File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Ricerca PDF Assistenza Contattaci



RG1903 02 09 032 PM .pdf



Nome del file originale: RG1903_02_09_032_PM.pdf
Titolo: Gazzetta Ufficiale del Regno d'Italia N. 032 del 9 Febbraio 1903 parte ufficiale e parte non ufficiale
Autore: DigitPa

Questo documento in formato PDF 1.4 è stato generato da Recogniform OCR Server / Recogniform PDF Library, ed è stato inviato su file-pdf.it il 31/03/2014 alle 08:51, dall'indirizzo IP 79.22.x.x. La pagina di download del file è stata vista 1184 volte.
Dimensione del file: 3.9 MB (20 pagine).
Privacy: file pubblico




Scarica il file PDF









Anteprima del documento


Gazzetta
DEL

REGNO

Anno 1908

Roma

i Si ¡ntllb\tea

DIREZIONE
in Via Larga ne1 Palazzo Baleani

iciale

Lunedì 9 Febbraio

-

is Rom tu ti i

20; semestre L. Ils trimestre L. O
,
,
aa;
as;
so,
'$
>

»

Soy
di;
Per gli altri Stati si aggiungono le tasse postalI·
dit' sib¾osiamenti si prendono presso l' Amministrazione e gli
I[Talei postali; decorreno dal P d'ogsil nieste,
in Rorna, presgoPAmministrazione:
a domicilio e nel Regno:
Per gli Stati dell'Unione postale:

anno

L.

,

,

-

D'ITALIA

·

»



giorni

Atti giudislarii
Altri annunzi.

Numero 82

festiv¡

non

.

.

.

.

.

in

.

.

.

.

.

.

MWÑ
Ÿia

L. O.5,5
,

-

-

80 MH A R 10
PAETE

o

spaste di Iiaea.

Dirigere le rielaieste gepr le insermiolai emel-Mira-9Bte alla
atitassaisiiste•œsfo>aè dettai'cisìVee¢¢ãs'.
l'er le rnodalità delle richi.*slas d insermoui vedanai le-avvertenze in teaLa
al (bgHo degh antiltnzi.

nel Regno cent. frit
arretrato in Roma cesit. eW
net Regno cek
linansmtePo separato in Ruina dent. 50
ße il giof•nald si cornpond d'olWe 16 pagine, il prea:o si aumenta proporziona¢«ments.
-

Pâlasso Balwaal

per ogni linen

e.so

do

--

alián war, da

zione del catasto e dei sortiti técnici finánziati
gono stabiliti i contribtiti alla Cassä niedëàitiiá;

UFFICIALE.

e déci•eti : RIt. deoreti nn. i ß e 17 ripettenti: Istituz ione
di tina cassa di presidenza per gli impiegati tecnici straordinarî dell'Amministrazione del catasto e dei servizi tecNomina del Presidente e di un membro
nici guanziari

È

ÈAZI

Largã'no

e

ven-

Sulla proposta del Nost¥ð Mitfistfo Ségi-ätario di Šfãfo
le Filianze, d'äccordo col Ministrö del Tesoro ;
Abbiamo decretato e debretia:no:

Le'g

per

-

della Commissione centrale del

B. deConsiglio di &ato
COCOLXXŸÏIÏ (Parte stepplementare) che approva

oréto n.
lo &gtuto

del

Monte

di

ÁÞt.

-

Pietà di Treviso

-

Relazioni

e

decreti sullo scioglimento dei Consigli comunali di
Cosenza, di Maida (Catanzaro) e sulla proroga dei poteri
del R. Committario stradrdhskrid di San Pietro a Patierno
Ministeri de1PInterno e di Grazia, Giustisia
(Napoli)
RB.



È istituita ed eretta in Ente morale con
gennaio 1903, presso la Cassa dei depositi

una
con

-

dei Culti: Disposizioni fatte nei personali dipendenti
Ministero del Tesoro : Direzione Generale del Debito PubDirezione Generale del Teblico: Rettißche d'intestazioni
Prezzo del cambio pei
dei dazi doganali d'importazione

tito il

-

--

soro :

certißeati
-

di pagamento

1kinistero d'Agricol-

tara, Industria'e Commercio Divisione Industila e Com.
mer6io: Media dei corsi del Consolidato a contanti nelle
-

varie Borse del

Regno
PARTE

-

-

-

--

Insersioni.

PARTE UFFIC1ALE
T.Jt'.!OGFI E DECILETI
fi fumero 10 della Raccolta ujßoiale delle leggi
Regno contiene il seguente decreto :

e

dei

decrets

del

VITTOllIO EMANUELE
per

grazia di Dio

e

per volonta

III

della Nazione

lΠD' ITALIA

Visti

gli articoli

5

e

6

302,

norme

da

catasto

che

dei _servizi tecnici

e

saranno

approvarsi

con

stabilÏte con appoReale, sen-

decreto

Consiglio di Stato, e la Commissione tecnica permanente per gli Istituti di previdenza atoministrati
presso la Cassa dei depositi e prestiti.

della

Il contributo ordinario

alla Cassa di providena,, da
parte di tutti gl'impiegati tecnici indicati nell'aÞticolo
precedente, à costituito dalle ritemite del 6 per cento
operate e da operarsi sulle loro retributioni, con itsebva
però dei diritti dello Stato sulle ritenute pei gebiti dei
tecnici catastali straordinari riguardo ai lavori da essi
eseguiti, a' sensi e per gli effetti dell' articolo 235 del
Regolamento 20 gennaio 1898, n. 118, e dell'articolo 137
del Regolamento 26 gennaio 1902, n. 76.
Il contributo dello Stato a favore della Cassa ð stabilito nella misura del 4 per cento
ella retribuziorie
mensile liquidata a ciascuno degl'
straordinarî

impiegati

inscritti alla Cassa

legge

7

luglio 1902,

coi quali è autorizzata l' istituzione presso la
dei
Cassa
depositi e prestiti di una Cassa di previdenza
per gli impiegati tecnici straordinarî gil'Amininistran.

prestiti,

Art. 2.

-

Bollettino meteorico

e

Concorsi.

Senato del Regno e Camera dei deputati: ßedute del 7 febDiario Estero
braio
Esposizione di wiinno 1905
Notizie varie
Telegrammi dell'Agenzia Stefani
-

finanziari, con le
sito Regolamento

NON UTFIOm.E

-

eff'etto dal

Cassa di previdenza a conti individuali, combinati
la mutualità, per gl' impiegati tecnici straordinart

dell'Amministrazione del

e

1.

L'ammontare
fondi

medesima.
di Mb contributo

sarà

prelevat& ddi

stanzki in bilancio þer le spese felttive alÏd'brzione e cònservaziohe del catasto.
Ordiniamo che il presente decreto, munito del sigillo

GAZZETTA UFFICIALE DEL REGNO D'ITALIA

554

dello

sia inserto nella Raccolta ufficiale delle

Stato,

Regno d'Italia,

dei decreti del

e

spetti

di osservarlo

Dato

di farlo

e

mandando

1903.

Re,

decreto

che

il

E.

Ministro

dell'Interno

a

in udienza del 18

scioglie

gennaio 1903, sul
Consiglio comunale di

il

Cosenza.
SIRE I

CARCANO.

Le dimissioni

Dr BROGLIO.
:

S.

4. M. il

VITTORIO EMANUELE.

Visto, 12 Guardasigilli

di

Relgzione

osservare.

Roma, addì.18 gennaio

a

legg

chiunque

a

nella seduta del

Cocco-OnTU.

crisi

una

del

Sindaco

4

settembre

Cosenza, accettate dal Consiglio
ultimo, segnarono il principio di

di

qualche tempo

da

latente, ed

ora

divenuta irrimedia-

bile.
'

II Numero 17 della Raccolta
del

Regno

delle leggi

ujjieiale

e

dei decreti

contiene i3 seguente decreto:

VITTORIO EMANUELE III
per

grazia

di Dio

e

per volontà della Nazione

presento

sioni, delle quali il Consiglio prese atto nell'adunanza del 18

RE D'ITALIA

1902

termini dell'articolo 20 della

a

legge

25, allegato A;
seguito alla morte del Senatore Giuseppe Saredo, presidente della detta Commissione, il Presidente di Sezione che attualmente tiene la presidenza
del Consiglio di Stato, ha delegato il Consigliere comm.
Guala avv. Carlo, il quale gik esercita le funzioni di
vice-presidente della ripetuta Commissione; e che quindi
occorre sostituire al comm. Guala un altro Consigliere
di Stato quale componente della Commissione medesima;
Visti gli articoli 20 della legge suindicata e 7 del
23

gennaio

n.

Ritenuto che in

9 marzo 1902 n. 90;
Sülla proposta del 140stro Ministro
pel le Finanze ;

Eletto il

possibilità

nuovo

e

decretiamo

Segretario

comm.

avv.

Carlo Guala,

impotenza, quindi

spetti

Dato

a

Roma, addì 11

E doloroso

che in breve giro di tempo si debba addivenire al
seioglimento del Consiglio comunale di Cosenza, ma ormai
la situazione è giunta a tal punto da .non
potersi evitare questa
estrema misura, senza grave danno dell'Amministrazione
e del
terzo

pubblici
Ho

servizi.

pertanto l'onore

di

Consigliere

di Stato è

no-

munale.

VITTORIO EMANUELE III

grazia

di Dio

gennaio

per gli
Visti

del Nostro Ministro
Affari dell'Interno ;

proposta
gli

articoli 295

comunale

e

gio 1898,

n.

Ufficiale

e

Commercio

1903.

164

dei decreti del

delle leggi
seguente R. decreto :
Ministro d'Agricoltura, Industria
e

296 del testo unico della
col R. decreto 4

legge
mag-

;
e

decretiamo

;

Art. 1.
Il

Consiglio

comunale

di

Cosenza, è sciolto.

Il signor nob. avv. Giovanni Guicciardi è nominato
Commissario straordinario per l'amministrazione provvisoria di detto Comune, fino all'insediamento del nuovo

Consiglio comunale,

il

:

N. CCCCLXXVIII (Dato a Roma, il 28 dicembre 1902),
col quale si approva lo Statuto del Monte di Pietà
di Treviso.

e

Segretario di Stato

provinciale, approvato

a' termini di

Il Nostro Ministro
Raccolta

della Nazione

Art. 2.

Guardasigilli: Coooo-Òntti.

Regno contiene
Sulla proposta del

per volontà

e

osservare.

CARCANO.

La

sottoporre all'Augusta firma di Vostra
scioglie il suddetto Consiglio co-

Maestà 10 schema di decreto che

Sulla

VITTORIO EMANUELE.
Visto, Il

propria
consiglieri intervenuti declinarono il loro

mandato.

Abbiamo decretato

di farlo

rinunciare -stante l'im-

RE D'ITALIA

Ordiniamo che il presente decreto, munito del sigillo
dello Stato, sia inserto nella Raccolta ufficiale delle leggi
e dei decreti dúl Regno d'Italia,
mandando a chiunque
e

tutti i

:

di Stato.

di osservarlo

dovetto

Successivamente si tennero dai consiglieri diverse riunioni
prima ogni tentativo d'accordo rimase senza effetto, e
dopo due
infruttuose adunanze pubbliche, il Consiglio riconobbe la

per

minato Presidente della Commissione suddetta e in sostituzione di lui, quale componente della Commissione
medesima, è nominato il comm. avv. Carlo Sandrelli,

Consigliere

questi

vate,

di Stato

Articolo unico.
Il

Sindaco,

di costituire la Giunta.

Regblamento

Abbiamo decretato

no-

vembre.

Visto il Nostro decreto del 10 aprile 1902 n. 134 che
nomina il presidente e i componenti della Commissione

centrale, istituita

La Giunta, allora di pieno accordo col
Consiglio, nel lodevole
intento di scongiurare la temuta disgregazione della civica
rappresentanza, rimando la formazione della nuova Amministrazione
alla sessione autunnale.
Infatti all'apertura della sessione la Giunta
le dimis-

predetto

è

legge.
incaricato

dell'esecu-

zione del presente decreto.
Dato

a

Roma, addì

18

gennaio 1903.

VITTORIO EMANUELE.

ÛioLITTI.

GAZZETTA UFFICIALE DEL REGNO D'ITALIA

Relazione

di

S. M. il

8.

Ro,

E.

il

delt Interno

VITTORIO EMANUELE III

a

udienza del 18 gennaio 1903, sul

in

decreto che
Maida

Ministro

scioglie
(Catanzaro).

il

Consiglio

comunale

per

grazia

di Dio

e

di

Una recente inchiesta ha constatato che l'Amministrazione comunale di Maida procede assai male, ed ha accortato fatti gravissimi, specialmente a carico del sindaco, il quale, arbitro asso-

maggioranza consigliare, la guida a suo talento, rimanendo così libero da qualsiasi controllo. Egli non si perita di
trarre dalla carica illeciti profitti, partecipando ad appalti ed a
pubblici servizi.

per

voloath tella Naziono

RS D'ITALIA
Sulla

Smal

555

del Nostro Ministro

proposta

Segretario

di Stato

per gli Affari dell'Interno ;
Visti gli articoli295 e 296 del testo unico della legge
comunale e provinciale, approvato col R. decreto 4 maggio 1898, n. 164 ;
Abbiamo decretato

e

decretiamo

:

luto della

Infatti

solo risulta che per conto del Comune fornisce dalla
al poveri, ma gravi indizi lo fanno ritenere cointeressato nell'appalto dei lavori di costruzione della
strada di accesso alla stazione ferroviaria, mentre la sua cointesua

non

Art. 1.
Il

comunale di Maida, in

farmacia i medicinali

resseriza á

provata nel lavori

suppletivi

della

strada

mede-

8124.

Paro che egli abbia anche interesse personale nella gestione
dolla Tesoreria; circostanza questa avvalorata dal fatto che il titolare di detto ufBeio ha offerto in cauzione quegli stessi beny
che

immobili

ipotecò

a

il

sindaco

garanzia

medesimo nel

dell'Esattoria del

quinquennio 1888-1902
Comune di Curnega, da lui

l'ingente

somma

di lire

18159,19 per arrotrati

Il

Il servizio elettorale non funziona regolarmente, tanto ohe per
sovrimposte comunali rimangono ancora a risouotersi lire 5221, e
tutto il 1901 lire 2111,l7, escluse quelle del
per tasse comunali a
1902, le quali non furono esatte perchð l'Amministrazione non ha
anoors consegnati i rispettivi ruoli.

L'ingiustifloato ritardo nella percezione dei
depone sul cattivo andamento dell'ufRcio

tributi locali,
comunale,

men-

aggrava

le condizioni finanziarie dell'azienda, che non ha perciò potuto
far fronte al pagamento di debiti, che ascendono a liro 19579,15.
La poca o nessuna vigilanza del sindaco sul servizio esattoriale
accredita la voce che egli per il conferimento di tale servizio abbig conseguito indebiti ygntaggi; il che 6 lecito argomentare anche dal (atto che l'esattore rilasoio alla persona del sindaco cinquq cambiali di lire 200, pagabili ciascuna ogni anno del quin-

guggniq qsattoriale.
Indno per la biasimevole incuria di quegli amministratori gran
parto degli altri pubblici servizi sono lasciati in abbandono.
commossi dal Municipio di Maida
numerosi che non 6 possibile rimuoverli coi
sono
mezzi ordinari; ma à necessario che intervenga l'opera solerte ed
energica di un R. commissario, il quale, acoertate le responsabilita oivili e penali e riordinati tutti i rami dell'azienda comunale,
riconduos quel Comune in condizioni normali.

irregolarità
coal gravi e

e

gli

abusi

pertanto l'onore di sottoporre all'Augusta Erma di Voetra
Maesta lo sohema di dooreto che scioglie quëlla rappresentanza
IIo

municipale.

Gizzio

dottor

Micholo

ð

nominato

Com-

straordinario

per l'amministrazione provvisoria di detto Comune, fino all'insediamento del nuovo

Consiglio comunale,

a' termini di
11 Nostro Ministro predetto è

zione del
Dato

presente

decreto.

Roma,

addi 18

a

legge.
incaricato dell'esecu-

gennaio

1903.

VITTORIO EMANUELE.

.

G10LEFFI.

Relazione

di

E.

8.

il

Ministro

delf

Interno

a

8. M. il Re, in udienza del P

febbraio 1903, sul
decreto che proroga i poteri del R. Commissario
straordinario di San Pietro a Patierno

vigilanza

tre

signor

missario

fu mai portata sui conti consuntivi; ed invero basta rilevare che mentre il Consiglio comunale
nel consuntivo 1898 aveva stabilito il debito del contabile in lire
3708,03, il Consiglio di prefettura lo elovò alla somma di liro 47044,85.
nessuna

di Ca-

di censi e fitti.

Da sua parte l'Amministrazione non ha spiegata nessuna cura
per Pinoremento delle entrato patrimoniali, anzi quasi tutti i ûtti
dei beni immobili hanno subito una sensibile diminuzione.
Oltre di ciò

provincia

Art. 2.

assunta, e gestita nella qualità di collettore dell'attuale tesoriere
comunale di Maida. Questi però, per la colpevole tolleranza del
sindaco, non ha ancora prestata la prescritta cauzione, e, trasourando l'adempimento dei suoi doveri, non ha ancora riscossa

Le

Consiglio

tanzaro, è sciolto.

(Na-

poli).
Smst
AfBnché il Ît. Commissario di San Pietro a Patierno
possacona
termine il programma traccialogh dalla relazione che
accompagna il decreto di scioglimento del Consiglio comunale e

durre

specialmente
ministratori

acclarare le eventuali
e

responsabilità dei cessati amsistemazione finanziaria, alla fordei ruoli delle tasse, ed infino all'
appalto
ð d'uopo prorogare di due mesi la durata

provvedere

mazione del bilancio

e

alla

del dazio di consumo,
della sua missione. A ciò

l'onoro di sottoporre

provvede

all'Augusta

schema di dooreto che ho

lo

firma di Vostra Maestà.

VITTORIO EMANUELE III
per grazia di Dio e per volontA 44Ia Nazione
RE D'ITALIA

Sulla

proposta del Nostro Ministro Segretario di Stato
Affari
dell'Interno ;
per gli
Veduto il Nostro precedente decreto con cui

venne

sciolto il Consiglio comunale di
in provincia di Napoli;
Veduta la

legge

comunale

Abbiamo deoretato

e

San Pietro

provinciale

a

Patierno,

;

decretiamo:
Il termine per la ricostituzione del
Consiglio comunale di San Pietro a Patierno è
prorogato di due mesi.
e

ÓÁ¾ŽËÛA ܾIÓIALE DEL REGÑO D'1TALIA

$ðU

i

I

dott. Vincenzo

Il Nostro Ministro phoporienté 6 incaticato dell'esecuzione del presente decreto.
Dato

provinciali

dott.

Vincenzo, nominati médici

(L. 3500).

Personale del laboratorio di

Roma, addì 1• febht•«io 1903.

a

Barone

--

di 4a classe

o

VITTORIO EMANUELE.

-

micrografia

batteriologia.

