File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Ricerca PDF Assistenza Contattaci



Muso Rosso preview .pdf



Nome del file originale: Muso_Rosso_preview.pdf
Autore: grandeforedit

Questo documento in formato PDF 1.3 è stato generato da Adobe InDesign CS5 (7.0) / Mac OS X 10.6.7 Quartz PDFContext, ed è stato inviato su file-pdf.it il 05/03/2014 alle 09:32, dall'indirizzo IP 151.95.x.x. La pagina di download del file è stata vista 1247 volte.
Dimensione del file: 308 KB (23 pagine).
Privacy: file pubblico




Scarica il file PDF









Anteprima del documento


1

05/02/14 15.52

2

05/02/14 15.52

3

05/02/14 15.52

©  2014  RCS  Libri  S.p.A.,  Milano
Prima  edizione  Rizzoli  Narrativa  marzo  2014
ISBN  978-­‐‑88-­‐‑17-­‐‑07190-­‐‑1

4

05/02/14 15.52

љȱѠќєћќȱёіȱ іљљѦȱ

5

05/02/14 15.53

6

05/02/14 15.53

1

L

a  strada,  dritta  come  un  filo  a  piombo,  taglia-­‐‑
va  spietata  la  pianura  ingiallita  dal  sole  e  pro-­‐‑
seguiva   oltre,   infilandosi   nel   cuore   dell’America,  
in  un  orizzonte  sbiadito  dal  calore  soffocante  del-­‐‑  
l’estate.        
Billy  si  asciugò  con  il  braccio  la  fronte  lucida  di  
sudore  e  lanciò  un  urlo,  che  era  come  un  grido  di  
guerra  contro  il  centro  di  quel  cuore,  perché  era  lì  
che   voleva   andare,   nonostante   i   suoi   quattordici  
anni   e   il   fatto   che   quel   cuore,   gli   era   stato   detto,  
fosse  duro  come  pietra.  
Lasciava  la  riserva,  Spring  Creek,  il  posto  dov’e-­‐‑
ra  nato,  l’inferno  che  avrebbe  dovuto  amare.  
Ma   non   era   facile   amare   una   terra   incapace   di  
generare   qualcosa   che   non   fosse   selvatico,   frutto  
soltanto   della   sua   stessa  caparbietà,   e   proprio   per  
questo  brutale,  eccessivo.  Non  era  facile  amare  una  
vita  che  consisteva  nel  collezionare  alla  meno  peg-­‐‑
gio  una  sequenza  di  istanti  presenti,  fatti  spesso  di  
7

7

05/02/14 15.53

alcol,   violenza,   angoscia,   rabbia   e   di   un   disperato  
niente.  Non  era  facile  amare  un  luogo  dove  futuro  
era   un   termine   sconosciuto.   E   ci   voleva   una   gran  
convinzione  a  chiamare  casa  una  malferma  costru-­‐‑
zione  di  lamiera  che  diventava  fornace  o  ghiacciaia  
a  seconda  delle  stagioni.  
La   maggior   parte   della   gente   della   riserva   non  
aveva   lavoro   né   desideri.   Non   aveva   pensieri   né  
volontà.   Non   possedeva   alcun   potere,   neppure  
quello  delle  proprie  scelte.    
La   maggior   parte   della   gente   della   riserva   si  
limitava  a  sopravvivere.  
Sua  madre  sopravviveva,  suo  fratello  sopravvive-­‐‑
va,  e  così  faceva  Steve,  il  suo  patrigno,  e  tutti  quelli  
che  Billy  conosceva.  Ma  lui  non  voleva  solo  soprav-­‐‑
vivere,  non  gli  bastava.  Lui  voleva  vivere.  Provarci  
almeno.  Come  aveva  fatto  sua  sorella  Nadine,  che  se  
n’era  andata  qualche  anno  prima.
E  avevano  poco  da  riempirsi  la  bocca  con  tutte  
quelle   storie   sulle   origini,   sul   passato   glorioso,  
sulle  tradizioni,  sull’orgoglio  nazionale  e  sulla  fie-­‐‑
rezza  di  un  popolo.  Non  c’era  fierezza  in  un  piatto  
vuoto,   non   c’era   traccia   di   orgoglio   in   un   adulto  
ubriaco,   nessuna   gloria   nell’elemosinare   i   dollari  
dei  turisti.  
A   suo   padre,   uno   di   quelli   che   aveva   sostenu-­‐‑
8

