File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Ricerca PDF Assistenza Contattaci



dizionario scolastico girifalcese .pdf



Nome del file originale: dizionario_scolastico_girifalcese.pdf

Questo documento in formato PDF 1.4 è stato generato da Writer / LibreOffice 4.2, ed è stato inviato su file-pdf.it il 02/03/2014 alle 06:55, dall'indirizzo IP 79.22.x.x. La pagina di download del file è stata vista 1774 volte.
Dimensione del file: 142 KB (19 pagine).
Privacy: file pubblico




Scarica il file PDF









Anteprima del documento


Dizionario di Girifalcese
Questo dizionario è nato da un progetto scolastico delle scuole elementari, svoltosi nei primi anni
di questo secolo: i bambini sono stati coinvolti nel crearlo, chiedendo ai nonni e parenti tutte le
parole che riuscivano a ricordare, con relativa traduzione.
Tratto dal sito web:
http://www.slide-show.net/girifalco/dizionario-di-girifalcese

A
Abballariara: camminare ballonzolando
Abbampatizzu: arrossato da fuoco; avvampato
Abbarraccatu: sudato e affaticato
Abbitu: vestito
Abbivarara: irrigare
Accattara: comprare; partorire
Accettijara: tagliare a pezzi
Acchiappatedda: giocare a rincorrersi
Accia: sedano
Accijatura: tagliere
Accjiara: tagliare la carne a tocchetti
Accucchiara: avvicinare
Acquazzina: rugiada
Addemurara: fare tardi
Addemurata: avariata
Addirta: alzato
Addunara: visitare; controllare
Addurara: odorare
Adocchiara: guardare con insistenza; avere o
fare il malocchio
Affritta: triste; sconsolata; afflitta
Agghialuaru: oliera; orzaiolo
Aggrippatu: stropicciato
Aggrugnara: avvicinare la legna al fuoco
Agrancu: granchio
Alijara: sbadigliare
Allampanatu: smagrito
Allampatu: affamato
Allentara: dimagrire
Alliaggiu: andare piano
Allumara: vedere; scorgere
Ammancatura: periodo di luna calante
Ammanteddatu: stare poco bene
Ammasunara: appollaiare; far rientrare le galline
nel pollaio
Ammucciara: nascondere
Ammucciatedda: giocare a nascondino
Ammussatu: imbronciato; vedi mingra
Ammuzzata: prezzo ad occhio; cottimo di un
lavoro; roba pagata senza pesarla
Ampratu: steso
Ànditu: impalcatura; pergolato
(?)Àmalu: arnese per raccogliere il filo
Annacara: cullare; dondolare
Annettara: pulire
Annigrumatu: nuvoloso
Appaloratu: prenotato
Appicciara: accendere
Appizzara: sprecare; andare a male

Apprettaddusu: dispettoso
Appunteddara: appoggiarsi; puntellare
Argagnaru: venditore di oggetti di terracotta
Arpa: falce grande
Arrancara: saltare
Arrappatu: avvizzito
Arriccognatu: rachitico
Arricottatu: latte acido
Arriganati: preparazione con origano e sale
Arriminara: sbrigarsi
Arringara: tirare contro; lanciare
Arripicchiatu: sgualcito; stropicciato
Arrocculara: cadere rotolando
Arruggiatu: arrugginito
Arrunzunatu: frettoloso
Arvuru: albero
Asciummicara: togliere il malocchio; affumicare
i salami
Assettara: sedere
Astricu: pavimento
Attroppicara: inciampare
Attruzzara: toccare
B
Babbu: pupazzo
Baccamuartu: stupido
Baddalora: padella per fare le caldarroste
Baddari: pop-corn
Bagagghjiu: asino
Ballatura: pianerottolo
Barretta: berretto
Battaru: fiammifero
Baullu: baule
Bbalicia: valigia
Biæddu: bello
Biccherinu: bicchiere piccolo; bicchiere di
liquore
Biviari: abbeveratoio per animali
Bocala: brocca in vetro per acqua o vino
Bombespari: buon pomeriggio
Bonanima: voce che si aggiunge nel nominare i
defunti; buonanima
Braca: mutande lunghe
Brocca: forchetta
Bruviari: erica
Bubbu: bernoccolo
Buddagghiu: tappo
Buffa: rospo
Buffetta: tavolino
Buffettuna: schiaffo
Bufhularu: guanciale

―1―

Bullitaru: pentola per fare il lesso
Bumbaredda: bombetta
Bumbaru: bugiardo
Bumbula: recipiente in creta per conservare
acqua o vino
Bussula: porta
Bustinu: corpetto
Buzzunuattu: uomo grosso e corto
C
Caccamu: recipiente non idoneo
Cacina: calcinacci
Cacinari: vasche della calce
Caciuaffalu: carciofo
Caddu: caldo
Caddupu: pala per togliere la cenere dal forno
Cadira: cadere
Cafhisu: misura per l’olio corrispondente a circa
6 litri
Cafhuna: burrone; precipizio
Cagnualu: il cane
Calamaru: calamaio
Calascinda: saliscendi
Calatura: companatico
Calima: sostanza
Calojaru: colibrì
Cammisa: camicia
Canatu: cognato
Canduscia: vestito malandato
Cangiara: cambiare
Canigghi: crusca
Canigghiola: forfora
Cannaletta: grondaia
Cannarini: gola
Cannarozza: tipo di pasta corta; laringe
Cannarutu: goloso
Cannata: recipiente in terracotta per il vino
Cannataru: recipiente in terracotta per il lievito
Cannitu: canneto
Cannizza: stuoia di canne
Cannizzata: separé di canne e fango
Canocchia: conocchia
Canocchieddha: prime ciliege fatte a modo di
pannocchia
Cantu: angolo; a nu cantu ad un angolo
Cantuna: angolo
Capicuaddu: capicollo
Capizza: briglia per asino
Carcagnu: tallone
Carcara: cuocere il calcare per fare la calce;
premere

Carcarazza: si dice di una persona che ha una
voce sgradevole; gazza ladra
Carcarijara: verso della gallina; dicesi di persona
che parla troppo
Cardiddu: lucchetto
Cardunciara: cardo
Carpitiaddu: scialle
Carratiaddu: piccola botte
Carrera: sentiero
Carruacciula: carrucola
Carruacciulu: girello
Carusiaddu: salvadanaio
Carvunchiu: foruncolo
Cascia: cassa
Casciuna: cassapanca per conservare granaglie
Casedda: casa di campagna
Cassalora: pentola
Cassata: dolce pasquale ripieno di ricotta
Casu: formaggio pecorino
Catarru: catarro
Cattiva: vedova
Catu: secchio
Catuajiu: porcile
Caturni: calzettoni di lana fatti a mano
Cazi: pantaloni
Cazuniaddi: mutande
Ccetta: scure
Cciavulu: diavolo
Ccicculatera: caffettiera napoletana
Ccippiaddu: ceppo
Ccu: chi
Cedira: smettere
Cernira: setacciare
Cerza: quercia
Chia: che cosa
Chianca: masso
Chiancatu: soffitta
Chiantatura: attrezzo di legno per piantare
Chiantima: pianta da vivaio
Chiazza: piazza
Chicara: arrivare; giungere
Chiccaru: piccolo barattolo
Chiddu: quello
Chiova: chiodi; piove
Chiovira: piovere
Chippu: addome
Chiumbu: piombo
Chiumpira: gonfiare
Chiuppu: pioppo
Cìabba: vasca per irrigare

