File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Ricerca PDF Assistenza Contattaci



PorgrammaSordella Definitivo .pdf



Nome del file originale: PorgrammaSordella_Definitivo.pdf
Titolo: PorgrammaSordella_Definitivo
Autore: davide sordella

Questo documento in formato PDF 1.3 è stato generato da Pages / Mac OS X 10.7.5 Quartz PDFContext, ed è stato inviato su file-pdf.it il 08/05/2014 alle 10:10, dall'indirizzo IP 2.235.x.x. La pagina di download del file è stata vista 1110 volte.
Dimensione del file: 220 KB (19 pagine).
Privacy: file pubblico




Scarica il file PDF









Anteprima del documento


PROGRAMMA AMMINISTRATIVO - DAVIDE SORDELLA

PROGRAMMA AMMINISTRATIVO
DEL CANDIDATO SINDACO DAVIDE SORDELLA
E DELLA COALIZIONE A SUO SOSTEGNO

PARTITO DEMOCRATICO
LISTA CIVICA “FOSSANO CRESCE”
LISTA CIVICA “100 LAMPADINE”

Fossano, 25 Aprile 2014

INDICE
PREMESSA
I VALORI

pag. 3
pag. 4

IL METODO: trasparenza, partecipazione, progettazione
LA VISIONE: al centro la bellezza

pag. 7

LA VISIONE: alla base la famiglia e la solidarietà
LA VISIONE: città dell’efficienza
LA VISIONE: città dell’innovazione

pag. 13
pag. 16

LA VISIONE: città della musica e della cultura
LA VISIONE: città dello sport e dei giovani
PAGINA 1 DI 19


pag. 10




pag. 18
pag. 20

pag. 6

PROGRAMMA AMMINISTRATIVO - DAVIDE SORDELLA

OPERE PUBBLICHE: ipotesi di bilancio

pag. 22

PREMESSA
Il programma del candidato Sindaco ci richiama ad interrogarci sul futuro di
Fossano. A questo scopo è necessaria una riflessione che parta dal passato e guardi
al futuro. La nostra Città ha una posizione baricentrica con un patrimonio storico e
culturale di grandissimo pregio ed un elemento di forza nella sua varietà di
paesaggio, di tessuto sociale, di competenze diffuse, di attività industriali,
produttive, commerciali ed artigianali, di mondo agricolo e frazionale e nella sua
ottima accessibilità. Negli anni ha perso in parte il vantaggio derivante dalla sua
posizione. Per noi è importante ripartire facendo leva sui punti di forza del nostro
territorio per coniugarli con innovazione e creatività al fine di costruire un futuro di
eccellenza nella società della conoscenza.
“Chi governa deve avere a cuore massimamente la bellezza della Città, per
cagione di diletto e allegrezza ai forestieri, per onore, prosperità e
accrescimento della città e dei cittadini”.
Un articolo del Costituto Senese di 700 anni fa sintetizza il programma nel cui
sviluppo si vuole coinvolgere la Città, mirando ad una bellezza non limitata agli
aspetti “estetici”, ma capace di permeare l’intero ambiente, per una Città in grado di
generare ed attrarre qualità:




per chi ci vive;
per chi ci lavora ed investe;
per chi la visita.

In una parola investire sulla BELLEZZA come strumento di attrazione.
In questo senso le forze politiche e le liste civiche della coalizione che sostengono la
candidatura a Sindaco di Davide Sordella propongono una base programmatica
unitaria che le vede impegnate a trovare le soluzioni più adeguate per il futuro.

PAGINA 2 DI 19





PROGRAMMA AMMINISTRATIVO - DAVIDE SORDELLA

I VALORI
FAMIGLIA
La famiglia è il primo luogo relazionale, affettivo e formativo dove si sviluppano l’identità e
l’inserimento sociale della persona. Le famiglie sono destinatarie e protagoniste delle politiche sociali
e vanno incoraggiate con adeguati strumenti di sostegno pubblico, rivolti in modo particolare ai nuclei
con figli. A nostro avviso il sostegno passa innanzitutto attraverso un esplicito riconoscimento della
sua titolarità nel campo educativo e di assistenza. Le famiglie, nella loro concreta condizione, sono
destinatarie e protagoniste delle politiche sociali; vanno sostenute e incoraggiate con adeguati
strumenti di sostegno, con una politica sussidiaria che accompagna e sostiene l'auto-organizzazione
delle stesse, nonché con politiche particolarmente attente ai nuclei familiari con figli.
IMPRESA E LAVORO
“L'Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro”, recita l’art. 1 della nostra Costituzione. Ma
senza impresa non c’è lavoro, da qui la ricerca di tutte le soluzioni possibili per favorire la nascita di
nuove imprese e nuovi posti di lavoro.
Le imprese hanno un ruolo decisivo per vincere la sfida della competitività e per rimettere il Paese
sulla via della crescita. Sono chiamate ad essere innovative, ad agire con prospettive di lungo
periodo, puntando sulla qualità. Sono tenute ad essere responsabili, sia nei confronti dei dipendenti,
garantendo loro salari adeguati e sicurezza, sia nei confronti del contesto ambientale e sociale in cui
operano. La competizione, per esplicare la sua funzione creativa e costruttiva, ha bisogno di un
contesto in cui valgano il rispetto intransigente delle regole, l’imparzialità dello spazio pubblico in cui
si esercita la competizione, l’efficacia degli strumenti di valutazione, la “cultura del risultato”. Le
regole devono valere ovunque. Solo nell’ambito di regole davvero fondate sul merito diventa possibile
a ciascuno affermare le proprie capacità e aspirazioni, realizzandole col proprio lavoro.
SOLIDARIETÀ, UGUAGLIANZA, INTEGRAZIONE
In un mondo sempre più competitivo, per non lasciare indietro nessuno, occorre sostenere chi
affronta difficoltà sociali, economiche, personali. Il Comune si pone l'obiettivo, anche supportando la
preziosissima attività svolta dai numerosi enti ed associazioni già presenti in città, di attenuare le
condizioni di disagio sociale ed economico più gravi, di integrare le persone disabili, di promuovere
l’incontro delle diverse culture in una società multietnica e di sostenere le famiglie in difficoltà.
In tutti i paesi avanzati, ed in Italia in particolare, la diseguaglianza ha assunto proporzioni troppo
grandi, tali da minare la capacità dell’intera società di svilupparsi verso maggiori livelli di benessere.
Uguaglianza significa per noi pari opportunità, affinché tutti abbiano le stesse possibilità di scelta e
condizioni di accesso alla formazione, al lavoro, ad un’affermazione piena e libera della personalità.
Una società (e una città) che consideri le persone in base alle loro qualità, senza distinzioni di genere
o di provenienza sociale, di opinioni politiche o religiose.
Una società (e una città) capace di accogliere ed integrare, consapevole che i valori dell’accoglienza e
dell’integrazione sono parte della nostra storia, nonché una necessità ed un’opportunità nel quadro di

