File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Ricerca PDF Assistenza Contattaci



Programma .pdf



Nome del file originale: Programma.pdf
Titolo: Microsoft Word - Programma.doc
Autore: Jack

Questo documento in formato PDF 1.4 è stato generato da PScript5.dll Version 5.2.2 / GPL Ghostscript 8.71, ed è stato inviato su file-pdf.it il 27/04/2014 alle 12:13, dall'indirizzo IP 109.115.x.x. La pagina di download del file è stata vista 1660 volte.
Dimensione del file: 194 KB (20 pagine).
Privacy: file pubblico




Scarica il file PDF









Anteprima del documento


Maratea, aprile/maggio 2014

Carissime Concittadine e carissimi Concittadini,

“Per Maratea”
è il Logo che accompagnerà, come già nella precedente Campagna Elettorale del giugno
2009, anche nella presente Campagna Elettorale per le Elezioni Comunali del 25 maggio 2014 la
Lista il cui Candidato Sindaco è

Mario Di Trani
“Per Maratea” conserva i suoi originari connotati di Lista Civica.
Il simbolo della nostra Lista “Per Maratea”, come già a suo tempo precisato, è di una
semplicità estrema; in esso sono, però, racchiusi i Tesori più importanti di Maratea: il Mare, la
Costa, il Sole.
Anche la scritta “Per Maratea” è semplice perché Maratea, senza bisogno di aggettivi,
deve essere al centro della nostra attenzione e del nostro impegno.
In tempi di grandi difficoltà, quali sono certamente quelli che viviamo, la consolidata
esperienza del Candidato Sindaco MARIO Dl TRANI può essere un valore aggiunto, una sicura
garanzia per superare i mille ostacoli che quotidianamente bisogna affrontare nell’interesse della
nostra Comunità.
La constatazione che solo con il Sindaco Di Trani, dal 1995 – anno di entrata in vigore
della nuova Legge per l’elezione diretta del Sindaco – le Consiliature sono arrivate alla loro
scadenza naturale, ovvero non hanno subito lo scioglimento anticipato dei Consigli Comunali con le
conseguenti gestioni Commissariali, dimostra come il Sindaco Di Trani abbia capacità di guida
della complessa macchina politico-amministrativa tanto da scongiurare le situazioni innanzi
richiamate che rappresentano obiettivamente un momento di rallentamento di non poco conto dei
processi di sviluppo di una Comunità e hanno contribuito ad appannare l’immagine della nostra
Città.
Un tratto saliente della Lista “Per Maratea” è la concreta applicazione del concetto della
“Parità di Genere” che, nel caso specifico, non è più, quindi, solo uno slogan o un auspicio.

1

La Lista “Per Maratea” comprenderà, dunque, 6 Uomini e 6 Donne: queste apriranno
la Lista in ordine alfabetico e gli Uomini seguiranno, sempre in ordine alfabetico.

BRANDO
CAPUA
IOB
FILARDI
PECORIELLO
STOPPELLI
BELVEDERE
CARLUCCIO
DE MARCO
DE SANTIS
LUONGO
SCHETTINO

Rosa
Rosalba
Marinella
Paola
Mimma
Loredana
Biagio
Lorenzo
Pierfranco
Giovanni
Luca
Biagio

La Lista “Per Maratea” si avvale di 6 Candidati presenti già nella Consiliatura 2009-2014:
3 Donne – Rosa Brando, Rosalba Capua, Marinella Iob; 3 Uomini – Biagio Belvedere, Lorenzo
Carluccio, Biagio Schettino e 6 nuovi Candidati (3 Donne e 3 Uomini): 3 Donne – Paola Filardi,
Mimma Pecoriello, Loredana Stoppelli; 3 Uomini – Pierfranco De Marco, Giovanni De Santis,
Luca Luongo.
I Candidati della Lista “PER MARATEA” ritengono che il concetto di “responsabilità”,
in un clima di reciproca stima e chiarezza, debba essere la Stella Polare della loro quotidiana azione
di Governo.
La Lista “Per Maratea” guarda con amicizia, simpatia e rispetto all’azione di Governo del
Presidente della Giunta Regionale di Basilicata, Dr. Marcello Pittella.
La Lista “Per Maratea” ringrazia il Presidente Pittella che, raccogliendo un invito
rivoltogli dal Sindaco Di Trani, ha trascorso il pomeriggio e la sera di sabato 29 marzo u.s. a
Maratea, per incontrare preliminarmente in Comune la Giunta e, a seguire, presso il Grand Hotel
Pianeta Maratea, le Categorie degli Operatori impegnati nelle diverse Attività Produttive e le
Associazioni che a vario titolo operano sul territorio. Si è, poi, sottoposto di buon grado, in una
pubblica e affollata Assemblea, al fuoco di fila delle domande del Direttore de l’Eco di Basilicata,
Dott. Mario Lamboglia, spaziando su tutti i temi che riguardano la nostra Regione. Al termine
dell’intervista, il Presidente Pittella non ha voluto mancare di riferirsi anche a Maratea assicurando
che durante il suo mandato farà tutto quanto necessario perché questa torni ad essere un importante
attrattore della Basilicata. In tale percorso il Presidente Pittella non ha fatto mistero di contare sul
Sindaco Di Trani, al quale Lui e la sua Famiglia paterna – il Papà Mimì già Senatore della
Repubblica e il Fratello Gianni Vice Presidente del Parlamento Europeo – sono da 40 anni
legati da solidi vincoli umani e politici al tempo stesso.
Nell’incontro in Comune il Sindaco Di Trani e la Giunta hanno ringraziato il Presidente
Pittella che, nell’arco di pochi mesi da Presidente, ha già messo a segno, o comunque conterà di
concretizzare positivamente nel giro di qualche settimana, una serie di iniziative importanti per
Maratea, quali:
• € 600.000,00 – Delibera G.R. n° 134 dell’11.02.2014 – per “Illuminazione strategica del
Porto”;
• € 3.500.000,00 – Delibera G.R. 302 dell’11.03.2014. In questa Delibera si fa esplicito
riferimento al “Polo di Riabilitazione” da realizzare nel nostro Plesso Ospedaliero. Il citato
finanziamento, cui ne farà seguito un altro di € 6.500.000,00 per un totale di €
10.000.000,00, necessari per la messa in sicurezza e la ristrutturazione del Plesso. Quanto
innanzi è la dimostrazione più evidente della volontà del Presidente Pittella di realizzare
finalmente a Maratea il “Polo della Riabilitazione”.
2



€ 30.000.000,00. Questo è l’importo previsto nell’Accordo Quadro di Programma,
sottoscritto a Roma in data 02.04.2014 dal Ministero per lo Sviluppo Economico, la Regione
Basilicata e l’Anas, per la Messa in Sicurezza della SS 18. L’Anas è incaricata della stesura
del Progetto. Questo accordo che prevede una serie di importanti realizzazioni per la
Basilicata è giunto alla firma, passaggio decisivo, grazie alla determinazione del Presidente
Pittella. Il programma delle Opere contenute in tale accordo comprendente Maratea era
stato deliberato dal CIPE fin dall’agosto del 2011, Presidente del Consiglio dei Ministri,
l’On. Silvio Berlusconi. Da allora, per una serie di problematiche, non sempre
comprensibili, non si era pervenuti alla fase della Firma. Con il Presidente Pittella ci si è
riusciti e, quindi, un annoso problema che tanti guai ha procurato alla nostra Comunità
finalmente si è avviato a soluzione.

Nel predetto incontro con la Giunta, il Sindaco Di Trani e gli Assessori hanno rappresentato
al Presidente l’esigenza di vedersi assegnati dalla Regione dei contributi finalizzati a:
1) € 1.200.000,00 per 3 interventi:
a) Centro Storico: per Recuperi
- ex Mercato coperto di Piazza Europa per destinarlo a Sala Multiuso con finalità
culturali e sociali;
- Piazza Mercato per trasformazione da attuale parcheggio ad area verde, recuperando lo
spazio per gli attuali posti auto in via Roma, attraverso un sistema di parcheggio a 2
piani;
b) Acquafredda:
- Miglioramento della Viabilità per Spiaggia Luppa;
2) € 500.000,00 per Messa in Sicurezza “Spiaggia del Nastro” a Cersuta;
3) Sono stati richiesti altresì contributi per la Messa in Sicurezza della Chiesa Madre nel
Centro Storico e della Chiesa a Brefaro;
Sono state, quindi, rappresentate al Presidente Pittella altre problematiche, relative a:
4) Interventi di Riqualificazione del Porto oltre al già ricordato finanziamento per una nuova
Pubblica Illuminazione;
5) Interventi di Riqualificazione Centro Storico: viabilità, verde, arredo, ecc.;
6) Trenitalia: Maratea deve avere un numero di fermate adeguate alle crescenti esigenze
turistiche;
7) Piano dei Lidi: gli Operatori del Settore attendono da anni una soluzione che li renda
tranquilli;
8) Erosione delle Spiagge (vedasi nota a seguire relativa ad “Ambiente”);
9) Orto Botanico (vedasi nota a seguire relativa ad “Ambiente”);
10) Mobilità. È un tema importante per i processi di sviluppo della nostra Città;
11) Metropolitana leggera, ovvero l’utilizzo della rete ferroviaria potrebbe rappresentare un
momento di rilevante interesse mettendo in collegamento Maratea con il Basso Cilento e
l’alto Tirreno Calabro;
12) Film Commission: deve guardare con interesse al nostro Territorio;
13) Recupero Complesso Fiumicello/ex Collegio Scuola, di proprietà della Regione: non è più
rinviabile una soluzione;
14) Recupero ex Pamafi – Castrocucco;
15) Rilancio ed effettiva utilizzazione di Villa Nitti.

