File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Ricerca PDF Assistenza Contattaci



parere sul Parere della Commissione europea su piano di riforme e piano di stabilità del Governo Renzi .pdf



Nome del file originale: parere sul Parere della Commissione europea su piano di riforme e piano di stabilità del Governo Renzi.pdf
Titolo: Senza titolo
Autore: manuela porcaro

Questo documento in formato PDF 1.3 è stato generato da TextEdit / Mac OS X 10.7.4 Quartz PDFContext, ed è stato inviato su file-pdf.it il 07/07/2014 alle 12:21, dall'indirizzo IP 2.192.x.x. La pagina di download del file è stata vista 908 volte.
Dimensione del file: 28 KB (3 pagine).
Privacy: file pubblico




Scarica il file PDF









Anteprima del documento


Ecco il testo della RACCOMANDAZIONE fatta dal CONSIGLIO DELL' UNIONE
EUROPEA in merito al programma nazionale di riforma e del Programma di
Stabilità del 2014 dell'Italia, che di fatto sancisce il nostro commissariamento e la
nostra definitiva sottomissione alla dittatura dell' UE
(qui trovate l'intero documento di lavoro dei servizi della Commissione che
accompagna la raccomandazione:
http://ec.europa.eu/euro.../pdf/csr2014/csr2014_italy_it.pdf )
Come si capisce dal titolo,
questo documento è il "parere" della Commissione Europea sulle MISURE CHE IL
NOSTRO GOVERNO HA GIA' PRESENTATO in precedenza.
Questa doverosa premessa per sottolineare il fatto che, mentre il Presidente del
Consiglio riempie tutte le prime pagine dei principali quotidiani nazionali con le
sue dichiarazioni sull' Europa che va "difesa dall' assalto dei tecnocrati", il suo
Governo si era già impegnato con quegli stessi tecnocrati.
E aveva promesso alcune cose.
Vediamo allora brevemente nel dettaglio quali, per misurare a dovere la distanza
tra il dire e il fare, ma soprattutto allo scopo di capire cosa ci aspetta e darvi il senso
di
COSA STA PER ACCADERE NEL NOSTRO PAESE, SE NESSUNO RIUSCIRA' AD
IMPEDIRLO!!!
Il documento parla di "rafforzamento della SORVEGLIANZA delle posizioni di
bilancio" e di "prevenzione e CORREZIONE degli squilibri macroeconomici".
Infatti, per chi ancora non lo avesse capito, "loro" (i tecnocrati) ci sorvegliano e ci
correggono i famosi "compiti a casa" con la matita rossa.
Il nostro Paese, ci ricorda la Commissione, era "annoverato tra gli Stati membri
bisognosi di un esame approfondito".
Questo esame è terminato a marzo 2014 con la conclusione che, dati anche i nostri
"pessimi risultati di crescita", i nostri squilibri siano talmente "eccessivi" da
richiedere "un' azione politica decisa".
Sulla base di questo, il governo Renzi, il 22 aprile 2014
(esattamente due mesi dopo la sua nascita) ha presentato i suoi due programmi di
riforma e di stabilità il cui obiettivo è il PAREGGIO DI BILANCIO "entro il 2016".
E cosa ci manda a dire in proposito la Commissione Europea?
Che "lo scenario macroeconomico sul quale si fondano le proiezioni di bilancio del
programma non è convalidato da un organismo indipendente" e sarebbe
"leggermente ottimistico".
Infatti, nel 2014 è prevista una deviazione dal percorso di AGGIUSTAMENTO
STRUTTURALE DEL DEBITO
("soltanto 0,1 punti percentuali di PIL" a fronte di quello "richiesto di 0,7 punti", circa
12 miliardi di Euro, n.d.r.) e quindi sono "NECESSARI SFORZI AGGIUNTIVI".
Ma dal momento che "i recenti interventi vòlti ad alleggerire la pressione fiscale sui