8

05/02/14 15.53

o  
 
n  
-­‐‑
a  

to   la   necessità   di   restituire   ai   nativi   americani   la  
dignità,  le  terre  sottratte  con  l’inganno  e  gli  stessi  
diritti  dei  bianchi,  che  si  era  battuto  manifestando,  
che  aveva  alzato  la  voce,  che  si  era  indignato,  i  poli-­‐‑
ziotti  avevano  spezzato  la  schiena  a  manganellate.  
Era   accaduto   durante   l’occupazione   di   Wounded  
Knee,   nel   ’73;   Billy   allora   aveva   soltanto   tre   anni.  
Suo   padre   si   chiamava   Leonard   Paige,   detto   Big  
Dreaming   Bear,   perché   era   grosso   e   forte   come  
un  orso,  e  perché  sognava  una  vita  diversa.  Aveva  
lanciato  un  sasso  contro  un  agente  beccandolo  alla  
testa  e  i  suoi  colleghi  non  ci  avevano  visto  più.  Si  
erano   sfogati   come   animali   rabbiosi,   liberi,   final-­‐‑
mente,  di  poter  dare  una  lezione  a  un  muso  rosso  
insolente   che   non   sapeva   stare   al   suo   posto.   Big  
Dreaming  Bear  era  stato  portato  via  in  barella,  un  
braccio  che  penzolava  nel  vuoto;  mentre  si  allonta-­‐‑
nava,  diceva  che  non  sentiva  più  le  gambe.  Per  tutti  
gli  altri  l’occupazione  era  finita  il  giorno  dopo,  con  
le  manette  ai  polsi.
Mentre   gli   attivisti   dell’American   Indian  
Movement   e   di   altre   associazioni   proseguivano  
con   fortune   alterne   a   protestare   per   i   loro   diritti,  
l’ombra   dell’uomo   che   era   stato   Leonard   Paige  
trascorreva   gli   ultimi   anni   della   sua   esistenza  
raggomitolato   su   una   seggiola   di   plastica   gialla,  

 
é  
e  

i  

i  
-­‐‑
 
e  

 
,  

o  
o  
 

9

9

05/02/14 15.53

a   orinare   in   un   sacchetto,   senza   sogni.   Uno   stra-­‐‑
zio,   una   visione   terrificante   per   tutti   quelli   che   lo  
avevano  conosciuto.  A  questo  era  servito  alzare  la  
testa,  dicevano  in  molti,  gli  stessi  che  se  ne  stavano  
buoni  a  obbedire,  che  non  facevano  domande.  Ma  
poi,  al  funerale,  nessuno  se  l’era  sentita  di  mancare  
e   il   corteo   che   aveva   seguito   la   bara   era   stato   più  
lungo  di  un  miglio.
Tutte  queste  cose  Billy  non  se  le  ricordava  diret-­‐‑
tamente.   Le   aveva   sentite   raccontare,   ancora   e  
ancora,   e   negli   anni   si   era   convinto   di   un’idea:  
se   volevi   ottenere   qualcosa   dovevi   essere   furbo,  
più  furbo  del  tuo  nemico.  Non  pensava  mai  a  suo  
padre  come  a  un  eroe,  ma  come  a  qualcuno  che  si  
era  fatto  fregare.        
E   in   fondo,   se   il   passato   davvero   era   esistito   –  
ma  Billy  cominciava  a  dubitarne  –  se  il  popolo  dei  
Lakota   aveva   davvero   vissuto   su   quelle   terre   per  
centinaia   d’anni,   libero   e   nobile   come   dicevano   i  
vecchi,  ora  tutto  era  svanito  e  ciò  che  una  volta  era  
stato   pesava   quanto   un   sogno   o   una   manciata   di  
terra  secca.  O  la  seggiola  sulla  quale  si  era  spento  
suo  padre.  
Il  passato  era  passato.  Era  lontano,  più  lontano  
di  qualunque  posto  sulla  Terra.
Un   falco,   alto   nel   cielo,   lanciò   il   suo   richiamo,  
10

