File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Ricerca PDF Assistenza Contattaci



PROGRAMMA AMMINISTRATIVO .pdf



Nome del file originale: PROGRAMMA AMMINISTRATIVO .pdf
Titolo: PROGRAMMA AMMINISTRATIVO (26 aprile)
Autore: Mac

Questo documento in formato PDF 1.3 è stato generato da Word / Mac OS X 10.8.5 Quartz PDFContext, ed è stato inviato su file-pdf.it il 04/05/2014 alle 02:23, dall'indirizzo IP 79.143.x.x. La pagina di download del file è stata vista 1925 volte.
Dimensione del file: 7.3 MB (18 pagine).
Privacy: file pubblico




Scarica il file PDF









Anteprima del documento


 
 
PROGRAMMA  AMMINISTRATIVO  
(Artt.  71  e  73,  comma  2°  del  D.Lgs.  18  agosto  2000,  n.  267)  
 
 
 
 
 
 

 

 

 

 

 

 

AI  CITTADINI  DEL  COMUNE  DI  AMATRICE  

 

 
 
La   lista   dei   candidati   al   Consiglio   comunale   e   la   collegata   candidatura   alla   carica   di   Sindaco,  
contraddistinta  dal  simbolo  «VIVA  AMATRICE  VIVA  -­‐  PIROZZI  SINDACO»,  
 
 

 
 
qui   di   seguito   espongono   il   proprio   programma   amministrativo   per   il   quinquennio   di   carica   degli  
organi  del  Comune  di  Amatrice  

 
 
 

 
 
 
 
 
Il   resoconto   di   questi   cinque   anni   di   amministrazione   mi   rende   orgoglioso   di   poter   dire   che   è  
stato  realizzato  il  100%  di  tutto  quanto  si  era  promesso  nel  2009,  …e  molto  di  più.  
Nel  quadro  complessivo  di  difficoltà  economica  che  caratterizza  gli  Enti  Locali,  l’aver  mantenuto  
tutte  le  promesse  ci  rende  veramente  orgogliosi  del  lavoro  fatto.  Oggi  Amatrice  è  migliore,  più  
attrattiva,   ecosostenibile,   smart,   solidale,   e   tutto   questo   senza   aver   messo   le   mani   nelle   tasche  
dei  cittadini,  a  dispetto  delle  minori  entrate  statali,  ma  piuttosto  attuando  politiche  fiscali  tese  a  
non  incrementare  la  pressione  tributaria,  ed  operando  una  significativa  riduzione  delle  spese  di  
gestione  strutturali.    
Da   questo,   dal   confronto   con   le   realtà   sociali   ed   economiche   del   territorio,   dalla   condivisione  
d’idee   e   programmi   con   la   gente,   è   nato   il   progetto   che   proponiamo   per   queste   elezioni  
amministrative.   E’   un   programma   essenziale,   per   punti,   preciso   e   chiaro.   Alla   nostra   città  
servono   fatti   concreti   e   per   noi   parla   la   nostra   storia,   la   nostra   competenza,   la   nostra   serietà,   la  
coerenza  e  l’amore  per  la  nostra  terra.  
Accanto  a  me  un  gruppo  che  comprenderà  sia  chi  ha  già  vissuto  la  vita  amministrativa  che  chi  vi  
si   avvicina   per   la   prima   volta,   nell’ottica   di   portare   esperienza   e   freschezza,   composto   da  
persone   di   grandi   capacità   e   competenze,   ma   soprattutto   con   il   desiderio   di   impegnarsi   per   il  
bene  della  nostra  città  e  dare  continuità  nel  proseguire  le  politiche  e  i  progetti  che  abbiamo  in  
mente.  
Ci  presentiamo  a  quest’appuntamento  con  una  squadra  forte  e  di  grande  qualità,  progetti  chiari  
e  fattibili,  tutta  l’esperienza  che  in  questi  anni  ci  ha  insegnato  molto  e  per  questo  siamo  pronti  
ad  impegnarci  di  nuovo  con  onestà  e  dedizione.  
 
A  tutti,  cittadini,  imprese,  professionisti  e  amici,  chiedo  la  fiducia  per  poter  realizzare  insieme  un  
progetto   serio,   un   programma   che   tutta   la   squadra   di   ‘’Viva   Amatrice   Viva’’   ha   redatto   con  
passione   e   senso   istituzionale.   Il   mio   impegno,   ora   come   allora,   sarà   rivolto   esclusivamente   al  
bene  comune  di  Amatrice  e  delle  sue  Frazioni.  
Grazie  !  
Sergio  Pirozzi  
 
 
 
 
 
 
 
 

2  

1  
 
 
 
 
 
 
 
 

 
1.1  
1.2  
 
 
 
 
 
 

 
 
 
2  
 
 
 
 
3  
 
 
 
 
 
4  
 
 
 
 
 
5  
 
 
 
 
6  
 
7  
 
 

 
 
 
 
2.1  
2.2  
2.3  
 
 
3.1  
3.2  
3.3  
3.4  
 
 
4.1  
4.2  
4.3  
4.4  
 
 
5.1  
5.2  
5.3  
 
 
 
 
 

 
 
 
1.2.1  
1.2.2  
1.2.3  
1.2.4  
1.2.5  
1.2.6  

INDICE  
 
LO  SVILUPPO  ECONOMICO  E  L’EQUITA’  SOCIALE  COME  FILO  CONDUTTORE  

Innovazione  e  nuove  tecnologie  
Sviluppo  Turistico  
Piano  di  Sviluppo  del  Lago  Scandarello  
Applicazioni  Tecnologiche  
Recupero  San  Francesco  come  luogo  di  eccellenza  formativa  
Valorizzazione  e  registrazione  del  marchio  di  Amatrice  (De.c.o.)  
Viabilità  e  parcheggi  
Riqualificazione  e  manutenzione  di  percorsi  naturalistici  e  aree  con  valore  
storico-­‐artistico  
1.2.7   Rapporti  con  le  Associazioni  
1.2.8   Manifestazioni  e  kermesse  
 
 
AMBIENTE,  ENERGIE  RINNOVABILI  E  TRASFORMAZIONI  URBANE  SOSTENIBILI  
 
 
Patrimonio  agro-­‐forestale  ed  energie  rinnovabili  
 
Trasformazioni  urbane  sostenibili  
 
Ambiente  
 
 
 
CULTURA,  SPORT,  SCUOLA,  GIOVANI  E  LAVORO  
 
Il  Cinema  Teatro  
 
Lo  sport  
 
La  scuola  
 
I  giovani  e  il  mondo  del  lavoro  
 
 
 
UN  COMUNE  PER  AMICO  
 
Sportelli  per  i  cittadini  e  le  imprese  
 
Semplificazioni  amministrative  
 
Ricerca  delle  opportunità  e  monitoraggio  delle  fonti  di  finanziamento  
 
Sistemi  informatici  per  l’efficienza  energetica  
 
 
 
POLITICHE  SOCIALI  E  FISCALITA’  
 
Coesione  sociale  
 
Alloggi  popolari  
 
Fiscalità  
 
 
 
LE  FRAZIONI  
 
 
 
COOPERAZIONE  CON  I  COMUNI  VICINI  
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 
 

3  

Amatrice,  una  città  intelligente  in  7  mosse  
 
“Alcuni  vedono  il  mondo  com'è  e  si  chiedono:  perché?  Io  invece  sogno  cose  che  non  esistono  
ancora  e  mi  chiedo:  perché  no?”  -­‐  Robert  Kennedy  
 
Perché  no?    
Cosa  impedisce  ad  Amatrice  di  immaginare  cose  che  non  esistono  ancora,  e  di  impegnarsi  
perché  si  realizzino?  
Amatrice   può   diventare   a   pieno   titolo   una   ‘smart   city’,   una   città   intelligente,   perché  
nonostante   il   momento   di   crisi   economica,   a   livello   di   municipalità,   si   possono   ancora   dare  
risposte  concrete.  
 Lo  abbiamo  già  provato  in  questi  cinque  anni  di  amministrazione,  aumentare  il  benessere  dei  
cittadini,   favorire   la   creazione   di   nuovi   posti   di   lavoro,   differenziare   i   rifiuti,   investire  
nell’efficienza   energetica,   ridurre   le   spese   del   Comune,   promuovere   nuovi   stili   di   vita   con  
strategie  tecnologiche  e  sociali  intelligenti.  
Crediamo  che  Amatrice  ha  un  futuro  se  è  diversa  dagli  altri,  se  si  caratterizza,  se  diventa  un  
luogo  dove  sono  state  e  verranno  sperimentate  COSE  che  gli  altri  non  hanno,  e  se  rispetta  chi  è  
più  DEBOLE.  
 
