File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Assistenza Contattaci



RG1939 07 29 176 P1 .pdf



Nome del file originale: RG1939_07_29_176_P1.pdf
Titolo: Gazzetta Ufficiale del Regno d'Italia N. 176 del 29 Luglio 1939 parte prima
Autore: DigitPa

Questo documento in formato PDF 1.4 è stato generato da Recogniform OCR Server / Recogniform PDF Library, ed è stato inviato su file-pdf.it il 07/03/2014 alle 21:08, dall'indirizzo IP 79.22.x.x. La pagina di download del file è stata vista 1021 volte.
Dimensione del file: 3.5 MB (16 pagine).
Privacy: file pubblico




Scarica il file PDF









Anteprima del documento


corrente con la

Conto

Anno 800

posta

UFFICIAI

GAZZE T TA

D' I TA LIA

DEL REGNO

PARTE PRIMA

Ron

Sabato, 29 luglio 1989

-

Numero 178

--

-

s,-2,«n,«rom
\IEND I FESTIVI

ANNo XVII

DIREZIONE E REDAZIONE PRESSO IL MINISTERO DI CRAZIA E CIUSTIZIA- UFFICIO PUBBLICAZIONE DELLE LECCl- TELEFONi: 54-107- 5&O33- 53-914.
CONDIZIONI
In Roma, sia presso l'Amministrazione che a
domicilio ed in tutto il llegno (Parte I e II)
All'estero (Paesi dell'Unione postale)
In Roma, sia presso l'Amministrazione che a
domicilio ed in tutto il Regno (solo Parté I)
All'estero (Paesi dell'Unione postale)
.

.

.

.

.

Per

gli

.

Sem.

,103

83

45

240

140

200

T2
1GO

65

Trim.

ABRONAMIONTO
Abbonamento speciale ai soli fascicoli contenenti i numeri dei titolf obbli•
gazionari sorteggiati per il rimborso, annue L. 45
Estero L. 100.
Gli abbonati hanno diritto anche ai supplementi ordinari. I supplo.
menti straordinari sono fuori abbonamento,
il prezzo di vendita di ogni puntata della e Gazzatta UfGaista a (PaF•
te le li oomplessivamente) à Assato in tire 1,35 nel Regnow in tire 3 81•
restero.
--

L.
>

.

.

DI

Ando

w


.

annunzi da inserire nella

"

100

Gazzetta

81.80
TO

Ufficiale,, veggansi le

norrne

riportate

nella testata de11a

parte seconda

Gazzetta Umciale » e tutte le altre pubblicazioni ufBoiali sono in vendita al pubbliod presso i nerosi della Libreria dello Stato in Romai
Settembre, nel palazzo-del Ministero dello Finanze; Corso Umberto, 2ût (angolo Via Marco Minghetti, 28-86); in Milano, GaNeria
Vittorio Emanuele, 8; in Napoli, Via Chiaia, 5; e presso le Librerie depositario di Roma e di tutti i CaÞiluoghi delle provincie del Regno.
La inserzioni nella Parte II della « Gazzetta Umeiale a si ricevono: in 80 MA
presso la Libreria dello Stato- Palazzo del Ministero delÍa
Finanze. La sede della Libreria dello Stato in Milano : Galleria Vittorio Emanuele, 8, è autorizzata ad socettare solamente gli avvisi consegnatl a
mano ed accompagnati dal relativo importo.
La

a

Via II

-

niinistero delle corporazioni: Elenco n. 76 dei decreti Ministeriali contenenti i provvedimenti sulle domande di autorizzazione per nuovi impianti industriali e per l'ampliamento di
stabilimenti industriali esistenti ai sensi della legge 12 gennaio 1933, n. 141, e dei Regi decreti 15 maggio 1933, n. 590,
e 12 aprile 1937, n. 841
Pag. 3487

SOMMARIO
LEGGI
REGIO DECRETO 20

DECRETI

E

aprile 1939-XVII,

del nuovo statuto del
di architettura di Venezia
.

REGIO DECRETO 20
e

.

.

.

1030.

n.

Approvazione

Regio
.

.

aprile 1939-XVII,

.

.

Istituto
..

.

.

superiore
Pag. 3482

1031.

n.

Alodificazioni allo statuto della libera Università di economia
commercio « Luigi Bocconi » di Milano
Pag. 3484
.

REGIO DECRETO 27

1939-XVII,

marzo

.

n.

.

.

.

1032.

Trasformazlone del One inerente al patrimonio del « Preven•
torio etioterapico », con sede in Instiano, frazione del comune
di Vigolzone
Pag. 3485
.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

Ispettorato

per

la

difesa

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

REGIO DECRETO 12 maggio 1939-XVII, n. 1034.
Soopressione delle parrocchie di San Giovanni in Xenodo.
chio, di Santa Maria di Corte e dei SS. Pietro e Biagio in Cividale del Frinli
Pag. 3485
.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

del

.

.

.

.

Pag.

3485

DISPOSIZIONI E COMUNICATI
Ministero delle finanze:
Media dei cambi e dei titoli
Pag. 3486
DifBda per tramutamento di certificato di rendita Prestito
redimibile 3,50 % (1934)
Pag. 3486
Difida per tramutamento in cartelle al portatore di certificato di rendita consolidato 3,50 % (1906)
Pag. 3486
Diffida per tramutamento in titoli al portatore di certificati
di rendita consolidato 3,50 % (1900)
Pag. 8486
DifBde per smarrimento di certificati provvisori del Prestito
del Littorio
Pag. 34R6
DifBda per restituzione di certificati del Prestito redimibile
.

.

.

.

.

..

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

e

.

l'esercizio

per

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

del

.

.

.

.

.

.

.

.

Pag. 3490
Cessazione dell'amministrazione straordinaria
rurale ed artizians « La Barrese » di Barrafranca,
comune di Barrafranca (Enna)
.
,
,
,

DEL DUCE DEL FASCISMO, CAPO DEL GOVERNO, PRESIDENTE DEL COMITATO DEI MINISTRI,

luglio 1930-XVII.

.

Nomina dei presidenti delle Casse comunali di credito agrario
di Civitanova Marche (Macerata), Selci in Sabina (Rieti) e
Castelnuovo di Porto (Roma)
Pag. 3489
Sostituzione del commissario liquidatore della Cassa rurale
ed artigiana di Moio Alcantara, in liquidazione, con sede nel
comune di Lanza (Messina)
Pag. 3489
Sostituzione di un membro del Comitato di sorveglianza del
Consorzio di risparmio e anticipazioni della Società impiegati,
con sede in Zara
Pag. 3489
Cessazione dell'amministrazione straordinaria della Cassa
Pag. 3489
rurale ed artigiana di Goriano Sicoli (Aquila)
Aporovazione deeli statuti-regolamenti delle Casse comunali
di credito arrario di Cerva (Catanzaro), 8. Giorgio Lucano
Pag. 3489
(Matera) e Cuanoli (Pescara)
Nomina dei presidenti delle Casse comunali di credito agrario
di Ferrari in Serino (Avellino) e Galatro (Reggio Calabria).

,DECRETO

Nomina del presidente e del vice presidente del Consiglio di
amministrazione della Cassa di risparmio di Reggio Emilia.

.

risparmio

.

20

.

credito:

.

REGIO DECRETO 12 maggio 1939-XVII, n. 1033.
Riconoscimento, ag11 effetti civill, della nuova parrocchia di
Santa Alaria e San Mauro, nella chiesa omonima in Purgessimo
di Cividale del Friuli
Pag. 3485

.

.

.

.

della Casma
con sede nel
Pag. 3400
.

CO N CO R SI
Ministero detta guerra: Concorso
nel ruolo
zione centrale
prova

.

.

.

.

.

tre

a

personale

del

.

oosti di inserviente in
dell'Amministra-

subalterno
.

.

.

.

.

.

.

Pag.

3490

311nistero della marina: Concorso a otto posti di tenente in servizio permanente effettivo nel Corpo delle armi navali.
Pag. 3493
Ministero dell'aeronautica: Proroga del concorso _per 300 allievi
della la classe della Regia Accademia aeronautica. Pag. 3493
e per le valuter Graduatoria generale
15 borse di pratica commerciale all'estero.
Pag. .949?.

Ministero per gli scambi
del

concorso

a

n.

Ministero delle finanze: Graduatoria del concorso a tre posti di
applicato meccanico (grado 12•) nel ruolo del personale di
26 categoria dell'Amministrazione dei monopoli di Stato.

Pag.

3498

.

.

8,50percento...............

Pag.3487

Ilegia prefettura di Alessandria: Graduatoria generale del conPag. 3490
corso a posti di ostetrica condotta
,
.

.

.

.

.

GAZZETTA FFFT

29-VII-1939 (XVTI)

8482

AIÆ DEI

imGNO D'1TALIA

Biennio di studi

LEGGI E DECRETI

Sono
1.

20

aprile 1939-XVII,

del nuovo statuto del
di architettura di Venezia.

Approvazione

n.

Ilegio

PKR

GRAZIA DI DIO

E

PER

Istituto

superiore

3. Storia

di architettuì·a

rilievo dei monumenti

e

dell'arte

e

storia

stili

e

dell'architettura

VOLONTÂ

4. Elementi costruttivi.
5. Analisi matematica e geometria analitica (biennale).
G. Geometria descrittiva ed elementi di proiettiva.

III

DELLA NAZIONE

7.

Veduto lo statuto del Regio Istituto superiore di architettura di Venezia approvato con il R. decreto 1· ottobre

10.

descrittiva.

geometria

ed applicato.
geologia.

generale

Mineralogia

e

Sono insegnamenti complementari:
1. Letteratura italiana.
2. Plastica ornamentale.

1877;

Veduto il Testo unico delle leggi sulPistruzione superiore
approvato con il R. decreto 31 agosto 1933-XI, n. 1592;
Veduto il R. decreto-legge 20 giugno 1935-XIII, n. 1071;
Veduti i Regl decreti 28 novembre 1935-XIV, n. 2014,
y maggio 1936-XIV, n. 882 e 30 settembre 1938-XVI, n. 1652;
Veduto Part.
11 del R.
decreto-legge 15 novembre

di

Applicazioni

8. Fisica.
9. Chimica

IMPERATORE D'ETIOPIA

n.

propedentici.

(biennale).

14E D'ITALIA E DI ALBANIA

1930-XIV,

176

(biennale).

VITTORIO EMANUELE
.

1030.

N

insegnamenti fondamentali:
Disegno dal vero (biennale).

2. Elementi

REGIO DECRETO

·

Per ottenere l'iscrizione al successivo triennio di appli·
cazione lo studente deve aver seguito i corsi e superato gli
esami in tutti gl'insegnamenti fondamentali del biennio ed
in due almeno da lui scelti fra i complementari.
.

.

38·XVII,

n.

1779;

Triennio di studi di

Vedute le proposte relative allo statuto dell'Istituto

su-

Sono

periore anzidetto;

Lo statuto del

Regio Istituto superiore di architettura di
Venezia, approvato con R. decreto 16 ottobre 1936-XIV, aumero 1877, è abrogato ed è, in sua vece, approvato il nuovo
statuto, annesso al presente decreto e firmato, d'ordine Nostro,

dal Ministro

proponente.

Ordiniamo che il presente decreto, munito del sigillo dello
sia inserto nella Raccolta ufficiale delle leggi e dei
decreti del Regno d'Italia, mandando a chiunque spetti di
osservarlo e di farlo osservare.

2.

Roma,

addì 20

VITTORIO

Composizi6ne architettonica (biennale).

5. Architettura

interni

degli.

.

arredamento e decora.

zione (biennale).
6. Urbanistica (biennale).
7. Meccanica razionale e statica grafica.
8. Fisica tecnica.
9. Scienza delle costruzioni (biennale).
10. Estimo ed esercizio professionale.
11. Tecnologia dei materiali e tecnica delle costruzioni.
T3.

Impianti tonici.
Igiene edilizia.

14.

Topografia

12.

e

costruzioni stradali.

15. Restauro dei monumenti.
Sono

aprile 1939-XVII

composizione.

3. Caratteri distributivi degli edifici.
4. Caratteri stilistici e costruttivi dei monomenti.

Stato,

Dato a

fondamentali:

ihsegnamenti

1. Elementi di

Riconosciuta la particolare necessità di approvare le nuove
,siodifiche proposte;
Sulla proposta del Nostro Ministro Segretario di Stato
per l'educazione nazionale;
Abbiamo decretato e decretiamo:

appli'cazione.

insegnamenti complementari:

1. Arte dei giardini.
2. Scenografia.

EMANUELE

3. Decorazione.
4. Materie

Borr.u
Visto, il Guardasigilli: SOLE
Registrato alla Corte dei conti, addi 25 luglio 1939-XVII
MANCim
atti del Governo, registro 411, foglio 78.
-

Gli

giuridiche.
insegnamenti a corso biennale comportano

fine di

ogni

anno

di

Pesame alla

corso.

Per essere ammesso all'esame di laurea lo studente deva
SeguitO i COPSI O SuperüÍO gli €Sami in tutti gli inse-

aveP

fondamentali del triennio di applicazione ed in due
almeno da lui scelti fra i complementari.

gnamenti
Statuto del Iteglo Istituto superiore di architettura di Venezia

Art.

Art. 1.
Il Reglo Istituto superiore di architettura di Venezia ha
per tine d'impartire la cultura artistica, tecnica e scientifica necessaria per conseguire la laurea in architettura.

Durante il corso di
ciascun allievo

3.

composizione

architettonica del

quinto

svolgere un progetto completo
tanto nei riguardi delParte, quanto in quelli della tecnica.
Tale progetto formerà lo studio da presentarsi quale tema
deve

anno

di laurea.

Art. 4.
Art. 2.

La durata del

studi per la laurea in architettura è di cinque anni, divisi in nu biennio di studi prove
dentici ed in un triennio di studi di applicazione.
E' titolo di ammissione il diploma di maturità classica
o di maturità scientifica o di maturità artistica.
corso

degli

Le

precedenze

Diennio

sono

stabilite nel modo seguente:

propedentico :

e Pesame di disegno
rispettivamente precedere l'iscrizione
dal vero (2°);

l'iscrizione

dal

vero

e Pesame

(1°)

devono

di

disegno

29 Va-1939 (IVID

Piscrizione
To

.

G£2BRTTA

Pesame di elementi di architettura

e

dei monumenti

e

US$FitSAIR DEL BEGNO
rilie-

ha

scrizione e
monumenti (2°);

l'iscrizione

rione

e

l'esame

e

l'esame di

analisi

di

matematica

e

Art. L
Il

Consiglio di Facoltà può dichiarare non valido, agli
dell'iscrizione, il corso che, a cagione della condotta
degli studenti, abbia dovuto subire una grolungata in.ter,
effetti

geome-

ruzione.

geometria descrittiva ed elerispettivamente precedere Piscriapplicazioni di geometria descrittiva;

Art. 8.

devono

Il

Piscrizione e l'esame di chimica generale ed applicata
devono rispettivamente precedere l'iscrizione e Pesame di
riennio di

con il Consiglig di Facoltà, allo
accattemico coordina e rende engent1Yi À
gli orari dei vari corsi.

tien anno

programmi

e

applicazione:

l'iscrizione

l'esame

e

Art. 9.
di

elementi di

composizione

de-

rispettivamente precedere l'iscrizione e l'esame di composizione architettonica (1);
l'iscrizione e l'esame di composizione architettonica (16)
devono rispettivamente precedere l'iscrizione e l'esame di
composizione architettonica (2°) ;
l'iscrizione e l'esame di architettura degli interni, arredamento e decorazione (1°) devono rispettivamente precedere
l'iscrizione e l'esame di architettura degli interni, arredamento e decorazione (2°) ;
l'iscrizione e l'esame di urbanistica (1°) devono rispettivamente precedere l'iscrizione e l'esame di ulibanistica (2°);
vono

l'iscrizione

grafica

d'irettore, in accordo

inizio

Beologia;

e

per

al quale sia negata Pammissione alPesame,
riipetere ne1Panno successiro' Piacrizione e la
l'insegnamento nel qyale gli è stata negata

l'esame di

e

proiettiva

mineralogia

di

devono

l'esame di meccanica

e

razionale

e

di

e

e

e

eli

impianti tecnici;

Pesame di scienza delle costruzioni

rispettivamente precedere le iscrizioni
scienza delle costruzioni (2°), di tecnologia
di tecnica delle costruzioni;
vono

statica

le iscrizioni

rispettivamente precedere

esami di scienza delle costruzioni (1°}
l'iscrizione

e

gli

(1°)

de-

.