10

05/02/14 15.53

-­‐‑
 
a  
o  
 
e  
ù  

una   specie   di   fischio   acuto.   Billy   alzò   il   pugno  
e   rispose.   Nel   cerchio   tutto   uguale   dell’orizzon-­‐‑
te   non   c’erano   che   loro   due,   ragazzo   e   uccello.  
Entrambi  liberi.
Riprese  a  camminare.
Davanti  aveva  la  strada,  coperta  di  segni  come  le  
facce  di  quei  vecchi  che  ricordavano  i  tempi  andati  
fuori  e  dentro  il  bar  di  Shelby,  invitante  e  terribile,  
vuota  e  magnifica,  piena,  ora,  di  lui  e  del  suo  pic-­‐‑
colo  coraggio.
Dietro,  un  passato  che  non  lo  riguardava  più.

e  
:  
,  
 
i  

 
i  
r  
 
 
 
o  

 

,  
11

11

05/02/14 15.53

2

S

entì  un  motore  alle  sue  spalle.
Le  auto  della  riserva  facevano  un  rumore  incon-­‐‑
fondibile.  Erano  vecchie,  scassate,  e  risuonavano  di  
lamiere   arrugginite,   di   motori   sfiancati,   di   mar-­‐‑
mitte   forate,   arrancando   miseramente   sull’asfalto.  
Le  auto  dei  turisti  o  degli  americani  di  passaggio,  
invece,   non   le   sentivi   nemmeno   arrivare:   sfrec-­‐‑
ciavano   sibilando,   quasi   sollevate   da   terra.   Erano  
macchine  dai  trentamila  dollari  in  su,  un  gruzzolo  
che   un   nativo   americano   non   avrebbe   salutato   in  
una  vita  intera,  che  era  un  terzo  più  corta  rispetto  
alla  media  del  Paese.
Billy   tirò   fuori   il   braccio   e   alzò   il   pollice,   nel  
segno   universale   degli   autostoppisti.   Se   davvero  
voleva  raggiungere  il  cuore  dell’America  non  pote-­‐‑
va  pensare  di  farlo  a  piedi.
L’auto  rallentò,  fino  a  procedere  alla  stessa  velo-­‐‑
cità  di  Billy.
«Ehi!»  disse  una  voce.
12

12

05/02/14 15.53

Billy  non  si  voltò.  La  voce  era  quella  di  Steve,  il  
suo  patrigno.  
«Non  ci  torno  a  casa»  rispose  proseguendo.
L’uomo  si  sporse  dal  finestrino.  «Peggio  per  te»  
disse  con  indifferenza  da  dietro  un  paio  di  enormi  
occhiali  quadrati.  «E  meglio  per  me»  aggiunse  ghi-­‐‑
gnando.  «Un  posto  in  meno  a  tavola.»
Billy  sollevò  di  nuovo  il  braccio.  Stavolta,  anzi-­‐‑
ché  il  pollice,  mostrò  il  medio.
L’auto,  una  Ford  Ranchero  azzurro  cielo,  impe-­‐‑
stava   l’aria   del   suo   brontolio   e   del   puzzo   di   un  
motore  mal  carburato.
«Che  diavolo  vuoi?»  chiese  Billy.  
«Ho  promesso  a  tua  madre  che  avrei  cercato  di  
convincerti.  Le  dirò  che  non  c’è  stato  niente  da  fare.  
Che  eri  deciso.  Le  si  spezzerà  il  cuore,  poveraccia.»
«Fottiti,  Steve.»
L’uomo   alzò   le   spalle.   Indossava   una   camicia  
vistosa,   a   righe,   con   le   maniche   arrotolate   sugli  
avambracci.   «Non   credere   che   Nadine   ti   piglierà  
con  sé.»
«Non  vado  da  Nadine.»
«E  dove,  allora?»
«Lasciami  in  pace.»
«Cosa  devo  dire  a  tua  madre?»
«Niente.»