―2―

Ciadda: pane abbrustolito imbevuto d’olio
Ciaramedda: ciaramella; naso chiuso
Ciaramidu: tegola
Ciarasara: ciliegio
Ciarasu: ciliegia
Ciazu: gelso
Cicaluna: lepidottero della famiglia dei
Papilionidae; macaone
Ciciarata: sagra di pasta e ceci
Ciciari: ceci
Ciciulijara: sparlare sottovoce; verso dei pulcini
Cicuari: cicoria
Ciculijara: solleticare
Cifheca: di sapore sgradevole
Cilara: rotolare
Cinanaru: colono; mezzadro
Cirantula: ragno grosso; tarantola
Cirifharcuatu: girifalcese
Cirimonusu: affettuoso
Cirmiaddu: sacco
Cirritu: fungo porcino
Cittu: zitto
Ciumara: sonnecchiare
Cocciddu: foruncolo
Coccijara: raccogliere le ultime olive
Coddizza: nodi dei capelli; erbaccia che si
attacca agli abiti; persona appiccicosa
Coleu: il vociare della gente
Colira: giovare
Colonnetta: comodino
Commidu: recipiente
Coppinu: mestolo
Coraddi: varicella
Corama: pelle; cuoio
Corata: polmoni
Cotrara: giovinetta
Cotraru: giovine
Cottuna: filo
Cozetta: calza
Cramugghiera: catena terminante con un gancio
che serviva per tenere la caldaia; donna alta
magra e brutta
Crapicciu: capriccio
Crastatura: persona che castra gli animali
Crigna: altezzosa; superba
Crisara: setaccio per la farina
Criscè: uncinetto
Crisciatura: periodo di luna crescente
Criscimogna: fase di crescita; sviluppo
Cristallera: mobile dove si depongono piatti e

bicchieri e cose da mangiare
Cristariaddu: falco piccolo
Crivaru: chi intreccia e vende i crivi
Crivu: setaccio per vagliare granaglie
Crocchettu: gancio per chiudere le gonne
Cromatina: lucido per scarpe
Cruaccu: legno a forma di bastone; gancio
Crucijara: avvicinare
Cuacula: tuorlo d’uovo
Cuappu: unità di misura
Cuappula: copricapo di seta
Cucchiarina: cucchiaio
Cucciarda: allodola
Cuccumiaddu: piccolo recipiente
Cuccuviaddu: civetta
Cucudda: grandine
Cucuddijara: grandinare
Cucuddu: bozzolo del baco da seta
Cucummaru: corbezzolo
Cucurda: fungo mazza di tamburo
Cucuzza: zucca
Cucuzzuna: duro di testa
Cuddura: ciambella di pane; corona di stoffa
Cudidda: schiena
Cugliandri: confetti
Cugnata: grossa scure per spaccare la legna
Cugnu: zeppa
Culara: scolare
Culicianza: mi arrendo
Culifhietula: cimice delle piante
Cumbitu: convito preparato per devozione
Cummaredda: figlioccia
Cumunicatu: telegiornale
Cunchiudira: concludere
Cundima: condimento
Cupagghiuna: alveare; gruppo di persone
Cupana: donna con un bel corpo
Curcara: sdraiare; mettere a letto
Curnazza: strofinaccio
Curramara: scuotere i frutti (noci o olive) dagli
alberi
Currija: cinghia
Currijara: rincorrere
Currivu: imbronciato
Curtagghia: letame
Curuna: pezzo di stoffa avvolto che le donne
usavano sulla testa per trasportare delle cose
Curupu: anfora
Custuriari: sarto
Cutiddu: piccolo sasso

―3―

Cuzzara: spezzare
Cuzzupa: dolce pasquale con uova sode intere
(compreso il guscio)
D
Daccussì: così
Dallara: lavorare instancabilmente
Dannu: danno
Darrupara: buttare
Dassara: lasciare
Davanzi: davanti
Dejiunu: digiuno
Denta: dente
Depeda: di nuovo
Deprattu: agire senza pensare
Dericata: radice; ceppo familiare che indica
provenienza
Deviaru: davvero
Diastru: luogo esposto a mezzogiorno
Dicira: dire
Difhiattu: difetto
Dilluviara: piovere a dirotto
Dinocchia: ginocchio
Dirrupu: burrone
Discianzu: forte mal di pancia
Discipulu: apprendista
Discu: disco
Disculu: discolo
Discurzu: discorso
Disturbu: preoccupazione
Ditteru: modo di dire
Divacara: versare
Divanu: divano
Documentu: documento
Dolira: sentire dolore
Domana: domani
Domara: addomesticare
Dominica: domenica
Donna: suocera; mai pronunciata senza suffisso
es donnama mia suocera
Doppu: dopo
Dota: patrimonio che i genitori danno ai figli
Duamitu: addomesticato
Duannula: donnola
Dubbriattu: gonna ampia usata come costume
girifalcese
Duciu: dolce
Dunara: dare
Dunca: dunque
Durcia: pasticcino
Duva: dove

Duvachè: dovunque
Duvaviaddi: in nessun posto
E
Ebreu: insensibile; disumano
Eccu: ecco
Eccussì: così
Eccussina: in questo modo
Ecu: eco
Ejara: sbrigarsi
Embecia: invece
Errura: errore
Erva: erba
Ervalora: zecca
Ervazza: erbaccia
Esta: è
F
Fermatura: serratura
Ferrettu: forcine
Ffhiattara: scoppiare
Fhafhuamuli: fragole
Fhama: calunnia
Fhamera: donna pettegola
Fharzetta: rappresentazione teatrale di strada
satirica carnevalesca
Fhasmijara: sbadigliare
Fhermagghiu: spilla d’oro
Fhialona: tartaruga
Fhiancu: fianco
Fhiannacca: collana
Fhiarara: avvicinare
Fhiættula: fettuccia
Fhicundianaru: pianta del fico d’india
Fhietta: treccia
Fhilipiandula: discorso ripetitivo e noioso
Fhinò: abbaino
Fhiocca: chioccia
Fhiuffhiara: soffiare
Fhiuma: fiume
Fhiumara: torrente
Fhiurira: fiorire
Fhocularu: focolare
Fhocuna: caminetto
Fhoddalicchia: grembiule con le pieghe
Fhoddaru: bernoccolo; ferita; ematoma
Fholea: nido
Fholijna: ragnatela
Fhora: fuori o podere
Fhorchia: tana
Fhorgiaru: fabbro
Fhorisa: campagnolo

―4―

Fhorticchiu: dischetto di legno per il fuso
Fhumiantu: aerosol; fumo
Fhundugara: tassa
Fhuntaniari: idraulico
Fhurcedda: palo terminante a due punte;
forcella
Fhurgulu: lampo; veloce
Fhurrajuna: ragazzo vivace
Focigghiu: falce
Forvicedda: insetto forbice
Forvicicchia: forbice
Frabalà: vestito molto largo
Fraccommudu: persona che se la prende comoda
Frasca: fronda; cantina; luogo dove si vende e si
beve il vino; bettola
Frata: fratello
Fratieddu: cugino
Fravicara: costruire
Fravicatura: muratore
Fressura: padella per friggere
Friscatularu: persona che agisce in fretta
Friscatuli: polenta
Frittuli: cotiche
Fuarvicia: forbice
Fusu: fuso
G
Gabbara: ingannare; prendere in giro
Gabbedda: dazio
Gaddoffa: callo; caldarrosta
Galilea: pasquetta
Ganga: guancia
Gangularu: mento
Garidda: cispa
Garruna: caviglia
Garzuna: garzone
Gguantera: vassoio
Giacchetta: giacca
Giaccu: gilé
Gigghiara: germogliare
Girandualu: persona che non sta mai in casa
Giraviti: cacciavite
Girijara: girare
Gnirru: maialino
Gnornò: signor no
Gnorsì: signor si
Gnuacchi: gnocchi
Goddaru: mulinello d’acqua
Goliera: collier
Graffia: rafia
Granata: frutto del melograno