L'insegnamento delle varie materie viene impartito mi
diante lezioni orali, esercizi grafici e modellati, esercitazioni pratiche, il tutto integrato da visite a monumenti, an
edifici di

e

le

carattere ed

disponibilità
i

viaggi d'istruzione,

da

meglio

quali valgano

proprie

da

conferenze,

e,

economiche lo permettano,
a

a

maturare ancor

rendere

della libera

questa più

professione

di

Art. 10.
I liberi docenti che intendono svolgere 11 corso devono,
entro il mese di maggio dell'anno precedente, presentare in
segreteria il programma relativo, fornendo la prova di possedere i mezzi necessari
natura

sperimentale

Per i liberi
gere

un

corso

programma è

professionale;

cantieri,

a

la cultura delPallievo oltrechè

aderente alle necessitA
architetto.

esami di

dei materiali

speciale

ogni qualvolta

o

quando si tratti d'insegnamento di
dimostrativa.

docenti, che per la prima volta intendono svol.
nelPIstituto, il termine di presentazione del
protratto al 30 settembre.

l'iscrizione e l'esame di caratteri distributivi degli edifici devono rispettivamente precedere le iscrizioni e gli esami
di composizione arcilitettonica (1°) e di estimo ed esercizio

Art. 11.

programmi presentati dai liberi docenti sono esaminati
tempestivamente dal Consiglio di Facoltà .il quale li coordina con quelli dei corsi ufficiali e li classifica in categorie,
dichiarando pareggiati quei corsi che, per Pestensione del
I

l'iscrizione

e

l'esame di caratteri stilistici

dei nionmuenti, devono rispettivaniente
e l'esame di restaaro dei monumenti.

costruttivi

e

precedere

Piscrizione

programma
di
Art. 5,

«II'insegnante

di

assicurarsene

zioni, prove estemporanee

e con

e

per il numero delle ore settimanali di lezioni e
ai corsi ufficiali delle me-

esercizi, giudica corrispondenti

discipline. Quando trattasi di materie aperimentali e
dimostrative, il Consiglio giudica anche se i liberi docenti
desime

L'alliero deve frequentare assiduainente le lezioni e trarre
da queste il maggior profitto possibile, e però è fatto obbligo

3483

l'ammissione all'esame.

tria analitica (1) devono rispettivamente precedere l'iscrizione e l'esame di geometria analitica (2°) ;
menti di

l'obbligo

frequenza

l'iscrizione e Pesame di storia dell'arte e storia e stili
dell'architettura 116) devono rispettivamente precedere l'i
scrizione e l'esame di storia dell'arte e storia e stili delParchitettura (2°)
l'iscrizione

studente,

Lo

devono rispettivamente precedere l'i
l'esame di elementi di architettura e rilievo dei

(1°)

D'ITALIA'· N. 178

con

appelli, interroga-

quegli altri mezzi che egli

dispongano

dei locali

termine dell'anno accademico 11 Consiglio di FacoltN
segnala al Consiglio di amministrazione i corsi liberi, di
Al

maggiore importanza,

ritenga opportuni.

del materiale scientifico-didattico

e

necessario.

delle

leggi

ai fini delFart.

sull°istruzione

125 del, testo unico

superiore,

'Art. 6.
Lo studente che abbia mancato di assiduità
za

o

di

può per deliberazione del Consiglio di Facoltà

posta

motivata del

professore,
nella quale egli è

non essere ammesso

Art. 12.

diligen-

e su pro-

alPesame

della materia
in difetto.
Il direttore rende esecutiva la deliberazione a la segreteria ne prende nota nel registro della carriera scolastica
dello studente.

Gli esami di

profitto

prove orali, grafkbe
per ciasenna prova sono stabilite

consistono in

pratiche e le modalità
dal Consiglio di Facoltà.

e

Nel giudizio degli esami le Commissioni tengono conto
essenzialmente anche degli studi fatti e dei lavori eseguiti
dal candidato durante Panno gecademico.

ß484

.

29-vn-1930 (XVII)

,

·

GAZZETTA UFFTOIALE DEL REONO D'ITALIA

REGIO DECRETO 20

Art. 13.

a)

nella redazione di

commercio

e

architettura,

tema di

una

di carattere

periodo

di

progetto, sulle

tempo

due prove

tutte le materie

ed

estemporanee
d'insegnamento.

in

generale

su

progetto

ItE

da ieorsi di laurea in chimica, in chimica inin fisica, in scienze matematiche, in matematica
in scienze

essere iscritti al secondo anno del biennio.
I laureati in ingegneria possono essere iscritti al secondo
anno del triennio. 11 Consiglio di Froltù, a seconda della
sono

dai medesimi conseguita, decide gl'insegnamenti
a seguire e gli esami da superare nei due
anni di corso, per essere ammessi a sosteuere Fesame di
laurea.

specialità

che sono tenuti

'Art. 13.

gio 1930-XIV,

anno

dispensa dagli

PElt

VOLONTÀ

E I)I

NAZIONE

DELLA

ALBANIA

n.

delPIstituto di

SS2
11

e

30 settembre

del

1779;
proposte

1938-XVI,

llegio decreto-legge

relative

allo

statuto

n.

15

1652;
novembre

dell'Universitá

anzidetta;
Iticonosciuta la

particolare
proposte;

modifiche

necessità di approvare la

proposta del Nostro Ministro
l'educazione
nazionale;
per
Abbiamo decretato e decretiamo:
Sulla

Segretario

nuove

di Stato

Sono approvate le modificazioni allo statuto d'ella libera
e commercio « Luigi Bocconi » di Mial presente decreto e firmato,
annesso
inserite
nel
testo
1::no,
Università di economia
d'ordine

Nostro,

dal

3linistro proponente.

Ordiniamo clie il presente decreto, munito del sigillo dello
Stato, sia inserto nel a Itaccolta ufficiale dele leggi e dei
decreti del Regno d'Italia, mandando a cliiunque spetti di

Dato

e

di farlo osservare.

lloma, addì 20 aprile 1939-XVII

a

,VITTOllIO

E3IANUELE

Borr.u
Guardasigillf : S0DTI
Ilegistrato alla Corte dei conti, addi 25 luglio 1939-XVII
AIANCINI
Atti det Governo, registro 411, foglio 77.

Visto, il

ar·

non

esami delle materie artistiche

possono essere ammessi
nè essere iscritti al

esame del terzo anno,
non

E

--

chitettura con
del biennio.

Essi, però,

ammessi al terzo

u.

l'art.

osservarlo

Je Regie necademie di belle arti e coloro che posseggono il
diploma di professore di disegno architettonico, purchè siano
al tempo stesso muniti della maturità classica o scientifica
sono

DIO

con il II. decreto 31 agosto 1933-XI, n. 1592;
Ved'uto il II. decreto legge 20 giugno 1935-XIII, n. 1071;
Veduti i Regi decreti 28 novembre 1935-XIV, n. 2044, 7 mag-

In conformità delle disposizioni di cui all'art. 81 del
II. decreto 31 dicembre 1923, n.
123, sull'ordiminiento del
l'istruzione artistica, coloro che abbiano superato gli esami
finali del biennio del corso speciale di architettura presso

artistica,

DI

D=ITALIA

decreto 8 marzo 1925-III, n. 517 e modificato con 11. decreto
2 dicembre 1928-VII, n. 3108 e successisi;
Veduto il Testo unico delle leggi sull'istruzione superiore,

Vedute le

e fisica,
naturali,
biologiche, in scienze
geologiche, sempre che ne abbiano regolarmente ultimato i
primi due anni, o quelli che abbiano ultimato un corso
qualsiasi dei Politecnici o delle Facoltà d'ingegneria, pos-

o

di Milano

Veduto lo statuto della libera Università di economia o
« Luigi Bocconi » di Milano, approvato con il llegio

1938-XVII,

provenienti

in scienze

»

commercio

e

Wrt. 11.

Gustriale,

1031.

IMPEllATORE D'ETIOPIA

Veduto

I

n.

approvato

gli altri lavori suddetti rimangono depositati presso la segreteria dell'Istituto, salvo che non venga
initorizzata la restituzione da parte del direttore.
Il

Bòcconi

Luigi

PER GRAZIA

prevalentemente

di otto ore;
c) in una discussione sui criteri artistici, scientifici e
tecnici che hanno guidato il candidato nello svolgimento del
un

agrile 1939-XVII,

VITTORIO EMANUELE III

artistico, l'altra di carattere prevalentemente tœnico, atto
mente alla scienza delle costruzioni. Entrambe da svolgersi
in

170

di

nei riguardi dell'arte e
l'ultimo anno di corso;
b) nella eseenzione di due prove graficlie estemporanee

pleto

su

«

arclaitettura, comdella tecnica, da svolgersi nelprogetto

un

N.

Modificazioni allo statuto della libera Università di economia

L'esame di laurea consiste:

.

-

a

sostenere alcun

quarto,

se

prima

Modificazioni

abbiano superato tutti gli esami delle materie del biendelle quali, a giudizio del Cousiglio di Facoltà, siano

e

nio,
in difetto.

a

Art. 16.

non regnicoli, e gli stranieri, possono essere ammessí, su
parere del Consiglio di Facoltà, all'anno di corso per il quale
i titoli di studio da loro conseguiti all'estero siano ritenuti

statuto

Agli articoli da
30, intendendosi
dei successivi

ne

'A norma dell'art. 147 del testo unico delle leggi sulla
istruzione superiore i cittadini italiani residenti all'estero,
o

allo

commercio

e

«

della

Luigi

28 a 33
in

libera
Bocconi

sono

Università di economia
» di 31ilano

seguenti da 28
modificata la numerazio-

sostituiti i

ebuseguenza

dei loro riferimenti.

«

Art. 28.

L'Università rilascia la laurea in economia

e

commercio.

Art. 29.

sufficienti.
Visto, d'ordine di Sua Maesta 11 Re d'Italia e di Albania

Imperatore d'Etiopia
11 Ministro per l'educazione na:ionale
Borru

La durata del corso degli studi per la laurea in economia
è di quattro anni.

e commercio

E' titolo di ammissione il diploma di maturità classica,
di maturità scientífica, di abilitazione per i provenienti dagli
Istituti tecnici commerciali, industrali, agrari, nautici o
per

geometri.

29--vr-LU39 (XVII)

Insegnamenti

GAZZETTA UFFICIALE DEL REGNO D'ITALIA

fondamentali:

4.

Matematica

generale,

5.

Matematica

finanziaria (biennale).

maggio 1939-XVII, n. 1033.
Riconoscimento, agli effetti civili, della nuova parrocchia di
Santa Maria e San Mauro, nella chiesa omonima in Purgessimo

di Cividale del Friuli.

N. 1033. R. decreto 12

6. Statistica

(biennale).

7. Economia

politica corporativa (biennale).

Geografia

Itagioneria generale

17.
18.
19.

quale,

sulla

proposta

217, P. II. relativo alla erezione della parrocchia di
Santa Maria e San Mauro, nella chiesa omonima in Pur.

n.

di Civithile del Friuli.

gessimo

Visto, il Guardasigilli: S0LMI
Registrato alla Corte dei conti, addi 20 giugno 1939-XVII

(biennale).

economica

15. Tecnica ba.ucaria e
16. Tecnica industriale

col

finanziaria.

e

14.

maggio 1939,

del DUCE del Fascismo, Capo del Governo, Ministro per
l'interno, viene riconosciuto agli effetti civili il decreto
dell'Arcisescovo di Udine in data 30 marzo 1938-XVI,

8. Diritto corporativo e diritto d'el Jasoro.
9. Scienza delle finanze e diritto finanziario.
10. Economia e politica agraria.

13.

3485

REGIO DECRETO 12

1. Istituzioni di diritto privato.
2. Istituzioni di diritto pubblico.
3. Diritto commerciale (biennale).

11. Politica economica
12. Storia economica.

N. 176

ed

applicata (biennale).

professionale.

REGIO DECRETO 12

commerciale.

e

maggio 1939-XVII,

n.

1034.

delle parrocchie di San Giovanni in Xenodo•
chio, di Santa Maria di Corte e del SS. Pietro e Biagio in Civi.
dale del Friuli.

Soppressione

Merceologia.
Lingua francése o spagnola (triennale).
Lingua inglese o tedesca (triennale).

N. 1031. R. decreto 12

1. Diritto industriale.
2. Diritto amministrativo.

maggio 1939, col quale, sulla proposta
del DUOE del Fascismo, Capo del Governo, Ministro per
l'interno, siene riconosciuto agli effetti civili il decreto
dell'Arcisescovo di Udine in data 29 marzo 1938-XVI,

3. Diritto processuale civile.
4. Diritto internazionale.
5. Demografia generale e demografia

216, P. R. relativo alla soppressione delle parrocchio
di .San Giovanni in Xenodochio, di Santa Maria di Coi•to
e dei ISS. Pietro e Biagio in Cividale del Friuli.

Insegnamenti complementari:

n.

comparata

delle

razze.

ß.

Legislazione

bancaria.

7. Economia e finanza delle
8. Economia dei trasporti.

imprese

di assicurazione.

I

9. Tecnica del commercio internazionale.
Gl'insegnamenti d'i « diritto commerciale » e di « geografia
economica » comportano un unico esame alla fine del corso
Liennale ; per gli altri insegnamenti biennali è prescritto
l'esame alla fine di ciascun

annuale, dovendosi il primo
propedeutico al secondo.
Uinsegnamento triennale delle lingue estere comporta per

corso

corso

DEL DUCE DEL FASCISMO, CAPO DEL GOPRESIDENTE DEL COMITATO DEI MINISTRI,
1939-XVII.
Nomina del presidente e del vice presidente del Consiglio di
amministrazione della Cassa di' risparmio di Ileggio Emilia.
DECRETO

VERNO,
20 luglio

considerare come

ciascuna

prosa scritta ed

una

una

Per essere

seguito

ammesso

i corsi

menti forutamentali

plementari

e
e

PER LA DIFESA DEL RISPARMIO E PER L'ESERCIZIO DEL CREDITO

all'esame di laurea lo studente deve
superato gli esami in tutti gli insegnaalmeno in due da lui scelti fra i com-

Yisto, d'ordine di Sua Maestà il Re d'Italia

CAPO DEL GOVERNO
PRESIDENTE DEL COMITATO DEI MINISTRI

».

e

di Albania

Ïmperatore d'Etiopia
Il

IL DUCE DEL FASCISMO

orale alla fine del triennio.

Art. 30.

aver

Visto, il Guardasigilli: SOLMI
Registrato alla Cotte dei conti, addi 20 giugno 1939-XVII

31inistTo per l'educazione nazionale
B0TTAI

decreto-legge 12 marzo 1936-XIV, n. 375,
risparmio e sulla disciplina della funziono
creditizia, modificato con le leggi 7 marzo 1938-XVI, 11. 141,
e 7 aprile 1938-XVI, n. 636;
Veduto il R. decreto-legge 24 febbraio 1938-XVI, n. 204,
recante norrie per l'amministrazione delle Casse di risparmio e dei Monti di credito su pegno di P categoria, converVeduto il R.
difesa del

sulla

tito nella

legge

3

giugno 1938-XVI,

REGIO DECRETO 27

marzo 1939-XVII, n. 1032.
Trasformazione del fine inerente al patrimonio del « Preventorio elioterapico », con sede in Instiano, frazione del comune
di Vigolzone.

N. 1032. R. decreto 27

1939, col quale, sulla proposta
del DUCE del Fascismo, Capo d'el Governo, Ministro per
l'interno, il fine inerente al patrimonio del « Preventorio

elioterapico

marzo

sede in

Iustiano,

frazione del comune
»,
di Vigolzone, è trasformato e l'istituzione assume la denominazione di « Preventorio elioterapico femminile Mons.
Vincenzo Pancotti » e ne è approvato il nuovo statuto orcon

ganico.
Visto, il Guardasigilli: Souff
Registrato alla Corte dei conti, addl 16 giugno 1939-XVII

n.

778 ;

Sulla proposta del Capo dell'Ispettorato per la difesa del
risparmio e per l'esercizio del credito ¡
Decreta:

Giurin, Senatore del Regno, e l'avv. Attilio
nominati, rispettivamente, presidente e vice pre-

Il gen. Ettore

Savi,

sono

sidente

Consiglio

del

risparmio

di

di

amministrazione

Reggio Emilia,

con

sede

in

della

Cassa

di

Reggio Emilia,

per la durata stabilita nello statuto della detta azienda o
con effetto dalla data di pubblicazione del presente decreto.
Il

presente decreto
Regno.

sarà

pubblicato

nella

Gazzetta

Uffi-

ciale del

Roma, addì 20 luglio 1939-XVII
MUSSOLINI

(3289)

8488

24..vy-,1939 (XVII)

GAZZETTA UFPIt1IALE DEL REGNO IPITALIÄ

-

DISPOSIZIONI E COMUNICATI
DELLE

MINISTERO
DIREZIONE GENERALE

TESORO

DEL

Media del cambi

del

Francia (Franco)

dei titoli

.

.

.

.

.

.

.

.



a

a

a

a

a

.

.





s

a

e

a

e

a

a

e

a

a

e

,

a

a

.

a

=



s

a

a

e

,

.

a

e

a

e

e

a

e

.

.

s

a

a

a

a

.

.

a

a

a

e

a

e

.

a

.



.

e

e

a

.

e

a

a

.

.

Belgio (Belga)
Canadá (Dollaro).
Danimarca (Corona)
Germania (Helchemark)
Norvegia .corona)
OIànda (Florino)
Polonia (Zloty)
e
Portogallo (Seudo)
Svezia (Corona)
.

