File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Ricerca PDF Assistenza Contattaci



Frater Achad Accoglienza della Sposa .pdf



Nome del file originale: Frater Achad - Accoglienza della Sposa.pdf
Titolo: Q.B.L. , L'accoglienza della sposa
Autore: Frater Achad

Questo documento in formato PDF 1.4 è stato generato da PrimoPDF http://www.primopdf.com / AFPL Ghostscript 8.54, ed è stato inviato su file-pdf.it il 24/07/2014 alle 12:58, dall'indirizzo IP 2.40.x.x. La pagina di download del file è stata vista 2055 volte.
Dimensione del file: 736 KB (76 pagine).
Privacy: file pubblico




Scarica il file PDF









Anteprima del documento


Q.B.L.
L’ACCOGLIENZA DELLA SPOSA
UN BREVE TRATTATO CABALISTICO
SULLA NATURA E L’USO
DELL’ALBERO DELLA VITA

di FRATER ACHAD

Tradotto da G.D.M.
Biblioteca Virtuale F.T.Q.
(http://www.biblioftq.it)
Napoli, 2006

2

PREFAZIONE ALL’EDIZIONE ELETTRONICA IN LINGUA ITALIANA.

Troppo lunga e difficilmente contestualizzabile risulterebbe un’introduzione alle opere e
all’operato di Charles Stansfeld Jones, meglio conosciuto come Frater Achad. Ciò che invece
probabilmente richiede la Via è una spietata semplicità e praticità, ed è in quest’ottica che
presentiamo la traduzione in lingua italiana di questo suo agile e illuminato trattato sulla
Qabalah. Sembrerebbe un paradosso, nello studiare argomenti cosi attinenti alla Tradizione,
affidarsi alle spiegazioni di un ’gentile’ nato in Canada nel 1886, ma coloro che ancora vagano
di libro in libro, curiosi ma tutto sommato infidi, come velati da se stessi, potranno trovare in
quest’opera molti elementi cardine di quel sistema che è tutt’ora alla base dell’iniziazione
occidentale.Certo, il Nostro non dice proprio tutto, e raramente le cose importanti vengono
ripetute, ma un attento studio, che sia capace nel tempo di portare la mente ad uno stadio
analogico, potrà tornare molto utile in vista di ben altre sincronie.
Proprio per quanto scritto, è stata una precisa scelta editoriale quella di non tradurre la
corposa appendice presente nell’edizione originale di questo libro. Sebbene ricca di spunti
illuminanti, e testimone di una speculazione e originalità analogica a tratti invidiabile, essa si
discosta ampiamente nei contenuti e nello stile da quello che tutto sommato è questo saggio:
un dito che indica la luna, e bene, secondo canoni antichi di secoli e, per chi sa in-tendere e
percepirli, estremamente vitali e creativi. Se proprio il cabalista avanzato si sentisse
irresistibilmente attratto, non avrà difficoltà a reperire tale appendice nella versione
elettronica in lingua inglese.

3

SOMMARIO

INTRODUZIONE.

CAPITOLO I.
LA FORMAZIONE DELL’ALBERO DELLA VITA COME “UNA CONCEZIONE CABALISTICA DEL PROCESSO
CREATIVO”.

CAPITOLO II.
CHE RIGUARDA LA NATURALE BASE DI CORRISPONDENZE NELL’ALFABETO EBRAICO.

CAPITOLO III.
DEI TRENTADUE SENTIERI CON LE LORO ATTRIBUZIONI YETZIRATICHE E LE CORRISPONDENZE DEI COLORI.

CAPITOLO IV.
CHE RIGUARDA I TRIONFI DEL TAROT E DELLE LORO ATTRIBUZIONI ALL’ALFABETO EBRAICO.

CAPITOLO V.
CHE E’ DI QUALCHE SPIEGAZIONE DEL NOME INEFFABILE E DEI QUATTRO MONDI CON LE LORO
CORRISPONDENZE NEGLI ARCANI MINORI DEL TAROT.

CAPITOLO VI.
CHE RIGUARDA IL MACROCOSMO E IL MICROCOSMO E COME MEDIANTE L’ALBERO DELLA VITA NOI POSSIAMO
IMPARARE AD UNIRLI, REALIZZANDO COSÌ LA GRANDE OPERA.

CAPITOLO VII.
CHE RIGUARDA LA QABALAH LETTERALE E I METODI DI GEMATRIA, NOTARICON E TEMURAH.

CAPITOLO VIII.
CHE RIGUARDA I NUMERI, I SIMBOLI E ARGOMENTI CORRELATI.

CAPITOLO IX.
DI CIO’ CHE E’ STATO, CHE E’ E CHE SARA’.

CAPITOLO X.
DEL REGNO E DELLA SPOSA.

4

INTRODUZIONE
Filosoficamente parlando, una gran mole di spazzatura si è accumulata alle radici dell’Albero
della Vita e questo, per le anime davvero affamate e assetate, è stato sicuramente un
deterrente alla partecipazione alla fruttuosa gioia che attende tutti coloro che hanno il
coraggio, la pazienza e quando possibile, l’atteggiamento di sfida di chi reclama la propria
Eredità Divina.

Riguardo questa Eredità, molti si sono accontentati di scambiarla per una “zuppa mal
arrangiata”. Infatti, anche da prima del periodo di Isaia e Giacobbe, da quando il nostro
antenato Adamo fu persuaso ad accettare una mela acida, mezza masticata, come fosse l’Intero
Frutto, i suoi discendenti hanno sofferto molto, proprio come patisce uno studentello a scuola,
che piange e si lamenta “Non c’è niente da fare, sono coinvolto per l’eternità con questa storia
del frutto proibito”.

Ora, se si dovesse ondeggiare nell’istruito ma distruttivo criticismo dei Mr. Ginsburg, essere
disgustati dalla puerilità di alcuni Mistici che ‘necessariamente’ debbono saperne di più, disillusi
dall’apparente magnificenza delle Scuole Occulte, gli esponenti delle quali ‘necessariamente’
debbono saperne di più, per non parlare del rischio di farsi avvelenare dagli sforzi non garantiti
degli imbroglioni intenzionali e dei loro ignari scagnozzi, si potrebbe ben seguire il
comportamento del piccolo scolaretto e lasciar stare il frutto dell’Albero Cabalistico.

Ma, per fortuna, vi è un aspetto di quest’Opera leggermente differente da quelli normalmente
considerati che è, o è stato per me, di grande interesse e importanza.

Per prima cosa lasciatemi esprimere il dovuto riconoscimento e ringraziamento a tutti quelli che
nel Passato e nel Presente hanno trasmesso i frammenti dell‘Antica Saggezza e che così tanto
hanno fatto in direzione di forgiarli in un completo Sistema di Conseguimento; ho usato senza
esitazione i frutti del loro lavoro, cosi come dovrebbero fare tutti i Veri Iniziati che intendono i
loro insegnamenti. Se Codesti non vengono menzionati per nome, non è per mancanza di
cortesia o di rispetto, ma piuttosto ritengo desiderabile sofisticare il meno possibile questa
pubblicazione. In altre parole, sebbene la Santa Qabalah debba ovviamente avere una storia, per
una volta intendo prendermi la libertà di tralasciare tutto il background storico, e con esso
anche tutte le chiacchiere riguardo la sua Origine, se all‘Inizio sia stata trasmessa da Dio agli
Angeli e quindi comunicata agli uomini o se è sorta dall’oscurità degli ultimi 1800 anni, e
considerare piuttosto il suo USO PRESENTE.

5

Noi dovremmo imparare a prendere vantaggio dal Passato, usando l’impalcatura del Tempio cosi
come le idee a questa connesse, ma nel modo in cui esse possono essere naturalmente usate nel
nostro particolare, e aggiungendo infine ai risultati ottenuti le nostre osservazioni e
investigazioni personali. In altre parole, troveremo nell’ “Albero della Vita” e nelle sue
corrispondenze UN CONVENIENTE MEZZO DI CLASSIFICAZIONE, una sorta di schedario a cartelle,
unito a molto notevole materiale già pronto per essere organizzato, e predisposto ad avere una
camera per tutto quello che potremo collezionare nelle nostre future ricerche.

Troveremo in questo “schedario a cartelle” uno strumento per SBARAZZARCI di un gran numero
di IDEE che sono diventate senza valore in considerazione della loro natura sbilanciata, e questo
non col mezzo della soppressione, che forma complessi, ma mediante un’attenta disposizione,
cosi da regolare le nostre menti nell’Ordine e, mediante il Bilanciamento di queste idee e dei
loro contrari, arrivare ad uno stato della Mente che trascende entrambi gli aspetti, così da
ristabilire poco a poco il nostro perduto EQUILIBRIO, che è la vera BASE dell’OPERA.

L’intenzione di questo saggio è quella di fornire una base, dalla quale tutti i seri Studenti della
Dottrina Mistica e Segreta possano imparare a conseguire l’Equilibrio su tutti i Piani, così da
gradualmente riprendere la loro Grande Eredità, e in maniera tale che mentre con sforzo si
arrampicano su e ancora più su verso la Sommità dell’Opera, tuttavia essi possano ancora più
saldamente poggiare i loro piedi su un fondamento sicuro, quella dell’Esperienza Diretta. A tutti
coloro che riusciranno nei loro sforzi, la storia importerà ben poco, se non nella misura in cui
essa registrerà le loro lotte iniziali o potrà dare suggerimenti per i mezzi da usare; ma alla Fine,
essi si ritroveranno Uno con l’Inizio, cittadini di quel Regno dove tutto è QUI ed ORA.

6

CAPITOLO I
LA FORMAZIONE DELL’ALBERO DELLA VITA COME “UNA CONCEZIONE CABALISTICA DEL
PROCESSO CREATIVO”.
Può essere opportuno avvisare il lettore casuale di questo trattato che il suo titolo
“L’ACCOGLIENZA DELLA SPOSA” non intende implicare che i contenuti che vi leggerà siano
esattamente simili a quelli di un romanzo francese. Non farò alcun tentativo di spiegare la scelta
di questo titolo, ma piuttosto confido nel fatto che esso riesca ad attrarre tutti quelli che
abbiano già fatto uno studio, almeno superficiale, della Santa Qabalah, e che questo studio sia
stato loro sufficiente per consentirgli di intravederne il significato.

Dall’altra parte coloro che sono seri, nella loro ricerca di maggiore Luce, non si lascino sviare
dalle iniziali difficoltà che possono sorgere nell’approccio ad un Nuovo Sistema o ad una
differente presentazione di quello Antico.

Per i miei attuali propositi, è essenziale che alcuni accenni siano dati sulla Formazione
dell’Albero della Vita e questo, non solo per quanto riguarda la forma grafica, per quanto la
presentazione grafica sia molto importante, ma soprattutto allo scopo di formare una ben
delineata concezione del nostro “sistema a schedario”, il quale deve essere fortemente impresso
nelle nostre menti, in maniera tale che esso sia una referenza mentale sicura al momento del
bisogno.

La parola “QABALAH” deriva dalla radice ebraica QBL, significante “RICEVERE”, e da questa
tradizione noi possiamo davvero RICEVERE il Frutto dell’ “Albero della Vita”. Dobbiamo, per
prima cosa, imparare a trascendere “LA CONOSCENZA DEL BENE E DEL MALE” e, di fatto, le
cosiddette “Coppie di Opposti”, giacché è scritto “L’EQUILIBRIO E’ LA BASE DELL’OPERA”.

Lo studio della Santa Cabala ci aiuterà ad ottenere questo Equilibrio, ma dobbiamo ben prestare
attenzione all’avvertimento nascosto che il TAROT ci dà a proposito della radice stessa(QBL),
“L’Illusione del Giocoliere con la Bilancia”.1

1

Q = XVIII = La Luna = Illusione.
B = I = Il Mago = Giocoliere.
L = XI = La Giustizia = Libra = La Bilancia.

7

All’Inizio, ci dicono i Cabalisti, vi era il NIENTE – AIN. Devo rinviare al Saggio intitolato
BERASHITH2 tutti i miei lettori che desiderano ulteriormente indagare in merito all’Assolutezza
dello Zero Cabalistico. Posso semplicemente aggiungere che i loro studi saranno ben ripagati.