 

 
 
-­‐‑
 
 
 
 

 
 
-­‐‑

13

13

05/02/14 15.53

L’auto  si  fermò,  indecisa.  Poi  con  un  balzo  fece  
inversione   a   U,   infilando   la   careggiata   deserta   in  
direzione   opposta.   Due   colpi   di   clacson   furono   il  
suo  saluto.
Billy  detestava  Steve.  Non  che  lui  gli  avesse  fatto  
del   male,   nel   senso   che   non   l’aveva   mai   picchiato  
o   altro.   Si   limitava   a   tenere   l’aria   che   molti   adulti  
mostrano  nei  confronti  dei  ragazzini  –  quel  misto  
di   superiorità   e   falsa   indulgenza   che   ti   fa   sentire  
una  nullità,  una  lattina  vuota  sul  ciglio  della  stra-­‐‑
da  –  e  a  dire  una  battuta  tagliente  di  tanto  in  tanto.  
Niente   per   cui   farsi   andare   il   sangue   al   cervello.  
Eppure   lo   detestava   in   maniera   quasi   fisica,   tipo  
un’allergia,   roba   così.   Il   fatto   era   che   Steve   aveva  
preso  il  posto  del  padre  di  Billy,  in  casa  e  forse  nel  
cuore  della  madre:  ecco  qual  era  la  sua  colpa.  Una  
colpa  non  espiabile.  Non  era  un  uomo  cattivo,  non  
più  di  altri.  Lavorava  saltuariamente  come  mecca-­‐‑
nico  in  un’officina  fuori  dai  confini  della  riserva,  in  
mezzo  ai  bianchi  e  per  i  bianchi,  ma  in  un  anno  i  
giorni  in  cui  rimaneva  a  casa  erano  di  gran  lunga  
più  di  quelli  che  trascorreva  riparando  automobili.  
Quando  non  lavorava,  Steve  frequentava  gli  amici.  
Di  solito  si  radunavano  come  un  branco  a  casa  di  
qualcuno,  a  bere  birra  e  a  lamentarsi  dei  loro  guai.  
A  volte  il  branco  si  riuniva  da  Billy,  e  in  quelle  occa-­‐‑
14

14

05/02/14 15.53

 
 
 

sioni  lui  usciva.  Non  era  casa  di  Steve,  quella.  Era  
stata   di   Big   Bear,   e   ora   apparteneva   a   Rose,   sem-­‐‑
mai.  Non  era  casa  di  Steve,  ma  Steve  si  comportava  
come  se  lo  fosse.  Li  faceva  venire  e  quelli  venivano,  
li  faceva  bere  e  quelli  bevevano.  Ce  l’avevano  con  
il   governo,   con   i   bianchi,   con   l’ufficio   tribale,   con  
la  BIA,  l’Agenzia  degli  Affari  Indiani,  con  i  giovani  
e   con   i   vecchi.   Ce   l’avevano   con   tutti,   perfino   con  
i  turisti,  tranne  che  con  loro  stessi,  nonostante  non  
sapessero   far   altro   che   stare   seduti   a   lamentarsi   e  
a  bere  birra.  Era  un  momentaccio  in  generale,  non  
solo  per  i  nativi,  e  Billy  sapeva  che  a  Chilliwak,  a  
Silver  City,  a  Kasdan,  a  Pierre  e  in  molte  altre  città  
c’era  chi  faceva  la  fila  davanti  agli  uffici  di  colloca-­‐‑
mento   o   alle   fabbriche,   alla   ricerca   di   un   posto   di  
lavoro.  Ma  loro  no.  Loro  stavano  seduti  a  bere  birra  
e  a  dirsi  quanto  erano  sfortunati  a  non  avere  soldi,  
a  non  avere  un  lavoro  fisso.  Perché  non  alzavano  il  
culo  e  andavano  a  cercarselo,  un  lavoro?
Roy,  invece,  con  Steve  ci  andava  d’accordo.  Roy  
era  il  fratello  di  Billy,  diciassette  anni,  naso  grosso,  
braccia  lunghe  e  una  gran  passione  per  gli  alcolici  
e  i  furti.  Roy  a  trovare  lavoro  non  ci  pensava  nem-­‐‑
meno.   Certe   volte   restava   a   bere   con   gli   amici   di  
Steve  e  si  dava  arie  da  grande,  parlando  a  vanvera,  
ridendo   e   dicendo   parolacce.   In   quelle   occasioni  

