File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Assistenza Contattaci



UNAR Primaria .pdf



Nome del file originale: UNAR-Primaria.pdf
Titolo: Layout 1
Autore: lucia caruso

Questo documento in formato PDF 1.5 è stato generato da QuarkXPress(R) 7.5 / Acrobat Distiller 10.1.7 (Macintosh), ed è stato inviato su file-pdf.it il 10/03/2014 alle 10:22, dall'indirizzo IP 85.20.x.x. La pagina di download del file è stata vista 972 volte.
Dimensione del file: 1.6 MB (48 pagine).
Privacy: file pubblico




Scarica il file PDF









Anteprima del documento


Copertine_ES:Layout 1

2-07-2013

17:26

Pagina 1

istituto a.t. beck

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI
Dipartimento per le Pari Opportunità

UNAR
Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali

Istituto A. T. Beck
per la terapia cognitivo-comportamentale
Diagnosi clinica, ricerca, formazione
via Gioberti, 54
00185 Roma
info@istitutobeck.it
www.istitutobeck.com

EDUCARE
ALLA DIVERSITÀ
A SCUOLA
Scuola primaria

istituto a.t. beck

EDUCARE
ALLA DIVERSITÀ
A SCUOLA
Scuola primaria
Antonella Montano
Santina Calì
Antonio Zagaroli

Presidenza del Consiglio dei Ministri
Dipartimento per le Pari Opportunità
UNAR
Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali
Avv. Patrizia De Rose
Dott. Marco De Giorgi
Istituto A. T. Beck
per la terapia cognitivo-comportamentale
Diagnosi clinica, ricerca, formazione
Direttrice Dott.ssa Antonella Montano

EDUCARE ALLA DIVERSITÀ A SCUOLA
Scuola primaria
Responsabile scientifico
Dott.ssa Antonella Montano

Istituto A. T. Beck

Team di progetto
Dott.ssa Santina Calì
Dott. Antonio Zagaroli

T. 06 44 703820

Documentari
Maria Laura Annibali
I documentari “L’altra altra metà del cielo”
e “L’altra altra metà del cielo... continua”
sono inclusi in questa cartella per gentile concessione
della case editrice Edizioni Libreria Croce

via Gioberti 54
00185 Roma
info@istitutobeck.it
www.istitutobeck.com
Dott.ssa Antonella Montano
antonella.montano@istitutobeck.it
Dott.ssa Santina Calì
santina.cali@istitutobeck.it
Dott. Antonio Zagaroli
antonio.zagaroli@istitutobeck.it

DPO 0013127 del 19/12/2012
Lettera di incarico CIG Z5007C1F06
Prima edizione 2013

Progetto grafico
Lucia Caruso
Andrea Serrao
Immagine di copertina
Veronica Baeli
Stampa
Tipografia Ograro
Via Vicolo dei Tabacchi
00153 Roma

istituto a.t. beck

Introduzione
La scuola elementare è un momento di rapida crescita per
chi la frequenta. Questi sono gli anni durante i quali i
bambini di solito cominciano, oltre che ad acquisire
conoscenze e sviluppare abilità, a formarsi un’idea di se
stessi, del mondo e delle persone che li circondano.
Nel corso di questo processo, l’ambiente scolastico
fornisce anche l’opportunità di iniziare a sviluppare
relazioni con i coetanei.
Questi rapporti possono talvolta essere contraddistinti
anche dall’uso di nomignoli o appellativi dispregiativi.
Se non fermati in tempo dagli educatori e da altri adulti,
tali comportamenti possono degenerare, via via che il
pregiudizio e gli atteggiamenti discriminatori che ne sono
alla base attecchiscono nei cuori e nelle menti dei
bambini.
A peggiorare il tutto, questi ricevono ogni giorno, a
scuola, in casa o tramite i media, messaggi su diversi
gruppi sociali, spesso ritratti in modo negativo e
socialmente indesiderabile. Le lesbiche, i gay, i bisessuali
e i transgender (LGBT) rientrano sovente tra questi.
Tali messaggi, oltre a condizionare gli atteggiamenti dei
bambini, influiscono sull’idea che essi si formano a
proposito del genere sessuale, inficiando potenzialmente,
così, anche la percezione della propria identità e del
posto che occuperanno all’interno del tessuto scolastico e
sociale. Inoltre, senza una guida consapevole, i messaggi
che i bambini ricevono sui gruppi di persone, così come
sulle varie identità e sui ruoli di genere, possono
complicare questo processo e contribuire al bullismo, al
pregiudizio e alla discriminazione.
Gli educatori si trovano di fronte un mondo sempre più
complicato, in cui le aspettative professionali sono varie e
forti. Molti insegnanti subiscono una grande pressione
derivante dall’accresciuta attenzione sui risultati
standardizzati degli esami e su altri parametri di
valutazione. A volte, l’ambiente scolastico (colleghi e
genitori) può dimostrare una grande chiusura nei
confronti di tematiche percepite come lontane dal proprio
contesto. Di conseguenza, può essere difficile per gli
insegnanti cercare di creare classi culturalmente sensibili,
riconoscendo e incoraggiando la diversità di tutti gli
studenti e delle loro famiglie, e promuovendo
l’accettazione di tutte le persone all’interno e all’esterno
del gruppo classe.
Talvolta gli insegnanti, pur disponibili, non sono in
possesso delle competenze per contenere e arginare il
bullismo.
Pertanto non si fa molto per strutturare deliberatamente
lezioni esplicite che promuovano il rispetto delle
differenze nell’identità o nell’espressione di genere, o che
comprendano famiglie con genitori/caregiver, fratelli,
sorelle o altri individui LGBT significativi nelle vite dei
nostri studenti. Come risultato, molti bambini trascorrono
gli anni della scuola elementare senza accenni positivi
alle persone LGBT.

Affrontare l’omofobia e il bullismo omofobico può essere
difficile per qualche insegnante. Questi può sentirsi
insicuro a portare avanti tali tematiche, o addirittura
minacciato da un punto di vista personale e
professionale.
Ciò avviene perché le questioni riguardanti
l’omosessualità, soprattutto in Italia, sono permeate di
condizionamenti culturali e sociali dell’ambiente esterno
e non vengono insegnate tra i banchi di scuola.
Gli anni delle elementari offrono, invece, una meravigliosa
e importante opportunità di instillare e/o nutrire
atteggiamenti positivi e rispettosi delle differenze
individuali, familiari e culturali, comprese quelle relative
all’orientamento sessuale, all’identità e all’espressione di
genere.
Nella società occidentale si dà per scontato che
l’orientamento sessuale sia eterosessuale.
La famiglia, la scuola, le principali istituzioni della società,
gli amici si aspettano, incoraggiano e facilitano in mille
modi, diretti e indiretti, un orientamento eterosessuale.
A un bambino è chiaro da subito che, se è maschio, dovrà
innamorarsi di una principessa e, se è femmina, di un
principe. Non gli sono permesse fiabe con identificazioni
diverse.
Mentre gli insegnanti educano i bambini e li aiutano a
sviluppare nuove abilità accademiche e critiche, possono
anche incoraggiarli ad acquisire e mettere in pratica
importanti capacità sociali ed emotive e a sviluppare un
senso di responsabilità condivisa per rendere le classi e le
comunità scolastiche sicure, accoglienti e rispettose di
tutti i membri che le compongono. Questo non è un lavoro
facile, soprattutto a causa della difficoltà di implementare
le risorse appropriate.
Per tutte queste ragioni, è importante fornire agli
insegnanti uno strumento che consenta loro di acquisire
le conoscenze necessarie per affrontare gli argomenti del
bullismo e dell'omofobia. Questa cartella si compone di
tre parti:
• Schede informative rivolte agli insegnanti. Tali schede
mirano a fornire conoscenze aggiornate e puntuali sui
temi dell'identità e dell'orientamento sessuale,
dell'omofobia sociale e interiorizzata e del bullismo
omofobico.
• Una cassetta degli attrezzi. In questa sezione sono
presentati una serie di strumenti utili per
l'implementazione di una politica di prevenzione e lotta
al bullismo.
• Lezioni da tenere in classe. Le lezioni sono pensate per
dare agli studenti di ogni ciclo scolastico la possibilità
di comprendere i temi del bullismo, della diversità,
dell'omofobia, in maniera attiva, non teorica.
Lo scopo di questa cartella è, dunque, quello di rendere
le scuole più aperte e accettanti, scuole delle pari
opportunità, che consentano e favoriscano lo sviluppo
sano di tutti i ragazzi, indipendentemente
dall’orientamento sessuale.
3

Vengono forniti agli insegnanti gli strumenti per
approfondire le varie tematiche legate all’omosessualità,
così che essi stessi possano diventare “educatori
dell’omofobia”.
Sono, inoltre, illustrate delle attività da utilizzare con gli
allievi, in modo appropriato all’età e al grado di sviluppo,
così da facilitare questo processo.

4

Le schede
Linee-guida per un insegnamento
più accogliente e rispettoso delle differenze
1. Le componenti
dell’identità sessuale
2. Omofobia: definizione,
origini e mantenimento
3. Omofobia interiorizzata:
definizione e conseguenze
fisiche e psicologiche
4. Bullismo omofobico:
come riconoscerlo
e intervenire

istituto a.t. beck


Le schede
Linee-guida
per un insegnamento
più accogliente e rispettoso
delle differenze

Al di là delle lezioni incluse in questa cartella,
quello che gli insegnanti dicono e fanno in classe
può avere un impatto determinante sul clima
scolastico in termini di rispetto e accoglienza
delle differenze. Gli insegnanti che si impegnano
in questo lavoro dovrebbero cercare di:









Promuovere negli studenti la conoscenza della diversità,
mostrando dei modelli attraverso la letteratura, il cinema
o delle lezioni condotte da ospiti esterni. L’insegnante
dovrebbe cercare di scegliere libri (o suggerire film o serie
televisive) in cui ci sono uomini e donne, così come
famiglie, diversi dallo stereotipo da pubblicità.
Può eventualmente cercare degli ospiti esterni per parlare
in classe, ad esempio un soldato donna.
Non usare analogie che facciano riferimento a una prospettiva eteronormativa (cioè che assuma che l’eterosessualità sia l’orientamento “normale”, invece che uno dei
possibili orientamenti sessuali).
Tale punto di vista, ad esempio, può tradursi
nell’assunzione che un bambino da grande si innamorerà
di una donna e la sposerà.
Non dividere gli studenti (ad esempio per fare un
compito) in ragazzi e ragazze, o non assegnare attività
diverse a seconda del sesso biologico.
Usare un linguaggio rispettoso quando si parla degli
studenti, delle loro famiglie o di altre persone estranee
alla classe. In questo modo si insegna indirettamente agli
studenti a usare lo stesso tipo di linguaggio.
Essere consapevoli dei diversi modi in cui in classe si
sostengono stereotipi basati sul genere. Questo può
avvenire tra gli studenti, ma talvolta può accadere anche
agli stessi insegnanti. Ad esempio, il docente potrebbe
aspettarsi che gli studenti di sesso maschile siano più
avventurosi o portati per le attività all’aperto rispetto alle
studentesse. Oppure potrebbe aspettarsi che gli studenti
abbiano dei particolari interessi in quanto maschi (ad
esempio, guardare la Formula 1 o giocare ai videogiochi)
o in quanto femmine (ad esempio, essere interessate alla
cucina o allo shopping). Riconoscere (soprattutto in se
stessi) e mettere in discussione tali pregiudizi può essere
faticoso, ma aiuta a creare un ambiente più accogliente
per tutti gli studenti.
Nell’elaborazione di compiti, inventare situazioni che
facciano riferimento a una varietà di strutture familiari ed
espressioni di genere. Per esempio: “Rosa e i suoi papà
hanno comprato tre lattine di tè freddo al bar. Se ogni
lattina costa 2 euro, quanto hanno speso?”; oppure:
“Dario vuole fare una torta per la nonna. Nella ricetta
originale vengono indicati 300gr di farina. Se Dario vuole
raddoppiare la ricetta, quanta farina dovrà usare?”.
Incoraggiare gli studenti a utilizzare nella loro vita
quotidiana gli atteggiamenti rispettosi appresi a scuola.
Va ricordato loro che ogni abilità nuova (come il rispetto
e l’accoglienza) richiede tempo e pazienza.
Quando l’insegnante assiste a scambi verbali che non
sono in linea con tali valori, invece di sgridare gli studenti
coinvolti, li riporta a quanto detto nelle lezioni passate.

6

1.
istituto a.t. beck | Le schede

Le componenti dell’identità
sessuale
Obiettivo
Il bullismo omofobico è un tipo specifico di bullismo
basato sul genere, fondato sull’effettivo o percepito
orientamento sessuale, identità sessuale o ruolo di
genere. Trasmettere agli insegnanti conoscenze basilari
su queste definizioni permette di contrastare
efficacemente la formazione di stereotipi e pregiudizi sia
sull’identità di genere sia sul ruolo di genere.
Materiale
Scheda e libro “Parlare di omosessualità a scuola”.
Metodo
Lettura ed eventuale riflessione con i colleghi.
Tempo 1 ora
Alla sessualità sono connessi alcuni degli aspetti più
intimi del nostro essere, alcune delle emozioni più intense
delle nostre vite. Non stupisce, pertanto, che l’identità
sessuale costituisca un elemento fondamentale della
nostra identità. A questa contribuiscono fattori genetici,
biologici, psicologici, culturali: attrazione fisica e fantasie
sessuali, rapporto con il proprio corpo e il sesso
anatomico, coinvolgimento affettivo, comportamento,
stile di vita, presenza di una relazione, identificazione con
un gruppo sociale di riferimento. Proprio perché è così
multiforme e fortemente presente nelle nostre vite,
talvolta può essere difficile spiegare con chiarezza cosa
sia l’identità sessuale e in cosa consista.
Dal punto di vista scientifico, definiamo l’identità
sessuale come un costrutto multidimensionale
(Coleman, 1987; Isay, 1996; Klein,Sepekoff, Wolf, 1985;
Laumann, Gagnon, Michael, Michaels, 1994.; Morris,
1997), cioè un concetto formato da diverse componenti,
che interagiscono tra loro in modi complessi.
Tali componenti sono:
• L’identità biologica
• L’identità di genere
• Il ruolo di genere
• L’orientamento sessuale

L’identità biologica
L’identità biologica si riferisce al sesso biologico di un
individuo, cioè al fatto che sia anatomicamente maschio o
femmina. Tale caratteristica deriva dalla combinazione dei
cromosomi XY nei maschi e XX nelle femmine al momento
del concepimento. Sebbene la maggioranza degli
individui sia biologicamente definibile come maschio o
femmina, una piccolissima percentuale presenta
caratteristiche sessuali (ambiguità genitali e/o
cromosomi diversi dalla combinazione XY o XX) che non
consentono un’attribuzione definitiva a un sesso
piuttosto che a un altro. Tali individui vengono definiti
intersex e la percentuale della loro prevalenza dipende
dalla definizione di intersex usata. In linea generale, si
può dire che ricada nella condizione di intersex 1 caso su
2.000.
L’identità biologica identifica un individuo come maschio
o femmina, in termini di cromosomi e anatomia sessuale.
Si nasce maschio o femmina.
È un concetto pertanto relativamente semplice e valido in
tutte le culture. Quello di identità di genere è, invece, un
costrutto più complesso, legato indissolubilmente al
contesto culturale di riferimento. Ogni società assegna al
sesso maschile e a quello femminile dei ruoli più o meno
prestabiliti in un dato momento storico. Tali ruoli si
traducono in comportamenti, attività e attributi che la
società considera appropriati per gli uomini e le donne,
per i bambini e le bambine.
L’identità di genere
L’identità di genere è “il senso di se stessi, l’unità e la
persistenza della propria individualità maschile o
femminile o ambivalente (di grado maggiore o minore),
particolarmente come esperienza di percezione sessuata
di se stessi e del proprio comportamento” (Money,
Ehrhardt, 1972). Il termine, dunque, si riferisce alla
personale percezione di se stessi come uomini o donne,
cioè al modo in cui l’individuo si considera in termini di
appartenenza al genere maschile o femminile.
L’espressione esteriore di questa identità interiore
avviene tramite i comportamenti, la scelta dei vestiti,
gli atteggiamenti, la mimica. Non sempre l’identità di
genere e quella biologica coincidono, cioè non sempre un
maschio si percepisce come appartenente al genere
maschile o una femmina come appartenente al genere
femminile. In questo caso, quando cioè un individuo si
trova a disagio con il proprio sesso biologico, perché si
sente appartenente a quello opposto, ci troviamo di
fronte a una disforia di genere. Tale disforia può avere
diversi gradi, dal momento che il senso di identificazione
dell’individuo in maniera coerente con il proprio sesso
anatomico si dispone su un continuum.
Nello specifico, ci sono persone che non si identificano
pienamente con il proprio sesso, ma non per questo si
percepiscono come appartenenti a quello opposto.
Definiamo transgender questa categoria.
Tuttavia, a volte il disagio rispetto al proprio sesso
biologico è talmente forte che la persona è disposta a
sottoporsi a cure ormonali e operazioni chirurgiche pur di
conformare il proprio corpo alla propria identità di genere,
che è avvertita come opposta a quella biologica. In questi
casi utilizziamo il termine transessuale.
7

istituto a.t. beck | Le schede | 1. Le componenti dell’identità sessuale

Ruolo di genere
Il ruolo di genere è la manifestazione pubblica della
propria identità di genere, cioè i comportamenti che gli
individui adottano (nel modo di parlare, di vestirsi, di
riferirsi a se stessi) per indicare agli altri la propria
identità maschile, femminile o ambivalente.
Tale aspetto, in quanto manifestazione esteriore, è
ovviamente fortemente influenzato dalla cultura di
riferimento: è facile osservare, ad esempio, come la
percezione dell’identità maschile nella cultura occidentale
dei giorni nostri sia profondamente diversa da quella di
40 anni fa, e sia comunque molto differente dalla cultura
odierna espressa da altre società. In sostanza, il ruolo di
genere costituisce una rielaborazione e un’espressione
personali delle aspettative e consuetudini sociali attuali
rispetto a un determinato sesso.
Quando nasciamo, ci viene messo sulla culla un fiocco
azzurro se siamo maschi e un fiocco rosa se siamo
femmine. Questi fiocchi indicano non solo il nostro sesso,
ma tutte le aspettative che la cultura ha sui nostri
comportamenti in quanto maschi o femmine.
Da questo momento in poi buona parte di quello che
diciamo o facciamo rientra nella dicotomia
maschio/femmina.
Se una bambina ama giocare a calcio con i compagni e si
sporca i vestiti, le viene detto di non fare il maschiaccio.
Una volta cresciuta, deve imparare a cucinare, deve volere
un marito e dei figli. Così un uomo deve amare guardare
la partita o la Formula 1 in tv. Ogni volta che un individuo
non si conforma a queste aspettative, la società lo
considera strano, lo fa sentire sbagliato rispetto a un
modello stereotipato di riferimento.