Questo AIN è una concezione completamente di là dalle possibilità del pensiero umano, essendo,
per cosi dire, l’assenza di tutte le qualità conosciute inclusa l’idea stessa della “zero”.
Vi è un altro “Velo di Esistenza Negativa”3 che i Cabalisti chiamano AIN SUPH – NON LIMITATO.
Questo è riferito allo Spazio Infinito, l’Infinitamente Grande cosi come AIN può essere
considerato l’Infinitamente Piccolo; tuttavia SPAZIO privo di ogni qualsiasi qualità nota, e quindi
impossibile di una concezione da parte della mente finita.

I cabalisti aggiungono un ulteriore “velo” alla Primordiale Nulla dell’Inizio, AUR – LUCE, così da
ottenere AIN SUPH AUR, la Luce Infinita del Caos.

Qui ancora vediamo la nostra mente precipitare, incapace com’è di afferrare quella che è
ancora una concezione negativa, fin quando non cominciamo a considerare questa Illimitata
Luce dell’Infinito come CONCENTRANTESI in un CENTRO, o PUNTO FOCALE; possiamo allora
percepirla e comprenderla nella misura in cui riusciamo a focalizzare questa Luce al Centro del
nostro stesso Essere, così da ottenere, quando tutto il resto scompare, la Consapevolezza della
Somma Unità di Tutte le Cose, la CORONA AUTO-ESISTENTE DELL’ESSERE.

Questa CORONA è chiamata dai Cabalisti KETHER e simbolizzata dal PUNTO dentro il CERCHIO.
Viene attribuito ad essa il NUMERO UNO, la base di tutti i numeri, indivisibile, capace per
moltiplicazione di produrre nient’altro che Se Stesso, incapace d’addizione a se stesso eccetto
che mediante la RIFLESSIONE nel Nulla da cui è nato.

Nessuno di noi ha dubbi sulle realtà della propria ESISTENZA, o almeno dell’Esistenza di
QUALCOSA, chiamiamola COSCIENZA, o come vogliamo. Noi non conosciamo il PERCHE’ di questa
esistenza, e in verità il fatto che sia IGNOTA l’assicura l’ESSERE al di sopra di ogni possibilità di
DUBBIO. La Realizzazione di questa Esistenza non è ottenuta per inferenza o deduzione o
mediante qualche altro processo conoscitivo; è sopra ed al di là della Conoscenza e dubitare di
essa implica, tuttavia, l’Esistenza di Uno che dubita o nega.

2
3

Si può trovare nei Collected Works of Aleister Crowley.
In un certo senso Nuit e Hadit

8

Così Uno dovrebbe essere capace di eliminare dalla coscienza ogni qualità conosciuta
dell’Universo e di Sé, compresa quella Saggezza che rende possibile la manifestazione di queste
Qualità, cosicché quell’Uno possa arrivare a dire “C’è QUALCOSA che continua ad ESISTERE e che
COMPRENDE IL NULLA”. Dovrebbe allora continuare a comprendere questo QUALCOSA tornando
su Se Stesso, creando perciò quella certa DUALITA’ APPARENTE che permette al Sé di
abbracciare e comprendere Se stesso. Cosi anche fa l’UNO focalizzandosi in se stesso: dapprima
comprende le SUE Qualità essenziali, e allora può essere detto divenire Manifesto.

Per prima cosa viene l’idea della SAGGEZZA, che i cabalisti chiamano CHOKMAH, e con essa la
Grande Illusione di Maya, ”Io sono Io”, o AUTO-RICONOSCIMENTO. Ma questa concezione implica
la nascita della sua eterna compagna COMPRENSIONE – BINAH. Attraverso quest’ultima si
adempie la UNA comprensione del “Questo che è percepito” è “NON-ME”; cosicché si arriva a
negare l’Esistenza del Sé Fenomenale, arrivando a considerarlo come qualcosa di diverso dalla
RIFLESSIONE della Verità. Qui giace la Radice del Dolore, esattamente come in Chokmah giace la
Radice del Mutamento.

Allo scopo di rendere più chiara allo Studioso questa complicata concezione noi possiamo
nuovamente considerare l’argomento come segue: in Kether è nato il Movimento Roteante
dell’Universo, perciò essa è conosciuta come la SFERA del PRIMUM MOBILE. Questo movimento di
rotazione porta con sé le idee di SE’ e NON-SE’, esattamente come la Santa Parola AL (Dio o Il
Tutto) quando letta al contrario è LA (Il Nulla o Ain). Eppure entrambe non sono altro che
diverse concezioni dell’UNICA PAROLA quando la si guarda dal DI DENTRO o dal DI FUORI.
Considerando allora KETHER come la costante Rotazione di queste idee (“Sé e Non-Sé” o “Dio e
il Nulla”), ognuna susseguentesi all’altra così rapidamente che nessuna delle due può essere
affermata o negata, noi dunque vediamo come KETHER diviene la Sfera nella quale “Il sé-non
sé” è il SE’.

In CHOKMAH, corrispondente al numero DUE, viene la realizzazione di questa DUALITA’ e di
come mediante la Sua Saggezza egli ‘ faccia Sé ‘ i Mondi dal Nulla della sua propria Essenza, e
come nella vera COSTANZA di questo CAMBIAMENTO nasce la STABILITA’ dell’Universo. Com’è
scritto, “In Chokmah IL CAMBIAMENTO E’ STABILITA’”. Inoltre in Chokmah vi è la riflessione del
Sé o KETHER, esattamente come in BINAH – il Terzo SEPHIRAH – si ha la riflessione del Suo
“Altruismo”. Perciò l’abitante della Città delle Piramidi, o BINAH, è chiamato NEMO, non-uomo.

9

Ora, questi TRE sono UNO, KETHER-CHOKMAH-BINAH, e formano la prima Triade dell’Albero
della Vita, che è chiamata la TRIADE SUPERNA.

La SECONDA TRIADE fu derivata da questa mediante RIFLESSIONE, perché come questi Tre sono
Uno, così questo “UNO-IN-TRE” riflette ancora se stesso, rovesciandosi come in uno specchio.

Cosi otteniamo due ulteriori Sephiroth che si armonizzano in un terzo.

Il SEPHIRAH CHESED, o MISERICORDIA, corrispondente al NUMERO QUATTRO, è la riflessione della
Divina Saggezza e mostra ulteriormente l’aspetto Autorevole e Paterno dell’Uno come una
ricapitolazione delle Triplici Forze della Vita – i Tre fondamentali principi con il loro Punto
Centrale di Equilibrio.

IL QUINTO SEPHIRAH, GEBURAH o FORZA è la riflessione delle durevoli Qualità della Grande
Madre-Sostanza BINAH, che mostra ulteriormente la FORZA alfine di stabilire l’Autorità di Chesed
e forma con questo un forte bilanciamento, giacché è scritto “La sua Misericordia dura
eternamente”.

Queste Idee Bilanciate sono completamente armonizzate nel SESTO SEPHIRAH, che è chiamato
TIPHERETH o Bellezza. Perciò considerato che è scritto che “La Severità sbilanciata è solo
Crudeltà e Oppressione” e che “La Misericordia sbilanciata è solo soccorso e favorisce il male”,
così nella Bellezza e nell’Armonia La Verità Eterna è Rivelata, o Ri-velata, perché Kether è rivelata in Tiphereth come Il Padre lo è nel Figlio.

10

In questo modo la SECONDA TRIADE è completa ed è in se stessa una Trinità nell’Unità. Di
conseguenza abbiamo ora due TRE-UNITA’ delle quali la Seconda è una semplice riflessione della
Prima. Tuttavia come due idee non sono complete in se stesse fino a che non sono armonizzate
in una Terza, così una TERZA TRIADE è essenziale alle Due precedenti allo scopo di produrre una
TRINITA’ di TRINITA’ o TRIADI. Questa dunque è mostrata come un complemento alla Seconda o
una Seconda riflessione della Prima Triade.

Il SETTIMO SEPHIRAH – Netzach, o VITTORIA, mostra ancora di più le Forze di Attrazione e
Repulsione che si è visto inerenti a Chesed, inoltre simbolizza la Vittoria su di esse, o l’Equilibrio
di queste forze attraverso la Saggezza e Volontà che discendono da Chokmah.

L’OTTAVO SEPHIRAH è chiamato HOD, o SPLENDORE, e produce l’idea dell’INCERTEZZA, o meglio
del vacillamento, che è segretamente nascosto nella Forza di Geburah attraverso l’Influenza
dell’Altruismo di Binah. Tuttavia questa forte esitazione produce un certo brillante Splendore
nella fluidità della Mente e del Pensiero.

Ancora, entrambe queste SEPHIRAH sono armonizzate e Stabilizzate in YESOD, che è il nome del
NONO SEPHIRAH e significa IL FONDAMENTO. Questa è la sfera della STABILITA’ nel
CAMBIAMENTO esattamente come, nella Triade Superna, noi vediamo che Chokmah è chiamata
la Sfera dove il Cambiamento è Stabilità.

11

Infine, questa TRINITA’ di TRIADI diviene in se stessa un’UNITA’, simboleggiata mediante la
DECIMA SEPHIRAH chiamata MALKUTH, il REGNO, una SINGOLA SFERA pendente dall’alto e che
assomma in sé tutte le precedenti qualità e che le MANIFESTA in accordo al Disegno Creativo.
Tutte queste qualità possono essere dette in Potenza inerenti a KETHER – La Corona – la quale
con MALKUTH è, in un certo senso mistico, UNO, giacché è scritto “Kether è in Malkuth e
Malkuth è in Kether, ma in un’altra maniera”. Il NUMERO DIECI attribuito a Malkuth è il Simbolo
dell’Unità che ritorna allo Zero, perché come Kether è Uno dal Nulla-Zero, cosi anche Malkuth è
il Nulla dall’Uno - essendo l’Universo materiale, in un certo senso, il risultato dell’Illusione di
Maya e in un altro la Perfezione del Disegno Creativo, Il Vittorioso e Coronato fanciullo, la Perla
di Gran Valore, La Sposa e l’Orgoglio di Dio nella sua Creazione.

Fin qui abbiamo tracciato molto brevemente lo schema dei Sephiroth o delle EMANAZIONI
NUMERICHE come talvolta sono definiti. E’ importante notare che quest’ultimo nome usato per
lo Schema Cabalistico si basa sul concetto dei numeri ideali. Tutte le corrispondenze che in
seguito saranno menzionate e attribuite a queste DIECI SEPHIROTH avranno la loro origine nel
NUMERO che corrisponde al particolare SEPHIRAH preso in esame; cosi noi possiamo collezionare
centinaia di idee riguardo Tiphereth, ma queste possono essere tutte riferite al numero SEI, cosi
nel tempo SEI diventerà pian piano per noi un vasto serbatoio di idee. Questo si applica ad
ognuno degli altri numeri della scala decimale.

12

Formuliamo ora con più chiarezza i risultati delle nostre ricerche mediante un diagramma.

Questo mostra chiaramente la TRINITA’ di TRIADI con MALKUTH pendente da esse, e che
manifesta la loro Influenza nell’Universo Materiale.

13

Ora, vi è un'altra maniera nella quale la formulazione delle Dieci Sephiroth emananti dalla Luce
Una può essere espressa e, senza confondere eccessivamente il lettore, desidero descriverla
perché illustra in modo intelligente la NATURA DUALE di ogni SEPHIRAH. Questa è chiamata dai
Cabalisti il “LAMPO ILLUMINANTE” e connette le Dieci Sephiroth come mostrato nel diagramma
che segue.

E’ anche conosciuto come LA SPADA FIAMMEGGIANTE, ed è unito con l’idea del SERPENTE della
SAGGEZZA come sarà più approfonditamente spiegato nel seguito.

Questa idea è vantaggiosa per mostrare come ogni SEPHIRAH riceve una certa Influenza da
quello precedente e come a sua volta trasmetta la sua natura a quello successivo. Così,
CHOCKMAH (2) può essere considerato come RICETTIVO o femminino in relazione a KETHER, dal
quale riceve il Soffio Divino che diviene formulato (in Chokmah) come il VERBO o Logos, ma
come POSITIVO o mascolino in relazione a Binah al quale trasmette il VERBO o la SAGGEZZA.
Questo è a sua volta COMPRESO, o ricevuto, da Binah dal quale è proiettato in Chesed, e cosi
via, finché il processo apparentemente si completa in Malkuth. Questo è solo apparente,
comunque, poiché vi un certo “Metodo di Ritorno” per mezzo del quale il Regno apparentemente
“caduto” è ancora una volta innalzato verso i Superni e assorbito nella Corona.