PAGINA 3 DI 19





PROGRAMMA AMMINISTRATIVO - DAVIDE SORDELLA

un mondo globalizzato. La sfida dell’integrazione dev’essere affrontata su basi di parità e nella
condivisione dei diritti e dei doveri, al fine di realizzare un nuovo patto di cittadinanza nel rispetto dei
valori costituzionali italiani ed europei.
MERITO
Il merito deve essere rivolto all’individuo nella sua interezza premiando la capacità di realizzare il suo
talento nel rispetto ed in relazione con gli altri. Ciò deve valere in ogni ambito della vita ed in
particolare:



nell'affermazione delle pari opportunità, contro ogni discriminazione;
nel lavoro, perché ognuno si realizzi secondo le proprie capacità e risultati, nelle aziende private
come nella pubblica amministrazione;
• nella rappresentatività politica, in opposizione a logiche di appartenenza e affiliazione a circoli
chiusi;
• nella scuola e nella formazione professionale quale elemento caratterizzante l'azione di
insegnanti e studenti e pre-requisito per la continua crescita della società;
• nell’impresa, messa nelle condizioni di competere ad armi pari sul mercato secondo regole che
non lascino spazio all'assistenzialismo.
ETICA PUBBLICA
Il “bene comune” deve porsi come guida delle azioni di tutti coloro ai quali è affidata una funzione
pubblica, siano essi pubblici dipendenti o amministratori; i primi, nei confronti dei cittadini devono
essere oggettivi, imparziali ed efficienti, al fine di assicurare il corretto funzionamento della pubblica
amministrazione; i secondi, quali "funzionari elettivi”, devono amministrare unicamente nell'interesse
dell’intera comunità.
SICUREZZA E LEGALITÀ
La convivenza democratica e civile e l’integrazione fra tutti i cittadini non potrebbero sopravvivere
senza il rispetto della legalità e della garanzia di sicurezza; queste sono infatti condizioni ineliminabili
per lo svolgimento della vita individuale e collettiva e per un corretto rapporto fra istituzioni e società.
La cultura della sicurezza e della legalità, perseguita attraverso la strutturazione di relazioni positive di
ascolto e di inclusione insieme con la messa in opera di adeguati controlli ed efficaci sanzioni,
combatte il degrado urbano e sociale e costituisce una difesa contro la corruzione e la criminalità.
CONCRETEZZA
Avremo come faro nell’azione di governo “l’UMILTA’ di riconoscere ciò che non si può cambiare, il
CORAGGIO di cambiare quello che si può e l’INTELLIGENZA di discernere tra le due cose” (San
Francesco d’Assisi). In una parola CONCRETEZZA. La capacità di volare in alto, ma con i piedi radicati
nella concretezza amministrativa e finanziaria.

IL METODO
Partire dall’ascolto

La capacità di un’Amministrazione non deve essere solo quella di governare bene e con onestà totale
la cosa pubblica, di garantire servizi efficienti e sicurezza ai propri cittadini, ma deve anche essere
quella di motivare la comunità ad avere speranza, a non chiudersi nelle proprie paure, ad essere
PAGINA 4 DI 19





PROGRAMMA AMMINISTRATIVO - DAVIDE SORDELLA

capace di partecipare in modo concreto alla progettazione del proprio futuro.
Non è importante solo il cosa, ma il come. Per questo nella nostra elaborazione siamo partiti
dall’ASCOLTO che sarà il primo strumento di lavoro, anche amministrativo. Lo abbiamo fatto in modo
concreto attraverso un sito internet (www.100lampadine.it), incontri tematici con i cittadini
(100lampadine LAB) ed incontri diretti con il candidato sindaco (100caffè). Dal frutto di questo
ascolto per proporre idee INSIEME e DAL BASSO nascono questo programma ed un metodo di lavoro
basato in tre punti:
1. TRASPARENZA (dall'alto verso il basso): ogni progetto del Comune sarà visibile con
indicatori numerici chiari, responsabili e stato di avanzamento. L’Amministrazione dovrà
quindi:
- documentare adeguatamente i propri processi decisionali, spiegando ai cittadini i pro
e i contro delle decisioni più rilevanti rispetto alle alternative a disposizione;
- giustificare ogni affidamento di attività a privati con chiare valutazioni di convenienza
economica;
- rendicontare l’attività svolta ed i risultati ottenuti rispetto a quanto pianificato;
- condividere preventivamente il bilancio in modo chiaro con i cittadini.
2. PARTECIPAZIONE (dal basso verso l'alto): il ruolo del cittadino non può esaurirsi con il
voto. La libertà è partecipazione e per questo c’è bisogno di un contributo attivo di tutti i
cittadini e di un’Amministrazione che favorisca la loro partecipazione sulla base del merito e
delle competenze. Strumenti privilegiati saranno:
- nomine trasparenti;
- valorizzazione delle consulte;
- applicazioni informatiche per le segnalazioni del cittadino;
- incontri di quartiere;
- la reale volontà di ascolto.
3. PROGETTAZIONE (dal presente al futuro): non interventi slegati, ma una pianificazione che
guardi al futuro di Fossano in modo integrato con progetti che abbiano obiettivi chiari e
condivisi. Perché la politica è visione del futuro. Con la presumibile scomparsa delle Province
dobbiamo interrogarci su come vogliamo riorganizzare il nostro territorio. Per far uscire
Fossano dall'isolamento proponiamo un'unione politica (attraverso lo strumento dell'Unione
delle Unioni) con Savigliano, Bra e Saluzzo oltre ai Comuni sotto i 5.000 abitanti. Una massa
critica di 100.000 abitanti ci permetterà, attraverso un ufficio progettazione comune, di
accedere direttamente ai fondi Europei, di contare di più a livello regionale e nazionale, di
coordinare in modo unitario gli interventi sul nostro territorio soprattutto per la sanità. Non
un ennesimo tavolo di concertazione, ma uno strumento concreto, utile ed efficace.

LA VISIONE
AL CENTRO: LA BELLEZZA
(Ambiente, Urbanistica, Lavori Pubblici e Frazioni)
Obiettivo

LA BELLEZZA. Per rendere Fossano una città attrattiva per chi ci vive, per chi ci
lavora ed investe, per chi la visita.

Concretamente
Ambiente
Il rispetto dell’ambiente rappresenta il punto cardine della qualità del nostro presente e delle
generazioni future a cui è nostro dovere consegnare un mondo sostenibile. In questo ambito si
punterà a:
• Maggiori politiche integrate sui rifiuti (riduzione, raccolta, riciclaggio, riuso e recupero) con
PAGINA 5 DI 19





PROGRAMMA AMMINISTRATIVO - DAVIDE SORDELLA

estensione della raccolta porta a porta anche nel concentrico delle frazioni e creazione di una
“rifiuteria” favorendo l'iniziativa del volontariato, associazioni e cooperative da allocare nei
pressi dell'area ecologica così da favorire il riuso di beni ancora utilizzabili o ricondizionabili e
ridurre in questo modo i conferimenti;
• Vigilanza (anche tramite telecamere mobili) e sanzionamento dei comportamenti scorretti con
iniziative costanti e non sporadiche. Una squadra per i controlli ambientali all'interno dei vigili
urbani, incluso il controllo del conferimento anche con un’ organizzazione oraria più flessibile.
Favorire la nascita e la formazione di un gruppo di guardie ecologiche locali;
• Piano energetico comunale quale strumento per inserire norme che agevolino la costruzione
di abitazioni passive o a basso consumo, la coibentazione energetica degli edifici, la riduzione
del consumo di acqua e il suo corretto recupero;
• Imporre azioni di risparmio energetico sia per quanto attiene l'illuminazione all'interno degli
edifici pubblici (sostituzione corpi illuminanti) che del riscaldamento (infissi, coibentazione
ecc. a partire dal palazzo comunale).
Manutenzione della città / urbanistica