«

a

,

.

.

a

e

a

a

.

a

a

a

a

e

.

a

.

a

a

a

e

.

.

.

.

.

a

e

e

.

.

.

.

.

.





.

,

.

.

.

4

e

.

.

.

.

.

.

.

.

.

,

e

.

.

.

.

s

,

.

.

.

.

.

,

,

.

.

.

.

.

.

.

.

(Franco)

a

a

,
Bulgarla (Leva) (Cambio di Clearing)
Estonta (Coronal iCambio di Clearing).
Opermania (Reichsmark) (Cambio di Clearing)
grecta (Dracma) (Cambio di Clearmg)
3µgoslavia (Dinaro) .Cambio di Clearing)
Lgttonta (Lat) (Cambio di Clearing
Rognania (Leu) (Cambio di Clearing)
Spagna (Peseta Burgos) (Cambio di Clearing)
Turchia (Lira turca) ICambio di Clearing)
heria (Pengo) (Cambio di Clearing)

(Cambio

di

Clearing)
·

.

.

.

.

.

di

Roma, addl 22

marzo

1939-XVII

19
89



Dillida per tramutamento in titoli al portatore
di certincati di rendita consolidato 3,50 % (1906)

-

4,40
3,23
18,98
3,973
7, 0295
4, >715

10,1925
3ð7, 85
0, 8077
4,5855
22, 85
4, 8733
7,6336
16, 23
43,70
3, 5236
13,9431
222,20
15,10

Avviso n.

(Se pubblicazione).

350,

E' stato chiesto il tramutamento in titoli al portatore, det certificati del consolidato 3,50 % (1906) nn. 61465 e 707525 rispettivamente
per la rendita annua di L. 77 et 115,50, intestati al comune J1
Palazzolo Acreide (Siracusa).
Poiche detti certificati mancano del mezzo foglio di compartimenti semestrall (36 eV pagina dei eerufloatt stessi), si diffida
chiunque possa avervt intere6se che, traseorsi sei mesi dalla da:a
della prima pubblicazione del presente avviso nella Gazzetta Uf ietale del Regno, senza che siano state notificate oppo6tzlom. si
provvederà alla chiesta operazione ai sensi dell'art. 109 del vigente
regolamento sul Debito pubblico, approvato con R. decreto 19 feb•
braio 1911, n. 298

Roma, addl 22

marzo

1939-XVil
18 direttore

generale:

PomZA

(1501)

3, 8ð20

439,56

.

generale: POTENZA

-

50, 35
429

18 direttore

(1500)

Bendita 3,50 % (1906)
71, 975
,
.
Id.
3,50 % (1902)
,
e
TO, 05
.
.
e
Id.
3,00 % Lordo
•.....50,15
Prestito Redimibile 3,50 % (1934)
.
.
.
.
67, 15
.
Id.
Id
5 % (1936)
.•...,91,40
Rendita 5• (1935)
·
·

.
90,625
.
Obbligazioni Venezie 3,50 %
.....90,875
Buoni novennall 5 %
Scadenza 1940
98, 90
,
Id.
id.
5 %
Id.
1941
100, .25
.
Id.
id.
4 %
Id.
15 febbraio 1943
80, 85
Id.
id.
4 %
Id.
15 dicembre 1943
89, 775
.

peraltro, detto cert1ticato risulta mancante del mezzo
compartimenti eemestrali si diffida, chtunque possa avervi
interesse, che trascorsi sei mesi dalla data della la pubblicazione
del presente avviso nella Gazzetta Ufficiale del Regno, senza che
Poiche,

foglio

·

.

Svizzera (Franco).
Argentina (Peso carta)

zzera

N. 150

luglio leso-XVII

24

Stati Uniti America (Dollaro)

Inghilterra (Sterlina)

e

N. 176

siano state notificate opposizioni ai 6ensi dell'art. 169 del regolamento
generale sul Debito pubblico, approvato con R decreto 19 febbraio
1911, n. 298, si provvederà alla chiesta operazione.

FINANZE

PORTAFOGLIO DELLo STATo



-

DifDde per smarrimento di certificati
del Prestito det Littorio

.

provvisori

.

.

AVVi6o

(34 pubblicazione).

n.

351.

.

·

·

.

.

,

.

.

.

,

.

.

.

.

-

.

Id.

id.

5

%

Id.

.

1944

95,575

MINISTERO DELI.E FINANZE
DIREZIONE GENERALE DEL DEBITO PUBBLIU)

DifBda per tramutamento di cert10cato di rendita
Prestito redimibile 3,50 % (1934)

(3= ptabblicazione)·

(1499)

addi 22 marzo 1939-XVII
18 direttore generale:

PoraNzA

Dmida per tramatamento in cartelle al portatore
di certificato di rendita consolidato 3,50 % (1906)
(3= pubblicazione).
Avviso

n.

849.

E' etato presentato per 11 tramutamento in cartelle al portatore
il certificato di rendita consolidato 3.50 % (1906) n 286141 di L 7.
intestato a Romano Giuseppe fu Gaspare, domiciliato a Resutt004

(Palermo).

del Prestito del Littorio n. 1632 di L 100 emesso l'11 41cembre 1926 dalla Banca d'Italia, filiale di Udine, a favore della
denunziante.
Si diffida chiunque vi abbia interesse che trascorsi sei mesi dalla
data della prima pubblicazione del presente avviso nella Gazzelle
Ufficiale del Regno, senza che siano stata nottficate opposizioni a
chi ha denunziato lo smarrimento. e sia stato depositato 11 relativo
atto di notifica presso questa Direzione generale, nonche, se l'opponente ne fosse in possesso, il certifleato si provvederA per la consegna, a chi di ragione, dei titoli definitivi corrispondenti al certillcato stesso.

provvisorio

Roma, addi 22 marzo 1939-XVil

Avviso n. 348

E' stato presentato per 11 tramutamento 11 certificato di renota
P.R. 8,50 % (1934), n. 428474, di L. 6000 capitale nominale intestato
a Penatti Giovanna fu Francesco in Codazzi, domiciliata in
Milano,
Vincolato per l'usufrutto vitalizio a favore di Gusmaroll Giuditta fu
Giovanni vedova Penatti, domiciliata in Milano.
Essendo 11 relativo certificato d'usufrutto ridotto in framment1,
si diffida chiunque possa avervi interesse che, trascorsi sei mesi
dalla data della prima pubbbcazione del Dresente àvviso nella
Gazzetta (Iffletale del Regno, senza che siano state notificate regolari opposizioni, al sensi dell'art. 169 del regolamento
generale sul
Debito pubblico, approvato con R. decreto 19 febbraio 1911, n.
298,
al provvederà alla chiesta operazione.

Roma,

tu applicazione dell'art. 5 del decreto Ministeríale 15 novembre
1926, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del Regno, ed in relazione
agli articoli 15 e seguenti del Regio decreto 8 giugno 1913, n. 700,
si notifica che da Fuecaro Lidia di Armando, domiciliata in Udine,
via Marsala n. 21, e stato denunziato lo amarrimento del certilleato

Il direttore

(1502)

generale:

POTENZA

Avviso

(3* pubblicazione).

n.

352.

In applicazione dell'art. 5 del decreto Ministeriale 15 novembre
1926 pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del Regno, ed in relazione
agli articoli 15 e seguenti del R. decreto 8 giugno 1913. n 200, si
notifica che da Minarik Giovanni fu Giuseppe, dotniciliato in Bolzano,
è stato *enunziato 10 smarrimento del certificato provvisorio
iel
Prestito del Littorio 5 % n. 3093 del capitale nominale di L. 700
emesso dalla Banca d'Italia, Illiale di Bolzano, 11 9 giugno 1927, al
nome di esso denunziante.
Si diffida chiunque vi abbia interesse che trascorsi sei mesi
dalla data della prima pubblicazione del presente avviso nella
Gazzetta Uftletale del Regno, senza che siano stato notificate opposizioni a chi ha denunziato la smarrimento, e sia stato depositato
11 relativo atto di notifica presso questa Direzione generale, nonche,
se l'opponente ne fosse in possesso 11 certificato, si provvederà per
la consegna, a chi di ragione, dei titoli definitivi corrispondenti al
certificato stesso.

Roma, addi 22

marzo

1939-XVII

15 direttore generale: PozzNza

(1503)

29-VIt-19:19. (XVII)

.

GAZZF/Ì"I'Ä ÖFFI(:ÏAiE

(8• puðblicazione).

Avviso

n.

Ù8

3487

-

4417.
cav.

lare

Decreto Ministeriale 10 luglio 1939-XVII, col quale 11 dott
residente in Milano é autorizzato ad imitalpresso la Ferriera di Valbruna, in Vicenza, a completamento
-

Virgilio Angelini,

dell'impianto sperimentale

col decreto Ministeriale 25
novembre 1938-XVII, 11 seguente maccumario: un maglio con mazza
battente da kg. 1.500 con relativo compressore; un trasformatore da
200 KVA; un crogiuolo in 1amiera di ferro
con rivestimento refrattario e suol3 conduttrice; un forno a riverbero a carbone nazionale
per la calcinazione dei minerali di ferro e di cromo; un. Torno a
riverbero per preriscaldamento; una pentola in ferro per granulazione alluminio; due vasche in legno per
decapaggio; un carro ponte
della portata di kg. 6000: una molazza: due martelli
pneumatici;
una mola a smeriglio; 30 Ifngottiere.

1939-XVII

generate:

N.

4416.
Decreto Mittisteriale 10 luglio 1939-XVII, col quale la Ditta
Galimberti Giovanni Emilio, con sede in Sesto S. Giovanni (Milano),
è autorizzata ad ampliare 11 proprio impianto in Gesto
S, Giovanni,
installandovi una taglierina a ghigliottina ed un laminatolo peg
sagomati.

sizioni a chi ha denunziato lo amarrimento e senza che sia stato depositato il relativo atto di notifica presso questa Direzione generale,
nonché, se l'opponente ne fosse in possesso 11 certificato si provvederà per la consegna, a chi di ragione, dei titoli definitivi ccrrispondenti al certificato stesso.

R direttore

-

INDUSTRIA SIDERURGICN

applicazione dell'art. 5 del decreto Ministeriale 15 novembre
1926, pubblicato nella Gazzella Ufficiale del Regno, ed in relazione
agli articoli 15 e seguenti del R. decreto 8 giugno 1913, n. 700, si
notifica che da Gruber Giovanni fu Giacomo è stato denunziato 10
smarrimento del certificato provvisorio del Prestito del Littorio 5 %
n. 4663 di L. 200, emesso dalla Banca d'Italia, succursale di Boltano
11 2 febbraio 1927, a favore del denunziante.
Si difñda chiunque vi abbia interesse che trascorsi sei mesi
dalla data della prima pubblicazione del presente avviso nella
Gat:elta Ufficiale del Regno, senza che siano state-notificate oppo-

marzo

1fEGNO D'ITALIA

854.

In

Roma, addl 22

DEL

PomzA

(1505)

autorizzatg

Decreto Ministeriale 10 luglio 1939-XVII, col quale la 46
&&18.
manda della Ditta Ardiani e Barocco, con sede in
Udine, intesa ad
ottenere l'autorizzazione per allestire in. Udine un .tmpianto
per las
laminazione del ferro, non è accolta.
-

Dillida per restituzione di certincati del Prestito redimibile

3,50 %

Avviso n. 355.

(3. pubblicazione).

Il signor Copetta Italo Raul di Giovanni, elettivamente domi
ciliato in Genova nello studio dell'avv. Mauro Simone, viale Brigata
Bisagno n. 14, int. 17, nonchè ad ogni effetto in Roma, nello studio
dell'avv. Antonio Reggiani, via Velletri 10, ha diffidato, a mezzo di
ufficiale giutliziario, con atti 22 settembre 1937 e 15 febbraio 1939 11
signor Copetta Gio"anni, residente in Genova, via Madre di Dio n. 37,
a consegnargli entro sei mesi dalla data della prima pubbitcazione
del presente avviso nella Gazzetta O!Ticiale del Regno, i certificati
del Prestito redimibile 3,50 % n. 413575 di L. 39.000, n. 412794 di
L 145.300 e n. 256455 di L. 56.700, intestati ad esso Copetta Italo flemo
Raui di Giovanni, con avvertimento che, trascorso infruttuosametno
detto termine, sarà provveduto a nuove iscrizioni nel Gran Libro
ed alla emissione di nuovi corrispondenti titoli.

Roma, addl 22

INDUSTRIA METALLURGICA"
4419.

Decreto Ministeriale 10 luglio 1939-XVII, col
qtiale li
domanda della Ditta a N10tal a dott. Marcello Bifano, con sede FI
Milano, intesa ad ottenere l'autorizzazione ad allestire in Napoli uit
nuovo impianto per la produzione di metalli
per leghe-cromo-molibdeno-titanio-tungsteno-niobio-vanadio, ecc. allo stato di grande pil•
rezza, non è accolta.
4420.
Decreto Ministeriale 10 luglio 1939-XVII, col quale la domanda della Ditta Tornielli & C., con sede in Novara, intesa
ottenere l'autorizzazione ad allestire in Novara, un impianto per la
-

og

produzione di leghe metalliche durissime,
INDUSTRIA
4421.

marzo

DELLE

LAVORAZIONI

non

è accolta.

METALLURGICHE'

Decreto Ministeriale 10 luglio 1939-XVH, col quale la Ditta
F.lli Pessina, con sede in Milano, è autorizzata ad allestire, in Milano, un impianto di trailleria atto alla fabbricazione di profilati. speciali ricavati dal nastro metallico, per uso mdustriale e specialmente
per carrozzeria di automobili.

1939-XVII
N direttore generale:

-

POTENzA

(1506)
i

-

4422.
Decreto Ministeriale 10 luglio 1939-XVII, col quale la S. A,
La Magona d'Italia, con sede in Firenze, è autorizzata ad
installare,
nel proprio stabilimento sidero-metallurgico di Piombino, un gruppo di treni laminatoi a freddo per la riftnitura dei lamierini e della
latta.
-

MINISTERO
DIREZIONE

GENERALE

DELLE

DELL'INDUSTRIA

-

CORPORAZIONI
UFFICIO

131PIANTI

*

INDUSTRIALI

Elenco

n. 76 dei decreti Ministeriali contenenti i provvedimenti
striali e per l'ampliamento di stabilimenti industriali esl·
striali e per l'impliamento di stabilimenti industriali esi·
stenti ai sensi della legge 12 gennaio 1933, n. 141, e del
Regi
decreti 15 maggio 1933, n. 590, e 12 aprile 1937, n. 841.

INDUSTRIA

DEI

MEZZI A1ECCANICI DI
E LORO ACCESSORI

TRASPORTO

4412.
Decreto Ministeriale 10 luglio 193 XVII, col quale la
S. A. Cantieri Riuniti dell'Adriatico, con sede in Trieste, è autorizzata ad ampliare il cantiere di Monfalcone, mediante l'installazione
di un trasportatore di polvere di carbone . Redler », due chiodatrici
idrauliche, un trapano radiale « Raboma », una macchina per filettare tubi a Wagner », due presse eccentriche a Goetz », una macchina bobinatrice « MicKafil », una macchina a rettificare corpi rotondi, un martello universale « Amsler », un apparecchio universale « Amsler ».
La richiesta per installare anche un tornio a Gildemeister a non
6 accolta.

INDUSTRIA DEL VETRO
4423.
Decreto Ministeriale 10 luglio 1939-XVIT, col quale la domanda della Ditta Sig. Pompeo Ranzini, per costituenda « Soc. !!aliana Vetraria Autarchica Apuania n, con sede in Apuania, intesa
ad ottenere la autorizzazione per allestire, nella zona industriale di
Apuania, uno stabilimento per la produzione di lastre di vetro
bianco e di cristallo, nonche del vetro per uso scientifico ed ottico,
non è accolta.
-

-

INDUSTRIA DEL CEMENTO
Decreto Mimsteriale 18 luglio 1939XVII, col quale la
4424.
S. A. I. Calci e cementi di Segni, con sede in Roma, è autorizzata
ad allestire in Vibo Valentia un impianto per la produzione di cemento e agglomeranti cementizi.
La capacitA produttiva dell'implanto à fissata in novecentomila
quintali all'anno, fra cemento ed agglomerati cementizi.
-

4413.
Decreto Ministeriale 10 luglio 1939-XVII, col quale la
S. A. Cantieri Riuniti dell'Adriatico, con sede in Trieste, é autorizzata ad ampliare i propri impianti del cantiere di S. Alarco in
Trieste.

Decreto Ministeriale 18 luglio 1939-XVII, col quale la
4425.
S. A. Cementeria delle Calabrie, con sede in Milano, è autorizzata
ad allestire in Catanzaro Sala, un .impianto per la produzione di
leganti idraulici e cementi speciali.
La capacità complessiva dell'impianto à 11ssata in Beicentomila
quintali all anno, fra cementi speciali eleganti idraulici.

