File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Assistenza Contattaci



Le Migliori Poesie Poesie e Canzoni .pdf



Nome del file originale: Le Migliori Poesie-Poesie e Canzoni.pdf

Questo documento in formato PDF 1.4 è stato generato da Writer / LibreOffice 4.2, ed è stato inviato su file-pdf.it il 31/03/2014 alle 17:54, dall'indirizzo IP 151.74.x.x. La pagina di download del file è stata vista 857 volte.
Dimensione del file: 3.9 MB (12 pagine).
Privacy: file pubblico




Scarica il file PDF









Anteprima del documento


Le migliori poesie

Voi che sognate
voi che amate il mare e
la brezza marina e
non capite niente dell'amore
se non è tutto fiore
lasciate stare e non fate
cadere il mondo a pezzi
altrimenti non sognate
giocate e giocate
tutto il giorno,
poi da grandi capirete
il vero senso dell'amore

da poesie e canzoni
I ragazzi che si amano si baciano in piedi
Contro le porte della notte
E i passanti che passano li segnano a dito
Ma i ragazzi che si amano
Non ci sono per nessuno
Ed è la loro ombra soltanto
Che trema nella notte
Stimolando la rabbia dei passanti
La loro rabbia il loro disprezzo le risa la loro invidia
I ragazzi che si amano non ci sono per nessuno
Essi sono altrove molto più lontano della notte

Molto più in alto del giorno

E il cuore quando d’un ultimo battito
avrà fatto cadere il muro d’ombra
per condurmi, Madre, sino al Signore,
come una volta mi darai la mano.
In ginocchio, decisa,
Sarai una statua davanti all’eterno,
come già ti vedeva
quando eri ancora in vita.
Alzerai tremante le vecchie braccia,
come quando spirasti
dicendo: Mio Dio, eccomi.
E solo quando m’avrà perdonato,
ti verrà desiderio di guardarmi.
Ricorderai d’avermi atteso tanto,
e avrai negli occhi un rapido sospiro.

Non posso darti soluzioni per tutti i problema della vita
Non ho risposte per i tuoi dubbi o timori,
però posso ascoltarli e dividerli con te
Non posso cambiare né il tuo passato né il tuo futuro
però quando serve starò vicino a te
Non posso evitarti di precipitare, solamente posso offrirti la mia mano perché ti sostenga e non cadi
La tua allegria, il tuo successo e il tuo trionfo non sono i miei
però gioisco sinceramente quando ti vedo felice
Non giudico le decisioni che prendi nella vita
mi limito ad appoggiarti a stimolarti e aiutarti se me lo chiedi
Non posso tracciare limiti dentro i quali devi muoverti,
però posso offrirti lo spazio necessario per crescere
Non posso evitare la tua sofferenza, quando qualche pena ti tocca il cuore
però posso piangere con te e raccogliere i pezzi per rimetterlo a nuovo.
Non posso dirti né cosa sei né cosa devi essere
solamente posso volerti come sei ed essere tua amica.
In questo giorno pensavo a qualcuno che mi fosse amico
in quel momento sei apparso tu...
Non sei né sopra né sotto né in mezzo non sei né in testa né alla fine della lista
Non sei ne il numero 1 né il numero finale e tanto meno ho la pretesa
di essere il 1° il 2° o il 3° della tua lista
Basta che mi vuoi come amica
NON SONO GRAN COSA,
PERO' SONO TUTTO QUELLO CHE POSSO ESSERE

Ma dove ve ne andate, povere foglie gialle, come tante farfalle spensierate? Venite da lontano o da vicino?Da
un bosco o da un giardino? E non sentite la malinconia del vento stesso che vi porta via?

Quando il vostro fidanzato vi lascia voi ditegli AMERICA cosí capisce che siete stati uniti e poi USA e cosí capisce
che la gente non si usa.