Orientamento sessuale
Nelle parole dell’American Psychological Association,
“l’orientamento sessuale si riferisce a un modello
stabile di attrazione emotiva, romantica e/o sessuale
verso gli uomini, le donne, o entrambi i sessi”
(American Psychological Association, 2008).
La prima cosa da notare in questa definizione è che
l’orientamento sessuale è un orientamento verso un
sesso (maschile, femminile o entrambi), espresso in
termini di attrazione emotiva, romantica e/o sessuale.
Nello specifico, una persona omosessuale è attratta
affettivamente, romanticamente e sessualmente da un
individuo dello stesso sesso.
Si evidenza questo aspetto perché talvolta la parola
“omosessuale” trae in inganno, richiamando l’attenzione
sul solo aspetto della sessualità e trascurando le
componenti emotive, affettive, romantiche che sono,
invece, parte integrante dell’orientamento. In effetti,
l’orientamento sessuale non è sinonimo di attività
sessuale, né di comportamento sessuale.
Talvolta possono esserci individui che hanno
comportamenti omosessuali (pensiamo al mondo della
prostituzione maschile, ad esempio) ma che non si
riconoscono come omosessuali. In altri casi, possiamo
avere individui fortemente o esclusivamente attratti dal
proprio sesso che, però, non hanno comportamenti
omosessuali (ad esempio perché sono sposati) o alcuna
attività sessuale (ad esempio, perché hanno forti sensi di
colpa rispetto alla propria omosessualità).
Nel caso degli adolescenti, vi possono essere casi in cui il
ragazzo o la ragazza si identificano come gay/lesbica, pur
non avendo avuto alcuna esperienza sessuale, o altri in
cui a comportamenti omo o bisessuali non corrisponde
una precisa definizione in termini di orientamento.
In genere, si tende a descrivere le persone come
eterosessuali se attratte da individui del sesso opposto,
omosessuali se attratte da individui del proprio sesso,
e bisessuali, se attratte da individui di entrambi i sessi.
In realtà, la ricerca scientifica ha mostrato fin dagli anni
‘50 che l’orientamento sessuale si estende lungo un
continuum, i cui poli sono rappresentati dall’esclusiva
eterosessualità o omosessualità 1.
All’interno di questo continuum è più corretto parlare di
soglia di omosessualità o eterosessualità, cioè quanto
facilmente si è attratti dal proprio sesso o da quello
opposto. Fritz Klein (Klein, Sepekoff, Wolf, 1985; Klein,
1993) ha elaborato una griglia di valutazione
dell’orientamento sessuale, denominata Klein Sexual
Orientation Grid (KSOG), che, insieme alla misurazione
del comportamento sessuale, pone altre sei variabili:
l’attrazione e le fantasie sessuali, le preferenze sociali ed
emotive, l’autoidentificazione e lo stile di vita.
Tali variabili vengono considerate in relazione al passato,
al presente e alla dimensione ideale.
Si crea, pertanto, una griglia costituita da 21 caselle, al cui
interno le sette variabili sono valutate su una scala da 1 a
7, simile a quella da 0 a 6 della Scala Kinsey, con cui si
intende cogliere il continuum eterosessualeomosessuale.

8

istituto a.t. beck | Le schede | 1. Le componenti dell’identità sessuale

Successivamente, all’inizio degli anni ‘90, Eli Coleman ha
elaborato uno strumento di valutazione
dell’omosessualità, basato su 9 variabili (Coleman, 1988,
1990). Queste sono: l’attuale status di relazione, l’autoidentificazione dell’orientamento sessuale, sia presente
che ideale, il confort col proprio orientamento sessuale,
l’identità biologica, l’identità di genere, l’identità di ruolo
di genere, l’identità di orientamento sessuale e l’identità
sessuale ideale. Quando si parla di “ideale” si intende
una dimensione riferita al futuro, il cui confronto con
quella riferita al presente fornisce le informazioni più
interessanti, dal momento che l’orientamento sessuale
non è statico e immutabile, bensì fluido.
Comunemente si parla dell’orientamento sessuale come
di una caratteristica propria dell’individuo, allo stesso
modo dell’età o del sesso biologico. In realtà, questo
punto di vista è parziale, perché l’orientamento sessuale
si definisce in termini di relazione con l’altro. Le persone
esprimono il proprio orientamento sessuale attraverso i
comportamenti con gli altri, a partire da azioni molto
semplici, come tenersi la mano o darsi un bacio.
Quindi, l’orientamento sessuale è strettamente legato alle
relazioni personali, in cui vengono soddisfatti i reciproci
bisogni di amore, affetto e intimità.
Oltre ai comportamenti sessuali, dunque, questi legami
includono tenerezze, obiettivi e valori comuni, mutuo
sostegno e un costante impegno tra i/le due partner.
“Perciò, l’orientamento sessuale non è semplicemente
una caratteristica personale all’interno di un individuo.
Piuttosto, l’orientamento sessuale definisce il gruppo di
persone in cui è probabile trovare le relazioni romantiche
soddisfacenti e appaganti che sono per molte persone
una componente essenziale dell’identità personale”
(American Psychological Association, 2008).
Com’è evidente, l’orientamento sessuale costituisce una
categoria molto diversa dall’identità di genere.
I gay e le lesbiche, in massima parte, si percepiscono
rispettivamente come uomini e donne e sono a proprio
agio con il genere corrispondente al sesso biologico,
anche se, in alcuni casi, possono manifestare
comportamenti o caratteristiche propri dell’altro sesso
(gay effeminati o lesbiche mascoline).
Ad oggi non è noto cosa determini l’orientamento
sessuale, sebbene negli ultimi decenni si sia andati alla
ricerca del perché si ha un determinato orientamento,
di quali spiegazioni psicologiche, sociali, genetiche,
ormonali o culturali possano esservi alla base.
Finora non sono emersi risultati che abbiano permesso
conclusioni definitive circa il tipo e il numero di fattori alla
base dell’orientamento sessuale. Quello che la maggior
parte degli scienziati condivide è che non si tratta di una
scelta e che in genere l’orientamento sessuale emerge tra
la media infanzia e la prima adolescenza (American
Psychological Association, 2008). Naturalmente, in base a
quanto già detto, l’attrazione romantica, emotiva,
sessuale può emergere senza che si compia alcun atto
sessuale. Persone differenti hanno esperienze molto
diverse riguardo il proprio orientamento sessuale.
Alcuni lo avevano chiaro prima ancora di avere fatto
alcuna esperienza sessuale, mentre altri ne hanno avute
svariate prima di definirlo. Va considerato, a questo

proposito, che talvolta i pregiudizi e le discriminazioni
possono rendere più difficile l’accettazione del proprio
eventuale orientamento omosessuale o bisessuale.
Dal punto di vista scientifico, nel 1973 l’American
Psychiatric Association (APA) ha rimosso l’omosessualità
dalla lista di patologie mentali incluse nel Manuale
Diagnostico delle Malattie Mentali (DSM), e ha introdotto
la definizione dell’omosessualità come “variante non
patologica del comportamento sessuale”, riconoscendo la
stessa suscettibilità alle patologie sia in persone
omosessuali che eterosessuali. Nel 1993 anche
l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha
accettato e condiviso la definizione non patologica
dell’omosessualità.
Dal momento che l’orientamento sessuale non è né una
scelta né una malattia, la comunità scientifica si è
espressa più volte contro le cosiddette “terapie
riparative”, che promettono, cioè, di convertire
l’orientamento sessuale da omo a etero.
Ad oggi non vi sono dati scientifici circa l’efficacia e la
sicurezza di tali terapie. Innanzitutto, partono dalla
premessa sbagliata secondo cui l’orientamento
omosessuale debba essere cambiato.
Secondo la comunità scientifica, essere omosessuali è
infatti una normale espressione della sessualità umana,
di conseguenza non c’è motivo di voler cambiare tale
caratteristica. Inoltre tali terapie, lungi dall’essere efficaci
nel modificare qualcosa di immodificabile, sono
estremamente pericolose nel rinforzare nell’individuo
omosessuale (e nel resto della società disposta a
crederci) l’idea che l’omosessualità sia una condizione
indesiderabile, una malattia da debellare (Schroeder,
Shidlo, 2001; Shidlo, Schroeder, 2002).
Le indicazioni terapeutiche per un professionista che tratti
un individuo disturbato dal proprio orientamento
omosessuale o bisessuale includono “aiutare la persona
a fronteggiare attivamente i pregiudizi sociali
sull’omosessualità, a risolvere con successo le tematiche
associate con i conflitti interni, a condurre una vita felice e
soddisfacente” (American Psychological Association,
2008).

1. È stato Alfred Kinsey a introdurre l’idea della sessualità
come variabile continua. Kinsey, Pomeroy, Martin, 1948;
Kinsey, Pomeroy, Martin, Gebhard, 1953.

9

2.
istituto a.t. beck | Le schede

Omofobia: definizione, origini
e mantenimento
Obiettivo
Il bullismo omofobico è un tipo specifico di bullismo
basato sul pregiudizio omofobico.
Trasmettere conoscenze basilari su tale pregiudizio così
diffuso e sulle maniere in cui si perpetua nella società
permette di contrastare efficacemente la formazione o la
diffusione del bullismo.
Materiale
Scheda e libro “Parlare di omosessualità a scuola”.
Metodo
Lettura ed eventuale riflessione con i colleghi.
Tempo 1 ora

Nel 1972 venne pubblicato il famoso libro di Weinberg
Society and the Healthy Homosexual, destinato ad avere
una grande influenza su tutto il dibattito successivo e
sugli studi riguardanti le attitudini del mondo
eterosessuale nei confronti di uomini e donne
omosessuali. In quel testo, l’autore coniava il termine
“omofobia”, definendo la paura irrazionale, l’intolleranza
e l’odio nei confronti delle persone omosessuali da parte
della società eterosessista. Si riferisce alla
stigmatizzazione a cui sono stati storicamente sottoposti
gay e lesbiche da società che si rifanno a uno schema
ideologico che nega e denigra ogni forma di
comportamento, identità, relazione o comunità di persone
non eterosessuali. Il termine “omofobia” era stato
utilizzato per la prima volta nel 1971 da K. T. Smith
in un articolo in cui l’autore tentava di definire i tratti
della personalità di un individuo omofobo.
Di etimologia greca facilmente ricostruibile, il termine
utilizzava il suffisso “fobia”, sinonimo di paura
irrazionale, insieme al prefisso “omo”, che qui perdeva
il suo significato originario di “stesso” per trasformarsi
nell’abbreviazione di “omosessuale”.
Nel suo testo, Weinberg definiva l’omofobia come
“la paura di stare in spazi chiusi con omosessuali e,
nel caso degli stessi omosessuali, l’odio di sé”.
In questa definizione, lo studioso enucleava già un
aspetto importante dell’omofobia, l’odio per se stessi
provato da alcuni omosessuali, che oggi chiamiamo
“omofobia interiorizzata”. Tralasciando per adesso
questa particolare forma di omofobia - che sarà
discussa più avanti - ci si può concentrare sulle altre
definizioni di omofobia date dallo stesso Weinberg.
Innanzitutto, va sottolineata la classificazione di questa
condizione come una “fobia operante come un
pregiudizio”. Secondo Weinberg, infatti, “la fobia
appare come antagonismo diretto verso un particolare
gruppo di persone. Inevitabilmente, porta al disprezzo
di quelle persone e al loro maltrattamento”.
Generalmente il termine clinico “fobia” indica una paura,
un’incapacità, un limite personale, che il singolo individuo
si trova a vivere e che cerca di superare per condurre
un’esistenza più piena. Nel caso dell’omofobia, invece,
il suo carattere di pregiudizio ne rende particolarmente
difficile il superamento. Il pregiudizio, infatti, è qualcosa
di talmente radicato nell’animo umano che spesso, pur
riconosciuto come infondato dal punto di vista razionale,
continua a condizionare pensieri e comportamenti,
perché viene ancora avvertito come fondamentalmente
giusto a livello emotivo. Inoltre, la caratteristica di
pregiudizio di questa fobia fa sì che i suoi effetti negativi
siano avvertiti non solo (e in questo caso non tanto) da
colui che ne è affetto, quanto da coloro verso cui questo
pregiudizio è rivolto: le persone omosessuali, appunto.
Si aggiunga il fatto che tale pregiudizio è socialmente
diffuso. Ciò comporta due diversi ordini di conseguenze:
a livello personale, l’omofobia continua a essere
rinforzata nell’interazione quotidiana con altri individui
omofobi, nella ricezione costante di messaggi omofobi,
subliminali o espliciti, da parte dei mass-media, delle
10

istituto a.t. beck | Le schede | 2. Omofobia: definizione, origini e mantenimento

istituzioni o di organizzazioni politiche e religiose;
a livello sociale, gli effetti dell’omofobia sulle persone
omosessuali sono tanto più forti quanto più il fenomeno
è diffuso.
Nel 1997, James T. Sears ha dato una definizione di
omofobia più inclusiva e precisa, che teneva conto di
quanto appena detto: “Definiamo l’omofobia come
pregiudizio, discriminazione, molestie, o atti di violenza
contro le minoranze sessuali, inclusi lesbiche, gay,
bisessuali e transessuali, evidenziata in una paura o un
odio profondamente radicati verso coloro che amano e
desiderano sessualmente persone dello stesso sesso”.
Ancora un punto vale la pena sottolineare nella
definizione appena fornita. Quando si parla di pregiudizio,
di discriminazione, spesso si fa riferimento a qualcosa
che non avviene davvero, o meglio a qualcosa che non
si esprime attraverso un evento determinato e
circoscrivibile. Perché, in gran parte dei casi, l’omofobia
opera anche quando nulla sembra succedere: quando
un adolescente gay, in una conversazione con gli amici o
le amiche, non parla del ragazzo che gli piace mentre
ascolta gli altri confidarsi e scherzare sui primi
innamoramenti; quando un’adolescente lesbica non invita
a uscire la ragazza che le piace, anzi fa di tutto per
nascondere quest’attrazione. In questi e in mille altri casi,
nulla è davvero successo, nessun evento che possa
essere raccontato; eppure l’omofobia era attiva e
operante, spingendo degli individui a nascondersi,
a mascherare i propri sentimenti e pensieri per paura
delle eventuali conseguenze.
Da cosa trae origine quest’infondata angoscia rivolta
verso le minoranze sessuali? E come mai quest’odio
profondamente radicato sembra più diffuso tra gli uomini
che tra le donne, stando almeno ai risultati di diversi
sondaggi condotti sull’argomento 1?
In realtà non è solo il genere sessuale l’unica componente
che appare discriminante in termini di propensione
all’omofobia. Tratti caratteriali, sociali e culturali, come
l’età avanzata, la tendenza all’autoritarismo, il grado di
religiosità, di ideologia conservatrice, di rigidità mentale,
costituiscono fattori importanti da tenere in
considerazione nel delineare il ritratto di un individuo
omofobo. Come appare evidente, maggiore risulta il
grado di ignoranza, di conservatorismo politico e sociale,
di cieca credenza nei precetti religiosi, maggiore sarà la
probabilità che un individuo abbia un’attitudine omofoba.
È chiaro inoltre che i tratti qui citati a mero titolo
esemplificativo non solo aumentano la possibilità di
omofobia in un individuo, ma in generale anche le
probabilità che il medesimo individuo coltivi dentro di sé
altre forme di pregiudizio.
La storia del mondo occidentale dimostra che, nel corso
dei secoli, molto spesso coloro che si differenziavano
dalla maggioranza dominante, ad esempio per il colore
della pelle, per il credo religioso, per il sesso, coloro che
erano in qualche modo “diversi”, sono stati soggetti di
volta in volta a fenomeni di oppressione che potevano
andare da un atteggiamento generalizzato di diffidenza

o disprezzo, fino alla messa in schiavitù o allo sterminio
di massa.
La necessità per alcune società di aumentare il senso di
appartenenza dei suoi membri, di apparire più forti e più
unite, è infatti passata spesso attraverso l’esclusione
degli “altri”, di chi era portatore di valori diversi.
Vi è poi un gruppo specifico di individui che ha subìto il
biasimo e l’esclusione, quando non la reclusione o la
condanna, non solo in una determinata epoca e società,
ma nella maggioranza del mondo occidentale.
L’avversione, quando non l’odio, per questo particolare
sottogruppo, ha unito tutti gli altri: ebrei, musulmani e
cristiani, bianchi e neri, uomini e donne.
Questo sottogruppo, o meglio questo gruppo trasversale,
è quello delle persone omosessuali e l’avversione di cui
parliamo è l’omofobia.
E non solo, come si diceva, quest’avversione ha radici
antiche perpetratesi attraverso i secoli, ma rimane nella
società occidentale contemporanea l’ultima forma di
pregiudizio socialmente sostenibile. Il concetto di
politically correct salvaguarda oramai, almeno
socialmente, tutte le minoranze; l’anti-semitismo,
il razzismo, il maschilismo sono finalmente biasimati a
livello pubblico nelle società più avanzate; ed esistono
leggi speciali per i cosiddetti “crimini dell’odio” derivanti
da pregiudizi. L’unica minoranza che continua a essere
soggetta a un’oppressione costante, espressa in forme
talvolta sottili, talvolta palesi, quando non addirittura
attraverso forme istituzionalizzate, è proprio quella
costituita dalle persone gay e lesbiche.
Ma, di preciso, come si manifesta l’omofobia, quali sono i
canali attraverso cui questa paura si perpetua?
Esistono diversi modelli omofobi di rappresentazione
dell’omosessualità, modelli che, investendo svariati
ambiti, tendono a integrarsi e a rafforzarsi
vicendevolmente offrendo dell’omosessualità un quadro a
tinte fosche, così che in definitiva cresce il livello generale
di omofobia.
Per essere più chiari, vi è un modello omofobo di tipo
religioso, che considera l’omosessualità un peccato; un
modello omofobo di tipo scientifico, che la considera una
malattia; un modello omofobo di tipo sociale, che la
considera una minaccia; e infine un modello omofobo di
tipo politico, che cavalca la paura della diversità.
In sostanza, viene a configurarsi una sorta di circolo
vizioso: i modelli omofobi offrono un sostegno
all’omofobia, favorendone la diffusione e il rafforzamento;
questo, a sua volta, porta al perpetuarsi dei modelli
omofobi a causa dei larghi consensi che riscuotono. Tutti
questi modelli insieme fanno sì che i cittadini
omosessuali non siano trattati allo stesso modo di quelli
eterosessuali, in una serie di diritti elementari.
L’ostilità nei confronti dell’omosessualità è così diffusa
nella nostra società che facilmente si può immaginare
quanto siano numerosi i giovani omosessuali che hanno
11

istituto a.t. beck | Le schede | 2. Omofobia: definizione, origini e mantenimento

avuto per genitori persone omofobe e che, nel corso della
loro infanzia e adolescenza, hanno incontrato insegnanti,
compagni di scuola e amici omofobi.
Quindi, durante il periodo di esplorazione della loro
identità, gay e lesbiche sono già consapevoli della
mancanza di approvazione del comportamento
omosessuale da parte della società e hanno già appreso,
in modo diretto e indiretto, dal loro contesto culturale,
che provare sensazioni omoerotiche è spregevole e
vergognoso. Ecco perché, spesso, è inevitabile che,
durante l’adolescenza, gli omosessuali si percepiscano
come diversi, sbagliati e inadeguati, e che molti di loro
scelgano l’isolamento sociale.

e delle molestie verbali e fisiche subite ogni giorno da
parte degli altri studenti, molti adolescenti omosessuali
incontrano difficoltà a scuola (assenze frequenti,
prestazioni scadenti, difficoltà di apprendimento, precoce
abbandono scolastico ecc.), fuggono di casa e, in casi
estremi, finiscono con il non avere una fissa dimora.