Granataru: melograno
Graniscu: palato
Grascinara: graffiare
Grascinatu: graffiato
Grasciuamuli: noce pesca
Grasta: vaso
Grastieddu: rastrello
Grattacasola: grattugia
Gravigghia: graticola
Gregna: fascio di spighe
Griagni: fascio di spighe di grano appena
mietute
Gringia: smorfia
Gringia ‘e margiu: biscia d’acqua
Grofhalijara: russare
Grundara: grondare
Grupara: bucare
Gruttu: rutto
Guaddara: ernia inguinale; iettatura
Guaddarusu: iettatore
Guadduna: campo coltivato
Guagliuna: ragazzo
Guastata: andata a male
Guddu: Privo di corna (detto di animale che
normalmente ne è dotato)
Gugghia: ago
Guiarciu: guercio
Gulia: voglia di donna incinta; desiderio
Gunnedda: gonna
Gurna: vasca per l’irrigazione
Gurnedda: pozzanghera
Gurpa: volpe
Guttaru: goccia di acqua piovana che cade da
una tegola
Guvernara: governare; pascere gli animali
I
Iddu: lui
Idimittodimi: due cose uguali
Inchira: riempire
Incuijara: sforzarsi
Intillerata: divisione di una stanza di canne o
tavole
Intru: dentro
Isca: materiale secco per accendere il fuoco
Iufhiamuaccu: ceffone [hjuhhjamuoccu (?)]
Iuppuna: corpetto
J
Janca: bianca
Jdari: fiume girifalcese
Jemiddi: gemelli

―5―

Jénnaru: genero
Jennàru: gennaio
Jessu: invocazione a Gesù
Jestima: bestemmia
Jettara: buttare; germogliare
Jettatura: malocchio
Jettuma: germoglio; virgulto; pollone; germoglio
del tronco
Jialu: gelo
Jiari: ieri
Jiazzu: abitudine
Jijitala: ditale
Jijitu: dito
Jinostra: ginestra
Jiunta: manciata
Jiurnu: giorno
Jizzu: creta
Jjombaru: gomitolo
Jjumbarusu: gobbo
Jocara: giocare
Jocatura de li corna: sui due lati della fronte
Joculanu: giocherellone
Jordinu: giardino
Jornata: giornata
Jra: andare
Juavi: Giovedì
Jumba: gobba
Jumbrusu: uomo con la gobba
Jumenta: giumenta
Juncu: giunco
Juntara: apparire
Jussu: abitudine con caratteristica di diritto
Jusu: sotto
L
Lagrimi: lacrime
Lancedda: contenitore per il grasso di maiale
Lanzara: lanciare
Lapis: matita
Lardu: pancetta
Latru: ladro
Lavatu: lievito
Lazzu: laccio
Leggia: legge
Lemma: lenta
Levara: alzare
Liantu: non svelto; magro
Liastu: veloce
Liattu: letto
Licenzijara: dare le condoglianze
Ligara: arbusto

Lignu: legno
Lijstusu: persona dai gusti difficili
Limba: contenitore di terracotta a forma di
grande vaso
Linu: lino
Liordina: usignolo
Lissia: miscuglio di cenere e acqua usato in
sostituzione della candeggina
Listedda: asticella
Liticara: litigare
Litra: misura equivalente a 1.25 litri
Lividu: livido
Loggia: grande balcone
Lordazzu: sporcaccione
Luacu: luogo
Luciartula: lucertola
Lucignu: stoppino
Lucijara: specie di pianta spinosa
Lugri: lentiggini
Lumbi: reni
Lumera: lume ad olio
Luminari: luci festive per le strade
Lunara: persona che cambia d’umore
Luni: lunedì
Luntruna: vagabondo
Lupara: fucile
Lupiaddu: cancro
Luppinu: lupino
M
Maccarrunaru: mattarello
Maccatura: fazzoletto
Macchiu: serratura di sicurezza
Magara: pietra nera del forno
Majdda: madia
Majsa: terreno arato per la semina
Malandrinu: quasi mafioso
Malogna: tasso
Maluafhi: malva
Mama: mia madre
Mammata: tua madre
Mammina: ostetrica
Mandaliaddu: antica serratura
Mandra: mandria
Mangiasuna: prurito
Manipula: cazzuola
Manijara: mescolare
Mannara: mannaia
Mappina: strofinaccio
Marfhariaddu: piccola tromba d’aria; bambino
eccessivamente vivace

―6―

Margiu: prato incolto
Maritu: marito
Marrapiaddu: buono a nulla
Marrapicu: piccone
Maruggiu: manico della zappa
Mascatura: serratura
Mascidda: ascella
Masculu: maschio
Matarazzu: materasso
Matasguba: zappa
Matassaru: arnese di legno che serviva per
raccogliere filati
Matrapella: bottone di madreperla
Mazzicana: sasso
Mazzicanata: sassata
Mazzicara: masticare
Mbastu: basto
Mberza: rovescio; al contrario
Mbiancara: pitturare
Mbidia: invidia
Mbischiara: mischiare
Mbitratu: persona con lo sguardo svanito o
assente
Mbrada: piccolo campo per seminare
Mbrafhatu: rauco
Mbrella: ombrello
Mbromara: occupare spazio
Mbruschiara: bruciacchiare
Mbuttara: spingere
Medudda: cervello
Mentugara: nominare
Menzalora: unità di misura locale
Menzijuarnu: mezzogiorno
Menzina: metà maiale
Menzognaru: bugiardo
Meza: milza
Miccina: miccia
Micidaru: cattivo
Migghiara: migliaia
Mignanu: passamano della scala
Mimmiddu: capezzolo
Mingra: capriccio
Minica: Domenica
Minna: mammella
Missala: libro di liturgie
Missera: suocero
Morta: morte; mantide religiosa
Mortaru: mortaio
Morvizza: tordo
Morziaddu: spezzatino