Decreto Ministeriale 18 luglio 1939-XVII. col quale 11 de4414.
creto Ministeriale 13 marzo 1939-XVII à revocato. La Ditta E. Magnaghi & C., con sede in Milano, e autorizzata ad ampliare 11 proprio stabilimento di costruzioni meccanlehe aeronautiche, in Milano.

4426.
Decreto Ministeriale 18 luglio 1939-XVII, col quale la S. A.
F.1li Cerrano di Giuseppe, con sede in Roma, è autorizzata ad installare un nuovo forno rotante da cemento in sostituzione del due forni
verticali esistenti nel proprio ptab11imento di S. Marinella (Roma).

4415.
Decreto Ministeriale 10 luglio 1939-XVII, col quale la
S. A. Industria Mineraria ed Affini = I.M.A. », con sede in Savona,
è autorizzata a riattivare il propric reparto di fucinatura, installandovi tre magli ad aria compressa, in sostituzione di quelli preeststenti, e due casoie per la produzione di assali e cerchioni per rugte
di carri agricoli, e di pezzi fucinati per uso edile ed agricolo.

Decreto Afinisteriale 18 luglio 1939-XVII, col quale la
Alti Forni e Acciaierie d'Italia S. A., con sede in Genova, e
autorizzata ad ampliare la propria cementeria di Piombino.

-

-

-

-

-

4427.

a

Ilva

-

a

4428.
Decreto Ministeriale 18 luglio 1939-XVII, col quale la S. A.
Unione Cementi Marchino & C., con sede in Casale Monferrato (Al
sandria), è autorizzata ad installare un forno rotante ultrameccania
-

3488

29-TH-1930 (XVTI)



GAZZETTA UFFT JIATE DEL REGNO D'ITALTA

da cemento nel proprio stabilimento di Morano Po, in sostituzione
(li dodici forni verticali dei quali otto esistenti nello stabilimento
stesso e gli altri quattro già installati nell'altro stabilimento di Casale Monferrato.

-

N- 1'i6

Decreto Ministeriale 10 luglio 1939-XVII, col quale la do4440.
manda della-Ditta Biscione Pasquale, fu Antonio, intesa ad ottenere
l'autorizzazione per allestire in Vaglio Lucano, un impianto per la
fabbricazione di bevande gassate, non è accolta.
-

4441.
Decreto Ministeriale 10 luglio 1939 XVH, col quale la domanda della Ditta Enemoser Sigistredo, con sede in Vipiteno (Bolzano), intesa ad ottenere l'autorizzazione per allestire in Vipiteno
una fabbrica di acque e bevande gassate, non è accolta.
-

INDUSTRIA

DEI

COLORI, LACCHE, INÇHIOSTRI ED AFFINI

4429.
Decreto Ministeriale 18 luglio 1939-XVII, col quale 11 detreto Ministeriale 5 dicembre 1938-XVII è revocato.
La Ditta Rizzini Ettore e Vanceslao, Colori per tutte le Industrie,
con sede in Milano, è autorizzata ad allestire un impianto per la
-

produzione

dei

seguenti prodotti:

ganici.
e

pentasolfuro

di

antimonio:

in

polvere ed in

pasta.
c) Molibdati di piombo: aranciati e rossi in polvere ed in pasta.
d) Ossidrato di cromo in polvere ed in pasta
e) Uleu Milori, di Prussia, di Berlino; in polvere ed in pasta
melle qualità normali e bronzanti e in due tipi non bronzanti.
La domanda per quanto concerne la produzione di cromati di
piombo, sali di piombo, eromato di zinco, sali di zinco, alluminio
ossidrato, ossidi di ferro precipitati e lacche organiche ed inorganiche, non è accolta.
INDUSTRIA CHI31ICA ORGANICA
4430.
Decreto Ministeriale 10 luglio 1939-XVII, col quale la S. A.
4 Idor . S. A. per la Idrogenazione Organica dei Grassi, con sede
in Genova, è autorizzata ad allestire, in Genova S. Quirico, un impianto per la produzione di alcooli superiori idrogenati e solfonati
al fine di ottenere detersivi speciali.
-

INDUSTRIA DELLE EMULSIONI BlTUMINOSE ED AFFINI
Decreto Ministeriale 18 luglio 1939-XVII, col quale la
4431.
Ditta Prada Asfalti Marghera S. A. con sede in Trento, è autorizzata
di
ad allestire in Venezia Marghera, un impianto per la produzione
emulsioni bituminose per leganti stradali, asfalti, cartoni bituminati
-

e

DELL'ALCOOL DI

SECONDA CATEGORIA

-

a) Colori di cadmio: gialli, aranciatl, rossi, bordeuax, in polvore ed in pasta nelle qualità brevettate, particolari per stampa,
vernici, carta, materiale plastico. Sali di codmio organici ed inorb) Trisolfuro

INDUSTRIA

44B.
Decreto Ministeriale 18 luglio 1939-XVII, col quale la Ditta
Gandini Roberto & Figli, con sede in Scandiano (R. Emilia), è autorizzata ad ampliare la propria distilleria di .seconda categoria, la
Scandiano.
L'implanto, ad ampliamento effettuato, dovrà avere la seguente
potenzialità massima giornaliera: lavorazione della vinaccia quintali 150/160; produzione alcool edri 5 6.

catramati,

4443.
Decreto Ministeriale 10 luglio 1939-XVII, col.quale la Ditta
Ortuso e Parrello, con sede in Palmi (Reggic Calabria), é autorizzata
a riattivare la distilleria già appartenente alla Distilleria Cooperativa
di Palmi, in liquidazione, esistente nel coniune di Gioia Tauro, frazione Marina (Reggio Calabria).
-

4444.

Decreto Ministeriale 10 luglio 1939-XVH, col quale la Ditta
con sede in Melito Porto Salvo (Reggio Calabria), è autorizzata ad allestire una distilleria di alcool etilico,
presso il proprio stabilimento destinato alla produzione di citrato
di calcio dall'agro di bergamotto.
-

Sergi Paolo & Demetrio,

4445.
Decreto 31inisteriale 10 luglio 1939-XVII, col quale la Ditta
Pistilli Carmelo, con sede in Lecce, è autorizzata ad allestire in Martina Franca (Taranto), una distilleria di seconda categoria della
potenzialità produttiva di soli 20 ettanidri di alcool al giorno.
-

4446.
Decreto Ministeriale 10 luglio 1939-XVII, col quale la S. A.
Distilleria dell'Aurum, con sede in Roma, è autorizzata ad ampliars
la propria distilleria di seconda categoria in Pineta di Pescara.
-

4447.
Decreto Ministeriale 10 luglio 1939-XVII, col quale la Ditta
Grandl Enrico, con sede -in Livorno, è autorizzata ad ampliare la
propria distilleria di seconda categoria in Collinaia (Livorno).
-

4448
Decreto Ministeriale 10 luglio 1939-XVII,. col quale la ditta
Melandri Oreste di Giovanni
Industria Vinicola
in
con sede
Faenza (Davenna), è autorizzata ad installare in Faenza una distilleria di alcool di 6ecoda categoria partendo dai sottoprodotti della
propria attività.
La potenzialità dell'impianto annua dovrà essere limitata a 300
.ettanidri di alcool e la niateria prima dovrà essere data dai soli
cascami di concentrazione, con esclusione delle vinacce.
-

-

INDUSTRIA DEI GRASSI ED AFFINI
4432.
Decreto Ministeriale 10 luglio 1939-XVII, col quale la Ditsede in
ta Mira Lanza S. A. Fabbriche di Saponi e Candele con
Mira, è autorizzata ad allestire in Genova-Rivarolo un impianto per
la idrogenazione di acidi grassi superiori e successiva elaborazione
al fine di ottenerne detersivi speciali.
-

INDUSTRIA DEL FREDDO
Decreto Ministeriale 10 luglio 1939-XVII, col quale la Dit4433.
ta Esposito Luigi, con sede in Pulsano (Taranto), è autorizzata ad
Lllestire in Pulsano, una fabbrica di ghiaccio della capacità produttiva di 3.000 quintali all'anno.
Decreto Ministeriale 18 luglio 1939-XVH, col quale la
4434.
S. A. per la Fabbricazione del ghiaccio con sede in Fano (Pesaro),
è autorizzata ad allestire in Fano, una fabbrica di ghiaccio di poa quella dell impianto attualmente esistente che
tenzialità
-

-

uguale

dovrà essere smontato.
4435.
Decreto Ministeriale 10 luglio 1939-XVII, col quale la
ditta G. D'Alessandro & Figli, con sede in Pescara, è autorizzata a
rimodernare ed ampliare 11 proprio impianto di produzione del
ghiaccio, sito in Pescara, entro un anno dalla data del decreto.
-

-

4449.
Decreto Alinisteriale 10 luglio 1939-XVII, col quale la
S. A. Distilleria Agricola Opitergina, con sede iÏ1 Oderzo (Treviso),
é autorizzata ad ampliare in Oderzo (Treviso), la propria distilleria
di alcool di seconda categoria.
La potenzialità giornaliera dell'impianto ampliat0 dovrà essere
di cinque ettanidri di alcool (base vino).
-

ESTRAZIONE OLIO DAI SEMI OLEOSI
Decreto Ministeraile 18 luglio 1939-XVII, col quale la ditta
Cologno Giuseppe, con sede in Treviglio (Bergamo), é autorizzata ad
installare una nuova pressa idraulica, in aggiunta al proprio impianto di spremitura di olio da germe di mais.
4450.

-

4451.
Decreto Ministeriale 10 luglio 1939-XVII, col quale la ditta
Cannizzaro Francesco, con sede in Palmi (Reggio Calabria), è autorizzata ad allestire presso il proprio stabilimento di Palmi, un
impianto per la spremitura di olio-da vinaccioli.
La richiesta per la spremitura di altri semi oleosi non è accolta.
-

4151
Decreto Ministeriale 10 luglio 1939-XVII, col quale la domanda della ditta Oleificio Francesco Corsi, con sede in Frascati
(Roma), intesa ad ottenere l'autorizzazione per lascrare, con l'impianto di spremitura esistente in Frascati, seini oleosi di provenienza estera, non è accolta.
-

INDUSTRIA DELLE BEVANDE GASSATE
Decreto Ministeriale 10 luglio 1939-XVll, col quale la
4436.
Ditta Cristofaro Cesare, con sede in Girifalco (Catanzaro), è autorizzata ad allestire in Girifalco un impianto per la produzione di
bevande gassate.
4137.
Decreto Ministeriale 10 luglio 1939-XVII, col quale la
Ditta Paracampo & Santaniello, con sade in Castelluccio Inferiore
(Potenza), è autorizzata ad esercire, in Castelluccio Inferiore, un
impianto per la produzione di bevande gassate.
-

-

Decreto Ministeriale ,10 luglio 1939-XVII, col quale la do4438.
Inanda della Ditta De.Nardo.Ubaldo, con sede in Catanzaro, intesa ad
ottenere l'autorizzazione per allestire in Vibo Valentia una. fabbrica
di bevande gassate, non è accolta.
-

4439.
Decreto Ministerialo 10 luglio 1939-XVII, col quale _la doInanda della Ditta Papa Angelo, con sede in Bari, intesa ad ottenere
l'autorizzazione per impiantare in cari, una fabbrica di bevande
gassate non 6 accolta,
-

DELLA FILATURA DEL COTONE, CANAPA E MISTI
4453.
Decreto Ministeriale 10 luglio 1959-XVII, col quale la
S. A. Cotonificio Somaini, con sede in Lomazzo (Como), è autorizzata
ad insta lare nel proprio stabilimento di Lomazzo, sei filatoi continut
ad anello (2184 fusi complessivi), in sostituzione di altrettanti fusi di
filatura di vecebio tipo ivi esistenti.
INDUSTRIA
-

INDUSTRIA PER LA FABBRICAZIONE DI CALZE
4451.
Decreto Ministeriale 18 luglio 1939-XVII, col quale la
ditta Calzifteio Gustavo Magnetti, con sede in Torino, é autorizzata
ad installare nel proprio stabilimento di' Torino, un telaio da elastici p3r calle da uomo e bantbini e sei macchine per gamball sports
-

(3254)

20-vn-1930 (XVII)

GAZZETTÁ



UI

FÉlIÁìE DEL REGNO

ISPETTORATO PER IA DIFESA DEL RISPARMIO
E PER L'ESERCIZIO DEL CREDITO
Nomina del presidenti delle Casse comunali di credito
Civitanova Marche (Macerata), Selci in Sabina
Castelnuovo di Porto (Roma).

**co"nsoÎxe didi ispmaem
gati,

agrario
(Rieti)

e

3489

N. 170

da ti ipm

dellasorSoe

et

lanza

sede in Zara.

CAPO DELL'ISPETTORATO
PER

LA DIFESA DEL

RISPARMIO

E PER

L'EEERCIZIO DEL OtEDTIO

decreto-legge 12 marzo 1936-XIV, n. 375, sulla difesŒ
del risparmio e sulla disciplina della funzione creditizia, modificato
con le leggi 7 marzo 1938-XVI, n. 141, e 7 aprile 1938-XVI, n. 630:
Veduto il decreto del DUCE del Fascismo Capo del Governo, Presidente del Comitato dei Ministri, in data 31 gennaio 1937-XV, che
Veduto il R.

CAPO DELL'ISPETTORATO

n.

ro

-

IL GOVERNATORE DELLA BANCA D'ITALIE

e

PER LA DIFESA DEL RISPARMIO E PER L'ESERCIZIO DEL CREDITO
Veduti

con

di

IL GOVERNATORE DELLA BANCA D'ITALIA

1928-VI,
n. 1760,

D'ITALIA

i Regi decreti-legge 29 luglio 1927-V, n. 1509, e 29 luglio
2085, con\ertiti rispettivamente nelle leggi 5 luglio 1928-VI,
20 dicembre 1928-VIÏ, n. 3130, riguardanti l'ordinamento del

credito agrario;
Veduto l'art. 28 del regolaniento per l'esecuzicne del suddetto
R. decreto-legge 29 luglio 1927-V, n. 1509, approvato con decreto ministeriale 23 gennaio 1928-VI e modilleato con decreto del DUCE del
Fascismo, Capo del Governo, Presidente del Comitato dei Ministri,
del 26 luglio 1937-XV;
Veduto 11 R. decreto-legge 12 marzo 1936-XIV, n. 375, sulla difesa
del risparmio e sulla disciplina della funzione creditizia, modificato
le leggi 7 marzo 1938-XVI, n. 141, e 7 aprile 1938-XVI, n. 636;
Vedute le proposte dell'Istituto di Credito agrario per l'Ita.lia
Cent,rale, con sede in Iloma;
con

l'autorizzazione all'esercizio del credito al Ccusorzio di rie anticipazioni della Società impiegati, con sede in Zara, e
dispone la messa in liquidazione dell'azienda secondo le norme di
cui al titolo VII, capo III, del predetto IL decreto-legge;
Veduto il proprio provvedimento, in data 29 marzo 1938-XVI, con
11 quale è stato nominato 11 sig. Paolo Bontempo membro del Comitato di Sorveglianza del Consorzio predetto in sostituzionemlel
revoca

sparmio

dimissionario prof. Arrigo Zinl<;
Considerato che il sig. Paolo Bontempo, membro del Comitato di
sorveglianza, ha declinato Tincarico e che occorre pertanto provvedere alla sua sostituzione;

-

Dispone:
Sono nominati presidenti delle Casse comunali di credito
sottoindicate i sign3ri:

agrario

Graziani conte Guido, per la Cassa comunale di credito agrario
di Civitanova Marclie (Macerata);
Savini Annibale, per la Cassa comunale di credito agrario di
Selci in Sabina (Ilieti);
Hieci cav. uff. Ilomeo, per la Cassa comunale di credito agrario
di Castelnuovo di Porto (Roma);
ll

presente provvedimento
ciale del llegno.

sarà

pubblicato

nella

Ga::etta

U//l-

Roma, addi 20 luglio 193%XVll
V.

(3249)
Sostituzione del

artigiana
comune

commissario.11quidatore della Cassa rurale
Alcantara, in liquidazione, con sede

di Lanza

ed
nel

(Alessina).

IL GOVERNATORE DEllA BANCA

Il

presente provvedimento

sarà

pubblicato

nella

Ufff-

Gazzella

ciale del Regno.
Roma, addl 20 luglio 1939-XVII
V.

(3251)

Azzouxx

Cessazione dell'Amministrazione straordinaria della Cassa rurale
ed artigiana di Goriano Sicoli (Aquila)
A norma dell'art 64, comma 10, del R. decreto-legge 12 marzo

AzzouNI

di Moio

Dispone:
Il sig. Carlo Kiswarday è nominato membro del Comitato di Sorveglianza del Consorzio di risparmio e anticipazioni della Soçietà
impiegati con sede in Zara, in sostituzione del dimissionario Paglo
Bontempo, con i poteri e le attribuzioni contemplate nel titolo VII.
capo HI, del R. decreto-legge 12 marzo 1936-XIV, n. 375, modificato con
le leggi 7 marzo 1938-XVI, n. 141, e 7 aprile 1938-XVI, n. ß36.