Il Presidente Pittella ha assicurato il suo impegno per tutti i punti innanzi
richiamati.
Il Candidato Sindaco Mario Di Trani e la Lista “Per Maratea”
ringraziano fin d’ora il Presidente Pittella per tutte le attenzioni che Egli
riserverà a Maratea.
3

Carissime Concittadine e carissimi Concittadini,
di seguito sottoponiamo alla Vostra attenzione il Programma della Lista “Per Maratea” sul
quale chiediamo la Vostra fiducia.
Il Programma della Lista “Per Maratea” si impernia sul seguente concetto:

TUTELA dell’AMBIENTE
e SVILUPPO del TERRITORIO
.-.-.-.-.-.
I Programmi elettorali quasi mai si spendono sul versante delle Entrate. La Lista “Per
Maratea” ritiene, invece, di fornire qualche elemento in proposito.
E’ utile sapere che in questa Consiliatura i cosiddetti “trasferimenti” di risorse finanziarie
dallo Stato ai Comuni, per quanto riguarda il nostro, sono calati notevolmente, passando da
€ 1.600.000,00 del 2009 ai € 400.000,00 del 2014. Se, inoltre, consideriamo che dal 2013 i Comuni
devono concorrere a finanziare il “Fondo di Solidarietà”, subendo la trattenuta direttamente
sull’incasso IMU e che nello specifico la quota del nostro Comune è stata determinata in circa
€ 500.000.00 risulta chiaro che il trasferimento dello Stato si è praticamente annullato.
Per quanto attiene alla TARES, ricaduta principalmente sull’economia delle attività
commerciali e soprattutto su quelle ricettive, e considerato che probabilmente anche con la sua
eliminazione e l’arrivo della Tari la situazione non cambierà in quanto il costo del Sevizio Raccolta
Rifiuti Urbani deve essere interamente coperto dal pagamento a carico degli Utenti, puntiamo ad
ottenere la pubblicazione di un Bando Regionale che preveda fondi per la ristrutturazione e gli
investimenti in nuove tecnologie delle Attività commerciali e ricettive al fine di alleggerire e
compensare in questo modo l’eccessivo carico contributivo.

.-.-.-.-.-.
La Lista “PER MARATEA” guarda con attenzione ai problemi del Turismo, della
Pianificazione del Territorio, della Sanità, del Lavoro, dell’Ambiente, della Scuola, dei
Servizi, delle Infrastrutture e garantisce il proprio costante impegno perché gli stessi, di concerto
con la Regione, la Provincia e tutti gli Enti di riferimento, siano affrontati con ferrea volontà di
superarli.
Ciò premesso, la Lista “Per Maratea” pone in cima al suo programma 2 temi, ritenendoli
fondamentali per confermare in via definitiva Maratea al livello di “appeal” turistico nazionale e
internazionale che le è appartenuto e che, ancora oggi nonostante tutto, continua ad appartenerle:

4

UNESCO
AREA MARINA PROTETTA
UNESCO

Sul tema
si cominciò già a lavorare a partire dalla Primavera 2012,
accogliendo un suggerimento del Prof. Francesco Sisinni.
Il percorso non è semplice ma le potenzialità, riferite in particolare ma non solo alla Costa,
al Centro Storico e al Borgo Castello, ci sono tutte per centrare l’obiettivo.
Tutte le Istituzioni regionali furono immediatamente informate di tale grandioso progetto e
da tutti pervenne l’impegno a sostenere l’iniziativa. Sempre nello scorso anno si tennero, presso la
Casa Comunale, degli incontri operativi con le Soprintendenze Regionali per mettere a punto
l’agenda della raccolta di tutti i dati per l’allestimento del Dossier da inviare alla Sezione Italiana
dell’Unesco per un primo esame che, se superato, approderà poi alla Sede centrale di Parigi per
l’auspicabile approvazione finale ottenendo, quindi,

l’inserimento di Maratea nella Lista del Patrimonio mondiale,
culturale e naturale dell’ UNESCO.
I Cittadini di questa Terra bellissima e meritevole di grande e assoluta attenzione, le Persone
impegnate nelle Istituzioni Pubbliche nei diversi ruoli e responsabilità, tutti coloro che amano
Maratea avranno assolto, contribuendo alla realizzazione di un sì grandioso progetto, innanzitutto
ad un preciso e imprescindibile DOVERE e avranno, inoltre, garantito alla nostra Città un futuro nel
quale la Storia, la Cultura, le Tradizioni, la Natura, il Paesaggio costituiranno per sempre la trama di
una Tela di pregevole fattura che farà da necessario supporto alla crescita civile, sociale ed
economica dell’intera nostra Comunità.

RISERVA MARINA PROTETTA

Sul tema
si discute da anni ma
è giusto pensare che, oggi, nella coscienza collettiva di questa Città, il seme di tale grande Idea si è
sostanzialmente radicato perché è maturato il convincimento che la “Riserva”, così come avvenuto
in altre Aree dove si sono realizzate “Riserve Marine”, è portatrice di tanti ed enormi vantaggi da
far considerare assolutamente secondari alcuni vincoli.
Sono, pertanto, maturi i tempi affinché vadano a buon fine le sollecitazioni rivolte in
particolare da questa Amministrazione ai Governi centrale e regionale e che nella scorsa primavera,
per volontà dell’allora Assessore regionale alle attività Produttive Dr. Pittella, produssero un Ordine
del Giorno votato dal Consiglio regionale che recuperava l’idea dell’Area Marina Protetta.
In questo percorso, anche di illustrazione dei motivi che militano a favore dell’istituzione
dell’Area a Maratea, è stato prezioso, e continuerà ad esserlo, il contributo di LEGAMBIENTE
regionale e nazionale.

.-.-.-.-.
Su altri due temi è stata assai forte l’attenzione di questa Amministrazione Comunale, ossia
l’Unità del Territorio e l’Associazionismo. Nel primo caso la realtà di un Territorio
costituito da molte Frazioni spesso ha portato in passato a spinte identitarie molto forti. Bisogna
essere tutti convinti che solo un processo di aggregazione, coesione, condivisione, ancorato all’idea
5

di Unità del Territorio, può rendere vincente, sotto ogni aspetto, la nostra Città. In tal senso ci siamo
mossi e continueremo ad agire.
La Consiliatura che sta per concludersi è stata anche caratterizzata da un notevole impulso
associazionistico nei diversi settori, in particolare culturale, sociale e sportivo. L’Associazionismo
rappresenta un segmento della vita di una Comunità che va salvaguardato e potenziato.

.-.-.-.-.-.
Ed ora veniamo ad illustrare i diversi temi del Programma della Lista “Per Maratea”.

1 – TURISMO
Il Turismo resta la più importante opzione di sviluppo della nostra Città.
Anche qui vale la pena partire fornendo alcuni dati (fonte APT).
Nel 2012 le Presenze di Turisti Italiani, per la prima volta, hanno varcato la soglia 200.000
attestandosi intorno alle 210.000. Il dato si è sostanzialmente confermato nel 2013. Nelle predette
annualità le Presenze degli Stranieri sono stabili, collocandosi poco al di sotto della soglia 50.000.
Per quanto riguarda gli Arrivi di Turisti Italiani, sempre per gli anni predetti, il dato ha
superato la soglia 40.000 e quello relativo agli Stranieri ha oltrepassato la soglia 7.000.
Il “Turismo” è un tema dal quale non si può prescindere, tanto rilevante è, come già detto, la
sua importanza per Maratea per la trattazione degli altri argomenti.
Al fine di rafforzare il concetto di “Turismo - Asse portante” dello Sviluppo di Maratea varrà istituire un “Tavolo Permanente di Lavoro” al quale chiamare a partecipare, oltre che
l’Amministrazione Comunale che tale Organismo dovrà presiedere, anche 1 Rappresentante della
Regione (Dipartimento Attività Produttive), 1 Rappresentante dell’APT, Esponenti locali del
Mondo Produttivo e Imprenditoriale, Esponenti dell’Associazionismo locale impegnati nel Settore.
L’obiettivo del “Tavolo” dovrà riguardare il monitoraggio dell’andamento del Settore e produrre
proposte operative che valgano a contribuire a superare eventuali momenti di disagio del Settore.
Negli ultimi anni Maratea ha subito l’avanzamento di Matera per due ragioni: la candidatura
di questa Città a Capitale Europea della Cultura e il dato che Matera fa già parte del Patrimonio
Mondiale dell’Unesco fin dal 1992. Quest’ultima è una ragione di più perché Maratea consideri con
entusiasmo e grande voglia di fare il “progetto Unesco”.
Ma un punto rilevante sul fronte “Turismo” vale la pena rimarcarlo, a futura memoria, anche
nel presente Programma: Maratea e Matera non sono alternative ma possono integrarsi – Maratea
per la sua incontaminata bellezza e Matera per quel “monumento” unico al mondo che sono i
“Sassi” – per costituire insieme il Grande Attrattore della Basilicata.
Ma una stabile collocazione di Maratea sul Mercato turistico nazionale e internazionale
passa anche attraverso il superamento di altre problematiche che vanno dalla Programmazione
Urbanistica alla Sanità, dalla Viabilità ai Trasporti/Mobilità, dalla Ricettività Alberghiera a quella
Balneare/Piano dei Lidi, dal Traffico alla Segnaletica, dalla Pulizia al Decoro generalizzato della
Città, dall’Arredo Urbano alla Pubblica illuminazione.
Va intensificato il rapporto, per essere sempre in sintonia, tra l’Amministrazione Comunale
e le Attività Produttive, nei diversi Settori: Ricettività, Ristorazione, Commercio, Lidi.
Va rafforzato il ruolo della Pro Loco.
6