Mpacciara: fare tardi
Mpamu: infame
Mpasciara: avvolgere
Mperticara: arrampicare
Mpicciu: impegno
Mpilaccara: infangare
Mpilara: infilare
Mprascara: macchiare
Mprestara: dare in prestito
Muaccu: muco nasale
Muali: molare
Muartu: morto
Muarzu: poco; morso
Mugghiera: moglie
Mundizzi: immondizie
Mungipiaddu: vento forte; demonio
Murga: residuo dell’olio
Murgiulata: miscuglio quasi liquido
Murra: gruppo di persone o di animali
Murzionata: orzata
Muscula: anello in ferro per il muso del maiale
Mutara: vestirsi a festa
N
Naca: culla; amaca
Nannata: tua nonna
Naschia: fungo sessile a mensola; naso
Natuni: a nuoto
Ncafunara: cadere in un fosso
Ncalimatu: esile; magro
Ncamatu: affamato scostumato
Ncatarratu: colui che ha il raffreddore
Ncchiancatu: pane non lievitato
Ncchiarpitu: interprete; interpretazione
Ncchiuppatu: infeltrito
Nchianata: salita
Nchierpitara: interpretare
Nchiatrara: gelare
Nchiatriatura: gelata
Nchimara: imbastire
Ncigniara: incominciare; iniziare
Ncordunijara: legare con la corda
Ncriscienza: fiacca
Ncroccara: agganciare
Ncujara: fare forza
Ncujna: incudine
Ncunu: qualcuno
Ndinocchiara: inginocchiare
Ndudda: salsiccia di spezzatino
Nenta: niente
Nescira: uscire
―7―

Ngiuru: soprannome
Ngonagghia: inguine
Nguardu: ingordo
Niaspita: donna dotta
Nicatuli: dolci salati e fritti
Nimalu: animale
Nimedda: piccolo bottone
Nnigrumatu: annuvolato
Nominata: nomea
Npilorciatu: colui che ha la pelle d’oca
Ntillarata: parete divisoria
Ntinnu: suono prodotto da monete metalliche;
suono di campane
Ntrama: budella del maiale
Ntrasattu: all’improvviso
Nucara: albero che produce le noci
Nucia: noce (frutto)
Nucidda: nocciola
Nuciddara: albero di nocciole
Nzalata: insalata
Nzalatera: insalatiera
Nzampagghiuna: moscerino
Nzavenutu: disorientato; stordito
Nzejumatu: persona insignificante
Nzertara: innestare
Nzitu: pelo ispido
Nzonnigghiatu: assonnato
Nzudda: susumella
Nzurara: sposare
Nzuratu: sposato
O
Ogghialuaru: contenitore per l’olio; orzaiolo
Ojia: oggi
Ojiru: luogo dove si tiene l’olio
Oliru: arcobaleno
Olivara: olivo
Onora: onore
Oraculu: profeta
Ordica: ortica
Orditura: trama
Organieddu: armonica a bocca
Organzina: luogo dove si lavoravano i bozzoli
del baco da seta
Orvicara: seppellire; sotterrare
Ossatura: ossa
Otaru: altare
P
Pacciu: pazzo
Padda: boccia
Pagghia: paglia

Pagghialora: luogo asciutto dove riporre la
paglia
Pagghiaru: falò
Paledda: scapola
Palettò: cappotto
Palumba: colomba
Pampina: foglia
Panaru: paniere
Pandu: largo
Paniculu: mais
Pannizzi: pannolini di stoffa per infanti; fiocchi
di neve
Pannizzijara: nevicare dolcemente
Paparini: papaveri
Parianti: parenti
Parmiantu: luogo dove si pigiava l’uva
Parrettera: pettegola
Partugallu: arancia
Patramma: mio padre
Patratta: tuo padre
Patrusinu: prezzemolo
Peda: piede
Pedala: tronco; pedale
Peducchiusu: avaro
Pendantiffu: pendaglio
Pendulijara: penzolare
Pergulara: vite
Perzicara: pesco
Petrusinu: prezzemolo
Pettinissa: pettinino; usato dalle donne per
tenere l’acconciatura
Piarzicu: pesca bianca
Piatula: farfalla
Pica: ghiandaia
Piciuna: uccello
Picu: piccone
Picunaru: trottola vecchia
Pidituazzulu: rumore leggero di passi
Pigghiara: prendere; attecchire; accendere;
piggiara nu zottu cadere in malo modo
Pigghiata: rappresentazione teatrale della vita di
Gesù
Pignara: pino marittimo
Pignata: recipiente di terracotta
Pigniatiaddu: piccolo recipiente di terracotta
Pilaccaru: luogo infangato
Pilacchi: fango
Pilacciu: bocca del parmiantu
Pilera: spettinata
Piluarciu: pelle d’oca
―8―

Pinna: piuma o penna
Pinnara: spennare
Pinnularu: ciglia
Pinnulu: pillola
Piparedda: peperoncino
Pippalora: comignolo; pipa di terracotta
Pirajnaru: pero selvatico
Pirara: pero
Pirettu: anfora piccola
Pirilica: piccolina
Pirru: trottola
Piru: pera
Pisa sala: coleottero della famiglia dei
Cerambycidae
Piscia: pesce
Piscialuaru: filo d’acqua
Pittara: dipingere; imbiancare
Pitteniapita: dolce pasquale
Pitusu: puzzola
Pizzicalora: molletta
Pizzicata: pizzicotto
Pizzingorda: ingorda; avida
Pizzu: becco
Populu minutu: bambini
Posa: fagioli
Postala: autobus
Postarara: frutta che matura fuori stagione
Potifha: negozio
Potifharu: negoziante
Praccuacu: frutto del pesco
Prattu: dare dei colpi di taglio
Prena: gravida
Prescia: fretta
Prescialora: frettolosa
Prestanaca: pianta selvatica simile alla cicoria
Previtieddu: chierichetto
Priavita: prete
Prichijara: preoccupare
Promentia: primizia
Proppetta: polpetta; bambina grassa
Prunu: prugna
Pruppa: polpa
Puandu: impegno
Puarcu: porco
Puasti: chiodi per attaccare i ferri dei cavalli
Pugnijara: lavorare la pasta del pane
Pumara: melo
Pumazzi: primi fichi
Pumu: mela
Puntuna: angolo

Puntura: stato influenzale
Pupulina: chi parla in continuazione
Pupuna: succhiotto
Puricini: pulcini
Purrazzu: piccola escrescenza callosa
Purvarata: polvere
Puzzu: polso; pozzo
Puzzunuattu: pentola per il lesso
Q
Quagghia: quaglia
Quagghiara: coagulare; addormentarsi; bloccarsi
Quagghiu: caglio
Quandu: quando
Quantu: quanto
Quartu: misura locale
Quatratu: quadrato
Quatricula: trappola per gli uccelli
Quatrizzara: soddisfare
Quatru: quadro
Quattr’uacchi: chi porta gli occhiali; incontrarsi
a tu per tu
Quietu: calmo
Quintinu: di continuo
Quintu: misura locale (capacità)
R
Rabbina: donna di chiesa
Racina: uva
Radicata: radice
Rafhaci: qualità di fichi
Rafhara: trascinare
Rafhatara: espettorare
Rafhatu: sputo catarrale
Ragghiara: ragliare
Raggia: rabbia
Ragumara: ruminare
Rampara: pulire il sentiero
Ramundara: fruttificare
Rancidu: rancido
Randa: grande
Randucira: ordinare; mettere a posto; sistemare
Rantulu: forte respiro
Rasoliu: liquore
Raspara: grattare
Rastu: odorato
Rastuccia: campo dopo la mietitura
Rastucciu: stelo del grano rimasto dopo la
mietitura sul terreno
Rasula: solco tra due campi coltivati
Riafricu: orlo
Ribbiaddu: chiasso
―9―