 
IL  NOSTRO  PROGRAMMA  SI  SVILUPPA  SU  7  DIRETTRICI  
 
1. LO  SVILUPPO  ECONOMICO  E  L’EQUITA’  SOCIALE  COME  FILO  CONDUTTORE  
Ogni   proposta   di   questo   programma   elettorale   persegue   un   obiettivo   che   è   la   crescita   e   lo  
sviluppo,   che   si   dovranno   realizzare   facendo   interventi   che,   seppur   a   qualcuno   potranno  
sembrare  non  collegati  tra  loro,  invece  rappresentano  un’idea  di  sviluppo  e  di  opportunità  per  
tutti.  
1.1  Innovazione  e  nuove  tecnologie  
Vogliamo   una   città   al   passo   con   lo   sviluppo   tecnologico   ed   è   per   questo   che,   dopo   Amatrice  
città,  porteremo  la  rete  internet  wireless  gratuita  anche  nelle  Frazioni,  perché  crediamo  che  
‘’una   città   con   più   rete   è   una   città   più   moderna,   è   una   città   con   più   conoscenza,   con   più  
informazione  ed  è  anche  una  città  più  democratica’’.  
Si  è  previsto  perciò  che  la  connettività  iniziale  (20  +  20  Mb)  venga  presto  sostituita  con  fibra  
ottica,  al  fine  di  potenziare  la  linea  Internet  fino  a  100  Mb  (la  richiesta  è  stata  già  formalizzata  
al  gestore  Telecom).  
L’innovazione  digitale  è  la  strada  maestra  che  ci  prefiggiamo  di  percorrere  perché  apre  a  tutta  
una   serie   di   possibili   applicazioni   che   possono   rendere   la   nostra   città   più   smart,   più  
intelligente.   Così   diventeremo   uno   dei   primi   Comuni   d’Italia   ad   alto   sviluppo   tecnologico  
centrando  una  serie  di  obiettivi.  
 
 
 

4  

1.  2  Sviluppo  turistico  
1.2.1  Piano  di  sviluppo  del  Lago  Scandarello  
Sulla   scorta   delle   linee   guida   di   progetto   già   approvate   dal   Consiglio   Comunale   l’8  
aprile   2014,   verrà   avviata   la   procedura   per   la   predisposizione   di   un   progetto   di  
sviluppo  dell'area  del  Lago  Scandarello  finalizzata  all'uso  turistico  e  ricreativo.  
Stante   il   grande   impatto   ambientale   e   paesaggistico,   oltre   che   sociale,   che   ha   lo  
Scandarello  nell'economia  del  nostro  territorio,  il  procedimento  che  si  vuole  adottare  
per  lo  sviluppo  del  piano  è  quello  della  partecipazione  pubblico-­‐privato  sulla  scorta  dei  
migliori   esempi   visti   in   Italia,   in   particolare   in   Toscana   ed   Emilia   Romagna.     Verrà  
quindi   costituito   un   comitato   cittadino   composto   da   rappresentanti   dei   portatori   di  
interessi   (proprietari   dei   terreni   dell'area,   imprenditori   coinvolti,   cittadini   residenti)  
che   insieme   agli   Uffici   urbanistici   del   Comune,   e   i   tecnici   designati  
dall'amministrazione,   svolgeranno   i   sopralluoghi   e   redigeranno,   a   seguito   di   un  
numero  circoscritto  di    incontri,  un  progetto  di  massima  degli  interventi  da  realizzare  
che   poi   sarà   tramutato   in   un   Piano   Particolareggiato   da   sottoporre   al   Consiglio  
Comunale.     Il   piano   dovrà   prevedere   una   serie   di   interventi,   viabilità   interna,   pontili,  
aree  di  sosta,  aree  attrezzate,  parcheggi,  tutto  con  tecniche  di  ingegneria  naturalistica  
riconosciute,   che   saranno   progettate   nel   rispetto   dei   parametri   ambientali   e  
paesaggistici   locali   e   nazionali,   per   poi   poter   accedere   al   Piano   di   Sviluppo   Regionale  
nella   programmazione   2014-­‐2020   per   la   realizzazione   delle   infrastrutture   accedendo  
alle  misure  destinate  ai  comuni  e  alle  associazioni,  di  cui  il  Comune  si  farà  carico.  
 

1.2.2  Applicazioni  tecnologiche  
Il  valore  del  nostro  patrimonio  culturale,  sia  esso  storico,  artistico,  o  paesaggistico  oggi  
più   che   mai   è   legato   al   grado   di   fruizione   che   si   riesce   a   conferirgli   e   per   questo  
vogliamo  puntare  sull’utilizzo  di  nuove  tecnologie,  facendo  nostre  le  buone  pratiche  di  
altre   smart   city,   ed   è   per   questo   che   abbiamo   intrapreso   questo   cammino   già   con   il  
nuovo   portale   turistico  www.amatriceturismo.it,  e  con  la  cartellonistica  integrata  con  
QRcode.  
D’altronde,  il  turista  che  è  alla  ricerca  di  informazioni,  passa  innanzitutto  attraverso  la  
rete,   sia   che   si   tratti   di   servizi,   come   ristoranti   o   alberghi,   sia   che   si   tratti   di  
informazioni   storiche   o   culturali.   La   tecnologia   in   questo   campo   prevede   un   uso  
sempre  maggiore  di  apparati  mobili  per  poter  consultare  la  storia  di  un  territorio  e  dei  
suoi  beni  direttamente  sul  posto,  utilizzando  un  sistema  che  fonde  dati  geografici  con  
informazioni  di  tipo  storico  e  culturale.    
Le  tecnologie  che  intendiamo  utilizzare  sono  siti   e   portali   dinamici   ma   soprattutto  
apposite  ‘App’  per  dispositivi  mobili  con  applicazioni  che  permettano  l’integrazione  
con   strumenti   di   geolocalizzazione   per   sfruttare   al   meglio   la   stretta   connessione   che   vi  
è   fra   il   bene   culturale   ed   il   territorio   amatriciano,   sulla   falsa   riga   di   quanto   avviato   con  
successo  dall’Ente  del  Turismo  in  Alto  Adige  che  propone  una  mappa  territoriale,  con  
modalità   web   o   mobile,   sulla   quale   l’utente   può   visualizzare   la   propria   posizione,  
calcolare   percorsi   ed   itinerari,   trovare   informazioni   su   alberghi   e   ristoranti,   per   una  
visita  personalizzata.  

 
1.2.3  Recupero  San  Francesco  come  luogo  di  eccellenza  formativa  
Con   l’imminente   completamento   dei   lavori   del   Complesso   Monumentale   di   San  
 