Ora abbiamo lasciato il mare,
viaggio sola su questo treno
da cui mi lascio cullare.
Sola con i miei pensieri,
della mia vita loro i passeggeri.
Un uomo con gli occhiali scuri,
una signora sta accarezzando un cane,
un raggio di sole taglia il finestrino,
un anziano solo, una ragazza che
si controlla il trucco,
una mamma ed un bambino,
via vai lungo il corridoio, ruote, passi,
fermate, scossoni, si riparte sempre.
Chissà se ci ritroveremo o se siamo solo
comparse su di un treno.
Versi tra le righe di una vita,
come una poesia
difficili o semplici da interpretare come la mia.
Lo si legge negli occhi che tengo bassi
polaroid sbiadite le voci di un passato
-sei strana figlia miadiceva mio padre
forse triste, per mia madre
ero io, mi rendo conto
quella di oggi.
Una macchina cerca di superare
ma inutilmente, il presente corre
e diventa già passato.
Un tunnel che inghiotte il treno,
come i ricordi l'anima
sospendendo in altra dimensione il cuore,
il buio sembra senza via d'uscita mentre
si fa più cupo il rumore,
quanta gente che soffre, quanto dolore.
Suonano i telefoni, la tecnologia
ci unisce e ci allontana, c'è campo,
manca un ascolto.
Viaggio verso il futuro che mi scruta
da lontano, il passato è dietro è filtrato
assente, tra le braccia del presente.
Il futuro è un treno,
con tante carrozze e tanto posto
per tutti almeno,
mentre il controllore si avvicina
ripongo la mia penna e il mio destino,
-prego bigliettoper ora viaggio, sono fortunata,
vicino al finestrino.

Con te ero immobile
Oggi ti vedrò di colpo sparire

Fra la folla te ne andrai
Mi sono rotto delle scuse
Sono stanco dei tuoi guai
Hai detto che non vuoi più
Camminare accanto a me,
Accanto a me

Ora questa casa mi sembra più grande
Illumino ogni angolo
Dipingo la noia, rivesto la stanza
Di quel che d'ora in poi sarò
Non mi fermerai
Né adesso, né mai
Perché per troppe volte ho scelto te
Non sono immobile
Grazie per avermi fatto male,
Non lo dimenticherò
Grazie io riparto
Solo controvento ricomincerò
E giro nel centro e faccio la spesa
Non mi sento fragile
Cento grammi di sole e non serve l'amore
Se poi diventa cenere
Non mi prenderai
Né adesso, né mai
Perché per troppo tempo ho scelto te
Dimenticando me
Grazie per avermi fatto male,
Non lo dimenticherò
Grazie io riparto
Solo controvento ricomincerò
Sarò... pronto a correre per me
E tu... ferma immobile
Grazie per avermi fatto male
Non lo dimenticherò
Sento nelle vene
Vita che si muove ricomincerò
Sarò... pronto a correre per me
Per me

Con te ero immobile
Oggi ti vedrò di colpo sparire
Fra la folla te ne andrai
Mi sono rotto delle scuse
Sono stanco dei tuoi guai
Hai detto che non vuoi più
Camminare accanto a me,
Accanto a me

Ora questa casa mi sembra più grande

Illumino ogni angolo
Dipingo la noia, rivesto la stanza
Di quel che d'ora in poi sarò
Non mi fermerai
Né adesso, né mai
Perché per troppe volte ho scelto te
Non sono immobile
Grazie per avermi fatto male,
Non lo dimenticherò
Grazie io riparto
Solo controvento ricomincerò
E giro nel centro e faccio la spesa
Non mi sento fragile
Cento grammi di sole e non serve l'amore
Se poi diventa cenere
Non mi prenderai
Né adesso, né mai
Perché per troppo tempo ho scelto te
Dimenticando me
Grazie per avermi fatto male,
Non lo dimenticherò
Grazie io riparto
Solo controvento ricomincerò
Sarò... pronto a correre per me
E tu... ferma immobile
Grazie per avermi fatto male
Non lo dimenticherò
Sento nelle vene
Vita che si muove ricomincerò
Sarò... pronto a correre per me
Per me