o  
o  
i  
o  
 
-­‐‑
 
.  
o  
 
 
a  
n  
-­‐‑
n  
 
 
 
 
 
 

15

15

05/02/14 15.53

Billy   riusciva   a   detestare   anche   suo   fratello.   Una  
volta   Roy   aveva   fatto   vedere   a   Billy   un   rotolo   di  
banconote.  Aveva  detto  di  averlo  fatto  in  una  sera.  
Era  bastato  arrivare  a  Chilliwak  e  spaccare  con  una  
mazza  il  finestrino  di  qualche  auto.  Aveva  arraffato  
delle  giacche,  la  borsa  di  un  dottore  e  altre  cose  che  
aveva  rivenduto  a  un  bianco,  lì  in  città.  A  che  ser-­‐‑
viva  lavorare?  aveva  chiesto.  Billy  aveva  guardato  
il  rotolo  di  banconote.  Era  convinto  che  solo  quella  
esterna   fosse   da   dieci   dollari;   le   altre   dovevano  
essere  da  uno.  In  ogni  caso  i  furti  non  lo  interessa-­‐‑
vano.  Lui  aveva  altro  per  la  testa.  Lui,  a  differenza  
di  Roy,  di  Steve  e  di  tutti  gli  altri,  aveva  un  sogno.  

16

16

05/02/14 15.53

a  
i  
.  
a  
 
 

3

R

ose  non  si  era  opposta,  non  l’aveva  fermato.
Non  sarebbe  servito,  probabilmente,  ma  avreb-­‐‑
be   dovuto   almeno   provarci,   così   la   pensava   Billy.  
Per   quanto   ne   sapeva,   sua   madre   non   aveva   dis-­‐‑
suaso   nemmeno   Nadine.   L’aveva   lasciata   andare  
più   o   meno   nello   stesso   modo   che   aveva   usato  
con  lui,  come  si  potrebbe  lasciar  andare  una  foglia  
in   un   corso   d’acqua,   abbandonandola   al   proprio  
destino,   seguendola   con   lo   sguardo   per   un   po’,   e  
alla  fine  girandosi  dall’altra  parte.  Non  aveva  lotta-­‐‑
to  per  i  suoi  figli.  Non  era  naturale.
Forse  aveva  ragione  Steve:  in  fondo  tutto  si  ridu-­‐‑
ceva  a  bocche  in  meno  da  sfamare.
Non   c’erano   state   discussioni,   né   grida,   e   non  
c’erano   stati   schiaffi.   Billy   non   avrebbe   cambiato  
idea   –   nulla   l’avrebbe   indotto   a   restare,   ormai   –  
ma   portare   con   sé   l’immagine   disperata   di   sua  
madre   che   lo   implorava   di   rimanere   gli   sarebbe  
servito,   gli   avrebbe   dato   forza,   lo   avrebbe   con-­‐‑

o  
 
 

 
 