Si guarderà al Recupero del Borgo “Piana degli Zingari” ad Acquafredda con la formula del
“Borgo Albergo”.
Gli EVENTI, sulla scorta di quanto realizzato dall’Amministrazione Comunale nel lustro
che sta per chiudersi, devono essere sempre di qualità superlativa.
Non va dimenticato uno spazio per gli Spettacoli di Intrattenimento.
E ancora:


















Celebrare il Cinquantenario dalla realizzazione della Statua del Redentore. L’anniversario che
cadrà nel 2015 è un’occasione da non perdere per lanciare Maratea quale meta turistica non
esclusivamente balneare e stagionale; in riferimento a questo Evento è necessario intervenire
per la realizzazione di un nuovo Impianto Parafulmine e l’istallazione di un nuovo Impianto di
Pubblica Illuminazione ad elementi fotovoltaici;
Rendere visitabili tutte le Chiese di maggior valore storico artistico. Oltre alle Chiese già
fruibili da parte dei Turisti, come quelle ubicate nel Centro Storico (Addolorata, Annunziata e
Immacolata) e la Basilica di S. Biagio, va assicurata la fruibilità almeno della Chiesa Madre,
delle tre Chiese dei complessi monastici (S. Antonio ai Cappuccini, S. Francesco e Madonna
del Rosario) e quelle di S. Vito e della Madonna degli Ulivi, ricche di antichissimi affreschi.
Le Chiese di Maratea rappresentano un patrimonio culturale e religioso di prim’ordine e,
messe a sistema, possono contribuire in maniera determinate ad ampliare considerevolmente
l’offerta turistica del territorio. Per assicurare la fruibilità di Chiese o Cappelle isolate è
auspicabile una sinergia con le Associazioni culturali operanti sul territorio, alle quali si può
affidarne la custodia con iniziative simili alle “adozioni di monumento”;
Ideare segmenti di Eventi al di fuori della stagione estiva, di durata limitata (una settimana o
un weekend) a tema altamente settoriale (enogastronomico, convegnistico, letterario, filone
delle “convention” ecc.), per attirare presenze sul territorio nella stagione “morta” da ottobre a
marzo facendo leva sulle fette di pubblico cosiddetto “di nicchia”;
Anticipare la programmazione turistica degli Eventi, in modo da poter coinvolgere anche le
Associazioni imprenditoriali e contattare network organizzatori di eventi già collaudati così da
promuovere il nome di Maratea in campo nazionale e internazionale;
Lavorare instaurando un rapporto sinergico tra l’APT Basilicata e la neonata Lucania Film
Commission per promuovere Maratea quale set privilegiato per prodotti audiovisivi, come
films per il cinema, fictions per la televisione e web series;
Utilizzare lo Stadio comunale “Europa” anche come arena per concerti, inserendo Maratea nel
circuito delle tournée discografiche nazionali;
Coinvolgimento delle Associazioni per un Progetto che riempia di appuntamenti, di
manifestazioni, di eventi, di rievocazioni delle tradizioni del territorio, il periodo Ottobre –
Aprile. Le più importanti potrebbero essere riproposte nel cartellone delle manifestazioni
estive;
Apertura Ufficio Informazioni al Centro Storico;
Potenziare ed incrementare la connettività, dalla telefonia mobile ad internet (Wi-Fi, ADSL e
altre tecnologie), su tutto il territorio comunale, ovvero dalle Frazioni lungo la Costa fino alle
Frazioni Alte;
La creazione di un’Applicazione (APP) per smartphone e tablet è un qualcosa di innovativo
per un Comune al fine di creare un contatto diretto col Cittadino. Il Comune con questa
iniziativa apre le porte alle nuove frontiere tecnologiche con nuovi sistemi di comunicazione:
mappe interattive, appuntamenti, cartellone delle manifestazioni, percorsi culturali e religiosi
con guida interattiva, informazioni per i Turisti e per i Cittadini, rapporto Comune - Cittadino
per segnalazioni e/o reclami. L’utilizzo si estende nel tempo a 360 gradi;

Delle considerazioni particolari, per le ovvie ricadute sul “Turismo”, meritano la
“Comunicazione e la Promozione del Territorio”:
7

Portare avanti un'efficace politica di marketing e comunicazione, che conduca ad uno
sviluppo equilibrato del territorio, significa valorizzare l'offerta attraverso un sistema integrato di
promozione.
Promuovere il nostro territorio significa trasmettere in maniera incisiva un messaggio forte e
durevole nel tempo. La promozione territoriale è il sistema delle modalità, degli obiettivi, delle
azioni e dei tempi, finalizzato ad informare e coinvolgere, promuovendo un’identità territoriale.
Le strategie promozionali si evolvono nel tempo e modellano le proprie soluzioni in base
alla trasformazione ed alla nascita di nuovi mezzi: la Lista “Per Maratea” è molto attenta ad ogni
mutamento per ricercare percorsi moderni ed innovativi.
Attraverso l’analisi territoriale abbiamo evidenziato la necessità di coordinare i punti di
interesse ed i servizi turistici in un'ottica innovativa, pensando a degli strumenti che mirino alla
valorizzazione puntuale degli aspetti peculiari che lo caratterizzano, elevandone la qualità della
fruizione.
Lo sviluppo territoriale va perseguito attraverso un'ottica che metta in risalto e armonizzi il
concetto di immagine coordinata quale strumento di valorizzazione degli aspetti naturalistici,
storici, culturali e dei servizi offerti e le strategie comunicative ed identità con le quali si esprime
l'univocità del nostro territorio.
La promozione attraverso un'immagine coordinata trasmette un senso di appartenenza in
grado di consolidare lo "spirito" del territorio; tale approccio ne accresce sensibilmente l'attrattività,
riflettendosi positivamente sulla nascita di nuove iniziative imprenditoriali in campo turistico.
Il nostro progetto di promozione funzionale nasce e si fonda sull'analisi e la definizione di
obiettivi precisi da perseguire:
• rafforzare l'immagine del territorio incrementandone la visibilità e la commerciabilità a
favore del turismo culturale ed ambientale;
• migliorare il livello qualitativo dell'offerta turistica arricchendo la gamma dei servizi e
contribuendo all'integrazione dei settori culturali, ambientali ed enogastronomici;
• promuovere l'economia turistica attraverso la diversificazione e la promozione dell'offerta
integrata dei sistemi territoriali, la qualificazione delle infrastrutture ed azioni di marketing
territoriale;
• tutelare, valorizzare e promuovere i beni territoriali al fine di aumentarne l'attrattività
turistica.

2 – AMBIENTE
L’Ambiente per Maratea è come una Tela disegnata da un grandissimo Maestro Pittore che,
tuttavia, se relegata in Museo, rischia di scolorirsi; essa deve essere, invece, vita pulsante, gioia,
serenità, prosperità.
L’Amministrazione Comunale uscente lascia non poche tracce di sè nella difesa
dell’Ambiente, vale a dire:
• I prestigiosi riconoscimenti ottenuti, ossia la “Bandiera Blu” conferita alla nostra Città già da
molti anni e confermata nell’ultimo quinquennio, le “5 Vele” assegnate nel 2011 e 2012, e la
“Bandiera Verde”, attribuita per la prima volta nel 2012, sono la dimostrazione che a Maratea si
è lavorato con profitto sul versante della tutela ambientale;
• A giugno del 2012 abbiamo avviato la Raccolta Differenziata (RD) con il sistema del “Porta a
Porta” nel Centro Storico e Dintorni e, a seguire, in tutte le Frazioni della Costa. Le molteplici
vicissitudini affrontate con l’Azienda che ha svolto il Servizio fino al 31 marzo 2014 ci ha
impedito di completarlo sul resto del Territorio. L’impegno è che con il subentro dell’Azienda
che vincerà la nuova Gara d’Appalto si dovrà completerà il Servizio del “Porta a Porta”
sull’intero Territorio comunale, in modo da ottenere un ridimensionamento dei costi e quindi
della tassazione per il Servizio;
• Il Ministero dell’ “Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare” ha finanziato in data
04.03.2011 un progetto, voluto da questa Amministrazione Comunale, denominato “Bike
8