L'essenziale- Marco Mengoni
Sostengono gli eroi
"Se il gioco si fa duro, è da giocare!"
Beati loro poi
se scambiano le offese con il bene
Succede anche a noi
di far la guerra e ambire poi alla pace
e nel silenzio mio
annullo ogni tuo singolo dolore
per apprezzare quello che
non ho saputo scegliere
Mentre il mondo cade a pezzi
io compongo nuovi spazi e desideri che
appartengono anche a te
che da sempre sei per me
l'essenziale
Non accetteró

un altro errore di valutazione,
l'amore è in grado di
celarsi dietro amabili parole
che ho pronunciato prima che
fossero vuote e stupide
Mentre il mondo cade a pezzi
io compongo nuovi spazi e desideri che
appartengono anche a te
Mentre il mondo cade a pezzi
mi allontano dagli eccessi
e dalle cattive abitudini
torneró all'origine
torno a te che sei per me
l'essenziale
L'amore non segue le logiche
Ti toglie il respiro e la sete
Mentre il mondo cade a pezzi
io compongo nuovi spazi e desideri che
appartengono anche a te
Mentre il mondo cade a pezzi
mi allontano dagli eccessi
e dalle cattive abitudini
torneró all'origine
torno a te che sei per me
l'essenziale

Sei la mia prof preferita
ti voglio bene per tutta la vita. Non gridare con orrore,
ma correggi l'errore. Non dire lavoriamo
ma sempre "giochiamo". Non si deve sempre studiare qualche volta anche passeggiare. Sei la mia prof preferita
ti voglio bene per tutta la vita. Dici a tutti che sono bravo anche se a fatica me la cavo. Sei una persona rara
per questo mi sei cara. Dici che ho potenzialità, fantasia e creatività non so cosa sono ma se mi fan amare da
te sono beato come un re. Oh, la mia prof preferita ti voglio bene per tutta la vita.

Da poesie e canzoni.
Ascolto in silenzio il rumore della pioggia
mentre i miei pensieri confusi ormai dalla notte
cercano rifugio tra una sigaretta e l'altra.
Spengo le luci, la pioggia mi tiene compagnia.
Mentre i miei occhi come d'incanto ti osservano
distesa nel tuo letto,
la mia mano cerca di raggiungerti,
le mie braccia si tendono in un abbraccio
che improvviso sento di trovare,
questa e' la forza del pensiero,
questo e' sentirti accanto a me in ogni momento.
Ti stringo forte a me,
sento il tuo respiro farsi sereno
mentre ti parlo dolcemente
per non svegliarmi da questo momento
dedicato a te che sei nel mio cuore,
senza scrigni da aprire, senza chiavi da cercare.
Ti lascio una carezza che ti accompagni al risveglio
dove troverai un sorriso a farti compagnia

durante il giorno mentre la pioggia scandisce
i miei pensieri e le parole restano nell'anima...
continuo a vagare nelle nuvole della nostra vita!
Fatta da Fabio scaravilli(admin)
Voi sapete miei bambini che cos’e’ la scuola vera?
e’ una splendida crociera
dove tutto può accadere:
solca i mari del sapere
sfida rotte sconosciute
e…
con la forza della pancia
vince anche l’ignoranza.
Siete pronti voi a montare sulla nave, sul veliero?
che é approdata questa notte alle rive del pensiero?
e allora su montate,
sciogliete quelle vele, suonate il din din din:
sotto, ciurma, su salpiamo, siam la class
la vita va vissuta con coraggio
anche se qualcosa di brutto
è accaduto
non è mai troppo tardi
per costruire il proprio futuro

poesia fatta da nendever98
il sole splende
un uccello che pende
arriva nell'orizzonte
sorpassa un ponte
una galleria
e una fattoria
si stanca e si posa
su una foglia rosa
riprende terreno
ha tutto il fiato in pieno
quindi vola in cielo
trasparente come un velo