Con R. decreto del 31 dicembre 1902:
Gorini dott. Costantino, assistonte, accettate le dimissioni dall'im-

GIOLITTI.

piego,

MINISTERO

DELL'INTERNO
MINISTERO

nel

Disposizioni fatte

personale dipendente

:

DI GRAZIA E

GIUSTIZIA E DEI

CULTI

Amministrazione centrale.
Con R. decreto del 28 dicembre 1902 :
Ceccato cav. avv. Maurizio, prefetto di 3a classe in dispañibilità,
richiamato in servizio.
Con RR. decreti del

1

gennaio

Disposizioni fade

-

Con RR. decreti del 28 dicenibro 1902:

Fischetti dott. Rosario, per
Quaranta dott. Federico, por merito
Stendardo d'Astato dott. Vincenzo, per anzianità
anzianita
Di Noja dott. Fedele, id. id., sottosegretari nomie merito
-

-

Mdgistratura.
Spallanzani Alfredo, udito:o addetto alla procura generale presso
la Corte

d'appello di Catania, a destinato ad esercitare le funzioni di vice pretore nel mandamento di Garlaseo con incarico di reggere l'ufficio in mancanza del titolare.
Do I ieto Vollaro Salvatore, uditore addetto alla procura generale
þresso

--

nati segretari

di 3a classe

De Lues dott. Rosario

-

(L. 2000).

De Crecchio dott. Gaetano, alunni nomi-

nati sottosegretari (L. 1500).
Gerbore barone
dalla 2a alla

Luigi, consigliere delegato

dott.

cav.

Giuseppe, ff. di sottoprefetto,
Gallença
merito, consigliere promosso dalla 2a slig ga
Della

Valle cav. dott. Corrado, ff. di

Tailttani

cay.

per anzianità e
classe (L. 1500).

sottoprefetto,

merito

per

per anzianità e merito,
dalla 3* alla 2a classe (L. 4500).

Sigismondo,

dott.

-

con-

siglieri promossi
merito, consigliere promosso dalla 4a
Boragna dott. Antonio, per
alla 3a classe (L. 4000).
Pace avv. Luigi fu Raffaele, per
Carena dott. Luigi, p .r merito
-

anzianità

merito

e

-

dott. Pietro, id. id.,

Iosa dott. Anfunso, id

segretari promossi

id.

Sähenini

-

Con RR. decreti del 1

gennald

1903:

vicocommissario di pubdea sicurezza
Paglieri
di la classe (L. 3030), nominato primo segretario di 2* diasse
dott. Edoardo,

cav.

(L. 3500).
Salles Alfredo,

nominato

segretario
trale (L. 2000).

nel

di

Ministoro della Marina

di

yiretore

le fililiioni di vico

pretore

Napoli,

à

destinato ad esercitaro

nel

nel mandamento di Satelli, còriíri-

Barone Doinenico, uditore addetto alla procura
Ce rfe d'appello di Napoli, o destinato in

titolãro.

generile

presso la

temporanca missiorie

pretore nel tiländamento di Martirgho, con itidentlità
mensile da detei•minarsi con decreto ministdriäle.
Fiorini Giuseppo, uðitdre addetto al ti·iburiulo oivile e
þenale di
Bologna, ð destinäto ad esercitare le funtioni di vice ptètbre
nel l° mandamento di Bologna.
Aliventi Do&enico, uditore addetto al tribunale civile e
di
di siee

Bologna, ð destinato

penale
pretore

ad esercitare le funzioni di

vice

nel 2° mandamento di Bologna.
Pandollini Artonino, vice pretore del 1° mandamento di
è tramutato alla 2a pretura urbana di Roma,

,

vicosegretario

d'âppello

carico di reggere l'ufficio in mancanza del

dalla 3^ alla 2a classe

(L. 2500).

la dofte

le funzioni di vice

mandamerito di Bagnone
óxi
incarica di reggere 1°uflicio in mancanza del titoläre.
Telesió Francesco Sãvei•io, tiditore addetto alla piocuia genorald
presso li Corfã d'appallo di Napoli, à destinato ad osár Úãrá

la classe (L. 7000).

dott.

cav.

promos.so

personale dipendente:

Coñ RR. decreti del 21 dicembre 1902:

1903

Zoccoletti cav. dott. iticcardo, primi
Pesce cav. dott. Angelo
nominati
di
la
capi sezione di 2a classe (L. 4500).
segretari

nel

Perugia,

JfINISTERO DEL TESORO

(L. 2000)

3^ classe nell'Amministrazione cen-

Direzione Generale del habito Pabbl166

Con R. decreto del 23 dicembre 1902:
Sasso dott. Carlo, in

aspettativa

per motivi di salute richiamato

in servizio.

tativa

Enlilio, sottosegretario, collocato in aspetdomanda, per comprovati motivi di salute.
Con R. decreli del 1 gennaio 1903:

dott. Paolo

Scabelloni

sua

a

Fietro Ismaele, consigliere di 3a classe, colcav. do't.
locato in aspettativa, per motivi di famiglia
Con R. decreto del 21 dicen1bre 1902:
De Nava avv. Paolo, consigliere di Ea classo, collocato a riposo a
sua domanda, per mianita di servizio.
Con R. decreto del 28 dicembro 1902:

Cucchiarelli

Battistoni

cay.

Beniamino,

consiglierg glelegato

di

la classo,

id.

ed avanzata eti.

Con RR. decreti del

prof.

vali dott.

dott.

Achillo

per L. 1000, al nome di Moreno Vittdrino fu Enrico niniorë dotto
la patria potestà della madre Audi·eis Ida fu
Giiiaeþþë, vädota
Moreno, domiciliata in Torino, fu così intestata
ëriöië ò¾i'àð
nelle indicazioni date dai richiedenti

Luigi
-

-

A' termini dell'articolo 72 del
si diffida

-

-

Carne-

Mercatelli

De-

Rogolamento

sul Debito

Pubblico,

chiunque

possa avervi interesse che, trascorso un mese
pubblicazione di questo avviso, ove non sieno state

prima
opposizioni

a

questa Direzione Generale,

si

proedderà

alla rettifica di detta iscrizione nel modo richiesto.
Roma, il 7 febbraio 1903.

Scalfati dott. Francesco

del

della rendita stessa.

notificate

18 dicembre 1902:

Sbriscia dott. Edmondo

þef
all'Amministfazioite

bito Pubblico, mentrechè doveva invece intestarsi a Moreno Mario
Aurelio fu Enrico, minore, ecc. (come sopra), vero
proprietario

dalla

Medici provinciali.

'Bavernari

RarTmcA »'INTESTAZIONE (ja ggggggggy
che la rendita seguente del Consólidittö 5
Oy0,
cioé: N. 1,032,032 d'iscrizione sui registri dellá Ditezidrie adriëtálä,
Si o dichiarato

Il l)irettore

Generale
MANCIOLI.

557

GAZßETTA FFFIŒALE DgL WWO þ'ITALIA
ËETTIFICA D'INTESTAZIQNE

Adelfo, fu coni iptestata per errpre occorse nelle indicazioni dato
dai richiedenti all'Amministragone del Debito Pubblico, mentrech6,
doveva invece intestarsi a Fiorentico Perla Gemma di Salvatore,

(ja Abblioqxiosse).

Si à dichiarato che la rendita seguente del Consolidato 5 Oi0 cioa.
N. I176123 d'iscrizione sui registri della Direzione Generale, per
L.

100, al

patria potestå

di Bondl Aron Adolfo, vera propris.taria della rendita stessa.
A'termini dell'articolo 72 del Regolament sul Debito Pubblico
si dißlda chiunque possa avervi interesso el e, trascorso un zeese
dalla prima pubblicazione di questo avviso, ove ylon sieno state
Direzione Generale, sí rocedera alla
a

moglie

Gaido Vittorio fu Giuseppe, minore, sotto la
della madre Rocca Maria-Angela fu Bartolomeo,

nome

di

vedova Gaido, domiciliata in Novi Ligure (Alessandria), fu così
intestata per errore occorso nelle indicazioni dato dai richiedenti
all'Amministrazione del Debito Pubblico, mentreella 4eyeya inyeee
intestarsi a Gaido Cario-Vi¢torio-Bartolomeo fu
mino-

yo,tificate

re, ecc., vero

opposizipui

queste

rettifica di detta iscrizione nel modo richiesto.

Giuseppe,

Roma, il 17 genpaio 1903.

proprietario

della rendita stessa.
Regolamento sul Debito Pubblico,
passa avervi interesse che, trasoorno an mepe

A' termini dell'articolo 72 del
ai difHda

i; Dirguore Generale

Per

ZULLRL

chinnque
prima pubblicazione

dalla
di questo avvine, nye non.giona..gtate
notificate opposizioni a questa Direzione Opnerale,pi
procedera.alla
rettifica di .detta iscrizione ed angotagipna nel modo richieste.

Roma, il

7 febbraio

MAKGIOLI.

RETripoA D'INTasrArgoNs (2 Pubblicazione).
cioè

:

dichiarato che la rendita seguente del Consolidato 4 010,
N. 03,411 d'iscrizione sui registri della Direzione Generale,

per L. 384 annue, al
nore, sotto la patria

nome

T,esorg (Portafoglig)

pei certilloati

Il presso medio delsambio
13 Direttore Generale

El 6

del

piggione 9pneralp

1903.

d'jmportmune a Bssato per

dei dasi doganali
braio, in lir,e 1ß0,11.

di pagamento
oggi, 9 feb-

Il prezzo del camliio che applicheranno le dogene
nella settimana dal 9 al 15 febbraio 1903 per daziati
non superiori a lire 100, pagabili in biglietti, è fissato
in lire 100,1().

di Cavallero Teresa

potesta

del

di Edoardo, inipadre, domiciliata a Chiavari

fu cosi intestata per errore occorso nello indicazioni
dai richiedenti all' Amministrazione del Debito Pubblico,
mentrooha doveva invece intestarsi a Cavallero Anna Teresa di

(Genova),
date

DJ

«GRICULTURA.

Edoardo, minore,

eco., Tera proprietaria della rendita stessa.
A' termini dell'articolo 72 del
Regolamento sul Debito Pubblico,

si diffida chiunque possa avervi
dalla prima pubblicazione di

interess,o phe, tr,ascorso up apose
quosto avviso, ove non sieno state
questa Direzione Generale, si procederà

opposijfonÌ

notificato
a
alla rettillaa di detta iscrizione nel modo richiesto.

Roma, il 28 gennaio 1903.
Il Direttore

INL. E

Divisione Industria

&ledig

cocal

dei

e

Commerefa

dei Consolidati

nelle varie Borse del

D'mTysTAzig19,

Regno,

7

Generale

febbraio

coptanti
e

il

1903

Con godimento
corso

Se aza oedola

Pubbli¢azione).

che

la rendita seguente del Consolidato 5 010,
oioð: N. 1,157,101 d'iscriziono sui registri della Dirozione Generale
pgr L. 1050, el nome di Pryce Llewlyn fu Luigi Riccardo, minore, sotto la patria potesth della madre Elisa Turner fu Giovpnni,

3
i

/, of,

net¢o

3 s¡, Lovg,

*/4

100,71 */4

*/

106,

1¾,W

102,37 '/,

100 37 */

99 18

97,43

71.63

TQ.43

COlkTCONSI

sul Debite Pubblico
che, trascorso un mene

si diRida chiunque possa avervi interesse
dalla prima pubblicazione di questo avviso, ove non sieno ptAto
notincate opposizioni a questa Diregipne Generale, si

IL MINISTRO
SEGRETARIO DI STATO PSI LAVORI PUBBLICI

preenderà

Viste le
Visto il
n.

5

874, 15 giugno 1893, n. 294, 22
n. 333;
1902,
luglio
Rogolamento approvato col R. decreto 13 settembre 1893,

loggi

agosto 1895,

Direttore Generale
MANCIOLI.

,

lo neno

Regolamento

Il

102,71

tor<to

-

Û0Il306À3tl

rendita stessa.

alla rettidea di detta iscrizione nel modo richiesto.
Wma, il På genngio 1903.

IAre

Lire
5

yedova di Luigi Riccardo Pryce, domiciliato in Napoli, fu cosi integíata per errore occorso nelle indicazioni dato dai richiedenti
all'Amzpinistrazione del Debito Pubblico, mentrechò doveva inVece intestarsi a Price Llewelyn fu Luigi Riccardo,
minore, sotto
la PAtng potesta delle madre
glisg Turner fu Giovanni, vegeva di
Luigi Riccardo Price, dogliciliato in lyapoli, verg proprietario della
A' termini 4ell'articolo 72 del

a

determinata faccordo fra

y

RETTirroA

nepniati

il Ministero ¶Agricolturå, Industria a Gormercio
Ministero del Tesoro (Divi.ione Portatoglio).

MANCIOLI.

Si è dichiarato

3"tMERCIO

n.

luglio 1882,

547,

e

n.

7

575;
Decreta:

RETTIFloi n'ipTasTAzzoNs (35 Pµbblieµiony).
Si à dichiarato che 14 rendita seguente del Gonsolidato, 50¡O
bl. 920043 £isorizione sui registri dolla Dirosione Danerale, por
L. 480, el nome di Fiorontino Gemme di Salvatore moglio di Bandi

Art.
E

aperto

l.

per esame a 10
R. Corpo 4el Qeaio civile: con
un concorso

og pel
glico,ttocanto.

posti di aiutanto
l'wauo ptipendio

di 3a
di lire

GAZŽËTTA UFFICÏALR

558

dieci potranno eil
che si renderanno vacanti in seguito, pur-

I concorrenti dichiarati idonei

nominati ai posti
chð abbiano riportato
sul massimo di 260.

mere

dopo

þrimi

i

complossivamento

non

aprile

180

mancassero, e non

alcuni dei documenti

prescritti.
Art. G.

il termine per la

pervenire

Compartimenti
Palermo, ed

avranno

e

1903.

L'esame orale avrà luogo presso il Ministero dei Lavori Pubblici nel giorno che verra fatto conoscere ai candidati con
appositi
477881,

le seguenti:
quali si svolgono gli osami sono
1° Componimento di lingua italiana e traduzione dal francese;
go Aritmetica ed algebra elementare, inclusa la risoluzione
Geomedelle equazioni di secondo grado ad una sola incognita
Trigonomotria rottilinea Teoria
tria elementare piana e solida
Le materie sulle

-

-

Art. 3.

dei logaritmi ed


Disegno

uso

delle tavole;

topografico ed architettonico:
piani a mezzo dello squadro agrimensorio,
Uso della stadia
tavoletta pretoriana

lineare

4° Rilevamento dei

della bussola

e

della

-

-

blici, unendovi i documenti qui appresso indicati:
a) certificato rilasciato dal Sindaco del luogo in cui il concorrento ha la sua residonza, dal quale risulti che il concorrente

Piani e curve orizzontali o

è cittadino italiano ;
b) certificato di nascita debitamente legalizzato, dal quale
risulti che il concorrente non ha oltrepassato il 30° anno d'oth
alla data del presente decreto;

cuzione;

ce d) certificati di moralità e di penalità di data non anteriore di due mesi al giorno in cui scade il termine per la presentazione delle domande, rilasciati rispettivamente dal Sindaco del
Comune nel quale il concorrente ha residenza e dal trihunale ci-

penale

avente

giurisdizione

nel

-

aver

adempiuto

alle

prescrizioni

della legge

debitamente

sulti che il concorrente è di
esente da imperfezioni fisiche

sana

e

legalizzato,

robusta

dal

quale

Leggi e regolamenti sul
specialmente delle boniñche.


patente

e

su

dovranno

es-

carta da bollo da 50 centesimi.

Potranno anche essere presentati, oltre ai predetti documenti,
dei disegni di costruzioni, purchè siano firmati dai professori e
vidimati dal direttore dell' Istituto nel

quale

il concorrente ha fatto

i suoi studi.
il

proprio domicilio

e

dichiarare in

quale

fra le citta indi-

ste all'art. E intendano di sostenere

gli esami scritti.
Non possono essere ammessi al concorso coloro che in due precedenti successive prove non abbiano ottenuto l'idoneith.
Art. 4.

n.

gennaio

Art. 5.

stero oltre il termine stabilito all'articolo 3,

pubbliche,

e

sotto l'osservanza delle

13 settembre

1903.
Il Mimstro
N. BALENZANO.

IL MINISTRO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE

Veduti gli articoli 17 nn. 1, 44 e 160 del Regolamento generalo
universitario, approvato con R. decreto 13 aprile 1902, n. 127;
Veduto il capo III del Regolamento medesimo;
Decretas

È aperto il concorso per professore straordinario alla cattedra
di illosofia teoretica nella R. Università di Palermo.
Possono prendere parte a qùesto concorso i dottori aggregati, i
libori docenti, gl'incaricati e coloro che in procedenti conoorsi per
professoro ordinario o straordinario siano stati dichiai•ati eléggibili.
I concorrenti dovranno far
in

carta

non

più

legale

pervenire

le domande di aminiséione

da L. 1,20 al Ministero della Pubblica Isti·uzione

tardi del 31 marzo 1903.

Non sara tenuto conto delle istanze che pervengano dopo quel
giorno, anche se presentate in tempo alle autoritå scolastiché locali o agli uffici postali o ferroviari.
Con la domanda ciascun candidato dovra inviare:

Gl'impiegati straordinari alla dipendenza del Ministero dei LaTori Pubblici, che avessero già compiuto un triennio di servizio
alla promulgazione della legge 15 giugno 1893, n.294, senza avere
posteriormente conseguito nessun posto di ruolo, saranno ammessi
al concorso, purché alla data del presente decreto non abbiano superato il 45* anno di età e posseggano tutti gli altri requisiti di
cui ai precedenti articoli.
Non sara tenuto conto delle domande che

opere

risultanti dal cap. III del regolamento
575, sul personale del Genio civile.

Roma, 26

Nella domanda di ammissione i concorrenti dovránno far conoscere

luogo

da

f, h, i,

ese-

8.

avranno

di

I documenti di cui alle lettere a, b, e, d,

delle

disposizioni

costituzione, ed è

attitudini.
stesi

servizio

Art.

ri-

infermitå;
perito agrimensore o di architetto o la licenza della sezione speciale di costruzioni o di fisico-matematica,
rilasciata da un istituto tecnico o di belle arti;
h) gli attestati speciali degli esami sostenuti, per tutti gli
anni di corso, negli Istituti tecnici ed in altre scuole superiori; le
prove degli studi diversi compiuti e dei lavori già eseguiti;
i) un breve cenno della pratica fatta dal concorrente nella
compilazione di progetti e nell'esecuzione dei lavori, con ogni altra
notizia che ritenga opportuna per far conoscere le sue speciali
la

g)

tracciamenti di

strade ferrate;

1893,

f) certificato medico,

e

pratica

di nascita del concor-

luogo

Rilevamento delle sezioni
sifone e a bolla d'aria;

delle costruzioni in generale, e sulle
qualità dei materiali, sulla costruzione e conservazione degli argini in terra, sulla manutenzione delle strade, sulle costruzioni
ferroviarie, sull'armamento e sul materiale fisso e mobile delle
6° Nozioni sulla

Gli esami scritti ed orali

e) certificato di
per la leva ;

quotati

-

trasversali
Livellazione col livello a
5° Tenuta delle memorie di campagna

rento stesso;

sere

esami.

presentarsi agli

a

-

intenda di presentarsi al concorso dovra, entro il 10
marzo 19 3, far
perveniro la relativa domanda in carta da bollo da
una lira al Segretariato generale del Ministero dei Lavori Pub-

e

la

Art. 7.