sharing e fonti rinnovabili Bikeinsieme – Valle del Noce: Maratea”. Il progetto “Bikeinsieme
Maratea” si inserisce nel filone di interventi atti a promuovere forme sostenibili di mobilità
alternativa ai veicoli a motore, aventi emissioni inquinanti;
Abbiamo ritenuto investire, in maniera preponderante, le risorse dei PIOT relative alle
Infrastrutture nel recupero di antichi Sentieri, per renderli fruibili. A breve cominceranno i
Lavori;
Siamo stati e siamo tuttora impegnati, insieme ai Sindaci del Lagonegrese e del Comune di
Tortora, in Provincia di Cosenza, e con l’Associazione “Libera” in una costante azione di
salvaguardia del Fiume Noce. In tale direzione è stato sottoscritto con l’ARPAB di Basilicata un
“Protocollo” per intensificare i controlli sul Fiume contro ogni possibile inquinamento;
Ci siamo costituiti “Parte Civile”, come da Delibera di Giunta n° 117 del 16.11.2010, a tutela
degli interessi del Comune di Maratea, nel procedimento penale dinanzi al Tribunale di Paola
(CS) contro le Società Gestrici dell’Impianto di Depurazione di San Sago nel Comune di
Tortora (CS) imputate di inquinamento del Fiume Noce nel periodo maggio 2008/gennaio 2009.
Cia siamo opposti in maniera ferma e decisa alla realizzazione di una Centrale Idroelettrica a
Fiumicello a ridosso dell’omonima spiaggia. Appena informati di un probabile analogo progetto
per un’altra Centrale Idroelettrica in un punto, però, che ad oggi sembrerebbe ancora non meglio
precisato, abbiamo inviato, in via preventiva, una nota a tutti gli Uffici regionali interessati per
comunicare il nostro dissenso per la realizzazione di tali strutture in siti particolarmente
“sensibili” dal punto di vista ambientale;
A seguito degli incendi di fine agosto in agro di Castrocucco, si è provveduto a sporgere
denuncia/querela contro chiunque si sia reso responsabile di tali gravi fatti, con riserva di
costituirci parte civile nel relativo procedimento. Questo sarà fatto sempre, in occasione di altre
malaugurate simili circostanze. Bisognerà, in ogni caso, attuare una forte politica di prevenzione
e tutela. In tale direzione varrà la pena riprendere un vecchio progetto per la creazione di un
“Orto Botanico”, che oltre alle sue naturali connotazioni, varrebbe anche come presidio contro
gli incendi dolosi.

Ma ci sono altre problematiche alle quali è tempo di prestare particolare attenzione.
Innanzitutto l’Erosione delle spiagge. Il fenomeno a Maratea ha assunto dimensioni
preoccupanti ma bisogna, al contempo, considerare che ha una portata “planetaria” imputabile,
dicono gli esperti, all’innalzamento del livello del mare causato a sua volta dall’aumento delle
temperature. La vastità del fenomeno non ci esime, ovviamente, dall’intraprendere, di concerto con
la Regione, opportune iniziative in proposito. La realizzazione della Riserva Marina Protetta
potrebbe aiutarci in quanto costituirebbe indubbiamente un elemento forte perché le Istituzioni
Pubbliche a tutti i livelli intervengano per Maratea, nella considerazione più generale che tali Aree
saranno sempre più punti di forza per gli Studi sui cambiamenti climatici e la definizione dei
programmi operativi di contrasto, anche in riferimento all’erosione delle spiagge.








Altri progetti che sarebbe interessante realizzare, riguardano:
Potenziare il Servizio di Pulizia del Mare, rilanciato per volontà di questa Amministrazione e
finanziato dalla Regione;
Va razionalizzato per ottimizzarne i risultati il Servizio di Disinfestazione e Derattizzazione, in
raccordo con l’Amministrazione Provinciale, che sovrintende allo stesso;
Creazione dell’ “Acquario di Maratea”. In sinergia con la Regione Basilicata, coerentemente
con l’istituzione dell’Area Marina Protetta, si potrebbe realizzare un Museo del Mare, con
acquari reali e virtuali, che custodisca esemplari di tutti i tesori naturali dei nostri fondali al fine
di valorizzare il mare quale risorsa impareggiabile del nostro territorio;
Destinare al rimboschimento ed all'arredo urbano elementi floristici coerenti con la flora
naturale del territorio di Maratea evitando elementi ad essa estranei;
Completamento della rete fognaria, nei siti dove la rete risulta essere ancora incompleta e
aumento delle azioni di controllo del Sistema di Depurazione;

9








Creazione di un Osservatorio del mare per un costante monitoraggio dello stesso inteso a
salvaguardarlo da ogni intervento manomissivo, comunque realizzato, che ne pregiudicherebbe
le naturali proprietà. La sede naturale di questo Osservatorio potrebbe essere Villa Nitti;
Interventi tesi a ridurre sempre più la gravità del dissesto idrogeologico del nostro territorio;
Recupero dei più importanti sentieri comunali per passeggiate ecologiche;
Realizzazione di una passeggiata Porto – Fiumicello;
Normativa e controllo della Fida Pascolo.

Strettamente connessa al tema dell’ “AMBIENTE” è la Pubblica Illuminazione. Questa
incide notevolmente sulla qualità della vita e sulla sicurezza dei Cittadini. È la principale voce di
spesa e consumo energetici (influenzando direttamente la salubrità ambientale). Per quanto riguarda
Maratea, essa si estende sull’intero Territorio comunale, rappresentando perciò un’opportunità
unica per lo sviluppo interattivo e intelligente della nostra Città.
Con lo scopo di risparmiare energia, incrementare la qualità del Servizio, aumentare la
sicurezza, realizzare una rete di comunicazione condivisa fra i Cittadini e valorizzare il Patrimonio
artistico e naturale di Maratea, l’Amministrazione Comunale in carica ha avviato un’intensa
collaborazione con l’ENEA (l’Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo
economico sostenibile) che ha portato, già nel maggio del 2011, all’adesione al Progetto Lumière.
Lumière è il più importante progetto nazionale di promozione dell’efficienza energetica nel
settore della Pubblica Illuminazione. Nasce per favorire soluzioni provenienti dal partenariato
pubblico-privato ed attuare le più innovative metodologie di gestione e riqualificazione degli
Impianti di pubblica illuminazione.
Il lavoro compiuto dall’Amministrazione Comunale è stato riconosciuto dall’ENEA che lo
scorso 4 aprile ha voluto tenere proprio a Maratea un Convegno in cui si è parlato del percorso
effettuato e delle azioni intraprese per la migliore realizzazione di un’illuminazione a basso impatto
ambientale, intelligente, uniforme e integrata con i più avanzati sistemi di controllo e gestione
(Smart City).
Rinnovare e adeguare gli impianti di Pubblica Illuminazione comunali è un obiettivo
possibile e tempestivamente realizzabile grazie al lavoro intrapreso e portato avanti da questa
Amministrazione.
Ciò permetterà di:
• risparmiare sulla bolletta energetica;
• controllare e monitorare continuamente gli Impianti e, perciò, garantire una eccezionale
qualità dei servizi;
• uniformare ed adeguare la luce e, quindi, incrementare la sicurezza per i Cittadini;
• ridistribuire gli Impianti di Pubblica Illuminazione per tutto il territorio comunale;
• armonizzare l’Illuminazione stradale con quella urbana, ovvero con quella dei diversi Centri
abitati, delle Frazioni, del Centro Storico, delle Chiese, delle Piazze, delle Aree verdi, del
Porto, eccetera;
• valorizzare il Patrimonio storico-artistico e naturale di Maratea.