Ricchia: orecchio
Ricchiali: orecchioni
Ricogghira: raccogliere; ritornare a casa
Rifhiatuna: alito
Rifriddira: raffreddare
Rigorizza: liquirizia
Rimara: pensare ad una cosa con insistenza
Riminijara: pensare sempre alla stessa cosa
Rimisu: stupito
Rimoddara: mettere a mollo
Rimota: riparata
Rimpacciara: rimproverare
Rinala: vaso da notte
Ripa: di lato
Ripata: sentiero
(?)Ripentaglu: fare le cose in ritardo
Ripezzara: rattoppare
Ripezzatu: rattoppato
Ripi ripi: dappertutto
Risignùalu: usignolo
Risu: sorriso
Ritranga: finimento di cuoio per animali da
soma
Ritrattu: fotografia; ritratto
Riventina: corrente d’aria fredda
Rivotara: far cambiare idea
Rivuatu: piccolo maiale
Rocchellu: rocchetto
Ruasuli: geloni
Ruga: via secondaria; vico
Ruggia: ruggine
Rugna: scabbia
Rugnuniaddu: tipo di fagiolo bianco
Rumbulu: gomitolo
Rumbuluattu: piccolo falco
Rumbuna: tuono; persona che parla sempre
Runca: roncola
Runzuna: qualcosa che non va né avanti né
indietro
Rusicara: rosicchiare
Russaina: morbillo
Russu d’uavu: ovolo
Ruvaci: misura locale
Ruviattu: rovo
S
Saccuna: materasso
Saccupijara: rivoltare
Saccurafha: ago per materasso riempito con
foglie di pannocchie di mais
Sagula: cordicella

Salatura: recipiente di terracotta per conserve
Salimuari: cicole
Sanguetta: sanguisuga
Santu Nicola: coccinella
Sazziara: saziare
Sbafhanta: spavaldo
Sberza: risvolto del letto
Sbijara: divertirsi
Scacciuattu: sgabuzzino
Scacciuttu: tagliola per topi
Scagghia: scaglia
Scaluni: gradini
Scanalatura: riga dei capelli
Scandalu: asse di legno
Scangiara: scambiare; barattare
Scanocchiara: togliere i bozzoli dei bachi da seta
dai rami
Scanocchiatu: ombrello aperto e capovolto dal
vento
Scapestratu: persona senza lavoro
Scapilara: uscire dal lavoro
Scarmara: essere nostalgico
Scarmusu: tempo caldo umido
Scarparu: calzolaio
Scasara: scansare; allontanare
Scasciuna: scusa; ragione
Scatturara: liberare
Scazacani: persona senza dignità
Schicchiu: spiffero
Schietta: donna non sposata
Sciacqualattuchi: persona che vale poco
Sciacquatu: persona che vale poco
Sciafferra: autista
Sciagruna: colui che sperpera le ricchezze
Sciamarru: piccone
Sciampagnuna: persona allegra
Sciancara: strappare
Sciancatu: pezzente
Sciantinu: poveretto
Sciargulijara: spargere disordinata-mente
Scifhata: brodaglia
Scifu: truogolo
Scilicaredda: sentiero corto e pendente
Scinduta: discesa
Scirrata: spettinata
Scirubetta: neve miscelata con vino cotto o con
succo di arancia o di limone
Scisciulu: pezzetto di mattonella usato per il
gioco della campana
Sciumara: stendere al sole la frutta
― 10 ―

Sciummicara: togliere il malocchio
Sciuriata: passeggiata
Scocira: scuocere
Scoddata: scollata
Scoddicchiatu: senza collo
Scofhinara: togliere i panni dal cesto per
sciacquarli
Scontricatu: graffiato
Sconzara: disturbare; abortire
Scoppuluna: schiaffo
Scorciara: graffiare
Scorciulara: togliere i semi dai baccelli
Scrima: riga dei capelli
Scropiu: uccello notturno
Scuanzu: aborto
Scuarnara: fare brutta figura
Scudiddatu: persona senza spina dorsale
Scumpariscira: fare brutta figura
Scunchiudutu: sconclusionato; fidanzamento
rotto
Scunzulatu: afflitto
Scupanara: togliere la veste alla pannocchia
Scupettina: erba per fare le scope; spazzola
Scurara: tramontare
Scurciatura: scorciatoia
Scuru: buio
Scuvara: covare
Scuverchiatu: scoperchiato
Scuzzicara: accendere il fiammifero
Sdarrupara: buttare dall’alto
Sdomijara: percuotere
Secra: bietola
Seggia: sedia
Serpa: biscia
Serra: sega
Serratina: segatura
Serviattu: tovagliolo
Sgarganatu: lesionato
Sgargiatu: maleducato
Sgasciara: spaccare; rompere
Sgassaru: rana
Sgodijanu: comico
Sgragnara: colpire il mento
Sgruappu: legnetto
Sgruscira: far rumore
Sgrusciu: rumore
Siccagnu: terreno non irriguo
Siccia: seppia
Signala: starnuto
Signu: suono della campana scolastica; segnale

Simenta: semenza
Simiggi: chiodini usati dal calzolaio
Sinala: copriveste
Sinu: grembo
Siricu: baco da seta
Sischia: secchio usato per la mungitura
Smikustru: treccia della legatura del fil di ferro
Soccummara: signora comare
Sorredda: cugina
Spachijara: essere senza niente
Spacu: spago
Spagnara: avere paura
Spagnoletta: gomitolo di filo
Spalagrara: togliere le foglie della vite per far
maturare meglio i grappoli d’uva
Spampinata: spogliata delle foglie o dei petali
Sparacara: pianta dell’asparago
Sparagnara: risparmiare
Sparatracca: nastro adesivo telato
Spartira: dividere
Spattu: marcio
Speculativu: intelligente
Speziala: farmacista
Spicanarda: lavanda
Spicciara: terminare
Spicuna: pannocchia
Spiddussa: scintilla del fuoco
Spinzu: fringuello
Spiruna: sperone
Spitu: spiedo
Sporcigghiu: coniglio
Sporta: cesta
Sportuna: grande cesto per granaglie
Sprucchiamamma: fungo appartenente ai porcini
Spulicara: cercare per togliere
Spuntuna: angolo della strada
Spuntunera: cristalliera
Sputazza: saliva
Sputtò: sfottò
Squagghiara: sciogliere
Stabbila: campagna
Stadda: stalla
Stagiona: estate
Stagnatu: pentolone in rame
Statia: strumento per pesare
Stidda: stella
Stipu: mobile da cucina
Stizza: goccia
Stracu: pezzetto di mattone
Strambotta: battuta ironica; metafora

― 11 ―

Stranghijata: cottura lenta di verdure
Strangulara: strozzare
Stravientu: luogo riparato dal vento
Stroppijara: fare male
Strudutu: consumato
Struncatura: grande sega manuale
Stutara: spegnere
Stuvajuaccu: tovagliolo
Suaru: sorella
Sugghiuttu: singhiozzo
Suppa: zuppa di latte e pane
Surcu: solco
Suricia: topo
Suriciuarvu: talpa
Susu: sopra
Suttana: sottoveste
Suzzu: gelatina
Svizzicara: gonfiore di pancia
T
Ta: papà
Taccuni: melanzane e pomodori in salamoia
Tagghiola: trappola
Taju: fango
Tandu: allora
Tarallu: biscotto glassato
Tarzaluaru: qualsiasi ortaggio in salamoia
Tata: papà
Tennaruma: cartilagine
Tiana: tegame di terracotta
Ticarra: chitarra
Tiganu: cestino di ginestra
Tijddu: palo di legno che sostiene le tegole
Tijddu: travetto su cui sono poggiate le tegole
Tilaru: telaio
Timogna: covone
Timpa: burrone
Timpagnu: coperchio per forno a legna
Timpuna: collinetta
Tiratura: cassetto; arnese per pulire il forno a
legna
Tizzuna: tizzone
Tocca: strumento rumoroso di legno che viene
usato nella settimana santa invece delle campane
Tomatici: bottoni a pressione
Trabbante: porta cartucciera
Traca: lato
Tracandala: omone
Trafhacciari: voltafaccia
Tralandruna: nulla facente
Trantulijara: avere brividi; tremare

