File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Ricerca PDF Assistenza Contattaci



FIACCOLA 4 2013 .pdf



Nome del file originale: FIACCOLA 4_2013.pdf
Titolo: untitled

Questo documento in formato PDF 1.5 è stato inviato su file-pdf.it il 28/01/2014 alle 09:27, dall'indirizzo IP 95.234.x.x. La pagina di download del file è stata vista 1427 volte.
Dimensione del file: 667 KB (16 pagine).
Privacy: file pubblico




Scarica il file PDF









Anteprima del documento


FIACCOLA 4_2013 imp:ok

21-01-2014

N. 4

9:54

Pagina 1

Dicembre 2013

“Seguire Cristo è conquistare un’infinita
passione per tutte le creature!”

dell’Associazione “Ex Allievi” della
FONDAZIONE DON CARLO GNOCCHI
c/c postale n. 12896247 - Periodico trimestrale - Anno XXV - n. 4 - Dicembre 2013
Spedizione in abbonamento postale Art. 2 comma 20/C Legge 662/96 - Filiale di Milano
In caso di mancata consegna, restituire all’Editore che si impegna a pagare la relativa tassa
presso il CMP di Roserio - Milano
Chiediamo ai gentili portalettere di non togliere l’indirizzo, ma solo girarlo,
in modo che possiamo sapere chi si è trasferito ecc. Grazie della collaborazione!

FIACCOLA 4_2013 imp:ok

21-01-2014

9:54

Pagina 2

Pag. 2

IN QUESTO NUMERO
Parliamone un po’ ........................................... pag. 3-7
Tutti da Don Carlo… ...................................... pag. 8
La nostra solidarietà… ..................................... pag. 9-10
XXIX Raduno Nazionale Silvi Marina (TE) .... pag. 11
Notizie utili ...................................................... pag. 11
L’angolo dei ricordi… ...................................... pag. 12-14
Hanno raggiunto la patria celeste..................... pag. 15-16
Direttore responsabile:
Monsignor Angelo Bazzari
Redattore:
Luisa ARNABOLDI
Hanno collaborato:
Franca BAIONI - Giuseppe CASCONE - Osmano CIFALDI
Piero CIUFFONI - Giuseppe COFINI - Romana COLCIAGO
Jim COMINO e Father Mattew - Gianni GALBUSERA
Anna GIACINTI - Carlo INVERARDI - Rosa LASALANDRA
Giuliana, Patrizia ed Angelo LEPORE
Liliana MARCATO - Marzia MOTTA
Maria Teresa e Mario ONORINI

Quote Abbonamenti 2014
ordinario
€ 15
sostenitore
€ 18
benemerito
€ 34
c/c postale n. 12896247
N.B. Abbiamo una E-mail dell’Associazione ed è: exallievidongnocchi@tiscali.it
Dateci comunicazione dei vostri indirizzi E-mail.
Segnaliamo il nostro sito Internet: www.exallievidongnocchi.org
oppure: gratisitalia.com/exallievidongnocchi
TUTELA della PRIVACY
Cara Amica, Caro Amico, il tuo nominativo fa parte dell’archivio elettronico della
nostra rivista: LA FIACCOLA. Nel rispetto di quanto stabilito dal nuovo Decreto
Legislativo 196/2003 (Codice in materia di protezione dei dati personali), ti comunichiamo che i tuoi dati sono conservati nell’archivio gestito dalla nostra “Associazione Ex Allievi Don Carlo Gnocchi” proprietaria della rivista, ai sensi dell’art.
4 del citato decreto. I tuoi dati, non saranno oggetto di comunicazione o diffusione
a terzi. Per essi potrai chiedere, in ogni momento, modifiche, aggiornamenti, integrazioni, scrivendo a Luisa Arnaboldi - Via Ariosto 4 - 24030 MAPELLO (Bg). Sperando di continuare a meritare la tua fiducia, ti salutiamo con amicizia.

Spedizione in abbonamento postale
Art. 2 comma 20/C Legge 662/96
Filiale di Milano
Stampa: Press Point srl - Abbiategrasso - Milano
Finito di stampare il 23 Gennaio 2014

Cercate Dio (di Martin Luther King)
Cercate Dio, trovatelo e fate di Lui
una forza nella vostra vita.
Senza di Lui tutti i nostri sforzi
si riducono in cenere e le nostre aurore
diventano le più oscure delle notti.
Senza di Lui, la vita è un dramma senza
senso a cui mancano le scene decisive.
Ma con Lui noi possiamo passare
dalla fatica della disperazione,
alla serenità della speranza.
Con Lui noi possiamo passare
dalla notte della disperazione,
all’alba della gioia.

PREGHIERA A DON CARLO “BEATO”!
O Dio, che ci sei Padre,
e in Gesù Cristo ci rendi fratelli,
ti ringraziamo
per il dono di don Carlo Gnocchi
che la Chiesa venera come Beato.
Donaci
la sua fede profonda,
la sua speranza tenace,
la sua carità ardente,
perché possiamo continuare,
sul suo eroico esempio,
a servire la vita di ogni uomo
«percosso e denudato dal dolore».
Don Carlo ci insegni
a cercarti ogni giorno tra i più fragili,
negli occhi casti dei bimbi,
nel sorriso stanco dei vecchi,
nel crepuscolo dei morenti
per amarti ogni giorno
con «l’inesausto travaglio della scienza,
con le opere dell’umana solidarietà
e nei prodigi della carità soprannaturale».