5  

Francesco,   la   nostra   città   si   arricchirà   di   un   altro   affascinante  luogo   che   per   secoli   è  
stato   la   vera   e   propria   identità   culturale   del   paese.   "San   Francesco",   e   i   suoi   storici  
spazi,   potrà   diventare  un   ulteriore  motore   per   l'economia   e   per   il  
turismo  locale.     L'intento,   supportato   nella   fattibilità   dal   manifestato  interesse   della  
Federazione   Cuochi   Italiani,     è   quello   di  creare  un   luogo   formativo   d'eccellenza   per  
cuochi   già   di   "mestiere"  provenienti   da   tutto   il   mondo,   con   l'esecuzione  di  
periodici  master   di   specializzazione,   tenuti   dai   più   noti   Chef   Italiani,   durante   l'intero  
anno.   In   definitiva  un   polo   di   eccellenza   gastronomica   che,   unito   alla   nostra   Scuola  
Alberghiera,   andrà   ad   implementare   l'offerta   del   territorio,   presentando   la   Città  
dell'Amatrice  come  una  vera  e  propria  Università  della  Cucina  Italiana.            
1.2.4  Valorizzazione  e  registrazione  del  Marchio  di  Amatrice  (De.c.o.)    
Il   Ministero   delle   Politiche   Agricole   (già   patrocinante   e   finanziatore   della  
manifestazione  ‘Amatricianazionale’),  contattato  per  la  valorizzazione  di  alcune  tipicità  
locali,   ci   ha   sconsigliato   di   percorrere   la   strada   del   riconoscimento   comunitario  
dell’SGT   al   nostro   piatto   tradizionale,   gli   spaghetti   all’amatriciana,   in   quanto   le  
possibilità  di  successo  sono  praticamente  pari  a  zero,  e  CI  HA  INVECE  CONSIGLIATO  di  
intraprendere  la  strada  del  De.c.o..    
La   De.c.o.   (Denominazione   di   origine   comunale)   è   un   marchio   commerciale   di   garanzia  
nato   a   seguito   della   legge   192/90,   che   consente   ai   Comuni   di   disciplinare   in   materia   di  
valorizzazione  dei  prodotti  agroalimentari  tradizionali.  
Si  tratta  di  valorizzare  quei  prodotti  provenienti  dal  nostro  territorio  comunale,  e  che  
ne   caratterizzano   l’emblema,   quei   prodotti   che   rappresentano   la   nostra   tradizione,  
storia,  la  sedimentazione  culturale  della  nostra  comunità.  Parliamo  quindi  di  spaghetti  
all’amatriciana,   gnocchi   ricci,   ma   anche   di   alcune   produzioni   di   nicchia   del   nostro  
territorio  come  ad  esempio  alcune  varietà  di  patate  o  di  mele,  miele,  formaggio,  farro,  
carne,  ecc..  
Attraverso  la  registrazione  di  un  ‘marchio  collettivo  pubblico  presso  l’Ufficio  Brevetti  e  
Marchi  del  Ministero  dello  Sviluppo  Economico,  potremmo  tutelare  le  nostre  specialità,  
e  il  legame  che  c’è  tra  il  prodotto  e  il  territorio  amatriciano.  
Il  Comune,  che  sarà  titolare  del  marchio  pubblico  della  De.c.o.,  potrà  concederne  l’uso  a  
privati   nel   rispetto   di   un   disciplinare   di   produzione   e   definendo   un   sistema   di   controlli  
e  verifiche.  
La   De.c.o.   è   una   seria   proposta   di   sviluppo,   è   il   valore   aggiunto   che   un   ‘marchio’   può  
dare   concretamente   al   marketing   territoriale:   identificare   un   prodotto   con   il   nostro  
territorio   comunale   e   la   sua   storia:   i   prodotti   De.c.o.   di   Amatrice   potranno   essere  
commercializzati   e   promossi   in   quanto   tali,   e   potranno   realizzare   ‘economia’,  
occupazione  e  indotto  locale.  
 
1.2.5  Viabilità  e  parcheggi  
 
Negli  ultimi  cinque  anni,  l’Amministrazione  comunale  ha  creato  dei  micro-­‐parcheggi  a  
basso   impatto   ambientale   (ex   campi   da   tennis,   Piazza   Sagnotti,   Via   dei   Bastioni   e   Via  
Farchioni   di   prossima   realizzazione).   Ciò   ha   permesso   di   realizzare   100   nuovi   posti  
auto  senza  stravolgere  l’assetto  urbanistico  del  centro  storico.  
E’   necessario   proseguire   sulla   scia   di   quanto   già   realizzato   completando   l’opera   con  
altri  micro-­‐parcheggi  a  nord  e  a  sud  del  centro  storico  di  Amatrice.  
Inoltre,  a  seguito  di  costruttiva  interlocuzione  con  l’A.N.A.S.,  si  è  acquisito  un  progetto  
preliminare   (redatto   dallo   stesso   Ente)   per   la   tangenziale   prevista   nel   PRG   vigente  
 

6  

 

(Casale  Bucci  –  Loc.  Ponte  a  tre  occhi),  per  un  costo  complessivo  di  circa  4  milioni  di  
euro.  
Stante   l’elevato   costo   dell’opera   sarà   necessario   procedere   con   un   progetto   di  
tangenziale  che  parta  dalla  zona  Ospedale  e  arrivi  sempre  a  Loc.  Ponte  a  tre  occhi,  la  
cui  spesa  sarà  notevolmente  inferiore  a  quanto  preventivato  dall’A.N.A.S.,  e  quindi  più  
facilmente  attuabile.  
A   tal   fine   saremo   attenti   a   cogliere   tutte   le   opportunità   di   finanziamento   nazionali   e  
comunitarie  per  fare  in  modo  che  il  progetto  possa  andare  in  porto.  
1.2.6  Riqualificazione  e  manutenzione  di  percorsi  naturalistici  e  aree  con  valore  storico-­‐
artistico  
Sulla   scorta   degli   ottimi   risultati   raggiunti   a   seguito   della   convenzione   con   il   CAI   per   la  
ripulitura  e  manutenzione  di  alcuni  sentieri  (che  sarà  riproposta  per  i  prossimi  anni),  
implementata  dal  recente  rapporto  instaurato  con  la  VI  Comunità  montana  del  Velino,  
riteniamo   di   dover   procedere   in   questo   prossimo   quinquennio   al   recupero,   oltre   che  
alla   manutenzione   sopra   menzionata,   di   aree   e   strutture   con   valore   storico-­‐artistico  
(così  come  già  fatto  con  gli  interventi  realizzati  per  la  Basilica  di  San  Francesco).    
Una   delle   grandi   sfide   che   vogliamo   affrontare   è   quella   relativa   al   graduale  recupero  
dell'intero   patrimonio  della  Filetta.   L'intenzione,   già   in   parte   avviata,   comprende   in  
primis  l'attuazione   del   progetto   di   riqualificazione  dell'immobile   adiacente   il   Santuario  
(di  proprietà  della  Curia)  tramite  l'avviata  collaborazione  tra  Ente,  Associazioni  e  liberi  
professionisti.     Ancor   più   rilevante   è   la   volontà,   da   parte   del   Comune,   di   acquisire   a  
patrimonio   collettivo   l'intera   frazione   di   Filetta,   oggi   ridotta   a   un   nucleo   di   fabbricati  
fatiscenti,  con  primaria  attenzione  alla  casa  della  pastorella  Chiarina  Valente.  Infatti,  il  
Comune   di   Amatrice,   dopo   aver   avviato   minuziose   ricerche   catastali,  ha   predisposto  
note  d'interesse  a  tutti  i  proprietari  degli  immobili  siti  nell'area.      
In  sintesi,  quindi,  questi  gli  obiettivi:  
-­‐
-­‐
-­‐
-­‐
-­‐
-­‐

‘Filetta’,  recupero  alla  collettività;  
riqualificazione   dell’area   del   ‘Ponte   romano’     (già   soggetto   di   alcuni   quadri   di   E.  
Lear);  
riqualificazione  delle  antiche  mura  e  di  ‘Porta  Castello’;  
manutenzione  periodica  del  ‘Sentiero  Italia’;  
sdemanializzazione   della   strada   di   accesso   al   ‘Sacro   Cuore’,   con   relativo  
recupero;  
sdemanializzazione   della   strada   di   accesso   a   ‘Macchie   Piane’,   con   relativo  
recupero.  

1.2.7  Rapporti  con  le  Associazioni  
E’  nostra  intenzione  dare  seguito  al  forte  legame  che  unisce  il  Comune  di  Amatrice  al  
mondo   dell’associazionismo.   L’aver   loro   messo   a   disposizione   i   locali   comunali,   il  
rinnovo   delle   convenzioni,   la   concessione   di   contributi,   le   opere   realizzate   grazie   al  
cofinanziamento   delle   stesse,   rappresentano   un   patrimonio   d’inestimabile   valore   da  
preservare  e  coltivare.  
 

 

7  

1.2.8  Manifestazioni  e  kermesse  
In   merito   poi   a   manifestazioni   e   kermesse,   Amatrice   è   pronta   a   diventare   ancora   più  
grande.   La   nostra   ambizione   è   puntare   su   eventi   artistici   di   qualità,   di   eccellenza,   da  
affiancare  alle  più  tradizionali  kermesse  della  ‘Sagra’,  l’Amatricianazionale  e  il  Palio  dei  
Somari  Sindaci.  
E   poi   sperimentare   nuove   e   alternative   atmosfere,   un’originale   miscellanea   tra   arte   e  
cibo,  i  due  elementi  fondanti  la  nostra  cittadina,  attraverso  manifestazioni  di  streetart  e  
streetfood.   Amatrice   aprirà   le   porte   al   pubblico,   i   ristoranti   porteranno   i   tavoli   in  
strada,  il  centro  storico  diverrà  un  percorso  itinerante  di  eventi  di  alta  gastronomia  e  
performance   di   artisti   di   strada,   incisori,   musicisti,   fotografi,   scultori,   pittori.   Un  
calendario  di  appuntamenti  che  dimostri  come  Amatrice  voglia  essere  non  solo  e  non  
tanto   un     contenitore   espositivo,   quanto   un   vero   e   proprio   aggregatore   del   sistema  
delle  imprese  che  gravitano  attorno  al  sistema  turistico  
 
