File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Ricerca PDF Assistenza Contattaci



lucky planet tabloid speciale mondiale .pdf



Nome del file originale: lucky planet tabloid speciale mondiale.pdf
Titolo: lucky planet tabloid speciale mondiale
Autore: antonio Iacovelli

Questo documento in formato PDF 1.4 è stato generato da PDFCreator Version 1.7.2 / GPL Ghostscript 9.10, ed è stato inviato su file-pdf.it il 14/06/2014 alle 08:03, dall'indirizzo IP 151.50.x.x. La pagina di download del file è stata vista 1437 volte.
Dimensione del file: 15.5 MB (36 pagine).
Privacy: file pubblico




Scarica il file PDF









Anteprima del documento


VIETATA LA VENDITA

Speciale Mondiale
Informazione dal Web e Promozione Pubblicitaria
A Cura del Punto Vendita Scommesse Spor ve
di San Giorgio Ionico—Via Fermi 6/B

Speciale Brasile 2014
Tutte le 32 squadre con le schede dei giocatori, le informazioni sulle qualificazioni, il programma delle partite le curiosità e tutto sulle scommesse...

e
p
o
l
o
S

i
t
n
e
i
l
C
i
r
t
s
o
in

Il campionato mondiale di calcio FIFA del 2014 (FIFA World Cup), sarà la 20ª edizione del campionato mondiale di calcio per squadre nazionali maggiori maschili organizzato dalla FIFA e la cui fase finale si svolgerà in Brasile dal 12 giugno al 13 luglio 2014. La fase finale del campionato mondiale di calcio è stata portata a 32 squadre e prevede, dunque, la formazione di o-o gironi all'italiana (chiama "gruppi") con
par te di sola andata, ciascuno composto da qua-ro squadre.
Per determinare la posizione in classifica delle squadre in ogni gruppo saranno presi in considerazione, nell'ordine, i seguen criteri: maggiore numero di pun ; migliore differenza re ; maggiore numero di re segnate.
Nel caso in cui, dopo aver applicato quanto sopra, due o più nazionali si trovassero ancora in parità, verranno u lizza , sempre nell'ordine,
gli ulteriori parametri qui di seguito: maggiore numero di pun negli scontri direD tra le squadre interessate (classifica avulsa); migliore differenza re negli scontri direD tra le squadre interessate (classifica avulsa);
maggiore numero di re segnate negli scontri direD tra le squadre interessate (classifica avulsa);
sorteggio effe-uato dal comitato FIFA.
Le prime due nazionali classificate di ogni raggruppamento accedono alla fase a eliminazione dire-a che consiste in un tabellone di qua-ro
turni (o-avi di finale, quar di finale, semifinali e finali) ad accoppiamen interamente prestabili e con incontri basa su par te uniche ed
eventuali tempi supplementari e ri di rigore in caso di persistenza della parità tra le due contenden .

MONDIALI IN DIRETTA
Presso Il Lucky Planet potrai seguire in dire-a tu-e le gare del Mondiale sulla pia-aforma Sky, in un ambiente confortevole, dotato di
aria condizionata, con un forni ssimo bar, video informazione, e la
possibilità di scomme-ere anche live con tan ssime possibilità di
Gioco.
Oltre alle giocate da banco è possibile giocare anche da casa o dal
Vostro posto di vacanza, u lizzando il sito On line del Nostro Partner
Be taly.

Le quote della prima fase

Possibilità di gioco
Antepost

Possibilità di gioco
A giocata multipla

Tantissime possibilità di
gioco live

Scopri tutte le quote
aggiornate in agenzia

In Sala Trovi Il Programma aggiornato
Tutte le corse in Diretta

Júlio César (P) Jefferson (P)
Victor (P)
Dani Alves (D) Thiago Silva (D) David Luiz (D)
03/09/1979
22/04/1987
02/01/1983
21/01/1983
06/05/1983
22/09/1984
Toronto (CAN) Botafogo (BRA) At.Mineiro (BRA) Barcellona (Esp) Parsi S.G. (Fra) Chelsea (Eng)

Maxwell (D)
Hernanes (C)
27/08/1981
29/05/1985
Paris S.G. (Fra) Inter (Ita)

Fernanfinho (C) Oscar (C)
04/05/1985
09/09/1991
Chelsea (Eng) Chelsea (Eng)

Willian (C)
09/08/1988
Chelsea (Eng)

Ramires (C)
24/03/1987
Cheslea (Eng)

Dante (D)
Henrique (D)
Marcelo (D)
18/10/1983
14/10/1986
15/05/1988
Real Madrid (Esp) B. Monaco (Ger) Napoli (Ita)

Maicon (D)
26/07/1981
Roma (Ita)

Luis gustavo (C) Paulinho (C)
Fred (A)
Neymar (A)
23/07/1987
25/07/1988
03/10/1983
05/02/1992
Wolfsburg (Ger) To-enham (Eng) Fluminense (Bra) Barcellona (Esp)

Ultime 10 Gare

Hulk (A)
25/07/1986
Zenit (Rus)

Bernard (A)
08/09/1992
Shaktar (Ukr)

Jò (A)
Felipe Scolari
20/03/1987
09/11/1948
At.Mineiro (BRA) (Bra)

Girone A

BRASILE

Le gare

VI PRESENTO IL BRASILE
Il Brasile è a secco dalla finale del 2002 vinta contro la Germania. La
vi-oria in Confedera ons Cup dello scorso anno vuole essere solo
un an po di quello che i carioca sognano di vivere il 13 luglio 2014 a
Rio In Italia giocano, Hernanes (Inter) Henrique (Napoli) e Maicon
(Roma), il più giovane è Bernard 21 anni, il più vecchio è il Por ere
Julio Cesar.
Il Brasile è la nazione ospitante di ques Mondiali di calcio. E’ l'unica
squadra che è sempre stata presente a tu-e le edizioni dei Mondiali,
ed è quella che ha vinto più di qualsiasi altra nazione nella storia
della Coppa del Mondo. E’ la seconda edizione dei Mondiali che si
disputerà in casa e l’a-esa per l’evento è vissuta frene camente
dall’intera popolazione verdeoro memore di quel “Maracanazo” che
ha segnato e rivoluzionato la storia recente del paese brasiliano.
Dopo le fallimentari esperienze di Germania 2006 e Sudafrica 2010
la federazione calcis ca Brasiliana ha richiamato alla guida della
Nazionale Luiz Felipe Scolari, l’ul mo commissario tecnico ad aver
portato il Brasile alla vi-oria del Mondiale, nel 2002 in CoreaGiappone. Dopo aver vinto la Confedera on Cup nell’estate del 2013 la Selecao è considerata di diri-o una
delle favorite per la vi-oria finale.
Con il 4-2-3-1 che tan buoni fruD ha dato durante la scorsa Confedera ons non verrà stravolto: "doble pivote" dove sono in cinque (Ramires, Fernandinho, Luiz Gustavo, Paulinho e Hernanes) per due pos , e Neymar
largo a sinistra, con Fred unica punta.
È brasiliano il miglior marcatore della storia dei Mondiali: Ronaldo ha segnato 15 gol nelle fasi finali: 4 nel
1998, 8 nel 2002 e 3 nel 2006.

LA STELLA

ODma la difesa con da Julio Cesar in porta e l’asse centrale
formato da Thiago Silva e Luiz Guistavo, la vera e propria
stella della nazionale verdeoro, è l’a-accante del Barcellona
Neymar. Classe 1992. Cresciuto in Brasile con il Santos., ha
manifestato le sue abilità palla al piede abbinando una grande rapidità e una buona capacità di calcio con entrambi i
piedi ad un dribbling fulmineo capace di me-ere in difficoltà
ogni rivale. Con il Santos vince da protagonista 3 campiona
Paulis , 1 Coppa Libertadores e una Recopa Sudamericana. Il
2012, in par colare è il suo anno magico, quello che aDra
l’a-enzione dei principali club europei. Conquistando, sia il
tolo di capocannoniere in campionato che in Libertadores
Il Brasile si è qualificata di diri-o ai Mondiali in quan- che il premio come miglior calciatore sudamericano (anche
to nazione ospitante del torneo. Nel percorso di
nel 2013). E’ il Barcellona a vincere la ba-aglia per portarlo
qualificazione delle altre squadre alla compe zione
in Europa anche se, finora, con il club blaugrana la sua stella
ha disputato numerosi incontri amichevoli. L’ul ma, non ha avuto modo di brillare come in patria. Felipe Scolari,
contro il Sudafrica ha visto la Selecao imporsi per 5-0 ha fa-o di lui il fare della squadra nelle trame offensive che
con una triple-a firmata da Neymar in aggiunta ai
dovranno me-ere Fred nelle condizioni di far male alle difegol di Oscar e Fernandinho. Dall’inizio della ges one se avversarie. Nel 4-2-3-1 parte spesso largo a sinistra con
Scolari (Confedera on Cup esclusa) il brasile ha
libertà di svariare su tu-o il fronte d’a-acco. Una qualità che
disputato 15 amichevoli internazionali me-endo a
gli ha concesso di vincere il premio come miglior giocatore
referto 9 vi-orie 4 pareggi e 2 sconfi-e contro Indella Confedera on Cup 2013 in cui il Brasile ha avuto la
ghilterra e Svizzera. Il miglior marcatore di questo
meglio su Italia e Spagna rispeDvamente nella semifinale e
percorso di avvicinamento è stato Neymar Jr. andato finale del torneo. L’intero popolo verdeoro confida in lui.
in gol in ben 9 occasioni.

S. Ple kosa (P) O. Zelenika p
35 anni
21 anni
Rostov (Rus)
Lok. Zagabria

M. Kovačić c
20 anni
Inter (Ita)

D. Subašić p
29 anni
Monaco (Fra)

V. Ćorluka d
G. Schildenfeld D. Vida d
25 anni
28 anni
29 anni
Lok. Mosca(Rus) Panathinaikos(gre) D. Kiev (Rus)

D. Lovren d
24 anni

D. Srna d
32 anni

Sammir c
27 anni
Getafe (Esp)

I. Močinić c
21 anni
Rijeka

I. Raki ć c
26 anni
Siviglia (Esp)

L. Modrić c
I. Perišić c
D. Pranjić c
O. Vukojević c
28 anni
25 anni
30 anni
32 anni
R. Madrid (esp) Wolfsburg(Ger) Panathinaikos(gre) D. Kiev (Ukr)

Š. Vrsaljko d
22 anni
Southampton(Eng) Shakhtar D.(Ukr) Genoa (Ita)

M. Brozović c
21 anni
Din.Zagabria

M. Mandžukić a
E.Da Silva a
28 anni
31 anni
Shaktar D. (Ukr) B. Monaco(Ger)

Ultime 10 Gare

A. Rebić a
20 anni
Fioren na(Ita)

N. Jelavić a
I. Olić a
Niko Kovac
28 anni
34 anni
15/10/1971
Hull City (Eng) R.Sociedad (Esp) (Cro)

Girone A
Le gare

Croazia
VI PRESENTO LA CROAZIA
Il migliore risultato mondiale è arrivato nell’edizione di Francia 1998. La Croazia guidata da Modric, Olic e Kovacic è una
delle nazionali da seguire con a!enzione

Quella della nazionale della Croazia è una storia tormentata come
l’intero paese. Distru-a due confliD mondiali. La federazione calcis ca croata è giovane, ma conta formazioni di realtà storiche come
Hajduk Spalato e Dinamo Zagabria, è indipendente dalla Jugoslavia
dal1991, ma è solo dal 1996 grazie ad una oDma rosa, cosidde-a
Golden Genera on , che arriverà alla ribaltra internazionale. Prima i
quar di finale negli Europei del ’96, poi la semifinale persa contro la
Francia ai Mondiali del ’98 con un terzo posto finale che sa molto di
beffa. Era la squadra dei vari Boban, Suker, Boksic e Prosinecki giocatori tanto fantasiosi quanto concre , ma certamente non eterni. La
Croazia ha fa-o fa ca a sos tuirli nel corso della sua storia, ma dopo
un’altra semifinale europea nel 2008, la mancata qualificazione ai
Mondiali in Sud Africa 2010 ha costre-o la federazione ad un cambio radicale. Niko Kovac, protagonista con la maglia della nazionale
dal 1996 al 2009, ma che ha imparato i trucchi del mes ere da Giovanni Trapa-oni ai tempi del Red Bull Salisburgo, è stato chiamato al posto di Igor S mac alla vigilia dello spareggio poi vinto con l’Islanda. Uno scossone
voluto e dovuto che ha ridato alla Croazia tanta qualità, l’esperienza della Golden Genera on e la classica
tenacia dei popoli balcanici; e con questo mix letale la nazionale croata non può che essere considerata la
possibile rivelazione del Mondiale di calcio del Brasile. I Croa si schierano con un 4-2-3-1 con Kovacic u lizzato come incursore alle spalle della punta. Tra Modric, Kovacic e Raki c il tasso tecnico è eleva ssimo. Nella
Croazia militano due calciatori brasiliani, poi naturalizza : si tra-a di Eduardo e di Sammir.

LA STELLA

Con un giusto mix di esperienza e spensieratezza giovanile la
Croazia può essere considerata una della nazionali con il
maggior tasso tecnico nell’11 iniziale. Nel 4-2-3-1 di Kovac il
centrocampo risulta, sicuramente il reparto di maggior impa-o in grado, con il talento di Mateo Kovacic e gli inserimen in ver cale di Ivan Raki c di armare lo strapotere
fisico di Mario Mandzukic. Ma il vero protagonista della
formazione croata non può che essere Luka Modric, la stella
e il talento che, tolto il peso internazionale di Dario Srna,
può erigersi a leader carisma co della squadra. Classe ’85 si
è formato calcis camente nella Dinamo Zagabria, la fucina di
La Croazia si è qualificata per Brasile 2014
talen più florida dell’intera nazione. Il To-enham ha messo
arrivando al secondo posto nel gruppo A
sul tavolo dei dirigen croa ben 27 milioni di euro per pordelle qualificazioni Europee, alle spalle del
tarlo in Inghilterra e, dopo un Europeo, quello del 2008,
Belgio (20) e davan a Serbia (14), Scozia
vissuto da protagonista, Modric ha potuto consacrarsi come
(11), Galles (10) e Macedonia (7). Da secon- uno dei migliori interpre del ruolo a livello mondiale. Il Real
da classificata ha disputato quindi per il
Madrid ha speso oltre 42 milioni di euro nell’estate del 2012
doppio spareggio contro l’Islanda (Islandaper portarlo in Spagna e, oggi, è il punto fermo del centroCroazia 0-0, Croazia-Islanda 2-0) e ha centra- campo stellare allenato da Carlo AnceloD. Il vero erede di
to la qualificazione ai Mondiali grazie ai gol
Prosinecki, a 27 anni è pronto a trascinare anche la propria
di Dario Srna e Mario Mandzukic che è annazionale.
che il miglior marcatore della Croazia nella
fase di qualificazione ai Mondiali con 4 gol.

J. Corona p
33 anni
Azul (Mex)

A. Talavera
31 anni
Toluca (Mex)

C. Salcido d
34 anni
Tigres (Mex)

J. Aquino (c)
C. Peña c
24 anni
24 anni
Villarreal(Esp) Leon (Mex)

G. Ochoa
28 anni
Ajaccio (Fra)

H. Moreno d
Paul Aguilar d F. Rodríguez d M. Layún d
25 anni
28 anni
32 anni
26 anni
C.America(Mex) C.America(Mex) C.America(Mex)

H. Herrera
24 anni
Porto (Por)

M. Ponce
25 anni
Toluca (Mex)

J. Vázquez a
26 anni
Leon(Mex)

I. Brizuela a
23 anni
Toluca (Mex)

A. Guardado d
27 anni

R. Márquez d
35 ann
B.Leverkusen(Ger) Leon (Mex)

D. Reyes d
21 anni
Young Boys (Swi)

R. Jiménez a
A. Pulido a
M. Fabián a
23 anni
23 anni
24 anni
Cruz Azul (Mex) C.America(Mex) Tigres (Mex)

Ultime 10 Gare

G. dos Santos a J. Hernández a O. Peralta a
M.Herrera
25 anni
30 anni
26 anni
18/03/1968
Tigres (Swi)
Manc. Utd (Eng)S. Laguna (Mex) (Mex)

Girone A

Messico

Le gare

VI PRESENTO IL Messico
Partecipazioni: 14 (esordio nel 1930) Miglior risultato: Quar+ di finale
nel 1970 e nel 1986 entrambe le edizioni disputate in casa
E’ una delle formazioni più longeve della storia dei Mondiali di calcio
avendo preso parte a ben 14 edizioni compresa quella di esordio nel
1930. Il Messico è anche una delle 5 nazioni ad aver ospitato per due
volte (il Brasile stesso è alla seconda edizione) il Mondiale centrando
in entrambe le occasioni i quar di finale fermandosi, però, contro
l’Italia prima e la Germania Ovest poi. Squadra estremamente solida
ed arcigna, dall’edizione americana del 1994 a quella odierna la
nazionale El Tricolor ha sempre raggiunto gli o-avi di finale della
compe zione ma, nonostante la vi-oria olimpica del 2012 (ai danni
proprio del Brasile), la nazionale messicana non sta a-raversando il
suo periodo di maggior splendore. Sebbene il palmares parli di sei
Gold Cup, una Confedera ons Cup e cinque piazzamen sul podio
nella Copa America, il percorso di qualificazione ai Mondiali è stato
costellato di numerosi inciden di percorso. Di fa-o il 10 o-obre
2013 la formazione messicana è implosa con la sconfi-a rimediata in
Costa Rica che ha costre-o la Federazione al quarto cambio di allenatore in 6 mesi per arrivare a giocarsi i
playoff cruciali contro la Nuova Zelanda. Miguel Herrera, da allora ado-a un coper ssimo 5-3-2, imboDto di
calciatori del campionato messicano. Difesa guidata dal veterano Rafa Marquez, le eccellenze sono Dos Santos
e Hernandez, la speranza è Peralta, niente fronzoli e squadra estremamente quadrata, ma in grado di pungere
in contropiede. Le convincen uscite amichevoli contro Finalndia e Korea del Sud la rendono ufficialmente la
mina vagante del gruppo A dei Mondiali del Brasile.

LA STELLA

Seppure siano tante le frecce nell’arco di Miguel Herrera, che punterà molto sulla velocità e duDlità di
Hector Herrera e Giovani Dos Santos e sulla solidità
difensiva dell’eterno Rafel Marquez, sarà la voglia di
rivalsa di Javier Hernandez a rappresentare la punta
di diamante per la formazione del Tricolor. Conosciuto da tu-o il mondo come Chicharito, Hernandez
proprio come il suo Messico non sta vivendo il perioIl Messico si è qualificato per Brasile 2014
do più florido della sua carriera. Chiuso al Manchester
arrivando quarta nel girone del centro e
dal triDco Van Persie-Rooney-Welbeck, Hernandez ha
nord America alle spalle di Sta Uni (22),
collezionato soltanto 23 presenze con 4 re all’aDvo
Costa Rica (18) e Honduras (15) è stata
costre-a allo spareggio con la Nuova Zelan- in Premier League. Rapido e tecnicamente molto doda (vincitrice del girone oceanico). La doptato, il Chicharito ha fa-o da sempre dell’incredibile
pia sfida contro gli All Whites ha visto i
senso del gol il suo marchio di fabbrica. Ai Mondiali
messicani imporsi per sia nella gara di andaha all’aDvo già due marcature e proprio a-raverso
ta (5-1) che in quella di ritorno (2-4) grazie
un’oDma prestazione con la sua Nazionale Hernanalla valanga di gol, ben 5, messi a segno da
Oribe Peralta. Sempre nel mondiale 2002, e dez può cercare di rilanciare la propria carriera alla
ricerca di un club voglioso di puntare tu-o su di lui
proprio nella fase a gironi, l’Italia ha inconcome tolare per la prossima annata
trato il Messico in un match conclusosi 1-1
con gol di Del Piero in rimonta.