Per D’Augelli (1996) l’isolamento della persona
omosessuale avviene secondo un modello ciclico. In un
primo momento, l’adolescente gay o lesbica non riesce a
spiegare a se stesso la propria diversità, ed è solo con il
trascorrere del tempo che diventa consapevole di provare
attrazione e sentimenti di amore nei confronti di persone
dello stesso sesso. Tale consapevolezza può
compromettere in modo serio la conduzione della vita
sociale di alcuni; altri, invece, si nascondono dietro uno
stile di vita convenzionale, aumentando il divario tra
identità pubblica e sostanziale.
Durante l’adolescenza quasi tutti gli omosessuali hanno
paura che le altre persone vengano a conoscenza del
proprio “segreto”, di quello che sentono. Da ciò deriva lo
sviluppo di una maggiore attenzione nei confronti del
contesto sociale di appartenenza.
Quanto sopra esposto lascia intuire che spesso lo
sviluppo di una rete amicale per i giovani gay e lesbiche
avviene molto lentamente, soprattutto a causa della
paura di essere rifiutati dai propri compagni.
Questa fa sì che molti giovani omosessuali diventino
spesso dipendenti da una piccola rete di amici ai quali
hanno rivelato il loro reale orientamento sessuale.
Così, durante l’adolescenza, si trovano a parlare di sé e
dei propri problemi con poche persone e, nello stesso
tempo, a nascondere la propria sessualità a tutti gli altri
(inclusi genitori e familiari). Tale situazione intensifica la
percezione della loro diversità. La difficoltà di parlare di
sé con gli altri favorisce nei giovani gay e lesbiche
l’interiorizzazione acritica degli assunti eterosessisti e
omofobi della società, che sono causa dell’isolamento
stesso.
Oltre alle difficoltà relazionali di tipo amicale, durante
l’adolescenza, molti omosessuali soffrono a causa della
mancanza di supporto emotivo da parte delle proprie
famiglie. A questo proposito, ricerche sulle reazioni dei
genitori al momento della scoperta dell’orientamento
omosessuale dei figli riferiscono di padri e madri
sconcertati che, in molti casi, assumono posizioni di
rifiuto nei loro confronti.
Dai risultati di un altro studio (D’Augelli e Hershberger,
1993) sembrerebbe che solo un piccolo gruppo di
omosessuali (11%) riceva sostegno e conforto dai propri
familiari nel momento del coming out. Infine, una ricerca
sul disagio giovanile di gay e lesbiche (Savin-Willliams,
1994) sostiene che, a causa della stigmatizzazione sociale

1. I diversi sondaggi sono riportati da Sears, 1997.
Ci si può riferire a quel testo per la bibliografia completa.

12

3.
istituto a.t. beck | Le schede

Omofobia interiorizzata:
definizione e conseguenze
fisiche e psicologiche
Obiettivo
L’omofobia interiorizzata ha un impatto molto forte sulla
vita di gay e lesbiche. Nel periodo dell’adolescenza può
danneggiare fortemente l’autostima in fieri dell’individuo
e può essere una delle fonti di diffusione del bullismo
omofobico, per il senso di vergogna della vittima a
denunciare gli episodi. Trasmettere agli insegnanti
conoscenze basilari su questo fenomeno permette loro di
educare gli adolescenti gay e lesbiche sul pregiudizio
interiorizzato e mina uno dei pilastri della diffusione del
bullismo omofobico.
Materiale
Scheda e libro “Parlare di omosessualità a scuola”.
Metodo
Lettura ed eventuale riflessione con i colleghi.
Tempo 30 minuti
Per omofobia interiorizzata si intende l’ansia, il disprezzo
e l’avversione che gli omosessuali provano nei confronti
della propria omosessualità e nei confronti di quella di
altre persone. Essa deriva dall’accettazione
passiva - consapevole e inconsapevole - di tutti i
sentimenti negativi, gli atteggiamenti, i comportamenti,
le opinioni, i pregiudizi tipici della cultura omofoba.
La stigmatizzazione sociale delle persone omosessuali è
talmente diffusa all’interno della nostra società che
l’interiorizzazione dell’omofobia è stata vista da molti
autori come un normale evento del percorso evolutivo di
gay e lesbiche: quasi tutte le persone omosessuali hanno
assunto un atteggiamento omonegativo in qualche
momento della loro vita.
Gay e lesbiche sono poco consapevoli di quanto la cultura
omofoba possa colpire il loro essere in modo pervasivo.
I messaggi negativi trasmessi dalle principali istituzioni,
quali la famiglia, la Chiesa e lo Stato, sono incessanti e

agiscono a più livelli. Basta riflettere su questo: che tipo
di educazione abbiamo ricevuto sull’omosessualità dalla
famiglia, dalla Chiesa, dallo Stato, dai mass-media, dalla
scuola? Non c’è mai stato un approccio neutrale
all’omosessualità, che, al contrario, veniva considerata un
“male” e, in quanto tale, è stata rimossa, nascosta,
negata fino al punto da spingere gay e lesbiche a
rinunciare a se stessi, in diversa misura.
Il grado di omofobia interiorizzata naturalmente è
variabile da persona a persona, per cui si è cercato di
individuare quali fossero i fattori che contribuiscono al
suo sviluppo. Secondo alcuni, sono essenzialmente di tre
tipi: fattori sociali (come l’ambiente socio-culturale in cui
la persona omosessuale vive), fattori familiari
(ad esempio, dei genitori omofobi) e tratti di personalità.
Altri, più specifici, sono stati individuati nell’isolamento e
nella mancanza di informazione riguardo
all’omosessualità, che impediscono agli individui di
conoscere in modo adeguato il mondo circostante,
relegandoli a spettatori di argomentazioni decise e
sostenute da altri.
Quali sono gli effetti dell’omofobia interiorizzata sulla
persona omosessuale? È opinione condivisa che
l’interiorizzazione dell’omofobia possa condizionare
pesantemente il funzionamento psicologico di gay e
lesbiche. La presenza di omofobia nelle persone
omosessuali può essere causa di bassa autostima,
atteggiamenti di tipo passivo, difficoltà di tipo relazionale,
isolamento e autoesclusione sociale, sensi di colpa e
vergogna, sintomi di tipo depressivo o ansioso, angoscia,
abuso di alcool e droghe, tentativi di suicidio.
Ross (1996) ha definito l’atteggiamento omonegativo
interiorizzato come il prodotto delle norme omofobe ed
eterosessiste presenti nella società e come il principale
responsabile dei disagi psicologici di gay e lesbiche.
Per chiarire quali elementi costituivano gli atteggiamenti
omonegativi interiorizzati, Ross e Rosser (1996) hanno
analizzato i fattori sottostanti la presenza di omofobia
interiorizzata nei gay statunitensi e hanno osservato
quattro dimensioni: l’identificazione pubblica come gay,
la percezione della stigmatizzazione associata
all’orientamento sessuale, l’importanza del conforto
sociale tra gay e le opinioni riguardo l’accettazione
morale e religiosa dell’essere omosessuale.
Tali dimensioni sottolineano quanto sia inevitabile
per un gay identificarsi come parte di una minoranza
stigmatizzata e accettare, in modo incondizionato,
l’eterosessismo e le convinzioni omonegative della
società.

13

4.
istituto a.t. beck | Le schede

La scuola italiana non sembra essere un posto sicuro per i
giovani gay e lesbiche. Al di là dei drammatici episodi
riportati dalle cronache, basta guardare i risultati della
recentissima ricerca di Gay.it e Demoskopea 1.
Su circa 2.000 intervistati, il 52% riporta di aver subìto
discriminazioni a scuola, a causa della propria
omosessualità o bisessualità. Si tratta soprattutto di
offese verbali (77%), ma anche di atti di bullismo e
minacce (25%) e mancati riconoscimenti (17%). Il 9%
riporta di aver subìto aggressioni fisiche. Principali
responsabili sono i compagni di scuola (secondo il 90%),
ma in alcuni casi anche gli insegnanti (citati dal 15% del
campione). Gli stessi docenti - secondo l’85% degli
intervistati - pur essendo consapevoli delle
discriminazioni di carattere sessuale compiute dai propri
studenti, non hanno assunto iniziative a difesa degli
alunni discriminati. Dati non dissimili risultano purtroppo
anche da studi condotti in altre realtà, talvolta percepite
come più avanzate rispetto a quella italiana, come
dimostra il recente “The School Report” (2012), condotto
da Stonewall nelle scuole della Gran Bretagna.

Bullismo omofobico: come
riconoscerlo e intervenire
Obiettivo
Il bullismo omofobico è molto diffuso.
Trasmettere conoscenze basilari agli insegnanti su come
riconoscerlo e combatterlo efficacemente permette di
contrastare il fenomeno e avere una scuola più giusta
e inclusiva.
Materiale
Scheda e libro “Parlare di omosessualità a scuola”.
Metodo
Lettura ed eventuale riflessione con i colleghi.
Tempo 1 ora

Cosa intendiamo per bullismo omofobico? Il bullismo
omofobico può presentarsi sotto diverse forme.
La più frequente è quella verbale: insultare qualcuno
chiamandolo “lesbica, frocio, checca, ricchione,
finocchio”; prendere in giro un ragazzo per atteggiamenti
ritenuti troppo effeminati o, al contrario, una ragazza per
modi considerati troppo mascolini; fare telefonate di
scherno o di insulti; minacciare il soggetto. Purtroppo è
diffusa anche una forma fisica di bullismo: aggressioni
fisiche di diversa entità (dagli spintoni fino a pugni e
calci); danni a oggetti personali dell’adolescente;
umiliazioni fisiche a sfondo sessuale che possono
sfociare anche in violenze sessuali di gruppo.
Questi tipi di bullismo sono, per la loro evidenza,
abbastanza semplici da individuare. Vi sono, però, anche
delle forme meno dirette, meno esplicite: escludere
qualcuno da un gruppo; isolarlo; farlo sentire a disagio;
diffondere pettegolezzi sull’orientamento sessuale del
soggetto, magari tramite scritte sui muri o sulla lavagna,
o tramite bigliettini passati in classe. Inoltre, oggi è
presente il fenomeno del cyber-bullismo: inviare foto o
sms inappropriati a qualcuno; fare fotomontaggi allusivi o
offensivi rispetto al soggetto; creare una pagina facebook
o un blog di scherno, a cui hanno accesso tutti gli studenti
della scuola. Il cyber-bullismo non è solo in ascesa, ma
colpisce gli adolescenti gay e lesbiche in maniera più che
doppia rispetto a quelli eterosessuali 2 .
Cosa caratterizza tutte queste azioni? Perché
costituiscono bullismo? Secondo Fedeli (2007), il bullismo
ha 3 caratteristiche principali:



È intenzionale, cioè è messo in atto deliberatamente dal
bullo, allo scopo di colpire, umiliare, intimidire il soggetto
prescelto;



È sistematico, cioè tende a ripetersi nei confronti dello
stesso soggetto da parte del bullo o branco, anche se con
diverse modalità (fisiche, verbali, cyber o indirette a
seconda dei momenti e dei contesti);
14

istituto a.t. beck | Le schede | 4. Bullismo omofobico: come riconoscerlo e intervenire



È relazionale, cioè è un atto sociale, compiuto davanti a
un pubblico composto da altri studenti, in cui il bullo
esprime la propria superiorità rispetto alla vittima.
A questa sorta di copione partecipano, in qualità di
spettatori o complici del bullo, altri studenti.

Bartkiewicz, 2010), mentre i bulli, perpetuando le loro
prepotenze, vanno incontro a comportamenti antisociali
che, fuori dalla scuola, possono condurli a percorsi di
delinquenza (Fedeli, 2007; Kim, Leventhal, 2008).

Il bullismo omofobico (che non si rivolge necessariamente
a studenti omosessuali, ma anche ad adolescenti
“diversi”, con atteggiamenti o abiti percepiti come non
perfettamente conformi al sesso biologico, o con familiari
apertamente omosessuali) ha inoltre un’altra
caratteristica fondamentale, che lo rende particolarmente
insidioso: fa leva sull’omofobia interiorizzata della
vittima.
Ciò vuol dire che spesso quest’ultima non ha il coraggio di
denunciare i suoi aggressori, non solo per paura di
ritorsioni (che è un elemento tipico del bullismo in
generale), ma anche per evitare di mettere ancora di più
al centro dell’attenzione pubblica la propria
omosessualità vera o presunta, la propria diversità.
Naturalmente questo aspetto può assumere varie
connotazioni: la vittima può addirittura in qualche modo
ritenere di meritarsi gli atti di bullismo, in quanto
“sbagliata”.
Questo aspetto ha il suo contraltare nell’omofobia che
circonda la vittima: il bullo e i suoi complici sono in
qualche modo convinti di essere nel giusto (ricordiamo
che negli Stati Uniti nelle manifestazioni di oltranzisti
religiosi si possono trovare spesso i cartelli “God Hates
Fags” (Dio odia i froci); www.godhatesfags.com è il sito
della chiesa battista di Westboro), si sentono forti
dell’appoggio di parte della società.
Purtroppo, in alcuni casi, non sono solo gli studenti a
spalleggiare o minimizzare questo tipo di bullismo, ma
anche il corpo docente.
Gli insegnanti, anche i più bravi e preparati, possono non
essere perfettamente consapevoli della propria omofobia
e rischiare, perciò, di minimizzare dei comportamenti
omofobici, definendoli “ragazzate”. Oppure possono
rendersi conto che sta avvenendo un atto di bullismo
omofobico, ma si sentono soli e impreparati rispetto alle
modalità di intervento.
È importante sottolineare che anche un “semplice”
insulto omofobico, come “lesbica, checca, frocio”,
se avviene davanti a un insegnante che non interviene,
può mettere in moto un pericoloso circolo vizioso: da un
lato, l’adolescente si sente ferito per l’insulto e
potenzialmente esposto a ulteriori atti di bullismo, ma
soprattutto sperimenta un senso di abbandono da parte
dell’istituzione che dovrebbe difenderlo; in sostanza resta
assolutamente solo e in balìa dei suoi bulli.
Dall’altro lato, il bullo e i suoi complici si sentiranno
ancora più legittimati nei loro comportamenti, che sono
rimasti impuniti. La vittima pertanto, oltre a essere più
soggetta a problemi quali depressione, ansia, isolamento
sociale, disturbi del sonno (Hillier, Turner, Mitchell, 2005;
Taylor, Peter, 2011), può potenzialmente allontanarsi
dall’istituzione scolastica, da cui è rimasta
profondamente delusa, in termini fisici o di impegno e
rendimento nello studio (Kosciw, Greytak, Diaz,

1. http://www.gay.it/channel/attualita/34684/Sondaggio-lavita-al-limite-dei-giovani-studenti-gay.html
2. 15% di eterosessuali, 33% di omosessuali e lesbiche. Kessel
Schneider, O’Donnell, Stueve, Coulter, 2012.

15

La cassetta per gli attrezzi
Linee guida per implementare
un programma di prevenzione e lotta
agli episodi di bullismo omofobico
Esempio di manifesto scolastico contro il bullismo
Questionario
Lettera ai genitori
FAQ

istituto a.t. beck | La cassetta degli attrezzi

Linee guida
per implementare
un programma
di prevenzione e lotta
agli episodi di bullismo
omofobico
Nella cassetta degli attrezzi sono presentate una serie
di linee guida e di strumenti per permettere alla scuola
di implementare efficacemente una politica di
prevenzione e lotta al bullismo.
I materiali presenti in questa sezione
sono scaricabili all’indirizzo:
http://www.istitutobeck.com/progetto-unar.html
password: UNAR

1.

Per prima cosa, la scuola dovrebbe fare una
dichiarazione in cui si impegna a combattere il bullismo.
Tale dichiarazione dovrebbe essere riportata sotto
forma di manifesto da affiggere nei corridoi.
Nella dichiarazione potrebbero essere riportati alcuni
comportamenti che costituiscono bullismo.
Inoltre deve essere chiaramente espresso che la scuola
vuole garantire a tutti il diritto a un'educazione sicura,
senza discriminazioni.
Questo passo è estremamente importante per dare
l'idea ai bulli che quel tipo di comportamento
non verrà tollerato e alle vittime che non sono sole
nella loro lotta.
Un esempio di manifesto è riportato di seguito.

5. Attraverso lezioni come quelle proposte nella sezione

successiva, i professori dovrebbero coinvolgere gli
studenti nella comprensione dei temi omofobici.
La conoscenza di queste tematiche può aiutare a
smontare molte dinamiche alla base del bullismo,
in primis l’omertà e/o la sottovalutazione da parte
degli studenti degli episodi di bullismo.
Se il bullo sente che il “pubblico” non è dalla sua parte
o se è apertamente osteggiato dalla maggioranza degli
studenti, è più probabile che abbandoni
progressivamente i suoi comportamenti; allo stesso
tempo, la comprensione di alcuni temi, grazie alle
discussioni e agli esercizi svolti in classe, può diminuire
la componente omofobica alla base dei suoi atti di
bullismo, permettendo l’instaurarsi di un clima di
supporto, condivisione, serenità e armonia.

6. Inoltre, la scuola può indicare una o più figure tra i

docenti a cui gli studenti possono riportare in maniera
confidenziale gli episodi di bullismo, in modo che le
vittime possano ricevere supporto e possano essere
avviate le politiche scolastiche nei confronti dei bulli.
Anche il personale non docente può essere coinvolto
nelle politiche scolastiche, attraverso una sorveglianza
più attenta negli spazi comuni e una pronta rimozione
delle scritte offensive nei confronti di studenti.
E’ fondamentale anche che la scuola individui tra il
personale docente una figura che abbia familiarità con
internet e i social network al fine di contrastare i sempre
più diffusi episodi di cyber bullismo.