Aggiornamento del documento di programmazione urbanistica attraverso la revisione del
Piano Regolatore Generale e delle sue norme di attuazione,
• Previsione di squadre di decoro urbano legate ai borghi prendendo spunto da quanto già
avviene nelle frazioni per integrare il servizio di pulizia con un maggior controllo sulla qualità
delle prestazioni rese in conformità all’appalto e che si occupino (in coordinamento con i
tecnici comunali per le tipologie di lavoro ed i materiali) anche della manutenzione del verde
favorendo il loro coinvolgimento tramite iniziative di sensibilizzazione, di riconoscibilità sociale
ed agevolazioni. Gruppi volontari con l’impiego integrativo di soggetti avviati a lavori utili per
la collettività;
• Monitoraggio continuo degli interventi di manutenzione, coinvolgendo anche i borghi e le frazioni:
calendario condiviso degli interventi e riunione periodica su qualità dei ripristini, diserbo, taglio
dell'erba, spazzamento manuale e meccanizzato;
• Rispetto dell'obbligo di mantenere le siepi di recinzione e le fronde di alberi privati entro il limite
della proprietà;
• Rifacimento di Piazza Vittorio Veneto e piena operatività del parcheggio sotterraneo. Nuovo
arredo urbano con un piano pluriennale di qualità da collocare nei punti strategici della città. Piazza
Castello e Piazza Manfredi con fontane a raso. Rivisitazione del Piano colore per il centro storico,
pulizia di strade, piazze e portici. Nuova illuminazione intelligente e a led;
• Previsione di un piano per il verde pubblico urbano che includa la rivalutazione dell'area dello
Stura tramite il Parco Fluviale come elemento attrattivo per il turismo famigliare;
• Incentivi/facilitazioni alla ristrutturazione/manutenzione degli edifici storici per evitare l’eccessivo
allargamento della città anche attraverso il recupero di aree abbandonate (ex Fomb, ex cartiera, casa
dei marescialli...);
• Interventi per le infrastrutture con il fine di migliorare la mobilità: via Marene (comprende: pista
cliclabile; rifacimento del manto stradale e della rotonda alla confluenza con via Fraschea); via
Orfanotrofio (comprende: pista ciclabile; marciapiede; manto stradale); progetto definitivo per
l’allargamento del ponte ferroviario su via Torino con annessa pista ciclabile che consentirà di
raccordare viale Regina Elena con la zona industriale e con Genola. Sistemazioni di alcuni snodi di
traffico molto importanti: la rotonda di via Villafalletto, le tre rotonde connesse al piano
particolareggiato dell’area del Foro Boario. La sistemazione di via della Circonvallazione con rotonda
da collocare nei pressi di via Chiarini; la manutenzione di via S. Michele con rifacimento del
marciapiede e la ripiantumazione delle alberature. Manutenzione straordinaria viabilità
interna/frazionale e strade vicinali. Mobilità sostenibile con cicloparcheggi e piste ciclabili distribuite
sul territorio e con particolare attenzione all’area del centro storico.
Barriere architettoniche
La disabilità deve essere inserita in un sistema inclusivo e non differenziale. A tal fine occorre:
PAGINA 6 DI 19





PROGRAMMA AMMINISTRATIVO - DAVIDE SORDELLA



Continuare l'impegno all'eliminazione delle barriere architettoniche in tutto il comune di
Fossano;



Valorizzare i risultati che il comune di Fossano assieme all' Osservatorio Barriere
Architettoniche hanno conseguito dal 2001 ad oggi;



Incontrare, ascoltare e sostenere i cittadini con disabilità prestando particolare attenzione
alle situazioni di non autosufficienza;



Favorire l’ autodeterminazione delle persone disabili.

Frazioni
Esiste una sola città (non una divisione tra borghi e frazioni) fatta da cittadini con eguali diritti in tutti
i campi del vivere sociale. Ogni frazione è diversa e con specificità da salvaguardare. L'Ufficio
Agricoltura è una ottima risorsa al servizio delle frazioni.
Concretamente:










Le infrastrutture sono la base di ogni insediamento. Una quota di risorse del bilancio
continuerà ad essere destinata a questo fine e le proposte delle frazioni saranno
condivise unitariamente ed in modo trasparente;
La sicurezza nelle frazioni non deve essere affrontata con soluzioni facili cavalcando la
paura, ma con risposte concrete in coordinamento con le forze dell'ordine.
Telecamere mobili, due vigili fissi per controllo del territorio in frazione, Ufficio mobile
a rotazione per fornire servizi direttamente in loco, sistema di segnalazione da parte
del cittadino, mappa della sicurezza;
Per la raccolta rifiuti: introduzione del porta a porta nel concentrico delle frazioni;
aree videosorvegliate con telecamere mobili;
Scuole frazionali: garantire le scuole nelle frazioni anche tramite il trasporto locale;
Lo sport nelle frazioni è uno strumento straordinario di attività sociale ed aggregativa;
oltre agli interventi sulle infrastrutture vanno promosse ed aiutate le società sportive
locali coinvolgendole nella manutenzione e nella gestione degli impianti;
Tradizioni e cultura: grazie allo spiccato senso di “servizio” delle pro loco frazionali
saranno incentivate le iniziative di cultura aggregativa e tradizionale puntando al
contempo alla promozione della filiera agricola e zootecnica.

LA VISIONE
ALLA BASE: LA FAMIGLIA E LA
SOLIDARIETÀ
(Politiche famigliari incluse Pari Opportunità, Anziani,
Integrazione, Welfare, Sicurezza)
Obiettivo
Non lasciare indietro nessuno affinché tutti abbiano le stesse possibilità per il proprio
merito.

Concretamente
POLITICHE FAMIGLIARI
Servizi all’infanzia
Mantenere l'attuale livello di servizi di qualità per le famiglie oltre a perseguire l'apertura di un
PAGINA 7 DI 19





PROGRAMMA AMMINISTRATIVO - DAVIDE SORDELLA

servizio di nido aziendale /interaziendale per realtà significative. L’Azienda Speciale Multiservizi è
l’ente strumentale del Comune attraverso il quale attuare molte delle politiche per l’infanzia e per
l’assistenza nel quadro del possibile riordino del comparto socio-sanitario regionale;
Consulta della Famiglia
E’ il luogo privilegiato di osservazione e di proposta sui temi delle politiche familiari. Deve avere un
ruolo significativo nell'analisi e nel confronto delle proposte amministrative con le associazioni
familiari e con gli enti che a vario titolo si occupano della famiglia;
Reti tra Famiglie





coinvolgere le famiglie nella costruzione di reti tra le stesse che consenta di sostenere le
situazioni di difficoltà di orario, di lavoro e cura dei figli (banca del tempo , doposcuola
familiare) e sostegno del Comune rispetto all’organizzazione  di  a%vità  pomeridiane  di  

doposcuola  anche  nella  fascia  della  scuola  media  (locali,  luce,riscaldamento  e  mensa);
facilitare  la  famiglia  nelle  ques;oni  amministra;ve:  le  modalità  di  pagamento  dei  buoni  
pasto  se  snellite  consen;rebbero  risparmi  di  tempo  considerevoli;  
riconoscere  i  carichi  familiari  nella  fiscalità  di  competenza  del  Comune  (  es.  tassa  rifiu;)  e  
interloquire  con  gli  en;  gestori  per  quei  servizi  il  cui  costo  non  ;ene  conto  di  un  criterio  di  
progressività  (es.    la  tariffazione  dell'acqua).