14

Il progetto di quello che noi abbiamo definito il nostro “Sistema a schedario” non è tuttavia
ancora completo. Nello stesso modo in cui troviamo un aspetto triplice nell’UNITA’ e
constatiamo che ogni DUALITA’ trova il suo completamento in una terza idea che rappresenta la
sua Vera Essenza, cosi ogni SEPHIRAH partecipa della natura di una TRINITA’; perché mentre
abbiamo detto che ogni SEPHIRAH riceve l’influenza dal suo predecessore nella scala dei Numeri
e trasmette la propria al successore, tuttavia ognuno è Unico in Sé e trattiene una certa propria
Individualità.

“MEZLA” è il nome dato dai Cabalisti a questa Influenza che collega insieme i Sephiroth ed essa
opera non solo lungo il percorso della “Spada Fiammeggiante” ma anche in altre direzioni.

Il diagramma seguente renderà questa questione chiara. Esso rappresenta, almeno per quanto
concerne la sua struttura, lo SCHEMA COMPLETO DELL’ALBERO DELLA VITA, del quale
approfondiremo i dettagli man mano che procederemo. E’ talora chiamato il MINUTUM MUNDUM,
o “Piccolo Universo del Colore” e nel seguito vi spiegherò qualcosa del modo nel quale i suoi
COLORI sono stati derivati, perché mediante questo si ottiene una concezione più chiara
dell’interazione di “Mezla” tra i Sephiroth.

15

Innanzi tutto, essendo KETHER la Concentrazione della Pura Luminosità della Luce Divina di AINSUPH-AUR essa è dipinta di BIANCO.

In secondo luogo, CHOKMAH, come Numero Mediano della Prima Trinità è chiamato GRIGIO, che
è una miscela del Bianco e Nero rappresentante tutti i colori.

In terzo luogo, BINAH, l’ultimo della scala primaria, è NERO o ciò che assorbe tutti i colori.

La Triade Superna è dunque rappresentata come BIANCO – GRIGIO – NERO e questi formano le
Radici dei Colori che seguono.

La SECONDA TRIADE manifesta i TRE COLORI PRIMARI Blu, Rosso e Giallo che sono
rispettivamente attribuiti a CHESED, GEBURAH e TIPHERETH. Questi, come prima, derivano la
loro natura dalla “Scala del Re” celata in quelli superiori, come sarà spiegato in seguito, e vale a
dire: Chesed il blu da Chokmah, Geburah il rosso da Binah e Tiphereth il giallo da Kether.

La Seconda Triade trasmette i colori alla TERZA, il suo complemento, mediante la miscelazione
e unione dei suoi raggi. Cosi il BLU di CHESED combinato con il GIALLO di TIPHERETH produce il
VERDE SMERALDO in NETZACH. Il ROSSO di GEBURAH combinandosi con il GIALLO di TIPHERETH
produce l’ARANCIONE di HOD. Infine, il BLU e il ROSSO di CHESED e GEBURAH producono il colore
PORPORA di YESOD.

La Terza Triade a sua volta trasmette i suoi colori a MALKUTH in un certo modo quadruplice.

HOD e NETZACH si riflettono nella parte superiore di Malkuth e la miscela dei loro colori produce
una tinta GIALLO LIMONE. NETZACH e YESOD producono la porzione VERDE OLIVA della Sfera.
HOD e YESOD producono il MARRONE RUGGINE, mentre la SINTESI di tutti i colori forma il NERO
della quarta più in basso.

Così noi percepiamo l’intero Albero vibrante tra la Luce e l’Oscurità e composto dei Colori che
naturalmente si levano tra questi estremi.

16

Si dovrebbe inoltre notare che l’INFLUENZA di MEZLA opera in maniera tale da connettere tutti i
Sephiroth mediante i VENTIDUE “Sentieri”, che aggiunti ai nostri originali DIECI danno in tutto
una classificazione per Trentadue. Il SEPHER YETZIRAH, un antico Trattato Cabalistico, chiama
l’intero schema i TRENTADUE SENTIERI della SAGGEZZA, e quando COSI’ considerati i Sephiroth
sono numerati da 1 a 10 come nel nostro schema e gli altri collegamenti che connettono i
Sephiroth seguono la numerazione da 11 a 32 come mostrato nel diagramma. Quando si legge,
per esempio, del “Trentunesimo Sentiero”, questo sta a significare che è quello che connette
Hod con Malkuth. Tutto ciò è importante perché eviterà confusione nel seguito.

Sarà inoltre evidente che i Sephiroth, oltre a ricevere l’Influenza dal loro immediato
predecessore, come spiegato nel diagramma del Lampo Illuminante, hanno particolari estensioni
l’uno nell’altro. Cosi Binah, oltre a ricevere un Raggio da Chokmah, riceve un Raggio diretto da
Kether, e cosi via (Si veda il diagramma). Questa differenza di concezione è in ogni caso solo
apparente perché l’Influenza è in verità molto più innata nel Raggio ricevuto da Chokmah. In
prima istanza questo potrebbe non essere chiaro e la distinzione è in effetti di importanza
minore, a patto di stabilire che tutte le qualità sono inerenti ai Sephiroth se considerate come il
risultato del Lampo Illuminante invece che sotto la forma della Triade. Si vedrà questo anche,
per esempio, nel caso di TIPHERETH che riceve un Raggio diretto dai Cinque Sephiroth che lo
precedono ed esso gli ARMONIZZA tutti. La stessa cosa è vera per Malkuth dal momento che
manifesta l’intero Albero.

17

Questi “Sentieri” o Influenze, operative tra i Sephiroth, sono molto importanti come uno
sviluppo del nostro progetto o “Sistema a schedario” e questo sarà trattato con completezza nei
prossimi capitoli. Prima di completare questa sezione, comunque, è necessario parlare della
Natura delle Dieci Sfere da un altro punto di vista.

Ricordiamo allora di KETHER, la Corona, che noi chiamiamo La SFERA DEL PRIMO MOBILE perché
qui cominciarono le Forze Roteanti che, a loro volta, sono diventate la causa del Sistema di
Rivoluzione dei Corpi Celesti, o Universo Stellare.

CHOCKMAH è di conseguenza conosciuta come la SFERA DELLO ZODIACO o Casa delle Stelle Fisse.

Arriviamo dopo al più lontano (a quei tempi noto come tale) dei PIANETI, SATURNO, che è
attribuito a BINAH, che è dunque chiamata la SFERA DI SATURNO.

In seguito troviamo GIOVE che corrisponde a CHESED, mentre MARTE è attribuito a GEBURAH.

Al centro del Sistema vi è TIPHERETH che è conosciuto come la SFERA DEL SOLE.

NETZACH e HOD corrispondono a VENERE e MERCURIO e la LUNA è attribuita a YESOD.

Infine MALKUTH è chiamata la SFERA DEGLI ELEMENTI (Fuoco, Acqua, Aria, Terra), nella quale si
manifestano le influenze di tutti i Corpi Celesti menzionati.

18

I risultati del nostro studio possono essere ricapitolati come segue:

Queste corrispondenze dovrebbero essere memorizzate con molta cura e responsabilità da tutti
gli studiosi, che dovrebbero familiarizzarsi con lo Schema dell’Albero della Vita di modo che,
prima di inoltrarsi nei futuri studi di quest’opera, le loro menti siano del tutto e chiaramente
impresse della sua formazione e le sue parti.

19

CAPITOLO II
CHE RIGUARDA LA NATURALE BASE DI CORRISPONDENZE NELL’ALFABETO EBRAICO.
Essendo il significato radice della Qabalah RICEVERE, è essenziale per noi essere disposti a
ricevere e FARE NOSTRE le radici di questo insegnamento. Se Madre Terra non fosse disposta ad
accogliere il seme propriamente piantato nel suo seno, e non fosse disposta per prima cosa ad
accettare che questo seme metta le radici nel suo Essere, noi non avremo il piacere di vedere
l’Albero che sorge da questo, Albero che poi nella stagione dovuta ci delizia con i suoi frutti
perfetti.

All’inizio dello studio è essenziale che lo Studente sia ricettivo, e che egli inoltre faccia quanto
in suo potere per piantare saldamente i primi semi di questo “Albero” nella sua mente. Questo
processo potrebbe risultare un po’ arido e tedioso, ma è di primaria importanza che i dettagli
dello Schema siano memorizzati. Questa è forse la ragione principale per cui nei tempi antichi la
Qabalah era trasmessa non mediante la scrittura, ma da Bocca ad Orecchio, poiché l’Albero
PORTA FRUTTO nella misura in cui affonda, per prima cosa, radice nella nostra mente. Si
possono leggere dei libri, studiarlo estensivamente, maneggiarlo e almanaccarlo agilmente nelle
dissertazioni scritte, e così via, ma NON PRIMA che la mente stessa abbia fatto propria
l’Immagine dell’Albero, e che si sia capaci di muoversi, sempre mentalmente, di ramo in ramo,
di Corrispondenza in Corrispondenza, visualizzando il processo e costituendo in questo modo un
ALBERO VIVENTE; riuscire infine a constatare che la LUCE della VERITA’ sorge sopra di noi e che
noi stessi, per così dire, come giovani arbusti germiniamo sopra la Terra, per entrare e ritrovarci
in un Mondo Nuovo, pur restando le nostre radici sempre saldamente affondate nel nostro
elemento naturale.

Lo scrittore ha imparato questo dall’esperienza. All’inizio egli non riusciva a compilare niente di
più di quello che sembrava apparire come un incomprensibile mucchio di Corrispondenze. Egli
assorbì alcune di esse gradualmente, quasi in modo subconscio, fin quando dopo un po’ riuscì più
seriamente a tirare fuori un insieme di corrispondenze. Questo portò ad una investigazione
ulteriore. Tentò dunque di spiegare quel poco che era arrivato a capire ad un'altra persona e
questo, come sempre, diede risultato, dal momento che spesso siamo più propensi ad affrontare
in profondità le questioni quando siamo chiamati a spiegare un’idea, che non quando dobbiamo
servircene e penetrarla per i nostri usi. Non fu molto tempo dopo che l’ALBERO cominciò a
VIVERE in lui. Egli allora constatò che aveva conservato i semi di un Sistema meraviglioso, e che
questi vivevano ormai quasi di vita propria. Una vista meravigliosa si schiuse, ed egli comprese
che il suo lavoro non era stato inutile, ma che ciò che era stato concepito nel silenzio e
nell’oscurità usciva ora dal suo nascondiglio come un Figlio Vivente della Luce. Questo Figlio era

20

in senso mistico EGLI STESSO, da quando aveva incominciato ad ARMONIZZARE il MICROCOSMO
con il MACROCOSMO e a recepire la verità dell’impareggiabile Dogma Ermetico “ Ciò che è, in
alto, è come ciò che è, in basso ”.

E’ per questa ragione che siete spronati a fare il più presto possibile di questi argomenti una
parte della vostra coscienza, e di fare ciò passo passo, nella maniera in cui procederemo, dal
momento che non appena riuscirete a comprendere stabilmente gli Elementi del Sistema, sarete
capaci di aggiungere, da voi stessi e per voi stessi, ciò che seguirà dal tempo e dall’esperienza.

Io, che sto cercando di trasmettere quel poco che ho compreso, sto limitandomi a quello che è
ormai radicato in me. Non intendo usare nessun libro e nessuna referenza nello scrivere, è mia
intenzione di riportare solamente ciò che prontamente mi viene alla mente, quello che in questo
momento in essa fluisce senza sforzo. Per la Qabalah questo è, se posso dire così, un SISTEMA
LIQUIDO. La forma del vaso è, per cosi dire, mostrata nell’ “Albero”, ma la sua Stabilità è
assicurata dai suoi Cambiamenti e l’Influenza che connette i Sephiroth deve fluire rapidamente
dall’uno all’altro, cambiando così come scorre, formando nuove combinazioni di idee, e queste,
a loro volta, lasciando spazio ad altre che via via diverranno sempre più sintetiche fino a che,
finalmente, tutte saranno di nuovo fuse nell’UNO.

L’alfabeto EBRAICO è una base naturale di corrispondenze dal momento che ogni lettera è
NUMERICA cosi come SIMBOLICA.