7.

2. In aggiunta, la scuola potrebbe proporre un semplice

Infine, la scuola potrebbe avvalersi dell’esperienza di
alcune organizzazioni esterne, invitando a parlare in
un’apposita riunione d’istituto rappresentanti volontari
di varie associazioni (gruppi contro la violenza o il
bullismo, gruppi in difesa dei minori, associazioni gay
e lesbiche).

questionario anonimo, per capire l’estensione del
fenomeno.

3. La scuola dovrebbe fornire ai professori un kit come

quello che state leggendo, in maniera da avere un corpo
docente preparato in materia di omofobia e bullismo
omofobico e pronto a intervenire.

4. Contemporaneamente, la scuola potrebbe inviare a tutti

i genitori degli alunni una lettera, in cui spiega cos’è il
bullismo, l’estensione del fenomeno nella scuola
(tramite i questionari somministrati), e cosa intende fare
per combatterlo. Nella lettera si potrebbe indicare una
riunione che la scuola potrebbe tenere per spiegare più
approfonditamente la questione. Nel corso dell’incontro,
uno o più professori potrebbero fare una breve lezione sul
bullismo omofobico, preparata in base al kit fornito.

17

istituto a.t. beck | La cassetta degli attrezzi

Esempio di manifesto
scolastico contro il bullismo
In basso si riporta una tabella con alcuni esempi di
comportamenti che costituiscono bullismo.
Bisogna che l’insegnante riveda la scheda sul bullismo
in modo da essere preparato in classe a spiegare
agli studenti l’argomento, evidenziando le diverse forme
che può assumere il bullismo.
È importante, inoltre, che l’insegnante sia molto chiaro
e deciso nello spiegare ai suoi studenti i seguenti punti:
• La scuola non tollera questo tipo di comportamenti.
• Il bullismo è sbagliato. Prendere in giro, minacciare,
picchiare qualcuno, farlo sentire escluso, perché è
grasso, perché è un “secchione”, perché è diverso da
noi, perché pensiamo che sia omosessuale, è sbagliato.
• Ognuno ha diritto di essere com’è, ognuno ha qualcosa
da insegnarci. Quanto più qualcuno è diverso da noi,
tanto più ha da insegnarci.
• Essere bulli non è “figo”, è stupido.
• È compito di tutti, docenti e studenti, non permettere a
poche persone di rovinare l’ambiente scolastico.

Categoria
di comportamenti

Preoccupanti

Molto preoccupanti

Aggressioni verbali

•Prendere in giro
•Dare nomignoli
•Insultare

•Fare telefonate intimidatorie
•Fare battute razziste, sessiste, omofobe
•Sfidare qualcuno a fare qualcosa
di pericoloso
•Minacciare
•Estorcere

Cyber-bullismo

•Creare una pagina Facebook su qualcuno
•Mandare sms o mms a qualcuno
•Far circolare sms o mms su qualcuno

•Creare una pagina Facebook a sfondo
razzista, sessista, omofobico
•Mandare sms di minaccia a qualcuno
•Incitare all’odio via Facebook
o via sms/mms
•Far circolare immagini di qualcuno
in situazioni imbarazzanti o intime

Alienazione sociale

•Fare pettegolezzi su qualcuno
•Imbarazzare qualcuno
•Escludere qualcuno dal gruppo
•Far circolare voci su qualcuno

•Incitare all’odio
•Alienazione a sfondo razzista, sessista,
omofobico
•Umiliazione pubblica

Aggressioni fisiche

•Spingere
•Buttare a terra
•Sputare
•Dare un calcio
•Colpire

•Minacciare con un’arma
•Danneggiare oggetti della vittima
•Rubare

18

IN QUESTA SCUOLA
NON SI PRATICA IL BULLISMO
SI PRATICA IL RISPETTO
La nostra scuola è impegnata nel garantire a tutti gli studenti
il diritto a un’esperienza di apprendimento serena e sicura.
Facciamo della nostra scuola un posto sicuro per tutti.

IL BULLISMO
HA MOLTE
FORME

• Prendere in giro, minacciare, picchiare qualcuno,
farlo sentire escluso, perchè è diverso da noi,
perchè pensiamo sia omosessuale, è sbagliato.
• Essere bulli non è figo, è stupido.
EDUCARE ALLA DIVERSITÀ A SCUOLA - www.istitutobeck.com

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI
Dipartimento per le Pari Opportunità

istituto a.t. beck | La cassetta degli attrezzi

Sei un bambino o una bambina?
Bambino
Bambina

Questionario
Per favore non mettere il tuo nome su questo
questionario.
Vogliamo rendere la nostra scuola un posto
sicuro per tutti. Pertanto, stiamo cominciando
un programma di prevenzione contro il bullismo.
Il seguente questionario ci aiuterà a capire meglio
il fenomeno del bullismo nella nostra scuola.
Per ogni domanda ci sono diverse risposte.
Per favore fai una crocetta sulla risposta
più vicina alla tua esperienza.

In che classe sei?
Prima elementare
Seconda elementare
Terza elementare
Quarta elementare
Quinta elementare

1.
2.

3.

4.

5.

6.

7.

Sei stato vittima di bullismo quest’anno?
No
Diverse volte
Di continuo
In che modo sei stato vittima di bullismo
a scuola quest’anno? Puoi indicare più risposte,
se necessario.
Preso in giro
Preso a calci
Preso a pugni
Insultato
Escluso dai giochi
Mai stato vittima di bullismo
Cosa fai di solito quando sei vittima di bullismo
a scuola?
Lo dico a un insegnante
Vado a giocare da un’altra parte
Lo dico a un amico
Dico al bullo di smetterla
Colpisco a mia volta
Li ignoro
Mai stato vittima
A chi lo dici di solito?
All’insegnante
Alla direttrice
Ai miei genitori
Mai stato vittima
Cosa fanno gli adulti per aiutarti?
Niente
Parlano al bullo
Mi aiutano a trovare un modo per fermarlo
Mi dicono di affrontarlo da solo
Mai stato vittima
I tuoi compagni di classe hanno cercato di aiutarti
quando sei stato vittima di bullismo?
Mai
Ogni tanto
Quasi sempre
Mai stato vittima
In quali aree della scuola sei stato vittima di bullismo più
spesso? Puoi indicare più risposte, se necessario.
Campo da gioco
Corridoi
Bagni
Biblioteca
Palestra
Classe
Mai stato vittima
20

istituto a.t. beck | La cassetta degli attrezzi

Lettera ai genitori
Gentili genitori,
Vi inviamo questa lettera perché vogliamo rendervi partecipi di un problema molto
serio che la nostra scuola sta affrontando: il bullismo.
Cos’è il bullismo? È un atto, intenzionale e sistematico, che uno o più studenti
aggressori compiono nei confronti di uno o più studenti vittime, molto spesso
davanti ad altri spettatori.
Ma di che tipo di atti stiamo parlando? Quali sono questi comportamenti che gli
aggressori compiono? Si va da insulti verbali, telefonate fastidiose o minacciose, a
offese o pagine di scherno su internet, a comportamenti di esclusione dal gruppo o
diffusione di pettegolezzi, fino a vere e proprie aggressioni fisiche.
Forse voi pensate che una scuola come la nostra ne sia immune. Invece da un
recente questionario sottoposto agli studenti è emerso che:
____________________________________________________________________
____________________________________________________________________
Indicare i dati emersi dal questionario (percentuali degli studenti vittime di bullismo
e comportamenti più frequenti)

Magari vi sembra che queste siano solo ragazzate, e che ci sono sempre state.
Che ci siano sempre state è vero, anche se oggi la diffusione dei social network ha
accelerato e ingigantito alcuni di questi processi. Che siano delle ragazzate,
purtroppo è falso. Anche un “semplice” insulto omofobico, come “lesbica, checca,
frocio”, soprattutto se avviene nel contesto scolastico, può mettere in moto un
pericoloso circolo vizioso: da un lato, l’adolescente si sente ferito per l’insulto e
potenzialmente esposto a ulteriori atti di bullismo, ma soprattutto sperimenta un
senso di abbandono da parte dell’istituzione che dovrebbe difenderlo, in sostanza
resta assolutamente solo e in balìa dei suoi bulli; dall’altro lato, il bullo e i suoi
complici si sentiranno ancora più legittimati nei loro comportamenti, rimasti
impuniti.
La vittima, pertanto, oltre a essere più soggetta a problemi quali depressione,
ansia, isolamento sociale, disturbi del sonno, può potenzialmente allontanarsi
dall’istituzione scolastica, da cui è rimasta profondamente delusa, in termini fisici
o di impegno e rendimento nello studio, mentre i bulli, perpetuando le loro
prepotenze, vanno incontro a comportamenti antisociali che fuori dalla scuola
possono condurli a percorsi di delinquenza.
La nostra scuola si sta pertanto impegnando con forza per combattere questo
fenomeno e garantire a ogni studente il diritto a una scuola sicura e a
un’esperienza scolastica serena.
I nostri professori stanno studiando i diversi aspetti del bullismo con una cartella
informativa predisposta dall’Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali e presto
cominceranno a tenere in classe delle lezioni su questi temi.
Ci piacerebbe coinvolgere anche voi in questo processo, illustrandovi in maniera
più articolata i punti delineati in questa lettera.
Vi invitiamo pertanto alla riunione per genitori e insegnanti che si terrà il
giorno________ alle ore________, presso
__________________________________________
Cordiali saluti

21

istituto a.t. beck | La cassetta degli attrezzi

FAQ
Esempi di domande e risposte per la discussione in classe.
In tutti i casi bisognerebbe far seguire alla risposta che
viene data una discussione tra gli studenti.
Si può cominciare chiedendo alla persona che ha fatto la
domanda il motivo per cui l’ha posta, cercando di
evidenziarne gli eventuali pregiudizi alla base.
Una volta esplicitata la linea di pensiero dello studente,
si può chiedere agli altri se sono d’accordo con quel
ragionamento o se alcuni aspetti della risposta data
dall’insegnante non sono condivisi o non sono chiari e
vanno ulteriormente sviscerati.

Perché alcuni individui sono attratti da persone dello
stesso sesso?
Per la stessa ragione per cui altri individui sono attratti da
persone del sesso opposto. Questa attrazione, emotiva,
romantica e/o sessuale, viene chiamata “orientamento
sessuale”. Non è noto cosa determini l’orientamento
sessuale, sebbene la ricerca negli ultimi decenni abbia
cercato delle spiegazioni sociali, genetiche, ormonali,
culturali. Quello che la maggior parte degli scienziati
condivide in merito è che non si tratta di una scelta,
né di una malattia e non è modificabile in alcun modo.
In genere l’orientamento sessuale, sia etero che
omosessuale, emerge tra la media infanzia e la prima
adolescenza. Quindi potremmo ribaltare la domanda
chiedendoci: “perché alcuni individui sono attratti da
persone del sesso opposto?”.
Come si diventa gay o lesbiche?
Non si diventa gay o lesbiche, allo stesso modo in cui non
si diventa eterosessuali. L’identità sessuale è formata da
diverse componenti. Una parte fondamentale di questa
identità è costituita dall’orientamento sessuale, cioè
dall’attrazione emotiva, romantica e/o sessuale, verso gli
individui del proprio sesso o di quello opposto.
Nel caso in cui si sia attratti da individui del proprio sesso,
si può poi accettare tale orientamento e assumere una
identità sessuale gay o lesbica o negare tale
orientamento (per pregiudizi di ordine morale, sociale,
religioso) e non assumere un’identità omosessuale,
pur avendo desideri affettivi e sessuali di natura
omosessuale. Quindi potremmo ribaltare la domanda
chiedendoci: “come si diventa eterosessuali?”.
L’omosessualità è una scelta?
Non è una scelta, come non è una scelta l’eterosessualità.
Qualcuno di voi ricorda di aver scelto a un certo punto di
essere eterosessuale o omosessuale? Quello che le
persone omosessuali possono scegliere è se accettare il
proprio orientamento omosessuale e, quindi, sviluppare
un’identità omosessuale serena e assertiva, in cui tutti i
diversi aspetti della propria personalità possano
convivere in maniera armonica e integrata, o rifiutarlo per
pregiudizi di ordine morale, sociale, religioso.
Quindi potremmo ribaltare la domanda chiedendoci:
“l’eterosessualità è una scelta?”.
C’è una cura per l’omosessualità?
Chiariamo subito che non ci può essere una cura per
l’omosessualità, perché l’omosessualità non è una
malattia. Chiunque dica il contrario diffonde un
pregiudizio privo di valore scientifico. La verità dal punto
di vista scientifico è che l’omosessualità è considerata
una “variante non patologica del comportamento
sessuale”, sia secondo l’Associazione Psichiatrica
Americana, sia secondo l’Organizzazione Mondiale della
Sanità. Vi sono delle terapie riparative, ad opera di centri
di ispirazione religiosa, che cercano di “convertire” gli
omosessuali. La ricerca scientifica mostra che è possibile,
per una persona fortemente motivata, sopprimere i propri
comportamenti sessuali per un periodo, ma, siccome
l’orientamento sessuale è un costrutto multidimensionale, non è possibile cambiare le emozioni e i
22

istituto a.t. beck | La cassetta degli attrezzi | FAQ

desideri di base. Tali terapie riparative fanno leva
sull’omofobia interiorizzata dei singoli individui gay e
lesbiche e rischiano di provocare gravi danni alla loro
salute mentale, impedendo lo sviluppo di una sana
identità sessuale. Quindi potremmo chiederci:
“perché dovrebbe esserci una cura?”.
I rapporti sessuali omosessuali sono naturali?
Sì. Il sesso tra le persone dello stesso sesso è presente in
tutta la storia dell’umanità, sin dall’antica Grecia. Inoltre,
molti eterosessuali possono avere sporadiche fantasie
omosessuali, così come molti omosessuali possono avere
sporadiche fantasie eterosessuali.
Un pregiudizio diffuso nei paesi di natura fortemente
religiosa è che il sesso vada fatto solo per avere bambini.
Di conseguenza tutte le altre forme di sesso, non
finalizzate alla procreazione, sono da ritenersi sbagliate.
Un altro pregiudizio è che con l’omosessualità si
estinguerebbe la società.
In realtà, come afferma l’Organizzazione Mondiale della
Sanità, la sessualità è un’espressione fondamentale
dell’essere umano. L’unica cosa che conta è il rispetto
reciproco dei partner coinvolti nel rapporto.
Quindi potremmo ribaltare la domanda chiedendoci:
“i rapporti sessuali eterosessuali sono naturali?”.
Ci sono tanti gay e lesbiche perché è di moda?
No. La moda è un’invenzione delle compagnie di
marketing che non c’entra con l’orientamento sessuale.
Sicuramente negli ultimi decenni la maggiore apertura
della civiltà verso i sentimenti omosessuali ha favorito
l’“uscita allo scoperto” di molti omosessuali che magari,
un secolo fa, sarebbero rimasti nascosti dietro la facciata
di un matrimonio di convenienza. Crescere come gay o
lesbica è ancora un percorso molto difficile e spesso
solitario, dal momento che gli eterosessuali sono più
numerosi. Quindi potremmo ribaltare la domanda
chiedendoci: “ci sono tanti eterosessuali perché è di
moda?”.
Come si capisce di essere gay o lesbica?
Guardando con sincerità ai propri sentimenti, a cosa si
sogna, a chi si trova attraente. Come si capisce di essere
eterosessuali? Lo si capisce perché si trovano attraenti le
persone dell’altro sesso, si desidera condividere del
tempo e delle esperienze, romantiche e sessuali, con
qualcuno del sesso opposto. Tuttavia, mentre per gli
adolescenti eterosessuali il percorso di scoperta della
propria sessualità è incoraggiato dalla società, e quindi è
in qualche modo più semplice, per gli adolescenti
omosessuali questo è più difficile.
Durante l’adolescenza si cominciano a provare con
maggiore intensità sensazioni di carattere sessuale.
Gli amici e i compagni di scuola possono fare pressioni
perché i ragazzi abbiano comportamenti da “macho” e
chiedano di uscire alle ragazze. Allo stesso modo queste
ultime possono essere spinte dalle proprie amiche a
essere “femminili” e a sedurre i ragazzi. Con tutte queste
pressioni, può essere pertanto molto difficile avere le idee
chiare sui propri sentimenti e a esprimerli con sincerità,
quando non sono conformi a quelli del gruppo.
Alcuni individui sono molto sicuri dei propri sentimenti

omosessuali già nell’adolescenza, mentre altri possono
metterci più tempo a capire il proprio orientamento o
semplicemente ad accettarlo ed esprimerlo.
Per alcuni può, infatti, essere difficile accettarsi e
dichiararsi come omosessuali, anche per molto tempo
dopo aver capito di esserlo, proprio a causa delle
pressioni a cui si sentono sottoposti da parte dei propri
amici.
Da cosa si riconoscono i gay e le lesbiche?
È impossibile riconoscere i gay e le lesbiche, se non per
una piccola parte di individui che presentano
caratteristiche e manierismi tipici dell’altro sesso.
Questo può verificarsi perché alcuni ritengono, avendo un
orientamento omosessuale, di dover assumere
caratteristiche del sesso opposto. Nella gran parte dei
casi, tuttavia, è impossibile distinguere l’orientamento
sessuale di qualcuno semplicemente guardandolo.
Da cosa si riconoscono gli eterosessuali? Certo non da
caratteristiche fisiche o comportamentali. Non tutti gli
uomini sono “macho”, né tutte le donne sono femminili e
seduttive. Questo è quello che chiamiamo uno stereotipo.
Alcuni uomini eterosessuali sono macho, altri no.
Allo stesso modo alcuni uomini gay sono macho e altri no.
E questo vale anche per le donne.
Che cos’è il coming out?
L’espressione coming out si riferisce alla rivelazione agli
altri da parte delle persone gay, lesbiche e bisessuali del
proprio orientamento sessuale. È un processo che
presenta diversi stadi, dalla rivelazione a uno o pochi
intimi, all’apertura totale rispetto al proprio
orientamento. Molte persone faticano a identificarsi come
omosessuali, prima di tutto con se stesse, per i pregiudizi
omofobici della società. E, una volta che questa autoidentificazione è avvenuta, molti tendono a non dirlo
all’esterno, o almeno a tenerlo riservato in certi ambiti,
per paura di venire danneggiati da questa rivelazione.
È il caso di adolescenti appartenenti a famiglie molto
rigide, che possono temere di venire controllati dai
genitori o essere puniti, ad esempio, o di individui che
lavorano in ambienti molto conservatori, che possono
aver paura di essere licenziati o di subire atti di mobbing.
Alcuni scelgono di non dirlo agli amici, per paura
dell’isolamento sociale.
Il coming out, tuttavia, costituisce un passo molto
importante nella vita delle persone omo e bisessuali.
L’accettazione e l’integrazione dell’identità omosessuale
all’interno della propria vita favorisce il benessere
personale e la salute mentale e fisica. Esattamente come
gli eterosessuali, anche gay, lesbiche e bisessuali
traggono beneficio dal condividere apertamente le
proprie vite e ricevere sostegno da parte di parenti, amici
e conoscenti.
Che cosa vuol dire LGBT (o GLBT)?
Con l’espressione LGBT si intende Lesbiche/Gay/
Bisessuali/Transessuali. LGBT è, quindi, un acronimo per
indicare gli individui omosessuali (gay e lesbiche),
bisessuali e transessuali, e le tematiche attinenti
(possiamo parlare di mondo LGBT, diritti LGBT, lotte del
movimento LGBT ecc.).
23

Le lezioni
1. Il nostro gruppo-classe
2. Le parole sono importanti
3. Dentro o fuori dal gruppo
4. Cosa crea una famiglia?
5. Ruoli familiari
6. Tanto per...
7. Come un maschiaccio
8. Che cos’è il bullismo
9. Rispondere al bullismo: l’assertività
10. Lezioni ulteriori

istituto a.t. beck | Le lezioni

Piano delle lezioni
Il piano di lezioni contenuto in questa sezione della
cartella mira a guidare gli insegnati a tenere delle lezioni
specifiche sul tema del bullismo, dell’omofobia, e della
risposta assertiva al bullismo.
Le lezioni sono ideate all’interno del programma di lotta al
bullismo implementato nella scuola (vedi capitolo “Linee
guida”), di cui costituiscono il punto 5.
Se la scuola non ha implementato il programma, potrebbe
essere necessario fare delle modifiche al piano di lezioni
presentato o comunque contestualizzarlo.
Prima di cominciare a introdurre il piano di lezioni,
l’insegnante potrebbe fare un piccolo lavoro su se stesso.
Attraverso un ricordo del suo passato di studente,
l’insegnante potrebbe prendere consapevolezza di come
agisce oggi con i suoi allievi e di cosa può fare per il loro
sano sviluppo.