Pag.4

D. Nounkeu
B. Assou-Eko-o A. Chedjou
J. Ma p
28 anni
30 anni
28 anni
22 anni
Cotonsport(Cam) Fethiyespor(Tur) Konyaspor(Tur) QPR (Eng)
Galatasaray (Tur) Schalke 04(Ger) Besiktas (Tur)

L. Feudjou p
22 anni

S. Ndjock p
24 anni

C. Itandje
31 anni

J. Makoun c
A. Nyom d
E. Enoh c
31 anni
26 anni
28 anni
Granada (Esp) Antalyaspor (Tur) Rennes (Fra)

A. Song c
S. M'Bia c
26 anni
28 anni
Barcellona(Esp) Sivigia (Esp)

M. Choupo-Mo ng

V. Finke
24/03/1948
(Ger)

25 anni
Mainz (Ger)

B. Moukandjo E. Salli
21 anni
25 anni
Lens (Fra)
Nancy (Fra)

Girone A

Camerun

H. Bedimo
30 anni
O. Lione (Fra)

L. N'Guémo c V.Aboubakar a S.Eto’o (a)
28 anni
22 anni
33 anni
Bordeaux (Fra) Lorient (Fra)
Chelsea (Eng)

N. N'Koulou
C. Djeugoue
24 anni
21 anni
Cotonsport(Cam) O. Marsiglia(Fra)

P. Webó
32 anni
Zulte-Warege(Bel) Fenerbahce (Tur)
F. Olinga
18 anni

Le gare

VI PRESENTO IL CAMERUN
ll Camerun, capitanato da Samuel Eto’o, è la formazione africana
con più presenze nel mondiale, ben 7. L’obie4vo ora superare lo
scoglio del girone. Miglior risultato: quar+ di finale raggiun+ nel 90
in Italia.
Legata al calcio tedesco, la storia calcis ca del Camerun nasce grazie
alla dominazione tedesca del primo dopoguerra. Nel 1960, dopo
anni di dominazione francese, il Camerun oDene l’indipendenza e
nel 1970 partecipa come nazionale alla sua prima Coppa d’Africa.
Tanta Grinta e cara-ere pica degli animali simbolo della loro zona,
i leoni, che sul campo diventano indomabili. Nel 1982, anno di esordio mondiale ed il calcio in Camerun è in profonda espansione tanto
da far paura persino ai futuri campioni in carica dell’Italia, passa
alla seconda fase pareggiando proprio con i camerunesi grazie ad
una maggior quan tà di re segnate. Il Camerun è forse la nazionale
più esplosiva di quegli anni e con il talento di Roger Milla nel 1990 i
leoni indomabili superano nell’ordine Argen na, Romania e Colombia (con 4 gol realizza proprio da Milla) arrendendosi soltanto ai
tempi supplementari contro l’Inghilterra di Lineker. Milla segnerà ancora, all’età di 42 anni ai Mondiali del ’94
(record tu-’ora imba-uto) ma dal 1998 ad oggi, il protagonista è diventato, Samuel Eto’o. Ai Mondiali in Brasile, tu-avia, arriva forse la formazione più scossa delle ul me edizioni. CostreD a cambiare selezionatore in
corsa per via della malaDa che ha colpito Jean-Paul Akono, la federazione del Camerun ha scelto di affidarsi ad
un tedesco e ci sarà Volker Finke sulla panchina che a-ua un 4-3-3 in cui Eto'o può agire sia da prima punta
che da esterno. Interessan Aboubakar e Choupo-Mo ng. Occhio a Olinga, più giovane convocato al Mondiale.
La cerniera dei tre di centrocampo è di caratura importante. Il Camerun ha ritardato la partenza per il Mondiale ed i giocatori non sono decolla finché non hanno ricevuto, in an cipo, il pagamento dei premi.

LA STELLA

Vero e proprio erede di Roger Milla di cui ha preso il tes mone a par re dai mondiali di Francia ’98, per Samuel Eto’o
quella del 2014 sarà la quarta apparizione in una fase finale
di un Campionato del Mondo. Solo tre gol all’aDvo e nessuna qualificazione agli o-avi di finale, anche in questa edizione Eto’o sembra des nato a non ripetere l’incredibile percorso che è riuscito ad intraprendere con la maglia dei rispeDvi club. Decisivo in quasi tu-e le finali giocate, intelligente taDcamente e letale in area di rigore, la bacheca
dell’a-accante giunto a 33 primavere, può vantare 3 campiona di spagna, 1 campionato italiano, 3 Champions LeaIl Camerun si è qualificata per i Mondiali del Brasigue e 1 Campionato del Mondo per club. La nazionale africale come prima del girone I della zona africana con
na si è affidata ai suoi gol per trionfare nelle olimpiadi di
13 pun davan a Libia (9) Repubblica democra Sydney 2000 e nelle due edizioni di Coppa d’Africa del 2000
ca del Congo (6) e Togo (4). Abbinata alla Tunisia
e del 2002. Spesso e volen eri si è rivelato come uomo solo
in uno de 5 playoff di qualificazione, il Camerun ha
al comando dei Leoni Indomabili e sebbene la rosa della
avuto la meglio sulle Aquile di Cartagine grazie ad
nazionale camerunese può vantare l’esperienza fra i pali di
un pareggio nella gara di andata (0-0) seguito da
Charles Itandje, la vivacità in mediana di Alex Song e la soliun’importante vi-oria in quella di ritorno (4-1)
dità difensiva di Nicolas N’Koulou e Aurelien Chedjou anche
siglata da Webò, Moukandjo e dalla doppie-a di
in questa spedizione sarà ancora una volta Samuel Eto’o a
Makoun.
dover sostenere sulle proprie spalle il peso dell’intera nazione.

Casillas p
33 anni
R.Madrid(Esp)

Pepe Reina p
31 anni
Napoli (Ita)

Cazorla c
29 anni
Arsenal (Eng)

Xavi c
34 anni

Azpilicueta d
Jordi Alba d
24 anni
25 anni
Manch.Utd (Eng) Barcellona(Esp) Chelsea (Eng)
De Gea p
23 anni

Sergio Ramos d Albiol d
28 anni
28 anni
R. Madrid (Esp) Napoli (Ita)

Xabi Alonso c
32 anni
Barcellona (Esp) Atl.Madrid(Esp) R. Madrid (Esp)

Piqué d
27 anni

Juanfran d
29 anni

David Silva c
Koke c
Busquets c
Fàbregas c
Iniesta c
Javi Margnez c Diego Costa a Pedro
28 anni
22 anni
25 anni
26 anni
27 anni
25 anni
30 anni
25 anni
Barcellona(Esp) Manch.City(Eng) Atl.Madrid(Esp) Barcellona(Esp) Barcellona(Esp)
Barcellona(Esp) B.Monaco(Ger) Atl.Madrid(Esp) Barcellona(Esp)

David Villa
Fernando Torres V.Del Bosque
Mata
30 anni
32 anni
26 anni
23/12/1950
Atl.Madrid(Esp) Manch.Utd (Eng) Chelsea (Eng) (Esp)

Girone B

Spagna

Le gare

VI PRESENTO LA SPAGNA
La Spagna si presenta in Brasile con tu4 i favori del pronos+co.
Prima nel ranking Fifa, campione d'Europa e del mondo in carica. Se
l'Italia incontrasse le furie rosse nel girone sarebe un bis dopo l'incrocio a Euro '12 -Italia– 14 partecipazioni ed esordio nel 1934.
Campione del Mondo nel 2010.
Campione del Mondo e campione d'Europa in carica, la Spagna di
Vicente del Bosque si presenta alla fase finale dei Mondiali 2014
come favorita d'obbligo, al pari dei padroni di casa del Brasile. Un
calcio super collaudato e vincente e un'ossatura della squadra che
non solo è rimasta pressoché invariata nei suoi capisaldi (Iniesta,
Xavi, Casillas, Piqué...) rispe-o alla recen vi-orie internazionali,
ma che anzi si è impreziosita di nuovi talen (Diego Costa su tuD),
rendono per l'ennesima volta le Furie Rosse di Vicente Del Bosque
la squadra da ba-ere a livello mondiale. Mai nessuna nazionale
europea è riuscita a vincere un Mondiale in America: la Spagna, che
è stata la prima nazionale europea a vincere un tolo iridato fuori
dal suo con nente (in Sudafrica, nel 2010) riuscirà anche in questa
impresa? Il Calcio Spagnolo ha dimostrato in Europa di essere il migliore, portando due squadre in Finale di
Champions e una in Finale di Europa League. Unico neo, un leggero calo del Barcellona, che dona l’ossatura
alla squadra. Capiremo subito, se i rossi potranno confermare la loro leadership, o dovranno segnare la fine di
uno storico predominio. Da diversi anni, si propone il qui-taca del Barcellona. Il centrocampo abbonda di
piedi buoni, e considerando l'affiatamento del trio blaugrana Iniesta-Xavi-Busquets, sarebbe stato folle non
approfi-arne. La novità, rispe-o a 4 anni fa, sta nell'inserimento di un centravan vero, Diego Costa, come
terminale della manovra. Al Mondiale 2010 la Spagna arrivò a sollevare la Coppa vincendo o-avi, quar ,
semifinale e finale sempre per 1-0.

LA STELLA

Dei veterani e pluridecora Xavi, Casillas, Torres e Iniesta
(autore del gol che decise la finale del 2010 contro l'Olanda)
si conosce tu-o. Il nome nuovo, la nuova stella della Spagna
campione di tu-o, è Diego Costa, a-accante classe 1988
dell'Atle co Madrid. Nato in Brasile, Diego Costa fa il suo
esordio calcis co in Portogallo, con le maglie di Penafiel e
Spor ng Braga. Poi la Liga spagnola: Celta Vigo, Albacete,
Real Valladolid e, dal 2010, Atle co Madrid (con una breve
parentesi in pres to al Rayo Vallecano nella seconda parte
della stagione 2011-12). Con i Colchoneros, Costa diventa
uno dei più spieta cecchini da area di rigore del calcio internazionale, proponendosi come uomo mercato e aDrando su
di sè l'interesse dei maggiori club europei (Chelsea) e di due
nazionali come Brasile e Spagna. Diego Costa diventa un caso
La Spagna si è qualificata per Brasile 2014
vincendo il Gruppo I della zona di qualificazio- diploma co: viene convocato dal Brasile di Felipe Scolari,
facendo il suo esordio nel 2-2 amichevole con l'Italia del 21
ne europea, con 20 pun , davan a Francia
(17), Finlandia (9), Georgia (5), Bielorussia (4). marzo 2013, ma nel luglio dello stesso anno oDene la ci-adinanza spagnola, dichiara ufficialmente la sua intenzione di
Nei due scontri direD fra le big del girone,
Francia-Spagna 0-1 (Pedro) e Spagna-Francia giocare per la Spagna e, infine, il 29 o-obre 2013, dopo aver
1-1 (Sergio Ramos, Giroud). Miglior marcato- fa-o arrabbiare Scolari, la federazione brasiliana e tu-o il
Brasile calcis co, firma un documento nel quale comunica di
re della Spagna durante le qualificazioni a
rinunciare alla nazionalità brasiliana. L'esordio con le Furie
Brasile 2014: Pedro, 4 gol.
Rosse, guarda caso, è ancora con l'Italia, nel test del 5 marzo
2014 vinto dagli spagnoli per 1-0 al Vicente Calderon di Madrid. In Brasile non sarà a casa sua.

J. Cillessen p
25 anni
J. Ajax (Ola)

T. Krul p
D. Blind d
M. Vorm p
24 anni
26 anni
30 anni
Swansea (Eng) Newcastle (Eng) J. Ajax (Ola)

D. Janmaat d B. Mar ns Indi P. Verhaegh d
24 anni
30 anni
22 anni
Feyenoord(Ola) Feyenoord (Ola) Augusta(Ger)

J. Veltman d
S. de Vrij d
T. Kongolo d
22 anni
22 anni
20 anni
Feyenoord (Ola) Feyenoord (Ola) J.Ajax (Ola)

N. de Jong
R. Vlaar d
J. Clasie c
29 anni
29 anni
22 anni
Aston Villa (Eng) Feyenoord(Ola) Milan (Ita)

A. Robben c
J. de Guzmán c L. Fer c
W. Sneijder c M. Depay
30 anni
26 anni
24 anni
29 anni
20 anni
B. Monaco(Ger) Swansea (Eng) Norwich (Eng) Galatasaray(Tur) PSV (Ola)

K. Huntelaar
J. Lens
30 anni
26 anni
Schalke04(Ger) D. Kiev (Ukr)

L. Van Gaal
08/08/1951
(Ola)

G. Wijnaldum
23 anni
J. PSV (Ola)

D. Kuijt
33 anni

R. Van Persie
30 anni

Fenerbahce(Tur) Manch.Utd (Eng)

Girone B

Olanda

Le gare

VI PRESENTO L’OLANDA
L’Olanda è vice campione in carica. L’eterna seconda d’Europa, 3
finali di Coppa del Mondo tu!e perse, è a caccia della sua prima
affermazione mondiale. 10 Partecipazioni con esordio nel ‘34.
Vicecampione del Mondo in carica, l'Olanda di Louis Van Gaal cerca
in Brasile il primo successo iridato della sua storia, dopo tre secondi
pos . Insieme all'Italia, gli Orange sono sta la prima nazionale
europea a qualificarsi per la fase finale dei Mondiali 2014, il 10
se-embre 2013, vincendo il gruppo D della zona di qualificazione
europea con due turni d'an cipo. Quella dei Paesi Bassi è stata una
cavalcata vincente: sei vi-orie consecu ve (segnando ven gol e
subendone due) prima di pareggiare contro l'Estonia e ba-ere
Andorra, per l'aritme ca qualificazione a Brasile 2014. Il Brasile sarà
l'ul ma grande occasione mondiale per una fantas ca generazione
di trentenni: Van Persie, Sneijder, Robben, Huntelaar. Pesante l'assenza per infortunio da parte di Strootman e Van Den Vaart. Grande
Centrocampo e gioco veloce, esprime un calcio tecnico, accompagnato da buona fisicità e grande velocità. La difesa è il punto di
forza, evidenziata dalle solo 2 re subite nella fase preliminare. Nel girone dovrà cimentarsi proprio con i rivali
spagnoli, per uno scontro di suole calcis che, ma per ora c’è posto per due. Van Gaal sembra seriamente
intenzionato a dare una svolta epica al gioco dell'Olanda, accantonando il classico 4-3-3 in favore di un 5-3-2
che offre più protezione alla difesa (il reparto più debole) e sfru-a l'oDmo momento dei due laterali, Janmaat
e Blind. Un mas no come De Jong a proteggere il terze-o arretrato e per il resto qualità a palate: Sneijder,
Robben, Van Persie, quest’ul mo è il miglior marcatore delle qualificazioni Mondiali che ha segnato 11 gol,
come Suarez dell'Uruguay.
L'Olanda si è qualificata per i Mondiali di calcio
del Brasile vincendo il Gruppo D della zona di
qualificazione europea, con 28 pun , davan a
Romania (19), Ungheria (17), Turchia (16),
Estonia (7) e Andorra (0). Fra le nove vi-orie
o-enute nel girone (più un pareggio e nessuna
sconfi-a), da ricordare l'8-1 infli-o all'Ungheria
nel match dell'11 o-obre 2013 ad Amsterdam.
Miglior marcatore dell'Olanda durante le qualificazioni a Brasile 2014: Van Persie, 11 gol
(miglior marcatore della zona di qualificazione
europea a Brasile 2014).

LA STELLA
Fra i tan campioni già cita (Robben, Sneijder e Huntelaar)
e qualche giovane di grande prospeDva (Clasie su tuD),
spicca la stella di Robin Van Persie. Miglior marcatore della
zona di qualificazione europea a Brasile 2014, con 11 re ,
Van Persie è anche il miglior cannoniere in assoluto della
storia della nazionale olandese, con 41 re in 82 par te
disputate. Nato il 6 agosto 83, Van Persie, è cresciuto nel
se-ore giovanile dell'SBV Excelsior, ma esordisce da professionista con il Feyenoord, squadra con la quale, fra il 2001 e
il 2004, gioca 78 gare, segna 22 gol e vince una Coppa Uefa
nel 2002. Poi si trasferisce all'Arsenal, dove resta per ben
o-o stagioni, 2004-12, diventando una bandiera del club.
Con i Gunners, colleziona 278 incontri, segnando 132 re .
Vince 2 toli: Community Shield (2004) e Coppa d'Inghilterra
(2004-05). Nell'estate del 2012, dopo essere stato corteggiato da numerosi club (fra i quali la Juventus, con tanto di
visita a Vinovo), Van Persie lascia l'Arsenal, firmando con il
Manchester United un contra-o di qua-ro anni, per una
cifra vicina ai 23 milioni di sterline (circa 28 milioni di euro). I
fosi dell'Arsenal non la prendono bene: al grido di 'traditore', la maglia di Van Persie viene bruciata in piazza. Con i
Red Devils, prima stagione da incorniciare: 48 par te, 30 gol,
Premier League e Community Shield in bacheca. Poi, anche
per lui, nonostante una sempre apprezzabile media realizzava, arriva la terribile stagione del dopo-Ferguson, complice
anche qualche acciacco fisico. In Brasile, almeno a livello
personale, ci sarà la rivincita dopo un'annata deludente?

Pag.6

C. Bravo
31 anni

C. Toselli
25 anni
R.Sociedad (Esp) U.Catolica

M. Isla
25 anni
Juventus (Ita)

J. Herrera
33 anni
U. Chile (Chi)

Miiko Albornoz
23 anni
Malmoe (Swe)

J. Valdivia
J. Beausejour
F. Orellana
30 anni
30 anni
28 anni
Celta Vigo (Esp) Palmeiras (Bra) Wigan (Eng)

A. Sánchez
25 anni

M. Pinilla
30 anni
Barcellona(Esp) Cagliari (Ita)

E. Vargas
24 anni
Napoli (Ita)

E. Mena
25 anni
Santos (Bra)

J. Rojas
G. Jara
30 anni
28 anni
N.Forest (Eng) U. Chile (Chi)

C. Carmona
27 anni
Interna onal(Bra) Atalanta (Ita)

M. Diaz
27 anni
Basilea (Swi)

F. Gu érrez
23 anni
Twente (Ola)

F. Silva
28 anni
Osasuna(Esp)

G. Medel
26 anni
Cardiff (Eng)

C. Aránguiz
25 anni

A. Vidal
27 anni
Juventus (Ita)

J. Fuenzalida
29 anni
Colo colo (Chi)

E. Paredes
33 anni
Colo colo (Chi)

J.Sampaoli
13/03/1960
(Arg)

Girone B

Cile

Le gare

VI PRESENTO IL CILE
Il Cile si presenta al mondiale con tante speranze e col talento di
Sanchez e Vidal in campo. Un precedente fra cileni e azzurri ai mondiali è del 1998, quando Roberto Baggio si procurò un rigore e lo
trasformò. 9 le partecipazioni ed e esordio nel 1930, miglior risultato, 3° posto nel 1962.
Terzo nel girone di qualificazione sudamericano dietro Argen na e
Colombia, il Cile si presenta ai Mondiali del Brasile come mina vagante di un girone difficilissimo, che vede come favori d'obbligo i
campioni del Mondo della Spagna e i vicecampioni del Mondo
dell'Olanda. La Roja del ct Jorge Sampaoli però vuol vendere cara la
pelle e approfi-are di ogni eventuale passo falso delle due nazionali
europee. E al Cile le armi per tentare l'impresa non mancano: da
Arturo Vidal ad Alexis Sanchez, fino a Edu Vargas. In Sudafrica, nel
2010, il Cile superò brillantemente la fase a gironi, classificandosi
secondo dietro alla Spagna nel girone H, per poi arrendersi negli
o-avi al Brasile, squadra che potrebbe incontrare anche quest’anno
La squadra gioca con un 3-4-3 con gli esterni impegna su tu-a la
fascia. Il Mondiale, però, richiede sempre un pizzico di predenza in più, e allora non è così impensabile che
possa ricorrere alla difesa a 4, semplicemente facendo scalare Isla sulla linea dei difensori. Il peso dell'a-acco
sulle spalle dei rapidissimi Sanchez e Vargas, entrambi con un passato in serie A. Il Cile, per gli italiani, sarà
sempre legato alla cosidde-a "Ba-aglia di San ago": così venne rinominata la par ta giocata tra le due Nazionali al Mondiale cileno del 1962 (terminata 2-0 per i padroni di casa), contraddis nta da falli di gioco violen ,
proteste, discussioni, interven della polizia in campo e due espulsioni per gli italiani.

LA STELLA

Arturo Erasmo Vidal Pardo, nato a San ago del Cile, classe
87, è il giocatore più forte e più rappresenta vo del Cile.
Esordisce nel calcio professionis co fra le fila del Colo Colo
(2005-07), per trasferirsi in Germania, al Bayer Leverkusen,
dove disputa 4 stagioni (2007-11), aDrando su di sé l'a-enzione di alcuni fra i più importan club europei. Tra ques ci
sono la Juventus e il Bayer Monaco. Para ci, ds bianconero,
racconta così l'acquisto di Vidal da parte della Juve: "Aveva
un solo anno di contra-o con il Leverkusen. Heynckes, allenatore del Leverkusen, passò al Bayern e disse a Vidal che
l'avrebbe portato con sé, subito o a scadenza di contra-o. Il
Leverkusen scoprì tu-o e parlò col giocatore, dicendogli che
sarebbe potuto andare ovunque tranne che al Bayern. Siamo
arriva noi e l’Italia era una des nazione gradita. Lo avevamo scoperto in una gara di Europa League, LeverkusenIl PERCORSO
Villarreal, mentre seguivamo Giuseppe Rossi. Seguivamo
l Cile si è qualificato per i Mondiali di calcio del
Rossi, ma ci innamorammo di Vidal". E quell'innamoramento
Brasile classificandosi al terzo posto del girone
è già diventato storia: con la Juve, Vidal conquista tre Scudi qualificazione sudamericano, con 28 pun ,
deD di fila a suon di record, affermandosi come uno dei
alle spalle di Argen na (32) e Colombia (30), e
davan a Ecuador (25), Uruguay (25), Venezuela pilastri della squadra di Conte, della quale diventa anche
(20), Perù (15), Bolivia (12) e Paraguay (12). Fra rigorista. Giocatore universale, sa giocare in tuD i ruoli del
le nove vi-orie o-enute durante le qualificazio- centrocampo, e all'occorrenza, come difensore centrale,
ni (più un pareggio e sei sconfi-e), da ricordare ruolo che ha ricoperto sopra-u-o nella nazionale cilena. A
Cile-Uruguay 2-0 del 27 marzo 2013, con i gol di poco più di un mese dall'inizio di Brasile 14, Vidal deve so-oporsi a un'operazione al menisco del ginocchio destro, ma la
Paredes ed Edu Vargas. Miglior marcatore del
Cile durante le qualificazioni a Brasile 2014: Edu sfida è già lanciata: contro l'Australia, nel match d'esordio
del Cile ai Mondiali, il Guerriero vuole essere in campo.
Vargas e Vidal, 5 gol.

