dunque, al Giudice (l’autorità giudiziaria competente in materia di
rapporti di vicinato è il Giudice di Pace) determinare nel caso concreto
quale sia il limite di tollerabilità delle immissioni: laddove valuti che
detto limite è stato superato, potrà ordinare l’immediata cessazione
delle sgradite immissioni di fumo; va sottolineato che il Giudice, nel
valutare il caso singolo, dovrà interpretare l’art. 844 del codice civile
nello spirito dell’art. 32 della Costituzione, che tutela la salute come
diritto fondamentale dell’individuo.

INVIATE I VOSTRI QUESITI A:
stampacampania@virgilio.it
oppure in busta chiusa a:
S t a m p a C a m p a n i a
Via Gadola Vico Bellini N.1 - Recale (Ce)

ANNO 21- N. 4- Domenica 26 Gennaio 2014

Stampa Campania Settimanale di Informazione Politica - Attualità - Cronaca - Sport

5

RECALE - CAPODRISE
Sui dissuasori di Via Rossini L’exsindacoGadola ancorain testa

Ordinanza illegittima
Il Tar accoglie il ricorso dei condomini
RECALE - “Quell’ordinanza sindacale era
illegittima”. Lo affermano i giudici del Tar
Campania, che si sono espressi su un
ricorso presentato da un condomino di
Recale. Il 4 giugno scorso il sindaco Patrizia
Vestini ha firmato un’ordinanza che
obbligava i condomini del Parco Margherita
di Via Rossini a rimuovere due dissuasori,

con base in cemento e palette metallici,
poggiati sul fondo della stradina di
proprietà condominiale, motivando l’atto
con “l’assenza di qualsiasi titolo abitativo al
riguardo”. A quell’ordinanza i condomini si
sono opposti con il loro legale e alla fine
hanno avuto ragione. L’ottava sezione del
Tar ha ritenuto fondato il ricorso.

STAMPA CAMPANIA promuove una grande iniziativa editoriale riservata solo ai
residenti di Recale che potranno quindi dare la loro preferenza dal titolo:”
C O M E
S I N D A C O
D I
R E C A L E
M I
P I A C E . . .”
Tutti i coupon pervenuti in redazione sarà effettuata al termine del sondaggio
un’estrazione. I primi due estratti vinceranno due telefonini. Il sondaggio avrà
termine nell’Aprile del 2017 cioè un mese prima delle elezioni Amministrative
di Recale previste per Maggio 2017. Al ricevimento dei coupon i
collaboratori della redazione di Stampa Campania stileranno una
classifica parziale che troverete in questa pagina settimanalmente.

Tagliando del 19/01/2014
26/01/2014 di partecipazione del
Referendum organizzato da STAMPA CAMPANIA
Nome e Cognome..............................Indirizzo.................. Città................. Telefono...................
COME SINDACO DI RECALE “MI PIACE”.................................................
N.B. Per dare la possibilità di partecipazione per tutti, sarà convalidato un tagliando per persona
p e r o g n i n u m e ro d e l g i o r n a l e . S i ra c co m a n d a a i l etto r i d i i nv i a re p e r
via E-MAil al seguente indirizzo di posta elettronica:
Stampacampania@virgilio. Oppure in busta chiusa inviare per posta
a l l ’ i n d i r i z zo : S t a m p a C a m p a n i a - V i a B e l l i n i N . 1 - 8 1 0 2 0 R e c a l e ( C e )

Stà riscuotendo grande successo il sondaggio
promosso da Stampa Campania dal
t i t o l o : ”C o m e S i n d a c o d i Re c a l e m i
piace....”.Pioggia di coupon in redazione per
via E-Mail oppure per posta all’indirizzo:
Stampa Campania - Via Bellini N.1 - 81020
Recale (Ce). Nei primi dodici della classifica
parziale abbiamo l’ex sindaco di Recale dottor
Ovidio Gadola, al primo posto con 450
preferenze. Da rilevare che il Farmacista è già
stato Sindaco di Recale nel quinquennio 19972002. Secondo posto per il nostro Editorialista
e Direttore Responsabile
Avv. Arnaldo Gadola con 441 preferenze.
Titolare di uno Studio Legale a Recale,
ricordiamo che il Penalista Avv. Arnaldo
Gadola, iscritto nell’ordine dei Giornalisti da
ben 22 anni, Editore e Direttore Responsabile
oltre che di “Stampa Campania”, “Il Giornale
dello Sport” e “Il Personaggio”, ha al suo attivo
quattro Lauree (Giurisprudenza, Scienze
dell’Economia, Scienze Giuridiche e Scienze
dell’Educazione e della Formazione, la
Specializzazione per le Professioni Legali,
ebbe la sua giusta e meritata notorietà e
consacrazione dell’attività giudiziaria nell’anno
2010-2011 esercitando il prestigioso ruolo di
Pubblico Ministero della Procura di S.Maria
Capua Vetere. Terzo posto il dottor Benedetto
Ricciardi, Medico di Base con 264 preferenze.
Seguono il dottor Federico Casella, Dentista,
con 215 preferenze, quindi l’attuale sindaco di
Recale dott.ssa Patrizia Vestini 119 preferenze.
Sesta posizione per il dottor Raffaele Lello
Po r f i d i a , M e d i c o ga st re o nto ro l o go ,
attualmente Assessore al Comune di Recale
con 77 preferenze. Nella classifica figurano
anche il costruttore Luigi Ferraro, attualmente
Assessore al Comune di Recale con 34
preferenze, il costruttore Antimo Argenziano,
consigliere di minoranza sempre del
Comune di Recale con 24 preferenze, il dottor
Alfonso Mincione, ex sindaco di Recale nel
1993, Medico di Base con 24 preferenze, il
dottor Roberto Massi, Medico di Base con 19
preferenze, consigliere, Lello Porfidia ,
consigliere di minoranza del Comune di Recale
e l’ Assessore dott. Vincenzo Piscitelli,
Commercialista entrambi con 14 preferenze.
Servizio a cura di Luigi Barca


Documenti correlati


Documento PDF stampa campania domenica 26 g
Documento PDF stampa campania domenica 22 d
Documento PDF stampa campania domenica 19 g
Documento PDF 2017c
Documento PDF prova 1 palle nere
Documento PDF la stampa 18 05 2014


Parole chiave correlate