Esercizio per insegnanti
Tratto da Dewitt, Lucas, 2012
Ripensate a un episodio di quando eravate a scuola, in cui
voi o un vostro compagno di classe siete stati presi in giro
per “non essere adeguati”. Riuscite a ricordare come vi
siete sentiti? Cosa avrebbe dovuto fare il vostro
insegnante per interrompere questo comportamento?
Come avrebbe potuto utilizzare l’episodio per renderlo un
momento di apprendimento per l’intera classe?
Ricordare il senso di ingiustizia subìto, il senso di
impotenza e di isolamento provato, può essere molto
utile per mettersi nei panni degli studenti che oggi sono
vittime di bullismo e per provare sulla propria pelle il
senso di urgenza che la lotta al bullismo riveste.
Chiedersi cosa avrebbe potuto fare il proprio insegnante
aiuta a capire quanto l’istituzione scolastica possa essere
di supporto per gli adolescenti e come la non-azione da
parte della scuola contribuisca in maniera determinante
al senso di isolamento e abbandono provato dalla vittima.
È con questo senso di importanza che gli insegnanti
devono approcciare l’argomento bullismo e le lezioni che
vengono proposte nelle schede seguenti.

25

1.
istituto a.t. beck | Le lezioni

Il nostro gruppo-classe
Tratto da Dewitt, Lucas, 2012

Obiettivo
Questo esercizio ha lo scopo di aiutare gli allievi a
sviluppare una comprensione delle caratteristiche
personali dei propri compagni di classe e a promuovere
una maggiore relazione tra gli studenti.
Attraverso l’attività di gioco, i bambini impareranno a
capire in cosa sono simili e in cosa sono diversi dai
compagni di classe e inizieranno a sviluppare un primo
apprezzamento della diversità che li circonda.
Inoltre, questa attività introduce il concetto di
gruppo-classe e la necessità che i membri hanno di
sostenersi e lavorare insieme.
L’attività aiuterà gli studenti a rispondere alle seguenti
domande:
• Cosa rende ognuno di noi unico e diverso dall’altro?
• In che modo la diversità rende la classe un posto più
ricco?
• Che cos’è un gruppo-classe?
• Quale responsabilità ha ciascuno di noi per rendere la
nostra classe un luogo felice e produttivo?
Materiali occorrenti
Un elenco di dichiarazioni uguali e diversi (un esempio
viene riportato di seguito), cartelloni, pennarelli colorati,
pastelli, matite.
Tempo 2 incontri di 1 ora

PARTE PRIMA
Tutto su di me... Tutto su di te
1. L’insegnante introduce la prima parte dell’esercizio
informando gli studenti che faranno un gioco per
imparare alcune cose dei loro compagni di classe.
Spiega che questa attività potrà aiutarli a notare delle
caratteristiche che hanno in comune con gli altri e capire
quello che è diverso solo per loro.
2. L’insegnante dispone le sedie in classe in modo che
formino un grande cerchio, lasciando però lo spazio
sufficiente per permettere agli studenti di spostarsi in
avanti, come previsto dall’esercizio.
Legge delle “dichiarazioni” ad alta voce. Se quello che
leggerà è una caratteristica che posseggono, allora si
spostano in avanti nel cerchio, altrimenti devono restare
dove sono (se lo spazio è limitato, una procedura
alternativa potrebbe essere quella di far rimanere gli
studenti ai loro posti e alzare le mani o mettersi in piedi
quando la dichiarazione letta li rispecchia).
Scrive ciascuna dichiarazione alla lavagna e riporta il
numero di studenti per cui è vera.
3. Conduce l’attività utilizzando l’elenco delle
dichiarazioni uguali e diversi.
L’insegnante potrà decidere di aggiungere o eliminare
alcune delle dichiarazioni che abbiamo fornito,
modellandole sulle caratteristiche dei propri studenti.
4. Dopo aver letto le dichiarazioni, chiede agli studenti di
ritornare al loro posto, se opportuno.
A questo punto può iniziare una discussione chiedendo di
rispondere alle seguenti domande:
Quali sono state le cose che avete capito di avere in
comune con gli altri studenti?
Qual è stata la cosa più divertente o emozionante che
avete imparato di alcuni dei vostri compagni di classe?
5. Spiega che, per poter continuare a capire qualcosa
dell’altro, dovranno creare un cartellone colorato
Tutto su di me! da condividere successivamente con gli
altri, evidenziando ciò che rende unico ciascuno di loro
(se il tempo a disposizione in classe non è sufficiente, è
possibile chiedere agli allievi di farlo a casa per poi
continuare l’attività in classe nei giorni successivi).
L’insegnante fornisce, allora, agli studenti un cartellone e
gli articoli per disegnare. Chiede loro di scrivere il proprio
nome nella parte superiore del cartellone, e di usare le
parole e/o disegnare le immagini che mostrano alcune
delle cose più importanti di se stessi. Queste possono
includere: un membro della famiglia, lo sport che
preferiscono, un hobby, un piatto preferito, uno show
televisivo, un libro, un animale domestico ecc.
(L’attività può essere completata anche con delle
immagini ritagliate da riviste per creare una sorta di
collage).

26

istituto a.t. beck | Le lezioni | 1. Il nostro gruppo-classe

6. Una volta che i manifesti sono stati completati,
l’insegnante forma delle coppie di studenti che si
spiegano reciprocamente il proprio cartellone.
Dopo averlo condiviso tra loro, chiede a ciascun membro
della coppia di esporre all’intera classe il manifesto
dell’altro, dichiarando di aver imparato almeno una cosa
del proprio partner che prima non conosceva.
7. L’insegnante stimola una discussione sul fatto che
l’essere diversi può arricchire, far conoscere nuove cose
ed essere anche divertente. Può porre delle domande
simili a seconda di quanto emerge dai cartelloni:
“Cosa avete imparato di nuovo oggi?”, “Sapevate che
esisteva questo sport?”, “Conoscevate questo telefilm?”.

PARTE SECONDA
Tutto su di noi!
1. Una volta che i cartelloni Tutto su di me! sono stati
presentati e affissi alle pareti dell’aula, l’insegnante
sottolinea come questa attività abbia insegnato a
ciascuno di loro diverse cose sui propri compagni di
classe, ad esempio sui membri della famiglia, sullo sport
o l’hobby che preferiscono, sulle lingue che parlano ecc.
Spiega come in queste cose saranno uguali ad alcuni per
certi aspetti, e diversi per altri, utilizzando esempi
specifici della classe. Potrà sottolineare una caratteristica
comune all’intera classe o che comunque è presente nella
maggior parte degli studenti e chiedere loro di pensare a
quello che potrebbero provare se fossero gli unici a non
avere quella caratteristica. L’insegnante chiede, infine, di
condividere le risposte e spiega che questo è ciò che
rende la classe divertente ed emozionante: ciascuno di
loro porta idee e interessi diversi.
2. L’insegnante inizia, allora, una discussione su “com’è il
gruppo classe”. Invita gli studenti a pensare e esprimere
idee su cosa significhi la parola “gruppo”. Fa notare che
un gruppo di solito è composto da persone che vivono
nello stesso luogo e che spesso condividono esperienze e
interessi. Spiega che, quando sono a scuola, passano
tanto tempo con i loro compagni e che, come hanno
potuto imparare, hanno diverse cose in comune.
3. Su un grande foglio di carta, l’insegnante scrive:
“Il nostro gruppo-classe”, e sulla riga successiva:
“Noi faremo”.
Spiega che tutti i gruppi hanno bisogno di avere delle
regole e delle aspettative su come agire e comportarsi
con gli altri. Chiede agli studenti se hanno delle regole a
casa su cose che devono fare o sul modo in cui devono
comportarsi con i loro familiari e permette la condivisione
di qualche esempio. Spiega, quindi, che la loro classe è
molto simile e che la formazione di alcune regole per la
loro comunità li aiuterà a imparare, a giocare e ad andare
d’accordo tra loro.

4. L’insegnante invita, allora, gli studenti a condividere le
dichiarazioni “Noi faremo” che serviranno a creare le
norme e le aspettative del gruppo classe.
Può fornire qualche esempio del tipo:
• Noi useremo delle parole gentili
• Noi ascolteremo quando gli altri parlano
• Noi ci aiuteremo nelle attività in classe
• Noi non ci faremo dei dispetti
• Noi non ci insulteremo
Questo può essere un buon momento per insegnare che a
scuola ci si impegna contro il bullismo, per aiutare gli
studenti a sviluppare un senso di responsabilità
collettiva.
5. Una volta che le aspettative e le norme de “Il nostro
gruppo classe” sono state completate, il bambino può
condividere queste regole con la famiglia, in modo che i
genitori possano comprendere gli obiettivi che ci si è
posti a scuola.
6. Per concludere l’attività, l’insegnante chiede agli
studenti di immaginare che a metà anno arrivi in classe un
nuovo studente.
Formula le seguenti domande:
• Come lo accogliamo?
• Come gli spieghiamo il nostro gruppo?
Può far fare un gioco di ruolo in cui uno studente prende
le parti del “nuovo arrivato” e l’altro lo accoglie nel
gruppo classe.
Esempio di elenco di dichiarazioni Uguali e Diversi
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•

Mi piacciono le mele
Ho un cane
A casa, la mia famiglia parla una lingua straniera
Ho più di un fratello
Mi piace leggere
Mi piace giocare a calcio
Non mi piace la pizza
Non sono nato in Italia
Il mio colore preferito è il rosa
Mia nonna o mio nonno vive con me
Io amo gli spinaci
Sono stato su un aereo
Mi piace disegnare

È possibile creare delle dichiarazioni “Uguali e Diversi”
in base alle caratteristiche del gruppo classe.

27

2.
istituto a.t. beck | Le lezioni

Le parole sono importanti
Tratto da Dewitt, Lucas, 2012
Obiettivo
Utilizzando i nomi e i nomignoli degli studenti, questa
attività invita a esplorare il potere delle parole e insegna
come alcune espressioni possano far sentire accolti o
rifiutati.
Gli studenti potranno:
• Imparare cosa significa un nomignolo per loro e quale
preferiscono
• Identificare le sensazioni che derivano dall’utilizzo di
una parola positiva o negativa
• Comprendere l’importanza di utilizzare soprannomi
carini e gentili
L’attività aiuterà gli studenti a rispondere alle seguenti
domande:
• Come mai le parole che usiamo possono aiutare gli altri
a sentirsi bene o male?
• Quali responsabilità ha ognuno di noi sulla scelta delle
parole che utilizziamo per parlare di altre persone?
• Come possiamo rispondere a delle parole offensive o
porre dei limiti quando le sentiamo?
Materiali occorrenti
cartelloni, pennarelli, gesso per creare un grafico.
Tempo 1 ora
Per questo esercizio, un buon passo preparatorio può
essere inviare ai genitori una nota in cui si chiede di
spiegare al bambino l’origine del suo nome e perché è
stato scelto.
PARTE PRIMA
Il tuo nome
1. L’insegnante chiede alla classe di pensare alle
domande di seguito riportate:
• Sapete perché i vostri genitori hanno scelto proprio
questo nome?
• Cosa vi piace in particolare del vostro nome?
• Avete qualche soprannome con cui vi piace essere
chiamati?
2. Una volta che i bambini hanno avuto un momento per
pensare alle domande, l’insegnante li invita a dividersi in

coppie per dare le loro risposte. Se il tempo lo permette,
consente a ciascun bambino di condividere almeno una
risposta con il gruppo classe. Conduce, allora, una
discussione seguendo queste domande:
• Che cosa avete imparato dei vostri compagni di classe
che prima non sapevate?
• Quali sono le somiglianze o le differenze nelle risposte
che avete dato?
Fa notare agli studenti che, anche quando non
conosciamo la storia esatta del nostro nome, spesso
sappiamo almeno come e perché è stato scelto.
Suggerisce agli studenti che i nomi sono molto importanti
per le persone perché spesso è una delle prime cose che
la gente conosce di noi, ed è qualcosa che resta con noi
per tutta la vita.
3. L’insegnante chiede, ora, agli studenti di pensare alle
domande:
• Se tutti hanno un nome, perché a volte chiamiamo gli
altri con nomi diversi?
• Riuscite a ricordare un episodio in cui qualcuno vi ha
chiamato con il nome sbagliato o con un soprannome
che non vi piace?
• Come vi siete sentiti e cosa avete fatto?
PARTE SECONDA
Soprannome sì o soprannome no
1. Dopo che gli studenti hanno avuto la possibilità di
pensare e di rispondere alle domande poste
precedentemente, l’insegnante crea un grafico sulla
lavagna o su un foglio di carta scrivendo “Soprannome sì”
e “Soprannome no”. Spiega ai bambini che nella colonna
“Soprannome sì” metterà tutte quelle parole o nomi con
cui loro o qualcuno che conoscono vogliono essere
chiamati perché li fanno sentire bene. “Soprannome no”
sono, invece, tutte quelle parole o nomi con cui loro o
qualcuno che conoscono non vorrebbero essere chiamati
(tipo i nomignoli con cui spesso sono presi in giro),
perché li fanno star male o arrabbiare.
2. Lascia, allora, che gli studenti completino l’elenco
facendo indicare loro tutti i “Soprannomi sì” e i
“Soprannomi no” che conoscono o hanno sentito dire da
qualcuno e chiede loro di provare a identificare le
emozioni e i comportamenti conseguenti.
3. Al termine della realizzazione del cartellone, rafforza il
concetto che, quando qualcuno ci chiama utilizzando un
soprannome che fa riferimento a qualcosa di gentile su di
noi o che ci piace, ci sentiamo bene. Mentre, quando sono
usate parole che non ci piacciono o che indicano qualcosa
di scortese nei nostri confronti, stiamo male.
Informa gli studenti che è importante la collaborazione in
classe per aiutare gli altri a sentirsi bene, perché rende
l’aula un luogo più felice per tutti, dove si può imparare e
giocare insieme.
4. L’insegnante chiede agli studenti di valutare quali
sensazioni positive permangono più a lungo dentro di
loro: quelle che provano quando insultano qualcuno
utilizzando un “soprannome no” o quelle che sentono
quando chiamano qualcuno con gentilezza utilizzando un
“soprannome sì”?
28

3.
istituto a.t. beck | Le lezioni

Dentro o fuori dal gruppo
Tratto da Dewitt, Lucas, 2012
Obiettivo
Questa attività aiuterà gli studenti a esplorare le emozioni
che derivano dal sentirsi isolati, fuori dal gruppo e i modi
in cui gli altri si possono far sentire esclusi o rifiutati.
Aiuta, inoltre, a considerare l’impatto di alcuni
comportamenti di esclusione e a intraprendere dei passi
per sviluppare un ambiente più accogliente.
Gli studenti potranno:
• Esaminare le emozioni che si provano a essere parte di
una maggioranza o di una minoranza
• Comprendere cosa si prova a essere presi in giro o
esclusi e l’impatto che questo può avere su chi lo
subisce e su quelli che escludono o prendono in giro
• Identificare i modi per sostenere l’accoglienza di tutti gli
studenti
L’attività aiuterà gli allievi a rispondere alle seguenti
domande:
• Che danno provochiamo agli altri quando li facciamo
sentire esclusi dal gruppo?
• In che modo arricchisce me e i miei compagni l’essere
accettante e accogliente nei confronti degli altri?
Materiali occorrenti
L’elenco delle dichiarazioni “dentro e fuori”.
Tempo 1 ora

1. L’insegnante sistema le sedie in modo che l’aula
permetta agli studenti di avere a disposizione tutta la
lunghezza della stanza. In alternativa, utilizza il corridoio.
Lascia disporre gli studenti come vogliono e spiega loro
che saranno fornite una serie di istruzioni che richiedono
di spostarsi in una parte diversa della stanza rispetto a
dove sono all’inizio dell’esercizio, a seconda che
l’affermazione letta sia vera o falsa per loro. Nel primo
caso, si sposteranno dall’altra parte della stanza,
altrimenti resteranno dove sono.
2. Sceglie alcune dichiarazioni dall’elenco “dentro o fuori”
oppure ne crea delle altre specifiche per quella classe in
base alle conoscenze che ha dei bambini.
Si dovrà assicurare che per tutti gli studenti siano vere
almeno un paio delle dichiarazioni “dentro”.
Mentre le legge, gli studenti saranno invitati a prendere il
loro posto in base alle istruzioni prima fornite.
Chiede loro di non parlare mentre si spostano da una
parte all’altra e, una volta sul posto, fa notare dove sono
rispetto agli altri e come si sentono in quel posto.
3. Una volta completata la lettura delle dichiarazioni, gli
studenti dovranno commentare la loro esperienza
rispondendo alle domande di seguito elencate:
• Come ti sei sentito quando eri con tanti compagni di
classe?
• Come ti sei sentito quando eri da solo o con pochi
compagni?
• Qualcuno si è sentito particolarmente felice o
orgoglioso quando era da solo o in un piccolo gruppo?
Se è stato così, perché pensi che ti sentivi in quel
modo?
• Descrivi come ti sei sentito quando hai visto che alcuni
dei tuoi amici più intimi erano all’altra estremità della
stanza.
• Cosa pensi che possiamo imparare da questo esercizio
riguardo l’andar d’accordo ed essere parte di una
comunità scolastica?
4. Utilizzando alcune delle risposte e dei sentimenti
condivisi dagli studenti, l’insegnante spiega che questa
attività è stata creata per aiutarli a capire come ci si può
sentire al di fuori del gruppo. Sottolinea che, se è vero che
è divertente essere parte di un gruppo di amici (o della
maggioranza) e avere esperienze condivise e cose in
comune, è anche importante notare che, a volte, il gruppo
potrebbe escludere altri bambini o che, anche facendovi
parte, è normale trovare differenze tra i membri.
5. Spiega, inoltre, che l’allontanamento dal gruppo di
amici in questo caso si basava su cose piuttosto semplici,
come il colore della maglietta o degli occhi, ma che
spesso possiamo far sentire gli altri esclusi per tanti altri
motivi: ad esempio, non scegliere qualcuno per giocare a
calcetto perché meno bravo, oppure non invitare un
compagno di classe a una festa perché considerato meno
simpatico.
Invita gli studenti a pensare se essere simili agli altri li fa
sentire migliori.