Pag. 8

M. Langerak
M. Ryan
J. Davidson
25 anni
22 anni
22 anni
Adelaide Utd (Au) C.Brugge (Bel) B.Dortmund(Ger) Heracles (Ola)
E. Galeković
32 anni

T. Cahill
34 anni

D. Vidošić
27 anni
Sion (Swi)

O. Bozanic c
25 anni
Lucerna (Swi)

J. Holland
25 anni
New York RB(Usa) A. Vienna(Aut)

T. Oar
22 anni
Utrecht (Ola)

J. Troisi
25 anni

A. Taggart
21 anni

R. McGowan I. Franjic
A. Wilkinson B. Wright
M. Jedinak
M. Špiranović
24 anni
29 anni
21 anni
29 anni
26 anni
25 anni
Shandong L.(Chi) Brisbane R. (Au) Chonbuk M.(Kor) Preston NE(Eng) C.Palace (Eng) W. Sydney (Au)

M. Leckie
M. McKay
M. Bresciano B. Halloran
M. Luongo
M. Milligan
23 anni
21 anni
31 anni
34 anni
21 anni
28 anni
Francofort(Ger) Brisbane R.(Au) Swindow T(Eng) Melbourne V.(Au) Al Gharafa(Qua) F.Dusseldorf(Ger)

A. Postecoglou
27/07/1965
Melbourne V.(Au) Newcastle J.(Au) (Au)

Girone B

Australia

Le gare

VI PRESENTO L’AUSTRALIA
L’Australia è stata incontrata e ba!uta dagli azzurri in Germania,
con un goal all’ul+mo minuto su rigore ba!uto da Francesco To4.
4 le partecipazioni con esordio nel 1974 . Miglior risultato o!avi di
finale nel 2006.
E' un'impresa proibi va quella che a-ende la nazionale australiana
in Brasile. I Socceroos, soprannome che deriva dalla fusione di
soccer (calcio) e kangaroos (canguri), hanno infaD pochissime
speranze di ben figurare in un girone che comprende i campioni del
Mondo della Spagna, i vice campioni del Mondo dell'Olanda e il
Cile, mina vagante del Gruppo B della fase a gironi dei Mondiali
2014. La squadra del ct Ange Postecoglou non intende comunque
passare per viDma sacrificale del girone: per ognuno dei 23 convoca l'obieDvo è quello di fare bene anche in vista della fase finale
della prossima Coppa d'Asia, che si disputerà proprio in Australia
nel gennaio del 2015. Il record di gol realizza in una sola par ta è
appartenuto a lungo a un australiano: Archie Thompson, nella gara
valida per le qualificazioni al Mondiale 2002 contro Samoa Americane, segnò 13 re . La par ta finì 31-0 Diversi ri ri eccellen (come
quello dell'ex-capitano Lucas Neill o dell'a-accante Harry Kewell) e l'infortunio al ginocchio di Robbie Kruse
del Bayer Leverkusen hanno indebolito una rosa già di per sè poco compe va. Ci si aggrappa così all'esperienza di Cahill e di Mark Bresciano (un buon passato in Italia tra Empoli, Parma, Palermo e Lazio) con tan
dubbi taDci lega al reparto offensivo, molto impoverito. Probabile il ricorso a una folta mediana con una
sola punta in avan . Clamorosa, nel 2006, la svista arbitrale di cui fu "viDma" l'Australia: nella par ta contro
la Croazia, l'arbitro Poll ammonì per tre volte Simunic, estraendo il cartellino rosso solo al terzo giallo.

LA STELLA

L'Australia del 2014 è lontana parente di quella
che nel Mondiale 2006, con Guus Hiddink in
panchina, mise in difficoltà l'Italia negli o-avi di
finale di Germania, venendo eliminata solo da
un rigore di Francesco ToD al 95'. Un giocatore
del calibro di Mark Anthony Viduka (43 presenze
Il PERCORSO
e 11 gol) non c'è più. Fra i giocatori più rappreL'Australia si è qualificata per i mondiali di
senta vi di questa Australia, quello più rapprecalcio del Brasile nell'ambito della zona asia senta vo è Luke Wilkshire, 32enne difensore
ca, vincendo prima il Gruppo D del terzo
round di qualificazione, davan a Oman,
della Dinamo Mosca, recordman di presenze di
Arabia Saudita e Thailandia, e poi arrivando
ques Socceroos con 79 presenze (e 8 gol). Nota
seconda nel Gruppo 2 della fase finale, con
di merito anche per il capitano, Mile Jedinak,
questa classifica: Giappone (17), Australia
29enne centrocampista che milita in Premier
(13), Giordania (10), Oman (9) e Iraq (5).
Miglior marcatore dell'Australia durante le
League, nel Crystal Palace. Nota anche per Kenqualificazioni a Brasile 2014: Kennedy, 5 gol.
nedy autore di 5 goal nella fase di qualifica.

P. Glykos p
27 anni
Paok S.(Gre)

O. Karnezis p
28 anni
Udinese (Ita)

V. Torosidis d
S. Kapino p
J. Holebas d
28 anni
20 anni
29 anni
Panathinaikos (Gre) Panathinaikos (Gre) Roma (Ita)

27 anni
Bologna (Ita)

Karagounis P. Kone
26 anni
37 anni
Fulham(Eng) Bologna (Ita)

A. Samaris
24 anni
Cel c (Sco)

D. Salpingidis
32 anni
Paok (Gre)

K. Mitroglou
26 anni
Fulham(Eng)

F. Santos
19/10/1954
(Por)

L.Christodoulopoulos G.

G. Samaras
29 anni
Cel c (Sco)

V. Moras d
32 anni
Verona (Ita)

A. Tziolis
29 anni

I. Fejatzidis
23 anni
Olympiakos (Gre) Genoa (Ita)

L. Vyntra d
33 anni
Levante (Esp)

K. Manolas d S.Papastathopoulos G. Tzavellas d
25 anni
22 anni
26 anni
Olympiakos (Gre) B.Dormund(Ger) Paok S. (Ger)

P. Tachtsidis
K. Katsouranis G. Mania s
23 anni
34 anni
27 anni
Paok S. (Gre) Olympiakos (Gre) Torino (Ita)

T. Gekas
34 anni
Konyaspor (Tur)

Girone C

Grecia

Le gare

VI PRESENTO LA GRECIA
La Grecia è alla sua terza partecipazione alla fase finale di un mondiale, la seconda di fila, nel 1994 e nel 2010 è stata eliminata al
primo turno.
Non ha grande tradizione nella fase finale di un Mondiale, non è la
squadra che ha entusiasmato all'Europeo 2004, ma guai a so-ovalutare la Grecia. Là davan ha qualche difficoltà a fare gol, ma dietro è quasi impermeabile, pur non avendo nomi al sonan . Nel
girone di qualificazione ai Mondiali di calcio Brasile 2014 ha subito
solo 4 re in 10 par te, facendo meglio di Germania, Italia, Olanda
e Russia. Il tecnico portoghese Fernando Santos, che ha ereditato la
panchina dal guru O-o Rehhagel, giocherà un Mondiale con una
formazione molto coperta, con cinque centrocampis e uno solo
a-accante. L'obieDvo, prima di tu-o, è non prendere gol. Il Girone
non è equilibrato, con squadra molto for ma non proibi vo e gli
ellenici proveranno a centrare lo storico passaggio agli o-avi finora
mai riuscito alla formazione Greca. Il 4-3-3 camaleon co di Santos
ricorda quello a-uato da O-o Rehhagel nella favolosa cavalcata
europea del 2004. TuD a-accano, tuD difendono. Nella propria metà campo la Grecia è quasi insuperabile,
come dimostrano i 4 gol incassa nei 10 match di qualificazione. Il debu-o al mondiale è stato trauma co,
infaD nella prima gara della sua storia fu sconfi-a per 4-0 con l'Argen na (triple-a Ba stuta e gol di Maradona) a Usa '94, in quella edizione, scesero in campo tuD i giocatori della rosa.
Il primo gol ellenico al Mondiale porta la firma di Dimitris Salpingidis a Sudafrica 2010 contro la Nigeria.
In sei gare al Mondiale, la Grecia ha o-enuto un successo e cinque ko.
Il recordman di presenze (135) è l'ex interista Giorgos Karagounis.

LA STELLA

D'is nto verrebbe da dire Mitroglou, ma gli ul mi sei mesi del bomber classe ‘88 sono da dimen care. Dopo un inizio di stagione con il
bo-o, con Olympiacos e nazionale, 'Mitra' a gennaio ha scelto il Fulham, dove (anche per mo vi
fisici) ha recitato il ruolo della comparsa. Ecco
Il PERCORSO
perchè la Grecia rischia di dover fare ancora
affidamento sul 'vecchio' Dimitrios Salpingidis,
La Grecia si è qualificata per Brasile 2014
classe ‘81, e su Georgios Samaras, bandiera del
chiudendo al secondo posto il gruppo G
Cel c e sogno dell'Olympiacos. Difficilmente
(stessi pun della Bosnia ma dietro per gli
scontri direD), nei playoff della zona europea troverà spazio nell'undici tolare il genoano
ha avuto la meglio della Romania, vincendo 3Ioannis Fejatzidis, a differenza di Konstan nos
1 il match del Pireo e pareggiano 1-1 a BucaManolas, difensore centrale classe 1991 sorprerest. Miglior marcatore della Grecia durante
sa dell'ul ma Champions League e obieDvo dei
le qualificazioni a Brasile 2014: Konstan nos
Mitroglou, 5 gol.
più grandi club europei.

Pag.10

F. Mondragón p C. Vargas p
42 anni
25 anni
Dep. Calì (Col) Santa Fe (Col)

D. Ospina p
25 anni
Nizza (Fra)

E. Álvarez d
21 anni
R. Plate (Arg)

P. Armero d
27 anni
Napoli (Ita)

M. Yepes d
38 anni
Atalanta (Ita)

F. Guarín c
27 anni
Inter (Ita)

J. Rodríguez c
22 anni
Monaco (Fra)

C. Zúñiga c
28 anni
Napoli (Ita)

J. Cuadrado c
26 anni
Fioren na (Ita)

A. Mejía c
25 anni

J. Margnez
27 anni
Porto (Por)

J. Pekerman
03/09/1949
(Arg)

J. Quintero c
21 anni
Porto (Por)

A. Ramos
T. Gu érrez
28 anni
29 anni
H.Berlino(Ger) R.Plate(Arg)

S. Arias d
22 anni
J PSV (Ola)

C. Valdés d
C. Zapata d
29 anni
27 anni
S.Lorenzo(Arg) Milan (Ita)

A. Ramírez c
C. Sánchez c
33 anni
28 anni
Atl.Nacional(Col) Monarca (Mex) Elche(Esp)

C. Bacca
27 anni
Siviglia (Esp)

A. Aguilar c
29 anni
Tolosa (Fra)

V. Ibarbo
24 anni
Cagliari (Ita)

Girone C

Colombia

Le gare

VI PRESENTO LA COLOMBIA
La Colombia è alla sua quinta partecipazione al Mondiale, Ha
esordito nel 1962, e ha o!enuto il suo miglior risultato nel 1990
quando in Italia arrivò agli o!avi di Finale.
Con il Belgio la Colombia è stata una delle grandi sorprese delle
qualificazioni ai Mondiali di calcio Brasile ‘14. 30 pun in 16
par te del girone Conmebol, due in meno dell'Argen na di Messi, 27 gol faD e sopra-u-o solo 13 subi , una dato che è valso il
premio di miglior difesa del Sud America. I Cafeteros fanno rima
con talento, sopra-u-o in a-acco, dove anche senza Falcao c'è
l'imbarazzo della scelta, con Muriel, Ibarbo, James Rodriguez,
Teofilo Gu errez, Bacca e Jackson Mar nez. I problemi potrebbero arrivare dalla difesa, sopra-u-o se il ct Pekerman sceglierà
di preferire in porta il 43enne Mondragon ad Ospina, e come
difensore centrale l'esperto Mario Yepes a Carlos Valdes o Zapata. Forse la squadra più forte che abbia mai partecipato ad un
Mondiale, con giocatori arricchi dall’esperienza fa-a nei maggiori campiona . Si schiera con un 4-4-2 classico, con gli esterni
Cuadrado e James Rodriguez a recitare una parte fondamentale
nello scacchiere di Pekerman, per lanciare le due bocche da fuoco Jackson Mar nez (o Carlos Bacca) e il
"pistolero" Gu errez. La difesa è tu-a italiana: Zuniga, Yepes, Zapata e Armero. In mezzo al campo Aguilar e
Guarin. Ma occhio all'ex pescarese Quintero. Se il por ere Mondragon dovesse giocare anche soltanto un
minuto, diventerebbe il giocatore più vecchio a scendere in campo nella fase finale dei Mondiali, compirà 43
anni il 21 giugno (il record è del all'allora 42enne camerunense Roger Milla). La Federazione colombiana festeggia i 90 anni dalla sua fondazione. Tifosa sfegatata della squadra è la popstar Shakira, nata a Barranquilla.

LA STELLA

Con l'assenza di Falcao dai convoca il giocatore
più rappresenta vo è senza dubbio Juan Guillermo Cuadrado: l'esterno destro della Fioren na è
in grado di assistere al meglio i compagni e ha
messo in mostra nel corso delle ul me stagioni
Il PERCORSO
anche un discreto feeling con il gol. In difesa
La Colombia si è qualificata per Brasile 2014 chiuArias del PSV (è lui il tolare con Zuniga del Nadendo al secondo posto il girone sudamericano, con
poli pronto a subentrare) garan sce copertura e
30 pun , dietro all'Argen na ma davan a Cile,
Ecuador, Uruguay, Venezuela, Perù, Bolivia e Paracorsa. Salvo sorprese Guarin non par rà tolare,
guay. Miglior marcatore della Colombia durante le
al suo posto dovrebbe giocare Abel Aguilar, cenqualificazioni a Brasile 2014: Felipe Caicedo, 7 gol. E’
trocampista in grado di spezzare la manovra
Mancato il Bomber Falcao assente per un lungo e
avversaria e capace di far ripar re l'azione. Asbru-o infortunio tanto da saltare il Mondiale. Davvero una grande squadra quella dei Brasile 2014 che sente anche il bomber delle qualificazioni Caicepuò essere una sorpresa.
do. Ci sarà invece il Cagliaritano Ibarbo.

Pag.10

S. Gonda p
25 anni
Tokio (Jap)

M. Morishige d G. Sakai d
Y. Konno d
S. Nishikawa p E. Kawashima p M. Inoha d
A. Uchida d
27 anni
31 anni
31 anni
23 anni
26 anni
27 anni
28 anni
Stoccarda(Ger) Schalcke04 (Ger) G. Osaka(Jap)
Urawa Reds (Jap) S. Liège (bel)
Júbilo Iwata (Jap) Tokio (Jap)

M. Hasebe
M. Yoshida d
T. Aoyama c
H. Kiyotake
H. Yamaguchi
30 anni
25 anni
28 anni
24 anni
23 anni
Southampton(Eng) S.Hiroshima(Jap) Norimberga (Ger) Norimberga (Ger) C .Osaka (Jap)

S. Kagawa
Y. Osako
K. Honda
25 anni
24 anni
27 anni
Manch.Ut(Eng) Monaco 1860(ger) Milan(Por)

Y. Endō
34 anni
G.Osaka (Jap)

S. Okazaki
28 anni
Mainz (Ger)

Y. Kakitani
24 anni
C.Osaka (Jap)

Y. Nagatomo d H. Sakai d
27 anni
24 anni
Inter (Ita)
Hannover (ger)

M. Saito
24 anni
Kawasaki F. (Jap) Y.Marinos(Jap)
Y. Ōkubo
31 anni

A.Zaccheroni
01/04/1953
(Ita)

Girone C

Giappone

Le gare

VI PRESENTO IL GIAPPONE
La Speranza asia+ca ai prossimi mondiale in Brasile sono i giapponesi guida+ da Zaccheroni e campioni in carica nel proprio con+nente. L’ul+mo precedente con l’Italia durante l’ul+ma Confedera+on nello spe!acolare 4-3. Ha partecipato 4 volte alla fase finale
con esordio nel 1998. Due volte è arrivato agli o!avi, nel 2002 e
nel 2010.
Ai Mondiali di calcio del Brasile per sognare in grande. Dopo aver
vinto la Coppa d'Asia del 2011 e sorpreso all'Olimpiade di Londra,
il Giappone vola in Sud America con tanto entusiasmo e con la
voglia di stupire. L'obieDvo minimo di Zaccheroni, che lascerà la
panchina dei Blue Samurai al termine dell'avventura verdeoro, è la
qualificazione al secondo turno, anche se qualcuno all'interno
della federcalcio nipponica sogna di spingersi fino alla semifinale.
L'esperienza nell'ul ma Confedera ons Cup è servita a Kagawa e
compagni, il Giappone lo scorso giugno ha dato l'idea di potersela
giocare con tuD, grazie ad un colleDvo tecnicamente valido ed ad
un'oDma organizzazione taDca. I limi ? La debolezza fisica e
l'assenza di un vero numero 9, tanto che i Blue Samurai si sono
merita il soprannome di Portogallo d'Asia. , con giocatori arricchi dall’esperienza fa-a nei maggiori campiona . l Giappone e Alberto Zaccheroni avranno un'arma in più ai prossimi Mondiali in Brasile. L'Adidas, in collaborazione con la federcalcio nipponica, ha presentato la masco-e per la spedizione transoceanica: il famoso Pikachu. Il pokemon sarà stampato sulla divisa con cui la squadra scenderà in campo, oltre che su tu-a la
collezione dedicata a Brasile 2014. rsonaggio, il Giappone si prepara a "tuoni e fulmini" al Mondiale. Niente 34-3 di udinese memoria, ma un 4-2-3-1 che esalta le qualità dei suoi trequar s , Kagawa e Honda su tuD.
Mol i giocatori che militano in Europa e che fanno della taDca una vera e propria religione.

LA STELLA

Sono tan i giapponesi che giocano in Europa,
Keisuke Honda e Shinji Kagawa, tra tuD, sono
quelli a meritare la coper na. Perchè aDrano
sponsor, perchè sono due talen sui quali Zaccheroni ha deciso di puntare, perchè entrambi
hanno tanta voglia di lasciare il segno dopo una
stagione deludente, con le maglie di Milan e
Manchester United. In difesa occhi punta sul
terzino Gotoku Sakai, e all’Interista Nagatomo,
campione d’Europa e del Mondo nel 2010. In
Il PERCORSO
mezzo sulle geometrie dell'eterno Endo, in a-acco, alle spalle di Kiyotake, alla ricerca della defiDopo aver chiuso al secondo posto il girone C
ni va consacrazione, si fanno largo due enfant
della seconda fase di qualificazione, alle spalle
prodige, Yoichiro Kakitani e Yuya Osako, che
dell'Uzbekistan, il Giappone ha vinto il gruppo
proveranno a conquistarsi una maglia da tolare
finale davan ad Australia, Giordania, Oman e
Iraq. Miglior marcatore del Giappone durante le accanto al bomber Shinji Okazaki, miglior marcaqualificazioni a Brasile 2014: Shinji Okazaki, 6 gol. tore della fase di qualificazione. Honda dopo la
gara con il Costa Rica vinta per 3-1 ha dichiarato
che questo Giappone può vincere il Mondiale.