Aggregazione giovanile
Occorre progettare un luogo idoneo alla realtà giovanile dove sia possibile fare musica, libero da
vincoli di residenza limitrofa e contemporaneamente accessibile (l'area ex Negro potrebbe essere
idonea). Il progetto dovrebbe essere a basso impatto ecologico. Cascina Sacerdote sarà progettata
quale polo per le politiche familiari e per i giovani adolescenti, favorendo la gestione da parte della
realtà associativa e sotto il controllo di un custode fisso all’interno della struttura.
Pari opportunità
Le pari opportunità tra uomo e donna partono da una promozione culturale sulle questioni di genere
realizzata anche attraverso il lavoro della Commissione Cittadina per le Pari Opportunità e con i servizi
per le famiglie: asili nido, nidi aziendali, telelavoro, voucher baby sitter, sgravi assunzioni donne,
promozione imprese femminili. Particolare attenzione sarà prestata al tema della violenza di genere
che va prevenuto con un progetto integrato: sensibilizzazione ed educazione, counseling psicologico e
sportello legale, case rifugio per donne in difficoltà, Comune parte civile nelle cause in tribunale,
numero telefonico per lo stalking.
Anziani
L'invecchiamento della popolazione pone lo Stato di fronte ad una sfida impegnativa che deve
garantire servizi di assistenza e condizioni per un invecchiamento attivo. In particolare
l’Amministrazione locale dovrà:






Migliorare in coordinamento con le associazioni di volontariato l'assistenza domiciliare per gli
anziani (sia sanitaria che legata alla consegna di pasti, medicine...);
Coordinare e comunicare meglio alle persone anziane i servizi che possono ricevere da tutte
le associazioni di volontariato tramite la Fondazione NoiAltri;
Istituire una centrale operativa con numero di telefono (coinvolgendo associazioni di
volontariato e lavori sociali) per dare informazioni puntuali agli anziani sui servizi del Comune
o anche per le emergenze, oltre ad un servizio di teleassistenza e telefono amico;
Istituire uno sportello per le pratiche comunali dedicato agli anziani che hanno difficoltà con

PAGINA 8 DI 19





PROGRAMMA AMMINISTRATIVO - DAVIDE SORDELLA








internet;
Promuovere corsi di informatizzazione per imparare alcune semplici cose che possano
migliorare la qualità della vita e l'utilizzo di servizi tramite internet;
Aiutare gli anziani all’invecchiamento attivo promuovendo la partecipazione ad attività di
supporto cittadino;
Far rivivere gli “Antichi mestieri” attraverso il recupero di un' artigianalità che si sta perdendo
con l'insegnamento ai giovani accompagnandoli a riscoprire lavori dimenticati;
Promuovere attività di informazione in collaborazione con le forze dell'ordine per la
prevenzione delle truffe e dei furti agli anziani;
Sostenere i luoghi di aggregazione per anziani: iniziative legate al ballo, allo sport, alla
montagna, alla cultura, ai giochi in società, ecc...;
Incentivare la creazione di forme di cooperazione finalizzate alla cura degli anziani e di un
“albo badanti”, per una maggiore formazione del personale e tutela di chi usufruisce del
servizio;

Integrazione
La consulta per l’integrazione culturale è uno strumento fondamentale di ascolto e progettazione di
iniziative finalizzate alla conoscenza reciproca, alla ricerca di opportunità di lavoro e alla realizzazione
di progetti specifici. Alla consulta spetterà, altresì, il compito di proporre linee d’indirizzo da mettere
in campo per migliorare i risultati sin qui raggiunti e per una partecipazione attiva nelle scelte
politiche della città.
Welfare
Il nuovo welfare passa attraverso nuovi criteri di sussidiarietà con il coinvolgimento sempre maggiore
delle associazioni di volontariato e la creazione di una “casa delle associazioni”; sarà sostenuta la
formazione sotto la supervisione della Fondazione NoiAltri. Il lavoro del Consorzio Monviso Solidale
deve passare attraverso indirizzi sempre più precisi e legati a risultati operativi. Gli aiuti del Comune
devono realizzarsi attraverso regolamenti trasparenti (con il superamento ed integrazione dei criteri
ISEE) e saranno subordinati, ove possibile, allo svolgimento di lavori socialmente utili.
La struttura MediciInsieme è una risorsa importante che può giocare un ruolo chiave nell'assistenza
locale e dovrebbe essere integrata dalla presenza di specialisti.
Sarà compito del Comune avere un ruolo attivo per le politiche sanitarie da implementare sul
territorio attraverso:






il potenziamento del polo riabilitativo e dell’attività specialistica ambulatoriale;
la realizzazione del progetto di cucina unificata e polo logistico per tutte le strutture sanitarie
provinciali;
l’istituzione di un laboratorio analisi centrale;
la costruzione di una sede per cure palliative;
la dislocazione della sede centrale della Direzione dell’ASL in considerazione della centralità
territoriale della Città di Fossano.

Sicurezza
La sicurezza è la base della convivenza e della qualità di vita della collettività. Deve essere garantita
dalle forze dell'ordine in coordinamento con l'Amministrazione comunale prevedendo la partecipazione
attiva dei cittadini. Per agevolare una maggiore presenza sul territorio della polizia municipale:
-

si utilizzeranno telecamere mobili per un controllo dinamico del territorio;

PAGINA 9 DI 19





PROGRAMMA AMMINISTRATIVO - DAVIDE SORDELLA

-

sarà potenziato il sistema di videosorveglianza collegata con i Carabineri;

-

verrà reso operativo l’ufficio mobile della Polizia Locale destinandolo in particolare alle
frazioni;

-

si punterà alla promozione della legalità e alla prevenzione del vandalismo tramite
l'educazione/formazione sui temi di alcolismo, droghe, bullismo, violenza di genere, guida,
gioco d'azzardo, ecc…

La sicurezza passerà anche attraverso il programma sperimentale di lavoro ed attività economica
dentro il carcere e la prevenzione dell'accattonaggio molesto.

LA VISIONE
CITTÀ DELL’EFFICIENZA
(Fiscalità, Bilancio, Macchina amministrativa e Servizi)
Obiettivo

Meno burocrazia e migliori servizi al cittadino ed alle imprese a partire da una
macchina comunale più snella, innovativa e vicina al cittadino.

Concretamente
Fisco e bilancio
La politica di bilancio e la politica fiscale sono due aspetti importantissimi dell’azione di governo della
Città perché rappresentano, di fatto, gli strumenti attraverso i quali verrà attuato il programma di
mandato. Nei prossimi esercizi, la loro importanza sarà ancora più significativa perché con l’attuale
sistema di finanza locale, la quasi totalità delle risorse necessarie al finanziamento della spesa
corrente ed in conto capitale, dovrà essere cercata mediante la tassazione locale, l’applicazione delle
tariffe, la vendita del patrimonio comunale, gli oneri di urbanizzazione, il risparmio, il rigido controllo
della spesa. Per contro, a differenza del passato dove lo Stato finanziava i comuni attraverso i
trasferimenti erariali, oggi (ed anche nelle prossime annualità) saranno i comuni che finanzieranno lo
Stato attraverso l’IMU sui fabbricati industriali ed il fondo di solidarietà.
• Riduzione della spesa corrente per i margini ancora possibili
Al momento la quasi totalità della spesa corrente è di natura obbligatoria; la sua riduzione avrebbe
inevitabili ripercussioni negative sull’erogazione dei servizi fondamentali. I margini di compressione
ancora possibili sono quantificabili in circa 350.000 Euro, su una spesa complessiva di 17.500.000
Euro.
• Mantenimento degli attuali servizi pubblici e miglioramento della loro qualità
Obiettivo di fondo sarà quello di assicurare tutti i servizi fondamentali e, facendo affidamento al
sistema della sussidarietà orizzontale, integrarli con ulteriori attività nel campo della promozione
sociale, del lavoro, dei giovani. Altro obiettivo sarà quello del costante miglioramento della qualità
agendo sia livello organizzativo che di controllo. Il miglioramento dei servizi poggia anche su un ruolo
più attivo e più partecipato nell’Unione dei Comuni, un organismo fondamentale nell’aggregazione del
territorio e nella riduzione dei costi di gestione.
• Determinazione delle tariffe sui servizi a domanda individuale sulla base del reddito
PAGINA 10 DI 19