29

istituto a.t. beck | Le lezioni | 3. Dentro o fuori dal gruppo

6. L’insegnante chiede di pensare a delle parole o dei
commenti che possono aver detto o sentito dire agli altri
per escludere qualcuno dal gruppo, e cerca qualche
volontario che condivida l’esperienza senza fare nomi.
Chiede alla classe di pensare a come può essersi sentita
la persona esclusa.
7. Esorterà gli studenti a riflettere sul perché situazioni di
questo tipo sono da considerarsi problematiche, e li
inviterà a pensare all’eventuale danno che può subire la
persona esclusa e come può sentirsi: ferita, arrabbiata,
delusa, triste, sola, angosciata ecc.
8. L’insegnante conclude l’esercizio incoraggiando gli
studenti a sviluppare qualche strategia da utilizzare per
sostenere un compagno di classe che talvolta è escluso
dal gruppo o viene fatto sentire tale, e cosa possono fare
per evitare che ciò accada.
Elenco delle dichiarazioni “dentro e fuori”
1. Ho un cane
2. Ho indumenti di colore rosso
3. Scrivo con la mano sinistra
4. Ho gli occhi azzurri
5. Ho un fratello
6. Sono andato al cinema lo scorso fine settimana
7. Ho viaggiato fuori dall’Italia
8. Ho i capelli ricci
9. Sto indossando un maglione a righe
10. Ho la playstation
11. Mi piace portare cappelli
12. Uno dei membri della mia famiglia è disabile
13. Ho un solo genitore
14. Sono povero
L’insegnante può scrivere una lista di “dentro o fuori”
che rispecchi le caratteristiche dei componenti della
classe.

30

4.
istituto a.t. beck | Le lezioni

Cosa crea una famiglia?
Tratto da Dewitt, Lucas, 2012
Obiettivo
Questa attività aiuta gli studenti a comprendere più a
fondo la definizione di famiglia e a capire che vi è una
diversa varietà di strutture familiari.
Gli studenti potranno anche comprendere ciò che rende
la famiglia speciale per loro e l’importanza di questa
nella vita quotidiana.
L’attività aiuterà gli studenti a rispondere alle seguenti
domande:
• Come si fa a stabilire cosa rende una famiglia tale?
• In che modo le famiglie sono uniche?
• Qual è l’importanza della famiglia per la mia vita?
Materiali occorrenti
Cartoncini colorati per tutti gli studenti, pennarelli
colorati, pastelli, penne, riviste, colla stick, immagini
casuali di persone ritagliate da riviste.
Tempo 1 o 2 incontri da 1 ora
1. L’insegnante inizia l’attività spiegando agli studenti che
sarà affrontato il tema della famiglia e ciò che, per loro, la
rende importante e speciale.
2. Su un pezzo di carta o su un tabellone, scrive in un
cerchio, al centro, la parola “Famiglia” e poi chiede agli
studenti di iniziare a condividere le risposte alla
domanda: “Che cos’è una famiglia?”.
Incoraggia i bambini a identificare non solo i membri della
famiglia, ma anche quello che fanno insieme, cosa hanno
in comune e come si sentono a essere parte di essa.
Un punto importante da sottolineare è che le famiglie, a
prescindere dalla loro specifica composizione, mostrano
sentimenti o espressioni di cura, amore, responsabilità e
sostegno l’uno per l’altro. Suggerisce che per alcuni
bambini queste azioni di cura e responsabilità potrebbero
non essere date dai propri genitori, ma da altri adulti
presenti nella loro vita (nonni, zii, tutori). Questi si
prendono cura di loro in modi diversi e, quindi, possono
essere intesi come famiglia.

3. Spiega che le famiglie, proprio come le singole
persone, sono tutte diverse e uniche. Questa parte
permetterà agli studenti di pensare alla definizione
ordinaria di famiglia e di prendere in considerazione il
fatto che le famiglie potrebbero avere un aspetto diverso
legato alle differenze tra gli individui.
L’insegnante ritaglia dalle riviste immagini casuali di
persone, avendo cura di includere varianti di razza o
etnia, colore, abilità, dimensione, comportamenti diversi
ecc. Utilizza un tabellone e incolla a caso le immagini di
famiglie differenti (ad esempio, l’immagine di una
famiglia multi-razziale: due persone bianche con un
bambino nero; le foto di un uomo vecchio, di una donna e
di un cane; di due donne; di due uomini ecc).
Chiede, allora, agli studenti se, secondo loro, le persone
nelle foto potrebbero essere una famiglia. Indaga le
risposte che danno. Alcuni potrebbero anche dire di no.
L’insegnante fa riferimento, dunque, alla definizione
comune di famiglia e ricorda agli studenti che non si tratta
di come appare, ma piuttosto di come i membri si
supportano tra loro, si amano e si accudiscono a vicenda.
4. Questa parte successiva della lezione darà agli studenti
l’opportunità di mostrare alla classe la propria famiglia e
cosa la rende speciale. Con l’utilizzo dei cartoncini
colorati, gli studenti creano un poster che rappresenta la
loro famiglia: possono usare parole, disegni, e immagini
prese da riviste. L’insegnante li incoraggia a pensare alla
loro famiglia, a quello che amano fare insieme, a dove
vivono ecc. Se il tempo lo permette, potrebbe anche
chiedere di portare le foto delle loro famiglie da
aggiungere al poster e di condividerle con la classe.
5. Una volta che i bambini hanno finito di preparare i
tabelloni, chiede: “La mia famiglia è speciale per me
perché...”. Annota la risposta sul fondo del poster o su un
altro pezzo di carta e aiuta i bambini a scrivere la risposta,
se necessario.
6. Una volta che i tabelloni sono stati completati, chiede a
ognuno di presentare e condividere il proprio poster con
gli altri membri della classe sottolineando perché per loro
la propria famiglia è speciale. Parafrasa cosa rende
speciale la famiglia di ciascun bambino.
7. L’insegnante conclude la lezione mostrando agli
studenti le immagini delle diverse famiglie presentate in
precedenza, e chiede loro di cercare di comprendere se le
famiglie raffigurate potrebbero anch’esse sentirsi speciali
per gli stessi motivi.

31

5.
istituto a.t. beck | Le lezioni

Ruoli familiari
Tratto da Dewitt, Lucas, 2012
Obiettivo
Questa attività incoraggia i bambini a esaminare la loro
struttura familiare, il ruolo e le responsabilità che i
membri della famiglia hanno all’interno.
Mettendo a confronto questi ruoli, gli studenti riusciranno
ad apprezzare i diversi modi in cui le famiglie funzionano
e lavorano insieme.
L’attività aiuterà gli studenti a rispondere alle seguenti
domande:
• Perché è importante per i membri della famiglia avere
delle responsabilità?
• Una famiglia è come una macchina? È come una
squadra? Ci sono altri modi di pensare a una famiglia?
• Quali sono alcuni dei diversi ruoli e responsabilità che
le persone hanno nelle loro famiglie? In che modo
questi ruoli possono essere simili o diversi da famiglia
a famiglia?
• Ci sono responsabilità che possono appartenere
solo ad alcuni membri della famiglia, come il padre
o la madre? Cosa succede quando non c’è una madre o
un padre o quando una famiglia ha solo una madre
o un padre? Cosa succede quando ci sono due
padri o due madri?
Materiali occorrenti
Cartoncini, carta, pastelli, matite colorate, pennarelli.
Tempo 1 ora

1. L’insegnante inizia spiegando agli studenti che in
questo incontro si chiederà loro di pensare ai ruoli e alle
responsabilità dei vari membri della loro famiglia e al
modo in cui essi collaborano. Dopo aver individuato
questi termini, stimola le loro idee su alcuni modi che le
famiglie hanno di collaborare per prendersi cura gli uni
degli altri e della loro casa.
2. Fornisce a ogni studente un foglio di carta con la frase:
“Modi in cui _____ aiuta la nostra famiglia”. Spiega alla
classe che vuole che pensino ai diversi membri della loro
famiglia e al modo in cui essi collaborano. Chiede, poi, di
mettere il nome di un altro membro della famiglia nello
spazio vuoto del titolo; questo potrebbe essere il nome di
un fratello, genitore, nonno ecc, ad esempio: “Modi in cui
mio nonno aiuta la nostra famiglia”. Chiede agli studenti
di utilizzare il foglio di carta per disegnare il contorno
della persona. Una volta che hanno completato il disegno,
li invita a disegnare o a utilizzare immagini o parole
all’interno della sagoma, per descrivere i diversi modi in
cui pensano che questa persona aiuti la famiglia. Fornisce
un esempio per la classe, preferibilmente utilizzando un
ruolo diverso da quello del genitore.
Ad esempio: “Mio nonno gioca con noi, ci legge dei
racconti, va in chiesa con noi, o ci accompagna dal
medico”; oppure: “Mia zia cucina per la famiglia, canta
con noi, ci accompagna a scuola, e ci racconta storie”.
3. Una volta che gli studenti hanno completato il loro
disegno, li invita a condividerlo, in coppia, con un altro
studente della classe e poi guida ciascuno studente a
esprimere a turno le informazioni presenti nella sua
immagine. Una volta completato, invita gli studenti a
condividere con tutta la classe una cosa che hanno
imparato sul familiare dell’altro bambino e ciò che questa
persona fa nella loro famiglia.
4. Come informazione comune, questo può essere scritto
sulla scheda o sul tabellone, enfatizzando che le diverse
persone nelle famiglie di ciascun bambino fanno cose
differenti per aiutare la famiglia e prendersi cura gli uni
degli altri.
5. L’insegnante chiude l’esercizio con le seguenti
idee/domande:
• Nominiamo alcuni dei membri della famiglia che
abbiamo ascoltato
• Quali sono alcuni dei modi che hanno per aiutare in
famiglia e per prendersi cura di voi e dei vostri
compagni di classe?
• Cosa abbiamo imparato sui nostri familiari che tutti
condividono o hanno in comune? (Che fanno un sacco
di cose per aiutare e prendersi cura l’uno dell’altro)
• Forse ogni mamma, papà, nonno ecc, fa esattamente
la stessa cosa in ogni famiglia? Quali sono stati i ruoli
differenti? Quali gli stessi? Cosa significa questo?
I membri della famiglia hanno sempre le stesse
responsabilità? Che cosa accadrebbe se le mamme non
potessero che fare certe cose e i papà potrebbero farne
solo delle altre? Che cosa fa una famiglia quando non
c’è una mamma o un papà? E quando ci sono due
mamme o due papà?
32

6.
istituto a.t. beck | Le lezioni

Tanto per...

Tratto da Dewitt, Lucas, 2012

Obiettivo
Questa attività aiuta gli studenti a sviluppare la
comprensione degli effetti negativi degli stereotipi di
genere e dei comportamenti correlati.
Gli studenti potranno:
• Esplorare il proprio concetto, e quello degli altri, di
ruolo di genere e di comportamento
• Considerare cosa si prova a limitare i propri interessi
personali e attività in base al genere di appartenenza
• Sviluppare la consapevolezza dei messaggi che vedono,
leggono e sentono sui ruoli di genere.
L’attività aiuterà gli studenti a rispondere alle seguenti
domande:
• È giusto dire a qualcuno o sentirsi dire che non si può
fare qualcosa perché si è un maschio o una femmina?
• Perché è importante per le ragazze e i ragazzi essere in
grado di imparare ed esplorare ogni tipo di attività e di
interessi?

1. L’insegnante inizia l’attività spiegando agli studenti che
ha bisogno del loro aiuto nella pianificazione e nella
scelta delle attività per la “giornata del divertimento”.
2. Divide la classe in quattro gruppi di grandezza simile,
selezionando i componenti in base, ad esempio, al mese
di nascita o alla stagione, ma comunque utilizzando un
criterio diverso dal sesso biologico. Dice loro che queste
saranno le squadre per la giornata del divertimento e
chiede a ciascun gruppo di sedere in una zona precisa
della stanza.
3. Dice agli studenti che ogni squadra deve scegliere un
nome, un colore per la maglietta da indossare, un’attività
o un gioco che vorrebbe fare quel giorno e con quale altra
squadra desidererebbe competere.
4. Indica il tempo a disposizione per lavorare insieme sul
compito prima di presentare il piano al gruppo. Quando
ogni gruppo lo ha fatto, sceglie un elemento per dire che
una determinata cosa è inaccettabile per quella squadra;
ad esempio:
“Solo la squadra _____ può indossare la maglietta
arancione”.
“Solo alla squadra _____ è permesso di giocare con la
palla, il vostro tipo di squadra non può farlo”.
“La tua squadra non può giocare con la squadra _____,
solo una squadra come _____ può farlo”.
“Questo non è un nome che potete usare, è per un tipo
diverso di squadra”.
5. Dopo che a tutte le squadre è stato detto che non
possono fare qualcosa o che quello che hanno scelto non
va bene, chiede agli studenti di pensare a cosa hanno
provato nel sentirselo dire e li invita a condividere con un
membro della squadra le emozioni per poi estenderle al
gruppo classe.

Tempo 1 ora
6. Chiede, infine, agli studenti: “Ti hanno mai detto che
non potevi giocare a qualcosa, o vestire in un determinato
modo, o giocare con alcuni amici o che il nome che volevi
non era giusto per te? Conosci qualcuno a cui è stato
detto questo?”.
7. Chiede ad alcuni volontari di condividere la loro
esperienza con il gruppo. Se non c’è nessuno, inizia con
l’affermare che ha sentito uno studente dire a un altro
qualcosa del tipo: “Non puoi farlo, questo i maschi non lo
fanno”, oppure: “Non è un colore per una ragazza”.
Chiede quindi “Ricordate come vi siete sentiti quando la
vostra squadra non poteva fare qualcosa? Mi chiedo come
qualcuno potrebbe sentirsi se gli venisse detto che non
può fare qualcosa perché è un ragazzo o una ragazza”.
Stimola la discussione.
8. L’insegnante può chiudere l’esercizio chiedendo agli
studenti quali strategie adottare per fare in modo che tutti
possano comportarsi e indossare quello che vogliono o
preferiscono.
“Cosa puoi dire a qualcuno che ti dice che non puoi fare
qualcosa solo perché sei un bambino o una bambina?”.
33

7.
istituto a.t. beck | Le lezioni

Come un maschiaccio
Adattato da Dewitt, Lucas, 2012
Obiettivo
Questa attività aiuta gli studenti a comprendere l’impatto
degli stereotipi di genere.
Gli studenti potranno:
• Esplorare le proprie idee, e quelle degli altri, sul
comportamento e sull’aspetto in relazione al sesso
biologico
• Capire il danno causato dagli insulti basati sugli
stereotipi relativi all’aspetto e agli interessi di genere
• Apprendere nuove modalità per rispondere agli insulti
basati sul genere e per sostenere l’identità e
l’espressione individuale
L’attività aiuterà gli studenti a rispondere alle seguenti
domande:
• Perché è importante per le ragazze e i ragazzi potersi
esprimere nel modo in cui vogliono riguardo ai vestiti,
allo sport, agli interessi, e a tutte le altre attività?
• Come possiamo rispondere agli insulti o alle parole
offensive che abbiamo sentito dire su ragazzi o ragazze
per il loro aspetto fisico o per le loro capacità?

1. Come introduzione a questa lezione l’insegnante
coinvolge gli studenti in una discussione sui colori e su
come questi si riferiscono ai ruoli di genere e alle
aspettative, utilizzando le seguenti domande:
a. Quando nascono i bambini, di che colore sono di solito
i primi abitini che indossano? Quali altri colori ci si
aspetta che i bambini maschi indossino?
b. Quando nascono le bambine, di che colore sono di
solito i primi abitini che indossano? Quali altri colori ci
si aspetta che le bambine indossino?
c. Ci sono altre cose, oltre ai colori, che pensi siano solo
per i maschietti o solo per le femminucce?
2. Legge loro la storia di Alex, una bambina di 9 anni, che
si comporta da “maschiaccio” e chiede loro se hanno mai
sentito la parola “maschiaccio” e cosa pensano significhi.
3. Dopo aver raccontato la storia, risponde a tutte le
domande che gli studenti possono fare e poi conduce una
discussione di gruppo guidata dalle seguenti domande:
a. Cosa hanno fatto i compagni di Alex pensando che si
comportasse come un bambino? In cosa pensavano si
comportasse come un maschietto?
b. Come si sente Alex quando viene presa in giro perché si
comporta “come un maschio”?
c. Vi è mai stato detto che non potevate indossare
qualcosa o fare qualcosa che volevate perché
maschietti o femminucce? Se sì, come vi ha fatto
sentire?
d. È davvero importante il colore dei vestiti che i ragazzi
indossano? Perché o perché no?
e. Se foste stati nella classe di Alex, che cosa avreste
potuto fare sentendo che veniva presa in giro?