M. Sayouba p
20 anni
Stabæk (Nor)

S. Gbohouo p
25 anni
Séwé Sport

S. Aurier d
C. Djakpa d
O. Viera d
J. Akpa Akpro d S. Bamba d
29 anni
21 anni
27 anni
27 anni
21 anni
Trabzonspor(Tur) E.Francofurt(Ger) C. Rizespor(Tur) Tolosa (Fra)
Tolosa (Fra)

I. Diomandé
21 anni

C. Tioté
27 anni

D. Zokora
33 anni

Y. Touré c
31 anni

Y. Gervinho
27 ann
Roma (Ita)

S. Kalou
28 anni
Lille (Fra)

D. Drogba a
S. Lamouchi
36 anni
09/11/1971
Galatasaray (Tur) (Fra)

B. Barry p
34 anni
Lokeren (Bel)

G. Serey Die c
29 anni
Saint-É enne (Fra) Newcastle(Eng) Trabzonspor(Tur) Manch.City(Eng) Basilea (Swi)

D. Ya Konan
G. Sio
30 anni
25 anni
Hannover96(Ger) Basilea (Swi)

K. Touré d
A. Boka d
31 anni
33 anni
Stoccarda(Ger) Liverpool (Eng)

M. Gradel a
M. Bolly a
W. Bony
26 anni
23 anni
25 anni
Swansea (Eng) F.Dusseldorf (Ger) Saint-É enne (Fra)

Girone C

Costa d’ Avorio

Le gare

VI PRESENTO LA COSTA D’AVORIO
Per la Costa d’Avorio è il terzo mondiale consecu+vo raggiunto.
Drogba e compagni sognano di arrivare a conquistare le semifinali.
Traguardo mai raggiunto da una formazione africana. Esordio nel
2006 e poi sempre presen+ ma eliminata al primo turno.
Il loro soprannome è Elefan , di nome e di fa-o. La Costa d'Avorio
che arriva ai Mondiali di calcio del Brasile si affiderà ancora una
volta alla vecchia guardia per provare a lasciare il segno. La
"generazione Drogba" è chiamata a risca-are le ul me due delusioni in Coppa d'Africa (nella quale era la favorita numero uno) e
conquistare una storica qualficazione al secondo turno. Il ct Sabri
Lamouchi, ex centrocampista di Inter e Parma, messo in discussione a pochi mesi dal Mondiale e capace di resistere alle speculazioni
sull'arrivo di Trapa-oni, non farà rivoluzioni e punterà per l'ennesima volta sull'esperienza dei soli no , Drogba, Zokora, Kolo Touré
e Yaya Touré. L'arma in più potrebbe arrivare dagli esterni, con la
velocità e la fantasia garan te dal romanista Gervinho e dall'ex
Chelsea Salon Kalou, a segno 13 volte in questa stagione con
la maglia del Lille. Velocità potenza e tecnica per una squadra con grande potenziale, con giocatori che sono
stelle del calcio Mondiale. Modulo speculare, un 4-2-3-1 impostato sull'unica punta Drogba, sostenuto dalla
velocità di Kalou e Gervinho sugli esterni, prote-o dalla solidità di Yaya Touré alle sue spalle. Dietro il più
"anziano" dei fratelloni, Kolo, che si farà aiutare da Bamba e dalle coperture dell'altro grande vecchio Zokora.
La Costa d'Avorio ha disputato, vincendo, i due confron internazionali termina ai rigori più lunghi della
storia del calcio: nella finale di Coppa d'Africa '92 contro il Ghana (11-10), e nei quar della Coppa 2006 con il
Camerun, dopo 24 ri dal dische-o (12-11). In entrambe le partecipazioni alla Coppa del mondo sono riusci
a vincere una gara: 3-2 contro Serbia e Montenegro nel 2006, 3-0 alla Corea del Nord in Sudafrica.

LA STELLA

Su tuD Dider Drogba, che a 36 anni giocherà il
suo ul mo Mondiale. In Francia come in Inghilterra, in Cina come in Turchia l'a-accante di
Abidjan ha sempre convinto tuD con la lingua
universale del gol, che proverà a parlare in Brasile in un girone complicato ma alla portata degli
Elefan . La punta del Galatasaray giocherà da
prima punta nel 4-2-3-1, nonostante in panchina
scalpi no a-accan che ci sanno fare so-oporta
come Doumbia del Cska Mosca, Bony dello
Il PERCORSO
Swansea e Lacina Traoré, gigante dell'Everton.
Alle sue spalle si muoverà il talento del MancheLa Costa d'Avorio è arrivata in Brasile vincendo il
ster City Yaya Touré, miglior giocatore africano
gruppo C di qualificazione, davan a Marocco,
Tanzania e Gambia, e triofando nel playoff contro il del 2014, la sorpresa potrebbe essere Max GraSenegal. Dopo aver vinto 3-1 il match di andata ad
del, centrocampista tu-ofare del Saint-E enne.
Abijan ha pareggiato 1-1 la sfida di ritorno sul neuOcchio al talentuoso Gervinho autore di un oDtro di Casablanca. Miglior marcatore della Costa
mo campionato nella Roma che lo ha fa-o rinad'Avorio durante le qualificazioni a Brasile 2014:
Salomon Kalou e Yaya Touré, 4 gol.
scere portandolo ad una forma strepitosa.

M. Silva p
F. Muslera p
R. Muñoz p
M. Cáceres d
31 anni
27 anni
32 anni
27 anni
Galatasaray(Tur) Libertad (Par) Vasco de Gama(Bra) Juventus (Ita)

M. Pereira d
30 anni
Benfica (Por)

D. Pérez
34 anni
CA Monarca(Mex) Bologna(Ita)
E. Arévalo
32 anni

L. Suárez
D. Forlán
27 anni
35 anni
Liverpool(Eng) C. Osaka (Jap)

J. Fucile d
29 anni
Porto (Por)

C. Rodríguez
W. Gargano
28 anni
29 anni
Atl.Madrid(Esp) Parma (Ita)

D. Lugano d
S. Coates d
J. Giménez d
Á. Pereira d
D. Godín d
23 anni
19 anni
33 anni
28 anni
28 anni
San Paolo (Bra) Atl.Madrid(Esp) Nacional (Uru) Atl.Madrid(Esp) WBA (Eng)

N. Lodeiro
A.Gonzalez
25 anni
29 anni
Botafogo(Bra) Lazio (Ita)

E. Cavani
27 anni
Southampton Eng) PSG (Fra)
G. Ramírez c
23 anni

A. Hernández
23 anni
Palermo(Ita)

C. Stuani
Ó. Tabárez
27 anni
03/03/1947
Espanyol (Esp) (Uru)

Girone D

URUGUAY

Le gare

VI PRESENTO l’URUGUAY
La celeste ha nel suo palmares 2 Mondiali vin+, nel 1930 e nel
1950, l’ul+mo proprio in Brasile contro i carioca. L'ul+mo precedente fra l'Italia e la nazionale di Cavani risale alla Confedera+ons
2013, nella finale per il terzo posto. Conta Ben 12 partecipazioni.
Formazione esperta, guidata ancora da Oscar Tabarez dopo il
sorprendente quarto posto ai Mondiali di calcio del 2010 e la Copa
America 2011, l'Uruguay torna in Brasile, il luogo del celeberrimo
Maracanazo del 1950, quando soffiò ai padroni di casa il Mondiale
trascinato dall'estro di Ghiggia e Schiaffino. Ancora una volta, la
Celeste si è qualificata alla fase finale del torneo in extremis, al
termine di un girone di qualificazione sudamericano deludente e
solo dopo la doppia vi-oria nel playoff contro la Giordania. Ma
questo fa-o la rende una pericolosa outsider nel cammino verso la
finale di Rio, alla luce della presenza in rosa di giocatori carisma ci
e di grande esperienza, come Lugano, Godin, Gargano, Forlan e
Cris an Rodriguez, e di due a-accan di livello mondiale come
Cavani e Suarez. Tan nomi al sonan e tante vecchie conoscenze
del calcio Italiano. Si parte 4-3-3 per far giocare insieme i tre a-accan : Forlan, Suarez e Cavani, ma Senza El
Pistolero, si può passare al 4-4-2. Tanta la grinta sudamericana. Mol "italiani" (o ex) nella formazione: Caceres, Gargano, Gonzalez, Muslera. Al centro della difesa ci sarà la coppia Godin-Lugano. E occhio alle ripartenze: sono micidiali. Sulla maglia dell'Uruguay campeggiano 4 stelle, come su quella dell'Italia. Due sono per i
Mondiali vin , due per gli ori olimpici.

Il PERCORSO Con 7 vi-orie, 4 pareggi e 5 sconfi-e, chiude il girone di qualificazione sudamericano al quinto
posto, dietro ad Argen na, Colombia, Cile ed Ecuador. Dopo il buon avvio, con tre vi-orie casalinghe (su Bolivia, Cile e
Perù) e i pari con Paraguay e Venezuela, la Celeste
frena bruscamente, crollando in Colombia (0-4), pareggiando in casa con l'Ecuador e facendosi travolgere
anche dall'Argen na (0-3). Il punto più basso è l'1-4
subito in Bolivia nella prima giornata di ritorno, a cui fa
seguito un deludente 1-1 interno col Paraguay e un'altra sconfi-a in Cile. Nel momento più difficile, arrivano
però tre vi-orie di fila con Venezuela, Perù e Colombia
che risollevano il gruppo di Tabarez, prima dell'ininfluente ko in Ecuador e del 3-2 con l'Argen na che
blinda la qualificazione al playoff con la Giordania,
vinto con un complessivo 5-0

LA STELLA
Più di 30 gol in una sola stagione in Premier League, come
Cris ano Ronaldo e Alan Shearer prima di lui. Basterebbe
questo dato per desscrivere l'annata con la maglia del Liverpool di Luis Suarez, tornato in grande s le dalla maxisqualifica del passato campionato per il morso a Vidic del
Manchester United, senza però risultare sufficiente per
riportare ad Anfield un tolo che manca dal lontano 1990.
Una delusione spor va atroce che potrebbe conver rsi in
furore agonis co da scatenare sui campi brasiliani tra giugno
e luglio. Il Pistolero sbarca in Europa nel 2006, acquistato
dagli olandesi del Groningen, con cui realizza 15 gol in una
stagione prima di passare all'Ajax. Con i Lancieri, Suarez
segna 111 re in 159 gare ufficiali e porta a casa solo una
Coppa d'Olanda. La maledizione del campionato prosegue in
Premier, dove approda nel gennaio 2011 per oltre 26 milioni
di euro; con i Reds , ha vinto sinora solo una Coppa di Lega
ma è entrato nel cuore dei fosi per i suoi colpi di classe e un
temperamento la no che lo ha portato a qualche escandescenza di troppo, come il morso a Vidic di cui sopra e l'insulto razzista a Evra che gli ha comportato un'altra dura squalifica. Con la maglia della sua nazionale, tocca il punto più alto
con la conquista della Copa America nel 2011 come miglior
giocatore della manifestazione.

M. Perin
21 anni
Genoa (Ita)

I. Abate
27 anni

L. Bonucci
M. Darmian
27 anni
24 anni
Juventus (Por) Torino (Ita)

G. Pale-a
28 anni
Parma (Ita)

A. Barzagli
33 anni
Juventus (Ita)

G. Chiellini
29 anni
Juventus (Ita)

M. De Sciglio
21 anni
Milan (Ita)

A. Aquilani
A. Cerci
29 anni
26 anni
Fioren na (Ita) Torino (Ita)

C. Marchisio
28 anni
Juventus (Ita)

M. Parolo
29 anni
Parma (Ita)

M. VerraD
21 anni
PSG (Fra)

D. De Rossi
30 anni
Roma (Ita)

Thiago Mo-a
31 anni
PSG (Fra)

A. Pirlo
35 anni
Juventus (Ita)

M. Balotelli
23 anni
Milan (Ita)

C. Immobile
24 anni
Torino (Ita)

L. Insigne
23 anni
Napoli (Ita)

C.Prandelli
19/08/1957
(Ita)

G. Buffon
36 anni
Juventus(Ita)

S. Sirigu
27 anni
PSG (Francia)

A. Cassano
31 anni
Parma (Ita)

A. Candreva
27 anni
Lazio (Ita)

Girone D

ITALIA

Le gare

VI PRESENTO L’ITALIA
Ben 18 le partecipazioni alla fase finale del torneo, con esordio
nel 1934. Qua!ro volte campioni del Mondo: 1934,1938, 1982 e
2006. Gli azzurri nonostante le polemiche sono sempre sta+ protagonis+ nel bene e nel male. Il Girone azzurro è il più difficile,
basta guardare il ranking Uefa complessivo, ed è l’unico che ha
due formazioni Europee.
La formazione di Cesare Prandelli arriva a questo Mondiale forte
del secondo posto alle spalle della Spagna nell'ul mo Europeo e
della terza posizione nella Confedera ons Cup dello scorso anno,
risulta che cer ficano la rinascita della squadra dopo la disastrosa spedizione in Sudafrica del 2010. L'ex tecnico della Fioren na è
ripar to da un conce-o di gioco più offensivo rispe-o al passato,
nel tenta vo di far convivere il maggior numero di giocatori di
qualità in campo, ma puntando allo stesso tempo su un blocco
grani co cos tuito principalmente dai calciatori della Juventus,
a-orno ai quali è stato costruito un gruppo molto equilibrato.
Pirlo, Buffon e De Rossi sono i senatori a cui si appoggia il ct azzurro, con Balotelli che è l'uomo di maggior talento e sul quale si
è costruita la Nazionale degli ul mi tre anni. Negli ul mi due anni Cesare Prandelli ha cambiato faccia più
volte alla sua squadra. In Brasile parte con l'idea di un'unica punta e un centrocampo folto. De Rossi coprirà la
difesa, i terzini le fasce; in mezzo due palleggiatori con Balotelli centravan . L'Italia ha saltato due sole edizioni
dei Mondiali su 20: nel 1930 - la prima in assoluto - e nel 1958. l giocatore con più presenze nella Storia azzurra è Gigi Buffon: 140 prima del Mondiale, 4 più di Fabio Cannavaro.La bes a nera dell'Italia è il Brasile: in 16
incontri solo 5 vi-orie. L'ul ma ai Mondiali del 1982, con la storica triple-a di Paolo Rossi.

LA STELLA

Il Mondiale di calcio del Brasile è il sopra-u-o il Mondiale di
Mario Balotelli in casa Italia. L'uomo più discusso, nel bene o
nel male, che sembra trovare con la maglia azzurra quella
capacità di incidere e di lasciarsi alle spalle le polemiche che
ne contraddis nguono la propria quo dianità. Nonostante i
30 gol in 52 par te con la maglia del Milan e un terzo posto
nell'ul mo campionato arriva fortemente grazie alle sue 12
marcature in 13 gare da gennaio a maggio, la discon nuità di
rendimento e un a-eggiamento non sempre rispe-oso nei
confron degli arbitri rimanagono il principale ostacolo alla
defini va esplosione del talento bresciano, giocatore dotato
Il PERCORSO Con 22 pun in 10 parte, fru-o come pochi della capacità di risolvere le sfide con colpi
di 6 vi-orie e 4 pareggi, per la prima volta nella sua estemporanei, su tuD il ro dalla distanza. Debu-a in Serie
storia l'Italia ha o-enuto l'aritme ca qualificazione A nel finale della stagione 2007/2008 all'Inter, con cui vince
al Mondiale con due turni di an cipo. Dopo il delu- in tre stagioni tre ScudeD, una Coppa Italia, una Supercoppa
dente esordio in Bulgaria (2-2), gli Azzurri me-ono e una Champions League. Nell'estate 2010, si trasferisce al
Manchester City, dove ritrova Mancini come allenatore
in fila qua-ro vi-orie consecu ve (due volte con
(colui che lo lanciò in nerazzurro) e fa in tempo a vincere un
Malta, Armenia e Danimarca), poi frenano ancora
campionato inglese, una FA Cup e un Community Shield,
in Repubblica Ceca (0-0). Il doppio successo casaprima di passare al Milan nel gennaio 2012. Occhio peò al
lingo con Bulgaria e Repubblica Ceca a se-embre
2013 valgono il pass per il Brasile, prima dei due 2- trio VerraD, Insigne, Immobile, i tre giovani lancia da Zeman hanno dimostrato di saperci fare….
2 consecu vi con Danimarca e Armenia.

J. Hart
27 anni

B. Foster
31 anni
Manch. City (Eng) WBA (Eng)

R. Barkley
20 anni
Everton (Eng)

F. Forster
26 anni
Cel c (Sco)

F. Lampard
J. Henderson
35 anni
23 anni
Liverpool (Eng) Chelsea (Eng)

G. Johnson
L. Shaw
G. Cahill
L. Baines
29 anni
18 anni
28 anni
29 anni
Everton (Eng) Liverpool (Eng) Southampton(Eng) Chelsea (Eng)

P. Jagielka
31 anni
Everton (Eng)

R. Sterling
S. Gerrard
A. Lallana
J. Milner
J. Wilshere
19 anni
34 anni
26 anni
28 anni
22 anni
Liverpool (Eng) Liverpool (Eng) Southampton(Eng) Manch.City (Eng)Arsenal (Eng)

C. Smalling
P. Jones
24 anni
22 anni
Manch.Utd (Eng Manch.Utd(Eng)

W. Rooney
28 anni
Southampton(Eng) Manch.Utd (Eng)

R. Lambert
32 anni

A.O.Chamberlain D. Sturridge
D. Welbeck
R. Hodgson
20 anni
23 anni
24 anni
09/08/1947
Manch.Utd(Eng) Arsenal(eng)
Liverpool(Eng) (Eng)

Girone D

INGHILTERRA

Le gare

VI PRESENTO L’INGHILTERRA
14 Partecipazioni alla fase finale del Mondiale con esordio nel 1950,
è stata campione del Mondo nel 1966 . Intanto tensioni in Brasile per
minacce da parte degli Ultras argen+ni che per vendicare le tensioni
sulle Malvinas avrebbero come obie4vo tu4 gli Inglesi presen+ al
Mondiale e sopra!u!o la Nazionale
Riuscirà Roy Hodgson a rompere finalmente l'incantesimo che dura
dal Mondiale 1966 e rinvedire i fas dei ragazzi guida da Sir Ramsey, che portarono a casa l'unica Coppa Rimet della storia del calcio
inglese? E' questa la domanda che si fanno fosi e addeD ai lavori
nel lungo avvicinamento che precede il Mondiale per la nazionale di
Sua Maestà. Archiviato anche il fallimento sudafricano con Capello e
un Europeo finito ancora una volta troppo presto due anni fa, l'Inghilterra si presenta in Brasile con una ventata di novità portata dai
vol emergen messisi in mostra nell'ul ma Premier League (Shaw,
Lallana, Sterling, Barkley e Sturridge), guida da due vecchi lupi di
mare come Gerrard e Lampard. L'estro dei vari Walco-, Wilshere,
unito alla defini va consacrazione di Rooney può diventare una
miscela esplosiva. Hodgson ha arretrato Rooney dietro la prima punta. Il modulo è il 4-2-3-1; i pun fermi oltre al numero 10 - sono Hart in porta, Cahill in difesa e Gerrard in mezzo. Sulle fasce c'è la concorrenza maggiore. Hodgson dovrà decidere: puntare sull'esperienza o sui talen giovani. Non prese parte ai primi tre Mondiali ('30, '34 e '38) per divergenze tra la Football Associa on e la Fifa. Ecce-o il Brasile, Italia e Uruguay sono
le due squadre con cui l'Inghilterra ha il bilancio peggiore. Le troverà entrambe nel girone D.

Il PERCORSO
L'Inghilterra ha vinto da imba-uto (6 vi-orie, 4
pareggi) il girone H, precedendo di un solo
punto l'Ucraina. Proprio il pari interno con gli
uomini di Blokhin è il primo campanello d'allarme su un raggruppamento che si preannuncia
par colarmente equilibrato e fa da intervallo
tra i due 5-0 con Moldavia e San Marino, prima
del pari in Polonia e del successivo 8-0 ancora
con San Marino. I due pareggi in Montenegro e
Ucraina (in mezzo il 4-0 alla Moldavia) sanno
tanto di pericoli scampa , prima del doppio
successo con Montenegro e Polonia che vale il
Mondiale.

LA STELLA
In Brasile può essere probabilmente l'ul ma grande occasione per Wayne Rooney per prendersi le redini della nazionale
e diventarne il leader naturale in campo, prima ancora che
fuori. Come mol suoi compagni di squadra, è reduce da una
disastrosa annata col Manchester United, uno s molo in più
per recitare una parte da protagonista sul palcoscenico Mondiale. Cresciuto nel se-ore giovanile dell'Everton, debu-a in
Premier League a soli 16 anni e diventa ben presto un punto
fermo della formazione di Moyes. Nel 2004 passa per 39
milioni di euro al Manchester United e so-o la guida di Sir
Alex Ferguson porta a casa 5 campiona , 3 coppe di Lega, 5
Community Shield, una Champions League e un Mondiale
per club. Lo scorso febbraio, ha rinnovato il suo contra-o
con i Red Devils per un ingaggio di 18,9 milioni di euro annui,
che ne fa il giocatore più pagato della Premier League. Occhio però al Blocco del Liverpool e alla vecchia guardia, fuori
Cole, Gerrard e Lampard sono probabilmente all’ul mo
Mondiale. Con l’Italia ci sarà da vendicare la sconfi-a ai
quar dell’Europeo del 2012 persa ai rigori.

K. Navas p
27 anni
Levante (Esp)

H. Mora d
29 anni
Dep.Saprissa

D. Cambronero P. Pemberton p J. Acosta d
32 anni
28 anni
30 anni
Herediano
Alajuelense
Alajuelense

Ó. Duarte d
M. Umaña d
C. Gamboa d R. Miller d
25 anni
31 anni
24 anni
29 anni
C.Brugge(Bel) Rosenborg (Nor) New York(Usa) Dep.Saprissa

G. González d C. Borges
26 anni
26 anni
Columbus (Usa) AIK (Sve)

C. Bolaños
30 anni

D. Calvo a
B. Ruiz a
23 anni
28 anni
Vålerenga (Nor) PSV (Ola)

R. Brenes a
30 anni
Cartagines

Ó. Granados
28 anni
Herediano

J. Cubero
27 anni
Copenaghen (Dan) Herediano

Y. Tejeda
22 anni
Dep.Saprissa

J. Díaz d
30 anni
Mainz (Ger)

W. Francis d
23 anni
Columbus (Usa)

M. Barrantes
J. Campbell a M. Ureña a
24 anni
30 anni
21 anni
Aalesund (Nor) Olimpiakos P(Gr) Kuban K (Rus)

J. Pinto
16/12/1952
(Col)

Girone D

COSTA RICA

Le gare

VI PRESENTO LA COSTA RICA
Ha partecipato 4 volte alla fase finale con esordio ad Italia 90, dove
arrivò agli o!avi da allora miglior risultato. Data per spacciata proverà a ribaltare i pronos+ci
L'Italia è decisamente nel des no visto che, dopo aver debu-ato
proprio nell'ul mo Mondiale disputato nel 1990 nel nostro Paese,
ritrova gli Azzurri sul proprio cammino in Brasile. Per valori tecnici è
la formazione meno a-rezzata in un raggruppamento in cui ci sono
anche Inghiterra e Uruguay, ma occhi a so-ovalutare gli uomini allena dal colombiano Centeno, capace nel girone di qualificazione
Concacaf di terminare al secondo posto dietro agli Sta Uni e di
lasciare dietro persino il Messico. In un gruppo composto sopra-u-o
da calciatori che militano nel campionato locale, spiccano individualità assolutamente interessan come il por ere del Levante Keylor
Navas, il difensore del Mainz Junior Diaz, ma sopra-u-o la coppia di
a-accan formata da Bryan Ruiz e dal gioiellino del 1992 Joel Campbell. Portato in Brasile ma come riserva il por ere Alvarado, vera e
propria spina del fianco, il por ere dell’Az, oltre ad essere accusato per un caso di violenza carnale, nell’ul ma
finale di coppa Olandese ha picchiato a calci e pugni un foso avversario, e sembra che lo spogliatoio non lo
possa digerire. Il modulo è un super-difensivo 5-2-3, ovvero un 5-4-1. La taDca è abbastanza chiara: prima di
tu-o, non prenderle. Con il por ere Navas, tra i migliori della squadra, segnare non è semplice. Ma in mezzo
al campo mancano uomini di qualità. Il girone D è l'unico con tre squadre vincitrici di almeno un Mondiale: la
quarta è il Costa Rica ed ha il Ranking Fifa più alto con i centroamericani che sono ora al 28° posto. Il capocannoniere in aDvità della squadra, Alvaro Saborio (31 gol in 62 presenze), non sarà ai Mondiali per infortunio.