 
Le  nostre  proposte  di  sviluppo  turistico  tendono  quindi  a  realizzare:  
-­‐ UNICITA’  DEL  NOSTRO  TERRITORIO  (tra  i  primi  Comuni  d’Italia  con  wirless  gratuita  
per  tutti,  valorizzazione  S.  Francesco,  ‘App’  turistiche  e  Marchio  De.c.o.,  manifestazioni  
d’eccellenza,  la  tangenziale  permetterà  piena  fruibilità  del  centro  storico  )  
-­‐ SVILUPPO   ECONOMICO   (Lago   Scandarello,   S.   Francesco,   marchio   De.c.o.,  
manifestazioni   d’eccellenza,   la   tangenziale   permette   un   maggiore   sviluppo   delle  
attività  economiche)  
-­‐ OPPORTUNITA’   DI   LAVORO   E   DI   AVVIO   DI   NUOVE   IMPRESE   (con   il   wi-­‐fi   gratuito,  
possibilità   di   opportunità   di   telelavoro,   Lago   Scandarello,   marchio   De.c.o.,  
manifestazioni  d’eccellenza)  
-­‐ VALORIZZAZIONE  PRODOTTI  LOCALI  (marchio  De.c.o.,  manifestazioni  d’eccellenza)  
-­‐ SVILUPPO   TURISTICO   (wi-­‐fi   gratuito   anche   al   turista,   recupero   e   valorizzazione  
percorsi  naturalistici  e  aree  con  valore  storico-­‐artistico,  manifestazioni  d’eccellenza,  la  
tangenziale  permetterà  maggiore  fruibilità  del  centro  storico)  
-­‐ COESIONE   SOCIALE   (accesso   alla   rete   anche   da   parte   di   chi   oggi   non   ne   aveva   la  
possibilità,   valorizzazione   dell’associazionismo,   manifestazioni   d’eccellenza,   sviluppo  
dei  rapporti  interpersonali  attraverso  condivisioni  culturali)  
-­‐ RISPARMIO  ECONOMICO  PER  FAMIGLIE  E  IMPRESE  (con  il  wi-­‐fi  gratuito,  più  risorse  
disponibili  per  le  famiglie  e  imprese,  da  spendere  sul  territorio  facendo  così  crescere  il  
PIL).  
 
2.  AMBIENTE,  ENERGIE  RINNOVABILI  E  TRASFORMAZIONI  URBANE  SOSTENIBILI    
2.1  Patrimonio  agro-­‐forestale  ed  energie  rinnovabili  
E'   stato   chiesto   e   ottenuto   un   finanziamento   regionale   per   la   redazione   del   Piano  
Generale   di   Assestamento   Forestale   (PGAF)   per   gli   oltre   2.000   ettari   di   proprietà   del  
Comune.    E'  nostra  intenzione  sfruttare  al  massimo  questa  opportunità,  che  ci  consente  
di  redigere  un  piano  di  utilizzo  delle  foreste  e  dei  boschi  che  deve  essere  finalizzato  al  
rispetto   della   tutela   ambientale   e   paesaggistica   e   della   biodiversità,   che   individui   le  
aree   idonee   per   la   fruizione   da   parte   dei   turisti   e   degli   amanti   della   montagna,   e   che  
consenta   una   stima   negli   anni   delle   biomasse   forestali   che   si   possono   avere   a  
disposizione.  
 

8  

 

 

Si   vuole   anche   coinvolgere   gli   altri   comuni   dell'area,   quali   Posta   e   Accumoli,   che   hanno  
anch'essi   avviato   la   redazione   dei   loro   Piani,   e   di   Borbona   e   Cittareale   che   ci   si  
accingono,  così  da  trasformarlo  in  un  progetto  territoriale  di  gestione  delle  foreste.  
Il   piano   sarà   coordinato   da   un’associazione   di   settore   non   a   scopo   di   lucro,   di  
importanza  nazionale,  al  fine  di  garantire  la  "lettura"  del  piano  e  facilitare  la  messa  in  
evidenza   delle   prospettive   che   si   aprono   per   gli   operatori   forestali   locali   di  
sfruttamento  delle  biomasse  a  fini  economici.  
Il  piano  sarà  presentato,  per  obblighi  del  finanziamento,  entro  il  2015.  
Sulla  scorta  dei  risultati  del  progetto  riguardo  alla  disponibilità  delle  biomasse,  verrà  
avviato   un   processo   di   partecipazione   con   i   portatori   di   interessi   locali   (forestali,  
agricoltori,  Enti  di  tutela,  CAI,  cittadini)  per  l'analisi  delle  possibilità  di  sfruttamento.  In  
primo   luogo   si   procederà   all'individuazione   delle   aree   idonee,   anche   comunali,   per   la  
costituzione  delle  stazioni  di  sosta  per  il  deposito  dei  tronchi  e  delle  frasche,  quindi  la  
lavorazione   dei   residui   non   destinati   alla   vendita   per   la   produzione   del   cippato   o  
eventualmente   del   pellet.   Si   procederà   anche   alla   richiesta   di   certificazione   delle  
foreste  locali  così  da  creare  le  condizioni  per  una  produzione  di  cippato  e  pellet  locale  
certificato  per  qualità  e  provenienza.    
Il  passaggio  successivo  alla  produzione  di  cippato  e  pellet  sarà  l'analisi  delle  possibilità  
di   sfruttamento   del   prodotto   ai   fini   di   produzione   di   energia   rinnovabile,   sulla   scorta  
della  previsione  di  quantità  di  prodotto  ottenibile.  Ciò  avverrà  in  diverse  direzioni:  
-­‐ sarà   avviata   una   campagna   di   sensibilizzazione   dei   cittadini   e   degli   operatori  
economici   alla   sostituzione   delle   caldaie   tradizionali   con   caldaie   a   pellet   e  
cippato;  saranno  riconosciuti  incentivi  a  chi  utilizza  solo  pellet  e  cippato  locale  
sotto   forma   di   contributi   all'acquisto   delle   caldaie;   tali   contributi   saranno  
finanziati   tramite   lo   sfruttamento,   da   parte   del   comune,   dei   Certificati   Bianchi  
sul   risparmio   energetico   certificato,   ottenuto   dai   singoli   cittadini   sulla   scorte  
delle  disposizioni  già  vigenti  emesse  dal  Ministero  delle  Sviluppo  Economico  e  
dall'ENEA;  
-­‐ verrà   redatto   uno   studio   di   massima,   da   parte   dell'amministrazione,     per   la  
fattibilità   della   realizzazione   di   un   tratto   di   teleriscaldamento   del   centro   di  
Amatrice   che   copra,   con   la   fornitura   del   calore   prodotto   dal   cippato   locale,   tutte  
le  utenze  pubbliche  principali  e  le  utenze  private  collocate  nel  tragitto;  il  piano  
di  fattibilità  verrà  poi  presentato  in  assemblea  pubblica,  sottoposto  ai  cittadini  e  
agli  operatori  e,  ove  ritenuto  di  procedere,  verrà  avviata  una  procedura  pubblica  
di  manifestazione  di  interesse  per  la  realizzazione  e  il  finanziamento;  
-­‐ verranno  appoggiate  e  sostenute  iniziative  private  per  la  costruzione  di  piccoli  
impianti   di   produzione   combinata   di   energia   e   calore,   per   l'utilizzo   delle  
biomasse  a  sola  disposizione  del  proponente  e  che  abbiano  un  basso  impatto  sul  
territorio;   tali   impianti   saranno   vagliati   secondo   le   più   recenti   disposizioni  
normative   di   valutazione   d’impatto   ambientale   riferite   al   territorio   e   non   al  
singolo  impianto;  
-­‐ verranno   anche   appoggiate   e   sostenute   altre   iniziative   private   destinate   alla  
costruzione   di   piccoli   impianti   di   produzione   combinata   di   energia   e   calore,   in  
particolare  rivolte  al  riutilizzo  degli  scarti  prodotti  dalle  attività  agricole  svolte  
sul   territorio;   anche   tali   impianti   saranno   vagliati   secondo   le   più   recenti  
disposizioni  normative  di  valutazione  d’impatto  ambientale  riferite  al  territorio  
e  non  al  singolo  impianto.  
 