fattori di produzione" (leggi: lavoratori e aziende, i famosi 80 Euro in busta paga,
n.d.r. ) sono stati piuttosto limitati",
vi è "il margine per SPOSTARE ulteriormente il CARICO FISCALE verso i
CONSUMI, e i BENI IMMOBILI ".
In concreto, il Consiglio raccomanda di :
1) AUMENTARE le aliquote IVA e RIDURRE le AGEVOLAZIONI FISCALI (e infatti è
già da un po' che gli uomini del governo parlano di "armonizzazione");
2) attuare la REVISIONE DEI VALORI CATASTALI, per rendere "più equa"
l' imposta sugli immobili
(cioè un AUMENTO della già odiosissima IMU-TASI);
3) "associare a questi interventi MISURE AGGIUNTIVE che migliorino il rispetto
dell' OBBLIGO TRIBUTARIO",
e cioè "CONTROLLI FISCALI" ( e a questo proposito è molto apprezzata la
decisione del Governo italiano di "INTRODURRE per il 2015 DICHIARAZIONI DEI
REDDITI PRE-COMPILATE");
4) effettuare "adeguamenti", cioè AUMENTI delle ACCISE sul GASOLIO (col
pretesto dell' "ambiente");
5) attuare "MISURE intese a promuovere la creazione di nuovi POSTI DI LAVORO
A BREVE TERMINE" ( i MINI-JOB che tanto piacciono ai governi tedeschi, e che
hanno creato povertà e disagi a 8 milioni di lavoratori tedeschi- circa il 25% dei
dipendenti- con paghe che spesso non superano i 500 Euro al mese e i 9,5 Euro
all' ora, come evidenzia ormai anche l'organo di Confindustria, Il Sole 24 Ore, http://
www.ilsole24ore.com/.../prezzo-minijob-082219... ),
e "valutare la necessità di ulteriori interventi" a proposito di:
"RIFORME DEL MERCATO DEL LAVORO",
"quadro di CONTRATTAZIONE SALARIALE",
"PROCEDURE DI LICENZIAMENTO"
e competitività del COSTO DEL LAVORO
(un vero e proprio ATTACCO AL MONDO DEL LAVORO, AI LAVORATORI E AI
LORO DIRITTI);
6) attuare l' "ambizioso PIANO DI PRIVATIZZAZIONI"
(allo scopo di fare cassa al ritmo di 0,7 punti percentuali di PIL ogni anno nel
periodo 2014-2017).
Poi, dopo averci ricordato la mancanza di trasparenza, di qualità e di controllo
della nostra PA e l' eccessiva corruzione (come dargli torto?) anche in materia di
gestione di fondi dell' UE,
un' altra perla, questa volta in materia di attività (le IMPRESE),
fate bene attenzione:
occorre "migliorare la gestione delle ATTIVITA' DETERIORATE e FAVORIRNE LA
LIQUIDAZIONE
PER RINVIGORIRE LA CAPACITA' DELLE BANCHE DI EROGARE PIU' PRESTITI

all' economia reale" ! ! !
Cioè, facciamo un po' di pulizia facendo FALLIRE le imprese in difficoltà, così le
signore banche potranno tornare ad erogare prestiti più serenamente, con buona
pace di quelli che avranno chiuso, licenziato, e magari si saranno anche tòlti la
vita!!!
Allora, SIG. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO dei Ministri, MATTEO RENZI:
COSA HA DA DIRE IN MERITO A QUESTE "RACCOMANDAZIONI" DELLA
COMMISSIONE EUROPEA,
CHE DI FATTO SANCISCONO IL NOSTRO COMMISSARIAMENTO E
METTONO BENE IN CHIARO COSA AVETE PROMESSO AI "TECNOCRATI"
SULLA PELLE DEI CITTADINI ITALIANI,
GIA' MASSACRATI DA UNA CRISI SENZA FINE PROVOCATA DALLE MISURE DI
AUSTERITY, DI CUI VOI DEL PARTITO DEMOCRATICO
SIETE COMPLICI E RESPONSABILI SIN DAI TEMPI DEL GOVERNO MONTI ???
E' COSI' CHE LEI VUOLE "CAMBIARE VERSO ALL' EUROPA" ?
Presidente Renzi @matteorenzi, #cosapensadifare?


parere sul Parere della Commissione europea su piano di riforme e piano di stabilità del Governo Renzi.pdf - pagina 1/3
parere sul Parere della Commissione europea su piano di riforme e piano di stabilità del Governo Renzi.pdf - pagina 2/3
parere sul Parere della Commissione europea su piano di riforme e piano di stabilità del Governo Renzi.pdf - pagina 3/3

Documenti correlati


Documento PDF parere sul parere della commissione europea su piano di riforme e piano di stabilita del governo renzi
Documento PDF il sole 24 ore 21 06 2015 by pds
Documento PDF ilfattoquotidiano 2 08 2015
Documento PDF ilfattoquotidiano 2 08 2015
Documento PDF la stampa 23 03 2014
Documento PDF il corriere della sera 20 06 2015 by pg


Parole chiave correlate