D'ITAL.IA

1930-XIV, n. 375, modiflcato con le leggi 7 marzo 1938-XVI, n. 141, e 7
aprile 1938-XVI, n. 636, si comunica che à cessata la gestione straordinaria della Cassa rurale ed artigiana di Goriano Sicoli (Aquila) e
che sono stati ricostituiti gli organi della normale amministrazione
dell'azienda.

CAPO DEI.L'ISPETTOltATO
PER

LA

DIFESA

DEL HISPAR31IO

E PER

(3252)

L'ESERCIZIO DEL CREDITO

Veduto il testo unico delle leggi sull'ordinamento delle Casse rurali ed artigiane, approvato con 11. decreto 26 agosto 1937-XV, n. 1706;
Veduto il ll. decreto-legge 12 marzo 1936-XIV, n. 375, sulla difesa
del risparinio e sulla disciplilla della funzione creditizia, riodificato
con le leggi 7 marzo 1938-XVI, n. 141, e 7 aprile 1938-XVl, n. 636;
Veduto il decreto del DUCE del Fascismo, Capo del Governo, Presidente del Conlitato dei Niinistri, in data 4 ottobre 1938-XVI con 11
quale si è provveduto alla revoca dell'autorizzazione all'esereizio del
credito ed alla messa in lignidazione della Cassa rurale ed artigiana
di Moio Alcantara, con sede nel comune <li I.anz:1 (Alessina), secondo
le norme di cui al capo VIII del citato testo unico ed al titolo VII,
capo III, del predetto R. decreto-legge 12 marzo 193G-XIV, n. 375;
Veduto 11 proprio provvedimento in data 20 marzo 1939-XVII col
quale si ë nominato il dott. Giuseppe Pagano di Vincenzo commissario liquidatore della Cassa Rurale suindicata;
Considerato clie il predetto dott. Pagano ha declinato l'incarico
e che occorre pertanto provvedere alla sua sostituzione;

Dispone:
11 sig. Giuseppe Guzzardi di Francesco è nominato commissario
liquidatore della Cassa rurale ed artigiana di Moio Alcantara, avente
sede nel comune di Lanza (Messina), con i poteri e le attribuzioni
contemplate dal capo VIII del testo unico delle leggi sulFordinamento delle Casse rurali ed artigiane, approvato con IV. decreto
26 agosto 1937-XV, n. 1706, e dal titolo VII, capo III, del R. decretoJegge 12 marzo 1936-XIV, n. 375, modificato con le leggi 7 marzo
3938-XVI, n. 141, e 7 aprile 1938-XVI, n. 636, in sostituzione del dot*..
Giuseppe Pagano di Vincenzo.

presente provvedimento

Il

ciale del

sarà

Regno.

pubblicato nella

Gazzetta

(?fft-

IL GOVERNATORE RELLA BANCA D'ITALIA
CAPO DELL'ISPETTORATO
PER

LA

DIFESA DEL RISPAR.VIO E PER L'ESERCIZIO DEL CREDITO

Veduti i Regi decreti-legge 29 luglio 1927-V, n. 1509 e 29 luglië
1928-VI, n. 2083, convertiti rispettivamente nelle leggi 5 luglio 1928-VI,
n. 1760, e 20 dicembre 1928-VII, n. 3130, riguardanti l'ordinamento- del
credito agrario.
Veduto l'art. 29 del regolamento per l'esecuzione del suddetto
R. decreto-legge 29 luglio 1927-V, n. 1509, approvato con decreto
Ministeriale 23 gennaio 1928-VI e modificato con decreto del DUCE
del Fascismo, Capo del Governo, Presidente del Comitato dei Mini•
stri, del 26 luglio 1937-XV;
Veduto il R decreto-legge 12 marzo 1936-XIV, n. 375, sulla difesa
del risparmio e sulla disciplina della funzione creditizia, modificato
con le leggi 7 marzo 1938-XVI, n. 141, e 7 aprile 1938-XVI, n. 636;
Veduti gli statuti-regolamenti delle Casse comunali di credito
agrario di Cerva (Catanzaro), S. Giorgio Lucano (Matera) e Gugnoli

(Pescara);
Dispone i
Sono

approvati gli statuti-regolamenti, allegati

al

presente

prov•

vedimento, delle Casse comunali di credito agrario specificate nelle
premesse.
Il

flciale

presente provvedimento sarà pubblicato pella Gazzetta lif•
del Regno,

Roma, addl 24 luglio 19W-XVII

Iloma, addl 19 luglio 1939-XVII

(3250)

Approvazione degli statuti-regolamenti delle Casse comunali di
credito agrario di Cerva (Catanzaro), S. Giorgio Lucano
(Matera) e Cugnoli (Pescara).

,

V. Arz0LINI

(32937

ÀZZOLINI

$400

20-yrt-1939 (KVII)

·

GAZZETTA UFFICIALE DEL REGNO D'ITALIA

Nomina del presidenti delle Casso comunali di credito agrario
di Ferrari in Serino (Avellino) e Galatro (Ileggio Calabria)
IL

GOVERNATORE

DELLA

BANCA D'ITALIA

CAPO DELL'ISPETTORATO
PER LA

DIFESA

DEL

RISPARMIO

E

PER

L'ESERCIZIO DEL CREDITO

Veduti i

Regi decreti-legge 29 luglio 1927-V, n. 1509, e 29 luglio
1928-VI, n. 2085, convertiti rispettivamente helle leggi 5 luglio 1928-VI,
1700, e 20 dicembre 192 VII, n. 3130, riguardanti l'ordinamento
n
del credito agrario;
Veduto l'art. 28 del regolamento per l'esecuzione del suddetto
R. decreto-legge 29 luglio 1927-V, n. 1509, approvato con decreto Ministeriale 23 gennaio 1928-VI e modificato con decreto del DUCE del

Fascismo, Capo del Governo, Presidente del Comitato dei Ministri,
del 26 luglio 1937-XV;
Veduto 11 R decreto-legge 12 marzo 1936-XIV, n. 375, sulla difesa
del risparmio e sulla disciplina della funzione creditizia, modificato
con te leggi 7 marzo 1938-XVI, n. 141, e 7 aprile 1938-XVI, n. 636;
.Vedute le proposte della Sozione di credito agrario del Banco di
oli, istituto di credito di diritto pubblico, con sede in Napoli;

Dispone:
a

agrario

Pascale Raffaele fu Virginio, per la Cassa comunale di credito
agrario di Ferrari in Serino (Avellino);
Trungadi Francesco fu Rocco, per la Cassa comunale di credito
e
ario di Galatro (Reggio Calabria).
Il presente provvedimento sarà pubblicato nella Gazzetta U/18kiille del Regno.
Roma, addi 24 luglio 1939-XVII
V. AZZOI.INI

3294)
Cessazione dell'amministrazione straordinaria della Cassa rurale
ed artigiana « La Barrese » di Barrafranca, con sede nel
comune di Barrafranca

(Enna).

A norma dell'art. 64, comma 1•, del R. decreto-legge 12 marzo
n. 375, modificato con le leggi 7 marzo 193&XVI, n. 141, e
9 aprile 1938-XVI, n. 636, si comunica che à cessata la gestione straordinaria della Cassa rurale ed artigiana a La Barrese » di Barrafranca, con sede nel comune di Barrafranca (Enna), e che sono
ricostituiti gli organi della normale amministrazione delstatt

1936-XIV,

l'azienda.

(3296)

CONCORSI
MINISTARO DELLA GUERRA
Concorso
nel ruolo del

a

tre posti di inserviente in prova
subalterno dell'Amministrazione centrale

personale

IL DUCE DEL

FASCISMO,

21 agosto 1921. n. 1312, concernente l'assunzione
.invalidi di guerra nelle pubbliche amministrazioni e 24 marzo 1930-VIII, n. 454, che estende agli invalidi. per la
causa nazionale le disposizioni concernenti la protezione ed assistenza degli invalidi di guerra;
Visto 11 It decreto-legge 3 gennaio 1926-IV, n. 48, contenente disposizioni a favore del personale ex combattente delle Amministrazioni dello Stato, convertito in legge con la legge 24 maggio 1926-IV,
n.

898;

Viste le leggi 26 luglio 1929-V11, n. 1397, concernenti la istituzione dell'Opera nazionale per gli orfani di guerra e 12 giugno
1931-IX, n. 777, che estende agli orfani dei raduti per la causa nazionale le prov.videnze emanate in favore degli orfani di guerra;
Visto il It decreto-legge 2 dicembre 1935-XIV, n. 2111, concernente
l'estensione agli invalidi ed agli orfani e congiunti del caduti per
la difesa delle Colonie dell'Africa Orientale delle disposizioni a favore
degli invalidi di guerra e degli orfani o congiunti dei caduti in
guerra, convertito in legge con la legge 14 maggio 1936-XIV, n. 981;
Visto il 11. decreto-legge 2 giugno 1936-XIV, n. 1172, che estendo
a coloro che hanno partecipato alle operazioni militari in Africa
Orientale le provvidenze emanate a favore degli ex combattenti nella
guerra 1915-1918, convertito in legge con la legge 26 dicembre 1936-XV,

2439;

Visto 11 R. decreto-legge 13 dicembre 1933-XII, n. 1700, conce>
nente provvedimenti a favore dei caduti per la causa fascista, det
mutilati e feriti per la causa stessa, nonchè per gli inscritti ai Fasci
di combattimento anteriormente al 28 ottobre 1922, convertito in
legge con la legge 22 gennaio 193&XII, n. 137;
Visto il R. decreto-legge 5 luglio 1934-XII, n. 1176, concernente la
graduatoria dei titoli di preferenza per le ammissioni ai pubblici
impieghi, convertito in legge con la legge 27 dicembre 1934-XIII,
n.

2125;

Visto 11 R. decreto 28 settembre 1934-XII,. n. 1587, concernente i
per l'ammissione ai concorsi ad impieghi nelle Ammini•
strazioni dello Stato;
Visto 11 R. decreto-legge 25 febbraio 1935-XIII, n. 163, concernente
l'ammissione del mutilati ed invalidi di guerra at pubblici concorsi,
convertito in legge con la legge 3 giugno 1935-XIH, npmero 96ß;
Visto 11 R decreto-kyge 4 febbraio 1937 XV, n. 100, concernecto
11 trattamento del personale non di ruolo in servizio posso le Amministrazioni dello Stato, convertito in legge con la legge 7 giugno
1937-XV, n. 1108;
Visto il R. decreto-legge 21 agosto 1937-XV, n. 1542, concernento
provvedimenti per l'incremento demografico della Nazione, convertito in legge con la legge 3 gennaio 1939-XVII, n. 1;
Visto il R. decreto-legge 21 ottobre 1937-XV, n. 2179, concernente
l'estensione at militari in servizio non isolato all'estero, ed ai congiunti dei caduti delle provvidenze in vigore per i reduci, gli orfani e congiunti di caduti nella guerra europea. convertito in legge
con la legge 31 marzo 1938-XVI, n
010;
Visto il R. decreto-legge 17 novembre 1938-XVII, n. 1728, concernente i provvedimenti per la difesa della razza italiana, convertito
in legge con la legge 5 gennaio 1939-XVII, n 274;
Visto 11 R. decreto-lecze 11 novembre 1938-XVII, n. 1858, concer-

requisiti

nente l'equiparazione del brevetto di Sansepolcrista a quello della
Marcia su Roma agli effetti dei benefici previsti dalle vigenti disposizioni per i benemeriti della causa fascista:
Visto 11 decreto del T)ITCE in data e ottobre 1938-XVI, concernente
l'autorizzazione all'espletamento dei concorsi per pubblici impieghi
dttrante l'anno 1939-XVII.

CAPO DEL GOVERNO

MINISTRO PER LA

GUERRA

Visto 11 R. decreto 11 novembre 1923-11, n. 2395, sull'ordinamento
gerarchico dello Amministrazioni dello Stato, e successive modifica-

tioni;
Visto il it. decreto 30 dicembre 1923-11, n. 2960, recante disposizioni sullo stato giuridico degli impiegati civili dell'Amministrazione dello Stato;
Visto 11 H. decreto-legge 28 settembre 1934-XII, n. 1699, convertito
in legge con la legge 27 dicembre 1934-XIII, n. 2260, riguardante modificazioni alla ripartizione dei posti nell'organico del personale
subalterno nell'Amministrazione centrale della guerra;
Visto il R. decreto 21 gennaio 1935-XIII, n. 13, concernente la istituzione dei posti di commesso capo e di capo agente tecnico nel
ruolo del personale sttbalterno di alcuni Ministeri;
Visto il II. decreto 24 sëttembre 1936-XIV, n. 1873, concernente la
istituzione di un posto di capo agente tecnico e di un posto di agente
tecnico nel ruolo del personale subalterno dell'Ainministrazione
centrale della guerra;
Visto 11 R. decreto 28 aprile 1937-XV, n. 789, che stabilisce i requisiti per l'ammissione al concorsi a posti di inserviente nell'Am-

ministrazione centrale della guerra¡

N. 176

Viste le leggi
obbligatoria degli

n.

nominati presidenti delle Casse comunali di credito
toindicate i signori:

ßono

-

Decreta:'
Art.

1.

E' indetto un concorso, per titoli, a tre posti di inserviente in
prova nel ruolo del personale subalterno dell'Ammini6trazione centrale della guerra.

Art. 2.
Al concorso suddetto possono prendere parte soltanto coloro cheti
a) siano iscritti ai Fasci di combattimento o alla Gioventti ita.
llana del Littorio (Salva l'eccezione di cui all'ultima parte del n. 1
del successivo art. 4, per gli aspiranti ivi indicati);
b) abbiano prestato servizio militare;
c) posseggano un titolo di studio non inferiore a quello indicato nel n. 2 del detto art. 4;
d) prestino servizio quali salariati alle dipendenze delle Amministrazioni dello Stato da almeno un anno al termine 6tabilito per
la presentazione delle domande di ammissione al presente concorso;
e) abbiano compiuto, alla data del presente decreto, l'età di
anni 18 e non sorpassata quella di anni 30.

20-vu-193.9 (XVII)
Detto limite di

-

GA22ETTA

JTFFTUTATÆ

eiù è elevato:

1; di anni 5 per coloro clie abbiano prestato servizio militare
durante la puerra 191 1918 o clie abbiano partecipato, nei reparti
mobilitati delle Forze artnate dello Stato, alle operazioni militari
svoltesi nelle Colo111e dell Afrwa Orientale dal 3 ottobre 1935-XIII, al
5 illaggio 1936-XIV, opimte clie, in servizio niilitare non isolato alI'estero dopo il 5 untagio 1936-NIV, abbianto partecipato alle relative operazioni militari,
2) di unni 9 per gli invalidi di guerra, gli invalidi per la causa
nazionale, gli iin alidi per la difesa delle Colome dell'Africa Orientale gli invalidi in dipendenza di operazioni utilitari cui abbiano
partecipato durante il servizio militare non isolato all'estero, i decorati al valor militare ed i proinossi di grado niilitare per merito
di

guerra
I>er coloro clo risultino regolarmente iscritti ai Fasci di combattimento senza interruzione priuta del 28 ottobre 1922-1, ilonchè
per i feriti in possesso del brevetto di ferito per la causa fascista per
eventi verit:entist dal 23 nu.rzo 1919 al 31 dl emhre 1995-IV, che risultino tseritti ininterrottamente ai Fasci di combattimento dalla
data dell'evento che fu causa della ferila, anche se po6teriore alla
Marrin su Itoma, il dette lirnite massimo e elevatr. di quattro anni.
Tale beneficio non si cumula con quello previsto dall'art. 3 del
decreto 17 diceml>re 1939-XI, del Capc del Governo, pubblicato neila
Gn::rtta Uffl<iale del 21 dicembre 1932-XI, ma è concesso in aggiunta a quello eventualmente spettante ai candidati a termine del
secondo coloma del presente articolo.
11

limite massimo di etA

& nltresi

elevato:

a) di due anni nei riguardi degli aspiranti che siano coningati
alla data in eni scade il termine di presentazione delle domado di
al coneciso:
10 di un anno per ogni figlio vivente alla data medesima.
L'elevazione 4¿ cui alla lettera a) si enmula con quella di cui
alla lettera o ed entrambe con quelle previste <lal secondo e teržo
comma del presente articolo purché complessivamente non si superino i quarantacinque anni.
Si prescinde dal limite n:as.wimo di età per l'ammissione al presente concorso nei riguardi del personale salariato non di ruolo

partecipazione

che al i febbraio 1937-XV, (data del 11. decreto-legge n. 100) þrëSti
ininterrotto servizio da due anni almeno presso le Amminisfrrgoni
statali, erraito quella ferroviaria
Nei ri;Inardi del personale salariato non di ruolo di cui al comma
precedente non costituisce interruzione l'allontanamento per causa
di obblighi militari.
Dal predetto concorso sono esclusi gli appartenetiti alla razza
ebraica e le donne.
Art. 3.
Le domande di ammissione al.concorso, redate su carta da bollo
6 e corredate dei documenti in<licati al successivo art .4, doda I
vranno pervenire al l\finistero della guerra (Direzione generale perDivisione personali civili), entro 11
sonali civili e affari generali
termine d' 00 giorni dalla data di pubblicazione del presente decreto
nella Ga::rita Ufficiale del 13egno.
.