PROGRAMMA AMMINISTRATIVO - DAVIDE SORDELLA

personale ed in funzione della loro importanza sociale
Le tariffe sono il prezzo sostenuto dal cittadino per accedere ai servizi a domanda individuale come
ad

esempio l’asilo nido, la mensa scolastica, i servizi sportivi ecc.; l’entità delle tariffe sarà

determinata sulla base del reddito personale utilizzando i parametri ISEE ed altri strumenti integrativi
di accertamento e tenendo altresì conto dell’importanza sociale del servizio.
• Impostazione della politica fiscale sia come sistema di reperimento delle risorse che
come strumento di promozione sociale e d’incentivazione dell’economia locale
Compito primario dell’Amministrazione sarà quello d’intercettare il punto di equilibrio tra la
propensione del cittadino al pagamento del tributi locali ed il conseguente livello di servizi ottenibili
dalla contribuzione: trattasi del principio “pago-vedo-voto”. La politica fiscale sarà anche il sistema per
consentire ai cittadini di concorrere alle spese sostenute dal Comune secondo il principio
costituzionale di “capacità contributiva”, lo strumento per agevolare la nascita sul territorio di nuove
iniziative imprenditoriali, il mezzo per aiutare le imprese a ridurre, nel limite del possibile, i costi di
produzione.
• Attuazione di una politica di bilancio in funzione sia degli obiettivi programmatici che
di natura contingente.
La politica di bilancio sarà flessibile in ragione degli obiettivi programmatici che verranno inclusi nel
“piano di sviluppo dell’ente 2014-2019”, in deliberazione nel primo Consiglio Comunale; la politica di
bilancio perseguirà anche obiettivi contingenti per essere di supporto a famiglie ed imprese nei
momenti di crisi, oppure per sostituirsi al disimpegno finanziario degli enti sovraordinati. Sino a
quando non miglioreranno le condizioni generali del Paese, l’attuale deficit di parte corrente sarà
coperto facendo ricorso all’avanzo di amministrazione e/o agli oneri di urbanizzazione e non
certamente all’inasprimento fiscale.
• Applicazione costante del principio “pagare tutti per pagare meno”
La lotta all’evasione e la conseguente attuazione del principio “pagare tutti per pagare meno” saranno
strumenti di giustizia sociale e mezzo per incentivare l’economia locale. Proprio a quest’ultimo
riguardo con una parte del recupero dell’evasione sarà costituito un fondo per la concessione alle
famiglie ed alle imprese di agevolazioni e riduzioni non applicabili direttamente attraverso la
modulazione del tributo.
BUROCRAZIA
In questo ambito l’azione di governo sarà rivolta alla:
• Semplificazione e razionalizzazione dei regolamenti comunali;
• Creazione di una corsia preferenziale per le imprese dividendo le attività produttive dall'edilizia
privata;
• Istituzione all'interno del personale del "manager della burocrazia" per accompagnare le
pratiche;
• Diffusione di strumenti telematici per il trattamento online delle pratiche da parte dei cittadini;
• Concessione di premi di produttività ai dipendenti legati ai tempi di risposta amministrativa;
• Previsione di tempi di pagamento certi per le imprese;
• Istituzione di tavoli di confronto costanti con le categorie economiche e con la Consulta delle
attività produttive attraverso progetti e deleghe specifiche.

Comunicazione interna
A livello amministrativo il miglioramento della comunicazione farà leva sulle seguenti azioni:
• una più razionale osmosi informatica tra i diversi programmi in uso agli uffici;
PAGINA 11 DI 19





PROGRAMMA AMMINISTRATIVO - DAVIDE SORDELLA










un ruolo attivo di coordinamento interdipartimentale del segretario comunale e dei dirigenti
all’interno del proprio dipartimento con riunioni periodiche di coordinamento e miglioramento
funzionale;
istituzione della “conferenza sindaco-assessori-segretario comunale-dirigenti” da tenersi una
volta al mese, nella quale affrontare i temi di fondo del programma dell’esercizio ed i principali
problemi in itinere con le loro interdipendenze funzionali e dipartimentali. Il relativo verbale sarà
poi portato a conoscenza dei capi servizio;
istituzione della “conferenza sindaco-assessori-consiglieri di maggioranza” da tenersi due volte
l’anno per l’analisi dello stato di attuazione del programma e delle possibili variazioni connesse
all’insorgenza di nuove esigenze pubbliche;
trasmissione ai Consiglieri comunali delle delibere di Giunta aventi rilievo programmatico e
politico;
rivitalizzazione operativa delle Commissioni consiliari.

LA VISIONE
CITTÀ DELL’INNOVAZIONE
(Scuola, Lavoro, Economia: impresa, attività produttive,
commercio, agricoltura)
Obiettivo

La formazione e l’innovazione come strumenti fondamentali di promozione del
capitale umano per creare nuove opportunità di lavoro.

Concretamente

“Sono  i  giovani  ad  avere  le  più  grandi  potenzialità  in  termini  di  innovazione  ed  energia.  
Dobbiamo  valorizzare  queste  potenzialità,  me;erli  in  condizione  di  contribuire,  sme;endo  
di  ostacolarli  perché  nei  fa@  li  consideriamo  una  minaccia.  Quindi  non  ‘aiutare’  i  giovani,  ma  
semplicemente  non  ostacolarli.  Non  garanEre  loro  i  risultaE,  ma  lasciare  loro  spazio  per  
provare  a  raggiungerli  con  le  loro  forze.  Non  fornire  più  tutele  e  più  diri@,  ma  più  
opportunità.  E  questo  è  tanto  più  importante  quando  la  sfida  è  l’innovazione,  perché  serve  la  
loro  creaEvità,  la  loro  energia,  la  loro  trasgressività,  la  loro  voglia  di  futuro…”
Formazione
La scuola ed il capitale umano sono il vero punto di partenza di ogni innovazione. Un mondo della
formazione maggiormente collegato a quello del lavoro tramite l'apprendistato, strumenti per
l'incontro tra domanda ed offerta, stage formativi e di orientamento. Lo spazio operativo del Comune
è sicuramente quello di offrire delle strutture capaci di favorire le condizioni di base per la crescita di
talenti e startup. La speranza è che le spese impegnate nell’edilizia scolastica vengano escluse dal
patto di stabilità in modo da permettere maggiori interventi di manutenzione, di messa in sicurezza e
costruzione di una nuova scuola media.
Smart City
A partire dalle eccellenze locali, come l’Istituto Istruzione Superiore G. Vallauri, creare e sperimentare
in Città nuove tecnologie ed in particolare:


una città "smart": con parcheggi, illuminazione ed irrigazione intelligenti;

PAGINA 12 DI 19





PROGRAMMA AMMINISTRATIVO - DAVIDE SORDELLA



una macchina comunale completamente digitalizzata: sportelli per il cittadino automatizzati e
vetrine multimediali per la comunicazione, edifici pubblici più efficienti dal punto di vista
energetico;



mobilità sostenibile e commercio elettronico in internet per le attività produttive.

Imprese
Per la parte fiscale l'impegno a ridurre sensibilmente la Tari sui capannoni scollegati da utenze,
diminuire il plateatico per il commercio legato alle manifestazioni, modulare Imu e Tasi nel modo più
conveniente per i passivi d’imposta, istituire un fondo di compensazione fiscale per l’applicazione di
detrazioni ed agevolazioni non previste dalla norma al fine di assicurare una politica fiscale equa e
razionale rispetto al vissuto delle persone e delle imprese.
Diminuire la pressione fiscale non basta; tramite una burocrazia più efficiente e l’applicazione delle
“buone pratiche” bisogna facilitare il lavoro delle aziende presenti sul territorio e, ravvivando
l’economia locale, favorire la creazione di nuovi posti di lavoro. L'economia non si crea per decreto;
compito dell'amministrazione è quello di dar vita ad un ambiente attrattivo per lo sviluppo economico
e sociale della Città, dotato di:
• infrastrutture efficienti;
• un sistema integrato di promozione atto a far crescere il tessuto economico;
• un percorso urbano che includa attività commerciali ed eventi continuati e coordinati per
ravvivare la città sotto il profilo turistico e per promuovere i prodotti del territorio.