I Dieci Sephiroth, ai quali abbiamo già prestato un po’ d’attenzione, sono numerati in accordo al
sistema decimale da 1 a 10. Ora dobbiamo occuparci dei “Ventidue Sentieri” che connettono
questi Sephiroth e, come nel caso precedente nel quale abbiamo preso come base di tutte le
Corrispondenze i Numeri Puri, cosi le caratteristiche essenziali dei Sentieri sono in
corrispondenza con le VENTIDUE LETTERE dell’alfabeto ebraico che, a loro volta, hanno ognuna
un preciso valore numerico.

Coloro che non hanno familiarità con le FORME delle lettere ebraiche troveranno essenziale la
loro attenta memorizzazione, ma questo non è un compito difficile, anche se potrà scoraggiare
più di qualcuno, ovvero tutti coloro che non riconoscono l’importanza di avere il sistema nella
MENTE piuttosto che su fogli di carta.

21

Allo scopo di chiarezza su questo punto, torna molto utile impiegare un po’ di tempo nello studio
della forma di queste lettere, cosi da fissarle più stabilmente nella mente. Può essere di
incoraggiamento al lettore, che per la prima volta viene introdotto a questo tipo di studi, se
faccio notare che il sistema qui illustrato non richiede la conoscenza della LINGUA EBRAICA;
l‘Alfabeto, le sue Corrispondenze, e un numero limitato di PAROLE importanti, questo è tutto ciò
che vi è di fondamentale.

‫א‬
La Prima Lettera è chiamata ALEPH ed ha grafia ‫א‬. Suggerisce nella forma LA SWASTIKA. Il suo
valore NUMERICO è UNO.

‫ב‬
La Seconda Lettera BETH ha grafia

‫ב‬.

La forma di questa lettera dovrebbe essere considerata

attentamente. Si noti l’ampia linea che dall’alto si assottiglia via via che procede a destra e
verso la base e come l’ampia linea della base si prolunghi leggermente oltre la linea verticale.
Menziono questi dettagli perché ci sono altre lettere dell’alfabeto molto assomiglianti nella
forma a Beth, o che cosi sembrano inizialmente, finché non comprenderemo i dettagli che
distinguono una dall’altra. Il suo VALORE NUMERICO è DUE.

‫ג‬
La Terza Lettera chiamata GIMEL ha grafia ‫ג‬. Anche qui dovremmo prestare attenzione alla sua
forma. E’ più stretta delle lettere precedenti, ma della stessa altezza. Si noti il piccolo
segmento rettangolare alla base, non completamente connesso con la linea verticale. Il suo
valore NUMERICO è TRE.

‫ד‬
La Quarta Lettera DALETH ha disegno ‫ד‬. E’ più larga delle precedenti. La spessa linea superiore
si prolunga sulla destra leggermente oltre la linea verticale. Il suo numero è QUATTRO.

22

‫ה‬
La Quinta Lettera è conosciuta come HE ed ha grafia ‫ה‬. Si noti che la linea verticale sulla destra
è una continuazione della spessa linea superiore, ma il tratto della linea verticale a sinistra è
leggermente separato dalla linea orizzontale superiore. Numericamente è CINQUE.

‫ו‬
La Sesta Lettera è chiamata VAU e la sua grafia è ‫ו‬. E’ una lettera stretta, un po’ simile a quella
seguente, con la quale non dovrebbe essere confusa. Il suo valore numerico è SEI.

‫ז‬
La Settima Lettera è ZAIN, disegnata ‫ז‬.E’ una lettera stretta e la linea verticale è congiunta alla
mediana di quella corta superiore. Il suo valore è SETTE.

‫ח‬
L’Ottava lettera CHETH (pronunciata HETH) ha grafia

‫ח‬.

Questa è davvero molto simile alla

lettera Hé, ma si noti il leggero prolungamento sulla destra della linea superiore ed il fatto che
la linea verticale di sinistra incontra la linea superiore. Il suo valore numerico è OTTO.

‫ט‬
La Nona Lettera THETH ha grafia ‫ט‬. Assomiglia un po’ ad un serpente, del quale rappresenta il
simbolismo. Il suo valore numerico è NOVE.

‫י‬
La Decima Lettera è YOD, disegnata con il semplice segno ‫י‬. Questa è detta la lettera
fondamentale dell’intero alfabeto ed è molto sacra per diverse ragioni. Forma i tratti
caratteristici di molte altre lettere. Il suo valore è DIECI.

23

‫כ‬
L’Undicesima Lettera KAPH è disegnata ‫כ‬. Si noti la somiglianza con la seconda lettera Beth; la
differenza sta nel fatto che qui le linee formano una curva continua e non c’è, come in Beth, il
prolungamento alla destra della base. Si noti inoltre che il valore Numerico è VENTI (Questa
lettera ha quello che si dice una “forma finale”, usata quando occorre alla fine di una parola. In
questo caso è disegnata

‫ ך‬e ha valore numerico 500).

‫ל‬
La Dodicesima Lettera LAMED ha grafia

‫ל‬.

Ha una forma grafica del tutto distinta dalle altre

lettere, con le quali difficilmente può essere confusa. Il suo valore è TRENTA.

‫מ‬
La Tredicesima Lettera è MEM,

‫מ‬.

Non confondetela con Teth. Il suo valore Numerico è

QUARANTA. Anche questa ha una forma “finale”. Viene allora scritta

‫ם‬,

ma normalmente in

grandezza maggiore delle altre lettere cosi da non essere causa di confusione con un’altra
chiamata Samech. Quando finale il suo valore è 600.

‫נ‬
La Quattordicesima Lettera è NUN, ‫נ‬. E’ una lettera stretta e questo aiuta a distinguerla da
Kaph, ma attenzione deve essere portata per evitare di scambiarla con GIMEL. Il suo valore è
CINQUANTA ( La forma finale ‫ = ן‬700 non deve essere confusa con Vau).

‫ס‬
La Quindicesima Lettera è SAMECH, ‫ס‬. Non deve essere confusa con Mem, quando quest’ultima è
scritta nella sua forma finale. Il suo valore è SESSANTA.

24

‫ע‬
La Sedicesima Lettera è AYIN (pronunciata Oyin), di grafia ‫ע‬. Si noti che la parte destra forma
una coda e che la parte sinistra si connette con essa. Il suo valore numerico è SETTANTA.

‫פ‬
La Diciassettesima lettera è Peh e la sua grafia è ‫פ‬. Assomiglia un po’ a Kaph, ma ha una piccola
lingua interna (simbolizza una Bocca). Il suo valore è OTTANTA (La forma finale è ‫ = ף‬800).

‫צ‬
La Diciottesima Lettera è TzADDI, ‫צ‬. Si noti la somiglianza con Ayin, ma in questo caso la coda
procede dal trattino sul lato superiore sinistro e il trattino più a destra è connesso con essa. Il
suo valore è NOVANTA ( se finale diventa

‫ = ץ‬900).

‫ק‬
La Diciannovesima Lettera QOPH, ‫ק‬, ha una grafia piuttosto simile alla P inglese. Il suo valore è
CENTO.

‫ר‬
La Ventesima Lettera è RESH, ‫ר‬. Si noti la somiglianza con Daleth, ma la spessa linea superiore
curva direttamente nella linea verticale, senza nessun prolungamento. Il suo valore è
DUECENTO.

‫ש‬
La Ventunesima Lettera è SHIN,

‫ש‬. Non può esserci confusione con questa lettera simile ad una

triplice lingua di fiamma. Il suo valore è TRECENTO.

25

‫ת‬
La Ventiduesima Lettera è chiamata TAU e ha grafia ‫ת‬. Si noti la differenza tra Tau, Hé e Cheth.
In questo caso noi troviamo che la linea verticale a sinistra finisce in un ‘piede’ distinto e che
questa linea si congiunge alla spessa linea superiore. Il suo valore è QUATTROCENTO.

Questa breve descrizione delle lettere potrà, spero, tornare utile ed evitare confusioni.
Constatiamo che i valori Numerici delle lettere e delle loro forme finali danno la possibilità di
esprimere qualsiasi numero fino a 999 mediante l’uso di questi Simboli. Quando numeri più
grandi sono necessari le lettere sono scritte PIU’ GRANDI cosicché una grande Aleph indicherà
non Uno ma MILLE, e cosi via.

Al momento non ho fatto menzione delle equivalenti lettere INGLESI poiché ho cercato di
mettere in risalto le somiglianze e le differenze tra le stesse lettere Ebraiche. Le corrispondenze
con le lettere Inglesi possono essere trovate nella tavola di riepilogo presente alla fine di questo
capitolo.

26

Ora dobbiamo imparare il significato SIMBOLICO delle lettere, perché ogni Lettera degli Ebrei,
oltre ad essere un NUMERO rappresenta anche una PAROLA.

Per esempio la lettera

‫א‬

(Aleph) può essere indicata per esteso in Ebreo come

Lamed, Peh o ALP. Questa parola significa Bue, cosicché noi diciamo

‫א‬

= Bue.

‫אלפ‬

: Aleph,

Lo spelling

Ebraico di ogni lettera per esteso è importante per lo studio futuro, quindi viene riportato cosi
come il Significato di ogni Parola o Lettera nella seguente Tabella, che dovrebbe essere studiata
e memorizzata con attenzione.

27

CAPITOLO TRE
DEI TRENTADUE SENTIERI CON LE LORO ATTRIBUZIONI YETZIRATICHE E LE
CORRISPONDENZE DEI COLORI.

Avendo imparato il Nome e la Forma delle Lettere dell’Alfabeto Ebraico, è ora tempo di studiare
le loro posizioni, giacché esse rappresentano i Ventidue Sentieri che connettono i Dieci Sephiroth
sull’Albero della Vita.

E’ forse bene specificare che il “Sepher Yetzirah” o “Libro della Formazione” assegna ad ognuno
di questi “Sentieri” cosi come a ciascuno dei Dieci Sephiroth, che sono descritti come “I Primi
Dieci Sentieri” (Costituendo così in tutto i Trentadue Sentieri di Saggezza), un certo tipo di
INTELLIGENZA, e anche se io non considero tutto ciò di grande importanza per ciò che concerne
il presente lavoro, dobbiamo proprio imparare questi titoli cosi come procediamo, in maniera
tale da continuare lo sviluppo del nostro sistema di corrispondenze.

Occupiamoci prima dei Sephiroth:

1. Kether è chiamato “L’Intelligenza Ammirevole o Nascosta”
2. Chokmah è chiamato “Intelligenza Illuminante”
3. Binah è chiamato “Intelligenza Santificante”
4. Chesed è chiamato “Intelligenza Coesiva o Intelligenza Ricettacolare”
5. Geburah è chiamato “Intelligenza Radicale”
6. Tiphereth è chiamato “Intelligenza dell’Influenza Mediatrice”
7. Neztach è chiamato “Intelligenza Occulta”
8. Hod è chiamato “L’Intelligenza Assoluta o Perfetta”
9. Yesod è chiamato “La Chiara Intelligenza o Intelligenza Pura”
10. Malkuth è chiamato “L’Intelligenza Risplendente”

Fin qui abbiamo disposto i Dieci Sephiroth, ora ci occuperemo dei “Sentieri” che li connettono.

Questi sentieri sono numerati da UNDICI a TRENTADUE e ognuno di essi corrisponde ad una
LETTERA dell’Alfabeto Ebraico nell’ordine, cosi come esposto dalle autorità più importanti, che
va da KETHER a MALKUTH.

28

Da KETHER procedono tre Sentieri il primo dei quali è numerato 11 ed è attribuito ad

‫( א‬Aleph);

esso congiunge Kether e Chokmah ed è chiamato Intelligenza SCINTILLANTE.

12 è il sentiero di

‫ב‬

(Beth), unisce Kether e Binah ed è chiamato Intelligenza della

TRASPARENZA.

13 è il sentiero di

‫ג‬

(Gimel) che connette Kether con Tiphereth ed è chiamato Intelligenza

UNIFICANTE.

Tre Sentieri procedono da CHOKMAH. Il 14° è il Sentiero reciproco che unisce Chokmah con
Binah. E’ il sentiero di

‫ה‬

‫( ד‬Daleth), ed è chiamato Intelligenza ILLUMINANTE. Il 15°, o Sentiero di

(Heh), congiunge Chokmah e Tiphereth ed è chiamato Intelligenza CONSTITUENTE, e il 16°

sentiero di

‫( ו‬Vau) unisce Chokmah con Chesed. E’ chiamato il TRIONFALE o ETERNO UNO.

Solo Due Sentieri procedono da BINAH, il 17° che lo unisce a Tiphereth ed è attribuito a
E’ chiamato Intelligenza ORDINATRICE. Il 18° Sentiero di

‫( ז‬Zain).