Chiunque

vile

dello domande, il Minicui istanza sark ricono-

presentazione

ai concorrenti

sciuta regolare, l'invito
del Ge-

del termine stesso,

prima

fossero inviati

punti
stero farà

Napoli

il 6

di

quali

Spirato

Art. 2.
L'esame è scritto ed orale.
Le prove scritte avranno luogo presso i
nio civile di Milano, Firenze, Roma,

principio

meno

3EL REGNO D' ITALIA

pervenissero al Mininè

di

quelle

per le

a) un'esposizione della sua vita scientifica, contenente la
specificazione di tutti i suoi titoli e delle sue pubblicazioni, con
l'indicazione dei principali risultati ottenuti;
b) i titoli e le pubblicazioni predette, queste ultime, possicopie non minore di 16 per farne la diRegolamento;
c) un elenco dei titoli e delle pubblicazioni medesimo, in
carta libera ed in numero di 16 esemplari;
d) un certificato della segreteria dell'Università od Istituto
universitario, a cui il candidato appartiene' comprovante la durata
bilmente, in

numero

di

stribuzione ai termini del

GAZZETTA UFFICIALE DEL REGNO D'ITALIA

Oß9

I

dell'insegnamento
privato.

da lui

I concorrenti che

non

impartito sia

a

titolo ufficiale sia

appartengono all'insegnamento

a

titolo

governa-

tivo, debbono, inoltre, presentare il certificato penale di data
Anteriore al 1° gennaio 1903.
Non sono ammessi i lavori

pubblicazioni
scadenza del

o

manoscritti, e non saranno accettate
che giungano al Ministero dopo la

di esse

parti

non

concorso.

I candidati dichiarati

eleggibili dalla Commissione, i quali non
d'insegnamento effettivo universitario, a qualsiasi titolo, saranno soggetti ad una prova orale.
La stessa prova potrà essere indotta dalla Commissione
per tutti
i candidati, quando essa lo creda opportuno.
comprovino almeno

triennio

un

Roma, addi G febbraio 1903.
Ti 2tfinistro

l

NASI.

prendere parte a questo concorso i dottori aggregati, i
liberi docenti, gl'incaricati e coloro che in precedeng concorsi
siano stati dichiarati elegper professore ordinario e straordinario
gibili.
I concorrenti dovranno far pervenire le domande di ammissione,
in carta legale da L. 1,20, al Ministero della Pubblica lstruzione
Possono

più tardi del 31 marzo 1903.
Non sara tenuto conto delle istanze che pervengano dopo quel
giorno, anche se presentate in tempo alle Autorità scolastiche lonon

cali

o

agli

uffici

postali

bilmente in

IL MINISTRO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE

c)

nn.
1, 44, e 160 del regolamento
gli
ale universitario, approvato con R. decreto 13
aprile 1902,
Veduto il capo III del regolamento medesimo;

articoli 17,

genen.

127;

di

numero

R. Università

straordinario

siano

stati

dichiarati eleg-

I concorrenti dovranno far
pervenire le domande di ammissione
in carta legale da L. 1,20 al Ministero della Pubblica Istruzione
non più tardi del 31 marzo 1903.
Non sark tenuto conto delle istanze che pervengano dopo quel

giorno, anche se presentate in tempo alle
cali o agli uffici postali o ferroviari.
Con la domanda ciascun

in numero di

stribuzione ai termini

c)

prescritti

elenco dei titoli

un

minore di

non

e

scadenza del

parti

di

esse

che

16,

per

e non saranno

giungano

al

accettate

Ministero dopo la

concorso.

eleggibili dalla-Commissione, i quali non
d'insegnamento effettivo universitario, a qualsiasi titolo, saranno soggetti ad una prova orale.
La stessa prova potra essore indetta dalla Commissione per tutti
i candidati, quando essa lo creda opportuno.
almeno

un

triennio

Il Ministro

I candidati dichiarati

universitario, approvato
Veduto il capo III del

I, 44

n.

con

e

160 del Regolamento

Regolamento

di economia

il concorso per

politica

nella

aprile_1902,

n,

127;

non

triennio

Roma, addl 3 febbraio 1903.
Il Ministre

N. NASL

3

PARLAMENTO NA2IONALE
SENATO

alla

DEL

RESOCONTO SOMMARIO

--

REGNO

Sabato 7 febbraio 1908

Presidenza del Presidente SARACCO.
La seduta è

aperta (ore 15.40).

ARRIVABENE, segretario, legge il processo verbale della tornata precedente, il quale viene approvato.
Segeeito della discussione del progetto di legge : « Assunzione diretta dei pubblici servizi da parte dei comuni » (N. 151).
PRESIDENTE. Ricorda che nella seduta di ieri venne chiusa la
discussione

la

generale, riservando

parola

al

relatore ed al mi-

nistro.

MEZZANOTTE, relatore. L'ampia ed

grandemente agevolato
esposte tutte le ragioni pro

nuta ha

Si limita a

quelle

il
e

contro il

sole considerazioni

obbligo

elevata discussiono avvedel relatore, essendo

compito

progetto.

complementari

e

riassun-

del relatore

Sull'assunzione da parte dei Comuni dei servizi pubblici munila relazione ha già fatto palese il pensiero dell'Ufficio cen-

cipali,

opposte teoriche, un concetto medio.
disconosce che in certe condizioni possano
derivare inconvenienti dall'assunzione di pubblici servizi da parte
dei Comuni, ma non può non riconoscere che vantaggi se ne pos-.
trale che

rappresenta,

L'Ufficio centrale

:

straordinario
R, Universita di Siena.

professore

generale

medesimo;

Decreta

È aperto

13

R. decreto

un

Delle fatte obbiezioni le une toceano il disegno in så, le altre
riguardano il metodo, che il progetto non crea, ma regola.

IL MINISTRO DELLATPUBBLICA ISTRUZIONE
articoli 17,

quali

dalla Commissione, i

eleggibili

d'insegnamento effettivo universicomprovino
orale.
tario, a qualsiasi titolo, saranno soggetti ad una prova
La stessa prova potra essere indetta dalla Commissione per
tutti i candidati, quando essa lo creda opportuno.
almeno

tive che sono di stretto

NASI.

3.

gli

esemplari:

pubblicazioni

state

Roma, 3 febbraio 1903.

Veduti

in

gennaio 1903.
Non sono ammessi i lavori manoscritti, e non saranno accettato
al Ministero dopo la
o parti di esse che giungano

farne la di-

I candidati dichiarati

comprovino

medesimo,

appartengono all'insegnamento governativo, debbono, inoltre, presentare il certificato penale di data non

dal regolamento;
delle pubblicazioni medesime, in

anteriore al 1° gennaio 1903.
Non sono ammessi i lavori manoscritti
o

e

16

PARTE NON UFFICIALE

carta libera ed in numero di 16 esemplari;
I concorrenti che non appartengono all'insegnameuto governativo, debbono, inoltre, presentare il certificato penale in data non

pubblicazioni

di

Autorità scolastiche lo-

candidato dovrà inviare:

copie

titoli

numero

di 16 per farne la di-

dal regolamento;
delle pubblicazioili

prescritti

dei

nii.nore

non

I concorrenti che non

a) un'esposizione della sua vita scientifica, contenento la
specificazione di tutti i suoi titoli e delle sue pubblicazioni, con
l'indicazione dei principali risultati ottenuti;
b) i titoli e le pubblicazioni predette, queste ultime, possibilmente,

copie

scadenza del concorso.

Possono prondero parte a questo concorso i dottori aggregati, i
liberi docenti, gl'incaricati e coloro che in precedenti concorsi
per
o

elenco

un

carta libera ed in

alla cattedra

di Catania.

ordinario

:

anteriore al 1°

T>ecrcta:

È aperto il concorso per professore straordinario
di patologia speciale chirurgica dimostrativa nella

professore
gibili.

ferroviari.

a) un'esposizione della sua vita scientifica, contenente la
specificazione di tutti i suoi titoli e delle sue pubblicazioni, con
l'indicazione dei principali risultati ottenuti;
b) i titoli e le pubblicazioni predette, queste ultime, possistribuzione ai termini

Veduti

e

Con la domanda ciascun candidato dovra inviare

cattedra

sono

fra le

non

ritrarro, date certe altre condizioni.

560

GAZZETTA UFFICIALE DEL REGNO D' ITALIA

Nessuno può calcolare
valenza dei danni sul

formula matematica

con

v£ÃlaggÌ

e

quale

vicÈÄÈt

6 iarie condizioni dÃi Göniani debbono
valutare i danni ed i vantaggi.

È

sia la pre-

-essere

ben

vagliate per

sperimentale

è il

migliore,

utile la sí adotta,

può essere
appalti.

ove

si

no,

la

municipalizzasistema

il

segue

rovina è

auna

conducono in economia ed altre in

centrale ha esaminato

pubbÉci

servizi

provincie

procedano

como

realmente i vari

munÏàiþii, e dal dati ricevuti, riisalta che nes
derivata ai municip'ii, anchq se hon procede regonei

lirmente, dall'rseroisio diretto del pubblici servizi.
Uita ad esempio il serviÃo Zel gaz e degli acquedotti in vari
Comuni del Regno, is dimostra come essi diano una vera utilità
ad alduni'mwÏëlpii, mäntre in altri questi utili non danno.
Ma ció non vuol dire che la municipalizzazione debba esser negata

a

Quanto al riscatto,

sere

eccezione, l'assunzione

Si ð detto che

esso

incita

questa

a

lo dimostra argomentando che

pubblica

ed il progetto

non

fa

la

Dungtte

si deve solo esaminare

per la estensione,
Blone dei pubbliei servizi.
e

Esamina l'articolo 1 ed

nicipalizzazione;
zioni

sono

esso

è

se

il

correggerla,

fre-

progetto provveda adeguacaufele, alla municipalizza-

osserva

che limita le facoltà della

però solo dimostrativo

tassative, ed-alcune assunzioni

di servizi

Îaeolta

come

nè le sue

portata Exi'articolo

difBcoltà della,
della ½gge

stesso

e

mu-

disposi-

pubblici

ivi

date ai comuni per

stabilîre il calmiere; ad
esengto I i forni, i macelli,
la

esso

abbia la

sua

più

appliopione.

esatta

Dopo cið si augura che il Senato sark per dare voto
al progetto di legge.

favorevole

Presentazione di progetti di legge.
CARCANO, ministro delle finanze. Presenta due disegni di legge
por approvazioni di eceedenze d'impegni nei due bilanci del Ministero di

grazia

giustizia

e

del

e

fondo di beneficenza dellacittàdi

Roma.
trasmesse alla Commissione di finanze).

della discussione.

Ripresa

GIOLITTI, ministro dell'interno.

Dopo

la

completa

ed efficace di-

tore, il

progetto di legge e ritennero non sufficienti i freni poparlerà nella discussione degli articoli, ma fin d'ora
dichiara che il freno più efficace è quello della Commissiono Reale
perchè ò sottratta a tutte le passioni locali.
Quando si parla del referendum come di un principio nuovo,
non si dice cosa giusta, perchè gli eletiori non sono chiamati che
zioni del

sti. Di cio si

oléricafi, däßh no considerarsi
Spiega

alle

cómpito suo è di molto ridotto, ma crede di dover chiarire
gl'intendimenti ed i fini del Governo nel presentare il disegno di
legge.
I senatori di Camporeale e Gabba non furono avversi al sistema
dell'assunzione diretta, ma si mostrarono diffidenti delle disposi-

inalvearla,

per le

e

detto il senatore Luchini,

assunzione ; ora cio non è
già e nell'opinione

servizi

narla.

ta¤lehte,

ha

pub-

dei

corrente

che

fg-

fesa del progetto di legge fatta dai senatori Carta-Mameli, Rossi,
Lucchini Giovanni e Luchini Odoardo e dopo il discorso del rela-

diretta

blloil
e

dopo quanto

risposto

aver

vigilante percha

(Sono

canie

ha richiamato

ogni risposta all'articolo relativo.
principali obbiezioni mosse el progetto, e di aver espresso il pensiero dell'Ufficio centralp.
L'Ufficio centrale à convinto che il progetto sia adAtto all' ora
presente; ma sente il dovere di raccomandare al Governo di es-

tutti.

Ina

accur,ato 49,1

Commigsipne

rimandare

opportuno

Crede di

Il progetto non crea,nonimponel'esercizio diretto: essosifonda
assolutamente sul metodo sperimentale e stabilisce non come re-

gelai

della

tenzione del Ministero.
crede

che alcune

appalto.
siL'UfRoi

rimane l'esame

ma

l'approvazione

Reale.

degli

R sistema tenuto pei munioipii à quello che si segue anche per
le provincie, per il mantenimento delle strade, pei manicomii, pei

brefotrofi,

occorre

$u questo argomento l'Ufficio centrale anzi
dove

e

pregiudiziale,

tanto vero che

.

meglio

Il inetodo

tolta la sola

merito;

a

ecc.

dice che esso

toglie ogni

dichiarare

si vuole assunto dal comune un dato servizio.

se

Avversari decisi del

principio

del

progetto

di

tra le loro

legge furono i seopposizionivihuna

interpretazione e soggiunge
vigente è identica all'esensione del progetto di legge.
Quanto ulle cautele osserva che oggi il Consiglio comunale può
deliberare l'assunzione diretta dei pubblici servizi; soltanto l'autorizzazione non ð data öhä dal prefetto; invece col progetto in
esame la deÍiberazione comunale deve essere
doppia, e presa a

natori Ginestrelli e Oitelleschi,

ntaggioranza; occorre il parere
strativa, quello favorevole della

deploro che acquistino troppa forza i pardeplora anche l'oratore, ed osserva che il partito
liberale non può mantenere la sua supremazia, se non si mette
alla testa del vero progresso. Un partito che volesso conservare

sua

che la estensione

della Giunta provinciale amminiCommissione Roale e in ultimo il

voto dei cittadini elettori.

Ma la funzione dei
derata

come

un

cittadini deve essere

freno;

non

entra

a

semplicemente consireferendum

discutere del

punto di vista politico. Il senatore Ginestrelli ð contrario, come egli ha detto, alla modernitå, al governo delle masse.
In Italia, osserva l'oratore, non si pub più parlare di un governo
oligarchico; perfino il partito clericale dichiara che vuole il prodifferenza dal

gresso.
Il senatore Vitelleschi
titi

estremi;

lo

tutto come è, non

potrebbe vivere,
prendere

perchè il progetto non ne ha i veri caratteri; infatti non vi ha
inizÏativa privata, non dÏseussione.
le agávolazioni piû gravi si è detto, concesse col progetto, sono
quell cËe figuardano i debiti e le imposte.
Ora, osserva che bisogna distinguere le spese che occorrono per
un esercizio, daÍle speie di
inij)ianto per un determinato ser-

tito liberale consista nel

VlZIO.

ma

Il debito

è

costituito

dal servizio, non dalla forma o dal me-

todo dell' esercizio; questo avvenne anche in Inghilterra. Il debito è determinato dal servizio, cui si vuole provvedere.
Per le agevolazioni, per i mutui con la Cassa depositi e prestiti nota che non si fa che parificare la durata dell'ammortamento

a

quella

stabilita

pei

debiti

comunali

e

provinciali,

ma

sempre nei limiti della Cassa depositi e prestiti, ed in ciò si unisce alle osservazioni fatte dal senatore Carta-Mameli.
Nota che nessuna facilitazione si da per le imposte, perchè si

ma

popolari;

se

se

Crede che la vera forza del parin mano il gov.erno delle masse

separa, esse cadono

ne

o

in mano dei socialisti, o

dei clericali.

Osserva, in merito al progetto di legge, che le obiezioni prindal supposto che con esso s'inizii una novita. Ora la

cipali partono

legge

attuale consente che i

lo consente senza alcun

questa

comum

assumano

freno; invece

il

i

servizi

pubblici,

progetto regola

tutta

materia.

La necessità della

pubblica spinge

legge sorge dalla circostanza che l'opinione
i comuni ad assumere i servizi pubblici.

Il senatore Vitelleschi disse che sarebbe bastata una

leggina,

e

il senatore Itossi

aggiunse che il titolo della legge fosse stato più
progetto sarebbe parso più accettabile a molti. Se così

modesto, il
avesse fatto, il senatore Vitelleschi forselavrebbe detto: ma come
mai introducete una novità così importante, con una leggina ?
Ora

ogli

crede

che

la

piccola leggina

deve dimostrare prima che l'assunzione dei pubblici servizi è
stata proncua ai fini dell'amministraziorie pubblica o per alle-

Vitelleschi sia appunto in discussione:

viare i contribuenti.

sarebbero

quantità

minore di freni,

più

forti.

e

gli argomenti

desiderata dal senatore
se

essa

contenesse una

del senatore Vitelleschi

501

GAZZETTA UFFICIALE DEL REGNO D' ITALIA

Nega che la leggo
leggo socialista.
Si associa
resto che il

a

si

ispiri

al sistema

collettivista

cib che disse ieri il sonatore Lucchini

e

sia

Giovanni;

una

del

\
|

che la Cassa

Rileva:poi

depositi

e

prestiti

doiservizichointeressano il cittadini,
non gli pare possa considerarsi como collottivismo.
11 dire che sia collettivisrao cio che o seguito a Vicenza, crede

della

sia trasfortnace l'uso della

concessioni fatto da Comuni nell'interesse del

comune

Tanto il senatore
che ogli presentò la

assuma

parola.
Vitelloschi, quanto

il senatore

Gabba dissero

legge

Cysa depositi

ammessa

il

già

Spiega la genesi del progetto, che tendo a difendere i comuni
dalle più avido esigenze degli appaltatori dei pubblici servizi.

prima

bon altro di cio che

progetto contiene; per esempio volevano i servizi gratuiti, l'azione popolare per prima cosa, la soppressione della Commissione
Reale, la soppressione della ingerenza dei prefetti, ed altro; ma
poi finirono per votare contro la legge.
Il referendum ha dato luogo a gravi accuse per parte dei senatori Vitelleschi e Ginistrelli. Nota che il referendum era già
stato adottato con ottimi risultati in Lombardia e nel Veneto dal

Governo austriaco.
Il dire che sia metodo rivoluzionario l'invocare
voto per l'assunzione

di

municipale

dato

un

dai

servizio,

cittadini il

gli

sembra

troppo esagerata.

cosa

argomento

contro il re-

ferendum.
Egli disse che nel 1897 il Senato non accetto il referendum
presentato dal Ministero Itudini, perché non era temperato da freni
sufBolenti. Ora sembra all'oratore che

si possa diro che il profreni sufBcienti.
non

di legge attuale non contenga
Se 11 senatore Gabba dimostrasso che si

getto

legislazione

il

referendum

con

pub introdurre nella
maggiori Karanzie, e61i sí dichia-

rerebbe vinto.

popolo

il

voto, dopo il parere della
Giunta provinciale amministrativa e della Commissione Reale, per
l'assunzioile diretta di dati servizi comunali f disse il senatore
Gabba. È ovidente, per conoscore quale sia l'opinione popolaro.
Si é detto che del

referendum

suo

sarebbe

bene

farno oggetto di
lo riproporra.,ben difBcil-

grando legge, ma egli tome che se
potra fare assegnamento sui voti dei senatori Vitelleschi
e Gabba (Si ride).
Crede sia bene in questa materia procedere per gradi. Afferma
che sara sempre utile aver sott'occhio un esperimento, prima di
proporre per legge il referendum, como regola assoluta.
una

mente ai

Quanto alla divisione dei Comuni in classi, desiderata dal

sena-

tore Ginistrelli, osserva che vi si oppongono difficoltà intrinsecho
ed estrinsecho che enumera, a parte la questione dell'amor pro-

del câmpanilismo.
Coriviene poi col senatore Carta-Mameli che l'amministrazione
comiinale nori potrebbe esercitaro liene un'industria. Ma il progetto ha il doppio scopo di facoltizzare 1°osercizio di
scro

pubblici

vizi e di

regolarizzarli:

Pirecchi

olettorale;
catio

oppositort

non

di esercitare delle

tomono che il

ora nota che ciò

può

pedire gli abusi,

a

un

essero

appunto ad imservizio pubblico non

tende

partito.
perda nella gestione di

Il caso di un Comune che
non

potrå avvenire, perchè il Governo ha

un servizio
la facoltà di

ordinarne la cessazione.
Osserva
una
non

in mutui ai

tounicipi ò.giqqrg.
la rottura dei contratti ð

riseatto, che

legislazione, Qui nota.che ai.tratta.di

pubbbco; del resto
quostione sta piuttosto
provveda adeguatamente

progetto, nell'articolo 25
egli crede sia, come, digiostra.