Amen
Imprimatur: in Curia Arch. Med., die 31.08.2009

✞ Angelo Mascheroni

Fondazione Don Carlo Gnocchi
Milano, p.le Morandi 6 - www.dongnocchi.it

FIACCOLA 4_2013 imp:ok

21-01-2014

9:54

Pagina 3

Pag. 3

Parliamone un po’…
Siamo da poco tornati dalla vacanza a Tenerife, dove abbiamo
gioito in modo particolare… ci eravamo tutte motorizzate, (persino io ho affittato la carrozzina elettrica…) ed abbiamo scorrazzato in lungo ed il largo per tutta la zona di Arona, ed oltre, con un
entusiasmo che contagiava anche chi ci vedeva così allegre e felici… addirittura, una venditrice dei numerosissimi banchetti che
costeggiano le strade, ci ha regalato un “chupa-chupa” ma con un
garbo che dimostrava amicizia e condivisione… Un ringraziamento particolare va alla cara Maddalena, che veterana dei luoghi,
e con uno spiccato senso di orientamento, (che io non posseggo
per nulla…) ci ha fatto visitare ogni angolo meraviglioso e incantevole che questo lembo di terra nasconde! La compagnia era eterogenea e ciascuno, in tutta libertà, sceglieva come vivere la propria giornata, ma si viveva anche un’attenzione di ciascuno per gli
altri che creava un’atmosfera di vera famiglia, come Don Carlo ci
ha insegnato! Grazie a tutti/e di cuore… ed anche se la pioggia,
quest’anno si è fatta vedere anche in modo “tropicale” sono stati
giorni meravigliosi e sono rientrata rilassata e pronta ad affrontare: le oltre 200 mail… la molta corrispondenza arrivata in quei
giorni, insomma la vita attiva e ricca della nostra Associazione!
Poi vi sono stati gli incontri per i Pranzi Pre-Natalizi, che leggerete nelle pagine seguenti… e quest’anno il tempo atmosferico è
stato clemente… un sole luminoso, anche se con un’arietta gelida, ci ha accolti in ogni dove…Grazie anche di questo dono! Troverete già i programmi per il nuovo incontro, per l’anniversario di
Don Carlo, di Domenica 2 Marzo 2014, il programma del nostro
Raduno, ed ho avuto la conferma definitiva che la Signora Luisa
della Grecia non ha poi venduto il Suo Hotel Palmariva ad Eretria, nell’isola di Evia, che molti di noi ben conoscono ed apprezzano e… ci attende a braccia aperte!!! Quest’anno vi sarà il rinnovo delle cariche della nostra Associazione e proprio per favorire al massimo la partecipazione, abbiamo scelto ancora una volta
l’Hotel Ermitage a Silvi Marina, dal 2 al 14 Giugno 2014, che è
in una posizione centrale e facilmente raggiungibile… vi aspettiamo come sempre numerosissimi!!! Mesi fa mi hanno invitata a
Milano, presso il Centro Ambrosiano, per una testimonianza filmata che doveva venire allegata all’ultimo libro sulle virtù di Don
Carlo: “Malato d’Infinito” ed ho così scoperto cosa siano quei
quadratini strani che vedevo ormai sia su molte riviste o sui libri,
e non riuscivo a capire cosa fossero… mi hanno poi spiegato che
servivano per vedere, con il telefonino adatto, filmati ed altro…
Che meraviglia!!! Desideravo vedere la mia testimonianza, quella di Silvio Colagrande, e di Monsignor Angelo Bazzari, ed a Tenerife un amico esperto me l’ha mostrata ma era muta… ma se
andate in YouTube, e cliccate: Luisa Arnaboldi, o Silvio Colagrande, o Mons. Angelo Bazzari, potrete ascoltare quanto testimoniamo con molti altri toccanti racconti… Mentre il libro, che
costa € 9,90 noi lo abbiamo avuto ad € 5,00 e lo porteremo al Raduno per chi desidera leggerlo… è veramente bello e riporta diverse nostre testimonianze anche scritte… Sono sempre disponibile, come tutti noi, a donare il nostro ricordo dell’immenso bene
ricevuto e sento che in tempi difficili come quelli che stiamo vivendo, ve n’è una richiesta maggiore… senz’altro regaliamo speranza!!! Proprio la Speranza che ci dona la nascita di Gesù e che
Don Carlo così testimoniava: “L’uomo è un pellegrino, malato
d’infinito, incamminato verso l’eternità!”. Un grande fraterno abbraccio a ciascuno…
Luisa 035/4945620 3382569690

Tenerife con Babbo Natale

Gruppo Tenerife

Gita sul Teide

FIACCOLA 4_2013 imp:ok

21-01-2014

9:54

Pagina 4

Pag. 4

P.S. Come sapete da ormai molti mesi ero in “lotta” con il
nuovo computer che non accettava il programma degli Ex Allievi, e diventava veramente difficile gestire quanto concerne
l’Associazione… I tecnici del posto, chiamati… promettevano
un nuovo programma, ma nulla succedeva e si ammucchiavano i foglietti di appunti in attesa di poter aggiornare… Ma finalmente, ho provato a contattare l’amico Ex Allievo Mario
Onorini, che sapevo opera in questo campo e… il miracolo è
avvenuto: nel giro di pochissimo, hanno preparato un programma, meraviglioso, che ci permette, di lavorare sull’antico ma
utilissimo programma creato a suo tempo, da un altro Ex Allievo, (compagno di classe di Onorini), Mario Robolini ed è ritornata la gioia di poter lavorare anche sul nuovo computer per la
nostra “Baracca”… Grazie infinite, solo Don Carlo potrà degnamente ricompensare tanta dedizione… e poiché l’artefice
maggiore è un collaboratore di Mario Onorini, ed il suo nome
è: Michele Bresciani, desideriamo farvelo conoscere almeno in
foto, perché come leggerete è già diventato un caro amico della nostra grande Famiglia!!! Ecco quanto scrive Mario Onorini:
“Carissimi Luisa e Decimo, confido che il buon Mario Robolini vi abbia installato il programma e gli archivi di Don Carlo,
dopo che siamo riusciti a recuperare il tutto dal vs. vecchio PC
un po’ disastrato. Come già detto buona parte del merito va al
mio collega: Michele Bresciani, che in capo alla CSB Software
& Solutions Srl, società che ho il piacere di presiedere da oltre 35 anni, si è
smazzato il tutto ed è riuscito nel miracolo. Vi invio anche una sua foto come
mi hai chiesto, così che si possa annoverare tra gli amici di Don Carlo. Allego pure una foto del mio quadretto famigliare, che vorrei inviare a tutti gli
amici con la speranza di dare a tutti un
piccolo messaggio di felicità. Ora vi lascio perché ho i nipoti che mi chiamano e i miei doveri di nonno sono sacrosanti. Un abbraccio affettuoso e saluti
cordiali da:
Michele Bresciani
Maria Teresa e Mario ONORINI

E come sempre, Monsignor Bazzari, ha inviato una lettera da leggere nei nostri incontri Pre-Natalizi, e desideriamo possa giungere a
tutti, quindi ben volentieri la pubblichiamo:

“IMPORTANTE!!! Dall’8 all’11/2/2014 l’Urna
di Don Carlo sarà a ROMA: Lunedì 10 Febbraio:
Ostensione pubblica del ns. Beato nella Chiesa di
San Giacomo, dalle ore 9 alle ore 20, (S. Messa alle ore 17,30) e martedì 11 Febbraio spostamento
nella Basilica di San Giovanni in Laterano, dalle
ore 9. Alle ore 16 vi sarà una celebrazione Eucaristica in occasione della giornata del Malato. Non
perdiamo questa occasione…”
Famiglia Onorini

FIACCOLA 4_2013 imp:ok

21-01-2014

9:54

Pagina 5

Pag. 5

Ed ecco i reportage dei nostri incontri…
Qui TOSCANA: Quest’anno l’incontro è stato particolarmente riuscito e… ringrazio tutti della collaborazione per la
riuscita di questa “rimpatriata” annuale che ci ricarica e rinnova l’amicizia della nostra fanciullezza!!!

Gruppo Toscana

Qui ROMA: Lo scopo dei
nostri raduni è prima di ogni cosa far conoscere al mondo il nostro Don Carlo, proprio per questo l’incontro pre-natalizio romano oltre alla gioia di ritrovarsi con “vecchi amici”, scambiarsi gli auguri, trascorrere una
giornata all’insegna dei ricordi,
è stato organizzato per presentare ai giovani d’oggi la figura del
Beato Carlo Gnocchi. La S.
Messa è stata celebrata presso il
“Pontificio Oratorio S. Paolo”
da Padre Vincenzo, della congregazione di San Leonardo
Murialdo e direttore del centro,
il quale dopo averci presentato
all’assemblea, composta al 50%
di ragazzi scout, ha parlato di
Don Carlo in una maniera chiara, limpida e… vera come se lo
avesse conosciuto. Infatti mi
aveva detto che lo conosceva