‫( ח‬Cheth) connette Binah con Geburah

ed è indicato come quello della CASA D’INFLUENZA.

Tre sentieri procedono da CHESED. Il 19° è il sentiero reciproco di

‫ט‬

(Teth), lo congiunge a

Geburah, ed è chiamato l’Intelligenza delle ATTIVITA’ DELL’ESSERE SPIRITUALE. Il 20°, o
sentiero di

‫י‬

(Yod), congiunge Chesed con Tiphereth ed è conosciuto come Intelligenza della

VOLONTA’. Il 21° o Sentiero di

‫כ‬

(Kaph) unisce Chesed e Netzach ed è chiamato Intelligenza

della CONCILIAZIONE.

Due Sentieri procedono da GEBURAH. Il 22° o Sentiero di

‫( ל‬Lamed) unisce Geburah e Tiphereth,

ed è chiamato Intelligenza della FEDE. Il 23° o Sentiero di
chiamato Intelligenza STABILE.

29

‫( מ‬Mem) unisce Geburah e Hod, ed è

Tre Sentieri emanano da TIPHERETH. Il 24°, che unisce Tiphereth con Netzach è attribuito a
(Nun) ed è chiamato Intelligenza IMMAGINATIVA. Il 25°, o Sentiero di

‫ס‬

‫נ‬

(Samech), congiunge

Tiphereth e Yesod ed è chiamato Intelligenza della PROBAZIONE o SPERIMENTALE. Il 26° Sentiero
di

‫( ע‬Ayin) connette Tiphereth con Hod ed è conosciuto come l’Intelligenza RINNOVANTE.

Tre Sentieri escono da NETZACH. Il 27° o Sentiero di

‫פ‬

(Peh) è il più in basso dei sentieri

reciproci e connette Netzach e Hod. E’ chiamato Intelligenza ECCITANTE. Il 28° che è chiamato

‫( צ‬Tzaddi) congiunge Netzach e Yesod ed è conosciuto come Intelligenza NATURALE, mentre il
29* o Sentiero di ‫( ק‬Qoph) congiunge Netzach a Malkuth è chiamato Intelligenza CORPOREA.

I Due Sentieri che si levano da Hod sono il 30°, che è quello di

‫ר‬

(Resh) congiungente Hod e

Yesod ed è chiamato Intelligenza COLLEZIONANTE, o RADUNANTE, e il 31° Sentiero di

‫( ש‬Shin)

nella direzione da Hod a Malkuth, chiamato Intelligenza PERPETUA.

Il 32° e ultimo Sentiero è attribuito a

‫( ת‬Tau) ed è il legame di connessione tra Yesod e Malkuth

ed è chiamato Intelligenza AMMINISTRATIVA.

Prima di procedere oltre è bene che lo Studioso tracci da sé e per se stesso questi Sentieri sul
Diagramma che segue, prestando attenzione al Modo, che è stato chiaramente illustrato, in cui
le lettere sono disposte.

30

Abbiamo ora tutto quello che ci serve come esauriente base per il nostro “Sistema a schedario”,
uno Schema per mezzo del quale noi possiamo esprimere qualsiasi idea dell’Universo in termini
dei trentadue. Si noterà come tutte le parti sono perfettamente Bilanciate ed Equilibrate, anche
se riferirò in maniera più completa su questo argomento quando ci proporremo la questione di
tentare un approccio pratico, di applicarci cioè con la nostra propria mente in questo modo.

31

Le prossime considerazioni estenderanno le nostre catene di corrispondenze, in maniera tale da
includere le Idee Universali alla base di tutti i Sistemi.

La nostra base, l’Alfabeto Ebraico, è mirabilmente adatta a questo scopo, poiché le sue 22
lettere sono naturalmente ripartite in tre divisioni, che corrispondono ai tre più importanti e
universali Insiemi di Idee, vale a dire gli Elementi, i Pianeti e i Segni dello Zodiaco.

Queste distribuzioni dell’Alfabeto sono conosciute come le TRE Lettere Madri, le SETTE Lettere
Doppie e le DODICI Lettere Singole.
Le Tre Lettere Madri sono

‫ש‬

al Fuoco. La lettera

‫א‬

‫ת‬

(Aleph),

‫( מ‬Mem) e ‫ש‬

(Shin).

‫א‬

È attribuita all’Aria,

‫ מ‬all’Acqua e

(Tau) è di solito attribuita alla Terra sebbene non sia una lettera

Madre, proprio come Terra non è un vero e proprio elemento.

Le Sette Lettere Doppie (che hanno una fonetica doppia in Ebraico) sono ‫ב‬, ‫ג‬, ‫ד‬, ‫כ‬, ‫פ‬,

‫ר‬, ‫ ( ת‬B,

G, D, K, P, R, Th). Sono attribuite ai PIANETI nel modo seguente:

Questi dovrebbero essere memorizzati in accoppiamento con la Lettera corrispondente e non
devono essere confusi con le SFERE dei Pianeti. Queste Influenze Planetarie sono operative nei
Sentieri e spesso suggeriscono una differenza qualitativa rispetto le Attribuzioni Sephirotiche.
Per esempio Netzach, la Sfera di Venere, rappresenta piuttosto la Natura Sessuale dell’Amore,
mentre il Sentiero di Venere, Daleth, è l’Amore Superiore del Padre-Madre dell’Universo poiché
il Sentiero corrispondente unisce Chokmah e Binah, o equivalentemente, Saggezza e
Comprensione. Questo esempio è sufficiente per il momento, dato che torneremo ancora su
questi argomenti più avanti.

32

Le Dodici Lettere Semplici sono

‫ה‬, ‫ו‬, ‫ז‬, ‫ח‬, ‫ט‬, ‫י‬, ‫ל‬, ‫נ‬, ‫ס‬, ‫ע‬, ‫צ‬, ‫ ( ק‬H, V, Z, Ch, T, Y, L, N, S, O,

Tz, Q ). Sono attribuite ai SEGNI dello ZODIACO nella maniera che segue:

Questi simboli debbono ovviamente essere collocati nei corrispondenti Sentieri sull’Albero della
Vita, e questo sarà d’aiuto allo Studioso che lo farà da sé e per se stesso, prestando attenzione
ai differenti SEPHIRAH che essi connettono e alle relazioni generali di ognuno di essi con gli altri,
cosa questa che all’inizio può confondere andando a mettere insieme i segni delle lettere a
quelli planetari e degli elementi.

Prima di portare a conclusione questa sezione, sarà bene spiegare lo SCHEMA DEI COLORI
connesso con i Sentieri, dal momento che abbiamo già avuto a che fare con esso in relazione ai
Dieci Sephiroth.

Nel semplice schema dei colori dell’Albero della Vita qui utilizzato, i Colori dei Dieci Sephiroth
sono stati presi da quella che per i colori è chiamata la SCALA DELLA REGINA, mentre quello dei
Sentieri deriva da quella che è conosciuta come la SCALA DEL RE4. Spiegare questo in maniera
più completa implicherebbe una discussione sui “Quattro Mondi”, tuttavia dobbiamo tralasciare
questo argomento almeno fino al prossimo capitolo. E’ sufficiente dire che è possibile uno
schema molto più elaborato, ma quello che useremo è più conveniente per i nostri scopi
presenti. L’unica cosa da rimarcare è che poiché tutto deriva dagli aspetti Positivi e Negativi
dell’Unica Sostanza di Luce, ci va bene che i due aspetti dell’Albero siano rappresentati
mediante la mescolanza delle scale cromatiche del Re e della Regina, il Padre e la Madre di
tutte le cose.

4

Si veda il Libro 777, Londra, 1909

33

La Scala Cromatica dei Sentieri è ottenuta in una maniera molto semplice e scientifica, ma
questa derivazione non è cosi apparente quando i colori sono visti distribuiti sull’Albero. E’
quindi opportuno riuscire ad evidenziare i principi basilari dell’argomento – quelli usati dai nostri
Antichi Fratelli - cosi da realizzare il vero senso del Minutum Mundum o “Piccolo Universo dei
Colori”5.
Tutti i Colori dello Spettro vibrano tra gli estremi del Bianco e del Nero. Niente di più naturale
dunque che la Luce sia prima decomposta nei Tre Colori Primari (attribuiti agli Elementi e alle
Lettere Madri), poi nei Sette Colori dell’Arcobaleno (i Colori Planetari e le Lettere Doppie) ed
infine che questi colori vengano mescolati uno con l’altro in modo da ottenerne Dodici (i Segni
dello Zodiaco o Lettere semplici). Viene da sé, dunque, che la nostra divisione delle Lettere in
Tre, Sette e Dodici è in questo caso l’UNICA NATURALE.

5

Si veda il Frontespizio del presente libro.

34

CAPITOLO QUATTRO
CHE RIGUARDA I TRIONFI DEL TAROT E DELLE LORO ATTRIBUZIONI ALL’ALFABETO
EBRAICO.

Vi sono state cosi tante false attribuzioni dei Trionfi del Tarot all’Alfabeto Ebraico, e una sola
presentazione corretta di cui sono a conoscenza. Sicuramente quella esatta non è stata
pubblicata prima del 1909, quando la Chiave fu data nel Libro 777.

Non è questo il contesto per tentare di approcciare una qualsiasi completa spiegazione del
TAROT, ma poiché vi è una corrispondenza molto stretta tra esso e “L’Albero della Vita”, è
importante che l’argomento venga almeno brevemente discusso.

Il TARO o ROTA è talvolta chiamato Il Libro di THOTH. Consiste di 78 Lamine o Carte, divise in
due gruppi principali chiamati Arcani Maggiori e Minori. Gli Arcani Maggiori si presentano in 22
Disegni Simbolici o Trionfi, e formano una sorta di Alfabeto Universale del quale possono essere
date molte interpretazioni.

Gli Arcani Minori consistono di 56 Carte, 40 delle quali sono molto simili alle “carte piccole” dei
normali mazzi da gioco, eccetto che in luogo di Fiori, Cuori, Quadri e Picche vi troviamo i Veri
Mezzi Magici dei Misteri: BASTONI, COPPE, SPADE e PENTACOLI.

Le restanti 16 carte sono quelle di Corte, normalmente indicate come RE, REGINA, CAVALIERE e
FANTE, e ve ne sono 4 per ognuno dei semi.

Per un’appropriata esposizione dovremmo occuparci prima degli Arcani Minori, ma poiché questo
richiederebbe una descrizione dei Quattro “Mondi” del Disegno Cabalistico, dei quali io intendo
trattare nel prossimo capitolo, prenderò dapprima in esame gli Arcani Maggiori e mostrerò come
essi corrispondono ai 22 Sentieri dell’Albero e all’Alfabeto Ebraico.

La cosa importante a cui prestare attenzione è l’attribuzione di ognuna di queste carte con la
corretta LETTERA dell’Alfabeto Ebraico, poiché senza le giuste corrispondenze, tutto il nostro
lavoro è sfocato. Le Carte cosi come si trovano nei mazzi sono NUMERATE da I a XXI in Numeri
Romani, e il Trionfo escluso da questa numerazione viene etichettato “0” o talvolta è senza
numero.

35

Per ragioni che variano dal giuramento di segretezza alla grossolana ignoranza, questa Carta non
numerata è stata collocata ovunque eccetto che nella sua ovvia posizione, PRIMA DEL NUMERO
UNO, con il risultato che la Carta contrassegnata I, ovvero “Il Mago”, è stata attribuita ad

‫א‬

(Aleph), e cosi via lungo l’alfabeto fino a che alla carta non numerata, il Matto, viene trovato un
posto. Questo piccolo scambio è stato sufficiente per confondere lo Studioso, e impedirgli di
cogliere il nocciolo del Simbolismo nello Studio delle Corrispondenze tra il Tarot e la Santa
Cabala e, come vedremo quando verrà il momento di “Arrampicarsi sull’Albero”, questo scambio
di numerazione si può considerare alla stregua di un inganno criminale.

Partiamo allora con lo ZERO contrassegnante il MATTO come corrispondente alla lettera

‫א‬

(Aleph), e al sentiero che va da Kether a Chokmah. Aleph è la lettera di ARIA, o del Soffio Divino
che si presenta prima della PAROLA o LOGOS, che è l’aspetto maschile del Creatore in Chokmah.