Trasandatu: trascurato
Trasira: entrare
Trastulanta: intrallazzatore
Trastulijara: fare il lestofante
Travarca: spalliera del letto
Traverzijata: donna accompagnata sottobraccio
da parenti o amici durante il funerale del
congiunto
Tridenta: tridente
Trippala: pancione
Tripuadi: treppiede
Troppitu: frantoio
Tuacciu: bastone
Tumanata: misura locale di area corrispondente
ad un terzo di ettaro
Tundini: chiodi per scarpe per non scivolare o
far consumare le scarpe
Tussa cumpurziva: pertosse
Tuvagghia: tovaglia
U
Uacchiu: occhio
Uagghiu: olio
Uarcu: orco
Uargiu: orzo
Uartu: orto
Ucciaddu ‘e notta: pipistrello
Ufju: vergogna
(?)Uhapricu: morente
Umbrata l’ura: sera
Unchiara: gonfiare
Urtara: dare fastidio
Urtatura: poco tempo
Urtimu: ultimo
Urzu: orso; persona poco socievole
Usu: abitudine
V
Vacara: essere disponibile
Vagghiu: vaglio
Vagnuali: bende bagnate per abbassare la febbre
Vajana: baccello
Vajaniaddi: fagiolini
Vajazza: serva
Vampa: fiamma
Vampata: fiammata
Vampulijara: bruciare
Vampurida: lucciola
Varva: barba
Varvajanni: barbagianni
Varvazzala: mento
Vasara: baciare

― 12 ―

Vattijara: picchiare
Ventulijara: esporre al vento
Vettijara: battezzare
Viacchiu catanannu: centenario
Vidduazzu: stelo della pannocchia
Vieddussa: vespa
Viernu: inverno
Viertula: bisaccia
Vinedda: piccolo vicolo
Vinu cuattu: mosto cotto molto ristretto
Vippita: bevuta
Virghijara: menare con la verga; svergolare
Vizzica: vescica
Vocila: bacile
Vocilaru: porta bacile
Volira: barile
Vombacia: cotone
Vommiciu: imenottero della superfamiglia dei
Apoidea; Bombo
Vota: volta; na vota una volta
Vovolacu: chiocciola
Vozza: brocca
Vrancata: manciata
Vrasciari: braciere
Vrasciola: polpetta
Vrasciu: brace
Vrazzala: contadino
Vrazzalora: bambina dai tre ai sei mesi
Vrazzata: quantità contenuta nelle braccia
Vrazzu: braccio
Vricciu: pietrisco
Vrodata: pastone per i maiali
Vruacculi: broccoli
Vruddazzi: erbacce acquatiche
Vrusciura: bruciore
Vua: bue
Vucata: bucato
Vucceddata: pane a forma di ciambella
Vucceria: macelleria
Vucciari: macellaio
Vuccuni: boccone
Vudedda: intestini
Vugghira: bollire
Vurziddu: porta fortuna; sacchetto di stoffa
rossa contenente incenso sale e una foglia di
ulivo benedetta
Vutta: botte
Vuttazzu: piccola botte
Vuvutu: gomito
Z

Zafhalijara: piovigginare
Zappotta: piccola zappa
Zassu: grasso
Zinca: fino a che
Zonettu: fermaglio
Zzaccari: vezzi
Zzaccarusu: vezzoso
Zzannoluntu: dente canino
Zzappulijara: zappettare
Zziamma: mia zia
Zzidda: malattia degli ovini
Zzimba: luogo sporco
Zzipangulu: melone
Zzipariaddu: erbacce per legami
Zzippi: chiodini
Zzippula: zeppola
Zzirri: capelli spettinati
Zzita: sposa
Zzitiaddu: bambino
Zzitu: sposo
Zzomba: radice
Zzuacculu: zoccolo
Zzuppa: grappolo d’uva
Zzuppuna: ceppo
Da sistemare
Abbarraccatu: sudato
Accalara: prendere con avidità
Accia: sedano
Acciaddhi e pipa: tipo di pastina, a pipa de
l’acciaddhi sono dei semi piccanti a forma di
riso di una pianta che gli uccelli ne vanno ghiotti
Ajjaluaru: orzaiolo
Allampanatu: emaciato
Ammaruggiara: smontare il manico in legno di
un attrezzo
Ammesunara: (o ammasunara) ... condurre le
galline nel loro rifugio. Nasce dal francese “A la
maison” (a casa)
Ammuntara: Rendere nulla una partita a carte
Ammuntunara: è unu quandu si piccha,
intristirsi
Amprara: stendere i panni
Andutu: po essara u ponta chi usanu i muratori o
nu perghulato de viti de recina
Annacarsi: Dondolarsi dal greco Nake=vello di
pecora (culla fatta con)
Annaspau:
Arrancara: Trascinarsi, recarsi

― 13 ―

Arriminara: sbrigarsi a concludere una
determinata azione
Arrimisa: esterrefatta
Arrocculara: rotolare. Dall’antico francese
Rouculer, oggi Rouler
Arruacciulara: raccogliere torcendo
Arruggiatu: arrugginito
Attrippara: giocherellare
Azanaru:
Azzavattara:
Azzumbulara: cadere rovinosamente
Baddhari: pop corn
Baddhuattula: (pe l amaruniti) ...
Bagagghiu: uomo poco intelligente
Battari: fiammiferi
Brocca: recipiente di acqua o vino
Buccunottu: dolce ripieno
Cacanidu: ultimo
Cachissu: il frutto cachi
Caddhupu: na pezza chi ricogghia i vrashi do
fhurno
Cafassu: CAIFAS capo dei sacerdoti che hanno
processato Gesù. Uomo grande e grosso... nella
PIGGHIATA era raffigurato da Rafhalona Palaia
e nelle ultime edizioni da Mastro Attilio Destito
Cafisu: un contenitore usato come unità di
misura
Cannaruozzu: faringe, laringe, per estensione
tutta la parte della gola, trachea, esofago (Mi jiu
a hazu cannaruazzu)
Cannùazzu: strumento di canna per filare i
biscotti
Carcàra: premere, comprimere, pressare,
oppure fhara na carcara ntra u focularu, bruciare
una catasta di legna nel camino, oppure nce na
carcara, quando c’ è tanta gente
Carcaràzza: gazza ladra, corvo o pica
Carpitiaddru: lenzuolo, in varie tinte e tessuti, in
cui si avvolgevano le donne di una volta
Carusara: tosare (le pecore), rapare (gli esseri
umani)
Carusiaddu: salvadanaio
Casciuna: antico baule in cui si riponevano
alimenti o vestiti
Casedda: Casetta. Dal latino Casella,
Scompartimento
Catuayu: porcile
Cavajjuna:
Cavalla: fare una cavalla: dare una bella lezione
(a paliàte...)