3 – STRUMENTI URBANISTICI
La Strumentazione Urbanistica è un elemento vitale nelle dinamiche di Sviluppo di un
Territorio.
In quest’ottica era negli intendimenti di questa Amministrazione Comunale chiudere il
Capitolo della Strumentazione Urbanistica con tutte le approvazioni entro la Consiliatura che stiamo
per lasciarci alle spalle.
Non ci siamo riusciti, è vero, ma ce l’abbiamo messa tutta e, in ogni caso, siamo alla fine,
tant’è che la documentazione può darsi che venga consegnata dai Tecnici al Comune proprio in
queste settimane o in quelle immediatamente successive alle Elezioni. Nel primo caso, la
documentazione sarà assunta al protocollo del Comune e rinviata all’attenzione
dell’Amministrazione che verrà.
10

Nella presente Consiliatura molto è stato fatto in proposito: è vigente il nuovo Regolamento
Edilizio, aspetto non secondario della pianificazione urbanistica, ed anche il Piano Comunale di
Protezione Civile, che individua azioni e procedure necessarie a fronteggiare possibili calamità
naturali e che costituisce condizione indispensabile all’approvazione della Pianificazione
urbanistica comunale. E’ stata completata un’estesa campagna di saggi geologici, costati tempo e
denaro (€ 100.000,00 a carico del Bilancio Comunale), richiesti dalla Regione, a supporto degli
Studi urbanistici. E’ stata avviata la procedura della Valutazione Ambientale Strategica sul Piano
Strutturale. Si sono svolte numerose sedute della Conferenza di Pianificazione sul Piano Strutturale
Comunale e sul Regolamento Urbanistico.
Al riguardo, vale sottolineare che a 15 anni dall’approvazione della Legge urbanistica
regionale nessun Comune della Basilicata dispone ancora di un Piano Strutturale; solo a fine 2013 è
stato approvato il Piano Strutturale Provinciale; non esiste la Carta Regionale dei Suoli (che la
Legge individua come supporto indispensabile alla pianificazione comunale); meno della metà dei
Comuni dispone di un Regolamento Urbanistico approvato. L’Apparato regionale è stato fortemente
decimato nel numero e non è in grado di seguire celermente le procedure urbanistiche ed ambientali
sempre più articolate e complesse. Tale complesso di situazioni rende la questione urbanistica molto
simile ad una “corsa ad ostacoli”, a voler dire, cioè, che ogni volta che si superava un ostacolo o una
prescrizione ce ne veniva presentata un’altra ancor più impegnativa.
Punti nevralgici della nuova Strumentazione Urbanistica saranno considerati:




Centro Storico.
Intendiamo portare avanti una Politica di crescente valorizzazione del Centro Storico. A tal
fine tornerà utile l'approvazione del Regolamento Urbanistico che prevede una normativa
che renderà più agevole il recupero delle abitazioni.
Questa Amministrazione si è spesa non poco, poi, per il recupero di vecchi Edifici ridotti a
ruderi. Non tutti i Proprietari hanno risposto all’appello, ma qualcosa comincia a muoversi.
Per i Proprietari che resteranno insensibili alla responsabilità del “recupero”, il Regolamento
Urbanistico dovrà prevedere norme severissime. Questo concetto deve valere per analoghe
situazioni presenti su tutto il Territorio Comunale.
Intendiamo, inoltre, continuare sempre nel Centro Storico gli interventi di Arredo, anche con
la pavimentazione di strade e vicoli ancora a cemento, e allungare il “basolato” fino alla
Fontana Vecchia a salire e fino a “Pietra del Sole” a scendere.
Per quanto riguarda la zona di “Pietra del Sole”, si pensa di affidare ad un Concorso Idea un
progetto di riqualificazione a cui naturalmente accorpare l’area verde, sottostante la strada
(ex proprietà D’Alitto), oggi di proprietà del Comune.
Si pensa, inoltre, di trasformare Piazza Mercato (parcheggio) in un’area verde, recuperando i
posti auto in Via Roma con la realizzazione di un piano sopraelevato nella Piazzola inferiore
della predetta Via.
Borgo Castello.
Da troppo tempo il Borgo antico versa nelle condizioni di abbandono che tutti conosciamo,
pur potendosi, da parte dei Privati, intervenire anche nel quadro della normativa urbanistica
vigente. La proposta del Piano Strutturale Comunale dovrà prevedere il recupero del Borgo,
evitando demolizioni, con attenti lavori di restauro, destinando almeno il 60 % dei fabbricati
a ricettività, il 20% a Servizi e Commercio e il 20% a destinazione residenziale. Una norma
dovrà prevedere che, in caso di inadempienza dei Privati, decorsi, ovvero, inutilmente 5 anni
dall’approvazione del Piano Strutturale Comunale, dovranno decadere i diritti edificatori dei
Privati e destinare, allora, il Borgo a Parco Archeologico.

Piazza Europa non può restare con un volto da eterna incompiuta. Non può rimanere per
sempre l’area destinata allo svolgimento del Mercato Generale o vivacizzarsi soltanto in occasione
di Eventi religiosi. Aver “introdotto”, l’estate scorsa, per la prima volta a Maratea e quindi a Piazza
11

Europa il Melodramma con “La Traviata” è stato anche un modo per porre all’attenzione di tutti, in
una forma assolutamente suggestiva, le potenzialità di questa Piazza. Necessita, quindi, di un
progetto che, esaltandone la sua posizione di area cerniera tra il Centro Storico e il resto del
Territorio, ne faccia un centro pulsante di vita sociale e culturale;
Centrali nel processo di Sviluppo dell’intero Territorio Comunale restano i Progetti relativi
all’ampliamento del Villaggio Turistico di Santa Caterina e al recupero dell’area Ex Intesa di
Fiumicello i cui programmi, se correttamente letti al di fuori di spinte elettoralistiche, risultano
essere assolutamente compatibili con lo Sviluppo del Territorio e la Tutela dell’Ambiente.
Strettamente collegato al progetto di recupero dell’area Ex Intesa è il rinnovamento dell'area
urbana e commerciale di Fiumicello affinché questa Frazione torni ad essere un sito capace di
offrire sempre più opportunità di lavoro e occupazione.
Connesso al tema della Strumentazione Urbanistica è l’altro importante tema legato
all’Edilizia Privata, nel senso che questa può risultare più che rinvigorita da una nuova
Strumentazione in grado di fornire innanzitutto certezze su quanto ognuno può fare o meno.
L’Amministrazione Comunale uscente, nel corso di questi anni, si è fatta sempre carico di
attenzione nei confronti di tutte le Categorie impegnate nel Settore dell’Edilizia Privata,
comprendendo bene i disagi, in particolare delle Imprese.
Non ha accettato delle evidenti strumentalizzazioni, ritenendo, a giusta ragione, che non è
assolutamente vero che si è cercato a tutti i costi di frenare il Settore dell’Edilizia Privata. Siamo
stati, invece, guidati dalla convinzione che a Maratea si può costruire, e non poco, restando
ovviamente nei limiti della Legge, il cui rispetto non è un “optional” e la cui “asticella” non può
essere abbassata a piacimento, come qualcuno, nella fase pre-elettorale, per evidenti ragioni
puramente elettoralistiche, ha teorizzato, dando dimostrazione in tal senso di non poca incoscienza,
ignorando i rischi a cui verrebbero esposti le Categorie interessate e i Cittadini.
Certo, tutto può e deve essere migliorato.
Compito della nuova Amministrazione, per esempio, dovrà essere quello di procedere
rapidamente al completamento del processo di informatizzazione dello “Sportello Unico per
l’Edilizia”, anche a seguito dell’avvenuto, di recente, adeguamento alle Procedure previste dalla
Legge, da parte degli Uffici Regionali preposti.
Altro compito dell’Amministrazione Comunale, in uno con tutti gli Uffici, e quindi anche
con gli Uffici Tecnici – ciò non perché espressamente previsto dalla Legge ma in quanto deve
essere uno Stile di comportamento insito nella Mente e nel Cuore di ogni Amministratore e
Dipendente Pubblico – è quello di essere al Servizio del Cittadino, accompagnandolo sempre con
passione, intelligenza, garbo, equilibrio e buon senso ogniqualvolta è necessitato a rivolgersi alla
Pubblica Amministrazione.

4 – GIOVANI
Oggi più che mai in cima ai pensieri di un’Amministrazione Comunale vi deve essere la
“Questione Giovanile”.
E’ in questa ottica che non ce la siamo sentita di rinunciare a priori e in via pregiudiziale al
processo di Reindustrializzazione, promosso dalla Regione, del Capannone in località Colla. L’idea,
o se volete anche il sogno – solo i mediocri, diceva qualcuno, non sognano – che 160 Persone, in
particolare Giovani, possano trovare lavoro deve essere assolutamente condivisa.
I tempi sono quelli che sono: difficili. Non abbiamo la sfera di cristallo per sapere quale
futuro attende tale processo di reindustrializzazione, ma non può essere questa una buona ragione
per dire di NO. Ogni occasione, pur con tutte le prudenze di questo mondo, non può essere ignorata,
anzi va fatto tutto quanto necessario e possibile per renderla concreta.
La Scuola deve essere un supporto importante per il futuro dei Giovani e a Maratea
possiamo essere fieri di un Sistema Scolastico di alto profilo: basti pensare che l’Istituto
Alberghiero è stato, l’anno scorso, considerato tra i 10 Istituti Alberghieri d’ “Eccellenza” italiani.
12

Ma “Giovani” deve anche significare Svago, sano Divertimento e qui è arrivato il momento
di riconsiderare positivamente la possibilità che d’estate si organizzino Raduni di festa e di allegria
che negli anni scorsi si sono svolti sulle spiagge con il supporto dei Lidi ivi presenti. A Maggio
potrebbe tenersi in Comune un incontro con i Titolari dei Lidi interessati per calendarizzare tali
Eventi in modo da non confliggere con altre manifestazioni estive e per avere la possibilità di
pianificare queste Serate all’insegna della massima sicurezza per tutti.
Negli Eventi estivi uno spazio importante deve essere riservato alla Musica più vicina e
congeniale al Mondo giovanile.