LA VISIONE
CITTÀ DELLA MUSICA E DELLA
CULTURA
(Cultura, Manifestazioni e Turismo)
Obiettivo

La musica e le manifestazioni come volano economico.

Concretamente
La visione di un progetto culturale unificato non va inventata ma cercata partendo dalle specificità del
territorio portandole in sintonia con un mercato che non è statico ma in continua evoluzione. Il
successo sta nella capacità non di rincorrere, ma di anticipare i gusti, le mode, le aspettative, i
bisogni sia reali che virtuali. Il primo passo da compiere è quello di una gestione unitaria e
professionale sia della promozione che della comunicazione in cui il nuovo Ufficio Turistico sarà il vero
fulcro operativo.
In particolare si punterà a:


Un progetto culturale integrato con un calendario unico per promuovere e comunicare tutti
insieme la Città verso l’esterno;

PAGINA 13 DI 19





PROGRAMMA AMMINISTRATIVO - DAVIDE SORDELLA



Sinergie con Torino, Alba, Langhe e Roero e Cuneo tramite le ATL, Terre dei Savoia, la
Regione Piemonte ed i fondi Europei per la progettualità e la promozione;



Far crescere le grandi manifestazioni presenti (e.g. Mirabilia, Palio, Motoraduno) anche
attraverso una comunicazione esterna più efficace e l'offerta di pacchetti turistici che
valorizzino la centralità di Fossano;



Un coordinamento con Mirabilia per il reperimento dei finanziamenti, la creazione di una
struttura fissa che permetta una presenza durante tutto l'anno e non solo nel periodo della
manifestazione: scuola di circo, produzione di spettacoli, artisti ospiti...



La Fondazione Musica come fulcro (oltre che per la didattica) per una grande stagione di
concerti con manutenzione straordinaria di Palazzo Burgos e della Chiesa Vecchia del Salice;



La Musica come tema trasversale per la promozione culturale nelle scuole, artigianato legato
agli strumenti musicali, arredo urbano, promozione di artisti locali, sala prove e concerti di
diversi generi musicali ;



100 piccoli eventi per animare Fossano tutto l’anno in un giorno fisso: "A Fossano tutti i
venerdì sera c'è qualcosa";



Chiusura del centro storico domenicale legata ad eventi in collaborazione con le Associazioni
Sportive "Sport in Piazza" per le famiglie, culturali e di categoria;



Promuovere e rafforzare la funzione di coordinamento della Pro loco in previsione di un vero
e proprio Ente Manifestazioni;



Uno spazio polifunzionale mostre/concerti per gli artisti locali;



Il Castello, il fossato e la sua piazza rinnovati come centro espositivo e ricettivo aperto anche
alla sera e nei fine settimana. Un progetto graduale che deve passare attraverso una
rinegoziazione della convenzione con il Demanio che è proprietario della struttura.

LA VISIONE
CITTÀ DELLO SPORT E DEI
GIOVANI
(Attività sportive, Aggregazione giovanile e Politiche
giovanili)
Obiettivo

Luoghi di aggregazione per i giovani per dare nuova “vita” alla Città anche a partire
dallo sport come strumento di crescita della persona.

Concretamente
Giovani
Non vogliamo associare i giovani solo al tempo libero, ma considerarli come lo strumento principale
del rilancio della Città; nello specifico si intende promuovere le seguenti azioni:


Un consiglio dei giovani con ambiti decisionali autonomi, iniziative da gestire ed anche fondi

PAGINA 14 DI 19





PROGRAMMA AMMINISTRATIVO - DAVIDE SORDELLA

autonomi legati a progetti specifici;


Una migliore formazione, orientamento, apprendistato anche all’estero per prepararsi meglio
al mondo del lavoro;



Un sostegno fiscale dell’imprenditorialità innovativa dei giovani;



Informagiovani comunale per tutti gli aspetti giovanili e punto di riferimento per volontariato
nazionale/internazionale ed associazionismo giovanile;



Nuovi punti di aggregazione giovanile ed eventi (vedi Città della Musica e della Cultura)

Sport “Fossano Città dello sport”
L’obiettivo è la promozione della cultura dello sport per tutte le età mediante lo sviluppo di tante
piccole manifestazioni sportive e di eventi selezionati di portata nazionale ed internazionale in grado
di assicurare richiamo sportivo ed attrazione turistica, la valorizzazione dell’associazionismo e dei
movimenti sportivi, l’istituzione di una cartasport per l’uso di più impianti sportivi, la chiusura
domenicale legata allo sport in piazza, sport diffuso attraverso percorsi ed attrezzature all’aperto. Per
la realizzazione di questi obiettivi si provvederà al:


Completamento del villaggio sportivo mediante la copertura delle tribune, la costruzione di
un fabbricato dove ospitare un centro attrezzato di medicina sportiva al servizio di tutti gli
sport (fisioterapisti, medici, massaggiatori), la sistemazione dei locali bar-ristorante e la
copertura di due campi da tennis di cui uno sarà riconvertito in campo di beach volley da
utilizzare anche durante la stagione invernale;



Ristrutturazione dello Stadio comunale attraverso il rifacimento dei manti da gioco in erba
sintetica del campo principale, del campo a 7 e dei due campi a 5; la costruzione della pista
di riscaldamento dei calciatori e di una cisterna di accumulo dell’acqua piovana; la messa in
opera di nuovi impianti d’illuminazione e la manutenzione degli spogliatoi;



Altri interventi quali: la costruzione di un campo sportivo nella frazione di S. Antonio Baligio e
la manutenzione della palestra comunale, del campo di Cussanio ed del Palazzetto dello
sport;



Se verranno permessi interventi di edilizia scolastica al di fuori del patto di stabilità, si potrà
iniziare ad ipotizzare una nuova scuola media ad indirizzo sportivo che faccia da collante tra le
varie associazioni sportive per coinvolgere i giovani nella pratica sportiva quale strumento
educativo;



Una città "amica dei ciclisti" con cicloparcheggi, segnaletica e percorsi integrati di mobilità
collegati anche in centro storico ed attraverso la passarella ferroviaria di Via Torino.