solo di nome e nulla più. È bastato il libro “con cuore di padre” che gli avevo portato qualche giorno prima per dare ad un
giovane sacerdote come Padre Vincenzo l’esatta visione del
santo educatore: dei piccoli, dei giovani, e degli ultimi. Ha raccontato a quei ragazzi che Don Carlo era un padre che educava prima di tutto il cuore dei suoi figlioli indirizzandoli verso
l’amore. Li ha poi nutriti, consolati, protetti, incoraggiati ed
amati. E la nostra presenza è stata la più bella testimonianza.
Una giornata ventosa al massimo, tanto che si faceva meno fatica a camminare… e sì perché la spinta che si riceveva ti faceva accelerare e quasi quasi … correre. Il pranzo a base di pesce freschissimo e cucinato ottimamente non finiva mai. Credo che non abbiamo mai mangiato tanto e bene come in questo ristorante che già il nome “S.P.Q.R.” è tutto un programma. Peccato che in inverno si fa subito notte e bisogna ripartire… quindi foto di gruppo e via…
Franca BAIONI
Qui MARCHE: Domenica 8 Dicembre, un’altra splendida
giornata per noi ex allievi delle Marche che, insieme a familiari ed amici, puntuali all’appuntamento prima a Loreto, abbiamo assistito anche alla celebrazione della S. Messa, delle
ore 11 presso la Basilica, stracolma di gente, per la festa che
inizia e che precede la notte del 9 dicembre, in occasione della “Festa della Venuta”, che ricorda il trasporto a Loreto della
casa della Madonna. Poi un tiepido e bellissimo sole ha efficacemente contribuito a creare un ottimo clima per il nostro
12° ritrovo pre-natalizio, previsto per le ore 13, a due passi dal
mare di Porto Recanati, presso il Ristorante “Zia Emilia”. Grazie all’ottima organizzazione del veterano ex allievo Armando
Marziani, abbiamo potuto gustare l’ottimo menù di pesce del
Ristorante ad un modico prezzo, mentre Umberto Ombrosi ci
aggiornava sugli ultimi messaggi di Monsignor Bazzari. Ma

Gruppo Roma

FIACCOLA 4_2013 imp:ok

21-01-2014

9:54

Pagina 6

Pag. 6

ogni minuto trascorso insieme, ci ha permesso di ricordare tanti fatti ed eventi legati al nostro caro San Carlo ed ha permesso all’allegra comitiva di poter aggiornare e scambiare tutte le reciproche news
di un anno in più, che poi Marisa Marini,
esaltava con la sua consueta simpatica ironia, catturando altresì l’attenzione dei vari
ex come il sottoscritto, Gianfranco Staffolani, Umberto Ombrosi e di tutti gli altri
convitati; finché lo scambio di baci, abbracci e gli affettuosi auguri hanno firmato
l’impegno di tutti per il nostro prossimo incontro.
Piero CIUFFONI

Gruppo Marche

Qui LOMBARDIA: Davvero Don Carlo ci voleva presso il
Suo Santuario, perché domenica 15 Dicembre, era una giornata luminosa e con un cielo azzurro meraviglioso… (peccato
però che nel veneto, ed anche in altre zone, la nebbia fosse fitta e quindi diversi amici ed amiche che avevano prenotato, non
hanno intrapreso un viaggio pericoloso… sarà per il 2 Marzo!!!) Ci siamo ritrovati in un bel numero, tutti stretti attorno
all’urna che contiene le sue spoglie mortali, e la S. Messa è stata celebrata dal Cardinale Severino Poletto, Arcivescovo emerito di Torino, il quale ci ha confidato i Suoi ricordi… Quindi
ci siamo recati nella sala mensa del Centro e qui i ricordi sono
sgorgati a fiotti, mentre si pranzava… Nel pomeriggio ci siamo recati nella famosa “Sala Verde” ora chiamata “Sala Cardini”, per ascoltare le ultime novità della nostra grande Famiglia e scambiarci gli auguri più sinceri ed affettuosi per il San-

to Natale, ormai prossimo, e l’Anno Nuovo, con la promessa,
di riabbracciarci ai prossimi incontri ed al Raduno… Torniamo sempre alle nostre case ricaricati di un’energia formidabile alimentata dal nostro amore per Lui, e tra noi….
Luisa ARNABOLDI

Cardinale Severino Poletto, Luisa e Pratelli Pietro

Gruppo Lombardia

FIACCOLA 4_2013 imp:ok

21-01-2014

9:54

Pagina 7

Pag. 7

Qui: ABRUZZO: Un altro anno è passato
e ci siamo ancora una volta incontrati intorno
a una tavola imbandita per scambiarci gli auguri per le Feste ormai alle porte. Come ha
detto Padre Augustin nell’omelia, oggi è la
domenica della gioia, quindi non dobbiamo
essere tristi; ma non possiamo fare a meno
di ricordare il nostro grande amico Gradito
Mario Verna che è tornato alla Casa del Padre, mai mancato ai numerosi incontri “mangerecci” e “vacanzieri”. Erano assenti, per vari motivi, anche altri amici ai quali, comunque, abbiamo rivolto un brindisi augurale: a
chi c’è e a chi non c’è!!! L’incontro conviviale è stato preparato dal mio “ragazzo” Antonio Sciarretta che,
ormai provetto organizzatore, ha scoperto un posticino delizioso a Caldari di Ortona: “La Canadese”, un ristorante gestito con
perizia e accortezza, ma soprattutto con attenzione alle varie
esigenze alimentari (con menù dedicati per celiaci, diabetici,
vegetariani e vegani !!!!!), dal signor Franco e famiglia. Abbiamo mangiato benissimo in un ambiente sereno, caloroso e ciarliero, a modico costo (che non guasta!), augurandoci di non ritrovarci alla prossima occasione con le fila ulteriormente assottigliate. Auguri affettuosi, non solo per le Festività Natalizie,
ma anche di gioia e SALUTE: buona vita a tutti!!!!!
Lucia
Qui PUGLIA: Il tradizionale pranzo della Befana, al sud,
questa volta è stato anticipato alla domenica precedente: il 5
gennaio 2014, appunto. Le premesse erano negative, per via
del temuto maltempo che non avrebbe spaventato i giovani di
una volta, ma certamente bloccato… i nonni di oggi. Inoltre si
prevedevano problemi logistici perché la città ospite, Gravina
in Puglia, era in fermento: festeggiava l’ingresso del nuovo vescovo. La S. Messa di rito, in cui si doveva rendere pubblica la
presenza degli ex Allievi lì riuniti nel nome del Beato Don
Carlo Gnocchi, non è stato possibile celebrarla perché nelle
varie parrocchie i sacerdoti erano impegnati col vescovo.
Ognuno si è organizzato come voleva, anche partecipando alla S. Messa del primo mattino. Il ristorante prescelto per il
pranzo si trovava proprio al centro, vicino alla cattedrale, per
cui si prevedeva l’impossibilità di trovare un parcheggio libero, visto che proprio in quelle ore ci sarebbe stata la processione e la S. Messa solenne. Invece… L’abbraccio ad Urbano,
da parte del vescovo, che già lo conosceva e che è uscito dalla processione per correre verso di lui, ha portato fortuna. Il
“servizio-navetta” gestito da Alessandro, il nipote di Rosa, è
sfumato perché Urbano, andato in avanscoperta, aveva individuato la possibilità di parcheggiare nei pressi del ristorante.
Don Carlo è stato ricordato con la preghiera letta all’inizio del
pranzo e dal saluto inviato dal presidente della Fondazione
Don Angelo. In questo modo l’incontro non ha perso la valenza per cui era stato fatto. Il tempo non è stato proprio dei peggiori: grigio ma asciutto, almeno fino al momento dei saluti.
Ad ogni modo non ha spaventato i magnifici otto e i loro familiari. A tale proposito, va ricordato Salvatore Frisenda, che
cerca di essere sempre presente, pur venendo da Lecce. Questa volta ha portato anche il fratello e la cognata: entrambi entusiasti dell’esperienza! Ugualmente importante il momento