Questo è il GENUINO MATTO che viene in avanti dalla Sorgente della LUCE. Egli porta in una
mano, tuttavia facendolo appoggiare sulla spalla opposta, un Bastone dal quale pende un
fagotto. Egli è sull’orlo di un Abisso, ed è seguito da un Cane o da un Lupo che lo azzanna,
eppure egli percorre “LA VIA DEL TAO” dimentico di ciò che lo circonda. Probabilmente è più
correttamente simbolizzato nelle Antiche Carte del Tarot dove compare un ANZIANO invece che
un UOMO GIOVANE.

Non è mia intenzione dare una descrizione completa del simbolismo di queste Carte. Il Lettore
dovrebbe procurarsene un mazzo e STUDIARLE per conto suo attentamente, MEDITANDO sul
Simbolismo ivi contenuto. Se fa questo, egli troverà uno Scrigno di Tesori. Il Mazzo Moderno,
disegnato da Miss P. Coleman Smith sotto la supervisione di Mr. A. E. Waite e pubblicato da
“Rider and Sons”, Londra, è l’unico che si riesce ad ottenere con facilità, e sebbene il
Simbolismo si discosti un po’ da quello dei mazzi più antichi, io discuterò l’argomento come se
questo mazzo fosse in possesso del lettore, puntualizzando alcune delle differenze man mano
che procederemo.

Allo scopo di evitare confusione vi chiedo di notare ancora una volta che i TRIONFI o ARCANI
sono numerati usando i NUMERI ROMANI cosicché quando ci riferiamo a questi Trionfi, questa
cosa ci permetterà di fare distinzione tra essi e la Numerazione dei Sephiroth, quella dei Sentieri
e anche con quella del valore delle lettere dell’Alfabeto.

36

I.

IL MAGO =

‫ ב‬Beth = Mercurio che è chiaramente il Dio della Magia. Questa carta mostra il

Mago con i Simboli dei 4 Elementi sul suo tavolo. Egli compie il gesto del Solve et Coagula, cioè
egli indica verso l’alto e verso il basso come per indicare che “Come è in alto così è in basso, e
come è in basso cosi è in alto, per compiere il Miracolo della SOSTANZA UNA”. A questa carta è
dato (Libro 777) il titolo IL MAGO DELLA FORZA.

II.

LA PAPESSA =

‫ג‬

Gimel = La Luna. Questa carta mostra la Sacerdotessa seduta tra Due

Colonne, rappresentanti la Severità e la Misericordia, radicate vigorosamente per mezzo
dell’Equilibrio. Questo, comunque, è giudicato non essere il Simbolismo corretto, poiché le
Colonne dell’Albero della Vita hanno la loro testa in Geburah e Chesed mentre la Triade Superna
forma un Arco sopra di esse. Giacché la Papessa è attribuita al Sentiero da Kether a Tiphereth,
dovrebbe dunque essere partecipe della Natura dei Superni e dovrebbe essere quindi SOPRA e
non IN MEZZO le due Colonne. Si noti in ogni caso la Luna presso i suoi piedi, cosa che mostra
con chiarezza la corrispondenza con Gimel, la Lettera della Luna, e che inoltre indica quanti
errori si sarebbero commessi se avessimo attribuito Aleph al Mago, e di conseguenza Beth alla
Papessa, che invero difficilmente può essere simbolizzata con Mercurio. Inoltre allora essa
sarebbe stata sul Sentiero da Kether a Binah, e a questo punto il Simbolismo delle Colonne non
potrebbe essere spiegato nemmeno appellandosi alla Luna Crescente. Si noti che essa ha il Libro
della Legge, la Torah, sul suo grembo, e queste lettere significano TARO e ROTA. Si dice che
essa rappresenti il Santo Angelo Custode e le è dato il titolo di SACERDOTESSA DELLA STELLA
D’ARGENTO.

III.

L’IMPERATRICE =

‫ ד‬Daleth = Venus è attribuita al sentiero reciproco da Chokmah a Binah.

La carta mostra il simbolo di Venere sullo scudo, un’altra prova della correttezza delle
attribuzioni. L’Imperatrice ha come Corona Dodici Stelle, cosicché poiché il suo sentiero si
incrocia con quello della Papessa (che ha una ‘croce’ sul petto), abbiamo un Simbolo di Nostra
Signora Babalon, Coronata di Stelle e con la Luna ai suoi piedi. Il titolo di questa carta è LA
FIGLIA DEI POSSENTI.

IV.

L’IMPERATORE =

‫ ח‬Hé = Aries. Si notino le Teste d’Ariete scolpite sul suo trono. Egli è

chiamato IL SOLE DEL PRIMO MATTINO TRA I POSSENTI.

V.

IL GEROFANTE =

‫ ו‬Vau = Taurus, il Toro, Osiride l’Iniziatore ai Misteri del Vecchio Eone.

Titolo: IL MAGO DELL’ETERNO.

37

VI.

GLI INNAMORATI =

‫ ז‬Zain = Gemini. Il Simbolismo dei mazzi più antichi è in questo caso

migliore, poiché mostrano un Uomo tra Due Donne, una delle quali rappresenta la Virtù e l’altra
il Vizio, o meglio, una Vergine e una Prostituta. In alto si vede Cupido con il suo arco e le sue
frecce. Questa carta esprime la necessità di superare i pregiudizi riguardo ai cosiddetti opposti.
Il titolo è I BAMBINI DELLA VOCE; GLI ORACOLI DEGLI DEI POSSENTI.

VII.

IL CARRO =

‫ ח‬Cheth = Cancer. Il Simbolismo di questa carta è meglio studiato nel Disegno

dato da Eliphas Levi nel “Dogma e Rituale dell’Alta Magia”. Essa rappresenta il volgere a proprio
favore le coppie di Opposti, la Sfinge Bianca e quella Nera e, ovviamente, molte altre cose.
Titolo: IL FIGLIO DEI POTERI DELLE ACQUE; IL SIGNORE DEL TRIONFO DELLA LUCE.

VIII.

LA FORZA =

‫ט‬

Teth = Leo. Questa carta è talvolta chiamata “Fermezza”. Si noti il

Simbolismo del Leone e del Serpente ( Leo = Il Leone, Teth = Il Serpente ). Si vede una Donna
che chiude le Fauci del Leone, i Vecchi mazzi la mostrano mentre li apre. Titolo: LA FIGLIA
DELLA SPADA FIAMMEGGIANTE.

IX.

L’EREMITA =

‫ י‬Yod = Virgo. Si vede un anziano che porta una Lampada ed un Bastone, le

carte dei mazzi più vecchi mostrano la lampada nascosta dal suo mantello, per simbolizzare la
segretezza. Egli è detto “Il Matto” del Sentiero di Aleph che porta la Luce al Collegio degli
Adepti. E’ titolato IL MAGO DELLA VOCE DI POTERE.

X.

LA RUOTA DELLA FORTUNA =

‫ כ‬Kaph = Jupiter. Ecco un Simbolo molto importante, il cui

titolo è IL SIGNORE DELLE FORZE DELLA VITA. Ciò sarà preso in esame con maggiore attenzione
in un altro capitolo. Giacché sto dando l’interpretazione delle carte molto sommariamente, dal
momento che il simbolismo dei Sentieri è più importante quando considerato dal BASSO VERSO
L’ALTO DELL’ALBERO, poiché se quello dei Sephiroth è considerato DALL’ALTO VERSO IL BASSO,
a causa della “Spada fiammeggiante” o “Lampo Fiammeggiante” che discende, quello dei
Sentieri è stato formato dall’ASCESA DEL SERPENTE DI SAGGEZZA. La Ruota, in ogni caso, indica
questo eterno salire e scendere.

XI.

LA GIUSTIZIA =

‫ ל‬Lamed = Libra. (Nota. Nei mazzi antichi questa carta è numerata VIII e

LA FORZA XI. Questo è stato corretto nel mazzo di Waite). Questa Carta mostra una figura con
una Spada e una Bilancia e chiaramente ciò sta a indicare la Bilancia. Titolo: LA FIGLIA DEI
SIGNORI DELLA VERITA’, la REGOLA DEGLI EQUILIBRI.

38

XII.

L’APPESO =

‫מ‬

Mem = Acqua. Titolo: LO SPIRITO DELLE ACQUE POSSENTI. Nota: questa

carta dovrebbe mostrare, in accordo al parere di diversi esperti, un uomo appeso ad una forca, il
disegno del quale dovrebbe ricordare la lettera

‫ד‬.

I suoi ginocchi, le braccia e la testa

dovrebbero simbolizzare una croce che sormonta un triangolo capovolto. Si dice che esso sia
l’Adepto sospeso sull’ABISSO, in maniera tale da apportare, come il Redentore, la LUCE verso il
basso.

XIII.

‫ נ‬Nun = Scorpio. Le carte più antiche mostrano uno Scheletro che con una

LA MORTE =

Falce che miete delle Teste, le quali tuttavia crescono in maniera altrettanto veloce di come
sono tagliate via. Questo a dire: La Morte è il Portale della Vita e dell’Amore. Titolo: IL FIGLIO
DEI GRANDI TRASFORMATORI, IL SIGNORE DEI PORTALI DELLA MORTE.

XIV.

LA TEMPERANZA =

‫ס‬

Samech = Saggitarius. Il Disegno dovrebbe mostrare, si dice, il

simbolismo delle Acque di Chesed che discendono sopra i Fuochi di Netzach, e il Fuoco di
Geburah unito con l’Acqua di Hod. Titolo: LA FIGLIA DEI RICONCILIATORI, LA PORTATRICE DELLA
VITA.

XV.

IL DIAVOLO =

‫ ע‬Ayin = Capricorn. Ancora una volta si dovrebbe fare riferimento ai disegni

di Eliphas Levi per il corretto simbolismo di questa Carta che, di solito, non è affatto compreso.
Il Pentagramma sulla fronte non deve risultare ‘rovesciato’ come nel mazzo di Waite, dovrebbe
esserci una Fiaccola Accesa tra le sue corna, etc. . Titolo: IL SIGNORE DEI PORTALI DELLA
MATERIA, IL FIGLIO DELLE FORZE DEL TEMPO.

XVI.

LA TORRE =

‫ פ‬Pé = Marte. E’ qualche volta chiamata La Distruzione della Casa di Dio, e

riguarda il simbolismo dell’Iniziazione. Titolo: IL SIGNORE DEGLI OSPITI DEL POSSENTE.

XVII.

LE STELLE =

‫צ‬

Tzaddi = Acquarius. La figura in questa carta suggerisce la Swastika. Il

Simbolismo dovrebbe essere studiato con attenzione. Titolo: LA FIGLIA DEL FIRMAMENTO, LA
ABITANTE TRA LE ACQUE. Io ho scritto fino adesso (31 maggio 1922), ancorché sono stato
ricompensato dalla rivelazione di SEGRETI cosi meravigliosi da modificare l’intera mia
concezione dello Schema della Qabalah, e che provano che non è solo IL LAMPO SCINTILLANTE
che distrugge LA CASA DI DIO, ma anche che vi è IL SERPENTE DI SAGGEZZA per ricostruirla, e
ancora di più una STELLA a spiegare tutto il SIMBOLISMO.

Questo argomento è di una tale

IMPORTANZA TRASCENDENTALE che sarà trattato nella forma di Appendice a questo Libro, che

39

sarà disponibile solo sotto alcune particolari condizioni. Nel frattempo lo schema principale di
questo libro sarà seguito secondo le intenzioni originarie, poiché è necessario che lo Studioso
abbia una comprensione chiara ed esauriente del vecchio sistema prima che egli possa
apprezzare il Nuovo.

XVIII. LA LUNA =

‫ ק‬Qoph = Pisces. Questa carta è molto interessante ed è intesa a simbolizzare

l’ILLUSIONE della coscienza LUNARE con i suoi costanti mutamenti. Due Torri sono mostrate con
uno stretto e tortuoso sentiero nel mezzo. In alto vi è una strana Luna, nel basso ci sono due
cani o sciacalli che ululano verso essa e ancora sotto di essi uno specchio d’acqua dal quale
spunta un granchio o un gambero di fiume, simbolico di Kephra il Sole Nascente. Titolo: LA
REGOLA DI FLUSSO E RIFLUSSO, LA CREATURA DEI FIGLI DEL POSSENTE.

XIX.