OPERE PUBBLICHE
Ipotesi di bilancio
Nel segno della progettualità e della continuità infrastrutturale sono previste le
seguenti opere con ipotesi di bilancio:
PAGINA 15 DI 19





PROGRAMMA AMMINISTRATIVO - DAVIDE SORDELLA

Comparto viabilità:
• Sistemazione via Marene importo impegnato Euro 159.768. L’intervento comprende: il rifacimento
del manto stradale; pista ciclabile sul lato sinistro dell’attuale senso di marcia; realizzazione della
rotonda innesto via Marene-via Fraschea. L’opera è stata già finanziata e figura pertanto tra i
residui passivi;
• Sistemazione via Orfanatrofio importo impegnato Euro 360.166. L’intervento comprende: la
realizzazione di due rotonde; la pista ciclabile; la sistemazione del marciapiede. L’opera è stata già
finanziata e figura tra i residui passivi;
• Sistemazione asse viario via Circonvallazione-via Marene importo previsto Euro 565.000. L’opera
comprende: l’allargamento del ponte sulla ferrovia di via Torino; una rotonda; la pista ciclabile.
L’intervento è in fase di progettazione definitiva e non è finanziata;
• Passerella pedonale San Bernardo. Il rifacimento completo della struttura è stimato in 950.000
Euro. La progettazione è allo stadio preliminare; l’importo elevato dell’opera e l’insorgenza di
ulteriori priorità legate alla sicurezza delle scuole, consigliano una riconsiderazione
dell’investimento nella forma della manutenzione straordinaria per un importo di circa 400.000
Euro;
• Sistemazione di via Beltrami (via Po). Importo stimato Euro 105.000; manutenzione straordinaria
viabilità interna e frazionale: spesa prevista nei 5 anni del mandato Euro 1.000.000. Si prevede
d’impegnare mediamente 200.000 Euro ad esercizio;
• Sistemazione via Circonvallazione. Importo previsto Euro 700.000. L’intervento comprende la
sistemazione delle banchine, di una parte del manto stradale, la costruzione della rotonda su via
Chiarini;
• Realizzazione della rotonda via della Circonvallazione innesto via Villafalletto. L’opera sarà
realizzata a scomputo oneri di urbanizzazione del PEC “Fossano Futura”;
• Realizzazione n. 3 rotonde nell’ambito dell’intervento Dimar zona Foro Boario. È prevista la
realizzazione a scomputo oneri di urbanizzazione di n. 3 rotonde via Salmour, via Foro Boario, via
Ceva;
• Sistemazione via S. Michele spesa prevista Euro 400.000. L’opera comprende il rifacimento del
marciapiede e la piantumazione delle alberature;
• Rotatoria viale Alpi, corso Trento, via Garibaldi. L’intervento consiste nel costruire una rotonda per
rendere più agevole la circolazione in questo incrocio ad alta intensità di traffico; spesa prevista
Euro 150.000;
• Interventi strade vicinali. Spesa prevista 250.000 Euro.
Manutenzione ordinaria e straordinaria sugli edifici comunali
• Adeguamento edifici scolastici normativa antisismica, risparmio energetico, ampliamenti di
adeguamento alla popolazione scolastica. L’Importo degli investimenti previsto nel periodo
2014-2019 è di Euro 3.000.000. La spesa nel settore delle infrastrutture scolastiche, ubicate in
Città e nelle frazioni, assume un rilievo particolare con una serie d’interventi riguardanti
l’adeguamento dei plessi scolastici alla normativa antisismica, al risparmio energetico,
ampliamento e manutenzioni ordinarie;
• Manutenzione straordinaria Palazzo Burgos. Spesa prevista Euro 500.000. Il progetto di
ristrutturazione della sede operativa della Fondazione Fossano Musica è in fase di esecuzione e
comprende un primo lotto già impegnato di 150.000 Euro per la messa a norma degli impianti
elettrici, sistemazione sottotetto, segreteria. Sull’immobile si cercherà di coinvolgere la Consulta
per la salvaguardia dei beni architettonici della città che potrebbe finanziare la sistemazione della
facciata ed il restauro degli affreschi del salone;
• Costruzione palestra Vallauri. Nel piano triennale era prevista la realizzazione della palestra sull’ex
campo da calcio Vallauri; importo dell’investimento Euro 1.600.000. La costruzione del nuovo
plesso scolastico era connessa al piano d’intervento di edilizia residenziale, circa 90 alloggi, in
parte sovvenzionata (bando housing sociale), in parte realizzata con finanziamenti privati. Causa la
forte crisi economica del settore edilizio, l’intero progetto ha subito degli intoppi di natura
PAGINA 16 DI 19





PROGRAMMA AMMINISTRATIVO - DAVIDE SORDELLA











finanziaria che hanno generato delle problematiche amministrative legate alle prescrizioni insite
nel bando di gara. La costruzione della palestra era finanziata dalla vendita del terreno. Il futuro
dell’intervento dipenderà dagli sviluppi amministrativi e finanziari che erano e sono alla base della
sua progettazione;
Manutenzione straordinaria Chiesa del Salice. La Chiesa del Salice dovrà essere la sede dove
organizzare eventi di qualità in campo musicale, culturale, sociale. Il costo del ripristino dovrebbe
essere sostenuto congiuntamente con la Fondazione Cassa di Risparmio di Fossano e la Consulta
per la valorizzazione dei beni architettonici della Città;
Sistemazione sale-mostra Castello. In un’ottica di rilancio turistico del Castello è prevista la
sistemazione di appositi spazi nelle torri del Castello per l’esposizione permante di opere librarie,
stampe antiche, quadri; l’intervento comprende anche l’acquisto degli arredi per il loggiato
finestrato, posto sulla sommità di una torre, da adibire a luogo di alta rappresentanza istituzionale.
Spesa prevista 100.000 Euro;
Sistemazione cortile interno del Castello ed area retrostante attualmente adibita a parcheggio
dipendenti comunali-Asl. E’ programmata la sistemazione del cortile interno e dell’area esterna.
Spesa stimata 150.000 Euro;
Ipotesi di completamento Farmer’s Market. E’ ipotizzabile una spesa di 400.000. Il progetto mira al
completamento della struttura al fine di creare tutti i presupposti per il l’avvio ed il radicamento
commerciale di un “ centro vetrina” di eccellenze agricole e gastronomiche locali.
Risoluzione anticipata del comodato d’uso locali ex Università. Si prevede la risoluzione anticipata
del comodato d’uso, scadente nel 2017, dei locali adibiti in passato a sede della facoltà di lingue.

Impianti sportivi
• Sistemazione definitiva del villaggio sportivo. Spesa prevista Euro 800.000;
• Ristrutturazione dello stadio comunale. Spesa prevista Euro 1.500.000;
• Costruzione campo sportivo e spogliatoi nella frazione di S. Antonio Baligio. Spesa prevista Euro
300.000;
• Ristrutturazione palestra comunale. Importo dell’intervento 50.000 Euro. E’ previsto il rifacimento
della controsoffittatura e dell’impianto di illuminazione per adeguarla alle nuove norme sulla
sicurezza ed alle ultime disposizioni adottate dalle federazioni sportive pallavolo-pallacanestro;
• Sistemazione campo sportivo Cussanio. Importo dei lavori 10.000 Euro. Occorre rifare la
recinzione del campo ed eseguire la manutenzione degli spogliatoi.
Interventi su piazze, giardini, illuminazione:
• Sistemazione ed arredo di piazza Vittorio Veneto. Collegata alla sistemazione della piazza, c’è la
risoluzione della vicenda parcheggio sotterraneo per la quale si opererà in continuità con
l’impostazione amministrativa della Giunta Balocco. Il problema va risolto con l’acquisizione
anticipata del diritto di superficie come da indirizzi assunti dal Consiglio Comunale nel dicembre
2013. La composizione transattiva della vertezza è condivisa anche da Umbria Mobilità e
l’indennizzo, tenuto conto delle perizie di stima, dovrebbe essere di circa 1.000.000 da imputare
nella parte corrente del bilancio; la sistemazione della piazza, da riconvertire in “terrazza-eventi
sullo Stura”, sarà progettata in continuità architettonica con viale Mellano onde creare uno dei
“punti” più significativi del percorso pedonale nel centro storico della Città da caratterizzare con
“eventi di qualità” di natura musicale, culturale, sociale. Previsione di spesa 350.000 Euro;
• Manutenzione aree verdi e giardini. Le aree verdi richiedono una manutenzione straordinaria per la
sostituzione o l’installazione degli impianti d’irrigazione oppure ancora per il rifacimento del
tappeto erboso. La somma da impegnare nel corso del mandato tra Città e Frazioni è di 200.000
Euro;
• Interventi parco fluviale. La disponibilità a breve dell’area ex ditta Negro consentirà al Comune di
progettare un primo intervento di sistemazione generica dell’area per recuperarla dall’attuale
degrado; spesa prevista 100.000 euro. La sua destinazione definitiva sarà attentamente studiata
ed integrata nel più ampio progetto “di parco fluviale dello Stura” per il quale sarà studiato un
PAGINA 17 DI 19