-

Nelle

domande

gli aspiranti dovranno

indicare:

il loro preciso recapito;
i documenti annessi alle domande.
11 Ministro può negare, con provvedimento
insindacabile, l'ammissione al concorso.

1)

non

motivato ed

Art. 4.
A corredo
cument :

delle domande

dovranno essere

uniti i seguenti do-

certificato rilasciato su carta da bollo da lire 4 dal compefederale dei Fasci di combattimento da cui risulti
l'appartenenza del concorrente ai Fasci stessi o alla Gioventù italiana del I,ittorio, nonchè l'anno, il mese e il giorno della iscri21one.
I)etto certificato può essere anche rilasciato dal segretario o vice
segretario del competente Fascio di conibattimento, ma in tal caso
deve essere vistato dal predetto segretario federale o dal vice segretario federale o dal segretario federale amministrativo.
Per gli italiani nort regtlicoli 11 certificato di appartenenza ai
Fasci di combattimento deve essere rilasciato dalla Segreteria generale dei Fasci italiani all'estero e firmato dal Segretario generale o
da uno degli ispettori centrali dei Fasci all'eatero.
I cernficati di appartenenza ai Fasci di combattimento dei cittadini sammarinesi, residenti nel territorio della Repubblica di S. Marino, dovranno essere firmati dal Segretario del Partito Fascista
Samniarinese e controfirmati dal Segretario di Stato per gli affari
esteri saminarinese; quelH rilasciati a cittadini sammarinesi residenti nel Regno saranno firmati dal segretario della Federazione
che li ha in forza.
I;

tente

segretario

I)EL REGNO D'TTALTA

-

N. 170

3491

I certificati di appartenenza ai Fasci .di combattimento da data
anteriore al 28 ottobre 1922 debbono contenere la attestazione che la
iscrizione è stata ininterrotta ed essere in ogni modo vistati per
ratifica da S. E. il Segretario del P.N.F. Ministro Segretario di Stato
o dal Segretario amministrativo o da uno dei Vice segretari del
Partito stesso.
Sono dispensati dal produrre il certificato di appartenenza at
Fasci di combattimento i mutilati ed invalidi di guerra, gli inva·
lidi per la difesa delle Colonie dell'Africa Orientale, nonchè gli in•
validi in dipendenza di operazioni militari cui abbiano partecipato
durante il servizio mlitare non isolato all'estero;
2) certiflcato di compimento alla fine della y classe elementare
o di liinza elementare conseguita secondo 11 precedente ordinamento scolastico;
3) estratto dell'atto di nascita su carta da bollo da L 8 debita·
mente legalizzato;
4) certiftcato su carta da bollo da L. 4, debitamente legalizzato,
dal quale risulti che il concorrente à cittadino Italiano e godo dei diritti politici.
Sono equiparati at dttadini dello Stato gli italiani non regnicoli
coloro per i quali tale equiparazione sia riconosciuta in
decreto Reale;
5) certificato generale del Ca6ellariO giudiziale, su carta da
bollo da L. 12, debitamente legalizzato;
6) certificato di buona condotta morale, civile e politica, rila.
sciato su carta da bollo da L 4 dal podestà del Comune di abitdåla
residenza del concorrente e vidimato dal Prefetto;
'7) certificato medico rilasciato su carta da bollo da L 4 deat;n
ufficiale medico, in servizio nelle Forze armate dello Stato o aal
dirigentr- 11 servizio sanitario di un Ente delle dette Forze armate
comprovante che il concorrente à di sana e robusta costituzione
fisica ed esente da difetti o imperfezioni che possano influire .pul
rendimento dei servizio. La firma dell'ufficiale medico o del dìrf•
gente 11 servizio sanitario che ha rilasciato il certificato deve essere
autenticata da!!'autorit4 militare da cui essi dipendono.
Sono dispensati dal produrre tale certificato gli invalidt
guerra di cui agli articoli 1 e 2 della legge 21 agosto 1921. n. 1312,
invalidi per -la ¢ausa nazionale di cui all'articolo tmico della legge
24 marzo 1930-VIII, n. 454, gli invalidi per la difesa delle Colonie
dell'Africa Orientale di cui al R. decreto-legge 2 dicembre 1935-XIV,
n. 2111 convertito in legge con la legge 14 maggio 1936-XIV, n. 981.
e gli invalidi in dipendenza di operazioni militari cui abbiano par.
tecipato durante 11 servizio militare non isolato all'estero, di cui
al It decreto-legge 21 ettobre 1937-XV. n. 2179, convertito in legge
con la legge 31 marzo 1938-XVI. n. 010.
Detti invalidi. però, a norma dell'art. 30 del R. decreto 29 gen·
nato 1922. n. 92. verranno sottoposti a visita sanitaria presso un ospo.
dale militare da uno speciale collegio medico a far parte del quale
sarà invitato un sanitario delegato dall'Opera nazionale per la protezione ed assistenza degli invalidi di guerra;
8) copia del foglio matricolare mŒitare. Detto documento dovrà
contenere l'annotazione delle benemeren20 di guerra per gli asph
ranti ex combattenti o che abbiano preso parte nel mparti mobi•
litati delle Forze armate dello Stato alle operazioni militari svoltosi
nelle Colonie dell'Africa Orientale dal 3 ottobre 1985-XVM. al 5 mag•
gio 1936-XIV, o che in servizio militare non isolato all'estero dopo
11 5 maggio 1936-XIV, abbiano partecipato alle relative operazionL
militari, o che rivestano la qualità d1 invalidi di guerra o per la
difesa delle Colonie dell'Africa Orientale o che siano divenuti inva.
lidt in dipendenza di operazioni militari durante 11 servizo mill.
tare non isolato all'estero.
Gli invalidi di guerra o per la causa nazionale o per la difesa
delle Colonie dell'Africa Orientale o in dipendenza di operazioni
mihtari cui abbiano partecipato durante il servizio militare noa
isolato all'estero dovranno, agli effetti della legge 21 agosto 1921.
n. 1312, dimostrare tale loro qualità mediante l'esibizione del decreto di concessione della relattva pensione, o del certificato mod. 09
rilasciato dalla Direzione generale delle pensioni di guerra o, in
mancanza, anche mediante attestazione di invalidità rilasciata dalla
competente rappresentanza provinciale dell'Opera nazionale invalidi
di guerra, attestazione nella quale devono essere indicati i documenti in base ai quali à stata riconosciuta la qualità di. invalido ai
fini della iscrizione nei ruoli provinciali dell'Opera, o Vidimata dalla
sede centrale dell'Opera stessa.
e

virt0,þ

Gli orfani dei caduti in guerra o per la causa nazionale 0 per
la difesa delle Colonie dell'Africa Orientale o in dipendenza di ope•
razioni militari durante 11 servizio militare non isolato all'estero e.
1 flgli degli invalidi di guerra o degli invalidi per la difesa delle
Colonie dell'Africa Orientale o degli invalidi in dipendenza di operazioni militari cui abbiano partecipato durante 11 servizio militare
non isolato all'estero, dovranno produrre un certif}cato, su carta da
bollo da L. 4. Comprovante tale loro qualità, da rilasciarsi dAI PO•
deste del comtme di loro abituale residenza e debitamente lege.

lizzato;

20-vu-1939

8492

(XVII)

-

GAZZETTA UFFIt3IALE DEL REGNO D'ITALIA

v) copia ael logno matricolare (serviz1 civin) per I concorrenti
che siano già salariati di ruolo dell'Amministrazione dello Stato,
oppure, per coloro che prestino servizio in qualità di salariato non
di ruolo presso le Ämministrazioni statali, certificato attestante tale

loro qualità da rilasciarsi dall'Amministrazione dalla quale dipendono;
10) stato di famiglia, su carta da bollo da L. 4, rilasciato dal
podestá del Comune di abituale residenza del concorrente, debitamente legalizzato. Tale documento deve essere esibito soltanto dal

coningati con o senza prole e d-i vedovi con prole;
11) fotografla di data recente, con la firma dell'aspirante, autenticata dal notaio o dal podestà. La firma del notaio o del podestá
deve essere debitamente legalizzata.
Oltre ai documenti di cui sopra gli aspiranti allegheranno alla
domanda tutti quei titoli che possano attestare della loro capacità
ai fini del serviio che sarebbero chiamati a disimpegnare in caso
di nomina.
Per i certificati rilasciati o Vidimati dal Governatorato di Roma
non à richiesta la legalizzazione della firma.
I certificati di cittadinanza italiana, generale del casellario gluÁÏzfäle e di buona condotta dovranno essere di data non anteriore a
tie'mesi a quella del presente decreto. Sono dispensati dal produrre
detti tre certificati i concorrenti che siano salariati di ruolo delFÄmministrazione dello Stato.
Il certificato di appartenenza af Fasci di combattimento, o alla
Gioventù italiana del Littorio, 11 certificato medico, lo stato di faniiglia, la copia del foglio matricolare (servizi civili) per i salariati
di ruolo e 11 certificato comprovante la qualità di salariato statale
bni di ruolo dovranno essere di data non anteriore a quella del

presente

decreto.

Tutti i concorrenti a qualunque categoria appartengano (compMi quindi gli invalidi di guerra, g'i orfani di guerra, ecc.) hanno
Póbbligo di presentare domanda e documenti in carta bollata; solamente quelli dichiarati indigenti dalla competente autorità di P. S.
p'àWsono produrre in carta libera l'estratto dell'atto di nascita ed i
certlficati di cittadinanza italiana, generale del casellario giudiziale, di buona condotta e medico.
Le domande che, entro 11 termine sopra fissato di 60 giorni dalla
data di pubblicazione del presente decreto nella Gazzetta Ufftefale
del Regno, non perverranno al Ministero della guerra corredate
di tutti indistintamento 1 documenti prescritti non saranno prese
in considerazione.
E' peraltro, consentito ai concorrenti residenti all'estero, nelle
colonio e possedimenti italiani di far pervenire al Ministero i documenti prescritti entro 11 termine di 90 giorni dalla data di pubblica•
zione del presente decreto nella dazzetta Ufficiale del Regrio, fermo,
però, rinùmendo il suindicato termine di 60 giofni per la presentasione della domanda di ammissione al concorso stesso.
Non è ammesso fare riferimento a documenti presentati presso
altre Amministrazioni dello Stato.
Il Ministero della guerra af riserva di chiedere alle Amministrazioni da cui dipendono 1 concorrenti un rapporto informativo
sul servizio prestato dai concorrenti stessi in qualità di salariati.

Art.

5.

Con successivo decreto hiinisteriale sarà provveduto alla costituzione della Commissione esaminatrice e verrà pure designato 11
funzionarig .incaricato delle funzioni di segretario.

Art. 6.
La graduatoria dei vincitori del concorso sarà formata secondo
Tordine di merito stabilito con coefficienti numerici che saranno
determinati dalla Commissione esaminatrice
A parità di inerito saranno osservate le precedenze stabilite dallo
articolo 111, ultimo comma, del R. decreto 30 dicembre 1923-11, numero 2900, dall'art. 1 del R. decreto-legge 5 luglio 1934-XII, n. 1176
convertito in legge con la legge 27 dicembre 1934-XIII, n. 2125, integrato dal R. decreto-legge 2 dicembre 1935-XIV, n. 2111, convertito
in legge con la legge 14 maggio 193ß-XIV. n 981, dal R. decreto.legge
2 glugno 1936-XIV, n. 1172, convertito in legge con la legge 26 dicembre 1936-XV, n. 2439, dal R. decreto-legge 21 ottobre 1937-XV, numero 2179, convertito in legge con la legge 31 marzo 1938-XVI, n. 610
e dal R. decreto-legge 11 novembre 1938-XVII, n. 1858.

Nel conferimento.dei posti messi a concorso saranno osservate
10 disposizioni contenutet
a) nell'art. 8 della legge 21. agosto 1921, n. 1312, nella legge
ti marzo 1930-VIll n. 454, nell'art. 3 del II. decreto-legge 2 dicembre

N. 176

1935-XIV, n. 2111, convertito in legge con la legge 14 maggio 1936-XIV,
n. 1108, e nelPart. 3 del R. decreto-legge 21 ottobre 1937-XV, n. 2179,
convertito in legge con la legge 31 marzo 1938-XVI, n. 610, rispettiYamente a favore degli invalidi di guerra, degli invalidi per la
causa nazionale, degli invalidi per la difesa delle Coloñie dell'Africa
Orientale e degli invalidt in dipendenza di operazioni militari cui
abblano partecipato durante il servizio militare non isolato all'estero;
artib) nell'art. 20 del R. decreto 8 maggio 1924-11, n. 843, negli
coli 7 e 13 del R. decreto-legge 3 gennaio 1926-lV, numero 48, convertito in legge con la legge 24 maggio 1926-IV, n. 898, nell'articolo
unico del R. decreto-legge 2 giugno 1936-XIV, n. 1172, convertito in
legge con la legge 26 tilcembre 1936-XV, n. 2439, e nell'art. 4 del R. de21 ottobre 1937-XV, n. 2179, convertito in legge con la legge

creto-legge

31 marzo 1938-XVI, n. 610, rispettivamente a favore degli ex combattenti della guerra 1915-1918, di coloro che abbiano partecipato nel
mireparti mobilitati delle Forze armate dello Stato alle operazioni
ottobre
1935-XIII
dell'Africa
Orientale
dal
3
Colonie
nelle
litari svoltesi
al 5 maggio 1936-XIV e di coloro che, in servizio militare non isolato
all'estero dopo 11 5 maggio 1936-XIV, abbiano partecipato alle relative operazioni militari;
n. 1397, nell'art. 1
c) nell'art. 56 della legge 26 luglio 1929-VII,
dedella legge 12 giugno 1931-IX, n. 777, negli articoli 2 e 3 del R.
creto-legge 2 dicembre 1935-XIV, n. 2111, convertito in lagge con la
legge 14 maggio 1936-XIV, n. 981, e nell'art. 3 del R decreto-legge
21 ottobre 1037-XV, n. 2179, convertito in legge con la legge 31 marzo
in

1938-XVI, n. 610, rispettivamente a favore degli orfani dei caduti
del caduti per la causa nazionale, degli orfant
guerra, degli orfani
dei caduli per la difesa delle Colonie dell'Africa Orientale e degli
orfani dei cittadini che, in servizio militare non isolato all'estero,
caduti in dipendenza delle relative operazioni militari;
sono
di nell'art. 8 del R. decreto-legge 13 dicembre 1933-X11, n. 1706,
137, a
convertito in legge con la legge 22 gennaio 1934-XII, numero
favore di coloro che risultino regolarmente iscritti ai Fasci di com1922;
battimento senza interruzione da data anteriore al 28 ottobre
n. 1542,
1937-XV,
R.
21
decreto-legge
nell'art.
del
agosto
24
e)
a favore di
convertito in legge con la legge 3 gennaio 19.39-XVII. n. 1,
di precoloro che siano coniugati alla data in cui scade 11 termine
sentazione delle domande di partecipazione al concorso.

Art. 8.
del concorso
Il Ministro riconosce la regolarità del procedimento
alla
decide in via dettnitiva sulle eventuali contestazioni relative
precedenza del concorrenti dichiarati idonei.
La graduatoria dei dichiarati idonei, da approvarsi con decreto
Ministeriale, sarà pubblicata nel Giornale militare utflefale.
e

vincitori del concorso saranno assunti temporaneaniente .in
il quale, se a giudizio del
prova per 11 periodo di sei mesi, trascorso
-dimostrato
capacità, diliavranno
.amministrazione,
Consiglio di
nominati in ruolo con lo stipendio
genza e buona condotta, saranno
iniziale e gli altri assegni stabiliti per il grado di inservlente.
Coloro che, allo scadere del periodo di prova, fossero invece
non
ritenuti, a giudizio dello stesso Consigho di amministrazione,
idonei a conseguire la nomirm in ruolo, saranno licenziati senza
di amdiritto ad indennizzo alcuno, salva la facoltà del Consiglio
di altri sei me.si la durata del periodo di
ministrazione di
I

prorogare

prova.
Art. 9.

personale assunto in prova, a termine dell'articolo precesarà
corrisposto, durante 11 periodo di prova, a senso del dedente,
mensile di
creto 2 luglio 1929 del Ministro per le finanze, l'assegno
di
diritto,
l'aggiunta
coloro
che
vi
abbiano
oltre,
L. 300 lorde,
per
misura e con le norme
famiglia e relative quote complementari nella
stabihte dalla legge 27 giugno 1929-VII. n. 1047.
Tali assegni sono sottoposti alle riduzioni di cui al R. decretola legge
legge 20 novembre 1930-IX, n. 1891, convertito in legge con
1934-XIli,
6 gennaio 1931-IX, n. 18, e al R. decreto-legge 15 aprile
n. 1038
n. 561, convertito in legge con la legge 15 giugno 1934-XIII,
1936-XIV,
ed agli aumenti di cui al R. decreto-legge 24 settembre
121
n. 1719, convertito in legge con la legge i gennaio 1937-XV, n.
in legge
e al R. decreto-legge 27 giugno 1937-XV, n. 1033, convertito
con la legge 30 dicembre 1937-XVI, n. 2322.
Al

presente

E

Art. 7..