5 – SANITA’
Il sogno di vedere realizzato nel nostro Plesso Ospedaliero un “Polo Multispecialistico della
Riabilitazione” non è mai venuto meno, anzi riconquista terreno con il Presidente Pittella che,
come ricordato all’inizio, ha previsto fondi per la necessaria ristrutturazione dell’Edificio.
L’incontro che il Presidente Pittella ha tenuto il 10 aprile c.a. con i vertici della Fondazione Don
Gnocchi, a cui ha invitato a partecipare anche il Sindaco Di Trani, e quelli che seguiranno, in parte
già calendarizzati, sono il segno della determinazione espressa dal Governatore.

6 – SOCIO - ASSISTENZIALE
Durante l'ultimo quinquennio l'Amministrazione Comunale ha messo in campo tutte le
energie necessarie affinché il Cittadino avesse un punto di riferimento ben preciso rispetto alle
proprie esigenze. A tal fine è importante sottolineare:
• per quanto riguarda l'ADI (Assistenza Domiciliare Integrata), possiamo registrare un
sensibile aumento degli Utenti nonostante l'esiguità delle ore a disposizione e soprattutto
delle risorse finanziarie che diminuiscono progressivamente ogni anno, a causa delle
manovre finanziarie nazionali;
• è stata istituita l' Assistenza specialistica per gli Alunni delle Scuole dalla Materna alle
Medie inferiori;
• si è registrato un incremento sensibile delle Persone interessate dall' Inserimento Civico che
oltre ad aver assicurato un piccolo aiuto economico è stato fondamentale per i Soggetti con
difficoltà varie di inserimento nella Società, come prevede tale strumento;
• l’esiguità delle risorse non ha impedito di mantenere il Servizio dell' Asilo Nido e di
Scuolabus;
• per la Mensa Scolastica si è ritenuto giusto prevedere riduzioni o esenzioni, a seconda dei
casi, per le Famiglie con reddito conforme ai parametri dettati dalla Regione;
• grazie al finanziamento, tramite P.O.I.S., di ben 450.000 euro, Maratea sarà sede, presso l’ex
Mulino di Via Onda, di un Centro diurno per Ragazzi normodotati e non. I lavori, per
adeguare l’ex Mulino alla nuova destinazione d’uso, sono iniziati il 15/01/2014 e saranno
consegnati il 15/10/2014.
Crediamo di avere operato nell'interesse dei Cittadini e pensiamo di essere riusciti ad
avvicinare anche coloro che non erano a conoscenza degli strumenti che il Servizio
socio-assistenziale può offrire. A tal punto, è bene precisare che, agendo nel solco della continuità,
per il futuro crediamo di poter migliorare sensibilmente l'Offerta essendo in grado di calibrare con
più precisione le varie specificità di intervento.

13

7 – LAVORO
La grave crisi che in Italia e in Europa ha colpito il mondo del Lavoro si è fatta sentire anche
a Maratea.
E’ stata questa una buona ragione che ci ha fatto guardare con interesse al Bando di Gara
regionale per la reindustrializzazione del Capannone in località Colla.
La prudenza ci accompagna sempre e non siamo veggenti per sapere cosa accadrà domani,
nel bene e nel male, ma piuttosto che restare inermi ed assistere impotenti alla fila di Giovani, in
particolare, che chiedono lavoro, abbiamo ritenuto che l’occasione fosse imperdibile ed ecco
perché, per quanto era nelle nostre possibilità, abbiamo aderito all’iniziativa regionale.
Il Bando prevede che l’Imprenditore dovrà assumere 163 Unità Lavorative, di cui 63
rivenienti dalla Mobilità dell’Ex Lucana Calzature.
L’ipotesi di un’eventuale vendita del Capannone è soggetta a 3 rigide condizioni previste nel
Contratto di fitto, sottoscritto tra Comune e Imprenditore, ovvero:
a) il Comune di Maratea concede ad Alta Sartoria Italiana SpA (Imprenditore) il diritto d’opzione di
acquisto del sito industriale “Passo Colla” esercitabile dopo il decimo anno dall’inizio della
locazione con prezzo d’acquisto determinato, a norma di legge;
b) l’opzione potrà essere esercitata dopo il termine previsto, e comunque non oltre il dodicesimo
anno, se Alta Sartoria Italiana SpA dimostrerà di aver raggiunto e mantenuto nel sito industriale
di “Passo Colla”, oggetto del presente accordo, il livello occupazionale non inferiore a 163
unità come previsto dal progetto di reindustrializzazione;
c) il diritto di opzione all’acquisto dello stabile, si intende come non concesso dal Comune di
Maratea, nel caso in cui nei primi dieci anni di locazione, l’attività produttiva dovesse essere
sospesa per un periodo superiore a sei mesi, salvo che tale sospensione sia dovuta ad eventi
calamitosi che rendano inagibile il fabbricato.
Ci è ben chiaro, tuttavia, che la crisi non si supera solo con la predetta iniziativa
imprenditoriale e, poiché non è pensabile un’altra similare in grado di offrire le medesime
potenzialità d’impiego, bisogna impegnarsi per irrobustire il sistema produttivo locale, in
particolare sul fronte del Turismo che, come detto, torna sempre ogniqualvolta si parla di Sviluppo.

8 – SCUOLA
Le riforme governative, più e meno recenti, sulla Scuola ne hanno modificato
profondamente l'assetto organizzativo e ordinamentale riducendo in maniera incisiva le risorse
finanziarie, il tempo Scuola, l'organico dei Docenti e del Personale Amministrativo. Risulta, quindi,
necessario attuare una politica di sostegno e collaborazione con le Scuole del Territorio mettendo a
loro disposizione progetti e attività, risorse umane e culturali. In tale prospettiva il Piano del diritto
allo Studio deve connotarsi quale strumento di supporto e arricchimento dell'offerta formativa
capace anche di creare importanti occasioni educative fruibili in un rapporto privilegiato tra Scuola
e Territorio riuscendo a considerare la prima quale inesauribile fonte di ricchezza e il secondo una
grande risorsa educativa.
Il Sistema Scolastico Locale, a livello di Scuola Media Superiore, può vantare, com’ è noto,
l’Istituto Alberghiero – annoverato quest’ultimo, di recente, tra i 10 Istituti di Eccellenza a livello
nazionale – il Liceo Scientifico, che grazie all’impegno dell’Amministrazione Comunale in piena
sintonia con il mondo della Scuola ha resistito ad alcuni “assalti” conservando la propria autonomia,
e il Liceo Artistico. L’ISIS ha, inoltre, arricchito la propria proposta formativa con l’attivazione
dell’Istituto Nautico che cresce raccogliendo adesioni anche dai Comuni delle vicine Regioni di
Calabria e Campania.

14

Bisognerà completare i lavori della Scuola Materna per l’Infanzia di Profiti. Il finanziamento
di € 310.000,00 occorrente per il completamento dell’adeguamento sismico dell’Edificio è stato
candidato dall’Amministrazione Comunale alla Regione che, come da nota di quest’ultima del
29.10 u.s., l’ha inserito in un Programma inviato a Ministero competente.
La Scuola Materna per l’Infanzia di San Basile è stata messa “a nuovo” con lavori pari a €
40.000,00 finanziati da questa Amministrazione Comunale con il Bilancio Comunale.
Rendesi necessario provvedere alla messa in sicurezza dell’Edificio di Piazza Europa adibito
a Scuola Media e alla realizzazione della Palestra annessa, utile per l’intero Istituto Comprensivo.
Nel rispondere ad una Nota della Presidenza del Consiglio del 03 marzo u.s. si è prodotta istanza di
un finanziamento pari a € 730.000,00
Infine, vale la pena spendersi per la cosiddetta “verticalizzazione” delle Scuole, in quanto
garantisce una migliore offerta formativa, continuità gestionale e ottimizzazione delle risorse.

9 – DECORO E ARREDO URBANO
Questo è un capitolo importante per Maratea. Senza un’attenzione particolare al tema del
Decoro e dell’Arredo Urbano, realizzato in un clima di piena sintonia tra Amministrazione
Comunale e Cittadini, la nostra Città rischia di subire una forte penalizzazione.
Questa Amministrazione si è spesa non poco in questo Settore, ma resta ancora molto da
fare.
In tale contesto è da inserire la riqualificazione delle vie di accesso pedonale al Centro Storico
(da ripavimentare e abbellire) quali Via Molo Piccolo, Via Galata, Via Sant'Anna, scalinata di S.
Maria delle Grazie e la possibilità di realizzare in un punto territorialmente baricentrico un’area
verde dotata di attrezzature sportive quali, piscina coperta e locale ludico, e parco giochi.

10 – CULTURA
La Cultura va considerata come leva strategica per lo sviluppo socio-economico di un
Territorio.
La lista “Per Maratea” sostiene con forza la centralità della Cultura nell'azione del Governo
locale. Una Cultura sicuramente al servizio di una crescita morale e civile ma anche motore di
Occupazione e di Sviluppo verso una rinnovata economia sociale e di mercato.
Vivere di Cultura oggi è possibile più che mai.