 

9  

2.2  Trasformazioni  urbane  sostenibili  

 

Procedendo  sulla  strada  già  tracciata  con  l'adozione  della  perimetrazione  delle  frazioni  
e   dei   Piani   Particolareggiati   di   Scai   e   S.   Lorenzo,   procederemo   al   completamento   del  
Piano   Urbanistico   Comunale   Generale   (PUGC),   che   sarà   fondato   sui   principi   già  
enunciati   del   buon   costruire,   risparmio   energetico,   bioedilizia,   e   orientato   sulla  
riduzione   del   consumo   del   suolo   mediante   interventi   di   recupero   dell'esistente   e   di  
rispetto   dell'ambiente   e   delle   tradizioni   storiche-­‐architettoniche.   Il   PUGC   sarà  
presentato   non   appena   la   Regione   Lazio   avrà   reso   note   le   nuove   disposizioni.   Ciò  
avverrà,  presumibilmente,  entro  l'anno  o  i  primi  mesi  dell'anno  prossimo.    
Nel   frattempo,   verrà   avviato   un   processo   di   evidenza   pubblica   per   raccogliere  
manifestazioni   di   interesse   di   cittadini   per   eventuali   varianti   puntuali   che   siano  
finalizzate   allo   sviluppo   economico   e   agli   interessi   comuni,   come   aree   sportive   e  
ricreative   e   attività   turistiche,   ricettive,   artigianali,   culturali   e   ambientali.   Con   questo  
s’intende  giungere  ad  uno  strumento  urbanistico  condiviso  e  moderno  che  dia  ossigeno  
all'attività  edilizia  locale,  e  favorisca  lo  sviluppo  turistico  e  ricreativo  del  territorio.  
Inoltre,   verrà   data   piena   attuazione   al   Vademecum   approvato   e   quindi   agli   incentivi  
per  il  recupero  edilizio  e  l'adeguamento  sismico.  Verrà  redatto  il  regolamento  attuativo  
e  stabilito  l'entità  degli  incentivi  sulla  base  degli  interventi  proposti.  
Verrà  anche  avviata,  con  la  Commissione  del  Paesaggio  che  sarà  costituita  da  persone  
locali  di  esperienza  e  di  indubbie  qualità  morali  e  di  cultura,  il  processo  di  ricognizione  
dei   caratteri   storici   delle   singole   frazioni   e   di   Amatrice   che   farà   da   guida   per   gli  
interventi  di  ristrutturazione  e  recupero  edilizio.  
2.3  Ambiente  
Dopo   le   innumerevoli   iniziative   avviate   in   questi   anni   (fontana   acqua   pubblica,  
fotovoltaico,   risparmio   su   pubblica   illuminazione,   doccia   light,   posaceneri   tascabili,  
ecc),   che   hanno   trovato   conclusione   con   l’avvio   della   raccolta   differenziata   porta   a  
porta,   è   nostra   intenzione   proseguire   sulla   strada   tracciata   con   il   raggiungimento  
dell’obiettivo   ‘’RIFIUTI   ZERO’’   diversificando   nei   prossimi   anni   le   tariffe   sui   rifiuti,  
legandole  al  principio  di  ‘chi  meno  inquina  meno  paga’,  sulla  scia  di  quanto  già  previsto  
nell’attuale   Regolamento   sui   Rifiuti   (sconti   per   chi   usa   le   compostiere,   sconti   per   i  
migliori  condomini  e  le  migliori  Frazioni).  
Inoltre,   all’apertura   del   prossimo   anno   scolastico,   sarà   distribuito   agli   studenti   delle  
scuole   medie   e   del   liceo   scientifico   il   libro   ‘Non   bruciamoci   il   futuro’,   del   premio   Nobel  
per   l’Ambiente   Rossano   Ercolini,   a   testimonianza   del   miglior   esempio   italiano,   quello  
del   Comune   di   Capannori,   di   come   sia   facile   e   possibile   l’obiettivo   ‘RIFIUTI   ZERO’,  
attraverso  la  consapevolezza  di  tutta  la  comunità.  
Altro   importante   capitolo   che   intendiamo   assolutamente   affrontare   è   il   risanamento  
igienico,  tramite  mini-­‐depuratori  di  ultimissima  generazione  che  di  fatto  elimineranno,  
ove  possibile,  le  attuali  fosse  biologiche  in  alcune  Frazioni.  
 
 
 
 

 

10  

Le   nostre   proposte   per   l’ambiente,   energie   rinnovabili   e   trasformazioni   urbane  
sostenibili  tendono  quindi  a  realizzare:  
-­‐
-­‐
-­‐
-­‐
-­‐
-­‐

UNICITA’   DEL   NOSTRO   TERRITORIO   (raccolta   differenziata   a   ‘Rifiuti   Zero’,   buon  
costruire  e  bioedilizia,  PGAF  –  tutela  ambientale  e  paesaggistica  delle  nostre  biodiversità)  
SVILUPPO  ECONOMICO  (Piani  Particolareggiati,  sfruttamento  biomasse  del  territorio)  
OPPORTUNITA’   DI   LAVORO   E   DI   AVVIO   DI   NUOVE   IMPRESE   (opportunità   per   imprese  
agro-­‐forestali,  rilancio  settore  edile  e  indotto,  nuove   opportunità  di  occupazione  legate  al  
settore  del  ‘riciclo’  e  la  riscoperta  di  lavorazioni  tradizionali)  
VALORIZZAZIONE  PRODOTTI  LOCALI  (legname,  pietra  locale)  
SVILUPPO   TURISTICO   (risanamento   ambientale   delle   Frazioni,   recupero   dell’ambiente  
urbano  dei  nostri  centri  storici  con  pratiche  del  ‘buon  costruire’,  PGAF  che  valorizzi  aree  
idonee  per  la  fruizione  da  parte  di  turisti  e  amanti  della  montagna)  
COESIONE   SOCIALE   (condivisione   di   valori   comuni,   etici,   non   più   rinviabili   –   RIFIUTI  
ZERO  -­‐,  riscoperta  della  propria  identità  urbana  e  ambientale)  
 

3.  CULTURA,  SPORT,  SCUOLA,  GIOVANI  E  LAVORO    
3.1  Il  Cinema  Teatro  

 

L’imminente  riapertura  ai  cittadini  rappresenta  un  momento  storico  per  la  nostra  città.  
C’era   un   tempo   ad   Amatrice   in   cui   la   cultura   era   passione   e   motivo   di   vanto.   C’era   il  
cinema,   poi   il   teatro,   artisti,   musicisti   e   mecenati   …insomma   c’era   cultura,   che   è  
passione  e  arricchimento  non  solo  personale.  
Ma  la  cultura  va  aiutata  ed  ha  bisogno  di  una  organizzazione  di  tipo  manageriale,  per  
questo   crediamo   che   occorra   una   politica   che   possa   favorire   quelle   risposte   concrete  
che   aiutino   la   nostra   città   a   riappropriarsi   degli   spazi   propri   della   cultura,   che  
restituiscano   dinamismo   e   creatività   alla   nostra   società   e   opportunità   espressive  
soprattutto  per  i  nostri  giovani.  
Turismo   e   cultura,   se   vestono   la   stessa   maglia,   fanno   economia;   e   noi   vogliamo  
valorizzare   al   meglio   quei   luoghi   culturali   che   guardano   al   turismo   di   qualità   perché  
può   costituire   uno   dei   punti   strategici   e   un   fattore   trainante   di   rilancio   per   il   nostro  
territorio.  
Innanzitutto  dobbiamo  poter  tornare  a  riempire  e  riappropriarci  di  quegli  spazi  lasciati  
per  troppo  tempo  vuoti,  primo  fra  tutto  il  Cinema  Teatro  Garibaldi,  ponendolo  al  centro  
di  un  progetto  culturale  e  sociale  che  lo  trasformi  in  uno  spazio-­‐laboratorio  di  incontro  
e   confronto   a   disposizione   dei   cittadini.   Con   esso   si   vuole   perseguire   una   funzione  
culturale  e  sociale  forte,  non  solo  attraverso  la  fruizione  dello  spettacolo  teatrale  e  di  
cinema  in  se,  ma  anche  con  laboratori  didattici  e  percorsi  formativi  ad  hoc.  Il  cinema-­‐
teatro   diventa   quindi   una   leva   da   utilizzare   per   la   concreta   azione   di   relazione   con   il  
territorio   attraverso   proposte   culturali   e   artistiche,   fattore   di   miglioramento   della  
qualità  della  vita,  strumento  di  coesione  sociale,  anello  di  filiera  del  turismo  culturale.    
3.2  Lo  sport    
Abbiamo   intenzione   di   sviluppare   un   programma   d’intervento   finalizzato   alla  
realizzazione  di  strutture  sportive  ad  Amatrice  e  dintorni  che  favoriscano  la  presenza  
di   turisti   e   ragazzi   stimolando   attività   sportive   nell'area.   Ciò   sarà   oggetto   di   variante  
per  servizi  del  Piano  Particolareggiato  di  Amatrice  città.  