-

decreto sarà

registrato

alla Corte

dei conti.

Roma, addi 21 marzo 1939-XVII
p. 17 DUCE, 3/inistro per la guerra
A.

(3298)

PARUNI

29-vir-1939 (XVII)

-

GAZZETTA UFFIJIALE DEL

REGNÔWITAIJA'IN.•]Ñ
Art. 4

MINISTERO DELLA MARINE
Concorso

a

otto posti di tenente in servizio permanente effettivo
nel Corpo delle armi navali
CAPO DEL GOVERNO

IL DUCE DEL FASCISMO

MINISTRO PER LA MARINA
Vista la legge 8 luglio 1926, n. 1178, e successlve modificazioni:
Vista fautorizzazione della Presidenza del Consiglio dei Ministri;
Decreta:

p. It .Vinistro: CAVAGNARI

per esami a 8 posti di tenento
delle Armi navali in servizio permanente effettivo
concorso

1.

E' aperto un concorso per esami alla nomina di
servizio permanente nel Corpo delle armi navali.

n.

8 tenenti in

Art. E.
Il concorso

avrà

luogo

a

Roma

alla

data che

sarà stabilita e

comunicata in tempo utile ai concorrenti.
Art. 3.
Potranno prendere parte al concorso i laureati in ingegnerla industriale o navale e meccanica che alla data della presente notill.
cazione non abbiano oltrepassato 11 26> anno di età.
Per coloro che risultino regolarmente iscritti al Partito Naz10nale Fascista senza interruzione da data anteriore al 28 ottobre 1922,
è concessa, sul limite massimo di età una proroga di quattro anni.
A norma dell'articolo 23 del R. decreto-legge 21 agosto 1937-XV,
n 1M2. 11 limite di età è elevato: di due anni nei riguardi dei- concorrenti che siano coniugati alla data di cui al 10 comma dell'ar·
ticolo 8 della presente notificazione, e di un anno per ogm figlio
vivente alla data medesima. Tali elevazioni si cumulano fra di loro
e con quella derivante dall'appartenenza al P.N.F. da data anteriore
al 28 ottobre 1922;
Art. 4.
.

I concorrenti dovranno soddisfare alle seguenti

condizioni:)

a) esserè cittadini italiani e di razza non ebraica;
b) essere iscrittí al P.N.F.;
c) risultare di buona condotta pubblica e privata;
d) avere l'attitudine fisica richiesta per il servizio Incondizionato militare marittimo la quale sarà accertata mediante visita
sanitaria, a cui i concorrenti saranno sottoposti a Roma presso 11
Ministero della Marina.
L'altezza e 11 perimetro toracico non debbono essere inferiori,
rispettivamente, a m. 1.55 ed a m. 0,80, e dovranno, inoltre, essere
tra loro in conveniente rapporto così da dare sicuro affidamento
dell'indice di robustezza armonica del soggetto.
11 visus non deve essere inferiore ,ai seguenti 11mit1•ë

V=1/2==0,õ0;
V=1/4=0,25
E' tollerata la miopia semplice, senza alterazioni del fondo oculare e sénza astigmatismo, la quale non oltrepassi le tre diotrie e
che, con correzione, raggiunga il visus nel limiti sopra indicati.
.La sensibilità cromatica, da accertarsi con le lane colorate
Holmgreen, deve essere normale, e così pure normale deve essere
con
con

ambo gli occhl:
l'occhio peggiore:

la funzione auditiva.
Contro 11 risultato

di

tale

Giuridico)
giorno dopo quello della pubblicazione della presente
notificatione nella Gazzetta Ufficiale del Regno, con l'indicazione
esatta del domicilio dei concorrenti, e corredate dei seguenti docu•
menti debitamente legalizzati dalle competenti autoritài
a) certificato di cittadinanza italiana;
b) documento comprovante l'iscrizione al P.N.F. (costititu6
da un certificato, in carta bollata da L. 4, rilasciato dal
segretario
o dal vice segretario se trattasi di capoluogo di Provincia
dlil
competente Fascio di combattimento, e vistato dal segretario federale o dal vice segretario federale o dal
segretario federale ammi.
Distrativo della Provincia a cui 11 Fascio
appartiene), attestante
l'appartenenza ai Fasci di combattimento o ai Gruppi universitari
fascisti o ai Fasci giovanili e indicante l'anno, 11 mese, e.Il
giorno


entro

visita non

sono

dell'iscrizione.
I cittadini italiani residenti all'estero dovranno
presentaraxß
certificato d'iscrizione ai Fasci italiani all'estero. Quest'ultimo ter•
redatto
carta
su
tificato,
legale, deve essere rilasciato direttamente
dalla Segreteria generale del Fasci italiani all'estero e firmato
141
Segretario generale o da uno degli ispettori centrali dei Fasci alI'estero;
ya
c) estratto del registro degli atti di nascita (sono esclusi i cet.
.

tificati di

l'aspirante.

Nel contesto della domanda il candidato dovrà specificare 10
prove facoltative alle quali desidera essere ammesso.
I documenti di cui alle lettere a), c), g), h) ed f), dovranno
essere di data non anteriore a quella della presente notificazione.
I concorrenti, ufficiali di complemento in servizio o ufficiali della
M.V.S.N. In servizio permanento effettivo, od impiegati dello Stato,
in servizio, sono esonerati dall'obbligo di presentazione del documenti di cui alle lettere a), h) ed i).
Gli aspiranti ed allievi ufficiali, dovranno presentare tutti i documenti indicati nel presente art. 6 e dovranno indicare nella domanda anche il domicilio della famiglia.
Non verranno prese in considerazione le domande che, entro
11 termine stabilito, perveranno non corredate del documenti
prescritti dal presente articolo. Non
ammesso fare riferimentò a do·
cumenti presentati presso altre Amministrazioni dello Stato.
I concorrenti residenti in colonia o all'ester'o potranno essero
ammessi al concorso presentandö, entro il termine prescritto dat
1• comma del presente articolo, la sola domanda salvo a produrre
i documenti successivamente ed in ogni caSO almeno cinque giorni
prima della data di inizio delle prove scritte di esame.
Il Ministro potrà accordare un alteriore termine, oltre quello in.
dicato dal 1• comma del presente articolo, per.la regolarizzazione di
documenti formalmente imperfetti. Anche questo termine dovrà in
ogni caso scadere almeno cinque giorni prima.della data di inizio
delle prove scritte di esame.

Art. 7.
Il Ministero si riserva 11 diritto di assumere informnzinnt di
qualsiasi genere sugli aspiranti nel modo che credera uppurmuu, indipendentemente dat documenti presentati,

ammessi ricorsi nè

Art. 8.

Art. 5.

L'ammissione al concorso può

torie

consterà di prove scritte ed
secondo 11 programma annesso

e facoltative,
notincazione.

orali, obbligaalla

presente

essere

negata

con

provvedimento

motivato ed insindacabile del Ministro.
I.'ammissione stessa pub, inoltre, essere accordafa sotto riserva
in relazione a quanto è detto nel precedente ark ? e nel due ultimi
comma dell'art. ô,
non

concorso

nascita)

d) diploma originale di laurea, oppure la copia autentica Ik
esso, rogata dal Regio notaio;
e) certificato comprovante l'esecuzione dell'esame di Stato:
f) stato dei punti riportati nei singoli esami in tutte le m
terie del quinquenio di studi superiori fino alla laurea (corso pre
paratorio e corso triennale di applicazione)
g) certifleato di stato libero o, se trattasi di ammogliato, cop
dell'atto di matrimonio:
h) certificato generale negativo del casellario giudiziario:
i) certificato di buona condotta, rilasciato dalla autorità comunale competente e vidimato dal Prefetto;
l) certificato di esito di leva.- Se il concorrente ha già prestate
o presta servizio militare, deve invece esibire 11 foglio di
congedo
o la copia dello stato di servizio militare, o 11 foglio matricolare;
m) fotografia del concorrente con la firma debitamente auten.
ticata;
n) titoli scientifici e titoli speciali di carriera, se posseduti dal•

visite superiori.
L'esame di

11 60*

-

Roma, addl 8 luglio 1939-XVII

Art.

Le domande di ammissione al concors6, in carta bollata da U. 6,
dovranno pervenire al Ministero della marina (Direzione
generale
del Personale e dei Servizi militari
Divisione Stato

-

E' approvata l'unita notifleazione di concorso in data 8 luglio
1939-XVII a 8 posti di tenente in servizio permanente effettivo nel
Corpo delle armi navali.
11 presente decreto sarà règistrato alla Corte dei conti.

Notificazione di

$4gg

3404

29-vir-1m9 (XVTI)

Art.

-

GAzzETTA TTFT 3TALE DEL REGNO D'TTALTA

Prove
1.

Art. 10.
La Commissione esaminatrice sarA costItulta a norma dell'art. 4
del R. decreto & aprile 1939-XVII, n. 903.
Art. 11.
Per cið che riguarda i titoli di preferenza a parità di merito, si
applicheranno le disposizioni di cui all'art. 1 del R. decreto-legge
6 luglio 1934, n. 1176, e successive estensioni.

I vincitori del concorso, per ottenere la nomina a tenente, docontrarre arruolamento volontario nel Corpo Reale Equipaggi Matuuna con terma ut anni 6, a decorrere dalla nomina stessa.
Tranno

Art. 13.
Ciascuno det vincitori del concorso, assumendo servizio, ha diT11to soltanto al rimborso dellO 6pese di viaggio personale in 2• classe, per raggiungere la sede assegnatagli, purché sia diversa da
quella nella quale aveva la residenza prima di essere nominato.
Per il detto viaggio l'ufficiale riceverà lo scontrino ferroviario a taEiffa militare.

Art. 14.
I vincitori del concorso, assunti in servizio, dovranno seguire un
þrgve corso di istruzione militare presso la Regia accademia navale.
lyg Essi possono essere, quindi, inviati a compiere corsi speciali sia
presso l'Accademia navale che presso le Università del Regno per
completare la loro cultura professionale.
Dopo il corso teorico, gli ufficiali seguiranno altrest un tirocinio
pratico a bordo di Regie navi, della durata di un anno.

Prove orali

se

11 candidato ha avuto punti compresi fra

prove

obbligatorie.

scritte.

di realizzazione applicativa del candidato, evitando qualsiasi riferimento a discussioni ed argomenti che rimangono nel campo della
sola teoria.
La durata dell'esame orale é stabilita, caso per caso, dal Presidente della Commissione e sarà maggiore per la materia dichiarata principale e minore per quella dichiarata secondaria Comun•
que la durata massiTna ë stabilita in un'ora e mezz'ora rispettivamente.

Anche i colloqui arranno un carattere piti dettagliato ed approfondito per la materia principale e più generico per la materia socondaria.
Prova

facoltativa.

orale

Ogni candidato dovrà dichiarare nella domanda di ammissione
su quali lingue estere egli intende sostenere l'esame.
Per ogni lingua la durata dell'esame orale non dovrà superate

al

L'esame di lingue estere à facoltativo. Non si terrà conto di esso
so il punto riportato è inferiore a 16. Quando tale punto sia superato,
6i aggiungerà al punto finale in ventesimi riportato dal candidato
nelle materio obbligatorie:

delle

Colloquio sugli argomenti compresi nei programmi allegati.
Le interrogazioni riguardano principalmente applicazioni a casi
pratici dei principi teorici
Non saranno richieste dimostrazioni dei principi teorici stessi,
ma semplici enunciazioni ed il candidato potrà avvalersi, anche per
l'esame orale e per la parte applicativa, di un formulario posto a
sua disposizione dal Presidente della Commissione.
Scopo del colloquio è quello di mf.ttere la Commissione in grado
di giudicare circa la preparazione culturale generica e la capacità

Art. 15.
La classificazione degli idonei sarà fatta per ordine di merito,
þ0me risulterà dai punti ottenuti.
La votazione avrà luogo, per ciascuna prova, pt'ima per l'idoneità e poi per l'assegnazione dei punti. La prima votazione sarà
segreta, la seconda palese.
Il numero masshno del punti, per ciascuna prova, ð di 20.
Il candidato, per essere dichiarato idoneo, dovrà condeguire in
ciascuna prova, almeno 10 punti I punti conseguiti dal candidato
nelle prove scritte faranno media on quelli delle corrispondenti
prove orali, termo restando che l'idoneità deve essere raggiunta in
ogni prova.
I punti ottenuti in ciascuna materia saranno moltiplicati per 11
coefficiente tre per la materia dichiarata principale e per il coefficiente due per la materia dichiarata secondaria (vedi programmi).
La somma dei punti verrà divisa per cinque.

obbligatorie.

un

2. c. s. per l'elettrotecnica generale.
La durata degli esami scritti è fissata ad un massimo di otto ore.
Ad ogni esame scritto è riservato un giorno duer
Prima di iniziare l'esame il candidato dovrà dichiarare quale
materia considera principale e quale secondaria.
E' ammesso l'uso det formulari, che debbono pero prima essere
sottoposti all'approvazione del Presidente della Commissione.

Discussione

Art. 12.

scritte

tema pratico di meccanica che costituisca
di argomenti compresi nel programma allegato

Svolgimento di

l'applicazione

legge.

2/10 di punto

176

EIt0GRAMMA DEGLI ESAMI DI CONCORSO

9.

Lo stipendio iniziale ò di L. 12.000 annue, cui debbono agglungersi il supplemento di servizio attivo di L. 2200 annue, l'indennità
militare di L. 2600 annue e l'eventuale aggiunta di famiglia, salvo
le riduzioni di

N

concorso

mezz'ora
L'esame coaststerà nella traduzione estemporanea di un brano
di rivista tecnica ed in una interrogazione sotto forma di conversazione prevalentemente su argomento tecnico.

PitOGRAMMI

DELLE

MATERIE

AIECCANICA APPLICATA
1.

Equilibrio

dinamico dei sistemi

-

DI

ESAAIE.

&Tg0Tn€1tfi.
materiali

rigidi,

libëri e sog-

vincoli.
Teorema della conservazione del centro di massa.
GeneraliA sull'attrito radente e volvente, coefficiente di

getti

a

attrito.

2. Teorema di d'Alembert e sua applicazione al modo di traslaVite
Cuneo
zione. Rendimento delle macchine. Piano inclinato
Vite
ecc.
triangolare,
rettangolare
-

-

3. Vari tipi di ruote dentate e di dentature. Vite perpetua e
applicazioni. Trasmissione per vite perpetua e ruota elicoidale.

suo

Ro.

16 e 18:

Versibilits dell'accoppiamento.

3/10 di punto se il candidato ha avuto punti compresi fra
18 e 20 e se il candidato ha sostenuto con esito favorevole l'esame
in una sola lingua.
Per ogni esame di lingua estera in più verranno aggiunti, in
pgni caso. altri 2/10 di punto.
Nel caso in cui un candidato, risultato vincitore del concorso,
yinunzt alla nomina, prima che questa abbia luogo, si potrà procedere alla nomina, in sua vece, del candidato risultato idoneo, che
pegue nella graduatoria l'ultimo dei candidati assunti in servizio.

4. Applicazione del teorema di d'Alembert al movimento di rotaTeoria e calcolo dei volani e dei contrapzione. Effetti giroscopici
pesi e loro applicazione.
5. Teorema delle forze vive e sue applicazioni.
Trasformazione del movimento circolare continuo e movimento
rettilineo alternato.

.

eclisàe d'inerzia
deters
6. Movimenti di inerzia nel piano
minazione del momento di inerzia di una figura piana qualsiasi.
Lavoro di deformaziune
7. Teorema di Maxwel e di Castigliano
Travature reticolari piano
Principio del lavoro virtuale
del solidi
Sistemi iperstatici in generale Proce•
statisticamente indeterminate
dimenti per la loro calcolazione.
-

-

-

Art.

16.

-

-

Copie della presente

notificazione

potranno essere richieste al
Afinistero della marina (Direzione generale del personale e dei servizi militari
Divisione S.G.P.M.) nonche at Comandi in Capo dei
Dipartimenti militari marittimi di La Spezia, Napoli, Taranto ed
tu Comando militare marittimo autonomo di Venezm.

nello spazio, elissoide di inerzia
9. Ipotesi fondamentali sulla costituzione dei materiali da
8. Momenti di inerzia



.

Iloma, addl 8 luglio 1939-XVII

-

þ. II Affnf8tt0:

CAVAGNARI

co-

struzione e sugli sforzi che possono sollecitarli.
Resistenza det solidi a trazione e compressione semplice.
Legge di Hooke.
Modulo di elasticità normale
Coefficiente di resistenza; carico
di rottura, carico al limite elastico, allungamento percentuale.