17

17

05/02/14 15.53

vinto  che  stava  facendo  una  cosa  giusta,  una  cosa  
coraggiosa,   l’unica   forse   che   poteva   fare.   Invece  
l’opposizione   di   Rose   era   stata   timida,   incerta,  
balbettante,   quasi   sperasse   che   Billy   fosse   più  
forte   e   ostinato   del   suo   rifiuto.   E   lui   era   rimasto  
spiazzato   da   quel   comportamento.   Ma   solo   per  
poco.   Poi   la   rabbia   l’aveva   fatto   schizzare   fuori  
dalla  baracca,  e  nonostante  l’aria  rovente  e  l’odo-­‐‑
re   della   polvere,   nonostante   le   lacrime   e   il   cuore  
che  batteva  a  mille,  gli  era  sembrato  finalmente  di  
tornare  a  respirare.  
L’ultima  mossa  di  sua  madre  per  convincerlo  a  
restare   era   stata   mandare   Steve,   ben   sapendo   che  
lui  non  avrebbe  detto  una  sola  parola  che  potesse  
trattenerlo.
Da  quando  Big  Bear  era  morto,  era  come  se  anche  
Rose  avesse  cessato  di  vivere.  Non  le  importava  di  
nulla  e  se  aveva  accettato  di  sposare  Steve  era  solo  
perché  le  serviva  qualcuno  che  si  occupasse  di  lei,  
dato  che  non  era  più  in  grado  di  badare  a  se  stessa.  
E   ce   l’aveva   con   Big   Bear,   anche   se   non   l’avrebbe  
mai  ammesso.  Ce  l’aveva  con  lui  perché  era  a  causa  
sua   che   aveva   dovuto   accogliere   nel   proprio   letto  
un  altro  uomo.  Ce  l’aveva  con  Leonard  perché  era  
stata  la  sua  ostinata  fede  nella  lotta  a  condurre  lui  
alla   morte   e   la   famiglia   a   sgretolarsi.   Nadine   se  
18

18

05/02/14 15.53

a  
e  
,  
ù  
o  
 
 

n’era  andata  e  Roy  aveva  scoperto  quanto  potesse  
essere   gratificante   vivere   di   espedienti.   In   quanto  
a  Billy,  la  sua  esistenza  era  dominata  da  un  senti-­‐‑
mento  di  rancore  indefinito  contro  tutti  e  nessuno  
in  particolare,  un’angoscia  perenne,  un  male  oscu-­‐‑
ro  che  lui  stesso  non  avrebbe  saputo  spiegare  e  che  
solo  Dave,  l’amico  di  sempre,  sapeva  comprendere.
Ed  era  proprio  da  lui  che  Billy  era  passato  prima  
di  mettersi  in  strada.  
Dave   viveva   in   una   baracca   simile   a   quella   di  
Billy,  solo  che  aveva  la  tivù.  Sul  tetto  era  sistema-­‐‑
ta   un’antenna   enorme,   che   quando   tirava   vento  
oscillava   come   un   fuscello   e   sembrava   sempre  
sul   punto   di   spaccarsi   in   due.   Il   padre   di   Dave  
era   molto   fiero   della   sua   tivù.   Doveva   esser-­‐‑
gli   costata   un   occhio,   ma   lo   rendeva   uno   degli  
uomini   più   rispettati   della   riserva,   la   voce   della  
Nazione.   Spesso   lo   trovavi   da   Shelby,   il   cappello  
di   paglia   calcato   in   testa   e   gli   occhiali   scuri,   che  
teneva  banco  raccontando  le  ultime  sentite  in  tivù.  
L’assalto  all’ambasciata  americana  in  Iran  nel  ’79,  
l’assassinio   di   John   Lennon   nell’80,   l’attentato   a  
Reagan  l’anno  dopo,  il  crollo  dell’Hyatt  Regency  a  
Kansas  City:  erano  solo  alcuni  degli  scoop  portati  
alla   ribalta   dal   padre   di   Dave.   La   superiorità   che  
gli   derivava   dal   possedere   un   televisore   l’aveva  

 
 

 
e  
e  

 
i  
o  
 
.  
 