 

11  

 

Verrà  completata  l'analisi  dell'area  già  avviata,  e  verificata  la  possibilità  di  coinvolgere  
anche   le   strutture   dell'Opera   del   Don   Minozzi   e   dei   campi   sportivi   comunali   (calcio   e  
palazzetto)  mediante  la  sottoscrizione  di  un  accordo  di  programma.    
Il   tutto   finalizzato   alla   realizzazione   di   un   grande   centro   sportivo   multidisciplinare  
adatto  anche  all'utilizzo  da  parte  di  atleti  di  livello  medio  superiore  e  professionisti  e  
alla  riabilitazione  degli  atleti  infortunati.  
Una  volta  ottenuta  la  disponibilità  dell'Opera  a  concedere  le  aree  in  comodato  per  un  
sufficiente  numero  di  anni  (trattativa  già  avviata),  il  Comune  procederà  allo  studio  di  
massima   del   progetto   mediante   incarico   a   professionisti   di   elevato   prestigio   e  
competenza,   e   quindi   alla   ricerca   di   società   o   soggetti   interessati   alla   realizzazione   e  
gestione  del  centro,  comprensivo  delle  strutture  comunali,  mediante  Bando  Pubblico.  
 
L’imminente  recupero  della  piscina  in  località  ‘Lo  Scoiattolo’  sarà  oggetto  di  particolare  
attenzione   da   parte   nostra,   sulla   scorta   della   Convenzione   che   la   IV   Comunità   Montana  
del  Velino  ha  stipulato  con  la  piscina  di  Cittaducale.  
3.3  La  scuola  
La   scuola   è   da   sempre   al   centro   delle   nostre   attenzioni:   il   recupero   del   plesso  
scolastico,  l’avvenuto  finanziamento  da  parte  del  Ministero  della  palestra,  l’acquisto  di  
un   modulo   strategico   (indispensabile   per   non   vederci   portar   via   il   liceo   scientifico),  
l’attivazione  della  mensa  per  i  bambini  delle  elementari,  sono  la  testimonianza  diretta  
di  come  riteniamo  fondamentale  la  valorizzazione  del  ‘MONDO  SCUOLA’.  
Per   i   nostri   ragazzi   vogliamo   il   meglio,   ed   è   per   questo   che   abbiamo   messo   a   loro  
disposizione   internet   gratuito,   perché   crescere   in   montagna   non   sia   mai,   per   loro,  
motivo   di   un   qualche   isolamento   o   di   minori   opportunità.   Un   esempio   concreto   di  
applicazione  ad  alto  contenuto  tecnologico  sarà  il   progetto   pensato   per   la   scuola:  i  
nostri   ragazzi   saranno   dotati   di   tablet   individuali   in   comodato   d’uso   gratuito   dove,  
utilizzando  la  rete  wireless  fornita  dal  Comune,  potranno  scaricare  i  libri  scolastici  in  
formato   digitale,   collegarsi   alle   lavagne   interattive   che   danno   l’opportunità   di   fare  
lavori  di  ricerca  di  gruppo,  dialogare  tra  classi  e  la  segreteria  didattica,  dialogare  con  
altre  realtà  scolastiche  dotate  di  analoghi  sistemi,  accedere  al  registro  elettronico  che,  
come   prevede   la   legge   n.   135/2012,   nel   giro   di   brevissimo   tempo,   manderà  
definitivamente  in  pensione  il  vecchio  registro  cartaceo.  
Insomma  basta  carta,  la  scuola  diventerà  digitale.  
 
3.4  I  giovani  e  il  mondo  del  lavoro  
La  priorità  per  la  nuova  Amministrazione  comunale  sarà  l’attuazione  di  politiche  attive  
per   il   lavoro   giovanile,   perché   vogliamo   dare   una   risposta   concreta   ai   problemi  
emergenti  in  questo  periodo  anche  per  il  nostro  territorio,  attraverso:  
- uno   sportello   per   l’orientamento   al   lavoro:   il   tasso   di   disoccupazione  
giovanile  è  in  continua  crescita  e  sempre  più  spesso  ai  Servizi  Sociali  giungono  
richieste  di  persone  che  hanno  perduto  il  lavoro  o  che  non  riescono  a  trovare  
occupazione.   Si   è   quindi   pensato   ad   uno   strumento   in   grado   di   mettere   in   rete  
tutte   le   risorse   esistenti   nel   territorio   e   non,   per   cercare   insieme   di   trovare  
delle  soluzioni  e  dare  delle  risposte  a  questo  problema.  Lo  sportello,  gestito  da  
professionisti   nel   settore,   offrirà   ai   giovani   informazioni   e   orientamento   su  
lavoro   e   formazione,   ma   soprattutto   consulenza   per   la   ricerca   attiva   del  

 

12  

lavoro.   Un   vero   “Campus   del   Lavoro”   che   rafforzerà   la   circolazione   delle  
informazioni,  coordinando  l'azione  anche  con  le  agenzie  private  per  l'impiego.  
Le   nostre   proposte   per   cultura,   sport,   scuola,   giovani   e   lavoro,   tendono   quindi   a  
realizzare:  
-­‐
-­‐
-­‐
-­‐
-­‐

UNICITA’   DEL   NOSTRO   TERRITORIO   (digitalizzazione   scolastica,   Cinema   Teatro  
Garibaldi,  cittadella  dello  sport,  supporto  e  orientamento  al  lavoro)  
SVILUPPO   ECONOMICO   (Cinema   Teatro   Garibaldi,   cittadella   dello   sport,   supporto   e  
orientamento  al  lavoro)  
OPPORTUNITA’  DI  LAVORO  E  DI  AVVIO  DI  NUOVE  IMPRESE  (opportunità  per  nuove  start  
up,  supporto  e  orientamento  al  lavoro)  
SVILUPPO  TURISTICO  (Cinema  Teatro  Garibaldi,  cittadella  dello  sport)  
COESIONE   SOCIALE   (scuola   interattiva,   miglioramento   della   qualità   della   vita   dei   ragazzi  
in  età  scolastica,  supporto  e  orientamento  al  lavoro,  Cinema  Teatro  Garibaldi).  
 
4.  UN  COMUNE  PER  AMICO    
4.1  Sportelli  per  i  cittadini  e  le  imprese  
In  un  momento  di  particolare  difficoltà  economica  legata  alla  crisi  della  nostra  Nazione  
e  alla  disoccupazione,  non  solo  giovanile,  che  nel  corso  degli  ultimi  5  anni  si  è  attestato  
in  995.000  unità,  vogliamo  mettere  in  campo  azioni  concrete  per  sostenere  cittadini  e  
imprese:  
- uno   sportello   per   il   microcredito:   già   avviato   a   fine   mandato   ha   riscosso  
ampio   consenso   da   parte   dell’utenza.   Lo   strumento   opererà   in   sinergia   con   gli  
altri   due   sportelli,   a   sostegno   di   cittadini   e   imprese,   con   concessione   di   piccoli  
prestiti   a   coloro   che   hanno   difficoltà   ad   ottenere   il   credito   dal   sistema  
tradizionale.  
- uno   sportello   per   le   imprese:   strumento   preposto   all'avvio   di   progetti  
professionali  ed  imprenditoriali,  attraverso  una  rete  di  servizi  di  assistenza  in  
collegamento   con   attori   istituzionali   (Regione,   BIC   Lazio,   FILAS,   Sviluppo  
Lazio),   anche   per   verificare   le   opportunità   di   accesso   a   fondi   di   finanziamento  
nazionali  e/o  europei;    
4.2  Semplificazioni  amministrative  
In   questi   anni   abbiamo   lavorato   sulla   razionalizzazione   della   spesa   della   ‘macchina  
amministrativa’   e   sulla   ‘trasparenza’   dell’azione   di   governo   con   ottimi   e   riconosciuti  
risultati   (raggiunto   il   massimo   punteggio   per   requisiti   sulla   ‘trasparenza  
amministrativa’   –   vedi   sito   del   Governo   ‘la   bussola   della   trasparenza’).   Ora   la   nuova  
sfida   è   fare   di   Amatrice   una   città   meno   burocratica,   semplificando   l’accesso   ai   servizi   e  
ai  diritti  da  parte  dei  cittadini  e  delle  imprese.  
Per   questo   servirà   l’utilizzo   di   nuove   tecnologie,   portare   on   line   i   servizi   che  
potenzialmente   ne   hanno   la   possibilità,   convertire   la   macchina   amministrativa   a  
partire  dalle  esigenze  del  cittadino.  
Da  dove  partire?  