Il PERCORSO 5 vi-orie, 3 pareggi e 2 sole
sconfi-e: con ques numeri, la Costa Rica oDene 18
pun e un incredibile secondo posto alle spalle degli
Sta Uni nel girone finale di qualificazione. Dopo il
pareggio strappato in trasferta a Panama all'esordio, i
ragazzi di Centeno cadono di misura negli Usa, prima di
cogliere il primo successo, in casa contro la Giamaica.
Contro Honduras arriva la seconda vi-oria consecu va,
poi un pari a re inviolate in Messico e lo storico successo a San Josè contro gli Sta Uni di Klinsmann,
travol per 3-1. Il pari in Giamaica e il ko in Honduras
sono gli ul mi ostacoli, prima della vi-oria casalinga
col Messico che vale l'accesso dire-o ai Mondiali di
calcio del Brasile senza passare dagli spareggi.

LA STELLA
Messosi in mostra nel penul mo Mondiale Under 20, Joel Campbell è una seconda punta tu-o
estro e velocità acquistata dall'Arsenal nell'estate 2011 dal Depor vo Saprissa. Va in pres to al
Lorient, con cui realizza 3 gol in Ligue 1 nel suo
primo anno europeo, poi va in Spagna al Be s
Siviglia, con cui disputa 28 par te di campionato
segnando solo 2 re , prima del passaggio in pres to all'Olympiacos. E' in Grecia che Campbell fa
vedere le cose migliori, segnando 10 volte in 38
gare ufficiali tra campionato e coppa nazionale e
si toglie anche la soddisfazione di realizzare contro il Manchester United il suo primo gol in
Champions League.

D. Benaglio p Y. Sommer p
30 anni
25 anni
Wolfsburg (Ger) Basilea

R. Ziegler d
28 anni
Sassuolo (Ita)

A. Mehmedi
23 anni
Friburgo (Ger)

R. Bürki p
23 anni
Grasshopper

B. Džemaili
28 anni
E.Francoforte(ger) Napoli (Ita)

T. Barne-a
29 anni

M. Gavranović
24 anni
Zurigo

R. Rodriguez d P. Senderos d
29 anni
21 anni
Wolfsburg (Ger) Valencia (Esp)

S. Lichtsteiner d F. Schär d
J. Djourou d
22 anni
30 anni
27 anni
Amburgo (Ger) Juventus(Juv ) Basilea

S. von Bergen d M. Lang d
23 ann
30 anni
Grasshopper
Young Boys

G. İnler
29 anni
Napoli (Ita)

J. Drmic
G. Fernandes X. Shaqiri
G. Xhaka
21 anni
27 ann
22 anni
21 anni
Friburgo (Ger) B.Monaco (Ger) B.M’glad (Ger) Norimberga(Ger)

V. Stocker
25 anni
Baseilea

V. Behrami
29 anni
Napoli (Ita)

H. Seferović
O. Hitzfeld
22 anni
12/01/1949
R.Sociedad(Esp) (Ger)

Girone E

Svizzera

Le gare

VI PRESENTO LA SVIZZERA
Ha partecipato 9 volte alla fase finale del Mondiale con esordio nel
1934. Per ben 3 volte è arrivata ai quar+ di finale nel 1934, 1938 e
1954. Squadra davvero matura arriva al mondiale come testa di
serie.
Testa di serie al sorteggio in Brasile, la Svizzera si presenta al Mondiale di calcio 2014 con l'obieDvo di superare la fase a gironi e
sognando di tornare ai quar di finale dopo 60 anni. La nazionale
rossocrociata ci era andata vicinissima nel 2006, quando venne
eliminata ai rigori dall'Ucraina uscendo dal torneo senza aver subito gol. Qua-ro anni più tardi, in Sudafrica, la Svizzera parx col
piede giusto ba-endo grazie alla rete di Gelson Fernandes la Spagna (campione d'Europa in carica e poi diventata campione del
Mondo) e stabilendo anche un nuovo record di inviolabilità della
porta ai Mondiali per 558 minu , ma poi perse col Cile, pareggiò
con l'Honduras e così fu eliminata. Uno scherzo del des no ha
rimesso ancora l'Honduras sulla strada della Svizzera, che questa
volta è determinata a superare l'ostacolo. Un 4-2-3-1 con due
mediani con piedi e idee buoni come Berhami e Inler (con Dzemaili
pronto) e tanta qualità dietro all'unica punta. Il tolare dovrebbe essere l'ex Fioren na Seferovic, ma in avan
si sta facendo largo anche la stella di Josip Drmic, classe '92 che ha segnato tre re nelle amichevoli preMondiale. Lichtsteiner può fare la diffrerenza sulla destra, il resto della difesa non è però di livello eccelso.
dopo Germania e Sudafrica. Qua-ro anni fa fu in realtà una beffa: dopo aver ba-uto nella prima par ta la
Spagna, che poi avrebbe vinto il Mondiale, la Svizzera non superò il girone per colpa di uno 0-0 proprio con
l'Honduras, che ritroverà in Brasile.Tan "italiani" nell'undici tolare, da Lichtsteiner a Inler, e poi Berhami,
Von Bergen e l'ex Fioren na Seferovic.

LA STELLA

Nella Svizzera del ct O-mar Hitzfeld c'è un po' di Italia,
infaD in Serie A giocano il terzino destro Stephan Lichtsteiner della Juventus, il terzino sinistro Reto Ziegler del
Sassuolo e i tre centrocampis del Napoli: Gokhan Inler,
Valon Behrami e Blerim Dzemaili. Nel giro della nazionale
maggiore sono arriva anche alcuni elemen classe
1992, che vinsero il Mondiale Under 17 nel 2009: il terzino sinistro Ricardo Rodriguez del Wolfsburg, l'a-accante
Haris Seferovic (ex Fioren na) della Real Sociedad, i centrocampis Paj m Kasami del Fulham e Granit Xhaka del
Borussia Monchengladbach. Hanno un anno in più il
difensore del Basilea, Fabian Schar (capocannoniere delle
qualificazioni con 3 gol e in passato accostato all'Inter sul
Il PERCORSO
mercato) e Xherdan Shaqiri. Quest'ul mo, trequar sta
La Svizzera si è qualificata per Brasile 2014 vincendo il
classe 1991 di origine kosovara-albanese, è la stella della
Gruppo E della zona di qualificazione europea con 24
squadra e deve spingere i propri compagni a compiere il
pun davan a Islanda (17), Slovenia (15), Norvegia (12),
defini vo salto di qualità. Nelle qualificazioni a Euro 2012
Albania (11) e Cipro (5). Miglior marcatore della Svizzera
ha segnato il primo gol contro l'Inghilterra e poi ha messo
durante le qualificazioni a Brasile 2014: Fabian Schar, 3
a segno una triple-a con la Bulgaria. Due anni fa il
gol. Davvero un percorso trionfale, mai così bene nei
Bayern Monaco lo ha acquistato dal Basilea per 12 miliogironi di qualificazioni. Nessuna sconfi-a e solo tre pareggi. 17 i Goal segna con tan giocatori anda a rete. ni di euro.
Solo 6 i goal subi , di cui 4 nello scoppie-ante 4-4 contro l’Islanda.

H. Lloris
27 anni

M. Landreau
35 anni
To-enham (Eng) Bas a (Fra)

S. Ruffier
P. Evra
E. Mangala
M. Debuchy
33 anni
23 anni
27 anni
28 anni
St.E enne(Fra) Manc.Utd (Eng) Manc.Utd (Eng) Porto (Por)

L. Digne
L. Koscielny
M. Sakho
20 anni
28 anni
24 anni
Liverpool (Eng) Paris S.G. (Fra) Arsenal (Eng)

B. Matuidi
Y. Cabaye
M. Schneiderlin M. Valbuena
R. Cabella
P. Pogba
27 anni
28 anni
24 anni
29 anni
24 anni
21 anni
Real Madrid(Esp) Paris S.G. (Fra) Paris S.G. (Fra) Southampton (Eng) O.Masiglia (Fra) Montpellier(Fra) Juventus (Ita)

R. Varane
21 anni

A. Griezmann
23 anni
R.Sociedad(Esp)

O. Giroud
27 anni
Arsenal (Eng)

M. Sissoko
R. Mavuba
24 anni
30 anni
Newcastle (Eng) Lille (Fra)

B. Sagna
31 anni

K. Benzema
26 anni
Real Madrid(esp)

L. Rémy
D. Deschamps
27 anni
15/10/1968
Newcastle(eng) (Fra)

Girone E

FRANCIA

Le gare

VI PRESENTO LA FRANCIA
Ha partecipato 16 volte alla fase finale del Mondiale con esordio
nel 1930, e ha vinto il Mondiale del 1998. La Francia è arrivata al
mondiale passando per i play-off. L’ul+ma sfida fra bleus e azzurri
risale a Euro 2008 nella fase del girone. L’Italia, allenata da Donadoni, si impose per 2-0 con re+ di Pirlo e De Rossi
I 'galleD' sperano in un rilancio nell'altalena di risulta al Mondiale
di calcio. Campione del Mondo nel 1998, la Francia uscì al primo
turno nel 2002 in Giappone e Corea del Sud, bissando poi la stessa
figuraccia in Sudafrica 2010 dopo aver perso ai rigori la finale con
l'Italia nel 2006 in Germania. Chiusa nel peggiore dei modi l'era
Domenech, la nazionale transalpina è ripar ta da due campioni del
Mondo: Laurent Blanc ha inanellato una serie di 21 risulta u li
consecu vi tra par te ufficiali e amichevoli, ma dopo l'eliminazione
ai quar di finale con la Spagna negli Europei del 2012, ha passato
il tes mone all'ex compagno di squadra e a-uale ct Didier Deschamps. Tegola Ribery che deve rinunciare al mondiale così come
Granier.L’assenza forzata di Frank Ribery non dovrebbe cambiare
le carte in tavola a Deschamps, che schiererà il 4-2-3-1, con Griezmann a sinistra al posto del fuoriclasse del
Bayern Monaco. La Francia ha un buon feeling con le finali importan . Tra Mondiali ed Europei i galleD si
sono gioca la coppa qua-ro volte (due per compe zione) e in tre occasioni se la sono portata a casa. L’unica
eccezione il 2006, a Berlino contro l’Italia. La Francia è la seconda nazionale ad aver conquistato più volte la
Confedera ons cup: due. Meglio ha fa-o solo il Brasile con qua-ro. Tra i giocatori che parteciperanno alla
spedizione brasiliana, quello con più presenze è Karim Benzema: 65.

LA STELLA
Ribery ha dovuto alzare bandiera bianca per
problemi fisici alla schiena. Il peso dell'a-acco è
sulle spalle di Karim Benzema, ma la nuova stella
della squadra è Paul Pogba, che l'anno scorso ha
vinto il Mondiale Under 20. Per il centrocampista della Juventus il Brasile rappresenta una vetrina importante anche in chiave mercato, visto
che il suo cartellino ha raggiunto una valutazione
Il PERCORSO
superiore ai 50 milioni di euro solo due anni doDopo aver chiuso al secondo posto il Gruppo I
della zona di qualificazione europea con 17
po essersi svincolato a parametro zero dal Manpun dietro alla Spagna (20) e davan a Finlanchester United. Il Francesiniodi appena 21 anni
dia (9), Georgia (5) e Bielorussia (4), la Francia si
è qualificata per Brasile 2014 grazie allo spareg- ha trascinato la Juventus a suon di goal e di prodezze verso il 3° scude-o consecu vo. Data l’età
gio con l'Ucraina. Sconfi-a all'andata per 2-0
con gol di Zozulja e Yarmolenko su rigore, la
ed il margine di miglioramento e forse il giovano
nazionale transalpina è riuscita a ribaltare il
più talentuoso dell’intero campionato del monrisultato nel ritorno vicendo 3-0 con gol di Sado. Resterà da capire come reagirà so-o i rikho, Benzema e autorete di Gusev. Miglior
marcatore della Francia durante le qualificazio- fle-ori di un a compe zione così importante.
ni a Brasile 2014: Franck Ribery, 5 gol.

N. Valladares
37 anni
Olimpia (Hon)

M. Chávez
30 anni
Chivas (Usa)

R. Margnez
26 anni
R.Sociedad(esp)

D. Escober
33 anni
Olimpia (Hon)

L. Lopez
20 anni
Espana (Hon)

B. Beckeles
28 anni
Olimpia (Hon)

B. García
E. Delgado
M. Margnez
29 anni
27 anni
24 anni
R.Espana (Hon) D.Houston(usa) Espana (Hon)

C. Costly
31 anni
Espana (Hon)

J. Palacios
32 anni
Alajuela (Rcr)

O. Chávez
J. García
29 anni
26 anni
Qingdao J. (Chi) Wigan (Eng)

V. Bernárdez
M. Figueroa
J. Montes
E. Izaguirre
32 anni
31 anni
28 anni
Motagua (Hon) San Jose H (Usa) Hull City (eng) 28 anni

W. Palacios
J. Claros
R. Espinoza
29 anni
28 anni
27 anni
Stoke City (Eng) Motagua (Hon) Wigan (Hon)

J. Bengtson
L. Garrido
A. Najar
27 anni
23 anni
21 anni
Newcastle (Eng) Anderlecth (bel) N.England (usa)

L.Suarez
23/12/1959
(Col)

Girone E

HONDURAS

Le gare

VI PRESENTO L’HONDURAS
Partecipa alla fase finale per il secondo anno consecu+vo, ma è alla
terza partecipazione totale, sia nel 1982 che nel 2010 non ha mai
vinto una gara, ed è stata sempre eliminata al primo turno.
L'Honduras in Brasile partecipa per la terza volta nella propria storia alla fase finale di un Mondiale, dopo l'esordio a Spagna 1982
(pareggiando 1-1 contro i padroni di casa) con il trionfo dell'Italia di
Bearzot e il bis in Sudafrica nel 2010, quando gli Azzurri di Lippi non
superarono il girone. Proprio al girone si è fermato anche l'Honduras nelle due preceden partecipazioni. Dopo aver guidato l'Ecuador a Germania 2006, il ct colombiano Luis Fernando Suarez ha
portato prima l'Under 23 fino ai quar di finale alle Olimpiadi di
Londra 2012 e poi l'Honduras alla qualificazione in Brasile. Dai
giocatori presen nella spedizione olimpica (oltre ai fuoriquota
Maynor Figueroa, Roger Espinoza e Jerry Bengtson) sono sta
promossi in nazionale maggiore i giovani Arnold Peralta, Mario
Mar nez, Luis Garrido e Andy Najar. Quest'ul mo è un esterno
classe 1993, passato nel mercato di gennaio 2013 dagli statunitensi
del D.C. United del presidente interista Erick Thohir al club belga dell'Anderlecht per 3 milioni di dollari. In
patria ha scaturito qualche polemica l'esclusione dell'a-accante Jonathan Mejia, beniamino dei fosi che in
questa stagione ha giocato in pres to al Real Jaen nella serie B spagnola, ma il suo cartellino è di proprietà del
Granada della famiglia Pozzo. A centrocampo è stato convocato Jorge Claros, che a-ualmente è senza squadra. Suarez punta tu-o sul 4-4-2, con l'esperienza di Wilson Palacio in mezzo e l’a-acco affidato a Bengtson e
Costly, 49 gol in due con la maglia dell’Honduras. Per i Bookies l'Honduras ha solo lo 0,04 per cento di possibilità
di conquistare la Coppa del Mondo anche se è al 33° posto del Ranking Fifa.

Il PERCORSO L'Honduras si è qualificato per
Brasile 2014 superando prima il terzo turno preliminare vincendo il gruppo C con 11 pun davan a
Panama (11, ma con una peggior differenza re ),
Canada (10) e Cuba (1); poi classificandosi al terzo
posto nel girone finale della zona di qualificazione
contro-nord americana con 15 pun dietro a Sta
Uni (22), Costa Rica (18) e davan a Messico (11,
sconfi-o allo stadio Azteca), Panama (8) e Giamaica (5). Migliori marcatori dell'Honduras durante le
qualificazioni a Brasile 2014: Jerry Bengtson, 9 gol.

LA STELLA
Il capocannoniere dell'Honduras nelle qualificazioni
Mondiali di calcio del Brasile è stato Jerry Bengtson,
autore di 9 gol, che fa coppia in a-acco con Carlo
Costly sognando di ripercorrere le tracce di David
Suazo (ex Cagliari e Inter). Lo zoccolo duro della nazionale gioca nel calcio britannico: il terzino sinistro Emilio Izaguirre nel Cel c, il difensore Maynor Figueroa
nell'Hull, i centrocampis Roger Espinoza nel Wigan e
Wilson Palacios nello Stoke. Quest'ul mo, 30 anni il
prossimo 29 luglio, è l'elemento più rappresenta vo
della squadra. Nella Premier League inglese ha ves to
le maglie di Birmingham City, Wigan e To-enham, che
nel mercato di gennaio del 2009 lo acquistò per quasi
16 milioni di euro per poi cederlo due anni e mezzo
dopo allo Stoke City per circa 9 milioni di euro. In
Brasile c'è anche suo fratello Jerry Palacios, mentre
nel 2010 in Sudafrica c'era anche Johnny Palacios e in
passato anche un altro fratello, Milton ha ves to la
maglia della nazionale. Un affare di famiglia.

M. Banguera
28 anni
Barcelona

A. Domínguez
27 anni
LDU Quito

M. Arroyo
O. Minda
27 anni
30 anni
C. Atlante (Mex) Chivas (Usa)

E. Valencia
24 anni
Pachuca (Mex)

J. Ayoví
26 anni
Tijuana (Mex)

A. Bone
25 anni
El Nacional

G. Achilier
29 anni
Emelec

L. Saritama
30 anni
Barcelona

G.Cruezo
É. Méndez
19 anni
35 anni
Stoccarda(Ger) Santa Fe (Col)

F. Margnez
24 anni
Tijuana

R. Rueda
16/04/1957
(Col)

O. Bagüí
31 anni
Emelec

R. Ibarra
23 anni
Vitesse (Ola)

J. Guagua
32 anni
Emelec

F. Erazo
J. Paredes d
W. Ayoví
26 anni
26 anni
34 anni
Pachuca (Mex) Flamengo (Bra) Barcelona

C. Noboa
29 anni
D.Mosca(Rus)

J. Montero
A. Valencia c J.Rojas
F. Caicedo
24 anni
28 anni
24 anni
25 anni
Manc.Utd(Eng) Cruz Azul(Mex) Al Jazira (EAU) Monarcas (Mex)

Girone E

EQUADOR

Le gare

VI PRESENTO L’ECUADOR
Ha partecipato due volte alla fase finale con esordio nel 2002,
quando furono sconfi4 dagli azzurri per 2-0, ma il suo miglior risultato lo ha o!enuto nel 2006 quando arrivò agli o!avi. La squadra
punta su mol+ giocatori che militano in Sud America.
Ancora un altro ct colombiano (Reinaldo Rueda) ha portato l'Ecuador alla fase finale di un Mondiale di calcio per la terza volta nella
propria storia, la prima in Sudamerica. L'esordio assoluto risale al
2002 in Giappone contro l'Italia (ricordate lo spauracchio Ulises de
la Cruz, temu ssimo alla vigilia da Trapa-oni manco fosse Djialma
Santos) con doppie-a di Bobo Vieri. Ironia della sorte, poi fu un
altro ecuadoriano (Byron Moreno) a far fuori gli Azzurri con un
arbitraggio scandaloso negli o-avi di finale con i padroni di casa
della Corea del Sud decisi ai tempi supplementari dal golden gol di
Ahn Jung-Hwan, che al ritorno in Italia venne cacciato dal Perugia
del vulcanico presidente Luciano Gaucci. L'Ecuador riuscì a fare
meglio in Germania nel 2006, quando fu eliminato agli o-avi di
finale dall'Inghilterra con gol decisivo di David Beckham su punizione. Nelle qualificazioni sudamericane la nazionale tricolore ha fa-o
valere il fa-ore campo, ba-endo tuD in casa a Quito tranne l'Argen na (1-1), ma strappando solo tre pareggi
in trasferta. La squadra è stata sconvolta dalla tragica morte del 27enne a-accante Cris an Benitez, colpito da
un infarto lo scorso 29 luglio 2013 nella sua casa in Qatar, dove si era da poco trasferito per giocare nell'AlJaish. La squadra u lizza un 4-4-2 che diventa a volte 4-2-3-1 e che punta molto sulle sgroppate di Antonio
Valencia sulla destra. Cas llo può essere un giocatore chiave, ma è in forte dubbio dopo l'infortunio al ginocchio nell'amichevole contro il Messico. La solidità difensiva un altro punto di forza.

