File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Ricerca PDF Assistenza Contattaci



2014.02.17 Valeria Rosini .pdf


Nome del file originale: 2014.02.17 - Valeria Rosini.pdf
Titolo: 2014.02.17 - Valeria Rosini

Questo documento in formato PDF 1.4 è stato generato da PDFCreator Version 1.7.1 / GPL Ghostscript 9.07, ed è stato inviato su file-pdf.it il 18/02/2014 alle 11:52, dall'indirizzo IP 2.235.x.x. La pagina di download del file è stata vista 1176 volte.
Dimensione del file: 47 KB (2 pagine).
Privacy: file pubblico




Scarica il file PDF









Anteprima del documento


Valeria Rosini (UAAR) – intervento sulla Carta di Milano
Rappresento la Consulta Milanese per la Laicità delle Istituzioni,
ma come tutti coloro che ne fanno parte, ho una doppia appartenenza, perché anche noi, come
Il Forum delle Religioni, siamo una associazione di associazioni. Dirò quindi che rappresento
anche il Circolo di Milano dell'UAAR, Unione degli Atei e degli Agnostici Razionalisti, e che è in
questa veste che partecipo, con molta convinzione, e fin dal suo inizio, ai lavori della Consulta,
la quale ha deciso di dedicare la sua annuale celebrazione del 17 febbraio al Forum delle
Religioni e alla Carta di Milano.
Dunque: siamo tutti in associazioni di associazioni. Credo che questa sia una buona formula:
un modo per mettere insieme le risorse di pensiero di tanti e diversi, alla ricerca di soluzioni
leali ai problemi della convivenza civile.
Dopo avere letto con attenzione la Carta di Milano, mi sento di esprimere qui il più caloroso
benvenuto al Forum delle Religioni, che con i dieci punti della sua Carta, entra a far parte di
coloro che, in Italia, si battono per la piena applicazione dell'articolo 3 della Costituzione, che
richiama alla parità dei diritti di tutti i cittadini al di là di qualunque diversa appartenenza o
condizione personale.
E il richiamo al bellissimo e disatteso articolo 3, si legge, chiaro, fin dall'introduzione, nella
Carta di Milano.
Nei primi punti della Carta le religioni che fanno parte del Forum si prefiggono non solo di
rivendicare le loro libertà con spirito di eguaglianza reciproco, ma anche di essere parte attiva
nello scambio con le istituzioni. Fondamentale, secondo me, perché è proprio nello scambio
con le istituzioni che ci incontriamo e ci confrontiamo tutti.
E' lì, in quello scambio, che si costruisce la “Casa comune”.
Si vede emergere, direi come necessità inevitabile, che, se le religioni si aprono al dialogo
reciproco, non possano farlo per stabilire quale delle fedi sia quella giusta (ciò su cui non esiste
accordo possibile) ma debbano partire dal riconoscimento che ogni fede, come ogni opinione,
hanno pari diritto di cittadinanza e devono essere tutelate tutte insieme.
Ovvero: se le religioni dialogano tra loro non possono che occuparsi delle libertà di tutti.
A tal proposito trovo di grande stimolo il punto 5, in cui si auspica la possibilità che tutti
abbiano l'opportunità di conoscere le tradizioni religiose (e aggiungerei “e le culture non
religiose”) presenti nella collettività.
Infatti: come si potrebbe parlare di libertà di coscienza, di religione e di opinione, in assenza
di consapevolezza e conoscenza?
Sarebbe forse libertà di religione e di opinione quella che consente ad ogni individuo di
conoscere solo la cultura dei suoi antenati, rimanendo chiuso nell'alveo della sua piccola o
grande comunità culturale?
E' possibile parlare di libertà se non c'è scelta?
E c'è scelta senza conoscenza e confronto?
A noi sembra di no!
Molto giusto mi sembra anche il modo di affrontare la questione dei simboli religiosi che
devono, sì, poter essere indossati sulla persona come manifestazione della libertà di
espressione, ma che devono anche essere limitati per i rappresentanti degli uffici pubblici.
Questo significa che il Forum delle Religioni ha dato MOLTA importanza alla neutralità degli
spazi pubblici, perché solo se sono neutrali ognuno può sentirvisi a casa sua, e non
“graziosamente ospite a casa d'altri”, come capita di sentirci all'ombra dei crocefissi.
Allora, se è importante il dialogo reciproco, se è importante la reciproca conoscenza e la
neutralità di luoghi comuni, mi sembra, anche se la Carta non entra nel dettaglio, che non ci si
possa che dirigere che verso la valorizzazione della scuola pubblica come luogo primo e
universale dell'incontro e del dialogo.
Non sono sicura che questo sarà in futuro l'esito cui giungerà il Forum delle Religioni, anche se
a me sembra ben avviato in questa direzione, ma se così sarà potremo dire che le Religioni del
Forum sono riuscite a non cadere in una terribile tentazione:
quella di seguire il cattivo esempio di quei cattolici che vorrebbero sempre più numerose e