 

13  

La   recente   creazione   dei   nuovi   strumenti   urbanistici,   del   Regolamento   e   del  
Vademecum   ci   fa   ritenere   prioritario   dover   ottimizzare,   in   primo   luogo,   il   lavoro  
dell'Ufficio   Tecnico.   Verrà   quindi   ristrutturato   l'ufficio,   semplificate   le   procedure  
attraverso   Tavole   sinottiche   esplicative   e   fac-­‐simile   di   modelli   di   richieste,   e   verrà  
predisposto   il   lavoro   per   l'introduzione   della   digitalizzazione   della   PA   e   delle  
procedure  informatiche  per  le  pratiche  edilizie,  il  tutto  mirato  a  semplificare  il  lavoro  
degli   Uffici   e   il   rapporto   con   i   tecnici   e   cittadini.   Questo   ci   permetterà   di   puntare  
all'obiettivo   primario   per   un   Ente   comunale,   quello   della   risposta   certa,   nei   termini  
previsti  per  legge,  alle  richieste  dei  cittadini.  
 
4.3  Ricerca  delle  opportunità  e  monitoraggio  delle  fonti  di  finanziamento  
 
Al  fine  di  mobilitare  finanziamenti  per  gli  investimenti  sullo  sviluppo  e  la  crescita  del  
nostro   territorio   verrà   attivato   un   sistema   di   monitoraggio   costante   degli   strumenti  
finanziari  utili  all’Amministrazione,  oltre  a  quelli  nazionali  e  regionali  (con  particolare  
riferimento  alla  nuova  programmazione  europea  sui  fondi  strutturali  2014-­‐2020).    
Una   particolare   attenzione   verrà   data   a   quei   finanziamenti   tematici   dell’Unione  
Europea   che   sono   attuati   direttamente   dalla   Commissione   e   per   i   quali   si   potranno  
attivare   partnership   con   altri   Enti   locali   degli   Stati   membri   dell’Unione,   per   la  
costruzione  di  partenariati  transnazionali  che  possono  dare  un  respiro  più  ampio  alle  
politiche   e   alle   iniziative   locali.   A   tal   fine   si   è   già   stipulato   un   protocollo   d’intesa   con  
una   società   leader   nel   settore   per   l’avvio   di   una   partnership   utile   al   monitoraggio   delle  
opportunità  di  finanziamento  e  nella  predisposizione  di  progetti  con  elevata  possibilità  
di  approvazione  da  parte  della  Commissione.  
 
4.4  Sistemi  informatici  per  l’efficienza  energetica  
Questo  è  un  punto  in  stretta  relazione  con  quello  delle  nuove  tecnologie.  Una  smart  city  
deve   avere   molteplici   sensori   applicati   alla   pubblica   illuminazione   che,   tramite  
collegamento  internet  con  la  rete  wireless,  permettano  il  telecontrollo  e  la  telediagnosi  
di   ogni   lampada,   la   telemisurazione   della   corrente   e   dei   costi,   la   regolazione   della  
potenza  illuminante,  con  grande  beneficio  sui  conti  comunali.  
Questo   permetterà,   inoltre,   di   avere   costantemente   una   informazione   su   eventuali  
guasti,  evitando  così  segnalazioni  dirette  agli  uffici.  
 
Le  nostre  proposte  tendono  quindi  a  realizzare:  
-­‐ UNICITA’   DEL   NOSTRO   TERRITORIO   (sportelli   di   sostegno   a   cittadini   e   imprese,  
semplificazioni   amministrative,   monitoraggio   fonti   di   finanziamento,   sistemi  
informatici  di  efficienza  energetica)  
-­‐ SVILUPPO   ECONOMICO   (sportelli   di   sostegno   a   cittadini   e   imprese,   semplificazioni  
amministrative,  monitoraggio  fonti  di  finanziamento,  sistemi  informatici  di  efficienza  
energetica)  
-­‐ OPPORTUNITA’  DI  LAVORO  E  DI  AVVIO  DI  NUOVE  IMPRESE  (sportelli  di  sostegno  a  
cittadini  e  imprese,  monitoraggio  fonti  di  finanziamento)  
-­‐ COESIONE  SOCIALE  (sportelli  di  sostegno  a  cittadini  e  imprese)  
 
 
 
 

14  

5.  POLITICHE  SOCIALI  E  FISCALITA’  
5.1  Coesione  sociale  
Abbiamo  sempre  prestato  grande  attenzione  ed  investito  risorse  nelle  politiche  sociali  
attivando   numerosi   servizi   volti   alla   tutela   delle   fasce   deboli   ed   alla   promozione   di  
attività  di  aggregazione.  
Fermo   restando   la   riproposizione   in   toto   dei   servizi   innovativi   avviati   negli   ultimi  
cinque  anni  (buoni  cuore  Amatrice,  servizio  civico,  tariffe  idriche  agevolate  e  esenzione  
addizionale  Irpef,  attivazione  di  progetti  per  il  recupero  di  soggetti  con  disagi  psichici-­‐  
tossicodipendenti  -­‐  con  dipendenza  dall’alcol,  attivazione  del  servizio  specialistico  per  
bambini   diversamente   abili   in   orario   scolastico,  attivazione   del   sostegno   specialistico  
in  orario  extra  curricolare  per  minori  con  disagio,  interventi  del  mediatore  linguistico  
culturale   per   corsi   di   italiano   a   bambini   stranieri),   grazie   all’impegno   del   candidato  
Sindaco,   nella   funzione   di   Presidente   della   Comunità   montana,   dal   2015   potremo  
usufruire  di  ulteriori  finanziamenti,  fino  ad  oggi  esclusi  nel  Piano  Sociale  di  zona,  per:  





l’affidamento  familiare;  
interventi  per  la  tutela  del  minore;  
contrasto  alla  povertà;  
contrasto  al  disagio  abitativo.  

5.2  Alloggi  popolari  
Con   approvazione   di   un   progetto   esecutivo   avente   ad   oggetto   la   costruzione   di   nuovi  
alloggi   popolari,   già   presentato   alla   Regione   Lazio   e   all’ATER   di   Rieti,   intendiamo  
batterci   con   gli   Enti   preposti   affinché   venga   data   risposta   ad   una   crescente   richiesta   di  
nuove  unità  abitative.  
La  nostra  proposta  è  quella  di  riservare  le  stesse  (tramite  bando  pubblico)  alle  persone  
in   vera   e   certificata   difficoltà   economica   e,   una   quota,   alle   giovani   coppie   meno  
abbienti.  
5.3  Fiscalità  
L’obiettivo   che   cercheremo   di   perseguire,   sulla   scorta   di   quanto   già   accaduto   nel  
quinquennio   passato,   sarà   quello   di   preservare   in   maniera   prioritaria   i   possessori   di  
prima   casa   e   di   mantenere   il   livello   attuale   di   tassazione   (improvvisi   tagli   lineari   da  
parte   dello   Stato,   permettendo);   garantendo   contestualmente   le   fasce   deboli,   le   attività  
produttive   e   commerciali,   che   rappresentano   un   patrimonio   occupazionale  
assolutamente  da  preservare.  
Le  nostre  proposte  tendono  quindi  a  realizzare:  
-­‐
-­‐
-­‐
-­‐

UNICITA’  DEL  NOSTRO  TERRITORIO  (coesione  sociale,  edilizia  popolare,  giusta  fiscalità)  
SVILUPPO  ECONOMICO  (legate  a  una  buona  politica  fiscale)  
OPPORTUNITA’  DI  LAVORO  (edilizia  popolare)  
COESIONE  SOCIALE  (coesione  sociale,  edilizia  popolare,  giusta  fiscalità)  

 
 

15  

6.  LE  FRAZIONI  
Amatrice  è  le  sue  frazioni!  
Noi  le  pensiamo  come  una  parte  vitale  della  comunità,  fulcro  economico  indispensabile  per  il  
nostro  territorio.  Nel  precedente  quinquennio  2009/2014  sono  state  istituite  le  Circoscrizioni  
delle   Frazioni,   proprio   per   dedicare   a   loro   una   maggiore   attenzione,   e   per   una  
programmazione  puntuale  dei  lavori.  
Se  oggi  Amatrice  è  migliore  è  anche  grazie  a  questo  tratto  comunitario  che  lega  Amatrice  alle  
sue  frazioni;  ogni  realtà  ha  le  sue  caratteristiche  e  l'amministrazione  deve  essere  presente  con  
costanza   e   attenzione,   in   stretto   rapporto   con   le   associazioni   frazionali,   che   svolgono   una  
funzione  irrinunciabile  di  partecipazione,  di  informazione  e  di  comprensione  dei  problemi  da  
affrontare  e  risolvere.  
Ci  ripromettiamo  quindi  di  continuare  nell’opera  di  miglioramento  urbano  delle  frazioni,  e  di  
mantenere  sempre  alto  il  livello  del  servizio  di  pulizia  che,  da  maggio  a  ottobre  di  ogni  anno,  
vedrà  all’opera  un’apposita  squadra  di  operai  e  la  riproposizione  dell’autospazzatrice,  sistema  
di  pulizia  innovativo,  già  testato  lo  scorso  anno.  
 