LA STELLA

Il capocannoniere nelle qualificazioni è stato l'a-accante dell'Al-Jazira, Felipe Caicedo, autore di 7 gol di
cui 3 su rigore. La stella della squadra è indiscu bilmente Antonio Valencia. L'ala classe 85 del Manchester United viene considerato il calciatore più veloce
del mondo, in grado di toccare una velocità di 35 Km
all'ora, meglio dei due assi del Real Madrid, Gareth
Bale e Cris ano Ronaldo, degli inglesi Aaron Lennon
del To-enham, Theo Walco- dell'Arsenal e del compagno di squadra Wayne Rooney oltre a Lionel Messi
Il PERCORSO
e Alexis Sanchez del Barcellona e a Franck Ribery e
L'Ecuador si è qualificato per i Mondiali Brasile
Arjen Robben del Bayern Monaco. Valencia ha già
2014 classificandosi al quarto posto nel girone
unico della zona di qualificazione sudamericana con giocato la fase finale di Germania 2006, quando venne
25 pun dietro ad Argen na (32), Colombia (30),
selezionato tra i sei candida al premio come miglior
Cile (28) e davan a Uruguay (25, ma con una peg- giovane del Mondiale, poi vinto dall'a-accante tedegior differenza re e poi qualificato comunque
sco Lukas Podolski. Qua-ro anno dopo, il 14 se-emgrazie alla vi-oria nel doppio spareggio con la Giorbre del 2010, subì un terribile infortunio in Champions
dania), Venezuela (20), Perù (15), Bolivia (12) e
League contro i Glasgow Rangers, fra-urandosi bia e
Paraguay (12). Miglior marcatore dell'Ecuador
perone della gamba sinistra a seguito di un duro condurante le qualificazioni a Brasile 2014: Felipe Caitrasto col difensore scozzese Kirk Broadfoot.
cedo, 7 gol.

M. Andújar
30 anni
Napoli (Ita)

R. Álvarez
26 anni
Inter (Ita)

E. Lavezzi
29 anni
PSG (Fra)

A. Orión
32 anni

S. Romero
27 anni
Monaco(Fra)

M. Demichelis E. Garay
J. Basanta
33 anni
27 anni
30 anni
Boca Juniors(Arg) Rayados(Mex) Manc.City(Eng) Benfica(Por)

Á. di María
26 anni

F. Gago
28 anni

R. Palacio
32 anni
Inter (Ita)

G. Higuaín
26 anni
Napoli(Ita)

E. Pérez
28 anni
Real Madrid(Esp) Boca Juniors(Arg) Benfica(Por)

Girone

L. Biglia
28 anni
Lazio (Ita)

H. Campagnaro F. Fernández
P. Zabaleta
33 anni
25 anni
29 anni
Napoli (Ita)
Manc.City(Eng) Inter (Ita)

M. Rojo
24 anni
Sp.Lisbona(Por)

S. Agüero
A. Fernández J. Mascherano M. Rodríguez L. Messi
26 anni
28 anni
30 anni
33 anni
26 anni
Celta Vigo(Esp) Barcellona(Esp) N.Old Boys(Arg) Narcellona(Esp) Manc.City(Eng)

A. Sabella
05/11/1954
(Arg)

F

ARGENTINA

Le gare

VI PRESENTO L’ARGENTINA
16 Partecipazioni alla fase finale con esordio nel 1930, ha vinto il
+tolo per due volte: nel 1978 e 1986, ma era la nazionale di Maradona, ora con Messi, Aguero, Lavezzi e Higuain, spera di giocare un
ca4vo scherzo proprio in casa degli storici rivali brasiliani.
Un gruppo solido, basato sulla leadership natuale di Leo Messi e
con un gruppo di giocatori che ruota a-orno all'asso del Barcellona
nella speranza di inver re un trend che ha portato recentemente
solo delusioni, non ul me quelle pa te nel Mondiale sudafricano e
nell'ul ma Copa America, giocata in casa. Il ct Sabella, fortemente
cri cato in patria nonostante un percorso di qualificazione senza
pecche, dovrà dimostrare con i faD che la decisione di rinunciare
all'uomo del pueblo Carlos Tevez, reduce da una grande annata alla
Juventus, sia stata azzeccata. Tolto Messi, le sue fortune passano
dal rendimento di un reparto offensivo secondo a nessuno, con
gente come Aguero, Palacio, Lavezzi e Higuain. Difesa e centrocampo saranno invece i soli due repar privi di par colare qualità ma
con individualità comunque di spessore come Mascherano e Di
Maria. L'Argen na si schiera con 4-2-3-1 che lascia liberi i tan fantasis in rosa di inventare giocate risolu ve.
E poi c'è Messi... Un po' debole la linea mediana, in difesa manca di un por ere di livello mondiale. Il record di
presenze in nazionale, 145, è di un "italiano" d'adozione, Javier ZaneD. Anche il record di gol spe-a ad un
giocatore che ha vissuto e giocato a lungo in Italia, Gabriel Omar Ba stuta, con 56 re . La prima par ta ufficiale dell'Argen na fu giocata a Montevideo e vide l'Albiceleste ba-ere 6-0 l'Uruguay.
La vi-oria più larga della storia è un 12-0 contro l'Ecuador nel 1942, sempre a Montevideo.

LA STELLA

Ci sarà pure un mo vo se in tan predicono che questo
sarà il Mondiale di calcio di Messi. Il fenomeno di Rosario
è ancora alla ricerca di quel risultato di squadra con l'Albiceleste che lo farebbe entrare ancor di più nella storia
di questo sport e che lo avvicinerebbe in Argen na al
mito di Maradona. Un mese per risca-are anche una
stagione contraddis nta da diversi problemi dentro e
fuori dal campo a Barcellona (l'accusa di evasioni fiscale,
il grave infortunio muscolare di novembre e le con nue
crisi di vomito), ma nella quale ha superato i 40 gol staIl PERCORSO L'Argen na ha vinto con 32
gionali e mantenendo una media realizza va di circa una
pun , due in più della Colombia, il girone sudamerica- rete a par ta. Qua-ro Palloni d'oro, un Fifa World Preno per i Mondiali 2014, per effe-o di 9 vi-orie, 5
mier sono soltanto de-agli di una carriera da predes napareggi e 2 sconfi-e. La partenza è col bo-o, 4-1 al
to, iniziata nella stagione 2004/2005 e in cui ha vinto e
Cile, ma prontamente Messi e soci tornano sulla terra
rivinto tu-o con la maglia del Barcellona, una sorta di
con l'inaspe-ata sconfi-a in Venezuela e l'ancor più
seconda pelle. Un legame col club blaugrana che qualcudeludente pari interno con la Bolivia. Arrivano poi tre
no aveva provato a me-ere in dubbio quest'anno, anche
successi di fila, con Colombia, Ecuador e Paraguay, a
in oDca mercato, e che invece è des nato a proseguire
cui seguito l'1-1 in Perù; il nuovo filo-o con Uruguay,
Cile e Venezuela rendono indolore l'1-1 in Bolivia. Nel col prolungamento e annesso aumento di s pendio a 20
rush finale, giungono due pareggi di fila con Colombia milioni annui, che ne fanno il giocatore meglio pagato al
ed Ecuador, il roboante 5-2 in Paraguay, il 3-1 al Perù e mondo.
infine la sconfi-a senza conseguenze in Uruguay.

A. Begović
J. Fejzić
26 anni
28 anni
Stoke City(Eng) Aalen (Ger)

T. Šunjić
25 anni
Zorya (Ukr)

A. Avdukić
33 anni
Borak Banja

A. Vršajević
S. Kolašinac
E. Bičakčić
M. Mujdža
E. Spahić
O. Vranješ
28 anni
20 anni
24 anni
30 anni
33 anni
24 anni
Ferencváros(Hun) Schalke 04(Ger) B.Leverkusen(Ger) Elazigspor(Tur) E.Brawnsch’ (Ger) Friburgo (Ger) H.Spalato (Cro)
M. Bešić
21 anni

E. Višća
H. Medunjanin S. Ibričić
A. Hadžić
M. Pjanić
24 anni
29 anni
24 anni
28 anni
24 anni
Instanbul (Tur) Sturm Graz(Aut) Gaziantepspo(Tur) Kayseri E.(Tur) Roma (Ita)

T. Sušić
I. Hajrović
S. Lulić
22 anni
22 anni
28 anni
H.Spalato (Cro) Galatasaray(Tur) Lazio (Ita)

Z. Misimović
32 anni
Guizhou R. (Chi)

S. Salihović
29 anni

V. Ibišević
E. Džeko
S. Sušić
29 ann
28 anni
13/04/1955
Hoffenheim(Ger) Stoccarda(Ger) Manc.City (Eng) (Col)

Girone F

BOSNIA E.

Le gare

VI PRESENTO LA BOSNIA-ERZEGOVINA
Dopo 20 anni dalla Guerra Jugoslavia giocherà il suo primo mondiale. Del Blocco dell’Ex-Jugoslavia è la più giovane con talen+ come
Pjanic e Dzeco lancia+ nel calcio mondiale.
La partecipazione ai Mondiali è recen ssima ed è seguita all’indipendenza dalla ex-Jugoslavia. Nasce ufficialmente nel 1992 quando,
dopo la guerra il paese si proclama indipendente. La nascita della
formazione nazionale risale al 1995 quando la Bosnia trova il proprio
esordio e riconoscimento internazionale (arrivato dalla Fifa nel
1996) con un’amichevole contro l’Albania. Il vero problema del
territorio bosniaco è la forte segmentazione della popolazione locale che, divisa fra serbi e croa , fa ca a riconoscere la bandiera, e
quindi la nazionale, della Bosnia Herzegovina. Le difficoltà di qualificazione ai Mondiali del ’98, del 2002 e del 2006 sono dovute proprio
a queste grandi diversità. Nel 2009 sulla panchina della Bosnia arriva
Safet Susic, che centra lo spareggio Mondiale perso con il Portogallo
per i Mondiali sudafricani, ma che, raccogliendo tuD i migliori talenemigra dalla penisola balcanica e cresciu in tu-o il mondo, ha
messo insieme un gruppo solido e compa-o. In tan , potendo scegliere, hanno optato per ves re i colori di una
nazionale differente, ma il rimpianto, questa volta è arrivato per gran parte di loro. Da Handanovic a Ibrahimovic, passando per Josip Ilicic e Neven Subo c il rimpianto di non aver scelto la nazionale dei Dragoni li porterà
ad osservare il Mondiale brasiliano da lontano. Perlomeno potranno dedicarsi ai piaceri della carne. Susic, infaD, l’ha già annunciato: “durante il Mondiale niente sesso! I giocatori dovranno fare a meno di mogli e donne”. 4-4-2 dal centrocampo ada-abile ad ogni situazione, che si sviluppa spesso in un 4-2-3-1. Lulic a sinistra è
una certezza, Misimovic ha libertà d'azione tra le linee, Pjanic è una specie di jolly. Davan Dzeko-Ibisevic possono essere una coppia gol da non so-ovalutare.

LA STELLA

Con una formazione incentrata su un 4-4-2 a rombo molto
schema co, quella bosniaca è una nazionale che, sebbene
possa disporre di una buona dose di esperienza a livello
europeo con il por ere Begovic, il laziale Lulic e il centrale
difensivo del Bayer Leverkusen Emir Spahic, cerca costantemente di me-ere in risalto la fase offensiva del triDco offensivo. Illuminato dalle geometrie del romanista Miralem Pjanic e dalla concretezza so-o porta di Vedad Ibisevic il vero e
proprio trascinatore e uomo simbolo della Bosnia è, tu-avia,
l’a-accante del Manchester City, Edin Dzeko. Uomo-simbolo
perché la sua storia racconta da vicino quella di tuD i suoi
connazionali. Dzeko non è cresciuto fuori dalla Bosnia, anzi la
guerra l'ha vissuto ogni giorno, tra le paure e so-o le bombe
è stato costre-o a spostarsi quo dianamente tra Sarajevo e
Il PERCORSO La Bosnia si è qualificata per i il resto del paese. “Non c’era granchè da mangiare e potevi
morire in qualsiasi momento – racconta oggi -. Grazie a Dio
Mondiali di Brasile 2014 con il primo posto conquila guerra ora è solo un ricordo”. Un ricordo che Dzeko me-e
stato con 25 pun nel girone G della zona europea
in campo ogni singolo giorno da quando ancora giovane si
davan a Grecia (25 pun a pari merito ma con lo
trasferisce in Repubblica Ceca prima, in Germania e in Inghilsvantaggio negli scontri direD), Slovacchia (13),
terra poi. Tecnicamente abile con entrambi i piedi abbina
Lituania (11), Le-onia (8) e Liechtenstein (2) ed uno
una prepotente fisicità ad uno straordinario senso del gol.
straordinario ruolino di marcia che ha visto i DragoCon la casacca dei Dragoni ha collezionato 60 presenze reani fermarsi solo contro la Slovacchia (0-1). Il miglior
lizzando ben 33 gol con una media realizza va straordinaria.
marcatore delle fasi di qualificazione è Edin Dzeko
E’ stato lui, grazie ai suoi 10 gol, a regalare il primo posto nel
con 10 marcature ma anche Ibisevic (8 gol) e Misigirone di qualificazione alla Bosnia che si candida di diri-o al
movic (5 gol) hanno fa-o meglio di tuD gli altri
ruolo di cenerentola del torneo.
cannonieri del girone.

V. Enyeama
31 anni
Lille (Fra)

R. Azeez
21 anni
Almería (Esp)

C. Agbim
A. Ejide
E. Ambrose
30 anni
29 anni
25 anni
Hapoel BS (Isr) Enugu Rangers Cel c (Sco)

O. Kunle
K. Omeruo
24 anni
20 anni
Sunshine Star Chelsea (Eng)

R. Gabriel
23 anni

M. Babatunde V. Moses
O. Onazi
21 anni
23 anni
21 anni
Volyn Lutsk (Ukr) Liverpool (Eng) Lazio (Ita)

J. Obi Mikel
27 anni
Waasland B.(Bel) Chelsea (Eng)

E. Uzoenyi
22 anni
Rennes(Fra)

A. Egwuekwe
J. Yobo
24 anni
33 anni
Norwich (Eng)) Warri Wolves

J. Oshaniwa
G. Oboabona
23 anni
23 anni
C. Rizespor(Tur) Ashdod (Isr)

P. Odemwingie
Shola Ameobi A. Musa
32 anni
32 anni
21 anni
Newcastle(Eng) Cska Mosca(Rus) Stoke City (Eng)

E. Emenike
U. Nwofor
M. Uchebo
S. Keshi
27 anni
22 anni
24 anni
23/01/1962
Fenerbahce(Tur) Heerenveen(Ola) Cercle Brugge(Bel) (Nig)

Girone F

NIGERIA

Le gare

VI PRESENTO LA NIGERIA
Ha Partecipazioni ben 5 volte alla fase finale del torneo esordendo
nel 1994, e priprio in quell’anno arrivò agli o!avi così come nel
1998. Rcecente è il 2-2 in amichevole per l’Italia, dimostrandosi
squadra os+ca e muscolosa.
Dietro l'Argen na di Messi, la seconda forza del gruppo F è rappresentata certamente dalle Super Aquile guidate da Stephen Keshi,
che ha disputato già da calciatore un'edizione del Mondiale (la
prima storica partecipazione in Usa nel 1994) e che ha saputo trasferire al gruppo la sua mentalità vincente. Il trionfo senza discussioni nell'ul ma Coppa d'Africa è la tes monianza del ritorno da
protagonista sul palcoscenico internazionale della Nigeria. Quella
che si presenterà ai Mondiali di calcio in Brasile sarà una formazione che rappresenta un giusto mix tra elemen di maggiore esperienza (Enyeama, Oki Mikel, Emenike e Ameobi su tuD) e giovani di
bellissime speranze, come l'esterno sinistro di difesa Omeruo, il
laziale Onazi e Musa a centrocampo. Fisicità ma anche tanta tecnica, che dovranno però essere abbinate a una maturità taDca che
rappresenta da tempo il vero limite di tu-e le formazioni africane. Keshi ha variato molto durante le qualificazioni, sia per quanto riguarda gli uomini che per quanto riguarda il modulo. Quello di partenza dovrebbe essere il 4-2-3-1 che ha portato alla conquista della Coppa d'Africa. Obi Mikel è il vero "top player": il centrocampista del Chelsea vanta oltre 50 presenze con le Super Aquile, con le quali ha vinto la Coppa d'Africa 2013. Con i
londinesi ha invece conquistato scude-o, Champions ed Europa League. La prima par ta internazionale delle
Super Aquile risale al 1949: 2-0 alla Sierra Leone.
La vi-oria più larga è un 10-1 contro il Benin.
Il capocannoniere della nazionale è Yekini, con 37 re , mentre il recordman di presenze è Yobo con 87.

LA STELLA
Terminale offensivo della squadra di Keshi e
grande protagonista anche nell'ul ma Coppa
d'Africa è il bomber del Fenerbahce Emmanuel
Emenike, che nell'ul ma stagione in Turchia ha
firmato 12 gol. Storia singolare quello di questo
a-accante tu-a potenza e progressione e con
una facilità incredibile nel trovare la porta che,
dopo essere sbarcato in Turchia nell'estate 2009
al Karabukspor (30 gol in 50 presenze), passa al
Fenerbahce nel 2011 ma viene coinvolto nello
Il PERCORSO
Il percorso della Nigeria verso il Mondiale inizia
scandalo scommesse che costringe il club di
nella seconda fase del girone africano, vinto con 12 Istanbul a me-erlo subito sul mercato. Va in
pun in 6 par te, davan a Malawi, Kenya e NamiRussia allo Spartak Mosca, con cui realizza 21
bia. Nella doppia sfida playoff contro l'E opia non
c'è storia: le Super Aquile vincono 2-1 in trasferta il re in 42 gare di campionato senza però riuscire
match d'andata e si ripetono un mese più tardi col 2 a portare a casa vi-orie significa ve. L'estate
-0 casalingo che vale la qualificazione.
scorsa, torna al Fenerbahce e con i suoi gol contribuisce alla vi-oria del campionato.

R. Ahmadi
A. Haghighi
D. Davari
26 anni
26 anni
33 anni
Sp.Covilhã (Por) Grassophers(Swi) Sepahan

A. Sadeghi
32 anni
A. Sadeghi

K. Ansarifard
24 anni
Tractor Sazi

A. Dejagah
27 anni
Fulham (Eng)

R. Haghighi
25 anni
Persepolis

A. Alenemeh
31 anni
Na| Tehran

S. Beitashour J. Hosseini
27 anni
32 anni
Whitecaps(Usa) Persepolis

J. Nekounam
B. Rahmani
33 anni
22 anni
Al Kuwait(KWA) Foolad

H. Beikzadeh
P. Montazeri
30 anni
30 anni
Umm Salal(Qat) Esteghlal

A. Teymourian G. Hadadifar
31 anni
30 anni
Esteghlal
Zob Ahan

E. Hajsafi
24 anni
Sepahan

K. Heydari
30 anni
Esteghlal

H. Mahini
27 anni
Persepolis

M. Pooladi
27 anni
Persepolis

PM. Shojaei
29 anniLas Palmas (Esp)

A. Jahanbakhsh R.Ghoochannejhad Carlos Queiroz
26 anni
20 anni
01/03/1953
Charlton Ath.(Eng) (Por)
Nec (Ola)

Girone F

IRAN

Le gare

VI PRESENTO L’IRAN
Sono 4 le Partecipazioni alla fase finale del Mondiale. L’esordio nel
1978. Non è mai passato la prima fase.turno. A questo Mondiale la
federazione Iraniana a vietato di scambiare le maglie con chiunque
per ridurre le spese per il Mondiale.
In un girone che ha nell'Argen na la dominatrice designata, il miglior Iran di tu-a la storia proverà a fare da guastafeste, cercando
di rompere le uova nel paniere alle due squadre che, sulla carta,
dovrebbero contendersi il secondo posto del gruppo B di Brasile
2014, vale a dire Bosnia Erzegovina e Nigeria, con la selezione
europea favorita su quella africana. L'Iran, con in panchina un guru
come Carlos Queiroz, si presenta in Brasile con l'intenzione di vendere cara la pelle: l'obieDvo è quello di raggiungere gli o-avi di
finale. Può avere paura una nazionale che, in casa, è abituata a
giocare nell'imponente Stadio di Azadi (della Libertà), impianto da
120.000 spe-atori? Quasi tuD i giocatori giocano nel campionato
Iraniano con qualche eccezione. In Brasile sarà tu-o un altro mondo di usi e costumi ed è certo che i giocatori proveranno a fare la
storia. In realtà anche se formata da giocatori volenterosi il tasso tecnico sembra davvero mediocre. L'Iran si
schiera con un 4-2-3-1 che ha nel centrocampo il suo punto forte. Interessante Dejagah, pronto a creare scompiglio sulla fascia destra. L'Iran ha esordito come nazionale nel 1941 pareggiando 0-0 contro l'Afghanistan e la
vi-oria più larga è un 19-0 contro la nazionale di Guam. apocannoniere storico dell'Iran è Ali Daei, che ha
militato anche nel Bayern Monaco, e per la nazionale ha realizzato 109 re in 149 par te.
Ha esordito ai Mondiali nel 1978 e in tre edizioni ha o-enuto una sola vi-oria, 2-1 contro gli Sta Uni nel '98.
Per Carlos Queiroz Portoghese, già allenatore del Real Madrid e della nazionale lusitana, sulla panchina dell'Iran dal 2011, è stato un piccolo miracolo spor vo aver portato la nazionale ai Mondiali.