Materiali occorrenti
Storia.
Tempo 1 ora

34

istituto a.t. beck | Le lezioni | 7. Come un maschiaccio

La storia
Alessandra (ma a lei piace farsi chiamare Alex) è una
ragazzina di nove anni a cui piace vestire con abiti larghi e
comodi: indossa sempre i jeans e le felpe del fratellino più
grande, ama le scarpe da ginnastica e porta sempre un
cappellino blu che le ha regalato suo papà.
La sua cameretta non è rosa, non ci sono bambole: ad
Alex piace molto la scienza, per cui ha sulle pareti poster
che rappresentano lo spazio e i pianeti.
A scuola, durante la ricreazione, si sente spesso sola.
Le altre bambine giocano con le Barbie o parlano dei
vestitini nuovi che la mamma ha comprato loro.
Alex le guarda da lontano.
Si sente isolata e resta in disparte. Guarda i suoi
compagni di classe giocare a pallone e vorrebbe tanto
potersi unire a loro.
Un giorno Alex trova il coraggio per chiedere di giocare.
Prende possesso della palla. È bravissima, corre veloce,
schiva gli avversari e riesce a fare goal facendo vincere i
suoi compagni che esultano felici. Anche lei è felice ed
entusiasta della sua performance e corre a raccontarlo
alle sue compagne di classe. Ma le ragazze non
approvano il comportamento di Alex e, anziché
complimentarsi con lei per la sua bravura, la deridono,
le dicono che è un “maschiaccio”, che le ragazze non
giocano a calcio, che questo è uno sport da maschi.
Le voltano le spalle e vanno via continuando a ridere tra
loro e a prenderla in giro. Alex si sente molto sola, triste,
angosciata, scoraggiata.
Nessuno vorrà più giocare con lei. Anche i suoi compagni
maschi adesso la prendono in giro: “Una ragazza non
gioca a calcio”.
Alex torna a casa e comincia a piangere nella sua stanza.
La madre allora le racconta una storia.
“Un giorno c’era una bambina a cui non piaceva fare le
cose ‘da bambina’: non le piacevano i vestiti o le bambole.
Le persone che non sanno che ognuno di noi è diverso
non riuscivano a capirla e continuavano a domandarle se
fosse una bambina o un bambino. Ma lei semplicemente
faceva le cose che le piacevano, senza chiedersi se
fossero da maschio o da femmina.
Non passava giorno tuttavia senza che qualcuno le
chiedesse qualcosa o le facesse una critica”.
“Mamma, ma è proprio quello che succede a me”
risponde Alex.
“Alex, tu non sarai mai una ragazza simile a tutte le altre e
non devi esserlo. Adesso ti sembra che le cosa siano
difficili, perché gli altri bambini non conoscono
nessun’altra ragazza come te. Ma la verità è che da
sempre ci sono donne a cui piace fare cose ‘da uomini’ e
uomini a cui piace fare cose ‘da donne’.”
“È vero, mamma, o lo stai dicendo solo per farmi sentire
meglio?”
“È vero, Alex. Ognuno deve fare le cose che gli piacciono e
per cui si sente portato. E tu puoi scegliere di fare tutto
quello che vuoi, senza preoccuparti se sia una cosa ‘da
donna’ o ‘da maschio’. Che te ne pare?”
Alex adesso non piange più. Abbraccia la madre:
“Grazie mamma. Mi sento molto meglio adesso”.

35

8.
istituto a.t. beck | Le lezioni

Che cos’è il bullismo
Tratto da Waterhouse et al., 1998

Obiettivo
Introdurre gli allievi al concetto di “bullismo”.
Insegnare la differenza tra le situazioni di bullismo e i
semplici piccoli “conflitti” tra compagni di classe che non
sono atti di bullismo veri e propri.
L’attività aiuterà gli studenti a rispondere alle seguenti
domande:
• Cos’è il bullismo?
• Come mi sentirei se fossi vittima di bullismo?
• Quali comportamenti costituiscono bullismo?
• Quali cose posso fare per andare d’accordo con gli altri
studenti?
Materiali occorrenti
Storia, lavagna e gesso.
Tempo 1 ora

1. L’insegnante inizia l’attività leggendo agli allievi una
storia che narra di due compagni di classe.
Lettura
Andrea è un bambino che frequenta la terza elementare,
Nicola invece frequenta la quarta. Durante la ricreazione
trascorrevano tanto tempo insieme giocando a calcio con
gli altri bambini. Un giorno Nicola ha calciato la palla
davvero forte colpendo Andrea e facendolo cadere a terra.
Andrea ha pianto tanto. Da quel giorno, Nicola ha iniziato
a prendersela con Andrea.
Ha cominciato a insultarlo, chiamandolo “piagnone” e
“femminuccia”. Ha iniziato a raccontare agli altri bambini
che i ragazzini come Andrea non sono abbastanza forti
per giocare a calcio. Qualche settimana fa, Nicola ha dato
una spinta ad Andrea davanti alla fontana del cortile e gli
ha poi spruzzato dell’acqua addosso. Ha detto che se
Andrea l’avesse detto a qualcuno l’avrebbe picchiato.
Ogni volta che vede Andrea, Nicola gli si butta addosso o
lo spinge. Quando un insegnante vede la scena, Nicola
dice che non lo ha fatto apposta. Andrea non dice nulla.
Un fine settimana erano entrambi a una festa di
compleanno, e Nicola ha lasciato Andrea fuori in giardino
mentre tutti gli altri bambini sono entrati a giocare.
Andrea è stato costretto a fare il giro della casa e a
bussare alla porta per poter entrare. Nicola ha detto a
tutti che era solo uno scherzo, ma quando Andrea è
tornato alla festa tutti gli altri bambini stavano ridendo di
lui.
2. L’insegnante utilizza delle semplici domande per
spiegare agli allievi cos’è il bullismo.
Come pensi si sia sentito Andrea?
Triste, spaventato, arrabbiato, ferito, imbarazzato
Questo tipo di comportamento potrebbe essere molto
imbarazzante. Quando qualcuno prende in giro un altro
bambino o fa delle cose offensive più e più volte
volontariamente, si dice che è un bullo o che fa del
bullismo. Quando qualcuno ti fa del bullismo, potresti
farti male oppure potrebbe ferire i tuoi sentimenti.
Potresti sentirti triste, arrabbiato, confuso, solo o
spaventato. Potresti pensare che non c’è nulla che tu
possa fare per farlo smettere.
Nicola ha infastidito Andrea solo una volta?
No, l’ha fatto diverse volte e in diversi modi
Nicola è stato cattivo con Andrea in diverse occasioni.
Questo è uno dei motivi per cui diciamo che ha avuto dei
comportamenti di bullismo nei confronti di Andrea.
Quando qualcuno ti insulta, ti colpisce, ti infastidisce di
continuo, non sta semplicemente scherzando, ma sta
facendo del bullismo.
L’insegnante scrive alla lavagna: “Il bullismo è un
comportamento offensivo che si ripete di continuo”.

36

istituto a.t. beck | Le lezioni | 8. Che cos’è il bullismo

Quali sono i diversi modi in cui Nicola ha infastidito
Andrea?
Dicendo che è un bambino o una femminuccia e che non è
abbastanza forte per giocare a calcio; ha spruzzato
Andrea con dell’acqua; l’ha colpito più volte
volontariamente; ha chiuso Andrea in giardino, l’ha reso
ridicolo davanti agli altri bambini.
I bambini che fanno bullismo potrebbero cercare di farti
fare cose che non vuoi fare. Potrebbero farti del male.
Oppure potrebbero offenderti utilizzando dei soprannomi
o prendendoti in giro in altri modi. Potrebbero prendersi
gioco di te davanti agli altri bambini. Non è colpa tua.
Sei vittima di bullismo. Spesso un bambino che fa del
bullismo è più grande di età oppure è più forte.
Potrebbe anche essere una persona che è
volontariamente offensiva oppure potrebbe essere un
gruppo.

3. L’insegnante conclude questa prima parte dell’attività
riepilogando quanto hanno analizzato e imparato dalla
storia: “Oggi abbiamo imparato a conoscere quali sono
alcuni dei comportamenti di bullismo. Leggiamo adesso
insieme il grafico alla lavagna”.
L’insegnante legge il grafico alla classe e riassume quanto
emerso dalla storia.
Ci sono tre modi diversi in cui si possono verificare i
comportamenti di bullismo. Questi possono essere fisici e
quindi provocare dolore al corpo tipo urtare, spingere,
spruzzare con l’acqua, picchiare qualcuno; ma anche
verbali, ad esempio ferire i sentimenti attraverso insulti e
prendere in giro; o ancora sociali come deridere o
escludere qualcuno.

L’insegnante scrive alla lavagna i comportamenti di
bullismo.

5. Per consolidare le informazioni e rafforzare la differenza
tra episodi di bullismo e semplici modi di scherzare tra
compagni, l’insegnante può leggere agli studenti una
serie di scene di bullismo e chiedere loro di alzarsi in piedi
quando pensano sia un comportamento da bullo.
a. Mario e Filippo disegnano spesso insieme durante la
ricreazione. Stamattina in classe Mario ha chiesto a
Filippo di non toccare i colori che sta utilizzando perché
vuole provare a fare un disegno tutto da solo.
È bullismo?
No, non succede tutti i giorni e Mario lo ha chiesto in
modo gentile.
b. Elisa sta chiamando Francesca utilizzando un
nomignolo che a lei non piace, proprio come ha fatto
ieri e il giorno prima ancora. È bullismo?
Sì, si ripete continuamente e a Francesca non piace il
termine che Elisa usa.
c. Giovanni, Giulia e Vittorio stanno litigando su chi deve
andare per primo alla lavagna. È bullismo?
No, è solo un litigio. Nessuno sta facendo del male o
insultando l’altro.
d. Flavia è una compagna di classe di Sara. Ha detto alle
altre ragazze di non giocare con lei e che non la inviterà
alla sua festa di compleanno. Ha spesso preso in giro
Sara. È bullismo?
Sì, è un comportamento offensivo, isola Sara e si ripete
spesso.
e. Antonio dice a Nicola che è troppo piccolo per andare al
centro immersioni. È bullismo?
No, ha solo detto a Nicola qual è la regola.
f. Ieri Giulio ha detto a Marco che è troppo piccolo, che
sembra un bambino. Oggi Giulio gli ha detto che in
classe nessuno vuole giocare con i bambini,
specialmente con Marco. È bullismo?
Sì, è un comportamento offensivo e accade quasi ogni
giorno.

Nicola ha poi iniziato ad offendere Andrea dicendo che è
un piagnucolone e una femminuccia quando piangeva
perché si era fatto male. Da quel momento ha iniziato ad
infastidire Andrea. Insulti e prese in giro sono
comportamenti di bullismo.
L’insegnante aggiunge alla lavagna: “Insulti e prese in
giro”.
Nicola ha iniziato a spingere Andrea e a spruzzarlo con
l’acqua. Ma ha anche fatto una cosa molto crudele: l’ha
messo in imbarazzo davanti agli altri bambini alla festa di
compleanno. Spingere e spruzzare l’acqua sono gesti
cattivi, così come far sembrare qualcuno sciocco e incitare
gli altri a ridere di lui. Questi sono tutti comportamenti di
bullismo.
L’insegnante aggiunge alla lavagna: “ferire, far sembrare
qualcuno sciocco”.
Perché Andrea non vuole raccontare agli adulti i
comportamenti di Nicola?
Nicola non vuole che gli adulti sappiano dei suoi
comportamenti nei confronti di Andrea e, dunque, lo
spaventa dicendogli che gli farà del male. Così Andrea
non racconta niente a nessuno.
I bambini che fanno del bullismo agli altri, non vogliono
che questi raccontino niente agli adulti per non finire nei
guai.
Andrea farebbe la spia se raccontasse ad un adulto
quello che gli fa Nicola?
No, dovrebbe chiedere aiuto per evitare cose così
spiacevoli e mettersi al sicuro.
È importante chiedere aiuto agli adulti in modo da poter
fermare i comportamenti di bullismo. Spesso da solo non
puoi fermare questi comportamenti, ma hai bisogno
dell’aiuto dell’insegnante o dei genitori.

4. L’insegnante fa un piccolo brainstorming con la classe
e scrive alla lavagna eventuali altri comportamenti.

Se tu fossi un amico di Andrea cosa gli diresti di fare per
far smettere questi comportamenti?
Chiedere aiuto ad un adulto.

37

9.
istituto a.t. beck | Le lezioni

Rispondere al bullismo:
l’assertività
Tratto da Waterhouse et al., 1998
Obiettivo
La lezione mira a insegnare agli studenti a difendersi dal
bullismo. Viene insegnata la differenza tra
comportamento aggressivo, passivo e assertivo.
Materiali occorrenti
Lavagna, gesso, un collega per il gioco di ruolo.
Tempo 2 ore

1. L’insegnante inizia l’esercizio riepilogando quanto è
emerso dall’attività precedente.
“La scorsa volta abbiamo parlato di bullismo.
Avete imparato che se qualcuno si comporta da bullo nei
vostri confronti, riferire tutto a un adulto non significa fare
la spia, ma chiedere aiuto.
Oggi vedremo come potete comportarvi se qualcuno ha
dei comportamenti di bullismo nei vostri confronti, senza
chiedere l’aiuto degli adulti. Potrete utilizzare questi
comportamenti la prima volta che qualcuno fa il bullo con
voi. Se, però, vi rendete conto che potreste essere in
pericolo, allora rivolgetevi sempre a un adulto.
Ascoltate questa storia”.
2. L’insegnante legge la storia alla classe.
Lettura
Francesco e i suoi amici stanno giocando a pallone
durante la ricreazione. Giocano spesso insieme durante il
fine settimana.
All’improvviso Francesco vede Mirko andare verso di loro.
Si agita e si sente nervoso perché Mirko è un ragazzo più
grande, frequenta la prima media, e spesso prende a
pugni i bambini più piccoli. La scorsa settimana aveva
preso in giro un amico di Francesco fino a farlo piangere.
Francesco vede Mirko prendere la palla e andare via.
3. L’insegnante inizia a stimolare la riflessione ponendo
delle domande.
Possiamo dire che Mirko si è comportato da bullo?
Sì, quando una persona fa continuamente cose cattive a
un’altra facendola sentire confusa, spaventata, agitata e
nervosa, non sta scherzando ma sta facendo bullismo.
Francesco è anche molto arrabbiato. Pensa: “Come può
credere Mirko di prendere il nostro pallone e andare via
così?”. Si sente così arrabbiato, vuole solo fare qualcosa,
qualsiasi cosa per riavere indietro il suo pallone.
Francesco pensa: “Sono così arrabbiato! Mi viene da
urlare e chiedere ai miei compagni di spingerlo a terra.
Gli faccio vedere io! Avrò il mio pallone!”.
Come pensi che Francesco si senta quando pensa queste
cose?
È arrabbiato, furioso.
A volte, quando qualcuno vi infastidisce, potreste davvero
sentirvi molto arrabbiati. Vorreste solo che smettesse e vi
sentite furiosi. La vostra mente è piena di pensieri
rabbiosi. Questi vi fanno sentire ancora più arrabbiati e vi
impediscono di trovare buone soluzioni e modi per
risolvere il problema. Questi sentimenti forti e pensieri
rabbiosi vi portano a rispondere d’impulso per dimostrare
attraverso il comportamento tutta la vostra rabbia e
soprattutto per ottenere che la persona smetta.

38

istituto a.t. beck | Le lezioni | 9. Rispondere al bullismo: l’assertività

Che cosa accadrebbe se Francesco seguisse il suo
impulso e, quindi, gridasse contro Mirko e lo spingesse
insieme ai suoi amici?
Ci potrebbe essere una rissa. Francesco potrebbe farsi
molto male. Finirebbe nei guai.
Urlare e spingere è un comportamento aggressivo.
I pensieri rabbiosi di Francesco lo portano ad agire di
impulso in modo aggressivo. I comportamenti aggressivi
possono far male e non risolvono i problemi.
L’insegnante scrive alla lavagna la parola “Aggressivo”
e sotto aggiunge:
• pensieri rabbiosi
• offese
A questo punto un altro insegnante presente in aula
interpreta il comportamento aggressivo in risposta al
fatto che gli sia stato portato via il pallone.
L’insegnante completa la tabella del comportamento
aggressivo insieme agli studenti dopo aver chiesto:
a. Che cosa avete visto?
b. Che cosa avete provato?
c. Qual è stato il risultato?
L’insegnante scrive le idee che gli studenti hanno sul
comportamento aggressivo.
Francesco provava altre emozioni nei confronti di Mirko.
Si sentiva nervoso e spaventato. Ha iniziato a pensare a
come Mirko era stato aggressivo e cattivo nei confronti
del suo compagno, a come l’aveva preso in giro fino a
farlo piangere. E così ha iniziato a pensare: “È più grande
di me. Fa cose cattive. Voglio solo che mi lasci in pace e
non mi disturbi più. Probabilmente non posso riavere
indietro il pallone”.
Francesco prova, allora, un altro tipo di impulso.
Sentirsi spaventato e nervoso lo porta a non agire, a non
fare nulla, a lasciare che Mirko si porti via il pallone nella
speranza che la smetta e lo lasci in pace.
Non fare nulla e non dire di che cosa avete bisogno o cosa
volete è un comportamento passivo.
L’insegnante scrive alla lavagna la parola “Passivo”
e sotto aggiunge:
• paura
• non fare nulla
Il collega interpreta il comportamento passivo che
potrebbe mettere in atto Francesco.
L’insegnante completa la tabella del comportamento
passivo insieme agli studenti dopo aver chiesto:
a. Che cosa avete visto?
b. Che cosa avete provato?
c. Qual è stato il risultato?
L’insegnante scrive alla lavagna le idee degli alunni sul
comportamento passivo.
Se Francesco non fa nulla o è passivo, come il nostro
ospite ci ha mostrato, che cosa potrebbe pensare Mirko?
Potrebbe pensare che può prendere le sue cose perché
Francesco non farebbe nulla.
Mirko potrebbe probabilmente pensare che avrebbe
potuto fare più dispetti a Francesco, perché lui non
farebbe nulla; e potrebbe continuare a infastidire
Francesco per molto tempo. Ecco perché avere un

comportamento passivo non serve a fermare i
comportamenti delle persone che vi infastidiscono.
A volte potreste sentire l’impulso a essere passivi.
Potreste essere spaventati e non volere che l’altra
persona si arrabbi. Potreste pensare che se non reagite,
l’altra persona andrà via lasciandovi in pace.
Abbiamo visto, però, che il comportamento passivo non
risolve il problema.
Francesco aveva un’altra scelta. Poteva controllare i suoi
impulsi rabbiosi dicendo a se stesso di stare calmo, di
fermarsi a riflettere. Poteva controllare i suoi impulsi
passivi e fare qualcosa. Avrebbe potuto dirsi: “Devo fare
qualcosa. Non è giusto che prenda il mio pallone”.
Poteva, cioè, essere assertivo.
Per avere un comportamento assertivo, Francesco
avrebbe dovuto stare in piedi, guardare Mirko negli occhi
e parlargli a voce chiara e decisa. L’avrebbe dovuto
chiamate per nome e dire cosa voleva. Avrebbe, ad
esempio, potuto dire: “Mirko, stai fermando il nostro
gioco. Restituisci il pallone”.
Il collega interpreta il comportamento assertivo che
Francesco potrebbe mettere in atto.
L’insegnante completa la tabella del comportamento
assertivo insieme agli studenti dopo aver chiesto:
a. Che cosa avete visto?
b. Che cosa avete provato?
c. Qual è stato il risultato?
L’insegnante scrive alla lavagna cosa gli studenti pensano
del comportamento assertivo.
4. L’insegnante riepiloga i comportamenti aggressivi,
passivi e assertivi rivedendo le differenze esistenti.
5. Sottolinea a questo punto che essere assertivi può
aiutare, in un primo momento, a frenare il comportamento
del bullo. Si può essere assertivi senza l’aiuto degli adulti
e si può così essere in grado, a volte, di risolvere il
problema da soli. Prepara, dunque, la classe a un gioco di
ruoli di varie situazioni per imparare a rispondere alle
offese con un comportamento assertivo.
L’insegnante chiede ai bambini di mettere in scena una
situazione fingendo che gli altri non siano presenti nella
stanza. Invita, dunque, uno studente per volta a farsi
avanti e calarsi nella situazione. Il resto della classe resta
ad ascoltare e a guardare in silenzio.
Invita l’allievo a stare in piedi, guardare la persona dritto
negli occhi e a utilizzare una voce chiara e decisa.
Ricorda di costruire una frase rivolgendosi
all’interlocutore per nome, esponendo cosa lo preoccupa
o lo infastidisce e cosa vuole dall’altra persona.
L’insegnante riassume, allora, le caratteristiche del
comportamento assertivo:
• Posizione del corpo eretta
• Sguardo fisso sull’altra persona
• Voce chiara e decisa
• Pensare “posso farlo”
• Chiamare il bullo per nome
• Identificare e nominare il comportamento
• Dire ciò che si desidera dall’altra persona