poesia fatta da poesie e canzoni
Ci vuole amore
A forma di cuore
Alcune volte sembra come il mare calmo
Cosi ognuno posa un palmo
Altre volte come il mare in tempesta
Ognuno si deve amare
Come il sole che splende
Sempre più lontano
E la colomba che tende
La mano
È già mezzanotte
È passato un giorno d’amore
E non di malincuore
Buona notte
amore

amare le persone
fa bene alla salute anche se uno si pone
ma scusa se mi trattano male
lo stesso gli devo amare?
Si, noi siamo il sole
che splende sempre più lontano
e se noi ci allontaniamo
facciamo del male perché arriviamo
nelle nubi grigie che trasportano pioggia
ti voglio bene
a te che ti penso sempre
ciao nuvoletta
Gocce di memoria
Gocce di memoria
che si ricordano nella storia
gocce azzurre che ridono
gocce nere che piangono
escono le lacrime
dal profondo amore
e attraversano le anime
nel proprio cuore
Che meraviglia!
gocce di memoria
non sono una monotonia
veloci come un treno
si sciolgono nel terreno
e vanno via
Questo amore
Questo amore
Così violento
Così fragile
Così tenero
Così disperato
Questo amore
Bello come il giorno
Cattivo come il tempo
Quando il tempo e cattivo
Questo amore così vero
Questo amore così bello
Così felice
Così gioioso
Così irrisorio
Tremante di paura come un bambino quando e buio
Così sicuro dì sé
Come un uomo tranquillo nel cuore della notte
Questo amore che faceva paura
Agli altri
E li faceva parlare e impallidire
Questo amore tenuto d'occhio
Perché noi lo tenevamo d'occhio
Braccato ferito calpestato fatto fuori negato cancellato
Perché noi l'abbiamo braccato ferito calpestato fatto fuori negato cancellato
Questo amore tutt'intero
Così vivo ancora
E baciato dal sole

E' il tuo amore
E' il mio amore
E' quel che e stato
Questa cosa sempre nuova
Che non e mai cambiata
Vera come una pianta
Tremante come un uccello
Calda viva come l'estate
Sia tu che io possiamo
Andare e tornare possiamo
Dimenticare
E poi riaddormentarci
Svegliarci soffrire invecchiare
Addormentarci ancora
Sognarci della morte
Ringiovanire
E svegli sorridere ridere Il nostro amore non si muove
Testardo come un mulo
Vivo come il desiderio
Crudele come la memoria
Stupido come i rimpianti
Tenero come il ricordo
Freddo come il marmo
Bello come il giorno
Fragile come un bambino
Ci guarda sorridendo
Ci parla senza dire
E io l'ascolto tremando
E grido
Grido per te
Grido per me
Ti supplico
Per te per me per tutti quelli che si amano
E che si sono amati
Oh sì gli grido
Per te per me per tutti gli altri
Che non conosco
Resta dove sei
Non andartene via
Resta dov'eri un tempo
Resta dove sei
Non muoverti
Non te ne andare
Noi che siamo amati noi t'abbiamo
Dimenticato
Tu non dimenticarci
Non avevamo che te sulla terra
Non lasciarci morire assiderati
Lontano sempre più lontano
Dove tu vuoi
Dacci un segno di vita
Più tardi, più tardi, di notte
Nella foresta del ricordo
Sorgi improvviso
Tendici la mano
Portaci in salvo.
Tu che non capisci mai il motivo per cui ti parlo
tu devi parlare con gli occhi chiusi
anche se sono illusi.
Non succede niente se perdi la mano