Il PERCORSOL'Iran si è qualificato per i Mondiali di calcio del Brasile nell'ambito della zona
asia ca, a-raverso tre step: elimando le Maldine
nel doppio confronto dire-o del secondo round di
qualificazione, poi vincendo il Gruppo E del terzo
round di qualificazione, davan a Qatar, Bahrein e
Indonesia, e infine arrivando primo nel Gruppo 1
della fase finale, con questa classifica: Iran (16),
Corea del Sud (14), Uzbekistan (14), Qatar (7) e
Libano (5). Miglior marcatore dell'Iran durante le
qualificazioni a Brasile 2014: Nekounam, 6 gol.

LA STELLA
La vera stella probabilmente l'Iran ce l'ha in panchina: Carlos Queiroz, portoghese classe 1953.
Dopo aver vinto due Mondiali Under 20 con il
Portogallo, dopo aver studiato al Manchester
United alla scuola di Sir Alex Ferguson (del quale
è stato il vice per cinque stagioni), e dopo aver
guidato il Portogallo fino agli o-avi di finale a
Sudafrica 2010 (ko con la Spagna campione), il
Mondiale 2014 con l'Iran potrebbe rappresentare l'esame di laurea per questo tecnico. Fra i
giocatori, invece, spiccano tre nomi: il capitano
Javad Nekounam, 33enne centrocampista (136
presenze e 37 gol in nazionale), Karim Ansarifard, 24enne a-accante (39 par te e 8 re con
l'Iran), e Ashkan Dejagah, 27enne centrocampista con una buona esperienza nel calcio europeo, con le maglie di Hertha Berlino, Wolfsburg
e Fulham.

M. Neuer
28 anni
B.Monaco

R. Zieler
25 anni
Hannover 96

R. Weidenfeller J. Boateng
33 anni
25 anni
B.Monaco
B.Dortmund

E. Durm
22 anni
B.Dortmund

K. Großkreutz
25 anni
B.Dortmund

C. Kramer
23 ann
B. Mglad’

M. Özil
25 anni
Arsenal (Ita)

A. Schürrle
23 anni
Chelsea(Eng)

M. Klose
36 anni
Lazio (Ita)

J. Low
03/02/1960
(Ger)

T. Müller
24 anni
B.Monaco

M. Ginter
20 anni
Friburgo

M. Hummels
25 anni
B.Dortmund

M. Götze
22 anni
B.Monaco

S. Khedira
27 anni

P. Mertesacker B. Höwedes
26 anni
29 anni
Arsenal (Eng) Schalke 04

T. Kroos
24 anni
Real Madrid(Esp) B.Monaco

P. Lahm
30 anni
B.Monaco

B. Schweinsteiger J. Draxler

29 anni
B. Monaco

20 anni
Schalke 04

S. Mustafi
22 anni
Sampdoria(Ita)

L. Podolski
29 anni
Arsenal (Ita)

Girone G

Germania

Le gare

VI PRESENTO LA GERMANIA
La Germania (ex est-Ovest) ha raggiunto per la 18esima volta la
fase finale del mondiale con esordio nel 1934. Con 3 +toli vin+
1954, 1974, 1990, sogna di eguagliare l'Italia a quota 4. 12 semifinali, 7 finali e 3 vi!orie, E’ stata sempre protagonista.
La Germania arriva al Mondiale in Brasile come una delle favorite
alla vi-oria: la squadra è allenata da Joachim Low, tecnico dei tedeschi da luglio 2006. L'organico è formato quasi esclusivamente da
giocatori che militano in patria e formano un gruppo rodato, con
numerosi elemen giovani ma già abitua a competere ad al
livelli in campo internazionale. Il vero punto di forza della Germania
è il centrocampo, in par colare la trequar nonostante il forfait di
Reus per infortunio alla caviglia: Kroos, Ozil e Gotze formano una
ba-eria di trequar s tra le più for al mondo. Si tra-a di giocatori
duDli, in grado di agire sia in mediana che dietro l'unica punta, nel
4-2-3-1 di Low. La Germania ha la peculiarità di fallire difficilmente
nell grandi occasioni: ai Mondiali i tedeschi riescono a esaltarsi
facilmente, arrivando quasi sempre in fondo alla compe zione.
L'abbondanza di mezze punte perme-e a Löw di variare molto, ma il modulo base è un 4-2-3-1 con i giovani
terribili Ozil/Müller/Götze/Kroos/Draxler/Schürrle ad agire alle spalle del bomber d'esperienza Klose (a caccia
del record assoluto di gol in una fase finale del Mondiale). Müller può agire anche da falso nove, mentre Podolski è un'opzione tu-'altro che secondaria. La Germania ha terminato 4 par te ai calci di rigore (contro la
Francia nel 1982, il Messico nell'86, l'Inghilterra nel '90 e l'Argen na nel 2006) e le ha vinte tu-e, sbagliando
un solo rigore sui 18 calcia . Dopo essere arriva tra i primi qua-ro a Mondiali ed Europei negli ul mi 8 anni,
adesso i tedeschi vogliono vincere un tolo che manca ormai da 24 anni. qua-ro finali perse ('66, '82, '86 e
2002) e qua-ro terzi pos ('34, '70 più le ul me due edizioni del 2002 e 2006).

Il PERCORSO
Nel gruppo C la Germania si è classificata prima con
28 pun (ha vinto tu-e le par te pareggiandone
solo una), alle sue spalle sono arrivate la Svezia (20),
l'Austria (17), l'Irlanda (14), il Kazakistan (5) e le
isole Far Oer.
Miglior marcatore della Germania durante le qualificazioni ai Mondiali di calcio Brasile 2014: Ozil, 8 gol.

LA STELLA
Il giocatore più rappresenta vo della nazionale
tedesca è ancora Miroslav Klose: nonostante i
suoi 35 anni (a giugno ne compirà 36) non ha
perso il vizio del gol (con 68 re è il miglior marcatore nella storia della Germania, a pari merito
con Gerd Muller). Altro elemento di spicco è
Philipp Lahm, terzino e capitano sia del suo club,
il Bayern Monaco, che della nazionale del suo
paese; anche nel compagno di squadra Bas an
Schweinsteiger risiedono le cara-eris che piche del leader: il Mondiale in Brasile può essere
quello della consacrazione per lui, capace di giocare in qualsiasi zona tra la difesa e l'a-acco. I
gol dovranno arrivare anche dai piedi di Thomas
Muller, alla sua seconda esperienza in un Mondiale: nel 2010 si rivelò il miglior realizzatore
della nazionale tedesca.

Beto
32 anni
Siviglia (Esp)

Eduardo
31 anni
S. Braga (Por)

Rui Patrício
Neto
Fábio Coentrão Pepe
31 anni
26 ani
26 anni
26 anni
Sp.Lisbona (Por) Real madrid (Esp) Real madrid (Esp Zenit (Rus)

João Pereira
30 anni
Valencia (Esp)

Ricardo Costa
33 anni
Valencia (Esp)

Nani
Bruno Alves
27 anni
32 anni
Fenerbahce (Tur) Zenit (Rus)

André Almeida Ruben Amorim William
Vieirinha
Rafa Silva
Éder
João Mou nho Miguel Veloso Raul Meireles C. Ronaldo
23 anni
29 anni
28 anni
22 anni
21 anni
26 anni
27 anni
28 anni
31 anni
29 anni
Benfica (Por)
Benfica (Por) Sp. Lisbona(Por) Wolfsburg Ger) Sp. Braga(Por) Monaco (Fra) D.Kyev (Ukr)
Fenerbahce (Tur Real Madrid(Esp) Sp. Braga (Por)

Hugo Almeida
30 anni

Besiktas (Tur)

S. Varela
29 anni
Porto (Por)

H. Pos ga
31 ann
Lazio (Ita)

Paolo Bento
20/06/1969
(Por)

Girone G

Portogallo

Le gare

VI PRESENTO IL PORTOGALLO
Ha partecipato solo 6 volte ala fase finale con un esordio un po’
tardivo solo nel 66, dove o!enne il terzo posto rimasto il suo miglior risultato. Dopo la grande prestazione contro la Svezia di Ibra,
Cris+ano Ronaldo è chiamato a giocare un mondiale da vero protagonista con il suo Portogallo.
Il Portogallo è allenato da Paulo Bento, ex tecnico dello Spor ng
Lisbona e selezionatore della nazionale del suo paese dal 2009, che è
riuscito a condurre sino alle semifinali dell'ul mo Europeo. Il ct può
fare affidamento su una rosa molto compe va: oltre al fenomeno
Cris ano Ronaldo, capace di spostare gli equilibri di una par ta in
qualsiasi momento, ci sono giocatori di grande classe come Nani,
esterno del Manchester United, Pepe e Fabio Coentrao, rispeDvamente difensore centrale e terzino sinistro del Real Madrid e i centrocampis Mou nho (Monaco) e Raul Meireles (Fenerbahce). Manca a quasta squadra la consacrazione a livello mondiale, anche perché negli ul mi anni, nonostante il grande potenziale non è mai
riuscita a fare bella figura ad un campionato mondiale. Nei Play-Off
con la Svezia il des no doveva fare fuori uno tra Ibra e Ronaldo.
Ronaldo è rimasto ed ora deve dimostrare al mondo il suo valore. Bento dovrebbe schierare la sua squadra con
un 4-2-3-1 in cui Ronaldo dovrà agire sia come rifinitore che da finalizzatore. La par ta tra Portogallo e Olanda ai
Mondiali del 2006 è stata la più fallosa della storia. Definita anche "Ba-aglia di Norimberga", registrò 16 cartellini: 9 per i lusitani, tra cui 2 rossi. Ma la Bes a nera dei Portoghesi è sicuramente la Spagna che li hanno elimina
per due volte negli spareggi di qualificazione (1934 e 1950) e nel 2010 fu sempre la Spagna a eliminare il Portogallo agli o-avi, cosa che si ripetè due anni dopo agli Europei del 2012. Ai quar di finale del 2006, il Portogallo
ba-è la Germania ai rigori. In quell'occasione il por ere dei lusitani Ricardo realizzò il record di 3 parate.

Il PERCORSO Nel gruppo F il Portogallo si è
classificato secondo con 21 pun , fru-o di sei vi-orie, tre pareggi e una sola sconfi-a: la qualificazione
è arrivata a-raverso i play-off dove la nazionale
allenata da Paulo Bento ha superato la Svezia nel
doppio confronto (in casa il Portogallo ha vinto 1-0,
in trasferta ha replicato il successo ba-endo gli scandinavi per 3-2). Il raggruppamento è stato vinto dalla
Russia (22); dietro i lusitani sono arriva Israele (14),
Azerbaigian (9), Irlanda del Nord (7) e Lussemburgo
(6). Miglior marcatore del Portogallo durante le
qualificazioni a Brasile 2014: Helder Pos ga, 5 gol

LA STELLA
Il Portogallo che si presenta ai Mondiali di calcio del Brasile è una nazionale formata da una
rosa esperta con numerose individualità di spicco: tra tuD il maggior talento è quello del due
volte Pallone d'Oro Cris ano Ronaldo. L'a-accante del Real Madrid ha segnato più di 400 re
in carriera ed è il milgior marcatore della storia
della rappresenta va lusitana con 49 centri.
Classe 1985, Ronaldo è dotato di un'accelerazione impressionante, unita a un repertorio vas ssimo che comprende finte, cambi di direzione e
dribbling funambolici. Capace di calciare con
entrambi i piedi, la sua peculiarità sono i calci di
punzione. Si definisce una seconda punta ma è
altre-anto temibile nel ruolo di a-accante centrale e come rifinitore.

B. Guzan
T. Howard
29 anni
35 anni
Aston Villa (eng) Everton (eng)

N. Rimando
D. Beasley
34 anni
32 anni
R.Salt Lake(Usa) Pueba (Mex)

O. Gonzalez
M. Diskerud
K. Beckerman M. Bradley
25 anni
23 anni
26 anni
32 anni
LA Galaxy (Usa) Rosemborg (Nor) Salt LakeC.(Usa) Toronto (Usa)

J. Brooks
F. Johnson
D. Yedlin
T. Chandler
21 anni
26 anni
20 anni
24 anni
H.Berlino (Ger) Sea-le S. (Usa) Norimbega(Ger) M'glad’(Ger)

J. Jones
32 anni
Besiktas (Tur)

G. Zusi
27 anni

A. Bedoya
27 anni
S.Kansas C.(Usa) Nantes (Fra)

G. Cameron
28 anni
S.Kansas C.(Usa) Stoke city (Eng)

M. Besler
27 anni

B. Davis
A. Jóhannsson J. Al dore
24 anni
32 anni
23 anni
Houston D(Usa) Az Kalmar (Ola) Sunderland(eng)

J. Green
C. Wondolowski C. Dempsey
J.Klinsman
19 anni
31 anni
31 anni
30/07/1964
B. Monaco (Ger) San Jose H.(Usa) Sea-le s.(Usa) (Ger)

Girone G

Stati Uniti

Le gare

VI PRESENTO GLI STATI UNITI
Ben 10 partecipazioni alle fasi finali dei Mondiali senza però troppi
successi, al Mondiale d’esordio però nel 1930 o!enne il terzo posto,
che rimane il miglio risultato. L’Italia ha affrontato gli Sta+ Uni+ nel
Mondiale tedesco , finì 1-1 co tre espulsioni 1 per l’Italia e 2 per gli
Americani
La nazionale statunitense è allenata dal tedesco Jurgen Klinsmann
che in questo Mondiale di calcio ha intenzione di migliorare il risultato o-enuto in Sudafrica (o-avi di finale): l'ex tecnico della Germania ha deciso di ringiovanire la rosa accantonando vecchie glorie
come Cherundolo, Bocanegra e Donovan. Numerosi sono i giocatori che militano o sono passa dal campionato inglese: Klinsmann
cercherà di sfru-are questa peculiarità, in un girone di marca europea dove incontrerà anche i suoi connazionali. Vecchia conoscenza
del calcio italiano è Michael Bradley, ex Roma, adesso al Toronto
FC.Non ci sarà Donovan goleador degli ul mi anni, lasciato a casa
forse per ingiovanire la rosa. In campo vedremo un 4-2-3-1 che può
diventare 4-4-2 se Dempsey, che solitamente agisce dietro alla
punta Al dore, lo va ad affiancare. L'ex-romanista Bradley e Jones si occupano di recuperare i palloni, da tenere d'occhio Graham Zusi sulla destra. L'americano Friedel, insieme al polacco Tomaszewski, è l'unico por ere
ad aver parato due rigori nella stessa edizione di un Mondiale. Nel 2002 neutralizzò quelli del coreano Lee Eul
Yong e del polacco Zurawski.
Sicuramente buona la scuola dei por eri americani. Brad Friedel nel 2003 vinse il tolo di "Por ere dell'anno"
in Premier League. L'anno dopo toccò al suo connazionale Tim Howard.

Il PERCORSO Nel gruppo A della terza fase per
le qualificazioni ai Mondiali in Brasile (CONCAF) gli
USA si sono classifica primi con 13 pun (qua-ro
vi-orie, un pareggio e una sconfi-a) davan Giamaica e Guatemala (entrambe con 10) e An gua e Barbuda (1) accedendo così al quarto turno. Successivamente gli Sta Uni sono arriva nuovamente primi
raccogliendo 22 pun , grazie a se-e successi e un
pareggio (due le par te perse). Nel raggruppamento
alle spalle degli USA troviamo la Costa Rica (18),
l'Honduras (15), il Messico (11), il Panamà (8) e la
Giamaica (5). Miglior marcatore degli USA durante le
qualificazioni a Brasile 2014: Dempsey, 8 gol.

LA STELLA
Il giocatore più rappresenta vo degli USA è Clint
Dempsey, vero trascinatore nelle qualificazioni
al Mondiale in Brasile con 8 centri. Il 31enne
gioca in MLS nei Sea-le Sounders FC da appena
due stagioni, salvo una parentesi di due mesi al
Fulham, lì dove per sei anni aveva fa-o sognare i
Co-agers con ben 50 re all'aDvo (record di
marcature con la maglia dei londinesi in Premier
League). Dempsey è un giocatore ecleDco, in
grado di agire sia da seconda punta che da a-accante centrale: unisce la velocità a un oDmo
controllo palla. Nell'agosto del 2012 è stato il
calciatore americano più pagato di tuD i tempi
quando si è trasferito al To-enham per 6 milioni
di sterline.

S. Adams
F. Dauda
29 anni
24 anni
Strømsgodset(Nor) Orl.Pirates(RSA) Aduana Stars
A. Kwarasey
26 anni

S. Inkoom
D. Opare
H. Afful
25 anni
23 anni
27 anni
ES Tunis (Tun) Platanias (Gre) St.Liège (Bel)

E. A.-Badu
23 anni
Udinese (Ita)

K. Boateng
M. Rabiu
W.Mubarak
A. Adomah
K. Asamoah
27 anni
24 anni
23 anni
26 anni
25 anni
Wol•urg (Ger) Rubin Kazan (Rus) Kuban' K.(Rus) Middlesbrough (Usa) Juventus(Ita)

A. Waris
22 anni

J. Ayew
22 ann
Valenciennes(Fra) Sochaux (Fra)

A. Gyan
28 anni
Al Ain (EAU)

A. Acquah
22 anni
M.Sundowns(Usa) Parma (Ita)

J. Boye
27 anni
Rennes Ger)

J. Mensah
23 anni
Evian (Fra)

R. Sumaila
21 anni

M.Essien
31 anni
Milan (Ita)

S. Muntari
29 anni
Milan (Ita)

C. Atsu
22 anni
Vitesse (Ola)

A. Ayew
24 anni
O.Marsiglia(Fra)

K. Appiah
30/06/1960
(Gha)

Girone F

GHANA

Le gare

VI PRESENTO IL GHANA
Sono 3 le partecipazioni con esordio nel 2006, quando incontrò
l’Italia perdendo per 2-0 nella gara d’esordio. Il suo miglior risultato è stato nel 2010m quando arrivo ai quar+ di finale, sfiorarono la
semifinale, perdendo ai rigori con l'Uruguay dopo una par+ta folle.
Dopo aver sfiorato la semifinale nell'ul mo Mondiale di calcio in
Sudafrica, il Ghana partecipa a questa compe zione per la terza
volta consecu va. La squadra allenata da Kwesi Appiah è un bel mix
di giovani e calciatori esper . Il gioco degli africani è basato sulla
velocità e la potenza fisica: un centrocampo solido fa da schermo a
una difesa spesso ballerina, vero punto debole dei ghanesi. L'ormai
consolidata presenza in squadre di club europei ha portato questa
nazionale africana ad assumere uno s le di gioco molto simile a
quello visto nei principali campiona del nostro con nente, a fronte
di una fisicità decisamente superiore che sopperisce alla carenza
tecnica di alcuni elemen . Tra le nazionali del con nente africano il
Ghana è la squadra più a-esa, accreditata quantomeno del passaggio del primo turno. Da centrocampo in su il Ghana è una squadra
con un mix quasi perfe-o di potenza, tecnica, esperienza e velocità.
Le lacune, grosse, sono in difesa. Lo schema è il 4-2-3-1, con Boateng a ridosso di Asamoah Gyan che se ovesse
segnare anche in ques Mondiali, diventerebbe il quarto africano ad aver segnato in tre differen edizioni della
Coppa del Mondo, dopo Omam-Biyik, Roger Milla ed Eto'o. Nel 2006 Sulley Muntari riuscì nell'impresa di farsi
ammonire in tu-e e tre le par te del girone, saltando gli o-avi (persi con il Brasile). Kwesi Appiah ha un soprannome di "the silent killer". Spietato e capace di spronare i suoi uomini, avrà i maggiori gra-acapi ne organizzare
l’asse-o difensivo. Kwesi è il primo allenatore africano della storia a guidare una squadra ad un Mondiale.