29-yn-1989 (XV11)

GAZZETTA UFFT'IATÆ IWL fŒGNO D'ITALTA

N- 176

3495
li

10. ResisLenza det solidi a flessione semplice e composta, asse
neutro, centro di pressione, nocciolo centrale; momento flettente e
momento resistente; relazioni diverse. Resistenza del solidt e fles
sione e taglio. Travi a due vincoli soggette a carichi flssi.

10. 11 trasformatore statico
Teoría e diagrammi
mento del trasformatore
Calcolo delle perdite e

11. Sollecitazione composta di flessione
Trazione e taglio
Travi
due vincoli soggette a carichi mobili Determinazione grafica della
curva elastica e della freccia di inflessione
Solidi di uniforme resistenza
a pressione, a flessione,

11. Il motore asincrono
Coppia motrice, regolazione di velocità,
rendimento
Diagramma di Heyland
Avviamento e inversione di
moto
Calcolo delle perdite e prove relative
Cenno sull'asincrono

18. Determinazione dell'equazione della
carichi di punta
Formule di Eulero.

12 Il motore sincrono
Calcolo
Diagrammi di funzionamento
delle perdite e prove relative
Funzionamento del sincrono come

.

a

-

-

curva

elastica

Solidi

Particolar
struttivi
Trasformatori polifasi
eiali (di usura, autotrasformatori. ecc.).

di funziona.
prove relative ..
Trasformatori spe·

-

-

luonofase
-

-

-

-

13. Teoria della trave continua con appoggi di livello
dei tre momenti
Trave ed appoggi non di livello.

-

Teorema

-

14. Travature reticolari piane soggette a carichi flse1. Definizione.
Calcolo delle travature reticolari piane staticamente determinate
metodo del Cremona, poligono reciproco.
15. Resistenza dei solidi allo. scorrimento, alla torsione.
Modulo di elasticità tangenzionale
relazione fra i moduli
elasticità normale tangenzionale
Flessione e torsione.
-

rifasatore di corrente.

13. La macchina a c.a. a collettore
stone
La convertitrice
Rapporto di
-

dimento.

Motore in serie e a

conversione.

-

Perdite

ripule ren•

14. Tipi di distribuzione dell'enegia
Calcolo dei conduttori
Illuminazione elettrica
Lampada ad arco.e ad incandescenza


-

-

di

-

Pile
Polarizzazione
Pile a
scarica, capacità, rendimento

Ammuculatori al Pb
Carica,
Accumulatori al FerronikeL

secco
-



-

-

(3269)
MACCHINE IDRAULICHE,
I

Cenni sui motori a combustione

.

Argomenti.

MINISTERO DELL¼ERONAUTIOR

1. Pressione idraulica esercitata da una vena d'acqua contro una
Perdita di carico dovuta
superficie piana e curva, fissa o mobile
all'urto, all'attrito ai cambiamenti di direzione e di sezione.

Proroga

-

Motrici idrauliche: espressione del lavoro
ruote Pelton
Caratteristica principale.
2

3.
4.

Principali tipi.di turbine a reazione
Pompe idrauliche a stantuffo.

5. Iniettori ed eiettort idraulici
6. Pompe
diversi

centrifughe

a

-

-

Turbine ad azione

IL DUCE

DEL FASCISMO CAPO DEL GOVERNO
AflNISTRO PER L'AERONAUTICA

caratteristiche.

pompe rotative ed oscillanti.
bassa. media ed alta prevalenza
Tipi
-

.

7. Pompe ad aria per condensatori
ratrici idrauliche.

-

tipi

diversi

.

-

-

ELETTROIECNIC1.

-

Visto il decreto Ministeriale in data 1•
maggio 1939-XVII cota 11
quale à stato bandito un concorso per l'ammissione di 300 allieV1
alla 1• classe della Regia Accademia
aeronautica;

macchine Ope-

8. Motort a combustione interna in genere
Cicll teorici e cicli
a quattro ed a due tempi
Motori a scoppio; tipi, applicazion1,

pratici

del concorso per 300 allievi della 1• classe
della Itegia Accadengla aeronautica

Afg0menti.

Decreta:
Il termine per la presentazione delle domande
documentato per
l'ammissione al concorso per 300 allievi dalla 1· classe
della Regia
Accademia aeronautica è prorogato a tutto 11 16
agosto 1939.
Il presente decreto sarà registrato alla Corte dei conti.

Roma, addl
1. La corrente continua e le sue leggi (legge di Ohm, di Joule,
Vari tipi di corrente (di condu2.ione di spoprincipi di Kirchoff)
stamento, di convenzione, termolonica)
Cenno sugli effetti chimici
della corrente; leggi relative; applicazioni (voltametri, pile. accu·
-

23

giugno 1939-XVII
p. Il Ministro:

(3297)

VAr.Is

mulatori).

MINISTERO
PER GLI SCAMBI E PER LE VALUTE

2 Principali leggi dell'elettrostatica
carica e scaCapacità
rica del condensatori
costante di tempo
raggruppamenti in serie
ed in parallelo
Viscosità e rigidità dei dielettrici.
.

-

3. Fenomeni magnetici
Induzione e permeabilità
Fenomeni ferro magnetici e loro conseguenze pratiche
11 circuito
gnetico prodotto dalla corrente e sue leggi
Azioni fra campi e correnti.
-

-

magnetica
Campo mamagnetico

4. Fenomeni di induzione elettromagnetica
e leggi relative
Autoinduzione e mutua induzione
Induttanza e suoi effetti-in corCostante di tempo di un circuito induttivo Correnti
rente continua
-

parassite.
5. Corrente alternata
definizioni
rappresentazioni delle gran.
deZZ8 61noidal:
Circuito con resistenza. capacità di induttanza
impedenza, fase, potenza
Impedenze in serie e in parallelo
SIstemi polifast, con speciale riguardo al tritase
Tensioni, correnti
di
e potenza
un
Generazione
campo rotante.
-

Sistemi assoluti di misura (elettrostatico, elettromagnetico,
Unità fondamentali e derivate
A11sura delle
Campioni
correnti e delle tensioni e strumenti relativi
\fisura della resi
stenza
Strumenti per la misura dell'energia e della potenza elettrica.
6.

pratico)

-

7. La dinamo
e,ccitazione ed autoeccitazione
Calcolo dell'eccitazione
F e.m.
Avvolgimento indotto
Fenomeni di commuta
zione e reazione d'indotto
Curve caratteristiche di funzionamento
Calcolo delle perdite e del rendimento
accoppiamento in serie e in
parallelo.
-

-

Graduatoria generale del concorso a.n. 15 borso
di pratica commerciale all'estero
IL MINISTRO PER GLI SCAMBI E PER LE
VALUTE
Visto 11 decreto Ministeriale 23 settembre
1938-XVI, pubblicato
nella Gazzetta Ufficiale n. 227 del 4 ottobre
1938-XVI, col quale à stato
bandito un concorso per l'assegnazione di n. 15 borse
di pratica
commerciale all'estero.
Visto 11 decreto Ministeriale 27 ottobre 193AXVI, pubblicato nella
Gazzetta Uf/fclale n. 254 dell'8 novembre 1938-XVII, col
quale ð stata
aggiunta una borsa per l'Uruguay;
Visti i decreti Ministeriali 4 e 11 maggio 1939-XVII, pubblicati
nella Gazzetta Ufficiale n. 111 e 120 dell'11 e del 23 maggio stesso
anno con i quali è stata nominata la Commissione
giudicatrice del
roncorso

predetto:

Vista la relazione della Commissione giudicatrico del concorso e
la graduatoria da essa compilata in base alla valutazionaldei titoli
di ciascun candidato ed ai risultati conseguiti dal carididati mede-

simi, negli esami relativi al
-regolarità;

concorso in

parola

e

riconoselutane la

-

Decreta:

-

Il motore a c. c.
Equazioni fondamentali
Avviamento, regolazione della velocità, arresto dei vari tipi di motore a c. 0.
Caratteristiche di funzionamento
Perdite e rendimento.
8

9
dotto

L'alternatore

F.e.m.
Avvolgimento indotto
Reazione d'Indiagrammt e Paratteristiche dl funzionamento
Alternatore
Accopiamento degli alternatori.
polifase
-

-

Ai seguenti candidati, riusciti vincitori nel concorso di cui allo
premesse. è aggiudicata la borsa per la piazza indicata a flanco di
ciascuno di essi·
1
2•
3•
to

DotL Alessi Alberto, la borsa nel Cile;
dott. Atripaldi Elio, una dalle due borse negli
Dott. Boggio Giorgio, la borsa nell'Australia;
Dott. Bruno Andrea, la borsa nella Bolivia;

S.U.A.(

29-vu-1930 (XVTI)

8496

GAZZETTA UFFT 'IALE DEL REGNO D'ITALIA

-

Visto 11 proprio decreto n. 8003 Div. San. del 10 mar2o 1938 col
quale veniva prorogato 11 termine utile per la presentazione della
domande di ammissione al concorso suindicato a tutto 11 30 glu•

5• Dott. Giuntoli Adolfo, la borsa nel Canadà;
G• Dott. Merlo Giovanni, una delle due borse negli S.U.A.;
9• Dott. Mondini Angelo, la borsa nel Giappone;
8• Dott. Piotti Antonio, la borsa nell'Argentina;
9• Dott. Strabucchi Mabo Nostro Marchio, la borsa nel Venezuela;
102 Dott. Ugo Franco, la borsa nell'Uruguay.
alle
Ai seguenti altri candidati, riusciti idonei nel concorso di cui
indicata a flanco di ciapremesse à assegnata la borsa per la piazza
10
2•
30
4•
5•
6•

,

gno 1938;
Visto il decreto n. 17031 del 22 giugno 1938 col quale veniva prorogato al 16 agosto 1938 11 termine utile per la presentazione- delle

anzidette domande;
Visto 11 proprio decreto
relativo all'ammLasione al

Dott.
Dott.
Dott.
Dott.
Dott.
Dott.

la

Visti gli articoli 23 e 55 del regolamento dei
di sanitari addetti ai servizi dei Comuni e delle
vato con R. decreto 11 marzo 1935, n. 281.

li Ministro: GUARNERI

E'

(3276)

DELLE

1.
2.
3.
4.
5.
6.
7.
8.
9.
10.
11.
12.
13.
14.
15.
16.
17.

FINANZE

Graduatoria del concorso a tre posti di applicato meccanico
(grado 12°) nel ruolo del personale di 2• categoria dell'Am·
ministrazione del monopoli di Stato.
IL MINISTRO PER LE FINANZE
Visto 11 R. decreto 11 novembre 1923, n. 2395, ed i successivi sull'ordmamento gerarchico delle Amministrazioni dello Stato;
Visto 11 11. decreto 30 dicembre 1923, n. 2960, sullo stato giuridico

degli linplegati civili;

Visto il decreto Ministeriale 29 febbraio 1928 che determina i ruoli
di Stato
speciali del personale dell'Amministrazione dei monopoli
e successive modificazioni;
Visto 11 decreto Ministeriale 29 ottobre 1938-XVII, n. 05.11378, registrato alla Corte del conti il 7 novembre successivo, registro 1 Monotre
poli, foglio 282, col quale venne indetto un concorso per esami a
posti di applicato meccanico (grado 12•) nel ruolo del personale
gi 2• categoria dell'Amministrazione det monopoli di Stato;
Visto 11 risultato degli esami stessi, come dal verbali della com-

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

Somma dei punti

.

.

.

Visto

Di

.

,

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

,

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

regi.

REVEL

.

(3275)

.

.

59,63
56,93
54,61
52,23
51,96
51,63
51,25
51,25
51,12
51,0ß
50,62
50,51

»
»

.



.



.

»
»
»
a

.

.

»

»
»

50.50

»

50,48

48,93
48,43
43,63

»

a


Comuni interessati.
10

1939-XVII

luglio

pr€fCil0:

A.

RICHARD

il

proprio

pari

decreto

numero

data

e

quale

col

1.
2.
3.
4.
5.
6.
7.

Tortona;
Savarezza Maria ved. Bonino
Morbello;
Curotto Maria Adele di Angelo
Sale,
Amelotti Adriana di Luigi
Carretti Iris fu Luigi
Ticineto Po;
Frassineto Po;
Gallia Teresa Maria di Luigi
Molino Alzano;
Picchetta Giovanna di Bernardo
Montaldo Dormida.
Avio Maria di Federico

stata

Il

presente

.

-

-

-

-

decreto sarà

pubblicato

nella Gazzetta

Úfficiale

della Prefettura e nel Comuni interessati.

Alessandria, addl 11 luglio 19&XVII
.

Il

di ostetrica condotta

prefetto:

A. RICHARD

(3197)
IL PREFETTO DELLA PROVINCIA DI ALESSANDRIA
Vtsto 11 proprio decreto n. 87617 Div. San. in data 30 dicembre 1937, col quale veniva bandito un concorso per titoli ed esami
a 7 posti di ostetrica condotta nei comuni di Frassineto Po, Molino Alzano, Montaldo Bormida, Morbello. Sale. Ticineto Po, Tortona, sedi vacanti in Provincia al 30 novembre 1937;

è

.

pretorio

posti

.

voti

.

del

Regno, nel Foglio annunzi legali della provincia di Alessandria nel
bollettino della Prefettura e per otto giorni consecutivi nell'albo

I

a

.

,

.

Sono dichiarate vincitrici per la sede a flanco di ciascuna indicata le seguenti candidate partecipanti al concorso di cui sopra:

15

REGIA PREFETTURA DI ALESSANDRIA

.

.

Decreta:

Roma, addl 3 luglio 193 XVII
11 Ministro:

.

.

approvata la graduatoria delle candidate emmesse a concorso per
i posti di estetrica condotta vacanti nella provincia di Alessandria
al 30 novembre 1937;
Visto l'art. 55 del regolamento approvato con R. decreto 11
marzo 1935, n. 281.

7
8

11 presente decreto sarA trasmesso alla Corte dei conti per la
strazione.

con-

IL PREFETTO DELLA PROVINCIA DI AI.ESSANDRIA

Martorana Placido di Bernardo è dichiarato unico vincitore del
per esami a tre posti di applicato meccanico (grado 1>)
nel ruolo del personale di 2• categoria dell'Amministrazione dei monopoli di Stato, indetto con decreto Ministeriale 29 ottobre 1938-XVII,
n. 05-11378, citato nelle premesse, con la seguente votazione ¿
.

,

Il

concorso

.

candidate ammesse al

così formulata:

.

Alessandria, addl

Decreta:

.

epigrafe

Salvarezza Maria
Curotto Maria
Amelotti Adriana
Carretti Iris
Gallia Teresa
Pichetta Giovanna
Avio Maria
Cittadini Renata
Porta Amabile
Nebiolo Emilia
Guaschino Rosa
Deandrea Alda
Piccarda Iolanda
Ombra Adelaide
Druno Giovanna
Clerici Celestina
Sacchi Maria

fettura e dei

Ministeriale 21 marzo 193¾XVlf, n. 05.24T/;
Iliconosciuta la regolarità del procedimento degli esami;

.

in

Il presente decreto sarà pubblicato nella Ga::etta Ufflefale del
Regno nel Foglio annunzi legali della Provincia, nel Bollettino della
Prefettura e per otto giorni consecutivi nell'albo pretorio della Pre-

missione esaminatrice nominata con decreto Alinisterlale 20 gennaio
1939-XVII, registrato alla Corte dei conti 11 3 febbraio stesso anno,
reþstro 1 Monopoli, foglio '74, modificato, per quanto riguarda la
sostituzione di un membro della Commissione stessa, con decreto

Media dei punti riportati nelle prove scritte
Punto riportato nella prova orale .

approvata la graduatoria delle
di cui

corso

Graduatoria generale del concorso

concorsi a posti
Provincie appro-

Decreta:

Roma, addi 22 luglio 1939-XVII

.

concorso

Visti i verbali della Commissione giudicatrice del concorso e
graduatoria delle candidate formulata dalla Commissione me•
desima presso la Regia prefettura di Cuneo;

Bettini Emilio, la borsa nelle Filippine;
Maran Ferdinando, la borsa nel Messico;
Maschietto Luciano, la borsa nel Brasile;
Ponzi Giulio, la borsa nel Manciukuò:
Randaccio Ettore, la borsa nel Perù;
Sorbi Walter, la horsa nel Siam.

MINISTERO

3177 Div. San. in data 8 febbraio 1939
stesso delle candidate parte-

n.

cipanti;

411 essi:

scuno

N. 176

MUGNOZZA

GIUSEPPE, direttore

SANTI RAFFAEI.E,
Roma

--.

geT€nfe

Istituto Poligrafico dello Stato

-

G. G.


Documenti correlati


Documento PDF doc 20160524 wa0011
Documento PDF gu 7 ottobre
Documento PDF diario bindi bianco
Documento PDF gazzautunno2014 lq 1
Documento PDF legge del 28 12 2015 n 208
Documento PDF la gazzetta dello sport 02 06 2015 by pds


Parole chiave correlate