File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Ricerca PDF Assistenza Contattaci



RG1938 10 14 236 P1.pdf


Anteprima del file PDF rg1938-10-14-236-p1.pdf

Pagina 1...4 5 67816

Anteprima testo


144--1938 (XVI)

4302
In

caso

-

GA%ZETTA

UFFICIALE DEL REGNO D'ITALIA

di

vacanza di posto i rispettivi Enti mandanti
alla nuova designazione entro trenta giorni dalla
vacanza e la nuova desiguazione scade con l°anzianità posseduta dal menibro al quale il nuovo eletto ò succeduto.
11 presidente e tutti i menilni del Consiglio di amministrazione hanno voto deliberativo.

provvedono

'Art. 5.

·

N. 238

speciali commissari, oppure Commissioni, delle quali è dL
diritto presidente il presideute del Consiglio di amministrazione, il quale tuttavia ha facoltà di delegare a rappresentarlo in queste deteriniuate funzioni uno dei membri del
Omsiglio o del Conlitato esecutivo.
I membri del Comitato esecutivo, estranei al Consiglio
di aniministrazione, possono essere invitati alle sedute del
Consiglio stesso con voto consultivo.

Il

segretario dell'Ente, nomiuato con decreto del DECE.
l'osservanza delle modalità e dei requisiti stabiliti dal re.
golantento interno di cui al successivo art. 0, su proposta del

Art. 8.

con

Consiglio d'i amministrazione, è l'esecutore delle deliberazioni
del Consinlio stesso per tutto quanto riguarda in gestione geverale dell'Ente, à l'organo di colleganiento fra il Consiglio di
amministrazione ed il Coniitato eseentivo di cui al successivo
art. 7. 11 segretario prossede, inoltre, alla conservazione di
quanto costituisce il patrimonio dell'Ente, alle ordinanze di

incasso delle

somme che per

qualsiasi

titolo siano devolute al-

l'Ente; emette, dietro disposizione del presidente, gli ordini
di pagamento e compie tutte quelle operazioni che si rendono
necessarie per il normale servizio di gestione e di cassa. Escrcita le funzioni di vigilanza e di disciplina su tutte le disposizioni che gli vengono trasmesse dal presidente; è a capo di
tutti gli uffici dell Ente ed è segretario del Consiglio di am-

La rappresentanza delPEnte è allidata al presidente, il
quale può esercitarla anelle nei giudizi di fronte ai terzi.
11 presidente convoca il Consigli.o di anuninistrazioqÿ e
presiede all'esecuzione delle sue deliberazioni.
Ju casi di necessitù, prende tutte le deliberazioni che ritiene opportune per la regolare gestione dell'Ente e per
Forganizzazione delle Triennali, dandone poi comunicazione al Consiglio di ainniinistrazione nella prima adunanza.
11 presidente promuove dai competenti organi;
governativi, conformemente alle vigenti convenzioni internazionali,
gli inviti ulliciali alle Nazioni straniere e, condiusato dal
segretario dell'Ente, mantiene gli opportuni contatti con
i commissari utliciali delle Nazioni estere.

niinistrazione.
Per il servizio di
credito di notoria

cassa

solidità,

l'Ente si avsnie di
da

designarsi

Œtl

un

Art. 9.

Istituto di

Consiglio

di

am-

ministrazione.

In
dal

Art. G.
Con

di.

assenza

Consiglio

del

personale di ruolo dell'Ente, nonchè la consistenza numerica del personale avventizio, osservando, per l'eventuale assanzione e la retribuzione di quest'ultimo personale, le norine
ed i limiti stabiliti dal II. decreto-legge 4 febbraio 1937
V,
n. 100, per i dipendenti statali non di ruolo di categoria similare. Il presidente nomina il personale avventizio in relazione alle esigenze dell'organizzazione e dell'esercizio della
Triennale, entro i limiti nunierici ílssati nel regolamento interno.

di amministrazione nomina un Comitato

ese-

utivo, che è l'eseentore del Consiglio per tutto quanto riguarda la organizzazione delle Esposizioni.
11 Óoniitato esecutivo, che è presieduto di diritto dal
presiJente della Triennale o da clii lo sostituisce, à composto, ai
scusi dell'art. 2 del R. decreto-legge 3 giugno 1938-XVI, nuniero 003, del segretario dell'Ente e di altri membri fino al nnmero di cinque, da scegliersi in seno al Consiglio di amministrazione ed anche in tutto o in parte al di fuori di esso.
I membri del Comitato esecutivo rimnugono in carica per
il periodo di tempo corrispondente alla durata della
gestione finanziaria di ciascuna esposizione e possono essere
rieletti. In tutti i ensi la durata della carica deil conq)onenti
il Contituto esecutivo cessa colla sendenza del
Consiglio di
amministrazione che li ha nominati.
Nelle decisioni del Comitato eseentivo, qualora si verifichi
il caso di parità di voti, prevale il voto del presidente. Per
condiuvare il d'omitato esecutivo nell'organizzazione e nelPordinamento

di determinat.e sezioni, il Consiglio di amsu. proposta del
presidente, può nominare

ministrazione,
e

di

presidente,

ne

in le veel

nuo

dei

amministrazione all'uopo delegato

Art. 10.
Il

Consiglio di amministrazione ò convocato ogni qualpresidente lo ritenga opportuno e non aueno dit tre
all'anno o quando alineno tre inembri lo richiedano

volta il
volte

per iscritto.

L'invito alle sedute deve essere

fatto

alaieno

cinque giorni prinia della data di convocazione, salvo i casi
d'urgenza, i.» cui può farsi anche sentiquattr'ore prima.
Art. 11.
Le
lide

adunanze

del Consiglio di aniministrazione sono
la maggioranza dei consiglieri
interviene
quando

sa-

in

carica.

Le deliberaziont del Consiglio debbono essere prese a magdi voti. Di esse à tenuto nota in
apposito regi.stro, e tali verbali di sedute sono firmati in calce dal presidente e dal segretario dell'Ente.

gioranza

Art. 7.

Consiglio

del

presidente.

apposito regoloniento interno,

da approvare con decreto
del DUCE, su proposta dei 3Iinistri per le finanze e per le
corporazioni, il Consiglio di amministrazione determina l'organico, le modalità di assunzione, lo stato giuridico, il trattamento economico d'i attività e di quiescenza e le attribuzioni

Il

caso

meinbri del

Art. 12.
La gestione finauziaria deH'Ente si chiude al 31 anarzo
dell'anno successivo a quello in cui hanno
luogo le Esposizioni. Lo stato di previsione delle entrate e delle
spese di
ciascuna gestione deve essere approvato dal Consiglio di
ämmini.strazione entro il 31 marzo .dell'anno in cui la
gestione ha inizio e il rendiconto finale di ciascuna
gestione
deve essere approvato dal Consiglio di amministrazione non
oltre il 30

giugno dell'anno della chi:usura della gestione.
previsioue e il rendiconto finale di ciasenna
gestione, corredati dalle deliberazioni di approvazione det
Consiglio dil anuninistrazione e dalle relazioni dei revisori
dei conti, sono rimessi, appena
approvati dal Consiglio di
anuninistrazione, alla Presidenza del Consiglio dei Mintstri per essere sottoposti all'approvazione del
DUCE, senLo stato di

titi i Ministri per le
per le

corporazioni.

finanze,

per l'educazione nazionale

e