sempre più fruibili le scuole confessionali, le quali, per loro stessa natura, separano tra di loro i
futuri cittadini per appartenenza religiosa, impedendo di conoscersi, frequentarsi, capirsi,
confrontarsi, e negando con ciò il diritto fondamentale di una scelta basata sulla conoscenza e
sullo spirito critico.
Noi pensiamo che la scuola pubblica, che induce vicinanza e consuetudine di frequentazione fra
i ragazzi di tutte le provenienze culturali (ma fra un po' anche tra insegnanti di tutte le
provenienze culturali), sia l'unica garanzia contro la violazione del diritto fondamentale di
conoscere gli altri. Tutti gli altri.
Che però il Forum delle Religioni giunga alla stessa conclusione non sarebbe un esito scontato,
ne' banale.
Sappiamo infatti che in altri paesi, pur laici, si è scelta quella concezione della laicità che è
nota come multiculturalismo.
ovvero quella che riconosce sì, il diritto di ogni comunità di organizzarsi come meglio crede,
ognuna con pari diritto, creando scuole comunitarie, o confessionali.
Ma senza prevedere quelle che sarebbero state le conseguenze di comunità e culture diverse
che condividono lo stesso territorio, ma senza nessuna conoscenza reciproca e senza
sviluppare capacità reciproca di relazione.
Non solo questo modello ha dato risultati negativi sul piano della convivenza, ma ha negato ai
singoli individui di scegliere liberamente e consapevolmente cosa e quanto accogliere della
cultura dei genitori e degli antenati, e cosa invece scegliere di cambiare nel reciproco scambio
e arrochimenti con tutti gli altri.
Insomma, una concezione della laicità che rispetta i gruppi nel loro perpetuarsi, ma non
rispetta l'unicità e la libertà dei singoli individui.
E,...
cosa forse ancor più grave, non costringe alla scoperta, o alla costruzione, di un
linguaggio comune, di un bagaglio di concetti condivisi, mattoni fondamentali per poter
ragionare insieme.
E senza questo non può esistere, a mio avviso, “Casa comune”.
Per una volta, forse, l'arretratezza italiana nell'affrontare i temi della convivenza tra culture
diverse, ci offre un vantaggio: quello di avere il tempo per imparare dagli errori degli altri e
non ripeterli.
Se vogliamo, però, collaborare con forza in questa direzione, dobbiamo affrontare una
necessità, di cui il Forum delle Religioni, molto signorilmente, non parla:
La necessità di combattere coloro che, in Italia, godono di privilegi che, se fossero estesi a
tutti sarebbero pericolosi, e che se sono mantenuti a pochi costituiscono ingiustizia verso tutti
gli altri.
La Carta dice come sia giusto che i luoghi di culto debbano essere pagati dalle diverse
comunità religiose e non con i soldi di tutti. Siamo d'accordo! Ci piacerebbe che così fosse
anche per i cattolici, dai quali ci aspettiamo di vedere nei prossimi anni, un dibattito sempre
più aperto e generalizzato che li renda consapevoli che tenere privilegi per sé significa imporre
ingiustizia a tutti gli altri.
Ma, certamente, i luoghi di culto, a spese dei fedeli stessi, non hanno ragione alcuna di essere
limitati.
La frase conclusiva della Carta richiama per l'ennesima volta alla libertà di religione e di
opinione. Non può che trovarci in pienissimo accordo.
Se dovessi, alla fine, fare un appunto, lo farei sul vago punto 3, e su di una questione che
lascerò poi al dibattito, e non solo a quello di stasera.
Come si può chiedere che le istituzioni e gli spazi pubblici siano neutrali, e nello stesso tempo
raccomandarsi il rispetto per le tradizioni culturali e i simboli religiosi che sono stati e sono
presenti nel paese?
Non avevamo detto che il rispetto dev'essere per TUTTI?
E che dev'essere reciproco?
Sembra quasi, in questa raccomandazione un po' sibillina, apparentemente inutile, che ci sia
qualche timore di infastidire i padroni di casa...
Ma... abbiamo forse dei padroni di casa?


2014.02.17 - Valeria Rosini.pdf - pagina 1/2
2014.02.17 - Valeria Rosini.pdf - pagina 2/2

Documenti correlati


Documento PDF 2014 02 17 valeria rosini
Documento PDF turi valeria foto
Documento PDF ter14016 rf summary def 2015
Documento PDF d 1 test misti
Documento PDF documento1
Documento PDF 1 274 20151029163543


Parole chiave correlate