però non puoi andare lontano
aiutiamoci tutti e diamoci le mani
e così potremo allungare il mondo
tutto rotondo
che gira attorno alla mia luna.
Anche i pinguini si abbracciano
e si danno la mano
per andare lontano
ma non ce la facciamo
se tutti riprendessero il cammino
con una goccia di acqua
ciao e addio mondo eterno
vai all'inferno
una foglia che se ne và
e come un pericolo che non si aggiusta
perché non si dice la verità
quindi non è una cosa giusta
così la foglia scivola sul terreno
non ha più fiato in pieno
e rimane a guardare l'albero senza foglie
ma di una cosa è felice
ancora ricorda il suo passato
se è poco ricordato
non importa niente alle altre foglie
pensano ad altro ma no alle povere foglie,
la foglia viene allontana dal vento
e va nel cielo con il cuore rosso
a presto foglia
Ancora non lo sai
Ma qualcosa dentro mi si è spento,
è già un po' di tempo che
cerco di parlarne a te,
non hai capito mai
non vedevi il mio fiorire lento
tu non ti accorgevi che
ogni giorno io
mi stancavo sempre più di te
RIT
Ti volevo dire che tutto sta per finire
Ma ci sono parole che poi non riescono a uscire
Ti volevo dire di quando non mi bastavi
Perché più di una notte rientrando ho perso le chiavi
Per aprirmi a te, Per aprirmi a te, e mi sono sempre più rinchiuso in me.
Ho preso il volo ormai
ed ora che sto andando controvento
io non ci ripenserò
questa volta no, tu però ancora non lo sai
RIT
Ti volevo dire che tutto sta per finire
Ma ci sono parole che poi non riescono a uscire
Ti volevo dire di quando non mi bastavi
Perché più di una notte rientrando ho perso le chiavi Mentre tu perdevi me
Ti volevo dire che forse andar meglio
Ma domani non sarò li con te al tuo risveglio
non sarò più lì, non sarò più lì

che è finita tu lo saprai così, lo saprai così.

Una poesia per un mio amico: Non nascondere
il segreto del tuo cuore,
amico mio!
Dillo a me, solo a me,
in confidenza.
Tu che sorridi così gentilmente,
dimmelo piano,
il mio cuore lo ascolterà,
non le mie orecchie.
La notte è profonda,
la casa silenziosa,
i nidi degli uccelli
tacciono nel sonno.
Rivelami tra le lacrime esitanti,
tra sorrisi tremanti,
tra dolore e dolce vergogna,
il segreto del tuo cuore. Vi piace questa poesia?
Per vivere l'amicizia tutti i giorni non serve l'amicizia, chi è d'accordo con me?

Nendever98
Io non inseguo sogni
ma raggiungo obiettivi
la vita
ciascuno fa parte della vita
e può fare tanto
può donare tanto agli altrimenti
basta solo un po' di impegno
e un po' di fantasia
per scrivere una poesia
l'importante è crederci
la scuola
è arrivata la mattina
comincia a spuntare il sole
la sveglia suona, è ora
di partire.
5 ore di frustazione
tra una lettura e un'interrogazione
sensazione,indescrivibile a parole
tra battute esilaranti
e voragini incolmabili.
O che piaccia o no la scuola ci vuole
ogni cosa deve aver spazio nel contenitore della vita
siamo reduci di una felicità

e schiavi di una vita
che non sempre va per il verso giusto
stiamo percorrendo il cammino della vita
e non sappiamo dove ci porterà
tutto quello che facciamo serve
la strada non è ancora finita
e non sappiamo quali e quante sorprese ci riserverà
nulla è impossibile.
Nuove conoscenze,la prima cotta
l'emozione di quando apri la porta
e per la prima volta
conosci delle persone speciali.
L’AMORE
Tu che mi stai lontano
Parla piano
Ti ascolto ti sento,
anche se mi spacco il mento
ti voglio sempre bene
perché ho il cuore grande
come un elefante
anche se mi escono le lacrime
cresce il concime
tutto quel che ti succederà
ti servirà nella vita
per crescere ogni volta finita
Non ho più lacrime da nascondere
con queste pioggia incessante,
non ho più voce che mi parla
per farmi calmare,
non ho più il mio faro ad illuminarmi la strada,
perdo sempre tutto...


Documenti correlati


Documento PDF le migliori poesie poesie e canzoni
Documento PDF poesie
Documento PDF color index refinish 2012
Documento PDF presentazione del programma ok consegna comune
Documento PDF pdf fiera milano 2013
Documento PDF 001 rossano verso rifiuti zero


Parole chiave correlate