In questo quadro si inserisce:
Realizzazione di un Evento che restituisca al Territorio un'immagine fatta di storia, cultura,
tradizioni, saperi e sapori; che promuova e valorizzi il suo patrimonio naturale, archeologico ed
artistico; che renda questa Città punto di riferimento per le aree limitrofe e che contribuisca a
darle una nuova visibilità a livello internazionale;
Assistere l’impegno, in particolare, del locale Centro Culturale “Josè Mario Cernicchiaro”,
come pure dell’Associazione “Amici del Presepe” e del Complesso Bandistico “Aristide
Limongi — Città di Maratea”;
Elaborazione di un progetto che si potrebbe intitolare "Le scuole scoprono Maratea" finalizzato
alla conoscenza delle bellezze paesaggistiche, artistiche e storico-culturali di Maratea, da
divulgare nel mondo della Scuola della Basilicata e delle Regioni limitrofe.

15

11 – BENI CULTURALI














E’ un settore ricco di grandi potenzialità e pertanto bisognerà:
Sollecitare la Soprintendenza per i BB.CC. per la manutenzione ordinaria e straordinaria del
patrimonio artistico-religioso del Territorio. Concluso il restauro della Cappella di S. Francesco
de’ Poverelli, rimane da ristrutturare la Cappella di S. Giovanni, di proprietà pubblica, sita nella
contrada omonima, i cui antichi affreschi rischiano di scomparire. Necessitano di interventi di
restauro anche la chiesetta del Calvario in zona Molo Piccolo e l’Edicola della Cona alla
Pendinata, i cui affreschi, già restaurati nei decenni scorsi, presentano evidenti livelli di
degrado. Sono da intraprendersi anche i lavori di messa in sicurezza definitiva per la stabilità
strutturale della Chiesa Madre, così come è da valutare il da farsi, insieme con le Parrocchie e la
Diocesi, per la ricostruzione della Cappella di Santo Spirito, in contrada San Basile la cui
demolizione fu certamente un errore;
Potenziare il Polo Museale di Palazzo De Lieto. Coerente con le strategie di
destagionalizzazione delle presenze turistiche è la valorizzazione delle risorse storico-artistiche
del territorio. È necessario un dialogo con l’Ente gestore di Palazzo De Lieto per incrementarne
la Mostra Archeologica con tutti i reperti di pregio custoditi nei magazzini del Centro Operativo
e pensare concretamente ad una valorizzazione della stessa attraverso l'inserimento di strumenti
multimediali atti a ricreare virtualmente l'ambientazione e la contestualizzazione storica dei
reperti e renderlo così meta di turismo scolastico a livello nazionale. Sarebbe, inoltre,
interessante ampliare l’offerta del Museo con una sezione di arte sacra, esponendo al pubblico,
con il consenso delle Parrocchie e della Diocesi, i tesori d’arte delle Chiese (reliquiari,
paramenti sacri, tele e statue rimosse dalle originarie sedi), ricollocando in tale sede il
patrimonio legato al centenario della morte del Cardinale Gennari e istituendo nel Palazzo una
pinacoteca con le opere del Pittore marateota Angelo Brando in possesso della Soprintendenza
per i BB.CC.. Risulta fondamentale garantire l’apertura del Museo De Lieto anche in orari
serali, nel periodo estivo;
Sollecitare l’inserimento del Castello di Castrocucco tra i beni del patrimonio archeologico
medioevale della Basilicata. Il Castello di Castrocucco, al pari degli elementi difensivi (mura e
torri) dell’antica Maratea Castello sul monte San Biagio, rappresentano per la nostra Città un
patrimonio culturale – e quindi turistico – rimasto letteralmente sprecato nel corso dei decenni.
E’ necessario che tali beni vengano inseriti nei Programmi di recupero da parte degli Enti
regionali preposti, analogamente a quanto fatto per quelli appartenenti ad altre realtà della
Basilicata (si pensi a Brienza o Miglionico) affinché tali potenzialità non rimangano inespresse
fino alla loro definitiva scomparsa. L’archeologia medioevale è un settore di novità nel
panorama turistico-culturale italiano, legato prevalentemente all’archeologia classica: al di là
delle innegabili difficoltà, l’iniziativa rappresenterebbe anche straordinarie potenzialità perché
offerta rara nel panorama nazionale;
Sollecitare interventi per la salvaguardia delle Torri costiere. Le Torri sulla costa di Maratea
rappresentano oggi, oltre che un patrimonio storico, un bene paesaggistico che va tutelato e
messo in sicurezza da eventuali perdite irreparabili: è necessario sollecitare gli Enti preposti (e
gli eventuali proprietari) affinché attuino interventi di “restauro a rudere” da destinare alle Torri
che non ne hanno ancora beneficiato (Torri dei Crivi, di Acquafredda e Caina) onde evitare la
loro scomparsa;
Promuovere, in sinergia con le Associazioni culturali operanti sul Territorio, in particolare con il
Centro Culturale, concorsi, gare o altri eventi letterari (prosa e poesia) volti alla riscoperta del
dialetto ed alla sua valorizzazione quale elemento culturale di pregio;
Difesa della Toponomastica del Territorio riconosciuta come bene culturale da proteggere,
attuando il recupero dei Toponimi inspiegabilmente cambiati in un recente passato;
Proposta di Gemellaggio con la Città di Sivas, anticamente Sebaste, Città natale e luogo del
ministero pastorale di S. Biagio patrono di Maratea, così da legare indissolubilmente la figura
16




del Santo armeno con la nostra Città, valorizzandone anche in campo internazionale le
potenzialità di meta di turismo religioso;
Destinare ad uso pubblico le unità edilizie di maggior pregio architettonico, o quantomeno parte
di esse, ad esempio Torre Picone, nel Centro Storico;
Conferire ulteriore risalto ai siti archeologici presenti sul territorio quali la Villa Romana di
Castrocucco, Capo la Timpa, l’Isolotto di Santo Janni, i Ruderi del Castello, considerando l’idea
della realizzazione di un Parco Archeologico.

12 – SERVIZI









Va migliorata la qualità della Pubblica Illuminazione;
Va completato il sistema idrico e fognario sull’intero Territorio;
Va ampliata la rete del metano. A breve cominceranno i lavori che estenderanno la rete al Rione
S. Nicola;
Sono da potenziare i trasporti urbani, sia in estate che in inverno;
Urge un incontro con la Società Trenitalia per indurre quest’ultima ad incrementare il numero
delle fermate dei Treni nella nostra Stazione nella considerazione dell’alta valenza turistica di
Maratea;
A Castrocucco va realizzata un’area da destinare a “Terminal” dei Trasporti Pubblici;
Forte è stata l’attenzione di questa Amministrazione Comunale, e tale deve rimanere anche
durante la prossima Consiliatura, nel rivendicare con forza che Maratea, viste le sue peculiarità,
non fosse penalizzata dall’ultimo Piano di riorganizzazione degli Uffici Postali presenti nel
Centro Storico, ad Acquafredda e al Porto.

13 – CIMITERI
Un esame della situazione ci induce ad affermare che:



Va completato in tempi rapidi l’ampliamento del Cimitero del Centro Storico ed avviato, in
tempi altrettanto rapidi, l’ampliamento del Cimitero di Massa;
Bisognerà intervenire ancora sulla Regione per ottenere i finanziamenti necessari da
destinare agli interventi di varia natura, compresi quelli strutturali nei Cimiteri di
Aquafredda e Marina. Prioritario è un intervento sul Cimitero di Cersuta, i cui fondi
occorrenti, che non saranno di poco conto, non potranno che essere assicurati dalla Regione.
Anche per questo è importante il raccordo che la Lista “Per Maratea” ha con il Presidente
Pittella.

14 – INFRASTRUTTURE
La Regione ha finanziato in questa Consiliatura 2 importanti Opere Infrastrutturali:
1. la Messa in Sicurezza del Molo Nord del Porto i cui interventi, andati oltre i tempi
previsti a causa dell’ “abbandono” dei lavori da parte della Ditta aggiudicataria, sono quasi
al termine;
2. la realizzazione di un Ascensore Panoramico che dovrà collegare il Parcheggio di
Madonna degli Ulivi con il Piazzale retrostante la Basilica di San Biagio;
La Provincia ha finalmente sciolto i nodi, persistenti da tempo, recuperando risorse pari ad €
3.000.000,00 per il miglioramento della Viabilità tra la SS 585 e Maratea;
17

Resta il nodo di un raccordo alternativo efficace e sicuro tra le Frazioni alte, il mare e la SS
585;
Va completato il parcheggio in località Cappuccini a beneficio del Centro Storico ed è
indispensabile operare le modifiche strutturali necessarie all’utilizzazione del parcheggio
multipiano presso Piazza Europa. È da studiare la fattibilità di un parcheggio interrato in località
Luppa ad Acquafredda e l’individuazione di nuove aree parcheggio per la Frazione Porto. Va anche
valutata la possibilità di spostare più a monte i parcheggi di alcune spiagge (zona Illicini, Marina e
Cersuta) per poter destinare gli spazi oggi utilizzati come parcheggi ad aree attrezzate al servizio dei
Lidi;
Altro tema importante che la nuova Amministrazione Comunale dovrà affrontare è la
realizzazione di un nuovo Porto a Castrocucco.
Il tema non è nuovo; da anni se ne discute senza, però, essere giunti ad una conclusione.
Questa Amministrazione Comunale non è stata contraria all’idea ma oggi, in assenza della Cassa
per il Mezzogiorno che un tempo finanziava queste Opere, solo l‘interevento del Privato può
renderla attuale e concreta. Ovviamente, anche a Castrocucco, in presenza di un’area SIC, e ancor
più per la “Riserva Marina Protetta” che certamente arriverà prima dell’eventuale Porto, le
valutazioni ambientali non possono essere secondarie, anzi dipenderà dalla compatibilità con queste
l’eventuale “sì” alla realizzazione dell’Opera.
Nel ragionamento da farsi intorno ad un nuovo Porto a Castrocucco bisogna anche riflettere
su:
• Le prospettive del Porto attuale che ha bisogno di essere riconsiderato – con riferimento a
viabilità, parcheggi, ecc, - per continuare ad essere, e ancora di più, un vero gioiello;
• Come “accorciare” in termini di mobilità la distanza tra Castrocucco e il resto del
Territorio.