Quanto ai reclami afferma che essi vennero presentati contro la
redazione dell'articolo 25 non contro l'attuale,
Del resto nota che sull'equa indennità giudicano in ultima

istanza tro arbitri, nominati dal

presidento

amiehevoli compositori.
Discutendosi l'articolo 25 dirà

della Corte

d'appello,

come

ragioni

altre

in

sostegno delle

in esso contenute.

disposizioni

Quanto al dubbio sollevato dall'Umoio contrale sull'articolo 25
cioè: che cosa avverrà quando i terminisianostatipattuitiinun
dato contratto, e ad essi vengano sostiti i termini prescritti nell'artie

colo 25, se quelli sieno più ristretti di questi, dice che il concetto della
legge à stato di creare un rimedio agli inconvenienti derivanti.da
concessioni fatte por tempo soverchiamente esteso, ed ha stabilito
det termini prudenziali nell'interesso dei Comuni.

poi

giorno dell'Ufficio centrale

di accettare l'ordine del

riconosce che le nostro finanze non saranno definitivamente

perchè

sistemate finché

i

pesi dei Comuni

equamente ripartiti

delle

e

provmete non siano

fra tutti i cittadini.

Risponde poi ad una raccomandazione dell'Ufficio centrale ,per
ciò che riguarda il Regolamento. Non era possibile portare nella
legge tutto ciò che si riferisce a numerosi servizi pubblici, quindi
nel Regolamento sarå sua cura di comprendere tutta questa parte
delicata e diflicile. Il Governo potra essere rimproverato di avere
messi
freni, ma non di averne messi pochi. Crede che l'ay-

poi che poichè i servizi pubblici glovano per lo pit'i ad
parte della popolazione, il pericolo che divengano gratuiti

la corruzione; ma

zione diretta dei

questa

è meno

pubblici servizi,

si presta

legge
possibile appunto

come

dimostra.

con

a

cata in

dipenderå

Il senatore Vitelleschi

salto

un

dal modo

come essa

sarà

appli-

principio.
nel

nel

buio;

disse
buio

che
ci

con

questo progetto facciamo

siamo ora

perchð

non

abbiamo

i
per garantirci che i Comuni, che hanno assun‡o
tecnici
11
e
abbiano
mezzi
finanziari
i
adeguati.
pubblici servizi,
tenebro fitto.
progetto tende a portar la luce ove ora sono
Crede, contrariamente a cið che disso il senatore Vitelloschi,
che il progetto sia un primo passo, non può ammettere che debba
nessun mezzo

essere

ritirato

presto.

L'esperienza proverk una cosa: che i freni sono troppi;,ma è
da questa
certo che l'opinione pubblica è nell'indirizzo segnato
deve essere dila
tendenza
pubblica
dell'opinione
soltanto
legge;
seiplinata;

ma

opporsi

ad

essa

è assolutamonte

impossibile.

partito che si mette contro la maggioranza della volonth popolare à un partito che segna il principio della sua decadenza
Il

(Approvazioni).
GABBA. Per fatto

progetto

di

legge

personale
sia stato

osserva

che non ha detto che queal ministro dai socialisti,

ispirato

che potra essere sfruttato da essi.
Rettifica poi alcune osservazioni attribuitegli dal ministro cirea
delle disposizioni dell'articolo
il referendam, e circa la portata
1641 del codice civile
una lunga lettera, di un
Quanto ai reclami, dice che ha avuto
intorno alla parte
considerazioni
insiste
con
cui
in
Senatore belga,
si rigerva di
della legge che si riferisce ai riscatti, e che l'oratore
articoli.
accennare nella discussione degli
1.
PRESIDENTE. Dà lettura dell'articolo
servizi contemplati in queDI CAMPOREALE. Nota che vari dei
ma

favoriro

servizio pubblico, ma invece
sto articolo non hanno il carattere di
di una vera industria e perb di una vera concorrenza agli

l'assun-

industriali.

esiste.

Si è detto da taluno che il progetto di

venire di questa legge

sto

possa servire di arma
avveniro anche oggi perchè man-

che, ciò che devo

divetiti il servizio di

industrie.

progetto

i froni cho vi sono riel progetto, che

pubblico,

di

pubblici,
capitali

troppi

Perché si domanda al

prio

obbligo

il che

indennith;

alle

Dichiara

11 senatore Gabba ha trovato un altro

ha

riscatto è indiscutibile; la

del

principio

al

dalla nostra

nel vedere se il

Del resto i socialisti alla Camera chiesoro

prostiti

e

Osserva poi quanto

per considerazioni parlamentari.
Assicura che la legge è assolutamente di sua iniziativa personale, e non l'ha presentata aflatto per far piacere ai socialisti.

il

non

fare prestiti ai Comuni allo scopo di assumere i servizi
ma ne ha la facoltà
dintostra che l'investintento dei
e

quello
Na

trascura

queste parte,

e osserva

che l'elenco affermato

come

562

GAZZETTA UFFICIALE DEL REGNO D' ITALIA

dimostrativo ha in sð il pericolo di esser compreso nell'elenco dei
servizi che non hanno a che fare coi veri servizi pubblici.
Vi sono vari servizi elencati, poi quali si dice che
può però assumere con diritto di privativa; cið pub
che gli altri servizi restino esclusi dalla privativa.

il Comune li

dell'amministrazione comunale puð esser buono e quindi accettabile; pereið sarebbe bene s'introducesse nella legge una definizione per impedire gli abusi che il Comune potesse commottero,

far supporre

pur

Particolo non ha che un valore dimostrativo, chiedo
bia il concetto che della privativa ha il Governo, o quali

poiché

Ma

quale

altri sei•vizi

potranno

essere

assunti

con

diritto di

ministro dell'interno. I rofitta dell'occasiono per riad un'osservazione del relatore, che aveva dimenti-

Il relatore

ha

assumero

chidsto se possa il Comuno per effetto di
il servizio della panificazione.

legge potrebbe essere questa: servizio pubpubblico e il Comune potrà assumerlo
quando l'interesse pubblico l'esige. Lascia al senatore Gabba di
dire se una tale definizione aggiungerebbe qualche cosa al pro-

questa

getto.
In merito osserva che il
minare
teresse

i servizi attualmente

comprende

si stabilisce per i Comuni il diritto di privativa, e domanda
ouesto diritto possa estendersi ad altri casi.
Itisponde assolutamente di no, giacchè il diritto di privativa
si

ottenere che per logge, e percio nell'articolo I sono
per cui i Comuni possono avere il diritto di

puð

stabiliti i servizi

privátiva.
il

concetto

svolto dal senatoro

Di

Campo-

Teale.
Nota che la

legge

si fa, non per constatare il fatto,

per di-

ma

aciplinarlo.
Non comprende quali siano i servizi pubblici determinati dall'articolo l che pub considerarsi como una vera petizione di prinexpro.
Vi è in osso

parte dell'azienda.
Non propone emendamenti,
stabilisse

qualcosa

di in leterminato che

gli

sombra

un

normali,

potrà degenerare in una vera
privata.
Prega il Senato di ponderare bene
relatore ed al ministro

e

chiede

si

il senatore Luchini, ma nella discussione si trovò che era

parlato

Riconosce pero che questa materia deve

chiarimenti al

se

concorrenza

l'industria

per

legge

cosa

sarebbe

o

volessero ben definire

comunale

provinciale.

quali

Bisogna

pubblico

sia compreso nel territorio del comune,

cio della

generalità.

grato

siano i

che
e

il

vada

si

al

ser-

de-

servizio
a

Camporeale

Tutto il resto a questione d'interpretazione.
Quanto ai forni normali, conviene nella spiegazione datano

dal

GIOLITTI, ministro dell'interno. Spiega il perché venne modificato il testo primitivo del progetto all' articolo I,
specie per cio
che riguardava i forni normali, che vennero cosi denominati
per
esattežza di dizione e per togliere ogni dubbio d'interpretazione.
DI CAMPOREALE. Ringrazia il ministro della risposta

fattagli

domanda se, ove il pane sia dal Comune venduto
a
prezzo inferiore al costo, vi sia nella legge una
disposiziono che ciò impedisca, a tutela della libera concorrenza.
e

GIOLITTI, ministro dell'interno. Il pericolo cui accenna il senatore Di Camporeale esiste attualmente e il progetto cerca di ovvarie

disposizioni
che

che l'oratore

incominci

1 esercizio

enumera.
o

dopo

ll

rimedio

che o

già

o

av-

viato.
GABBA. Osserva

che

un

piano

cepito

nel

finanziario dal

Svolge

il

suo

emendamento che o così

«

La deliberazione deve indicare mediante

sito progetto tecnico

finanziario i

e

mezzi

con

cui

appo-

s' intende far

fronte alle spese per l'impianto e per la gestione del servizio che
vuolsi assumere e deve altrosi essero allegato il regolamento spe-

eiale dell'azienda, di cui al precedente articolo 3,
apposita deliberazione del Consiglio comunale ».

approvato

con

Dice che esso non ò che

si

uno spostamento di articolo.
Prega il Senato di considerare l'articolo 3 gik approvato, in cui
svolge tutto il programma del servizio pubblico che si vuolo

affidare al Comune.

Dimostra
rato

esser

necessario che alla Commissione Realo

regolamento,

giudizio

e

non

perché à
egli discutendosi l'articolo

cettare l'emendamento,

in

disse

I.

perfetta

GIOLITTI, ministro dell'interno. Nota che
zialmente diverse il

l'azienda,

e

regolamenti
impossibile,

dice che

piano tecnico-finanziario
se

armonia

sono
e

il

due

con

quanto

cose

essen-

regolamento del-

la Commissione Reale esaminasse

delle varie aziende, dovrebbe sobbarcarsi ad
come

si mandi

si vuole che essa possa dare un pondefaccia opera vana. Spera il ministro vorrh acse

dimostra, richiamando

le

relativo

anche i
un

lavoro

disposizioni

dell'articolo 3 del

Quindi

se

progetto.
l'emendamento del senatore Di

Camporeale fosse
legge.

eettato, si renderebbe impossibile l'esecuzione della
Termina dicendo che quest'emendamento sarebbe
tile di

reiozione della

un

ac-

modo gen-

legge.

DI CAMPOREALE. Non vuole affatto il

getto, egli o persuaso che la corrente
punto di vista

con-

:

anche il

ministro.

privativa,

idisciplinata

al secondo comma.

DI CAMPOREALE.

benefi-

L'elenco dimostrativo é restrittivo, e deve rassicurare contro l'invasione di altri servizi, che non abbiano tutti i carattori del vero
servizio pubblico.

circa il diritto di

ossero

PRESIDENTE. Pono ai voti l'articolo 9 che o approvato.
Leggo poi l'articolo 10 ed un omendamento del senatore Di

Comma 2°.
la

vizi pubblici cui l'articolo vuol riferirsi.
MÈZZANOTTE, relatore. Il concetto dei servizi pubblici

prima

regolamento

regolamento.

non

stabilito

vorrebbe che nel

incompatibilità per gli impiegati in modo che veimcondizione imposta all'atto dell'ammissione degli

una

Osserva che cio si è già fatto per altre leggi.
Attende qualche spiegazione dal ministro.
GIOLITTI, ministro dell'interno. Nel progetto presentato nell'altro ramo del Parlamento si conteneva la proibizione, di cui ha

danno

Vorrebbe poi più precisato il concetto dei servizi pubblici e che
qualcho guarentigia che l'assunzione da parte dei Comuni

con

ma

di far

nel Comune.

piegati

vi fossa

viarvi

complotato proibendo agli impiegati comunali

vrebbe essero

ministro.

dalla

l'in-

eccessiva.

per Ix liberta dell'industria.
Accenna ai forni, così detti

sume

esa-

per

davvero

pubblico.
gli pare più pratico che

nisse tale

Appoggia

GABBA.

giudici

istituisce dei

LUCHINI 0. All'articolo 9 nota che il concetto dell'articolo do-

nea

non

se

progetto

i Comuni, assumendo un servizio, fanno

non una semplice definizione.
PRESIDENTE. Pone ai voti l'articolo 1 che o approvato.
Senza discussione si approvano gli articoli da 2 a 8.

Cið

assunti direttamente dai Comuni, ed o solamente dimostrativa.
Il senatore Di Camporeale osserva che in alcuni di 'luesti alise

finanziario.

Una definizione della

Ora il progetto di legge ammetto l'assunzione dei forni normali da parte dèi Comuni per esercitare la (funzione di calmiere.
Quanto all'osservazione fatta dal senatore Di Camporeale, dice
che l'enumerazione dell'articolo 1

piano

blico o ciò che si fa per il

cato.

legge,

buon

un

buoni affari.

privativa.

GIOLITTI,
spondere

presentando

GIOLITTI, ministro dell'interno. Osserva che ieri si ò sostenuto
dagli avversari del progetto che i Comuni sono cattivi amministratori, e oggi il senatore Gabba si spaventa che essi facciano

seppellimento del profavorevole alla municipa.

GAZZETTA UFFICIALE DEL REGNO D'ITALIA

linazione o'à ed à per oio inutile
combatterla;
oar‡ di emeg4are la legge per

egli vuolo solo cerdisoiplinarse ideglio gli efetti.
Quanto all'emendamento proposto, osserva che la misura
degli
stipendi a dirpttori e degli operai e della loro compartecipazione
agli utili, e di grande importansa finanziaria por un'azienda. Non
pretende che la Commissione Reale debba intervenire per le
nuzie, ma crede possa intervenire alla commisurazione delle

monumentali, dovrebbo

al

piano

tenore del decreto 31

si connettono. L'unica autorità
competente per
relativi al minuto esercizio a la Giunta

l'esame

provin-

ciale amministratiya; insiste portanto nelle
precedenti osservazioni e prege il senatore Di Camporeale di ritirare il suo emen-

damento.
e

(Non

gennaio 1902
passaporto gratuito si rilascia

Il

».

a chi 6 indigente e si trova
scopo di lavoro. La constatazione di queste condizioni
di fatto spetta al Console. Perb fatte ricerche negli stati di contabilità è risullato ohe in tutto l'ultimo semestre il consolo del
Lussemburgo non percep) per passaporti che lire ventidue; il ohe
vale ad eseludere, fino a prova contraria, ogni abuso da parte

all'estero

a

sua.

PJtESIp¾NTE. Rilegge
reale

i monumenti esi-

steri,

è inesatta.

dpi regolamenti

conservaro

risponde all'onorevolo Morgari che desidera conoscete 4 Í6
ragioni per cui il console italiano del Lussemburgo continua a
percepire una tassa di lito 2,40 per cadaun passaporto che rilascia
ad operai emigranti, mentre il passaporto dev'essere gratuito a

mi-

mer-

La Commissione Reale secondo l'articolo 3 deve aver conoscenza
iiel piang tecnico e floanziario, ma non dei minuti -particolari ohe

a

Occorrono percib fatti e non promesse. Invoca sollooiti e seri
provvedimenti.
BACCELLI ALFREDO, settosegretario di Stato per gli affari e•

GIOLITTI, ministro dell'interno. L'argomontazione dell'onorevole

Canaporeale

pensare

stenti.

cedi.

Di

563

l'emendamento del

monatore Di

lo pone ai voti.
è approvato).

Compo-

Ugrticolo

10 ò
apgGrafo nel testo ministeriale.
Šenza discu.TÀone si
approvano gli articoli Il e
St¾so l'ora tarda il seguito della disonssiono à

12.
rinviato

a

lu-

Medi, 9 corrente.
(Levasi (ore 18,30).

interrogazione ha voluto affermare che il
percepisce un tassa indebita sui passaporti che si tilasciano agli operai.
Accenna ad alcuni fatti pesonalmente verificati, i
quali dimostrano assolutamente un abuso di quel ConeoÏe.
MORGARI con la sua
console di Lussemburgo

E mentre devo deplorare la condotta del console del Lussemburgo, devo rendere in questo momento omaggio all'operato del

console

di

Scandriglia

Tripoli,

vero

padre

della Colonia Ita-

liana.

CAMERA

DEI

RESOCQNIO SOMMAßIO

-

DEPUTATI
Sabato 7 febbraio 1908

Presidenza del Presidente BIANCHEllI.
La seduta comincia alle 14.

STELLUTI-SCALA, segretario, legge il processo verbale della
seduta precedente, cho #
approvato.
PRESIDENTE. Hanno chiesto congedi gli onoryvoli:
Gregorio

Vallo, Giovanelli, Gianolio, Caratti, A. Lucchini
(Sono conceduti).

e

Panzacchi.

Interrogazioni.

Pplazgo

e

del Castello dei

in Mantova ».
e artistica del Palazzo
riconosco altrosl oho lo stato di cotesti

Gonzaga

Jticonosce la grande lutportanza storica
o

del Castello dei

Gonsaga:

Fino

non pub ainmettero il grave fatto deMorgari: ma lo assicura che assumerà lo
più minuto informazioni e provvedera di conseguenza.
Risponde quindi ad altra interrogatione de1Ponoievolo Mórgari,
che vuol sapere a perchè non abbia risposto al telegramma con
a

prova in contrario

nunziato dall'onorevole

cui la colonia italiana di Mont St. Martin

angosciosamente

soccorso

il di

14 dicembre,

in

Francia, chiedeva

essendo

scoppiata

la

agl'italiani » in quella localith >.
Non si risposo al telegramma della Colonia italiana di Mont
Saint Martin perché non portava la firma di alcuno cui si potesso
Índirizzare la risposta. Ma appena ricevutolo, il Ministero degli
esteri telegrafð all'ambasciatore a Parigi perchè provocasse provvedimenti. Questi infatti, sia per mezzd del consdle d'Itälia a Be«

CORTESB, sottosegretario di Stato per l'istruzione pubblica,
rispondo all'on. Fermo Itocca che desidera sapere « sinon ritenga
urgente di provvedere con opere e lavori speciali alla sictirezza
del

Prega l'onorevole sottosegrotario di Stato di assumere più esatto
informazioni e di provvedere anchè cotesti consoli all'estero non
facciano odiare il nome italiano
BACCELLI ALFREDO, sottosegretario di Stato per gli esteri.