Cazzitumbulu: capitombolo
Chianuazzu: pialla
Chiova: chiodi, ma anche piove, da piovere
Chirica: copricapo del prete, ma anche
diradamento dei capelli sulla nuca
Chiumputu: malignijatu, che si è ingrossato per
una infezione
Cìabba: riserva d’acqua, struttura in cemento
con 4 pareti e un pavimento contenente
dell’acqua, forse dall’arabo?
Cialafhedda: Località di Girifalco in cui è
presente un dirupo (o "timpa")
Ciaramidu: Tegola. Dal greco Keramidion
Ciazu: gelso - legato anche all’aggettivo pandu...
detto popolare: no mu patimu comu u ciazu
pandu!
Cicaluna: falena
Cinanaru: colono o bracciante agricolo al quale
si dava la terra da coltivare
Cinnararu: spazzacamino
Cincu liri: schiaffo
Cojjiandri: confetti
Conzatu: aggiustato
Corata:
Cotraru: Fanciullo dal latino
Quadrarius=ragazzo robusto
Cozetta: calza
Crigna: ciocca di capelli generalmente alzata
Cruaccu: gancio, oggetto uncinato
Crucijara: soffrire, penare
Cuacciu: roba ‘n cuacciu, legumi o verdure
cucinate nella pignatta
Cucummaru: frutto del corbezzolo
Cuddhuffiari: uno che architetta imbrogli e
pasticci, colui che nelle fiere del bestiame
metteva d’accordo venditore e acquirente. Un
moderno intermediario
Cuddura: una ciambella di pane, o corona di
stoffa
Culacchiu: fondo di bottiglia
Culifiatula: cimice
Culircia:
Cuneddha:
Cunortara: convincere imbonendo
Cùnsulu: preparazione del pranzo per i parenti
del defunto
Cupana: donna particolarmente avvenente
Curnazza: strofinaccio, stuvaijuaccu
Currijasurici: sono dei mortaretti che prima di
scoppiare volano zigzagando ad altezza

― 14 ―

“suricia”
Currivu: triste
Discianzu: (Chimmu ti pigghia discianzu!) ...
Discipulu: garzone che stava presso un artigiano
per imparare il lavoro
Divacara: svuotare, travasare
Dubbriattu: risvolto della gonna
Dubruna:
E peda: di nuovo, “e peda” oppure “de capu”
hanno lo stesso significato, sono due estremi o
due inizi del corpo umano che a loro volta vuol
dire INCOMINCIARE DI NUOVO
Ervalora: zecca
Fafuamuli: fragole o fragoline di bosco
Fasmijara: sbadigliare
Fhaddala: Grembiule dal germanico Falda
Fharafhula: favola
Fhasceddha: parte del maiale oppure
contenitore in vimini per ricotta
Fhezza: residuo della fermentazione del vino
(sono i sali di Ca e K del C4H6O6 acido
diidrossibutandioico)
Fhialona: tartaruga
Fhiocca: chioccia, gallina
Fholea: nido
Fholijina: ragnatela
Fhiuffhialuaru:
Fhiuri: fiori
Frabbalà:
Franchijara:
Fratieddu: cugino
Friscatuli: polenta
Gabbu: Meraviglia associata ad una certa misura
di scandalo per un avvenimento
Gaddha: malocchio
Gangulari: guance
Gargia: gola
Gnura: il compare, ma volia dira puru na cosa
bella unu speciala: mi ricuardo na vota quando
ancora u campaniaddhu no ncera, si chiamava a
vucia ata, per esempiu a marijuzza e sentivi
rispundira gnura, cuoamu pe dira a bello.
Gorgia:
Granatu: melograno
Grasta: vaso per le piante
Gringia: smorfia
Gringia e margju: orbettino, specie di
serpentello
Guddhu:
Gurna: Laghetto fangoso. Dal greco

Gourna=pozza d’acqua
Hinò: lucernaio
Iancu: bianco
Iddhu: Lui dal latino Illu
Ienca: vacca
Insertara: Innestare
Janìa: Stirpe, razza. Dal Greco Gheneà
Jestima: Bestemmia
Jira: Andare, dal latire ire
Jitala: (o Jijitala) il ditale che usano i sarti
Juarnu: giorno
Juntara: giungere
Juppuna: busto, antenato del reggiseno
Jusu: di sotto
Juzzu: (o jizzu) argilla
Libretta: un libricino dove veniva annotato la
spesa fatta in un mese alla potifha da ruga. A
fine mese si saldava il conto
Lifhanta: elefante
Lijistusu: difficile nei gusti
Limmerdijara: quandu a unu no i ‘nda cala
Lingua e margiu: striscia di terra piana, a u
limitu de a timpa
Liscia: quella porzione di muro destinata alla
conta e allo “sparamento” da chi andava e va a
cercare i compagni di gioco chi s’ammuccianu,e
alla “salvezza” da coloro i quali s’ammuccianu,
a “mmucciateddha”
Loggia: terrazza
Lupa:
Maccarrunaru: mattarello pemmu si fhilanu i
maccarruni
Majiddra: recipiente dove si “sfhana” a pasta do
pana, o duva si menta spasciddhata e accijata a
carna deu puarcu
Malogna: il tasso
Mama: mia madre
Mandaliaddhu: Serratura
Mappa:
Mappina: strofinaccio
Marju:
Mastazzuali: mostaccioli
Mazzara: pietra usata come peso nei contenitori
di olive schiacciate
Mazzicana: grossa pietra
Mbelatu: Incantato (per lo stupore)
Mberu: verso (jira mberu, andar verso)
Mbrafhatu:
Mingra: stato di malessere non giustificato,
tipico nei bambini capricciosi e nelle donne col

― 15 ―

ciclo
Misa: mese
Morviddha: caccola
Mpama: Infame
Mpastura vacchi: na serpa chi s’attacca a u
mimmiddhu de a vacca e i suca u latta
Mperticara: arrampicarsi
Mungipiaddhu:
Munta: stato di eccitazione sessuale
Musca ò latta:
Muzzuna: (fhara u muzzuna) l’arte di mischiare
le carte da gioco in maniera tale da trarne un
vantaggio
Nchiettara:
Ncignara: Iniziare, dal latino Encaeniare
Ncozza pipi: è quando ti mianti u guagliuna supa
i spaddhi
Ngonagghia: inguine
Niaspita: una chi a sapa longa, prafhassoressa
Nidàla: la paglia con dentro una pietra bianca a
forma di uovo per invogliare la gallina a fare
l’uovo proprio la
Nigru: nero
Nimedda: bottone
Nitileddha:
Nizza: donna particolarmente avvenente
Nnacasijara: dondolare
Ntrama: Interiora del maiale, precisamente
intestino budelli e vescica
Nzavenutu: Sprovveduto
Nzema: insieme
Nzivatu: unto
Pajjari: Falò
Palijara: picchiare violentemente
Pampina: foglia larga, tipicamente di fico (de
ficara)
Paparijara: perdere tempo
Parmiantiara:
Patrusinu: prezzemolo
Pedituazzulu: rumore di chi cammina sui talloni
Percia: quercia, ma anche persona molto alta, o
ancora asta di legno per “curramare l’olivi”
Petra e sula:
Pettinissa: accessorio per i capelli delle nostre
nonne
Piarzicu: pesca gialla
Piassulu: pezzo di legno secco tagliato,
asciugato al sole
Piatri de l’aria:
Piatt’e niapita: Dolce tipico pasquale realizzato