39

istituto a.t. beck | Le lezioni

A questo punto l’insegnante fa una breve dimostrazione
con il collega dicendo: “Vi faccio vedere come mi
comporto con il nostro ospite, che ha preso la mia rivista
prima che potessi finire di leggerla. Penserò ad alta voce,
per aiutarvi a capire quello che ho in testa e come metto
in atto un comportamento assertivo”.
Utilizza le abilità assertive.
Comincia a questo punto a far fare il gioco di ruoli agli
studenti indicando le varie situazioni di seguito riportate.
Gli allievi selezionano la scena che l’insegnante ha
preparato. Una volta che lo studente ha messo in atto la
sua risposta assertiva, l’insegnante chiede alla classe:
a. Che cosa avete visto?
b. Cosa avete sentito?
c. Avrebbe funzionato?
6. L’insegnante conclude l’attività ricordando agli studenti
che possono utilizzare un comportamento assertivo
quando qualcuno li infastidisce, ma che talvolta questo
può non bastare e che, se dopo un paio di episodi in cui
sono stati assertivi, il bullo continua a infastidirli, devono
chiedere aiuto a un adulto.

Situazioni a cui dare una risposta assertiva
1. Qualcuno ti sta prendendo in giro per i tuoi capelli.
2. Uno studente ti prende in giro per il colore delle tue
scarpe.
3. Uno studente spesso si prende gioco di te copiando
tutto quello che fai.
4. Uno studente ti fa le smorfie ogni giorno durante la
ricreazione.
5. Uno studente spesso ti supera in fila, poi dice: è solo
uno scherzo.
6. Uno studente ti spinge sempre mentre bevi alla
fontanella della scuola.
7. Questa è la seconda volta che uno studente ti sputa
mentre sei in fila all’uscita di scuola.
8. Uno studente dice che non sarà più tuo amico se parli
con altri.
9. Uno studente ti ricorda tutti i giorni che non ti inviterà
alla sua festa di compleanno.
10. Uno studente dice sempre che non puoi giocare con il
pallone da calcio, dopo il pranzo, anche se la regola è
che tutti i membri della classe possono giocare.
11. Uno studente ti dice che devi dargli un po’ della tua
paghetta o la tua merenda.
12. Qualcuno ti sta gettando delle bucce di banana
addosso nel parco giochi della scuola.
13. Uno studente continua a toccare le tue cose sul banco
e a farle cadere.

40

10.
istituto a.t. beck | Le lezioni

Lezioni ulteriori

Un modo utile di informare gli adolescenti, di mostrare
aspetti della realtà omosessuale che non conoscono, di
favorire empatia nei confronti dei vissuti delle persone
omosessuali, e di far emergere discussioni e punti di vista
diversi è la visione di film e documentari a tematica
omosessuale.
Di seguito si presenta la scheda per un film (Billy Eliot).
Idealmente le attività con la visione di film dovrebbero
essere condotte in questo modo:
• l’insegnante introduce il film, anticipandone
brevemente i contenuti, in modo da suscitare curiosità
nei ragazzi
• dopo la proiezione può avviare la discussione su alcuni
episodi specifici del film, o partire da un inquadramento
generale, chiedendo poi commenti su singoli momenti
salienti del film. È sempre importante stimolare
l’empatia, chiedendo magari agli studenti che tipo di
emozioni immaginano possa provare il protagonista nei
diversi momenti. Si può inoltre chiedere in che modo
l’omofobia sociale operi all’interno del film, rendendo la
vita difficile ai protagonisti.

Billy Eliot (2000)
Regia di Stephen Daldry
Billy, orfano di madre, vive col padre e il fratello, entrambi
minatori. Il film è ambientato nel 1984, durante il lungo
sciopero dei minatori contro il governo Tatcher. Billy viene
mandato a fare boxe, ma la sua passione è il ballo.
Questo gli crea enormi problemi in casa, a causa dei
pregiudizi che vedono nella danza un’attività femminile.
Sarà una maestra di ballo locale ad aiutare Billy a
realizzare il suo sogno e a entrare alla scuola del Royal
Ballet di Londra.
Temi di discussione
la cosa interessante è che alla fine non sappiamo se Billy
sia gay o meno. Il film si interrompe quando Billy entra
alla scuola e, nell’epilogo finale, ce lo mostra nelle vesti di
protagonista del Lago dei cigni.
Il nucleo del film è il pregiudizio sul ruolo di genere, cioè
su come i maschi e le femmine dovrebbero comportarsi e
a quali attività dovrebbero dedicarsi.
41

istituto a.t. beck

Bibliografia
American Psychological Association. (2008). Answers to your
questions: For a better understanding of sexual orientation
and homosexuality. Washington, DC: American Psychological
Association.

Kim, Y. S., Leventhal, B. (2008). Bullying and suicide.
A review. International Journal of Adolescent Medicine
and Health, 20(2), 133-154.
Kosciw, J. G., Greytak, E. A., Diaz, E. M., Bartkiewicz, M. J. (2010).
The 2009 national school climate survey: The experiences of
lesbian, gay, bisexual and transgender youth in our nation’s
schools. New York: GLSEN.

Butler, C. (2004). Homoworld. University of East London and
Clevermax Productions/Higher education Academy
Psychology Network.

Gordon, P. (2012). Review of Homophobic Bullying in Educational
Institutions. Paris: UNESCO.

Coleman, E. (1987). Integrated Identity for Gay Men and
Lesbians. Psychotherapeutic Approaches for Emotional Wellbeing. Harrington Park Press Inc.

Guasp, A. (2012). The School Report. The experiences of gay
young people in Britain’s schools in 2012. Centre for Family
Research, University of Cambridge: Stonewall.

Coleman, E. (1988). Assessment of sexual orientation. In E.
Coleman (Ed.), Integrated identity for gay men and lesbians:
Psychotherapeutic approaches for emotional well-being
(pp. 9-24). New York: Harrington Park Press.

Hamburger, M. E., Basile, K. C., & Vivolo, A. M. (2011).
Measuring Bullying Victimization, Perpetration, and
Bystander Experiences: A Compendium of Assessment Tools.
Atlanta, GA: Centers for Disease Control and Prevention,
National Center for Injury Prevention and Control.

Coleman, E. (1990). Toward a synthetic understanding of sexual
orientation. In D. P. McWhirter, S. A. Sanders, J. M. Reinische
(Eds.), Homosexuality/Heterosexuality: Concepts of sexual
orientation (pp. 267-276). New York: Oxford University Press.
D’Augelli, A. R. (1996). Lesbian, gay, and bisexual development
during adolescence and young adulthood. In R. P. Cabaj,
T. S. Stein (Eds.), Textbook of homosexuality and mental
health (pp. 267-288). Washington, DC: American Psychiatric
Press.
D’Augelli, A. R., & Hershberger, S. L. (1993). Lesbian, gay, and
bisexual youth in community settings: Personal challenges
and mental health problems. American Journal of Community
Psychology, 21, 421-448.
Dankmeijer, P. (editor) (2011). GALE Toolkit Working with Schools
1.0. Tools for school consultants, principals, teachers,
students and parents to integrate adequate attention of
lesbian, gay, bisexual and transgender topics in curricula and
school policies. Amsterdam: GALE The Global Alliance for
LGBT Education.
Dewitt, P., Lucas, M. (Eds.) (2012). Ready, set, respect. GLSEN’s
Elementary school toolkit. New York: Gay, Lesbian & Straight
Education Network.
Eisenberg, M. E., Resnick, M. D. (2006). Suicidality among gay,
lesbian and bisexual youth: The role of protective factors.
Journal of Adolescent Health, 39 (5), 662-668.
Fedeli, D. (2007). Il bullismo: oltre. Brescia: Vannini.
Garofalo, R., Wolf, R. C., Kessel, S., Palfrey, J., & Du Rant, R. H.
(1998). The association between health risk behaviors and
sexual orientation among a school-based sample of
adolescents. Pediatrics, 101, 895-902.
Gladstone, G. L., Parker, G. B., & Malhi, G. S. (2006).
Do bullied children become anxious and depressed adults?
A cross-sectional investigation of the correlates of bullying
and anxious depression. The Journal of Nervous and Mental
Disease, 194, 201–208.
GLSEN and Harris Interactive (2012). Playgrounds and Prejudice:
Elementary School Climate in the United States, A Survey of
Students and Teachers. New York: GLSEN.

Hillier, L., Turner, A. & Mitchell, A. (2005). Writing themselves in
again - 6 years on: The second national report on the
sexuality, health and well being of same sex attracted young
people. Melbourne: Australian Research Centre in Sex Health
and Society, La Trobe University.
Homophobic bullying lesson plan. Beatbullying.org
Hugh-Jones, S., & Smith K. (1999). Self-reports of short- and
long-term effects of bullying on children who stammer.
British Journal of Educational Psychology, 69, 141–158.
Isay, R. A. (1996): Essere omosessuali: omosessualità maschile
e sviluppo psichico. Milano: Raffaello Cortina
Jenny, C., Roesler, T. A., Poyer, K. L. (1994). Are children at risk for
sexual abuse by homosexuals? Pediatrics, 94 (1), 41-44.
Jolly, S. (2010). Poverty and sexuality: What are the connections?
Overview and literature review. Stockholm: SIDA.
Just the Facts Coalition. (2008). Just the facts about sexual
orientation and youth: A primer for principals, educators,
and school personnel. Washington, DC: American
Psychological Association.
Kessel Schneider, S., O’Donnell, L., Stueve, A., Coulter,
R. W. S. (2012). Cyberbullying, School Bullying, and
Psychological Distress: A Regional Census of High School
Students. American Journal of Public Health, 102(1) 171-177.
Kinsey, A. C., Pomeroy, W. B., Martin, C. E. (1948). Sexual
behavior in the human male. Philadelphia: Saunders.
Kinsey, A. C., Pomeroy, W. B., Martin, C. E., Gebhard, P. H. (1953).
Sexual behavior in the human female. Philadelphia:
Saunders.
Klein, F. (1993). The bisexual option. Binghamton, New York:
Haworth Press.
Klein, F., Sepekoff, B., & Wolf, T. J. (1985). Sexual orientation:
A multivariable dynamic process. Journal of Homosexuality,
11(1/2), 35-49.
Laumann, E. O., Gagnon, J., Michael, R. T., & Michaels,
S. (1994). The social organization of sexuality: Sexual
practices in the United States. Chicago, IL: University of
Chicago Press.

42

istituto a.t. beck | Bibliografia

Minton, S. J., Dahl, T., O’Moore, A. M., & Tuck, D. (2008).
An exploratory survey of the experience of homophobic
bullying among lesbian, gay, bisexual, transgendered youth
people in Ireland. Irish Educational Studies, 27(2), 177-191.
Money, J., Ehrhardt, A. (1972 ). Man & woman, boy & girl.
Baltimore (MD): John Hopkins University Press.
Montano, A. (1997). …E la notte non rimasero divise.
Milano: Mursia.
Montano, A. (2000). Psicoterapia con clienti omosessuali.
Milano: Mc Graw-Hill.
Montano, A. (2004). Il punto G. Roma: Fabio Croce.
Montano, A. (2009). Mogli, amanti, madri lesbiche.
Sentimenti, sesso, convivenza, maternità: le nuove sfide
della coppia. Milano: Mursia.
Montano, A. (2009). Identità sessuali diverse in adolescenza.
In Batini F. e Santoni B. (a cura di), L’Identità Sessuale a
Scuola. Educare alla diversità e prevenire l’omofobia
(pp.147-204). Napoli: Liguori Editore.
Montano, A. (2009). Comprendere la diversità delle famiglie.
Cosa gli insegnanti dovrebbero conoscere. In Batini F. e Santoni B. (a cura di), L’Identità Sessuale a Scuola. Educare alla
diversità e prevenire l’omofobia (pp. 281- 326). Napoli:
Liguori Editore
Montano, A. (2010). Omofobia interiorizzata. In Cantelmi, T. e
Lambiase, E. (a cura di), Omosessualità e psicoterapie:
Percorsi, problematiche e prospettive
(pp. 88-108). Roma: Franco Angeli Edizioni.

Resnick, M. D., Bearman, P. S., Blum, R. W., Bauman, K. E.,
Harris, K. M., Jones, J., Tabor, J., Behring, T., Sieving, R.E.,
Shew, M., Ireland, M., Bearinger, L. H., & Uldry, J.R. (1997).
Protecting adolescents from harm; Findings from the
National Longitudinal Study on Adolescent Health.
Journal of the American Medical Association, 278(10),
823-832.
Ross M. W., Rosser B. R. S. (1996). Measurements and correlated
of internalized homophobia: A factor analytic study. Journal
of Clinical Psychology,
52, 15-21.
Russel, S., Joyner, K. (2001). Adolescent sexual orientation and
suicide risk: Evidence from a national study. American
journal of Public Health, 91 (8), 1276-1281.
Savin-Williams, R. C. (1994). Verbal and physical abuse as
stressors in the lives of lesbian, gay male, and bisexual
youths: associations with school problems, running away,
substance abuse, prostitution, and suicide. Journal of
Consulting and Clinical Psychology, 62(2), 261-269.
Schroeder, M., Shidlo, A. (2001). Ethical issues in sexual
orientation conversion therapies: An empirical study of
consumers. Journal of Gay & Lesbian Psychotherapy, 5,
131-166.
Sears, J. T., Thinking Critically/Intervening Effectively:
About Heterosexism and Homophobia: A Twenty-Five-Year
Research Retrospective. In J. T. Sears, W. L. Williams (Eds.),
Overcoming Heterosexism and Homophobia (pp. 13-33).
New York: Columbia University Press.

Montano, A., Andriola, E. (2010). Parlare di omosessualità
a scuola. Trento: Centro studi Erickson.

Shidlo, A., Schroeder, M. (2002). Changing sexual orientation:
A consumer’s report. Professional Psychology: Research and
Practice, 33, 249-259.

Morris, J. F. (1997). Lesbian coming out as a multidimensional
process. Journal of Homosexuality, 33, 1-22.

Smith, K. T. (1971). Homophobia: A Tentative Personality Profile.
Psychological Reports, 29, 1091-1094.

National Adoption Information Clearinghouse, NAIC (2000).
Gay and Lesbian Adoptive Parents: Resources for
Professionals and Parents. Washington: NAIC.

Stonewall, EACH (2007). Homophobic bullying. Safe to learn:
embedding anti-bullying work in schools. Nottingham: DCSF
Publications.

Nansel, T. R., Overpeck, M., Pilla, R. S., Ruan, W. J., SimonsMorton, B., & Scheidt, P. (2001). Bullying behavior among
U.S. youth: Prevalence and association with psychosocial
adjustment. Journal of the American Medical Association,
285, 2094-2100.

Strocchi, M. C., Valerii, B. (2013). La terapia affermativa
dell’omosessualità. Salerno: Ecomind.

O’Higgins-Norman, J., Goldrick, M., & Harrison, K. (2010).
Addressing Homophobic Bullying in Second-Level Schools.
Dublin: The Equality Authority.
Olweus, D. (1994). Bullying at school: Long-term outcomes for
the victims and an effective school-based intervention
program. In: L. R. Huesmann (Ed.), Aggressive behavior:
Current perspectives (pp. 97–130). New York: Plenum Press.

Taylor, C., Peter, T., (2011). Every class in every school:
The first national climate survey on homophobia, biphobia
and transphobia in Canadian schools. Final Report. Toronto:
Egale Canada Human Rights Trust.
Waterhouse, T., Sippel, J., Pedrini, L., & Cawley, M. (1998).
Focus on Bullying: A Prevention Program for Elementary
School Communities. Burnaby: British Columbia Safe School
Centre.
Weinberg G. (1972). Society and the Healthy Homosexual.
New York: St. Martin’s Press.

Parr, T. (2012). Il libro delle famiglie. Milano: Il battello
a vapore.
Perrin, E. C., Siegel, B. S. (2013). Promoting the Well-Being of
Children Whose Parents Are Gay or Lesbian. Pediatrics,
131 (4), 1373-1484.
Remafedi, G., Frendh, S., Story, M., Resnick, M. D., & Blum, R.
(1998). The relationship between suicide risk and sexual
orientation: Results of a population-based study. American
Journal of Public Health, 88(1), 57-60.

43

Copertine_ES:Layout 1

2-07-2013

17:26

Pagina 1

istituto a.t. beck

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI
Dipartimento per le Pari Opportunità

UNAR
Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali

Istituto A. T. Beck
per la terapia cognitivo-comportamentale
Diagnosi clinica, ricerca, formazione
via Gioberti, 54
00185 Roma
info@istitutobeck.it
www.istitutobeck.com

EDUCARE
ALLA DIVERSITÀ
A SCUOLA
Scuola primaria


Documenti correlati


Documento PDF unar primaria
Documento PDF unar medie
Documento PDF unar liceo
Documento PDF attivita
Documento PDF libri di testo galilei a s 2013 2014 1 1
Documento PDF proposta per le scuole primarie e secondarie


Parole chiave correlate