15 – VIABILITA’









Miglioramento della viabilità di Via Roma e Via C. Mazzei e ampliamento dei parcheggi;
Miglioramento della viabilità interna ad Acquafredda;
Completamento strada Colla-Campo-Villa Comunale con realizzazione di marciapiedi;
Istallare lungo la strada Vallina, in alcuni punti in particolare, un sistema di barriere;
Miglioramento e allargamento, in accordo con la Provincia, della strada S.Caterina-Brefaro;
Miglioramento della viabilità interna nella Frazione di Castrocucco compreso il recupero del
vecchio tracciato posto ai piedi del costone roccioso sovrastante, nell’idea di creare un
circuito a senso unico tra tale arteria e quella che, partendo dalla strada parallela alla
spiaggia, sale fino all’innesto con la SS 158;
Creazione di un’alternativa viaria per la Stazione Centrale di Maratea.

16 – TRASPORTI
Nel settore sarà necessario mettere in moto un processo che consenta l’ “aggregazione” e la
“fruizione” dell’intero Territorio, con mezzi e vettori “innovativi”, ovvero un sistema integrato per
la mobilità, che raggiunga le Persone e coinvolga i luoghi, le borgate:
• Dalle tre Stazioni Ferroviarie “interconnesse” alle Borgate collegate, con “Navette a chiamata”
in ore prefissate del giorno e per tutto l’anno, o buona parte di esso;
• Da Piazza Europa al Centro Storico con “Ascensore obliquo” a chiamata con ticket “a premio”
per la generalità degli utenti, nel rispetto ambientale dei luoghi, tutto l’anno;
18













Da Fiumicello al Porto con navette per l’interscambio modale di Persone ed Eventi, destinato
alla fruizione in continuo di spazi, luoghi, eventi ed alla decongestione estiva, con conseguente
incremento della ricettività, risparmi energetici e qualità di fruizione e di vita;
Dai Parcheggi “primari” verso i luoghi “Attrattori” (il Centro, il Porto Turistico, il Cristo
Redentore, gli Alberghi, le Spiagge, gli Eventi e Manifestazioni);
Da S. Caterina, punto di unione delle Frazioni e borgate alte di Massa, Brefaro ed Area Pianeta,
verso il Centro e le aree costiere con sistema integrato alternativo e navette elettriche in una
prima fase, ed un impianto di risalita con Ascensore obliquo nel tratto Maratea-Madonna degli
Ulivi-Parcheggio di S. Caterina;
Dal parcheggio attuale di S. Caterina verso il Santuario S. Biagio un Ascensore sub-verticale in
corso di realizzazione consentirà già dalla prossima primavera l’accesso al Cristo Redentore
con un vettore ettometrico, panoramico, decongestionando da automobili ed ingorghi l’area
di S. Biagio;
Ristrutturazione della Stazione Ferroviaria di Maratea, unica del Lagonegrese e della Provincia
sul tratto strategico Salerno - Reggio Calabria, con l'obiettivo di un potenziamento delle fermate
dei treni;
Piano dei trasporti pubblici, in particolare il collegamento temporale (orari coincidenti) con
l'arrivo dei treni;
Ridisegnare i percorsi del trasporto urbano attraverso un Tavolo di negoziazione da avviare con
la Sita.

17 – SPORT
Per lo “Stadio Europa” si sono resi necessari degli interventi finalizzati ad adeguarlo alle
nuove, intervenute norme sulla Sicurezza. I lavori sono stati finanziati con fondi del Bilancio
Comunale.
Al Decreto del Ministro per gli Affari Regionali, il Turismo e lo Sport del 25.02.2013
l’Amministrazione Comunale ha risposto candidando 2 Progetti:
1. Realizzazione di un “Impianto sportivo polifunzionale” per un importo pari a € 765.000,00,
utilizzabile in particolare, dalle Associazioni sportive – Pallavolo, Pallacanestro,
Tennistavolo – ma che diventi utile anche per finalità legate agli eventi culturali e di
spettacolo;
2. “Lavori di completamento, miglioramento ed efficientamento energetico dell’Impianto
Sportivo “Stadio Europa” e degli annessi spogliatoi” per un importo pari a € 135.000,00.

18 – ALTRI INTERVENTI
In questo Capitolo sono riportate delle proposte non facilmente introducibili nei capitoli
precedenti ma, in ogni caso, importanti ed utili per Maratea:







Concertare con la Regione la ristrutturazione degli immobili di Fiumicello (ex Colonia) e
Castrocucco (ex Pamafi) immaginandone un utilizzo strategico per lo sviluppo di Maratea;
Condurre opportune verifiche per considerare la possibilità che fin dal periodo autunno-invernoprimavera prossimi (dal 2° sabato di ottobre all’ ultimo sabato di maggio) il Mercato Generale
di Piazza Europa venga trasferito nel Centro Storico;
Censimento di tutte le Fontane esistenti sull’intero Territorio comunale per inserirle in un
percorso turistico-culturale;
Incentivare i matrimoni italiani e stranieri a Maratea;
Utilizzare Villa Tarantini anche per celebrare Matrimoni;
19










Produrre istanza all'APT ed all'Assessorato regionale al Turismo per destinare un fondo
esclusivo ai matrimoni stranieri come già adesso avviene per i gruppi;
Interventi di ristrutturazione delle Casa Comunale con particolare riguardo all’eliminazione
delle Barriere Architettoniche e al recupero dell’Aula Consiliare;
Istituzionalizzare e potenziare l’uso degli ex Plessi Scolastici come Centri di Aggregazione.
Questa Amministrazione Comunale, contrariamente a quanto fatto in precedenza, non ha
venduto gli Edifici di Acquafredda, Massa e Brefaro, dismessi per cause varie dalla loro
originaria destinazione, ma li ha posti nella disponibilità, in uso gratuito, delle Comunità nelle
cui Frazioni sono ubicati appunto tali Immobili e, in particolare, delle Associazioni ivi operanti;
Realizzazione di marciapiedi sulle strade (anche su un solo lato) delle aree a maggiore intensità
abitativa;
Studiare la fattibilità di un percorso privo di barriere architettoniche (scalinate, discese
sconnesse ecc.) nel Centro Storico, così da assicurare la fruibilità del dedalo di vicoli e l’accesso
alla Chiesa Madre e a Palazzo De Lieto anche da parte dei portatori di handicap;
Sistemazione ed abbellimento degli ingressi al territorio: Colla, Acquafredda, Castrocucco e la
Stazione Ferroviaria Centrale.

Carissime Elettrici, carissimi Elettori,
questo è il Programma della Lista “PER MARATEA” che sottoponiamo
alla Vs. cortese attenzione per chiedere la Vostra Preferenza alle Elezioni
Comunali del 25 maggio p.v..
In questa lunga carrellata abbiamo parlato delle cose fatte o avviate nella
Consiliatura che sta per chiudersi e di quelle che vorremmo realizzare nel
prossimo futuro, se confortati dal Vostro Consenso.
Se abbiamo dimenticato qualcosa, ci spiace non poco e, licenziando queste
note alla maniera del Manzoni in chiusura dei suoi “I Promessi Sposi”,
chiediamo scusa perchè “…. non s’è fatto apposta”.
Io Candidato Sindaco Mario Di Trani della Lista “PER MARATEA” ho
sempre considerato lo stare tra la Gente, la lealtà, il coraggio, la correttezza, la
coerenza, la capacità decisionale e la relativa assunzione di responsabilità i
Valori fondanti del mio impegno in Politica.
Noi Candidati Consiglieri della Lista “PER MARATEA” ancoreremo la
nostra quotidiana azione a questi stessi Valori.
Il Candidato a Sindaco, MARIO DI TRANI
I Candidati Consiglieri della Lista Civica “PER MARATEA”

20


Documenti correlati


Documento PDF programma
Documento PDF programma elettorale 20
Documento PDF programma lista civica per usmate velate marilena sindaco 2014
Documento PDF programma amministrativo
Documento PDF cittadini in comune programma elezioni amministrative civita castellana 2014
Documento PDF presentazione del programma ok consegna comune


Parole chiave correlate