a  
o  
a  
i  
e  

19

19

05/02/14 15.53

trasformato  in  un  uomo  arrogante  e  autoritario.  
Billy   aveva   incrociato   Dave   sul   terreno   davanti  
casa  sua,  un  quadrato  recintato  ingombro  di  pezzi  
di  ferro  arrugginiti,  assi  di  legno  e  il  telaio  di  una  
Honda   con   un   telo   macchiato   sopra.   Dave   stava  
svuotando  un  secchio  d’immondizia  in  una  piccola  
fossa.   Con   lui   c’era   Whisper,   un   meticcio   grosso  
quanto  un  lupo.
«Allora  fai  sul  serio»  aveva  detto  Dave  notando  
lo  zaino  sulle  spalle  dell’amico.  
«Pensavi  che  fossi  un  cacasotto?»
«No.   Però…»   Però   vederlo   andare   via   davvero  
era  un’altra  cosa.
Dave  era  al  corrente  del  piano  di  Billy.  E  anche  
del  sogno  che  covava.  Era  un  segreto,  che  sarebbe  
stato   svelato   soltanto   nel   momento   in   cui   si   fosse  
compiuto.   Altrimenti   sarebbe   rimasto   un   segreto,  
per  sempre.  Il  loro  segreto.
«Tu  non  vieni?»  aveva  chiesto  Billy.
Ne  avevano  parlato,  più  di  una  volta.  Ma  Dave  
non  era  il  tipo  da  prendere  e  andare.
«Non  posso.»
Billy  lo  aveva  guardato  meglio:  aveva  un  labbro  
gonfio.   Dave   cercava   di   nasconderlo   tenendo   la  
testa   bassa,   e   intanto   giocherellava   con   il   manico  
del  secchio.  Whisper,  poco  distante,  si  grattava.
20

20

05/02/14 15.53

«Con  chi  stai  parlando?»  Dalla  porta  era  sbucato  
il  cappello  di  paglia  del  padre  di  Dave.
«È  Billy,  pa’.»
«Hai  finito  con  quel  secchio?»
«Sì,  pa’.»
«Allora   torna   dentro.»   Era   un   ordine,   non   un  
invito.
Dave   aveva   teso   la   mano,   come   un   uomo.  
«Buona  fortuna,  amico.»
«Ti   scriverò»   aveva   risposto   Billy   sapendo   di  
mentire.  «E  quando  sarò  sistemato  tu  mi  raggiun-­‐‑
gerai.»
«Certo.»
«Ti   ho   detto   di   tornare   dentro»   aveva   ripetuto  
l’uomo.
«Arrivo.»
Mentre  guardava  l’amico  allontanarsi  con  quello  
zaino  slabbrato  che  conteneva  tutto  quello  che  pos-­‐‑
sedeva   –   compreso   il   sogno   –   Dave   aveva   sentito  
una  mano  invisibile  afferrargli  la  gola  e  stringere,  
stringere   fino   a   che   l’aria   aveva   quasi   smesso   di  
passare.   L’abbaiare   di   Whisper   aveva   rimesso   le  
cose  a  posto.
Dave   era   rientrato.   Dopo   il   bagno   accecante   di  
luce  dell’esterno,  la  semioscurità  che  regnava  nella  
baracca  gli  era  parsa  un  pozzo  nero  e  senza  fondo.  

i  
i  
a  
a  
a  
o  

o  

 

 
e  
e  
,  

e  

o  
 
o  

21

21

05/02/14 15.53

«Che  voleva?»  aveva  chiesto  suo  padre,  sprofon-­‐‑
dato   in   un   divano   sdrucito   piazzato   davanti   alla  
tivù.  
«Niente.»  
«Meglio  così.»

22

22

05/02/14 15.53

Finito  di  stampare  nel  mese  di  febbraio  2014
presso  Nuovo  Istituto  Italiano
d’Arti  Grafiche,  Bergamo

266

05/02/14 15.53


Documenti correlati


Documento PDF muso rosso preview
Documento PDF preview
Documento PDF rcss000niesum0042v3k1preview
Documento PDF lista nascita rosso bebe
Documento PDF ilfilorosso recensioni
Documento PDF articolo x mike morabito nascita sbt


Parole chiave correlate