Gruppo Abruzzo
conclusivo della giornata: un tuffo… nella torta, con l’immagine
del nostro “santo” che invitava a sorridere sempre! Hanno preso alla lettera il consiglio: Serafino Calendano, Felice Lafabiana, Nicola Santomasi, Salvatore Frisenda, Michele Lucente,
Francesco Valenzano, Urbano Lazzari, partecipando con gioia
all’incontro, gustando i nuovi sapori… pur nel ricordo triste
degli amici assenti e di quelli che non ci sono più (in particolare Peppe, il marito di Cesarina Abbinante, ex allieva, di Bari). Il ristorante, situato in uno dei più illustri palazzi storici
della città, non solo ha accolto gli ospiti con cibi raffinati, dal
sapore antico, ma ha dato la possibilità ad alcuni di esplorare
una serie di grotte mozzafiato, facenti parte del patrimonio culturale della “Gravina sotterranea”. Quello fin qui descritto,
evidenzia l’inesattezza del proverbio “Chi lascia la strada vecchia per quella nuova, sa cosa perde ma non sa cosa trova!” Infatti tutto è andato per il verso giusto!
Rosa LASALANDRA

Gruppo Puglia

FIACCOLA 4_2013 imp:ok

21-01-2014

9:54

Pagina 8

Pag. 8

Tutti da Don Carlo…
Domenica 2 Marzo 2014!!!
Vi invitiamo da Don Carlo, come è nostra buona consuetudine, e quest’anno potrete ammirare, al museo, il bozzetto della statua che è stata posta sulle guglie laterali del Duomo di Milano…
Eccovi il programma:

Ore 11,30

S. Messa nel Santuario del nostro Beato,
annesso al Centro Pilota di Milano

Ore 13,00

Pranzo nella Mensa del Centro
al costo di € 8,00

Ore 16,00

Concerto nel Santuario di Don Carlo
come da locandina…

Attendo per tempo, le prenotazioni, per coloro che vorranno fermarsi
a pranzo con noi, e siamo certi che saremo sempre più numerosi…
Vi abbraccio tutti!!!
Luisa 035/4945620 3382569690

FIACCOLA 4_2013 imp:ok

21-01-2014

9:54

Pagina 9

Pag. 9

La nostra solidarietà…
“La carità che voglio fare è grande come la mia speranza e la mia fede…”
Don Carlo

È con questo suggerimento di Don Carlo che, è nata la Solidarietà di quest’anno, leggendo l’appello, su di una rivista
Salesiana, che chiedeva di poter dotare 136 bimbi e bimbe che
avevano perso arti con lo scoppio delle mine, di protesi… Subito ho sentito in cuore che Don Carlo ci suggeriva di essere
noi i donatori… e, dopo aver inviato ai Consiglieri la proposta,
naturalmente accolta da tutti con commozione… abbiamo inviato la somma di € 27.200 che copriva l’importo richiesto per
tutte le protesi!!! Ecco quanto ci hanno scritto… e le foto allegate testimoniano la loro gratitudine… “Sono Jim Comino, un
missionario salesiano originario di Mondovì, e collaboro con
Father Mattew, originario dell’India, per portare avanti la missione salesiana di Maridi nel Sud Sudan. Qui abbiamo costruito un piccolo ospedale, che serve soprattutto per l’applicazione
delle protesi ai bambini e agli adulti che sono saltati sulle mine di questa zona. Le operazioni sono fatte da due medici indiani che hanno già iniziato i lavori, dopo l’acquisto delle protesi, grazie al vostro generoso contributo, e continuano, sia pure con lentezza e gradualità, perché i Medici devono dedicare
due giorni della settimana anche all’ospedale di Juba, sempre
costruito dal Vis Lombardia che ne ha affidato la gestione a
delle suore indiane. Vi esprimiamo la riconoscenza dei ragazzi da voi aiutati con questo dono straordinario che li ha fatti rivivere. Per inaugurare l’acquisto delle protesi abbiamo cele-

brato una Messa speciale di riconoscenza per la vostra associazione, affinché il Signore riempia il vostro cuore della stessa gioia che voi sapete regalare agli altri. Durante la Messa ha
preso la parola la mamma di uno di questi bambini. Di voi ha
detto che siete la Provvidenza di Dio e che non vi dimenticheranno mai nelle preghiere che ogni sera dicono nelle loro famiglie. Sappiate che i vostri soldi sono stati impiegati con
scrupolo e secondo le vostre indicazioni.

LA TRAGEDIA DELLE MINE NEL SUD SUDAN
L’area del Sud Sudan e soprattutto la zona delle montagne
della regione Nuba, sono una delle aree del Sudan più contaminate da mine, da bonificare con urgenza. Organizzazioni locali stimano in almeno 1.137, tra morti e feriti, il numero delle vittime da mine dall’inizio del conflitto tra Nord e Sud. Il
90% dei terreni coltivati è inutilizzabile a causa delle mine.
Quasi tutte le strade esistenti inoltre sono minate e la loro bonifica rimane una priorità, anche per poter condurre operazioni umanitarie via terra in queste zone. L’assenza di infrastrutture, le condizioni estreme e il terreno difficile, contribuiscono
a rendere il recupero di queste terre molto problematico e dispendioso.

FIACCOLA 4_2013 imp:ok

21-01-2014

9:54

Pagina 10

Pag. 10

TESTIMONIANZA DI UN MEDICO INDIANO
ADDETTO AI LAVORI
Abbiamo impiegato due settimane per allestire il laboratorio per l’applicazione delle protesi, all’interno dell’ospedale di
Maridi. Il giorno dopo l’inaugurazione siamo stati invasi da
una processione di mamme con i loro bambini mutilati: chi
senza una gamba e chi senza tutte e due. Senza braccia con tutte le combinazioni possibili di amputazioni, tra arti superiori e
arti inferiori. Quel momento è indescrivibile, mi viene ancora
un nodo alla gola, ma resisto e continuo a lavorare con il mio
collega medico. Ogni mattina siamo in piedi alle 5,30 pronti
per riprendere il lavoro. Alle 8,00 precise, un giorno arriva
Nielle, una bambina di 11 anni amputata di tibia. All’inizio è
stranamente euforica, ma quando mi giro verso di lei con le
protesi, dopo un attimo di silenzio la bambina comincia ad urlare disperata e mi dice: “Ma dov’è la mia gamba?”. Io non capisco e chiedo alla mamma, la quale sconsolata mi dice: ”Nielle pensava che le riattaccasse la sua gamba originale, quella
che è rimasta sotto le macerie, dopo lo scoppio della mina”.
Non mi sono mai sentito così male nella mia vita.

LA TESTIMONIANZA DEL MISSIONARIO
JIM COMINO
Vi racconto una mia esperienza scioccante. Prich, un ragazzo
di 11 anni che conosco da tempo nella nostra missione salesiana
di Maridi, si precipita per raggiungere le pecore e per radunare il
gregge. A un certo punto, gli sembra di intravedere un fil di ferro molto sottile e teso al suolo tra un albero e un paletto di legno.
Il suo piede sinistro inciampa nel filo. Una tremenda detonazione lo stordisce. Proiettato 3 metri all’indietro, cade al suolo. Ha
il respiro bloccato. Si sente svenire. Non vede più nulla con
l’occhio destro. Porta la mano al volto. È coperto di sangue. È
dall’occhio che sgorga il sangue e cola caldo, sul suo viso. Trema. Ha la gola secca, bruciante. Ha sete. Sa che c’è un piccolo
stagno lì vicino. Una sola ossessione: bere. Vuole alzarsi in piedi. Impossibile. Solo allora si accorge che la sua gamba destra è
dilaniata. Il tallone è straziato. Anche il polpaccio. Brandelli della sua carne carbonizzata si mescolano alla terra, a schegge di osso, a resti di tessuto. È un miscuglio straziante.