con una pasta sfoglia (eventualmente arricchita
di sale) riempita di uva passa e noci tritate e poi
ripiegata a forma di panzerotto.
Pinzulu: il punto del gioco del cacalosso
Pirrifhiola:
Pirru: trottola realizzata in legno con punta in
ferro che veniva lanciata e fatta ruotare con uno
spago.
Pisa sala: (o pistasala), lungo coleottero nero,
dalle enormi antenne
Piscuna: grande pietra
Pispicia: vispa
Pistara: pestare, cose o persone...
Pitusu: bambino, o anche faina
Posterara: posticipare
Potifha: bottega
Prena: incinta
Prica: (o Prescia) fretta, preoccupazione
Prichijara: preoccuparsi
Primalora:
Promentia: si dice di un albero che fa i frutti in
anticipo
Puasima: residuo di caffè
Puddacchja:
Puddhitriara: Oziare (il figlio dell’asino
puddhitrija perché é un puddhitru e salta e gioca
finché é giovane, Quindi puddhitrija)
Puzzanisa: (o Puzzunisa): una qualche malattia
infettiva, forse dei polli
Ribiaddhu: casino
Riccu bullona: (iddhu fha u riccu bullona) U
riccu bullona dovrebbe derivare dal vangelo.
Cioé dalla parabola del RICCO EPULONE
Rijatara: Respirare piano dal latino Reflatare
Rinala: orinale
Risimuajji: rimasugli
Rimiju: cercare
Rogaru:
Ruga: traversa
Rumbuluattu: è un piccolo passante, dovrebbe
appartenere alla famiglia dei falchi, ma anche un
ragazzino particolarmente cicciottello e paffuto
Runcijjiu: Falce
Ruviattu: cespuglio di rovi
Saccurafha: grosso ago, per ricucire i materassi
dopo averne lavato la lana interna
Sàganu: Lenzuolo a forma di esagono.
Anticamente si usava per avvolgere e cucire
dentro un morto i cui familiari avevano pochi
soldi per comprare una bara di legno che era più

― 16 ―

costosa (Tempi addietro si usava come
imprecazioe o jestima. Chimmu ti cusanu u
SÀGUNU)
Salara: non andare a scuola
Salamida: geco
Sbafhantu: sbruffone
Scazuna: scalzo
Scezziona: (Oh scezziona!) ...
Scialara: Divertire, dal latino exhalare
Sciamarru: piccone, picu
Sciamprara: stendere, tipicamente i panni
Sciantinu: povero sventurato
Sciargulijara: spargere disordinatamente.
(jettara cca e ddha ammuzzu: buttare le cose a
casaccio). Si usa spesso sciargulija sordi, cioè
sprecar danaro qua e la
Scinda Scinda: gioco dei bambini. Alcuni
dicevano u cala scinda. I spagnusi fhacianu
sempa “a mamma”. Pe cu no nda stava cchiù nc’
eranu 31 pugna ntra u cudiddruna.
Scisciulu: il sasso che si usa per giocare a
campana, forse perchè lo si fa scivolare
Scola: scuola, o appezzamento di terra (es. na
scola e patati)
Scontricara: graffiarsi, sbucciarsi le ginocchia
Scupanara: Spogliare, scoprire, scupanu a
cupana e mi resta u viddhuazzu
Scuvujjiara: cercare
Sderruggiatu:
Seculina: animale tipo salamandra
Sgaddhara: (cala ca a sgaddhi) ...
Sgarrizza:
Sgasciara: rompere in mille pezzi
Sgassara:
Sgodijanu: allegrone, persona che ama godersi
la vita
Sgravara: partorire
Sgravugghiara:
Sgrubbiaddhara:
(?)Shiola:
(?)Shrishulu:
Siccagnu:
Sinala: grembiule
Smaruggiara: togliere il palo da un attrezzo (tipo
zappa, picu ect ect)
Smindicatu: scorciatu, graffiato
Sojjiuzzu: singhiozzo
Spagnarsi: aver paura, forse deriva dal terrore e
la paura che i spagnoli incutevano ai calabresi
durante il lungo periodo di occupazione del

nostro territorio
Spanticara: affannarsi, spaventarsi
Sparagnara: Risparmiare dal germanico Sparen
Speculativu: intelligente
Sporta: recipiente di vimini, portato in genere in
testa dalle donne di un tempo
Sprucchiamamma: tipo di fungo
Spuddhunara:
Statia: Stadera, particolare bilancia fornita di
contrappeso
Stracciu: straccio dal greco ostracon
Strachiara:
Strancalatu: unu chi stà cui gambi apiarti
Striddhuzzu:
Struncatura: tipo di sega
Stuvajucchu: fazzoletto
Succupijara: (o Saccuppiara) scuotere
impedendo quasi di respirare, o anche il
movimento tipico per rigirare a posa conzata a
pignata
Suddha: pianta dai bellissimi fiori rosso, in cui è
“comodo” far l’amore
Suriciuarvu: talpa
Suspisara: alzare
Susu: di sopra
Suverta: (nescira hfora de a suverta) ...
Suviarchiu:
Tajjarini e gaddu:
Taluarnu:
Tarzaluaru: conserva a base di pomodori verdi
Tijiddhu: travetto di legno che sostiene le tegole
Timogna: covone
Timpagnu: chiusura per non far disperdere il
calore dal forno
Tiratura: cassetto
Tiriciappiti:
Tocca: oggetto di legno che fa Tac Tac
Toppa:
Tracandala: scroccasozizza, uomo grosso e
bonario
Tranganiaddhu: parola usata per definire un
oggetto di poco valore oppure complicato da
usare
Trattiegnu:
Trempa: dirupo
Trimoja:
Troppitu: frantoio, macina
Truacciula: carrucola
Tulùpa: nu munziaddhu de ervazzi rampati e
ricogghiuti a nu cantu

― 17 ―

Tumanu: Tomolo=misura terriera. Dall’arabo
Tumn
Tussa cumpurziva: tosse compulsiva? ...
Tutuviddhu:
Uacchiu a’ viartula:
Uffhjara:
Untara: intingere, ungere
Vacatura:
Vajani: baccelli
Vajaniaddhi: fagiolini
Vancala: carpitiaddhu, vestito tipico locale, un
telo con cui ci si avvolgevano le donne
Vasilicò: basilico
Vastuni:
Viartula: tipo di bisaccia
Viccia:
Viddhuazzu: il fusto della pannocchia
Viddhicala: pancia - Viddhicu è l’ombelico
Vocila: o Vacila: bacile, recipiente concavo per
l’acqua
Volira: botte
Votara l’acqua: deviare il fiume per irrigare i
campi
Vrancata: Unità di misura consistente in una
“bracciata”
Vrasciumula: albicocca
Vrazzala:
Vrocca:
Vruddhu: l’erva chi nescia ntre li fhumari chi na
vota si ligavuno i pumadora
Zifalija: piovigginare
Zimbaru:
Zinzu: Piccola bacca selvatica commestibile
Zippa: cuneo, di solito per bloccare una porta,
per esempio, o pareggiare le gambe di un
tavolo...
Ziti: fidanzati
Zuppuna: quel che resta dell’albero nel terreno
dopo che è stato segato o abbattuto, può essere
usato come sgabello

― 18 ―


Documenti correlati


Documento PDF dizionario scolastico girifalcese


Parole chiave correlate