:accia

il ministro degli esteri francese, ush ogni
sollecitudino. Risulta che si trattava di rissa fra operai italiani,
di cui uno fu molto gravemento ferito, o operai franoesi, di cui
sançon, sia ofBciando

monumpati à deplorevole.
Gip l'pa. interrogante sa che il Ministero qualche cosa ha fatto
per porre riparo ai danni più gravi.
Ma quel che fu fatto à poco, e perciò il Ministero ha chiesto
nuovi foAdi 41 Ministero del tesoro che non li ha consentiti. Si
inqistarà anporg een 4 speranza di peter ever modo di toddisfare
i gittipi desidori della cittå di Alenteva o le esigqazo
dell'artq e
de.Ila ptoria.
Se ciò non si poträ ottenero, evidentemente bisognerà ricorrero
ad un disegno di legge.
ROCCA FERMO, ringrazia dei buoni intendimenti manifestati
dall'on. sottosegratario di State; ma deve deplorare che si indugi
ancora a provvedere alla conservaziopp di duo monumenti di tanta

in Francia,

impprtagza.

sieno

uno

fu ucciso.

Le autorita locali

nel miglior modo possibilo alla sicoloro che partirono da Mont Saint

provvidero

degli italiani,

curezza

e

a

Martin furono apprestati tutti i necessari soccorsi dalle nostre autorità consolari ohe curarono anche il ricupero dei salari (Bone!).
MORGARI immaginava che il Governo italiano, per mezzo dell'ambasciatoro a Parigi, avrebbo preso qualohé provvedimoËfo;
l°insuffleiensa del provvedimenti presi.
accaddero il 14 dicembro.Fuinviato un
telogramma dalla Colonia di Mont Saint Martin al Ministeró invocante appoggi, ma non ebbe alcun effetto sul luogo.

egli
Espone i
ma

Egli

dove

fatti

devo

lamentare

graví, quali

quindi vivamente deploraro che i
specialmento il nostro consolo

o

nostri
a

rappresentanti

Besad¢6n,

non

di

occupati del

grave incidente.
Invita il Governo ad essere più vigilante ed operoso e a non la-

Dimostra col veto di apposite Commissioni tecniche nominate
esamisgre le condiaignÏ di stabilità del Pelagso, che non vi à
assolutamente sicurezza, tanto a vero che l'alloggio del profetto
fa fatto sollegitamente agombrAro.
Orppa si deyono attondpro progetti di legge, ma si deve prov-

sciare solamente ai socialiëti internazionali l'opera prevantiva o
pacificatrice, che dovrebbe essere snohe opera del Goveno stesso.

ypdprp 4'grggnse.
I)
igtgro primp

pubblica festa della frazione di Lucdoto,
senza plausibile nè dichiarata cagione ».

per

di ppasare

a.lla ricostruziga.e

di movi ediaci

RONCilETTI, sottosegretario di Stato por l'interno, risponde ad
un'interrogazione dell'onorevole Morgari « cii•ca il divieto dolla
in Torino, divietõ 'inflitto

564

GAZZETTA UFFICIAL)

Dati

precedenti inconvenienti, che avevano turbato l'ordine pubprefetto ha cre<luto d'impedire la .fosta patronale, e il
ministro non ha potuto disapprovarlo.

blico,

il

So altro fossero

state

lo

del divieto, il Ministero sarebbe

cause

intervenuto.
MOR

gtrpsi

RI. Non
di

trattava solamento della festa da ballo,

si

ma

raccolta di offerte per il patronato scolastico.
Del resto ritiene cho non dovrebbesi mai vietare un ballo pubblico.
Si

una

lagna quindi

del diviato del prefetta

vioto stesso fu imposto.
I cittadini hanno diritto ad

o

del modo

como

il di-

E deplora vivamente che tutto ciò siasi fatto dall'autorità politica per il solo scopo di aiutare la esposizione d'arto decorativa
poichè le festo nei piccoli paesi avrebbero distratte le popolazioni
dall'accorrere

a

le

441a provincia
esista, la

essa

dallo Statuto

pubblicho all'aperto

creda

compatibile

e se,

col diritto di riuniono

dato che
sancito

».

Ha chiesto informazioni al

-

di Roma vietante in tutti i Comuni

prefotto
riunioni

prefetto

di Roma

per sapero se VE-

prefetto ha risposto reeisamente che non esiste, ma ha soggiunto cho per la facoltà che gli
accorda la leggo ha creduto di dovere impediro riunioni all'aperto
per ragioni eccezionali di ordine pubblico.
MORGARI, con la testimonianza di rispettabili cittadini di Ci-

-ramente esista la detta circolare.

Il

vita Castellana e di altri Comuni, ha affermato l'osistenza della
circolare prefettizia vietanto riunioni all'aporto. Ora prende atto
dello dichiarazioni dell'onorevolo sottosegretario di Stato clio la
circolare stessa

non

esiste.

dichiarazione

n

I

gannato

permanente preibizione non esiste.
NICCOLINI, sottosegretario di Stato per i lavori pubblici, risponde agli agli onorevoli Pala, Pais, Giordano-Apostoli, Solinas, Cao-

vero

Garavetti, che desiderano sapero « se sia
che la Società delle ferrovie secondarie sardo intenda ridurre

le stazioni attuali

quanto

TALAMO, sottosegretario di Stato per la grazia e giustizia, riad una interrogazione dell'onorevole Santini
iritoi•no allo
cho hanno determinato il sequestro di un giornile 11apoo

ordinato

gli

per conoscero so il sequestro era già stato legalniento
il Ministero delle poste ordin6 ai funzioiiari dä-

quando

ambulanti

di trattenere

postali

Dichiara che non

può

sequestro, essendone

SQUITTI, sottosegretario di Stato per le poste e per i telegrafi
aggiunge che gli agenti del suo Ministenrnon féeero che eiiõgniro
gli ordini dell'autoritå giudiziaria.
SANTINI deplora che la Discussione sia stata sequestrata
per
ragione insignificante. Quel giornale à·un giornale borbonico, ed
egli certamente non è sospettato di appartenere a quel partito
finch
la leggo non sia offesa, vuole perfetta liberth
ma
per la
stampa di tutti i partiti.

Verißcazione

(E approvata).

cdllegio

Approvazione di

tre

di Bari.

disegni

di

legge

per eccedense

d' impegni.

STELLUTI-SCALA, segretario, då suecessivamento lettura di
disegni di legge per eccedenze d' impegni.
(Sono approvati).
Discussione del
del canale
delle

ßnanse.

nale ferroviario della

detti al servizio

CALVI,

tro

disegno di legge per il passaggio del servicio
Cavour dal Ministero dei lavori pubblici a
quello

mento all'articolo

con-

di poteri.

PRESIDENTE pone a partito la proposta della Giunta, di annullare l'elezione di Bari, ing persona dell'onorevole Di Tullio.

e

Sardegna pel miglioramento delle loro

quel giornalei.
ragioili che hanno determirimesso l'apprezzamento esclusivañíófite
sequestro awenne in sekuitiÂdirdi-

entrare nelle

all'autorità giudiziaria. Il
nanza del giudice istruttore.

o

fermate,

l'ammontaro dei proventi ferroviarî

sponde
ragioni

queste anche sopprimere nelle linee
ferroviario a lei affidate o da lei esercitato in Sardegna ».
Di fronto all'agitazione manifestatasi lo scorso anno nel persoa

concerne

Dichiara vacanto il

creto di

Carboni-Boy

per

trasformazione

dello stazioni soppresse.

di Stato per l'interno, conferma la
senio cho solo in circostanze determinato

per ragioni d'ordine pubblico poterono osser proibite lo adunanze
dello pubbliche vie e piazze nella provincia di Roma; ma un de-

Pinna,

sottosegrotario

che la

RONCHETTI, sottosegretario
sua

coniertirà l'interrogazione in'inter-

soddisfatto

di Stato per i lavori pubblici, osdelle stazioni in fermato di prima
classe non poteva danneggiare il commercio dell'isoli.
PALA assicura che l'onorevolo sottosegretario di Stato fu in-

NICCOLINI,

serva

nato il

Torino.

It0NCHETTI, sottosegretario di Stato per l'interno, risponde ad
altra interrogazione dell'on. Mogari che desidera sapere « se esista una circolare del

Non essendo

pollanza.

litano,

mag4iore rispetto.

un

DEL REGNO D'ITALIA

approvando

il disegno di legge, propone un emendaprimo pëfassicurare che ili impiegati óra adtecnico non siatio assegnati ad altri servizi, con

quelli che vi hanno dedicato urti lunga esperieriza.
FRACASSI avrebbe desiderato che la gestione Aei danili Cavour

dizioni economiche, la Societa si propose di erogaro una somma di
circa 90 mila lire, somma abbastanza vistosa, ma propose econo-

danno di

mio al fino di riparare alle nuovo sposo.
E fra questo economie vi ò stata quella di trasformare alcune
stazioni jn formato di 16 classe, Le stazioni indicato furono 14, e

venisse mantenuta come amministrazione äutoiioma; ria in mandanza di cib, si associa all'emendamento dell'önorevoÏe Calvi.

noll'indicarlo furono osservato le
reti del Continente.

zione

.

norme

che si

seguono in altro

frire.
In presonza pero delle opposizioni dei rappresentanti della Sasdegna, il provvedimento fa sospeso, sebbono la in
ior parto di
queste stazioni diano un provento di pochi centesimi al giorno
del

deputato Pala)

sonale delle ferrovie sarde
da

quel provvedimento gli
PALA

e

sia

quindi

doloroso

possa approfittare dei
sarebbero derivati,
non

che il perche

vantaggi

comprende come la Societa per le ferrovie sarde
possa pretendere di sottrarsi agli obblighi ad ewa imposti dai
contratti e come la Sardegna debba rinunciare ai
vantaggi del servizio ferroviario o provvedere con proprio danno al miglioramento
dello condizioni del per.onale.
non

l'AmminÍstra-

tiri pers
aedettäre un äniëndamerito chi.
al vincolare l'Amministrazione stessa, avrebbo per offetto di
vare quel personale di ogni carriera.
CALVÏ ritira l'emendamento.

sperimentato;

Il Ministoro, pur approvando le proposte della Socioth, diede lo
opportuno istruzioni perchè il pubblico servizio non avesse a sof-

(Denegazioni

CARCANO, ministro delle finanze, ossörŸà oËe
la più interessata a manfédero åll'aziendi
ma non

può

(Il disegno di legge à approvato).
Seguito detta discussione del disegno
per Fistruzione supenore.
PRESlDENTE, essendo stata
mette, in discussione
nuovo

testo

gli

di

chiusa

articoli del



la

disegno

concordato fra il Ninistero

STELLUTí-SCALA, segretario,

legrie:

e

legge

generale,
secondo il

la Commissione.

lettura dell'articolo

cominciare dall'anno scolastico 1903-1904 18 tasso
tasse scolastiebe. per la Universiti e
per glistitati
«

A

10o

soprat-

enperiori.

presi gHstituti
Firenze,

legge

».

sono

superiori

fissate

dalle

di

macistoro
tabelle

ral

Provvedimenti

discussione
di

lo
ltre

n

fimuninile

A eB

annesse

di

Roma

emno

di

alla presente

565

GAZZETTA UFFIGlALE DEL REGNO D'ITALIA

ABIGNENTE all'articolo I ripete, rispondendo all'onorevole Alessio, .espore ingipsto che le maggiori tasse scolastiche prelevate sugli studenti di un'Università debbano devolversi a benoficio di
altri istituti.
BOTTELLI dichiara di non insistere in un suo emendamento
che ayeya preparato per modificare la tabella delle tasse proposte
per 19

STELLUTI-SCALA, sogretario, dà lettura dell'articolo quarto:
delle tasse, in con< I maggiori proventi complessivi annuali
risultanti dal consuntivo per il 1901-902, servidi previsione della spesa per il
Ministero della pubblica istruzione, al di sopra di quanto siasi
fronto
ranno

a

quelli

ad aumentare, nello stato

effettivamente verificato al consuntivo suddetto,

(Si approva l'articolo l

alla tabella A propo-

sonale assistento

Commissione).
STELLUTI-SCALA, segretario, da lettura dell'articolo 2:
« Ai giovani segnalati
per valore negli studi e di disagiata condizione domestica potra essere accordata la dispensa per intero o
per metà dalle dette tasse e soprattasse, secondo le norme e i cri-

perfezionamento,

con

un'aigiunta

sta dalla

teri da fissarsi per decreto Reale ».
ROSSI ENRICO då ragione di un emendamento tendente a far
si che ai giovani, i quali hanno conseguita la promozione regolarmente da un corso all'altrd, se di disagiata condizione domestica, potra essere accordata la dispensa por intero o per metà

daÏÏe dette

tasse e

soprattasse

secondo

le

ed i criteri da

norme

fissarsi per decreto Reale.
BATTELLI, a nome anche

degli onorevoli Mazza, Carboni-Boj,
Alessio eA altri, propone che la dispensa dalle tasse sia accordata
per intero quando il giovane riporti una media di nove decimi, o
la dispensa per mota quando raggiunga una media di otto decimi

pun,ti

di merito.

por
MORANDI propone che all'articolo si aggiunga:
« Per
determinare la disagiata condizione domestica,
conto

anche del

si

terrà

dei figli, che una medesima famiglia
mandi contemporaneamente allo scuolo universitarie e medio, gonumero

pareggiate

vernative o

Raccomanda

al

».

ministro

stifistiche precise degli
avra nella

frequenza

di far

detti

che

pubblicare ogni anno notizie
l'applicazione di questa legge

delle varie Facolta universitarie,
saranno state accordate.

e

anche delle

dalle tasse che

dispense
MORËLLI- GliALTIEROTTI, relatore, spiega che la Commissione, proponendo l'articolo 2, ha inteso non di restringere, ma di
facilitai·e l'animissione agli studi universitari di quei giovani che
non

possono pagare, in tutto

puá, però,

acãettare il

o

in

parte,

paradossale

le tasse scolastiche: Non

(Commenti) dell'ono-

concetto

alla proposta

insistere. Quanto

dell'onorevolo Morandi, dirà il ministro
nel regolamento.

se

intende tenerne

conto

NASI, ministro dell'istruzione pubblica, si unisce alle consideconto delle
ora svolto dal relatore ; e promette che terra

razioni

proposte svolte
un

ordine del

dai vari oratori, che possono essere

giorno.

ROSSI ENRICO

prende

atto

delle

della Commissione, che oioò delle
nel regolamento.
BATTELLI
del

concretate in

e

sue

dichiarazioni

del

proposte sarà

MORANDI convertono le loro

ministro

tenuto

proposte

e

conto

in ordini

giorno.

cherà le statistiche chieste dall'on. Morandi.
(Si approvano Particolo 2 e gli ordini del

giorno degli onoreMorandi).
STELLUTI-SCALA, segretario, legge l'articolo terzo:
a domanda presentata dopo il lo
« Goloro i quali, in seguito

voli Battolli

e

febbraio 1903, otterranno l'abilitazione alla libera docenza o il
trasferimento di essa da una ad altra Universitä on Istituto, dovranno, per l'emissione del relativo decreto, pagare le tasse fissate
dalla tabella C

(È approvato).

annessa

alla presente legge

».

sarà restituita an•

legge.
Le

«

soprattasse d'esame continueranno

ad

essere

nella

nuova

misura erogate interamente per propine ai membri delle Commissioni esaminatrici; e sar't sempre, in ogni caso, vietata qualun-

normalmento stabilite

que sessione di esame oltre le duo
legge 13 novembre 1859, n. 3725.

Nelle Università ov'è

«

maggiore

il

numero

degli

dalla

studenti lo

degli esami possono essere prolungate per decreto ministoriale su proposta del Consiglio accademico, purchè non s'intersessioni

rompa il corso normale delle lezioni. Lo studente non potrh picsentarsi all'esame che, una sola volta per ogni sessione ».
SALANDRA constata anzitutto che con la legge sui cancollieri
si sono aumentate le tasso sulla

giustizia,

aumentano le tasse sull'istruzione.

Aveva

questa legge si
proposto che le tasse
e

con

pagate dagli studenti delPUniversita di Napoli andassero esclusivamente a profitto di quella Università.
Ma poichè gli onorevoli Aprile, Abignente, Chimlenti ed altri
deputati hanno fatto proprio questo concotto, estendendolo a tutto
le Università, egli si associa di buon grado al loro emendamento.

Dimostra poi come questo concetto sia conforme allo spirito
della legge; tanto é vero che Ministero e Commissione lo hanno
accolto per l'ammontare della metà delle nuove tasse.
BIANGHl LEONARDO, in unione con altri colleghi, ha

proposto ette
a

una

Si

appunto
maggiori proventi delle nuove tasso
delle rispettive Universita, e l'altra meta ri-

metà dei

beneficio

disposizione del
compiace che Governo

manesse a

Ministero dell'istruzione.
e

Commissione abbiano accolto

Desidera solo essere assicurato dal ministro che

questo

anche il fondo

costituito coll'altra metå dei proventi, che rimarranno a disposizione del Ministero, sara ripartito equamente fra tutte le universita. E dice questo principalmente nell'interesso dell'universitå di

Napoli.
Non crede

poi

nb

opportuno



pratico

che

si stabilisca, con

questa legge, che saranno sempre vietate le sessioni straordinario
di esami. Propone quindi la soppressione di questo comma dell'articolo

quarto.
BATTELLI, cogli onorevoli Albertoni, Berenini, Sichel, Mazza,
Cao-Pinna, Aggio, Carboni-Boy, Socci, Valeri, Garavetti e Gattoni
propone il seguente ordine del giorno:
<

NASI, ministro delPietruzione pubblica, promette che pubbli-

superiore

maggiori proventi suddetti, in quanto dorivino da essi, por erogarsi, su deliberazione del Consiglio accademico approvata del Ministero, agli scopi previsti dalla presento

concetto.

non

e

e

A ciascuna Università ed Istituto

<

dare l'esenzione ai giovani che abbiano avuto una media di nove
decimi; ma questa à materia che sara disciplinata nel regolalo prega di

le dotazioni

nualmente la metà dei

andasse

quindi

superiore, sia per

teche universitario.

revolé Rossi,
per il quale l'esenzione dalle tasse si dovrebbe dare
a tutti coloro che sono di disagiata ooñdizione.
Concorda, invece, nel concetto dell'onorevole Battelli di accor-

mento: o

stanziamonti

gli

per il perinserviente, sia per borse di studio e posti di
sia per le dotazioni ed il personale delle biblio-

relativi all'istruzione

peuple d'agraria.