Accorro subito per aiutarlo. Con tutta fretta lo carico sulla
mia moto, lo lego con una corda alla mia schiena e procedo di
corsa verso il nostro ospedale di Maridi appena costruito. Il
chirurgo osserva attentamente il corpo martoriato di Prich.
Senza cercare di reprimere la collera e l’emozione, grida: “È
ancora la schifosissima mina a frammentazione”, e subito si
mette all’opera per curarlo. “La mina è l’arma che viola maggiormente il diritto internazionale: esercita un terrorismo inimmaginabile”, scrive il Cicr (Comitato internazionale della Croce Rossa). Lo scoppio di una mina significa: amputazioni, infezioni, cancrene, cecità. Gli effetti delle mine antiuomo sono
spaventosi. Purtroppo ce ne sono di vari tipi, tutte devastanti:
mine a pressione, mine saltellanti, mine a distanza, mine anticarro. Rimane inoltre il dramma delle mine inesplose.
Secondo l’organizzazione americana Human Rights Watch, le mine prodotte al mondo ogni anno sono circa 10 milioni per un valore di circa 200 milioni di dollari. A nome di Don
Bosco, che vi è debitore, della missione salesiana di MaridiSud Sudan, dei genitori e dei bambini beneficiati della vostra
generosità, rinnoviamo il nostro grazie a tutti i membri della
vostra associazione. Quando, nella predica della Messa, abbiamo comunicato che Luisa e Decimo, e molti altri amici ed amiche, si trovano, come loro, in carrozzella, è stata una commozione generale. È la commozione che ci accompagnerà per tutta la vita quando penseremo a voi con infinita riconoscenza e
con la promessa della nostra continua preghiera.
Uniti nella fede: Jim Comino e Father Mattew
missionari salesiani del Sud Sudan

FIACCOLA 4_2013 imp:ok

21-01-2014

9:54

Pagina 11

Pag. 11

XXIX Raduno Nazionale
Silvi Marina (TE)
Dal 2 al 14 Giugno 2014
Per esaudire le molte richieste pervenuteci, e per favorire
l’arrivo di tutte le amiche ed amici che vogliono trascorrere un
po’ di giorni insieme, abbiamo scelto di tornare all’Hotel Hermitage, che è in centro Italia, chiedendo però come periodo il
mese di Giugno, sperando in giornate calde e ricche di sole…
Ed ecco quindi il programma:
• Arrivi: lunedì 2 Giugno nel pomeriggio, e partenze sabato:14 Giugno sempre nel pomeriggio, quindi per un totale
di 12 gg. completi (non è stato possibile anticipare a sabato 31 Maggio, poiché l’Albergo deve ospitare per quel
week end, ben 400 persone per un Matrimonio…)
• Pensione completa € 45,00 al giorno in camera doppia,
(supplemento camera Singola € 10,00 al giorno, se: senza
balcone, con vista mare laterale… e supplemento camera
Doppia ad uso singolo, con balconcino e vista mare, al 12°
piano, € 20 al giorno)
• Culla o lettino per bambini da 0/3 anni non compiuti, €
7,00 al giorno
• Riduzione bambini 3/6 anni non compiuti in 3° e 4° letto: 50%
• Riduzione bambini 6/12 anni non compiuti in 3° e 4° letto: 30%
• Supplemento per aria condizionata (facoltativa) € 5,00 al
giorno per camera (invece di € 7,00)

Il menù sarà a scelta tra 3 primi e 3 secondi serviti ad ogni
pasto, contorni al buffet, frutta o dolce. Incluse bevande: acqua
e vino della casa in caraffa. Nel prezzo è incluso anche un ombrellone con una sedia a sdraio ed un lettino prendisole per
ogni camera. I prezzi sono comprensivi di IVA ma non comprendono eventuali imposte di soggiorno che per ora il Comune non ha richiesto… Noi avevamo chiesto 100 camere, ma il
Direttore, Sig. Nino Di Simone ha potuto concedercene solo
80, (perché è già stagione piena…) quindi è assolutamente necessario che prenotiate per tempo, inviando a mezzo BB o ns.
c/c/postale l’acconto di € 200,00 (duecento) a persona, e bloccare così le camere necessarie…
Il costo complessivo del Raduno sarà dunque di € 550,00
a persona comprensivo della quota per l’organizzazione…
Studieremo altre gite… e vi sarà consegnato il programma
al vostro arrivo… Rimango in attesa e… mi raccomando, debbo poter dire al Direttore, se copriamo tutte le camere o meno… Bando alla pigrizia… e a prestissimo!!!
Luisa 035/4945620 3382569690
(Riporto i dati per il Bonifico Bancario sul conto della nostra
Associazione: IBAN - IT70U030 6953 1901 0000 0002366
BIC - BCITITMM)

Notizie utili
PROVVIDENZE ECONOMICHE PER INVALIDI CIVILI, CIECHI CIVILI E SORDI:
IMPORTI E LIMITI REDDITUALI PER IL 2014
Nella tabella che segue riportiamo gli importi in euro, comparati con quelli del 2013.
Tipo di provvidenza

Importo

Limite di reddito

2013

2014

2013

2014

Pensione ciechi civili assoluti

298,33

301,91

16.127,30

16.449,85

Pensione ciechi civili assoluti (se ricoverati)