PROGRAMMA AMMINISTRATIVO - DAVIDE SORDELLA

piano territoriale sovracomunale in grado di accedere ai fondi europei Alcotra;
• Manutenzione straordinaria degli impianti d’illuminazione. In questo ambito si opererà in continuità
con l’indirizzo tracciato nell’ultimo Consiglio Comunale: revisione di tutti i punti luce della città
affidando in gara la progettazione, gli interventi di sostituzione, il tutto al fine di migliorare il
servizio e conseguire delle economie di gestione. È prevista anche la manutenzione straordinaria
di punti luce situati in frazione.
• Potenziamento degli impianti di video-sorveglianza. Al fine di garantire una maggiore sicurezza in
città e nelle frazioni è previsto sia il potenziamento che l’installazione di nuove videocamere.
Importo della spesa 75.000 Euro;
• Acquisto beni strumentali per potenziare e migliorare la raccolta differenziata dei rifiuti solidi
urbani; acquisto arredi urbani; alberature. Per il raggiungimento di questi obiettivi viene previsto
l’impiego di 300.000 Euro;
• Acquisto automezzi e beni strumentali per la gestione dei servizi. Tenuto conto dei costi sostenuti
nel precedente mandato, si stima una spesa complessiva di Euro 500.000 per l’acquisto dei beni
strumentali da impiegare nell’erogazione di servizi istituzionali;
• Interventi di natura straordinaria di tipo manutentivo al momento non prevedibili. A titolo
cautelativo, per interventi di tipo manutentivo straordinario al momento non prevedibili, viene
allocata nel piano delle opere del mandato una somma di Euro 750.000.

IL FINANZIAMENTO DELLE OPERE
Il piano delle opere da realizzare nel mandato 2014-2019 prevede una spesa complessiva di circa
15.255.000; per contro sono previste entrate per trasferimenti in conto capitale e fondi già allocati in
bilancio per una somma pari ad Euro 3.433.000, così strutturate:
Euro 1.630.000 per la vendita del terreno campo Vallauri;
Euro 1.126.000 quale contributo regione accordo di programma villaggio sportivo;
Euro 400.000 come contributo in conto capitale da parte del gestore del villaggio sportivo;
Euro 277.000 quale fondo indennità risarcitoria parcheggio piazza Vittorio Veneto già
stanziato e finanziato nel bilancio 2014.
La differenza da finanziare con mezzi ordinari è pari ad Euro 11.822.000 (Euro
-­‐
-­‐
-­‐
-­‐

15.255.000-3.433.000).
Le fonti di finanziamento proprie della spesa in conto capitale sono: l’avanzo di amministrazione; gli
oneri di urbanizzazione; le vendite di beni immobili; i trasferimenti di capitali di enti esterni, i mutui.
Escludendo quest’ultimo mezzo e considerando i risultati dell’ultimo quinquennio, si stimano in modo
prudenziale le seguenti entrate in conto capitale per un totale complessivo di Euro 14.580.000:
-­‐

Avanzo di amministrazione: Euro 1.300.000 ad esercizio per un importo complessivo di Euro
6.500.000;

-­‐

Oneri di urbanizzazione: Euro 900.000 ad anno per una somma pari ad Euro 4.500.000;

-­‐

Alienazione beni comunali: Immobile viale Sacerdote Euro 700.000; Palazzo Riccaldone Euro
1.000.000; Eredità immobile Torino Euro 250.000; Immobile via Cavour Euro 130.000; parte
dell’area Foro Boario Euro 1.500.000.

Al momento la parte corrente del bilancio presenta un deficit in parte corrente di circa 700.000 Euro
ad esercizio; per aiutare le imprese e le famiglie in questi anni di crisi economica e finanziaria, il
differenziale negativo non è stato coperto facendo ricorso all’inasprimento fiscale, ma impiegando
una quota dell’ avanzo di amministrazione e degli oneri di urbanizzazione. Questa politica di bilancio
proseguirà sino a quando non ci sarà la ripresa economica e pertanto, una parte degli oneri di
PAGINA 18 DI 19





PROGRAMMA AMMINISTRATIVO - DAVIDE SORDELLA

urbanizzazione e dell’ avanzo di amministrazione verrà contingentata a tale finalità; la cifra
accantonata (nella ipotesi più pessimistica e per i prossimi 4 esercizi) è pari ad Euro 2.800.000.
Le risorse finanziarie nette disponibili per sostenere gli interventi in conto capitale sono pari ad Euro
11.780.000 (Euro 14.580.000-2.800.000); la spesa netta prevista è pari ad Euro 11.822.000. Nelle
gare di appalto per la realizzazione delle opere si registra mediamente un ribasso d’asta del 15%
(percentuale prudenziale da applicare al costo complessivo degli investimenti di Euro 15.255.000 e
che porterebbe ad un risparmio di Euro 2.288.000) per cui il piano delle opere pubbliche, pianificato
per l’intero mandato, risulta ampiamento finanziato da fonti certe, calcolate con criteri molto
prudenziali.
La politica finanziaria dell’Amministrazione sarà particolarmente attenta nella ricerca di risorse da enti
esterni (Stato, Regione, Unione Europea) con le quali effettuare ulteriori investimenti di portata
interna o sovracomunale (nuova scuola media, parco fluviale), di recupero ambientale, d’innovazione
tecnologica.
Altro aspetto importante nella realizzazione concreta del piano delle opere è la sua compatibilità con
i pagamenti ammessi dal patto di stabilità. Come noto, questa norma contabile sovranazionale pone
dei limiti stringenti ai pagamenti che il comune è legittimato ad effettuare in ogni esercizio; nel breve
e medio periodo, nonostante le forti critiche esternate da tutta la classe politica italiana, l’attuale
margine del 3% fissato a livello europeo non è destinato a subire delle modifiche. Lo dimostrano le
forti resistenze politiche ed i veti quasi generalizzati eretti dagli organismi europei contro la nostra
azione di governo volta ad ottenere l’autorizzazione ad elevare il nostro attuale rapporto Pil-debito
pubblico dal 2,6 al 3%. La pianificazione dei pagamenti nel rispetto delle attuali norme sul patto di
stabilità deve essere, perciò, effettuata in modo prudenziale e senza grosse aspettative; l’unica cosa
quasi certa potrebbe essere l’eliminazione dal patto di stabilità dei pagamenti connessi agli
investimenti infrastrutturali di natura scolastica. Ciò premesso, la verifica della compatibilità “piano
delle opere-patto di stabilità” prende a base il costo complessivamente previsto per gli investimenti
del quinquennio, al netto del ribasso d’asta e delle spese del settore scolastico; nello specifico si ha la
seguente situazione contabile:
-­‐

Costo complessivo investimenti …………..Euro 15.255.000 -

-­‐

Ribasso d’asta…………………………………….Euro 2.288.000-

-­‐

Investimenti settore scolastico…………….Euro 3.000.000=

Differenza………………………………..Euro 9.967.000
Stante gli attuali criteri di determinazione del patto di stabilità applicati al nostro bilancio, la media
ordinaria dei pagamenti ammessi negli ultimi esercizi e di circa 2.000.000 di Euro ad anno per cui,
anche rispetto a questo vincolo stringente, il piano delle opere dell’intero mandato risulta
concretamente realizzabile.

PAGINA 19 DI 19







Parole chiave correlate