La Camera invita il Governo

a

usare

il ricavato dell'aumento

delle tasse universitarie in profitto soltanto degli Istituti universitari, senza che possano utihzzarsi a coprire in tutto o in parto
quell'aumento normale che ogni anno si verifica nella sposa per
l'istruzione superiore, o possano essere impegnati in altro speso
derivanti da

leggi preesistenti ».
con
gli onorevoli Furnari, Nob, Bonanno, Fill-

ROSSI ENRICO,

Pasquale, Rizzono, FrancicaNava, Fulci Ludovico, Di Sant'Onofrio, propone il seguento ordino
del giorno, firmato da dieci deputati:
Astolfone, Libertini Gesualdo, Libertini

«

La Camera confida che il Governo, nella

ripartizione

della metà

560

dei

GAZZETTA UFFICIALE DEL REGNO D'ITALIA

maggiori proventi

dizioni ed ai

delle tasse, avrà

speciale riguardo

alle con-

a
proposta che la metà dei nuovi proventi rimanga
rispettivi istituti.
'fondo
Crede pero necessario che si diano serie garanzie che il
secondo
eque.
rigorosamente,
sara
ripartito
proporzioni
generale
All'uopo vorrebbe che si dicesse che la meta dei maggiori pro-

Accetta la

delle Universita siciliane
ALESSIO aveva proposto un emendamento inteso a meglio disciplinare l'erogazione di questi fondi. Poichè il suo concetto è stato
accolto nell'articolo concordato, lo ritira.

favore dei

MATTELLI, a nome anche degli onorevoli Soeci, Albertoni, Caratti, Mazza, Di Stefano, Gattoni, Carboni-Boj, Cao-Pinna, Garavetti e Berenini, propone che al secondo comma invece di « sem-

venti sará assegnata annualmente con equa proporzione.
MORELLI-GUALTIEROTT), relatore, associandosi alle aiekarazioni del ministro, fa notare all'onorevole Ahígnente che il ri2arto
dovendo esser fatto col bilancio di previsidiie, devo
dei

bisogni urgenti

pre in ogni anno » si dica
11 seguente capoverso :

<

.

di norma

»

e

che si

aggiunga inoltre

Qualora poi per ragioni specialissime e personali si dovessero
concedert nuove sessioni di esami,
questi non potranno essere dati
senza il previo
pagamento della soprattassa di esame >
RIZZO VALENTINO, dissentendo dall'onorevole Leonardo Bianchi, crede anzi opportunissimo risolvere una buona volta, con un
espresso divieto di legge,
delle sessioni
«

questa spinosa questione

straordinarie di esami. Per le stesse ragioni prega l'onorevole Battolli di non insistere nel suo emendamento.

APRILE, cogli onorevoli Abignente, Chimienti, Di Canneto, BoPantalconi, Visocchi, De Viti-De Marco, Mango, Lucernari
e Raccuini,
propone il seguente emendamento :
« I maggiori
proventi complessivi annuali di ciascuna Universíta serviranno ad aumentare il fondo di essa
per gli stanziamenti
relativi alle maggiori dotazioni dei gabinetti, all'aumento degl'insegnamenti e del personale, al miglioramento di tutto il materiale
nanno,

utile all'istruzione

proventi
approvato dal Parlamento, ciò che costituisce
delle garanzie.
Crede quindi opportuno che l'articolo rimanga cosi
essero

».

Dichiara che

di forma.
BATTELLI, a nome anche degli onorevoli Albertono, Bereniní,
GaSichel, Mazza, Cao-Pinna, A ggio, Carboni-Bqj, Socci, Valeri,
ravetti e Gattoni propone il seguente.ordine del giorno:
« La Camera invita il Governo ad usare il ricavato dell'aumento
soltanto degli Istiffiti imiverdelle tasse universatarie in

profitto

che possano utilizzarsi a coprire in tutto
quell'aumento normale che ogni anno si verifica neÎla
sitari,

senza

l'istruzione superiore,

o

possano

impegnati

essere

leggi preesistenti
MORELLI-GUALTIEROTTI, relatore,

derivanti da

non

può

(Approvasi l'articolo quarto, sepondo il testo
modificazioni di forma indicate dal relatore).

legge

migliorare

per

il

NASI, ministro dell'istruzione pubblica, all'on.
dichiara

che

Governo

testo concordato

nuovo

mento.

personale

delle

Leonardi Bianchi

Commissione hanno fatto proprio, col
dell'art. 4, il concetto del di lui emendae

Assicura poi l'on. Bianchi

e tutti gli altri deputati che nel rigenerale il Ministero non manchera di procedere
più scrupolosa equità e tenendo conto di tutti i legittimi

parto del
con

la

bisogni

fondo

dei nostri Atenei.

All'onorevole

primo
di

Aprile

dichiara che veramente

passo verlio l'autonomia da lui

appagarsi

per ora delle

questa legge

vagheggiata.

presenti proposto,

e

di

Lo prega
non

è

un

però

insistere

nel

suo emendamento.
All'onorevole Rampoldi dichiara

migliorare
ma

il

di tutte

APRILE, BIANCHI, LEONARDI, SALANDRA, ALESSIO
1 loro emendamenti

che è suo intendimento

di

personale non delle sole biblioteche universitarie, ma
le biblioteche, e che all'uopo ha già pronto un diso-

vigenti, un complesso
grandi Università, la

di circostanze ha

imposto, specialmente

nelle

proroga delle sessioni ordinarie oltre il pe-

riodo normale.

concordato

e

BATo

collo

STELLUTI-SCALA; segretario, da lettura dell'articola 5:
el proventi stessi serviranno inoltre per stanziare nella parte
straordinaria del suddetto stato di previsione, in aggiunta delle
somme che nella parte stessa costituiscono presentemento,1a dotazione annuale per spese in servizio della istruzione superiore, lo
sommo o le rate annuali di esse, che in base a nuove convenzioni

speciali

con

gli

enti

locali

e

previo

Stato per costruzioni, e
Università e degli Istituti superiori

di

concorso

miglioramenti

questi,

facciano

di edifizi delle

».

(Approvato).
STELLUTI-SCALA da lettura dell'articolo 6°•
« 11 maggior
provento delle tasse riguardanti gl'istituti superiori di magistero femminile di Roma e di Firenze sarà assegnato
per intero con lo stato di
dolla pubblica istruzione.a
Lo

poi

gno di legge.
Circa la questione delle sessioni straordinarie degli esami, osserva che, quantunque la questione sia gia risoluta dalle leggi

previsione

della

spesa del Ministero

vantaggio degli Istituti stessi.
d'esame
saranno
erogate intieramento por propine
soprattasse

ai membri delle Commissioni esaminatrici

».

(E approvato).
STELLUTI-SCALA, segretario, dà lettura dell'articolo 7:
« La quota
d'amento delle tasse e soprattasso riguardanti le
varie sezioni dell'Istituto di studi superiori pratici a di perfezionamento in Firenze-è

assegnata

nella sua totalitå all'Istituto stos-

in aumento delIa dotazione stabilita dalla convenzione approvata con la legge 30 giugno 1872, n. 885 ».
so,

(E approvato).

Importa però che queste proroghe
nienti e ad abusi, e soprattutto non

diano luogo ad inconveservano di pretesto per internormale delle lezioni.
non

rompere il corso
Per queste ragioni crede opportuno mantenere l'ultimo comma
di questo articolo quarto e prega la Camera di volerlo approvare.
ABIGNENTE si
che

ROSSI ENRIGO, lo ritira.

carico allo

/

accettarlo.

NASI, ministro dell'istruzione pubblica, prega l'onorovolo Rossi
non insistero nel suo ordino del giorno, assicurando che non
mancherà di tener conto del concetto che lo ispira.

Sarà il primo passo verso il principio dell'automia amministrativa delle Universita;
principio che solo può risolvere il problema
universitario.
RAMPOLDI chiede al ministro se intendo presto prosentare al
di

ia parto

spesa per
altro sposo

(È respinto).

TELLI ritirano

disegno

in

o

».

3finistoro.

un

come à stato

Propone poi alcune modificazioni

di

Parlamento
biblioteche.

maggiore

concordato.

questo emendamento tende soprattutto a garantire
gli interessi delle Università minori, le quali finiranno per necessitå con essere totalmente trascurate nel
riparto dei fondi, qualora questi rimanessero in tutto od in parte a
del
disposizione

la

compiace della dichiarazione fatta dal ministro,
questa legge sia un primo passo verso l'autonomia amministra-

tiva delle Universita.

MESTICA vorrebbe che
stituto di studi

superiori

questo

stesso

principio

di Firenze, fosse

sancito per lT-

applicato all'Università

di Macerata.

MORELLl-GUALTIEROTTI, relatore, dichiara che, ai termini
vigente, è già stabilito che l' intero provento

della Convenzione

delle tasse dell' Università di Macerata vada
sorzio.

MESTICA

ringrazia.

a

beneficio del Con-

GAZZETTA UFFICIALE DEL REGNO D'ITALIA

STELLUTI-SCALA, segretario,

l'articolo

legge

7-bis proposto

dalla Commissione:
« Le Universitä e gli Istituti superiori non
governativi riconosciuti dallo Stato dovranno applicare lo tasse o soprattasse stabilito dalla presente legge.
Solamente

questa condizione i loro studi e diplomi possono
a quelli delle Universita e degli Istituti superiori governativi dello stesso grado ».
BATTELLI à contrario a questo articolo, che trova lesivo dell'autonomia di queste Universitå libere.
MORELLI-GUALTIEROTTI, relatore, pur dissentendo dall'opiniane dell'onorevole Battelli, dichiara cho la Commissiono non insiste in questa sua proposta.
STELLUTI-SCALA, segretario, legge l'articolo ottavo ed ultimo:
< Le disposizioni della
presente legge non saranno applicabili
«

a

equiparati

essere

Piccini

Pugliese.
Raggio
-

studenti che alla

promulgazione

di essa si trovino

ad

avere

cominciato regolarmente un corso in una Regia Università,
uno degli altri Istituti ai quali la legge si riferisce ».

o

Rubini.
senda
Salandra
Sanarelli

fa la chiama.

-

Aliberti

Baocelli Alfredo

Baccelli Guido

-

Battelli-Berenini
Bertetti
Emilio
Bianchi Leonardo
Bonin
Bonoris
nanno
-

-

-

Borsarolli

-

-

-

Boselli

Biscaretti

-

Borciani

-

Bovi

-

-

-

--

-

-

-

paldo

Calderoni

-

relli
sta

Cao-Pinna

-

BruCa-

-

Garcano
Carmino
Cappelli
Carboni-Boj
Castoldi -Cavagnari- Celli
ChiaCastiglioni
Chiesi
Chimienti
Ciccotti
CimoChinaglia
--

-

-

-

-

-

Civelli

-

-

-

-

Cocco-Ortu

-

Colombo-Quattrofrati

-

Canovari

-

-

Casciani-

rugi

Calvi

-

-

Cocuzza

-

Colonna

-

Curreno.
Dal Verme

-

Codacci-Pisanelli

-

Compans

-

Cortese

-

-

Co-

De Amicis
De Asarta
Daneo Edoardo
De Cesare
Del Balzo Girolamo
De Nava
De Martino
De Novellis
De Renzis
De Riseis Giuseppe
De Seta
De Viti de Marco
Di RuDi Bagnasco
Di Rudini Antonio
dini Carlo
Di San Giuliano
Di Sant'Onofrio
Di Trabla
Donati
Dozzio.
Donnaperna
-

-

-

-

-

-

-

-

-

-

-

---

-

-

-

-

-

-

-

-

Falconi Nicola

Falletti
Farinet Alfonso
Fede
Ferraris Maggiorino

-

-

rinet Francesco
Fazio
Fill-Astolfone
roro di Cambiano
-

-

Finardi

-

Fa-

-

-

-

-

-

-

-

-

-

-

-

-

-

-

-

-

Galluppi
Giordano-Apostoli
-

Gattorno
Gavotti
Ginori-Conti
Giuliani
Gorio
Gualtieri
Guicciar-

-

-

-

-

-

-

-

-

dini.
Indelli.

Lacava

Lagasi

-

-

Libertini
Geshaldo
Luzzatto Ricoardo.
-

Majorana

Mäntica
Materi

Mel

-

-

-

Menafoglio

Monti-Guarnieri

Leali

-

-

-

Lollini

-

Malvezzi

-

Maraini

-

-

§nini

Landucci

Pasquale

-

Måjno
lifa'nna

-

-

Leone

-

-

Marzotto

-

Libertini

Lucchini Luigi

Mangingalli

Maresca

Mango
-

-

-

Massi-

Medici
Mazza
Mazziotti
Mezzanotte
Miniscalchi
MorelliMorandi Luigi- Morando Giacomo

Maurigi

-

-

Mestica

-

-

-

-

-

-

-

-

Gualtierotti
Morpurgo
Morgári
Niccolini
Nob.
Itasi
-

-

-

-

tabelli

-

Valeri
Vienna

OrlAndo

-

Tornielli

-

-

Valli

-

-

-

Eugenio
Vigna,

-

-

Tor-

Vallone

-

Varazzani

-

Ventura

-

Wollerborg.
Zanardolli.

congedo

ßono in

:

-

Crespi.

-

Danieli

-

De Cristoforis

-

-

De

Gaglia.

Fusinato.

Grassi-Voces
Grippo.
Lucchini Angelo.
Lucca
Mascia.
Marescalchi-Gravina
-

---

--

-

Rava

-

Pini

-

Pozzi Domenico.

Resta-Pallavicino.

-

Sono ammalati :

Barilari
Caldesi
D'Alife

glio

-

Branea,
Cantalamessa

-

-

-

De Andreis

Capoduro

--

Caratti,
Do Marinis

-

Della Rocca

-

-

-

Di Bro-

Di Stefano.

Falcioni.
Gianolio
Luzzatti
Marcora

-

Giovanelli

Giunti

-

Luigi.
Marsengo-Bastia

-

Giusso.

Moardi

-

-

Pais-Serra
Rizzo

-

MelU.

Prinetti.

-

Evangelista.

Scaramella-Manetti
Toaldi.
Testaseeca

-

Palá

Papadopoli

-

-

Patrizii

-

Sola.

-

Valle

Gregorio.
Sono in missione.

Martini,

ufßcio pubblico

Assenti per

:

Lucifero.
Pantano.

PRESIDENTE,

Approvazione

proclama
di

il risultamento della

eccedenze

Pelle

-

-

PanPantaleoni
Personò

Perla

-

-

-

votaziono

53,938,74 verificatesi sulle assegnazioni
stato di previsione della spesa del Ministero delle

finanze per l'e-

sercizio finanziario 1901-902, concernenti spese facoltativo
170
Favorevoli
56
Contrari
.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

(216).

.

.

.

:

per la somma di lire
di alcuni capitoli dello

impegni

d'

.

.

per la somma di lire
sulle
alcuni capitoli dello
verifloatesi
159,168,17
stato di previsione della spesa del Ministero degli affari esteri per
l'esercizio finanziario 1901-902, concernenti spese facoltative (218).
167
Favorevoli

Approvazione

di

eccedenze

d'impegni
assegnazioni di

.

.

Contrari
Approvazione di eccedenze
,

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

65

d'impegni per la somma di lire
assegnazioni di alcuni capitoli dello

previsione della spesa del Ministoro della marina per
l'esercizio finanziario 1901-902, concernenti spese facoltative (224).
168
Favorevoli
stato di

Orsini-Baroni.
Pansini
Palatini

-

-

Sinibaldi

-

40,292,35 verificatisi sulle

Murmura.

-

-

Olivieri
P
nini

Squitti -Stàglianó

-

Fer-

Fracassi

-

FreFradeletto
Frascara Giacinto
Frascara Giuseppe
Fuloi Ludovico
Furnari
Fulci Nicolo
Fuseo.
achi
Gaotani di Laurenzana
Galletti
Galli
Galimberti
-

Gallini

-

-

-

SilSon-

Nuvoloni.

-

Facta

-

-

-

-

Zabeo.

BoBorsani

nialti.
Cabrini

Solinas-Apostoli
Soulier
Spagnoletti

Ticoi
Tizzoni
Tecchio
Turati
Turbiglio.
Tripepi

Talamo
raca

Bonacossa
Brandolin

-

-

-

-

Sormani.

-

Silva
Scalini
Sommi-Picenardi

-

-

-

Bettolo-Bianchi

Borghese

-

Bracci

-

Barzilai

-

Santini

-

-

-

nino
Sorani
Stelluti-Scala.

Palberti

Barnabei

-

Bertolini

-

-

-

-

-

-

Socci

-

Laudisi

-

-

-

-

-

vestri

Gattoni

-

-

-

Daneo Gian Carlo

'

-

-

-

Franchetti

Prendono parte alla votazione:
Abbruzzese
Alessio
Abignente
Aguglia
Arlotta.
Angiolini
Aprile

-

-

--

Ceriana-Maynori

STELLUTI-SCALA, segretario,

Podesth

-

Anzani.

di legge.

disegni

Placido

-

-

-

in

(k approvato).

Votazione di quattro

Piovene

-

Riccio Vincenzo
Ridolfl
Rispoli
Rocca Fermo
Rizzo Valentino
Rizzone
Rossi Enrico
Rossi Teofilo
RovaRoselli

Rampoldi

-

Rizzetti

Ronchetti

·

agli

Piccolo-Cupani

-

567

.

Contrari

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

64

568

GAZZETTA 'UFFICIALE DEL =REGNO D' ITALIA
-

del servizio tecnico dell'azienda dei

Passaggio

personale del Genio civile che vi
lavori pubblici, alle Finanze (264).
del

e

Favorevoli

.

.

Contrari

.

.

.

.

.

.

.

.

Daneo

184

.

.

(La Camera approva)
Volazione

scrutinio segreto del

a

di

disegno

Provvedi-

legge:

superiore.
STELLUTI-SCALA, segretario, fa la chiama.
Abignente

-

Aguglia

-

Rava

:

Alessio

-

Angiolini

--

Aprile.

-

Baccelli

Alfredo

Guido

Baccelli

--

Bernabei

-

'Barraeco

-

Berenini
Barzilai
Battelli
Bertarelli
Bertetti
Bettblo
Bianchi Emilio
Bianchi Leonardo
Biscaretti
Bissolati
Bonacossa
Bonoris
Borciani
Bonanno
Bonin
-

--

-

-

-

-

Cabrini

Capaldo

--

cotti

Boselli
Calderoni

Cimorelli

--

Carcano

Castoldi

Civelli

-

-

Costa
Credaro
Curreno.
Daneo Edoardo
De Amicis
De Asarta
Balzo Girolamo
De Martino
De Ñava

Cic-

--

Cocuzza

-

Compans

-

-

Chia-

-

-

Cocco-Ortu

--

Colombo-Quattrofrati

-

-

Caraguti

-

Celli
Cavagnari
Chinaglia

-

Chimirri

-

Cao-Pinna

-

Carmine

-

Co-

-

Cortese

-

-

De. Cesare

-

-

-

De Riseis

Giuseppe

dini Antonio
naperna
Facta

Di Trabia

-

De Novellis

-

De Marco

-

Del

-

-

Grippo.
Angolo.

-

Mascia.

-

Domenico.

Pozzi

Resta-Pallavicino.

-

Sormani.
Zabeo.
Sono ammalate

Barilari
Caldesi

D'AliÊe
Di
glio

Branca.

-

Cantalamessa

-

De Andreis

--

--

-

Fazio

-

-

Donati

-

-

Don-

-

Fill-Astolfone

-

Farinet Alfonso

-

Ferraris

-

Gianolio

-

Maggiorino

Finardi

-

Giuseppe

Freschi

-

-

Frascara

-

Fa-

-

-

Fer-

Finocchiaro

-

Fulci Ludovico

Giacinto

Giovanolli

Marcora

-

Giunti

Giusso.

-

-

Marsengo-Bastia

-

Meardi

Gaetani

Gallupi
litti

di

Laurenzana

Gavazzi

-

Fulei Nicolò

-

Girardi

-

Giuliani

-

Galimberti

-

Gattoni

-

Gorio

-

Galli

-

Ghigi

--

--

Pais-Serra
ltizza

Prinetti.

-

Evangelista.

Te.ÿtasecca

Sinibaldi

-

Sola.