275,87

279,19

16.127,30

16.449,85

Pensione ciechi civili parziali

275,87

279,19

16.127,30

16.449,85

Pensione invalidi civili totali

275,87

279,19

16.127,30

16.449,85

Pensione sordi

275,87

279,19

16.127,30

16.449,85

Assegno mensile invalidi civili parziali

275,87

279,19

4.738,63

4.795,57

Indennità mensile frequenza minori

275,87

279,19

4.738,63

4.795,57

Indennità accompagnamento ciechi civili assoluti

846,16

863,85

Nessuno

Nessuno

Indennità accompagnamento invalidi civili totali

499,27

504,07

Nessuno

Nessuno

Indennità comunicazione sordi

249,04

251,22

Nessuno

Nessuno

Indennità speciale ciechi ventesimisti

196,78

200,04

Nessuno

Nessuno

Lavoratori con drepanocitosi o talassemia major

495,43

501,38

Nessuno

Nessuno

FIACCOLA 4_2013 imp:ok

21-01-2014

9:54

Pagina 12

Pag. 12

L’angolo dei ricordi…
(Ho ricevuto questi auguri e mi sembra esprimano così bene la
“fortuna” della nostra amicizia che li condivido con tutti voi…)
Carissimi tutti, un grande ciao, ogni volta che ricevo gli
auguri da qualcuno di voi, penso sempre alla grande fortuna di
avere vissuto anni belli in vs. compagnia, in un ambiente fantastico con educatori fantastici e una grande “Secchia rapita”
come assistente. Comunque, bando alla nostalgia e guardiamo
avanti; per questo sappiate che con l’amico Giovanni e il coinvolgimento di Armando, stiamo pensando di risvegliare i cuori con un incontro conviviale in primavera, così da passare
qualche ora in piacevole compagnia. Passata la sbornia di queste festività, ci metteremo al lavoro per organizzare il tutto,
con la speranza di ritrovarci numerosi più che mai. Ora vi lascio ai Vs. panettoni, augurando a tutti voi e alle vostre famiglie il più bel Natale possibile e un 2014 ricco di gioia e soddisfazioni. Un abbraccio.
Mario ONORINI e famiglia
Ciao Luisa, ti ringrazio dell’immediato invio dei numeri
arretrati delle Fiaccole, come concordato telefonicamente, in
futuro inviamele sempre per via telematica eviti così le spese
di stampa e di spedizione ed io ho la ricezione sicura e immediata. Ti allego anche una foto di mia figlia LAURA che Lunedì 16 Dicembre si è laureata in scienze sociali (Assistente
Sociale) all’università di Parma.
Ovviamente io e Daniela, mia moglie, ne siamo particolarmente contenti, anche per la dedica scritta sulla tesi che ci ha
particolarmente commosso che qui sotto ti riporto:
A mia nonna Luisa,
donna fragile e apprensiva che in fin di vita,
con l’ultimo rantolo di voce che le restava,
ha pronunciato il nome di mio padre.
A mio padre,
uomo coraggioso e di grande forza
che mi ha insegnato
ad andare oltre le apparenze,
sempre.
A mia madre,
che ha scelto di sposare
mio padre e il suo handicap,
per tutta la vita.
Auguri a tutti da:
Giovanni Pasetti e famiglia.
(desidero rettificare la didascalia della foto in alto a destra apparsa sulla Fiaccola di
Settembre: dove vi sono le amiche RIVA Mirella (non Graziella Rigoldi) e BENEDETTO
Anna Maria… mi scuso del refuso…)

Buongiorno, sono la figlia del Sig. MOTTA Vittorio di
Cassolnovo provincia di Pavia.
Mio papà è un ex allievo Don Gnocchi e ci siamo visti al
recente raduno che si è tenuto a Parma.
È stata una bella festa, dove mio papà ha rivisto il collegio
nel quale, per anni era stato ospitato.
Il 12/10/2013 con mia mamma Luisa, ha festeggiato il 55°
anniversario di matrimonio e sarei proprio felice se poteste
pubblicare sul giornalino “La Fiaccola” la loro foto che trova
in allegato, ricordando questo bellissimo traguardo raggiunto
Se vuole può mettere una dedica e precisare che loro sono
esempio di amore per i figli Mario, Ezio e Marzia. Inoltre in
occasione della festa, hanno ricevuto dei soldi che devolveranno all’Associazione…
La ringrazio di cuore.
Marzia MOTTA
(Grazie infinite dell’offerta e… mille auguri per il bel traguardo raggiunto e… soprattutto per l’affetto immenso che vi lega…
Don Carlo continua a benedirvi!!!)

Miei cari amici, mentre rovistavo nei cassetti per fare un
po’ di pulizia, guardate cosa ho trovato! Era un Natale del
1967, si festeggiava prima di andare tutti a casa!
Al Centro Pilota Don Gnocchi di Milano, Via Capecelatro,
66! Sono passati ben 46 anni!!!! Sono davvero tanti!
Si riconosce molto bene Gollino Romeo, l’assistente; in
primo piano Afrune, Ernesti; Agnellini Enrico; da sinistra:
Gallina Walter; Redana Giuseppe; Corinaldesi Alessio; Cascone Giuseppe; Vincenzi Mariano; Rosa Pierluigi; accanto a
Gollino: a destra: Grippo Rocco; alla sinistra di Gollino: Iocco Rocco; Palazzi Silvano; Nardini Adriano; Santiani Lucia-

FIACCOLA 4_2013 imp:ok

21-01-2014

9:54

Pagina 13

Pag. 13

no; in piedi da sinistra della foto
(che fanno casino); Mascetti
Giuseppe; Masciullo Emilio;
sempre in piedi il primo a sinistra della foto: Porro Giuseppe;
Villa Mario; Pini Giuseppe; Cacavo Savino!
Ecco, dovrei averli citati tutti!
Bel regalo, vero ragazzi?
Beh, ora fate i vostri commenti, poi mi dite!
Giuseppe CASCONE

Carissima Luisa, grazie mille per la Tua solerzia e gentilezza. Oggi ho avuto, per merito Tuo, il mio REGALO e la
mia Buona Giornata con il ricevimento della Nostra FIACCOLA. Grazie ancora di cuore. Un caloroso abbraccio a Te
e a Decimo.
Giuseppe COFINI
(Grazie a te, carissimo e fedele amico… è un dono averti tra
noi!!! Luisa)

Anniversario Matrimonio Ambroselli e nipoti
Con tanti auguri anche da parte di ciascuno di noi, pubblichiamo volentieri la foto ricordo del 45° di Matrimonio di:
Giuliana Ambroselli, il marito Michele ed i nipotini: Bea, Simone e Lorenzo.

Battesimo di Gabriele figlio di Giusy Di Stefano
Condividiamo la gioia immensa dell’amica Giusy Di Stefano, Ex Allieva del Collegio di Pessano, per la nascita del piccolo Gabriele, che ha allietato la loro famiglia… Eccoli nel
giorno del Santo Battesimo!!! Vi vogliamo tra noi… presto!!!
Luisa cara. Con piacere ho ricevuto i calendarietti 2014,
per me preziosi perché mi ricordano le opere straordinarie realizzate da don Gnocchi autentico santo del fare e valorizzatore
della condizione umana anche la più compromessa. Uomo e
spero prossimo Santo che va inserito tra i grandi protettori
dell’umanità più avversata di ogni tempo. Ti ringrazio per la
costante vicinanza che mi riservi. un augurio di buon anno a te
e consorte ed a tutti coloro che si sono affidati alle capacità di
coagulo morale della tua persona. Con un ciao caro.
Osmano CIFALDI

“Ciao Luisa e Decimo e grazie per il solito invio! Che dispiacere nel leggere che tanti amici se ne vanno... mi ha colpito
Paolo Dalla Chiesa e vi devo ringraziare perché avete citato anche papà: erano grandi amici, tutte le volte che si incontravano
era una festa... e adesso tutti noi abbiamo un angelo in più che ci
guarda e protegge. Non conosco personalmente i famigliari di
Paolo ma per cortesia fai loro le condoglianze da parte mia e di
mio fratello. Un saluto a tutti quelli che conosco e che si ricordano di papà e un bacione a te e Decimo. Quasi dimenticavo: grazie per i bollini e le parole che - come sempre - hai scritto sulla
lettera di accompagnamento. Ti allego una fotografia che ritrae
papà e mamma nel giorno del loro matrimonio: il 25/7/1959: mi
farebbe piacere se riuscissi a pubblicarla su “La Fiaccola”. Adesso smetto di stressarti, ancora un abbraccio ed un bacione.
Anna GIACINTI
(La foto a pagina seguente è del 25 luglio 1959, data del matrimonio di papà e mamma: la mia mamma si chiamava Caterina.)