Cinque  i  nuovi  progetti  da  avviare  e/o  attuare:  



− è   stato   già   acquistato   un   nuovo   automezzo   grazie   al   quale   sarà   attivato   il   ‘’servizio  
cimiteriale’’,   che   vedrà   operai   comunali   pulire   e   monitorare   lo   stato   dei   cimiteri   per  
365  giorni  l’anno;  
− risanamento,   tramite   mini-­‐depuratori,   di   Frazioni   attualmente   servite   da   fosse  
biologiche;  
− al  fine  di  non  ridurre  l’azione  di  monitoraggio  sulle  varie  problematiche  delle  Frazioni  
a   singole   ‘segnalazioni’   di   qualche   volenteroso   cittadino,   è   prevista   la   figura   di   un  
Consigliere   comunale   dedicato   a   tale   attività,   e   che   sarà   periodicamente   presente   nelle  
varie   circoscrizioni,   oltre   che   a   disposizione   dei   cittadini   nella   sede   comunale   in   giorni  
e  orari  prefissati;  
− attuazione   dei   Piani   Particolareggiati   (Scai,   Villa   SS   Lorenzo   e   Flaviano)   e  
perimetrazione   dei   centri   abitati   (Casale,   Casale   Bucci,   Casalene,   Collalto,   Colle  
Gentilesco,   Collemoresco,   Colletrio,   Cornelle   di   Sotto,   Cornillo   Vecchio,   Domo,  
Nommisci,   Patarico,   Poggio   Vitellino,   Rio,   Roccapassa,   San   Capone,   San   Tommaso,  
Torrita,  Torritella,  Varoni,  Voceto);  
− elaborazione  di  nuovi  Piani  Particolareggiati  (Torrita,  Le  Conche,  Nommisci);  
installazione   di   ulteriori   pensiline   per   l’attesa   del   trasporto   urbano,   a   servizio   di   frazioni  
tutt’ora  sprovviste.  
Le  nostre  proposte  tendono  quindi  a  realizzare:  
-­‐
-­‐
-­‐

UNICITA’  DEL  NOSTRO  TERRITORIO  (69  Frazioni)  
SVILUPPO  ECONOMICO  (Piani  Particolareggiati,  Perimetrazioni  urbane)  
OPPORTUNITA’   DI   LAVORO   E   DI   AVVIO   DI   NUOVE   IMPRESE   (Piani   Particolareggiati,  
Perimetrazioni  urbane)  
SVILUPPO  TURISTICO  (recupero  urbano  e  ambientale)  
COESIONE  SOCIALE  (tratto  comunitario  che  lega  Amatrice  alle  sue  Frazioni,  Consigliere  
dedicato  alle  Circoscrizioni)  

-­‐
-­‐
 

 

16  

7.  COOPERAZIONE  CON  I  COMUNI  VICINI  
Crediamo   che   la   strada   intrapresa   in   questi   anni,   convalidata   dalle   recenti   disposizioni  
normative  di  spending  review    e  sulle  Unione  di  Comuni,  sia  quella  giusta.  
 L’aver   avviato   rapporti   di   cooperazione   con   i   Comuni   vicini,   rappresenta   un   patrimonio  
da   non   disperdere   per   non   tornare   a   vecchi,   e   ormai   superati,   campanilismi   (Convenzione  
con  il  Comune  di  Cittareale  per  lo  Sky-­‐pass  a  costi  ridotti  e  la  promozione  museale,  con  il  
Comune   di   Campotosto   per   il   trasporto   scolastico,   con   il   Comune   di   Accumoli   per   la  
raccolta  differenziata  porta  a  porta).  
Siamo   fortemente   convinti   che   lo   sviluppo   e   la   sopravvivenza   dei   territori   vicini   sia  
direttamente  collegabile  al  futuro  del  nostro  Comune.  
 
-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐  ^^^^  -­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐  
In  conclusione  questo  Programma  Amministrativo  avrà  un  senso  compiuto  solo  se  avremo  
la   certezza   e   la   capacità   di   difendere   (e   se   possibile   sviluppare)   tutte   quelle   strutture  
operanti   nel   nostro   Comune   che   rappresentano   la   sintesi   delle   linee   guida   che   abbiamo  
illustrato:   unicità   del   nostro   territorio,   sviluppo   economico,   opportunità   di   lavoro   e   nuove  
imprese,  sviluppo  turistico  e  coesione  sociale:  


Presidio   ospedaliero   F.   Grifoni:   punto   di   primo   intervento   con   medici   di   pronto  
soccorso,   attivazione   di   2   posti   OBI,   laboratorio   analisi,   laboratorio   di   radiologia,  
diagnostica,  posti  per  acuti  e  posti  per  riabilitazione  cardiologica;  



difesa  dei  presidi  dell’attuale  Caserma  dei  Carabinieri  e  della  Polizia  stradale;  



Centro   Provinciale   di   Formazione   Professionale(oggetto   di   un   contributo   di   150mila  
euro   da   parte   del   Comune,   oltre   ad   un   contributo   di   UNINDUSTRIA):   sviluppo   della  
struttura  attraverso  un  piano  industriale  che  lo  renda:  
-­‐
-­‐
-­‐

polo  di  eccellenza  del  mondo  culinario;  
polo   di   ricettività   per   il   periodo   estivo,   con   tariffe   agevolate   per   famiglie  
disagiate  e  convenzioni  con  Centri  anziani  di  altri  Comuni;  
centro   di   riferimento   per   la   mensa   degli   Istituti   scolastici   di   Amatrice,   con   la  
somministrazione  di  prodotti  alimentari  a  Km  zero.  

Per  ultimo,  e  non  in  ordine  d’importanza,  sulla  scorta  della  delibera  di  Giunta  comunale  
N.123   del   29/07/2013   (   Emergenza   cinghiali   –   piano   attuativo   di   contenimento)  
riguardo   i   danni   alle   culture   causati   dai   cinghiali,   proseguiremo   in   un’opera   di  
sensibilizzazione   di   chi   ha   la   competenza   in   materia   (Provincia,   Regione   ed   Ente  
Parco).  La  nostra  proposta,  se  accolta,  metterà  la  parola  fine  a  tante  ed  inutili  promesse  
fatte   da   politici   di   turno   in   cerca   di   consenso   sul   territorio   (le   ultime   promesse   sono  
state   fatte   nelle   elezioni   regionali   dello   scorso   anno   e   che   purtroppo   sono   state  
totalmente  disattese).  
 

 

17  

Convinto   che   la   realizzazione   di   un   programma   amministrativo   sia   strettamente  
correlata  alle  capacità  e  all’impegno  sociale  dei  componenti  che  ne  fanno  parte,  posso,  
con  orgoglio,  affermare  che  coloro  i  quali  mi  affiancheranno  in  questa  sfida,  SONO  LE  
PERSONE  GIUSTE  per  onorare  queste  nuove  promesse.    
Ci   unisce   un   unico   interesse,   ed   è   quello   di   veder   crescere   e   prosperare   la   nostra  
comunità.    
Ritengo   che   oggi   fare   l’amministratore   sia   solo   ed   esclusivamente   una   questione   di  
cuore.    
Amatrice,  26  aprile  2014  
 
 
 
Sergio  Pirozzi  
 
 
   

 

18  


Documenti correlati


Documento PDF programma amministrativo
Documento PDF programma movimento 5 stelle
Documento PDF porgrammasordella definitivo
Documento PDF programma movimento 5 stelle
Documento PDF programma amministrativo uniti per san marzano
Documento PDF programma amministrativo ufficiale 1


Parole chiave correlate