IL SOLE =

‫ ר‬Resh = Il Sole. Qui abbiamo davvero un magnifico Simbolo, anche se risulta

meglio espresso nei mazzi più vecchi, dove davanti ad un muro DUE FANCIULLI si abbracciano
sotto i Raggi del Sole. Il mazzo di Waite mostra IL FANCIULLO su di un CAVALLO BIANCO, il
Coronato e Vittorioso Fanciullo profetizzato nelle Rivelazioni, e che si manifesterà in questo
nuovo Eone.

XX.

IL GIUDIZIO =

‫ ש‬Shin = Fuoco. Vediamo “La Stele del Vecchio Eone” Gabriele che soffia

nella sua Tromba e i morti che risorgono dalle loro tombe. Coloro che conoscono il Fuoco dello
Spirito Santo non hanno niente da temere per questo evento. Gli Ignoranti devono in ogni caso
passare attraverso questo Fuoco, poiché debbono purificarsi, e questo renderà possibile il loro
passaggio al Secondo Ordine dove essi saranno provati nell’INTELLETTO, come illustra il Liber
Legis. Si deve ricordare che Shin è insieme FUOCO e SPIRITO. Questa carta suggerisce la
Rigenerazione. “E’ il mio corpo che io distruggo affinché esso possa essere rinnovato”.

XXI.

L’UNIVERSO =

‫ת‬

Tau = Saturno è chiamato il GRANDE UNO DELLA NOTTE DEL TEMPO.

Questo ultimo Trionfo è un Simbolo dell’Universo. Contiene il simbolismo dell’Ellissi, della
Quadratura del Cerchio, etc.. Rappresenta, in un certo modo, la Figlia (Malkuth) che è ELEVATA
al TRONO della MADRE. Un’interpretazione dà la lezione “E nel cuore della Sfinge danzò il
Signore Adonai, nella Sua ghirlanda di fiori e perle, creando gioioso il concorso delle cose; sì,
facendo gioioso il corso delle cose”.

Cosi sia Mio Signore ADONAI.

40

Ci siamo ora occupati brevemente degli Arcani Maggiori del Tarot, ma per cortesia comprendete
che questo è quasi senza utilità, se lo studioso non si applica da sé e per se stesso allo studio
delle Carte, cosi da familiarizzarsi completamente con i loro disegni ed essere in grado di
collocarle sull’ “Albero della Vita” nell’ordine che abbiamo indicato per le lettere e i sentieri.
Solo allora egli potrà realizzare la grande importanza di questi simboli come un mezzo di
AUTOINIZIAZIONE, e come parte di quel grande sistema di corrispondenze che egli sta
costruendo nel “SISTEMA A SCHEDARIO”, e che alla fine egli troverà essere “IL TEMPIO DEL DIO
VIVENTE”.

41

CAPITOLO CINQUE
CHE E’ DI QUALCHE SPIEGAZIONE DEL NOME INEFFABILE E DEI QUATTRO MONDI CON LE
LORO CORRISPONDENZE NEGLI ARCANI MINORI DEL TAROT.
Ora dobbiamo considerare quello che i Cabalisti hanno da dire in merito ai “Quattro Mondi”, che
sono sotto il dominio del Nome Ineffabile di Quattro Lettere

‫ יהוה‬, IHVH, solitamente chiamato

Tetragrammaton.

Vi sono tre metodi per classificare questi “Quattro Mondi”.
(1) Possiamo considerarli su Quattro Piani uno sopra l’altro, sarebbe a dire, noi possiamo
prendere il nostro “Albero della Vita” e immaginare che vi sono altri tre “Alberi” simili
che occupano la stessa posizione eccetto che ognuno rappresenta un livello differente.
Possiamo facilmente mettere a fuoco questa concezione se consideriamo i Quattro Mondi
che occupano tutti lo stesso spazio ma, essendo di differente grado di sostanza, sono
l’uno interpenetrantesi nell’altro.

(2) Possiamo considerare “Quattro Alberi” disposti verticalmente uno sopra l’altro in maniera
che il SEPHIRAH Kether del Primo “Albero” corrisponde con il SEPHIRAH Malkuth di quello
superiore, e cosi via, in moda da ottenere una specie di fusione di tutti e quattro.

(3) Possiamo considerare l’Unico “Albero” che abbiamo già studiato come diviso in Quattro
Parti in una maniera particolare che discuteremo più avanti.

Questi tre metodi sono tutti convenienti a seconda dei diversi propositi, e noi adotteremo il più
vantaggioso per le nostre particolari necessità. Posso menzionare che quando si rende
desiderabile una classificazione molto minuziosa, i Sephiroth di ognuno dei Quattro Mondi
possono a loro volta essere divisi in “dieci”, collocando un piccolo e completo Albero della Vita
in ogni SEPHIRAH, così da ottenere 400 differenti Sephiroth ed un grande numero di “Sentieri”.
Tuttavia ciò è troppo complesso per i nostri scopi presenti.

42

I Nomi dei Quattro Mondi sono: ATZILUTH, BRIAH, YETZIRAH e ASSIAH.

1. ATZILUTH, il più Elevato, è il MONDO ARCHETIPALE. E’ in questo mondo che le Idee
Primali sorgono nella Mente del PADRE, Colui che attraverso la SAGGEZZA fu abile a
comprendere la Voce Silenziosa dell’Esistenza Una. Queste erano le “Idee Seme” quando
ancora non manifeste, ma contenenti in Potenzialità la VOLONTA’ del Padre di
manifestare in una appropriata Sostanza. Questo Mondo è attribuita alla Prima Lettera
del Nome Ineffabile, ‫ י‬, IOD, la Lettera del PADRE.

2. BRIAH è il MONDO CREATIVO il quale, essendo impregnato della Volontà, o Vita, del
Padre, che è una SOSTANZA VIVENTE, comprende o è la comprensione di ciò che è
necessario alla graduale formazione delle idee, ed è la preparazione dalla nascita fino
alla loro perfetta forgiatura. E’ di conseguenza riferito alla Seconda Lettera del Nome, ‫ה‬,
Hé, La Grande Madre.

3. YETZIRAH è il MONDO FORMATIVO, il prodotto dei due precedenti, dove le idee
perfezionate hanno preso forma, in attesa di un opportuno corpo materiale del quale
vestirsi. E’ qualcosa di simile al Progetto del Grande Architetto pronto per l’esecuzione.
E’ attribuito alla lettera

‫ ו‬, Vau , che è quella del FIGLIO.

4. ASSIAH è il MONDO MATERIALE nel quale tutti i precedenti mondi di materia sottile sono
Materializzati e Manifestati in forma tangibile. E’ l’Universo cosi come lo conosciamo
attraverso i cinque sensi. Questo è attribuito alla Finale

‫ה‬, che è chiamata la FIGLIA e di

solito viene scritta con un punto nel centro per distinguerla dalla Madre.

43

Ora, questi Mondi sono simboleggiati dai QUATTRO SEMI del TAROT, e cioè: BASTONI, COPPE,
SPADE e DENARI, o Pentacoli. Si noti come il simbolismo aderisca perfettamente. I Bastoni, le
Linee Verticali della Volontà corrispondono al Padre; le Coppe, concave e ricettive, sono la
Comprensione della Madre; le Spade, formate come una Croce, il verticale combinato con
l’orizzontale, sono equivalenti al Figlio, mentre i Denari sono la Figlia Materializzata che
riassume tutti i precedenti.

Vi sono 40 di queste carte ‘piccole’, cioè dieci per ogni seme e queste a loro volta numerate da
Uno (o Asso) a Dieci. Questo richiama subito i Dieci Sephiroth. I Quattro Assi appartengono a
Kether, i Quattro Due a Chokmah, etc., fino a che i Quattro Dieci sono attribuiti a Malkuth. Se
noi allora dividiamo questi semi in mazzetti da Dieci, e li disponiamo seguendo la forma dell’
“Albero della Vita”, mettendo i Bastoni sopra, poi le Coppe sotto di questi, poi le Spade e più in
basso di tutti i Pentacoli, ci rendiamo conto di avere un chiaro insieme di simboli per i Quattro
Mondi. Per esempio, prendiamo il Sei di Coppe. Cosa significa? Ebbene, 6 è Tiphereth e Coppe =
Briah, cosi noi otteniamo Tiphereth nel Mondo Creativo. Ancora, il Quattro di Spade sarà Chesed
in Yetzirah, la Misericordia nel Mondo Formativo. Tutto ciò è talmente semplice che non
necessita di spiegazioni ulteriori.

Ora dovremmo notare che il Nome Ineffabile

‫ יהוה‬è in particolar modo attribuito ai QUATTRO

ELEMENTI, essendo Jehovah, come vedremo in seguito, il Dio degli Elementi.
ACQUA,

‫ו‬

è ARIA e la

‫ה‬

‫י‬

è FUOCO ,

‫ה‬

è

finale è TERRA. Ancora una volta ritroviamo lo stesso simbolismo. Il

Fuoco del Padre, l’Acqua del Grande Mare o Madre, che unendosi insieme formano Aria, il Figlio,
che con i due precedenti produce Terra, la Figlia. Questi ancora corrispondono con i Simboli del
Tarot, Bastoni = Fuoco, Coppe = Acqua, Spade = Aria e Pentacoli = Terra.

44

A questo punto andiamo a considerare il Terzo metodo di attribuzione dei QUATTRO MONDI
all’ALBERO della VITA. In questo troveremo un peculiare arrangiamento. KETHER, la CORONA,
essendo PURA ESISTENZA, viene designata dai Cabalisti

‫ אהיה‬, che significa ESSERE E’ ESSERE.

Questo è stato tradotto nelle Scritture come IO SONO QUELLO CHE SONO. Kether è Pura Unità e
LUCE, dalla quale proviene la VITA che è la Sostanza della Luce e, essendo questa una SOSTANZA
VIVENTE, è divisa nel PADRE o VITA e nella MADRE o SOSTANZA. Ma queste tre sono l’Uno nella
Luce e formano la Triade Superna KETHER, CHOCKMAH, BINAH. Cosicché i Cabalisti attribuiscono
lo

‫ י‬di ‫ יהוה‬a Chokmah e il primo ‫ ה‬a Binah dal momento che essi sono il PADRE-MADRE di tutte

le cose. Essi talvolta dicono che il punto sopra lo Yod è in Kether e rappresenta AHIH. Ora

‫ ו‬, la

terza Lettera del FIGLIO è attribuita a TIPHERETH e il FIGLIO regna sulle Sei Sephiroth Chesed,
Geburah, Tiphereth, Netzach, Hod e Yesod; detto in altre parole regna sulla parte Morale o
Intellettuale dell’Albero. Ancora, la

‫ ה‬finale, la FIGLIA, è assegnata a MALKUTH il Regno, che è

la Manifestazione materializzata di tutti i precedenti. Essa è qualche volta chiamata La Regina e
il Figlio è chiamato il Re che è Coronato da Kether, tuttavia ciò può forse creare confusione con
il Tarot, così noi abbiamo in maniera migliore designato il PADRE come il RE, la MADRE come la
REGINA, IL FIGLIO come il PRINCIPE e la FIGLIA come la PRINCIPESSA.

Arriviamo ora alla questione delle CARTE DI CORTE del TAROT: ne troviamo QUATTRO di queste
per ognuno dei QUATTRO SEMI. Esse sono nominate, sulle carte, RE, REGINE, CAVALIERI e FANTI.
E’ evidente che vi è qui una connessione con il Nome Ineffabile, ma c’è stata un po’ di
confusione nel Simbolismo delle Carte perché noi troviamo i Re seduti sui Troni o sui Carri, le
Regine sui Troni, i Cavalieri a Cavallo e i Fanti a piedi. Ora, la Forza del PADRE ( o RE) è VELOCE,
REPENTINA, ed estremamente ATTIVA proprio come è il Potere Generativo Maschile e questo è
meglio simbolizzato nelle FIGURE a CAVALLO che si portano innanzi con impeto ed energia.
QUESTI dunque sono i veri RE e rappresentativi delle forze dello

‫ י‬del Nome. Le REGINE sono,

come dovrebbero essere, sedute sui TRONI quasi a significare le DUREVOLI qualità della MADRE
che attende passivamente mentre il risultato della forza Attiva è al lavoro in essa. Le carte
etichettate come Re sono invece i PRINCIPI o rappresentativi di

‫ו‬

Il Figlio, perché loro sono

seduti in CARRI trainati da Cavalli (o così dovrebbero essere disegnati), cosicché essi
rappresentano l’azione Combinata del Padre e della Madre, un po’ meno rapida di quella del
Padre e più attiva di quella della Madre. I Fanti sono le originali PRINCIPESSE o Figlie. Stanno in
piedi da sole, perché manifestano il PADRE, la MADRE e il FIGLIO, ma sono forti nella misura in
cui ricordano da dove provengono. I QUATTRO RE dunque appartengono a CHOCKMAH, le
QUATTRO REGINE a BINAH, I QUATTRO PRINCIPI a TIPHERETH e le QUATTRO PRINCIPESSE a

45

MALKUTH. Essendocene una serie per ogni seme, vediamo una corrispondenza ancora più
particolare degli ELEMENTI con queste Carte di Corte; tuttavia, come abbiamo già visto prima,
se usiamo la Prima Classificazione dei differenti PIANI vi è anche una corrispondenza stretta con
i “Quattro Mondi”.