FIACCOLA 4_2013 imp:ok

21-01-2014

9:54

Pagina 14

Pag. 14

Matrimonio Giacinti Giovanni e Caterina

Chiesa Bernareggio

Non essendo venuta di persona all’incontro per lo scambio
degli auguri, ve li invio telematicamente con tanto affetto.
Sull’ultimo numero della Fiaccola, mi sono riconosciuta nella
fotografia inviata dalla cara Marisa Di Martino, che saluto e
ringrazio. Ci trovavamo a Lourdes nel lontano 1965 (bei tempi, specialmente perché eravamo molto giovani), oltre a me e
a Marisa, ci sono anche Carla Morazzo e Luciana Matteucci
(spero di non aver sbagliato i cognomi). Un forte abbraccio.
Romana COLCIAGO
Gli Ex Allievi sono spesso invitati a partecipare a cerimonie ed a testimoniare la conoscenza diretta con Don Carlo, ecco le due belle testimonianze di Gianni Galbusera, e Fabrizio
Benedini, fra i primi Orfani accolti da Lui:
“Siamo stati invitati dal gruppo Alpini di Bernareggio (MB)
alla commemorazione del 4° anniversario della Beatificazione
del nostro amato Don Carlo. Era il pomeriggio del 26 Ottobre
2013, e noi abbiamo accettato con entusiasmo. Abbiamo sfilato con il gonfalone dell’Associazione, che rappresenta tutti i
suoi “figlioli”, ed io e Fabrizio ci siamo alternati a portarlo fino a raggiungere la Parrocchiale di Santa Maria Nascente, dove è stata celebrata la S. Messa dal Parroco e da Don Maurizio
Rivolta, Cappellano del Santuario di Don Carlo, oltre a Don
Bruno Fasani, Direttore della rivista “L’Alpino”. La Chiesa era
stracolma… poi ci siamo ritrovati in oratorio per la cena a base di stufato, polenta e gorgonzola… ed anche Luisa e Decimo
hanno gradito… Non perdiamo mai occasione per parlare e pregare il nostro Papà Don Carlo e soprattutto testimoniare e far
conoscere la Sua grande Opera, chiedendo sempre la Sua protezione, così come ha sempre fatto con noi, quando era ancora
in vita… Un saluto a tutti i fratelli in Don Carlo!”
Ed ancora: “Sono stato contattato da un’insegnante della
Scuola Elementare, per parlare di Don Carlo ai ragazzi di 5°
avendo introdotto, nell’ora di catechismo, una ricerca sulla vita
di Don Carlo! Ero entusiasta ed ho raccontato della mia vita nei
Collegi di Don Carlo: Arosio 1945/1946 e Cassano Magnago
1946/1949. Ho testimoniato la mia esperienza diretta con
l’uomo, il sacerdote, l’educatore e benefattore, (non mi stancherò mai di testimoniare il Bene da Lui ricevuto). Tre classi
con le rispettive maestre, 60 bambini, (di cui 2 musulmani che

Sfilata Bernareggio
avevano chiesto di essere presenti, col permesso dei genitori)
e… un silenzio di tomba, un’attenzione indicibile, e… alla fine,
mille domande, tantissime braccine che si levavano per chiedere… Non me lo sarei mai aspettato… un’esperienza grandissima e la loro completa attenzione al racconto, mi ha emozionato
non poco. Così anche loro ora sanno cosa ha fatto il nostro Don
Carlo, per noi allora ed anche ora con la Sua opera che continua… Quanta riconoscenza!!!
Gianni GALBUSERA”
Cerco contatti con Ex Allievi del Collegio Santa Maria alla Rotonda di Inverigo anni 1956 - 1960.
Marcello TELLINI - 3471556115
Cara Luisa, ti ringrazio per quanto mi hai mandato e, in futuro, spero di partecipare ad uno dei meravigliosi soggiorni
che organizzi, anche se non faccio parte del meraviglioso “popolo” di coloro che sono stati nei vostri Collegi, ma sono molto amica di alcuni di loro: Doriana Martinello, Costantino Baroni e… faccio parte comunque di coloro che hanno avuto la
polio e che, negli anni ’50, ricevettero la grande bambola che
veniva spedita dal Don Gnocchi di Milano. Vi saluto caramente e vi ammiro per ciò che fate!!!
Liliana MARCATO - Bolzano

FIACCOLA 4_2013 imp:ok

21-01-2014

9:54

Pagina 15

Pag. 15

Hanno raggiunto la patria celeste...
L’Assistente Lepore Giorgio, aveva
desiderato far parte della nostra Associazione e volentieri avevamo pubblicato il
suo scritto e la sua foto nella Fiaccola n. 1
di Marzo 2013, quindi, quando Serafino
Calendano, dopo mesi ci aveva chiesto di
poterlo contattare, con gioia gli abbiamo
dato il numero di telefono… Ma subito
dopo Serafino ci comunicava che l’assistente aveva già raggiunto il Paradiso il 14 Settembre 2013. Lo ricordiamo al Signore… Gent.ma sig.ra Luisa, in allegato inviamo la foto di
papà nato a San Giorgio del Sannio (BN) l’8 febbraio 1935 e
cristianamente ha raggiunto la casa del Padre il 14 settembre
2013 in Ivrea (TO).
Un fraterno saluto.
Giuliana, Patrizia ed Angelo LEPORE

Anche Sorella Luciana Casarin, nostra Educatrice a Pessano, è andata in Paradiso… dopo anni ed anni di sofferenza. Sorella Luciana apparteneva a quel gruppo di sette sorelle da cui
è germinato nella Chiesa Ambrosiana l’Istituto Religioso delle Minime Oblate del Cuore Immacolato di Maria. Nata a Milano in una famiglia composta da mamma, papà e cinque figli,
nel luglio 1949 a 22 anni si unì al piccolo gruppo di signorine
che con Amelia Pierucci, Giuseppina Sala e Giuseppina Galletti iniziava a Villa Francesca (ora Centro Mamma Rita) di
Monza l’esperienza della vita comune delle Minime Oblate,
per esprimerla nel Collegio delle Mutilatine di Pessano e nelle
sedi della Piccola Opera. Per questo anche negli anni della malattia vissuti nel nascondimento Sorella Luciana ha ricevuto
visite solitarie e spesso silenziose di uomini e donne, dalla bellezza matura e dal candore infantile che cercavano, oltre le sue
lenti spesse, lo sguardo dolce e luminoso di una mamma. Lei,
sposa del Re dei Re, in quelle occasioni rivelava l’umile orgoglio della madre che, avendo trafficato i suoi talenti, affidava
alla società uomini onesti e liberi e rendeva al Signore il centuplo di cui l’aveva resa inconsapevolmente capace. In
un’attesa senza tempo si è consumata la sua vita perché per lei,
Sorella Luciana Rosa Maria dell’Eucarestia, l’icona era
un’Ostia bianca di Pane quotidiano.
(Ricordiamola così… ora ha raggiunto le Consorelle e ricevuto il meritato premio…)

Mentre telefonavo, agli amici ed amiche che da tre anni consecutivi, non rinnovavano l’abbonamento, ho scoperto che
Campanari Tonino, Ex Allievo di Parma
anni 1959 - 1969, era deceduto in data 24
Gennaio 2013. Ho chiesto alla famiglia di
farci avere una sua foto ed eccoci a ricordarlo nella preghiera quotidiana…