--

Toaldi.

-

Valle Gregorio.
ßono in missione

Gualtieri

-

Gallini

-

Ginori-Conti

-

-

-

Gio-

Guicciar-

-

Indelli.

Lacava

Lagagsi

-

Lucernari

Matteucci

Malvezzi

-

Maraini

--

-

purgo
Nasi

Leone

-

Lollini

Libertini

-

Lucchini

-

Luigi

officio pubblico

Mangingalli

Mazziotti

--

-

-

Medici

Mezzanotte

Manna

-

Massimini

-

Mel

-

-

Morandi

-

Morelli-Gualtierotti

-

Mango

--

Marzotto

-

Pantano

Panzacchi.

-

PRESIDENTE proclama il risultamopto delle votazioni·
158
Favorevoli

-

-

--

Orlando

--

-

Palatini

-

-

Astenuti

Orsini-Baroni
Ottavi.
Pantaleoni
Pansini
Papadopoli
Personò
Piccini
Pelle
Perla

Pavoncelli

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

65

.

.

.

.

.

.

1

scuole normali.

-

-

-

I sottoscritti chiedono d'int rrogare

«

11 sottoscritto chiede

Raggio
Rizzetti
chetti

Podestå

-

dell'armata

non

-

-

-

chiarazione che il soldato ha tenuto,

o no,

buong condotta sotto le

-

armi.
-

Rampoldi

-

-

Riccio Vincenzo

Rizzo Valentino

-

Rosano

-

Pozzato.

-

-

Rizzone

Rossi Enrico

-

---

--

-

Ridolfi

Rispoli

-

Rocca-Fermo

Rossi Teofilo

-

-

Sacchi

gnoletti

-

Talamo
-

Socci

Squitti

-

Torraca

Valeri

--

Wollemborg.
Zanardelli.

Scalini

-

-

Sili
Silva
Soulier
Spa-

-

di Genova ed i relativi

-

Tedesco

-

-

Turati

-

-

Varazzani

Ticci

-

Suardi.

Tizzoni

-

Tornielli

Turbiglio.
-

Ventura

-

«

provvedimenti.

I sottoscritti chiedono

-

-

-

--

Tripepi

Vallone

Vigna.

-

Sorani
Solinas-Apostoli
Stelluti-Scala
Stagliano

-

Tecchio

-

-

Santini

-

Vienna

».

d'interpellare

y

Sanarelli

-

-

Il sottoscritto chiede

-

Ruffo.

Silvestri

Stelluti-Scala

l'onorevole Ininistro dei lavori pubblici circa la potenzialità delle linee di accesso al portÿ
«

Ron-

Rovasenda

-

p.

d'interrogare l'onorevolo ministro della
ragione per cui il foglio di congedo dei tai tari
contiene, come quello dei militari di terra, 14 di-

«

Piovene

Rampoldi

l'onorevole Jainistre dell'interno sul recente provvedimento preso dal Consiglio ospitgliero
di Milano circa l'accettazique degl'infermi.
« Mangiagalli,
MAjuo, Gabrini.
Turati ».
«

-

-

-

.

.

(La Camera opprova).
Interrogazioni e interpellange,
STELLUTI-SCALA, segretario, ne dà lettura.
4 11 sottoscritto chiede d'interrogare l'onorevole ministro dell' istruzione pubbhea per conoscere i motivi del ritardato pagamento
dei sessenni agl'insegnati nei corsi complementari annessi alle

Mor-

Noé.
-

.

«

Menafo-

Luigi

Morgari

--

Cqatrari

marineria sulla

Niccolini

-

:

-

Murmura.

Olivieri
Patrizii

Leali

--

-

Maresca

Mestica

-

-

Pala

-

-

Maury

-

Morello
Morando Giacomo

glio

Pasquale

Luzzatto Riccardo.

-

Majorana
Mantica

Landucci

-

Libertini

-

:

Martini.

Furnari

dini.

Gesualdo

Melli.

-

Nuvoloni.

Frascara

--

Fusco.

-

Di Bro-

Luigi.

Luzzatti

.

Fradeletto

-

-

Stefano.

--

.

Aprile

Fortis

-

De Marinis

-

Lucifero.

Falletti

Fede

-

Caratti.

Capoduro

Della Rocca

Assenti per

Falconi Nicola

di Cambiano

Pini

-

Gaglia.

De

-

Lucchini

-

Di Ru-

-

Dozzio.

-

-

rinet Francesco
rero

De Viti

-

Di Sant'Onofrio

-

-

-

De Seta

-

Lucca

-

Scaramella-Manetti

-

-

De Cristoforis

Falcioni.

-

-

-

dacci-Pisanelli

-

-

-

Chimienti

-

-

-

Brunialti.
Bovi
Calvi
Canevari

-

Chiesi

-

-

Carboni-Boj
Castigliofil

-

Casciani

rugi

-

-

-

-

-

Borghese

-

-

-

-

Fusinato.

Grassi-Voces

-

Palberti

Prendono parte alla votazione
Abbruzzese

Gattoni
Landisi

-

-

Marescalchi-Gravina

menti per l'istruzione

i

Crespi.

---

Danicli

--

Franchetti

48

.

congedo

Anzani.

Ceriana-Mayncri

.

.

ßono in

canali Cavour

è addetto, dal Ministero dei

-

pubblica

Medici7.

d'interpellare

l'onorevole ministre della
istruzione circa l'erezione in ente morale dell'univergitþ

commerciale

«

Luigi

Bocconi

»

di Milano.
«

Majno, Mangiggalli,

Turati,

Cabrigi ».
sottoscritto chiede d'interpellare l'onorevole muristro di
« Il
agricoltura, industria e commercio, per sapere se, malgrado i voti
espressi dal Congresso delle associazioni industriali e commerciali, che ebbe luogo in Firenze nel ma,ggio 1902, dal Congrepso

GAZZETTA UFFICIALE 1)EL REGNO D' ITALIA

delle Camere di columercio svohost in Torma nel
dall'Associazione della stampa periodica italiana, e

gau il ri:
dall'Associa-

y

e por quali
promuovere l'intervento ufficiale
internazionale di Sant Louis negli Stati-

zione artistica internazionale di Roma; intenda ancora,
mantenere il rifiuto

ragioni.

dell'Italia

all'Esposizione

di

Uniti d'America.
«

Teofilo Rossi

».

La seduta termina alle 19.50.

Comunicazioni della Segreteria della Camera.
1)eliberazioni degli

Ugici.

Gli Uffici, nella riunione di stamane, hanno preso in esame il
di legge per modificazioni alla legge forestale. (263) (Ur-

disegno

dal Senato), nominando Commissari gli ono3anarelli, Torrigiani, Gallini,

genza), (già aþprovato

revoli Guzzi, Minisealchi Finardi,
Credaro, Gavazzi e BruniaÌti.

Costituzione di Commissioni

Domanda di autorizzaziono a

e

nomina di relatori.

procedere

contro il

deputato

Mau-

Presidente, l'onorevole Mel; segretario, l'onorevole
rigi (276)
Mezzanotto; relatore, l'onorevole Aguglia.
Domanda di autorizzazione a procedere in giudizio contro il <leGustavo Chiesi (266)
Relatore, l'onorevole Riccio Vin-

putato

-

cenzo.

Convocazione di Conimissioni.
Por domani domenieg8 febbraio:
Alle ore 16: la Coatmissione por l'esamo <lel clisegno di loggo
sul contratto di

lavoro

(205) (Unicio I).

Per lunedi 9 febbraio:

17: la Commissiono per l'etauro del disegno di legge,
dal
modificato
Senato, circa i direttori didattici ed i maestri eloAlle

ore

mentári'(8-B) (Uffleio 11).
Per giovedi 12 febbraio:
Alle ord 15: la Commissione per l'esame della domanda di autorizzazione a proco lere in giudizio contro il deputatato Farinet

(184) (Utficio III).

Francesco

DIA LIO ESTEleo
Sebbene vi sia

ogni

apparenza che si finirà

tendersi, alcuni giornali herlinesi

l' inaffatto

con

non si mostrano

soddisfatti del come procedono a Washington i negoziati
col rappresentante del Venezuela, signor Bowen.
Il Tageblatt, di Berlino, rimprovera al signor Bowen
la sua ostilità riguardo alla Germania, motivata dal desiderio di favorire il Presidente Castro e le Potenze che
che hanno rinon parteciparono al blocco. Le Potenze
dice il Tacosa
arrischiando
corso al blocco,
qualche
ad
una preferenza. Se trionfasse
hanno
diritto
geblatt
la teoria di Bowen, ne sarebbe pregiudicato grandemente il prestigio della Germania; in questo caso, sarebbe meglio di accettare l'arbitPato della Corte del-

n

procodiaina,

al

509

pari delflughilterra

o

dell°1talia,

cou

cahna e cautela. Noi vogliamo solo che sia tutelata la
vita e la proprietà dei nostri connazionali di colà. Nella
politica estera io mi tengo ben lontano da una politica
da campanile in cui ci si scaverebbe la fossa su tutte
le vie, come pure da una politica da lumaca, perchè
noi rimarremmo schiacciati nel nostro guscio. La questione boera non è di competenza del Reichstag.
Il deputato Ledebur si occupo pure della persona dell'Imperatore. Io domostrai ad esuberanza, durante la
prima lettura del bilancio, che sono pronto ad esternarmi francamente sui discorsi imperiali, ma io credo
di avere dalla mia la maggioranza preponderante di
questa Camera, quando dico che, per rispetto alla costituzione stessa dello Stato, non è opportuno nè conveniente di tirare in discussione la persona del Sovrano.
Siccome allora se ne parlo esaurientemente, non credo
che oggi vi sia motivo di riaprire la discussione sulla
persona del Monaroa. Perciò mi rifiuto di rispondere al
preopinanto· (Applausi a destra e al contro, interruzioni dei

socialisti).

Se si deve credere ai numerosi dispacci giunti da fonti diverse, il pretendente Bu-Hamara sarebbe effettivamente

prigioniero.
all'

di Madrid
incidente. Il dispaccio afferma che, non ostante tutte le smentite, esso
è stato sorpreso nella tribù kabila in Deric-Uaser e la
tribù dei Riallah avrebbe tentato invano di liberarlo.
La legažione spagnuola a Tangeri ha ricevuto la conferma di queste notizie da un corriere speciale. Si assicura anzi che la moglie legittima del pretendente si
Un dispaccio da Tangeri
fornisce anzi dei particolari

trovi tra i

su

Imparcial

questo

prigionieri.

Continuano ad arrivare dei particolari sulla battaglia
fra i ribelli e le truppe del Sultano. Gli uni affermano
che i ribelli ehbaro tremila uomini fuori di con.battimento mentre altri, forse più degni di fede sostengono che
« soltanto
quaranta teste e settanta prigionieri sono
stati condotti a Fez, ma che la vittoria, como effetto
morale, non ò però meno considerevolo e che il pretendento ð stato realmente schiacciato ».
Appena ricovuto la notizia della vittoria, il Sultano
ha ordinato agli ebrei di Fez di faro una passeggiata
con bandiera
e strumenti musicali per dar prova della
loro gioia.
Lo zio del Sultano, Muley Arafa è partito a bordo del
vapore marocchino Tourchi per Udjda ai confini delI'Algeria, dove va a pacificare le tribù locali.

-

l'Aja.
Nella seduta del 5 corp utê del Reichstag germanico,
il deputato socialista Ledebur bias;;B la politica estera
del cancelliere e tornò a parlare del discorsó
llTmperatore

a

Marinsburg.

Ëisposegli

il cancelliere de Bülow

in

questi

sensi:

1)a quasi sei anni ho dimostrato a sufficienza come io
rifugga da piani avventurosi. La questione di Samoa è
sgta regolata a soddisfazione generale. Nella questione
l'azione nostra
cinese siarno proceduti con prudenza e
ter_minb

con

pieno.

sižione rinforzata

nostro onore

e

acquistandoci

nell'estremo Oriente. Nel

una poVenezuela

Il corrispondente del Daily Telegraph manda da Obbia un lungo ed interessante dispaccio sulle operazioni
della colonna Cobbe che ha fatto, nella seconda quindicina di gennaio, una marcia di ricognizione nell'interno
La colonna è tornata ad
verso il distretto di Mudug.
Obbia il giorno 29 dopo aver fatto nel ritorno un lungo
giro attraverso una florente regione a pascoli in cui
però erano visibili le tracce delle razzie fatte dal Mullah. La colonna potè stabilire la via migliore per la
marcia verso Ì' interno dell'intero corpo di spedizione, e
ha lasciato delle fortificazioni intorno ai monti.
È fuori di dubbio che il Mullah ha un buon servizio
di informazioni, e che per mezzo di spie indigene conosce il numero e la posizione delle forze inglesi. Le sue
bande si trovano ancora nel distretto di Mudug, ma egli
si è ritiarto più al sud sul fiume Webbe. Il suo ritiro

570-

GAZZETTA UFFICIALE DEL REGNO D'ITALIA

cordia della cittadinanza nell'alto fine che s'ð

sud sconcerta alquanto i piani delle autorità inglesi
perché si teme ché la marcia verso il distretto di Mudug non abbia a dare alcun risultato. Intanto gli inglesi
si stamio trincerando ad Obbia, dove hanno eretti quattro terrapieni circolari intorno al campo. Ad O bbia è
sbarcato anche il contingente boero, ed è stato accolto
con molta cordialità dagli inglesi.

al

a per Milano tutta una storia di
sente continua, o che anche per
il concorso di

con

Spetta

noto Milano si

già

e

-

-

gano

ora

ai cittadini

impulso,

l'opera

1905

prepara ad una nuova fela
inaugurazione del nuovo valico
per
del Sempione indice una mostra nazionale dell'industrie
aereonatica
dei trasporti di terra e di mare
arti
decorative
belle
e
nei
trasporti
previdenza
arti.
Il Comitato generale costituitosi in quella città ha
pubblicato un bellissimo programma che il Corriere
della Sera, dice, dovuto alla penna di Giuseppe GiaCome ð

sta del lavoro

e

mezzo

riproduciamo

Lo

nella

integrità:

sua

un'altra volta dischiuse ai comper
merci de\ mondo ed alle comunicazioni delle genti. Un'altra volta
Milano si trovera alle porte d'Italia sulla via tra gli oceani e la
grande ýianura d'Europa e ne avrà accresciute la operositä, la
«

Le

Alpi

rinomanza

essere

stanno

la ricchezza.

e

A celebrare

l'evento

avvicinatore di

popoli,

Milano

ha delibe-

terra ad una gara pacifica di
paesi
rato d'invitare
industri,
e di porgere in mostra ai convenuti, quale espresopere
sione dell'anima nazionale, i puri prodotti dell'arte italiana.
ha dimostrato che tanto più le esposizioni riescono

tutti i

della

L'esperienza
esemplari ed afficaci, quanto più
i visitatori

ne

ritraggano

una

sono

specializzate,

serie ordinata

e

per modo che

compiuta

di co-

gmnom.

L'esposizione di Milano comprenderå tutti i rami dell'industria
fatto sensibile e
dei trasporti terrestri e marittimi, esporrà cioò
--

concreto in una mirabile varietà di forme e di congegni
a traverso
roso istinto che spinge gli uomini a ricercarsi

-

stacoli della terra

e

l'opegli o-

delfacqua.

in questa Milano, che assurse alla
Parve giusto raccogliere
tutte le
civile
virtù del proprio lavoro
la
opulenza per
-

presente
conquiste

possenti e delicate applicazioni scientifiche cho hanno
pronti gli scambi ed i commerci, appunto quando si

le

resi facili e
immobile
celebra una nuova vittoria del moto su di un colosso
che impediva il libero cammino degli uomini, e che gli uomini
hanno colpito al cuore, scavato nelle viscere, perché il lavoro di
diversissimi si ricongiunga attraverso ad esso, e più libe-

popoli

ramente e fieramente circoli come sangue vitale.
Rivolte le energie preparatorie della mostra ad

milanesi, assecondando questo primo pos,

rosa m.a

che.

tra od

iÏ flutto,

sia fermato un
cessa

una

cosi rigo-

scopi,
lunga battaglia di macchine contro la piesi ideb un'esposizione d'arte decorativa nella quale
altro anelito umano, quello verso la bellezza che

rappresentano

una

ideale
di essere isolata in un regno

e

scendo nella folla

e

della vita.

decora lo forme pratiche e quotidiane
Queste due mostre saranno internazionali. Milano in
i generosi combattenti di tutto il mondo.
esse

nome

di

Il segno
belte arti,

ospiterà

della nostra

ospitalità sarà l'Esposizione nazionale di
affermeremo le sempre antiche energie dell'antica terra

nella quale
della bellezza.
Un

grande assunto
gli danno

steggia,

la serietà

e

il Comitato. Affidamento

si propone dunque
la grandezza dell'avvenimento

l'utilità

stanza di tempo che separa

delle

questa

che

Esposizioni progettate,
iniziativa

da

che val-

Con questa sicurezza il Comitato esecutivo dell'Esposiziono inpubblica sottoscrizione, nella qualp certo rifulgera come

vanto noyello del nome

d'Italia la

generasa

o

patrottica

libera-

lità di Milano.
IL COMITATO

1\TOTIZIE

GENERALE.

VAILIEI

ETALIA.

Alla Reggia questa serà vi sara il ballo che le LL.
MM. il Re e la Regina avevano ordinato
per la sera di
lunedì scorso e che venne contromandato per la morte
del padro di S. A. R. la Principessa del

Montenegro.

Per

le

bande nausicali dei granatieri.
Per la istituzione di una banda militare, circa 150 anni or sono, il
co-

--

lonnello del

reggimento dei granatieri di Sardegna, don Alberto
Genovese duca di San Pietro, laseio la somma di lire 200,000 con
l'obbligo di far celebrare il 18 febbraio di ogni anno un funerale
solenne

suffragio

a

dell'anima

sua.

Quando i granatieri di Sardegna furono scissi in due reggimenti,
il laseito fu diviso in due parti, e si convenne che al
funerale
avrebbe provveduto ora l'uno, ora l'altro reggimento.
L'interesse della somma é ora di lire 13,000, di cui una
va

a

parte

beneficio dei soldati.

Quest'anno alla celebrazione del funerale penserà il secondo
reggimento, e la cerimonia si compirà nella chiesa di S. Maria degli
Angeli. Vi assisteranno le rappresentanze di tutte le truppe del
presidio e le due baade dei granatieri alternativamente eseguimarcie funebri.

ranno

Un

varo

Genova.

a

-

Nel cantiere Ansaldo,

a

Ge-

a stato varato, stamane, l'incrociatore corazzato della marina
argentina Moreno.
nova,

Assistevano al

quelle

in

varo

acque con

S. A. R. il Duca degli Abruzzi che si trova
la R. nave Liguria e moltissimi invitati.

Presenziava la R. nave
La

Dante

Lepanto
Alighieri

a

Prato.