LA STELLA

Quasi tuD i giocatori del Ghana giocano in Europa,
ben 4 nel nostro Paese: Kwadwo Asamoah (Juventus),
Sulley Muntari e Michael Essien (Milan) ed Emmanuel
Badu (Udinese). Il giocatore più rappresenta vo resta
l'ex Udinese Asamoah Gyan, protagonista sfortunato
nell'ul mo Mondiale del 2010: è lui il massimo goleador della storia della nazionale ghanese. Kevin Prince
Boateng insieme ai fratelli Ayew sono gli altri elemen
Il PERCORSO Il cammino del Ghana verso la di spicco della formazione africana: portano talento,
qualificazione ai Mondiali 2014 è stato abbastanza
esperienza internazionale oltre a un bel bagaglio di
agevole e mai in discussione: prima di accedere al
re . Il centrocampo è il reparto di maggiore affidabiliplayoff ha vinto il gruppo D con Zambia, Lesotho e
tà con la grinta di Muntari in regia unita al dinamismo
Sudan. Nelle sei par te sono arriva cinque successi
sulla fascia di Asamoah e alla potenza e alla rapidità di
e una sola sconfi-a col minimo scarto in casa dello
Badu. Possibile sorpresa potrebbe rivelarsi Chris an
Zambia. Il doppio confronto con l'Egi-o ha visto
Atsu, ex Porto, ora al Vitesse (in pres to dal Chelsea):
all'andata una ne-a affermazione per 6-1 che non
ha ammesso repliche e che ha rido-o a una formali- il Ghana punta molto sulla classe di quest'ala sinistra,
appena 22enne e con grandi margini di crescita
tà la sfida di ritorno, vinta dagli egiziani per 2-1.
Miglior marcatore del Ghana durante le qualificazioni a Brasile 2014: Asamoah Gyan, 6 gol.

T. Courtois
22 anni
Chelsea (Eng)

S. Bossut
D. Van Buyten T. Vermaelen
S. Mignolet
T. Alderweireld V. Kompany
28 anni
36 anni
28 anni
26 anni
28 anni
25 anni
Liverpool(Eng) Zulte-Waregem At.Madrid (Esp) Manc.City (eng) B.Monaco (Ger) Arsenal (Eng)

J. Vertonghen N. Chadli
S. Defour
27 anni
24 anni
26 anni
To-enham (Eng) To-enham(eng)Porto (Por)

K. Mirallas
26 anni
Everton (eng)

D. Mertens
27 anni
Napoli (Nap)

D. Origi
19 anni
Lille (Fra)

L. Ciman
28 anni
St.Liège (bel)

M. Fellaini
A. Januzaj
K. De Bruyne M. Dembélé
E. Hazard
26 anni
19 anni
22 anni
26 anni
23 ann
Manc. Utd (eng) Manc. Utd (eng) Wolfsburg(ger) To-enham(eng)Chelsea (eng)

N. Lombaerts
29 anni
Zenit (Rus)

A.Vanden Borre
26 anni
Anderlecht (bel)

A. Witsel
25 anni
Zenit (Rus)

R. Lukaku
21 anni
Chelsea (eng)

M.Wilmots
22/02/1969
(Bel)

Girone H

BELGIO

Le gare

VI PRESENTO IL BELGIO
Sono ben 12 le partecipazioni con esordio nel 1930, il suo miglior
risultato lo ha o!enuto nel 1986 quando arrivò quarto perdendo la
semifinale contro l’Argen+na. Dopo un girone eliminatorio straordinario è candidata per essere la squadra rivelazione del torneo.
Il Belgio si presenta al Mondiale in Brasile come una delle possibili
sorprese, dotato di un organico completo in ogni reparto e all'inizio
di un ciclo prome-ente. Assente dalla massima compe zione per
nazionali dal 2002, la squadra allenata da Marc Wilmots viene
considerata tra le più compe ve della sua storia calcis ca. Dopo
la mancata qualificazione alla fase finale degli Europei del 2012, la
federazione belga ha deciso di inves re in maniera massiccia nelle
scuole calcio e negli impian spor vi per i giovani: si è dato vita ad
un proge-o al quale presero parte le tre squadre principali del
paese, ovvero l’Anderlecht, il Genk e lo Standard Liegi, imponendo
a tu-e le squadre giovanili di u lizzare come modulo il 4-3-3, quello impar to da Guardiola al suo Barcellona. La "banda" di Marc
Wilmots, con ben 6 giocatori na dopo il 1990, torna al Mondiale
dopo 12 anni. E proverà a sorprendere le grandi con il talento di Hazard, la sicurezza di Courtois e la potenza
di Lukaku. Nell'ul mo anno Wilmots ha variato tra un 4-3-3 e il 4-2-3-1. In Brasile sembra orientato a giocare
con una punta centrale di peso (Lukaku) e una ba-eria di trequar s (Hazard-De Bruyne-Mertens, ma anche
Januzaj) a sostegno. L'unico tolo a livello senior per la selezione belga sono i Giochi Olimpici del 1920, disputa ad Anversa. Il Belgio ba-è in finale la Cecoslovacchia (2-0). E’ proprio l'a-uale ct Wilmots il giocatore che
con la maglia del Belgio ha segnato più re , cinque, in un Mondiale. Tra i 23 giocatori della rosa belga ben 9
(tra cui Lukaku, Witsel e il capitano Kompany) hanno genitori non originari del Paese, anche se tuD sono na
sul territorio del Regno.

LA STELLA

Il Belgio ha svaria elemen interessan : si parte dai
due por eri, entrambi molto compe vi come il più
esperto Simon Mignolet, 25enne del Liverpool, e il più
giovane Thibaut Courtois, classe '92, da tre stagioni
numero uno dell'Atle co Madrid. La difesa è il reparto
dotato di maggiore esperienza internazionale: Jan
Vertonghen del To-enham insieme al capitano Vincent Kompany (Manchester City) formano una coppia
di centrali collauda ssima. In mezzo al campo il Belgio
Il PERCORSO Nel gruppo A il Belgio ha raccol- ha giocatori dalla classe cristallina come Witsel, 24ento 26 pun , fru-o di o-o successi e due pareggi sui
ne dello Zenit di San Pietroburgo, Marouane Fellaini
dieci incontri disputa . 18 le re segnate a fronte di
del Manchester United, Dembelè del To-enham e De
appena 4 gol incassa . Dietro i dominatori del ragBruyne del Wolfsburg. Il reparto offensivo sarà privo
gruppamento si sono classificate Croazia (17), Serdella punta dell'Aston Villa Benteke (fuori causa per la
bia (14), Scozia (11), Galles (10) e Macedonia (7).
Certo non un girone facile in cui ha comunque
ro-ura del tendine d'achille) ma può contare sull'edominato giocando un oDmo calcio, diventando la stro di Mertens e Hazard e sulla potenza fisica e la
migliore qualificata dopo l’Olanda.Miglior marcato- prolificità dell'ex Chelsea Lukaku e di Mirallas, a-acre del Belgio durante le qualificazioni a Brasile
cante dell'Everton.
2014: De Bruyne, 4 gol.

I. Akinfeev
28 anni
CSKA Mosca

I. Denisov
30 anni
Din.Mosca

M. Kanunnikov
22 anni
Amkar Perm

Y. Lodygin
24 anni
Zenit

S. Ryzhikov
33 anni
Rubin Kazan

V. Fayzulin
28 anni
Zenit

P. Mogilevets
A. Ionov
21 anni
25 anni
Dinamo Mosca Rubin Kazan

A. Kokorin
A. Kerzhakov
23 anni
31 anni
Dinamo Mosca Zenit

V. Berezutski
31 anni
CSKA Mosca

S. Ignashevich G. Schennikov
23 anni
34 anni
CSKA Mosca
CSKA Mosca

V. Granat
27 ann
Din.Mosca

A. Kozlov
27 anni
Din.Mosca

A. Semenov
25 anni
Terek Grozny

O. Shatov
23 anni
Zenit

A. Dzagoev
23 anni
Cska Mosca

D. Glushakov
D. Kombarov A. Samedov
27 anni
27 anni
29 anni
Spartak Mosca Spartak Mosca Lok. Mosca

A. Eshchenko
30 anni
Anzhi

Y. Zhirkov
30 anni
Dinamo Mosca

F.Capello
18/06/1946
(Ita)

Girone H

RUSSIA

Le gare

VI PRESENTO LA RUSSIA
Ha partecipato alla fase finale dei Mondiali per 10 volte con esordio
nel 1958, nel 1966 o!enne un quarto posto rimasto il migliore
risultato.
La rosa della Russia è formata da un mix di giocatori esper e in via
di maturazione, allena dall'italiano Fabio Capello. I calciatori provengono pra camente tuD da club del campionato di calcio nazionale, la Russian Premier League, diventato da alcuni anni un torneo
piu-osto compe vo. Per alcuni giocatori si tra-a dell'ul ma occasione a livello di compe zioni per nazionali: Ignashevich e Kerzhakov hanno superato i 30 anni e arrivano in Brasile con un bagaglio
elevato d'esperienza (la stessa cosa si poteva dire per Shirokov,
fermato però da un infortunio a pochi giorni dal Mondiale). Capello
punta molto sulla voglia di rivalsa da parte dei russi che vogliono
ripetere l'oDmo risultato o-enuto all'Europeo di calcio del 2008
quando arrivarono in semifinale, uscendo dall'anonimato durato
mol anni. Capello schiera un 4-5-1 che, di fa-o, è un 4-2-3-1
so-omesso alle esigenze della fase difensiva, punto forte della
squadra. Punta unica Sasha Kerzhakov, all'ul ma chiamata: in alterna va la giovane promessa Kokorin.
La Russia torna ai Mondiali dopo 12 anni: ul ma esperienza nel 2002
Non ha mai disputato un Mondiale in Europa ed è l'unica nazionale già qualificata ai Mondiali 2018: sarà
infaD il paese ospitante.
La Russia non ha un ct russo dal 2006: l'ul mo fu Borodjuk dal 2006 ad oggi si è affidata agli olandesi Hiddink e
Advocaat e all'italiano Capello, Quest’u mo è al secondo Mondiale perché nel 2010 ha già guidato un'altra
nazionale ai Mondiali: l’Inghilterra uscendo però agli o-avi di finale.
C’è molta curiosità intorno a questa squadra per vederla impegnata contro squadre di maggior caratura.

LA STELLA
La Russia dispone di un organico ricco di elemeninteressan tra cui spiccano il capitano Denisov e Zhirkov, rispeDvamente mediano ed
esterno sinistro della Dinamo Mosca, la seconda
punta Faizulin e l'a-accante Kherzakov, dello
Zenit San Pietroburgo. La vera stella della nazionale russa però è il ct Fabio Capello: il tecnico
Il PERCORSO
Nel gruppo F della qualificazione ai Mondiali 2014 la friulano nella sua carriera da allenatore ha vinto
Russia si è classificata al primo posto o-enendo 22 di tu-o (1 Champions League, 5 campiona itapun con se-e vi-orie, due pareggi e una sola
liani, 2 liga spagnola solo per citare i trofei più
sconfi-a (20 gol realizza a fronte di appena 5 re
importan ) ed è alla seconda esperienza sulla
subite). Alle sue spalle sono arrivate il Portogallo
panchina di una nazionale. Negli ul mi Mondiali
(21, qualificata a-raverso i play off), Israele (14),
Azerbaigian (9), Irlanda del Nord (7) e Lussemburgo in Sudafrica Capello è stato alla guida dell'Inghil(6).
terra che ha portato sino agli o-avi di finale.
Miglior marcatore della Russia durante le qualificazioni a Brasile 2014: Aleksandr Kerzakov, 5 gol.

M. Zemmamouche C. Si Mohamed R. M'Bolhi

29 anni
USM Alger

29 anni
CS Constan ne

N. Bentaleb c
A. Djabou c
19 ann
27 anni
To-enham (eng) C.Africain

I. Slimani a
25 anni
S.Lisbona (Por)

D. Mesbah d
E. Belkalem d L. Cadamuro d R. Halliche d
26 anni
27 anni
29 anni
28 anni
25 anni
CSKA Sofia (Bul) Wajord (Eng) Mallorca (Esp) Académica(Por) Livorno(Ita)

M. Lacen c
30 anni
Getafe (Fra)

M. Mostefa c
30 anni
Ajaccio (Fra)

H. Yebda c
30 anni
Udinese (Ita)

Y. Brahimi c
24 anni
Granada(Esp)

M. Bougherra d F. Ghoulam d
31 anni
23 anni
Lekhwiya (Pol) Napoli (Ita)

S. Feghouli c
C. Medjani c
S. Taïder c
24 anni
29 anni
22 anni
Valencia (Esp) Valenciennes(Fra) Inter (Ita)

A. Mandi d
22 anni
Reims (Fra)

N. Ghilas a
24 anni
Porto (Por)

R. Mahrez a
E. Soudani a
V. Halilhodžić
23 anni
26 anni
15/05/1952
Leicester (Eng) D.Zagabria (Cro (Ser)

Girone H

Algeria

Le gare

VI PRESENTO L’ALGERIA
Ha Partecipato 3 volte alla fase finale del Mondiale con esordio nel
1982, è sempre stata eliminata al primo turno (1982, 1986 e 2010).
Spazio ai qua-ro ‘italiani’ (Ghoulam del Napoli, Mesbah del Livorno, Taider dell’Inter e Yebda dell’Udinese)
Una nazionale giovane, una mina vagante. L'Algeria che si presenta
ai Mondiali del Brasile non è quella di Madjer e Belloumi del Mondiale 1982, ma ha dei giocatori che potrebbero sorprendere le più
quotate Russia e Belgio. Dopo il fallimento della Coppa d'Africa il ct
Vahid Halilhodzic ha saputo resistere alle cri che e, tra mille difficoltà, a conquistare un posto in Brasile con un gioco pragma co,
nonostante i numeri dicano 4-2-3-1, in grado di esaltare le qualità
del bomber Islam Slimani, punta classe 1988 in forza allo Spor ng
Lisbona. Les Fennecs (le volpi del deserto) nell'ul mo anno hanno
scelto la linea verde, promovuendo tolari giocatori come Taider,
Ghoulam e Bentaleb, ul mo prodo-o dell'academy del To-enham,
ecco perchè in Brasile potrebbero peccare di inesperienza.
L’Algeria gioca Gioca con Un 4-3-3 con un mediano basso
(potrebbe essere Medjani) e un tridente molto veloce, con Soudani
candidato numero uno a fare la prima punta.
Gli africani non segnano un gol ai Mondiali dal 3 giugno 1986 (Algeria-Inghilterra 1-1, gol di Djamel Zidane).
Nella rosa dei 23 a disposizione del ct 16 giocatori sono na in Francia. Come Ghoulam, terzino del Napoli, e
Taider, centrocampista dell'Inter.
Oltre a chi milita in Serie A (Mesbah, Ghoulam, Taider e Yebda) c'è un giocatore che ha un legame par colare
con il nostro Paese: Liassine Cadamuro, nato in Francia da papà italiano e madre algerina.
Non ha mai passto il primo turno e per la qualificazione agli o-avi servirà un miracolo.

LA STELLA
Nessun grande nome, tan giovani in rampa di
lancio. Tra ques non c'è Ishak Belfodil, che paga
un anno da dimen care con le maglie di Inter e
Livorno. Halilhodzic punterà tu-o su Slimani,
autore di 5 goal nella fase di qualificazioni, e alla
velocità sugli esterni di Soudani e Djabou. Taider
nell’Inter tra luce ed ombre sta comunque cresendo accumulando esperienza. Sofiane FeghouIl PERCORSO
li, trequar sta del Valencia, è l'elemento di
maggior classe della rosa dotato di una buona
L'Algeria si è qualificata per i Mondiali di calcio del
velocità e oDma tecnica è chiamato a trascinare
Brasile vincendo il Gruppo H con 15 pun , davan a
Mali, Benin e Ruanda. Nel playoff contro il Burkina una squadra che punta più sul fisico che sul gioFaso, finalista all'ul ma Coppa d'Africa, ha perso 3- co. Goulam sarà tolare capace di punizioni e
2 a Ouagadougou, vincendo il match di ritorno a
ri da fuori aria di grande potenza e precisione.
Bilda 1-0, grazie a Bougherra. Miglior marcatore
Mesbah starà in tribuna
dell'Algeria durante le qualificazioni a Brasile 2014:
Islam Slimani, 5 gol.

S.R. Jung (P)
28 anni
S.Bluewings

S.Y.Youn d
24 anni
Qpr (Eng)

Keun-Ho Lee a
29 anni
Sangju Sangmu

S.G. Kim (p)
23 anni
Ulsan

B.Y. Lee (p)
25 anni
Busan I'Park

J. Hong (d)
24 anni
Augusta (ger)

Ha Dae-Sung c K.Y Han c
Dong-Won Ji c
29 anni
20/05/1991
24 anni
Beijing G. (Chi) Kashiwa R. (Jap) Augusta (Ger)

S.H. Hwang (d) C.S. Kim (d)
J.S. Kim d
24 anni
28 anni
22 anni
S.Hiroshima
Kashiwa R. (Jap) Albirex N(Jap)

Joo-Ho Park
27 anni
Mainz (Ger)

Tae-Hwi Kwak d Young Lee d
27 anni
32 anni
Ulsan (Kor)
Al Hilal (Sau)

Sing-Yong Ki c Bo-Kyung Kim c Chung-Yong Lee Park Jong-Woo Koo Ja Cheol a Shin-Wook Kim
25 anni
14/04/1988
24 anni
25 anni
25 anni
27/12/1988
Sunderlan(eng) Cardiff (eng)
Bolton W.(Eng) Guangzhou(Chi) Mainz 05 (eng) Ulsan (Kor)

Chu-Young Park Heung-Min Son Myung-Bo Hong
28 anni
21 anni
12/02/1969
Wajord (eng) B.Leverkusen (ger) (Kor)

Girone H

Corea del Sud

Le gare

VI PRESENTO LA RUSSIA
Ha Partecipazioni ben 8 volte alla fase finale dei mondiali esordendo nel 1954, nel 2002 arrivarono quar+ e negli o!avi sconfissero gli
azzurri di Trapa!oni eliminandoli agli o!avi dopo una par+ta fortemente discussa per l’arbitraggio del Colombiano Moreno.
La Corea del Sud ha centrato l'o-ava qualificazione consecu va alla
fase finale dei Mondiali di calcio, fa cando però più del previsto.
InfaD dopo la sconfi-a col Libano, il ct Cho Kwang-Rae è stato
esonerato e sos tuito da Choi Kang-Hee, che dopo essersi qualificato grazie alla differenza re , ha lasciato il posto all'ex capitano ed
a-uale allenatore Hong Myung-Bo. Le gri asia che in Brasile difficilmente riusciranno a stupire come fecero nel Mondiale giocato in
casa nel 2002, quando arrivarono fino alle semifinali eliminando
prima l'Italia del Trap ai tempi supplementari con golden gol di Ahn
Jung-Hwan (poi cacciato dal Perugia dal vulcanico presidente Luciano Gaucci) e un arbitraggio scandaloso dell'ecuadoriano Byron
Moreno, poi la Spagna ai calci di rigore. Scontato l'u lizzo del 4-2-3
-1 per supportare le variabili offensive. Gerarchie non completamente definite in porta, dove Jung Sung-Ryong sembra avvantaggiato rispe-o a Kim Seung-Gyu.
Il 22enne Son Heung-Min a-accante del Bayer Leverkusen guida una formazione giovane (solo Kwak Tae-Hwi
ha più di 30 anni), e si candida ad essere l'outsider del gruppo e tenterà di me-ere i bastoni fra le ruote di
Belgio e Russia e 5 dei convoca per il Brasile giocano in Bundesliga.
Nei primi 6 Mondiali a cui ha partecipato non ha mai vinto una par ta ed il primo successo è arrivato ai Mondiali del 2002 contro la Polonia quando conquistò il quarto posto nel Mondiale di casa 2002 rimasto nella
storia sudcoreana, tanto che proprio a Guus Hiddink, ct coreano nel 2002, è stato dedicato lo stadio di Gwangju.

Il PERCORSO
La Corea del Sud si è qualificata per Brasile 2014
classificandosi al secondo posto del Gruppo A della
zona di qualificazione asia ca con 14 pun dietro
all'Iran (16) e davan a Uzbekistan (14, ma con una
peggiore differenza re ), Qatar (7) e Libano (5).
Miglior marcatore della Corea del Sud durante le
qualificazioni a Brasile 2014: Lee Keun-Ho, 3 gol.

LA STELLA
La squadra è stata profondamente rinnovata rispe-o all'ul mo Mondiale nel 2010, quando la Corea del Sud uscì agli
o-avi di finale contro l'Uruguay. InfaD il ct Hong Myung-Bo
ha lasciato a casa anche Park Ji-Sung (l'ex Manchester United
ha annunciato il ri ro) e sono rimas solo cinque giocatori
reduci dalla spedizione in Sudafrica: il por ere Jung SungRyong, il difensore Lee Young-Pyo, l'a-accante Park ChuYoung, i centrocampis Lee Chung-Yong e Ki Sung-Yueng.
Ques ul mi tre giocano in Europa, così come altri sei calciatori convoca , tra i quali spicca Son Heung-Min. Si tra-a di
un a-accante classe 1991, cresciuto nel se-ore giovanile
dell'Amburgo, che l'anno scorso lo ha venduto al Bayer Leverkusen per una cifra vicina ai 10 milioni di euro. In questa
stagione ha realizzato una triple-a in campionato proprio
alla sua ex squadra e nell'ul ma giornata di Bundesliga contro il Werder Brema ha segnato il gol decisivo per il quarto
posto in classifica, u le alla qualificazione ai preliminari di
Champions League.


Documenti correlati


Documento PDF lucky planet tabloid speciale mondiale 3
Documento PDF tabloid a4 n 2 14
Documento PDF lucky planet n 4 2014
Documento PDF giornalino a4 5
Documento PDF tabloid a4 3
Documento PDF lucky planet 1 2014


Parole chiave correlate