IL RE di BASTONI, per esempio, è chiamato Il Signore della FIAMMA e della ILLUMINAZIONE, il RE
degli SPIRITI del FUOCO6, perché Il RE è il Padre (Yod) e i BASTONI sono attribuiti al FUOCO.
Così, ancora, il RE di COPPE è conosciuto come Il Signore delle Onde e delle Acque, il Re degli
Ospiti del Mare. Tuttavia mi si lasci ricordare ancora una volta che questi RE sono etichettati
sulle carte stesse come “Cavalieri”. E’ consigliabile che i titoli originali siano riscritti sulle carte
dallo studioso.

Possiamo inoltre ottenere una Attribuzione Sub-Elementale molto completa per queste Carte di
Corte, perché essendo i RE forze di tipo

‫ י‬sono tutti di carattere ARDENTE e nello stesso tempo

essendocene uno per ognuno dei QUATTRO SEMI attribuiti ad un elemento, ci troviamo ad avere
differenti combinazioni nella maniera che segue: Il Re di Bastoni è FUOCO di FUOCO, Re di
Coppe = FUOCO di ACQUA, Re di Spade = FUOCO di ARIA, Re di Denari = FUOCO di TERRA. Nello
stesso modo per le altre carte. Il Principe di Coppe, per esempio, è ARIA di ACQUA perché
Principe =

‫ = ו‬Aria e Coppe = ‫ה‬

= Acqua. Tutto questo può apparire un po’ confuso all’inizio ma

afferrata rapidamente l’idea e una volta fissatala nella mente, si avranno fortemente radicati
nella coscienza i principi fondamentali di tutto questo simbolismo.

Vi è comunque un’altra considerazione che dovrebbe essere portata avanti, e cioè che KETHER è
PURO SPIRITO giacché il NOME

‫יהוה‬

in realtà governa solo i NOVE SEPHIROTH sotto KETHER,

perché in un certo modo, come prima menzionato, esso è rappresentativo SOLO DEGLI
ELEMENTI, e questi sono CORONATI dallo SPIRITO. L’UOMO, anche, è costituito di questi
ELEMENTI, ma con la LUCE dello SPIRITO SANTO in lui, egli può REGNARE e GOVERNARE questi
elementi una volta che egli ARRIVI ALLA LUCE o trovi IL REGNO DEI CIELI dentro di sé. Il processo
mediante il quale egli può riscoprire il suo SE’ REALE sarà descritto più in là, tuttavia qui voglio
rimarcare che nel momento in cui ciò avviene, egli si sottrae alla LEGGE DEL QUATTRO – la Croce
o il Quadrato – e diviene un perfetto MICROCOSMO, o PICCOLO UNIVERSO, ad immagine e
somiglianza di DIO. A questo punto viene allora simbolizzato con il PENTAGRAMMA, o STELLA A
CINQUE PUNTE, della VOLONTA’ INDOMITA e in termini mistici la lettera

6

‫ש‬,

che è lo SPIRITO

I titoli originali di tutte gli Arcani Minori e delle carte di corte possono essere trovati in Equinox Vol I, No. 8, oppure
in ‘THE WHEEL OF THE TAROT”, disegnata da Frater Achad.

46

SANTO, si dice discendere nel

‫ יהוה‬così da formare ‫ יהשוה‬o Jeheshuah,

il Dio-Uomo. Questo

processo è simboleggiato nel Tarot posizionando gli ASSI che corrispondono a KETHER e allo
SPIRITO nella parte superiore del Pentagramma, e alle altre quattro braccia di quest’ultimo
vengono attribuiti il FUOCO, l’ACQUA, l’ARIA, e la TERRA, cosi come i RE, le REGINE, i PRINCIPI e
le PRINCIPESSE. Cosi noi scopriamo di avere CINQUE ELEMENTI o piuttosto QUATTRO ELEMENTI
che hanno le loro RADICI nello SPIRITO.
Gli ASSI sono chiamati le RADICI degli Elementi, cosicché, Asso di Bastoni = La Radice del Fuoco,
Asso di Coppe = La Radice dell’Acqua, Asso di Spade = La Radice dell’Aria e Asso di Denari = La
Radice della Terra. Questi RADICI significano lo SPIRITO.
Tutti gli argomenti precedenti saranno più chiari se completiamo questo capitolo riassumendo
tutto quanto detto in forma tabulare, ed inoltre servendoci di un diagramma che mostra il Santo
Pentagramma, o Uomo, con gli Elementi correttamente attribuiti in accordo al NOME

47

‫ יהשוה‬.

CAPITOLO SEI
CHE RIGUARDA IL MACROCOSMO E IL MICROCOSMO E COME MEDIANTE L’ALBERO DELLA
VITA NOI POSSIAMO IMPARARE AD UNIRLI, REALIZZANDO COSÌ LA GRANDE OPERA.
Abbiamo parlato nell’ultimo capitolo del Microcosmo, che è l’Uomo, dobbiamo ora discutere del
Macrocosmo che è Dio, e del Mezzo d’Unione di questi che è chiamato la Grande Opera.

Quando i Cabalisti ci parlano della Creazione dell’Universo attraverso il Padre, la Madre, il Figlio
e la Figlia, simboleggiati nel NOME

‫ יהוה‬che è attivo nei Sephiroth, non dobbiamo pensare che

il processo finisca con la produzione di MALKUTH, il Mondo Materiale, perché questo è
paragonato al NON REDENTO o Anima Sensuale nell’Uomo, cioè: solo quello che Percepisce e
Sente. Questa “decaduta” deve essere RIELEVATA AL TRONO DELLA MADRE, sarebbe a dire,
arrivare a COMPRENDERE. Il processo di redenzione è simboleggiato come segue: la FIGLIA deve
sposare il FIGLIO, diviene lei cosi la MADRE che a sua volta ridesta la forza attiva del PADRE, ed
essendo questi due UNITI, tutto è RE-INTEGRATO nella CORONA. Tutto ciò suona un po’
complicato, tuttavia è importantissimo afferrarne il vero significato.

HERMES ci svela che “Ciò che è in alto è come ciò che è in basso, e ciò che è in basso è come ciò
che in alto, per compiere il Miracolo della Sostanza Una”. I Cabalisti dicono che l’Universo è il
MACROCOSMO e che l’Uomo è il MICROCOSMO o Piccolo Universo. Tra questi esiste una
CORRISPONDENZA diretta perché l’Uomo è fatto ad Immagine e Somiglianza di Dio. Noi siamo
tutti prodotti dalla SOSTANZA UNA e abbiamo in noi, potenzialmente, tutte le possibilità e i
Poteri della Natura e di Dio, ma questi devono portati fuori e sviluppati prima di poter dire che
siamo diventati il perfetto Microcosmo, uno Specchio fedele del TUTTO. Noi siamo, all’inizio,
come la Figlia Non Redenta, una creatura di mera sensibilità animale con qualche potere di
percezione. Abbiamo dentro di noi un vasto magazzino, la parte AUTOMATICA o SUB-CONSCIA del
nostro essere, che corrisponde nell’Albero della Vita a YESOD il FONDAMENTO. Questa Coscienza
Automatica si prende cura di tutte le funzioni vitali del corpo, senza che ci sia bisogno di
attenzione del sé conscio, che è, dopo tutto, una cosa molto limitata e per lo più illusoria. Ora il
FIGLIO, con i Sephiroth che Egli rappresenta, corrisponde nell’uomo alla RAGIONE e
all’INTELLETTO, e il matrimonio di questi con il più basso, o anima sensuale, è necessario per il
nostro sviluppo, e tuttavia vi è un ulteriore Mistero, perché sopra la RAGIONE giace un altro
stato, IL SUPERCONSCIO, il solo che porta alla COMPRENSIONE. Tuttavia dobbiamo attraversare
determinati processi, superare determinate prove, prima che il FANCIULLO dell’ALTISSIMO nasca
in noi. Quando infine comprenderemo saremo capaci di percezione diretta, senza inferenza o
deduzione, e in questo stato noi potremo ricevere la VERA SAGGEZZA DEL PADRE, e così
riguadagnare la LUCE della CORONA.

48

Quelle usate sono espressioni succinte, ma danno l’idea della necessità di “ARRAMPICARSI
SULL’ALBERO DELLA VITA”, che è la Via di Conseguimento del Discepolo, guidato a sua volta alla
perfezione dei MAESTRI, che hanno completato la GRANDE OPERA per quanto li riguardava.

Come il Microcosmo – L’UOMO – è simboleggiato mediante il Pentagramma o Stella a Cinque
Punte, cosi il MACROCOSMO – DIO – è simboleggiato dall’ESAGRAMMA o STELLA A SEI PUNTE. Il
conseguimento dell’ “Unione con Dio” è considerato da tutte le religioni essere la Grande Opera
che è davanti a noi. Possiamo simboleggiare questo come l’Unire il CINQUE ed il SEI, e questa
operazione qualche volta è chiamata 5=6 che è la formula usata dalla Grande Fratellanza
conosciuta come A.*. A.*. Questo particolare stadio appartiene al Grado chiamato Adeptus
Minor, e corrisponde con la “Conoscenza e conversazione con Santo Angelo Custode” o Vero Sé,
modalità conoscitiva che è ottenuta in TIPHERETH, dove la FIGLIA è unita al FIGLIO. Allo scopo
di rendere questo più chiaro, devo descrivere alcuni passi necessari in direzione di questo
Conseguimento.

L’ALBERO DELLA VITA è talvolta considerato come rappresentante dei GRADI di un TRIPLICE
ORDINE, nel qual caso ogni SEPHIRAH è attribuito ad un Grado, o rappresenta lo stadio
dell’Opera conseguito da coloro che posseggono quel Grado. Dobbiamo ricordare che ogni
SEPHIRAH è nello stesso modo sia Positiva che Negativa, cosi nello stesso tempo questo ORDINE è
UN SISTEMA A CATENA nel quale coloro che detengono un Grado ricevono un influsso di sostegno
dal Grado superiore e a loro volta trasmettono il loro aiuto a quelli inferiori. Questa è
un’ininterrotta corrente di INFLUENZA, dalla CORONA al REGNO e oltre.

Si supponga che uno aspiri a scalare questo ALBERO, quanto importante diviene allora che egli
conosca le Corrispondenze, i Simboli, etc.. che sono le tracce di terra e i segnali sulla Via. Non
pensate che vi abbia dato tutte le Corrispondenze: ce ne sono centinaia di esse per ogni
SEPHIRAH e per ogni Sentiero. Tuttavia vi ho fornito abbastanza da illustrarvi l’idea principale, e
troverete il mezzo per ampliare le vostre conoscenze in libri come il 777 (che è una completa
Tavola di queste Corrispondenze) o in altri. Questo trattato è inteso solo per indicare qualcosa
della Natura e dell’Uso dell’Albero della Vita, e così io mi sono occupato solo brevemente dei
diversi aspetti, ognuno dei quali richiederebbe dei libri a parte allo scopo di coprire l’argomento
in maniera completa.

Ora vi spiegherò qualcosa dell’Ordine per mezzo del quale uno può apprendere il Sentiero verso
l’Alto. Innanzi tutto si diventa un PROBATIONER, cioè, uno che è fuori dall’Ordine ma che è
OBBLIGATO a “Ottenere una Conoscenza Scientifica della Natura e dei Poteri del suo proprio

49


Documenti correlati


Documento PDF frater achad accoglienza della sposa
Documento PDF accoglienza trieste
Documento PDF accoglienza trieste 1
Documento PDF binocolo n 33 novembre 2014 10
Documento PDF costituz
Documento PDF manuale per clandestini


Parole chiave correlate