-

Per iniziativa

prof. Giorgi, preside del Liceo Cicognani, fu ieri costituito il
Comitato pratese della Società Dante Alighieri.
Nel teatro del Convitt> Cioognani convennero le autorità cittadine, numerosi signori e moltissimi invitati]
Dopo lette numerose adesioni, furono comunicati dispacci doll'onorevole Villari e del prof. D'Ancona, che inviarono auguri di
prosperità al Comitato pratese.
Quindi il prof. lWazzoni, presentato dal dott. Angeli, pronunziò
un applaudito discorso.
Infine furono proclamati presidente del Comitato l'onorevole
deputato Angioli.Bi e vice presidenti il sindaco Tanini eill dott.
I lavori di organizStampa.
carnevalesca, che sarà quest'anno veraquesta
mente grandiosa, e riportera il Veglione della Stampa alle sue antiche e belle tradizioni, sono ormai compiuti.
In mezzo alla vasta sala del Costanzi sorgera il giardino di
Fontainebleau, artistica e geniale ricostruzione storica, a cui presiedono egregi artisti, e da cui partiranno infinite e dolci sorpreso
per gli intervenuti al Veglione.
11

di successo

importanza

del

abcanto al veicoli dell'industria

complessa unitå di

Ciera¾i

dice la

-

e

della

Risparmio

di fornire al Comitato i mezzi necessarî idare al,

-

cosa.

che Íl rÈ
xilkiÌÔsfila
ofÌerS ÄaÌla S'

di lire

che si prepara quella dignità e quella
continuare orgogliose tradizioni

a

proposto. II, passato

largÌ1ezza

questa occasiolli si Ë

vincia, dal Municipio, della Cassa di
Commercio.
sente

Esposizione di Milano

niilione

un

signorile

si fela di-

altre consimili

nella metropoli lombarda.
Il Comitato dell'Esposizione sento meno grave la accettata responsabilità, per la fede che nutre in una pronta e piena con-

Veglione

zazione

di

de11a

festa

---

GAZZETTA UFFICIALE DEL REGNO D' ITALIA

alla Corte arbitrale

I premi ammontano in tutto a LlRE MILLE.
Il Vegliono della Stampa avra luogo il 19

febbraio, giovedi

Tutti gli altri punti

Servizi postali.
Campioni soggetti
Bollettino del Ministero delle Poste pubblica:
--

dazio.

a

-

Il

positivo al Ministero che dalla Germania vonin
Italia
prodotti chimici e specialmente alcaloidi,
gono spediti
sotto fórma di campioni raccomandati, frodando così all' Erario i
diritti di confine ai quali tali prodotti sono soggetti. Una circoJare del Ministero invita quindi tanto gli uffici di transito quanto
quelli di destinazione ad esercitare la più diligente vigilanza sul
contenuto dei predetti campioni, denunziandoli all'occorrenza alla
locale autoritå doganale, in base alle tassative disposizioni.
I signori direttori, ispettori e verificatori sono vivamente interessati a curare la scrupolosa osservanza delle disposizioni stesse,
segnalando al Ministero gli uffici che le trasgredissero.
Ieri ad Asiago a
Por una vittima del dovere.
Ministero delle finanze o del Corpo dello Guardie di fidel
spese
nanza fu scoverto un artistico monumento all'ispettore delle guar--

nativo di Roma, che fu ucciso lassù lo
di moschetto dal brigadiere siciliano
Cosenza, por motivi di servizio.
Il monumento é opera dello scultoro Brustolon. Consta di un
die stesso cav. De Paola,
un

colpo

sormontato da un'atiulla in- bronzo, recante
in bassorilievo con l'effigie della vittima. L'epigrafe
fu dettata da Antonio Fogazzaro.
Si tole,La vittoria della radiotelegraña.
da Londra 7 all'Agenzia &efani:
grafg
del telegrafo senza filo Marconi aveva presentato
La Compagnia

obehago
un

in marmo

medaglione

relativo

dinanzi alla Corte della Chancery una domanda tendente ad otdei poteri che le sono conferiti da i suoi
tenere una estensione
statuti.

Compagnia, svolgendo oggi

le

sue

conclusioni

dinanzi alla Corte, ha dichiarato che la domanda si fonda sulle
prospettive aperte dalla nuova invenzione Marconi, la quale sudella scienza. La Compagnia desidera diven.
pera gli stessi sogni
tare un ufficio di stampa, pubblicando sulle navl in viaggio notizie che permetteranno ai passeggeri di essere al corrente degli
avvenimenti e dando alla luce sul mare una specie di giornale

quotidiano.
,La Compagnia chiede
dí denaro per telegrafo
Banos.
La Corte accordó alla
dei

pure di essere autorizzata a fare spedizioni
filo onde facilitare le operazioni di

senza

Compagnia

Marconi

la chiesta estensione

poteri.
con

a

bordo

Guglielmo Marconi, à

protocollo

essendo regolati, si stipulerebbe subito il
toglierebbe il blocco delle coste del Vene-

si

e

-

che la

stipula

Uno di essi

della

questione

sotto-

separazione dei redell'Aja o

clami delle diverse Potenze sarà rinviata al Tribunale

che il blocco sarà tolto immediatamente

collo; l'altro regola

dopo la firma del protopagamento delle indonnità
sistema l'amministrazione delle dogano

ripartizione

la

fra i diversi creditori

e

del

venezuelane.
I

protocolli stipulano

sterline

a

inoltre il pagamento preliminare di 5500

ciascuna delle Potenze alleate.

PARIGI,

7.

Negli

-

violento alterco tra i

ambulacri

deputati

della

Lasies

e

Camera

avvenne

oggi

un

Selle.

Questi dette un pugno a Lasies, il quale inviò i suoi padrini a
ma avendo questi riflutato di accordare una riparazione con
le armi, Lasies chiedera alla Camera l'autorizzazione di procedere

Selle;

contro di lui dinanzi al tribunale correzionale.

LONDRA, 7.

11 transatlantico Etruria, sul quale viaggia GuMarcani, ha avuto una traversata tempestosa. Stamane
non potè aceostarai a Queenstown per sbarcare la posta od i
-

glielmo
easo

passeggieri

dovette

e

proseguire

per

Liverpool,

dove arriverk sta,

notte.
Marconi sarà

DRESDA, 7.

giornali

a
-

Londra Domenica.

seguito alla

In

che la rottura fra la

Giron sia il

primo

manifestata da alcuni
Luisa ed il professore
accordo fra la Principessa e la

speranza

Principessa

passo verso

un

Corte Sassone, il Giornale di Dresda, organo ufHoiale, si dice autorizzato a dichiararo che i fatti esposti dagli avvocati della Principessa, ancho supponendo che siano veri, non cambiano nulla
nelle

della Corto Sassone con la
Principessa Luisa. Il
iniziato
seguirà quindi il suo corso.
processo
GINEVRA, 7.
Gli avvocati della Principessa Luisa hanno
dall'avvocato del Principe creditario di
ricevuto
in

relazioni

--

risposta

ad

loro

un

di stamane,

telegramma

un

Sassonia,
il quale

dispaccio,

dice che la domanda della

per vedere

suo

qualunquo

cosa

Principessa di potersi recare a Dresda
ammalato é stata definitivamente respinta,
avvenga,
Camera dei deputati.
Si approva l'emissiono
figlio

PARIGI, 7.
di dieci milioni di franchi
--.

milioni

saranno

--

in

spezzati

coniati durante il

di

nichelio,

di cui

quattro

1903.

a

tipo di moneta scelto ð il pezzo da 25 centesimi. L'emissiono
del 1903 darà un beneficio di circa 4 milioni di franchi.
La Camera intraprende poscia la discussiono della legge sulle
fin

giuntotstanotte.
telegrafo

beneficio

a

Il

E da Liverpool; 8 :
Il transatlantico Etruria,
L'Ett•uria,

priorità

Ciascuna delle Potenze alleate ha
WASHINGTON, 7.
posto al ministro Bowen due protocolli.

-

L'avvocato della

di

zuela.

Consta in modo

scorso anno, con

la questione

delle tro Potenze alleato.

grasso.

-

dell'Aja

571

venti miglia ad Ovest di Brow Head,
filo i riassunti delle notizie

senza

del

ha

ricevuto

giorno.
ai passeggeri.

inze.

Gauthier de

Clagny

reclama la

contro la concorrenza estera "e

protezione degli operai

dice

che

francesi

annualmente gli operai
quelli francesi.

por
Queste, stampate a bordo, sono state distribuite
Il giorno 6 il piroscafo .DuMarina mercantile.
chessa di Genova, della Veloce, parti da Barcellona per il Plata
ed il pirosoafo Rävenna, della S. I., giunse a New-York. 11 Las

stranieri tolgono un miliardo di salari a
Il ministro del commercio e dell'industria, Trouillot, obbiotta che
la questione à di indole internazionale.
Tuttasit & pronto a studiarla.

Palmas, della Veloce, da Rio-Janeiro ha proseguito per Santos.
Il Sicilian Prince, della P. L., à partito da New-York diretto a
Genova.

Mahy presenta una mozione, la quale invita il Govergo a studiare e proporre misure intese a proteggere la mano d'opera nazionale.

-

Tale mozione è approvata.
La Principessa Luisa si è mostrata dolentisGINEVRA, 7.
sima della risposta pervenuta dall'avvocato del Principe ereditario
di Sassonia, dott. Körner, ed ha pregato caldamente i suoi avvocati Zehme e Lachenal di tentare un nuovo passo presso la Corte
-

(Agenzia Stefhni)

sassone.

11 processo
BRUXELLES, 7.
oorr. a causa della malattia di un
--

Rubino a stato rinviato al 10
giurato e della mancanza di un

-

Si assioura che si tratterebbe di

deferire

La Corte d'Assise ha

-

ritte ed

giurato supplente.
WASHINGTON, 7.

MONTPELLIER, 8.
nel processo contro gli
acousati.

ha,

in

arabi

seguito

al

imputati

dei

verdetto dei

emesso la sentenza
disordini di Margue-

giurati,

assolto 80 degli

,

572

GAZZETTA UFFICIALE DEL REGNO D' ITALIA

Rimano

deliberare snila sorte di 27 :Lo
La Camera del rappresentauti ha
apµroTato il progetto di legge contro i trusts.
8.
Edib Paseia, ex-Vall del vilayet di
COSTANTINOPOLI,
Monastir, sarà probabilmente nominato Vall di Tripoli.
MONTPELLIER, 8.
Processo pei disordini di Margueritte.
Yaeoub, Taalbi, Ben Sadock e Ben Umar sono condannati ai lavori
forzati a vita; sette accusati sono condannati da quindici a cinque anni di lavori forzati; due a cinque anni di reclusione e cinque da due anni a sei mesi di carcere.
Tutti gli altri vengono condannati soltanto all'interdizione del
ancora

ROIiLETTINO METEORICO

a

MríslllNGTON,

deli Lincio centrale. di

7.

meteorologia

e

di-geodinamica
8 febbraio 1903.

Roma,

-

TEMPERATURA

-

-

soggiorno

a

rimangono impassibili

durante la lettura della

sen-

RIO-JANEIRO, 8.
verno del Brasile che

11 Governo boliviano ha risposto al Goesso acconsente che il Brasile occupi militarmente il territorio di Acre e lo amministri fino a che non sark
risoluta la questione del possesso.
Il Governo boliviano invierà a Rio-Janeiro un plenipotenziario,
munito di pieni poteri, per negoziare un accordo che metta fine
alle difficolta sorte.
Tutto il territorio di Acre si trova ora in potere dei Brasiliani.
SOFIA, 8.
Nel pomeriggio hanno avuto luogo i funerali di
-

-

Karaveloff.
Vi assistettero il Principe Ferdir.ando, i Ministri e grande folla.
BARCELLONA, 9.
Le associazioni operaie hanno deciso d'incominciare, oggi, lo sciopero generale.
Lo autorità presero misure per assicurare l'ordine pubblico.
Gli avvocati della principessa Luisa, Zehme o
GlNEVRA, 8.
Lachenal, comunicano la seguente nota.
«
In seguito agli avvenimenti delle ultime settimane, al rifiuto
dell'autorizzazione di potersi recare presso la cása paterna a Salisburgo ed all'impossibilità in cui fu messa di rivedere il figlio
gravemente malato a Dresda, si à manifestato nella principessa
Luisa uno stato di depressione fisica o morale ed un abbattimento
-

--

profondo.
« Onde combattere tale prostrazione e tenendo conto dello stato
interessante in cui si trova la principessa per trovare il riposo,
del quale ha urgente bisogno per ristabilirsi in salute, ha deciso
di ricorrere ad una cura medica adatta al suo stato.
« Pereib la principessa ha chiesto ed
ottenuto di essere ammessa nel sanatorio della Metairie presso Nyon ove
è entrata
oggi stesso ».
Il Morning Post ha da
LONDRA, 9.
Washington : Si crede
che il Venezuela accettera di estendere por la durata di un anno
il trattamento privilegiato alle Potenze alleate. Gli Stati Uniti e
la Francia non vi si opporrebbero. Prima della fine dell' anno
ero la Francia riceverebbe lo stesso trattamento delle Potenze
-

lleato.
Il Central News ha da Addis-Abeba: Il Negus Menelik ha rotto
ogni relazione col ministro frandese, Lagarde, e lo ha invitato a
lasciare la città.

OSSERVAZIONI METEOROLOGICHE
Collegio Romano

del R. Osservatorio del
dell'8 febbraio

1903

L'altezza della statione
metri..................
50,60.
ßarometro a mezzodi
773.9.
Umidith relativa a mezzodi
62,
Vento a mezzoal
NE debole.
.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

¡

.

Termometro oentigrado
in 24 ore

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

mente

Novara

.

ore

Pavia

.

Massima

8

Milano
Sondrio

.

.

.

.

sereno

.

.

.

sereno

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

Brescia

.

.

.

.

.

sereno

Cremona

.

.

.

.

nebbioso

Mantova
Verona
Belluno

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

Treviso
Venezia

.

.

.

Padova

.

.

Rovigo

.

Piacenza
Parma

.

Modena
Ferrara

.

Bologna
Ravenna
Forli

Pesaro
Ancona

Urbino

nebbioso

.

sereno

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

·

.

.

.

.

-

.

.

.

.

.

.

.

.

Perugia

Camerino
Lucca

.

.

calmo

-

--

nebbioso
sereno

9
7
7
9
9
7
9
7

-

nebbioso

-

sereno

-

calmo

.

.

sereno

.



sereno

·

·

.

.

.

-

-

-

-

....

sereno

-

-

-

sereno

.
.

.

.

.

-

.

.

-

.

.

-

-

-

-

&

-

-

8
8

.

-

.
.

coperto

.

-

-

nebbioso

-

.

.

*/4 coperto

.

-

·

·

.

.

.



sereno

·

·

·

sereno

-

-

-

·

·

sereno

-

.

-

-

-

sereno

-

-

-

-

-

.

.

-

-

.

.

sereno

.

.

-

·

.

-

-

Cosenza
Tiriolo

3 0

·

·

.

.



·

·

-

-

·

·

sereno
sereno

-

-

.

.



.

.

.

-

·

-

.

.

.

.

-

.

.

.

.

.

.

.

.

.

Caltanissetta
Messina
Catania
Siracusa
.

.

.

-

delle Mantellate.

.

.

.

.

·

.

-

enperto

nebbioso

--

-



.

.

sereno

calmo
calmo

sereno

calmo

sereno

calmq

3/4 coperto

.

.

.

.

-

-

.

sereno

*/4
.

.

.

.

.

.

,

.

.

coperto

sereno

sereno
sereno

*/4 aoperto

I

-

calmo
calmo
calmo
calmo
-

7
8
12
7

0
0
0

13

0

Q

14 2
15 8

Ì

$ Û
11

15
13
12
14

13

3
8
4

4
0
0
8
0
l

2 0
4 0
5 0
2
1 2
3 8
0 0
1 2
2 2
3 0
4 4

2 8
2 9

3 0
5 3
4 9

7 4
) O

12 7
10 0

-

sereno

.

.

calmo

sereno

-

.

Empedocle

Cagliari

4

---

12 7
11 7

-

sereno
*

.

-

nebbideo

.

Reggio Calabria
Trapani
Porto

1/4 eoperto

-

.

calmo

nebbioso

.

.

-

7

-

12 0
8 6
3 3
10 2
11 5
11 3
12 8

-

sér'end



-

.

.

-

sereno

·

-

-

---

0-5
1 9
3 0
1 2
0 2
0 6
2
5
2
2

16 0
13 5
12 I
11 8
11 4
1 3
12 3
I

2 6
I l
-

1
3
9
0
2

-

I
calmo

0 5

2 0
0 3
0 2
---13
2 2
2 5

12 1

-

*/, coperto
3/4 coperto

.

.

2 1

-

10.6
11 5
9 6

-

sereno

-

.

Pisa
Livorno
Firenze
Arezzo
Siena
Grosseto
Roma
Teramo
Chieti

3 1
0 4
1 0
0 8

-

---

-

nebbioso

.

9 5
8 2
9 5
8 l
9 0

-

.

.

.
.

8 0
9 5

-

--

calmo

.

-

0 3
1 0
5 2

-

7 9
6 3

-,

5/4 coperto

.

0 l
-

-

-

sereno

.

.

-

-

.

.

8 0
4 0
1 ß

-

9 3
7 9

*/, coperto

.

Macerata
Ascoli Piceno

Sassari-

Tipogratia

nebbioso

.

Palermo

al-

nebbioso

.

.

.

sereno

.

.

6 8

-

-

coperto
coperto

.

.

-.

Ij, coperto

.

.

-

-

.

-

ßarometro: quasi livellato intorno a 7Ti.
Probabilità ; venti deboli varî; cielo vario sull'Italia,
trove.

oro

-

.

.

7
8
7

-

sereno

.

.

9

-

-

.

Reggio Emilia

Potenza

prevalente-

.

.

.

.

-..-

Koreno

.i

.
.

.

-

nebbioso
nebbioso

.

Udineg

7
7
9

--.

sereno

.

.

l
0
3
9
4
9
0
8
9
1
8

13
13
15
10

-

*/4 ooperto

.

Avellino

settentrionali.

Direttore: Avv. Giovamu PRORNTuu.

.

.

Caggirno.

sereno; venti deboli

sereno

.

.

Benevento

tempera-

sereno

.

.

.

Bergamo

Napoli

di 790

Minima

nelle 24

calmo
caltho
cahuo

coperto

.

.

.

.

*/4 coperto

.

.

.

.

1°,2.

talia, minima

.

Domodossola

.

In Italia nelle 24 ore: barometro salito da 3 a 5 mill.;
tura poco variata; nebbie sull'Alta Italia.

Stamane: cielo quasi ovunque

.

Ba i
Lecce
Caserta

serono.

Minimo
0,0.

.

Foggia

.

Li 8 («bbraio 1903.
In Europa: pressione massima di 777 in
sulla Norvegia settentrionale.

.

Agonne

.

.

Porto Mturizio
Genova
Massa Carrara
Cuneo
Torino
Alessandria

Aquila.

.

.

.

.

A

Massimo 12*,6.

Pioggia

8

precedenti

.

II barometro & ridotto allo zero.

.

ore

dSe marOe

o

Margueritte.

Gli accusati
tenza.

Cielo

STActe

STAZIONI

8 5
--

2 2
O A

3 0
-

3 0

7 0
0 I
3 5
8
3
7
6
5
3
5

Rarram.s Tommo, Gerente responsabile.

0
0
1
4
7
5
2


Documenti correlati


Documento PDF rg1903 02 09 032 pm
Documento PDF rg1904 01 05 003 pm
Documento PDF rg1905 09 14 215 pm
Documento PDF il quotidiano 11 02 13
Documento PDF fuori dal comune pdf
Documento PDF rass


Parole chiave correlate