Riceviamo questo scritto dall’Ex Allievo Carlo Inverardi, a ricordo di due Mutilatini del Collegio di Parma che sono
scomparsi a pochi giorni di distanza: Carlo Cecchini, deceduto il 19/10/2013 e Vidoni Ferruccio deceduto il 7/11/2013. Siamo entrati in Collegio nell’anno 1948 ed
abbiamo frequentato le stesse classi fino al
Cecchini Carlo 1957. Carlo era nato in provincia di Pesaro 80 anni fa, dopo il diploma di Ragioniere, si era trasferito a Treviso dove viveva
con la famiglia. Qui ha lavorato come direttore dell’Opera Mutilati Invalidi di
Guerra all’USL.
Ferruccio era nato in provincia di Udine 79 anni fa, dove, fino agli ultimi giorni, ha vissuto assieme alla sua famiglia.
Diplomatosi ragioniere, nonostante fosse
grande invalido, con amputazione di enVidoni Ferruccio trambe le mani, svolse con successo attività impiegatizie in banca.
Dopo aver frequentato le scuole dell’avviamento e tecnico commerciali assieme al sottoscritto e ad altri amici, abbiamo preso l’impegno di frequentare un corso integrativo,
(fortemente voluto da Fratel Edesio, al secolo Professor Giuseppe Gambino), con accesso alla terza ragioneria, fino al
conseguimento del diploma nel 1957.
Inutile descrivere la soddisfazione del nostro direttore per
i primi diplomati all’Istituto “Mutilatini” con un unico rammarico: la scomparsa del nostro amato Don Carlo un anno
prima, che teneva tanto a dimostrare all’opinione pubblica, il
valore dei Suoi ragazzi. Il primo corso integrativo era composto dagli amici: Cecchini, Ferrucci, Ranno, Boscolo, Moroni, Tinti, Inverardi. Alle famiglie Cecchini e Vidoni, le più
sentite condoglianze.”
Carlo INVERARDI

FIACCOLA 4_2013 imp:ok

21-01-2014

9:54

Pagina 16

Pag. 16

Anche l’Ex Allievo Giovanni Fraticelli, è tornato alla Casa del Padre il
9/11/2013, ecco i saluti degli amici: “Ciao
Giovanni, i tuoi amici ed amiche delle
Marche, Lombardia e tutti coloro che ti
hanno conosciuto, ti esprimono fraternamente il loro affetto.
Ti vogliamo ricordare sempre per quello che eri: gioviale, simpaticamente allegro, avevi per tutti la frasetta giusta. Ricordiamo ancora gli incontri a casa tua, accolti sempre con grande generosità ed era
sempre una gran festa sia per te che per i tuoi amatissimi familiari. Prega per noi e proteggici.
Anche noi non ti dimenticheremo mai.”

Gentilissima Signora Luisa, scriviamo
per comunicare alla vostra associazione e
agli amici della Fiaccola che Luciano Betta è ritornato alla casa del Padre il 13 novembre 2013 dopo un anno di malattia.
Grazie a tutti Voi - La moglie: Iole e la figlia Katia Betta.
Ti ricorderemo caro Luciano, per la tua
dolcezza e disponibilità… ora goditi il meritato premio e… veglia su tutti noi!!!

L’ex allievo di Don Carlo Gnocchi
Giuseppe Pasquini ex dei Collegi di Parma e Torino, è deceduto il 15 novembre
2013.
È stato riconosciuto come miglior allievo per quanto riguarda la lettura, pertanto le varie direzioni dei collegi che lo
hanno ospitato lo designavano alla lettura
del messaggio di benvenuto alle autorità
religiose e politiche in visita alla struttura.
Nella sua vita post collegiale è stato membro del Consiglio
Provinciale dell’Associazione Nazionale Vittime Civili di
Guerra Onlus dal 1963 fino al suo decesso.
Tutti coloro che lo hanno conosciuto lo ricorderanno e lo
porteranno nel cuore per le sue grandi doti morali e per la disponibilità sempre dimostrata verso il prossimo. Grande rimpianto per la perdita del caro amico.”
Il Presidente dell’ANVCG di Carrara: Elio BERNABÒ

Il 25 Novembre 2013, anche Nicola
Orlando, Ex allievo dei Collegi di: Parma
- Torino e Salerno, e marito dell’Ex Allieva di Pessano, Teresa Polidoro, ci ha lasciati… Aveva solo 57 anni… Così scrive
la figlia: Orlando Nicola è nato il 22 agosto del 1956 ad Angri (SA). Ha preso la
poliomielite a dodici mesi e all’età di sei
anni è entrato in collegio presso l’istituto
Don Carlo Gnocchi a Torino. In seguito si è spostato nel Collegio di Salerno e infine a Parma dove ha conosciuto Teresa,

una ragazza di Torino di Sangro (CH) anche lei poliomielitica,
che presto diventerà sua moglie. Nel 1977 si sposano e vanno
ad abitare nel paesino di lei, iniziano a lavorare in una camiceria, lei come sarta e lui come ragioniere. Dopo un anno mettono al mondo Gennaro un bellissimo bambino dai capelli ricci e biondi.
Purtroppo poco dopo la fabbrica chiude e Nicola e Teresa si ritrovano senza lavoro. Dopo svariati colloqui nel 1989
Nicola trova lavoro nel comune di Silvi (TE) e la famiglia si
sposta con lui, prendono casa e nel 1990 nasce la secondogenita Chiara, una bellissima bimba dai capelli lisci e neri. In seguito la famiglia cresce, si allarga: Gennaro si fidanza con
Norma e Chiara con Rino. Purtroppo nel dicembre 2010 viene
diagnosticato un tumore a Nicola e con urgenza viene subito
asportato.
La malattia sembra finire lì, ma dopo soli sette mesi riappare, subito dopo il matrimonio di Gennaro e Norma. Ma Nicola e tutta la famiglia sono forti, talmente forti che lo sconfiggono una seconda volta.
Fino a quando agli inizi di settembre 2013, il tumore si ripresenta ancora più forte e il 25 novembre il suo cuore smette
di combattere. Lasciando la famiglia con il ricordo di un marito e di un padre pieno d’amore.

Il 30 Novembre 2013 l’Ex Allievo: Bosio Fernando ha terminato la sua vita terrena… dopo l’infortunio bellico era stato
ospite del Collegio di Don Carlo a Parma,
ed è stato attivo collaboratore, per lungo
tempo, dell’Associazione Provinciale Vittime Civili di Guerra di Trento, in qualità
di Consigliere e Presidente Regionale.
Tutti coloro che lo hanno conosciuto, lo
ringraziano e pregano per lui…

Anche l’Ex Allieva di Pozzolatico Lidolina Rossetto, dopo soli 10 gg. di malattia, ci ha lasciati il 18 Dicembre 2013, ci
stringiamo ai suoi cari e lasciamo la parola agli amici: Pietro e Idelma: Ciao Lidolina, anche tu hai voluto andare avanti ad
aspettarci. Di te noi ricordiamo la tua casa
sempre aperta, accogliente e festosa.
Quante volte ci avete ospitato con gran
daffare per marito e figli e stavamo veramente bene insieme.
Ogni occasione era buona e nessuno si tirava indietro. Ricordi
quella volta che siamo andati al carnevale in san Marco e
Amedeo ha sbagliato il conto dei ponti da superare (credeva
che non ce ne fossero e invece…. ma, rocambolescamente li
abbiamo superati).
Io davanti con le stampelle che sembravo Mosè che guidava il popolo di “sifuli” attraverso quel mare di folla multicolore che si apriva per far passare la nostra fila di carrozzine per
goderci lo spettacolo. Eravamo noi la vera attrazione quel giorno e ci siamo davvero divertiti tanto. Ora aspettaci e quando ci
rivedremo sarà sempre una festa.
Ciao amica nostra.


Documenti correlati


Documento PDF fiaccola 4 2013 1


Parole chiave correlate